COMUNE DI LECCO. Capitolato tecnico. Pagina 1 di 51

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI LECCO. Capitolato tecnico. Pagina 1 di 51"

Transcript

1 COMUNE D LECCO Pagina 1 di 51

2 ART. 1 - NTRODUZONE... ART. 2 - SCOPO DEL PROGETTO... 5 ART. - SOLUZONE DATA CENTER... 6 ART. 4 - DESCRZONE MACRO AREE OGGETTO DELLA FORNTURA... 7 ART. 5 - DESCRZONE TECNCA DELL MPANTO D CONDZONAMENTO ART. 6 - DESCRZONE TECNCA GRUPP D CONTNUTA ART. 7 - DESCRZONE TECNCA MPANTO ANTNCENDO ART. 8 - DESCRZONE TECNCA RACK SERVER ART. 9 - DESCRZONE TECNCA PDU CONTROLLO REMOTO E LOCALE ART DESCRZONE TECNCA SSTEMA D MONTORAGGO AMBENTALE ART DESCRZONE TECNCA SSTEMA D MONTORNG ART DOCUMENTAZONE ART. - 1 CARATTERSTCHE DE SERVZ... 1 ART LUOGO D LAVORO... 5 ART DMENSONAMENTO... 6 ART DURATA DEL CONTRATTO... 7 ART. 17 MPORTO A BASE D ASTA... 8 ART. 18 MODALTA DELL APPALTO... 9 ART.19 RESPONSABLTA DELLA DTTA APPALTATRCE ART GRAV NADEMPENZE, PENALTA E RSOLUZONE ART. 21 FALLMENTO DELL MPRESA ART MODALTA D APPLCAZONE DELLE PENALTA... 4 ART. 2 - FATTURAZONE E PAGAMENTO DEL CORRSPETTVO ART. 24 GARANZE, COPERTURE ASSCURATVE E ONER ASSSTENZAL E PREVDENZAL ART. 25 CAUZONE DEFNTVA ART RFUSONE DANN E SPESE ART. 2 - ESECUZONE N DANNO ART. 24 SPESE ART CONTROVERSE ART. 26 NORMA FNALE E RNVO A NORME VGENT Pagina 2 di 51

3 Art. 1 - NTRODUZONE! # $ % & '( ) * + $ ), * ) ) -. ),. -.!! / 0 1+2/ $ 4 5 # $ $ #$ $ Pagina di 51

4 1.1 OGGETTO 0 $ $4 8 # $ $ : / 1$%2%% ; <$/=#1%%##21 <$/=#11=>1=/<%=#1 <$/=#1/=#=%=1/?/ % 1=#211%?/%? <1=#12/??1 A 1B<%=#/>1=% Pagina 4 di 51

5 Art. 2 - SCOPO DEL PROGETTO ; $* 5 # 9 : ) ) C 6DE /' / ( # Pagina 5 di 51

6 Art. - SOLUZONE DATA CENTER, - =4F5 - =4F5 # $ - =45A - =4FB$+ - =4F G $ ' ' ) ( 5=%#/$$' ( # # /< # %&' = ) Pagina 6 di 51

7 Art. 4 - DESCRZONE MACRO AREE OGGETTO DELLA FORNTURA 4.1 OPERE EDL Pagina 7 di 51

8 6E) H #$%(()* + **#,-)&./# // = ) F $!! Pagina 8 di 51

9 4.2 PAVMENTO SOPRAELEVATO (PORTATA 1000/1500 KG/MQ). 6HE $ 6DEEJDEE.! +? H?,#0./# '# ) F HJH> 9 9>5K5! > % LFH D <D# FD ME'7H( ) * FH )' ( > FHJ? # <1!!21!! / $!6EE $ *456 - ( 67 EH - - H0EE DEEJDEE. Pagina 9 di 51

