Contributo di approfondimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contributo di approfondimento"

Transcript

1 Commissione studio Area Tributaria Contributo di approfondimento SPESOMETRO 2013 Dott. Marco Pezzola Dott. Roberto Maggi Pagina 1

2 Premessa Con il provvedimento n. 2013/94908 del 2 agosto 2013 sono state definite le modalità tecniche e i termini per la trasmissione della comunicazione all Anagrafe Tributaria delle operazioni rilevanti ai fini Iva ex articolo 21, Dl 78/2010 (c.d. spesometro ). Gli operatori Iva devono inviare l apposito modello di comunicazione con i dati relativi al 2012 entro il 12 novembre 2013 se si tratta di operatori che effettuano la liquidazione mensile Iva o entro il 21 novembre 2013 per gli altri operatori. 1. Soggetti obbligati alla comunicazione Sono obbligati alla comunicazione: - i soggetti passivi ai fini IVA, che effettuano cessioni di beni e prestazioni di servizi rese e ricevute per le quali sussiste l obbligo di emissione della fattura; - i soggetti passivi ai fini IVA, che effettuano cessioni di beni e prestazioni di servizi rese e ricevute per le quali non sussiste l obbligo di emissione della fattura, qualora l importo unitario dell operazione sia pari o superiore a euro al lordo dell imposta sul valore aggiunto; - soggetti di cui agli articoli 22 e 74-ter del D.P.R. n. 633/1972 che effettuano operazioni in contanti legate al turismo di importo pari o superiore a mille euro effettuate nei confronti delle persone fisiche di cittadinanza diversa da quella italiana e comunque diversa da quella di uno dei paesi dell Unione europea ovvero dello Spazio economico europeo, che abbiano residenza fuori dal territorio dello Stato; - i soggetti che svolgono attività di leasing finanziario e operativo, di locazione e/o noleggio di autovetture, caravan, altri veicoli, unità da diporto e aeromobili che non utilizzano il tracciato record allegato al provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 21 Novembre 2011; - i soggetti che, a partire dal 1 Ottobre 2013, effettuano operazioni di acquisto da operatori di San Marino con facoltà di utilizzare il vecchio modello fino al 31 Dicembre 2013; la comunicazione deve essere trasmessa in modalità analitica entro l ultimo giorno del mese successivo a quello di annotazione; Dott. Marco Pezzola Dott. Roberto Maggi Pagina 2

3 - i soggetti passivi IVA che (a partire dal 1 Ottobre 2013) comunicano i dati relativi alle operazioni effettuate nei confronti di operatori economici aventi sede, residenza o domicilio negli Stati o territori individuati dal DM 4 maggio 1999 e dal DM 21 novembre 2001 (c.d. Paesi Black List); tali soggetti hanno la facoltà di utilizzare il vecchio modello fino al 31 Dicembre 2013; - Stato, le regioni, le province, i comuni e gli altri organismi di diritto pubblico per le operazioni effettuate e ricevute nello svolgimento delle proprie attività commerciali. 2. Soggetti esonerati dalla Comunicazione Sono esonerati dalla comunicazione: - i soggetti che si avvalgono del regime di cui all art. 1 commi da 96 a 117, della legge 24 Dicembre 2007, n. 244 (c.d. ex minimi); - i soggetti che si avvalgono del regime di cui all art.27, commi 1 e 2, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98 convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111 (c.d. super minimi); - Stato, le regioni, le province, i comuni e gli altri organismi di diritto pubblico per le operazioni effettuate e ricevute nello svolgimento delle proprie attività istituzionali, ovvero quelle diverse dalle operazioni connesse all esercizio d impresa. 3. Oggetto della comunicazione 1 Il paragrafo 3 denominato Oggetto della comunicazione, in combinazione al paragrafo 4 Esclusioni oggettive del provvedimento 2013/94908, fornisce l indicazione delle operazioni che devono formare oggetto della comunicazione. Il paragrafo 3 si compone di 3 punti dei quali: - il 3.1, a sua volta suddiviso in tre sottoclassi contrassegnate dalla lettera a alla c dell alfabeto, ed il 3.2 indicano i presupposti oggettivi cui fare riferimento nell individuazione delle operazioni rilevanti 1 Il contenuto del paragrafo è aggiornato al 14 ottobre 2013 Dott. Marco Pezzola Dott. Roberto Maggi Pagina 3

4 - il 3.3 fornisce una deroga al principio indicato al precedente punto 3.2 ; Il paragrafo 4, invece, elenca espressamente le operazioni escluse raggruppandole in 5 categorie contrassegnate dalla lettera a alla e dell alfabeto. A completare il quadro interviene il paragrafo delle istruzioni per la compilazione al modello di comunicazione, con il quale viene data completezza al novero ed alla specificità delle operazioni da comunicare. 3.1 Comunicazione delle operazioni soggette all obbligo di fatturazione 2 Secondo quanto contenuto al punto a) del paragrafo 3.1, in combinazione paragrafo 3.2 ed al paragrafo 4 del provvedimento, costituiscono oggetto di comunicazione tutte le operazioni attive e passive rilevanti ai fini dell Imposta sul Valore Aggiunto e quindi certificate con fattura, di qualsivoglia importo. In considerazione dell elencazione di casi particolari contenuta al paragrafo delle istruzioni per la compilazione al Modello di comunicazione polivalente, vanno incluse nell elenco: tutte le operazioni attive e passive di qualunque ammontare imponibili, non imponibili ed esenti; le operazioni gratuite oggetto di autofattura; le operazioni in regime del margine, solo per la parte imponibile la operazioni in reverse-charge assoggettate ad Iva dal committente; le prestazioni di servizi, attive e passive, con soggetti extracomunitari, non imponibili ai sensi degli artt. da 7-Bis a 7-Septies e dell art. 9 del D.P.R. 633/72 anche in forza del nuovo art. 21 del D.P.R. 633/72 che a partire dal 1 gennaio 2013 né ha sancito l obbligo di fatturazione. le fatture passive ricevute dai contribuenti minimi, ancorché fuori campo iva; 2 Il contenuto del paragrafo è aggiornato al 14 ottobre 2013 Dott. Marco Pezzola Dott. Roberto Maggi Pagina 4

