Impianti di evacuazione gas anestetici

Save this PDF as:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Impianti di evacuazione gas anestetici"

Transcript

1 Impianti di evacuazione gas anestetici La gestione degli eventi avversi (Orazio Scuderi A.O. Niguarda Ca Granda) Milano, 17 aprile 2013

2 Impianti di evacuazione gas anestetici Definizioni Normative Tipologie

3 Impianti di evacuazione gas anestetici : Definizioni Un impianto di evacuazione dei gas anestetici (SDEGA) è un sistema di distribuzione completo, avente lo scopo di aspirare, convogliare e scaricare all'esterno della struttura sanitaria i gas e i vapori anestetici espirati dal paziente e/o in eccesso,

4 Impianti di evacuazione gas anestetici : Definizioni Comprende un generatore che fornisce la pressione negativa per l aspirazione, un sistema di indicazione, una rete di scarico con le unità terminali dove è richiesta la presenza di aspirazione per l evacuazione dei gas anestetici. Schema di principio di un SDEGA

5 Impianti di evacuazione gas anestetici : Definizioni

6 Impianti di evacuazione gas anestetici: Normative Requisiti: UNI EN ISO per gas medicali compressi e vuoto; UNI EN ISO per impianti evacuazione dei gas anestetici; UNI EN ISO 14971(2011): Gestione dei rischi per i dispositivi medici; UNI (2011): Gestione operativa degli impianti gas medicali;

7 Impianti di evacuazione gas anestetici: Normative

8 Impianti di evacuazione gas anestetici: Tipologie EVACUAZIONE GAS ANESTETICI TIPO ATTIVA EVACUAZIONE GAS ANESTETICI TIPO PASSIVA

9 Impianti di evacuazione gas anestetici: Tipologie EVACUAZIONE GAS ANESTETICI TIPO PASSIVA Le unità terminali per evacuazione dei gas anestetici di tipo passive (per sistemi con soffiante) vengono installate su impianti per l espulsione dei gas anestetici espirati dai pazienti. All unità terminale di evacuazione dei gas anestetici si renderà disponibile una depressione regolabile tramite il blocchetto posto a valle di essa

10 Impianti di evacuazione gas anestetici: Tipologie EVACUAZIONE GAS ANESTETICI TIPO ATTIVA Le unità terminali per evacuazione dei gas anestetici con sistema Venturi vengono installate su impianti per l espulsione dei gas anestetici espirati dai pazienti. L unità terminale è alimentata tramite aria compressa (portata di l/min per presa a circa 4.5 bar) che sfruttando l effetto di un tubo Venturi genera la depressione.

11 Impianti di evacuazione gas anestetici: Gestione e manutenzione UNI (2011) Gestione operativa degli impianti gas medicali Guida all accettazione accettazione e alla gestione degli impianti di distribuzione dei gas medicali e del vuoto e degli impianti di evacuazione dei gas anestetici

12 Impianti di evacuazione gas anestetici: Gestione e manutenzione UNI (2011) Gestione operativa degli impianti gas medicali Questa norma fornisce, relativamente agli impianti di distribuzione dei gas medicali e del vuoto (IDGM) e gli impianti di evacuazione dei gas anestetici (SDEGA), le modalità operative per l accettazione l (che comprende il collaudo e la messa in servizio) e la gestione di tutte le installazioni di impianti, comprese eventuali modifiche o ampliamenti

13 Impianti di evacuazione gas anestetici: Gestione e manutenzione UNI (2011) Gestione operativa degli impianti gas medicali Tale norma si rivolge principalmente alle strutture sanitarie, in quanto parti interessate alla sicurezza e all efficienza di tali impianti. Una sicurezza e un efficienza che deve coinvolgere tutto il loro ciclo di vita che va dall installazione dell impianto fino a tutta la durata di vita dello stesso.

14 Impianti di evacuazione gas anestetici: Gestione e manutenzione UNI (2011) Gestione operativa degli impianti gas medicali La UNI è da utilizzarsi congiuntamente e da ritenersi complementare alle norme UNI EN ISO Impianti di distribuzione dei gas medicali Impianti di distribuzione dei gas medicali compressi e per vuoto e UNI EN ISO Impianti di distribuzione dei gas medicali - Impianti di evacuazione dei gas anestetici.

15 Impianti di evacuazione gas anestetici: Gestione e manutenzione - Le fasi per una corretta gestione e manutenzione Valutazione dei rischi risk management Attività gestionali ed operative pianificare, attivare e coordinare le operazioni per le verifiche e per la manutenzione Le figure chiave per la gestione Compiti e responsabilità

16 Impianti di evacuazione gas anestetici: Gestione e manutenzione - Le fasi per una corretta gestione e manutenzione Risk Management Norma ISO EN UNI 7396 Appendice F LISTA DI CONTROLLO PER LA GESTIONE DEI RISCHI

17 Impianti di evacuazione gas anestetici: Gestione e manutenzione - Le fasi per una corretta gestione e manutenzione La procedura di gestione dei rischi e la lista di controllo dei rischi dovrebbero essere utilizzate dal fabbricante (F) dell'impianto di distribuzione dei gas medicinali e di evacuazione gas anestetici e dai rappresentanti dell'ospedale (H) durante: progettazione, installazione, accettazione e funzionamento dei nuovi impianti di distribuzione dei gas medicinali; il normale funzionamento e monitoraggio degli impianti di distribuzione dei gas medicinali e del vuoto esistenti

18 Impianti di evacuazione gas anestetici: Gestione e manutenzione - Le fasi per una corretta gestione e manutenzione L analisi dei rischi dovrà essere sviluppata secondo le seguenti fasi: Suddivisione della struttura per reparti Identificazione dei pericoli e delle non conformità Identificazione del rischio Indice di rischio Proposte di adeguamento

19 Impianti di evacuazione gas anestetici: Gestione e manutenzione - Le fasi per una corretta gestione e manutenzione Il Documento di Gestione Operativa (Punto 4 Norma UNI )

20 Impianti di evacuazione gas anestetici: Gestione e manutenzione - Le fasi per una corretta gestione e manutenzione a) controllo dei documenti e delle registrazioni; b) addestramento formazione e comunicazione; c) gestione delle emergenze; d) gestione delle modifiche; e) permessi di lavoro; f) manutenzione preventiva; g) riparazione; h) gestione delle sorgenti di alimentazione; i) stoccaggio e manipolazione delle bombole; j) acquisto di apparecchiature medicali; k) gestione degli appaltatori.

