Movimentazione comunitaria dei cani e gatti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Movimentazione comunitaria dei cani e gatti"

Transcript

1 Verona 18 aprile 2013 Movimentazione comunitaria dei cani e gatti Alberto Camerini Dipartimento di Prevenzione -Servizio Veterinario Multizonale.

2 Movimentazione non commerciale al seguito del proprietario o detentore. Movimentazione non commerciale di più di cinque animali Movimentazione a carattere commerciale

3 Movimentazione non commerciale al seguito del proprietario. Il Regolamento CE 998/2003 prevede obbligatoriamente la presenza del passaporto individuale conforme alle caratteristiche indicate dalla Decisione CE 803/2003.

4 Passaporto per animali da compagnia Verificare la conformità del documento Dimensioni 100x152. Colore blu con stelle gialle. Numero del passaporto codice ISO dello stato seguito da un numero unico. Redatto nella lingua dello stato di rilascio ed in lingua inglese. Ogni pagina deve essere numerata e riportare i codici di copertina.

5 Requisiti per la validità del passaporto Tutti i campi sotto elencati devono essere compilati Sezione I PROPRIETARIO Deve riportare i dati del proprietario ricordare gli atti di delega - Sezione II DESCRIZIONE DELL ANIMALE Deve riportare il segnalamento del cane o del gatto: nome, data di nascita, razza, sesso e segni particolari Sezione III IDENTIFICAZIONE DELL ANIMALE Deve riportare il numero di microchip, la data e la regione anatomica di inoculazione o il numero del tatuaggio * e la data in cui è stato effettuato Sezione IV VACCINAZIONE ANTIRABBICA

6 Vaccinazione antirabbica Una vaccinazione antirabbica viene considerata valida quando: Vengano seguite le indicazioni dell istituto produttore e somministrato ad un animale sopra i tre mesi di età. La vaccinazione sia eseguita successivamente o contestualmente all identificazione dell animale. Siano trascorsi ventuno giorni dalla data di somministrazione. Gli estremi di vaccinazione siano riportati nella sezioneiv del passaporto.

7 Vaccinazione antirabbica Termini di validità decisione CE 91/2005 Il vaccino antirabbico va considerato valido a partire dalla data di nuova vaccinazione (richiamo), laddove il vaccino sia somministrato nel corso del periodo di validità indicato dall Istituto produttore La vaccinazione è considerata come una vaccinazione primaria in assenza del certificato veterinario attestante la vaccinazione precedente o nel caso che il richiamo sia stato effettuato oltre i termini di validità indicati

8 Titolazione anticorpale La titolazione anticorpale della rabbia, valida con titoli superiori a 0.5 UI, non viene richiesta per la movimentazione di animali nei paesi CE o quelli considerati equiparati (es. andorra, argentina, australia, bielorussia, norvegia, stati uniti ecc. ). E richiesta per l introduzione o reintroduzione dai Paesi extrace. La validità del titolo permane qualora i richiami vaccinali vengano mantenuti nei termini di scadenza indicati dall Istituto produttore.

9 DENTI ERUZIONE SOSTITUZIONE Picozzi 30 Giorni 4 Mesi Mediani 28 Giorni 4 Mesi 1/2 Cantoni 25 Giorni 5 Mesi Canini 21 Giorni 5 Mesi Primo Premolare 4 Mesi Permanente Secondo Premolare 4-5 Settimane 6 Mesi Terzo Premolare 3-4 Settimane 6 Mesi Primo Molare 4 Mesi Permanente Secondo Molare Superiore 5-6 Mesi Permanente Secondo Molare Inferiore 4 Mesi 1/2-5 Mesi Permanente Terzo Molare Inferiore 6-7 Mesi Permanente

10

11 Movimentazione commerciale Il trasporto di cani e gatti effettuato da operatori economici del settore per il successivo commercio e altri trasporti effettuati da trasportatori registrati per mostre, gare, turismo venatorio ecc. rientra nel campo di applicazione del regolamento 1/2005. Rientra nello stesso campo di applicazione il trasporto, a qualsiasi titolo, di un numero di animali superiore a cinque.

12 Movimentazione in deroga al regolamento Animali trasportati sul territorio nazionale non in relazione ad attività economica, anche in numero superiore a cinque. Animali trasportati tra Stati Membri in numero inferiore a cinque, purchè il trasporto non sia in relazione ad attività economica. Trasporto verso o in provenienza da cliniche o strutture veterinarie.

13 Movimentazione commerciale La movimentazione a carattere commerciale di animali d affezione prevede: Il messaggio traces Il certificato sanitario L identificazione individuale Il documento di identificazione La vaccinazione antirabbica nei termini di validità Documento-lettera commerciale (CMR)

14 Il messaggio traces Il Traces è una piattaforma comunitaria informatica dedicata allo scambio di informazioni di collegamento tra operatori economici e le autorità di controllo istituzionale. Consente la trasmissione, nel giorno di emissione, del certificato sanitario da parte dell Unità Veterinaria del Paese speditore ai Servizi Veterinari Locali di destinazione. L UVAC territorialmente competente intercetta il messaggio, precedentemente informata dall operatore di arrivo, e può disporre verifiche e controlli.

