UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi Varese

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER L INVENTARIO DI ATENEO Emanato con D.R. n del Ultime modifiche apportate con D.R. n del Entrato in vigore il

2 REGOLAMENTO PER L INVENTARIO DI ATENEO La Gestione Patrimoniale è trattata nel titolo IV del Regolamento per l Amministrazione la Finanza e la Contabilità Art. 1 Trascrizione dei beni mobili nel registro inventario Nell inventario vanno inseriti tutti i beni mobili acquisiti che costituiscono a qualsiasi titolo incremento del patrimonio dell Ateneo. La registrazione deve essere effettuata su appositi registri inventario con le procedure previste dal programma informatico predisposto dall Amministrazione. Le registrazioni dovranno avvenire entro il più breve tempo possibile ovvero non appena sia possibile eseguire gli opportuni controlli sulla regolarità della fornitura e, qualora previsto, del relativo collaudo. La registrazione deve essere effettuata entro e non oltre la liquidazione della relativa fattura. Qualora si tratti di pubblicazioni periodiche la registrazione non è subordinata alla liquidazione della relativa fattura ma deve essere effettuata non appena sia possibile eseguire gli opportuni controlli al ricevimento del primo fascicolo. La registrazione del bene è relativa: 1. alla numerazione 2. alla descrizione 3. alla categoria inventariale 4. all ubicazione 5. al responsabile 6. alla quantità ed al valore unitario 7. al valore totale Art. 2 Numerazione dei beni La numerazione dei beni inventariali deve essere univoca e progressiva. Su ogni bene deve essere apposta idonea etichetta che permetta di individuare il bene registrato in maniera univoca. Sulla etichetta, oltre al numero, può essere indicato anche la denominazione dell Unità di Gestione o dell Unità di Spesa. Le singole parti di un oggetto devono essere inventariate con lo stesso numero dell apparecchiatura principale. Si può derogare a tale principio solo ed esclusivamente se una parte dell apparecchiatura può godere di una vita propria ovvero disgiunta rispetto al bene principale. Qualora un componente di un bene può essere utilizzato disgiuntamente rispetto a quest ultimo e, quindi, facilmente spostato su un altro bene, può essere inserito in inventario con un numero differente. Nel caso di arredi complessi (pareti attrezzate, scrivanie composte, ecc.) viene assegnato un unico numero di inventario. I video dei computer hanno un numero di inventario separato dal personal computer a cui sono collegati. Su un singolo bene non vi può essere più di un numero dello stesso inventario. Art. 3 - Diminuzione o aumento valore Ogni bene può subire una variazione del valore in aumento o diminuzione. Si definisce Diminuzione o Aumento del valore di un bene quando il valore di inventario subisce una variazione parziale. Il valore di ogni variazione deve essere documentabile e non necessita di autorizzazione preventiva. Si ha una Diminuzione del valore quando si scarica una parte di un bene (es. si scarica un lettore cd di un personal computer perché rotto). 2