21 Impianti di evacuazione gas anestetici: Gestione degli eventi avversi EMERGENZE: mancanza di pressione negativa ai punti d utilizzo; d disponibilità di valori di pressione negativa ai punti d utilizzo d tali da non consentire il corretto funzionamento dei dispositivi medici ai quali il paziente è funzionalmente collegato; valori di pressioni positive ai punti di utilizzo dove devono essere sere disponibili pressioni negative.

22 Impianti di evacuazione gas anestetici: Gestione degli eventi avversi mancanza di pressione negativa ai punti d utilizzo per sorgente di alimentazione

23 Impianti di evacuazione gas anestetici: Gestione degli eventi avversi mancanza di pressione negativa ai punti d utilizzo per sorgente di alimentazione: 1. Mancanza di aria compressa nei sistemi attivi (Venturi) 2. Guasto alle pompe soffianti nei sistemi passivi

24 Impianti di evacuazione gas anestetici: Gestione degli eventi avversi mancanza di pressione negativa ai punti d utilizzo per valori di pressioni: 1. bassa pressione di aria compressa nei sistemi attivi (Venturi) 2. nei sistemi passivi: guasto delle soffianti ostruzioni nelle tubazioni

25 Impianti di evacuazione gas anestetici: Gestione degli eventi avversi mancanza di pressione negativa ai punti d utilizzo per valori di pressioni positive: 1. bassa pressione di aria compressa nei sistemi attivi (Venturi) 2. nei sistemi passivi: guasto delle soffianti ostruzioni nelle tubazioni

26

27 Impianti di evacuazione gas anestetici: Ruoli e responsabilità Compiti e responsabilità: UNI Di seguito sono indicati i ruoli chiave con responsabilità specifiche nell'ambito della politica operativa: a) responsabile esecutivo (RE); b) responsabile tecnico delle strutture (RTS); c) persona autorizzata (PA); d) persona competente (PC); e) controllore della qualità (CQ); f) medico designato (RMD); g) infermiere designato (RID); h) persona designata (PD).

28 Impianti di evacuazione gas anestetici: Ruoli e responsabilità Persona Autorizzata: PA nominata è responsabile della gestione quotidiana del/dei IDGM o di sezioni dell'idgm attribuitegli. La PA dovrebbe avere una conoscenza specifica dell'idgm del sito ed essere indipendente dall'appaltatore che esegue il lavoro sull'idgm

29 Impianti di evacuazione gas anestetici: Ruoli e responsabilità Persona Autorizzata: l'emissione di permessi di lavoro, della gestione e della messa in atto delle procedure di autorizzazione relative all'idgm; garantire che tutti i RID dei reparti coinvolti siano informati della durata prevista dei lavori e dell'interruzione dell'idgm PA dovrebbe avere la responsabilità di decidere se un IDGM dovrebbe essere messo in servizio oppure messo fuori servizio. PA dovrebbe essere consultata prima dell'acquisto di qualsiasi apparecchiatura medicale destinata ad essere collegata all'idgm, in modo da garantire che le specifiche di progettazione dell'idgm siano comunque sufficienti per l'uso della nuova apparecchiatura

30 Grazie per l attenzione (Orazio Scuderi A.O. Niguarda Ca Granda)

La UNI 11100:2011 e la Gestione Operativa degli impianti gas medicali

La UNI 11100:2011 e la Gestione Operativa degli impianti gas medicali La UNI 11100:2011 e la Gestione Operativa degli impianti gas medicali Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM POLITECNICO DI MILANO, 20 Maggio 2011 SOMMARIO Gli impianti gas

Dettagli

LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010

LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010 LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010 Le misure organizzative per implementare un sistema di gestione degli impianti di distribuzione dei gas medicinali

Dettagli

Gli impianti di Gas Medicali: Aspetti Tecnici Gestionali e di Qualità secondo la Norma EN ISO 7396-1 2010

Gli impianti di Gas Medicali: Aspetti Tecnici Gestionali e di Qualità secondo la Norma EN ISO 7396-1 2010 DIREZIONE GENERALE SANITÀ E POLITICHE SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI GESTIONE DEI GAS MEDICALI: SISTEMA ORGANIZZATIVO E CONTROLLI Gli impianti di Gas Medicali: Aspetti Tecnici Gestionali e di

Dettagli

Il contributo dell' Ingegneria g Clinica alla gestione dei gas medicinali secondo la UNI EN ISO 7396

Il contributo dell' Ingegneria g Clinica alla gestione dei gas medicinali secondo la UNI EN ISO 7396 Il contributo dell' Ingegneria g Clinica alla gestione dei gas medicinali secondo la UNI EN ISO 7396 Giampiero Pirini Ingegneria Clinica Azienda Ospedaliero Universitaria Ferrara Segreteria Scientifica

Dettagli

Dalla «Fabbricazione All accettazione» IDGM - SDEGA

Dalla «Fabbricazione All accettazione» IDGM - SDEGA LO STATO DELL ARTE NELLA GESTIONE DEI GAS MEDICALI IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA Dalla «Fabbricazione All accettazione» IDGM - SDEGA Durabilità e funzionalità Miglioramento normativo introduzione di nuovi

Dettagli

Dott. Arch. Gian Carlo Scarpini

Dott. Arch. Gian Carlo Scarpini L IMPORTANZA DELLA GESTIONE OPERATIVA DA PARTE DELLA STRUTTURA SANITARIA: l Allegato G della norma UNI EN ISO 7396-1, campo di applicazione, obiettivi responsabilità e funzioni chiave coinvolte. Relatore

Dettagli

DIRETTORE GENERALE. Visto lo Statuto Aziendale;