10 4. OPERE MURARE!$1)H?/;%#1=2%FE )H!$142%FE!$1 2%FE)6H # )FE!$1$+ FH 4.4 MPANTO ANTNCENDO,-$ -?E E07E6EE - B - - $!# - O O - /; 2/6EEE - $ - $ Riferimenti normativi D.Lgs. 81/08 T-PED GMCTC NFPA 2001 UN EN / 2008 UN 9795:2010 EN 54 CE 79-2 CE 17.1/1 CE EN Valutazione rischi e informazione sui rischi specifici Per la costruzione e il collaudo di bombole per gas compressi e liquefatti Per il trasporto delle bombole per gas compressi e liquefatti Standard on Clean Agent Fire Extinguidhing System Per la realizzazione, il funzionamento ed il dimensionamento degli impianti di estinzione Gaseous fire extinguishing system physical properties and system design ; CNVVF CPA Sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione manuale d incendio Componenti dei sistemi di rivelazione automatica d incendio Sistemi di rilevamento e segnalazione per incendio, intrusione, furto, sabotaggio e aggressione Apparecchiature assemblate per bassa tensione Prescrizioni per apparecchiature di serie Metodo di prova per la resistenza al fuoco di piccoli cavi non protetti per l'uso in circuiti Pagina 10 di 51

11 di emergenza Normativa italiana UN Componenti di impianti di estinzione a gas. Requisiti e metodi di prova per dispositivi elettrici automatici di comando e gestione spegnimento e di ritardo 4.5 ANTFURTO E CONTROLLO ACCESS E D7 EEE $ $ / ) - =4?< - =4 - =4 - =4F - =4 - =4 - $ - =4# P - =4? - ; - =4HE - =4 P* - * - =4 Pagina 11 di 51

12 Art. 5 - DESCRZONE TECNCA DELL MPANTO D CONDZONAMENTO >, ) ' (? % 'A2(Q /A2/%'FEE/A2/% %? %) ( #), # 7& 859:%; %;. Pagina 12 di 51

13 % > $ '( H F'B%(> ) #$ 0 P FD5K F6H5K F4 F774 G - # 7EE4 - J774 EER 5K %%2 6. ' E1FF(., ; $ $ %! ) ' )) ( ) S + Pagina 1 di 51

14 / $? - ; / ) <?, > 6HR / ), D $HH = )?7 %=&%=TTM'%B7 ) % %B 70H( ) 7EE+ HEAP=P# % FE7& ). ) & % $ ) - B=/;/##%2/ 2//<%=#1%%##2/ 8 C - B= #%</ $1# 2//<%=#1/?/ /1 - B<!/#12%/+/$12% )) C ) & ) K%;12%=#% K%;1 Pagina 14 di 51

15 % & U ) % %J * > U) > / ) * <6 1 MEEFEEE8%=1MEEFEEE8;%=1MEEFEEE8B=%=1 MEEFEEE % 91V 2%?#%2 GB/#V /B2/=%: 0 #&-#/6 1%= % Pagina 15 di 51

16 Art. 6 - DESCRZONE TECNCA GRUPP D CONTNUTA $ $ 48 - % 1;;?/#12/<%=#%'$%=/%B1=%%1!!%2#/( - % '= ( - % - % ' ( - % K%;12%=#% : '#A(W 6R2 ) '$!( XYEMM ' 0 ( ) ) 6EE7E+ 7ETEA )' ) ) ( H 6E ' ( ' ( WHR WR Pagina 16 di 51

17 C '?;# ( 9 ): $ ) ) / U PARAMETR 2?;#+ $!' (XYEMM! /?;# ;U&$< < =<$ 2 % */ Riferimenti normativi Normative e conformità richieste EC , EC , EC , EC ,4,5,6,8,11, EN , EN , EN , EN 60950, EN 60529, ANS C62.41 ( EEE587) Grado di protezione P 20 (con porte aperte) Pagina 17 di 51

18 Art. 7 - DESCRZONE TECNCA MPANTO ANTNCENDO %=FEM70FEE6%=H7&F %=H7&7 ) 2$2 *DHK 2$2 '?/( / 1 '% 'EHEH6E7HDE ME ( 'F DE E6E 9 :( mpianto di rilevazione - Caratteristiche tecniche F $!?0= 6E6EE E 2 2 'HEE/( * $ -#// '-)#*# )&./0/)&.//#*#/#)#,*#/###(#/#, %=H7&F07 %=FEM70FEE6 mpianto di rilevazione - Caratteristiche ambientali / # &HZP7EZ BMHRJ' ( mpianto di rilevazione - Caratteristiche meccaniche? $6E '(6FJ6HTJM7 $ Pagina 18 di 51

