UBS outlook Svizzera. Analisi della congiuntura Svizzera. Secondo trimestre Tema Imprese nuove e innovative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UBS outlook Svizzera. Analisi della congiuntura Svizzera. Secondo trimestre 2012. Tema Imprese nuove e innovative"

Transcript

1 UBS outlook Svizzera CIO Wealth Management Research Giugno 2012 Podcast settimanale di UBS Per gli utenti di smartphone: scannerizzare il codice con un app del tipo «scan» ubs.com/research-podcast Secondo trimestre 2012 Analisi della congiuntura Svizzera Tema Imprese nuove e innovative Congiuntura Tre domande che muovono il mondo Settori L economia recupera lentamente ab

2 Indice UBS outlook Svizzera Secondo trimestre 2012 La presente pubblicazione è stata redatta da UBS SA. Le performance del passato non sono garanzia di risultati e valori futuri. I prezzi di mercato riportati corrispondono ai corsi di chiusura della rispettiva borsa principale. Ciò vale per tutti i grafici e le tabelle relativi alla performance. Responsabile Economic & Swiss Research Dr Daniel Kalt Editore UBS SA, CIO Wealth Management Research, casella postale, CH-8098 Zurigo Caporedattore Pierre Weill Responsabile progetto sondaggio settoriale Sibille Duss Chiusura editoriale 31 maggio 2012 Gestione progetto Sita Chavali**, Reda Mouhid Desktop CIO Desktop Traduzione 24translate, San Gallo, Svizzera Stampa galledia ag, Flawil, Svizzera Lingue Pubblicato in italiano, tedesco e francese Contatto Ordinazioni UBS SA, Printed & Branded Products R4RG, casella postale, CH-8098 Zurigo, fax: , Per modifiche degli abbonamenti e variazioni di indirizzo: o telefono: Foto di copertina istockphoto Editoriale... 3 In sintesi... 4 Tema Imprese nuove e innovative Aspirare al successo con innovazione e tanta motivazione... 6 Le nuove imprese sono più di una semplice nota di colore... 8 Nuove vie per finanziare la crescita...10 «Per noi contano di più le chance future» Quotazione in borsa come opportunità di crescita...12 «Offriamo consulenza a neoimprenditori e aiutiamo nella ricerca immobiliare» Congiuntura Tre domande che muovono il mondo La Svizzera accelera anche se l Europa rallenta...18 Uno sguardo d insieme sull economia...20 L elevata concentrazione stimola l innovazione Mercati finanziari e immobili Le imprese reagiscono alla forza del franco cala la parità del potere d acquisto Lo sviluppo è molto disomogeneo nelle quattro maggiori città Tassi d interesse svizzeri in altalena Settori Quali settori beneficiano del flusso migratorio L economia recupera lentamente Panorama industriale Panorama dei servizi Selezione di pubblicazioni UBS Allegato* «Investire in Svizzera» * Per ragioni legali, solo la clientela residente in Svizzera può ricevere l allegato «Investire in Svizzera». ** Desideriamo ringraziare Sita Chavali, una collaboratrice del Gruppo Cognizant, per il supporto fornitoci nell allestimento di questo resoconto di ricerca. I collaboratori di Cognizant forniscono a UBS servizi di supporto alla ricerca. UBS homepage: SAP n o 80428I-1202 All inizio di una fondazione d impresa c è l idea ispiratrice. Ma l innovazione da sola non è garanzia di successo. Solo un impresa su due sopravvive ai primi cinque anni. Numerosi fattori decidono se un impresa raggiunge o meno il punto di pareggio. Dopo la fondazione segue la fase di espansione, ricca di nuove sfide. 2 UBS outlook Svizzera 2 o trimestre 2012

3 Editoriale Cara lettrice, caro lettore, la Svizzera è un paese altamente innovativo. Imprese leader a livello mondiale nei settori farmaceutico, della tecnica medicale, dell elettrotecnica e sempre più start-up di successo nel settore IT così come numerosi premi Nobel dalla Svizzera testimoniano di questa capacità innovativa. Le cittadine e i cittadini svizzeri fondano costantemente nuove società. Ogni anno sono circa , anche se la metà di esse sparisce entro cinque anni dalla sua fondazione. Ma anche se un impresa supera con successo i primi cinque anni e raggiunge il punto di pareggio, le sfide restano enormi. La fase di espansione richiede nuovo know-how da parte del Management. I problemi riguardano anche, ma non solo, il finanziamento. Per supportare le aziende in questa fase di sviluppo, UBS in collaborazione con lo Swiss Economic Forum ha formulato un offerta per dare alle imprese la possibilità di ricevere consulenza da manager e imprenditori esperti. Inoltre, UBS offre anche aiuti al finanziamento. Questo numero di UBS outlook Svizzera è dedicato alle giovani imprese e a società innovative e presenta anche il progetto pilota di UBS e Swiss Economic Forum. Come di consueto troverete analisi e previsioni su congiuntura, franco svizzero, tassi d interesse e settore immobiliare. Comunichiamo inoltre i risultati del sondaggio settoriale sulla congiuntura. Infine, come sempre, trovate in allegato la valutazione dei nostri analisti sui mercati azionari e obbligazionari in Svizzera. Desidero augurare a voi, imprenditori, fondatori d impresa, semplici lettrici o lettori interessati, una buona lettura del nuovo UBS outlook Svizzera. Christine Novakovic Responsabile Corporate & Institutional Clients UBS outlook Svizzera 2 o trimestre

4 In sintesi Tema Imprese nuove e innovative Come Google e Facebook Le numerose storie di imprese che hanno preso forma negli scantinati della casa dei genitori e poi divenute colossi mondiali sono uno stimolo per i giovani imprenditori anche in Svizzera. Il successo è però la combinazione di numerosi fattori. Pagina 6 La metà ce la fa Il cinquanta percento delle nuove imprese supera i primi cinque anni e abbandona così la categoria di «giovane impresa». Questi vincitori innovativi danno un contributo allo sviluppo dell economia svizzera. Pagina 8 Nuove vie per finanziare la crescita Le imprese che qualche anno dopo la loro fondazione aspirano a realizzare grandi progetti di crescita dipendono spesso da sostanziosi finanziamenti per preservare il proprio successo. Spesso anche la consulenza esterna si rivela decisiva per il successo di un impresa. UBS collabora con lo Swiss Economic Forum per offrire un nuovo tipo di sostegno a imprese che si trovano in questa fase. Pagina 10 «Per noi contano di più le chance future» Chantal Marty spiega gli orientamenti dell Iniziativa di crescita dedicata a piccole e medie imprese (PMI) selezionate. UBS e lo Swiss Economic Forum insieme offrono alle PMI una piattaforma del tutto nuova. Pagina 11 Dalla fondazione alla borsa Una nuova impresa svizzera di successo fu Logitech. Daniel Borel, Giacomo Marini e Pierluigi Zappacosta fondarono Logitech nel 1981 come società di consulenza. Nel 1988, quando ormai era diventata produttore di periferiche per computer, Logitech entra in borsa. Oggi conta oltre diecimila collaboratori e genera un fatturato annuo di oltre 2,3 miliardi di dollari. Pagina 12 Attirare le società offrendo buone condizioni La piazza finanziaria è il pilastro portante della Città di Zurigo. Con il progetto «ezürich», il consiglio comunale dedica però uno spazio particolare nell agenda dell attuale legislatura anche a ICT (tecnologia dell informazione e della comunicazione). Il responsabile Promozione economica della Città di Zurigo, Benno Seiler, spiega in che modo la Città sostiene le imprese. Pagina 13 Congiuntura Tre domande cruciali hanno indotto i partecipanti del mercato a una maggiore prudenza dall inizio di aprile: La Cina riuscirà a creare le condizioni per un atterraggio morbido della propria economia surriscaldata? Il recupero sul mercato del lavoro statunitense è sostenibile? E infine, è possibile arginare il pericolo di contagio della crisi europea a Spagna e Italia? Il futuro andamento congiunturale dipende dagli sviluppi in Europa. Pagina 16 Congiuntura crescente In Svizzera dovremmo esserci lasciati alle spalle il punto più basso della congiuntura. Il mercato del lavoro svizzero è in eccellenti condizioni. In prospettiva futura è chiaro che presto l Europa non sarà più la destinazione principale delle esportazioni di beni svizzeri. Pagina 18 Diversa capacità innovativa Un confronto regionale rivela che non tutte le regioni sono parimenti inclini all innovazione. In testa troviamo Basilea e Zugo. Pagina 22 Mercati finanziari e immobili Scende la parità del potere d acquisto Il calo della parità del potere d acquisto del franco svizzero negli ultimi due anni è significativo. Testimonia che le aziende svizzere hanno reagito alla situazione del tasso di cambio. Non prevediamo un indebolimento del franco sull euro almeno fino al Pagina 24 Rincaro dei prezzi I prezzi potrebbero salire ancora per qualche anno, in particolare per proprietà di abitazione. Le correzioni di prezzo dovrebbero poi protrarsi altrettanto a lungo. Pagina 26 Tendenza intatta verso opportunità di finanziamento convenienti Prevediamo che la Banca nazionale svizzera manterrà a zero i tassi fino a fine Le opportunità di finanziamento restano quindi convenienti, ma per gli investitori i rendimenti non saranno particolarmente interessanti. Pagina 28 Settori La clausola di salvaguardia ha pochi effetti Il Consiglio federale ha posto un limite all immigrazione dai paesi UE-8, con la clausola di salvaguardia. Gli effetti però sono ridotti visto che la restrizione non riguarda i dimoranti temporanei. Pagina 30 L economia svizzera recupera lentamente I risultati del sondaggio mostrano una bipartizione dell economia. Mentre le società di servizi hanno superato relativamente bene la crisi, escluse un paio di eccezioni, la situazione economica nel settore industriale è complessa. A livello di ricavi non vi è alcuna differenza tra i due settori. Per poter conservare la domanda o gli ordinativi, molte imprese di singoli settori sono state costrette ad abbassare i prezzi. Pagina 31 Investire in Svizzera Tendenze macro e microeconomiche In prospettiva generale dominano i rischi e i deludenti dati economici dei mercati finanziari. L Europa, in particolare, frena la congiuntura globale. D altro canto, in ottica microeconomica si scorgono aspetti positivi dal mondo delle imprese: le aziende dimostrano sempre di più la propria forza finanziaria. Allegato*. * Per ragioni legali, solo la clientela residente in Svizzera può ricevere l allegato «Investire in Svizzera». 4 UBS outlook Svizzera 2 o trimestre 2012

5 Imprese nuove e innovative Pierre Weill Economista Stefanie Schneuwly Economista Sibille Duss Economista Andreas Schwarz Analista Stefan R. Meyer Analista La Svizzera è famosa nel mondo come terreno fertile per imprese altamente innovative. UBS outlook Svizzera 2 o trimestre