DIRETTORE GENERALE. Visto lo Statuto Aziendale; DIRETTORE GENERALE Richiamato il Decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 100 del 31 maggio 2013 "Azienda Ospedaliero- Universitaria Careggi. Nomina del Direttore Generale"; Ricordato che con provvedimento

Dettagli

IMPIANTI GAS MEDICINALI

IMPIANTI GAS MEDICINALI IMPIANTI GAS MEDICINALI LA GESTIONE DELLA MANUTENZIONE IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI VITTORIO NISTRIO DIRETTIVA 93/42 DISPOSITIVI MEDICI LA DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI AI PAZIENTI AVVIENE

Dettagli

La gestione operativa degli. strutture ospedaliere secondo UNI 11100/2011. Ing. Orazio Scuderi. Niguarda Cà Granda - Milano

La gestione operativa degli. strutture ospedaliere secondo UNI 11100/2011. Ing. Orazio Scuderi. Niguarda Cà Granda - Milano La gestione operativa degli impianti gas medicali nelle strutture ospedaliere secondo le norme UNI 7396-1 e UNI 11100/2011 Ing. Orazio Scuderi Azienda Ospedaliera Ospedale Niguarda Cà Granda - Milano POLITECNICO

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI GAS MEDICALI A REGOLA D ARTE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI GAS MEDICALI A REGOLA D ARTE LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI GAS MEDICALI A REGOLA D ARTE Relatore Ing. Daniele MEGNA Presidente AIIGM PROVIDER ACCREDITAMENTO ECM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI

Dettagli

La gestione dei gas medicinali nelle aziende sanitarie ai sensi della UNI EN ISO 7396-1:2010

La gestione dei gas medicinali nelle aziende sanitarie ai sensi della UNI EN ISO 7396-1:2010 La gestione dei gas medicinali nelle aziende sanitarie ai sensi della UNI EN ISO 7396-1:2010 Gli impianti gas medicinali e le Apparecchiature Biomedicali Giampiero Pirini Bologna 30/11/2011 Giampiero Pirini

Dettagli

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO IV Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO La Norma UNI EN ISO 7396-1 Ing. Carlo M. Giaretta Commissione Tecnica U4204 dell UNI Apparecchi per

Dettagli

La gestione operativa degli impianti gas medicali nelle strutture ospedaliere secondo le norme UNI e UNI 11100/2011

La gestione operativa degli impianti gas medicali nelle strutture ospedaliere secondo le norme UNI e UNI 11100/2011 La gestione operativa degli impianti gas medicali nelle strutture ospedaliere secondo le norme UNI 7396-1 e UNI 11100/2011 Ing. Orazio Scuderi Azienda Ospedaliera Ospedale Niguarda Cà Granda - Milano POLITECNICO

Dettagli

Docente. Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali

Docente. Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali Docente Dott. Maurizio Crippa Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali PARTE QUINTA SOLUZIONI PER LA GESTIONE OPERATIVA DEI GAS MEDICINALI IL RUOLO DEL FARMACISTA

Dettagli

IMPIANTI GAS MEDICALI ED EMODIALISI

IMPIANTI GAS MEDICALI ED EMODIALISI IMPIANTI GAS MEDICALI ED EMODIALISI Relatore Ing. Daniele MEGNA Presidente AIIGM SEMINARIO ANTE 2012 XX Corso Nazionale di Aggiornamento Tecnici Emodialisi Dialisi: tradizione e futuro Hotel Corallo Riccione,

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI GESTIONE DEI GAS MEDICINALI: SISTEMA ORGANIZZATIVO E CONTROLLI

LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI GESTIONE DEI GAS MEDICINALI: SISTEMA ORGANIZZATIVO E CONTROLLI DIREZIONE GENERALE SANITÀ E POLITICHE SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI GESTIONE DEI GAS MEDICINALI: SISTEMA ORGANIZZATIVO E CONTROLLI A cura di: Fabio Rombini Alessandro Fraticelli Servizio Strutture

Dettagli

ANALISI DEI REQUISITI DELLO STANDARD UNI EN ISO 7396-1 E 2 (prima parte)

ANALISI DEI REQUISITI DELLO STANDARD UNI EN ISO 7396-1 E 2 (prima parte) ANALISI DEI REQUISITI DELLO STANDARD UNI EN ISO 7396-1 E 2 (prima parte) Relatore Ing. Daniele MEGNA Presidente AIIGM PROVIDER ACCREDITAMENTO ECM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

Applicazione D.M. 18 Settembre 2002 agli impianti gas medicali: Parte 2: Requisiti specifici

Applicazione D.M. 18 Settembre 2002 agli impianti gas medicali: Parte 2: Requisiti specifici Applicazione D.M. 18 Settembre 2002 agli impianti gas medicali: Parte 2: Requisiti specifici Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM POLITECNICO DI MILANO, 13 Dicembre 2011 SOMMARIO

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO DEGLI IMPIANTI GAS MEDICALI IL PUNTO DI VISTA DEL FABBRICANTE E DELLA STRUTTURA OSPEDALIERA

LA GESTIONE DEL RISCHIO DEGLI IMPIANTI GAS MEDICALI IL PUNTO DI VISTA DEL FABBRICANTE E DELLA STRUTTURA OSPEDALIERA LA GESTIONE DEL RISCHIO DEGLI IMPIANTI GAS MEDICALI IL PUNTO DI VISTA DEL FABBRICANTE E DELLA STRUTTURA OSPEDALIERA Relatore Ing. Daniele MEGNA Presidente AIIGM PROVIDER ACCREDITAMENTO ECM CORSO DI FORMAZIONE

Dettagli

GAS IN SANITA MEDICINALI e DISPOSITIVI MEDICI Un Approccio Multidisciplinare. Vittorio Nistrio

GAS IN SANITA MEDICINALI e DISPOSITIVI MEDICI Un Approccio Multidisciplinare. Vittorio Nistrio GAS IN SANITA MEDICINALI e DISPOSITIVI MEDICI Un Approccio Multidisciplinare Vittorio Nistrio Lo so! Li abbiamo sempre gestiti NOI!!! Gas Medicinali?? Non è un problema NOSTRO!! Non sono nemmeno AIC VS

