In questo capitolo iniziale vengono illustrate le disposizioni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "In questo capitolo iniziale vengono illustrate le disposizioni"

Transcript

1 Contesto di riferimento Contesto di riferimento In questo capitolo iniziale vengono illustrate le disposizioni normative nazionali e regionali che informano le azioni del Policlinico. Viene poi presentato il quadro delle relazioni che intercorrono tra l Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna e l Università di Bologna. Le relazioni con l Università si fondano su un sistema di accordi attuativi dei protocolli d intesa stipulati tra Regione e Università interessate. La Facoltà di Medicina e Chirurgia ha diversi corsi attivi, che insistono direttamente sulle strutture dell Azienda. Numerose convenzioni sono stipulate con altre Facoltà dell Università di Bologna e con varie Facoltà di altre Università per la collaborazione nel completamento della formazione universitaria. Nell ambito della rete dell offerta regionale dell attività di ricovero si è registrata, nell ultimo anno, una diminuzione nella dotazione aziendale di posti letto, in linea con le altre strutture presenti nel territorio metropolitano. L azienda si conferma poi come sede di numerosi centri di riferimento formalizzati, quali il Centro Trapianti di Organi e Tessuti, il Centro per la Sindrome di Marfan, il Centro per le Malattie Rare. Infine, sono presentati i principi generali degli accordi di fornitura, siglati dall Azienda con le Aziende USL di Bologna e Imola e con gli Istituti Ortopedici Rizzoli. 8 9

2 . Quadro normativo e istituzionale Delibera di Giunta Regionale 4 febbraio 2005 n. 297 Protocollo di Intesa tra la Quadro normativo e istituzionale Contesto Il sistema di relazione con l Università Contesto Numerose sono le disposizioni normative nazionali e regionali che, succedutesi negli ultimi anni, hanno prodotto effetti significativi per l assetto e l attività delle aziende sanitarie, determinando un complesso contesto di riferimento normativo ed istituzionale. Le disposizioni normative nazionali e regionali che informano le azioni Di seguito vengono richiamate, suddivise per tematiche di maggior interesse Aziendale, del Policlinico, le disposizioni di recente emanazione e più significative sia a livello nazionale che determinano un regionale, che hanno avuto impatto sulle attività aziendali e che si caratterizzano per una forte rilevanza di carattere trasversale. Si precisa che nella trattazione dei singoli temi riportati nel presente documento è comunque richiamata la normativa di complesso contesto di riferimento normativo ed istituzionale riferimento... Principale normativa di riferimento sulla programmazione aziendale Deliberazioni di Giunta Regionale n. 02 del 27 giugno 2005 e n. 426 del 27 marzo 2006 Approvazione del Piano Regionale della Prevenzione rispettivamente prima e seconda parte ; Deliberazione dell Assemblea Legislativa della R.E.R. 22 maggio 2008, n. 75 Piano Sociale e Sanitario (Proposta della giunta in data ottobre 2007, n. 448) ; Documento Linee per la pianificazione strategica di mandato dell ottobre 2005 nota Prot. n del (Programmazione Aziendale pluriennale); Piano di Rientro Aziendale quinquennale che definisce un piano di riorganizzazione pluriennale di rientro dalla situazione di deficit strutturale (periodo ottobre ottobre 200) (Programmazione aziendale pluriennale); Schema direttore decennale che definisce le linee strategiche per la realizzazione e la modernizzazione delle strutture edilizie del Policlinico di Bologna (Programmazione aziendale pluriennale); Quadro delle relazioni Patto per la salute Provvedimento del 3 dicembre 2009 della Conferenza che intercorrono tra permanente Stato- Regioni (G.U. 4//200); l Azienda Ospedaliero Piano delle azioni e Budget aziendale 200; - Universitaria di Deliberazione di Giunta Regionale 8 febbraio 200, n. 234 Finanziamento del Servizio sanitario regionale per l anno 200 ; Bologna e l Università di Bologna Accordo di collaborazione tra l Azienda USL di Bologna e l Azienda Ospedaliera di Bologna e contratto di fornitura 200 in materia di prestazioni di ricovero, Specialistica Ambulatoriale, Pronto Soccorso non seguito da ricovero, Clinical Governance, Politica del farmaco, Innovazione e sviluppo Tecnologico e informatico e parte economica 200 settembre 200. del Servizio Sanitario Regionale ; Regione Emilia-Romagna e le Università degli Studi di Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia e Parma, in attuazione dell art. 9 della L.R. 23 dicembre 2004 n. 29 ; Delibera di Giunta Regionale 4 febbraio 2005 n. 38 Disciplina delle Aziende ospedaliero-universitarie ai sensi dell articolo 9, comma 6, della legge regionale 23 dicembre 2004 n. 29 recante Norme generali sull organizzazione ed il funzionamento del Servizio sanitario regionale ; Delibera di Giunta Regionale 5 novembre 2006 n. 546 Protocollo d intesa sulla formazione specialistica dei laureati in Medicina e Chirurgia ; Delibera di Giunta Regionale n. 870 del 8 dicembre 2006 Approvazione Programma di Ricerca Regione-Università Indirizzi ai sensi dell art. 9, comma 9, della legge regionale 23 dicembre 2004 n. 29 ; Linee guida per l equiparazione economica del personale tecnico-amministrativo universitario al corrispondente personale delle Aziende Sanitarie, che recepiscono il verbale d intesa per l equiparazione in oggetto, sottoscritto in data 9 dicembre 2006 dalla Regione, dalle Università e dalle Organizzazioni Sindacali; Verbale d intesa tra Regione Emilia-Romagna e Università degli Studi di Bologna, Ferrara, Modena - Reggio Emilia e Parma in merito a Indirizzi per il primo adeguamento del trattamento economico dei docenti e ricercatori universitari equiparati alla dirigenza del SSR a seguito dell entrata in vigore dei CCNL per la dirigenza del SSN sottoscritti il 3//2005 e il 5/7/2006, sottoscritto il 26 novembre Il sistema delle relazioni con l Università Di seguito viene illustrato in termini generali il quadro delle relazioni istituzionali che intercorrono tra l Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna e l Università di Bologna..2. Relazioni con l Ateneo L Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna è l Azienda sanitaria di riferimento per la collaborazione tra il Servizio sanitario regionale e l Università di Bologna, ai sensi della L.R. 29/2004 (art. 9, comma 6) che disciplina le Aziende ospedaliero - universitarie in analogia alle Aziende USL e secondo i principi del decreto legislativo 2 dicembre 999, n. 57, cui si richiama espressamente...2 Principale normativa di riferimento relativa ai rapporti con l Università D.Lgs. 2 dicembre 999 n. 57 Disciplina dei rapporti tra S.S.N. e Università, a norma dell articolo 6 della legge , n. 49 ; L.R. 23 dicembre 2004 n. 29 Norme generali sull organizzazione e il funzionamento Nell ambito della missione aziendale è quindi centrale il compito di conseguire l integrazione tra le attività assistenziali e le attività di didattica e di ricerca svolte dal Servizio Sanitario e dall Università. A questo fine, l impalcatura del sistema è costituita, a livello sovra-aziendale, dai protocolli d intesa tra la Regione 0

3 Emilia-Romagna e le Università di Bologna, di Ferrara, di Modena Reggio Emilia e di Parma. A livello locale, operano gli Accordi di attuazione dei suddetti protocolli d intesa, stipulati nel caso concreto tra quest Azienda e l Università di Bologna. Si deve poi evidenziare che è lo stesso modello aziendale delineato con la legge regionale n. 29 ad essere stato concepito dal legislatore come strumento di collaborazione e di integrazione con l Università. Il quadro così sommariamente delineato non presenta novità nel periodo considerato. Ad oggi sono, infatti, vigenti i seguenti protocolli d intesa: il protocollo d intesa tra la Regione e le Università del 4 febbraio 2005, previsto dall art. 9 della legge regionale 23 dicembre 2004 n. 29 (deliberazione della Giunta Regionale n. 297 del ); il protocollo d intesa sulla formazione specialistica dei laureati in Medicina e Chirurgia, sottoscritto tra Regione e Università dell Emilia-Romagna il (deliberazione di Giunta regionale n. 546 del ); il nuovo Protocollo d intesa sulla formazione delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione non è ancora stato stipulato. Vige perciò, per quanto ancora applicabile, il protocollo di intesa stipulato il tra Regione Emilia Romagna e Università, così come previsto all art. 6, comma 3, del Decreto Legislativo n. 502/92 e successive modifiche, per l espletamento dei corsi di Diploma Universitario. successive modifiche e decreto MURST-Sanità del (deliberazione del Il sistema di relazione con l Università Contesto Il sistema di relazione con l Università Contesto Direttore generale n del ). L Accordo è stato oggetto di successive integrazioni, al fine di comprendervi il diploma universitario di ostetrica e di tecnico sanitario di radiologia medica (deliberazione n. 29 del ). Le relazioni con l Università si Il quadro delle relazioni con l Università comprende altri accordi anch essi già vigenti da fondano su un tempo: sistema di accordi Accordo tra l Università di Bologna e l Azienda Ospedaliera sulla rilevazione del debito attuativi dei protocolli d intesa stipulati tra orario del personale universitario convenzionato, equiparato alla dirigenza sanitaria, Regione e Università sottoscritto il ; interessate. Protocollo integrativo concernente il personale tecnico-amministrativo, tra l Azienda Ospedaliera di Bologna Policlinico S. Orsola - Malpighi e l Università degli Studi di Bologna, approvato con deliberazione del Direttore generale n. 2 del (per le parti tuttora compatibili); Accordo tra l Università degli Studi di Bologna e l Azienda Ospedaliera di Bologna - Policlinico S. Orsola - Malpighi, sull impiego nell attività assistenziale dei Dottorandi (L. 4/0/99, n. 4) e dei Titolari di Assegno di Ricerca (L , n. 449), operativo dal 2003, con il quale sono stati stabiliti i criteri e le modalità per l impiego dei dottorandi e degli assegnisti nelle attività assistenziali all interno dell Azienda. Con le note riportate sopra è stata ripercorsa a grandi linee la struttura istituzionale dei rapporti tra l Azienda e l Università di Bologna con particolare riferimento alla Facoltà di Medicina e Chirurgia, senza con ciò esaurirne la complessità e senza entrare nei contenuti per i quali si rinvia ai successivi paragrafi 2.4. e 3.6. Tra l Azienda e l Università di Bologna vigono i seguenti accordi attuativi dei protocolli d intesa a livello regionale: per quanto riguarda le attività assistenziali essenziali per le funzioni istituzionali della Facoltà di Medicina e Chirurgia, si fa ancora riferimento alla disciplina dell accordo locale sottoscritto il 28 maggio 999 e con effetto dal 2 luglio dello stesso anno, in attuazione del previgente Protocollo d intesa per le attività assistenziali stipulato tra la Regione e le Università il , ai sensi dell art. 6, comma del D.Lgs , n. 502 e s.m.i.; per quanto concerne la formazione specialistica, il è stato stipulato l Accordo attuativo locale tra l Azienda Ospedaliero -Universitaria di Bologna - Policlinico S. Orsola - Malpighi e l Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, in attuazione del Protocollo d intesa sulla formazione specialistica dei laureati in Medicina e Chirurgia sottoscritto tra Regione e Università dell Emilia-Romagna; per la formazione delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione vige ancora l Accordo attuativo tra l Università degli Studi di Bologna e l Azienda Ospedaliera di Bologna - Policlinico S. Orsola - Malpighi per l espletamento dei corsi di diploma universitario per infermiere, fisioterapista e tecnico sanitario di laboratorio biomedico di cui all art. 2 della legge n. 34 ed in attuazione dell art. 6, comma 3, del decreto legislativo n. 502/92 e.2.2 Relazioni con altre facoltà o altri Atenei Oltre che con la Facoltà di Medicina e Chirurgia, l Azienda intrattiene con altre Facoltà e strutture didattiche dell Università di Bologna una rete di relazioni orientata alla finalità di assicurare la collaborazione per il completamento della formazione accademica e professionale dei discenti, attraverso lo svolgimento di tirocini. Rapporti del tutto analoghi sono istituiti con numerose altre Università, in prevalenza - ma non esclusivamente - nell interesse delle rispettive Facoltà di Medicina e Chirurgia. I suddetti tirocini possono essere di tipo curricolare oppure formativo e di orientamento al lavoro. In quest ultimo caso, il tirocinio può essere finalizzato anche all ammissione all esame di Stato, per le facoltà che lo prevedono (tirocini professionalizzanti). Le attività di stage sono regolamentate dal D.M. 42/98, che prevede la stipula di convenzioni, che hanno lo scopo di disciplinare la relazione tra l Azienda (soggetto ospitante) e l Università interessata (soggetto promotore) e che comportano l assunzione da parte dell Azienda dell impegno ad accogliere presso le sue strutture un numero di studenti o di laureati in tirocinio. Sono, inoltre, vigenti convenzioni con altre Università per le specifiche finalità di formazione specialistica dei laureati in medicina e chirurgia iscritti a diverse Scuole di Specializzazione. 2 3

4 Di seguito, si elencano le convenzioni con Facoltà e Dipartimenti dell Università di Bologna, attive nel 200 o stipulate nello stesso anno: convenzione con l Università di Bologna - Master in Ingegneria Clinica proposto dalla I e II Facoltà di Ingegneria e l Ente di Formazione COFIMP, per stage formativi; convenzione con l Università di Bologna - Facoltà di Psicologia - Polo Scientifico- Didattico di Cesena, per lo svolgimento delle attività di tirocinio; convenzione con l Università di Bologna, per l utilizzo di strutture e personale del Servizio di Farmacia del Policlinico S. Orsola-Malpighi da parte della Scuola di Specializzazione in Farmacia Ospedaliera; convenzione con l Università di Bologna - Master in Management Farmaceutico: politiche aziendali per la salute dell uomo e dell ambiente, per stage formativi; convenzione con l Università di Bologna - Master in Valutazione dei Farmaci e Farmacoepidemiologia, per stage formativi; convenzione di stage relativa al Master in Programmazione, Gestione e Valutazione dei Servizi sanitari dell Università di Bologna - Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica; convenzione quadro con l Alma Mater Studiorum - Università di Bologna - Facoltà di Ingegneria per lo svolgimento delle attività di tirocinio; convenzione con l Alma Mater Studiorum - Università di Bologna per il completamento dell attività formativa degli specializzandi iscritti alla Scuola di specializzazione in Psicologia della Salute; convenzione con la Facoltà di Scienze della Formazione dell Università di Bologna, per lo svolgimento dei tirocini degli studenti della Classe delle Lauree e della Classe delle Lauree Specialistiche in Scienze dell Educazione e della Formazione attivate dalla stessa Facoltà; convenzione con l Università di Bologna - Master di I livello in Diritto Sanitario, per tirocini formativi e di orientamento; convenzione di stage con l Università di Bologna - Master in Organizzazione, Gestione e Assistenza in Hospice. Segue l elenco delle convenzioni con altri Atenei: convenzione con l Università degli Studi di Parma - Scuola di specializzazione in Chirurgia Plastica e Ricostruttiva; convenzione a scopo di didattica integrativa con l Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia - Facoltà di Farmacia - Scuola di Specializzazione in Farmacia Ospedaliera; convenzione di tirocinio di formazione e di orientamento con l Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia per il corso di laurea magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche; convenzione di tirocinio di formazione e di orientamento con l Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia - Facoltà di Scienze della Comunicazione e dell Economia; convenzione con l Università degli Studi di Ferrara per lo svolgimento delle attività di tirocinio/stage di formazione e orientamento per studenti iscritti al corso di laurea specialistica in Scienze Infermieristiche e Ostetriche; convenzione con Università degli Studi di Udine e di Trieste per l attività di Il sistema di relazione con l Università Contesto Il sistema di relazione con l Università Contesto tirocinio formativo previsto dal Corso di laurea Specialistica interateneo in Scienze Infermieristiche e Ostetriche; convenzione unica di tirocinio formativo con l Università degli Studi di Parma; convenzione per tirocini di formazione e orientamento per gli studenti e i neolaureati dell Università degli Studi di Verona; convenzione con l Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Medicina e Chirurgia per lo svolgimento di tirocinio formativo e di orientamento; convenzione con l Università G. D Annunzio di Chieti - Pescara - Facoltà di Medicina e Chirurgia per lo svolgimento del tirocinio pratico degli studenti del master in Management infermieristico per le funzioni di coordinamento ; convenzione con l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo per lo svolgimento del tirocinio di formazione e orientamento; convenzione per lo svolgimento di tirocini di formazione ed orientamento per gli studenti iscritti ai Corsi di studio dell Università di Pisa (Master di I livello in Coordinamento infermieristico di donazione e trapianto di organi e tessuti ); convenzione con l Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute, per la frequenza dei tirocinanti del corso di laurea specialistica in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche per l anno accademico ; convenzione con l Università degli Studi del Molise, per lo svolgimento del tirocinio formativo - professionalizzante degli iscritti al Corso di Formazione per Mediatori Interculturali ; convenzione per lo svolgimento di tirocini formativi e di orientamento degli studenti e dei laureati dell Università degli Studi di Perugia - Corso di laurea Specialistica in Scienze dell Alimentazione e Nutrizione Umana; specializzazione in malattie dell apparato cardiovascolare dell Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia; specializzazione in Chirurgia vascolare dell Università degli Studi di Catania; convenzione di tirocinio di formazione e orientamento con la Libera Università di Comunicazione e Lingue IULM con sede in Milano; convenzione quadro per tirocini formativi e di orientamento con l Università degli Studi di Milano Bicocca; convenzione di tirocinio di formazione e di orientamento con l Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia - Master in Funzioni di coordinamento nelle professioni sanitarie ; convenzione di tirocinio di formazione ed orientamento con l Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia - Corso di laurea in Tecniche di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare; convenzione con l Università degli Studi di L Aquila per lo svolgimento di attività di tirocinio e di orientamento (ai sensi dell art. 8 L. 96/97 e dell art. D.M. lavoro 4 5

5 Il sistema di relazione con l Università Contesto La rete integrata dell offerta regionale Contesto e Previdenza Sociale n. 42/98) per studenti, laureati e diplomati della Facoltà di Medicina e Chirurgia; convenzione con COREP - Consorzio per la Ricerca e l Educazione Permanente (costituito da Università degli Studi di Torino e Regione Piemonte) per gli stage di Master dell Area Medicina dell Università degli Studi di Torino (Master in Organizzazione e Coordinamento dell Assistenza Infermieristica); convenzione con Università Telematica Telma per tirocini di formazione e di orientamento; convenzione quadro con l Università Telematica Pegaso, con sede in Napoli, per tirocini di formazione e di orientamento; convenzione di tirocinio formativo e di orientamento con l Università degli Studi di Napoli Federico II ; convenzione per l espletamento di tirocini formativi per laureati frequentanti il Master universitario di primo livello in Management infermieristico per le funzioni di coordinamento attivato dall Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma presso l Istituto Ospedaliero la Fondazione Poliambulanza di Brescia; convenzione con l Università degli Studi di Pavia, per lo svolgimento del tirocinio pratico post laurea per l ammissione all esame di stato per l abilitazione all esercizio della professione di Psicologo; convenzione con l Università degli Studi di Ferrara per lo svolgimento delle attività di tirocinio; specializzazione in Pediatria dell Università degli Studi di Ferrara; specializzazione in Cardiochirurgia dell Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia; specializzazione in Pediatria dell Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia; convenzione a scopo di formazione specialistica per un iscritto alla Scuola di specializzazione in Medicina Fisica e Riabilitazione dell Università degli Studi di Padova; convenzione quadro per tirocini di formazione di orientamento con l Università degli Studi di Roma La Sapienza ; convenzione quadro per tirocini di formazione e di orientamento per gli studenti e i laureati iscritti ai corsi di studio dell Università degli Studi di Siena; convenzione con il Consorzio Interuniversitario FO.R.T.UN.E per lo svolgimento del tirocinio del Master Universitario di II Livello in Psicodiagnostica e Valutazione Psicologica; convenzioni di stage con la Scuola Provinciale Superiore di Sanità Claudiana di Bolzano, per gli studenti del Corso di laurea in Infermieristica; convenzione di tirocinio post-lauream con l Università degli Studi di Firenze Facoltà di Psicologia, per l ammissione all esame di Stato per l abilitazione alla professione di Psicologo..3 La rete integrata dell offerta regionale.3. Struttura dell offerta Tabella. Posti letto (degenza ordinaria e day hospital) dei presidi pubblici e privati accreditati del territorio metropolitano e della provincia di Bologna (Anni ) Posti letto accreditati AUSL AOU IOR Privato accreditato Totale metropolitano Imola (pubblico e privato) Totale provincia Fonte: Regione Emilia-Romagna 6 7

6 La rete integrata dell offerta regionale Contesto Tabella.2 Posti letto dei presidi pubblici e privati accreditati nel territorio metropolitano e della provincia di Bologna per tipologia e rapporto con la popolazione residente (Anno 200) Figura. Strutture presenti nel territorio dell Azienda USL di Bologna. La rete integrata dell offerta regionale Posti letto pubblici e privati accreditati RER al Contesto N posti letto Indicatori AZIENDE Acuti Riabilitazione LD Totale PL acuti ab. PL riab e LD ab. PL totali AUSL BO AOU IOR privato accreditato Totale metropolitano Imola (pub.+priv.) ,64 0,87 5, ,69,6 4,30 Totale provincia ,38 0,97 5,35 Fonte: Regione Emilia - Romagna Complessivamente il territorio dell area metropolitana di Bologna (tab.) presenta, nel 200, una dotazione di posti letto (PL). Nella ripartizione in letti per acuti, riabilitazione e lungo degenza, si nota che circa l 85% dei PL è destinato ad acuti e il 5% a riabilitazione e lungo degenza (tab.2). Rispetto al 2004 la dotazione totale di PL sul territorio aziendale si è ridotta del 6,5%; la riduzione ha interessato sia le strutture private accreditate (in maggior percentuale) che le strutture pubbliche come l Azienda USL e l Azienda Ospedaliero-Universitaria. L indice di posti letto per mille abitanti è pari a 5,5 di cui 4,64 per acuti e 0,87 per post acuti (lungodegenza e riabilitazione). Il valore relativamente più elevato rispetto allo standard nazionale (4,5 incluso lo 0,7 per post acuti) è giustificato dall alto indice di attrazione degli ospedali dell area metropolitana che trattano per quasi il 30% casistica di fuori provincia e fuori regione. Fonte: Mod.HSP2-3 Tabella.3 Gli ospedali della città: centri di riferimento formalizzati Centro formalizzato AOU IOR Maggiore Bellaria Privato TRAPIANTI DI ORGANI E TESSUTI SINDROME DI MARFAN GENETICA MEDICA CARDIOCHIRURGIA CARDIOLOGIA ECARDIOCHIRURGIAPEDIATRICA CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA RIANIMAZIONE PEDIATRICA MALATTIE RARE 8 9

7 Centro formalizzato AOU IOR Maggiore Bellaria Privato NEFROLOGIA PEDIATRICA DISTURBI COMPORTAMENTO ALIMENTARE Per quanto riguarda questo paragrafo, si rimanda al bilancio di missione 200 dell Azienda Accordi di fornitura Contesto Accordi di fornitura Contesto.4 Osservazioni epidemiologiche. USL di Bologna. ONCOLOGIA ED EMATOLOGIA PEDIATRICA.5 Accordi di fornitura GENETICA MEDICA BANCA DEL TESSUTO MUSCOLO SCHELETRICO CHIRURGIA VERTEBRALE ORTOPEDIA PEDIATRICA ORTOPEDIA ONCOLOGICA GRAVI PATOLOGIE INFETTIVE OSSEE CHIRURGIA DEL PIEDE TRAUMA CENTER CENTRALE OPERATIVA 8 elezione traumatologia L Azienda USL ha definito accordi di fornitura con l Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna Policlinico S. Orsola Malpighi, con l AUSL di Imola e con lo IOR. I principi di riferimento degli accordi 200 derivano e danno continuità ai precedenti accordi, con particolare attenzione a quanto definito all interno della programmazione locale dell offerta, atta a soddisfare la domanda espressa dalla popolazione residente nei territori di competenza, con l intento di perseguire l autosufficienza territoriale, nel rispetto del modello organizzativo Hub & Spoke, della valorizzazione delle eccellenze presenti nelle diverse strutture e dell appropriatezza di sede e del regime di erogazione delle prestazioni, in una logica di programmazione integrata dei servizi. Nell accordo sono stati trattati i seguenti temi in termini di pianificazione congiunta dell offerta sia dal punto di vista qualitativo (nuovi servizi, percorsi clinici, audit) che quantitativo: attività di ricovero; assistenza specialistica ambulatoriale; Pronto Soccorso; farmaci distribuiti ai cittadini. CENTRO SANGUE BANCA DELLE CORNEE NEUROCHIRURGIA NEUROCHIRURGIA PEDIATRICA POLO SCIENZE NEUROLOGICHE Fonte: Azienda USL di Bologna Le strutture ospedaliere della città presentano un alta concentrazione di discipline a diffusione provinciale e sovra-provinciale (tab.3), con numerosi centri di riferimento formalizzati. Peraltro, contengono anche posti letto per discipline di base per circa il 55% del totale. Gli ospedali della cintura sono invece prevalentemente costituiti da discipline di base, con discipline a diffusione provinciale per circa il 5% dei posti letto. L accordo di fornitura siglato fra AUSL e IOR, inoltre, è conforme alle indicazioni fornite dalla RER (DGR n. 608/2009). Gli accordi stipulati hanno consentito di migliorare il livello di appropriatezza dei ricoveri e conseguire i seguenti risultati per i residenti nell Azienda USL di Bologna: riduzione del tasso di ospedalizzazione standardizzato () di quasi 3 punti (da 75,57 a 72,63 ), inferiore al tasso RER di punto (TOS RER 73,6 ); riduzione rispetto al 2009 di ricoveri relativi a DRG potenzialmente inappropriati in regime ordinario, calcolati con il criterio 200 di selezione secondo il nuovo elenco dei DRG potenzialmente inappropriati contenuto nella DGR 890/200 che ha introdotto anche il concetto di soglia massima di ammissibilità (-7% al S. Orsola per -234 casi); riduzione presso l AOU della casistica relativa ad interventi cardiovascolari con due giorni di degenza ed intervento in prima o seconda giornata; trasferimento dell attività di endocrinologia pediatrica dell AOU dalla degenza ordinaria al regime ambulatoriale; 20 2

8 Accordi di fornitura Contesto Accordi di fornitura Contesto aumento della complessità della casistica chirurgica effettuata dall AOU a favore dei residenti con un incremento del valore medio per caso trattato di circa 200 (da 4.96 nel 2009 a 5.63 nel 200); assegnazione di un unica responsabilità dirigenziale alle 2 Chirurgie Pediatriche di Bologna (S. Orsola Malpighi e Maggiore) con rilancio dell attività chirurgica, in particolare presso il Maggiore; consolidamento dell attività ortopedica, iniziata a settembre 2009, svolta dallo IOR negli Ospedali di Bentivoglio e Budrio, con un incremento rispetto al 2008 dell attività di ricovero sia in termini di casistica (+5 casi), che di complessità (+.38 per caso trattato); consolidamento del livello di produzione complessivo dello IOR come centro HUB a favore dei residenti, rappresentando la percentuale della casistica afferente alle funzioni HUB (ortopedia oncologica, chirurgia vertebrale, ortopedia pediatrica, chirurgia protesica e chirurgia dei piedi e della spalla) il 36% come casistica e il 46% come valorizzazione sul totale; è stato realizzata, con il contributo dell Agenzia Sanitaria e sociale Regionale, la valutazione prospettica dell appropriatezza degli esami PET, che ha documentato un buon livello di appropriatezza prescrittiva; è stato consolidato il modello integrato AUSL-AOSPU per il trattamento del paziente con ictus ischemico acuto candidabile alla trombolisi e non; sono stati condivisi il percorso interaziendale per il trauma cranico lieve-moderato nell adulto e il percorso interaziendale per la gestione della cefalea atraumatica nell adulto. Tabella.4 Valore economico accordi di fornitura (Anno 200) AOU ACCORDI DI FORNITURA 200 IOR IMOLA (erogatore Imola per residenti Bologna) IMOLA (erogatore Bologna per residenti Imola) Degenza Specialistica Totale Somministraione diretta farmaci Totale Mancato incremento del valore tariffario sui ricoveri Farmaci a stranieri STP ed Emocomponenti Inoltre nell ambito dell AVEC sono state condotte le seguenti attività: revisione della programmazione integrata delle prestazioni di riabilitazione in regime di ricovero con particolare riferimento a mielolesioni, cerebro lesioni, riabilitazione post acuti (codici 56 60); costituzione del gruppo di lavoro per l implementazione degli obiettivi regionali del percorso nascita; verifica dell evoluzione dei progetti pluriennali relativi a Rete Cardiologica e Cardiochirurgica; Rete Emergenza 8, unificazione centrali accreditamento trasporti pazienti; Programmazione di Area Vasta dell offerta dell attività di genetica medica; avvio delle azioni propedeutiche di definizione operativa delle unificazioni dei servizi di provveditorato, gestione amministrativa del rischio/assicurazioni, previdenza per il personale dipendente Fonte: Ausl di Bologna 22 23

In questo capitolo iniziale vengono illustrate le disposizioni

In questo capitolo iniziale vengono illustrate le disposizioni Contesto di riferimento Contesto di riferimento In questo capitolo iniziale vengono illustrate le disposizioni normative nazionali e regionali che informano le azioni del Policlinico. Viene poi presentato

Dettagli

Bilancio di Missione 2009

Bilancio di Missione 2009 Bilancio di Missione 2009 Policlinico S.Orsola-Malpighi 1 2 indice pag. 6 Presentazione Bilancio di Missione 1Contesto 1.1 pag. 10x pag. 11x pag. 16x pag. 20x pag. 20x pag. 8 di riferimento Quadro normativo

Dettagli

Bilancio di Missione. duemiladodici. Policlinico S. Orsola-Malpighi

Bilancio di Missione. duemiladodici. Policlinico S. Orsola-Malpighi Bilancio di Missione duemiladodici Policlinico S. Orsola-Malpighi Bilancio di Missione 2012 Policlinico S.Orsola-Malpighi 4 indice pag. 6 Presentazione Bilancio di Missione 1Contesto 1.1 pag. 10x pag.

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE E stata fondata da Padre Agostino Gemelli nel 1921 E presente in 4 città: Milano,

Dettagli

Policlinico S. Orsola-Malpighi. Policlinico. S. Orsola-Malpighi

Policlinico S. Orsola-Malpighi. Policlinico. S. Orsola-Malpighi Policlinico S. Orsola-Malpighi Bilancio di Missioneduemilaotto Policlinico S. Orsola-Malpighi Bilancio di Missione 2008 Policlinico S.Orsola-Malpighi 1 2 indice pag. 6 Presentazione Bilancio di Missione

Dettagli

I master infermieristici in Area Critica

I master infermieristici in Area Critica WORKSHOP NAZIONALE ANIARTI Firenze 24 giugno 2006 - Palazzo dei Congressi I master infermieristici in Area Critica I corsi master per l area critica nelle università italiane: dove, quanti, come. Un indagine

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU36 08/09/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 30 agosto 2011, n. 18-2532 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei Commissione Nazionale Corsi di Laurea in Infermieristica Milano 10 giugno 2011 Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei protocolli d intesa d Università - Regioni Valerio Dimonte Legge 30 DICEMBRE

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI MINISTERO DELLISTRUZIONE, DELLUNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 2 luglio 2013. De nizione dei posti disponibili

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con Il Ministro della Salute

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con Il Ministro della Salute VISTO il decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, recante Testo Unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, e successive modificazioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PER LA IMPLEMENTAZIONE DELL ATTIVITA DI DIDATTICA E DI RICERCA ALL INTERNO DELLE

Dettagli

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura Allegato 3 requisiti organizzativi di personale minimi per le attività ospedaliere Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura 1 Gli schemi

Dettagli

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri Organizzazione dei servizi sanitari Dr. Silvio Tafuri Premessa metodologica Classificazione dei sistemi sanitari in base alle fonti di finanziamento: n n n n Sistemi assicurativi Sistemi finanziati dalla

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU31 02/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 12 luglio 2012, n. 29-4146 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli

A relazione del Presidente Cota:

A relazione del Presidente Cota: REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 1-2202 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA Pagina 1 di 5 MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 29 luglio 2015 Programmazione dei posti per l'accesso ai corsi di laurea magistrale a ciclo unico in medicina e chirurgia

Dettagli

TIPOLOGIA VALUTAZIONE DEGLI STANDARD TOTALE PRESENTI RICHIESTA CHIARIMENTI

TIPOLOGIA VALUTAZIONE DEGLI STANDARD TOTALE PRESENTI RICHIESTA CHIARIMENTI TIPOLOGIA VALUTAZIONE DEGLI STANDARD TOTALE PRESENTI RICHIESTA CHIARIMENTI CARENZE DI RILIEVO CHIRURGIA 28 7 4 39 GENERALE CHIRURGIA 18 7 6 31 TORACICA CARDIOCHIRURGIA 10 18 1 29 CHIRURGIA 13 7 4 24 APPARATO

Dettagli

ATENEI. Determinazione del numero dei posti disponibili per l'accesso ai corsi di laurea delle professioni sanitarie afferenti alla classe SNT/1

ATENEI. Determinazione del numero dei posti disponibili per l'accesso ai corsi di laurea delle professioni sanitarie afferenti alla classe SNT/1 Determinazione del numero dei posti disponibili per l'accesso ai corsi di laurea delle professioni sanitarie afferenti alla classe SNT/1 Professioni sanitarie Infermieristiche e professione sanitaria Ostetrica

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Ricerca e Innovazione in un ospedale specialistico: L Istituto Ortopedico Rizzoli

Ricerca e Innovazione in un ospedale specialistico: L Istituto Ortopedico Rizzoli Ricerca e Innovazione in un ospedale specialistico: L Istituto Ortopedico Rizzoli Luca Bianciardi Direttore Sanitario Istituto Ortopedico Rizzoli 26 settembre 2015 Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Numero posti disponibili per studenti comunitari e non comunitari residenti in Italia di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286,

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Numero posti disponibili per studenti comunitari e non comunitari residenti in Italia di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286,

Dettagli

Nota metodologica. Avvertenze

Nota metodologica. Avvertenze 1 Nota metodologica Le informazioni sulla struttura e l attività degli istituti di cura sono elaborate dall Istat a partire dai dati rilevati dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA)

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA) REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA) Art. 1 Istituzione del Master di primo livello per le funzioni di coordinamento

Dettagli

TUTTO CIÒ PREMESSO CONCORDANO SU QUANTO SEGUE

TUTTO CIÒ PREMESSO CONCORDANO SU QUANTO SEGUE Accordo di collaborazione interuniversitaria tra l Università degli Studi di Cagliari e l Università degli Studi di Sassari per l aggregazione di Scuole di specializzazione mediche della stessa tipologia

Dettagli

Specializzato in Statistica Sanitaria con indirizzo in programmazione socio-sanitaria presso l Università dell Aquila con votazione 70/70 e lode.

Specializzato in Statistica Sanitaria con indirizzo in programmazione socio-sanitaria presso l Università dell Aquila con votazione 70/70 e lode. DOTT. IVAN TERSIGNI CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE STUDI Laureato in Medicina e Chirurgia presso l'universita' Cattolica del Sacro Cuore di Roma il 21-7-1978, con votazione 110/110 e lode. Specializzato

Dettagli

Oncologia medica 1 Chieti 3 0 Igiene e medicina preventiva 2 Radioterapia 1 Ferrara 26 22 Anestesia e rianimazione e terapia intensiva 2 Chirurgia

Oncologia medica 1 Chieti 3 0 Igiene e medicina preventiva 2 Radioterapia 1 Ferrara 26 22 Anestesia e rianimazione e terapia intensiva 2 Chirurgia Count of select_3 Row Labels Total variazione Ancona 5 0 Medicina legale 1 Bari 7 0 Chirurgia Maxillo- Facciale 1 Chirurgia Pediatrica 1 Radioterapia 1 Reumatologia 1 Bologna 5 1 Malattie dell\'apparato

Dettagli

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Roma 29 marzo 2011 L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Prof. ROSARIA ALVARO Associato Scienze Infermieristiche Università

Dettagli

Determinazione del numero dei posti disponibili per l'accesso ai corsi di laurea delle professioni sanitarie afferenti alla classe SNT/1

Determinazione del numero dei posti disponibili per l'accesso ai corsi di laurea delle professioni sanitarie afferenti alla classe SNT/1 Determinazione del numero dei posti disponibili per l'accesso ai corsi di laurea delle professioni sanitarie afferenti alla classe SNT/1 Professioni sanitarie Infermieristiche e professione sanitaria Ostetrica

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCHETTI FEDERICA Indirizzo PIAZZA DELLE VETTOVAGLIE, 35 56126 PISA Telefono cell. 347/3658099 ufficio 050/995751

Dettagli

Offerta formativa Master di primo e secondo livello, corsi di Perfezionamento A.A. 2013/2014

Offerta formativa Master di primo e secondo livello, corsi di Perfezionamento A.A. 2013/2014 Federazione ISTITUITA AI SENSI DELLE LEGGI: Nazionale 4.8.1965 N. 1103 E 31.1.1983 N. 25 Collegi C.F. 01682270580 Professionali Tecnici Sanitari di Radiologia Medica Offerta formativa di primo e secondo

Dettagli

Allergologia e immunologia clinica

Allergologia e immunologia clinica Allergologia e immunologia clinica 1 Politecnica delle Marche 3 3 1 Modena Parma 2 Bari 2 1 Puglia 3 1 Foggia 3 Cagliari 1 2 Sardegna 3 4 Firenze 3 3 Pisa Siena 5 Genova 2 2 Torino 6 L'Aquila 2 2 Chieti

Dettagli

Cosa è cambiato nella formazione del medico dello sport e cosa potrebbe ancora cambiare

Cosa è cambiato nella formazione del medico dello sport e cosa potrebbe ancora cambiare VI Corso Girolamo Mercuriale Dare attuazione alla carta di Toronto Bologna, 9-10 Aprile 2013 Cosa è cambiato nella formazione del medico dello sport e cosa potrebbe ancora cambiare Scuola di Medicina dello

Dettagli

Offerta formativa Master di primo e secondo livello, corsi di Perfezionamento A.A. 2014/2015

Offerta formativa Master di primo e secondo livello, corsi di Perfezionamento A.A. 2014/2015 Federazione ISTITUITA AI SENSI DELLE LEGGI: Nazionale 4.8.1965 N. 1103 E 31.1.1983 N. 25 Collegi C.F. 01682270580 Professionali Tecnici Sanitari di Radiologia Medica Offerta formativa di primo e secondo

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA N. 105 ANCORA DISCRIMINAZIONI ANTI VENETE NEI POSTI DISPONIBILI PER LE PROFESSIONI SANITARIE. PADOVA E VERONA UNIVERSITÀ

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nicolini Fausto Indirizzo c/o Azienda USL, via Amendola 2 42100 Reggio Emilia Telefono 0522.335563 Fax 0522.335200 E-mail info.direzionegenerale@ausl.re.it

Dettagli

Determinazione del numero dei posti disponibili per l'accesso ai corsi di laurea delle professioni sanitarie afferenti alla classe SNT/1

Determinazione del numero dei posti disponibili per l'accesso ai corsi di laurea delle professioni sanitarie afferenti alla classe SNT/1 Determinazione del numero dei posti disponibili per l'accesso ai corsi di laurea delle professioni sanitarie afferenti alla classe SNT/1 Professioni sanitarie Infermieristiche e professione sanitaria Ostetrica

Dettagli

Curriculum vitae assessori

Curriculum vitae assessori Curriculum vitae assessori Nome e cognome Maria Sandra Telesca Luogo e data di nascita Napoli 22.04.1957 Titoli di studio Maturità scientifica Anno scolastico 1976-1977 Liceo Scientifico G.Marinelli Laurea

Dettagli

Massimo Annicchiarico Azienda Usl di Modena Luca Baldino Azienda Usl di Piacenza Paola Bardasi Azienda Usl di Ferrara Tiziano Carradori

Massimo Annicchiarico Azienda Usl di Modena Luca Baldino Azienda Usl di Piacenza Paola Bardasi Azienda Usl di Ferrara Tiziano Carradori Massimo Annicchiarico è nato a Taranto nel 1958. Si è laureato in medicina e chirurgia presso l Università degli Studi di Bologna e successivamente specializzato in Medicina Interna e in Cardiologia. Dal

Dettagli

A relazione dell'assessore Quaglia:

A relazione dell'assessore Quaglia: REGIONE PIEMONTE BU52 29/12/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 28 novembre 2011, n. 64-2971 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma)

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Febbraio Agosto 2011 Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFERMIERISTICA

Dettagli

Allergologia e immunologia clinica

Allergologia e immunologia clinica Allergologia e immunologia clinica 1 Bari 3 Foggia 2 Cagliari 2 3 Firenze 4 Pisa Siena 4 Genova 3 Torino 5 L'Aquila 2 Chieti 6 Messina 2 Catania 7 Milano 4 Brescia Pavia 8 Milano S. Raffaele 1 9 Milano

Dettagli

Ruolo e prospettive delle società scientifiche

Ruolo e prospettive delle società scientifiche Ruolo e prospettive delle società scientifiche Dott. Nino Basaglia PastPresidentSIMFER Gorgo al Monticano (TV), 18 settembre 2015 RUOLO E PROSPETTIVE DELLE SOCIETÀ SCIENTIFICHE Motta di Livenza, 18 settembre

Dettagli

Università, Gelmini e Fazio presentano le novità del percorso di studi di Medicina

Università, Gelmini e Fazio presentano le novità del percorso di studi di Medicina Università, Gelmini e Fazio presentano le novità del percorso di studi di Medicina Sono state presentate oggi dal ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Mariastella Gelmini e dal ministro

Dettagli

Brescia, 11 febbraio 2012

Brescia, 11 febbraio 2012 Brescia, 11 febbraio 2012 Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Requisiti per l ammissione al Corso di Laurea

Dettagli

Bilancio di Missione 2007 allegati

Bilancio di Missione 2007 allegati 1 Bilancio di Missione 2007 allegati Policlinico S.Orsola-Malpighi 2 3 indice 1 pag. 5 allegati Discipline cliniche trattate secondo le classi ICD9CM 2 pag. 10 Numero studenti per corso di laurea (medicina

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

Regioni / Atenei INFERMIERISTICA OSTETRICIA

Regioni / Atenei INFERMIERISTICA OSTETRICIA Professioni sanitarie Infermieristiche e Prefessioni sanitaria Ostetrica afferenti alla classe SNT/1 Regioni / Atenei INFERMIERISTICA OSTETRICIA INFERMIERISTICA PEDIATRICA Chieti 243 10 L'Aquila 300 10

Dettagli

Allergologia e immunologia clinica

Allergologia e immunologia clinica Allergologia e immunologia clinica regionali altri pubblici e/o 1 Bari 2 0 2 1 *Puglia 3 Foggia 2 Cagliari 1 1 2 2 3 Firenze 3 1 4 4 Pisa Siena 4 Genova 2 1 3 3 2 Torino 5 L'Aquila 2 0 2 2 Chieti 6 Messina

Dettagli

L indagine 2015. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 45

L indagine 2015. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 45 1. L indagine 2015 Il Profilo dei Laureati 2014 (indagine 2015) prende in considerazione quasi 230.000 laureati di 64 Atenei italiani. Cinque Atenei (Roma La Sapienza, Bologna, Napoli Federico II, Padova

Dettagli

I PIANI DI STUDIO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE. una prima indagine comparativa

I PIANI DI STUDIO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE. una prima indagine comparativa I PIANI DI STUDIO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE una prima indagine comparativa Obiettivi dell indagine Individuare le scelte comuni, le differenze ed eventuali

Dettagli

dott. VINCENZO LUCIANI

dott. VINCENZO LUCIANI FNOMCeO Federazione Nazionale Ordini Medici Chirurghi e Odontoiatri dott. VINCENZO LUCIANI Bozen Bolzano 17.09.10 FONTI NORMATIVE Decreto Legislativo n. 368 del 17 agosto 1999 (G.U. n. 250 del 23/10/99)

Dettagli

Decreto Ministeriale 24 febbraio 2003

Decreto Ministeriale 24 febbraio 2003 Decreto Ministeriale 24 febbraio 2003 Ordinanza ministeriale 24 febbraio 2003 con la quale vengono indette per l'anno 2003 le sessioni di esame di Stato per l'abilitazione all'esercizio delle professioni

Dettagli

Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie " presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico in data 01.03.2009.

Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie  presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico in data 01.03.2009. C U R R I C U L U M P R O F E S S I O N A L E Giorgi Federica nata a Velletri il 05.05.1950. Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie " presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico

Dettagli

L INTEGRAZIONE POSSIBILE organizzazione ospedaliera dipartimentale e integrazione Assistenza Didattica - Ricerca

L INTEGRAZIONE POSSIBILE organizzazione ospedaliera dipartimentale e integrazione Assistenza Didattica - Ricerca L INTEGRAZIONE POSSIBILE organizzazione ospedaliera dipartimentale e integrazione Assistenza Didattica - Ricerca Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Curriculum Vitae Prof.ssa Maria Rosaria Tola

Curriculum Vitae Prof.ssa Maria Rosaria Tola Curriculum Vitae Prof.ssa Maria Rosaria Tola Informazioni personali Nome e Cognome Telefono Email Nazionalità Data di nascita Maria Rosaria Tola +393496203366 tlr@unife.it marosaliatola@gmail.com Italiana

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Giorgio Martelli. 11 novembre 2009

CURRICULUM VITAE. Giorgio Martelli. 11 novembre 2009 CURRICULUM VITAE DI Giorgio Martelli 11 novembre 2009 2 Cognome e Nome Martelli Giorgio Luogo e data di nascita Medicina (BO) 03.04.1959 Professione Recapito Residenza Medico Direzione Sanitaria Azienda

Dettagli

n. 42 del 10.03.2010 periodico (Parte Terza)

n. 42 del 10.03.2010 periodico (Parte Terza) Page 1 of 8 Bollettino Ufficiale - Inserzioni BURERT on-line Ufficio Relazioni con il Pubblico, Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna, numero verde 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Dettagli

IL RETTORE D E C R E T A

IL RETTORE D E C R E T A 678 Ufficio Esami di Stato e Scuole di Specializzazione IL RETTORE VISTO il D.Lgs. n. 368 del 17/08/1999, pubblicato in G.U. n. 250 del 23/10/1999 di attuazione della direttiva n. 93/16/CEE in materia

Dettagli

Meris.fiamminghi@ausl.bo.it. Manageriale - Dirigente delle Professioni Sanitarie L.251/00

Meris.fiamminghi@ausl.bo.it. Manageriale - Dirigente delle Professioni Sanitarie L.251/00 F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI FIAMMINGHI MERIS telefono 0516225173 ( segret. SATER Bellaria ) Fax 0516225312 E-mail Meris.fiamminghi@ausl.bo.it Nazionalità Italiana Data

Dettagli

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a.

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a. DOCENZE Data 2010 Ente organizzatore Montedomini, centro servizi e formazione Titolo del corso Aggiornamento teorico pratico per personale operante in strutture sanitarie riabilitative Docenza Riprogettazione

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2012/2013

MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2012/2013 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2012/2013 DAL 1 AGOSTO 2012 E FINO AL 22 OTTOBRE 2012 SONO APERTE LE IMMATRICOLAZIONI E LE ISCRIZIONI AI SEGUENTI CORSI DI STUDIO

Dettagli

A relazione del Presidente Cota:

A relazione del Presidente Cota: REGIONE PIEMONTE BU24 16/06/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 17 maggio 2011, n. 26-2025 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli

Nome GENOVA Antonio Indirizzo 101,via Le Chiuse, 10144,Torino,Italia Telefono 3357809266 E-mail genova.antonio@gmail.com

Nome GENOVA Antonio Indirizzo 101,via Le Chiuse, 10144,Torino,Italia Telefono 3357809266 E-mail genova.antonio@gmail.com F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome GENOVA Antonio Indirizzo 101,via Le Chiuse, 10144,Torino,Italia Telefono 3357809266 E-mail genova.antonio@gmail.com

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DEL REGNO SIMONE Indirizzo Telefono cell. az. 3284206123 Fax Lavoro 055 5662559 E-mail s.delregno@meyer.it

Dettagli

Il tecnico della Prevenzione tra tutela dell ambiente e sicurezza nei luoghi di lavoro

Il tecnico della Prevenzione tra tutela dell ambiente e sicurezza nei luoghi di lavoro Il tecnico della Prevenzione tra tutela dell ambiente e sicurezza nei luoghi di lavoro LE PROFESSIONI SANITARIE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEL TERZO MILLENNIO Brescia 06/10/2006 T.d.P. Katia Razzini

Dettagli

Entrate Quote associative anno 2015 162.000,00 (all. A 2015) Interessi attivi 600,00 Quote iscrizione partecipanti Convegno 2015 18.

Entrate Quote associative anno 2015 162.000,00 (all. A 2015) Interessi attivi 600,00 Quote iscrizione partecipanti Convegno 2015 18. CONVEGNO DEI DIRETTORI GENERALI DELLE AMMINISTRAZIONI UNIVERSITARIE Bilancio preventivo ANNO 2015 Fondo iniziale di cassa 100.000,00 Entrate Quote associative anno 2015 162.000,00 (all. A 2015) Interessi

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrero:

A relazione dell'assessore Ferrero: REGIONE PIEMONTE BU23 09/06/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 24 maggio 2011, n. 14-2090 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli

Allergologia e immunologia clinica

Allergologia e immunologia clinica Allergologia e immunologia clinica 1 Bari 2 0 0 1 Foggia 1 2 Cagliari 1 0 0 0 3 Firenze 3 0 0 0 Pisa 0 Siena 0 4 Genova 2 0 0 0 Torino 1 5 L'Aquila 2 0 0 0 Chieti 0 6 Messina 2 0 0 0 Catania 1 7 Milano

Dettagli

REGOLAMENTO COSTITUTIVO E DI FUNZIONAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA

REGOLAMENTO COSTITUTIVO E DI FUNZIONAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA REGOLAMENTO COSTITUTIVO E DI FUNZIONAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA INDICE RIFERIMENTI NORMATIVI PREMESSE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Assetto organizzativo Art. 3 Strutture, Programmi

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 5 febbraio 2015) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Curriculum vitae Europass

Curriculum vitae Europass Curriculum vitae Europass INFORMAZIONI PERSONALI Nome(i) / Cognome(i) GIROTTO CHIARA ] Indirizzo Telefono casa 0425/27721 Telefono ufficio 0442/622016 Telefono mobile 3472966653 Fax 0442622721 E-mail Viale

Dettagli

L assetto organizzativo delle Professioni Sanitarie

L assetto organizzativo delle Professioni Sanitarie L assetto organizzativo delle Professioni Sanitarie 1 INFERMIERE E un professionista che lavora in ambito sanitario. E' responsabile della assistenza generale infermieristica. prevenzione delle malattie,

Dettagli

Regioni e ospedali privati accreditati: quali meccanismi di governo e controllo?

Regioni e ospedali privati accreditati: quali meccanismi di governo e controllo? CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale Regioni e ospedali privati accreditati: quali meccanismi di governo e controllo? Elena Cantù Milano, 8 giugno 2011 Quali sistemi

Dettagli

Il Ruolo delle Professioni Sanitarie

Il Ruolo delle Professioni Sanitarie Il Ruolo delle Professioni Sanitarie Brescia 31 MAGGIO 2011 Aula MONTINI Azienda Ospedaliera SPEDALI RIUNITI di Brescia Fulvia Pasi 1 Il Processo di riforma delle Professioni Sanitarie: dalla legge 42/99

Dettagli

Ordinanza esami di Stato sessioni anno 2007 Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/ 2001

Ordinanza esami di Stato sessioni anno 2007 Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/ 2001 Ordinanza esami di Stato sessioni anno 2007 P rofessioni regolamentate dal D.P.R. 328/ 2001 Allegati Ordinanza Ministeriale 22 gennaio 2007 Ordinanza esami di Stato sessioni anno 2007 Professioni regolamentate

Dettagli

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO MISSION DELL AUSL DI IMOLA L Azienda Sanitaria di Imola è precipuamente impegnata nel governo della domanda di servizi e prestazioni sanitarie

Dettagli

La scelta della Scuola di Specializzazione. Tra passione, mercato e politica sanitaria

La scelta della Scuola di Specializzazione. Tra passione, mercato e politica sanitaria La scelta della Scuola di Specializzazione. Tra passione, mercato e politica sanitaria Aula Magna Nuove Patologie 16 Maggio 2015 Prof. Gilberto Poggioli Direttore Scuola di Specializzazione Chirurgia Generale

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 La rete ospedaliera, nuovi modelli organizzativi

Dettagli

A.O. Ordine Mauriziano di Torino BOZZA ORGANIGRAMMA

A.O. Ordine Mauriziano di Torino BOZZA ORGANIGRAMMA A.O. Ordine Mauriziano di Torino BOZZA ORGANIGRAMMA Bozza di discussione Settembre 2015 1 Direzione Generale Collegio Sindacale DIREZIONE GENERALE Collegio di Direzione Organismo Indipendente di Valutazione

Dettagli

Il Rettore. Decreto n. 44409 (352) Anno 2015

Il Rettore. Decreto n. 44409 (352) Anno 2015 Il Rettore Decreto n. 44409 (352) Anno 2015 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del Presidente della Repubblica n. 162/82 e l articolo 6 della legge n. 341/90; VISTO l articolo 32 del Regolamento Didattico

Dettagli

PROIETTI ANTONELLA CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE

PROIETTI ANTONELLA CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE PROIETTI ANTONELLA CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE Curriculum formativo ha conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Perugia in data 25/7/85 con voti 110/110 e

Dettagli

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Istituto di Igiene FONDAZIONE POLIAMBULANZA ISTITUTO OSPEDALIERO BRESCIA 10 corso parallelo di Laurea triennale in Infermiere

Dettagli

Relazione tecnica del Nucleo di Valutazione dell Università Politecnica delle Marche Riordino Ordinamenti didattici Scuole di Specializzazione c/o la

Relazione tecnica del Nucleo di Valutazione dell Università Politecnica delle Marche Riordino Ordinamenti didattici Scuole di Specializzazione c/o la Relazione tecnica del Nucleo di Valutazione dell Università Politecnica delle Marche Riordino Ordinamenti didattici Scuole di Specializzazione c/o la Facoltà di Medicina e Chirurgia NUCLEO DI VALUTAZIONE

Dettagli

Il Direttore Generale

Il Direttore Generale Il Direttore Generale Procedure conferimento incarico La nomina del Direttore Generale, ai sensi dell art. 1 D.L. 27 agosto 1994, n. 512 ss.mm.ii., avviene previo esperimento di pubblica selezione disposta

Dettagli

- Di rinviare a successivi provvedimenti la ripartizione e la destinazione delle risorse residue.

- Di rinviare a successivi provvedimenti la ripartizione e la destinazione delle risorse residue. 70 17.9.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 38 b) Bilancio: integrazione di ulteriori 70.000 c) Tempi di realizzazione: 1 anno d) Soggetti da coinvolgere: Soggetti toscani partecipanti

Dettagli

La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia. Giovanna Beretta

La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia. Giovanna Beretta La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia Giovanna Beretta SOTTOGRUPPO 1 Rilevanza della Medicina Riabilitativa Rappresentanti Conferenza Stato-Regioni Abruzzo Campania Emilia Romagna Lombardia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Medicina e Chirurgia LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Il Corso

Dettagli

i.razzolini@sud.usl6.toscana.it

i.razzolini@sud.usl6.toscana.it INFORMAZIONI PERSONALI Nome RAZZOLINI ILARIA Data di nascita 23 GIUGNO 1965 Qualifica Incarico attuale Infermiere Esperto DS (posizione organizzativa) Posizione Organizzativa Coordinamento settore infezioni

Dettagli

Attualità e futuro di una Professione Sanitaria.

Attualità e futuro di una Professione Sanitaria. Attualità e futuro di una Professione Sanitaria. Dr. Daniele Tosarelli, Fisioterapista Servizio di Assistenza Infermieristica, Tecnica e della Riabilitazione Istituto Ortopedico Rizzoli, Bologna 1 Il E

Dettagli

Titolo del Workshop. La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad. Abstract / sintesi degli interventi

Titolo del Workshop. La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad. Abstract / sintesi degli interventi Titolo del Workshop La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad Abstract / sintesi degli interventi Presentazione Il workshop, partendo dalla presentazione dei

Dettagli

Le esperienze italiane. I modelli: Regione Emilia-Romagna

Le esperienze italiane. I modelli: Regione Emilia-Romagna Le esperienze italiane. I modelli: Regione Emilia-Romagna Rossana De Palma Convegno Le reti sanitarie Milano 7 Giugno 2010 Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale Disposizioni legislative regionali Piano

Dettagli

Grafico 1: Immatricolati per ripartizione geografica, valori percentuali. Isole 11% Sud 23% Centro 24%

Grafico 1: Immatricolati per ripartizione geografica, valori percentuali. Isole 11% Sud 23% Centro 24% IMMATRICOLAZIONI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 1 Il numero complessivo degli immatricolati risulta pari a circa 312 mila unità e appare lievemente inferiore rispetto al passato anno accademico (-3%). Le Università

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE 1. INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome: Di Bernardo Carmine Luogo e data di nascita: Napoli 30/11/1958 Residenza: Pesaro Via N. Bixio n.38 Recapito telefonico: 339/8371439

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITÀ SVOLTA DAL CENTRO FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO - ANNO 2008- SEDE PIETRA LIGURE

RELAZIONE ATTIVITÀ SVOLTA DAL CENTRO FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO - ANNO 2008- SEDE PIETRA LIGURE RELAZIONE ATTIVITÀ SVOLTA DAL CENTRO FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO - 008- SEDE PIETRA LIGURE. FORMAZIONE UNIVERSITARIA L attività riguardante la Formazione Universitaria prevede principalmente che il Centro

Dettagli

Curriculum DATI PERSONALI TITOLI DI STUDIO CURRICULUM FORMATIVO - PROFESSIONALE. Anna Casoni

Curriculum DATI PERSONALI TITOLI DI STUDIO CURRICULUM FORMATIVO - PROFESSIONALE. Anna Casoni Curriculum CURRICULUM FORMATIVO - PROFESSIONALE DI Anna Casoni DATI PERSONALI La sottoscritta Anna Casoni è nata a Ferrara, il 29/07/1959 è di nazionalità italiana TITOLI DI STUDIO La sottoscritta Anna

Dettagli