3 Si ha un Aumento del valore quando si aggiunge un componente al bene principale (es. si aggiunge un lettore cd ad un personal computer). Art. 4 Registro di carico Per ogni bene acquisito si deve procedere alla registrazione di carico con l inserimento dei dati richiesti dal programma informatico per la gestione degli inventari. I dati così inseriti assumeranno a tutti gli effetti il valore di documento amministrativo contabile. Ciascuna registrazione di carico deve contenere: indicazione del titolare del bene (Amministrazione Centrale, Unità di Gestione o Unità di Spesa) numero progressivo della registrazione di carico data di registrazione codice di inventario (della struttura presso cui il bene è inventariato) descrizione del bene valore inventariale categoria del bene ubicazione dati identificativi della fattura (fornitore, numero e data fattura) consegnatario capitolo sui quale grava la spesa del bene fondo o fondi su cui è stata effettuata l acquisizione del bene inventariato (progetto) campo vero/falso per il recupero IVA (per prestazioni c/terzi) mandato Secondo l art. 59 comma 3 del Regolamento per l Amministrazione la Finanza e la Contabilità, per il materiale bibliografico acquisito dal Sistema Bibliotecario di Ateneo si può derogare dal contenuto di cui sopra. Art. 5 Valore del bene inventariale Il valore da iscrivere sul registro inventario deve essere definito a seconda delle modalità di acquisizione del bene. Il valore del bene deve essere certo e documentabile. La valutazione del materiale librario (ai sensi dell art. 10 del manuale di Amministrazione e Contabilità) può avvenire secondo le seguenti modalità: La valutazione del materiale librario pervenuto a titolo gratuito (art. 59 comma 2 del regolamento) è effettuato secondo i seguenti criteri: per i volumi di recente pubblicazione (ultimi 30 anni) il valore viene desunto dal prezzo di copertina per i volumi di non recente pubblicazione o per i quali manca il prezzo di copertina, si applica un valore presunto in relazione al numero di pagine ed alla qualità dell edizione secondo il seguente criterio: per i volumi sino a 250 pagine: 10 centesimi a pagina + 10 euro se il volume è rilegato + 5 euro se il volume è illustrato + 10 euro se il volume è illustrato a colori per i volumi superiori a 250 pagine: prezzo unitario di 20 euro + 10 euro se il volume è rilegato + 5 euro se il volume è illustrato + 10 euro se il volume è illustrato a colori Per i volumi stampati prima del 1900 si farà riferimento a cataloghi e cataloghi antiquari. In mancanza dovrà essere demandata la valutazione ad un esperto. 3

4 Nel caso di acquisto con permuta di beni precedentemente inventariati, il valore da inserire nell inventario è quello indicato in fattura al lordo della permuta. In altre parole il valore del cespite non deve essere diminuito del valore della permuta. Eventuali rivalutazioni dei beni inseriti in inventario verranno definite sulla base di indicazioni approvate dal Consiglio di Amministrazione Art. 6 Acquisti I beni acquistati devono essere inventariati al prezzo di acquisto, diminuito da eventuali sconti, aumentato dell IVA (se attività istituzionale) ed eventualmente spese accessorie direttamente imputabili all acquisizione del bene stesso (spese di spedizione, spese di installazione, spese di sdoganamento, ecc.). Il materiale bibliografico cartaceo e non (banche dati e riviste on line acquisite su voci di bilancio di investimento), a norma dell art. 59 comma 1 del Regolamento per l Amministrazione la Finanza e la Contabilità, deve essere inventariato al prezzo di copertina o, in mancanza, al costo di acquisizione al netto di eventuali commissioni. Nel caso le spese accessorie siano riferite a più beni, queste dovranno essere ripartite mediante riparto semplice sul valore di ciascun bene. Per strumenti costruiti in economia all interno dell Ateneo (assemblaggio di componenti), il valore del bene sarà calcolato come somma dei valori di ciascun bene componete lo strumento. Per lasciti e donazioni (art. 11 del Manuale di Amministrazione e Contabilità) i beni sono inventariati al valore desumibile da documentazione certa. Art. 7 - Classificazione dei beni mobili Ai sensi dell art. 57 del Regolamento per l Amministrazione la Finanza e la Contabilità i beni si classificano nelle seguenti categorie: Mobili, arredi, macchine di ufficio materiale bibliografico collezioni scientifiche strumenti tecnici ed attrezzature automezzi ed altri mezzi di trasporto titoli pubblici e privati altri beni mobili Le Attrezzature informatiche possono rientrare in categorie separate: se un personal computer è utilizzato per normale attività di ufficio deve essere inserito nella categoria 1 (Mobili, arredi, macchine di ufficio); se lo stesso strumento è collegato ad una strumentazione di laboratorio deve essere inserito nella categoria 4 (strumenti tecnici ed attrezzature) Art. 8 Acquisizione beni mobili mediante locazione finanziaria (leasing) I beni acquisiti mediante locazione finanziaria sono inseriti nell inventario solo al momento dell eventuale riscatto mediante pagamento dell ultima rata del canone. A partire quindi da quella data i beni dovranno essere iscritti nel registro inventario ad un valore pari alla somma di tutti i canoni pagati ad esclusione delle somme versate a titolo di interesse. Gli interessi pagati per la locazione non sono compresi nelle spese accessorie. Art. 9 Beni non inventariabili 4