5 le fatture per operazioni con soggetti residenti in paesi Black-list, purchè non siano già state comunicate mensilmente o trimestralmente, se di importo superiore a 500 (senza alcuna esclusione delle operazioni qualificabili come importazioni o esportazioni); i documenti riepilogativi di fatture per operazioni di importo inferiore a 300 ; la scheda carburante, ove istituita. Infatti, laddove ai sensi delle semplificazioni introdotte con l art 7, co.2 lett. p), del D.L. 70/2011 (cd Decreto Sviluppo) si sia optato per la certificazione degli acquisti di carburante a mezzo di carte di credito, debito o prepagate (si ritiene purchè emesse da intermediari finanziari soggetti agli obblighi di indagini finanziarie, diversi da quelli esteri senza stabile organizzazione in Italia, come precisato dalla C.M. 24/E/ ), nessuna comunicazione deve essere predisposta per tale fattispecie. In caso contrario, le istruzioni al modello riportano la possibilità di indicare i dati, senza indicazione dei fornitori, con le stesse modalità previste per i documenti riepilogativi; gli acquisti provenienti da operatori sammarinesi di cui all art.16, lettera c) del D.M. 24 dicembre 1993 (da comunicare con periodicità mensile, vedi sopra) vale a dire quelle soggette a reverse-charge a norma dell art.17, co. 3 del D.P.R 633/72; le operazioni di leasing e noleggi soltanto da parte degli utilizzatori; i corrispettivi SNAI; i corrispettivi delle distinte riepilogative ASL emessi dalle farmacie; i corrispettivi connessi alle vendite per corrispondenza; per questa fattispecie, qualora le vendite non fossero certificate da una fattura, i dati vanno comunicati avendo quale limite la soglia di euro 3.60 a lordo di IVA. Per tutte le summenzionate fattispecie valgono i principi per cui: le fatture cointestate devono essere comunicate da ognuno dei cointestatari; 3 i citati mezzi di pagamento (carte di credito, di debito o prepagate) devono essere emessi da operatori finanziari soggetti all obbligo di comunicazione di cui all art. 7, comma 6, del DPR 605/73, e per l individuazione degli stessi si deve fare riferimento al punto 1.1 del provvedimento direttoriale del 19 gennaio 2007, nonché all elenco degli stessi allegato al provvedimento direttoriale del 22 dicembre Non rientrano tra le citate carte di credito, di debito o prepagate, quelle emesse da operatori finanziari non residenti e senza stabile organizzazione in Italia, nel qual caso, quindi, l operazione (sopra soglia) deve essere comunicata. Dott. Marco Pezzola Dott. Roberto Maggi Pagina 5

6 le fatture contenenti costi promiscui per i soggetti esercenti attività in contabilità separata ai sensi dell art. 36 del D.P.R 633/72, vanno comunicate compilando un unico dettaglio. Risultano invece escluse: le importazioni; le cessioni all esportazione di cui all art. 8 lettere a) e b) del D.P.R 633/72; le operazioni intracomunitarie; le operazioni finanziarie di cui all art.10 in quanto già oggetto di comunicazione all Archivio dei Rapporti; le operazioni che costituiscono oggetto di comunicazione all Anagrafe tributaria, ai sensi dell art. 7 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973 n. 605 e delle altre norme che stabiliscono obblighi di comunicazione all Anagrafe tributaria, ad esempio (come indicato nella CM 24/E/2001 paragrafo 3.4): le operazioni connesse ai contratti di assicurazione e ai contratti di somministrazione di energia elettrica (art. 7 DPR 605/73) le operazioni relative ai contratti di mutuo (art. 78, co.25, L. 413/91) le operazioni relative agli atti di compravendita di immobili (art. 3-bis D. Lgs 463/97) le operazioni escluse o fuori campo Iva ai sensi degli artt. 2, 3, 5 e 15 del D.P.R 633/72; i passaggi interni di beni tra attività separate ai sensi dell art. 36 del D.P.R 633/ Comunicazione delle operazioni (attive) non soggette all obbligo di fatturazione 4 In questo caso i restanti punti del paragrafo 3.1, in combinazione al restante punto e) del paragrafo 4 ed il paragrafo 3.3 del provvedimento 2013/94908, forniscono la necessaria specificazione per il trattamento delle sole operazioni attive poste in essere: 4 Il contenuto del paragrafo è aggiornato al 14 ottobre 2013 Dott. Marco Pezzola Dott. Roberto Maggi Pagina 6

7 - dagli esercenti commercio al minuto e attività assimilate di cui all art. 22 del D.P.R. 633/1972; - dalle agenzie di viaggio e turismo di cui all art. 74-ter D.P.R. 633/1972. non essendovi differenze, dal lato delle operazioni passive, tra questi e gli altri soggetti passivi. Per i primi sono soggette a comunicazione tutte le operazioni attive, effettuate nei confronti di contribuenti non soggetti passivi IVA, non documentate da fattura ( in ossequio a quanto indicato al paragrafo 3.2 del provvedimento), se di importo pari o superiore d Euro 3.600, IVA inclusa, esclusi i corrispettivi riscossi tramite carte di credito, di debito o prepagate (emesse da intermediari finanziari soggetti agli obblighi di indagini finanziarie, diversi da quelli esteri senza stabile organizzazione in Italia, come precisato dalla C.M. 24/E/ ). Pertanto continuano a dover essere comunicate quelle regolate mediante, assegno bancario o circolare non trasferibili o bonifico. Per entrambi: - sono soggette a comunicazione le operazioni in contanti legate al turismo, effettuate (omissis) nei confronti delle persone fisiche di cittadinanza diversa da quella Italiana e comunque diversa da quella di uno dei paesi dell Unione europea ovvero dello Spazio economico europeo (SEE), e che abbiano residenza fuori dal territorio dello Stato, di importo pari o superiore a mille euro. - in deroga al punto precedente (paragrafo 3.2 del provvedimento ndr), con riguardo alle operazioni relative agli anni 2012 e 2013, (omissis) è consentita la comunicazione delle operazioni attive per le quali viene emessa fattura di importo pari o superiore a al lordo dell imposta sul valore aggiunto. A conferma di quanto indicato al paragrafo 3.2 del provvedimento, anche per questi operatori è disposto l obbligo di comunicare tutte le operazioni, senza limite di importo, certificate volontariamente con fattura in luogo dello scontrino o ricevuta fiscale. 5 Vedi nota 3 Dott. Marco Pezzola Dott. Roberto Maggi Pagina 7