Dettagli

LA GESTIONE DEI GAS E LA NUOVA NORMATIVA Genova, 4 febbraio 2016

LA GESTIONE DEI GAS E LA NUOVA NORMATIVA Genova, 4 febbraio 2016 LA GESTIONE DEI GAS E LA NUOVA NORMATIVA Genova, 4 febbraio 2016 Approfondimenti sulla gestione dei gas medicinali : Il punto di vista dell industria Stefania Mariani I GAS UTILIZZATI IN OSPEDALE In ambito

Dettagli

I GAS MEDICINALI NELLE STRUTTURE SANITARIE: ASPETTI LEGISLATIVI E GESTIONALI. Giovedì 23 maggio 2002 Sala Congressi Milan Marriott Hotel

I GAS MEDICINALI NELLE STRUTTURE SANITARIE: ASPETTI LEGISLATIVI E GESTIONALI. Giovedì 23 maggio 2002 Sala Congressi Milan Marriott Hotel I GAS MEDICINALI NELLE STRUTTURE SANITARIE: ASPETTI LEGISLATIVI E GESTIONALI Giovedì 23 maggio 2002 Sala Congressi Milan Marriott Hotel TECNOLOGIE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI ARIA MEDICALE PRESSO

Dettagli

Gas e miscele medicinali. Nuovi orizzonti per la salute dell uomo

Gas e miscele medicinali. Nuovi orizzonti per la salute dell uomo Gas e miscele medicinali. Nuovi orizzonti per la salute dell uomo Il farmaco gas Tra le nuove frontiere della medicina, i gas medicinali rappresentano una delle risorse di maggiore interesse nella lotta

Dettagli

Docente. Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali

Docente. Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali Docente Dott. Maurizio Crippa Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali PARTE TERZA DISPOSITIVI MEDICI DISPOSITIVI MEDICI PER GAS MEDICINALI DISPOSITIVO MEDICO Dfiii

Dettagli

CRITERI PER L APPLICAZIONE A LIVELLO NAZIONALE DELLE NORME

CRITERI PER L APPLICAZIONE A LIVELLO NAZIONALE DELLE NORME CRITERI PER L APPLICAZIONE A LIVELLO NAZIONALE DELLE NORME UNI EN ISO 5359 UNI EN ISO 7396-1 UNI EN ISO 7396-2 UNI EN ISO 9170-1 UNI EN ISO 9170-2 UNI EN ISO 10524-2 UNI EN ISO 21969 AGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

APPLICAZIONE DIRETTIVA 93/42/CEE DISPOSITIVI MEDICI SETTORE IMPIANTI GAS MEDICINALI

APPLICAZIONE DIRETTIVA 93/42/CEE DISPOSITIVI MEDICI SETTORE IMPIANTI GAS MEDICINALI APPLICAZIONE DIRETTIVA 93/42/CEE DISPOSITIVI MEDICI SETTORE IMPIANTI GAS MEDICINALI (Decreto Legislativo 24 febbraio 1997 n. 46) (Decreto Legislativo 25 gennaio 2010, n. 37) III Edizione Gennaio 2011 La

Dettagli

Emilia Romagna emanate nell ottobre 2011 per omogeneizzare a livello regionale gli standard

Emilia Romagna emanate nell ottobre 2011 per omogeneizzare a livello regionale gli standard Le Linee di Indirizzo della Regione Emilia Romagna emanate nell ottobre 2011 per omogeneizzare a livello regionale gli standard di sicurezza e affidabilità Il monitoraggio del livello di adeguamento effettivo

Dettagli

La UNI 11100:2011 e la Gestione Operativa degli

La UNI 11100:2011 e la Gestione Operativa degli La UNI 11100:2011 e la Gestione Operativa degli impianti gas medicali Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM POLITECNICO DI MILANO, 20 Maggio 2011 SOMMARIO Gli impianti gas

Dettagli

APPLICAZIONE DIRETTIVA 93/42/CEE DISPOSITIVI MEDICI SETTORE IMPIANTI GAS MEDICINALI (Decreto Legislativo 24 febbraio 1997 n 46)

APPLICAZIONE DIRETTIVA 93/42/CEE DISPOSITIVI MEDICI SETTORE IMPIANTI GAS MEDICINALI (Decreto Legislativo 24 febbraio 1997 n 46) FEDERCHIMICA Assogastecnici GRUPPO GAS MEDICINALI APPLICAZIONE DIRETTIVA 93/42/CEE DISPOSITIVI MEDICI SETTORE IMPIANTI GAS MEDICINALI (Decreto Legislativo 24 febbraio 1997 n 46) II Edizione - NOVEMBRE

Dettagli

GAS IN SANITA Medicinali e Dispositivi Medici

GAS IN SANITA Medicinali e Dispositivi Medici GAS IN SANITA Medicinali e Dispositivi Medici Preparazione di Aria Medicinale in Ospedale Ruoli e compiti del Farmacista Leonardo Ferrari I GAS utilizzati in AMBITO SANITARIO possono essere classificati,

Dettagli

UNITA' TERMINALE AFNOR NF S 90 116

UNITA' TERMINALE AFNOR NF S 90 116 PF 01US 00O2 PF 02AU 00O2 PL 23A0 10O2 UNITA' TERMINALE AFNOR NF S 90 116 Base UNI ossigeno con codolo a saldare Presa AFNOR NF S 90 116 ossigeno Dicitura circolare per ossigeno Unità terminale AFNOR NF

Dettagli

La garanzia della qualità e della continuità dell erogazione dei gas. Dott.ssa Enrica Maria Proli Farmacia USCS Policlinico A.