6 Tema Imprese nuove e innovative Aspirare al successo con innovazione e tanta motivazione Negli ultimi anni, Google e Facebook hanno portato alla ribalta della coscienza pubblica il tema delle giovani imprese. Il successo di queste imprese dipende da numerosi fattori, non tutti riconducibili ai rispettivi fondatori. Occorre innanzitutto distinguere tra giovani imprese rappresentate essenzialmente da nuove società in settori esistenti, come l edilizia o il settore alberghiero, e quelle in nuovi settori industriali e del terziario, come IT, elettrotecnica e biotecnologie. La Svizzera è famosa nel mondo come terreno fertile per imprese altamente innovative. Per valutare la capacità innovativa di un paese si confronta il numero di domande di brevetto presentate in quel paese con quello di altri Stati. In questa classifica primeggia il Giappone, con brevetti richiesti, la Svizzera occupa l ottava posizione, con Nella relazione tra numero di domande di brevetto e numero di abitanti, l Osec, il Centro di competenza per la promozione del commercio svizzero con l estero, colloca da anni la Svizzera al primo posto. Tra i centri di innovazione di maggior successo in assoluto al mondo figurano il Politecnico federale di Zurigo (ETH) e il suo omonimo di lingua francese, l EPFL di Losanna. Da questi centri di ricerca nascono in continuazione nuove imprese. Solo dal 1996 al 2011, dalla costola dell ETH di Zurigo sono sorte 237 aziende spinoff. La tendenza è nettamente in aumento. Solo negli ultimi cinque anni sono state fondate anche oltre 20 aziende all anno, cosa che non accadeva negli anni precedenti. Delle imprese nate negli anni scorsi nel contesto dell ETH sette sono attive nella consulenza e nei servizi, cinque nell informatica e nelle tecnologie di comunicazione, tre nella costruzione di macchinari e nella tecnica aerospaziale e due rispettivamente nell elettrotecnica e nei dispositivi medicali. Le rimanenti operano nel settore sensori e analitica, processi e composti chimici nonché nella biotecnologia e nel settore farmaceutico. Matthias Hölling, Transfer Manager per Spin-Off dell ETH di Zurigo, spiega che si tratta di spinoff ufficiali che possiedono anche una base tecnologica dell ETH (software, know-how specifico da programmi di dottorato o master, licenza di una domanda di brevetto, ecc.). Hölling stima che vengano fondate altrettante imprese da laureati presso l ETH, che però non hanno un contatto diretto con le istituzioni. Come esempi cita le imprese legate al web Doodle e Wuala. Il fatto che lo sviluppo di un idea riesca a sfociare in una nuova impresa e che l impresa riesca a sopravvivere dopo cinque anni fino a raggiungere il punto di pareggio dipende anche dal prodotto o dal servizio offerto, dall andamento economico, dal contesto, dalle possibilità finanziarie e dalla personalità dei responsabili. Lo conferma anche Hölling: «Ovviamente la tecnologia deve servire a qualcuno sul mercato, ma un buon team trova certamente l applicazione giusta. Si tratta si ricercatori con propensione imprenditoriale, spesso cullano da sempre l intenzione di fondare un azienda, oppure si alleano con tipi imprenditoriali», spiega il rappresentante dell ETH. Uno studio del KOF/ETH 1 conclude che diverse caratteristiche dei fondatori, come studio universitario (ancora meglio se combina una formazione tecnica con una commerciale), esperienza nella ricerca e nello sviluppo e una forte motivazione a realizzare le proprie idee innovative, aumentano del 40% la probabilità che una start-up abbia idee innovative, che a loro volta aumentano le prospettive di successo. I vecchi settori sono a rischio In tema di sopravvivenza di un impresa, un altro studio di ETH/KOF 2 svela che tra il 1996 e il 2003 le nuove società nell edilizia mostravano un tasso relativamente elevato di sopravvivenza (45%). La percentuale più bassa si trovava nel terziario tradizionale (33%). Se si guarda al contesto, è evidente come le giovani imprese di «nuovi» settori ricevano maggiore supporto da Stato e organizzazioni semipubbliche, come fondazioni, rispetto a chi vuole aprire un negozio di parrucchiere. Il motivo sta nel potenziale di queste aziende e nella convinzione che le imprese di nuovi settori presentino una maggiore creazione di valore. Matthias Hölling 1 Spyros Arvanitis, Tobias Stucki, What determines the Innovation Capability of Firm founders?, David Marmet, Growth of New Firms, Working Paper del KOF numero 97, dic Pierre Weill Economista, UBS SA 6 UBS outlook Svizzera 2 o trimestre 2012

7 Tema Imprese nuove e innovative «Quanto più a lungo un impresa riesce a imporsi sul mercato, tanto più tempo resta al Management per imparare dagli errori e adeguare la politica.» dell ETH spiega: «Sosteniamo i ricercatori in vario modo. Oltre alla concessione di licenza sulla tecnologia, offriamo in locazione spazi e infrastrutture presso l ETH durante i primi tre anni. Inoltre, ci occupiamo spesso della prima consulenza relativamente all idea di business e al piano aziendale e fungiamo da intermediari.» Anche le istituzioni statali supportano le startup (pagina 13). Controverso è il ruolo delle nuove imprese nella creazione di posti di lavoro. Considerando il numero di posti di lavoro, il professor Rolf Meyer, responsabile del centro di competenze Entrepreneurship presso l Università di Scienze Applicate della Svizzera nord-occidentale, stima che circa persone in Svizzera lavorino presso giovani imprese, ossia il 4% dei posti di lavoro totali. Le giovani imprese sono definite come fondazioni autonome, indipendenti, originarie (quindi sono escluse le nuove controllate di un gruppo), non più vecchie di cinque anni. Secondo Hölling dell ETH, a fine 2007 erano in totale 918 i posti di lavoro creati direttamente da spin-off dell ETH sorte tra il 1998 e il «Nel frattempo dovrebbero essere diventati molti di più», dice, visto che «solo u-blox e Sensirion offrono già circa 500 posti, ai quali si aggiungono anche posti di lavoro indiretti presso i fornitori». U-blox fu fondata nel L impresa offre soluzioni altamente integrate per sistemi incorporati nel settore GPS e della comunicazione wireless. L impresa di Thalwil, presente in Europa, Asia e America occupa 200 collaboratori. Sensirion fu fondata nel 1998 come spin-off dell ETH. La società con sede a Stäfa produce sensori ultrasensibili che misurano umidità, temperatura o liquidi. Decisivo per il successo è concretizzare un idea, dice Felix Mayer, che ha fondato e dirige Sensirion insieme a Moritz Lechner. «Sembra una considerazione banale, ma l idea buona e realizzabile nasce dal dialogo con clienti e potenziali clienti, perché è da qui che si capisce cosa cercano». Molte buone idee sarebbero troppo avveniristiche per il mercato. Una volta fondata con successo l azienda bisogna decidere da che parte guardare e chiedersi quale sia la meta. Come esempio Mayer cita l acquisto di un edificio quando Sensirion stava per raggiungere il punto di pareggio. Allora l impresa contava 50 collaboratori, l edificio offriva 300 posti. Molti pensavano che fosse troppo grande. Ma già 6 anni dopo si è dovuto acquistare un altro edificio. «Acquistare uno stabile con una capacità di 70 persone non avrebbe giovato», chiosa Mayer. Secondo la Commissione per la Tecnologia e l Innovazione (CTI), l agenzia di promozione per l innovazione della Confederazione, nel 2011 le 26 giovani imprese da lei certificate (CTI-Label) hanno creato 200 posti di lavoro. Dal 1996 le 269 imprese CTI totali hanno creato 3700 posti di lavoro. Per il professor George Sheldon dell Università di Basilea «Le giovani imprese creano posti in misura più che proporzionale, ma distruggono anche un numero di posti alla media a causa di chiusure e fallimenti. La maggiore crescita di posti netta è data dalle grandi imprese.» Imparare dagli errori Un altro aspetto molto importante per il successo aziendale riguarda le finanze. In particolare nella prima fase, quando non si genera ancora fatturato, è utile un buon cuscinetto finanziario. Più avanti, quando si produce e si vende, occorre invece tenere i costi sotto controllo. In merito alle finanze delle giovani imprese, da tempo la teoria insegna che i costi seguono un andamento a U. Nella prima fase, dopo la fondazione, i costi di produzione calano e poi restano stabili a lungo, finché la conquista di nuovi mercati e lo sviluppo di un offerta più ampia rendono necessari nuovi investimenti. Nuovi studi hanno invece dimostrato che i costi seguono piuttosto un andamento a L. I costi, e quindi la situazione finanziaria di un impresa, restano comunque uno dei fattori decisivi. È importante anche la capacità di apprendimento del Management. Quanto più a lungo un impresa riesce a imporsi sul mercato, tanto più a lungo il Management ha tempo per imparare dagli errori. In particolare quando le giovani imprese hanno raggiunto il punto di pareggio dopo cinque/otto anni, il Management deve prepararsi a nuove sfide legate all espansione e distaccarsi definitivamente dai problemi del momento della fondazione. UBS outlook Svizzera 2 o trimestre