8 4. Contenuto e modalità di predisposizione della comunicazione. Ogni comunicazione può essere elaborata in forma analitica o in forma aggregata. Quest ultima modalità non è tuttavia consentita per : gli acquisti da operatori di San Marino in reverse charge acquisti e cessioni da e nei confronti di produttori agricoli in regime di esonero acquisti di beni e prestazioni di servizi legati al turismo. 4.1 Invio dati in forma analitica: Nel caso di opzione per la comunicazione analitica, per ciascun cliente o fornitore dovrà essere indicato nel modello: partita IVA o in mancanza codice fiscale del cedente prestatore e dell acquirente committente in caso di privati. la data e il numero di emissione della fattura ; data di registrazione; ammontare dell imponibile e dell IVA (o il titolo di non assoggettamento dell imposta) e la specificazione che trattasi di operazioni non imponibili o esenti; i dati relativi alle eventuali note di variazione per ogni singola operazione.; nel caso in cui non è previsto l obbligo di emissione della fattura devono essere indicati i corrispettivi comprensivi di IVA per importi superiori ad Euro 3,600,00. Per i soggetti non residenti privi di codice fiscale: 1. per le persone fisiche il cognome e il nome il luogo e la data di nascita e lo stato estero del domicilio. 2. Per i soggetti diversi dalle persone fisiche, la denominazione/ragione sociale, la sede legale o in mancanza quella effettiva. 4.2 Invio dati in forma aggregata: Nel caso di opzione per la comunicazione aggregata per ogni cliente e fornitore deve essere indicato l ammontare totale dell imponibile dell IVA e delle note di variazione. Più in particolare per ciascuna controparte e distintamente per le fatture emesse e per gli acquisiti, devono essere forniti i seguenti dati: Partita IVA o in mancanza codice fiscale; Dott. Marco Pezzola Dott. Roberto Maggi Pagina 8

9 Numero delle operazioni aggregate; Importo totale delle operazioni imponibili, non imponibili e esenti; Importo totale delle operazioni fuori campo IVA; Importo totale delle operazioni con IVA non esposte in fattura; Importo totale delle note di variazione; Imposta totale sulle operazioni imponibili; Imposta totale sulle note di variazione. Per le fatture di acquisto è importante fare attenzione alla data di emissione o ricezione del documento: infatti le fatture di acquisto emesse nell anno 2012 ma registrate nei registri IVA del 2013 devono essere comunicate al fisco unitamente ai dati del 2013, non assumendo rilevanza il fatto che il documento sia stato emesso nel periodo d imposta precedente. Variazioni in aumento e in diminuzione In caso di variazioni in aumento o in diminuzione, di cui all Art. 26 D.P.R. 633/1972 le operazioni non devono essere comunicate qualora per effetto della nota di variazione in diminuzione l importo iniziale dell operazione si annulli del tutto. 5. Casi particolari - Obbligo di comunicazione per le operazioni legate al turismo per acquisti in contanti pari e superiori ad Euro 1.000,00 da indicare nell apposito quadro del modello spesometro intitolato operazioni legate al turismo art.3 comma 2 bis d.l. 16/2012 (quadro TU del modello). Si ricorda che l art.12 comma 1 d.l. 201/2011 convertito dalla legge n.214/2011 (decreto Salva Italia) ha ridotto ad Euro 999,99 la soglia dei trasferimenti di denaro contante senza l intervento di operatori finanziari. Tale divieto non opera nei confronti di soggetti che svolgono attività di commercio al dettaglio e assimilate, ovvero di agenzia di viaggi e turismo, qualora effettuino operazioni legate al turismo nei confronti di persone fisiche aventi cittadinanza al di fuori dell Italia e dell Unione Europea e residenti al di fuori dello stato italiano. Tuttavia per poter usufruire di tale deroga il cedente del bene o prestatore del servizio deve provvedere a : Dott. Marco Pezzola Dott. Roberto Maggi Pagina 9

10 1. Inviare all Agenzia delle Entrate un apposita comunicazione preventiva di adesione alla disciplina in esame, nella quale occorre comunicare le coordinate del conto corrente che si intende utilizzare; 2. Identificare il cliente straniero (fotocopiando il passaporto); 3. Acquisire dal cliente straniero un autocertificazione da cui si attesti di non essere cittadino italiano ne comunitario, nonché di non essere residente in Italia; 4. Versare il primo giorno feriale successivo a quello dell operazione il contante sul conto corrente indicato nella suddetta comunicazione. - Acquisti presso operatori Sanmarinesi: Gli acquisti con applicazione del reverse charge e quindi senza addebito dell IVA, devono confluire a partire dalle operazioni annotate dal primo ottobre 2013, nel nuovo modello di spesometro ( quadro SE del modello). Tale modello deve essere presentato per comunicare le operazioni sopra descritte, entro l ultimo giorno del mese successivo a quello in cui le operazioni sono state annotate nei registri IVA. - Operazioni intercorse con operatori black list: Tali operazioni devono essere inserite nel modello di comunicazione per lo spesometro ( quadro BL), a decorrere dalle operazioni effettuate dal primo ottobre La comunicazione deve essere presentata: con cadenza trimestrale dai soggetti che hanno realizzato nei quattro trimestri precedente e per ciascun tipo di operazioni (cessioni di beni o acquisti di beni, prestazioni di servizi e acquisto di servizi) un ammontare totale trimestrale non superiore a Euro ,00; con cadenza mensile per tutti gli altri soggetti. Il Direttore dell Agenzia delle Entrate con Provvedimento del 2 agosto 2013 ha precisato che il precedente modello e, le specifiche tecniche per la trasmissione telematica delle operazioni black list, sono stati abrogati. Successivamente, in data 10 ottobre, è stato pubblicato un nuovo modello di Spesometro nelle cui istruzioni l Agenzia delle Entrate precisa che la vecchia comunicazione black list può essere utilizzata ancora in alternativa al modello Spesometro fino al 31 dicembre Per quanto concerne gli acquisti da San Marino, il provvedimento del 2 agosto 2013 prevedeva che fossero indicati sia nella sezione SE, entro l ultimo giorno del mese successivo alla registrazione, che nel quadro BL, essendo anche acquisti da paesi black list. Tale doppia indicazione è stata eliminata nel modello definitivo di spesometro e, quindi, gli acquisti da San Marino dovranno essere indicati soltanto nel riquadro SE. Dott. Marco Pezzola Dott. Roberto Maggi Pagina 10

