COMUNE DI FORTE DEI MARMI QUESTIONARIO 3

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI FORTE DEI MARMI QUESTIONARIO 3"

Transcript

1 CFM1214 COMUNE DI FORTE DEI MARMI PROVA SCRITTA CONCORSO ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO QUESTIONARIO 3 NON APRIRE l involucro che racchiude il questionario prima che venga dato il segnale di inizio della prova

2

3 COMUNE DI FORTE DEI MARMI PROVA SCRITTA CONCORSO ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO 1) A norma del D.Lgs. 267/2000 il comune può adottare regolamenti nelle materie di propria competenza nel rispetto dei principi: A. fissati dalle leggi regionali e dello statuto B. fissati dalla legge C. dello statuto D. fissati dalla legge e dello statuto 2) A norma del D.Lgs. 267/2000 lo Stato può affidare al comune ulteriori funzioni amministrative oltre a quelle già espressamente previste? A. Sì, tramite un regolamento amministrativo che assicuri anche le risorse necessarie B. Sì, tramite una legge che regola anche i relativi rapporti finanziari C. No, mai D. Sì, tramite un decreto che demanda all'ente territoriale il reperimento delle risorse necessarie 3) A norma del D.Lgs. 267/2000 le sedute del consiglio comunale e delle commissioni sono pubbliche? A. Sì, sempre B. Sì, salvi i casi previsti dallo statuto C. Sì, salvi i casi previsti dal regolamento D. No, sono pubbliche unicamente le sedute del consiglio comunale 4) A norma del D.Lgs. 267/2000 per gli amministratori degli enti locali si osservano le disposizioni: A. vigenti in materia di responsabilità degli impiegati civili dello Stato B. previste dalle singole leggi regionali in materia di responsabilità patrimoniale C. dettate dagli statuti comunali e provinciali D. dettate dai regolamenti comunali e provinciali 5) A norma del D.Lgs. 267/2000 l obbligo di adottare i relativi strumenti urbanistici generali, qualora ne siano sprovvisti, vale per i consigli degli enti territoriali al di sopra: A. dei mille abitanti che devono provvedervi entro diciotto mesi dalla data di elezione degli organi B. dei cinquemila abitanti che devono provvedervi entro dodici mesi dalla data di elezione degli organi C. dei diecimila abitanti che devono provvedervi entro dodici mesi dalla data di elezione degli organi D. dei quindicimila abitanti che devono provvedervi entro sei mesi dalla data di elezione degli organi 6) A norma del D.Lgs. 267/2000 i comuni possono disciplinare con regolamento le proprie entrate tributarie, per quanto attiene alla individuazione e definizione delle fattispecie imponibili? A. Sì, salvo i casi espressamente previsti B. Sì C. No D. No, ma possono definire l'aliquota massima dei singoli tributi 7) A norma del D.Lgs. 267/2000 l'ordinamento finanziario e contabile dei comuni è riservato: A. alla legge regionale B. al regolamento comunale C. alla legge dello Stato D. al regolamento provinciale 8) A norma del D.Lgs. 267/2000 il rendiconto che dimostra i risultati di gestione è deliberato dall organo consiliare entro: A. il 31 dicembre dell anno di riferimento B. il 30 aprile dell'anno successivo C. il 31 luglio dell anno successivo D. il 31 gennaio dell anno successivo 9) A norma del D.Lgs. 267/2000 quale dei seguenti organi è preposto alla salvaguardia degli equilibri finanziari complessivi della gestione e dei vincoli di finanza pubblica? A. La giunta B. Il consiglio C. Il sindaco o, nei comuni con popolazione superiore ai abitanti, il direttore generale, ove nominato D. Il responsabile del servizio finanziario QUESTIONARIO 3 - Pagina 1 di 4

4 COMUNE DI FORTE DEI MARMI PROVA SCRITTA CONCORSO ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO 10) A norma della L. 241/1990 l'attività amministrativa è regolata secondo le modalità previste dalla legge stessa e dalle altre disposizioni che disciplinano singoli procedimenti, nonché dai principi: A. costituzionali B. dell'ordinamento comunitario C. dell'ordinamento giudiziario D. dell ordinamento regionale 11) A norma della L. 241/1990 nei casi in cui le disposizioni di legge non prevedono un termine diverso, i procedimenti amministrativi di competenza delle amministrazioni statali e degli enti pubblici nazionali devono concludersi entro il termine di: A. sessanta giorni B. trenta giorni C. novanta giorni D. centoventi giorni 12) A norma della L. 241/1990 nell ambito del procedimento amministrativo, quale dei seguenti soggetti valuta, ai fini istruttori, le condizioni di ammissibilità, i requisiti di legittimazione ed i presupposti che siano rilevanti per l emanazione di un provvedimento? A. Il responsabile del procedimento B. In ogni caso, l organo competente all adozione del provvedimento finale C. Sempre il giudice amministrativo D. Il dirigente dell'unità organizzativa competente 13) A norma della L. 241/1990 la comunicazione dell'avvio del procedimento amministrativo deve contenere l'indicazione della data entro la quale deve concludersi il procedimento? A. No, ma deve contenere l'indicazione dei rimedi esperibili in caso di inerzia dell'amministrazione B. Sì, ma solo se si tratta di procedimento ad iniziativa di parte C. Sì, ma solo se si tratta di procedimento iniziato d'ufficio D. Sì, in ogni caso 14) A norma della L. 241/1990 i provvedimenti amministrativi efficaci sono eseguiti: A. dopo trenta giorni, salvo che sia diversamente stabilito dalla legge B. immediatamente, salvo che sia diversamente stabilito dalla legge o dal provvedimento medesimo C. dopo sessanta giorni, salvo che sia diversamente stabilito dal provvedimento medesimo D. dopo novanta giorni, salvo che sia diversamente stabilito dalla legge o dal provvedimento medesimo 15) A norma della L. 241/1990 la richiesta di accesso ai documenti si intende respinta decorsi inutilmente dalla richiesta giorni: A. dieci B. quindici C. trenta D. quarantacinque 16) Il D.Lgs. 163/2006 prevede contratti pubblici sottratti in tutto o in parte alla disciplina di detto codice? A. No B. Sì, e li definisce contratti esclusi C. Sì, e li definisce contratti di disponibilità D. Sì, e li definisce contratti sotto soglia 17) A norma del D.Lgs. 163/2006 divenuta efficace l aggiudicazione definitiva, e fatto salvo l'esercizio dei poteri di autotutela nei casi consentiti dalle norme vigenti, la stipulazione del contratto di appalto o di concessione ha luogo, salvi i casi espressamente indicati, entro il termine di: A. novanta giorni B. centottanta giorni C. sessanta giorni D. centoventi giorni QUESTIONARIO 3 - Pagina 2 di 4