8 Tema Imprese nuove e innovative Le nuove imprese sono più di una semplice nota di colore Ogni anno, attrezzati di tutto punto, tanti nuovi imprenditori provano a mettersi in proprio. La possibilità di sviluppare un idea trasforma gli svizzeri in imprenditori. Nel 2009 in Svizzera sono spuntate nuove imprese. Un dato leggermente alla media decennale (-1,1% rispetto all anno precedente). Nel complesso, nel 2009 una persona su venti ha fondato una nuova impresa. Più di quattro quinti delle nuove imprese nascono nel settore dei servizi. Le nuove imprese (dati aggiornati sulla demografia aziendale) del 2009 hanno creato oltre posti di lavoro a tempo pieno e parziale. Ciò corrisponde a posti a tempo pieno. A titolo di paragone: negli ultimi cinque anni la Svizzera ha segnato un incremento annuo medio di quasi nuovi lavoratori. Anche se il numero di posti a tempo pieno e quello dei lavoratori sono due misure differenti, questi dati dimostrano la rilevanza delle nuove realtà imprenditoriali per il mercato del lavoro svizzero. La crescita maggiore in assoluto in termini di numero di imprese si è registrata nei settori della consulenza alle imprese, delle attività legate all edilizia, del commercio all ingrosso e al dettaglio e dei servizi informatici. Da oltre dieci anni, le nuove imprese si concentrano in questi cinque settori, che insieme contribuiscono al 40% dell attività di fondazione di nuove società e della creazione di nuovi posti di lavoro. Anche la gastronomia una volta era un settore trainante, ma le sue start-up non riescono ancora a creare un numero affidabile di nuovi posti di lavoro, l entusiasmo per la fondazione d impresa è comunque continuamente diminuito dall avvento del nuovo millennio. A livello regionale la maggior parte delle nuove imprese viene dalla Svizzera tedesca, in media decennale circa il 70%, seguita dalla Svizzera francese, con il 25%, mentre il rimanente fa capo a Ticino e alla regione di lingua romancia. Tendenza verso aziende sempre più piccole Nel 2001 le oltre nuove imprese occupavano persone a tempo pieno, l equivalente di 1,8 lavoratori a tempo pieno per ogni start-up. Da allora questo dato è sceso all 1,5, le nuove imprese assumono quindi sempre meno personale. Questa tendenza è guidata soprattutto dal settore del terziario. Nel 2001, il 95% delle nuove imprese ha iniziato con meno di cinque lavoratori a tempo pieno. Ora solo il 3% delle nuove imprese inizia con più di cinque occupati a tempo pieno. Sorprende inoltre il netto incremento della percentuale di nuove imprese che iniziano con meno di un lavoratore a tempo pieno: dal 12% delle imprese fondate nel 2001, la percentuale è salita al 20%. Questo incremento di aziende sempre più piccole è riconducibile alla tendenza generale che vede in calo l intensità di lavoro per unità di produzione. La frenetica attività di fondazione di imprese con meno di un posto a tempo pieno potrebbe comunque indicare una crescente capacità innovativa. Se una buona idea commerciale porta alla fondazione di un impresa, il fondatore conduce questa impresa inizialmente come attività secondaria al fine di stimare se l idea potrebbe affermarsi sul mercato. Un nuovo imprenditore su dieci inizia con meno di un posto a tempo pieno, nel 2006 era solo uno su venti. La società di capitali è la forma giuridica preferita Benché le aziende diventino sempre più piccole, la società di capitali resta, con una percentuale del 60%, la forma giuridica preferita per start-up rispetto alla società di persone. In una società di capitali il fondatore non risponde con il proprio patrimonio privato. La quota di 50% per le società di capitali è stata raggiunta per la prima volta nel 2000, fino ad allora si preferiva la forma giuridica di società di persone. L incremento delle società di capitali si spiega con la revisione del diritto societario, che ha ridotto i requisiti finanziari per la fondazione di società. La congiuntura influenza il numero di fondazioni di imprese L andamento congiunturale gioca un ruolo decisivo sulla fondazione di nuove imprese. Nel 2000, il miglioramento della situazione congiunturale ha incoraggiato la fondazione di circa nuove imprese, con oltre nuovi posti di lavoro. Un risultato mai più superato negli anni successivi. Con l indebolimento Stefanie Schneuwly Economista, UBS SA Sibille Duss Economista, UBS SA 8 UBS outlook Svizzera 2 o trimestre 2012

9 Tema Imprese nuove e innovative Cinque fattori di successo La fondazione d impresa da sola non è ancora sinonimo di successo. Una volta fatto il primo passo, le maggiori difficoltà stanno nel fronteggiare le forze che si oppongono al buon funzionamento aziendale. Come sostiene Michael Porter 1, l attrattiva di un settore dipende essenzialmente da cinque fattori. Un ruolo dominante lo gioca innanzitutto la concorrenza. Se un impresa non riesce a differenziarsi dai propri concorrenti, il fallimento è dietro l angolo. Oltre che dalla concorrenza di offerenti già esistenti, bisogna guardarsi anche dall ingresso nel mercato di potenziali concorrenti. Come terza cosa, l affermazione sul mercato si rivela difficile se il potere di negoziazione è fortemente in mano ai fornitori, perché ne consegue un rincaro della produzione e quindi una riduzione del margine d azione di un impresa per conseguire margini elevati. Poi, i mercati con concentrazione del potere negoziale tra i consumatori sono meno interessanti perché ostacolano la generazione di utili sulla vendita. In un mercato fortemente competitivo, nel quale molti offerenti si propongono a pochi acquirenti, talvolta l unico mezzo per affermarsi è l abbassamento del prezzo. Da ultimo, anche possibili sostituti in concorrenza con i propri prodotti rappresentano un rischio per un impresa. Ad esempio, aprire una copisteria ha poche chance di successo oggigiorno, nonostante la domanda elevata e il numero ridotto di concorrenti, perché quasi tutte le famiglie possiedono una fotocopiatrice domestica. La globalizzazione, con un interazione sempre più stretta tra mercati internazionali, aumenta ulteriormente la pressione sulle nuove imprese. Se da un lato l internazionalizzazione apre nuovi mercati di sbocco per un impresa e allarga la scelta dei fornitori, dall altro la concorrenza aumenta in generale, visto che il numero dei concorrenti non è limitato a livello locale. Si possono raggiungere certamente più consumatori, ma i costi per l apertura di nuovi mercati possono essere troppo elevati per una giovane impresa finché questa non ha raggiunto le dimensioni critiche per un espansione all estero. 1 Teorico di management di spicco ed editore di «Competitive Strategy. Techniques for Analyzing Industries and Competitors» congiunturale i numeri sono diminuiti. Solo nel 2003 si è tornati a registrare un aumento delle nuove imprese. Il favorevole contesto economico del 2005 e degli anni successivi ha nuovamente vivacizzato l attività di fondazione, che è rimasta costantemente sopra la media fino allo scoppio della crisi finanziaria. Da allora si rileva una certa avversione, probabilmente legata a prospettive economiche poco incoraggianti. A ciò si aggiunge che il finanziamento diventa molto difficile in tempi di crisi. A prescindere dall andamento congiunturale, i tassi di sopravvivenza di nuove imprese sono limitati. Nella media svizzera solo un impresa su due sopravvive ai primi cinque anni di attività. La situazione è particolarmente precaria per le aziende del settore alberghiero e dei servizi informatici. Le società del ramo edilizio e della salute e assistenza sanitaria sembrano fronteggiare meglio la lotta per la sopravvivenza. Inoltre, le aziende che al momento dell avvio dispongono di più personale sembrano più resistenti rispetto alle controparti più piccole: circa il 59% arriva al quinto anno, mentre tra le piccole imprese (sotto i cinque posti a tempo pieno) sono solo il 50%. La Svizzera orientale e centrale hanno tassi di sopravvivenza al di sotto della media nazionale. La statistica dei fallimenti mostra che la situazione è particolarmente peggiorata negli anni 2009 e In questi anni i procedimenti fallimentari sono aumentati rispettivamente dell 8 e dell 11 per cento rispetto all anno precedente. Mediamente, tra il 2001 e il 2009 si sono aperte oltre procedure fallimentari all anno. Questo bilancio è spaventoso. Ma ciò non scoraggia le oltre 100 imprese di servizi informatici che approdano sul mercato ogni anno nel cantone di Zurigo. Il passato ha dimostrato che anche in mercati molto conflittuali le nuove imprese riescono ad assumere leadership di mercato. A questo proposito è decisiva la capacità innovativa, che gli svizzeri dimostrano di possedere. Uno studio 1 internazionale rivela che le imprese nascono perché i loro fondatori vogliono esplorare una possibilità e non perché costretti dall assenza di alternative. Il fatto che nel confronto internazionale la Svizzera presenti una delle maggiori percentuali di fondatori di nuove imprese in età avanzata dipende probabilmente dal fatto che questa fascia d età desidera realizzare un sogno e, anche grazie al secondo pilastro, dispone di capitale sociale iniziale. Sebbene finora non si riesca a creare un chiaro legame tra attività di fondazione e crescita economica, la rilevanza della fondazione di nuove imprese per l economia svizzera è ormai riconosciuta da tempo. Da un lato accelerano il cambiamento strutturale, generando così nuove opportunità per il Paese. Dall altro creano nuovi posti di lavoro. Ma la generazione di posti di lavoro dà un concreto contributo economico solo quando i posti creati sono sostenibili. Una giovane impresa che accede al mercato per sfruttare una possibilità innovativa ha sostanzialmente il potenziale per soddisfare questo requisito. 1 Global Entrepreneurship Monitor (GEM) UBS outlook Svizzera 2 o trimestre

10 Tema Imprese nuove e innovative Nuove vie per finanziare la crescita Le imprese che qualche anno dopo la loro fondazione aspirano a realizzare grandi progetti di crescita dipendono spesso da sostanziosi finanziamenti. Poiché dopo il periodo di fondazione anche i problemi di Management diventano più complessi, spesso per il successo aziendale è decisiva una consulenza esterna. Per molte società in Svizzera soffia un vento pungente. La forza del franco, la concorrenza a basso costo e la pressione ad affermarsi sempre più in fretta in nuove nicchie sono alcune delle numerose sfide con le quali le piccole e medie imprese (PMI) si trovano a fare i conti. La nascita di un idea innovativa è una cosa, la sua realizzazione un altra. Se un impresa supera con successo i primi cinque anni dalla sua fondazione e raggiunge il punto di pareggio, spesso intervengono questioni di finanziamento come premessa per l ulteriore crescita: nuove linee di produzione, piani di espansione in nuovi mercati o investimenti in logistica, ma la lista potrebbe continuare all infinito. Così come vari sono i servizi innovativi delle società, altrettanto varie sono le esigenze di finanziamento e anche di Management di imprese in fase di crescita. Con l Iniziativa di crescita per PMI, lo Swiss Economic Forum (SEF) e UBS realizzano un progetto di partnership con un offerta ampiamente gratuita a sostegno delle PMI in fase di crescita. I partner offrono alle PMI il know-how di imprenditori affermati ed esperti, che analizzano la situazione insieme al Management e sviluppano piani di misure concreti. Le PMI ottengono così impulsi importanti per poter sfruttare appieno il proprio potenziale di crescita. L iniziativa è quindi una dichiarazione di impegno a favore della piazza produttiva svizzera. Cosa include questa Iniziativa di crescita L Iniziativa di crescita inizia come progetto pilota nel 2012 e si rivolge a giovani imprese e PMI selezionate, solide e con buone prospettive di crescita. Nei moduli Strategia, Innovazione e Finanziamento, UBS e il SEF offrono accesso a un gruppo di massimi esperti e alle relative risorse. L obiettivo è quello di sostenere PMI promettenti nella realizzazione dei propri ambiziosi obiettivi di crescita. I requisiti per accedere sono: affacciarsi a un promettente percorso di crescita, chiaro posizionamento, presenza sul mercato, una tecnologia speciale, un Management forte e tanto know-how. Nel modulo di finanziamento dell Iniziativa di crescita si cerca, grazie al processo di valutazione a più livelli condotto da esperti di PMI, di consentire a UBS una valutazione dei crediti più flessibile per imprese selezionate in fase di crescita e di agevolare i contatti con potenziali fornitori di capitale proprio. Le PMI possono accedere a un sito Internet (www.sef4kmu.ch) per aggiornarsi sulle offerte e descrivere la propria necessità di consulenza e/o il proprio fabbisogno di finanziamento in un questionario online. In poco tempo si ottiene riscontro circa la qualificazione per ottenere supporto da parte di esperti. Se un impresa viene accolta nell Iniziativa di crescita, un team di esperti orientato alla pratica farà visita alla società. Il giudizio degli esperti di PMI indipendenti circa il potenziale di crescita della PMI rappresenta la base sulla quale costruire i singoli moduli. Cosa non è l Iniziativa di crescita del SEF L iniziativa non è un offerta per tutte le PMI. In particolare, il modulo di finanziamento di UBS non è un modo di finanziamento alternativo al classico credito bancario. Occorre dimostrare piani di crescita, una strategia fondata e sforzi di innovazione. L iniziativa fornisce per così dire un aiuto allo sviluppo, non alla creazione. In ogni caso, grazie alla vasta rete di esperti nazionali del SEF, si offre accesso a risorse importanti. Come funziona il modulo di finanziamento UBS Con l analisi, la valutazione e il coaching degli esperti di PMI, l impresa è perfettamente pronta a presentare richiesta di finanziamento creditizio, nel modulo di finanziamento, e a cercare contatti con possibili finanziatori. Per queste imprese, UBS tiene ancor più in considerazione le prospettive future della loro attività, e questo può agevolare la concessione del credito. Poiché spesso le imprese emergenti non hanno sufficiente capitale di credito, UBS crea il contatto con possibili investitori privati che possono apportare ulteriore capitale proprio. Andreas Schwarz Analista, UBS SA Queste pagine contengono opinioni d investimento che non sono state formulate esclusivamente da UBS CIO WM Research e, quindi, non sono soggette a tutte le disposizioni legali sull indipendenza dell analisi finanziaria. 10 UBS outlook Svizzera 2 o trimestre 2012

