COMUNE DI LECCO. Capitolato tecnico. Pagina 1 di 51

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI LECCO. Capitolato tecnico. Pagina 1 di 51"

Transcript

1 COMUNE D LECCO Pagina 1 di 51

2 ART. 1 - NTRODUZONE... ART. 2 - SCOPO DEL PROGETTO... 5 ART. - SOLUZONE DATA CENTER... 6 ART. 4 - DESCRZONE MACRO AREE OGGETTO DELLA FORNTURA... 7 ART. 5 - DESCRZONE TECNCA DELL MPANTO D CONDZONAMENTO ART. 6 - DESCRZONE TECNCA GRUPP D CONTNUTA ART. 7 - DESCRZONE TECNCA MPANTO ANTNCENDO ART. 8 - DESCRZONE TECNCA RACK SERVER ART. 9 - DESCRZONE TECNCA PDU CONTROLLO REMOTO E LOCALE ART DESCRZONE TECNCA SSTEMA D MONTORAGGO AMBENTALE ART DESCRZONE TECNCA SSTEMA D MONTORNG ART DOCUMENTAZONE ART. - 1 CARATTERSTCHE DE SERVZ... 1 ART LUOGO D LAVORO... 5 ART DMENSONAMENTO... 6 ART DURATA DEL CONTRATTO... 7 ART. 17 MPORTO A BASE D ASTA... 8 ART. 18 MODALTA DELL APPALTO... 9 ART.19 RESPONSABLTA DELLA DTTA APPALTATRCE ART GRAV NADEMPENZE, PENALTA E RSOLUZONE ART. 21 FALLMENTO DELL MPRESA ART MODALTA D APPLCAZONE DELLE PENALTA... 4 ART. 2 - FATTURAZONE E PAGAMENTO DEL CORRSPETTVO ART. 24 GARANZE, COPERTURE ASSCURATVE E ONER ASSSTENZAL E PREVDENZAL ART. 25 CAUZONE DEFNTVA ART RFUSONE DANN E SPESE ART. 2 - ESECUZONE N DANNO ART. 24 SPESE ART CONTROVERSE ART. 26 NORMA FNALE E RNVO A NORME VGENT Pagina 2 di 51

3 Art. 1 - NTRODUZONE! # $ % & '( ) * + $ ), * ) ) -. ),. -.!! / 0 1+2/ $ 4 5 # $ $ #$ $ Pagina di 51

4 1.1 OGGETTO 0 $ $4 8 # $ $ : / 1$%2%% ; <$/=#1%%##21 <$/=#11=>1=/<%=#1 <$/=#1/=#=%=1/?/ % 1=#211%?/%? <1=#12/??1 A 1B<%=#/>1=% Pagina 4 di 51

5 Art. 2 - SCOPO DEL PROGETTO ; $* 5 # 9 : ) ) C 6DE /' / ( # Pagina 5 di 51

6 Art. - SOLUZONE DATA CENTER, - =4F5 - =4F5 # $ - =45A - =4FB$+ - =4F G $ ' ' ) ( 5=%#/$$' ( # # /< # %&' = ) Pagina 6 di 51

7 Art. 4 - DESCRZONE MACRO AREE OGGETTO DELLA FORNTURA 4.1 OPERE EDL Pagina 7 di 51

8 6E) H #$%(()* + **#,-)&./# // = ) F $!! Pagina 8 di 51

9 4.2 PAVMENTO SOPRAELEVATO (PORTATA 1000/1500 KG/MQ). 6HE $ 6DEEJDEE.! +? H?,#0./# '# ) F HJH> 9 9>5K5! > % LFH D <D# FD ME'7H( ) * FH )' ( > FHJ? # <1!!21!! / $!6EE $ *456 - ( 67 EH - - H0EE DEEJDEE. Pagina 9 di 51

10 4. OPERE MURARE!$1)H?/;%#1=2%FE )H!$142%FE!$1 2%FE)6H # )FE!$1$+ FH 4.4 MPANTO ANTNCENDO,-$ -?E E07E6EE - B - - $!# - O O - /; 2/6EEE - $ - $ Riferimenti normativi D.Lgs. 81/08 T-PED GMCTC NFPA 2001 UN EN / 2008 UN 9795:2010 EN 54 CE 79-2 CE 17.1/1 CE EN Valutazione rischi e informazione sui rischi specifici Per la costruzione e il collaudo di bombole per gas compressi e liquefatti Per il trasporto delle bombole per gas compressi e liquefatti Standard on Clean Agent Fire Extinguidhing System Per la realizzazione, il funzionamento ed il dimensionamento degli impianti di estinzione Gaseous fire extinguishing system physical properties and system design ; CNVVF CPA Sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione manuale d incendio Componenti dei sistemi di rivelazione automatica d incendio Sistemi di rilevamento e segnalazione per incendio, intrusione, furto, sabotaggio e aggressione Apparecchiature assemblate per bassa tensione Prescrizioni per apparecchiature di serie Metodo di prova per la resistenza al fuoco di piccoli cavi non protetti per l'uso in circuiti Pagina 10 di 51

11 di emergenza Normativa italiana UN Componenti di impianti di estinzione a gas. Requisiti e metodi di prova per dispositivi elettrici automatici di comando e gestione spegnimento e di ritardo 4.5 ANTFURTO E CONTROLLO ACCESS E D7 EEE $ $ / ) - =4?< - =4 - =4 - =4F - =4 - =4 - $ - =4# P - =4? - ; - =4HE - =4 P* - * - =4 Pagina 11 di 51

12 Art. 5 - DESCRZONE TECNCA DELL MPANTO D CONDZONAMENTO >, ) ' (? % 'A2(Q /A2/%'FEE/A2/% %? %) ( #), # 7& 859:%; %;. Pagina 12 di 51

13 % > $ '( H F'B%(> ) #$ 0 P FD5K F6H5K F4 F774 G - # 7EE4 - J774 EER 5K %%2 6. ' E1FF(., ; $ $ %! ) ' )) ( ) S + Pagina 1 di 51

14 / $? - ; / ) <?, > 6HR / ), D $HH = )?7 %=&%=TTM'%B7 ) % %B 70H( ) 7EE+ HEAP=P# % FE7& ). ) & % $ ) - B=/;/##%2/ 2//<%=#1%%##2/ 8 C - B= #%</ $1# 2//<%=#1/?/ /1 - B<!/#12%/+/$12% )) C ) & ) K%;12%=#% K%;1 Pagina 14 di 51

15 % & U ) % %J * > U) > / ) * <6 1 MEEFEEE8%=1MEEFEEE8;%=1MEEFEEE8B=%=1 MEEFEEE % 91V 2%?#%2 GB/#V /B2/=%: 0 #&-#/6 1%= % Pagina 15 di 51

16 Art. 6 - DESCRZONE TECNCA GRUPP D CONTNUTA $ $ 48 - % 1;;?/#12/<%=#%'$%=/%B1=%%1!!%2#/( - % '= ( - % - % ' ( - % K%;12%=#% : '#A(W 6R2 ) '$!( XYEMM ' 0 ( ) ) 6EE7E+ 7ETEA )' ) ) ( H 6E ' ( ' ( WHR WR Pagina 16 di 51