5 COMUNE DI FORTE DEI MARMI PROVA SCRITTA CONCORSO ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO 18) A norma del D.P.R. 445/2000 nel caso in cui all'atto della presentazione dell'istanza sia richiesta l'esibizione di un documento di identità o di riconoscimento, le amministrazioni pubbliche hanno l obbligo di verificare, nel corso del procedimento, la veridicità dei dati contenuti nel documento esibito? A. No, ma ne hanno facoltà B. No, è espressamente vietato C. Sì, sempre D. Sì, ma solo qualora il documento esibito sia un documento di riconoscimento 19) A norma del D.P.R. 445/2000 qualora l'interessato sia in possesso di un documento di identità o di riconoscimento non in corso di validità, gli stati, le qualità personali e i fatti in esso contenuti possono essere comprovati mediante esibizione dello stesso? A. No, in nessun caso B. Sì, purché l'interessato dichiari, in calce alla fotocopia del documento, che i dati contenuti nel documento non hanno subito variazioni dalla data del rilascio C. Sì, ma solo se il documento di cui l'interessato è in possesso sia un documento di identità D. Sì, senza ulteriori adempimenti 20) A norma del D.P.R. 184/2006 il soggetto che ha ricevuto comunicazione dalla pubblica amministrazione di una richiesta di accesso cui è controinteressato, può presentare una opposizione a tale richiesta? A. No, in quanto la comunicazione ha mero carattere informativo B. Sì, ma solo se il controinteressato è un soggetto di diritto pubblico C. No, in quanto il diritto di accesso è sempre preminente D. Sì, purché motivata 21) A norma del D.P.R. 184/2006 le disposizioni sulle modalità del diritto di accesso di cui a detto regolamento si applicano anche ai soggetti portatori di interessi diffusi o collettivi? A. No B. Sì C. No, solo ai portatori di interessi diffusi D. No, solo ai portatori di interessi collettivi 22) A norma del D.P.R. 184/2006 il diritto di accesso può essere esercitato mediante richiesta verbale all'ufficio dell'amministrazione competente a formare l'atto conclusivo del procedimento? A. Sì, sempre B. No, in nessun caso C. Sì, qualora in base al contenuto del documento richiesto non risulti l'esistenza di controinteressati D. Sì, ma tale richiesta deve essere seguita da una richiesta formale di accesso entro i termini espressamente indicati 23) A norma del D.P.R. 184/2006 l'accoglimento della richiesta di accesso a un documento comporta anche la facoltà di accesso agli altri documenti nello stesso richiamati? A. Sì, anche se non appartenenti al medesimo procedimento e fatte salve le eccezioni di legge o di regolamento B. Sì, ove appartenenti al medesimo procedimento e fatte salve le eccezioni di legge o di regolamento C. No, in nessun caso D. Sì, sempre 24) A norma del D.Lgs. 165/2001 ai dirigenti spetta l'adozione degli atti e provvedimenti amministrativi, compresi tutti gli atti che impegnano l'amministrazione verso l'esterno. Tali attribuzioni possono essere derogate? A. No, in nessun caso B. Sì, ma solo con provvedimento adottato all'unanimità dall'organo esecutivo C. Si, ma soltanto espressamente e ad opera di specifiche disposizioni legislative D. Sì, ogniqualvolta si renda necessario QUESTIONARIO 3 - Pagina 3 di 4

6 COMUNE DI FORTE DEI MARMI PROVA SCRITTA CONCORSO ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO 25) A norma del D.Lgs. 165/2001 l'informazione all'utenza relativa agli atti dei procedimenti è demandata: A. agli uffici per le relazioni con il pubblico B. ai dirigenti C. ai responsabili del procedimento D. all'ufficio dell'amministrazione competente a formare l'atto conclusivo del procedimento 26) A norma del D.Lgs. 165/2001 il rapporto di lavoro dei dipendenti degli enti locali è disciplinato: A. unicamente dai contratti collettivi previsti dal decreto stesso B. dal D.Lgs. 267/2000 e dai contratti collettivi, ove applicabili C. dai contratti collettivi previsti dal decreto stesso nonché dal D.Lgs. 267/2000 D. dai contratti collettivi previsti dal decreto stesso nonché dalle leggi regionali 27) Ai fini del D.Lgs. 82/2005 per dato a conoscibilità limitata si intende: A. il dato la cui conoscibilità è riservata, per legge, al titolare B. il dato la cui conoscibilità è riservata per legge o regolamento a specifici soggetti o categorie di soggetti C. ogni dato definito sensibile D. il dato la cui conoscibilità è riservata, per legge, alla amministrazione che lo detiene 28) A norma del D.Lgs. 82/2005 le amministrazioni pubbliche devono adottare e comunicare atti e provvedimenti amministrativi nei confronti delle imprese utilizzando le tecnologie dell'informazione e della comunicazione? A. No, ne hanno la possibilità ma non l obbligo B. No, ne hanno il divieto C. Sì, in via subordinata D. Sì, in via esclusiva 29) A norma del D.Lgs. 82/2005 il documento informatico da chiunque formato, la memorizzazione su supporto informatico e la trasmissione con strumenti telematici conformi alle regole tecniche espressamente previste: A. sono validi agli effetti di legge B. sono validi e rilevanti agli effetti di legge C. sono rilevanti agli effetti di legge D. non sono validi agli effetti di legge 30) A norma del D.Lgs. 82/2005 i documenti trasmessi da chiunque ad una pubblica amministrazione con qualsiasi mezzo telematico o informatico, idoneo ad accertarne la fonte di provenienza, soddisfano il requisito della forma scritta? A. Sì, ma solo se la loro trasmissione è seguita da quella del documento originale B. No, in nessun caso C. No, tranne che nei casi espressamente indicati D. Sì, e la loro trasmissione non deve essere seguita da quella del documento originale QUESTIONARIO 3 - Pagina 4 di 4