11 Tema Imprese nuove e innovative «Per noi contano di più le chance future» Andreas Schwarz intervista Chantal Marty, il volto della nuova Iniziativa di crescita per piccole e medie imprese (PMI) selezionate. Chantal Marty, lei è il volto del modulo di finanziamento UBS nella nuova iniziativa di crescita per PMI. Di che cosa si tratta? Siamo in un momento in cui la Svizzera, come piazza lavorativa e produttiva, ha davanti a sé grandi sfide e in cui particolarmente le PMI, colonna portante dell economia elvetica, devono confrontarsi con problemi di ogni tipo. Per dare il proprio sostegno all arte di fare impresa, UBS, in stretta collaborazione con lo Swiss Economic Forum (SEF) vuole supportare le PMI con buone prospettive di crescita tramite una piattaforma e in tal modo contribuire alla creazione di posti di lavoro sostenibili. Perché UBS ha deciso di essere partner dello Swiss Economic Forum? UBS e il SEF sono già partner da oltre un decennio. È sensazionale ciò che i fondatori e direttori Peter Stähli e Stefan Linder hanno fatto e hanno ottenuto negli ultimi anni con il loro team. Il SEF è sinonimo di elevato knowhow nell arte di fare impresa e vanta ormai una fitta rete nell economia svizzera. Ma il Forum si distingue anche per la sua indipendenza e intraprendenza. E proprio queste caratteristiche ci hanno convinti a collaborare con il SEF. Come si differenzia la nuova piattaforma dalle altre offerte presenti sul mercato? Abbiamo un gruppo target chiaramente definito e ci orientiamo alle PMI solide e con La competenza Per tutti i moduli il SEF si appoggia a una rete nazionale di esperti riconosciuti di PMI. Tutti gli esperti hanno una stretta relazione con le PMI e un forte orientamento pratico. Le imprese confermano gli esperti scelti per loro, che andranno ad analizzarle in un processo a più livelli e che daranno loro supporto. Le offerte vengono costantemente adeguate alle esigenze della PMI insieme ai partner. L iniziativa è un progetto pilota lanciato nel quadro del Swiss Economic Forum 2012 di Interlaken (7 giugno). buone prospettive di crescita e a giovani imprese selezionate che hanno già una presenza di successo sul mercato. Queste imprese si trovano di fronte a una fase di crescita caratterizzata da molteplici problematiche. Noi, con un approccio completo, diamo un supporto in sede di elaborazione di soluzioni pragmatiche. Come UBS, esclusivamente per queste imprese, percorriamo vie flessibili nella formulazione della nostra valutazione dei crediti. Per noi contano di più le chance future. Inoltre tramite la piattaforma permettiamo anche l accesso a prestatori di capitali propri. L intero pacchetto si differenzia quindi in modo evidente dalle offerte della concorrenza. Quali possibilità offre la piattaforma oltre al modulo di finanziamento? L intera iniziativa è incentrata sulla trasmissione di competenza ed esperienza. Il punto di partenza della collaborazione con le imprese selezionate è una presa di posizione e una valutazione tramite un team di esperti di settore, finanza e gestione creato appositamente per questo compito, il tutto a titolo gratuito. Inoltre, ad esempio, specialisti di grandissima competenza accompagnano le imprese con attività di coaching nei settori innovazione, strategia e pianificazione finanziaria. Qual è il vantaggio aggiuntivo di questo approccio complessivo? Il vantaggio per le imprese selezionate consiste nel coinvolgimento di conoscenze fondate sulla pratica di esperti e del know-how finanziario di UBS. Ciò consente, ad esempio, di garantire la forma di finanziamento migliore per l imminente fase di crescita della PMI. A tal proposito, a seconda delle esigenze, si potrà optare per un puro finanziamento con capitale di terzi, un finanziamento tramite investitori privati oppure una combinazione di capitale di terzi e capitale proprio. La piattaforma offre un know-how specifico combinato con l accesso al capitale. Queste pagine contengono opinioni d investimento che non sono state formulate esclusivamente da UBS CIO WM Research e, quindi, non sono soggette a tutte le disposizioni legali sull indipendenza dell analisi finanziaria. UBS outlook Svizzera 2 o trimestre

12 Tema Imprese nuove e innovative Quotazione in borsa come opportunità di crescita Molte giovani imprese necessitano periodicamente di nuovo capitale per finanziare la loro rapida crescita. Lo stesso vale però anche per imprese affermate e di successo operanti in segmenti di mercato in forte sviluppo. Sotto molti aspetti il mercato azionario si profila come la piattaforma ideale. A titolo di esempio illustriamo il caso Logitech. Chi non conosce i mouse Logitech? Forse i giapponesi, non perché non li utilizzino, ma perchè per ragioni di diritto del marchio li conoscono con il nome «Logicool». La ditta Logitech fu fondata come società di consulenza nel 1981 ad Apples, nel Canton Vaud, da Pierluigi Zappacosta, Daniel Borel e Giacomo Marini. La società si è fatta un nome grazie a mouse per computer altamente innovativi, ed è cresciuta rapidamente. Nel dicembre 2008 Logitech ha venduto il suo miliardesimo mouse. Oggi opera a livello globale e produce una vasta gamma di accessori per la comunicazione. Tra questi figurano, oltre al prodotto di punta, i mouse, anche tastiere, webcam e amplificatori, come pure telecomandi intelligenti e dispositivi per videoconferenza. Sebbene Logitech abbia mancato di sfruttare alcuni trend recenti, come i touchscreen, l azienda resta oggi leader mondiale per le periferiche wireless con radiotecnica digitale e lavora sodo per recuperare velocemente le occasioni perdute. Innovazione e capitalizzazione di borsa per un successo mondiale Nel luglio 1988 Logitech ha tentato l ingresso in borsa. A quel tempo, questa società di innovazione elettronica fatturava con circa 400 collaboratori quasi 40 milioni di dollari USA (CHF 36 milioni). Le ambizioni di crescita però erano enormi: Logitech voleva affermarsi come produttore di dispositivi originali al servizio di terzi ma anche come fornitore di prodotti con il proprio marchio per il commercio al dettaglio. Questo importante passo di crescita era necessario per affermarsi in modo definitivo sul mercato. La sua realizzazione richiedeva però capitale aggiuntivo e la possibilità di ottenere anche in futuro capitale per finanziare la crescita. La quotazione sulla borsa svizzera consentì proprio questo. Nel marzo 1997 Logitech allargò la sua presenza in borsa con un ulteriore quotazione al Nasdaq negli Stati Uniti, visto che nel frattempo si era molto sviluppata anche sulla scena internazionale. Fino al 2002 Logitech ha continuato a emettere regolarmente nuove azioni per potenziare la base di capitale. Così è riuscita, nonostante la crescita esplosiva nel settore informatico, a mantenere la sua leadership nel panorama globale del segmento delle periferiche per computer. Oggi Logitech conta oltre diecimila collaboratori e genera un fatturato annuo di oltre 2,3 miliardi di dollari. Dall ammissione in borsa, il fatturato risulta quindi moltiplicato per 6000 volte rispetto a 24 anni fa. La borsa anche come moneta di acquisizione La crescita aziendale si basa su crescita interna ed esterna. La prima si ottiene con progetti propri, la seconda tramite acquisizioni di altre società o di altre divisioni aziendali. I progetti di crescita interna richiedono più tempo, ma presentano rischi più trasparenti. Nella crescita esterna, un impresa acquista invece spesso anche conoscenze, tecnologie e infrastrutture aggiuntive. In questo modo le operazioni di acquisizione e fusione rappresentano un adeguata opportunità di crescita anche per giovani o piccole imprese. A questo proposito, la quotazione in borsa offre ulteriore flessibilità: è possibile impiegare azioni di nuova emissione direttamente in uno scambio azionario come moneta di acquisizione, se i proprietari delle aziende incorporante e incorporata lo ritengono opportuno. Un impresa quotata in borsa deve comunque osservare le varie disposizioni di borsa in materia di trasparenza e pari trattamento di tutti gli investitori. Logitech è una storia di crescita Fatturati annui in milioni di dollari Stefan R. Meyer Analista, UBS SA 0 FJ86 FJ88 FJ90 FJ92 FJ94 FJ96 FJ98 FJ00 FJ02 FJ04 FJ06 FJ08 FJ10 FJ12 Fonti: Logitech, UBS FJ = Esercizio; l esercizio di Logitech termina alla fine di marzo 12 UBS outlook Svizzera 2 o trimestre 2012