15 Il primo destinatario Il primo destinatario deve: Essere in possesso di autorizzazione sanitaria. Essere registrato presso L UVAC di riferimento. Prenotificare, nelle 24 ore precedenti, l arrivo degli animali ai Servizi Veterinari e all UVAC. Non frazionare la partita di animali ad altri operatori commerciali per almeno 48 ore * Conservare la documentazione sanitaria e il CMR ( documento commerciale ) per almeno un anno. Tenere un registro di carico e scarico

16 Certificato sanitario Si compone di due parti. Parte I con informazioni relative alla partita. Parte II con indicazioni sanitarie e compilato dal Veterinario Ufficiale del punto di partenza nelle 24 ore precedenti la spedizione. Sul certificato sanitario devono essere riportati tutti i numeri di microchip ( anche in allegato ) degli animali oggetto di trasporto, ed è valido per 10 giorni dalla data di emissione. La validità è di 4 mesi o limitato alla validità di vaccinazione antirabbica nel caso di transiti non commerciali ( più di cinque animali )

17 Documento-lettera commerciale (CMR) È il documento di legittimazione del trasporto via camion, costituisce prova di avvenuta presa in consegna delle merci e del loro stato da parte del vettore e rappresenta essa stessa il contratto di trasporto internazionale. Non è titolo negoziabile, nel senso che non consente di trasferire il possesso della merce durante il viaggio ad altri soggetti.

18 Mezzi di trasporto e contenitori Il trasporto commerciale con l utilizzo di contenitori rientra nel regolamento CE 1/2005, da cui la necessità di utilizzare un veicolo omologato ed autorizzato. Veicoli specificatamente costruiti o modificati con gabbie a struttura fissa Veicoli modificati per il trasporto degli animali nei contenitori.

19 Veicoli Le caratteristiche del veicolo devono essere tali da: Proteggere gli animali da condizioni climatiche e temperature avverse. Evitare la fuga degli animali e compensare le sollecitazioni provocate dalla marcia del veicolo. Garantire la qualità e quantità dell aria ed un illuminazione adeguata. Consentire un adeguata ispezione degli animali ed il loro corretto accudimento. Utilizzare materiali atossici, facilmente lavabili e disinfettabili.

20 Contenitori Essere sempre tenuti con la parte superiore in alto. Essere fissati per evitare gli spostamenti durante la marcia e ridurre al minimo gli scuotimenti. Dotati di abbeveratoi e contenitori di alimenti ancorati alla struttura e di facile accesso dall esterno La parete della porta deve essere robusta per evitare le fughe, garantire il massimo di aerazione e garantire una buona visione interna per la verifica degli animali. Devono garantire una superficie di ventilazione di almeno il 16% Devono impedire il percolamento di feci ed urine attraverso vassoi di contenimento o bordi rialzati.

21 Concentrazioni di carico I cani di età superiore ai sei mesi o con peso superiore ai 14 Kg, devono viaggiare in contenitori singoli. I cani dalle 8 settimane di vita fino ai sei mesi e con peso inferiore ai 14 Kg. Possono essere posizionati al massimo in tre per contenitore. I gatti di età inferiore ai sei mesi possono essere posizionati al massimo in quattro per contenitore, altrimenti in contenitore singolo.

22 Dimensioni dei contenitori Devono ovviamente essere proporzionati alle dimensioni dell animale, indicativamente: Devono consentire il mantenimento della stazione eretta con uno margine superiore di almeno cm. Devono avere una lunghezza di almeno 15 cm. superiori alla lunghezza del cane. Devono avere una larghezza almeno tripla della larghezza toracica dell animale. Per i gatti, indicativamente ed in proporzione alla taglia 46x25x13h 68x44x40h

23 Condizioni generali Nessuno è autorizzato a trasportare o a far trasportare animali in condizioni tali da esporli a lesioni o sofferenze inutili (art. 3 comma 1). Minimizzare i tempi di viaggio, con buona pianificazione (art. 22). Disporre di un piano di gestione delle emergenze per i lunghi viaggi (art. 11).

24 Condizioni generali È vietato il trasporto di animali di età inferiore alle 8 settimane, se non accompagnati dalla madre (allegato 1 - capo 1 - punto 2 f). Non somministrare sedativi. La somministrazione è consentita solo nel caso in cui sia strettamente necessario previa prescrizione medico-veterinaria (allegato I - capo I - punto 5).

25 Condizioni generali È vietato trasportare cani e gatti non deambulanti, con ferite aperte gravi, con prolassi e stati fisiologici che creano nell animale condizioni predisponenti agli effetti nocivi dello stress da trasporto, gravidanza oltre il 90% del periodo normale di gestazione, cordone ombelicale non cicatrizzato (allegato I - capoi - punto 2). L idoneità per animali che presentano malattie o ferite lievi, nei casi dubbi, deve essere certificata da un medico veterinario (allegato I - capo I - punto 3 a).

26 Condizioni generali Somministrazione di cibo ed acqua Cani e gatti devono essere nutriti a intervalli non superiori a 24 ore ed abbeverati a intervalli non superiori a 8 ore. Devono essere date istruzioni scritte e chiare sulle modalità di somministrazione (allegato I capitolo V). Il conduttore deve dimostrare di poter disporre di alimenti ed acqua in quantità adeguata al viaggio.

27 Legge 189/04 La legge che ha introdotto nel C. P. il titolo IX bis: DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI Con l introduzione della legge 189/2004 il maltrattamento di animali ha assunto un presupposto ideologico chiaro:tutti gli animali sono esseri capaci di soffrire e patire e la norma interviene verso la loro tutela specifica

28 Uccisione di animale 544 bis C.P. Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da quattro mesi a due anni. E sufficiente accertare che il fatto sia avvenuto, per crudeltà ( si caratterizza dalla spinta di un motivo abbietto o futile ) o senza necessità (nell ipotesi di evitare un pericolo imminente o un danno giuridicamente apprezzabile ), nell ambito di applicazione della norma questa ipotesi di reato può richiede specifiche competenze tecniche nella valutazione della causa di morte.

29 Crudeltà o sevizie 544 ter c.p. Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona una lesione ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o a fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche è punito o li sottopone a trattamenti che procurano un danno alla salute degli stessi. Per la parte relativa alla crudeltà e soprattutto alle sevizie si richiedono specifiche competenze tecniche.