19 mpianto di rilevazione Composizione indicativa 0 2 / F7+ DE4 2 / F7+ DE4 $ 0 O/ O %=H7 # F0F7+ $HH $ %=&H7 2# # H&F+ FEE/ H/ # E4PHE4 mpianto di spegnimento - Descrizione $ # 17HFE 'B=HEE7 %( %FE&FF #*E $+ TP&EFE Pagina 19 di 51

20 $F7 mpianto di spegnimento Composizione indicativa ;0 ' ) ) DE( C ) $?# < E&7EEHE/07:! [: =?60:<J?0:! #60:? ; 60: + = $DH?[: 1 [: A\\//DEEE 2 B ]: 1 /$H?2; 7E //6EEE =$# B=%=FEM7, & 6EEJ6EE ) 1 7HFE # A\\ A7E) '6EE( 'HE4( 67H //DEEE //6EEE B + Pagina 20 di 51

21 Art. 8 - DESCRZONE TECNCA RACK SERVER 5 0 ) - HEE5 - ) M: B - - E0E EE^ - -.6R E4-5.ER E4. - ). - EEE5 - HEE /TEF - =%=DEMHE Dimensioni? DEE / FEEE EEE / 7FB $ T7E 1 '#$ (()* = + ( /$ // + + Pagina 21 di 51

22 Riferimenti normativi - $ $FE %HFM - B F77 - = F - < +%EEE#H7E # = 5 '=1=1??%##1%/!12=#B2/( /=0K/= Monitor con tastiera e KVM (KVM Switch over P) $ *5 # ' #( M: 1;;?/#12/<%=#% B; 0 1;;?/#12/<%=#% GESTONE SERVER GRAFC - KVM SWTCH OVER P <$B ; 7D6F # 1+2/==1 1;;?/#12/<%=#% 1; K 5 O O '$ B;+ QQ( %, 1 ; B;F Pagina 22 di 51

23 GESTONE APPARAT D NETWORKNG E TLC SERAL SWTCH OVER P G *$;\B#$ 7D6F7 2F6F +/& 7+ $#= ) MONTOR / + HO #!#$ 2 EF7\TD $J $ EFMTFFMT / + &DH&TH+ &7H 8DE 2 FHE ;FHE0F 2 D< # E4HH406F4!64! B ER_MERB2 # 2 E FE Pagina 2 di 51

24 Art. 9 - DESCRZONE TECNCA PDU CONTROLLO REMOTO E LOCALE 125 )F D/F6E+ 6 M - $ $B U * - $ - EB - B %6FE6 %6FEM D $B - $ * * $ ` K A# =<$2F6F E0EE; &#% 6#=<$F -? K * =<$ - + F6E+ - / D/ - %DE6EMD/ - 6 -? $FE - # E47E4 - B FHR&THR2A - EFEEE - B`#B+ -!/H - % B%=HHEFF/ - %=HHEF7%=DEMH& - <% - &#5-2A0K%%% Pagina 24 di 51

25 Art DESCRZONE TECNCA SSTEMA D MONTORAGGO AMBENTALE % 'A2(Q 5 $ ) G, =<$ $0 #$0$A##$!#$=<$ =#$ '( - M: - `U - #$0$% E; #2a7H - =<$# ;* K -? # * * - ' ; ( ) - ' ( - / - / < - / * #!#$ - U -! * * K%;12%=#% - %, = *5 8A$1 + * 5;<= *;<#<?&)< B== < (()*#/# - =4F '1=01!!( - =4E6' UJ6/F6E+/( - #/#,#))#'#& - #/#,#))$&,$,#))$ - #/#,#)0/,#))#'# Pagina 25 di 51

26 Art DESCRZONE TECNCA SSTEMA D MONTORNG % 'B$ 25$B ( = * - - ' ( - AF7 / =<$ * - +. ) S $ / & - * )) *. ' (..=<$.. =<$. S 0... Pagina 26 di 51

27 % K#A' ( F7E0EE. $ '< %=#( <%=# <%2+%2 K%;. AK - 2 ' ( - * ' ( - - / ' ( ) (()*#/# '#/#0)&/# $, 0 / %%2%=$%=%=#%=%/?%#1=% 0+B/>>/>1=% # $ Pagina 27 di 51