11 Si precisa, inoltre, che fino al 31 dicembre 2013 tale comunicazione potrà essere ancora compilata in forma cartacea. Alcuni punti di sovrapposizione tra la normativa prevista per la black list e il provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 2 agosto in tema di spesometro, sono stati chiariti da parte dell Amministrazione Finanziaria con il modello di spesometro definitivo del 10 ottobre In particolare le istruzioni definitive del modello hanno chiarito che non sono soggette alla comunicazione annuale le operazioni registrate riguardanti operatori economici avente sede nei paesi black list; infatti, tali operazioni devono essere comunicate nella sezione dello spesometro (quadro BL), periodicamente secondo le scadenze già previste per le operazioni black list ( cioè con cadenza trimestrale o mensili). - Operazioni commerciali di leasing e noleggio: I contribuenti che svolgono attività di leasing finanziario ed operativo e di locazione e/ o noleggio di autovetture, caravan, parco veicoli, unità da diporto e aeromobili possono comunicare all Anagrafe tributaria i dati relativi ai propri clienti, utilizzando, in alternativa alla vecchia comunicazione, il nuovo modello dello spesometro. Si precisa che nel caso in cui non venga emessa fattura, la comunicazione riguarda soltanto i contratti di leasing e di noleggio di valore pari o superiore ad Cessione di immobili ed autoveicoli: La C.M. 28/E/2011 ha precisato che sono esenti dall obbligo di comunicazioni le operazioni riguardanti le cessioni di immobili, mentre devono essere comunicate le cessioni di autoveicoli, nonostante il particolare regime pubblicistico. Si ritiene che la precisazione resti attuale anche in presenza delle nuove regole. 6. Termini per l invio della comunicazione Il termine per l invio della comunicazione per il periodo d imposta 2012 è fissato al: 12/11/2013 per i contribuenti mensili; 21/11/2013 per tutti gli altri contribuenti. A partire dalle comunicazioni relative all anno d imposta 2013: - i contribuenti mensili invieranno la comunicazioni entro il 10 aprile dell anno successivo a quello di riferimento, - i contribuenti trimestrali invieranno la comunicazioni entro il 20 aprile dell anno successivo a quello di riferimento. Dott. Marco Pezzola Dott. Roberto Maggi Pagina 11

Circolare n. 34. del 21 ottobre 2013

Circolare n. 34. del 21 ottobre 2013 Circolare n. 34 del 21 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

Informativa - ONB INDICE. ORDINE NAZIONALE dei BIOLOGI Via Icilio n 7 00153 ROMA - Tel. 06.57060221 Email: consulenzafiscale@onb.

Informativa - ONB INDICE. ORDINE NAZIONALE dei BIOLOGI Via Icilio n 7 00153 ROMA - Tel. 06.57060221 Email: consulenzafiscale@onb. Informativa - ONB Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione - Modello

Dettagli

Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013

Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013 Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di

Dettagli

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI COMMERCIALISTI

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI COMMERCIALISTI FULVIO BONELLI LUCIA BERNARDI ROSETTA AGOSTINO ROSSANA CIRIGLIANO ANNA QUAI Torino, lì 24 ottobre 2013 Ai signori Clienti Loro indirizzi email Questa circolare ha la finalità di informare i clienti che

Dettagli

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI Commercialisti Associati Revisori Legali Largo Caleotto, 1-23900 LECCO (LC) Tel. 0 3 4 1 / 3 6 4 0 2 2 - Fax 0 3 4 1 / 2 8 7 0 4 2 Gent. Sig.ra / Egr. Sig. Spett. le Ditta

Dettagli

Newsletter 2013 24 del 23 Ottobre 2013

Newsletter 2013 24 del 23 Ottobre 2013 Newsletter 2013 24 del 23 Ottobre 2013 SPESOMETRO OPERAZIONI CON PARADISI FISCALI CONTRATTI DI LEASING, LOCAZIONE E NOLEGGIO E ALTRE COMUNICAZIONI ALL ANAGRAFE TRIBUTARIA NUOVE MODALITÀ E TERMINI DI EFFETTUAZIONE

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015 Como, 3.4.2015 INFORMATIVA N. 17/2015 Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria Modello di comunicazione polivalente relativo al 2014 INDICE 1 SPESOMETRO... pag. 2 1.1 AMBITO SOGGETTIVO...

Dettagli

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 33 del 10 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

STUDIO DUCOLI Dottori Commercialisti Revisori Legali BRENO

STUDIO DUCOLI Dottori Commercialisti Revisori Legali BRENO STUDIO DUCOLI Dottori Commercialisti Revisori Legali BRENO Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Modello di comunicazione polivalente relativo al 2014 1 2 1 SPESOMETRO L art. 21 del

Dettagli

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA L art. 21 del DL 31.5.2010 n. 78 (conv. L. 30.7.2010 n. 122) ha introdotto l obbligo, per i soggetti passivi IVA, di comunicare in via telematica all Agenzia delle Entrate le

Dettagli

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 SPESOMETRO Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 INDICE Inquadramento normativo Analisi del modello di comunicazione Casi

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 29/2013

NOTA INFORMATIVA N. 29/2013 Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI RITA MAGGI PIAZZA CITTADELLA 6 37122

Dettagli

COMUNICAZIONE POLIVALENTE. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Nota Agenzia Entrate 19.11.2013, n.