La garanzia della qualità e della continuità dell erogazione dei gas. Dott.ssa Enrica Maria Proli Farmacia USCS Policlinico A. La garanzia della qualità e della continuità dell erogazione dei gas Dott.ssa Enrica Maria Proli Farmacia USCS Policlinico A. Gemelli RIFERIMENTI LEGISLATIVI Gas Medicinali Decreto Legislativo n 178/91

Dettagli

PRODUZIONE DI ARIA MEDICALE PRESSO LE STRUTTURE OSPEDALIERE

PRODUZIONE DI ARIA MEDICALE PRESSO LE STRUTTURE OSPEDALIERE FEDERCHIMICA Assogastecnici GRUPPO GAS MEDICINALI PRODUZIONE DI ARIA MEDICALE PRESSO LE STRUTTURE OSPEDALIERE I EDIZIONE MAGGIO 2001 1 INDICE Premessa Capitolo 1 Il personale 1.1 Aspetti generali 1.2 Personale

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

Servizio di Auto-produzione Aria medicinale

Servizio di Auto-produzione Aria medicinale itemair Servizio di Auto-produzione Aria medicinale Il servizio Item Air risponde alle esigenze ospedaliere nate dalla Farmacopea Europea per l'auto-produzione di aria medicinale Item Oxygen include nel

Dettagli

IMPIANTI GAS MEDICINALI CORSI DI FORMAZIONE

IMPIANTI GAS MEDICINALI CORSI DI FORMAZIONE IMPIANTI GAS MEDICINALI CORSI DI FORMAZIONE Presentazione Un impianto in servizio presso una struttura ospedaliera, per quanto ben progettato, realizzato e completo delle adeguate certificazioni che attestino

Dettagli

Spett.le Regione Lazio. Roma, 27 giugno 2014

Spett.le Regione Lazio. Roma, 27 giugno 2014 Spett.le Regione Lazio Roma, 27 giugno 2014 RELAZIONE TECNICA REALIZZAZIONE IMPIANTO OSSIGENO MEDICINALE E ASPIRAZIONE ENDOCAVITARIA PRESSO PRESIDIO DI PRIMO INTERVENTO - 118 - CASA DELLA SALUTE DI LADISPOLI

Dettagli

ALLEGATO 1 SPECIFICHE TECNICHE

ALLEGATO 1 SPECIFICHE TECNICHE ALLEGATO 1 SPECIFICHE TECNICHE 1. Requisiti generali. L'impianto di produzione d'aria compressa medicinale, che la ditta deve mettere a disposizione, consiste in una centrale autonoma e completa, in grado

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ASL TO 1 S.C. GESTIONE ATTREZZATURE SANITARIE ALLEGATO A Procedura negoziata per l affidamento in economia del servizio di manutenzione ordinaria conservativa, di riparazione di tutti gli impianti gas

Dettagli

GAS MEDICINALI e DISPOSITIVI MEDICI: LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO. Ing. Stefania Mariani

GAS MEDICINALI e DISPOSITIVI MEDICI: LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO. Ing. Stefania Mariani GAS MEDICINALI e DISPOSITIVI MEDICI: LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO Ing. Stefania Mariani GAS MEDICINALI E DISPOSITIVI MEDICI In ambito sanitario e ospedaliero si registra un largo consumo di gas che vengono

Dettagli

I gas medicinali negli ospedali: la sicurezza impiantistica.

I gas medicinali negli ospedali: la sicurezza impiantistica. ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA Commissione Energia e Impianti Progettazione e verifiche degli impianti di distribuzione dei gas medicinali e per il vuoto Ing. Giuseppe Patanè I gas medicinali

Dettagli

AMBIENTE DI LAVORO SALDATURA FOCUS DAY REGIONALE SULLA SALUTE E SICUREZZA NEL MONDO DELLA SALDATURA. 24 maggio 2007, Vicenza

AMBIENTE DI LAVORO SALDATURA FOCUS DAY REGIONALE SULLA SALUTE E SICUREZZA NEL MONDO DELLA SALDATURA. 24 maggio 2007, Vicenza ULSS N.6 VICENZA SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro con il contributo Istituto Italiano della Saldatura SALDATURA & AMBIENTE DI LAVORO FOCUS DAY REGIONALE SULLA SALUTE

Dettagli

Committente Ubicazione impianto di utenza: Comune di: ( ) Via n.

Committente Ubicazione impianto di utenza: Comune di: ( ) Via n. Dati dell'installatore (1) Nominativo titolare/legale rappresentante Impresa/ditta (ragione sociale) Responsabile tecnico/titolare Sede: Comune di: CAP prov. Via n. tel cell fax email Dati del committente

Dettagli

Sistemi di evacuazione. Sistema cappa cucina

Sistemi di evacuazione. Sistema cappa cucina Sistemi di evacuazione Sistema cappa cucina EVACUAZIONE VAPORI DI COTTURA Tutte le cucine sono dotate di cappa d aspirazione per il convogliamento verso l esterno dei prodotti della combustione, dei cattivi

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali P.I. Alessandro Melzi Funzione Valutazione Conformità Prodotto Laboratorio Dispositivi Medici IMQ S.p.A. - Milano POLITECNICO DI MILANO,

Dettagli

ALLEGATO. 1 Modulo Offerta Economica fornitura dei gas Aic e dei gas Fu e degli altri gas

ALLEGATO. 1 Modulo Offerta Economica fornitura dei gas Aic e dei gas Fu e degli altri gas ALLEGATO. 1 Modulo Offerta Economica fornitura dei gas Aic e dei gas Fu e degli altri gas GAS LIQUIDI USO QUANTITA / ANNO Ossigeno liquido AIC Medicale Mc 200.000 Ossigeno liquido AIC per FREELOX Medicale

Dettagli

MONITORAGGIO E MISURAZIONE DEL PRODOTTO

MONITORAGGIO E MISURAZIONE DEL PRODOTTO 25/02/2011 Pag. 1 di 6 MONITORAGGIO E MISURAZIONE DEL PRODOTTO 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5. DEFINIZIONI...

Dettagli

Un partner esperto e affidabile

Un partner esperto e affidabile Medical Gas Equipment Un partner esperto e affidabile Chi siamo: mission e vision Esperienza e qualità al servizio del Cliente Siamo un impresa nata nella tradizione, impegnata a crescere nell attività

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE

GESTIONE DELLA PRODUZIONE 25/02/2011 Pag. 1 di 5 GESTIONE DELLA PRODUZIONE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5. DEFINIZIONI...