28 Art Documentazione / 12.1 DOCUMENTAZONE RELATVA A PRODOTT * * '( '&21<( 12.2 DOCUMENTAZONE RELATVA AL PROGETTO < b '$$ (., $ /'/ (. 12. DOCUMENTAZONE TECNCA DE SSTEM / ' ( ;#B 12.4 DOCUMENTAZONE GESTONE DEL SSTEMA / $ $ Pagina 28 di 51

29 $ & o $ 0 0 o $ o $ ;U$ o 1 o $* o $ o o + o $, o o % o $, o % 1 1 /'0)#: 1 ) $ / 9/;: # b 0 0 / % % 0 / #?? Pagina 29 di 51

30 ?? & ' ( / 5 & 12.5 PANO D MGRAZONE DELLO SPOSTAMENTO DEL DATA CENTER D P.ZA DAZ, N 1 0 % # # % PANO D MGRAZONE DELLO SPOSTAMENTO DEL DATA CENTER DEL CST D C.SO PROMESS SPOS, N 12 0 ## # % 0 = F ;5;5 ' ( 6 J 4. Pagina 0 di 51

31 Art. - 1 Caratteristiche dei servizi 1.1 SERVZ D CONSEGNA, NSTALLAZONE E CONFGURAZONE DEL SSTEMA ) 0) E E $$ 0 $$ ' ( ) $$ * * * * 7E')( ) FE' ( 9! : 0 $4 5 %1 % 0 # $ $ %1 % # Pagina 1 di 51

32 $ FE' ( * * CERTFCAZON RCHESTE DELLE MPRESE * < $ A* *% B=%=1MEEFEE 1.2 SERVZ D PERSONALZZAZONE E D SUPPORTO SPECALSTCO 1. SERVZO D MANUTENZONE,&1 9HT =;:, ) ), ) Pagina 2 di 51

33 1..1 MANUTENZONE PREVENTVA,&1 ' ( - * * 0 * F )0#>,->'#-#,##&/0/))'#,00/0,#/.//&)#'# ),0#/#)?/#,-#?0#)$#??0#/.#,)(&/?&/./#/,#) # ) )# 00/#,-//### '')0#-#/&)/&- )0?##?#)0,)',&# MANUTENZONE CORRETTVA,&1 * * 0* 1.. LVELL D SERVZO - - EE T6E EE 6EE' ( ' ( $ - ) - & ) ; 1.4 SERVZ D ADDESTRAMENTO ALL UTLZZO DE SSTEM '* * ( ) E' ( '( Pagina di 51

34 #$*,)**&/*#/,#))0#?0./#,#)'#/)##0/0. 6 ' ( /, HER Pagina 4 di 51

35 Art Luogo di lavoro 4D &. Pagina 5 di 51

36 Art Dimensionamento Comune di Lecco (Situazione attuale) Apparato N Potenza [Watt] Potenza [VA] Potenza [BTU] BM X BM X XSERES XSERES XSERES SUNFRE X SUNFRE X NETSERVER LH PROLANT ML PROLANT ML PROLANT ML PROLANT ACER ALTOS 1100E NAS FAS SWTCH C ROUTER CSCO ROUTER CSCO FREWALL KVM Centro Sistema Territoriale (Situazione attuale) Apparato N Potenza [Watt] Potenza [VA] Potenza [BTU] BM SYSTEM STORAGE TS500TYPE LBRARY HP PROLANT DL80 G BM XSERES ARC SGHT LOGGER KVM CONSOLE BM LCM NETWORK APPLANCE DS14MK2 FC NETWORK APPLANCE NETAPP FAS CSCO 2801 NTEGRATED SERVCES ROUTER CSCO PX-1 515E FREWALL CSCO PX-1 515E FREWALL CSCP CATALYST SWTCH CSCP CATALYST SWTCH CSCO CATALYST DMZ CSCO CATALYST 750G-24T CSCO CATALYST 750G-24T CSCO 2801 NTEGRATED SERVCES ROUTER CSCO 2801 NTEGRATED SERVCES ROUTER CSCO 1710 SECURTY ACCESS ROUTER CSCO 826 ADSL ROUTER SWTCH NFOSMART 24 PORT 10/ CSCO ASA CTRX ACCESS GATEWAY BM SYSTEM X Pagina 6 di 51