5 Ai sensi dell art. 58 del Regolamento per l Amministrazione la Finanza e la Contabilità e dell art. 9 del Manuale di Amministrazione e Contabilità sono esenti dall obbligo di inventariazione i beni ed oggetti anche immateriali che per loro intrinseca natura sono soggetti a rapido consumo, ad obsolescenza o i beni che si deteriorano con l uso, le parti di ricambio od accessorie di altri oggetti inventariati nonché i beni mobili di valore non superiore a 500,00 euro purché appartenenti alle seguenti tipologie: - cancelleria - materiale igienico sanitario - materiale destinato all uso di laboratorio - software (escluso i pacchetti applicativi in licenza d uso) Per le categorie sopra esposte il limite è rappresentato dal valore unitario del bene Sono esenti dall obbligo di inventariazione perché considerati beni di servizio, le licenze temporanee di accesso remoto, tramite internet a banche dati e i pacchetti di riviste elettroniche. Art. 10 Consegnatari e sub-consegnatari dei beni mobili Ai sensi dell Art. 64 del Regolamento per l Amministrazione la Finanza e la Contabilità i beni mobili inventariati devono essere dati in consegna a personale di ruolo dell Ateneo che ne diviene responsabile per debito di vigilanza. Per le Unità di gestione e di spesa, l agente consegnatario è il responsabile della struttura. Il consegnatario può individuare dei subconsegnatari responsabili in solido. Es. nei dipartimenti il consegnatario è il Direttore di Dipartimento mentre i sub-consegnatari sono i docenti che hanno il possesso e l uso di uno specifico bene. In caso di sostituzione degli agenti responsabili, la consegna ha luogo previa materiale ricognizione dei beni oggetto del passaggio e mediante sottoscrizione di un apposito verbale (allegato A). I consegnatari devono provvedere a: 1. tenere i registri di inventario 2. emettere buoni di carico per l immissione dei beni nell inventario ed emettere i buoni di scarico per la cancellazione dei beni dall inventario 3. compilare, alla chiusura di ciascun esercizio finanziario, la situazione patrimoniale (essa deve porre in evidenza, per categoria, il valore dei beni risultanti alla fine dell esercizio) 4. compilare le schede indicanti i beni contenuti in ogni locale 5. rinnovare l inventario, previa ricognizione materiale dei beni da effettuare almeno ogni dieci anni o ogni volta ne ravveda la necessità 6. procedere alla rivalutazione dei beni secondo le indicazioni fornite dagli organi accademici I consegnatari dei beni mobili sono personalmente responsabili dei beni ricevuti in custodia; devono curare la conservazione, la manutenzione ed il corretto uso di tutti i beni presi in carico con la sottoscrizione del buono di inventario. Trasferimenti di beni tra subconsegnatari devono essere preventivamente autorizzati dal Consegnatario Art. 11 Passaggi di consegna In caso di cambio del Consegnatario, la consegna dei beni mobili si effettua sulla base della consistenza inventariale all atto della consegna. Il verbale di consegna (allegato A) deve essere redatto in quattro copie (Consegnatario uscente, Consegnatario entrante, Struttura di competenza e Ufficio Patrimonio). 5