30 + Abbandono e detenzione non compatibile 727 c.p. Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito...alla stessa pena soggiace chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze. Il primo comma non richiede specifiche conoscenze tecniche. Per l applicazione relativa alla detenzione in condizioni incompatibili sarà necessario argomentare le motivazioni del giudizio o richiedere l ausilio di un veterinario o di personale tecnico.

31

32

33

QUESTURA DI TORINO UFFICIO PREVENZIONE GENERALE Squadra Cinofili

QUESTURA DI TORINO UFFICIO PREVENZIONE GENERALE Squadra Cinofili QUESTURA DI TORINO UFFICIO PREVENZIONE GENERALE Squadra Cinofili L Organico della Squadra Cinofili della questura di Torino è composto da: 4 UNITA CINOFILE DA ORDINE PUBBLICO/POLIZIA GIUDIZIARIA 4 UNITA

Dettagli

Il trasporto dei cani e dei gatti: scopo commerciale e non commerciale

Il trasporto dei cani e dei gatti: scopo commerciale e non commerciale 56 30giorni - il mensile del medico veterinario / agosto 2010 Il trasporto dei cani e dei gatti: scopo commerciale e non commerciale di Mario Sapino* Considerata la necessità di preparare questa presentazione

Dettagli

POLIZIA MUNICIPALE FANO NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE

POLIZIA MUNICIPALE FANO NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE POLIZIA MUNICIPALE FANO NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE PROGRAMMA: «LA SCUOLA ADOTTA UN CANILE» 2011 ATTIVITA DI CONTROLLO E INTERVENTO NORME Legge Regionale n 10

Dettagli

Ministero della Salute. Puppytradeand the italian penalcode. Dr.ssa Gaetana Ferri. Bruxelles - 28 October 2013

Ministero della Salute. Puppytradeand the italian penalcode. Dr.ssa Gaetana Ferri. Bruxelles - 28 October 2013 Ministero della Salute Dipartimento della sanitàpubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Direzione Generale della Sanitàanimale e dei Farmaci

Dettagli

CONDIZIONI SANITARIE APPLICABILI AI CANI E GATTI DI ORIGINE COMUNITARIA INTRODOTTI IN ITALIA

CONDIZIONI SANITARIE APPLICABILI AI CANI E GATTI DI ORIGINE COMUNITARIA INTRODOTTI IN ITALIA CONDIZIONI SANITARIE APPLICABILI AI CANI E GATTI DI ORIGINE COMUNITARIA INTRODOTTI IN ITALIA La documentazione relativa a cani e gatti di origine comunitaria che si trovano sul territorio italiano deve

Dettagli

PRONTUARIO SANZIONI Legge regionale 20 luglio 2006, n. 16 "Lotta al randagismo e tutela degli animali di affezione"

PRONTUARIO SANZIONI Legge regionale 20 luglio 2006, n. 16 Lotta al randagismo e tutela degli animali di affezione Provincia di Milano Direzione Centrale Polizia Provinciale e Protezione Civile PRONTUARIO SANZIONI Legge regionale 20 luglio 2006, n. 16 "Lotta al randagismo e tutela degli animali di affezione" Coordinamento

Dettagli

TUTTO sul mio CANE. Azienda Sanitaria Locale di Milano Dipartimento Veterinario. Norme legali sulla detenzione dei cani nella Città di Milano

TUTTO sul mio CANE. Azienda Sanitaria Locale di Milano Dipartimento Veterinario. Norme legali sulla detenzione dei cani nella Città di Milano Azienda Sanitaria Locale di Milano Dipartimento Veterinario Distretto Veterinario Nord - Via Quarenghi, 40 (zone civiche 7-8) Lun. e Giov. 8.30 12.00, Merc. 13.30-15.30 - Tel. 02/85788921 Fax 02/38102916

Dettagli

Approvato definitivamente dal Parlamento l 8 luglio 2004

Approvato definitivamente dal Parlamento l 8 luglio 2004 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate Approvato definitivamente dal Parlamento l

Dettagli

Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono

Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono Con la legge n. 189/2004 è stato introdotto nel Codice Penale il TITOLO IX-BIS DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI il quale modifica

Dettagli

Il controllo del Benessere Animale durante il trasporto Sanzioni, notizie di reato e falso in atto pubblico

Il controllo del Benessere Animale durante il trasporto Sanzioni, notizie di reato e falso in atto pubblico Il controllo del Benessere Animale durante il trasporto Sanzioni, notizie di reato e falso in atto pubblico Ferrara, 31 maggio 2013 dott. Andrea Poli REGOLAMENTO CE 1/2005 VIAGGIO: l intera operazione

Dettagli

1. Dopo il titolo IX del libro II del codice penale è inserito il seguente: «TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI

1. Dopo il titolo IX del libro II del codice penale è inserito il seguente: «TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI L. 20 luglio 2004, n. 189 (1). Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. (1) Pubblicata

Dettagli

TUTTO sul mio CANE. Azienda Sanitaria Locale Città di Milano Erogazione al pubblico di prestazioni veterinarie Anno 2008 DISTRETTO VETERINARIO NORD

TUTTO sul mio CANE. Azienda Sanitaria Locale Città di Milano Erogazione al pubblico di prestazioni veterinarie Anno 2008 DISTRETTO VETERINARIO NORD Azienda Sanitaria Locale Città di Milano Erogazione al pubblico di prestazioni veterinarie Anno 2008 DISTRETTO VETERINARIO NORD CENTRI di SANITA' PUBBLICA VETERINARIA Via S.Elembardo, 4 tel. 02.85788920

Dettagli

CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE. TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali

CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE. TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali Art. 544-bis Uccisione di animali Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona

Dettagli

testo in vigore dal: 1-8-2004 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga

testo in vigore dal: 1-8-2004 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga LEGGE 20 luglio 2004, n.189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. (GU n. 178

Dettagli

COMUNE di TRIUGGIO. Regolamento Comunale di Polizia Urbana

COMUNE di TRIUGGIO. Regolamento Comunale di Polizia Urbana COMUNE di TRIUGGIO Regolamento Comunale di Polizia Urbana Approvato con Delibera di C.C. n 41 del 29/11/2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO V CUSTODIA E CIRCOLAZIONE DEGLI ANIMALI Art. 36 Diritti

Dettagli

Direzione. Ordine di servizio n 131/C. Firenze, 31/07/2004. Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo.