37 Art DURATA DEL CONTRATTO B2/#/6D Pagina 7 di 51

38 Art. 17 MPORTO A BASE D ASTA cmeeeee' 0EE(+/ FER ) Pagina 8 di 51

39 Art. 18 MODALTA DELL APPALTO, Pagina 9 di 51

40 ART.19 RESPONSABLTA DELLA DTTA APPALTATRCE / / % - Pagina 40 di 51

41 ART GRAV NADEMPENZE, PENALTA E RSOLUZONE ) - 2 cheee = = ) ( 8 ( 8 ( 8 ( 8 ) ( 8 ( 8 ) ), ) Pagina 41 di 51

42 Art. 21 FALLMENTO DELL MPRESA C Pagina 42 di 51

43 Art MODALTA D APPLCAZONE DELLE PENALTA < ) / - ) Pagina 4 di 51

44 Art. 2 - FATTURAZONE E PAGAMENTO DEL CORRSPETTVO '+/(& & ) - FER - FER 6E - 7ER DE -?B ) ) Pagina 44 di 51

45 Art. 24 GARANZE, COPERTURE ASSCURATVE E ONER ASSSTENZAL E PREVDENZAL # ) ) C./ ). ) Pagina 45 di 51

46 Art. 25 CAUZONE DEFNTVA Pagina 46 di 51

47 Art RFUSONE DANN E SPESE $./ Pagina 47 di 51

48 Art. 2 - ESECUZONE N DANNO. ). S. ) Pagina 48 di 51

49 Art. 24 SPESE # Pagina 49 di 51

50 Art CONTROVERSE $ )! Pagina 50 di 51

51 Art. 26 NORMA FNALE E RNVO A NORME VGENT $ ) Pagina 51 di 51

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@?"?$3J I?@?@?@'@J I")&?@%@?J I?"!@?"!"J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@??$3J I?@?@?@'@J I)&?@%@?J I?!@?!J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO CAMPIONE DELL URSS Alla fine di novembre del 1956 cominciò a Tbilisi la semifinale del 24 campionato dell Urss. Tal vi prese parte. Aspiravano al diritto di giocare il torneo di campionato, tra gli altri,

Dettagli

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Corrispettivi delle attività di progettazione e delle altre attività ai sensi dell articolo 17, comma 14 bis, della legge 11 febbraio 1994 n.109 e successive modifiche. l MNSTRO DELLA GUSTZA di concerto

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT POTEZONE DA CONTATT NDETT NE SSTEM TT Appunti a cura dell ng. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d ngegneria dell Università degli

Dettagli

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA Dell Smart-UPS 100 000 VA 0 V Protezione interattiva avanzata dell'alimentazione per server e apparecchiature di rete Affidabile. Razionale. Efficiente. Gestibile. Dell Smart-UPS, è l'ups progettato da

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO Nel rispetto dei diritti di copyright che tutelano le norme tecniche UNI la presente versione della Linea Guida è stata redatta in forma

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM ARGOMENTI TRATTATI Il livello elevato Il disastro più diffuso e più probabile L'esempio da 10 miliardi di dollari per

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Specifiche tecniche standard MACROLogic per condizionatori con/senza batteria di riscaldamento

Specifiche tecniche standard MACROLogic per condizionatori con/senza batteria di riscaldamento Controllo Elettronico MACROLogic per Dat Air Manuale 201713A01 Emissione 10.99 Sostituisce --.-- Specifiche tecniche standard MACROLogic per condizionatori con/senza batteria di riscaldamento 1370 Controllo

Dettagli

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f).

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f). Due Matrici A,B. Ker f = ker g. 1- Ridurre a scala A e B e faccio il sistema. 2 Se Vengono gli stessi valori allora, i ker sono uguali. Cauchy 1 autovalore, 1- Metto a matrice x1(0),x2(0),x3(0) e la chiamo

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione -

Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione - Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione - Questo documento è un tentativo di raccolta e riorganizzazione dei vari post & thread esistenti sull'argomento SEKA 2, senza la pretesa di essere un trattato esaustivo.