7

8

ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI PADOVA

ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI PADOVA ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEGLI ARTT. 2 E 4 DELLA LEGGE 7 AGOSTO 1990 n. 241 COME MODIFICATA E INTEGRATA DALLA LEGGE 11 FEBBRAIO

Dettagli

SCIA E INDIVIDUAZIONE DEI REGIMI AMMINISTRATIVI

SCIA E INDIVIDUAZIONE DEI REGIMI AMMINISTRATIVI 777777777777777D SCIA E INDIVIDUAZIONE DEI REGIMI AMMINISTRATIVI FAQ DOMANDE E RISPOSTE MODULISTICA, SPORTELLO UNICO E OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE 1. Cosa prevede la nuova disciplina in materia di modulistica?

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERA 14 dicembre 2016 Regolamento disciplinante i procedimenti relativi all'accesso civico ai dati, alle informazioni ed ai documenti detenuti dalla COVIP.

Dettagli

Provincia di Sondrio Regolamento per l accesso agli atti amministrativi

Provincia di Sondrio Regolamento per l accesso agli atti amministrativi Regolamento per l accesso agli atti amministrativi Approvato con deliberazione di Consiglio provinciale n. 10 del 27 FEBBRAIO 2008 - esecutiva TITOLO I Articolo 1 Oggetto, finalità e principi 1. Il presente

Dettagli

a. La trasformazione del debito pubblico domestico in debito pubblico estero

a. La trasformazione del debito pubblico domestico in debito pubblico estero QUIZ n. 1 Amministrazione Comunale 1) IL CONSOLIDAMENTO DEL DEBITO PUBBLICO RAPPRESENTA PPRESENTA: a. La trasformazione del debito pubblico domestico in debito pubblico estero b. La trasformazione del

Dettagli

PROCEDURA DI ACCESSO AI PROGETTI INFRASTRUTTURALI DEPOSITATI PRESSO REGIONE LOMBARDIA

PROCEDURA DI ACCESSO AI PROGETTI INFRASTRUTTURALI DEPOSITATI PRESSO REGIONE LOMBARDIA PROCEDURA DI ACCESSO AI PROGETTI INFRASTRUTTURALI DEPOSITATI PRESSO REGIONE LOMBARDIA D.G. Infrastrutture e Mobilità ART. 1 - OGGETTO DELL ACCESSO 1. Il presente documento disciplina, al fine di pervenire

Dettagli

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano N. 01/2017 SCIA UNICA: IL MODELLO STANDARD VALIDO IN TUTTA ITALIA DAL 1 GENNAIO 2017 Disposizione tecnico organizzativa (DTO

Dettagli

LEZIONE 3 TEST A RISPOSTA MULTIPLA. di Marco Di Folco. giugno Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale

LEZIONE 3 TEST A RISPOSTA MULTIPLA. di Marco Di Folco. giugno Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 3 ELEMENTI E NOZIONI DI DIRITTO AMMINISTRATIVO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO DI CUI ALLA LEGGE 241/90 E SUCC.

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLA RISERVATEZZA DEI DATI PERSONALI TRATTATI DAGLI UFFICI COMUNALI

REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLA RISERVATEZZA DEI DATI PERSONALI TRATTATI DAGLI UFFICI COMUNALI Allegato alla deliberazione del Consiglio comunale n. 41 di data 26.10.2000 Il segretario comunale f.to d.ssa Claudia Visani COMUNE DI NAVE SAN ROCCO Provincia di Trento REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLA

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE ALLE ENTRATE TRIBUTARIE COMUNALI

COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE ALLE ENTRATE TRIBUTARIE COMUNALI COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE ALLE ENTRATE TRIBUTARIE COMUNALI Adottato dal Consiglio comunale nella seduta del 28.9.2000 con provvedimento

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 25 del 24/02/2014

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 25 del 24/02/2014 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 25 del 24/02/2014 LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6 Modifiche e integrazioni alle leggi regionali 15 novembre 2007, n. 34, 7 agosto 2013, n. 27 e 11 febbraio

Dettagli

Legge sul procedimento amministrativo

Legge sul procedimento amministrativo Legge sul procedimento amministrativo LEGGE 7 agosto 1990, n. 241 Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto

Dettagli

LEGGE REGIONALE 05 luglio 1994, n. 30 (1)

LEGGE REGIONALE 05 luglio 1994, n. 30 (1) LEGGE REGIONALE 05 luglio 1994, n. 30 (1) (1) In B.U.R.L. 20 luglio 1994, n. 20 Disciplina delle sanzioni amministrative di competenza regionale Epigrafe Art. 1 - Ambito di applicazione. Art. 2 - Delega.

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO Regolamento di attuazione della Legge 7 agosto 1990 n. 241, recante nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi Emanato

Dettagli

1. Per quali finalità la legge n. 241 del 1990 prevede che l'amministrazione procedente indica una conferenza di servizi?

1. Per quali finalità la legge n. 241 del 1990 prevede che l'amministrazione procedente indica una conferenza di servizi? QUIZ LEZIONE 4 1. Per quali finalità la legge n. 241 del 1990 prevede che l'amministrazione procedente indica una conferenza di servizi? A) Per effettuare un esame contestuale dei vari interessi pubblici

Dettagli

OGGETTO: NOVITA IN MATERIA DI ACCESSO CIVICO E ACCESSO AI DOCUMENTI INDICAZIONI OPERATIVE

OGGETTO: NOVITA IN MATERIA DI ACCESSO CIVICO E ACCESSO AI DOCUMENTI INDICAZIONI OPERATIVE OGGETTO: NOVITA IN MATERIA DI ACCESSO CIVICO E ACCESSO AI DOCUMENTI INDICAZIONI OPERATIVE Il D. lgs. 97/2016 Revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione, pubblicità

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA

Città Metropolitana di Roma Capitale REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA Città Metropolitana di Roma Capitale REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 72 del 21 dicembre 2015 INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