Dettagli

Angelo Impianti Surl PROFILO SOCIETARIO: Angelo Impianti S.u.r.l.. Ragione sociale: via dei Bichi, 283 55100 Lucca. Sede:

Angelo Impianti Surl PROFILO SOCIETARIO: Angelo Impianti S.u.r.l.. Ragione sociale: via dei Bichi, 283 55100 Lucca. Sede: Angelo Impianti Surl PROFILO SOCIETARIO: Ragione sociale: Angelo Impianti S.u.r.l.. Sede: via dei Bichi, 283 55100 Lucca Telefono: 0583440278 Fax: 0583474240 Partita IVA / CF 02100230461 E-mail: Posta

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Soggetti coinvolti nel processo di Marcatura CE Fabbricante: la persona fisica o giuridica responsabile della progettazione, della fabbricazione,

Dettagli

RIDEFINIZIONE\ SPAZI\ INTERNI\ ED OPERE\ IMPIANTISTICHE\ INTEGRATIVE PER\ ACCREDITAMENTO\ ISTITUZIONALE\ RSA\ DI\ CASOLI

RIDEFINIZIONE\ SPAZI\ INTERNI\ ED OPERE\ IMPIANTISTICHE\ INTEGRATIVE PER\ ACCREDITAMENTO\ ISTITUZIONALE\ RSA\ DI\ CASOLI RAGGRUPPAMENTO\ TEMPORANEO\ DI\ PROFESSIONISTI: ARCH.\ MARIO\ DI\ PRINZIO\ (CAPOGRUPPO) ARCH.\ MARIO\ GALLO ARCH.\ PAOLO\ DE\ NOBILI ARCH.\ ANTONIO\ COLANZI ING.\ LUCIANO\ GENTILE PER.\ IND.\ GIUSEPPE\

Dettagli

Gas medicinali. La distribuzione e l utilizzo dei gas medicinali. la distribuzione e l analisi di rischio

Gas medicinali. La distribuzione e l utilizzo dei gas medicinali. la distribuzione e l analisi di rischio la distribuzione e l analisi di rischio Un metodo di valutazione del rischio specifico per gli impianti di distribuzione dei gas medicinali nelle strutture sanitarie per la tutela di lavoratori e utenti

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Cultuali e Paesaggistici della Calabria

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Cultuali e Paesaggistici della Calabria Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Cultuali e Paesaggistici della Calabria Regione Calabria Unione Europea POR CALABRIA FESR 2007-2013 ASSE V RISORSE NATURALI,

Dettagli

Percorso n 3 Convalide e controlli sulle apparecchiature

Percorso n 3 Convalide e controlli sulle apparecchiature Percorso n 3 Convalide e controlli sulle apparecchiature Convalida delle LAVAENDOSCOPI 1 Fulvio Toresani CONVALIDA Convalide e controlli sulle attrezzature Prove di Tipo / Prove di Fabbrica Prerequisiti

Dettagli

Misure gestionali per la prevenzione e la protezione contro le esplosioni da polveri

Misure gestionali per la prevenzione e la protezione contro le esplosioni da polveri Misure gestionali per la prevenzione e la protezione contro le esplosioni da polveri Chiara Carpegna Misure gestionali In presenza di un rischio potenziale di esplosione negli ambienti di lavoro vanno

Dettagli

STABILE PROGETTO CAMINO ver.2.1.0. Per.Ind. Martinetto Marco

STABILE PROGETTO CAMINO ver.2.1.0. Per.Ind. Martinetto Marco STABILE PROGETTO CAMINO ver.2.1.0. Per.Ind. Martinetto Marco Menu del giorno Il sistema camino UNI 10641:2013 UNI EN 13384-1:2008 1:2008 UNI EN 13384-2:2009 Uso software Progetto Camino Normative di riferimento

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI

AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA DURATA DI 60 MESI DELLA FORNITURA DI GAS MEDICINALI E TECNICI, COMPRESI I SERVIZI DI GESTIONE E DISTRIBUZIONE E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE

Dettagli

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.)

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.) Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.) Foglio n... Intervento su impianto gas di portata termica totale (Qn) (*) =.

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

OPERATORE DI IMPIANTI TERMO-IDRAULICI

OPERATORE DI IMPIANTI TERMO-IDRAULICI OPERATORE DI IMPIANTI TERMO-IDRAULICI Descrizione sintetica della figura L operatore di impianti termo-idraulici interviene, a livello esecutivo, nel processo di realizzazione e manutenzione dell impiantistica

Dettagli

Allegati Obbligatori ( DM 37 / 2008 ) DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ N. DEL

Allegati Obbligatori ( DM 37 / 2008 ) DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ N. DEL DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO Cod. rich. Venditore PDR Committente Impresa / Ditta Responsabile tecnico / Titolare La presente documentazione si riferisce alla seguente tipologia di intervento : impianto

Dettagli

COLLEGAMENTI TUBI/CANALI

COLLEGAMENTI TUBI/CANALI CENTRALE TERMICA/ FRIGORIFERA COLLEGAMENTI TUBI/CANALI ELEMENTI TERMINALI La Centrale Termicasolitamente trova spazio in luoghi chiusi di edifici civili ed industriali. La progettazione deve scrupolosamente

Dettagli

ESPERTO IN APPARECCHIATURE FISSE DI REFRIGERAZIONE, CONDIZIONAMENTO D ARIA E POMPE DI CALORE

ESPERTO IN APPARECCHIATURE FISSE DI REFRIGERAZIONE, CONDIZIONAMENTO D ARIA E POMPE DI CALORE ESPERTO IN APPARECCHIATURE FISSE DI REFRIGERAZIONE, CONDIZIONAMENTO D ARIA E POMPE DI CALORE Figura L Esperto in apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento d aria e pompe di calore è quella

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

ULTERIORI QUESITI ALL 1.8.2011

ULTERIORI QUESITI ALL 1.8.2011 ULTERIORI QUESITI ALL 1.8.2011 QUESITO N. 1 Si chiedono precisazioni in ordine alla formulazione dell offerta economica, poichè, peraltro, richiesto uno sconto su listino e non indicato prezzo a base d