COMUNICAZIONE POLIVALENTE. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Nota Agenzia Entrate 19.11.2013, n. COMUNICAZIONE POLIVALENTE Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Nota Agenzia Entrate 19.11.2013, n. 94908 Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 20 marzo 2015 INDICE Scadenze

Dettagli

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente OGGETTO: Circolare 11.2015 Seregno, 23 marzo 2015 LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente L art. 21 D.L. 78/2010 ha previsto l obbligo di comunicazione delle operazioni rilevanti

Dettagli

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 News di approfondimento N. 25 16 Ottobre 13 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Studio Rosina e Associati

Studio Rosina e Associati FULVIO ROSINA (1931 2014) DANIELA ROSINA ANT ANTONIO ROSINA GIOVANNI TRAVERSO MAURIZIO CIVARDI FRANCESCO PITTIGLIO 16121 GENOVA SIMONETTA MANFREDINI PIAZZA VERDI 4/8 STEFANO LUPINI TEL. 010542966 MASSIMO

Dettagli

SPESOMETRO 2014. Nella tabella seguente riportiamo i dati utili per la predisposizione della Comunicazione: Dati utili all adempimento

SPESOMETRO 2014. Nella tabella seguente riportiamo i dati utili per la predisposizione della Comunicazione: Dati utili all adempimento Comunicazione del 27/03/2014 SPESOMETRO 2014 Gentili Clienti, il 10 aprile 2014, per i soggetti che effettuano la liquidazione IVA mensile e il 22 aprile 2014, per gli altri soggetti, scade il termine

Dettagli

CIRCOLARE n. 14 del 30/10/2013. COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (cd. SPESOMETRO )

CIRCOLARE n. 14 del 30/10/2013. COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (cd. SPESOMETRO ) CIRCOLARE n. 14 del 30/10/2013 COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (cd. SPESOMETRO ) INDICE 1. PREMESSA 1.1. Nuovo modello polivalente 1.1.1 Disciplina transitoria 2. SOGGETTI OBBLIGATI

Dettagli

Spesometro/MODELLO POLIVALENTE

Spesometro/MODELLO POLIVALENTE Studio Mantovani & Associati s.s. Pag. 1 di 7 Mantova, lì 12/03/2014 Circolare N. 11/2014 Alle Aziende Clienti - Loro Sedi Spesometro/MODELLO POLIVALENTE COMUNICAZIONE DI CUI ALL ART. 21 DEL DL 78/2010

Dettagli

Bologna, 03 ottobre 2013

Bologna, 03 ottobre 2013 Prot. n. F129/RNS Bologna, 03 ottobre 2013 OGGETTO: COMUNICAZIONI DELLE OPERAZIONI IVA: SPESOMETRO COMUNICAZIONE DATI RELATIVI A CONTRATTI DI LEASING E NOLEGGIO COMMERCIANTI AL MINUTO E AGENZIE DI VIAGGI:

Dettagli

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE Bergamo, marzo 2015 CIRCOLARE N. 15/Consulenza aziendale OGGETTO: Elenco clienti-fornitori La comunicazione dell elenco clienti-fornitori (c.d. spesometro ) per l anno 2014 dovrà essere presentata entro

Dettagli

Check-list raccolta dati dello spesometro 2015 (anno 2014)

Check-list raccolta dati dello spesometro 2015 (anno 2014) Periodico informativo n. 51/2015 Check-list raccolta dati dello spesometro 2015 (anno 2014) Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo ricordarle che il prossimo 10/20

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA Spesometro 2013 La soluzione Magico per adempiere tale obbligo. MULTIMEDIA POINT s.r.l. Via Monte Rosa 2 I-22079 Villa Guardia (CO) Tel. +39 031 563

Dettagli

Spesometro - La comunicazione clienti-fornitori

Spesometro - La comunicazione clienti-fornitori Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

STUDIO CATELLANI COMMERCIALISTI -REVISORI CONTABILI

STUDIO CATELLANI COMMERCIALISTI -REVISORI CONTABILI Circolare 13/2013 Spett.li clienti in indirizzo Reggio Emilia, li 08/010/2013 Oggetto: Elenchi clienti e fornitori riferiti al 2012 - Spesometro L. 30.7.2010, n. 122, ha, come noto, introdotto l'obbligo

Dettagli

ELENCHI CLIENTI/FORNITORI 2011 scadenza 30 aprile 2012

ELENCHI CLIENTI/FORNITORI 2011 scadenza 30 aprile 2012 ELENCHI CLIENTI/FORNITORI 2011 scadenza 30 aprile 2012 IN BREVE L art. 21, DL n. 78/2010, ha introdotto l obbligo di comunicare telematicamente all Agenzia delle Entrate, entro il 30 aprile dell anno successivo

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

STUDIO CIGANOTTO CINELLI MANGIONE DOTTORI COMMERCIALISTI. Spesometro per l anno 2014

STUDIO CIGANOTTO CINELLI MANGIONE DOTTORI COMMERCIALISTI. Spesometro per l anno 2014 A tutti i clienti, loro indirizzi mail Circolare n. 3/2015 del 24 marzo 2015. Spesometro per l anno 2014 Sono obbligati alla comunicazione di cui all'art. 21 del DL 78/2010 (c.d. "spesometro") tutti i

Dettagli

SPESOMETRO: dal 1 luglio l obbligo di comunicazione delle operazioni di importo superiore a 3.600

SPESOMETRO: dal 1 luglio l obbligo di comunicazione delle operazioni di importo superiore a 3.600 STUDIO BAMPO Dott. MARIO BAMPO Dott. GIANCARLO DE BONA Dott. ALESSANDRO BAMPO Dott. FEDERICA MONTI Dott. SABRINA TORMEN Dott. MATTEO MERLIN Dott. MASSIMO COMIS Belluno, lì 11 luglio 2011 Circolare n. 13-2011

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti:

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: CIRCOLARE N. 09 DEL 02/04/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA COMUNICAZIONE CLIENTI FORNITORI 2014 PAG. 2 E LE RECENTI SEMPLIFICAZIONI DELL AGENZIA IN SINTESI: Entro

Dettagli

Speciale Adempimenti Spesometro

Speciale Adempimenti Spesometro Settembre STUDIO FAGGIANO Commercialisti 2013 Speciale Adempimenti Spesometro S P E C I A L E A D E M P I M E N T I S P E S O M E T R O Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: APPROVATO IL NUOVO SPESOMETRO

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

SPESOMETRO ANNO 2013

SPESOMETRO ANNO 2013 Tipologia: FISCO Protocollo: 2005414 Data: 28.03.2014 Oggetto: spesometro anno 2013 SPESOMETRO ANNO 2013 Gentile Associato, come noto, l art. 21 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 ha previsto l obbligo

