IPOTESI DI STRUMENTI PER SOSTENERE LA CAPITALIZZAZIONE DELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IPOTESI DI STRUMENTI PER SOSTENERE LA CAPITALIZZAZIONE DELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE"

Transcript

1 IPOTESI DI STRUMENTI PER SOSTENERE LA CAPITALIZZAZIONE DELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE Il seguente documento è frutto del lavoro di un tavolo di esperti appartenenti a realtà diversificate per tipologia istituzionale e per competenza - Autopromozione Sociale (Comune di Roma), RespEt-Centro per l Impresa Etica e Responsabile, InVerso- Incubatore di Imprese Sociali, Associazione Bancaria Italiana (Abi), Università di Tor Vergata, Ufficio Italiano Cambi (UIC), Giovani Industriali di Roma, Istituto per la Promozione Industriale (IPI), Banca Popolare Etica - convocati dalla V U.O. Autopromozione Sociale del Comune di Roma e RespEt per approfondire quali strumenti potrebbero essere utili per sostenere la capitalizzazione delle micro e piccole imprese del territorio, in particolare quelle che garantiscono di operare secondo criteri di sostenibilità sociale ed ambientale, a partire dalle conoscenze e dati accumulati nel corso del tempo nell'applicazione dell'art.14 della legge 266/1997. I contenuti riportati non hanno nessuna pretesa di esaustività, né di avere raggiunto il migliore livello di approfondimento possibile, ma vogliono essere una prima base per l'eventuale approfondimento di questo tema. Introduzione Autopromozione Sociale sostiene attività economiche con le seguenti caratteristiche strutturali: sono costituite nella forma di società di persone, società di capitali (raramente nella forma s.p.a.) e cooperative; hanno una media di 4-5 addetti; sviluppano progetti di investimento che possono arrivare in alcuni casi ai euro; sono attive nei più diversi settori economici. Si tratta quindi sostanzialmente di micro o piccole imprese e come tali affette dal problema dell insufficiente livello di capitalizzazione. Ritenendo fondamentale affrontare anche questo problema ci si è proposti di avviare una riflessione sui possibili strumenti finanziari con cui si potrebbe dare risposta a questa esigenza. E' stata promosso l attivazione di un Tavolo sulla finanza locale, con l obiettivo di cominciare a valutare le diverse forme di intervento che potrebbero portare alla creazione di strumenti per facilitare il reperimento del capitale di rischio delle piccole imprese oggetto delle iniziative ordinarie di Autopromozione Sociale. L idea che Autopromozione Sociale ha posto alla base delle riflessioni del Tavolo ruotava intorno ad alcuni principi guida: creare un circolo virtuoso e una filiera corta dei capitali locali, in cui le risorse vengono reperite in ambito locale e reinvestite a favore dello sviluppo dello stesso territorio da cui provengono; corresponsabilizzare i cittadini nel sostenere lo sviluppo locale. Il Comune potrebbe porsi come apportatore di risorse, ma anche come garante e animatore nei confronti dei privati cittadini che sono dotati di risorse finanziarie e sono interessati a fare investimenti in piccole imprese, in cui la creazione di valore economico è subordinata alla creazione di valore sociale.

2 In sostanza Autopromozione Sociale ha proposto al Tavolo di ragionare su quale possa essere lo strumento più adatto a creare il seguente scambio: rispar mi Strumento finanziario (incognito) investimenti Cittadini, investitori frattura informativa, in parte sanata dalla presenza del Comune di Roma Piccole imprese Tale obiettivo nasconde non poche insidie, sia per i cittadini-investitori, sia per il Comune stesso. Per i cittadini, la tipologia di investimento proposto (piccole e micro imprese sociali, spesso rappresentate da cooperative sociali e/o da imprese ancora in piena fase di start-up) presenta un profilo di rischio molto elevato, legato, in particolar modo, alle difficoltà di: ottenere adeguate informazioni sulla situazione economico-finanziaria delle imprese target, sulle capacità professionali del management e sulle reali prospettive di sviluppo; way-out connesse a simili investimenti. L assunzione di un simile rischio potrebbe, poi, non essere bilanciata dal rendimento atteso laddove si verificasse che gli investimenti effettuati generassero solo un minimo rendimento economico, sebbene accompagnato da un elevato valore sociale. La difficoltà relativa all'asimmetria informativa di cui soffre l'investitore potrebbe essere attenuata, almeno in parte, dall impegno del Comune, anche per l eventuale tramite di un ente terzo che funga da certificatore, di generare e condividere con gli investitori un adeguato flusso informativo sulle imprese target. Il Comune, in particolare, potrebbe favorire il superamento della frattura informativa abbattendo i costi di reperimento delle informazioni, in virtù dei dati di cui è già in possesso grazie all'attività svolta nell'ambito dell'attuazione della cosiddetta Legge Bersani (legge 266/97). Autopromozione Sociale, infatti, effettua controlli sulle aziende almeno 3-4 volte nel corso di circa 24 mesi, visitandole e verificandone la produzione e gli investimenti, acquisisce la documentazione contabile e contributiva, i bilanci sociali e ambientali, ecc. Gli strumenti finanziari Il Tavolo ha preso in considerazione tre possibili strumenti finanziari potenzialmente funzionali a conseguire il risultato: la società finanziaria; il fondo di investimento; il mercato locale regolamentato. Rispetto a queste tre ipotesi i partecipanti si sono confrontati cercando di operare una prima analisi e valutazione (a livello grezzo e non di analisi fine ) dei vantaggi e degli svantaggi e del ruolo che potenziale del Comune.

3 Di seguito, per ciascuno strumento, vengono riportate le seguenti informazioni: una breve descrizione in cui si definiscono gli elementi essenziali che caratterizzano lo strumento, le considerazioni emerse durante le discussioni del tavolo su vantaggi e svantaggi, il possibile ruolo del Comune, alcuni casi di esperienze già attive in Italia o in Europa. La società finanziaria In seguito ad un analisi preliminare che ha preso in considerazione le diverse tipologie di intermediario finanziario consentite per legge, il Tavolo ha ritenuto che una società finanziaria caratterizzata dagli obiettivi indicati dal Comune possa rientrare nella fattispecie prevista dal Testo Unico Bancario (TUB) D. L.vo 385/1997, agli artt. 106 e 113. Descrizione Gli intermediari finanziari definiti nel Testo Unico Bancario (TUB) agli artt. 106 e 113 sono caratterizzati come segue. Art Elenco generale. 1. L'esercizio nei confronti del pubblico delle attività di assunzione di partecipazioni, di concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma, di prestazione di servizi di pagamento e di intermediazione in cambi è riservato a intermediari finanziari iscritti in un apposito elenco tenuto dall'uic. 2. Gli intermediari finanziari indicati nel comma 1 possono svolgere esclusivamente attività finanziarie, fatte salve le riserve di attività previste dalla legge. [omissis] Art Soggetti non operanti nei confronti del pubblico. 1. L'esercizio in via prevalente, non nei confronti del pubblico, delle attività indicate nell'art. 106, comma 1, è riservato ai soggetti iscritti in una apposita sezione dell'elenco generale. [omissis] Per quanto concerne l art.106, il D.M specifica ulteriormente il contenuto delle attività: Attività di finanziamento sotto qualsiasi forma. 1. Per attività di finanziamento sotto qualsiasi forma si intende la concessione di crediti ivi compreso il rilascio di garanzie sostitutive del credito e di impegni di firma. Tale attività ricomprende, tra l'altro, ogni tipo di finanziamento connesso con operazioni di: a) locazione finanziaria; b) acquisto di crediti; c) credito al consumo, così come definito dall'art.121 del testo unico, fatta eccezione per la forma tecnica della dilazione di pagamento; d) credito ipotecario; e) prestito su pegno; f) rilascio di fidejussioni, avalli, aperture di credito documentarie, accettazioni, girate nonché impegni a concedere credito. Fanno eccezione le fideiussioni e altri impegni di firma previsti nell'ambito di contratti di fornitura in esclusiva e rilasciati unicamente a banche e intermediari finanziari. Attività di assunzione di partecipazioni. 1. Per assunzione di partecipazioni si intende l'attività di acquisizione, detenzione e gestione dei diritti, rappresentati o meno da titoli, sul capitale di altre imprese.