Direzione. Ordine di servizio n 131/C. Firenze, 31/07/2004. Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo. Direzione Ordine di servizio n 131/C Firenze, 31/07/2004 Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo Loro sedi Oggetto: Legge 20/07/2004 n. 189. Disposizioni concernenti il divieto

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Provincia di Pistoia PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI SETTORE VETERINARIO

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Provincia di Pistoia PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI SETTORE VETERINARIO TABELLA A PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI SETTORE VETERINARIO NORMA VIOLATA SANZIONE COMPETENZE REGOLAMENTO COMUNALE TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Tenere animali all esterno

Dettagli

IL RANDAGISMO CANINO E L ANAGRAFE CANINA

IL RANDAGISMO CANINO E L ANAGRAFE CANINA IL RANDAGISMO CANINO E L ANAGRAFE CANINA Dr. Angelo Seghesio RAFFAELLA TAMAGNONE Medico Veterinario Comportamentalista Cause di ingresso in canile IN USA: il 52.2% sono cani catturati Il 44.2% abbandonati

Dettagli

** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export

** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. Vigente al: 2-3-2014 La Camera dei deputati

Dettagli

la tutela del benessere degli animali da compagnia: dalla legge n. 281/91 ad oggi Cremona 09 aprile 2008

la tutela del benessere degli animali da compagnia: dalla legge n. 281/91 ad oggi Cremona 09 aprile 2008 la tutela del benessere degli animali da compagnia: dalla legge n. 281/91 ad oggi Cremona 09 aprile 2008 dott.ssa rosalba matassa ministero della salute direzione generale della sanità animale e del farmaco

Dettagli

Tutela degli animali da compagnia - aggiornamenti normativi e strumenti operativi per il controllo. Ferrara, 16 maggio 2012

Tutela degli animali da compagnia - aggiornamenti normativi e strumenti operativi per il controllo. Ferrara, 16 maggio 2012 Tutela degli animali da compagnia - aggiornamenti normativi e strumenti operativi per il controllo Ferrara, 16 maggio 2012 Legge regionale 17.02.05, n. 5 Norme a tutela del benessere animale Finalità La

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA la seguente legge: Promulga Art. 1 (Modifiche al codice penale). 1. Dopo il titolo IX del libro II del

Dettagli

CENTRI RECUPERO ANIMALI SELVATICI (C.R.A.S.) IN PIEMONTE : SITUAZIONE ATTUALE E PROSPETTIVE

CENTRI RECUPERO ANIMALI SELVATICI (C.R.A.S.) IN PIEMONTE : SITUAZIONE ATTUALE E PROSPETTIVE IV WORKSHOP REGIONALE CENTRI RECUPERO ANIMALI SELVATICI (C.R.A.S.) IN PIEMONTE : SITUAZIONE ATTUALE E PROSPETTIVE CRAS E BENESSERE Alessandro Bianchi Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 308 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BRAMBILLA Modifiche al codice penale e altre disposizioni in materia di delitti contro gli

Dettagli

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL BENESSERE E LA TUTELA DEI CANI

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL BENESSERE E LA TUTELA DEI CANI COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL BENESSERE E LA TUTELA DEI CANI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 28 marzo 2012 Modificato con deliberazione del

Dettagli

Approvato con deliberazione del CC n. 50 in data 28/11/2003.

Approvato con deliberazione del CC n. 50 in data 28/11/2003. COMUNE DI VILLANOVA MONDOVI Provincia di Cuneo Approvato con deliberazione del CC n. 50 in data 28/11/2003. 1 ART. 1 BENESSERE DEGLI ANIMALI 1. Chiunque detiene un animale da affezione o accetta, a qualunque

Dettagli

(approvato con delibera C.C. n. 16 del 14.04.2005 e modificato con delibera C.C. n. 36 del 24.08.2005. TITOLO I NORME GENERALI. Articolo 1 Definizioni

(approvato con delibera C.C. n. 16 del 14.04.2005 e modificato con delibera C.C. n. 36 del 24.08.2005. TITOLO I NORME GENERALI. Articolo 1 Definizioni Delibera C.C. n. 36 del 24.08.2005 (approvato con delibera C.C. n. 16 del 14.04.2005 e modificato con delibera C.C. n. 36 del 24.08.2005. TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 Definizioni Animale da compagnia:

Dettagli

COMUNE DI COGGIOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI E ALTRI ANIMALI

COMUNE DI COGGIOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI E ALTRI ANIMALI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI BIELLA COMUNE DI COGGIOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI E ALTRI ANIMALI Approvato con C.C. n. 4 in data 26/03/2007 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI

Dettagli

Il benessere animale L ATTIVITA DI P.G. Dott.ssa Anna Maggio Comandante Corpo Polizia Provinciale di Verona

Il benessere animale L ATTIVITA DI P.G. Dott.ssa Anna Maggio Comandante Corpo Polizia Provinciale di Verona Il benessere animale L ATTIVITA DI P.G. Dott.ssa Anna Maggio Comandante Corpo Polizia Provinciale di Verona Legge 20 luglio 2004, n. 189 il legislatore ha sancito che gli animali debbono essere sempre

Dettagli

Prontuario delle infrazioni in materia zoofila

Prontuario delle infrazioni in materia zoofila Prontuario delle infrazioni in materia zoofila AUTORI LE GEV DI TORINO ZOOFILIA 1 Tutela e controllo degli animali da affezione pag 3 2 Identificazione elettronica degli animali da affezione e banca dati

Dettagli

Il maltrattamento degli animali è un REATO, previsto e punito dgli artt. 544 ter e 727 del c.p.