Dettagli

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014 Informativa per la clientela di studio N. 01 del 19.03.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Il 19 novembre sono state pubblicate sul sito dell Agenzia le FAQ 2013

Il 19 novembre sono state pubblicate sul sito dell Agenzia le FAQ 2013 Fiscal Flash La notizia in breve N. 293 20.11.2013 L Agenzia fornisce i primi chiarimenti sulla comunicazione polivalente Il 19 novembre sono state pubblicate sul sito dell Agenzia le FAQ 2013 Categoria:

Dettagli

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 133 01 GIUGNO 2011 IVA I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimenti Agenzia Entrate 22.12.2010 e 14.4.2011 Circolare

Dettagli

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014 Informativa per la clientela di studio N. 45 del 19.03.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: Prot. 203/94908 Definizione delle modalità tecniche e dei termini relativi alla comunicazione all'anagrafe tributaria delle operazioni rilevanti ai fini dell imposta sul valore aggiunto di cui all'articolo

Dettagli

D AZEGLIO SERVIZI SRL

D AZEGLIO SERVIZI SRL D AZEGLIO SERVIZI SRL Consulenza alle imprese Bologna, lì 25 marzo 2015 AI CLIENTI LORO INDIRIZZI CIRCOLARE N. 12/2015 NOVITÀ NELLA COMPILAZIONE DELLO SPESOMETRO PER L ANNO 2014 A partire dall anno 2014

Dettagli

COMUNICAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA

COMUNICAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA COMUNICAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA a cura di Sandro Cerato Coerenza dichiarazioni Principali differenze con elenco cli/for La comunicazione Non è cumulativa, ma dettagliata per operazione; non coinvolge

Dettagli

Quanto sopra può essere così schematizzato:

Quanto sopra può essere così schematizzato: Studio professionale ragionieri associati Migli Fedi Cinini Scali Olandesi n. 18 57125 LIVORNO Rag. Marco Migli - Commercialista Tel. 0586-891762 Rag. Michele Cinini - Commercialista Fax 0586-882512 Rag.

Dettagli

STUDIO DE ALEXANDRIS Commercialisti Revisori Contabili Avvocati

STUDIO DE ALEXANDRIS Commercialisti Revisori Contabili Avvocati STUDIO DE ALEXANDRIS Commercialisti Revisori Contabili Avvocati Maurizio De Alexandris Commercialista Revisore contabile Rossella Bernardinello Commercialista Revisore contabile Loredana Molinaro Avvocato

Dettagli

GUIDA SPESOMETRO ANNO 2014 relativo all'annualità 2013 : SCADENZE AL 10 E AL 20 APRILE 2014

GUIDA SPESOMETRO ANNO 2014 relativo all'annualità 2013 : SCADENZE AL 10 E AL 20 APRILE 2014 a cura di Celeste Vivenzi GUIDA SPESOMETRO ANNO 2014 relativo all'annualità 2013 : SCADENZE AL 10 E AL 20 APRILE 2014 Premessa generale Con il presente contributo si intende riepilogare le regole relative

Dettagli

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014 Roma, 19/03/2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo ricordarle che

Dettagli

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro ordinario

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro ordinario Informativa per la clientela di studio Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro ordinario Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Viale Gozzadini 9/11-40124 - Bologna

Studio Dottori Commercialisti Viale Gozzadini 9/11-40124 - Bologna Dott. Sergio Massa Bologna, 4 novembre 2013 Dott. Elena Melandri Dott. Paola Belelli Dott. Pierpaolo Arzarello A TUTTI I CLIENTI LORO INDIRIZZI L ULTIMO ROMPICAPO: LO SPESOMETRO PER L ANNO 2012 Con questa

Dettagli

Comunicazione polivalente (Spesometro 2013) 1

Comunicazione polivalente (Spesometro 2013) 1 Comunicazione polivalente (Spesometro 2013) 1 Introduzione Col provvedimento del 2 agosto 2013 l Agenzia delle Entrate ha attuato la norma relativa all obbligo di trasmissione telematica delle operazioni

Dettagli

GESTIONE MODELLO POLIVALENTE...

GESTIONE MODELLO POLIVALENTE... Gestione Modello Polivalente Il nuovo Modello Polivalente riguarda le seguenti comunicazioni telematiche all Agenzia delle Entrate: Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto

Dettagli

NOTE OPERATIVE SPRING/SQ-SB - 10/2013

NOTE OPERATIVE SPRING/SQ-SB - 10/2013 S/O277 SPRING/SQ-SB - 10/2013 NOTE OPERATIVE SPRING/SQ-SB - 10/2013 Sommario 1. Comunicazione Polivalente: Spesometro... 3 1.1 Inquadramento normativo... 3 1.1.1 Soggetti obbligati e soggetti esonerati...

Dettagli

COMUNICAZIONE POLIVALENTE SPESOMETRO Istruzioni all'uso del programma

COMUNICAZIONE POLIVALENTE SPESOMETRO Istruzioni all'uso del programma COMUNICAZIONE POLIVALENTE SPESOMETRO Istruzioni all'uso del programma 1 PREMESSA Il programma denominato Spesometro 2012 (menu' Contabilità 6.2.1) consente la predisposizione degli archivi per la generazione

Dettagli

GLI ULTIMI CHIARIMENTI PER I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI

GLI ULTIMI CHIARIMENTI PER I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI INFORMATIVA N. 241 27 OTTOBRE 2011 IVA GLI ULTIMI CHIARIMENTI PER I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI Art. 21, DL n. 78/2010 Circolare Agenzia Entrate 30.5.2011, n. 24/E Documento Agenzia Entrate 11.10.2011

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO RIPA BLANDINO

STUDIO ASSOCIATO RIPA BLANDINO STUDIO ASSOCIATO RIPA BLANDINO Dottori Commercialisti e Consulenti del Lavoro SCADENZE APRILE 2015 Scadenza Adempimento Commento 10.4.2015 Comunicazione operazioni rilevanti IVA ( spesometro ) 10.4.2015

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 19 dicembre 2012 NOVITÀ IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 DECRETO LEGGE 216/2012 ( SALVA INFRAZIONI ) Si segnalano le novità in materia di iva che entreranno