Dettagli

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Seguire i riferimenti posti sul modulo prestampato Rif. (*) La portata termica totale dell impianto gas sul quale sono stati eseguiti i

Dettagli

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 Allegato A05 - Impianti idrici-antincendio Scheda n. 1 Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 02.01 Lettura manometri acqua, condotte principali. Ispezione visiva

Dettagli

Il nostro motto è stato confermato. La qualità si distingue. DIN EN ISO 9001

Il nostro motto è stato confermato. La qualità si distingue. DIN EN ISO 9001 Il nostro motto è stato confermato. La qualità si distingue. DIN EN ISO 9001 04/2013 Gestione della qualità Awite Il sistema di gestione della qualità Awite comprende, soddisfa e regolamenta le tecniche

Dettagli

building applications TECNO Med

building applications TECNO Med Europa Metalli S.p.A. building applications TECNO Med copper inside tecno Med Campi di utilizzo Medico-ospedaliero Stabilimenti termali nel rispetto e nei limiti previsti dalle normative Tubi di rame per

Dettagli

LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI

LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI BERGAMO, 20.12.2005 Relatore: dott. ing. Pier Alberto Frighi DIRETTIVE EUROPEE SETTORIALI Documenti promulgati dal Legislatore europeo per gamma di prodotti,

Dettagli

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE...

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE... Pagina 1 di 6 INDICE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 2.1. GENERALITÀ... 2 2.2. COMPETENZA, CONSAPEVOLEZZA E ADDESTRAMENTO... 2 3. INFRASTRUTTURE...3 4. AMBIENTE DI LAVORO...6

Dettagli

Raccomandazione n 22 per l applicazione dei disposti di legge relativi ai sistemi di recupero dei vapori nelle stazioni di benzina

Raccomandazione n 22 per l applicazione dei disposti di legge relativi ai sistemi di recupero dei vapori nelle stazioni di benzina Cercl Air Schweizerische Gesellschaft der Lufthygiene-Fachleute Société suisse des responsables de l hygiène de l air Società svizzera dei responsabili della protezione dell aria Swiss society of air protection

Dettagli

A) ELENCO PREZZI IN OPERA IMPIANTI GAS MEDICALI RIF. DESCRIZIONE PREZZI UNITARI

A) ELENCO PREZZI IN OPERA IMPIANTI GAS MEDICALI RIF. DESCRIZIONE PREZZI UNITARI Allegato 5 A) ELENCO PREZZI IN OPERA IMPIANTI GAS MEDICALI RIF. DESCRIZIONE PREZZI UNITARI TUBAZIONE IN RAME MARCATA CE Tubo rame 10x1 (a vista) 17,58 Tubo rame 12x1 (a vista) 18,10 Tubo rame 14x1 (a vista)

Dettagli

Approfondimenti su UNI/TR 11408:2011

Approfondimenti su UNI/TR 11408:2011 Percorso N 1 NORME UNI Approfondimenti su UNI/TR 11408:2011 Fulvio Toresani Norme tecniche Sono documenti tecnici preparati da esperti del settore rappresentativi del mercato: Produttori Commercianti Utilizzatori

Dettagli

Produzione aria compressa Trattamento aria e gas Filtrazione Refrigerazione Impianti Azoto Noleggio Assistenza Certificazioni METODO ARIA

Produzione aria compressa Trattamento aria e gas Filtrazione Refrigerazione Impianti Azoto Noleggio Assistenza Certificazioni METODO ARIA Produzione aria compressa Trattamento aria e gas Filtrazione Refrigerazione Impianti Azoto Noleggio Assistenza Certificazioni METODO ARIA Produzione Aria Per molte aziende una fornitura affidabile di aria

Dettagli

Seminario. Indicazioni di buone pratiche per la riduzione del rischio da silice libera cristallina nella produzione di ceramica per piastrelle

Seminario. Indicazioni di buone pratiche per la riduzione del rischio da silice libera cristallina nella produzione di ceramica per piastrelle Seminario Indicazioni di buone pratiche per la riduzione del rischio da silice libera cristallina nella produzione di ceramica per piastrelle Aspetti tecnici correlati all impiantistica ceramica Stefano

Dettagli

RILANCIARE QUALITÀ E COMPETITIVITÀ CON UN APPLICAZIONE CORRETTA DI UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀISO 9001

RILANCIARE QUALITÀ E COMPETITIVITÀ CON UN APPLICAZIONE CORRETTA DI UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀISO 9001 Confindustria Bari 30 settembre 2008 DALLA CULTURA DELLA QUALITÀ COME CONFORMITÀ E CERTIFICAZIONE ALLO SVILUPPO DI UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA RESPONSABILITÀ D IMPRESA RILANCIARE QUALITÀ E COMPETITIVITÀ

Dettagli

CHIARIMENTI AL 09/06/2014

CHIARIMENTI AL 09/06/2014 CHIARIMENTI AL 09/06/2014 Domanda 1: Fideiussione Bancaria Provvisoria: In caso di rilascio della fideiussione firmata digitalmente dal fideiussore è sufficiente allegare il documento informatico o necessita,

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

PROVA DI TENUTA DI UN IMPIANTO A GAS UNI 7129-1:2008 UNI 11528:2014

PROVA DI TENUTA DI UN IMPIANTO A GAS UNI 7129-1:2008 UNI 11528:2014 PROVA DI TENUTA DI UN IMPIANTO A GAS UNI 7129-1:2008 UNI 11528:2014 La PROVA DI TENUTA di un impianto gas è una verifica che deve essere eseguita obbligatoriamente su un NUOVO IMPIANTO interno di adduzione

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

Funzione Data Firma Data Firma

Funzione Data Firma Data Firma Pagina 1 di 8 DATA FUNZIONE FIRMA Progettato 31/01/2012 Dr. Dario Macchioni Redatto 01/03/2012 Dr. Dario Macchioni Verificato 06/03/2012 Dr. Luigi Rubens Curia Approvato In vigore GESTORE: Funzione Dott.