Il maltrattamento degli animali è un REATO, previsto e punito dgli artt. 544 ter e 727 del c.p. Il maltrattamento degli animali è un REATO, previsto e punito dgli artt. 544 ter e 727 del c.p. Art. 500 Diffusione di malattia degli animali Chiunque cagiona la diffusione di una malattia alle piante

Dettagli

Norme del C.C., C.P., C.C.P. Attività sanzionatoria

Norme del C.C., C.P., C.C.P. Attività sanzionatoria Corso di formazione per operatori di canili martedi, 29 ottobre 2013 Norme del C.C., C.P., C.C.P. Attività sanzionatoria t.p.a.l.l. dr. arch nino garofalo dal Codice di Procedura Penale Titolo III Polizia

Dettagli

III - ANIMALI 157 III ANIMALI

III - ANIMALI 157 III ANIMALI 943270010 - III Animali 17-05-2007 18:19 Pagina 157 III - ANIMALI 157 III ANIMALI Introduzione Gli obblighi di colui che detiene animali d affezione sono disciplinati, oltre che da responsabilità morali,

Dettagli

La protezione degli animali durante il trasporto

La protezione degli animali durante il trasporto La protezione degli animali durante il trasporto La nuova normativa comunitaria e la disciplina sanzionatoria nazionale A cura di Roberto Bennati Vicepresidente LAV 1 Esempi trasporti verso l Italia 2004

Dettagli

NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE

NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1908-A/R Relazione orale Relatori Mazzatorta e Bettamio NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE (2ª GIUSTIZIA) (3ª AFFARI ESTERI, EMIGRAZIONE)

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA SUI CANI E PICCOLI ANIMALI DI AFFEZIONE NORME CONTRO IL MALTRATTAMENTO ANIMALE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

REGOLAMENTO DI POLIZIA SUI CANI E PICCOLI ANIMALI DI AFFEZIONE NORME CONTRO IL MALTRATTAMENTO ANIMALE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO REGOLAMENTO DI POLIZIA SUI CANI E PICCOLI ANIMALI DI AFFEZIONE NORME CONTRO IL MALTRATTAMENTO ANIMALE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO (Approvato con deliberazione di C.C. n. 18 del 26.9.21 e modificato

Dettagli

Animali in famiglia: tutele e responsabilità

Animali in famiglia: tutele e responsabilità Animali in famiglia: tutele e responsabilità Proprietari e responsabilità ART. 1, comma 1 O.M. 6/8/2013 a tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione di cani il proprietario di un cane è sempre responsabile

Dettagli

Sezione II Animali d affezione

Sezione II Animali d affezione Sezione II Animali d affezione Art. 10 Cani 1. I cani tenuti in locali, boxes, recinti, devono potersi muovere giornalmente in modo corrispondente al loro bisogno e devono poter uscire all aperto. Per

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DI ANIMALI DOMESTICI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DI ANIMALI DOMESTICI COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine Piazza Rinaldo Olivotto n. 1 33050 MARANO LAGUNARE www.comune.maranolagunare.ud.it P.E.C. comune.maranolagunare@certgov.fvg.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE

Dettagli

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA Le funzioni di questo servizio sono le seguenti: Anagrafe per animali d affezione della Regione Lazio informatizzata (iscrizione, cancellazione,

Dettagli

Il commercio dei cuccioli dai paesi dell est europa.

Il commercio dei cuccioli dai paesi dell est europa. Il commercio dei cuccioli dai paesi dell est europa. Il Regolamento (CE) n. 998/2003 del 26 maggio 2003 relativo alle condizioni di polizia sanitaria applicabili ai movimenti a carattere non commerciale

Dettagli

Alessandria 22-23 23 novembre 2013 CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI

Alessandria 22-23 23 novembre 2013 CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI Alessandria 22-23 23 novembre 2013 CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI IL BENESSERE ANIMALE DURANTE IL TRASPORTO REGOLAMENTO CE 1/2005 Dott. Andrea

Dettagli

3 Dicembre 2011 CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI

3 Dicembre 2011 CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI Alessandria 2-32 3 Dicembre 2011 CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI IL BENESSERE ANIMALE DURANTE IL TRASPORTO REGOLAMENTO CE 1/2005 Dott. Andrea

Dettagli

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA Le funzioni di questo servizio sono le seguenti: Anagrafe canina informatizzata (iscrizione, cancellazione, trasferimenti di residenza, trasferimenti

Dettagli

DISCIPLINARE relativo alla protezione durante la movimentazione sportiva e non commerciale di uccelli d affezione, da gabbia e da voliera

DISCIPLINARE relativo alla protezione durante la movimentazione sportiva e non commerciale di uccelli d affezione, da gabbia e da voliera DISCIPLINARE relativo alla protezione durante la movimentazione sportiva e non commerciale di uccelli d affezione, da gabbia e da voliera Il presente Disciplinare intende definire le misure atte a garantire

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA E LA DETENZIONE DEGLI ANIMALI IN AREE PUBBLICHE E PRIVATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA E LA DETENZIONE DEGLI ANIMALI IN AREE PUBBLICHE E PRIVATE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA E LA DETENZIONE DEGLI ANIMALI IN AREE PUBBLICHE E PRIVATE Art. 1 Oggetto del Regolamento. 1. Il Comune di Nereto, nell ambito dei principi e indirizzi fissati dalle Leggi

Dettagli

CIRCOLARE N. 51/D. Roma, 23 dicembre 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Loro Sedi.