Dettagli

Lo Spesometro e la Comunicazione dei Beni ai soci

Lo Spesometro e la Comunicazione dei Beni ai soci Fondazione dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Padova Lo Spesometro e la Comunicazione dei Beni ai soci Padova, 03 ottobre 2013 Relatore: Andrea Onori Dottore Commercialista Revisore Legale

Dettagli

D) Operatori commerciali che svolgono marginalmente l attivita di noleggio/locazione - Anche per le attività di locazione o noleggio poste in essere

D) Operatori commerciali che svolgono marginalmente l attivita di noleggio/locazione - Anche per le attività di locazione o noleggio poste in essere Direzione Centrale Accertamento Settore Analisi e Strategie Roma, 22 dicembre 2011 Risposte a quesiti in materia di comunicazione all anagrafe tributaria delle operazioni rilevanti ai fini IVA di importo

Dettagli

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero 24/2014 Pagina 1 di 10 La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero : 24/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IVA COMUNICAZIONE DATI IVA PROVVEDIMENTO DIRETTORE AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

Spesometro 2015 istruzioni Agenzia Entrate e scadenza aprile

Spesometro 2015 istruzioni Agenzia Entrate e scadenza aprile Spesometro 2015 istruzioni Agenzia Entrate e scadenza aprile Lo Spesometro 2015 istruzioni Agenzia Entrate e scadenza aprile, riguarda tutte le novità e informazioni sull'obbligo dei contribuenti di comunicare

Dettagli

Spesometro 2015 N. 13 07.04.2015. Scadenze Soggetti tenuti ed esonerati Operazioni da comunicare Casi e questioni

Spesometro 2015 N. 13 07.04.2015. Scadenze Soggetti tenuti ed esonerati Operazioni da comunicare Casi e questioni Spesometro 2015 N. 13 07.04.2015 Scadenze Soggetti tenuti ed esonerati Operazioni da comunicare Casi e questioni SPESOMETRO 2015 -- Anno 2014 Il prossimo appuntamento con lo Spesometro o elenco clienti

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2013.1.1 Applicativo: GECOM MULTI. SysInt/W

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2013.1.1 Applicativo: GECOM MULTI. SysInt/W NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2013.1.1 Applicativo: GECOM

Dettagli

Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA 2013 ( Spesometro )

Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA 2013 ( Spesometro ) Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA 2013 ( Spesometro ) Data revisione: 25/10/2013 CT-1309-0168, del 12/09/2013 COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA... 2 Soggetti obbligati...

Dettagli

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Circolare N. 72 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 15 ottobre 2010 LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Le nuove regole concernenti la territorialità IVA delle prestazioni di servizi,

Dettagli

La nuova disciplina dell IVA per cassa si applica alle operazioni effettuate dall 1.12.2012.

La nuova disciplina dell IVA per cassa si applica alle operazioni effettuate dall 1.12.2012. Circolare n. 2/2013 Versamento dell IVA dopo la riscossione del corrispettivo (c.d. IVA per cassa ) - Nuova disciplina - Esercizio, durata e revoca dell opzione 1 Premessa Come anticipato nella circolare

Dettagli

DOCUMENTAZIONE PER LA COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI I.V.A. (SPESOMETRO 2014)

DOCUMENTAZIONE PER LA COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI I.V.A. (SPESOMETRO 2014) PAGINA 1/13 DOCUMENTAZIONE PER LA COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI I.V.A. (SPESOMETRO 2014) SINTESI DELLA NORMA PREMESSA Con il provvedimento N. 2013/94908 del 2 agosto, l Agenzia delle Entrate

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

Circolare N.50 del 04 Aprile 2012

Circolare N.50 del 04 Aprile 2012 Circolare N.50 del 04 Aprile 2012 Deroga al limite all utilizzo del denaro contante per gli acquisti effettuati da turisti stranieri. Disponibile la comunicazione di adesione alla disciplina Deroga al

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

Ai gentili Clienti Loro sedi INDICE

Ai gentili Clienti Loro sedi INDICE Ai gentili Clienti Loro sedi Circolare n 17 del 08.10.2010. Novità in materia di comunicazione all Agenzia delle Entrate delle operazioni con controparti localizzate in paradisi fiscali INDICE 1 Premessa...

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comunicazione dati IVA per l anno 2014 Dichiarazione IVA per l anno 2014 - Chiusure contabili 2014 Entro lunedì 2 marzo 2015 deve

Dettagli

Studio Corbella dottori commercialisti associati

Studio Corbella dottori commercialisti associati dottori commercialisti - revisori dei conti: Piero Luigi Corbella Luigi Corbella Laura Corbella Torella Giacomo Corbella Benedetta Sirtori Daniela Bruniera Matteo Formenti esperto contabile - revisore

Dettagli

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE INFORMATIVA N. 088 02 APRILE 2013 IVA IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Artt. 30 e 38-bis, DPR n. 633/72 Provvedimento Agenzia Entrate 20.3.2012 I soggetti in possesso di specifici requisiti possono

Dettagli

> misure. parte v. contro L evasione. 1. LA comunicazione delle operazioni iva (spesometro) 2. ALtre disposizioni. 3. il nuovo redditometro

> misure. parte v. contro L evasione. 1. LA comunicazione delle operazioni iva (spesometro) 2. ALtre disposizioni. 3. il nuovo redditometro parte v > misure contro L evasione 1. LA comunicazione delle operazioni iva (spesometro) Cosa comunicare Quando e come trasmettere i dati 2. ALtre disposizioni Limiti all uso del denaro contante La comunicazione

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2012

CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2012 CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2012 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Di seguito evidenziamo i principali adempimenti del mese di aprile. Versamenti Iva mensili Scade Il 16 aprile il termine di versamento

Dettagli

SEGUE DICHIARAZIONE I.V.A.