Dettagli

CITTA DI CERVIGNANO DEL FRIULI Provincia di Udine SETTORE TECNICO E GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio Lavori Pubblici e Manutenzioni

CITTA DI CERVIGNANO DEL FRIULI Provincia di Udine SETTORE TECNICO E GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio Lavori Pubblici e Manutenzioni LAVORO N. 01 CODICE C.U.P. F46D14000080002 OGGETTO INTERVENTO LAVORI DI COMPLETAMENTO EX SCUOLA ELEMENTARE DI VIA ROMA AD USO EDIFICIO PER SERVIZI SOCIO-SANITARI TIPOLOGIA INTERVENTO 07 Manutenzione Straordinaria

Dettagli

Serie RTC. Prospetto del catalogo

Serie RTC. Prospetto del catalogo Serie RTC Prospetto del catalogo Bosch Rexroth AG Pneumatics Serie RTC Cilindro senza stelo, Serie RTC-BV Ø 16-80 mm; a doppio effetto; con pistone magnetico; guida integrata; Basic Version; Ammortizzamento:

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA Al comando prov.le VV.F.La Spezia Ai funzionari responsabili Ai responsabili gestione tecnica E p.c. alle altre OO.SS. Oggetto: problematiche

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici Fatti per il sole, minacciati dalle scariche atmosferiche L importanza

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

*'ffis. bk# crrrà DI AcIREALE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. in opera di attrezzature.

*'ffis. bk# crrrà DI AcIREALE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. in opera di attrezzature. \w *'ffis bk# crrrà D AcREALE SETTORE PROTEZONE CVLE --ooooooo Automatizzazione del parcheggio a pagamento di via Galatea - Fornitura e posa in opera di attrezzature. COMPUTO METRCO ESTMATVO., ':. \ r

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Watt e Voltampere: facciamo chiarezza

Watt e Voltampere: facciamo chiarezza Watt e Voltampere: facciamo chiarezza White Paper n. 15 Revisione 1 di Neil Rasmussen > Sintesi Questa nota spiega le differenze tra Watt e VA e illustra l uso corretto e non dei termini utilizzati per

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti??

Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? CEI 64-8 -CAP. 563. CIRCUITI DI ALIMENTAZIONE DEI SERVIZI DI SICUREZZA Parte 563.3: La protezione

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento , ROMA CAPTALE '21M~ BANDO D GARA D' APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. N PUBBLCAZONE DAL~...1:Jj~jM.~ A L _.2 /~L-MZ: = 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento

Dettagli

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo.

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo. Lavoro ed energia 1. Forze conservative 2. Energia potenziale 3. Conservazione dell energia meccanica 4. Conservazione dell energia nel moto del pendolo 5. Esempio: energia potenziale gravitazionale 6.

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP Salve, questo circuito nasce dall'esigenza pratica di garantire continuità di funzionamento in caso di blackout (accidentale o provocato da malintenzionati)

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

INDICE ANALISI MISURAZIONE TERMOREGOLAZIONE

INDICE ANALISI MISURAZIONE TERMOREGOLAZIONE INDICE ANALISI MISURAZIONE TERMOREGOLAZIONE Pagina. M 1 Cronotermostati M 3 Termostati.. M 4 Centraline climatiche M 4 Orologi M 6 Accessori abbinabili a centraline Climatiche e termoregolatori M 7 M 01

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Autodesk 2012. Guida per le licenze

Autodesk 2012. Guida per le licenze Autodesk 2012 Guida per le licenze 2011 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati. Ad eccezione di quanto esplicitamente consentito, è vietata la riproduzione della presente pubblicazione o di parte di

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Introduzione alla Sicurezza

Introduzione alla Sicurezza 6 Introduzione alla Sicurezza - Prefazione Scopo di questa sezione è di fornire al costruttore di macchine una rapida introduzione su alcune normative relative alla sicurezza macchine, chiarire alcuni

Dettagli

GESTIONE CENTRI DI COSTO

GESTIONE CENTRI DI COSTO GESTIONE CENTRI DI COSTO Basta attribuire un conto economico ad un solo centro di costo fisso, oppure ad un centro di costo generico che, a sua volta, ridistribuisce a percentuale fissa su altri centri

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile Totally Integrated Power SIESTORAGE Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile www.siemens.com/siestorage Totally Integrated Power (TIP) Portiamo la corrente

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

222X IT Manuale d uso

222X IT Manuale d uso 222X IT Manuale d uso INDICE 1 INTRODUZIONE 2 1.1 Benvenuto 2 1.2 Contatti per il servizio 2 1.3 Cosa fare se il vostro veicolo viene rubato 3 1.4 Autodiagnostica periodica del vostro dispositivo 4 1.5