4 2. L'assunzione di partecipazioni realizza una situazione di legame con le imprese partecipate per lo sviluppo dell'attività del partecipante; in tale attività è da ricomprendersi altresì l'impiego in partecipazioni a titolo di investimento di portafoglio. Si ha in ogni caso partecipazione quando il partecipante sia titolare di almeno un decimo dei diritti di voto esercitabili nell'assemblea ordinaria. 3. Per aversi operatività nei confronti del pubblico, oltre alle condizioni previste dall'art.5, comma 1, è necessario che le assunzioni di partecipazioni siano finalizzate all'alienazione e, per il periodo di detenzione, siano caratterizzate da interventi volti alla riorganizzazione aziendale o allo sviluppo produttivo o al soddisfacimento delle esigenze finanziarie delle imprese partecipate anche tramite il reperimento del capitale di rischio. Attività strumentali e connesse. 1. Gli intermediari finanziari possono esercitare attività strumentali o connesse a quelle finanziarie svolte. 2. È strumentale l'attività che ha carattere ausiliario rispetto a quella esercitata; a titolo indicativo, rientrano tra le attività strumentali quelle di: a) studio, ricerca e analisi in materia economica e finanziaria; b) gestione di immobili ad uso funzionale; c) gestione di servizi informatici o di elaborazione dati; d) formazione e addestramento del personale. 3. È connessa l'attività accessoria che comunque consente di sviluppare l'attività esercitata; a titolo indicativo, costituiscono attività connesse la prestazione di servizi di informazione commerciale. In sintesi, le differenze fra i due strumenti finanziari possono essere così riassunte: Attività Capitale Forma societaria Limitazioni Obblighi Intermediario ex art. 106 Intermediario ex art. 113 Assunzione di partecipazioni Assunzione di partecipazioni (anche obbligazioni) Concessione di finanziamenti Concessione di finanziamenti Possibilità di svolgere attività Possibilità di svolgere attività accessoria quale l informazione accessoria quale l informazione commerciale. commerciale Capitale minimo di euro Nessun capitale minimo Società per azioni, società in Nessuna forma societaria specifica accomandita per azioni, società a responsabilità limitata o società cooperativa Possibilità di svolgere esclusivamente attività finanziarie Iscrizione all Ufficio Italiano Cambi (Uic) Prestiti concedibili fino ad un max di 50 soci (altrimenti si perde la natura di non pubblico ) - Non vi sono invece limiti per quanto riguarda l'assunzione di partecipazioni Iscrizione all Uic in apposita sezione L'intermediario ex art. 113 si configura come uno strumento più agile del 106, sia in termini di attività che di requisiti di capitale e forma societaria, ma meno adatto alle esigenze a cui si vuole dare risposta, in quanto può operare solo rispetto ad un numero limitato di soci. Per questo il Tavolo ha focalizzato il proprio interesse sulla forma dell'intermediario finanziario ex art. 106.

5 Vantaggi e svantaggi 1. Il capitale minimo richiesto per legge, pari a euro, rappresenta un obiettivo patrimoniale conseguibile in tempi ragionevoli, facendo affidamento inizialmente sull'apporto da parte di istituzioni pubbliche, avviando in un secondo momento la raccolta presso i cittadini. 2. Il capitale può essere impiegato in partecipazioni di importo medio o medio-basso, intorno ai euro, nelle piccole imprese sostenute dal Comune di Roma. 3. Può essere problematico generare reddito per la finanziaria, tenendo conto dei bassi dividendi generati dalle piccole imprese in fase di consolidamento, cosa particolarmente vera per alcune tipologie di imprese, come le cooperative e le cooperative sociali. Si potrebbe in alternativa considerare anche la possibilità di concedere finanziamenti: in questo modo vi sarebbe un contenimento del rischio, considerato il fatto che gli interessi sono garantiti mentre i dividendi dipendono dal livello di reddito delle partecipate. Nel caso delle cooperative un'ulteriore modalità per rafforzarne la capitalizzazione potrebbe consistere nell'effettuare finanziamenti ai soci che si impegnano a capitalizzare la cooperativa. 4. Questione importante è quella delle condizioni di uscita dall'investimento effettuato dal privato nella finanziaria, in quanto la vendita della sua quota di capitale sociale potrebbe generare problemi di liquidità alla finanziaria, che invece impegna il proprio capitale con un orizzonte di medio-lungo periodo. Il problema potrebbe non essere cruciale se si considera che in media ciascun investitore privato avrà solo quote marginali del totale del capitale della finanziaria. Sarà comunque necessario studiare un meccanismo che non sia penalizzante e dunque non scoraggi eventuali piccoli investitori. Il problema potrebbe essere superato qualora i disinvestimenti si sostanziassero in una vendita di azioni/quote che, contestualmente, venissero acquistate da un terzo; ne conseguirebbe che il capitale sociale della finanziaria non subirebbe alcuna variazione di importo, ma solo mutamenti della compagine sociale. Questa soluzione richiede però, da un lato, un approfondimento dei vincoli di legge e, dall altro, l'eventuale necessità di riserve appositamente costituite. Ruolo del Comune ed elementi cardine per l'avvio dell'operatività In questo contesto risulterebbe determinante che il Comune si assumesse l'onere di stanziare dei fondi di gestione per i primi anni di attività. Ciò consentirebbe di ridurre lo spread necessario tra il rendimento atteso dall investimento e quello richiesto dall investitore (che comunque dovrà essere su una soglia bassa, anche se significativa). I passi per costituire una finanziaria potrebbero essere: il Comune stanzia da subito il capitale minimo ( ) per la costituzione dell intermediario e per l'avvio dell'operatività o stanzia una cifra di poco superiore per evitare che eventuali perdite possano portare il capitale sociale al di sotto della soglia minima prevista per legge; viene avviata una campagna di raccolta di capitale sociale fra i cittadini per far scendere la quota del Comune di Roma sotto il livello di maggioranza assoluta (al 49%); vengono inserite nello statuto dell intermediario delle clausole che vincolano la presenza del Comune nel c.d.a.; viene proposto l ingresso a Regione e Provincia; viene proposto l ingresso anche a banche che abbiano una comprovata attenzione al target di imprese e al territorio e con limiti alla partecipazione e al controllo; viene prevista una differenziazione della remunerazione tra investitori istituzionali e singoli cittadini investitori (ad es. prevedendo delle azioni privilegiate).

6 Il Comune, svolgendo un ruolo attivo per la promozione e/o segnalazione delle imprese in cui investire, si esporrebbe molto con i cittadini-investitori, soprattutto nel caso in cui gli investimenti effettuati dalla società finanziaria dovessero far registrare delle minusvalenze. Potrebbe forse risultare più opportuno che le azioni/quote della società finanziaria fossero riservate esclusivamente al Comune - nonché ad altre istituzioni legate al territorio - e alle banche, privilegiando, in quest ultimo caso, quegli istituti di credito che possono vantare una comprovata attenzione al target di impresa e al territorio considerato. È, infatti, plausibile che le istituzioni pubbliche (Comune, Provincia, Regione) potrebbero accettare, in relazione ad investimenti effettuati, minor rendimenti se ciò fosse necessario per il perseguimento di finalità di interesse collettivo, come lo è senz altro quella di stimolare la crescita e lo sviluppo delle imprese sociali. Dall altro lato, le banche, in qualità di investitori istituzionali, avrebbero la capacità di valutare quale potrebbe essere l effettivo rapporto rischio/rendimento sotteso ad un investimento, capacità che, viceversa, non può essere affatto riconosciuta sic et simpliciter ad un normale cittadino. Questa ipotesi, però, comporterebbe una parziale incoerenza con gli obiettivi del Comune, in quanto verrebbe meno il coinvolgimento diretto dei cittadini L esperienza del Regno Unito: la Community Interest Company e la Community Developement Finance Institution Nel Regno Unito sta crescendo l'attenzione per il settore delle micro, piccole e medie imprese (incluse quelle sociali) che hanno difficoltà di accesso al settore del credito mainstream, ma la cui presenza è fondamentale per la comunità. Addirittura nel 2005 è stata istituita una nuova forma giuridica, la Community Interest Company (Cic - Impresa per l'interesse della Comunità), destinata agli imprenditori che intendono avviare/gestire un'attività imprenditoriale con l'intento non tanto di perseguire il proprio tornaconto ma di beneficiare primariamente una comunità (individuata territorialmente o definita come insieme di persone che condividono una o più esigenze di natura sociale). Si tratta di una forma giuridica che può essere acquisita a condizione di corrispondere ai requisiti di interesse comunitario e di porre un vincolo sugli asset, al fine di assicurare che una Cic sia costituita per scopi comunitari e che il patrimonio e i profitti siano destinati al vantaggio della comunità (www.cicregulator.gov.uk). All interno di questo movimento (diffuso anche negli Usa e in Canada), che pone il focus dell attività economica sul valore creato per la comunità, sono sorte le Cdfi - Community Developement Finance Institution (www.cdfa.co.uk), istituzioni finanziarie a servizio di quelle che, in senso lato, possono essere considerate imprese di comunità. Si tratta di istituzioni finanziarie indipendenti e sostenibili che forniscono servizi finanziari per il rinnovamento sociale, economico e fisico delle comunità e che investono con lo scopo di perseguire un ritorno sociale e finanziario. Esse forniscono prodotti finanziari (prestiti o investimenti in capitale) e consulenza d'impresa a individui e organizzazioni il cui scopo è creare benessere per le comunità svantaggiate o nei mercati sotto-serviti che non trovano accesso presso gli operatori finanziari commerciali. Le Cdfi finanziano individui, micro e piccole imprese e imprese sociali. Si tratta di un nuovo settore che combina l'industria finanziaria con il movimento dello sviluppo delle collettività. Anche se la maggioranza delle Cdfi fornisce prestiti, vi sono alcuni esempi di social venture capital. Bridges Community Ventures (www.bridgesventures.com): fondato da due società che si occupano di private equity, fornisce equity fra e 1 milione di sterline. È un istituzione finanziaria che investe con criteri sociali:

7 localizzazione in zone a scarsa attrattività dei capitali e collegamento con l'economia locale (occupazione, catena di fornitura o mercato di riferimento) o settore ad alto contenuto sociale (salute, ecologia, formazione, ecc.). I criteri finanziari sono: forte sviluppo dell'impresa che garantisca un ritorno finanziario, con un incremento del valore dell'impresa in un periodo fra i 3 e i 5 anni. (www.bridgesventures.com). South Yorkshire Key Funds (www.sykeyfunds.org.uk): nata da una Fondazione di Comunità, dall'unità per lo Sviluppo del South Yorkshire e dall'associazione delle Società Fiduciarie (trust) per lo Sviluppo, l'investment Fund (uno di 4 fondi destinati all'impresa sociale) fornisce prestiti e venture capital fino ad un massimo di sterline ad imprese sociali. UK Steel Enterprise (www.uksteelenterprise.co.uk): società istituita e controllata da Corus Group (impresa internazionale di prodotti in alluminio e acciaio), ha lo scopo di contribuire alla rigenerazione delle comunità delle aree interessate dai cambiamenti dell'industria dell'acciaio, sostenendo il potenziale imprenditoriale di queste aree. L'investimento in capitale varia da a sterline, con la possibilità di arrivare a , e non supera in ogni caso il 25% del capitale dell'impresa. Dell'investimento possono beneficiare imprese in fase di start-up, di espansione, che stanno effettuando acquisizioni (buyout) appartenenti ai più diversi settori. Ceis Enterprise Support and Employability Solutions (www.ceis.org.uk) Social Venture Scotland: si propone di sostenere individui e comunità svantaggiate, esclusi dal mercato del lavoro e dall'economia, tramite il sostegno all'economia sociale. Ha avviato un Programma di investimento che fornisce investimenti appropriati alle imprese sociali che promettono un ritorno finanziario anche minimo, ma un sicuro impatto sociale. È finanziato prevalentemente da enti pubblici. Finance Wales (www.financewales.co.uk): costituito dall'agenzia di Sviluppo del Galles, fornisce investimenti in capitale da a sterline. Possono beneficiare dell'investimento imprese in fase di start-up, di espansione o che stanno effettuando acquisizioni (buyout) senza limitazioni di appartenenza settoriale. Sostiene le Pmi e le imprese di comunità (community enterprise) operanti nel Galles. Venturesome (www.cafonline.org): iniziativa di Caf (Charities Aid Foundation) per rafforzare l'investimento nell'economia sociale, investe in strumenti di mezzanine finance destinati alle charities. Il fondo di investimento dispone di un patrimonio di 6 milioni di sterline provenienti da trust, imprese e privati. Il Fondo di investimento Descrizione I fondi comuni di investimento sono strumenti finanziari (Organismi di investimento collettivo del risparmio Oicr) che raccolgono il denaro di risparmiatori che demandano la gestione dei propri risparmi ad una Società di gestione con personalità giuridica e capitale distinti da quelli del fondo. I fondi comuni investono il denaro raccolto presso i sottoscrittori in valori mobiliari che costituiscono il patrimonio indiviso del fondo, di cui ogni risparmiatore detiene un certo numero di quote (la quota è la frazione di patrimonio unitaria del fondo di investimento ed ha un valore che cambia nel tempo in relazione all'andamento dei titoli nei quali il fondo investe). Il Decreto legislativo n.58/98 definisce il fondo comune di investimento come "il patrimonio autonomo, suddiviso in quote, di pertinenza di una pluralità di partecipanti, gestito in monte. Il patrimonio comune viene amministrato da una società di gestione del risparmio, alla quale competono le decisioni di investimento. Esistono differenti tipologie di fondi, a seconda delle caratteristiche dei prodotti che ne compongono il portafoglio (azioni, obbligazioni, ecc.).

8 Indipendentemente dalla tipologia di fondo, tutti i partecipanti hanno gli stessi diritti: i guadagni o le perdite, dal momento che il fondo non garantisce un rendimento certo (a meno di alcune tipologie particolari di prodotti), sono in proporzione a quanto investito, o meglio, in proporzione al numero di quote in possesso. Analisi di vantaggi e svantaggi Lo strumento del fondo di investimento offre il vantaggio di poter più facilmente raccogliere risparmio dai cittadini (e altre istituzioni), invece che capitale sociale. I volumi minimi per raggiungere il break-even sono notevolmente alti, in quanto si aggirano intorno ai 50 milioni di euro. Sono inoltre elevati i costi di analisi dei singoli progetti. Una soluzione potrebbe essere quella di cercare la collaborazione con una s.g.r. già esistente, insieme a cui creare una linea, un fondo dedicato a questo obiettivo. Anche con questa ipotesi non si può comunque prescindere dalla valutazione su: se e come si abbassano il break-even point e i costi medi. Il caso TorinoWireless Un modello interessante è quello di TorinoWireless (www.torinowireless.it), distretto high-tech che raccoglie i principali attori Ict del Piemonte. La fondazione che coordina il distretto (Fondazione Torino Wireless) ha promosso la nascita di due strutture specializzate nel venture capital, una finanziaria e un fondo di investimento gestito da una s.g.r. Tali intermediari si muovono in un'ottica assolutamente complementare, il primo finanziando le operazioni di taglio più piccolo (dai 30/ euro fino ai euro), la s.g.r. e il relativo fondo comune sostenendo le operazioni più complesse ed onerose. Entrambi gli intermediari sono finanziati da un'ampia platea di soggetti e istituzioni, pubbliche e private. Piemontech - La finanziaria Piemonte High Technology s.r.l. è attiva a partire da luglio 2004, dispone di una dotazione di 2 milioni di euro, ha un obiettivo di almeno 5 milioni di euro di capitale e assume posizioni di equity all interno di progetti e imprese nascenti nell ambito del perimetro regionale, per importi inferiori ai euro. Tipicamente si tratta di realtà con una forte necessità di accompagnamento e collaborazione per concretizzare le prospettive di reddito. La finanziaria rappresenta il primo fondo di angel investing istituzionale italiano. Innogest Capital È un fondo mobiliare chiuso costituito in partnership con un operatore finanziario privato di prestigio. Ha un capitale di 60 milioni di euro e prevede una durata di 10 anni per finanziare le piccole e medie imprese più promettenti operanti nel Nord Italia in ambiti produttivi a forte contenuto di conoscenza e tecnologia. Il mercato locale regolamentato Definizione Un mercato locale regolamentato è un mercato mobiliare basato su una specifica regolamentazione relativa all organizzazione e al funzionamento del mercato stesso. Secondo la disciplina comunitaria un mercato regolamentato è un mercato che possiede i seguenti requisiti: regolarità di funzionamento: gli scambi hanno luogo secondo modalità predefinite, sia per quanto riguarda i meccanismi di fissazione del prezzo, sia per quanto riguarda il pagamento e/o il trasferimento del bene oggetto dello scambio; elaborazione o approvazione da parte dell autorità di vigilanza delle regole relative alle condizioni di accesso e alle modalità di funzionamento;

