Antonio Vellucci. Ministero dello sviluppo economico Dipartimento per le Comunicazioni DG Pianificazione e Gestione Spettro Radioelettrico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Antonio Vellucci. Ministero dello sviluppo economico Dipartimento per le Comunicazioni DG Pianificazione e Gestione Spettro Radioelettrico"

Transcript

1 Tecnologie senza fili per la PERSONA, l ABITAZIONE, l AMBIENTE e il TERRITORIO Torino 17 maggio 2012 "Il futuro delle reti di radiocomunicazione e le applicazioni per la riduzione del divario digitale nel territorio rurale" Antonio Vellucci Ministero dello sviluppo economico Dipartimento per le Comunicazioni DG Pianificazione e Gestione Spettro Radioelettrico Ministero dello sviluppo economico Dipartimento per le comunicazioni 1

2 Il futuro delle reti di radiocomunicazione e le applicazioni per la riduzione del divario digitale nel territorio rurale 1. Organismi di gestione dello spettro radioelettrico Internazionali Nazionali 2. Divario digitale Cos è? Metodi per superare il divario digitale Convergenza dei servizi e delle tecnologie Uso flessibile dello spettro radio: Approccio WAPECS 3. Reti Wireless a larga banda per superare il divario digitale WiFi Broadband Wireless Access ( MHz WiMax) Radiomobile Satellite 2

3 Organismi di gestione dello spettro radioelettrico La gestione dello spettro radioelettrico è assicurato nel rispetto di regole concordate a livello mondiale, europeo e nazionale: Mondiale: - ITU - International Telecommunications Union Organismo creato sotto l egida dell ONU documento principe è il Regolamento delle radiocomunicazioni - trattato internazionale, obbligatorio per i circa 190 Paesi membri Europeo: CEPT (Conferenza Europea delle Poste e Telecomunicazioni) Organismo europeo di armonizzazione su base volontaria (46 paesi) Unione Europea (provvedimenti obbligatori: Direttive, Decisioni, Raccomandazioni, ) Nazionale: MISE - Dipartimento per le Comunicazioni Ministero della difesa - responsabile per gli usi militari dello spettro radio Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni - aspetti regolamentare per le applicazioni ad uso pubblico 3

4 Dipartimento per le Comunicazioni Ministro del MISE Consiglio Superiore delle Comunicazioni Capo Dipartimento DG pianificazione e gestione dello spettro radioelettrico DG per i servizi di comunicazione elettronica e di radiodiffusione DG per i servizi postali Istituto Superiore delle Comunicazioni e tecnologie dell Informazione 16 Ispettorati Territoriali (Regionali)

5 Organismo nazionale di gestione dello spettro radioelettrico In Italia il MISE-Comunicazioni - Direzione Generale Pianificazione e Gestione dello spettro Radioelettrico - è l organismo responsabile della gestione dello spettro radio per uso civile a cui compete l emanazione del Piano Nazionale di Ripartizione delle Frequenze (PNRF). Il PNRF costituisce un vero e Proprio piano regolatore delle frequenze da da 0 a 1000 GHz a livello nazionale. L attuale PNRF è contenuto nel d.m. 13 novembre 2008, (G.U. n.273 del 21 nov.2008) e successive modifiche - d.m. 4 novembre 2010, d.m. 4 maggio 2011, d.m. 10 giugno 2011 Il PNRF recepisce in Italia i provvedimenti dell UIT (Radio Regolamento), della Unione Europea (obbligatori) e della CEPT (su base volontaria). 5

6 Codice delle Comunicazioni Elettroniche Il Codice delle Comunicazioni Elettroniche (CCE) d. Lgs 1 agosto 2003 Nr Ha implementato in Italia il quadro regolamentare dell Unione Europea stabilito dalla Commissione con le direttive e decisioni sull uso dello spettro radio, sia per uso pubblico che privato: Rilascio delle autorizzazioni (generale con o senza diritto d uso) Risorse scarse (procedure di assegnazione comparative e competitive) Vendita secondaria e affitto delle frequenze Neutralità tecnologica e dei servizi 6

7 divario digitale - digital divide Tecnologie dell informazione e della comunicazione Viviamo in una società in cui le comunicazioni e le informazioni sono indispensabili per la vita di tutti i giorni (lavoro, scuola, sanità, pubblica amministrazione, svago, ) Le persone comunicano e si informano prevalentemente attraverso la televisione, i servizi di notizie sul cellulare, la radio, La tecnologia considerata l emblema e la massima espressione delle Information and Communication Technologies è sicuramente Internet. Negli ultimi anni la lettura di quotidiani e riviste è rimasta pressoché invariata, mentre è cresciuto l uso di Internet 7

8 divario digitale - digital divide Internet è usato prevalentemente nelle città, grazie alla diffusione delle linee ADSL (cavo in rame o in fibra ottica). Purtroppo le infrastrutture in cavo non coprono tutti i piccoli centri, le zone rurali e le zone di montagna perché non è economicamente conveniente per gli operatori TLC investire in aree non remunerative. Pertanto non tutti i cittadini hanno la stessa possibilità di accedere ad internet, oppure hanno un accesso limitato (meno di 1 Mbps) Le aree del Paese in cui esiste questo handicap per gli abitanti del posto, vengono identificate con l espressione: aree con divario digitale o digital divide. 8

9 divario digitale - digital divide Per Digital Divide si intende divario, divisione digitale cioè mancanza o disuguaglianze nell accesso e nella fruizione delle nuove tecnologie della Società dell informazione e della comunicazione ICT. Diversi sono i fattori che costituiscono una barriera d'accesso alle infrastrutture tecnologiche necessarie per connettersi alla Rete di telecomunicazioni e tra questi quello più significativo dipende dall area geografica. La popolazione delle aree rurali e dei quartieri più poveri dei centri urbani, dispone di meno opportunità per accedere alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT). 9

10 Metodi per superare il divario digitale Tecnologie senza fili La tecnologia più adatta per sopperire alla mancanza di infrastrutture e colmare il Divario digitale è senza dubbio la tecnologia senza fili, la tecnologia radio a larga banda, perché: permette di coprire rapidamente ed efficientemente il territorio. costituisce una soluzione facilmente realizzabile con investimenti notevolmente inferiori rispetto alla posa dei cavi, per portare la banda larga sia in casa che in ufficio nelle zone rurali e di montagna. I sistemi radio a banda larga utilizzati finora sono essenzialmente terrestri, ma ultimamente si stanno diffondendo anche sistemi satellitari. 10

11 Perché colmare il divario digitale Colmare il divario digitale per i cittadini, gli artigiani e le piccole aziende, vuol dire avere subito accesso ad internet in casa ed in mobilità per: usufruire dei vantaggi di essere sempre connessi ovunque essere sempre informati e collegati al mondo poter utilizzare i servizi di comunicazione elettronica e della Pubblica Amministrazione 11

12 Differenze tra sistemi Wireline e Wireless Nelle aree geografiche con divario digitale l uso delle reti senza fili a larga banda rappresenta quasi l unico metodo per superare in breve tempo il divario digitale. Anche se i sistemi wireless non possono eguagliare le prestazioni di quelli via cavo in termini di capacità trasmissiva, nelle aree con divario digitale, la risorsa radio è indispensabile e può essere considerata quasi alternativa al cavo, tra l altro non tutti gli utenti hanno bisogno di capacità elevatissime. Oggi esiste una grande richiesta di comunicare in mobilità, sia con sistemi nomadici che di full mobility anche nei centri raggiunti da linee ADSL ed in questo caso in qualsiasi area la richiesta può essere soddisfatta solo tramite sistemi wireless. 12