13 Tema Imprese nuove e innovative «Offriamo consulenza a neoimprenditori e aiutiamo nella ricerca immobiliare» Caesar Lack e Pierre Weill intervistano Benno Seiler, responsabile Promozione economica della Città di Zurigo. Per la Città di Zurigo la finanza, con le sue banche e le assicurazioni, rappresenta il settore economico più rilevante. Ma stanno prendendo sempre più piede anche il ramo informatico e delle comunicazioni e il settore Life Sciences. Benno Seiler, responsabile Promozione economica della Città di Zurigo spiega in che modo la Città si adopera per promuovere, con svariati progetti, la giovane imprenditoria. Signor Seiler, Zurigo è il centro economico della Svizzera. In quale direzione dovrebbe evolversi la città? La piazza finanziaria è il pilastro portante e rimarrà tale. Con il progetto «ezürich», il consiglio comunale dedica però uno spazio particolare nell agenda dell attuale legislatura anche ad ICT (tecnologia dell informazione e della comunicazione). Il consiglio tiene molto alla promozione di settori sostenuti da studi di rango universitario visto che l area di Zurigo vanta un know-how di eccellenza in questo senso. L agenda non contempla però solo ICT ma anche le Life Sciences, come biotecnologie e tecnologia medica, senza trascurare infine settori come l economia creativa. Non bisogna dimenticare la dimensione interdisciplinare dei settori. L ICT è in buona parte collegata alla piazza finanziaria, banche e assicurazioni dispongono infatti di grandi divisioni IT e si servono di molte prestazioni di back-office fornite da aziende ICT. Nella regione, i maggiori sbocchi professionali per gli specialisti informatici sono proprio nei grandi istituti finanziari. Come intende attuare questa strategia? Offriamo sostegno alle imprese che desiderano insediarsi a Zurigo, ma anche ad aziende di nuova costituzione. A questo scopo, anni fa la Città di Zurigo ha fondato, insieme ad altri partner, lo Startzentrum (centro per le start-up), dove in una prima fase offriamo gratuitamente consulenza a neoimprenditori. L obiettivo è quello di predisporre un piano aziendale convincente o di affrontare questioni relative all assicurazione sociale. Lo Startzentrum è un tipico esempio di partnership tra pubblico e privato. Il consorzio è sostenuto dalla Città e dal Cantone di Zurigo, nonché da Camera di commercio di Zurigo, associazioni professionali e settore privato. Esistono altre istituzioni simili? Un altra fondazione recente della Città con partner privati è la fondazione BlueLion, che promuove ICT e progetti Cleantech nell area di Zurigo attraverso una incubatrice per aziende. Qui i giovani imprenditori trovano locali e spazi a basso costo, si confrontano e ottengono anche informazioni tecniche. Una volta al mese uno studio legale invia uno dei propri collaboratori, al quale i giovani imprenditori possono chiedere consiglio. I neoimprenditori che vogliono approntare una tecnologia per il mercato devono ricevere assistenza su questioni economiche e amministrative. La politica cittadina sostiene così, insieme a partner dal settore privato, la nascita di start-up. Generalmente uno dei grandi problemi al momento di fondare nuove società è il finanziamento. Un eventuale carenza nell offerta di finanziamenti iniziali potrebbe essere colmata con l associazione GO!, che concede microcrediti fino a CHF In quali settori operano le imprese che richiedono microcrediti? Si va dall assistenza all infanzia passando per una scuola di equitazione, fino alla produzione di custodie per iphone o di portamonete. Secondo lei offrono maggiore potenziale gli insediamenti di società affermate o le start-up? Per esperienza possiamo dire che gli insediamenti creano posti di lavoro più velocemente ma le nuove imprese sono spesso più radicate nella realtà locale. A ciò si aggiunge che le nuove imprese crescono e, come accadde a Endoxon con Google, possono attirare altre aziende. Google acquisì Endoxon e si accorse così delle potenzialità presenti in Svizzera e nell area di Zurigo. Da questo punto di vista Queste pagine contengono opinioni d investimento che non sono state formulate esclusivamente da UBS CIO WM Research e, quindi, non sono soggette a tutte le disposizioni legali sull indipendenza dell analisi finanziaria. UBS outlook Svizzera 2 o trimestre

14 Tema Imprese nuove e innovative entrambe le opzioni possono creare posti di lavoro e aiutare Zurigo a crescere come centro imprenditoriale. Come si possono attirare aziende nella regione? Possiamo dimostrare che Zurigo è una buona ubicazione. Aiutiamo nella ricerca di un immobile e cerchiamo di ridurre le formalità amministrative. «Gli insediamenti creano posti di lavoro più velocemente ma le nuove imprese sono spesso più radicate nella realtà locale» E per quanto riguarda le agevolazioni fiscali? La città di Zurigo può concedere agevolazioni fiscali a fronte di una cospicua utilità economica, ma raramente si percorre questa via. Le agevolazioni fiscali sono spesso una questione delicata: cosa succede infatti al termine del periodo di agevolazione? Senza contare che verrebbero discriminate le aziende esistenti. È più importante tenere sotto controllo le finanze pubbliche a livello nazionale in modo che le aziende possano contare su un imposizione relativamente stabile. Zurigo ha diverse concentrazioni settoriali, sarebbe bene potenziarle? La principale concentrazione in termini di posti di lavoro e gettito fiscale è quella del settore finanziario. Ma se consideriamo i recenti sviluppi, dubitiamo che da questo settore arriveranno nuovi impulsi significativi nei prossimi anni. Il settore ICT è ormai diventato un pilastro importante, tuttavia molti specialisti ICT trovano impiego nel settore finanza. Cleantech, Life Sciences ed economia creativa sono ancora molto lontane in termini di rilevanza per assumere un ruolo simile a quello del settore finanziario. In prospettiva di lungo periodo è però essenziale operare su più fronti. Il settore ICT è interessante perché consente a persone creative, pur con poche risorse economiche, di avere successo. Questo vale in particolare anche per il comparto dei videogiochi. Nelle biotecnologie invece servono molto denaro per la ricerca e molta determinazione e pazienza. L ufficio di Promozione economica interviene anche sui contingenti per la forza lavoro straniera? La Confederazione assegna i contingenti ai Cantoni, noi non possiamo incidere molto. Se a fine anno i contingenti non sono esauriti, la Confederazione può concedere altri permessi. È una faccenda tra Confederazione e singoli Cantoni. Queste pagine contengono opinioni d investimento che non sono state formulate esclusivamente da UBS CIO WM Research e, quindi, non sono soggette a tutte le disposizioni legali sull indipendenza dell analisi finanziaria. 14 UBS outlook Svizzera 2 o trimestre 2012

15 Congiuntura Daniel Kalt Capo economista Svizzera Caesar Lack Economista Sibille Duss Economista Elias Hafner Economista La Svizzera batte i principali paesi industrializzati occidentali in termini di crescita economica e anche di creazione di nuovi posti di lavoro. UBS outlook Svizzera 2 o trimestre

16 Congiuntura globale Tre domande che muovono il mondo Mentre in Asia il motore economico continua a girare nonostante l intenzionale raffreddamento della Cina, l Eurozona attraversa una recessione dovuta ai drastici programmi di risparmio. Gli Stati Uniti percorrono tutt altra strada, almeno fino alle elezioni. Stando agli sviluppi dei mercati azionari possiamo dire che il 2012 ha avuto un avvio brillante. Tuttavia da aprile i mercati finanziari si sono presi una pausa. Pur con un andamento congiunturale globale piuttosto vigoroso, il rally azionario nel primo trimestre è stato trainato soprattutto dalle iniezioni di liquidità delle banche centrali. Tre domande cruciali, che approfondiamo di seguito, hanno indotto i partecipanti del mercato a una maggiore prudenza dall inizio di aprile: La Cina riuscirà a creare le condizioni per un atterraggio morbido della propria economia surriscaldata? Il recupero sul mercato del lavoro statunitense è sostenibile? E infine, molto importante, è possibile arginare il pericolo di contagio della crisi europea a Spagna e Italia? La Cina è atterrata Dallo scoppio della crisi finanziaria i paesi emergenti, in particolare la Cina, giocano un ruolo fondamentale per lo sviluppo economico mondiale. Sono state non da ultime proprio le economie emergenti in Asia, America Latina e Medio Oriente, con la loro dinamica crescita, a tenere a galla la congiuntura negli ormai indeboliti paesi avanzati. Con motivata apprensione molti osservatori si sono chiesti se il governo cinese, in una fase di passaggio di potere a una nuova generazione, sarebbe riuscito a frenare nella giusta misura un economia ancora fortemente surriscaldata fino a un anno fa, scongiurando così il tanto temuto brusco atterraggio. Anche se i tassi di crescita cinese si sono contratti da circa il 13% all 8%, i recenti indicatori anticipatori, come la crescita del credito, sembrano indicare un atterraggio morbido dell economia cinese. Il governo cinese sta cercando di fornire maggiore sostegno alla crescita abbassando la sua dipendenza dall export e dagli investimenti edilizi per orientarla maggiormente verso i consumi privati. Se l impresa riuscisse, l intera area asiatica crescerebbe molto più stabilmente rispetto a solo qualche anno fa e subirebbe meno le difficoltà dell Occidente. In generale lo sviluppo economico nell area asiatica ci sembra piuttosto robusto. Anche in America Latina la crescita economica dovrebbe rimanere decisa, nonostante il netto rallentamento in Brasile, mentre giudichiamo più fragile lo sviluppo in Europa orientale per via della sua esposizione al focolaio della crisi in Eurozona. Daniel Kalt Capo economista Svizzera, UBS SA Tendenze globali di crescita e inflazione Tasso di crescita PIL in % Tasso di inflazione in % P 2013P P 2013P Svizzera 1,9 2,7 2,1 1,3 1,7 0,5 0,7 0,2 0,5 1,4 UME 4,2 1,8 1,5 0,4 1,1 0,3 1,6 2,7 2,2 2,0 Germania 5,1 3,6 3,1 1,0 1,9 0,2 1,1 2,5 1,7 1,5 Francia 2,6 1,4 1,7 0,4 1,0 0,1 1,5 2,1 2,5 2,2 Italia 5,5 1,8 0,5 1,4 0,6 0,8 1,6 2,9 3,3 4,2 Spagna 3,7 0,1 0,7 1,6 0,6 0,2 1,5 3,1 1,4 1,8 Gran Bretagna 4,4 2,1 0,7 0,2 1,3 2,2 3,3 4,5 2,8 1,9 USA 3,5 3,0 1,7 2,3 2,6 0,3 1,6 3,1 2,1 1,6 Giappone 5,5 4,4 0,7 2,5 2,0 1,3 1,0 0,3 0,1 0,3 Cina 9,2 10,4 9,2 8,5 8,5 0,7 3,3 5,4 3,5 4,0 Asia 1 5,7 8,7 6,7 6,4 6,8 2,2 4,9 5,4 3,9 4,4 America Latina 0,0 6,8 4,8 4,0 4,7 3,6 5,5 6,4 5,9 6,0 Mondo 1,0 4,4 3,1 2,9 3,5 1,5 3,0 3,9 3,0 3,0 1 Giappone escluso Fonte: Reuters EcoWin, P: previsioni UBS (dati al 4 maggio 2012) Nell elaborare le previsioni economiche UBS CIO WM Research, gli economisti UBS CIO WM Research hanno lavorato in collaborazione con alcuni economisti impiegati presso UBS Investment Research. Le previsioni e le stime sono attuali solo alla data della presente pubblicazione e potrebbero variare senza preavviso. 16 UBS outlook Svizzera 2 o trimestre 2012