9 prescrizione del rispetto degli obblighi di trasparenza definiti dalla direttiva 93/22/CEE. Inoltre, la disciplina comunitaria impone l'iscrizione, da parte dell autorità di vigilanza, del mercato in un apposito albo. In definitiva, esiste una precisa regolamentazione circa gli operatori ammessi al mercato, gli strumenti trattati, gli obblighi informativi ai quali sono sottoposti i soggetti operanti, il meccanismo di definizione del prezzo, le modalità di negoziazione, le procedure di liquidazione degli scambi. Obiettivo di un mercato regolamentato è quello di assicurare un'uniformità organizzativa e la standardizzazione degli strumenti in esso negoziati. I mercati regolamentati si contrappongono ai mercati over the counter, per i quali non esiste una specifica regolamentazione. La direttiva della Commissione Europea Mifid 1 permette la costituzione di mercati locali regolamentati. Tali mercati potrebbero facilitare l accesso ai capitali di piccole imprese e un rapporto diretto tra capitali e imprese dello stesso territorio. Analisi di vantaggi e svantaggi Il cittadino può scegliere l'azienda di cui acquisire quote di capitale e poi investire direttamente in essa, ma questo comporta un rischio elevato, la cui valutazione tecnica richiede competenze qualificate, che difficilmente un comune cittadino può avere. È necessario definire il livello minimo di informazione da fornire per rendere appetibile l'investimento. È importante che il Comune e/o una banca faccia da garante nei confronti del privato cittadino, come collocatore o come presentatore, svolgendo una preventiva analisi patrimoniale e sociale delle aziende. Si rende necessaria una società di gestione del mercato con un capitale minimo di 5 milioni di euro. Sul mercato operano generalmente investitori professionali (enti creditizi, imprese di investimento, organismi di investimento collettivo, imprese di assicurazioni, fondi pensione; imprese di grandi dimensioni; governi nazionali e regionali). Potrebbe essere un progetto interessante da proporre a tanti diversi soggetti, per dare a Roma un mercato finanziario locale, valorizzando anche quanto accade con la Borsa immobiliare (www.borsaimmobiliare.roma.it), gestita dalla Camera di Commercio. Tale ipotesi, però, richiederebbe l intercettazione di capitali al di fuori del territorio romano, comportando una parziale incoerenza con gli obiettivi del Comune, che sono quelli di creare una filiera corta del capitale. È un progetto sovradimensionato rispetto alle esigenze di Autopromozione Sociale, ma che con queste avrebbe molti interessanti punti di contatto e sinergie, proprio nell ottica di avere un luogo fisico e non in cui le imprese possano farsi conoscere e gli investitori (anche piccoli come il singolo cittadino) valutare le opzioni offerte dall economia locale. L ipotesi di un mercato locale regolamentato è molto complicata per gli iter autorizzativi e i vincoli operativi imposti dalla normativa. Va però rilevato che secondo la Consob è possibile fare, ad esempio, il collocamento di obbligazioni di cooperative sociali senza prospetto informativo. Si potrebbe sondare per le piccole imprese responsabili che tipo di orientamento si può trovare, anche agganciandosi alla normativa specifica di riferimento per il lavoro del Comune di Roma (legge 266/1997, art. 14). 1 La Mifid è una direttiva comunitaria sui mercati degli strumenti finanziari, prevista dal Financial Services Action Plan. I suoi principali obiettivi sono: favorire una maggiore efficienza, trasparenza e integrazione delle infrastrutture di negoziazione, aumentare le garanzie degli investitori. E' stata recepita dal governo italiano nel mese di Agosto 2007.

10 Ruolo del Comune Il Comune potrebbe svolgere attività di promozione delle aziende. Tale attività potrebbe essere pensata in due modi, light e hard. Nel primo caso il Comune si limiterebbe a rendere pubblico l'elenco delle imprese oggetto di aiuto da parte di Autopromozione Sociale fornendo l'indirizzo a quei cittadini che fossero interessati a mettersi in contatto con quelle imprese. Nel secondo caso, invece, si tratterebbe di far svolgere al Comune quasi un ruolo di garante in merito alla loro situazione patrimoniale e finanziaria, valorizzando il patrimonio informativo di cui Autopromozione Sociale dispone. Si potrebbe ipotizzare un terzo soggetto (una sorta di certificatore ) che rilascia un giudizio tecnico, utilizzabile poi dall ente intermediario finanziario. Il Comune potrebbe pagare la spesa per tali microistruttorie. Il caso Mac Il Mac-Mercato Alternativo del Capitale (www.mercatoalternativocapitale.it) promuove un Sistema di scambi organizzati del capitale di rischio delle piccole e medie Imprese (Pmi), riservato a investitori professionali e fondato su requisiti d accesso semplificati e sulla partecipazione delle banche che operano nel territorio di riferimento dell impresa. Inoltre, il Mac fornisce all imprenditore un nuovo modo per accedere al capitale, semplice e a basso costo, senza rinunciare all indipendenza nella gestione dell azienda. Valorizza le relazioni tra imprese, banche e istituzioni attive sul territorio. Offre alle imprese una vetrina per proporsi a grandi investitori italiani e stranieri, che operano sui mercati dei capitali in modo professionale con un ottica di medio e lungo termine. Il Mac è stato promosso dalle principali banche italiane, da Borsa Italiana, dalle associazioni degli imprenditori e dalle istituzioni impegnate nella promozione e nel supporto allo sviluppo delle imprese. È un Sistema di scambi organizzati aderente ai requisiti della delibera Consob n.14035/2003. Borsa Italiana definisce le regole del mercato d intesa con Pro Mac e ne cura organizzazione e gestione. Il Mac si ispira all esperienza di successo dell Alternative Investment Market (AIM) di Londra. Il problema della sollecitazione al risparmio L'altra questione cruciale che il Tavolo ha affrontato è stata quella dell attività di sollecitazione al risparmio che, da un lato, ha portato alla scelta degli intermediari ex artt. 106 e 113 rispetto agli altri previsti dalla normativa e, dall altro, si è posto come questione cruciale in relazione all ipotesi del borsino. Se da un lato il Comune avrebbe un ruolo fondamentale per mobilitare le risorse dei cittadini in quanto gli stessi cittadini sarebbero invitati a investire in aziende indicate dal Comune, dall'altro, questo intervento potrebbe configurarsi come sollecitazione al pubblico risparmio. Per questo risulta fondamentale analizzare la questione, in quanto da essa dipende la definizione dei limiti degli interventi promozionali dell amministrazione comunale. In generale, la sollecitazione all'investimento (su prodotti finanziari, quindi anche su quote oltre che su azioni), è suddivisa su tre livelli: pubblicità (mero scopo pubblicitario, non modalità di conclusione e altre informazioni sui "prodotti" ma esclusivamente società e indirizzi cui rivolgersi); promozione (intento negoziale); sollecitazione. Il Tuf - Testo Unico sulla Finanza (D.L.vo 58/98) così dispone in merito alla sollecitazione all'investimento: Art.1. Definizioni. «Sollecitazione all'investimento»: ogni offerta, invito a offrire o messaggio promozionale, in qualsiasi forma rivolti al pubblico, finalizzati alla vendita o alla

11 sottoscrizione di prodotti finanziari; non costituisce sollecitazione all'investimento la raccolta di depositi bancari o postali realizzata senza emissione di strumenti finanziari; «prodotti finanziari»: gli strumenti finanziari e ogni altra forma di investimento di natura finanziaria. 94. Obblighi degli offerenti. 1. Coloro che intendono effettuare una sollecitazione all'investimento ne danno preventiva comunicazione alla CONSOB, allegando il prospetto destinato alla pubblicazione. 2. Il prospetto contiene le informazioni che, a seconda delle caratteristiche dei prodotti finanziari e degli emittenti, sono necessarie affinché gli investitori possano pervenire a un fondato giudizio sulla situazione patrimoniale, economica e finanziaria e sull'evoluzione dell'attività dell'emittente nonché sui prodotti finanziari e sui relativi diritti. 3. Quando la sollecitazione riguarda prodotti finanziari non quotati né diffusi tra il pubblico ai sensi dell'articolo 116, la pubblicazione del prospetto è autorizzata dalla CONSOB secondo le modalità e nei termini da essa stabiliti con regolamento. Negli altri casi, la CONSOB, entro quindici giorni dalla comunicazione, può indicare agli offerenti informazioni integrative da inserire nel prospetto e specifiche modalità di pubblicazione dello stesso. Decorso tale termine, gli offerenti possono procedere alla pubblicazione. Rilevante è anche il Regolamento Consob sugli emittenti 11971: Art.33 (Casi di inapplicabilità) 1. Le disposizioni contenute nel Capo I del Titolo II della Parte IV del Testo unico (sulla sollecitazione all'investimento) e quelle del presente Titolo non si applicano alle sollecitazioni: a) rivolte ad un numero di soggetti inferiore a cento; b) di ammontare complessivo inferiore a euro, da calcolarsi su un periodo di 12 mesi; c) aventi ad oggetto prodotti finanziari per un corrispettivo totale di almeno euro per investitore e per ogni offerta separata; d) aventi ad oggetto prodotti finanziari di valore nominale unitario minimo di almeno euro; e) aventi ad oggetto prodotti finanziari emessi, al fine di procurarsi i mezzi necessari al raggiungimento dei propri scopi non lucrativi, da associazioni aventi personalità giuridica o da enti non aventi scopo di lucro, riconosciuti da uno Stato membro; 4. Nel caso di sollecitazioni aventi ad oggetto strumenti finanziari diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche, che abbiano le seguenti caratteristiche: (i) il corrispettivo totale dell'offerta, calcolato per un periodo di dodici mesi, sia inferiore a euro ; (ii ) non siano subordinati, convertibili o scambiabili; (iii) non conferiscano il diritto di sottoscrivere o acquisire altri tipi di strumenti finanziari e non siano collegati ad uno strumento derivato; è pubblicato ai sensi dell articolo 8, comma 1, un prospetto semplificato redatto conformemente allo schema di cui all Allegato 1M; non è richiesta la pubblicazione dell avviso di cui al comma 2 del medesimo articolo; tale prospetto semplificato non è preventivamente approvato dalla Consob. 5. Nel caso di sollecitazioni aventi ad oggetto strumenti finanziari diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di credito cooperativo e da banche che, ai sensi dell'articolo 2409-bis, comma 3 del codice civile, possono prevedere nello statuto che il controllo contabile sia esercitato dal collegio sindacale:

12 (i) il giudizio previsto dall'articolo 96 del Testo unico può essere quello espresso dal soggetto incaricato del controllo contabile ai sensi dell'articolo 2409-ter, comma 1, lettera c) del codice civile non si applica l'articolo 97, comma 3 del Testo unico. Anche il D.M si esprime sull'esercizio di attività nei confronti del pubblico. 1. Le attività indicate negli articoli 2, 3 e 4 sono esercitate nei confronti del pubblico qualora siano svolte nei confronti di terzi con carattere di professionalità. 2. In deroga al comma precedente, non configurano operatività nei confronti del pubblico le attività esercitate nei confronti di società controllanti, controllate o collegate ai sensi dell'art c.c. e controllate da una stessa controllante, e comunque all'interno di un medesimo gruppo; ai fini della definizione dell'ambito dei soggetti di natura cooperativa che costituiscono «gruppo» si applica la delibera del Comitato interministeriale per il credito e il risparmio del 3 marzo 1994 in materia di raccolta del risparmio. La deroga non trova applicazione in ipotesi di attività di finanziamento connessa con operazioni di acquisto di crediti da parte di società del gruppo ma vantati nei confronti di soggetti non appartenenti al gruppo. 3. Con riguardo all'attività di concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma, non configura altresì operatività nei confronti del pubblico l'attività svolta esclusivamente nei confronti dei soci da società con forma giuridica di cooperativa aventi non più di 50 soci. Tali limiti devono essere espressamente previsti dallo statuto sociale. 4. L'attività di credito al consumo si considera comunque esercitata nei confronti del pubblico anche quando è limitata all'ambito dei soci. Il problema degli aiuti di Stato Un ulteriore nodo da analizzare riguarda la possibilità che l intervento attuato dal Comune al fine di favorire la capitalizzazione delle imprese target può configurare, a tutti gli effetti, un aiuto di Stato ai sensi di quanto previsto dal Trattato CE, artt. 87 e 88 (ovviamente, nella fattispecie, a nulla rileva il fatto che sia il Comune e non lo Stato a concedere l aiuto, in quanto ciò che effettivamente conta a tali fini è la provenienza pubblica delle risorse con cui è attuato, anche parzialmente, l intervento). In ambito comunitario, gli aiuti pubblici concessi per promuovere interventi nel capitale di rischio sono regolati da un apposita normativa, rappresentata dagli Orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato destinati a promuovere gli investimenti in capitale di rischio nelle piccole e medie imprese (2006/C 194/02). In tali Orientamenti è sancito l obbligo per l amministrazione di notificare alla Commissione europea i regimi di aiuto riguardanti gli interventi nel capitale di rischio di imprese; obbligo che, tuttavia, viene a cadere nel caso in cui un regime di aiuto preveda apporti di capitali pubblici per un importo non superiore alla soglia de minimis (pari a ) applicabile per ciascuna impresa su un periodo di tre anni. Visto il target di imprese considerato e considerata anche la dotazione finanziaria prevista per lo strumento prescelto ( ), gli interventi attuati dovrebbero tutti essere ampiamente inferiori alla predetta soglia de minimis. Tuttavia, considerato che le imprese potenzialmente beneficiarie dell intervento sarebbero scelte tra quelle che hanno già beneficiato di aiuti ai sensi dell art. 14 della legge n. 266/97 e che tali aiuti sono concessi anch essi a titolo di de minimis, l amministrazione dovrà farsi carico di garantire che gli interventi nel capitale di rischio, sommati ad altre agevolazioni concesse alle imprese beneficiarie, non superino l importo di per impresa, nell arco del triennio.

13 Considerazioni conclusive Le analisi preliminari effettuate dal Tavolo hanno condotto ad una prima conclusione sui diversi strumenti finanziari. 1. Il fondo comune di investimento è stato ritenuto uno strumento troppo oneroso da mettere in piedi e che richiede volumi molto elevati e difficili da raggiungere. 2. L'ipotesi più immediatamente percorribile è sembrata quella di una finanziaria (ex art.106), perché più semplice sia per quanto riguarda la costituzione sia per la minor entità del capitale necessario all'avvio. 3. Per quanto riguarda invece l'ipotesi di un mercato locale regolamentato si è ritenuto che, pur non essendo percorribile, potrebbe però divenire perseguibile se ripensata in una forma più soft, quella di una sorta di borsino virtuale. Non si tratterebbe tecnicamente di un mercato regolamentato, ma piuttosto di un portale finalizzato a favorire l'incontro fra domanda e offerta, in cui le imprese potrebbero avere accesso in quanto presentate dal Comune. Tale ipotesi, solamente accennata durante gli incontri del Tavolo, richiede però un accurato approfondimento sui vincoli normativi e di vigilanza. Il caso Gate2 Growth Gate2growth.com è un portale Internet (www.gate2growth.com) gestito da una società privata di consulenza (specializzata in finanza innovativa per PMI orientate all'innovazione e alla tecnologia). Fra il 2001 e il 2006 l'iniziativa ha ricevuto il sostegno della Commissione Europea tramite il Programma per l'innovazione e le PMI. Il portale ha l'obiettivo di supportare le imprese innovative in Europa e di sostenere i professionisti che operano nel campo dell'innovazione nel migliorare la loro capacità di assistere gli imprenditori, rafforzando la loro capacità di mettersi in rete e lo scambio di esperienze e buone pratiche a livello europeo. Ciò include investitori di venture capital in tecnologie in fase di sviluppo, manager di incubatori di tecnologia, manager di legami industriali e trasferimenti di tecnologia. Gate2Growth.com fornisce strumenti, infrastrutture e servizi di supporto diretti a imprenditori innovativi e ai loro sostenitori. Lo staff del portale, in particolare, aiuta le Pmi a predisporre informazioni per pubblicizzare il loro business presso gli investitori; a identificare investitori in Europa; ad accedere ad un network di esperti di investimento nelle principali imprese di Venture Companies.