Dettagli

Considerazioni sulla Realizzazione di un Data Center

Considerazioni sulla Realizzazione di un Data Center Introduzione Cisco Enterprise Data Center Network Architecture, un'architettura di rete versatile e completa, progettata da Cisco Systems per soddisfare le esigenze IT delle aziende, garantisce un funzionamento

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente: DETERMINAZIONE n 597 del 23/01/2012 Proposta: DPG/2012/462 del 13/01/2012 Struttura proponente: Oggetto: Autorità emanante:

Dettagli

Manager BM-MA Antifurto 24h/365d per Pannelli Fotovoltaici e Cavi DC

Manager BM-MA Antifurto 24h/365d per Pannelli Fotovoltaici e Cavi DC Manager BM-MA Antifurto 24h/365d per Pannelli Fotovoltaici e Cavi DC SPECIFICHE TECNICHE Il Manager BM-MA è un apparato multifunzione antifurto sia per pannelli fotovoltaici che cassette di parallelo,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

Galaxy Dimension. Manuale di installazione. Honeywell Security

Galaxy Dimension. Manuale di installazione. Honeywell Security Galaxy Dimension Manuale di installazione Honeywell Security Sommario Sommario INTRODUZIONE... 1-1 Varianti disponibili... 1-1 SEZIONE 1: CONFIGURAZIONE RAPIDA... 1-3 SEZIONE 2: ARCHITETTURA DI SISTEMA...

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m ista rappresenta l'alternativa economica per molte possibilità applicative. Essendo un contatore

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

.:.::1-:i.;a..,.,,: a::a,t -:: :;&é,{#,, . ll$', ''t ";;'";';; ;';1tt'1' "..,,.,t,r\\.. COil,IUNE DI ALCAMO PROVINCIA DI TRAPANI

.:.::1-:i.;a..,.,,: a::a,t -:: :;&é,{#,, . ll$', ''t ;;';';; ;';1tt'1' ..,,.,t,r\\.. COil,IUNE DI ALCAMO PROVINCIA DI TRAPANI ;-ì,..,r,,.4lat ==, "t$tff4.:.::1-:i.;a..,.,,: a::a,t -:: :;&é,{#,,. ll$', ''t ";;'";';; ;';1tt'1' "..,,.,t,r\\.. COil,UNE D ALCAMO PROVNCA D TRAPAN ******x**************** 4" SETTORE SERV Z TECNC MANUTENTV

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento Po) AA/AZ ft.'f ROMA CAPTALE BANDO D GARA D'APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento Sviuppo nfrastrutture e Manutenzione

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Manuale di utilizzo centrale ST-V

Manuale di utilizzo centrale ST-V Accessori 1 Capitolo I : Introduzione 2 1.1 Funzioni 2 1.2 Pannello_ 5 1.3 I CON 5 Capitolo II : Installazione e connessione 6 2.1 Apertura della confezione 6 2.2 Installazione del pannello_ 6 2.3 Cablaggio

Dettagli

Riferimenti Iconografici

Riferimenti Iconografici Corso di Aggiornamento per Geometri su Problematiche Strutturali Calcolo agli Stati Limite Aspetti Generali 18 novembre 005 Dr. Daniele Zonta Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Università

Dettagli

MATEMATICA C3 - GEOMETRIA 1 2. CONGRUENZA NEI TRIANGOLI

MATEMATICA C3 - GEOMETRIA 1 2. CONGRUENZA NEI TRIANGOLI MATEMATICA C3 - GEOMETRIA 1 2. CONGRUENZA NEI TRIANGOLI Indice Triangle Shapes Photo by: maxtodorov Taken from: http://www.flickr.com/photos/maxtodorov/3066505212/ License: Creative commons Attribution

Dettagli

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno;

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; OPERE DI SOSTEGNO Occorre: determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; regolare il regime delle acque a tergo del muro; determinare le azioni esercitate in fondazione; verificare

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções feeling feeling rf D GB F E P NL CZ Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi nstruzioni per l uso nstrucciones de uso Manual de instruções Bedieningshandleiding Návod k obsluze 2 42 82 122 162

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli