Ufficio Economo Dott.ssa Caterina Privitera CARICO INVENTARIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ufficio Economo Dott.ssa Caterina Privitera CARICO INVENTARIALE"

Transcript

1 Università degli Studi Di Catania Ufficio Economo Dott.ssa Caterina Privitera CARICO INVENTARIALE

2 Trascrizione dei beni mobili nel registro inventario Tutti i beni mobili acquistati che costituiscono incremento del patrimonio debbono essere registrati su appositi registri inventario seguendo le procedure previste dal programma informatico predisposto dall Amministrazione. _ Tale registrazione deve avvenire non appena sia stato possibile eseguire gli opportuni controlli sulla regolarità della fornitura e, quando previsto, il relativo collaudo, comunque contestualmente all ordine di liquidazione della fattura. I beni devono essere numerati progressivamente; la loro descrizione deve essere sintetica ma atta a distinguere senza alcuna incertezza l oggetto inventariato, il suo valore, la sua localizzazione, il suo consegnatario. _ Su tutti i beni deve essere apposta idonea etichetta identificativa che permetta di individuarne la corrispondente descrizione sul registro inventario. _ Le singole parti di un apparecchiatura, collocate all interno della stessa o che costituiscono un insieme unitario i cui componenti non siano autonomamente utilizzabili, devono essere inventariate sotto lo stesso numero dell apparecchiatura principale. Qualora un componente di un apparecchiatura si possa utilizzare e quindi spostare su più apparecchiature, si può dare un numero di inventario proprio. _ Nel caso di ritrovamento di beni scaricati, questi devono essere ripresi in carico.

3 Registrazione di carico Le registrazioni di carico sono effettuate per ciascun oggetto acquisito. Ciascuna registrazione di carico deve contenere: a) l indicazione del titolare del bene; b) il numero progressivo della registrazione di carico; c) la data della registrazione di carico; d) il codice di inventario; e) la descrizione; f) il valore inventariale; g) la categoria; h) l ubicazione; i) i dati relativi alla fattura (con l indicazione del fornitore); l) il consegnatario del bene inventariato. ACQUISTI 1) I beni acquistati devono essere inventariati al prezzo di acquisto; 2) Le apparecchiature costruite nelle officine e nei laboratori che risultino dall assemblaggio di componenti sono inventariate col valore pari alla somma dei prezzi di costo delle singole parti.

4 DONI I beni ricevuti in dono sono inventariati al valore di stima o di mercato. A tal fine occorre: a) l acquisizione di un documento giustificativo o di una lettera del donante con cui lo stesso manifesta la volontà di porre in essere l atto di liberalità; b) la stima del valore del dono. CLASSIFICAZIONE E DESCRIZIONE CODIFICATA DI BENI MOBILI Categ. 1: mobili, arredi, macchine per ufficio; Categ. 2: materiale bibliografico; Categ. 3: collezioni scientifiche; Categ. 4: apparecchiature e attrezzature; Categ. 5: automezzi ed altri mezzi di trasporto; Categ. 6: fondi pubblici; Categ. 7: altri beni mobili.

5 BENI DI PARTICOLARE VALORE ARTISTICO E CULTURALE Il Museo dell Ateneo avrà cura di tenere con supporto informatico il registro generale di Ateneo dei beni di particolare valore artistico e culturale. Beni mobili acquisiti mediante locazione finanziaria (leasing) Il titolo di proprietà dei beni mobili ottenuti mediante contratti di locazione finanziaria (leasing) si acquisisce al pagamento dell ultima rata del canone previsto; pertanto a quella data e nel caso di riscatto, i beni dovranno essere iscritti nei registri inventario ed al valore della somma dei canoni depurata delle quote versate in conto interessi.

6 REGISTRO DEL MATERIALE DI MODICO VALORE E DI FACILE DEPERIMENTO I beni di modico valore possono essere esclusi dalla memorizzazione dei registri di inventario. In questo caso detti beni vengono contabilizzati in un apposito registro. La cancellazione di tali beni dal registro di facile deperimento sarà autorizzata dal Consegnatario. Tale operazione non richiede alcuna approvazione da parte degli organi di Governo. IL CONSEGNATARIO I beni mobili memorizzati nei registri inventario debbono essere dati in consegna a personale di ruolo che assumerà le funzioni del Consegnatario. È prevista, nell atto di conferimento dell incarico di Consegnatario, la designazione di un sostituto il quale subentra in caso di assenza o di impedimento temporaneo del Consegnatario titolare.

7 COMPITI E RESPONSABILITÀ DEL CONSEGNATARIO I Consegnatari debbono curare che vengano correttamente svolte le seguenti funzioni amministrative: A) la tenuta dei registri di inventario; B) l emissione dei buoni di carico per l introduzione di beni inventariabili e l emissione dei buoni di scarico per la cancellazione dei beni dall inventario; C) la compilazione alla chiusura di ciascun esercizio finanziario della situazione patrimoniale (essa deve porre in evidenza, per categoria, il valore dei beni risultanti alla fine dell esercizio); D) il rinnovo dell inventario, previa ricognizione materiale dei beni. Passaggi di Gestione In caso di cambio del Consegnatario, la consegna dei beni mobili si effettua sulla base della consistenza dei beni inventariati all atto delle consegne. Il verbale di consegna è redatto in tre copie, di cui una da consegnarsi al Consegnatario uscente, un altra al Consegnatario subentrante e la terza all Amministrazione. Qualora la presa in carico dei beni mobili da parte del Consegnatario subentrante dovesse eccezionalmente avvenire con la clausola della riserva da sciogliersi solo a seguito della materiale ricognizione dei beni stessi, questa dovrà essere effettuata entro tre mesi dal giorno dell assunzione dell incarico di Consegnatario subentrante.

8 Ricognizione dei beni mobili e rinnovo delle scritture La ricognizione dei beni consiste nella verifica della corrispondenza tra quanto contenuto nei registri inventario ed i beni mobili esistenti. Allorché le registrazioni risultassero discordanti dalla situazione reale si deve procedere alle necessarie rettifiche. Il riesame del valore dei beni e il suo aggiornamento avviene periodicamente. Chiusura dei registri inventario e contabilità patrimoniale Gli inventari sono chiusi al termine di ogni esercizio finanziario, in tale occasione il registro generale e una copia del relativo prospetto dovranno essere validati dal Consegnatario e conservati agli atti. Il prospetto riassuntivo di fine esercizio dovrà essere reso disponibile generalmente entro febbraio di ciascun anno all Ufficio Inventari.

9 SCARICO INVENTARIALE Cancellazione dai registri di inventario Lo scarico è l operazione in base alla quale il bene viene cancellato dall inventario e cessa contestualmente di far parte del patrimonio dell Ateneo e dei suoi Centri di gestione. Lo scarico deve essere autorizzato dagli Organi competenti sulla base di motivata richiesta del Consegnatario del bene. Non è concesso procedere alla cancellazione del bene sul registro inventario se non è stata ottenuta la regolare autorizzazione. Non è previsto lo scarico inventariale per i beni bibliografici se non per eventi eccezionali o per trasferimento interno.

10 Autorizzazioni per le cancellazioni dai registri inventario Per scarichi di beni singoli aventi valore uguale o superiore a , il Consegnatario deve inoltrare, unitamente alla delibera del Consiglio di Dipartimento motivata richiesta allegando una relazione tecnica rilasciata da un esperto qualificato nominato dal Preside della Facoltà, indicando i motivi dettagliati per cui viene richiesta la cancellazione e gli elementi necessari ad identificare il bene nel registro inventario, evidenziando se trattasi di beni assolutamente inservibili. Le richieste pervenute vengono sottoposte, per la loro approvazione, all esame del Consiglio di Amministrazione che si esprime anche in merito alle modalità di alienazione eventualmente proposte. L operazione di scarico, dovuta a trasferimenti interni qualunque ne sia il valore, su proposta del Consegnatario, è delegata al Consiglio di Dipartimento che se ne assume la relativa responsabilità. ALIENAZIONI L alienazione dei beni avverrà a cura dell Amministrazione, previa verifica dell interesse dei responsabili, e potrà, anche in considerazione dello stato di conservazione dei beni, essere realizzata con la cessione del bene stesso, con la pubblicazione della cedibilità del bene tramite mezzi informatici: a)vendita a terzi; b)vendita a ditte che svolgono attività materiale usato o di rottamazione; di compravendita di c)cessione gratuita ad Enti benefici; d)cessione gratuita a scuole che ne abbiano fatta espressa richiesta.

11 Agli atti deve essere conservata ricevuta rilasciata dal destinatario finale. La somma derivante dalla eventuale vendita sarà introitata nel Bilancio su apposito capitolo. Decorsi 15 giorni dalla pubblicizzazione della volontà di alienazione di cui ai precedenti punti a), b), c), d) senza che sia stato manifestato interesse all acquisizione del bene, quest ultimo potrà essere rottamato. CANCELLAZIONE DI BENI DISTRUTTI PER CAUSE DI FORZA MAGGIORE In caso di distruzione di beni mobili per cause di forza maggiore (incendi,alluvioni, ecc.) deve essere fornito un elenco di materiale non più reperibile o utilizzabile affinché si possa procedere, prima della cancellazione dei beni del registro inventario, al completamento delle pratiche connesse all evento stesso (assicurazioni, ecc). La cancellazione può essere completata soltanto dopo la relativa delibera del Consiglio di Amministrazione.

12 Cancellazione di beni irreperibili causa furto Nel caso di furto il Consegnatario deve sporgere immediata denuncia all Autorità di Pubblica Sicurezza. Affinché il Consiglio di Amministrazione possa deliberare lo scarico di detti beni devono essere allegati alla richiesta di scarico i seguenti documenti: copia della denuncia presentata dal Consegnatario o Subconsegnatario alle Autorità di Pubblica Sicurezza; dichiarazione del Consegnatario o del Subconsegnatario nella quale si precisi che non c è stata negligenza nel provvedere alla conservazione dei beni di consegna. Cancellazione dei beni mobili per permuta Si verifica quando si ritiene conveniente, in sede di acquisto, far rilevare alla ditta fornitrice di nuovi beni oggetti non più utilizzati. La ditta dovrà provvedere alla stima di detti oggetti e comunicarla all amministrazione richiedente che certificherà la congruità dell offerta. In tal caso conseguono due operazioni contabili distinte: il pagamento del nuovo bene acquisito effettuato tenendo conto dell intero prezzo; l accreditamento, da parte del fornitore, del prezzo del bene fuori uso.

13 Rettifiche nei registri inventario Si possono effettuare rettifiche per errori materiali di scritturazione o per cambiamento di categoria. Prima di procedere alla rettifica il consegnatario deve chiedere l autorizzazione al Consiglio di Dipartimento, e successivamente, deve chiedere preventiva autorizzazione al Consiglio di amministrazione inoltrando motivata richiesta concernente i motivi che hanno portato a richiedere la rettifica. Allegato A Data Al direttore di Dipartimento di Oggetto: Donazione Il sottoscritto, in qualità di... Dichiara la disponibilità a donare Dipartimento di il seguente materiale: (descrizione, valore presunto,ecc.)..

14 PROCESSO VERBALE Allegato B di consegna dei beni mobili di proprietà esistenti presso il Dipartimento di L anno addì del mese di. nell ufficio. del dovendosi procedere al cambiamento del consegnatario dei beni mobili esistenti nel Dipartimento di in seguito al D.R. n. con il quale è stato nominato il Prof. quale direttore del Dipartimento suddetto in sostituzione del Prof... Direttore uscente; davanti a me, Dott., sono convenuti il Prof e il Prof, rispettivamente consegnatario cessante e subentrante dei beni patrimoniali del Dipartimento. in contraddittorio dei medesimi ho proceduto alla verifica delle relative scritture contabili. L esame delle scritture esistenti ha portato alle risultanze che si riassumono nella situazione contabile riepilogativa alla data Cat. 1 mobili, arredi e macchine per ufficio Cat. 2 materiale bibliografico Cat. 3 collezioni scientifiche Cat. 4 apparecchiature e attrezzature Cat. 5 automezzi e altri mezzi di trasporto Cat. 6 titoli e valori Cat. 7 altri beni mobili La situazione contabile complessiva risultante dall esame delle scritture esistenti alla data del risulta pari ad un valore patrimoniale globale di Dopodichè, i sunnominati Proff.ri e hanno dichiarato rispettivamente di consegnare e di accettare in consegna i beni mobili descritti nelle scritture inventariali, con la riserva di eventuali modificazioni che si rendessero necessarie in sede di ricognizione. Il presente verbale, firmato da tutti gli intervenuti succitati, è stato redatto in tre copie da consegnarsi, eseguite le prescritte formalità, uno al Consegnatario che cessa, un altro al Consegnatario subentrante, il terzo all Amministrazione Centrale IL CONSEGNATARIO IL CONSEGNATARIO CESSANTE SUBENTRANTE. FUNZIONARIO DELEGATO intervenuto alle operazioni di consegna

15 ALLEGATO C CARTA INTESTATA DIPARTIMENTO OGGETTO: Furto di -n. inventario Il sottoscritto Prof., Direttore e Consegnatario dei beni del Centro/Dipartimento, dichiara che, per quanto di competenza, benché siano state attuate e poste in essere tutte le misure idonee a salvaguardare detti beni in oggetto, il furto è stato perpetrato ugualmente, ad opera di ignoti. Dichiara inoltre, ai sensi dell art. 194 del Regolamento per l Amministrazione e la Contabilità Generale dello Stato, che i beni di cui sopra sono sempre stati custoditi con scrupolosa diligenza e pertanto di non avere alcuna responsabilità del furto medesimo. Data IL CONSEGNATARIO ALLEGATO D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO DELL ECONOMO SETTORE PATRIMONIO Prot. Catania, li Oggetto: -Avviso dismissione beni.- (CdA del..) Questo Ateneo deve dismettere i beni appresso elencati perché non adeguati alle esigenze dell Amministrazione. N. INV. DESRIZIONE.. Rilevato che le anzidette apparecchiature in oggetto sono ancora funzionanti,ma non adatte alle esigenze degli uffici amministrativi che le detengono, l Università intende cederle a titolo gratuito agli organismi o enti che ne facciano richiesta tramite fax o messaggio di posta elettronica non oltre le ore del giorno

16 Nella richiesta dovranno essere specificati: estremi dell ente richiedente e c.f. o part. iva; tipologia di apparecchiatura desiderata; indirizzo di posta elettronica o numero di fax, per la comunicazione degli esiti dell assegnazione. Nella selezione si utilizzeranno nell ordine, i seguenti criteri di priorità: organismi di volontariato di protezione civile iscritti negli appositi registri operanti in Italia ed all estero per scopi umanitari e istituti scolastici pubblici; altri enti o uffici pubblici (enti locali, strutture sanitarie, forze dell ordine, ecc.); enti non profit, appartenenti a una qualsiasi delle seguenti categorie: associazioni ed enti iscritti nell apposito registro associazioni; - fondazioni e altre istituzioni di carattere pubblico o privato con personalità giuridica, senza fini di lucro; associazioni non riconosciute, di cui all art. 36 C.C., dotate di strumento statutario da cui sia possibile desumere in modo inequivocabile l assenza di finalità lucrative; altri enti e organismi, non ricompresi nei punti precedenti, la cui attività assuma le caratteristiche di pubblica utilità. - altri soggetti. A parità di requisiti, si privilegerà l ordine cronologico di ricezione delle richieste. Le apparecchiature sono fornite nello stato di fatto in cui si trovano, pertanto gli enti beneficiari non potranno perciò rivalersi nei confronti dell Università in caso di eventuali difetti di funzionamento, né tanto meno pretendere alcun supporto di assistenza. Gli enti aggiudicatari dell assegnazione saranno informati via posta elettronica o a mezzo fax in merito al luogo ove effettuare il ritiro delle apparecchiature con oneri di ritiro e di trasporto a loro carico. L invio della richiesta di cessione presuppone la piena accettazione delle condizioni che precedono. Per qualsiasi chiarimento si può contattare l ufficio.. nelle persone:... Il direttore amministrativo

17 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIREZIONE AMMINISTRATIVA ALLEGATO D UFFICIO DELL ECONOMO SETTORE PATRIMONIO Verbale beni dismessi dall Università di Catania In data odierna nei locali dell Ufficio, sito in, si sono riuniti.. per stabilire i criteri di assegnazione dei beni dismessi dall Università di Catania perché non più adeguati alle esigenze dell Amministrazione, giusta delibera del Consiglio di Amministrazione del., da cedere ad Enti Assistenziali. I beni vengono attribuiti agli Enti che ne hanno fatto domanda, secondo l ordine di presentazione delle domande e di assunzione al protocollo:... Pertanto si dà atto che in base alle istanze presentate nei termini fissati dall avviso, sono assegnati: all Associazione X i seguenti beni: all Associazione Y i seguenti beni: Catania,..

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER L INVENTARIO DI ATENEO Emanato con D.R. n. 10792 del 8.1.2007. Ultime modifiche apportate con D.R. n. 14650 del 15.05.2009. Entrato in vigore il 30.05.2009 1 REGOLAMENTO PER L INVENTARIO

Dettagli

LA DIRIGENTE SCOLASTICA

LA DIRIGENTE SCOLASTICA LA DIRIGENTE SCOLASTICA Visto il D.I. 1 febbraio 2001, n 44, artt. 23, 24, 25, 26, 27, 28 e 39; Vista la nota del MIUR, Dipartimento per la Programmazione e la Gestione delle Risorse Umane, Finanziarie

Dettagli

REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA

REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA Approvato con delibera n. 7 del 22/11/2006 Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO. Tel. 035/881246 - Fax 035/4823732 REGOLAMENTO INVENTARIO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO. Tel. 035/881246 - Fax 035/4823732 REGOLAMENTO INVENTARIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO Via Libertà, 17 Osio Sotto e-mail icosiosotto@alice.it Tel. 035/881246 - Fax 035/4823732 REGOLAMENTO INVENTARIO APPROVATO NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO DEL 20/6/2008

Dettagli

Il Patrimonio. Elementi del regolamento di Amministrazione e Contabilità per la gestione del patrimonio nei dipartimenti universitari

Il Patrimonio. Elementi del regolamento di Amministrazione e Contabilità per la gestione del patrimonio nei dipartimenti universitari Il Patrimonio Elementi del regolamento di Amministrazione e Contabilità per la gestione del patrimonio nei dipartimenti universitari 6 e 22 febbraio 2007 a cura di Noemi Rossi 1 Inventario I beni immobili

Dettagli

Regolamento di dismissione di beni mobili comunali CITTA DI BARLETTA. Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

Regolamento di dismissione di beni mobili comunali CITTA DI BARLETTA. Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Regolamento di dismissione di beni mobili comunali CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida BOZZA DI REGOLAMENTO DI DISMISSIONE DI BENI MOBILI COMUNALI

Dettagli

Progetto Co.Ge. Chiarimenti sulla gestione dell inventario (Circolare n. 2233/2012)

Progetto Co.Ge. Chiarimenti sulla gestione dell inventario (Circolare n. 2233/2012) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per il Bilancio Progetto Co.Ge. Chiarimenti sulla gestione

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto il D.I. 1 febbraio 2001, n. 44 Visto il D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254, art 14, art. 17 Rinnovo degli inventari dei beni mobili di proprietà dello Stato. Istruzioni. Vista

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE DEI BENI DELLA PROSERVICE S.P.A.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE DEI BENI DELLA PROSERVICE S.P.A. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE DEI BENI DELLA PROSERVICE S.P.A. I beni patrimoniali, di cui la Proservice S.p.a ha la proprietà, devono essere descritti in separati inventari, con gli elementi

Dettagli

COMUNE DI FOLIGNO AREA SERVIZI FINANZIARI Viale Umbria 36

COMUNE DI FOLIGNO AREA SERVIZI FINANZIARI Viale Umbria 36 COMUNE DI FOLIGNO AREA SERVIZI FINANZIARI Viale Umbria 36 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA APPROVATO CON ATTO C.C. NR. 224

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI DI PROPRIETA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI DI PROPRIETA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI DI PROPRIETA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto il D.I. 1 febbraio 2001, n. 44 Regolamento concernente le istruzioni generali

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA APPROVATO CON ATTO COMMISSARIALE. NR. 50 DEL 17/06/2004, CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO "L.TONGIORGI" Via O.Gentileschi, 10 56123 PISA Fax 050/560581 Tel. 050/560094 C.F. 93049560506 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

ISTITUTO COMPRENSIVO L.TONGIORGI Via O.Gentileschi, 10 56123 PISA Fax 050/560581 Tel. 050/560094 C.F. 93049560506 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO "L.TONGIORGI" Via O.Gentileschi, 10 56123 PISA Fax 050/560581 Tel. 050/560094 C.F. 93049560506 Prot. N. 4581/A5 Pisa, 26/07/2011 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto il D.I. 1 febbraio 2001,

Dettagli

REGOLAMENTO INVENTARIALE

REGOLAMENTO INVENTARIALE REGOLAMENTO INVENTARIALE IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto il D.I. 1 febbraio 2001, n. 44 art. 23, art.24, art.25, art.26, art.27, art.28, art. 29, art. 30, art.52 Visto il D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DEI BENI IMMOBILI E MOBILI

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DEI BENI IMMOBILI E MOBILI REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DEI BENI IMMOBILI E MOBILI FONDAZIONE BRUNO KESSLER Allegato C alla deliberazione n. 02/08 del Consiglio di Amministrazione del 12 maggio 2008 Modificato nella

Dettagli

DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI CASTENASO

DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI CASTENASO DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI CASTENASO Allegato alla delibera di Giunta Comunale n. del. Disposizioni per la gestione dell inventario del Comune di Castenaso

Dettagli

Conto consuntivo. Il conto consuntivo è predisposto dal DSGA, entro il 15 marzo di ogni anno, poi approvato entro 45 giorni dal Consiglio di Istituto.

Conto consuntivo. Il conto consuntivo è predisposto dal DSGA, entro il 15 marzo di ogni anno, poi approvato entro 45 giorni dal Consiglio di Istituto. Conto consuntivo Il conto consuntivo è predisposto dal DSGA, entro il 15 marzo di ogni anno, poi approvato entro 45 giorni dal Consiglio di Istituto. L'obiettivo della scuola non è quello di risparmiare,

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI L'AQUILA

ACCADEMIA DI BELLE ARTI L'AQUILA Ministero dell'lstruzione dell'ljniversità e della Ricerca ALT'A FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI L'AQUILA EMANAZIONE REGOLAMENTO ANTIFIUMO IL PRESIDENTE VISTA la Delibera del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI ENNA REGOLAMENTO DEGLI AGENTI CONTABILI DEL COMUNE DI ENNA

COMUNE DI ENNA REGOLAMENTO DEGLI AGENTI CONTABILI DEL COMUNE DI ENNA COMUNE DI ENNA REGOLAMENTO DEGLI AGENTI CONTABILI DEL COMUNE DI ENNA APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 14 DEL 21.03.2012 INDICE Art.1 - Compiti ed attribuzioni delle funzioni Art.2 - Incassi e versamenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI MOBILI CHE COSTITUISCONO IL PATRIMONIO DELL ISTITUTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI MOBILI CHE COSTITUISCONO IL PATRIMONIO DELL ISTITUTO o Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N - Cod.

Dettagli

IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO

IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Ufficio Patrimonio DECRETO N. 1/08/P IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO Visto il Regio Decreto 23/05/1924, n. 827 Regolamento per l amministrazione del patrimonio

Dettagli

O.S.E.A. Opere di Servizi Educativi Assistenziali Reggio Emilia

O.S.E.A. Opere di Servizi Educativi Assistenziali Reggio Emilia O.S.E.A. Opere di Servizi Educativi Assistenziali Reggio Emilia Azienda pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO PER LA CATALOGAZIONE, ASSEGNAZIONE E TENUTA DEI BENI MOBILI Articolo 1 Oggetto Il presente

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento per il patrimonio INDICE Articolo 1 I beni Articolo 2 Scritture patrimoniali Articolo 3 Inventario dei beni immobili Articolo 4 Consegnatari dei beni immobili Articolo 5 - Classificazione dei

Dettagli

1. (Economo regionale)

1. (Economo regionale) Allegato alla Delib.G.R. n. 37/12 del 30.7.2009 DIRETTIVE IN MATERIA DI ECONOMATO E CASSA. 1. (Economo regionale) L economo regionale ha compiti di consegnatario centrale e funzioni di coordinamento di

Dettagli

L.R. 10/1997, art. 30 B.U.R. 4/11/2015, n. 44. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 ottobre 2015, n. 0225/Pres.

L.R. 10/1997, art. 30 B.U.R. 4/11/2015, n. 44. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 ottobre 2015, n. 0225/Pres. L.R. 10/1997, art. 30 B.U.R. 4/11/2015, n. 44 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 ottobre 2015, n. 0225/Pres. Regolamento per la gestione dei beni mobili regionali, ai sensi dell articolo 30 della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI MOBILI CHE COSTITUISCONO IL PATRIMONIO DELL ISTITUTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI MOBILI CHE COSTITUISCONO IL PATRIMONIO DELL ISTITUTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI MOBILI CHE COSTITUISCONO IL PATRIMONIO DELL ISTITUTO L ISTITUTO SCOLASTICO VISTO l art. 117 - Titolo V - della Costituzione Italiana; VISTO il D.I.