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO I DEFINIZIONI Articolo

Dettagli

Modifiche al Codice civile: limite di emissione obbligazioni convertibili

Modifiche al Codice civile: limite di emissione obbligazioni convertibili La nuova disciplina degli strumenti di finanziamento alle imprese La nuova disciplina degli strumenti di finanziamento alle imprese contenuta nell art. 32 del D.L. n. 83 del 2012 contiene innovazioni di

Dettagli

TITOLO I DEFINIZIONI Articolo 1 (Definizioni)

TITOLO I DEFINIZIONI Articolo 1 (Definizioni) D.M. - -2007, n. Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO

Dettagli

Start up innovative Le possibilità del crowdfunding

Start up innovative Le possibilità del crowdfunding Start up innovative Le possibilità del crowdfunding Roma, 10 giugno 2014 Silvia Carbone Ufficio Analisi di Impatto della Regolamentazione Quadro normativo e deleghe alla Consob Perché la Consob ha disciplinato

Dettagli

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Aprile 2014 Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Piergiorgio Leofreddi e Azzurra Campari, Simmons & Simmons Il presente articolo si propone di analizzare alcuni

Dettagli

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Università Bocconi di Milano Milano, 25 novembre 2014 RENZO PARISOTTO PREMESSE: il sistema

Dettagli

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento FINANZIARE IN MODO EQUILIBRATO LA CRESCITA Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento slide 1 FINANZIAMENTO CREDITO BANCARIO FINANZIAMENTO SOCI LEASING CAMBIALI FINANZIARIE PRESTITI

Dettagli

START-UP INNOVATIVE: PRINCIPALI AGEVOLAZIONI. Stefano Battaglia Dottore Commercialista in Torino U.G.D.C.E.C. Torino

START-UP INNOVATIVE: PRINCIPALI AGEVOLAZIONI. Stefano Battaglia Dottore Commercialista in Torino U.G.D.C.E.C. Torino START-UP INNOVATIVE: PRINCIPALI AGEVOLAZIONI Stefano Battaglia Dottore Commercialista in Torino U.G.D.C.E.C. Torino Torino, lunedì 20 ottobre 2014 LE PRINCIPALI AGEVOLAZIONI DI CUI AL D.L. N. 179/2012

Dettagli

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato Start up innovativa di Leonardo Serra Con il termine start up innovativa, si definisce la società di capitali, costituita anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero la società europea residente

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE predisposta ai sensi dell art. 2441, comma 6, cod. civ. secondo e terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria degli Azionisti

Dettagli

MARCOLIN S.P.A. SEDE LEGALE: DOMEGGE DI CADORE (BL) - FRAZIONE VALLESELLA, VIA NOAI, 31 DIREZIONE E UFFICI: LONGARONE (BL) LOCALITÀ VILLANOVA, 4

MARCOLIN S.P.A. SEDE LEGALE: DOMEGGE DI CADORE (BL) - FRAZIONE VALLESELLA, VIA NOAI, 31 DIREZIONE E UFFICI: LONGARONE (BL) LOCALITÀ VILLANOVA, 4 MARCOLIN S.P.A. SEDE LEGALE: DOMEGGE DI CADORE (BL) - FRAZIONE VALLESELLA, VIA NOAI, 31 DIREZIONE E UFFICI: LONGARONE (BL) LOCALITÀ VILLANOVA, 4 CAPITALE SOCIALE SOTTOSCRITTO E VERSATO EURO 32.312.475,00

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Pagina 1 di 8 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 25 febbraio 2016 Modalita' di attuazione dell'articolo 29 del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Attività dello Specialista

Attività dello Specialista Attività dello Specialista Massimo Turcato Responsabile Equity Capital Markets e Advisory Banca Akros Palermo, 15 novembre 2007 MISSIONE E PRINCIPI COSTITUTIVI DEL MAC Missione Principi costitutivi 1 Forte

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI ALL ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI ALL ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI ALL ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA First Capital S.p.A. Sede sociale: Milano Viale Luigi Majno, 17/A Capitale sociale Euro 5.000.688,55 i.v. Registro Imprese

Dettagli

Oggetto: Criteri operativi per la redazione degli annunci pubblicitari concernenti gli OICR chiusi italiani ed esteri offerti in Italia

Oggetto: Criteri operativi per la redazione degli annunci pubblicitari concernenti gli OICR chiusi italiani ed esteri offerti in Italia Comunicazione n. DIN/4014197 del 19-2-2004 inviata all Abi, Aifi, Assogestioni, Assoreti, Assosim, Unionsim e, p.c.: alla Banca d Italia e alla Borsa Italiana spa Oggetto: Criteri operativi per la redazione

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER PROCESSI DI RICAPITALIZZAZIONE AZIENDALE

AGEVOLAZIONI PER PROCESSI DI RICAPITALIZZAZIONE AZIENDALE C i r c o l a r e d e l 3 m a g g i o 2 0 1 2 P a g. 1 di 7 Circolare Numero 16/2012 Oggetto ACE _ AIUTO ALLA CRESCITA ECONOMICA - AGEVOLAZIONI PER PROCESSI DI RICAPITALIZZAZIONE AZIENDALE Sommario 1_

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 1. IL NUOVO SISTEMA DELL INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA 1.1. La riforma dell intermediazione del credito 1 GLOSSARIO 6 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 1.1. LA RIFORMA

Dettagli

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA Introduzione: Il Decreto Legge n. 91 del 24 giugno 2014 (c.d. Decreto Competitività ) e la relativa Legge di Conversione (Legge n. 116

Dettagli

Holding: trattamento degli interessi ai fini IRAP ed ai fini IRES

Holding: trattamento degli interessi ai fini IRAP ed ai fini IRES Holding: trattamento degli interessi ai fini IRAP ed ai fini IRES IRAP Fonti Circolare Assonime n. 46/2009 Risoluzione 38/E del 26/2/2003 Nota Assoholding n. 6 del 14/12/2010 Circolare Ministeriale 141/E

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE predisposta ai sensi dell art. 72 e secondo lo schema n. 2 dell Allegato 3A del Regolamento

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA. per il prestito obbligazionario BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA a tasso fisso Denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA. per il prestito obbligazionario BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA a tasso fisso Denominato CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA per il prestito obbligazionario BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA a tasso fisso Denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 03/12/2007-03/12 /2010 TASSO FISSO 4,0000%

Dettagli

Assemblea Straordinaria degli Azionisti 18 novembre 2015 ore 15.00 in prima convocazione ed occorrendo 19 novembre 2015 ore 15.

Assemblea Straordinaria degli Azionisti 18 novembre 2015 ore 15.00 in prima convocazione ed occorrendo 19 novembre 2015 ore 15. Assemblea Straordinaria degli Azionisti 18 novembre 2015 ore 15.00 in prima convocazione ed occorrendo 19 novembre 2015 ore 15.00 in seconda convocazione RELAZIONI ILLUSTRATIVE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N.

ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. 141 Parte I SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE FINANZIARIO Presentazione di Ernesto Ghidinelli Milano,

Dettagli

Giugno 2013. La Direttiva sui Gestori di Fondi di Investimento Alternativi (AIFMD): impianto normativo e impatto per l industria italiana dei fondi

Giugno 2013. La Direttiva sui Gestori di Fondi di Investimento Alternativi (AIFMD): impianto normativo e impatto per l industria italiana dei fondi Giugno 2013 La Direttiva sui Gestori di Fondi di Investimento Alternativi (AIFMD): impianto normativo e impatto per l industria italiana dei fondi Avv. Simona Sapienza, Caiazzo Donnini Pappalardo & Associati

Dettagli

SICAF Immobiliari Disciplina fiscale. Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli

SICAF Immobiliari Disciplina fiscale. Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli SICAF Immobiliari Disciplina fiscale Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli SICAF Immobiliari definizione Definizione di SICAF: OICR chiuso costituito in forma di società per azioni a capitale fisso

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. SULLE PROPOSTE CONCERNENTI L AUTORIZZAZIONE ALL'ACQUISTO E ALL'ALIENAZIONE DI AZIONI PROPRIE POSTE AL SECONDO PUNTO

Dettagli

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA ART. 1 PREMESSA E FINALITA DELL INIZIATIVA Il Comune di Santa Marinella,

Dettagli

AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE

AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE Partner di: Private Equity LAB Associato a: Shadow Banking e AIFMD G20 Pittsburgh 2009 Rivedere l intero

Dettagli

Con l occasione, il legislatore è intervenuto con alcune variazione e integrazioni sulla disciplina fino ad ora in vigore.

Con l occasione, il legislatore è intervenuto con alcune variazione e integrazioni sulla disciplina fino ad ora in vigore. Start up innovative: gli incentivi 2016 Decreto Ministero, Economia e finanze 25/02/2016, G.U. 11/04/2016 Pubblicato il 27/04/2016 E arrivata finalmente l estensione ufficiale all anno 2016 delle agevolazioni

Dettagli

Decreto 24 maggio 1999, n. 228 (modificato con DM 22/05/00 n.180 - G.U. n.153 del 03/07/00 e DM 31/01/03 n. 47 - G.U. n. 70 del 25/03/03).