17 Congiuntura globale «Il governo cinese sta cercando di abbassare la dipendenza dell economia dall export e dagli investimenti edilizi per orientarla maggiormente verso i consumi privati. L intera area asiatica crescerebbe più stabilmente rispetto a solo qualche anno fa e subirebbe meno le difficoltà dell Occidente.» Da inizio anno l economia statunitense sorprende con valori congiunturali solidi, e tuttavia affiorano dubbi sulla sostenibilità del positivo sviluppo sul mercato del lavoro del Paese. In un anno di elezioni, è ovvio che verranno confermate le politiche monetaria e fiscale estremamente espansive portando, secondo noi, a un graduale calo dei tassi di disoccupazione. Resta però da capire in che modo il nuovo o il vecchio governo reagirà alla desolante situazione dei conti pubblici dal Dal 2009 lo Stato americano iscrive anno dopo anno deficit di bilancio in misura dell 8%-10% del prodotto interno lordo (PIL), valori che in Europa vengono superati solo da Grecia, Irlanda e Spagna. Al più tardi a inizio 2013, gli Stati Uniti toccheranno nuovamente il tetto del debito pubblico e si riaccenderanno così i dibattiti dell estate Resta da capire se l economia statunitense avrà acquisito sufficiente forza per sopportare un improvvisa manovra politica di riduzione della spesa fiscale. Nell incertezza, la politica monetaria dovrebbe rimanere molto espansiva. Il presidente della Fed, Ben Bernanke, ha segnalato già l intenzione di lasciare molto bassi i tassi guida fino a fine Inoltre, almeno fino a giugno, è in corso il piano «Operation Twist», con il quale l istituto di emissione statunitense cerca di tenere bassi gli interessi sull estremità lunga della curva. Quindi anche negli Stati Uniti i tassi dovrebbero rimanere ai minimi storici. In ogni caso, a fronte di tassi artificialmente al minimo, resta il rischio latente di un loro incremento qualora la congiuntura crescesse oltre le previsioni, spingendo l istituto di emissione a prendere in considerazione un rialzo anticipato. Comunque, la Fed perseguirà ancora un approccio molto pragmatico e attenderà prima di vedere quale corso prenderanno la politica fiscale e la congiuntura dopo le elezioni. Proprio ora l Europa sta sperimentando quali siano i limiti dei rigorosi piani di risparmio. Il presidente dei ministri spagnolo, Rajoy, ha innescato un nuovo incremento dei tassi sui titoli di Stato spagnoli e italiani quando ha annunciato che, a fronte dei drastici piani di risparmio e della congiuntura ormai pregiudicata dagli stessi, la Spagna non avrebbe rispettato né l obiettivo di budget di 6,0% del PIL per il 2011 né l indicazione di 4,4% per il L esempio della Spagna dimostra su quale delicato equilibrio si muovano gli europei con la loro politica di risparmio. Da un lato, un eventuale veloce riduzione degli elevati deficit di bilancio dovrebbe ridurre lo scetticismo degli investitori circa la sostenibilità a lungo termine della montagna di debiti e quindi i costi di interesse. Dall altro, i piani di risparmio gravano sulla crescita economica e nel frattempo hanno fatto scivolare in una nuova recessione i principali paesi periferici. Ciò comporta minor gettito per le casse dello Stato e un aumento degli oneri sociali; in poche parole, il pareggio del bilancio dello Stato viene reso difficile dalla recessione. Crescente opposizione Con le elezioni in Francia e soprattutto in Grecia, il rigoroso percorso di risparmio imposto ai paesi periferici da Germania e Fondo Monetario internazionale incontrerà maggiore resistenza. Presagiamo già come potrebbero reagire i mercati finanziari alla prevedibile nuova gazzarra su quale sia la politica economica corretta per l Europa. In ogni caso, bisogna certamente prevedere una nuova escalation della crisi del debito in Europa. La Banca Centrale Europea (BCE) potrebbe essere nuovamente costretta a limitare l aumento dei rendimenti con nuovi acquisti diretti di titoli di Stato spagnoli e/o italiani. In caso di nuova accelerazione della stampa di denaro, la liquidità infine iniettata nei mercati finanziari dalla BCE sarà pari a quella precedentemente già immessa dagli istituti di emissione britannico e americano e dalla Banca nazionale svizzera. In questo modo si creerebbe un enorme potenziale di inflazione a livello globale che non potrà essere alleviato nei prossimi due anni per via della debole situazione congiunturale e dei continui processi di riduzione del debito. Prevediamo un maggior rischio di inflazione solo a partire dal UBS outlook Svizzera 2 o trimestre

18 Congiuntura Svizzera La Svizzera accelera anche se l Europa rallenta Ci siamo lasciati alle spalle il punto più basso della congiuntura. Il mercato del lavoro svizzero è in eccellenti condizioni. Presto l Europa non sarà più la meta principale delle esportazioni svizzere di beni. Dopo che lo scorso anno la crescita economica elvetica ha inizialmente rallentato di pari passo con la congiuntura internazionale, la congiuntura ha toccato il punto più basso già nel 3 trimestre. Da allora l economia svizzera ha accelerato con decisione e nel primo trimestre dell'anno è cresciuta dello 0,7% sul trimestre precedente e del 2,0% su base annua. Si è riusciti a evitare una recessione, temuta solo fino a qualche mese fa. Sorprende, come già fece durante la recessione del 2008, la robustezza dimostrata lo scorso anno dall economia svizzera nel confronto internazionale. Andamento incoraggiante del mercato del lavoro svizzero La situazione del mercato del lavoro è incoraggiante. La crescita economica degli scorsi anni, relativamente consistente e solida, si riflette anche sul mercato del lavoro: la Svizzera batte i principali paesi industrializzati occidentali non solo in termini di crescita economica ma anche per numero di nuovi posti di lavoro. Negli anni precedenti la grande crisi finanziaria, l occupazione era cresciuta molto e negli anni 2008 e 2009 ha subito solo una minima flessione, per poi superare nuovamente il livello pre-crisi già nel La Svizzera primeggia anche in termini di tasso di disoccupazione: i dati ufficiali parlano del 3%, un dato molto contenuto nel confronto internazionale. Nonostante il rallentamento congiunturale dello scorso anno, il tasso di disoccupazione è aumentato in misura irrisoria. Solo poco tempo fa, molti istituti di previsione anticipavano un netto incremento della disoccupazione nel corso di quest anno. Di fatto, negli ultimi mesi l incremento del tasso di disoccupazione è stato inaspettatamente basso. Stando alle previsioni di UBS, da qui a fine anno dovrebbe stabilizzarsi e mantenersi più o meno al livello attuale. Nonostante le lamentele sulla forza del franco, l andamento del tasso di disoccupazione dell industria è quasi analogo a quello del settore dei servizi: dopo una flessione fino all autunno dell anno scorso, i tassi di disoccupazione sono aumentati solo leggermente. Nel settore meccanico, la disoccupazione è addirittura alla media del settore industriale. La forza del franco potrà anche ripercuotersi sui margini delle società esportatrici, ma sul mercato del lavoro non lascia quasi traccia. Al momento il settore finanziario sembra molto più in affanno rispetto all industria: diversamente da quest ultima infatti il tasso di disoccupazione sale vertiginosamente. Per la prima volta in assoluto, nel settore finanziario la disoccupazione ha raggiunto il livello del settore meccanico. In Svizzera il tasso di disoccupazione ufficiale è molto al tasso reale, il tasso ufficiale misura il numero di chi è in cerca di occupazione rispetto al numero degli occupati dal Da allora, il totale degli occupati è comunque aumentato di oltre il 10%. Il tasso di disoccupazione del 3,1%, pubblicato ad aprile, corrisponde quindi a un tasso reale del 2,7% soltanto. Crescente immigrazione, rincaro degli immobili Il fattore principale alla base della solida crescita economica elvetica degli ultimi anni è l Accordo sulla libera circolazione delle persone. L apertura del mercato del lavoro consente all economia di reclutare personale specializzato in base alle esigenze, aumentando la redditività. Contemporaneamente, il forte aumento demografico si accompagna a una crescita dei consumi, della domanda di abitazioni e degli investimenti edilizi. Prezzi immobiliari crescenti comportano altresì un notevole incremento dei patrimoni. Secondo la Banca nazionale svizzera (BNS), il patrimonio immobiliare dei privati ammonta a circa miliardi di franchi. Da un incremento dei prezzi di appartamenti di proprietà e case unifamiliari attualmente attorno al 5% in termini nazionali deriva un incremento dei patrimoni familiari di circa 80 miliardi di franchi all anno, che corrisponde al 15% del prodotto interno lordo annuo o al 25% dei consumi privati annuali. Benché questo incremento patrimoniale non possa di solito essere utilizzato direttamente, Caesar Lack Economista, UBS SA 18 UBS outlook Svizzera 2 o trimestre 2012

19 Congiuntura Svizzera «Il tasso di disoccupazione ufficiale in Svizzera è di molto al tasso reale. Il tasso di disoccupazione del 3,1%, pubblicato a aprile, corrisponde a un tasso reale di solo il 2,7%.» può comunque contribuire a far sentire più ricchi i proprietari di immobili, spingendoli a consumare di più. La desolante situazione delle finanze pubbliche in molti paesi europei e l atteso (o già verificatosi) incremento del peso fiscale accrescono l attrattiva relativa della Svizzera, fiscalmente solida, come meta di elezione per datori di lavoro e lavoratori a livello internazionale. Ciò è testimoniato anche dai dati sull immigrazione dall Europa: l immigrazione media mensile dai 27 paesi UE e dagli Stati EFTA è salita da 7500 persone nel 2010 a 8300 l anno scorso. L immigrazione dovrebbe almeno mantenere questo ritmo o addirittura accelerare finché la politica non vi metterà un freno. L Europa frena Mentre l economia interna prospera, quella delle esportazioni zoppica. La causa è da cercare in Europa, dove l economia è paralizzata dalla crisi del debito. Le esportazioni di beni verso l Europa sono ferme in termini di valore praticamente da tre anni, mentre quelle nel resto del mondo hanno recuperato velocemente dalla crisi del 2008/2009 e ormai superano nettamente il livello pre-crisi. L Europa resta pur sempre la destinazione principale delle merci svizzere. Tuttavia, se la tendenza delle esportazioni degli ultimi tre anni dovesse continuare, a partire dal 2016 le merci saranno prevalentemente destinate a paesi extraeuropei. tutela del tasso di cambio. Prevediamo un primo intervento sui tassi solo nel La politica molto espansiva nell immediato futuro continuerà a stimolare molto la congiuntura interna e il mercato immobiliare. La politica monetaria espansiva comporta un accelerazione delle masse monetarie e creditizie negli ultimi mesi: i crediti ipotecari a privati crescono attualmente di oltre il 5%, la massa monetaria M3 di oltre il 6% annuo. Questi tassi di crescita sono stati superati già diverse volte nei decenni passati, ma rappresentano comunque un campanello d allarme. Eccessivi tassi di crescita monetaria e di credito spingono a investimenti errati, alimentano cicli di boom alternati a crisi economiche, mettono a rischio la stabilità dei prezzi al consumo e possono infine costringere a un precipitoso irrigidimento della politica monetaria. Fino all autunno, l inflazione annuale dovrebbe restare in territorio negativo e verso la fine dell anno aumentare a circa lo 0,5%. Verso la fine del prossimo anno ci aspettiamo un incremento del tasso di inflazione addirittura al 2% circa. A causa della politica monetaria estremamente espansiva esiste il rischio che il tasso di inflazione superi il 2% negli anni successivi. La politica monetaria della Banca nazionale ha le mani legate Finché resterà in vigore la soglia minima di cambio con l euro, e quindi il franco insisterà appena sopra 1,20 sull euro, la Banca nazionale svizzera (BNS) dovrà assumere la stessa politica monetaria espansiva adottata all estero. La BNS non può ritirare l ingente liquidità nel sistema bancario senza rafforzare il franco. Ci sono chiari segnali del fatto che la BNS sia di nuovo intervenuta sui mercati delle divise nelle ultime settimane per difendere il limite minimo. Ogni intervento comporta un nuovo aumento della liquidità per il sistema bancario. Finché insisterà la pressione rialzista sul franco, considerato bene rifugio, quindi finché aleggerà la crisi europea del debito, la BNS sarà costretta a perseguire una politica monetaria espansiva a Svizzera e Germania a pari merito in termini di crescita occupazionale Occupazione, indicizzata, 1 trimestre 2005 = Mar 05 Sett 05 Svizzera Stati Uniti Mar 06 Sett 06 Mar 07 Fonti: Reuters Ecowin, OCSE, UBS Sett 07 USA Francia Mar 08 Sett 08 Mar 09 Sett 09 Mar 10 Germania Italia Sett 10 Mar 11 Sett 11 Mar 12 UBS outlook Svizzera 2 o trimestre

20 Congiuntura Svizzera Uno sguardo d insieme sull economia I tassi di disoccupazione crescono solo lentamente Tassi di disoccupazione reali per settore economico, corretti per gli effetti stagionali, in % Settore finanziario 2 settore (industria) Fonti: Seco, Ufficio federale di statistica, UBS Meccanica 3 settore (servizi) Metallurgia Il tasso di disoccupazione nel settore finanziario si avvicina a quello di altri settori. Viene rappresentato il tasso di disoccupazione reale, misurato sull attuale numero di occupati. Il tasso di disoccupazione ufficiale supera il tasso reale Tassi corretti per gli effetti stagionali, in % 4,5 4,0 3,5 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0, Tasso di disoccupazione ufficiale Fonti: Seco, Ufficio federale di statistica, UBS Tasso di disoccupazione reale Il tasso di disoccupazione ufficiale supera il tasso reale perché misura la percentuale di disoccupati sul numero degli occupati del Da allora però il numero è cresciuto di oltre il 10%. Elevato incremento patrimoniale grazie al rincaro degli immobili Aumento del patrimonio immobiliare dei privati, in % del PIL L immigrazione dall Europa aumenta Immigrazione mensile da 27 Stati UE ed E a Gen. 09 Lug. 09 Gen. 10 Lug. 10 Gen. 11 Lug. 11 Gen. 12 Stati Uniti Svizzera UE-27 + EFTA Tendenza Fonti: BNS, Wüest & Partner, Robert Shiller, Flow of Funds, Reuters Ecowin, UBS WMR In media nazionale, i prezzi immobiliari in Svizzera registrano tassi di crescita a una sola cifra; tuttavia, poiché il patrimonio immobiliare è molto elevato, ne deriva un incremento patrimoniale relativamente marcato. Le esportazioni di beni verso l Europa sono ferme, recuperano le destinazioni extraeuropee Esportazioni di beni mensili, in miliardi di CHF, proiettate sulla base dell'andamento degli ultimi 36 mesi UE Resto Tendenza UE Tendenza Resto Fonti: Reuters EcoWin, UBS WMR Le esportazioni nominali di beni verso l Europa sono ferme da tre anni. Se la tendenza degli ultimi tre anni dovesse continuare ancora per quattro anni, l Europa non sarà più la meta principale delle esportazioni di beni svizzeri. Fonti: Ufficio federale della migrazione, UBS Negli ultimi tre anni si rileva un leggero aumento dell immigrazione dall Europa. Indicatori economici Svizzera Variazioni reali rispetto all anno precedente in % Sul sito trovate previsioni aggiornate per l economia svizzera. Previsioni UBS Livello* P 2012P 2013P Prodotto interno lordo 565,7 1,9 2,7 2,1 1,3 1,7 Consumi privati 323,6 1,4 1,7 0,9 1,9 1,8 Consumi pubblici 64,9 3,3 0,8 2,6 2,3 0,1 Investimenti 119,0 4,9 7,5 3,9 1,4 4,5 Edilizia 54,5 3,0 3,5 2,5 2,6 3,1 Beni strumentali 64,5 10,8 10,9 5,1 4,1 5,5 Esportazioni 299,1 8,6 8,4 3,6 0,2 3,7 Importazioni 234,9 5,5 7,3 2,1 2,4 4,4 *Anno 2011 (in miliardi di CHF a prezzi correnti); P: previsioni UBS Fonti: seco, UBS Nell elaborare le previsioni economiche UBS CIO WM Research, gli economisti UBS CIO WM Research hanno lavorato in collaborazione con alcuni economisti impiegati presso UBS Investment Research. Le previsioni e le stime sono attuali solo alla data della presente pubblicazione e potrebbero variare senza preavviso. 20 UBS outlook Svizzera 2 o trimestre 2012

Andamento affari e occupazione nel settore bancario

Andamento affari e occupazione nel settore bancario Andamento affari e occupazione nel settore bancario Franco Citterio Direttore ABT Vezia, 15 febbraio 2007 Swiss Market Index (Fonte: UBS) 15.02.2007 2 Massa patrimoniale gestita dalle banche in Svizzera

Dettagli

L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia

L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia Avvocati e notai Lawyers Newsletter Zurigo, gennaio 2013 L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia A partire dal 2002 è stata progressivamente introdotta la libera circolazione delle

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio 2014/2015: Retrospettiva e prospettive future Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio Retrospettiva 2014 La comunicazione relativa a una riduzione solo graduale degli acquisti di

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DELLE PMI - PROCESSO D INTERNAZIONALIZZAZIONE - SVIZZERA

RISTRUTTURAZIONE DELLE PMI - PROCESSO D INTERNAZIONALIZZAZIONE - SVIZZERA RISTRUTTURAZIONE DELLE PMI - PROCESSO D INTERNAZIONALIZZAZIONE - SVIZZERA In questi ultimi anni la crisi economica, in particolare europea, ha inferto colpi durissimi alle PMI. Alcune piccole e medie imprese

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Barometro bancario, too big to fail e vigilanza macroprudenziale

Barometro bancario, too big to fail e vigilanza macroprudenziale Fa fede il discorso orale Conferenza stampa del 5 settembre 2011 Barometro bancario, too big to fail e vigilanza macroprudenziale Claude-Alain Margelisch, CEO, Associazione svizzera dei banchieri Gentili

Dettagli

Prospettive congiunturali per il settore dell automobile svizzero

Prospettive congiunturali per il settore dell automobile svizzero BAKBASEL Previsioni di settore Prospettive congiunturali per il settore dell automobile svizzero Analisi e previsioni per conto della Unione professionale svizzera dell automobile (UPSA) Novembre 2013

Dettagli

Previsioni congiunturali per il settore svizzero dell automobile 2015

Previsioni congiunturali per il settore svizzero dell automobile 2015 Previsioni congiunturali per il settore svizzero dell automobile 2015 Analisi e previsioni per conto della Unione professionale svizzera dell automobile UPSA Previsioni di settore BAKBASEL Ottobre 2014

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

Info finanza. e previdenza. Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva

Info finanza. e previdenza. Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva Allianz Suisse Casella postale 8010 Zurigo www.allianz-suisse.ch Info finanza 01 YDPPR267I e previdenza Edizione 01 / Marzo 2013 ECCEDENZE LPP Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva Senza

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

L esercizio commerciale 2014: L essen ziale in breve

L esercizio commerciale 2014: L essen ziale in breve News sulla previdenza 1/2015 Swisscanto Supra L esercizio commerciale 2014: L essen ziale in breve Maggiori interessi; grado di copertura confortevole 2 Cifre indicative 2014 3 Riserve 4 Grado di copertura

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

La spesa per investimenti

La spesa per investimenti 14 La spesa per investimenti Problemi teorici 1. Sebbene l economia abbia raggiunto lo stock desiderato di capitale, è comunque necessario effettuare investimenti (lordi) per mantenere lo stock di capitale

Dettagli

Preventivo 2016. In milliardi

Preventivo 2016. In milliardi Panoramica Preventivo 2016 In milliardi Deficit Uscite Per il 2016 è atteso un deficit del bilancio ordinario di 0,4 miliardi. Le direttive del freno all indebitamento potranno pertanto essere rispettate

Dettagli

Banca nazionale e politica monetaria Fondazione e compiti. 1.3 Altri compiti

Banca nazionale e politica monetaria Fondazione e compiti. 1.3 Altri compiti Fondazione e compiti 1.3 Altri compiti In qualità di banca della Confederazione, la Banca nazionale svolge inoltre i seguenti compiti: si occupa dei pagamenti per la Confederazione amministra i titoli

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

La Svizzera non ha bisogno di una politica industriale dossierpolitica

La Svizzera non ha bisogno di una politica industriale dossierpolitica La Svizzera non ha bisogno di una politica industriale dossierpolitica 6 maggio 201 Numero 8 Politica industriale Dopo lo scoppio della crisi finanziaria, si rincorrono ripetutamente voci che affermano

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Le attuali sfide della politica economica e monetaria nell area dell euro

Le attuali sfide della politica economica e monetaria nell area dell euro TEMA DEL MESE * Le attuali sfide della politica economica e monetaria nell area dell euro Introduzione Hans Tietmeyer ** Innanzitutto desidero ringraziarvi per avermi assegnato il Premio Euro d Oro. Sono

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE Beirut, dicembre 2013 Il mercato libanese dell IT sta ancora procedendo a piccoli passi verso la piena realizzazione di una tecnologia

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO.