SEGUE DICHIARAZIONE I.V.A. SEGUE DICHIARAZIONE I.V.A. Il quadro VJ è riservato all indicazione di particolari tipologie di operazioni, per le quali l imposta, in base a specifiche disposizioni, è dovuta da parte del cessionario

Dettagli

CIRCOLARE N. 44/E. Roma, 26 novembre 2012

CIRCOLARE N. 44/E. Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 44/E Direzione Centrale Normativa Roma, 26 novembre 2012 OGGETTO: Liquidazione dell IVA secondo la contabilità di cassa, cd. Cash accounting Articolo 32-bis del d.l. 22 giugno 2012, n. 83,

Dettagli

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 APRILE 2014 AL 15 MAGGIO 2014

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 APRILE 2014 AL 15 MAGGIO 2014 CIRCOLARE Aprile 2014 Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 APRILE 2014 AL 15 MAGGIO 2014 Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle ultime novità. Si segnala ai Signori

Dettagli

Circolare n. 15 del 1 ottobre 2015

Circolare n. 15 del 1 ottobre 2015 Circolare n. 15 del 1 ottobre 2015 Novità in materia di fatturazione elettronica, trasmissione telematica delle fatture, dei corrispettivi e dei relativi dati Indice 1. Premessa 2. Fatturazione elettronica

Dettagli

Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat

Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat Relatore: dott. Fabio Corti Hotel Casa tra noi Roma 6 dicembre 2011 Disciplina fiscale Il D.Lgs 460/97 e la Legge 289/2002 hanno di fatto identificato

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

Fiscal News N. 161. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N. 161. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 161 05.04.2012 Incassi superiori a 1000 euro: gli adempimenti per gli operatori Oltre alla comunicazione all AE, sono previsti altri adempimenti

Dettagli

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 PERIODICO INFORMATIVO N. 08/2010 Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 Come di consueto entro la fine del mese di febbraio va presentata, esclusivamente in via telematica, la Comunicazione dati IVA.

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

TUTTO-SPESOMETRO (art. 21, DL 78/2010)

TUTTO-SPESOMETRO (art. 21, DL 78/2010) TUTTO-SPESOMETRO (art. 21, DL 78/2010) 1. PREMESSA 31 gennaio 2014, Ultimo termine utile per inviare all Agenzia delle Entrate i files telematici relativi alle operazioni rilevanti a fini IVA (c.d. spesometro

Dettagli

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere Gentile Lettore, La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale. Quando abbiamo pensato a strutturare ed organizzare gli strumenti di cui Lei oggi è fruitore,

Dettagli

COMUNICAZIONE BLACK LIST: NUOVI IMPORTANTI CHIARIMENTI

COMUNICAZIONE BLACK LIST: NUOVI IMPORTANTI CHIARIMENTI Circolare N. 12 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 15 febbraio 2011 COMUNICAZIONE BLACK LIST: NUOVI IMPORTANTI CHIARIMENTI Con CM 2/E/2011, l Agenzia delle Entrate fornisce importanti chiarimenti

Dettagli

Spesometro 2011: Riepilogo della disciplina e chiarimenti

Spesometro 2011: Riepilogo della disciplina e chiarimenti Spesometro 2011: Riepilogo della disciplina e chiarimenti A cura di ANTONIO GIGLIOTTI 1 www.fiscal-focus.it INDICE 1. Premessa Pag. 4 2. Ambito soggettivo Pag. 5 2.1 Soggetti passivi Pag. 7 2.2 Soggetti

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22%

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Numero circolare 2/2013 Data 8/10/2013 Redattore Davide David AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Abstract: Rif.to normativi: Dal 1.10.2013 l aliquota IVA ordinaria è aumentata dal 21% al 22%. La nuova

Dettagli

Novità IVA 2011. Associazione italiana dottori commercialisti Milano, 1 febbraio 2011. giorgio@studioconfente.eu

Novità IVA 2011. Associazione italiana dottori commercialisti Milano, 1 febbraio 2011. giorgio@studioconfente.eu Novità IVA 2011 Associazione italiana dottori commercialisti Milano, 1 febbraio 2011 La dichiarazione IVA autonoma (Circolare Agenzia delle entrate 1/E del 25 gennaio 2011) Tutti i contribuenti possono

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il 28 febbraio 2014 i titolari di partita Iva sono tenuti a presentare

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO PAGANI

STUDIO ASSOCIATO PAGANI STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI Via G. Frua, 24 Sergio Pagani 20146 Milano Paolo D. S. Pagani Tel. +39 (02) 46.07.22 Raffaella Pagani Fax +39 (02) 49.81.537 Ornella

Dettagli

Circolare N. 164 del 12 Dicembre 2014

Circolare N. 164 del 12 Dicembre 2014 Circolare N. 164 del 12 Dicembre 2014 Operatori che intrattengono rapporti con l estero - semplificazioni IVA in vista Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il DLgs. di semplificazione

Dettagli

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA PREMESSA La Legge di stabilità 2013 (L. 228 del 24/12/2012, pubblicata in G. U. il 29/12/2012) ha modificato la disciplina IVA introducendo nuove regole in merito al contenuto della nuova fattura, alla

Dettagli

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico.

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico. INFORMATIVA N. 3 / 2014 Ai gentili Clienti dello Studio COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico. DICHIARAZIONE ANNUALE IVA ; Verifica e predisposizione

Dettagli

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE PARTE V > MISURE CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) Cosa comunicare Quando e come trasmettere i dati 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE La pubblicazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 2 2014 dell Ufficio

Dettagli

Versioni x.7.9 Note Operative

Versioni x.7.9 Note Operative Versioni x.7.9 Note Operative Le versioni x.7.9 sono state rilasciate per poter predisporre i dati per il cosiddetto spesometro 2013 o per la comunicazione delle operazioni IVA rilevanti utilizzando il

Dettagli

Milano, 30 Marzo 2010

Milano, 30 Marzo 2010 Milano, 30 Marzo 2010 Circolare 2/2010 Gentile cliente, trasmettiamo la seguente circolare riguardo alle nuove regole dei modelli intracee da presentare a partire dal 01 Gennaio 2010. A) NOVITÀ NELL INVIO

Dettagli

Fiscal News N. 294. Lo spesometro e le operazioni non documentate da fattura. La circolare di aggiornamento professionale 05.11.2013.

Fiscal News N. 294. Lo spesometro e le operazioni non documentate da fattura. La circolare di aggiornamento professionale 05.11.2013. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 294 05.11.2013 Lo spesometro e le operazioni non documentate da fattura Categoria: Iva Sottocategoria: Spesometro Nello spesometro ordinario,

Dettagli

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA Periodico quindicinale FE n. 03 22 marzo 2012 INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA ABSTRACT Con il recepimento della Direttiva n. 2008/8/CE sono profondamente cambiate le regole per determinare

Dettagli