Decreto 24 maggio 1999, n. 228 (modificato con DM 22/05/00 n.180 - G.U. n.153 del 03/07/00 e DM 31/01/03 n. 47 - G.U. n. 70 del 25/03/03). Decreto 24 maggio 1999, n. 228 (modificato con DM 22/05/00 n.180 - G.U. n.153 del 03/07/00 e DM 31/01/03 n. 47 - G.U. n. 70 del 25/03/03). Regolamento attuativo dell art. 37 del decreto legislativo 24

Dettagli

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI (in vigore dal 15 aprile 2015) FONDI COMUNI Il presente Regolamento è stato approvato dall organo

Dettagli

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing Dall edilizia residenziale pubblica al social housing **** Fondi Immobiliari e Housing Sociale FORUM PA 2010 Roma, 20 maggio 2010 1 Premessa Per Social Housing, si intende l insieme delle iniziative e

Dettagli

1. Proposta di distribuzione in natura di riserve disponibili mediante assegnazione della partecipazione posseduta dalla Società in Green Energy.

1. Proposta di distribuzione in natura di riserve disponibili mediante assegnazione della partecipazione posseduta dalla Società in Green Energy. Proposta di distribuzione di riserve disponibili mediante assegnazione di partecipazioni possedute dalla Società in KME Green Energy S.r.L. previa trasformazione della stessa in società per azioni; deliberazioni

Dettagli

PROSPETTO PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI OBBLIGAZIONI BANCA DI PISA E FORNACETTE CREDITO COOPERATIVO

PROSPETTO PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI OBBLIGAZIONI BANCA DI PISA E FORNACETTE CREDITO COOPERATIVO Prospetto semplificato per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4, del Regolamento Consob n. 11971/99 (da consegnare al cliente che ne faccia richiesta) Sede legale: 56126 Pisa Lungarno

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) N. 501981 del 17-05-2007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 2 settembre 2014, n. 166 (G.U. 13 novembre 2014, n.264) Regolamento di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n.

Dettagli

Alcune brevi considerazioni sulla disciplina delle Società di investimento a capitale fisso (Sicaf)

Alcune brevi considerazioni sulla disciplina delle Società di investimento a capitale fisso (Sicaf) Alcune brevi considerazioni sulla disciplina delle Società di investimento a capitale fisso (Sicaf) Il decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 ha apportato importanti modifiche al Testo Unico della Finanza

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Modifiche all'articolo 1 del testo unico della finanza Definizioni

Modifiche all'articolo 1 del testo unico della finanza Definizioni D.L.vo 1 agosto 2003, n.274.attuazione della direttiva 2001/107/CE e 2001/108/CE, che modificano la direttiva 85/611/CEE in materia di coordinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative

Dettagli

BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO

BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO QUATTROTRETRE SpA Sede legale: Foro Buonaparte, 44 20121 MILANO Capitale sociale: Euro 5.000.000 i.v. Registro Imprese Milano n. 07642730969 Cod. Fisc. e P. IVA 07642730969 BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO

Dettagli

Mercato Alternativo del Capitale e private equity

Mercato Alternativo del Capitale e private equity Confindustria Palermo Mercato Alternativo del Capitale e private equity interventi di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Palermo, 15 novembre 2007 1 Presentazione di Vertis SGR e

Dettagli

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 Professional Investment Fund: regime fiscale Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 1 I proventi derivanti dalla partecipazione in PIF 2 I proventi derivanti dalla partecipazioni in PIF Qualora

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo Art. 1 - Istituzione e denominazione del Fondo Interno Assicurativo Poste Vita S.p.A. (la Compagnia ) ha istituito, secondo le modalità indicate nel

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. Per le Emissioni di Obbligazioni Bancarie c.d. Plain Vanilla

PROSPETTO INFORMATIVO. Per le Emissioni di Obbligazioni Bancarie c.d. Plain Vanilla PROSPETTO INFORMATIVO Per le Emissioni di Obbligazioni Bancarie c.d. Plain Vanilla Banca Emittente ( L Emittente ) Banca Popolare Lecchese S.p.a. Banca Offerente ( L Offerente ) Banca Popolare Lecchese

Dettagli

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Roma, 1 febbraio 2008 COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Con riferimento al Documento in oggetto, posto in

Dettagli

PROSPETTO PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI OBBLIGAZIONI BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI FORNACETTE. Emissione n. 311 B.C.C. FORNACETTE 2013/2018 STEP UP

PROSPETTO PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI OBBLIGAZIONI BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI FORNACETTE. Emissione n. 311 B.C.C. FORNACETTE 2013/2018 STEP UP Prospetto semplificato per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4, del Regolamento Consob n. 11971/99 (da consegnare al cliente che ne faccia richiesta) Sede sociale: 56012 Fornacette

Dettagli

LE NUOVE REGOLE EUROPEE PER IL VENTURE CAPITAL: UN «LEVEL PLAYING FIELD» PER IL SOSTEGNO DELLE IMPRESE INNOVATIVE [giugno 2013] * * *

LE NUOVE REGOLE EUROPEE PER IL VENTURE CAPITAL: UN «LEVEL PLAYING FIELD» PER IL SOSTEGNO DELLE IMPRESE INNOVATIVE [giugno 2013] * * * LE NUOVE REGOLE EUROPEE PER IL VENTURE CAPITAL: UN «LEVEL PLAYING FIELD» PER IL SOSTEGNO DELLE IMPRESE INNOVATIVE [giugno 2013] * * * 1. Obiettivi In linea con gli obiettivi del piano d azione europeo

Dettagli

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema Pioneer Fondi Italia. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema Pioneer Fondi Italia. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

Assemblea straordinaria degli Azionisti. 1 convocazione: 8 maggio 2012 ore 15.30 2 convocazione: 9 maggio 2012 ore 15.30

Assemblea straordinaria degli Azionisti. 1 convocazione: 8 maggio 2012 ore 15.30 2 convocazione: 9 maggio 2012 ore 15.30 KME Group S.p.A. Assemblea straordinaria degli Azionisti 1 convocazione: 8 maggio 2012 ore 15.30 2 convocazione: 9 maggio 2012 ore 15.30 Punto 1 ordine del giorno Proposta di autorizzazione all acquisto

Dettagli

Cagliari, 22 febbraio 2012 - 1 -

Cagliari, 22 febbraio 2012 - 1 - DOCUMENTO INFORMATIVO IN MERITO AL PIANO DI COMPENSI BASATI SU AZIONI (STOCK OPTIONS) APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL 3 MAGGIO 2007, REDATTO AI SENSI DELL ARTICOLO 84-BIS DEL REGOLAMENTO N. 11971

Dettagli

21 gennaio 2013. I commenti pervenuti saranno elaborati e resi noti in forma aggregata e anonima.

21 gennaio 2013. I commenti pervenuti saranno elaborati e resi noti in forma aggregata e anonima. RACCOLTA DI CAPITALI DI RISCHIO TRAMITE PORTALI ON-LINE: QUESTIONARIO PER L INDAGINE CONOSCITIVA 21 gennaio 2013 Le risposte al questionario dovranno pervenire entro il giorno 8 febbraio 2013: on line

Dettagli

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE MODIFICA DELL ART. 34 TER COMMA 4 DEL REGOLAMENTO EMITTENTI E DELL ALLEGATO 1M AL REGOLAMENTO EMITTENTI DISCIPLINANTE LA STRUTTURA DEL PROSPETTO SEMPLIFICATO RELATIVO ALL OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli

Offerta fuori sede tramite Sig./Sig.ra. Con la qualifica di: Iscrizione all Albo Unico dei Promotori Finanziari con provvedimento n.