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. ANFAO NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. STATI UNITI, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, INGHILTERRA, PAESI EMERGENTI: QUESTI

Dettagli

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Ottobre 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Il supporto per eccellenza alle PMI

Il supporto per eccellenza alle PMI Tutto sul conto WIR Il supporto per eccellenza alle PMI 1 Indice La partecipazione al sistema WIR, un opportunità pagina 1 Avere successo negli affari con WIR pagina 2 Budget e piazzamento WIR pagina 2

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

UBS outlook Svizzera. Analisi della congiuntura Svizzera. Terzo trimestre 2012. Immobili Segnale di un inversione di tendenza

UBS outlook Svizzera. Analisi della congiuntura Svizzera. Terzo trimestre 2012. Immobili Segnale di un inversione di tendenza UBS outlook Svizzera CIO WM Research Settembre 2012 Podcast settimanale di UBS Per gli utenti di smartphone: scannerizzare il codice con un app del tipo «scan» www.ubs.com/research-podcast Terzo trimestre

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Aprile 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese ex Div. VIII PMI e artigianato Indagine sulle micro, piccole e medie imprese:

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Gennaio/Febbraio 2015 Si preferiscono gli USA L inizio dell anno è cautamente positivo se parliamo dei

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA

SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA SAP Solution Brief SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA SAP Business One è una soluzione semplice ed efficace, che soddisfa le esigenze specifiche delle piccole e medie imprese.

Dettagli

ANALISI FONDAMENTALE... 3

ANALISI FONDAMENTALE... 3 Sociedad Chimica y Miniera de Chile (SQM:Nyse) Andrea Tironi Andrea Facchini www.moneyriskanalysis.com 22/03/2014 1 Sommario ANALISI FONDAMENTALE... 3 Descrizione e Storia... 3 Analisi Punti di Forza e

Dettagli

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Communications Outlook 2009 Summary in Italian Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009 Sintesi in italiano Questa decima edizione delle Prospettive biennali delle Comunicazioni dell OCSE evidenzia

Dettagli

I FINANZIAMENTI PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI (Donatella Busso, Giorgio Diquattro) 10 gennaio 2006 Il quarto seminario del ciclo Mettersi in proprio

I FINANZIAMENTI PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI (Donatella Busso, Giorgio Diquattro) 10 gennaio 2006 Il quarto seminario del ciclo Mettersi in proprio I FINANZIAMENTI PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI (Donatella Busso, Giorgio Diquattro) 10 gennaio 2006 Il quarto seminario del ciclo Mettersi in proprio un impresa possibile!, svolto nell ambito di Start

Dettagli

Comunicato stampa. Allianz Global Wealth Report: le famiglie svizzere si confermano le più ricche del mondo

Comunicato stampa. Allianz Global Wealth Report: le famiglie svizzere si confermano le più ricche del mondo Allianz Suisse Comunicazione Comunicato stampa Allianz Global Wealth Report: le famiglie svizzere si confermano le più ricche del mondo Il patrimonio finanziario netto globale supera quota 100'000 miliardi

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Legge sull aiuto alle scuole universitarie: obiettivi non raggiunti dossierpolitica

Legge sull aiuto alle scuole universitarie: obiettivi non raggiunti dossierpolitica Legge sull aiuto alle scuole universitarie: obiettivi non raggiunti dossierpolitica 24 agosto 2009 Numero 20 Legge sull aiuto alle scuole universitarie La legge federale sull aiuto alle scuole universitarie

Dettagli

Lo scenario economico internazionale

Lo scenario economico internazionale Il recente andamento del commercio internazionale e la posizione dell Italia La marcata espansione del commercio internazionale è un aspetto decisivo dell attuale fase dell economia mondiale. Nell ultimo

Dettagli

Agosto 2010: Notizie economiche ticinesi

Agosto 2010: Notizie economiche ticinesi PROFILI INTERESSANTI Per consultare alcuni dei numerosi profili presenti nel nostro database, cliccate il settore di vostro interesse industriale - logistico - informatico finanziario - fiduciario - contabile

Dettagli

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 La promozione del sistema industriale italiano all'estero: migliorare efficacia ed efficienza. Le azioni. Grazie dottor

Dettagli

Un buon affare: il corso giusto per le vostre divise

Un buon affare: il corso giusto per le vostre divise Imprese Valute estere Un buon affare: il corso giusto per le vostre divise Desiderate coprire i rischi di cambio o investire in divise? Un buon affare è poter fare affidamento su una banca che soddisfa

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

Assicurazione crediti. La protezione delle perdite sul fatturato/

Assicurazione crediti. La protezione delle perdite sul fatturato/ Assicurazione crediti La protezione delle perdite sul fatturato/ Spesso la fiducia non paga/ Il pericolo di perdere il proprio denaro è in agguato in ogni fattura emessa. Le cose possono andare bene per

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

SWATCH GROUP: CIFRE PRINCIPALI 2007

SWATCH GROUP: CIFRE PRINCIPALI 2007 COMUNICATO STAMPA BIENNE, 14 MARZO 2008 SWATCH GROUP: CIFRE PRINCIPALI 2007 Utile netto supera per la prima volta il tetto di 1 miliardo di CHF. Margine operativo migliorato a 21.9% (anno precedente 20.2%);

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA EUROPEAN OUTLOOK 2014 Motori accesi, manca lo "start" SETTEMBRE 2013 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte

Dettagli

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Nota Stampa Barbara Tagliaferri Irene Longhin Ester Gaiani Ufficio Stampa Deloitte Image Building Image Building Tel:

Dettagli

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Mercati e Valute, 10 aprile 2015 Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Nel primo trimestre dell anno, il forte calo dell Euro nei confronti del Dollaro USA ha reso più attraenti

Dettagli

10 MOTIVI PER INVESTIRE IN EUROPA

10 MOTIVI PER INVESTIRE IN EUROPA 10 MOTIVI PER INVESTIRE IN EUROPA Agosto 2012 In questo momento l'europa va tutt'altro che evitata e riteniamo che l'attenzione che gravita intorno ai problemi fiscali abbia creato un'opportunità d'investimento,

Dettagli

Maggio 2010: Notizie economiche ticinesi

Maggio 2010: Notizie economiche ticinesi PROFILI INTERESSANTI Per consultare alcuni dei numerosi profili presenti nel nostro database, cliccate il settore di vostro interesse industriale - logistico - informatico finanziario - fiduciario - contabile

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

Q4 2006. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q4 2006. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q4 26 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q4/6 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Il fatturato dell industria italiana rimarrà su ritmi di crescita ancora superiori al 2% nell anno in corso per poi entrare in

Dettagli

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA:

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA: Istituto nazionale per il Commercio Estero PROMETEIA S.R.L. Evoluzione del commercio con l estero per aree e settori Gennaio 2005 PROMETEIA S.R.L. Via G. Marconi, 43 40122 Bologna 051-6480911 fax 051-220753

Dettagli

Fattori critici di successo delle PMI italiane e rafforzamento del capitale proprio

Fattori critici di successo delle PMI italiane e rafforzamento del capitale proprio In collaborazione con Fattori critici di successo delle PMI italiane e rafforzamento del capitale proprio Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Corporate finance advisory and strategy consulting. 1. Il

Dettagli

La costanza nel mutamento

La costanza nel mutamento Atel Holding SA Bahnhofquai 12, CH-4601 Olten Fa testo quanto verbalmente espresso. 24 aprile 2008 Assemblea generale ordinaria di Atel Holding SA del 24 aprile 2008 La costanza nel mutamento Dr. Rainer

Dettagli

ALETTI VIEW CERTIFICATE

ALETTI VIEW CERTIFICATE ALETTI VIEW CERTIFICATE PUNTIAMO SUL TEMA VINCENTE 0 Uno strumento finanziario per investire sui temi con le migliori prospettive di crescita. Questo è Aletti View Certificate. Ritieni che le aziende appartenenti

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

Settembre 2013: Notizie economiche ticinesi

Settembre 2013: Notizie economiche ticinesi PROFILI INTERESSANTI Informiamo la nostra clientela che questo mese la Ti impiego mette a disposizione un profilo specializzato con lo sconto del 50% sull onorario per la selezione: 1. Impiegata Contabile

Dettagli

Il nostro impegno per i vostri immobili

Il nostro impegno per i vostri immobili Il nostro impegno per i vostri immobili Spazio, tempo ed energia sono in assoluto le risorse più preziose. Avere spazio e tempo è un privilegio fantastico e allo stesso tempo una grande opportunità. La

Dettagli

L importanza economica delle società anonime svizzere quotate in borsa dossierpolitica

L importanza economica delle società anonime svizzere quotate in borsa dossierpolitica L importanza economica delle società anonime svizzere quotate in borsa dossierpolitica 14 dicembre 2009 Numero 30 Studio sull importanza delle società anonime svizzere quotate in borsa Nel nostro paese,

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi Osservatorio Economie reali e politiche per le imprese nei Paesi dell Europa centrale e sud-orientale Schede Paese La Slovacchia di fronte alla crisi 2 aggiornamento: Ottobre 2009 Contenuto La Slovacchia

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

La classe media americana non è più la più ricca del mondo

La classe media americana non è più la più ricca del mondo RESeT INTERNAZIONALE The New York Times DAVID LEONHARDT E KEVIN QUEALY ED. IT. DI MARIA CARANNANTE 22 aprile 2014 La classe media americana non è più la più ricca del mondo La classe media americana, a

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Credit Suisse Real Estate Fund Siat Il fondo immobiliare con una lunga tradizione

Credit Suisse Real Estate Fund Siat Il fondo immobiliare con una lunga tradizione Real Estate Asset Management Credit Suisse Real Estate Fund Siat Il fondo immobiliare con una lunga tradizione Nuova emissione 9 20 novembre 2009 Private Banking Investment Banking Asset Management Appartamento

Dettagli

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche Sintesi Francesco Berlingieri, Holger Bonin, Maresa Sprietsma Centre for European Economic Research Sintesi 2 3 Oggetto dello studio La

Dettagli

Il mercato svizzero è da sempre particolarmente allettante per l imprenditoria italiana.

Il mercato svizzero è da sempre particolarmente allettante per l imprenditoria italiana. Sicuri su ogni terreno Dicembre 2012 Avviare un attività commerciale in Svizzera Il mercato svizzero è da sempre particolarmente allettante per l imprenditoria italiana. La Svizzera offre agli imprenditori

Dettagli

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro Ingegneria è tradizionalmente considerata una laurea forte, un percorso di studi severo che apre al mondo del lavoro, forma professionisti in

Dettagli

Presentazione dell azienda Business Software PMI. Per dare successo alle vostre idee.

Presentazione dell azienda Business Software PMI. Per dare successo alle vostre idee. Presentazione dell azienda Business Software PMI. Per dare successo alle vostre idee. «Con i nostri prodotti di software e i servizi di assistenza, aiutiamo le PMI svizzere ad avere più successo nei loro

Dettagli