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO INTERNO.0020199.28-11-2014-R

AGE.AGEDC001.REGISTRO INTERNO.0020199.28-11-2014-R AGE.AGEDC001.REGISTRO INTERNO.0020199.28-11-2014-R Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Settore Logistica e Fornitori Ufficio Contratti e Infrastrutture TLC OGGETTO: Cessione

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO. Visto il D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254, art. 17 Rinnovo degli inventari dei beni mobili di proprietà dello Stato.

IL DIRIGENTE SCOLASTICO. Visto il D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254, art. 17 Rinnovo degli inventari dei beni mobili di proprietà dello Stato. ISTITUTO COMPRENSIVO DI VIA PASUBIO Via Pasubio 171 36078 Valdagno (VI) Tel. 0445-410428 Fax 0445-426014 Codice Fiacale: 94006060241 Codice Ministeriale: VIIC82800V Indirizzi e-mail: viic82800v@istruzione.it;

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA PISANA REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DELLE DONAZIONI

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA PISANA REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DELLE DONAZIONI AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA PISANA REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DELLE DONAZIONI ( Redatto a cura dell U.O. Patrimonio) ART.1 SCOPO Il presente regolamento, adottato in attuazione della L.R.T. 24/2/2005

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Il Regolamento associativo IL REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEI COMITATI REGIONALI INDICE art. 1 Responsabilita Amministrativa 4 art. 2 Gestione Fondi.. 4 art. 3 Registri e

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA C.F. 80000810863 Tel. 0935.521111 Fax 0935.500429 SETTORE I Affari Generali DIRIGENTE - Dott. Giuseppa Gatto Tel. 0935 521.215 Fax 0935 521217 Pec: protocollo@provincia.enna.it

Dettagli

C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI

C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO (ART. 153, comma 7 d.lgs. 18 agosto 2000 n. 267 e successive modificazioni e integrazioni) Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. del INDICE ANALITICO CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI DONAZIONI E PER L ACQUISIZIONE DEI BENI IN COMODATO D USO GRATUITO ED IN PROVA/VISIONE

REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI DONAZIONI E PER L ACQUISIZIONE DEI BENI IN COMODATO D USO GRATUITO ED IN PROVA/VISIONE REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI DONAZIONI E PER L ACQUISIZIONE DEI BENI IN COMODATO D USO GRATUITO ED IN PROVA/VISIONE 1 PREMESSA Al fine di favorire la qualità dei servizi prestati per l ampliamento

Dettagli

Su carta intestata della Pro Loco. Al sig. Prefetto della Provincia di

Su carta intestata della Pro Loco. Al sig. Prefetto della Provincia di Su carta intestata della Pro Loco Al sig. Prefetto della Provincia di Al sig. Sindaco del Comune di Via Spett.le Ministero dell Economia e delle Finanze Amministrazione dei Monopoli di Stato Ufficio Regionale

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L INVENTARIO DEI BENI

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L INVENTARIO DEI BENI Allegato alla Deliberazione di Consiglio Provinciale n. 80 del 18/12/2006 REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L INVENTARIO DEI BENI ART.1 L INVENTARIO DEI BENI PROVINCIALI. 1. L inventario generale costituisce

Dettagli

APPROVVIGIONAMENTO E QUALIFICA DEI FORNITORI

APPROVVIGIONAMENTO E QUALIFICA DEI FORNITORI Pag.1 di 6 APPROVVIGIONAMENTO E QUALIFICA DEI FORNITORI 1. Scopo e campo di applicazione 2. Terminologia e abbreviazioni 3. Responsabilità 4. Modalità operative 5. Riferimenti 6. Archiviazione 7. Allegati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI DI PROPRIETA DELL ISIA DI FAENZA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI DI PROPRIETA DELL ISIA DI FAENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI DI PROPRIETA DELL ISIA DI FAENZA Approvato con delibera n. 66-2013 CdA del 04/10/2013 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI E PROCEDURE DI INVENTARIAZIONE Art. 1 Classificazione

Dettagli

REGOLAMENTO. DISCIPLINANTE L'An-IVITÀ E LE RESPONSABILITÀ DEI CONSEGNATARI DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DELL'AGENZIA

REGOLAMENTO. DISCIPLINANTE L'An-IVITÀ E LE RESPONSABILITÀ DEI CONSEGNATARI DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DELL'AGENZIA Fire nze 3 1-10-2012 REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L'An-IVITÀ E LE RESPONSABILITÀ DEI CONSEGNATARI DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DELL'AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLE FERROVIE INDICE ART. 1- OGGETTO

Dettagli

Regolamento inventario e procedura fuori uso beni.

Regolamento inventario e procedura fuori uso beni. Allegato 6 Regolamento inventario e procedura fuori uso beni. ART. 1 - BENI MOBILI OGGETTO DEL REGOLAMENTO L inventario generale costituisce un elenco ordinato e sistematico di carattere qualitativo e

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE S. CANNIZZARO Via Gen. Arimondi 14 90143 PALERMO Tel 091347266 - Fax 091307957 Codice Fiscale 80014480828

LICEO SCIENTIFICO STATALE S. CANNIZZARO Via Gen. Arimondi 14 90143 PALERMO Tel 091347266 - Fax 091307957 Codice Fiscale 80014480828 LICEO SCIENTIFICO STATALE S. CANNIZZARO Via Gen. Arimondi 14 90143 PALERMO Tel 091347266 - Fax 091307957 Codice Fiscale 80014480828 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto il D.I. 1 febbraio 2001, n. 44 art. 23,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI DI PROPRIETA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI DI PROPRIETA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI DI PROPRIETA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA emanato con D.R. 1402 del 28 novembre 2005 modificato con delibera C.D.A. n. 463/28230 del 18 dicembre 2008

Dettagli

Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO. Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE. CAPO I Servizio di economato

Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO. Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE. CAPO I Servizio di economato Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE CAPO I Servizio di economato Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art.

Dettagli

Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI A DENARO E A MATERIA

Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI A DENARO E A MATERIA Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI A DENARO E A MATERIA 1 INDICE CAPO I - OGGETTO E FINALITA' Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Qualifica e

Dettagli

OGGETTO: Cessione a titolo gratuito di apparecchiature informatiche

OGGETTO: Cessione a titolo gratuito di apparecchiature informatiche Direzione Regionale della Basilicata Ufficio Risorse Materiali Prot. 01/10365 OGGETTO: Cessione a titolo gratuito di apparecchiature informatiche L Agenzia delle Entrate, Direzione Regionale della Basilicata

Dettagli

PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DEI CESPITI

PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DEI CESPITI ALLEGATO 2.1 PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DEI CESPITI Premessa Nella predisposizione del presente documento si è tenuto conto dei risultati emersi durante la prima fase del nostro lavoro che è consistita

Dettagli

UNIONCAMERE LAZIO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE

UNIONCAMERE LAZIO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE UNIONCAMERE LAZIO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE INDICE Art. 1 - Oggetto e contenuto Art. 2 - Organizzazione e gestione della cassa economale Art. 3 - Fondi di anticipazione a favore del cassiere

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA 1 INDICE Art. 1 Scopo del Regolamento Art. 2 Compiti e attribuzione delle funzioni Art. 3

Dettagli

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO Gestione del processo di approvvigionamento Pag. 1 di 7 PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO n ediz. Data Descrizione Firma preparazione Firma approvazione DIR Firma verifica RGQ 00 01/09/02

Dettagli

Regolamento per il servizio di Cassa Economale

Regolamento per il servizio di Cassa Economale Azienda di Servizi alla Persona Regolamento per il servizio di Cassa Economale Approvato con Delibera di CdA n. 4 del 27/02/2014 Sede Legale: Via Di Mezzo n. 1 47900 RIMINI Sede Amministrativa: Via Massimo

Dettagli

IL REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELLE SEZIONI A.I.A.

IL REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELLE SEZIONI A.I.A. IL REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELLE SEZIONI A.I.A. All. D) ART. 1 RESPONSABILITÀ SEZIONALE L amministrazione delle sezioni è demandata al Presidente, il quale vi provvede di concerto con il Consiglio Direttivo

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA PER LA GESTIONE PATRIMONIALE (Deliberazione n. 8 C.d.I. del 25 febbraio 2010, verbale n.4) Art.

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA PER LA GESTIONE PATRIMONIALE (Deliberazione n. 8 C.d.I. del 25 febbraio 2010, verbale n.4) Art. SCUOLA MEDIA STATALE A. GRAMSCI Via Allende n 1 - tel. 011 8211152 10036 SETTIMO TORINESE REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA PER LA GESTIONE PATRIMONIALE (Deliberazione n. 8 C.d.I. del 25 febbraio

Dettagli

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE TITOLO I DOCUMENTI CONTABILI E GESTIONE DEL BILANCIO Articolo 1 Contabilità economico-patrimoniale L Ente Parco adotta, quale sistema di rilevazione dei

Dettagli

Gestione dei beni e supporto tecnico. Pieroni Catia

Gestione dei beni e supporto tecnico. Pieroni Catia Gestione dei beni e supporto tecnico Gestione dei beni nei laboratori Art.21 della L. 59/97 autonomia scolastica dal 1-9-2000 tutte le istituzioni scolastiche hanno acquisito la personalità giuridica e

Dettagli

Comune di Valsavarenche. Inventario Beni Mobili ed Immobili. Regolamento

Comune di Valsavarenche. Inventario Beni Mobili ed Immobili. Regolamento Comune di Valsavarenche Inventario Beni Mobili ed Immobili Regolamento Indice Art. 1 Inventario dei Beni Mobili ed Immobili... pag. 3 Art. 2 Classificazione dei Beni... pag. 3 Art. 3 Inventario dei Beni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO Via Brera 21, 20121 Milano Capitale sociale i.v. Euro 306.612.100 Codice fiscale, Partita IVA ed iscrizione al Registro imprese di Milano n. 07918170015 Soggetta ad attività di direzione e coordinamento

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO N. VACCALLUZZO LEONFORTE (EN)

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO N. VACCALLUZZO LEONFORTE (EN) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO N. VACCALLUZZO LEONFORTE (EN) Corso Umberto, 339 - C.A.P. : 94013 Tel-Fax Segreteria : 0935/905505 E- mail

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA POLICLINICO DI CATANIA

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA POLICLINICO DI CATANIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA POLICLINICO DI CATANIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI E IMMATERIALI ART. 1 GESTIONE DEL PATRIMONIO La gestione del patrimonio

Dettagli

NORME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO

NORME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI CONTABILITA NORME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO I N D I C E 1 Oggetto e scopo del Servizio 2 Organizzazione del Servizio di Economato 3 - Indennità maneggio valori

Dettagli

Destinatari, albo, atti, 1 /ga

Destinatari, albo, atti, 1 /ga Circolare docenti n. 22 Circolare ATA n. 9 Caluso, 26/09/2012 Ai docenti Al personale ATA OGGETTO: Acquisti beni e servizi - Indicazioni procedurali. INDICAZIONI DI CARATTERE PROCEDURALE TIPOLOGIA DI ACQUISTO

Dettagli

IL RESPONSABILE DELLA STRUTTURA

IL RESPONSABILE DELLA STRUTTURA PROCEDURA PUBBLICA ORDINARIA DI SELEZIONE, PER TITOLI, PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO PER LA REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEL GRUPPO DI RICERCA SULL IMMAGINARIO CONTEMPORANEO OT-ORBIS TERTIUS, PER

Dettagli

art. 1 Finalità e ambito di applicazione

art. 1 Finalità e ambito di applicazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÁ VOLONTARIA CON AZIENDE DEL COMPARTO SANITA E CON AMMINISTRAZIONI DI COMPARTI DIVERSI. PERSONALE DIRIGENTE E NON DIRIGENTE (approvato con deliberazione n. 185

Dettagli

Regolamento di Gestione Patrimoniale dell Istituto

Regolamento di Gestione Patrimoniale dell Istituto Prot. N. 0006266 /C7 Cascina, 31/10/2015 All Albo Istituto sul Sito WEB dell Istituto Regolamento di Gestione Patrimoniale dell Istituto Art.1 Oggetto Il presente Regolamento ha per oggetto le procedure

Dettagli

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) DISCIPLINARE DELL ESERCIZIO DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI DEL COMUNE

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) DISCIPLINARE DELL ESERCIZIO DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI DEL COMUNE COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) DISCIPLINARE DELL ESERCIZIO DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI DEL COMUNE Approvato con deliberazione consiliare n. 48 del 10 maggio 2000 INDICE Art. 1 Attribuzione

Dettagli

Regolamento di Gestione Patrimoniale dell Istituto (Delibera Consiglio Istituto N. 24 del 29 maggio 2008) Art. 1 Oggetto

Regolamento di Gestione Patrimoniale dell Istituto (Delibera Consiglio Istituto N. 24 del 29 maggio 2008) Art. 1 Oggetto ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI SOCIALI Federico Flora 33170 Pordenone - Via Colvera Tel. 0434.362844-0434.362845 Fax: 0434.362169 www.professionaleflorapn.it e-mail:

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE DONAZIONI DA PARTE DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA. ART. 1 Oggetto del regolamento

REGOLAMENTO GESTIONE DONAZIONI DA PARTE DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA. ART. 1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO GESTIONE DONAZIONI DA PARTE DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA ART. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina l accettazione di donazioni devolute da terzi all

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE EROGAZIONI LIBERALI

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE EROGAZIONI LIBERALI PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE EROGAZIONI LIBERALI SOMMARIO Premessa Pag. 2 1. Oggetto.. 2 2. Ambito di applicazione. 2 3. Normativa applicabile 3 4. Ricezione della donazione e gestione delle erogazioni

Dettagli

COMUNE DI SERRA PEDACE (Provincia di Cosenza)

COMUNE DI SERRA PEDACE (Provincia di Cosenza) COMUNE DI SERRA PEDACE (Provincia di Cosenza) Arrea Tecnica Via Roma, 126 87050 Serra Pedace ( CS) REGOLAMENTO Per la locazione e la concessione in uso degli immobili comunali.- (Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI CALANNA (Provincia di Reggio Calabria)

COMUNE DI CALANNA (Provincia di Reggio Calabria) COMUNE DI CALANNA (Provincia di Reggio Calabria) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 01 del 28\12\2007 CAPO I Servizio di Economato Art. 1 Servizio di economato

Dettagli

Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione

Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione Allegato alla Delib.G.R. n. 8 / 7 del 4.2.2009 Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO DI ECONOMATO ART. 1 - ISTITUZIONE DELL UFFICIO ECONOMATO 1.

Dettagli

COMUNE DI SALERNO DISCIPLINARE PER LA TENUTA E L AGGIORNAMENTO DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI SALERNO.

COMUNE DI SALERNO DISCIPLINARE PER LA TENUTA E L AGGIORNAMENTO DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI SALERNO. COMUNE DI SALERNO DISCIPLINARE PER LA TENUTA E L AGGIORNAMENTO DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI SALERNO Pagina 1 di 9 INDICE Premessa Art. 01 - Principi Generali Capo I Principi di Inventariazione

Dettagli

Avvertenze e istruzioni per la gestione dei beni mobili

Avvertenze e istruzioni per la gestione dei beni mobili Avvertenze e istruzioni per la gestione dei beni mobili Allegato alla direttiva n. 14 / 2011 Agenti consegnatari Le/i dirigenti sono agenti consegnatari dei beni presenti negli uffici, nei locali o nei

Dettagli

Procedura di gestione degli approvvigionamenti

Procedura di gestione degli approvvigionamenti Doc.: PQ08 Rev.: 5 Data: 16/03/15 Pag.: 1 di 09 Procedura di gestione degli approvvigionamenti EMESSA DA: Tomasello Maria VERIFICATA DA: Cazzaniga Laura APPROVATA DA: Mariagrazia Fornaroli Doc.: PQ08 Rev.:

Dettagli

ART. 1 OGGETTO SEZIONE I BENI MOBILI ART. 2 BENI MOBILI ART. 3 CLASSIFICAZIONE DEI BENI MOBILI

ART. 1 OGGETTO SEZIONE I BENI MOBILI ART. 2 BENI MOBILI ART. 3 CLASSIFICAZIONE DEI BENI MOBILI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI E DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DELL AGENZIA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO DELL UMBRIA (ADISU) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento

Dettagli

CONTRATTO ESTIMATORIO

CONTRATTO ESTIMATORIO Allegato C3 FAC SIMILE Contratto estimatorio Protesi ortopediche e mezzi di sintesi Premessa Il contratto estimatorio è il contratto con cui una parte consegna una o più cose mobili all altra parte e questa

Dettagli

Prot. 9740/C14g Roma 15 ottobre 2014 CIG N. ZEE113F818

Prot. 9740/C14g Roma 15 ottobre 2014 CIG N. ZEE113F818 Prot. 9740/C14g Roma 15 ottobre 2014 CIG N. ZEE113F818 BANDO DI GARA NOLEGGIO FOTOCOPIATRICI Alle ditte RCO - l.bassotti@rcoonline.it Vema Copy info@vemacopy.it BASCO BAZAR info@basco-bazar2.it FASTREND

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE Termine ultimo di presentazione della domanda: 17 novembre 2014 1. Oggetto Obiettivo del bando è assicurare adeguato sostegno alle famiglie potenziando i servizi per l infanzia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE NR.41 DELL 11 LUGLIO 2008 INDICE TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 Finalità del Regolamento TITOLO

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Realizzazione di un: Sistema Informativo per la gestione del Patrimonio e dei Servizi Tecnico-Logistici ALLEGATO 1 V.E.C.A.

CAPITOLATO TECNICO. Realizzazione di un: Sistema Informativo per la gestione del Patrimonio e dei Servizi Tecnico-Logistici ALLEGATO 1 V.E.C.A. DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI TECNICO-LOGISTICI E DELLA GESTIONE PATRIMONIALE UFFICIO TECNICO E ANALISI DI MERCATO SETTORE 1 INFORMATICA CAPITOLATO TECNICO Realizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE SCOLASTICHE PER ATTIVITA SPORTIVE, IN ORARIO EXTRASCOLASTICO.

REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE SCOLASTICHE PER ATTIVITA SPORTIVE, IN ORARIO EXTRASCOLASTICO. Comune di Lecco REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE SCOLASTICHE PER ATTIVITA SPORTIVE, IN ORARIO EXTRASCOLASTICO. A) CRITERI PER LA CONCESSIONE 1) Gli edifici e le attrezzature scolastiche

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA COMUNE DI SAINT-RHEMY-EN-BOSSES REGOLAMENTO COMUNALE SUI CRITERI E LE MODALITA PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI NONCHE PER L ATTRIBUZIONE

Dettagli

Altri modelli di approvvigionamento: Transito e Conto Deposito.

Altri modelli di approvvigionamento: Transito e Conto Deposito. Corso base: il processo della Logistica Farmaceutica, prospettive e sfide per il farmacista del SSN Altri modelli di approvvigionamento: Transito e Conto Deposito. Salvatore Coppolino Catania, 14 Febbraio

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE Modello ANR/2 IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE DICHIARAZIONE PER L IDENTIFICAZIONE DIRETTA, DI VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non

Dettagli

soggetto partecipante propone l acquisto anche alternativo : di beni in blocco individuati; di singoli beni individuati; di un singolo bene

soggetto partecipante propone l acquisto anche alternativo : di beni in blocco individuati; di singoli beni individuati; di un singolo bene REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE IRREVOCABILI INERENTI L ACQUISTO DEI BENI INCLUSI NEL PATRIMONIO FALLIMENTARE SUDDIVISO NELLE CATEGORIE DI SEGUITO ELENCATE A) Con sentenza datata 2 agosto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DELL ENPALS

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DELL ENPALS REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DELL ENPALS 1 CAPO I Disposizioni generali Indice Articolo 1. Ambito di applicazione 3 Articolo 2. Normativa applicabile 3 Articolo 3. Composizione del patrimonio

Dettagli

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA AVVISO ESPLORATIVO Oggetto: Fornitura di energia elettrica e servizi connessi per sessantacinque utenze intestate all EFS. - Importo complessivo annuo stimato 37.000,00 oltre iva di legge. - Procedura

Dettagli

Statuto Regolamento. del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile.

Statuto Regolamento. del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile. Statuto Regolamento del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile. approvato con delibera della Giunta Comunale n. 29 del 18.03.2004 modificato con delibera della Giunta Comunale n. 216 del

Dettagli

Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE

Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE SOMMARIO Art. 1 - Principi generali Pag. 3 Art. 2 - Esercizi Pag.

Dettagli

Prot. N. 1018/G8 Napoli lì 13 marzo 2012

Prot. N. 1018/G8 Napoli lì 13 marzo 2012 Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013 Programma Operativo Nazionale: Competenze per lo Sviluppo finanziato con il Fondo Sociale Europeo. Con l Europa, investiamo nel vostro futuro Annualità 2011/2012

Dettagli

COMUNE DI TAVERNERIO. Regolamento delle Associazioni

COMUNE DI TAVERNERIO. Regolamento delle Associazioni COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento delle Associazioni Art. 1 - Finalità del regolamento 1. Il Comune di Tavernerio riconosce ed afferma il valore delle libere e autonome Associazioni e degli organismi di

Dettagli

Prot. n. 9045 C14 d Torino, 12 agosto 2010 Circ. Reg. n. 250 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche della Regione Piemonte LORO SEDI

Prot. n. 9045 C14 d Torino, 12 agosto 2010 Circ. Reg. n. 250 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche della Regione Piemonte LORO SEDI Prot. n. 9045 C14 d Torino, 12 agosto 2010 Circ. Reg. n. 250 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche della Regione Piemonte LORO SEDI OGGETTO:Adempimenti amministrativo-contabili da effettuare in riferimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO DIGITALE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 34 del 14/4/2011 Depositato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO (Emanato con decreto rettorale n. 759 del 21 ottobre 2005 Modificato con decreto rettorale n. 31 del

Dettagli

a) strumenti musicali e loro accessori destinati alla didattica ordinaria e alle produzioni;

a) strumenti musicali e loro accessori destinati alla didattica ordinaria e alle produzioni; REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE DEGLI STRUMENTI E DELLE APPARECCHIATURE MUSICALI DI PROPRIETA DEL CONSERVATORIO DI MUSICA G. PIERLUIGI DA PALESTRINA DI CAGLIARI, (art. 14, comma 4 del D.P.R. 28 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA REGOLAMENTO APPROVATO DALLA GIUNTA DI UNIONCAMERE LAZIO CON DELIBERAZIONE N. 64 DEL 30 SETTEMBRE 2013 Articolo 1 Definizione 1. L Unioncamere

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, L UTILIZZO E IL PRESTITO DEI BENI MOBILI DEL LICEO DI STATO CARLO RINALDINI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, L UTILIZZO E IL PRESTITO DEI BENI MOBILI DEL LICEO DI STATO CARLO RINALDINI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, L UTILIZZO E IL PRESTITO DEI BENI MOBILI DEL LICEO DI STATO CARLO RINALDINI Redatto ai sensi dell art. 125, comma 10 del D.Lgs 12 aprile 2006, n. 163 Codice dei contratti pubblici

Dettagli

SEZIONE E CONTRATTO DI CONTO DEPOSITO

SEZIONE E CONTRATTO DI CONTO DEPOSITO SEZIONE E CONTRATTO DI CONTO DEPOSITO Procedura aperta per la Fornitura di materiali per Osteosintesi - Distretto Collo/Femore occorrenti alle AA.SS.LL., EE.OO. e I.R.CC.S. della Regione Liguria N. gara

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI BENI MOBILI A TITOLO DI DONAZIONE, COMODATO D USO/VISIONE PROVA

REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI BENI MOBILI A TITOLO DI DONAZIONE, COMODATO D USO/VISIONE PROVA REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI BENI MOBILI A TITOLO DI DONAZIONE, COMODATO D USO/VISIONE PROVA 1 PREMESSA Al fine di favorire la qualità dei servizi prestati, l attività dell ASL VCO può essere sostenuta

Dettagli

FAC-SIMILE CONTRATTO DI COMPRAVENDITA REPUBBLICA ITALIANA. L anno duemila, il giorno del mese di. ( / / ), in, via n., presso la sede della Filiale di

FAC-SIMILE CONTRATTO DI COMPRAVENDITA REPUBBLICA ITALIANA. L anno duemila, il giorno del mese di. ( / / ), in, via n., presso la sede della Filiale di FAC-SIMILE Rep. n. CONTRATTO DI COMPRAVENDITA REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila, il giorno del mese di ( / / ), in, via n., presso la sede della Filiale di dell Agenzia del Demanio, avanti a me, NOTAIO,

Dettagli