Offerta fuori sede tramite Sig./Sig.ra. Con la qualifica di: Iscrizione all Albo Unico dei Promotori Finanziari con provvedimento n. FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI NON SOCI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. La segmentazione dei Mercati Borsistici

Gestione Finanziaria delle Imprese. La segmentazione dei Mercati Borsistici GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE La segmentazione dei Mercati Borsistici Borsa Italiana SpA Si occupa dell organizzazione, della gestione e del funzionamento dei mercati finanziari, con l obiettivo di:

Dettagli

Decreto Sviluppo (DL 83/2012)

Decreto Sviluppo (DL 83/2012) Decreto Sviluppo (DL 83/2012) I nuovi strumenti finanziari per le imprese Profili fiscali della riforma Massimo Caldara Convegno ANDAF Milano, 10 settembre 2012 Dottori Commercialisti - Revisori Contabili

Dettagli

L emissione dei titoli di debito da parte delle S.r.l. anche alla luce del cd. «Decreto Sviluppo» (D.L. 83/2012)

L emissione dei titoli di debito da parte delle S.r.l. anche alla luce del cd. «Decreto Sviluppo» (D.L. 83/2012) Dott. Gianluca Cristofori L emissione dei titoli di debito da parte delle S.r.l. anche alla luce del cd. «Decreto Sviluppo» (D.L. 83/2012) 1 Profili civilistici relativi all emissione di titoli di debito

Dettagli

Banca Intesa PROSPETTO DI QUOTAZIONE

Banca Intesa PROSPETTO DI QUOTAZIONE Banca Intesa PROSPETTO DI QUOTAZIONE RELATIVO ALL AMMISSIONE ALLA QUOTAZIONE DI WARRANT BANCA INTESA S.p.A. VALIDI PER VENDERE A BANCA INTESA AZIONI ORDINARIE O AZIONI DI RISPARMIO BANCA COMMERCIALE ITALIANA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA. per il prestito obbligazionario BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. a tasso fisso denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA. per il prestito obbligazionario BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. a tasso fisso denominato CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA per il prestito obbligazionario BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. a tasso fisso denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 29/06/2007-29/06/2010 TASSO FISSO

Dettagli

DIRETTIVA 2007/14/CE DELLA COMMISSIONE

DIRETTIVA 2007/14/CE DELLA COMMISSIONE 9.3.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 69/27 DIRETTIVE DIRETTIVA 2007/14/CE DELLA COMMISSIONE dell 8 marzo 2007 che stabilisce le modalità di applicazione di talune disposizioni della direttiva

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO COARGE SOCIETA COOPERATIVA DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI

FOGLIO INFORMATIVO COARGE SOCIETA COOPERATIVA DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29.7.2009) Documento versione n.5 del

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Assegnazione Destinatari del Piano Società Controllate Gruppo Piaggio

Assegnazione Destinatari del Piano Società Controllate Gruppo Piaggio Piano di assegnazione di diritti di opzione su azioni proprie riservato al top management del Gruppo Piaggio e autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie previa revoca delle deliberazioni

Dettagli

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica versamento in unica soluzione

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica versamento in unica soluzione Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica versamento in unica soluzione Informazioni specifiche La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da

Dettagli

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID)

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) Roma, 15 settembre 2007 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) L ANIA ha esaminato i contenuti della documentazione pubblicata

Dettagli

I NUOVI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE NEL DECRETO CRESCITA DEL 2012 Una finanza d impresa più europea per le PMI italiane

I NUOVI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE NEL DECRETO CRESCITA DEL 2012 Una finanza d impresa più europea per le PMI italiane Settembre 2012 I NUOVI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE NEL DECRETO CRESCITA DEL 2012 Una finanza d impresa più europea per le PMI italiane Introduzione Tra le caratteristiche strutturali del sistema

Dettagli

Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale»

Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale» Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale» 9,*,/$1=$&5(',7,=,$(),1$1=,$5,$,VWUX]LRQLGL9LJLODQ]DSHUJOL,QWHUPHGLDUL)LQDQ]LDUL LVFULWWLQHOO (OHQFR6SHFLDOHª &LUFRODUHQGHODJRVWR

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI

IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI Aspetti salienti della sentenza Deutsche Bank. Precedenti pronunce della Amministrazione Finanziaria Italiana in materia di regime IVA applicabile ai servizi finanziari

Dettagli

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a.

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. Offerta al pubblico e ammissione alle negoziazioni di quote del fondo comune di investimento immobiliare chiuso ad accumulazione ed a distribuzione dei proventi denominato MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 7 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI DI BANCA POPOLARE ETICA S.C.P.A. E AI DIPENDENTI DELLA FONDAZIONE CULTURALE RESPONSABILITÀ ETICA NELL AMBITO

Dettagli

POR FESR 2007-2013 ASSE VI COMPETITIVITA

POR FESR 2007-2013 ASSE VI COMPETITIVITA POR FESR 2007-2013 ASSE VI COMPETITIVITA COSTITUZIONE DI UN FONDO DI VENTURE CAPITAL (SEED CAPITAL, START UP CAPITALE E EXPANSION CAPITAL) PERL INVESTIMENTO IN IMPRESE INNOVATIVE Legge Regionale 29 maggio

Dettagli

05/12/13 *** NORMATTIVA - Stampa ***

05/12/13 *** NORMATTIVA - Stampa *** DECRETO LEGISLATIVO 24 febbraio 1998, n. 58 Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, ai sensi degli articoli 8 e 21 della legge 6 febbraio 1996, n. 52. Vigente al: 5-12-2013

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

AVVISO DI CONVOCAZIONE

AVVISO DI CONVOCAZIONE EEMS Italia S.p.A. Sede Legale: Cittaducale (RI), viale delle Scienze n. 5 Capitale sociale: Euro 21.798.560 C. F. e n. iscrizione Registro Imprese di Rieti 00822980579 1. Relazione illustrativa degli

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica adesione a piani di accumulo

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica adesione a piani di accumulo Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica adesione a piani di accumulo Informazioni specifiche La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare

Dettagli

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL SOSTEGNO DELLA CRESCITA? S I R I N G R A Z I A P E R L A C O L L A B O R A Z I O N E 2 7 G E N N A I O 2 0 1 4 C O R S O C O N C O R D I A 1 M I L A N O Programma Apertura

Dettagli

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio I soggetti che operano nel mercato finanziario Francesca Mattassoglio Art. 18 TUF 1. L'esercizio professionale nei confronti del pubblico dei servizi e delle attività di investimento è riservato alle imprese

Dettagli

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI AIFI Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto Confindustria Genova Club Finanza 2015 Il mercato dei fondi di private debt Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI Genova,

Dettagli

In caso di adesioni all OPSC per quantitativi di azioni superiori alle azioni oggetto dell Offerta, si farà luogo al riparto secondo il metodo

In caso di adesioni all OPSC per quantitativi di azioni superiori alle azioni oggetto dell Offerta, si farà luogo al riparto secondo il metodo Proposta di autorizzazione all acquisto di azioni ordinarie proprie, ai sensi dell art. 2357 del codice civile, dell art. 132 del D.Lgs. 58/1998 e relative disposizioni di attuazione, con la modalità di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 9/E. Lo ha chiarito. Roma, 22 gennaio 2015

RISOLUZIONE N. 9/E. Lo ha chiarito. Roma, 22 gennaio 2015 RISOLUZIONE N. 9/E Lo ha chiarito Direzione Centrale Normativa Roma, 22 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - Articolo 29 decretolegge 18 ottobre 2012, n. 179 Incentivi

Dettagli

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A.

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A. PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015. ARTICOLO 1 Ambito

Dettagli

START UP INNOVATIVA REQUISITI

START UP INNOVATIVA REQUISITI Il decreto legge n. 179/12 (convertito con legge n. 221/12) istituisce e disciplina una nuova tipologia di impresa: la start-up innovativa, il cui oggetto, esclusivo o prevalente, è lo sviluppo, la produzione

Dettagli

SOCIETÀ DI CAPITALI Caratteristiche La fase costitutiva

SOCIETÀ DI CAPITALI Caratteristiche La fase costitutiva SOCIETÀ DI CAPITALI Società per azioni (S.p.A.) Società a responsabilità limitata (S.r.l.) Società a responsabilità limitata semplificata (S.r.l.s.) Società in accomandita per azioni (S.a.p.A.) Società

Dettagli

Gruppo MutuiOnline S.p.A.

Gruppo MutuiOnline S.p.A. Gruppo MutuiOnline S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO ALLA PROPOSTA PER IL PIANO DI STOCK OPTION PER DIPENDENTI, AMMINISTRATORI E COLLABORATORI CHE SARÀ SOTTOPOSTO ALL APPROVAZIONE DELL ASSEMBLEA DEI

Dettagli

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

IL MINISTRO DELL'INDUSTRIA DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO

IL MINISTRO DELL'INDUSTRIA DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO MINISTERO DELL'INDUSTRIA, DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO DECRETO 4 APRILE 2001 Modalità e procedure di partecipazione del Ministero dell'industria, del commercio e dell'artigianato al capitale sociale

Dettagli

febbraio 2011 Il sistema dei Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

febbraio 2011 Il sistema dei Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Il Sistema Integrato dei Fondi immobiliari per l edilizia privata Sociale FONDI IMMOBILIARI E HOUSING SOCIALE Roberto Brustia CBA Studio Legale e Tributario febbraio 2011 Premessa Per Social Housing si

Dettagli