TEST DI PRESELEZIONE

TEST DI PRESELEZIONE TEST DI PRESELEZIONE 1) In materia di documentazione amministrativa.. a) I documenti trasmessi da chiunque ad un pubblica amministrazione tramite fax, o con altro mezzo telematico o informatico idoneo

Dettagli

Capo I - Ricorso gerarchico

Capo I - Ricorso gerarchico Decreto del Presidente della Repubblica 24 novembre 1971, n. 1199. Semplificazione dei procedimenti in materia di ricorsi amministrativi, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale 17 gennaio 1972, n. 13. Capo

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI. GSSI Gran Sasso Science Institute

REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI. GSSI Gran Sasso Science Institute REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti amministrativi

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOTIFICAZIONE DEGLI ATTI

REGOLAMENTO DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOTIFICAZIONE DEGLI ATTI COMUNE DI CLES (Provincia di Trento) ******** REGOLAMENTO DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOTIFICAZIONE DEGLI ATTI Approvato con delibera del Consiglio comunale n. 39 dd. 28.07.2015 INDICE Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Art. 3, comma 1, lett. d) D.Lgs. 39/2013)

Art. 3, comma 1, lett. d) D.Lgs. 39/2013) ALLEGATO 5 AL PIANO ANTICORRUZIONE DI JTACA S.R.L. INCARICHI DI AMMINISTRATORE E DIRIGENZIALI DEFINIZIONE DI AMMISTRATORE (Art. 1, comma 2 lett. l) D.Lgs. 39/2013) per «incarichi di amministratore di enti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOTIFICAZIONE DEGLI ATTI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOTIFICAZIONE DEGLI ATTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOTIFICAZIONE DEGLI ATTI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 in data 30/07/2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 3 ART. 2 -

Dettagli

Art. 6 Mancata restituzione delle somme revocate Art. 7 Interessi di revoca Art. 8 Imputazione delle somme versate

Art. 6 Mancata restituzione delle somme revocate Art. 7 Interessi di revoca Art. 8 Imputazione delle somme versate Allegato Disposizioni procedurali per le revoche e le restituzioni di incentivi gestiti dall Area Servizi al Cittadino - U.O. Politiche Attive del Lavoro Sportello Contributi Lavoro della Provincia di

Dettagli

Regolamento per la disciplina delle modalità di esercizio e i casi di esclusione del diritto di accesso ai documenti amministrativi

Regolamento per la disciplina delle modalità di esercizio e i casi di esclusione del diritto di accesso ai documenti amministrativi Regolamento per la disciplina delle modalità di esercizio e i casi di esclusione del diritto di accesso ai documenti amministrativi Art. 1 - Oggetto.... 2 Art. 2 - Ambito di applicazione...... 2 Art. 3

Dettagli

COMUNE DI MONTELONGO

COMUNE DI MONTELONGO COMUNE DI MONTELONGO Provincia di Campobasso REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO IN ATTUAZIONE DELLA L. N. 241/90 Approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

Legge 27 marzo 2001, n. 97

Legge 27 marzo 2001, n. 97 Legge 27 marzo 2001, n. 97 Norme sul rapporto tra procedimento penale e procedimento disciplinare ed effetti del giudicato penale nei confronti dei dipendenti delle amministrazioni pubbliche 1 Legge 27

Dettagli

Rev. 0 del 17/04/2012 REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

Rev. 0 del 17/04/2012 REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Rev. 0 del 17/04/2012 REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI 1 Sommario Art. 1 - Definizione... 3 Art. 2 - Soggetti legittimati... 3 Art. 3- Oggetto del diritto di accesso... 3 Art. 4 -

Dettagli

C I T T A D I G A L L I P O L I PROVINCIA DI LECCE

C I T T A D I G A L L I P O L I PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE Deliberazione N. 83 in data 06/09/2007 C I T T A D I G A L L I P O L I PROVINCIA DI LECCE Verbale di Deliberazione del Commissario Straordinario Oggetto: Adozione del catasto delle aree percorse

Dettagli

Regolamento sulla tutela della riservatezza dei dati personali contenuti in archivi e banche-dati comunali

Regolamento sulla tutela della riservatezza dei dati personali contenuti in archivi e banche-dati comunali Regolamento sulla tutela della riservatezza dei dati personali contenuti in archivi e banche-dati comunali - 1998 Il "Regolamento sulla tutela della riservatezza dei dati personali contenuti in archivi

Dettagli

MODIFICA DEL REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ADDIZIONALE COMUNALE ALL IRPEF APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.

MODIFICA DEL REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ADDIZIONALE COMUNALE ALL IRPEF APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. MODIFICA DEL REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ADDIZIONALE COMUNALE ALL IRPEF APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. DEL INDICE Art. 1 - Oggetto e scopo del regolamento Art. 2 - Potestà regolamentare

Dettagli

REGIONE MARCHE 24 settembre 1992, n. 47: Norme di attuazione della legge 4 gennaio 1990, n. 1 disciplina dell'attività di estetista.

REGIONE MARCHE 24 settembre 1992, n. 47: Norme di attuazione della legge 4 gennaio 1990, n. 1 disciplina dell'attività di estetista. REGIONE MARCHE 24 settembre 1992, n. 47: Norme di attuazione della legge 4 gennaio 1990, n. 1 disciplina dell'attività di estetista. (Pubblicata nel B.U.R. 28 settembre 1992, n. 84) Art. 1 - Finalità 1.

Dettagli

IL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

IL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO IL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO dalla l. 241/90 alla l. 15/05 Prof. Alessandra Pioggia (materiale didattico ad esclusivo uso interno) Le innovazioni nella gestione del procedimento I principi generali dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Varese, nella seduta del 9 giugno 2015 ha deliberato quanto segue: CAPO I AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

BANCA D'ITALIA LA BANCA D ITALIA

BANCA D'ITALIA LA BANCA D ITALIA BANCA D'ITALIA Deliberazione 11 dicembre 2007 Regolamento per la disciplina delle modalità dell esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi concernenti l attività di vigilanza in materia

Dettagli

Regolamento in materia di accesso ai documenti amministrativi

Regolamento in materia di accesso ai documenti amministrativi Regolamento in materia di accesso ai documenti amministrativi marzo 2012 Scopo e campo d applicazione Il diritto di accesso si esercita nei confronti di Insula spa, per le attività di pubblico interesse

Dettagli

Regolamento comunale degli istituti della partecipazione Istanze, petizioni, proposte di deliberazione

Regolamento comunale degli istituti della partecipazione Istanze, petizioni, proposte di deliberazione Regolamento comunale degli istituti della partecipazione Istanze, petizioni, proposte di deliberazione Approvato con Deliberazione CC n 8 del 27.01.2015 Indice Art. 1 Finalità Art. 2 Oggetto Art. 3 Soggetti

Dettagli

COMUNE DI POGGIO TORRIANA PROVINCIA DI RIMINI

COMUNE DI POGGIO TORRIANA PROVINCIA DI RIMINI COMUNE DI POGGIO TORRIANA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE VIDEO RIPRESE E LA DIRETTA STREAMING DELLE SEDUTE DI CONSIGLIO COMUNALE Adottato con delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI VENDONE Provincia di Savona

COMUNE DI VENDONE Provincia di Savona COMUNE DI VENDONE Provincia di Savona REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI NOTIFICAZIONE ATTI (approvato con deliberazione C.C. n. 21 del 01/03/2006) Indice Articolo 1 Oggetto Articolo 2 Definizione

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 74 DEL 5 SETTEMBRE 2014 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

Regolamento regionale 28 febbraio 2008, n. 2

Regolamento regionale 28 febbraio 2008, n. 2 Regolamento regionale 28 febbraio 2008, n. 2 Nuova disciplina delle modalità di esercizio e dei casi di esclusione del diritto di accesso ai documenti amministrativi. CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 248 22.08.2016 La nuova SCIA: ultime disposizioni Categoria: Contribuenti Sottocategoria: Varie L art. 49, comma 4-bis, della Legge 122/2010 ha

Dettagli

Procedimento amministrativo

Procedimento amministrativo Procedimento amministrativo Una serie di atti e di operazioni preordinati all emanazione di un provvedimento che rappresenta la volontà dell amministrazione a cura di s. reverso 1 Il responsabile del procedimento,

Dettagli

proposta di legge n. 83

proposta di legge n. 83 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 83 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 26 agosto 2016 ISTITUZIONE DI UN NUOVO COMUNE MEDIANTE FUSIONE DEI COMUNI DI MONTEMAGGIORE

Dettagli

COMUNE DI PIOVENE ROCCHETTE Provincia di Vicenza

COMUNE DI PIOVENE ROCCHETTE Provincia di Vicenza Provincia di Vicenza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AGRO-ALIMENTARI TERRITORIALI LOCALI ISTITUZIONE DELLA De.C.O. (DENOMINAZIONE COMUNALE DI ORIGINE)... Approvato

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento ed ambito di applicazione 1. Art. 2 Normativa di riferimento

Art. 1 Oggetto del regolamento ed ambito di applicazione 1. Art. 2 Normativa di riferimento Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria, ai sensi dell articolo 36, comma 8 del d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50.

Dettagli

COMUNE DI ISOLA di CAPO RIZZUTO PROVINCIA DI CROTONE

COMUNE DI ISOLA di CAPO RIZZUTO PROVINCIA DI CROTONE COMUNE DI ISOLA di CAPO RIZZUTO PROVINCIA DI CROTONE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 27 del 30 agosto 2012 1 INDICE Titolo I Disposizioni sull esercizio del diritto di accesso ai documenti

Dettagli

COMUNE DI ANDORNO MICCA PROVINCIA DI BIELLA REGOLAMENTO SULLA RISERVATEZZA DEI DATI PERSONALI

COMUNE DI ANDORNO MICCA PROVINCIA DI BIELLA REGOLAMENTO SULLA RISERVATEZZA DEI DATI PERSONALI COMUNE DI ANDORNO MICCA PROVINCIA DI BIELLA REGOLAMENTO SULLA RISERVATEZZA DEI DATI PERSONALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 10.04.2000 Art.1 Oggetto del regolamento 1. Il

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Norma di attuazione in materia di funzioni di controllo della Corte dei conti in Sardegna.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Norma di attuazione in materia di funzioni di controllo della Corte dei conti in Sardegna. ** REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Norma di attuazione in materia di funzioni di controllo della Corte dei conti in Sardegna. Capo I Controllo della Corte dei Conti... 2 Articolo 1. Costituzione della

Dettagli

1. Organi competenti per l'esercizio del potere di annullamento e di revoca d'ufficio o di rinuncia all'imposizione in caso di autoaccertamento.

1. Organi competenti per l'esercizio del potere di annullamento e di revoca d'ufficio o di rinuncia all'imposizione in caso di autoaccertamento. Ministero delle finanze D.M. 11-2-1997 n. 37 Regolamento recante norme relative all'esercizio del potere di autotutela da parte degli organi dell'amministrazione finanziaria. Pubblicato nella Gazz. Uff.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI CAPO I PRINCIPI, OGGETTO E TERMINI

REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI CAPO I PRINCIPI, OGGETTO E TERMINI REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI CAPO I PRINCIPI, OGGETTO E TERMINI Art. 1 (Principi) 1. L Alma Mater Studiorum Università di Bologna (d ora in avanti: Università ) informa la propria attività

Dettagli

COMUNE DI SALMOUR P R O V I N C I A D I C U N E O

COMUNE DI SALMOUR P R O V I N C I A D I C U N E O COMUNE DI SALMOUR P R O V I N C I A D I C U N E O VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.16 OGGETTO: Imposta municipale propria (IMU) - approvazione aliquote - anno 2014 1 6 O r i g i n a l

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE A INIZIATIVA DELLA CONCERNENTE: ISTITUZIONE DI UN NUOVO COMUNE MEDIANTE FUSIONE DEI COMUNI DI COLBORDOLO E SANT ANGELO IN LIZZOLA, AI SENSI DELL ARTICOLO 2, COMMA

Dettagli

COMUNE DI FAGNANO CASTELLO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLO. Approvato con Delibera del Consiglio Comunale N 22

COMUNE DI FAGNANO CASTELLO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLO. Approvato con Delibera del Consiglio Comunale N 22 COMUNE DI FAGNANO CASTELLO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale N 22 del 28/06/2013 1 INDICE 1 DEFINIZIONI... 3 2

Dettagli

COMUNE DI VIBO VALENTIA PROV. DI VIBO VALENTIA

COMUNE DI VIBO VALENTIA PROV. DI VIBO VALENTIA COMUNE DI VIBO VALENTIA PROV. DI VIBO VALENTIA REGOLAMENTO DELLE DETERMINAZIONI DIRIGENZIALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA G.M. N. 105 DEL 26 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO DELLE DETERMINAZIONI DIRIGENZIALI

Dettagli

PROPOSTA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 65 in data 31/10/2016 PROSPETTO DELLE PRESENZE DEI MEMBRI DELLA GIUNTA

PROPOSTA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 65 in data 31/10/2016 PROSPETTO DELLE PRESENZE DEI MEMBRI DELLA GIUNTA CITTA DI ASTI PROPOSTA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 65 in data 31/10/2016 PROSPETTO DELLE PRESENZE DEI MEMBRI DELLA GIUNTA Nome e cognome Carica Presente Fabrizio BRIGNOLO SINDACO SI Davide ARRI ASSESSORE

Dettagli

Comune di ORINO Provincia di Varese. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI ex art. 22 e seguenti Legge n.

Comune di ORINO Provincia di Varese. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI ex art. 22 e seguenti Legge n. Comune di ORINO Provincia di Varese REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI ex art. 22 e seguenti Legge 07-08-1990 n. 241 Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47 del 03-12-1993

Dettagli

SOMMARIO. Art.1 - AMBITO DI APPLICAZIONE Art.2 - OBBLIGHI PREVISTI AD INIZIO MANDATO ED AL MOMENTO DELL ASSUNZIONE IN CARICA...

SOMMARIO. Art.1 - AMBITO DI APPLICAZIONE Art.2 - OBBLIGHI PREVISTI AD INIZIO MANDATO ED AL MOMENTO DELL ASSUNZIONE IN CARICA... REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITA E LA TRASPARENZA DELLO STATO PATRIMONIALE DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO DEL COMUNE DI PIAGGINE E PER LA DISCIPLINA DEL PROCEDIMENTO SANZIONATORIO

Dettagli

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce (Settore Amministrativo) REGOLAMENTO ISTITUTIVO DELL'ALBO DELLE ASSOCIAZIONI (Approvato con deliberazione di C.C. n. 4 del 09/01/2007) Art. 1 - Contenuto - 1. Il

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. nato/a a il

Il/La sottoscritto/a. nato/a a il Alla Regione Toscana D. G. della Presidenza Settore Affari giuridici e legislativi per le materie ambientali e del territorio Piazza dell Unità Italiana, 1 50123 Firenze Oggetto: dichiarazione di cui all

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA SALUTE CONTRO I DANNI DERIVANTI DAL FUMO NORME DI RIFERIMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA SALUTE CONTRO I DANNI DERIVANTI DAL FUMO NORME DI RIFERIMENTO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA SALUTE CONTRO I DANNI DERIVANTI DAL FUMO NORME DI RIFERIMENTO Legge 11 novembre 1975, n. 584 (G.U. 5 dicembre 1975, n. 322, recante: Divieto di fumare in determinati

Dettagli

Nella riunione consiliare del 4 giugno 2008 il Consiglio notarile distrettuale ha approvato il seguente regolamento. Art. 1.

Nella riunione consiliare del 4 giugno 2008 il Consiglio notarile distrettuale ha approvato il seguente regolamento. Art. 1. REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO NOTARILE DISTRETTUALE DI TRANI SUI TEMPI MASSIMI DI CHIUSURA DEI PROPRI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI IN APPLICAZIONE DELLA L.7 AGOSTO 1990 N.241 Vista la Legge 7 agosto 1990 n.241

Dettagli

REGOLAMENTO SUl CONTROLLI INTERNI. Articolo 1 Oggetto e finalità

REGOLAMENTO SUl CONTROLLI INTERNI. Articolo 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO SUl CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione n. 4 del 27.03.2013 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. ll presente regolamento disciplina il funzionamento del sistema dei controlli interni

Dettagli

DICHIARAZIONE DI ASSENZA DI SITUAZIONI DI INCONFERIBILITÀ E DI INCOMPATIBILITÀ AI SENSI DELLA L. 190/2012 E DEL D.LGS 39/2013

DICHIARAZIONE DI ASSENZA DI SITUAZIONI DI INCONFERIBILITÀ E DI INCOMPATIBILITÀ AI SENSI DELLA L. 190/2012 E DEL D.LGS 39/2013 DICHIARAZIONE DI ASSENZA DI SITUAZIONI DI INCONFERIBILITÀ E DI INCOMPATIBILITÀ AI SENSI DELLA L. 190/2012 E DEL D.LGS 39/2013 La sottoscritta DA LIO SARA in qualità di COMPONENTE del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE ISTITUZIONE DEL COMUNE DI CASALI DEL MANCO MEDIANTE LA FUSIONE DEI COMUNI DI CASOLE BRUZIO,

REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE ISTITUZIONE DEL COMUNE DI CASALI DEL MANCO MEDIANTE LA FUSIONE DEI COMUNI DI CASOLE BRUZIO, REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE ISTITUZIONE DEL COMUNE DI CASALI DEL MANCO MEDIANTE LA FUSIONE DEI COMUNI DI CASOLE BRUZIO, PEDACE, SERRA PEDACE, SPEZZANO PICCOLO E TRENTA. Approvata dal Consiglio regionale

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME. U.O.C. Segreteria del Sindaco. DECRETO del SINDACO N. 24. del 31/10/2014.

COMUNE DI MONTECATINI TERME. U.O.C. Segreteria del Sindaco. DECRETO del SINDACO N. 24. del 31/10/2014. COMUNE DI MONTECATINI TERME U.O.C. Segreteria del Sindaco DECRETO del SINDACO C O P I A N. 24 del 31/10/2014. OGGETTO: CONFERIMENTO INCARICHI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA DI AREA FOGLIO N. 1 - IL SINDACO

Dettagli

Allegato 1 DISCIPLINA GENERALE DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

Allegato 1 DISCIPLINA GENERALE DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Allegato alla deliberazione consiliare n. 5 dd. 09/03/2010 IL SEGRETARIO GENERALE dott. Diego Viviani Allegato 1 DISCIPLINA GENERALE DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Articoli: Art. 1 Fonti normative e definizioni

Dettagli

Attività Produttive. Attività di vendita - Medie strutture di vendita - AUTORIZZAZIONE. Descrizione

Attività Produttive. Attività di vendita - Medie strutture di vendita - AUTORIZZAZIONE. Descrizione Attività Produttive Attività di vendita - Medie strutture di vendita - AUTORIZZAZIONE Descrizione Sono medie strutture di vendita gli esercizi commerciali per la vendita al dettaglio in area privata con

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCERTAMENTO CON ADESIONE

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCERTAMENTO CON ADESIONE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCERTAMENTO CON ADESIONE 1 Indice Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 disposizioni relative

Dettagli

N. 36 REGISTRO DELIBERAZIONI COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza ... ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA

N. 36 REGISTRO DELIBERAZIONI COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza ... ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N. 36 REGISTRO DELIBERAZIONI COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE... OGGETTO: ADDIZIONALE

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 9 gennaio 2008, n. 23 (in GU 15 febbraio 2008, n. 39)

Decreto del Presidente della Repubblica 9 gennaio 2008, n. 23 (in GU 15 febbraio 2008, n. 39) Decreto del Presidente della Repubblica 9 gennaio 2008, n. 23 (in GU 15 febbraio 2008, n. 39) Regolamento recante norme in materia di convenzioni con le scuole primarie paritarie ai sensi dell'articolo

Dettagli

COMUNE DI PONTBOSET VALLE D'AOSTA REGOLAMENTO DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOTIFICAZIONE DEGLI ATTI

COMUNE DI PONTBOSET VALLE D'AOSTA REGOLAMENTO DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOTIFICAZIONE DEGLI ATTI COMUNE DI PONTBOSET VALLE D'AOSTA ******** REGOLAMENTO DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOTIFICAZIONE DEGLI ATTI Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizione di notificazione Art. 3 - Modalità per la notificazione

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 27/16 recante l individuazione dei termini e delle unità organizzative responsabili dei

Dettagli

Il testo del decreto legislativo 30 giugno 2016, n. 126

Il testo del decreto legislativo 30 giugno 2016, n. 126 Il testo del decreto legislativo 30 giugno 2016, n. 126 Attuazione della delega in materia di segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), a norma dell'articolo 5 della legge 7 agosto 2015, n. 124.

Dettagli

COMUNE DI FLERO PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI FLERO PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI FLERO PROVINCIA DI BRESCIA ORIGINALE Codice ente: 10322 Protocollo N. DELIBERAZIONE N.176 Comunicata ai capigruppo Consiliari in data 01.01.2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI SOLFERINO Provincia di Mantova

COMUNE DI SOLFERINO Provincia di Mantova COMUNE DI SOLFERINO Provincia di Mantova N. 27 R.D. N. 1380 P.G. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE DETRAZIONI. UNICA (IMU) ANNO 2014: ALIQUOTE E L anno duemilaquattordici

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 12 aprile 2006, n.184 testo in vigore dal: 2-6-2006

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 12 aprile 2006, n.184 testo in vigore dal: 2-6-2006 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 12 aprile 2006, n.184 testo in vigore dal: 2-6-2006 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'articolo 87 della Costituzione; Visto l'articolo 17, comma 2, della legge

Dettagli

Il nuovo regolamento per l accesso ai documenti amministrativi

Il nuovo regolamento per l accesso ai documenti amministrativi Il nuovo regolamento per l accesso ai documenti amministrativi Gabriele Gentilini Giugno 2008 Con il d.p.r. 184/2006 è stato emanato secondo quanto disposto dall art. 23 della L. 15/2005, un nuovo regolamento

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di spedizioniere disciplinata dalla legge14 novembre

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di spedizioniere disciplinata dalla legge14 novembre Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di spedizioniere disciplinata dalla legge14 novembre 1941, n. 1442, in attuazione degli articoli 76 e 80

Dettagli

Attività Produttive. Attività di commercio su aree pubbliche Commercio in forma itinerante. Descrizione

Attività Produttive. Attività di commercio su aree pubbliche Commercio in forma itinerante. Descrizione Attività Produttive Attività di commercio su aree pubbliche Commercio in forma itinerante Descrizione Per commercio in forma itinerante si intende la vendita su aree pubbliche di prodotti alimentari e

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di Firenze

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di Firenze C O P I A Copia conforme all originale, in carta libera. Dalla Residenza Municipale, lì 09-05-11 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Per ordine del Segretario Il Funzionario Incaricato (Sandra Visani)

Dettagli

COMUNE DI LIGNANO SABBIADORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI ESERCIZIO E DEI CASI DI ESCLUSIONE DEL DIRITTO DI ACCESSO

COMUNE DI LIGNANO SABBIADORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI ESERCIZIO E DEI CASI DI ESCLUSIONE DEL DIRITTO DI ACCESSO COMUNE DI LIGNANO SABBIADORO C.A.P. 33054 PROVINCIA DI UDINE Tel. 0431/409111 C.F. 83000710307 Fax. 0431/73288 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI ESERCIZIO E DEI CASI DI ESCLUSIONE DEL DIRITTO

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Ufficio studi

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Ufficio studi 1. D: Cosa accade ai COA attualmente in carica? F.A.Q. R: Sono prorogati di diritto sino al 31 Dicembre 2014 (art. 65 co. 2). 2. D: Quali sono le cause di incompatibilità per i Consiglieri del COA e quando

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE MODALITÀ DI ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO. Titolo I Disposizioni generali. art. 1 Finalità. art. 2 Diritto di accesso

REGOLAMENTO SULLE MODALITÀ DI ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO. Titolo I Disposizioni generali. art. 1 Finalità. art. 2 Diritto di accesso REGOLAMENTO SULLE MODALITÀ DI ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO Titolo I Disposizioni generali art. 1 Finalità 1. Il presente regolamento: - disciplina le modalità di esercizio del diritto di accesso; -

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ILARIA ALPI VIA VARSAVIA, 5 00055 LADISPOLI (RM) TEL. 069910537 TEL 0699220826/FAX

Dettagli

DECRETO PRESIDENZIALE 30 DICEMBRE 2008 N.34/N

DECRETO PRESIDENZIALE 30 DICEMBRE 2008 N.34/N Disciplina concernente il Collegio giudicante e il Collegio di appello competenti a decidere sui ricorsi presentati dal personale del Segretariato generale della Presidenza della Repubblica DECRETO PRESIDENZIALE

Dettagli

PRIMA PROVA SCRITTA (MATERIE COMUNI) A (10 domande a risposta chiusa [esatta +0,5; errata 0,5; non data -0,25])

PRIMA PROVA SCRITTA (MATERIE COMUNI) A (10 domande a risposta chiusa [esatta +0,5; errata 0,5; non data -0,25]) PRIMA PROVA SCRITTA (MATERIE COMUNI) A (10 domande a risposta chiusa [esatta +0,5; errata 0,5; non data -0,25]) Domanda n PSA-1.01 Quali delle tre modalità nelle quali un Ente Locale può gestire servizi

Dettagli

COMUNE di MATERA. 1 Invero ai sensi del vigente art. 53, comma 23 della L. n. 388/ Gli enti locali con popolazione inferiore a

COMUNE di MATERA. 1 Invero ai sensi del vigente art. 53, comma 23 della L. n. 388/ Gli enti locali con popolazione inferiore a COMUNE di MATERA Competenze degli Organi Politici: Sindaco, Giunta e Consiglio (secondo quanto disposto dal D.Lgs. n. 267/2000 Testo Unico Enti Locali) In tutti i Comuni d Italia con popolazione da 5000

Dettagli

C O M U N E D I C O S S I G N A N O PROVINCIA DI ASCOLI PICENO

C O M U N E D I C O S S I G N A N O PROVINCIA DI ASCOLI PICENO C O M U N E D I C O S S I G N A N O PROVINCIA DI ASCOLI PICENO DISCIPLINARE per l istituzione e la gestione dello Schedario della Popolazione temporanea del Comune di Cossignano (Approvato con deliberazione

Dettagli

Comune di Boscotrecase Provincia di Napoli

Comune di Boscotrecase Provincia di Napoli Comune di Boscotrecase Provincia di Napoli COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 28 del 18/02/2014 OGGETTO: Approvazione Piano triennale per la prevenzione della corruzione nonché Piano

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE INDICE

PROVINCIA DI UDINE INDICE PROVINCIA DI UDINE Regolamento provinciale per la concessione dei contributi e l attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere a persone ed enti pubblici e privati Testo modificato dal Consiglio

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Titolo del provvedimento: Disposizioni correttive di leggi tributarie vigenti, a norma dell'articolo 16 della legge 27 luglio 2000, n. 212, concernente lo statuto dei diritti del contribuente. (Pubblicato

Dettagli

REGOLAMENTO n. 7del del 2 dicembre L IVASS (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni)

REGOLAMENTO n. 7del del 2 dicembre L IVASS (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni) REGOLAMENTO n. 7del del 2 dicembre 2014 REGOLAMENTO CONCERNENTE L INDIVIDUAZIONE DEI TERMINI E DELLE UNITÀ ORGANIZZATIVE RESPONSABILI DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DELL IVASS, AI SENSI DEGLI ARTICOLI

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTI gli articoli 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 5 della legge 7 agosto 2015, n. 124, recante delega al Governo per la precisa individuazione

Dettagli

COMUNE DI OSSONA PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ADDIZIONALE IRPEF

COMUNE DI OSSONA PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ADDIZIONALE IRPEF COMUNE DI OSSONA PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ADDIZIONALE IRPEF 1 S O M M A R I O Articolo 1 Oggetto del regolamento Articolo 2 Variazione dell aliquota Articolo 3 Soggetto attivo

Dettagli

LEGGE COSTITUZIONALE 28 luglio 2016, n. 1

LEGGE COSTITUZIONALE 28 luglio 2016, n. 1 LEGGE COSTITUZIONALE 28 luglio 2016, n. 1 Modifiche allo Statuto speciale della regione Friuli-Venezia Giulia, di cui alla legge costituzionale 31 gennaio 1963, n. 1, in materia di enti locali, di elettorato

Dettagli

Udito il parere della Commissione parlamentare di cui all'art. 21 della legge 28 ottobre 1970, n. 775;

Udito il parere della Commissione parlamentare di cui all'art. 21 della legge 28 ottobre 1970, n. 775; Decreto Presidente della Repubblica 24 novembre 1971, n. 1199 (in GU 17 gennaio 1972, n. 13) Semplificazione dei procedimenti in materia di ricorsi amministrativi Premessa IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

COMUNE DI SEMINARA Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI SEMINARA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONE A NORME DI REGOLAMENTI E ORDINANZE COMUNALI INDICE Art. 1 - Oggetto del Regolamento... 1 Art. 2 - Definizioni... 2 Art. 3 - Applicazione

Dettagli

COMUNE DI SESSAME REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE E PER VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI ED ALLE ORDINANZE COMUNALI

COMUNE DI SESSAME REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE E PER VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI ED ALLE ORDINANZE COMUNALI COMUNE DI SESSAME REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE E PER VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI ED ALLE ORDINANZE COMUNALI (Approvato con D.C.C. n 21 in data 27/09/2010) INDICE Articolo

Dettagli

DELIBERA 16 febbraio 2016 Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi. (Delibera n. 285/2016/IV). (16A01708) (GU n.

DELIBERA 16 febbraio 2016 Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi. (Delibera n. 285/2016/IV). (16A01708) (GU n. CONSIGLIO DI PRESIDENZA DELLA GIUSTIZIA TRIBUTARIA DELIBERA 16 febbraio 2016 Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi. (Delibera n. 285/2016/IV). (16A01708) (GU n.55 del 7-3-2016) IL CONSIGLIO

Dettagli