13 Sistemi Wireless a larga banda Sostanzialmente i sistemi wireless oggi utilizzati per la banda larga sono quelli che utilizzano in modo più flessibile lo spettro radio (neutralità delle tecnologie e dei servizi): WiFi Sistemi terrestri di accesso radio a banda larga (Broadband Wireless Access) Sistemi radiomobili(cellulari) Sistemi via satellite 13

14 Convergenza dei servizi Stiamo assistendo alla comparsa di applicazioni ibride: servizi a copertura d area P-MP, TV interattiva in mobilità 14

15 Market Evolution (1) Radiodiffusione e Telecomunicazioni erano una volta distinti Mercati verticali Terminali dedicati 15

16 Market Evolution (2) Le nuove tecniche numeriche e la convergenza aprono a piattaforme multiple per la consegna all utente di contenuti audiovisivi Mercati orizzontali Terminali multifunzione (neutralità dei servizi di comunicazione elettronica e delle tecnologie) 16

17 Market Evolution (3) Queste nuove applicazioni non possono essere più classificate né fisse, né mobili, né di radiodiffusione ma ibride: es. i servizi di area (P-MP e TV in mobilità). Si passa da un concetto di singolo servizio radio ad una applicazione più ampia in cui convergono più servizi radio tradizionali. Lo spettro radio che in passato era utilizzato da un singolo servizio radio ora è condiviso da applicazioni convergenti. E necessario rendere più flessibili le regole. L utente vuole ricevere le informazioni senza curarsi di come avviene l accesso radio. 17

18 Flessibilità nell uso dello spettro Radioelettrico Convergenza dei servizi e delle tecnologie approccio di uso flessibile dello spettro radio Per affrontare il fenomeno della convergenza dei servizi e delle tecnologie, la Commissione Europea ha adottato un approccio di gestione dello spettro radio più flessibile identificato con l acronimo WAPECS (Wireless Access Policy for Electronic Communications Services). Lo spettro radio che in passato era utilizzato da un singolo Servizio radio ora è condiviso da applicazioni che non possono essere più classificate né appartenenti al servizio fisso, né mobile, né di radiodiffusione secondo il Regolamento delle radiocomunicazioni. L approccio WAPECS è basato su: Maggiore flessibilità nell uso dello spettro radio Neutralità delle tecnologie e dei servizi di comunicazione elettronica Vendita secondaria delle frequenze Assegnazioni a blocchi con maschera di emissione (Block Edge Mask - BEM) Modalità di funzionamento: Fisso, Nomadico, Mobile nella stessa banda, nel rispetto della maschera di emissione 18

19 Wi Fi (R-LAN) Sono applicazioni d area P-MP che utilizzano in modo collettivo lo spettro radio ed operano su base di non interferenza e senza diritto a protezione nei confronti dei servizi radio operanti in accordo al PNRF Operano con livelli di potenza bassa. Frequenze utilizzate: banda dei 2,4 GHz ,6 MHz (PNRF nota 158) banda dei 5 GHz MHz (indoor), MHz (PNRF nota 184) Applicazioni utilizzate sia ad uso pubblico che ad uso privato Le bande di frequenza sono armonizzate a livello europeo (CEPT ERC/REC/70-03) 19

20 Wi Fi (R-LAN) Vantaggi: Costi molto limitati per la realizzazione delle reti Libero uso per l utilizzazione ad uso privato nel proprio fondo e minimi adempimenti burocratici (autorizzazione generale) per l utilizzazione al di fuori del proprio fondo e ad uso pubblico. Velocità di trasmissione superiore a quella degli attuali sistemi radiomobili Ampia disponibilità della funzionalità built-in all interno dei PC e dei telefoni cellulari (molto usato dai ragazzi). Svantaggi: Nessuna protezione da interferenze Nessuna garanzie sulla qualità dei servizi offerti Scarsa garanzia sulla protezione dei dati 20

21 Wi Fi (R-LAN) Attuale utilizzazione per uso pubblico: All interno di aree delimitate per offrire l accesso a banda larga in modalità nomadica: Hotel, centri commerciali, stazioni ferroviarie, aeroporti, campus universitari, parchi pubblici. Nell ambito di piccole comunità locali non raggiunte da altri sistemi di accesso a banda larga (zone rurali o di montagna). Non c è limitazione all estensione dell area, gli access point possono collegarsi tra di loro esclusivamente per estendere la rete wireless. A bordo di vagoni ferroviari o della metro per accedere a reti intranet di tipo informativo, ma anche per connessioni verso reti esterne. Regime di licenza: autorizzazione generale ad uso pubblico (d.m. 28/05/2003, mod. d.m. 04/10/2005 e delibera AGCOM 183/03/CONS) 21

22 Wi Fi Attuale utilizzazione per uso privato: Realizzazioni di reti senza filo all interno di edifici, sia dedicati a privata abitazione sia di tipo industriale o ad uffici per realizzare punti di accesso alla rete intranet ed internet in maniera ubiquitaria, senza essere vincolati all esistenza di una terminazione fisica di rete e quindi senza ricorrere a cablaggi - Anche in questo caso una rete WiFi può avere una ampia estensione, ad esempio una rete per la polizia municipale può essere estesa su tutto il territorio cittadino (fondo) ed utilizzata per le proprie finalità (libero uso per il personale, access point collegati tra di loro) Regime di licenza: libero uso nel proprio fondo (CCE Art. 105) autorizzazione generale al di fuori del proprio fondo (CCE Art. 104) 22

23 Wi Fi Prospettive future Le applicazioni WiFi dovrebbero continuare ad occupare un proprio spazio nonostante la diffusione delle nuove tecnologie (WiMax, IMT, LTE), soprattutto nelle applicazioni in aree limitate. Anche rispetto alle tecnologie radio di nuova generazione dovrebbero continuare ad essere complementari per la copertura di aree limitate indoor e outdoor, tra la terminazione di utente e i terminali distribuiti all interno di edifici ed all esterno. 23

24 Bande di frequenza a cui è stato applicato l approccio flessibile Bande di frequenze individuate dalla Commissione Europea dove implementare l approccio WAPECS, Bande IMT : Banda 800 MHz MHz Banda GSM MHz, MHz Banda GSM MHz, MHz Banda (UMTS) 2,1 GHz MHz, / MHz MHz Banda 2,6 GHz MHz Banda BWA (WiMax) MHz 24

25 Sistemi terrestri di accesso radio a banda larga (Broadband Wireless Access) Banda di frequenze MHz (cosiddetta banda WiMax) 1. PNRF (nota Decisione 2008/411/CE relativa alla armonizzazione della banda di frequenze MHz per sistemi terrestri in grado di fornire servizi di comunicazioni elettroniche nella Comunità) 2. Blocchi da 3,5 MHz, 7 MHz 3. Parametri tecnici del blocco BEM (2008/411/CE) - della Stazione Centrale (CS) e della Stazione terminale (TS) 4. Neutralità tecnologica e dei servizi 5. Applicazioni fisse (FWA), nomadiche (NWA), mobili (MWA) 25