CIRCOLARE N. 51/D. Roma, 23 dicembre 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Loro Sedi. CIRCOLARE N. 51/D Protocollo: 17014 Roma, 23 dicembre 2005 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici delle

Dettagli

A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale. Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011

A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale. Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011 A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011 Premessa Le attività nelle quali risulta impegnato il Servizio Veterinario dell

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18.

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. PREMESSA Il randagismo rappresenta una fonte di rischio per la popolazione umana ed animale. La diffusione di malattie infettive,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GIAMMANCO, BRAMBILLA, CATANOSO GENOESE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GIAMMANCO, BRAMBILLA, CATANOSO GENOESE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 960 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GIAMMANCO, BRAMBILLA, CATANOSO GENOESE Introduzione del titolo XIV-bis del libro primo del

Dettagli

Le competenze delle Aziende USL in materia di maltrattamenti

Le competenze delle Aziende USL in materia di maltrattamenti Legge 189 del 20 luglio 2004 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali Le competenze delle Aziende USL in materia di maltrattamenti roberto mattioli massimo romeo Bologna 8 giugno

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N.

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. Direzione Sanità Pubblica Settore Sanità Animale ed Igiene degli Allevamenti LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DETENZIONE E TUTELA RAZZA CANINA

REGOLAMENTO COMUNALE DETENZIONE E TUTELA RAZZA CANINA COMUNE DI CAMPAGNOLA CREMASCA PROVINCIA DI CREMONA POLIZIA LOCALE Via Ponte Rino n. 9 Tel. 0373/74325 Fax 0373/74036 REGOLAMENTO COMUNALE DETENZIONE E TUTELA RAZZA CANINA Approvato con Delibera del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI FARA GERA D ADDA REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE.

COMUNE DI FARA GERA D ADDA REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE. COMUNE DI FARA GERA D ADDA REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE. - Approvato con deliberazione consiliare n. 13 del 05/06/06 Art. 1 - Oggetto del Regolamento

Dettagli

Federazione Ornicoltori Italiani

Federazione Ornicoltori Italiani Federazione Ornicoltori Italiani ONLUS ( (riconosciuta con decreto del Presidente della Repubblica n. 1166 del 15 dicembre 1949) DISCIPLINARE DI AUTOCONTROLLO relativo alla protezione durante l allevamento,

Dettagli

Allevamenti abusivi di animali da compagnia: applicazione della L.R. n. 5/2005 e della L. n. 189/2004

Allevamenti abusivi di animali da compagnia: applicazione della L.R. n. 5/2005 e della L. n. 189/2004 Allevamenti abusivi di animali da compagnia: applicazione della L.R. n. 5/2005 e della L. n. 189/2004 Giuseppe Diegoli La tutela degli animali da compagnia: attività di controllo e provvedimenti negli

Dettagli

REGOLAMENTO DETENZIONE DI CANI ED ASPETTI CONNESSI

REGOLAMENTO DETENZIONE DI CANI ED ASPETTI CONNESSI COMUNE DI CAPRALBA Provincia di Cremona Via Piave, n. 2 26010 CAPRALBA CR Tel. 0373/450012 20 Fax. 0373/450495 E-mail: segreteria@comunecapralba.it REGOLAMENTO DETENZIONE DI CANI ED ASPETTI CONNESSI Approvato

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI. - reperibile (reperibilità continua: diurna e notturna, feriale e festiva) - in grado di assicurare l intervento in tempi brevi.

GUIDA AI SERVIZI. - reperibile (reperibilità continua: diurna e notturna, feriale e festiva) - in grado di assicurare l intervento in tempi brevi. GUIDA AI SERVIZI SERVIZIO DI CATTURA E CUSTODIA DEI CANI VAGANTI La presenza di cani randagi costituisce un problema sia sotto l aspetto sanitario sia per quanto riguarda la sicurezza dell abitato. La

Dettagli

Comune di Cesano Boscone. provincia di milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

Comune di Cesano Boscone. provincia di milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA provincia di milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA TITOLO V MANTENIMENTO, PROTEZIONE E TUTELA DEGLI ANIMALI Regolamento di Polizia Urbana 1 Art. 54 Tutela degli animali domestici 1. In ogni luogo e circostanza

Dettagli

Normativa nazionale Responsabilità legali del proprietario di cani

Normativa nazionale Responsabilità legali del proprietario di cani Corso Per operatori dei canili e dei gattili della provincia di Bologna Bologna 28 novembre 2009 Normativa nazionale Responsabilità legali del proprietario di cani Paola Fossati Sezione di Medicina Legale

Dettagli

1- Idoneità degli animali al trasporto. Réglementation européenne sur le transport des animaux / Commission Européenne. Mars 2005

1- Idoneità degli animali al trasporto. Réglementation européenne sur le transport des animaux / Commission Européenne. Mars 2005 Norme europee sulla protezione degli animali durante il trasporto Il consumatore europeo si preoccupa sempre di più del benessere degli animali d allevamento. Presentazione a cura della Commissione Europea

Dettagli

REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL

REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 19-07-1994 Norme per la tutela degli animali di affezione e per la prevenzione ed il controllo del fenomeno del randagismo. BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA

Dettagli

MASULLAS REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI DA AFFEZIONE

MASULLAS REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI DA AFFEZIONE COMUNE DI MASULLAS allegato a delibera Consiglio n. 07 del 19.03.2009 pag 1 / 8 Comune di MASULLAS REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI DA AFFEZIONE approvato con atto di C.C. n 07 del 19.03.2009