17 C '?;# ( 9 ): $ ) ) / U PARAMETR 2?;#+ $!' (XYEMM! /?;# ;U&$< < =<$ 2 % */ Riferimenti normativi Normative e conformità richieste EC , EC , EC , EC ,4,5,6,8,11, EN , EN , EN , EN 60950, EN 60529, ANS C62.41 ( EEE587) Grado di protezione P 20 (con porte aperte) Pagina 17 di 51

18 Art. 7 - DESCRZONE TECNCA MPANTO ANTNCENDO %=FEM70FEE6%=H7&F %=H7&7 ) 2$2 *DHK 2$2 '?/( / 1 '% 'EHEH6E7HDE ME ( 'F DE E6E 9 :( mpianto di rilevazione - Caratteristiche tecniche F $!?0= 6E6EE E 2 2 'HEE/( * $ -#// '-)#*# )&./0/)&.//#*#/#)#,*#/###(#/#, %=H7&F07 %=FEM70FEE6 mpianto di rilevazione - Caratteristiche ambientali / # &HZP7EZ BMHRJ' ( mpianto di rilevazione - Caratteristiche meccaniche? $6E '(6FJ6HTJM7 $ Pagina 18 di 51

19 mpianto di rilevazione Composizione indicativa 0 2 / F7+ DE4 2 / F7+ DE4 $ 0 O/ O %=H7 # F0F7+ $HH $ %=&H7 2# # H&F+ FEE/ H/ # E4PHE4 mpianto di spegnimento - Descrizione $ # 17HFE 'B=HEE7 %( %FE&FF #*E $+ TP&EFE Pagina 19 di 51

20 $F7 mpianto di spegnimento Composizione indicativa ;0 ' ) ) DE( C ) $?# < E&7EEHE/07:! [: =?60:<J?0:! #60:? ; 60: + = $DH?[: 1 [: A\\//DEEE 2 B ]: 1 /$H?2; 7E //6EEE =$# B=%=FEM7, & 6EEJ6EE ) 1 7HFE # A\\ A7E) '6EE( 'HE4( 67H //DEEE //6EEE B + Pagina 20 di 51

21 Art. 8 - DESCRZONE TECNCA RACK SERVER 5 0 ) - HEE5 - ) M: B - - E0E EE^ - -.6R E4-5.ER E4. - ). - EEE5 - HEE /TEF - =%=DEMHE Dimensioni? DEE / FEEE EEE / 7FB $ T7E 1 '#$ (()* = + ( /$ // + + Pagina 21 di 51

22 Riferimenti normativi - $ $FE %HFM - B F77 - = F - < +%EEE#H7E # = 5 '=1=1??%##1%/!12=#B2/( /=0K/= Monitor con tastiera e KVM (KVM Switch over P) $ *5 # ' #( M: 1;;?/#12/<%=#% B; 0 1;;?/#12/<%=#% GESTONE SERVER GRAFC - KVM SWTCH OVER P <$B ; 7D6F # 1+2/==1 1;;?/#12/<%=#% 1; K 5 O O '$ B;+ QQ( %, 1 ; B;F Pagina 22 di 51

23 GESTONE APPARAT D NETWORKNG E TLC SERAL SWTCH OVER P G *$;\B#$ 7D6F7 2F6F +/& 7+ $#= ) MONTOR / + HO #!#$ 2 EF7\TD $J $ EFMTFFMT / + &DH&TH+ &7H 8DE 2 FHE ;FHE0F 2 D< # E4HH406F4!64! B ER_MERB2 # 2 E FE Pagina 2 di 51

24 Art. 9 - DESCRZONE TECNCA PDU CONTROLLO REMOTO E LOCALE 125 )F D/F6E+ 6 M - $ $B U * - $ - EB - B %6FE6 %6FEM D $B - $ * * $ ` K A# =<$2F6F E0EE; &#% 6#=<$F -? K * =<$ - + F6E+ - / D/ - %DE6EMD/ - 6 -? $FE - # E47E4 - B FHR&THR2A - EFEEE - B`#B+ -!/H - % B%=HHEFF/ - %=HHEF7%=DEMH& - <% - &#5-2A0K%%% Pagina 24 di 51

25 Art DESCRZONE TECNCA SSTEMA D MONTORAGGO AMBENTALE % 'A2(Q 5 $ ) G, =<$ $0 #$0$A##$!#$=<$ =#$ '( - M: - `U - #$0$% E; #2a7H - =<$# ;* K -? # * * - ' ; ( ) - ' ( - / - / < - / * #!#$ - U -! * * K%;12%=#% - %, = *5 8A$1 + * 5;<= *;<#<?&)< B== < (()*#/# - =4F '1=01!!( - =4E6' UJ6/F6E+/( - #/#,#))#'#& - #/#,#))$&,$,#))$ - #/#,#)0/,#))#'# Pagina 25 di 51

26 Art DESCRZONE TECNCA SSTEMA D MONTORNG % 'B$ 25$B ( = * - - ' ( - AF7 / =<$ * - +. ) S $ / & - * )) *. ' (..=<$.. =<$. S 0... Pagina 26 di 51

27 % K#A' ( F7E0EE. $ '< %=#( <%=# <%2+%2 K%;. AK - 2 ' ( - * ' ( - - / ' ( ) (()*#/# '#/#0)&/# $, 0 / %%2%=$%=%=#%=%/?%#1=% 0+B/>>/>1=% # $ Pagina 27 di 51

28 Art Documentazione / 12.1 DOCUMENTAZONE RELATVA A PRODOTT * * '( '&21<( 12.2 DOCUMENTAZONE RELATVA AL PROGETTO < b '$$ (., $ /'/ (. 12. DOCUMENTAZONE TECNCA DE SSTEM / ' ( ;#B 12.4 DOCUMENTAZONE GESTONE DEL SSTEMA / $ $ Pagina 28 di 51

29 $ & o $ 0 0 o $ o $ ;U$ o 1 o $* o $ o o + o $, o o % o $, o % 1 1 /'0)#: 1 ) $ / 9/;: # b 0 0 / % % 0 / #?? Pagina 29 di 51

30 ?? & ' ( / 5 & 12.5 PANO D MGRAZONE DELLO SPOSTAMENTO DEL DATA CENTER D P.ZA DAZ, N 1 0 % # # % PANO D MGRAZONE DELLO SPOSTAMENTO DEL DATA CENTER DEL CST D C.SO PROMESS SPOS, N 12 0 ## # % 0 = F ;5;5 ' ( 6 J 4. Pagina 0 di 51

31 Art. - 1 Caratteristiche dei servizi 1.1 SERVZ D CONSEGNA, NSTALLAZONE E CONFGURAZONE DEL SSTEMA ) 0) E E $$ 0 $$ ' ( ) $$ * * * * 7E')( ) FE' ( 9! : 0 $4 5 %1 % 0 # $ $ %1 % # Pagina 1 di 51

32 $ FE' ( * * CERTFCAZON RCHESTE DELLE MPRESE * < $ A* *% B=%=1MEEFEE 1.2 SERVZ D PERSONALZZAZONE E D SUPPORTO SPECALSTCO 1. SERVZO D MANUTENZONE,&1 9HT =;:, ) ), ) Pagina 2 di 51

33 1..1 MANUTENZONE PREVENTVA,&1 ' ( - * * 0 * F )0#>,->'#-#,##&/0/))'#,00/0,#/.//&)#'# ),0#/#)?/#,-#?0#)$#??0#/.#,)(&/?&/./#/,#) # ) )# 00/#,-//### '')0#-#/&)/&- )0?##?#)0,)',&# MANUTENZONE CORRETTVA,&1 * * 0* 1.. LVELL D SERVZO - - EE T6E EE 6EE' ( ' ( $ - ) - & ) ; 1.4 SERVZ D ADDESTRAMENTO ALL UTLZZO DE SSTEM '* * ( ) E' ( '( Pagina di 51

34 #$*,)**&/*#/,#))0#?0./#,#)'#/)##0/0. 6 ' ( /, HER Pagina 4 di 51

35 Art Luogo di lavoro 4D &. Pagina 5 di 51

36 Art Dimensionamento Comune di Lecco (Situazione attuale) Apparato N Potenza [Watt] Potenza [VA] Potenza [BTU] BM X BM X XSERES XSERES XSERES SUNFRE X SUNFRE X NETSERVER LH PROLANT ML PROLANT ML PROLANT ML PROLANT ACER ALTOS 1100E NAS FAS SWTCH C ROUTER CSCO ROUTER CSCO FREWALL KVM Centro Sistema Territoriale (Situazione attuale) Apparato N Potenza [Watt] Potenza [VA] Potenza [BTU] BM SYSTEM STORAGE TS500TYPE LBRARY HP PROLANT DL80 G BM XSERES ARC SGHT LOGGER KVM CONSOLE BM LCM NETWORK APPLANCE DS14MK2 FC NETWORK APPLANCE NETAPP FAS CSCO 2801 NTEGRATED SERVCES ROUTER CSCO PX-1 515E FREWALL CSCO PX-1 515E FREWALL CSCP CATALYST SWTCH CSCP CATALYST SWTCH CSCO CATALYST DMZ CSCO CATALYST 750G-24T CSCO CATALYST 750G-24T CSCO 2801 NTEGRATED SERVCES ROUTER CSCO 2801 NTEGRATED SERVCES ROUTER CSCO 1710 SECURTY ACCESS ROUTER CSCO 826 ADSL ROUTER SWTCH NFOSMART 24 PORT 10/ CSCO ASA CTRX ACCESS GATEWAY BM SYSTEM X Pagina 6 di 51

37 Art DURATA DEL CONTRATTO B2/#/6D Pagina 7 di 51

38 Art. 17 MPORTO A BASE D ASTA cmeeeee' 0EE(+/ FER ) Pagina 8 di 51

39 Art. 18 MODALTA DELL APPALTO, Pagina 9 di 51

40 ART.19 RESPONSABLTA DELLA DTTA APPALTATRCE / / % - Pagina 40 di 51

41 ART GRAV NADEMPENZE, PENALTA E RSOLUZONE ) - 2 cheee = = ) ( 8 ( 8 ( 8 ( 8 ) ( 8 ( 8 ) ), ) Pagina 41 di 51

42 Art. 21 FALLMENTO DELL MPRESA C Pagina 42 di 51

43 Art MODALTA D APPLCAZONE DELLE PENALTA < ) / - ) Pagina 4 di 51

44 Art. 2 - FATTURAZONE E PAGAMENTO DEL CORRSPETTVO '+/(& & ) - FER - FER 6E - 7ER DE -?B ) ) Pagina 44 di 51

45 Art. 24 GARANZE, COPERTURE ASSCURATVE E ONER ASSSTENZAL E PREVDENZAL # ) ) C./ ). ) Pagina 45 di 51

46 Art. 25 CAUZONE DEFNTVA Pagina 46 di 51

47 Art RFUSONE DANN E SPESE $./ Pagina 47 di 51

48 Art. 2 - ESECUZONE N DANNO. ). S. ) Pagina 48 di 51

49 Art. 24 SPESE # Pagina 49 di 51

50 Art CONTROVERSE $ )! Pagina 50 di 51

51 Art. 26 NORMA FNALE E RNVO A NORME VGENT $ ) Pagina 51 di 51

1 Prerequisiti per i locali

1 Prerequisiti per i locali ALLEGATO 1 AL CAPITOLATO TECNICO PER LA GESTIONE DELLA CENTRALE UNICA DI ASCOLTO PER IL SERVIZIO DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE, ATTIVAZIONE DEL PERSONALE MEDICO REPERIBILE DELL AREA DI PREVENZIONE, IGIENE

Dettagli

Servizi Urbanistica. > Pianificazione Generale Piano Regolatore Generale, Strutturale e Operativo Programma di Fabbricazione Regolamento Edilizio

Servizi Urbanistica. > Pianificazione Generale Piano Regolatore Generale, Strutturale e Operativo Programma di Fabbricazione Regolamento Edilizio 2 Servz Urbanstca > Panfcazone Generale Pano Regolatore Generale, Strutturale e Operatvo Programma d Fabbrcazone Regolamento Edlzo > Panfcazone Settorale Pano Paesaggstco Pano Infrastrutturale Pano del

Dettagli

Le tossicodipendenze in Canton Ticino

Le tossicodipendenze in Canton Ticino ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 23/01/2015 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/36796-le-tossicodipendenze-in-canton-ticino Autore: Baiguera Altieri Andrea Le tossicodipendenze in Canton Ticino A B BC

Dettagli

Costo Dinamico Carburanti DFC. Gabriele Puccetti E CO RINNOVABILITALIA 2011 2013 tutti i diritti riservati

Costo Dinamico Carburanti DFC. Gabriele Puccetti E CO RINNOVABILITALIA 2011 2013 tutti i diritti riservati CDC Costo Dinamico Carburanti DFC DynamicFuel Cost Gabriele Puccetti E CO RINNOVABILITALIA 2011 2013 tutti i diritti riservati CDC (Costo Dinamico Carburanti) Con il progetto CDC si propone come creare

Dettagli

COSA SONO A COSA SERVONO

COSA SONO A COSA SERVONO 1 MEZZI MOBILI DI ESTINZIONE? COSA SONO A COSA SERVONO PER UN PRONTO INTERVENTO SU UN PRINCIPIO DI INCENDIO 2 TIPOLOGIE IN RELAZIONE AL PESO COMPLESSIVO ESTINTORE PORTATILE DECRETO 7 gennaio 2005 Norme

Dettagli

Il formato BITMAP. Introduzione. Il formato BITMAP

Il formato BITMAP. Introduzione. Il formato BITMAP Il formato BITMAP Introduzione Il Bitmap è il formato di visualizzazione delle immagini dei sistema operativo Windows e, anche se è uno dei formati più vecchi, è ancora molto utilizzato e soprattutto è

Dettagli

Anche il nascituro e i suoi fratelli hanno diritto al risarcimento dei danni causati dall omessa diagnosi di malformazioni congenite

Anche il nascituro e i suoi fratelli hanno diritto al risarcimento dei danni causati dall omessa diagnosi di malformazioni congenite ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 12/11/2012 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/34236-anche-il-nascituro-e-i-suoi-fratelli-hannodiritto-al-risarcimento-dei-danni-causati-dall-omessa-diagnosi-di-malformazioni-congenite

Dettagli

#"& *(+%.%')*("""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""

#& *(+%.%')*( %! #$ & '()**((+()%(& & %%,%(%-%. && %%,%(%+-(%# &/ 0+%*,%(%+-(%# & ()++(1(+.0(2 &# ()++*-+-(+2 &2 ()1%+2 &3 (++0(%(4**%%%-(2 # 10,%(')*%1$ # 10,%(')*%1 #& *(+%.%')*( 2 ((%*(%+-(%(%)%5(,%& 2 +%,60(%,,,%(%'*%%(++''+(&

Dettagli

Lista delle spese oneri accessori riscaldamento dal 01-01-2013 al 31-12-2013 Roma - Via di S. Costanza13

Lista delle spese oneri accessori riscaldamento dal 01-01-2013 al 31-12-2013 Roma - Via di S. Costanza13 Lsta delle spese oner accessor rscaldamento 01-01-2013 al 31-12-2013 Roma - Va d S. Costanza13 Forntore Fatture Descrzone Imputazone Rf. Rpartzone Imp. Rpartto TELECOM ITALIA SPA N. 8W01014038 del 06-12-2012

Dettagli

Caratteristiche Infrastrutturali del sito di DR

Caratteristiche Infrastrutturali del sito di DR Allegato 1 alle Modalità presentazione domanda partecipazione Gara procedura ristretta n. 1/2010 (servizio disaster recovery) Caratteristiche Infrastrutturali del sito di DR Il presente allegato elenca

Dettagli

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni UNI 5104 Impianti di condizionamento dell'aria - norme per l'ordinazione, l'offerta e il collaudo. UNI

Dettagli

Droghe, proibizionismo e prevenzione in kantonappenzell ausserrhoden

Droghe, proibizionismo e prevenzione in kantonappenzell ausserrhoden 1 3ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 25/02/2013 All'indirizzo http://xn--leggedistabilit2013-kub.diritto.it/docs/34677-droghe-proibizionismoe-prevenzione-in-kantonappenzell-ausserrhoden Autore: Baiguera Altieri

Dettagli

Comune di Praiano Provincia di Salerno Costa d Amalfi ANTICA PLAGIANUM

Comune di Praiano Provincia di Salerno Costa d Amalfi ANTICA PLAGIANUM Allegato A L A V O R I TABELLA SINTETICA DELLE CATEGORIE CATEGORIE GENERALI OG 1 Edifici civili e industriali OG 2 Restauro e manutenzione dei beni immobili sottoposti a tutela. OG 3 Strade, autostrade,

Dettagli

MANUALE D USO ZED PROG

MANUALE D USO ZED PROG MANUALED USOZEDPROG ULTIMOAGGIORNAMENTOAPRILE2010 SOMMARIO 1.CaratteristicheedHardware Pagina2 2.Utilizzo Pagina4 3.AggiornamentoZedProg Pagina6 4.LetturaesalvataggiofilesEEPROMsulPCutilizzandoZedProgePCSoftware

Dettagli

Generale: Documento PKCS#7: Status documento: Nome file p7m: Impronta SHA1 (hex): Impronta SHA256 (hex): Contenuto: Tipo documento: Dimensioni: Impronta SHA1 (hex): Impronta SHA256 (hex): Firmato digitalmente

Dettagli

UMBERTO I " Il suesposto decreto e divenuto esecutivo in seguito alla pubblicazione all Albo dell Ente L. al... 11/10/2014...

UMBERTO I  Il suesposto decreto e divenuto esecutivo in seguito alla pubblicazione all Albo dell Ente L. al... 11/10/2014... M À} CENTRO RESDENZE PERNZN UMBERTO " ORGNE 35028 POE D SCCO (Padova) N 244 del 24/09/204 l Segretaro Drettore d uesto sttuto Perìn Dottssa Emanuela a sens del Dgs n 65/ 200 delle successve dsposzon d

Dettagli

Report proprietà CAdES [ProtocolloDintesaAmbientiConfinatiINAILRegionePuglia...

Report proprietà CAdES [ProtocolloDintesaAmbientiConfinatiINAILRegionePuglia... Pagina 1 di 5 Documento PKCS#7: Status Firmato digitalmente documento: Nome file C:\Users\dpp1050132.BAWKS01079 p7m: \Desktop\ProtocolloDintesaAmbientiConfinatiINAILRegionePugliaPrefetturaBari20marzo2015.pdf.p7m

Dettagli

Router ISDN + Switch 4 porte

Router ISDN + Switch 4 porte Router ISDN + Switch 4 porte GUIDA RAPIDA DI INSTALLAZIONE www.hamletcom.com LED PANNELLO ANTERIORE LED Significato 1 PWR Quando lampeggia, indica che l impianto è pronto. 2 3 LAN 1-4 / ACT/COL WAN / ACT/COL

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

Italia e Polonia: un'analisi comparata di diritto commerciale

Italia e Polonia: un'analisi comparata di diritto commerciale ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 03/01/2016 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/37687-italia-e-polonia-un-analisi-comparata-di-dirittocommerciale Autore: Lombardi Francesco Italia e Polonia: un'analisi

Dettagli

DATI FISICI DEL TERRITORIO, DELLA POPOLAZIONE, DELLE STRUTTURE E DELL'ECONOMIA DEL COMUNE.

DATI FISICI DEL TERRITORIO, DELLA POPOLAZIONE, DELLE STRUTTURE E DELL'ECONOMIA DEL COMUNE. DATI FISICI DEL TERRITORIO, DELLA POPOLAZIONE, DELLE STRUTTURE E DELL'ECONOMIA DEL COMUNE. - Caratteristiche geologiche, sismiche e idrografiche: Dal punto di vista geologico e idrografico é possibile

Dettagli

MA 431 DISPOSITIVO RILEVAZIONI ALLARMI DI BATTERIA PER XLD SWITCH BOX V 2.0/V 2.1

MA 431 DISPOSITIVO RILEVAZIONI ALLARMI DI BATTERIA PER XLD SWITCH BOX V 2.0/V 2.1 MA 431 DISPOSITIVO RILEVAZIONI ALLARMI DI BATTERIA PER XLD SWITCH BOX V 2.0/V 2.1 MONOGRAFIA DESCRITTIVA EDIZIONE Febbraio 2004 MON. 206 REV. 2.0 1 di 7 INDICE 1.0 GENERALITÁ 3 2.0 INTERFACCE 3 3.0 CARATTERISTICHE

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

" # "$$%! & # ' ( ' ) #! ' % ' # *! * & & & # & ,-! . / # # "$$0!

 # $$%! & # ' ( ' ) #! ' % ' # *! * & & & # & ,-! . / # # $$0! ! " # o! " o! o! o o!# $ o! # & o o!# ( 1 Testi elaborati sulla base dei contributi trasmessi dalle amministrazioni dello Stato interessate. 2 Testi elaborati sulla base dei contributi trasmessi dalle

Dettagli

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA IN ECONOMIA PER LA FORNITURA DI UNA INFRASTRUTTURA SERVER BLADE, PER LA NUOVA SEDE DELLA FONDAZIONE RI.MED CUP H71J06000380001 NUMERO GARA 2621445 - CIG 25526018F9 ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

Comune di Cinisi (Provincia di Palermo)

Comune di Cinisi (Provincia di Palermo) ! ##$ % & # '# (' ') ' % *' ) ' ) # ) +) % % ') #' % ) - 1 - % # +, % - % & &!./0*1*23*.!4*25.*54./0.54* 6 7 4 ' & &'' ' ) 8 3 9/ : * ; 3' < 5 = *% 2>??8>??$ $'## %.% % % ' % 9 % % * %!+ % 8 # @ % ) -

Dettagli

FIRET VEHICLE. LA PROTEZIONE ANTINCENDIO CHE FA STRADA CON TE.

FIRET VEHICLE. LA PROTEZIONE ANTINCENDIO CHE FA STRADA CON TE. FIRET VEHICLE. LA PROTEZIONE ANTINCENDIO CHE FA STRADA CON TE. SI È SPENTA L ERA DEL FUOCO. INIZIA L ERA DI FIRET VEHICLE. Si chiude per sempre l era degli incendi improvvisi: nasce Firet Vehicle, il primo

Dettagli

file://c:\documents and Settings\g.brizzolari.POECO\Desktop\GUIDAMASTER.htm

file://c:\documents and Settings\g.brizzolari.POECO\Desktop\GUIDAMASTER.htm Master Comunicazione Roma Master Media Roma Master Economia e Gestione della Comunicazio... Pagina 1 di 61 Username Password accedi '.!""! " # "!$"!!!! % % " "&& % '%!! ( # "'% ' " #" )))( (" ( " * + #

Dettagli

SERVIZI ON-LINE OFF-LINE

SERVIZI ON-LINE OFF-LINE SV SISTEMI DI SICUREZZA 1 Sede Legale e Uffici: Via Cortesi24020 Villa di Serio (Bergamo) Tel.+39.035.65.70.55 Fax.+39.035.66.19.641 ITALIA SERVIZI ON-LINE OFF-LINE 2 PAGINA BIANCA INDICE 3 1 SERVIZI INTEGRATI

Dettagli

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. Marco Fontana. (Membro CEI Comitato Tecnico 20)

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. Marco Fontana. (Membro CEI Comitato Tecnico 20) CONNESSIONE E CAVI Scelta dei tipi di cavi, sigle di designazione e comportamento al fuoco Marco Fontana (Membro CEI Comitato Tecnico 20) 1 Per quanto riguarda le connessioni, cioè la rete di collegamento

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA SETTORE CITTA DIGITALE E TECNOLOGIE INFORMATICHE

COMUNE DI BOLOGNA SETTORE CITTA DIGITALE E TECNOLOGIE INFORMATICHE COMUNE DI BOLOGNA SETTORE CITTA DIGITALE E TECNOLOGIE INFORMATICHE AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE HARDWARE (MANUTENZIONE) DEI SERVER E DELLO STORAGE IN USO PRESSO IL COMUNE DI BOLOGNA DETERMINAZIONE

Dettagli

OGGETTO: Offerta n. 177 del 17/12/2015 per servizio CED remoto con on-site.

OGGETTO: Offerta n. 177 del 17/12/2015 per servizio CED remoto con on-site. Seriate, lì 17/12/2015 Spett.le COMUNE DI RODANO C.A. TAMBORINI CLAUDIA C.A. GIUSEPPE CURCIO OGGETTO: Offerta n. 177 del 17/12/2015 per servizio CED remoto con on-site. Con la presente abbiamo il piacere

Dettagli

Os novos direitos da empregada doméstica

Os novos direitos da empregada doméstica ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 12/04/2013 All'indirizzo http://ww.diritto.it/docs/34918-os-novos-direitos-da-empregada-dom-stica Autore: Vólia Bomfim Cassar Os novos direitos da empregada doméstica A B

Dettagli

Sistemi a soppressione a gas

Sistemi a soppressione a gas Sistemi a soppressione a gas Total Solutions 02 / 10 / Paolo Rossi, Fire Proposal Engineer Ivan Mazzoni, Fire & Security Sales Manager Tyco. All Rights Reserved. Agenda introduzione i sistemi a soppressione

Dettagli

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U70001730 Impianti di estinzione incendi Reti di idranti a secco Progettazione, installazione ed esercizio Fire fighting equipment Dry pipe Fire Hydrant systems

Dettagli

Disciplinare descrittivo e prestazionale

Disciplinare descrittivo e prestazionale Disciplinare descrittivo e prestazionale Sommario PREMESSA... 1 OGGETTO DELL APPALTO... 1 REQUISITI DI RISPONDENZA A NORME, LEGGI E REGOLAMENTI... 1 ILLUMINAZIONE PUBBLICA, QUADRI E LINEE ELETTRICHE...

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data COMUNE D SESTU SETTORE : Responsable: Vglanza Deana Perlug DETERMNAZONE N. n data 1926 04/12/2015 OGGETTO: Affdamento dretto alla dtta Racca Umberto & C. s.n.c. per la forntura d 6 chav elettronche per

Dettagli

CHECK LIST CERTIFICAZIONE DELLE CENTRALI OPERATIVE, CENTRALI DI TELESORVEGLIANZA/CENTRI DI MONITORAGGIO E RICEZIONE ALLARMI

CHECK LIST CERTIFICAZIONE DELLE CENTRALI OPERATIVE, CENTRALI DI TELESORVEGLIANZA/CENTRI DI MONITORAGGIO E RICEZIONE ALLARMI TABELLA 2 CHECK LIST CERTIFICAZIONE DELLE CENTRALI OPERATIVE, CENTRALI ORGANIZZAZIONE: SITO DELLA CENTRALE DATA DELL AUDIT TIPO DI AUDIT VERIFICA VALUTATIVA FASE 2 VERIFICA SORVEGLIANZA 1 VERIFICA SORVEGLIANZA

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO Ing. Pietro Marco SIMONI Via Roncari, 39/A 21023 BESOZZO (VA) Tel/fax 0332-970793 PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA (ai sensi

Dettagli

Le Regole Tecniche per. e la nuova edizione della Guida CEI 82-25

Le Regole Tecniche per. e la nuova edizione della Guida CEI 82-25 Le Regole Tecniche per la Connessione alle reti e la nuova edizione della Guida CEI 82-25 Ing. Francesco Iannello Responsabile Tecnico ANIE/Energia Vicenza, 16 Dicembre 2010 Indice Connessione alle reti

Dettagli

Rivola F. - Manucci A. [1:0] Bruschi M. - Zavatta T. [0:1] Rossi C. - Evengelisti F. [0:1] Gasperini G. - Giorgi S Turno 1 Partite del 21/11/2008

Rivola F. - Manucci A. [1:0] Bruschi M. - Zavatta T. [0:1] Rossi C. - Evengelisti F. [0:1] Gasperini G. - Giorgi S Turno 1 Partite del 21/11/2008 2 PEDONE DI DONNA PARTITA Rivola F. - Manucci A. 1. d4 d5 2. f3 f6 3. f4 e6 4. e3 d6 5. d3 xf4 6. exf4 d6 7. d2 e4 8. xe4 dxe4 9. e5 c6 10. c3 O-O 11. a3 a6 12. ac4 d5 13. a4 xe5 14. xe5 f6 15. g4 c5 16.

Dettagli

Comune di Cornuda. Uscite - Allegato all'atto di Liquidazione Determina numero 486 del 22/9/2015. Pagina 1 di 6. Rif. registrazione prima nota

Comune di Cornuda. Uscite - Allegato all'atto di Liquidazione Determina numero 486 del 22/9/2015. Pagina 1 di 6. Rif. registrazione prima nota Pagina 1 di 6 mputazione mporto in 594 del 13/8/2015 100 - ALTO TREVGANO SERVZ SRL CF:04163490263 P:04163490263 VA SCHAVONESCA PRULA 86 31044 MONTEBELLUNA TV Bonifico presso:. BAN:T89F0100561820000000281679

Dettagli

NORME APPLICABILI PER LE QUALIFICHE DI TIPO NUCLEARE DEGLI EQUIPAGGIAMENTI ELETTRICI/ELETTRONICI DI SICUREZZA NUMERO DI RIFERIMENTO

NORME APPLICABILI PER LE QUALIFICHE DI TIPO NUCLEARE DEGLI EQUIPAGGIAMENTI ELETTRICI/ELETTRONICI DI SICUREZZA NUMERO DI RIFERIMENTO NORME APPLICABILI PER LE QUALIFICHE DI TIPO NUCLEARE DEGLI EQUIPAGGIAMENTI ELETTRICI/ELETTRONICI DI SICUREZZA TITOLO CEI/IEC 60780 Nuclear power plants Electrical equipment of the safety system Qualification

Dettagli

José Geraldo da Fonseca, Efeitos Jurídicos da Eleição do Empregado a Cargo de Diretor da Empresa

José Geraldo da Fonseca, Efeitos Jurídicos da Eleição do Empregado a Cargo de Diretor da Empresa ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 04/02/2010 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/28884-jos-geraldo-da-fonseca-efeitos-jur-dicos-daelei-o-do-empregado-a-cargo-de-diretor-da-empresa Autore: José Geraldo

Dettagli

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro SOMMARIO Premessa pag. 7 SEZIONE 1 - FONDAMENTI Che cosa è un incendio? pag. 9 Il triangolo del

Dettagli

PER L'USO E LA MANUTENZIONE

PER L'USO E LA MANUTENZIONE MANUALE PER L'USO E LA MANUTENZIONE DI QUADRI ELETTRICI SECONDARI DI DISTRIBUZIONE INDICE: 1) AVVERTENZE 2) CARATTERISTICHE TECNICHE 3) INSTALLAZIONE 4) ACCESSO AL QUADRO 5) MESSA IN SERVIZIO 6) OPERAZIONI

Dettagli

ARPAT Agenzia regonaie per a proiezione ambentae deia Toscana

ARPAT Agenzia regonaie per a proiezione ambentae deia Toscana ARPAT Agenza regonaie per a proezone ambentae deia Toscana Decreto del Drettore Ammnstratvo N. del ) M 13 Proponente: Dott. ssa Danela Masn Settore Provvedtorato Pubblctà/Pubblcazone: Atto soggetto a pubblcazone

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI DESCRIZIONE SINTETICA ARGOMENTI INCONTRI: 1a 1b 1c 1d 1e reti idranti Componenti reti idranti: scelta, utilizzo e manutenzione UNI 10779 2007 estintori

Dettagli

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes.

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes. EH SmartVew Servz Onlne d Euler Hermes Una SmartVew su rsch e sulle opportuntà Servzo d montoraggo dell asscurazone del credto www.eulerhermes.t Cos è EH SmartVew? EH SmartVew è l servzo d Euler Hermes

Dettagli

DISPOSITIVI DI GESTIONE REMOTA Canaline intelligenti, display, switch, KVM e controllo accessi

DISPOSITIVI DI GESTIONE REMOTA Canaline intelligenti, display, switch, KVM e controllo accessi DISPOSITIVI DI GESTIONE REMOTA Canaline intelligenti, display, switch, KVM e controllo accessi 2 GESTIONE REMOTA PDU PDU intelligente con monitoring remoto Le PDU intelligenti della serie ME-PDU consentono

Dettagli

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione)

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive; o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IP2X o IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori

Dettagli

AGENZIA DEL DEMANIO FILIALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA SEDE DI TORINO Corso Bolzano, 30 Torino FIP NUOVO PALAZZO UFFICI FINANZIARI

AGENZIA DEL DEMANIO FILIALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA SEDE DI TORINO Corso Bolzano, 30 Torino FIP NUOVO PALAZZO UFFICI FINANZIARI Salita inf. S. Anna, 50-16125 Genova Tel. +39/010/2470894/2514800 -Fax +39/010/2514623 I TER/050/C DAP EI02 AGENZIA DEL DEMANIO FILIALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA SEDE DI TORINO Corso Bolzano, 30 Torino

Dettagli

A B AC D EFA B C BF F D A AA D A B E C B DD A C CC A B A E A A A C BF F A BACDB EDF BA E F B D AC F B EAF A B ABFD D ED DF BA FF B D D ABFD D ED

A B AC D EFA B C BF F D A AA D A B E C B DD A C CC A B A E A A A C BF F A BACDB EDF BA E F B D AC F B EAF A B ABFD D ED DF BA FF B D D ABFD D ED A B AC D EFA B DD C BF F D A AA D A B E C B DD A B AC D B A A E B B DD A C CC A B A E A A A C BF F C B CC C D A A BACDB EDF BA E F B D AC F B EAF A B ABFD D ED DF BA FF B D D ABFD D ED F BBA E D A F B

Dettagli

CONVENZIONI STIPULATE PRIMA DEL 7 SETTEMBRE 2010 E PRIMA DELLA PREDISPOSIZIONE SISTEMA SIMOG

CONVENZIONI STIPULATE PRIMA DEL 7 SETTEMBRE 2010 E PRIMA DELLA PREDISPOSIZIONE SISTEMA SIMOG CONVENZIONI STIPULATE PRIMA DEL 7 SETTEMBRE 010 E PRIMA DELLA PREDISPOSIZIONE SISTEMA SIMOG 1 CITY CAR COMPATTE 00176C8F CITY CAR 00176C8F BERLINE PICCOLE 00176C8F BERLINE MEDIE 00176C8F ACQUISTO AUTOVEICOLI

Dettagli

Sicurezza: esperienze sostenibili e di successo. Accesso unificato e sicuro via web alle risorse ed alle informazioni aziendali: l esperienza FERPLAST

Sicurezza: esperienze sostenibili e di successo. Accesso unificato e sicuro via web alle risorse ed alle informazioni aziendali: l esperienza FERPLAST Sicurezza: esperienze sostenibili e di successo Accesso unificato e sicuro via web alle risorse ed alle informazioni aziendali: l esperienza FERPLAST Dott. Sergio Rizzato (Ferplast SpA) Dott. Maurizio

Dettagli

Agenzia Viaggi LA FIBULA

Agenzia Viaggi LA FIBULA Agenzia Viaggi LA FIBULA Via Buozzi, 5 57023 Cecina (LI) Tel. +39 0586 680599 Fax +39 0586 630689 http www.fibula.it info@fibula.it www.facebook.com/fibulaviaggi www.twitter.com/fibulaviaggi www.youtube.com/fibulaviaggi

Dettagli

SEMINARIO TECNICO UNI EN 12094 - UNI EN 15004 Lo spegnimento incendi con estinguenti gassosi. Parte 1ª

SEMINARIO TECNICO UNI EN 12094 - UNI EN 15004 Lo spegnimento incendi con estinguenti gassosi. Parte 1ª SEMINARIO TECNICO UNI EN 12094 - UNI EN 15004 Lo spegnimento incendi con estinguenti gassosi Parte 1ª Agenti estinguenti a confronto Analisi degli aspetti normativi Giancarlo Bianchi Perche installare

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE COMUNE DI SEREGNO PROVINCIA DI MONZA BRIANZA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE ATTIVITÀ NORMATA (D.M. 18.03.1996

Dettagli

DECRETA. Articolo 1. Articolo 2

DECRETA. Articolo 1. Articolo 2 e VSTO VSTO VSTO il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, recante: "Attuazione dell'articolo l della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro",

Dettagli

Il fenomeno degli incrementi di pressione

Il fenomeno degli incrementi di pressione La sovrapressione negli impianti antincendio ad estinguenti gassosi Massimo Bettati, Francesco Dignatici L abstract La norma UNI EN 15004 sui sistemi fissi antincendio ad estinguenti gassosi, che introduce

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI ENERGIA ELETTRICA

IMPIANTI ELETTRICI ENERGIA ELETTRICA IMPIANTI ELETTRICI ENERGIA ELETTRICA forma di energia più conosciuta ed utilizzata facilmente trasportabile facilmente trasformabile in energia meccanica, termica, chimica, luce pericolosa in caso di guasti,

Dettagli

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i CONOSCERE E PREVENIRE per lavorare SENZA pericoli Modulo Formativo per RLS I SOGGETTI della PREVENZIONE e le RELAZIONI ultimo aggiornamento - ottobre 2008 Chi sono i SOGGETTI della prevenzione in azienda?

Dettagli

INDICE Manuale Volume 2

INDICE Manuale Volume 2 INDICE Manuale Volume 2 Pag. NOTA DEGLI EDITORI PREFAZIONE 1. INTRODUZIONE 1 2. DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2.1 Principali disposizioni legislative 3 2.2 Principali norme tecniche

Dettagli

QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI

QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI GENERALITA': Il quadro elettrico oggetto della presente specifica è destinato al comando e al controllo di gruppo elettrogeni automatici

Dettagli

L importanza di una protezione antincendio certificata per gli archivi storici.

L importanza di una protezione antincendio certificata per gli archivi storici. L importanza di una protezione antincendio certificata per gli archivi storici. Mario Mignacca Fire Engineering Manager impianti di spegnimento incendi 0 Estinzione incendi 150 anni fa. 1 Estinzione incendi

Dettagli

ICT IMPIANTI PRESENTAZIONE AZIENDALE

ICT IMPIANTI PRESENTAZIONE AZIENDALE ICT IMPIANTI PRESENTAZIONE AZIENDALE La nostra missione L Azienda ICT Impianti nasce dall idea di un progetto di sicurezza a 360 gradi e cioè quello di unire i concetti di sicurezza informatica alle tecniche

Dettagli

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici 6578 CEI 0-2 0 120 Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici 6366 CEI 0-10 0 110 Guida alla manutenzione degli impianti elettrici 6613 CEI 0-11 0 75 Guida alla

Dettagli

DI.M.A.R.C.A. SERVICE S.R.L. DI.M.A.R.C.A. SERVICE S.R.L.

DI.M.A.R.C.A. SERVICE S.R.L. DI.M.A.R.C.A. SERVICE S.R.L. 2012 DI.M.A.R.C.A. SERVICE S.R.L. DI.M.A.R.C.A. SERVICE S.R.L. 2012 2 IMPIANTI ANTINCENDIO 3 FORNITURA VIGILANZA ANTINCENDIO ADDESTRAMENTO Premessa La DI.M.A.R.C.A SERVICE S.r.L., nata nel 1998 dal conferimento

Dettagli

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO IV Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO La Norma UNI EN ISO 7396-1 Ing. Carlo M. Giaretta Commissione Tecnica U4204 dell UNI Apparecchi per

Dettagli

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici 6578 CEI 0-2 0 120 Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici 6366 CEI 0-10 0 110 Guida alla manutenzione degli impianti elettrici 6613 CEI 0-11 0 75 Guida alla

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L AGGIORNAMENTO DELL ALBO DEI FORNITORI DI SALERNO SOLIDALE SPA

AVVISO PUBBLICO PER L AGGIORNAMENTO DELL ALBO DEI FORNITORI DI SALERNO SOLIDALE SPA AVVISO PUBBLICO PER L AGGIORNAMENTO DELL ALBO DEI FORNITORI DI SALERNO SOLIDALE SPA Oggetto: Avviso pubblico per l aggiornamento dell Albo dei Fornitori di beni e servizi - validità triennale. Salerno

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 Le strutture sanitarie: le criticità

Dettagli

Linee di interconnessione secondo le evoluzioni normative UNI - CEI

Linee di interconnessione secondo le evoluzioni normative UNI - CEI secondo le evoluzioni normative UNI - CEI Panorama normativo nei sistemi di rilevazione fumi ed EVAC Sistemi di rilevazione fumi rif. UNI 9795 : 2010* Sistemi EVAC rif. UNI ISO 7240-19* 1 UNI TC 72 Ing.Andrea

Dettagli

Capitolo 5 Quadri elettrici

Capitolo 5 Quadri elettrici Capitolo 5 Quadri elettrici (5.1) Quadri, Leggi e Norme La legge 46/90, obbliga l installatore a redigere la dichiarazione di conformità relativamente ai lavori svolti. Allegati a tale dichiarazione devono

Dettagli

Il diritto penitenziario in canton Berna

Il diritto penitenziario in canton Berna ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 21/05/2013 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/35064-il-diritto-penitenziario-in-canton-berna Autore: Baiguera Altieri Andrea Il diritto penitenziario in canton Berna

Dettagli

Impianti sportivi (Norme di Installazione)

Impianti sportivi (Norme di Installazione) Norme di installazione (le disposizioni indicate si riferiscono ad un impianto sportivo classificato come locale di pubblico spettacolo; se così non fosse, seguire le indicazioni per un impianto ordinario)

Dettagli

SICUREZZA contro gli INCENDI

SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI LA SICUREZZA CONTRO GLI INCENDI E LA SOMMA DEGLI ACCORGIMENTI DA ATTIVARE PERCHÈ IL FUOCO il fuoco non si verifichi il fuoco sia facilmente controllabile

Dettagli

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico Opportuntà per le PMI d rsparmo economco ed energetco : dalla forntura alle buone pratche n azenda Effcenza energetca nelle PMI esemp d problem tpc e possbl soluzon www.europrogett.eu Effcenza energetca

Dettagli

- 2 - ISO 9001: 2000, CH-32919. ERSE S.p.A. Via R. Rubattino 54 20134 Milano - Italia Telefono +39 023992.1 Fax +39 0239925370

- 2 - ISO 9001: 2000, CH-32919. ERSE S.p.A. Via R. Rubattino 54 20134 Milano - Italia Telefono +39 023992.1 Fax +39 0239925370 0 !"$ % - 1 - Questo lavoro è stato finanziato dal Fondo di Ricerca per il Sistema Elettrico nell ambito dell Accordo di Programma tra CESI RICERCA ed il Ministero dello Sviluppo Economico - D.G.E.R.M.

Dettagli

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE PROCEDURA NEGOZIATA PER L'ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE E PROGETTAZIONE GRAFICA PER LA PUBBLICAZIONE E DIVULGAZIONE DELLE INIZIATIVE CULTURALI DELL'ERT ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

Dettagli

AA-10 AA-11 Interfacce Cito-Telefoniche per citofoni standard esistenti Collegamento su traslatore urbano del PBX o su derivato interno

AA-10 AA-11 Interfacce Cito-Telefoniche per citofoni standard esistenti Collegamento su traslatore urbano del PBX o su derivato interno TEMA TELECOMUNICAZIONI È UNA AZIENDA CERTIFICATA DAL LEADER ITALIANO DELLE APPLICAZIONI CITO TELEFONICHE LA PIÙ VASTA GAMMA DI PRODOTTI DISPONIBILI SUL MERCATO INTERFACCE CITOFONICHE-TELEFONICHE E APPARECCHI

Dettagli

Remote Power Switch. Guida d installazione

Remote Power Switch. Guida d installazione Remote Power Swtch Guda d nstallazone Hq Internazonale w w w. m n c o m. c o m Hq Nordamercano Hq Europeo Jerusalem, Israel Tel: + 72 2 535 666 mncom@mncom.com Lnden, NJ, USA Tel: + 0 46 200 nfo.usa@mncom.com

Dettagli

CHIARIMENTI. N Marca Descrizione Modello Ubicazione Matricola 61 HP Server ProLiant DL380 Torino Via non disponibile

CHIARIMENTI. N Marca Descrizione Modello Ubicazione Matricola 61 HP Server ProLiant DL380 Torino Via non disponibile Equitalia S.p.A. Sede legale Via Giuseppe Grezar n. 14 00142 Roma Tel. 06.989581 Fax 06.95050424 www.gruppoequitalia.it Alle Società interessate Roma, 27 maggio 15 Prot. n. 15/22975 OGGETTO: Procedura

Dettagli

INNOVATICA. DSO300E02 Generatori aerosol per lo spegnimento incendio

INNOVATICA. DSO300E02 Generatori aerosol per lo spegnimento incendio Pagina 1 di 5 INNOVATICA presenta l estinguente del futuro DSO300E02 Generatori aerosol per lo spegnimento incendio Rapido Sicuro ed affidabile Efficace ed efficiente Compatibile con l ambiente INNOVATICA,

Dettagli

Comunità Montana Valtellina di Tirano

Comunità Montana Valtellina di Tirano C.m. Valtellina di Tirano Prot. 1531 del 18-02-2008 0800001531000 Comunità Montana Valtellina di Tirano OGGETTO: Richiesta offerta per fornitura di no 1 Server HP Proliant DL380 G5 comprensivo di accessori,

Dettagli

La protezione attiva

La protezione attiva LEZIONE 33 La protezione attiva L insieme delle misure di protezione che richiedono l azione di un uomo o l azionamento di un impianto sono quelle finalizzate alla precoce rilevazione dell incendio, alla

Dettagli

Dalla «Fabbricazione All accettazione» IDGM - SDEGA

Dalla «Fabbricazione All accettazione» IDGM - SDEGA LO STATO DELL ARTE NELLA GESTIONE DEI GAS MEDICALI IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA Dalla «Fabbricazione All accettazione» IDGM - SDEGA Durabilità e funzionalità Miglioramento normativo introduzione di nuovi

Dettagli

Cavi comandi e segnalamento per utenze mobili Cables for moving equipment

Cavi comandi e segnalamento per utenze mobili Cables for moving equipment Cavi comandi e segnalamento per utenze mobili Cables for moving equipment CAVI COMANDI E SEGNALAMENTO PE UTENZE MOBILI FF2OY-300/500V S05VVD7-H CAVI MULTIPOLAI PE COMANDI E SEGNALAZIONI ISOLATI IN PVC-EXTAFLESSIBILI-AUTOPOTANTI

Dettagli

rmatica, Aprile 2009 SAXOS Infor Soluzioni software per la Sanità

rmatica, Aprile 2009 SAXOS Infor Soluzioni software per la Sanità L ANALISI DEL RISCHIO VIOLAZIONE DELLA PRIVACY, ALLA LUCE DELLE NUOVE ACQUISIZIONI TECNOLOGICHE E DEGLI AVANZAMENTI DELLA TECNOLOGIA. Ing. Antonio Lancia Un po di storia 2001 Saxos Informatica fornisce

Dettagli

ATTREZZATURE DI LAVORO: VALUTAZIONE RISCHI E GESTIONE

ATTREZZATURE DI LAVORO: VALUTAZIONE RISCHI E GESTIONE VALUTAZIONE RISCHI E GESTIONE 1. SCOPO... 1 2. RIFERIMENTI... 1 3. MODALITÀ OPERATIVE... 1 4. ALLEGATI... 2 5. DESTINATARI... 3 1. SCOPO La presente procedura ha come scopo la gestione e la prevenzione

Dettagli

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz Premessa L impianto in questione è relativo ad un progetto per la realizzazione di un campo polivalente coperto e di un immobile adibito a spogliatoio presso la zona PIP. La documentazione di progetto

Dettagli

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti Sprinkler Caratteristiche Comprendono almeno una rete di tubazioni di distribuzione ad uso esclusivo antincendio, un insieme

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI

Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI Ing. Claudio Noro libero professionista - Vicenza 1

Dettagli

TIPOLOGIE DI IMPIANTI SENFC Pagina 1 di 8

TIPOLOGIE DI IMPIANTI SENFC Pagina 1 di 8 TIPOLOGIE DI IMPIANTI SENFC Pagina 1 di 8 IMPIANTI SENFC TIPOLOGIA DI ENFC FUNZIONAMENTO PNEUMATICO: Il sistema si serve di gas CO2, o aria compressa; ogni ENFC deve essere munito di un dispositivo di

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE, L UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DEL REGOLATORE GENIUS POWER SIN VERSIONE PRELIMINARE

MANUALE DI ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE, L UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DEL REGOLATORE GENIUS POWER SIN VERSIONE PRELIMINARE MANUALE D STRUZON PER L NSTALLAZONE, L UTLZZO E LA MANUTENZONE DEL REGOLATORE GENUS POWER SN VERSONE PRELMNARE CONDZON D GARANZA L appareccho è garantto per 24 mes dalla data d acqusto contro dfett d fabbrcazone

Dettagli

AMPLIFICAZIONI. LS500B A sub. manuale

AMPLIFICAZIONI. LS500B A sub. manuale AMPLIFICAZIONI manuale AMPLIFICAZIONI ATTENZIONE! rferment del manuale Possono essere provocate stuazon potenzalmente percolose che possono arrecare leson personal. Possono essere provocate stuazon potenzalmente

Dettagli

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 Relazione di calcolo illuminotecnico Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 PREMESSA Oggetto del seguente lavoro è il calcolo illuminotecnico da effettuarsi nel

Dettagli

Analisi dei rischi e Business Continuity

Analisi dei rischi e Business Continuity Analisi dei rischi e Business Continuity Sala cluster 'Ulisse' Dipartimento di Matematica Università degli Studi di Milano Alessio Alessi Lorenzo Farolfi E' fondamentale per qualunque piano programmatico

Dettagli

FASCICOLO DELL'OPERA MODELLO SEMPLIFICATO

FASCICOLO DELL'OPERA MODELLO SEMPLIFICATO Aegato IV Modeo sempfcato per a redazone de fasccoo de'opera (Le dmenson de camp ndcat nee tabee a segure sono meramente ndcatve n quanto dpendent da contenuto) FASCICOLO DELL'OPERA MODELLO SEMPLIFICATO

Dettagli