26 Sistemi terrestri di accesso radio a banda larga (Broadband Wireless Access) Banda di frequenze: MHz I sistemi di radocomunicazione BWA sono sistemi studiati essenzialmente per collegamenti radio PMP per la fornitura all utente finale di traffico a larga banda che comprende applicazioni fisse, nomadiche e mobili e per la copertura di aree con divario digitale. Tali sistemi possono anche essere utilizzati per sistemi di backhauling. 26

27 Sistemi terrestri di accesso radio a banda larga (Broadband Wireless Access) Aspetti tecnologici del Wimax 1. Copertura radio ad alta velocità in un raggio di qualche decina di chilometri 2. Benefici derivanti da una standardizzazione globale 3. Flessibilità nell utilizzo dello spettro 4. Idoneità all accesso fisso, nomadico e mobile 27

28 Applicazioni della tecnologia WiMax per l accesso alla rete - Flessibilità di utilizzo e di installazione - Diversi modelli di applicazioni e servizi - Qualità del servizio -Tecnologia IP - Standard Europeo 28

29 Possibili dispositivi WiMAX di accesso alla rete 29

30 Sistemi terrestri di accesso radio a banda larga (Broadband Wireless Access) Esiti della gara Wimax Promozione di maggiore competizione Ingresso di nuovi operatori a livello nazionale e quindi ampliamento dell offerta Aggiudicazione di diritti d uso a soggetti a dimensione locale e quindi più sensibili alle esigenze del territorio (35 diritti d uso: 21 regionali +14 macroregionali (territorio diviso in 7 macroregioni)) Presenza in ogni provincia di almeno tre operatori 30

31 Wimax e divario digitale Wimax - Aspetti qualificanti e loro impatto Facilità di installazione Flessibilità Promozione di maggior competizione Il minore costo di realizzazione delle reti insieme alla possibilità di adeguare alle esigenze variabili nel tempo la struttura di rete e la presenza di operatori alternativi sul mercato, dovrebbe rendere più facile la copertura di aree non ritenute economicamente convenienti con le attuali tecnologie, dagli operatori esistenti. 31

32 Wimax e divario digitale Aspetti qualificanti e loro impatto: Introduzione di meccanismi per incentivare la copertura di aree non raggiunte dall UMTS con obblighi di copertura mirati a garantire l attivazione di un numero minimo di BTS in località non raggiunte dall UMTS Es. coprire, in ciascuna provincia, almeno due comuni con popolazione inferiore a abitanti, in cui non vi siano BTS UMTS (in totale sono 4.704) Possibilità di cedere l utilizzo delle frequenze a soggetti terzi Consente ai titolari dei diritti d uso per le frequenze Wimax di cedere il diritto d uso, nelle aree che non sono di loro interesse, a soggetti che viceversa sono interessati a coprire dette aree; questo può aprire il mercato a soggetti locali che non avevano la dimensione necessaria a partecipare alla gara per frequenze a livello minimo regionale. 32

33 Wimax e divario digitale Meccanismi di verifica della copertura e di utilizzo delle frequenze Introduzione di meccanismi di verifica della copertura e dell utilizzazione delle frequenze radio assegnate agli aggiudicatari. In caso di non utilizzo delle frequenze radio assegnate (inadempienza) nei termini stabiliti, sono previsti meccanismi aggiuntivi a quello della cessione volontaria, volti ad incentivare l intervento di altri operatori interessati alle aree che i titolari di diritti d uso non intendono coprire. 33

34 Wimax e Divario Digitale Interventi per la riduzione del Digital Divide nelle aree a fallimento di mercato Il MISE, nelle aree in cui non è stato pianificato il servizio, di intesa con le regioni e gli enti locali interessati, può predispone un programma di intervento allo scopo di garantire ai cittadini interessati la disponibilità di servizi di accesso alle reti a larga banda. 34

35 Sistemi radiomobili Sistemi radiomobili di generazione 2 - GSM Sistemi radiomobili di generazione 2,5 - GSM- GPRS (General Packet Radio Service), GSM- EDGE (Enhanced Data rates for GSM Evolution) Sistemi radiomobili di generazione 3 - UMTS HSDPA (High Speed Downlink Packet Access) e HSUPA (High Speed Uplink Packet Access) Sistemi di generazione 4 UMTS-LTE (Long Term Evolution) 35

36 Sistemi radiomobili a larga banda per il Digital divide Solo per i sistemi 3G e successivi aggiornamenti si può parlare di vero e proprio accesso alla banda larga in full mobility Tali sistemi cominciano ad essere presi in considerazione come validi strumenti per la riduzione del digital divide Tecnica di trasmissione a commutazione di pacchetto Velocità di trasmissione che, nel caso dei sistemi HSDPA (High Speed Downlink Packet Access) arrivano a 7 Mbits in downlink e nei sistemi HSUPA (High Speed Uplink Packet Access) a 5,7 Mbits in uplink Prestazioni superiori sono attesi con l introduzione dei sistemi LTE (velocità fino a 100 Mbits in download e 50 Mbits in upload) Utilizzo di tutte le bande di frequenze destinate all IMT comprese quelle con maggiore capacità di propagazione e di penetrazione all interno degli edifici, 800 MHz, 900 MHz ed in futuro, a partire dal 2015, della banda dei 700 MHz (WRC12). 36

37 Sistemi radiomobili Banda 800 MHz ( MHz) PNRF - d.m. 4 maggio 2011 nota 107 A- Decisione 2010/267/UE - armonizzazione delle condizioni d uso della banda di frequenze MHz per i sistemi terrestri in grado di fornire servizi di comunicazioni elettroniche nell Unione Europea. (definizione delle maschere di emissione e grandezza del blocco minimo) La WRC 07 (World Radio Conference) aveva stabilito che con la transizione al digitale televisivo terrestre i canali televisivi dal 61 al 68 venissero attribuiti anche al servizio mobile terrestre, costituendo il cosiddetto digital dividend Disponibilità della banda di frequenze entro il 1 gennaio blocchi FDD da 5 MHz 2. Definizione delle maschere di emissione BEM (St. Base e terminali) 3. Modalità FDD, TDD 4. Duplex Spacing FDD = 41MHz ( MHZ downlink/862- MHz uplink) 5. Neutralità tecnologica 6. Neutralità dei servizi 7. Applicazioni fisse, nomadiche, mobili 37

38 Sistemi radiomobili Banda 800 MHz ( MHz) Banda ECC/DEC/(09)03 Canalizzazione scelta in Italia The harmonised frequency arrangement is 2 x 30 MHz with a duplex gap of 11 MHz, based on a block size of 5 MHz, paired and with reverse duplex direction, and a guard band of 1 MHz starting at 790 MHz. The FDD downlink starts at 791 MHz and FDD uplink starts at 832 MHz Guard band Downlink Duple x gap Uplink 1 MHz 30 MHz (6 blocks of 5 MHz) 11 MHz 30 MHz (6 blocks of 5 MHz) 38

39 Sistemi radiomobili prospettive future Banda 800 MHz ( MHz) Grazie alle notevoli caratteristiche di propagazione è considerata appropriata per ridurre il divario digitale. Nel bando di gara per l assegnazione dei blocchi di frequenze sono stati introdotti obblighi per utilizzare la banda 800 MHz, per la copertura di aree rurali, scarsamente popolate. Nel rilascio dei diritti d uso sono stati imposti obblighi di copertura per incentivare la copertura delle aree con divario digitale in ogni regione mediante: meccanismi di copertura di municipalità rurali, scarsamente popolate, classificate in funzione degli abitanti: meno di 1000, da 1000 a 2000 e da 2000 a 3000 abitanti. obblighi di copertura in funzione della quantità di spettro assegnata ad un operatore da realizzare entro un certo tempo. 39

40 Sistemi radiomobili - prospettive future Bande 900/1800 MHz La Commissione Europea ha approvato la decisione 2011/251/UE che rende utilizzabile le bande dei 900 MHz e 1800 MHz da tutte le tecnologie mobili attualmente disponibili: GSM UMTS, WiMax, LTE (Neutralità delle tecnologie). PNRF - nota 112- Decisione 2009/766/CE, modificata dalla 2011/251/UE relativa all armonizzazione delle bande di frequenze MHz, MHz e MHz e MHz per sistemi terrestri in grado di fornire servizi di comunicazioni elettroniche. 1. Neutralità tecnologica 2. Neutralità dei servizi 3. Applicazioni fisse, nomadiche, mobili Ministero dello sviluppo economico - comunicazioni 40

41 Sistemi radiomobili prospettive future Bande 900/1800 MHz Decisione 2011/251/UE del 18 aprile La decisione della Commissione fissa i parametri tecnici destinati a far coesistere sulle bande di frequenza 900 MHz e 1800 MHz: il sistema Gsm (telefonia mobile 2G), i sistemi 3G che abbinano l'internet mobile ai servizi di telefonia tradizionale che si avvalgono del sistema UMTS (Universal Mobile Telecommunications System) la tecnologia mobile 4G a banda larga, che utilizza i sistemi LTE (Long Term evolution) e Wimax (Worldwide Interoperability for Microwave Access), in grado di trasmettere ed elaborare ingenti quantitativi di informazioni. 2. apertura delle bande di radiofrequenza 900 e 1800 MHz ai dispositivi di comunicazione di quarta generazione (4G). 41

42 Sistemi radiomobili prospettive future Banda MHz PNRF - nota Decisione 2008/477/CE relativa all armonizzazione della banda di frequenze MHz per i sistemi terrestri in grado di fornire servizi di comunicazioni elettroniche nella Comunità. 1. Blocchi da 5 MHz 2. Definizione della maschera di potenza di emissione - BEM 3. Modalità FDD, TDD 4. Duplex Spacing FDD = 120 MHz ( MHZ uplink/ MHz downlink) 5. Neutralità tecnologica 6. Neutralità dei servizi 7. Applicazioni fisse, nomadiche, mobili 42

43 Sistemi radiomobili - prospettive future Azioni intraprese sulle Bande 900/1800 MHz L Autorità ha deliberato il refarming della banda dei 900 MHz. Il MISE-Comunicazioni ha in corso l istruttoria per la ristrutturazione della banda dei 900 MHz in vista dell utilizzo per le altre tecnologie. Ed inoltre le bande di frequenze 800 MHz, 1800 MHz, 2 GHz e 2600 MHz sono state oggetto di un bando di gara terminato nel settembre Ministero dello sviluppo economico - comunicazioni 43

44 Sistemi Satellitari le comunicazioni satellitari per il divario digitale La Commissione europea nell Agenda Digitale ha indicato, come uno degli obiettivi primari, nell ambito della European Strategy 2020, l accesso alla banda larga per il 100% degli europei. (http://ec.europa.eu/information_society/digitalagenda). Un elemento chiave per il conseguimento di questo obiettivo anche nelle aree con Digital Divide è proprio la connettività satellitare. Le comunicazioni satellitari a larga banda forniranno soluzioni sia per le imprese che per le pubbliche amministrazioni, con la riduzione dei costi dei terminali e del servizio di banda larga. Di questa nuova risorsa beneficeranno in particolare i provider di servizi Internet, che potranno estendere la banda larga ai consumatori e alle imprese delle aree non raggiunte dalla fibra ottica. 44

45 Sistemi Satellitari le comunicazioni satellitari per il divario digitale Il concetto rivoluzionario alla base è la copertura dell intera area Europea con velocità paragonabili a quelle dell ADSL. La velocità del servizio a banda larga raggiungerà i 10 Mbps (in download). Le comunicazioni satellitari a larga banda sono un nuovo servizio ADSL via satellite in grado di portare la banda larga a tutta Italia, anche nelle zone scoperte dalla rete in cavo terrestre. Questa moderna tecnologia di connessione bidirezionale offre all utente un collegamento al web indipendente dalla rete analogica. Con un modem e una parabola bidirezionale è possibile ricevere ed inviare i dati al satellite. 45

46 Sistemi Satellitari le comunicazioni satellitari per il divario digitale 46

47 Sistemi Satellitari le comunicazioni satellitari per il divario digitale 47

48 Sistemi Satellitari le comunicazioni satellitari per il divario digitale Finora le reti che impiegano la tecnologia Satellitare per offrire servizi a larga banda sono state in numero ridotto, ad alto costo, orientate a servizi affari e non all impiego verso il singolo utente privato. L innovazione tecnologica sviluppatasi negli ultimi anni attraverso la larga banda satellitare, consente oggi, l accesso ai servizi bidirezionali con soluzioni fisse e mobili che, in integrazione con le infrastrutture terrestri, possono risolvere efficacemente situazioni di digital divide, dove l'infrastruttura terrestre è insufficiente, congestionata, parzialmente o totalmente inesistente; questo con costi sempre più alla portata del mercato consumer. La tecnologia satellitare è l unica che riesce a fornire connettività immediata ad internet specialmente in quelle aree che non sono di interesse commerciale per gli operatori terrestri. 48

49 Grazie per l attenzione e buona giornata Vellucci Antonio MISE-Dipartimento per le Comunicazioni DGPGSR 49

L accesso mobile a internet

L accesso mobile a internet L accesso mobile a internet Le frequenze utilizzabili Mario Frullone Direttore delle Ricerche Roma 24 febbraio 2011 L evoluzione del broadband mobile Previsione di crescita per il traffico dati su reti

Dettagli

COMUNE DI MARTELLAGO

COMUNE DI MARTELLAGO Regolamentazione per l'installazione delle stazioni radio base per telefonia mobile - Aggiornamento COMUNE DI MARTELLAGO PROVINCIA DI VENEZIA Piano di localizzazione per l installazione delle stazioni

Dettagli

Progetto Banda Larga con tecnologia. WiMax. nel Comune di Bentivoglio

Progetto Banda Larga con tecnologia. WiMax. nel Comune di Bentivoglio Progetto Banda Larga con tecnologia WiMax nel Comune di Bentivoglio Indice La copertura della banda larga... Specifiche di progetto per la copertura del territorio del Comune di Bentivoglio... Potenze

Dettagli

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento La telefonia cellulare Piccola presentazione di approfondimento Introduzione Oggigiorno, i telefoni cellulari sono diffusissimi e godono della massima popolarità. Molte persone, tuttavia, non conoscono

Dettagli

ORIZZONTI E PROSPETTIVE DELLE TELECOMUNICAZIONI RADIO

ORIZZONTI E PROSPETTIVE DELLE TELECOMUNICAZIONI RADIO ORIZZONTI E PROSPETTIVE DELLE TELECOMUNICAZIONI RADIO Mario Frullone Bolzano,, 23 Novembre 2006 Evoluzione della copertura cellulare 144 kbit/s 500 kmh Zona 3: Rurale 384 kbit/s 120 kmh Zona 2: Suburbana

Dettagli

Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia

Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia Amaro, venerdì 10 aprile 2015 David Licursi Direttore Divisione Telecomunicazioni INDICE TECNOLOGIE PER LA BANDA LARGA LA BANDA LARGA SUL TERRITORIO

Dettagli

Scenario italiano e prospettive della tecnologia LTE

Scenario italiano e prospettive della tecnologia LTE Scenario italiano e prospettive della tecnologia LTE Doriana Guiducci LTE e 4G Fondazione Ugo Bordoni Pontecchio Marconi,, 16 Giugno 2009 Stato dell offerta di accesso di rete fissa nazionale Tipologia

Dettagli

Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili

Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili Una estesa e moderna rete in Fibra Ottica Retelit è l operatore indipendente leader nel mercato wholesale grazie a Una rete costruita lungo le strade

Dettagli

Risposta Qualcomm. March 2015 1. INTRODUZIONE

Risposta Qualcomm. March 2015 1. INTRODUZIONE Consultazione pubblica sulle procedure e regole per l assegnazione e utilizzo delle frequenze disponibili nella banda 1452 1492 MHz per sistemi terrestri di comunicazioni elettroniche Risposta Qualcomm

Dettagli

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Prof : Stefano Bistarelli Seminario : RETI CELLULARI (2 / 3 / 4 G) THANKS TO Sara Di Matteo SOMMARIO: Introduzione 1G (TACS) Architettura della rete cellulare Tecniche

Dettagli

OSSERVAZIONI di HUAWEI

OSSERVAZIONI di HUAWEI CONSULTAZIONE PUBBLICA CONCERNENTE L IMPIEGO DI FREQUENZE NELLA BANDA 3600-3800 MHZ DA PARTE DI SISTEMI TERRESTRI IN GRADO DI FORNIRE SERVIZI DI COMUNICAZIONI ELETTRONICHE (DELIBERA AGCOM N. 553/12/CONS)

Dettagli

Internet e il World Wide Web. Informatica Generale -- Rossano Gaeta 30

Internet e il World Wide Web. Informatica Generale -- Rossano Gaeta 30 Internet e il World Wide Web 30 Tecnologia delle Telecomunicazioni Uso di dispositivi e sistemi elettromagnetici per effettuare la comunicazione a lunghe distanze (telefoni, televisione, radio, etc) Comunicazione

Dettagli

Rete di computer mondiale e ad accesso pubblico. Attualmente rappresenta il principale mezzo di comunicazione di massa

Rete di computer mondiale e ad accesso pubblico. Attualmente rappresenta il principale mezzo di comunicazione di massa Sommario Indice 1 Internet 1 1.1 Reti di computer........................... 1 1.2 Mezzo di comunicazione di massa - Mass media.......... 2 1.3 Servizi presenti su Internet - Word Wide Web........... 3

Dettagli

Rete a Larga Banda GRANDE MANTOVA Il progetto GRANDE MANTOVA Obbiettivi : affrontare insieme problematiche comuni per il bene del territorio e dei cittadini Temi : viabilità e mobilità, sicurezza, piani

Dettagli

Infrastruttura per l Agenda Digitale Europea: la banda larga. 5 novembre 2014 Corso "Diritti di libertà e diritti sociali" Dott.

Infrastruttura per l Agenda Digitale Europea: la banda larga. 5 novembre 2014 Corso Diritti di libertà e diritti sociali Dott. Infrastruttura per l Agenda Digitale Europea: la banda larga 5 novembre 2014 Corso "Diritti di libertà e diritti sociali" Dott. Federico Ponte «Sali sulle spalle dei giganti» (Google Scholar, 2004) Una

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 3 Giovedì 12-03-2015 Reti a commutazione di pacchetto datagram Le reti a commutazione

Dettagli

Introduzione. Introduzione

Introduzione. Introduzione Introduzione L uomo sin dalla preistoria ha sempre cercato, per necessità e per comodità, di comunicare con altri individui; con l andare del tempo questa esigenza è cresciuta sempre più, si è passati

Dettagli

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Rimini - 23 giugno 2005 Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Esiste il digital divide nei territori periferici? La discriminazione nasce dalla carenza di infrastrutture o da

Dettagli

La gestione dell impatto sociale a ambientale dei campi elettromagnetici in Italia

La gestione dell impatto sociale a ambientale dei campi elettromagnetici in Italia Roma, 14 dicembre 2006 La gestione dell impatto sociale a ambientale dei campi elettromagnetici in Italia Mario Frullone Fondazione Ugo Bordoni Le onde della comunicazione Ambiente, Salute, Informazione:

Dettagli

DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA 1 IL QUADRATO DELLA RADIO Le nuove realtà del mondo ICMT: la rete, gli operatori e l l industria L' IMPIEGO DELLE TECNOLOGIE WIRELESS PER

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO WI-FI CGIL

ATTUAZIONE DEL PROGETTO WI-FI CGIL Seminario Nazionale ATTUAZIONE DEL PROGETTO WI-FI CGIL 10 luglio 2009 Sala Fernando Santi - CGIL nazionale - Corso d Italia 25 - Roma PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Wi-Fi CGIL All interno del Progetto nazionale

Dettagli

Infrastrutture per la banda larga

Infrastrutture per la banda larga Infrastrutture per la banda larga Pier Luca Montessoro Dip. di Ingegneria Elettrica Gestionale e Meccanica Università degli Studi di Udine 2009 - DIEGM - Università di Udine 1 Servizi di rete Cos è la

Dettagli

Luca Zanetta Uniontraspor ti. Piani per lo sviluppo delle infrastrutture di rete in Calabria

Luca Zanetta Uniontraspor ti. Piani per lo sviluppo delle infrastrutture di rete in Calabria Luca Zanetta Uniontraspor ti Piani per lo sviluppo delle infrastrutture di rete in Calabria Reti a banda larga e ultralarga Le reti di telecomunicazione ad alta velocità sono un infrastruttura strategica

Dettagli

Sommario. Evoluzione delle tecnologie di rete. Requisiti di banda. Banda e non solo. I benefici della banda larga in azienda

Sommario. Evoluzione delle tecnologie di rete. Requisiti di banda. Banda e non solo. I benefici della banda larga in azienda 2012 Servizi ICT a banda larga e ultra larga. Le novità e le opportunità per le imprese Progetto finanziato da Forlì-Cesena 20-03-2012 20-03-2012 1 Sommario Evoluzione delle tecnologie di rete Requisiti

Dettagli

Le cifre chiave delle comunicazioni elettroniche in Francia Cifre del 2010

Le cifre chiave delle comunicazioni elettroniche in Francia Cifre del 2010 RÉPUBLIQUE FRANÇAISE Giugno 211 Le cifre chiave delle comunicazioni elettroniche in Francia Cifre del 21 Caratteristiche degli operatori Salvo precisazione contraria, le cifre presentate in questo documento

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI 4) Intervento pubblico europeo. La possibilità che l Europa, mediante la costituzione di un fondo per le

Dettagli

Sistemi Wimax Villa Griffone 9 giugno 2006. Telecom Italia e gli scenari di sviluppo del Broadband

Sistemi Wimax Villa Griffone 9 giugno 2006. Telecom Italia e gli scenari di sviluppo del Broadband Sistemi Wimax Villa Griffone 9 giugno 2006 Telecom Italia e gli scenari di sviluppo del Broadband Mocerino Giuseppe Techonology - Supporto Regolatorio Email: giuseppe.mocerino@telecomitalia.it Broadband

Dettagli

Capitolo 6 Wireless e reti mobili

Capitolo 6 Wireless e reti mobili Capitolo 6 Wireless e reti mobili Reti di calcolatori e Internet: Un approccio topdown 4 a edizione Jim Kurose, Keith Ross All material copyright 1996 2007 J.F Kurose and K.W. Ross, All Rights Reserved

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

Trentino in Rete. Trentini connessi. PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Reti e Telecomunicazioni

Trentino in Rete. Trentini connessi. PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Reti e Telecomunicazioni Trentino in Rete Trentini connessi PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Reti e Telecomunicazioni Trentino in Rete vuol dire Internet ad alta velocità in tutta la provincia per allargare conoscenze ed

Dettagli

DELIBERA n. 438/13/CONS

DELIBERA n. 438/13/CONS DELIBERA n. 438/13/CONS AVVIO DEL PROCEDIMENTO DI ANALISI SULLE CONDIZIONI E MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA CAPACITÀ TRASMISSIVA PER LA DIFFUSIONE DI CONTENUTI AUDIOVISIVI, SULLE PRINCIPALI PIATTAFORME TRASMISSIVE

Dettagli

Alcune domande: La banda larga: serve proprio?

Alcune domande: La banda larga: serve proprio? Alcune domande: A chi serve la banda larga? Per fare cosa? Quanta banda serve? le infrastrutture a banda larga nella Bassa Padovana sono sufficienti? Esiste un digital divide nel territorio? Quanti comuni

Dettagli

COMUNICAZIONI MOBILI ANNO ACCADEMICO 2003/2004

COMUNICAZIONI MOBILI ANNO ACCADEMICO 2003/2004 COMUNICAZIONI MOBILI ANNO ACCADEMICO 2003/2004 SISTEMI RADIOMOBILI SONO SISTEMI DI COMUNICAZIONE IN CUI AVVIENE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI FRA DUE (O PIU ) TERMINALI, UNO DEI QUALI E IN MOVIMENTO. NEL

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

0. Introduzione al corso

0. Introduzione al corso 1 INFO-COM Dpt. Dipartimento di Scienza e Tecnica dell Informazione e della Comunicazione Università degli Studi di Roma La Sapienza 0. Introduzione al corso TELECOMUNICAZIONI per Ingegneria Informatica

Dettagli

Misura 321 Azione 4 Reti tecnologiche di informazione e comunicazione (ICT)

Misura 321 Azione 4 Reti tecnologiche di informazione e comunicazione (ICT) Misura 321 Motivazioni dell intervento Nel panorama regionale esistono alcune aree, soprattutto quelle più marginali, dove la copertura di banda larga non è ancora presente, o in larga parte insufficiente

Dettagli

Roma, 24 Novembre 2014

Roma, 24 Novembre 2014 Roma, 24 Novembre 2014 Piano di rete Comune di GUARDIAGRELE (CH) Piano 2015 Indice dei contenuti INTRODUZIONE 1 ACCENNI SUL SISTEMA CELLULARE 1.1 UMTS E HSDPA: LA NUOVA TECNOLOGIA E LA SUA EVOLUZIONE 1.2

Dettagli

GSM/GPRS/UMTS/HSDPA: evoluzione delle tecnologie e nuovi scenari applicativi

GSM/GPRS/UMTS/HSDPA: evoluzione delle tecnologie e nuovi scenari applicativi www.telit.com GSM/GPRS/UMTS/HSDPA: evoluzione delle tecnologie e nuovi scenari applicativi Sergio Sciarmella I sistemi di telecomunicazione e le reti wireless in particolare sono cambiate in modo radicale

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.11.2007 COM(2007) 700 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

Tecnologie e potenzialità della banda larga

Tecnologie e potenzialità della banda larga Tecnologie e potenzialità della banda larga Unione degli Industriali di Pordenone 1 febbraio 2010 Dip. di Ingegneria Elettrica Gestionale e Meccanica Università degli Studi di Udine Pier Luca Montessoro

Dettagli

Banda larga per dare soluzione al Digital Divide e innovare il Paese

Banda larga per dare soluzione al Digital Divide e innovare il Paese Banda larga per dare soluzione al Digital Divide e innovare il Paese 14/02/2011 Fondamenti di informatica - Prof. Gregorio Cosentino 1 Servizio universale Acqua potabile Energia elettrica Telefono Servizio

Dettagli

Internet e il World Wide Web. Informatica di Base A -- Rossano Gaeta 1

Internet e il World Wide Web. Informatica di Base A -- Rossano Gaeta 1 Internet e il World Wide Web 1 Domande chiave 2.1 Quali sono i mezzi di connessione a Internet e qual è la loro velocità? 2.2 Quali sono i tre tipi di provider Internet e quali tipi di servizi offrono?

Dettagli

Introduzione FlorenceonLine

Introduzione FlorenceonLine 0 Introduzione La tecnologia di trasmissione satellitare bidirezionale non è una novità, in quanto esiste da più di trent anni sotto la sigla VSAT (Very Small Aperture Terminal). A lungo però questa tecnologia

Dettagli

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani Audizione al Parlamento ViceMinistro On. Paolo Romani 1 L Italia per la sua crescita economica, in tutti i settori, ha bisogno di un infrastruttura di rete elettronica a banda larga. Le misure di policy

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956)

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) Allegato B BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) In risposta all obiettivo dell UE di garantire a tutti i cittadini

Dettagli

Banda Ultra Larga Sardegna. Piero Berritta Assessorato degli affari generali, personale e riforma della regione

Banda Ultra Larga Sardegna. Piero Berritta Assessorato degli affari generali, personale e riforma della regione Banda Ultra Larga Sardegna Piero Berritta Assessorato degli affari generali, personale e riforma della regione D.G. Affari Generali e Società dell Informazione Servizio Infrastrutture Tecnologiche per

Dettagli

NELLA sua riunione di Consiglio del 21 dicembre 1999 ed in particolare nella prosecuzione del 22 dicembre 1999;

NELLA sua riunione di Consiglio del 21 dicembre 1999 ed in particolare nella prosecuzione del 22 dicembre 1999; Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni Delibera n. 410/99 Regolamento relativo alla procedura di autorizzazione per il rilascio delle licenze individuali per i sistemi di comunicazioni mobili di

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

Mitan Professionale. Amplificazione Telefonica

Mitan Professionale. Amplificazione Telefonica Mitan Professionale Amplificazione Telefonica MITAN uno sguardo al futuro Il SISTEMA MITAN si arricchisce di nuove soluzioni: in queste pagine trovate una gamma semplice ma completa di dispositivi per

Dettagli

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica ISDN ADSL RAS Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto ATM Reti wireless

Dettagli

Internet. Presentato da N. Her(d)man & Picci. Fabrizia Scorzoni. Illustrazioni di Valentina Bandera

Internet. Presentato da N. Her(d)man & Picci. Fabrizia Scorzoni. Illustrazioni di Valentina Bandera Internet Presentato da N. Her(d)man & Picci Fabrizia Scorzoni Illustrazioni di Valentina Bandera Titolo: Internet Autore: Fabrizia Scorzoni Illustrazioni: Valentina Bandera Self-publishing Prima edizione

Dettagli

Implementazione rete LTE

Implementazione rete LTE Implementazione rete LTE Milano, 11 dicembre 2013 Riccardo Zanini Agenda LTE: caratteristiche e prestazioni Stazioni radio base: installazione ed integrazione Strategia e sviluppo della rete Agenda LTE:

Dettagli

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a. l ambito dell

Dettagli

RTP WiMax RETE TELEMATICA PROVINCIALE

RTP WiMax RETE TELEMATICA PROVINCIALE RTP WiMax RETE TELEMATICA PROVINCIALE Realizzazione di una Rete di telecomunicazione in tecnologia WiMax (Worldwide Interoperability for Microwave Access) per l interconnessione degli edifici della Pubblica

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

UNIDATA S.P.A. Per la Pubblica Amministrazione. Compatibile con. giovedì 23 febbraio 12

UNIDATA S.P.A. Per la Pubblica Amministrazione. Compatibile con. giovedì 23 febbraio 12 Compatibile con UNIDATA S.P.A. Per la Pubblica Amministrazione CHI È UNIDATA Operatore di Telecomunicazioni e Information Technology con molti anni di esperienza, a vocazione regionale, con proprie infrastrutture

Dettagli

La banda 800 MHz per servizi radiomobili in Italia: opportunità e problemi

La banda 800 MHz per servizi radiomobili in Italia: opportunità e problemi La banda 800 MHz per servizi radiomobili in Italia: opportunità e problemi Valerio Zingarelli Telecommunications Studies and Consulting Convegno L armonizzazione europea della banda 800 MHz Fondazione

Dettagli

Internet a banda larga per tutti gli europei: la Commissione avvia un dibattito sul futuro del servizio universale

Internet a banda larga per tutti gli europei: la Commissione avvia un dibattito sul futuro del servizio universale IP/08/1397 Bruxelles, 25 settembre 2008 Internet a banda larga per tutti gli europei: la Commissione avvia un dibattito sul futuro del servizio universale In che modo l'unione europea potrà garantire l'accesso

Dettagli

Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015

Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015 Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015 Indice dei contenuti INTRODUZIONE 1 ACCENNI SUL SISTEMA CELLULARE 1.1 UMTS E HSDPA: LA NUOVA TECNOLOGIA E LA SUA EVOLUZIONE 1.2 LE POTENZIALITÀ

Dettagli

Riccardo De Leonardis. Riccardo.deleonardis@sviluppoeconomico.gov.it

Riccardo De Leonardis. Riccardo.deleonardis@sviluppoeconomico.gov.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 10.09.1964 Riccardo De Leonardis Qualifica Funzionario tecnico (F3-VIII categoria) dal gennaio 2008 Amministrazione

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 e contesto infrastrutturale regionale 1 2 Modello della rete Architettura delle reti ditelecomunicazioni 3 4 Principali segmenti di rete Rete di accesso

Dettagli

Guida all installazione per VDSL

Guida all installazione per VDSL Sommario 1 Introduzione... 2 2 Aree di connessione... 3 2.1 Qualità dei cavi... 4 3 Trasformazioni... 4 3.1 Zona salita e area di connessione... 4 3.2 Installazione BB internet (DSL)... 4 4 Legenda abbreviazioni...

Dettagli

Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione.

Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione. Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione. L evoluzione delle tecnologie informatiche negli ultimi decenni ha contribuito in maniera decisiva allo sviluppo del mondo aziendale, facendo

Dettagli

DELIBERA n. 602/13/CONS

DELIBERA n. 602/13/CONS DELIBERA n. 602/13/CONS REALIZZAZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO NAZIONALE SULLA COPERTURA DEL TERRITORIO ITALIANO DI SERVIZI DI CONNETTIVITÀ IN BANDA LARGA WIRED-WIRELESS-MOBILE DEGLI OPERATORI DI COMUNICAZIONE

Dettagli

Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli

Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli Facoltà di Giurisprudenza DOTTORATO DI RICERCA IN DIRITTO DEGLI AFFARI XXIII CICLO Gli obblighi giuridici di condivisione delle infrastrutture

Dettagli

PROGETTO 10.8.1.A1-FESRPON-SI-2015-348 WEB A PORTATA DI CLICK REALIZZAZIONE DELL'INFRASTRUTTURA E PUNTI DI ACCESSO ALLA RETE LAN/WLAN

PROGETTO 10.8.1.A1-FESRPON-SI-2015-348 WEB A PORTATA DI CLICK REALIZZAZIONE DELL'INFRASTRUTTURA E PUNTI DI ACCESSO ALLA RETE LAN/WLAN 1 MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA ISTITUTO COMPRENSWO DI ACQUEDOLCI Via A. Diaz, n. 66-98070 ACQUEDOLCI (ME) Cod. Fisc.: 95008820839-

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

INFORMATICA LIVELLO BASE

INFORMATICA LIVELLO BASE INFORMATICA LIVELLO BASE INTRODUZIONE 3 Fase Che cos'è una rete? Quali sono i vantaggi di avere una Rete? I componenti di una Rete Cosa sono gi Gli Hub e gli Switch I Modem e i Router Che cos è un Firewall

Dettagli

Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità

Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità Giornata di studio: Infrastrutture avanzate per reti ad alta velocità Modena, 5 Aprile 2006 Università di Modena e Reggio Emilia, Facoltà di Ingegneria Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità

Dettagli

Manuale Intel su reti Wireless

Manuale Intel su reti Wireless Manuale Intel su reti Wireless Una rete basata su cavi non e sempre la soluzione piu pratica, spesso una connettivita wireless risolve i problemi legati alla mobilita ed alla flessibilita che richiediamo

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 Architettura delle reti di telecomunicazioni e contesto infrastrutturale regionale 1 Indice Architettura delle reti di Telecomunicazioni Banda Larga nella

Dettagli

IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI

IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI Vista la legge 31 luglio 1997, n. 249; Visto il decreto-legge 23 gennaio 2001, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 20 marzo 2001, n. 66; Visto il decreto-legge

Dettagli

DELIBERA N. 282/11/CONS

DELIBERA N. 282/11/CONS DELIBERA N. 282/11/CONS PROCEDURE E REGOLE PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DELLE FREQUENZE DISPONIBILI IN BANDA 800, 1800, 2000 E 2600 MHZ PER SISTEMI TERRESTRI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA E SULLE ULTERIORI

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 3 Martedì 11-03-2014 1 Accesso alla rete Gli host possono connettersi

Dettagli

Internet, TV, webcam, telecontrollo, intrattenimento a bordo e da remoto. sistema wimarine

Internet, TV, webcam, telecontrollo, intrattenimento a bordo e da remoto. sistema wimarine Internet, TV, webcam, telecontrollo, intrattenimento a bordo e da remoto sistema wimarine Wimarine box Schema moduli Wimarine box Internet Video locale remoto GPS Controllo parametri fisici TV Il cuore

Dettagli

Press release 22 febbraio 2016

Press release 22 febbraio 2016 La tecnologia e tutte le novità di prodotto AVM al Mobile World Congress 2016 FRITZ!Box per qualsiasi tipo di connessione ad alta velocità: DSL, cavo, fibra ottica e 4G (LTE) WiFi intelligente e un ambiente

Dettagli

INTERNET WIRELESS VELOCE

INTERNET WIRELESS VELOCE INTERNET WIRELESS VELOCE EOLO porta internet a banda ultra-larga ovunque, senza fili né contratto telefonico, anche dove gli altri non arrivano. Con EOLO navighi veloce, senza complicazioni e senza sorprese.

Dettagli

Reti di accesso e mezzi trasmissivi

Reti di accesso e mezzi trasmissivi Reti di accesso e mezzi trasmissivi Domanda: come si connettono gli host agli edge router? Reti di accesso residenziale (da casa) Reti di accesso istituzionali (scuole, università, aziende) Reti di accesso

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it ADSL Consumer

Osservatorio SosTariffe.it ADSL Consumer Osservatorio SosTariffe.it ADSL Consumer Le tariffe per l abbonamento ADSL in Europa: analisi su prezzi e velocità proposti dai principali Provider europei INDICE p. 1 1. Le tariffe ADSL in Europa e in

Dettagli

Gruppo Forza Italia. L ICT in PIEMONTE LE PROPOSTE DI FORZA ITALIA PER RILANCIARE, CON FONDI EUROPEI, UN SETTORE STRATEGICO

Gruppo Forza Italia. L ICT in PIEMONTE LE PROPOSTE DI FORZA ITALIA PER RILANCIARE, CON FONDI EUROPEI, UN SETTORE STRATEGICO L ICT in PIEMONTE LE PROPOSTE DI FORZA ITALIA PER RILANCIARE, CON FONDI EUROPEI, UN SETTORE STRATEGICO La best practice Trentino Politiche ed incentivi pubblici per lo sviluppo di infrastrutture a banda

Dettagli

Realizzazioni, progetti e strategie di Infratel sul territorio della regione Marche. Paolo Corda Responsabile Pianificazione Tecnica Infratel SpA

Realizzazioni, progetti e strategie di Infratel sul territorio della regione Marche. Paolo Corda Responsabile Pianificazione Tecnica Infratel SpA Realizzazioni, progetti e strategie di Infratel sul territorio della regione Marche Paolo Corda Responsabile Pianificazione Tecnica Infratel SpA La missione di Infratel Infratel Italia SpA Estendere le

Dettagli

WiFi: Connessione senza fili. di Andreas Zoeschg

WiFi: Connessione senza fili. di Andreas Zoeschg WiFi: Connessione senza fili di Andreas Zoeschg Introduzione Le tecnologie wireless risultano particolarmente adatte qualora sia necessario supportare la mobilità dei dispositivi utenti o per il deployment

Dettagli

LE TECNOLOGIE WIRELESS PER LA DIFFUSIONE DELLA BANDA LARGA

LE TECNOLOGIE WIRELESS PER LA DIFFUSIONE DELLA BANDA LARGA LE TECNOLOGIE WIRELESS PER LA DIFFUSIONE DELLA BANDA LARGA AGENDA Benvenuto Obiettivo & agenda del seminario Overview sulle principali possibilita di connessioni a banda larga Le connessioni a banda larga

Dettagli

- Corso di computer -

- Corso di computer - - Corso di computer - @ Cantiere Sociale K100-Fuegos Laboratorio organizzato da T-hoster.com www.t-hoster.com info@t-hoster.com Internet: Oggi internet è entrata nella vita quotidiana della maggior parte

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2004/05 Blocco 1 Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Definizioni- Le funzionalità delle reti di TLC 2 Definizioni Comunicazione: trasferimento

Dettagli

Indirizzi in Internet

Indirizzi in Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

A Torino, un parco tecnologico al centro del mondo Trasmissioni bidirezionali IP via satellite: una soluzione atutti i vostri problemi

A Torino, un parco tecnologico al centro del mondo Trasmissioni bidirezionali IP via satellite: una soluzione atutti i vostri problemi A Torino, un parco tecnologico al centro del mondo Trasmissioni bidirezionali IP via satellite: una soluzione atutti i vostri problemi La banda larga bidirezionale via satellite è una soluzione per tutte

Dettagli

Profilo Huawei Italia

Profilo Huawei Italia Profilo Huawei Italia Huawei in Italia Presente sul territorio nazionale dal 2004, Huawei ha due sedi principali (Milano e Roma), uffici nelle maggiori città italiane, oltre 550 dipendenti, un centro di

Dettagli

Banda Ultralarga e Satellite

Banda Ultralarga e Satellite Banda Ultralarga e Satellite Antonio Sposito, Agenzia Spaziale Italiana SMART BUILDING FORUM La rivoluzione del Broadband, Bologna 15 ott. 2015 1 L AGENZIA SPAZIALE ITALIANA L'Agenzia Spaziale Italiana

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: OGGETTO: RETI WI FI PER LA CITTA DI NOVARA. REALIZZAZIONE ED AVVIO DELLA FASE SPERIMENTALE. APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER L ACCESSO AD INTERNET DA PARTE DEI CITTADINI INTERESSATI. LA GIUNTA COMUNALE Premesso

Dettagli

Sistema integrato di comunicazione broadband

Sistema integrato di comunicazione broadband Sistema integrato di comunicazione broadband INNOVAZIONE E TECNOLOGIA AL SERVIZIO DEL MERCATO 1 CHE COSA E SMART 4 PERFORMANCE? Il sistema di comunicazione broadband SMART 4 PERFORMANCE offre soluzioni

Dettagli

Il nome Lepida. Il console Marco Emilio Lepido... La strada telematica. Collegamento tra passato e presente.

Il nome Lepida. Il console Marco Emilio Lepido... La strada telematica. Collegamento tra passato e presente. Il nome Lepida Il console Marco Emilio Lepido... La strada telematica. Collegamento tra passato e presente. La banda larga in Emilia-Romagna PIACENZA prima di Lepida (2003) PARMA FERRARA REGGIO EMILIA

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2006/771/CE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2006/771/CE) L 312/66 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.11.2006 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 9 novembre 2006 relativa all armonizzazione dello spettro radio per l'utilizzo da parte di apparecchiature a corto

Dettagli

Diritto di accesso alla rete a banda larga: le azioni dell Emilia-Romagna Anna Lisa Minghetti Responsabile Area Reti Lepida & Wireless Lepida SpA

Diritto di accesso alla rete a banda larga: le azioni dell Emilia-Romagna Anna Lisa Minghetti Responsabile Area Reti Lepida & Wireless Lepida SpA Diritto di accesso alla rete a banda larga: le azioni dell Emilia-Romagna Anna Lisa Minghetti Responsabile Area Reti Lepida & Wireless Lepida SpA L Agenda Digitale Europea e l Emilia-Romagna Banda Larga

Dettagli

Esperienze di trial WiMAX in Telecom Italia

Esperienze di trial WiMAX in Telecom Italia Belluno, 23 novembre 2007 Esperienze di trial WiMAX in Telecom Italia Technology - Tilab VALERIO PALESTINI Wireless Broadband technologies evolution 2003/4 2005/6 2007/8 2009/10 2011/12 2013/14 WiMax Fixed

Dettagli

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Le Reti di Computer Prof. Mattia Amadori Anno Scolastico 2015/2016 COS È UNA RETE DI COMPUTER? Rete di computer è

Dettagli