Dettagli

L IMPORTANZA DEL BENESSERE NEI TRASPORTI ANIMALI: IL REGOLAMENTO1/2005

L IMPORTANZA DEL BENESSERE NEI TRASPORTI ANIMALI: IL REGOLAMENTO1/2005 L IMPORTANZA DEL BENESSERE NEI TRASPORTI ANIMALI: IL REGOLAMENTO1/2005 Dr. Aldo Montagna Az. Ulss 15 Alta Padovana il benessere animale e il consumatore L 82% delle persone interpellate afferma che la

Dettagli

"Norme contro il maltrattamento, sulla detenzione e la tenuta degli animali"

Norme contro il maltrattamento, sulla detenzione e la tenuta degli animali TESTO DI ORDINANZA MODELLO DA PROPORRE AI SINDACI DEI COMUNI AI SENSI DEL D.P.R.31/03/79 "Norme contro il maltrattamento, sulla detenzione e la tenuta degli animali" IL SINDACO Considerato che il rispetto

Dettagli

Corso di formazione per operatori di canili mercoledi, 19 settembre 2012

Corso di formazione per operatori di canili mercoledi, 19 settembre 2012 Corso di formazione per operatori di canili mercoledi, 19 settembre 2012 Norme del Codice Civile, Penale, di Procedura Penale relative agli animali di affezione L attività sanzionatoria ed i rapporti con

Dettagli

Questionario a risposta multipla sulla tutela degli animali durante il trasporto

Questionario a risposta multipla sulla tutela degli animali durante il trasporto Questionario a risposta multipla sulla tutela degli animali durante il trasporto 1 Un allevatore trasporta le proprie scrofe ad un macello distante 40 km dalla fattoria. Una delle scrofe viene caricata

Dettagli

Grazie al contributo della. micro chip. anagrafe canina informatizzata edizione 2007

Grazie al contributo della. micro chip. anagrafe canina informatizzata edizione 2007 Grazie al contributo della micro chip anagrafe canina informatizzata edizione 2007 Hanno realizzato questo opuscolo: micro chip Annalisa Lombardini Azienda USL Modena Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio

Dettagli

R E G O L A M E N T O DI TUTELA DEGLI ANIMALI

R E G O L A M E N T O DI TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI JESOLO PROVINCIA DI VENEZIA R E G O L A M E N T O DI TUTELA DEGLI ANIMALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 50 del 10/04/2007 INDICE Art. 1 Definizioni ed ambito di applicazione

Dettagli

LA COLONIA FELINA...e altro!

LA COLONIA FELINA...e altro! LA COLONIA FELINA...e altro! Norme e comportamenti Regione Lombardia 1 INDICE pag 5 IL GATTO LIBERO pag 7 LA COLONIA E LA LEGGE pag 11 GESTIONE DEI GATTI pag 13 CONTROLLO DEMOGRAFICO pag 15 INTERVENTI

Dettagli

916.443.14 Ordinanza concernente l importazione di animali da compagnia

916.443.14 Ordinanza concernente l importazione di animali da compagnia Ordinanza concernente l importazione di animali da compagnia (OIAC) del 18 aprile 2007 (Stato 1 luglio 2007) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 25 capoverso 1 della legge del 1 luglio 1966

Dettagli

VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ;

VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ; VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ; VISTO l art. 32 della Costituzione; VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica n. 320 del 8 Febbraio

Dettagli

IL PASSAPORTO. Dipartimento di Prevenzione Servizio Veterinario Area C Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche

IL PASSAPORTO. Dipartimento di Prevenzione Servizio Veterinario Area C Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche IL PASSAPORTO Dal 1 ottobre 2004 è entrata in vigore la nuova normativa sanitaria dell Unione Europea che disciplina il trasporto, anche senza scopo commerciale, di cani, gatti e furetti accompagnati dal

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA SUI CANI E PICCOLI ANIMALI

REGOLAMENTO DI POLIZIA SUI CANI E PICCOLI ANIMALI Briona Via Solaroli 11 Tel. 0321 826080 Caltignaga Via Roma 16 Tel. 0321 652114 Fara Novarese Pz. Libertà 20 Tel. 0321 829261 U n i o n e n o v a r e s e 2 0 0 0 Briona * C a l tig nag a * Fara N o v are

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE DI CANI E SULLA LOTTA AL RANDAGISMO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE DI CANI E SULLA LOTTA AL RANDAGISMO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa Settore V - Ufficio Ecologia REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE DI CANI E SULLA LOTTA AL RANDAGISMO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON VERBALE N.20 DEL 04/05/2009

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE E PER L ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE E PER L ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE E PER L ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 28.04.2016

Dettagli

REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE n. 34 DEL 26-07-1993 Tutela e controllo degli animali da affezione

REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE n. 34 DEL 26-07-1993 Tutela e controllo degli animali da affezione REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE n. 34 DEL 26-07-1993 Tutela e controllo degli animali da affezione Art. 1. (Finalità della legge) 1. La legge tutela le condizioni di vita degli animali di affezione e

Dettagli

Per gli spostamenti di cani, gatti e furetti accompagnati dal loro proprietario o da una persona che ne

Per gli spostamenti di cani, gatti e furetti accompagnati dal loro proprietario o da una persona che ne Passaporto Per gli spostamenti di cani, gatti e furetti accompagnati dal loro proprietario o da una persona che ne assume le responsabilità per conto del proprietario durante il viaggio tra gli Stati membri,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE E PROFILASSI DELLA RABBIA NELLA REGIONE PIEMONTE

LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE E PROFILASSI DELLA RABBIA NELLA REGIONE PIEMONTE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE E PROFILASSI DELLA RABBIA NELLA REGIONE PIEMONTE La Regione Piemonte, considerato il rischio di introduzione della rabbia nel territorio regionale a seguito dell epidemia