Dettagli

le principali norme previste per il teleriscaldamento

le principali norme previste per il teleriscaldamento le principali norme previste per il teleriscaldamento UNI 10390:1994 Impianti di riduzione finale della pressione del gas naturale funzionanti con pressione a monte massima compresa tra 5 e 12 bar. Progettazione,

Dettagli

UNI 10683. ed. Ottobre 2012

UNI 10683. ed. Ottobre 2012 UNI 10683 ed. Ottobre 2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri biocombustibili solidi Potenza termica nom< 35 kw VERIFICA INSTALLAZIONE CONTROLLO (NEW) MANUTENZIONE (NEW) APPARECCHI Categorie

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

Tipo di intervento effettuato. Eseguito come: Sez. I: riferimenti inerenti alla documentazione. Cod. rich. Venditore )

Tipo di intervento effettuato. Eseguito come: Sez. I: riferimenti inerenti alla documentazione. Cod. rich. Venditore ) ) ) ) ) ) Cod. rich. Venditore ) Impresa / Ditta Resp.Tecnico / Titolare ) ) ) ) ) )Cod. rich. GESAM S.p.A. ) Sez. I: riferimenti inerenti alla documentazione Quadro A Dichiarazione di Conformità (1) n

Dettagli

ASSEVERAZIONE IMPIANTI FISSI ANTINCENDIO IN FASE DI RINNOVO PERIODICO DELLA CONFORMITA ANTINCENDIO. Natale Nozzanica

ASSEVERAZIONE IMPIANTI FISSI ANTINCENDIO IN FASE DI RINNOVO PERIODICO DELLA CONFORMITA ANTINCENDIO. Natale Nozzanica ASSEVERAZIONE IMPIANTI FISSI ANTINCENDIO IN FASE DI DELLA CONFORMITA ANTINCENDIO Natale Nozzanica Milano, 17 novembre 2015 NELLA FASE DI DELL AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO, IL PROFESSIONISTA ANTINCENDIO

Dettagli

PANORAMICA SOLUZIONI PER LA GESTIONE ENERGETICA MONITORAGGIO, ANALISI E CONTROLLO DEI CONSUMI ENERGETICI LA NOSTRA MISSIONE SOLUZIONI

PANORAMICA SOLUZIONI PER LA GESTIONE ENERGETICA MONITORAGGIO, ANALISI E CONTROLLO DEI CONSUMI ENERGETICI LA NOSTRA MISSIONE SOLUZIONI PANORAMICA SOLUZIONI PER LA GESTIONE ENERGETICA MONITORAGGIO, ANALISI E CONTROLLO DEI CONSUMI ENERGETICI LA NOSTRA MISSIONE La nostra missione consiste nell aiutare i clienti a ottimizzare i propri consumi

Dettagli

LE CANNE FUMARIE. Normative di riferimento per una corretta. realizzazione e manutenzione dei sistemi. fumari al servizio di caldaie a Biomassa

LE CANNE FUMARIE. Normative di riferimento per una corretta. realizzazione e manutenzione dei sistemi. fumari al servizio di caldaie a Biomassa ETA Info... il mio sistema di riscaldamento LE CANNE FUMARIE Normative di riferimento per una corretta realizzazione e manutenzione dei sistemi fumari al servizio di caldaie a Biomassa La passione per

Dettagli

PRIMO CONVEGNO NAZIONALE VENERDÌ 20 MAGGIO 2011 IMPIANTI GAS MEDICALI: COMPLESSITÀ, INNOVAZIONI E CRITICITÀ

PRIMO CONVEGNO NAZIONALE VENERDÌ 20 MAGGIO 2011 IMPIANTI GAS MEDICALI: COMPLESSITÀ, INNOVAZIONI E CRITICITÀ Sponsor ASSOCIAZIONE ITALIANA IMPIANTI GAS MEDICALI La nuova realtà italiana che rappresenta progettisti, fabbricanti, installatori, utilizzatori e manutentori di impianti e dispositivi per gas medicali

Dettagli

La norma stabilisce i criteri generali per le attività di audit di sicurezza, in accordo con le UNI 10616 e UNI 10617.

La norma stabilisce i criteri generali per le attività di audit di sicurezza, in accordo con le UNI 10616 e UNI 10617. E0207E650 Impianti di processo a rischio di incidente rilevante - Sistemi di gestione della sicurezza - Procedure e requisiti per gli audit La norma stabilisce i criteri generali per le attività di audit

Dettagli

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO APPALTO DI : SERVIZIO ENERGIA GESTIONE CALORE DEGLI EDIFICI DI PROPRIETA O DI COMPETENZA DELLA CITTA DI MONDOVI. PERIODO 2004 2010 (EVENTUALMENTE

Dettagli

Alla ricerca dei rischi da interferenza: gli appalti di gestione e manutenzione delle apparecchiature elettromedicali

Alla ricerca dei rischi da interferenza: gli appalti di gestione e manutenzione delle apparecchiature elettromedicali Alla ricerca dei rischi da interferenza: gli appalti di gestione e manutenzione delle Ing. Marco Picozzi Ingegneria Biomedica Santa Lucia S.p.A. 1 Riferimenti legislativi D.Lgs n.626 del 19 Marzo 1994

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

Gestione delle Risorse

Gestione delle Risorse SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Gestione delle Risorse Mauro Toniolo Quality, Health & Safety Manager Messa a disposizione delle risorse Norma UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AREA GESTIONE TECNICA E LOGISTICA Responsabile: Ing. Ferdinando Di Giorgi CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO SETTENNALE DEL SERVIZIO DI GESTIONE, DISTRIBUZIONE E FORNITURA DEI GAS MEDICINALI

Dettagli

MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED

MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED (Pressure Equipment Directive) Campo di applicazione La Direttiva si applica alla progettazione, fabbricazione e valutazione di conformità delle attrezzature a pressione

Dettagli

Sistemi di stoccaggio 5 e di smaltimento

Sistemi di stoccaggio 5 e di smaltimento Sistemi di stoccaggio e di smaltimento Per lo smaltimento di sostanze liquide e solide offriamo i nostri sistemi certificati dal TÜV per l impiego in corrispondenti mobiletti. I nostri mobiletti di smaltimento

Dettagli