Dettagli

TITOLO V DISCIPLINA DELLA DETENZIONE DEGLI ANIMALI DOMESTICI

TITOLO V DISCIPLINA DELLA DETENZIONE DEGLI ANIMALI DOMESTICI Regolamento Comune di Cuneo. TITOLO V DISCIPLINA DELLA DETENZIONE DEGLI ANIMALI DOMESTICI ART. 52 PRINCIPI GENERALI Il Comune promuove e disciplina la tutela degli animali da affezione, condanna gli atti

Dettagli

buone vacanz e! Viaggio con il mio cane o il mio gatto

buone vacanz e! Viaggio con il mio cane o il mio gatto Così trascorrerà un viaggio piacevole: Mi informo anticipatamente presso il Paese di destinazione o il veterinario: Paese con rabbia urbana? Identificazione? Mi occupo del viaggio di ritorno in Svizzera

Dettagli

proposta di legge n. 482

proposta di legge n. 482 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 482 a iniziativa dei Consiglieri Busilacchi, Comi, D Anna, Badiali, Camela, Eusebi, Natali, Pieroni, Bugaro, Foschi, Perazzoli presentata in

Dettagli

Linea guida per gli scambi tra i Paesi Membri e le importazioni da Paesi Terzi di cani e gatti a carattere commerciale

Linea guida per gli scambi tra i Paesi Membri e le importazioni da Paesi Terzi di cani e gatti a carattere commerciale Linea guida per gli scambi tra i Paesi Membri e le importazioni da Paesi Terzi di cani e gatti a carattere commerciale 1. Premessa Fin dal 1992, con la Direttiva 92/65 CEE del 13 luglio (art.10), la Commissione

Dettagli

Vivere insieme ad un. Servizio Controllo Popolazione Canina e Felina. Comune di Rimini 1

Vivere insieme ad un. Servizio Controllo Popolazione Canina e Felina. Comune di Rimini 1 Vivere insieme ad un amico con la coda Servizio Controllo Popolazione Canina e Felina Comune di Rimini 1 CARI CITTADINI La presenza di animali e la nostra convivenza con loro è, a volte, pretesto di conflitti

Dettagli

COMUNE DI COLORINA Provincia di Sondrio REGOLAMENTO IN MATERIA DI OBBLIGHI DEI PROPRIETARI DI CANI E RELATIVE SANZIONI

COMUNE DI COLORINA Provincia di Sondrio REGOLAMENTO IN MATERIA DI OBBLIGHI DEI PROPRIETARI DI CANI E RELATIVE SANZIONI COMUNE DI COLORINA Provincia di Sondrio REGOLAMENTO IN MATERIA DI OBBLIGHI DEI PROPRIETARI DI CANI E RELATIVE SANZIONI Allegato A) alla delibera C.C. n. 7 del 29.04.2010 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo

Dettagli

COMUNE DI SAN MARCELLINO (Provincia di Caserta)

COMUNE DI SAN MARCELLINO (Provincia di Caserta) COMUNE DI SAN MARCELLINO (Provincia di Caserta) 1. Il regolamento è finalizzato a tutelare il benessere della popolazione canina domestica presente nel territorio del comune e a disciplinare la convivenza

Dettagli

IL DIRITTO ALLA VITA

IL DIRITTO ALLA VITA IL DIRITTO ALLA VITA Il gatto non sapeva prima di quell' incontro che gli uomini possono diventare cosi' crudeli e malvagi. L' animale che era appena stato accarezzato dal ragazzo lo guardo',con occhi

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI Alessandria, 2-3 dicembre 2011 I PARTE

CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI Alessandria, 2-3 dicembre 2011 I PARTE CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI Alessandria, 2-3 dicembre 2011 I PARTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE - S.O.C. SERVIZIO VETERINARIO AREA C Dr.

Dettagli

REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL

REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL 25-01-1993 Norme sulla prevenzione e sul controllo del randagismo.istituzione anagrafica canina e protezione degli animali di affezione BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

Movimentazione di cani, gatti e furetti

Movimentazione di cani, gatti e furetti Grazia Sella Veterinario dirigente Daniel Sinna Veterinario coadiutore Milano - Malpensa Contributi pratici Movimentazione di cani, gatti e furetti Premessa Recentemente l Unione Europea ha emanato nuove

Dettagli

Taviano Città dei Fiori

Taviano Città dei Fiori Taviano Città dei Fiori REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI E LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO CANINO Articolo 1 - Oggetto del Regolamento Il presente regolamento detta norme finalizzate a tutelare

Dettagli

Se l ambulatorio medico veterinario non è a norma, scatta la condanna.

Se l ambulatorio medico veterinario non è a norma, scatta la condanna. www.dirittoambiente.net Commento a sentenza del 25 maggio 2011 del Tribunale penale di Civitavecchia (depositata il 9 luglio 2011) Se l ambulatorio medico veterinario non è a norma, scatta la condanna.

Dettagli

Francesca Rescigno Università degli Studi di Bologna. I diritti degli esseri animali: una vita ed una morte dignitosa

Francesca Rescigno Università degli Studi di Bologna. I diritti degli esseri animali: una vita ed una morte dignitosa Francesca Rescigno Università degli Studi di Bologna I diritti degli esseri animali: una vita ed una morte dignitosa Pescara 29 novembre 2009 LA DOTTRINA ANTROPOCENTRICA ARISTOTELE LA RIFLESSIONE CRISTIANA

Dettagli

Il cucciolo La crescita e principali cure

Il cucciolo La crescita e principali cure 1 Centro veterinario alla Ressiga Il cucciolo La crescita e principali cure Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Chi già condivide la propria vita con un cane troverà nelle prossime righe uno spunto

Dettagli