6 E possibile prendere in carico i beni mobili con clausola di RISERVA da sciogliersi mediante ricognizione materiale dei beni interessati. Tale ricognizione deve avvenire obbligatoriamente entro tre mesi dal giorno di assunzione dell incarico di Consegnatario subentrante. Art. 12 Chiusura dei registri inventario e contabilità patrimoniale Al termine di ogni esercizio finanziario il consegnatario deve predisporre il prospetto riassuntivo dell inventario nel quale sono evidenziati per ogni categorie il valore iniziale dell inventario, i valori in aumento ed in diminuzione ed il valore finale dell inventario. Tale prospetto stampato mediante applicativo informatico, firmato dal Consegnatario, unitamente ad una copia dei buoni di carico, deve pervenire entro il 31 di gennaio dell anno immediatamente seguente all Ufficio Economato Art. 13 Ricognizione dei beni mobili e rinnovo delle scritture Ai sensi dell art. 61 del Regolamento per l Amministrazione la Finanza e la Contabilità occorre procedere ogni dieci anni alla ricognizione dei beni mobili, al rinnovo dei relativi inventari ed all eventuale valutazione dei beni stessi sulla base dei criteri stabiliti nel Manuale di Amministrazione e Contabilità Art. 14 Scarico dei beni mobili Ai sensi dell art. 60 del Regolamento per l Amministrazione la Finanza e la Contabilità la cancellazione dagli inventari può avvenire per: 1. inutilizzabilità 2. obsolescenza 3. furto o perdita 4. cessione 5. permuta 6. altre cause Lo scarico deve essere motivato ed è disposto dai responsabili dell Amministrazione e delle unità di gestione e di spesa nei limiti di valore corrispondenti a quelli previsti per le rispettive operazioni di acquisto. Prima di procedere allo scarico occorre comunque verificare l effettiva causa di scarico ed inoltre occorre verificare che il bene che si intende scaricare non appartenga alla categoria rifiuti speciali nel qual caso occorre concordare a priori con l Ufficio Prevenzione e Sicurezza le modalità di smaltimento più idonee. Art scarico per obsolescenza o inutilizzabilità L inutilizzabilità o l obsolescenza deve essere decretata da apposita commissione nominata allo scopo. La commissione provvederà a compilare debito verbale nel quale dovrà essere chiaramente indicato il materiale oggetto dello scarico e tutte le informazioni necessarie ad individuarlo in maniera chiara ed univoca. Nel caso di rottamazione occorrerà inoltre richiedere documentazione idonea a certificare che il materiale oggetto dell operazione sia stato prelevato dai locali dell Ateneo. Eventuali spese di rottamazione del materiale da dismettere sono a carico della struttura di appartenenza. Al termine di tutte le operazioni occorrerà darne comunicazione all Ufficio Patrimonio del Settore Economato e Patrimonio unitamente ad una copia del verbale della commissione e della certificazione di rottamazione delle attrezzature dismesse. I beni scaricati per inutilizzabilità e per obsolescenza, esperite le verifiche atte ad accertare l idoneità al riutilizzo nell Ambito dell Ateneo possono essere cedute a titolo gratuito ad enti pubblici e privati oppure a 6

7 titolo oneroso a terzi, compreso il personale dipendente dell Ateneo secondo le modalità descritte nell articolo 16 del presente regolamento Art scarico per furto Nel caso di furto occorre: - dare comunicazione tempestiva all Ufficio Contratti e Convenzioni dell avvenuto furto unitamente ad una copia della denuncia presso le autorità giudiziarie e ad una copia della fattura di acquisto del cespite - inviare dichiarazione idonea (Allegato B) all Ufficio Patrimonio del Settore Economato e Patrimonio unitamente ad una copia della denuncia. Art scarico per cessione o permuta L alienazione dei beni mediante cessione o permuta deve avvenire a cura del unità di spesa o di gestione di rispettiva competenza. La cancellazione per permuta avviene quando, in sede di acquisto, si pattuisce il ritiro di un cespite da parte della ditta che provvederà a fornire il nuovo bene. In ogni caso la ditta dovrà provvedere alla stima dei beni da offrire in permuta e comunicarlo al Consegnatario che verificherà, ove possibile, la congruità dell offerta mediante, qualora lo ritenesse necessario, la nomina di una commissione composta da tre esperti. Nell acquisizione del nuovo bene dovrà comunque chiaramente comparire il valore del nuovo bene che si sta acquisendo ed la valutazione del vecchio cespite di cui si intende effettuare la permuta. Nel caso di cessione o permuta di beni acquisiti a fronte di attività istituzionali e quindi acquisiti su fondi di provenienza ministeriale occorre procedere all emissione di una nota di debito intestata al ditta acquirente per l importo pattuito. Copia della nota di debito dovrà essere trasmessa all Ufficio Contabilità. Se il bene era stato acquistato su fondi provenienti da attività conto terzi (attività commerciale) il responsabile dell Unità di Spesa o di Gestione dovrà richiedere all Ufficio Contabilità l emissione della relativa fattura fornendo all Ufficio tutti i dati fiscali necessari. In qualsiasi caso il valore di dismissione non può essere diverso da quello di carico. Art. 15 Rettifiche nei registri inventario Si possono effettuare rettifiche per errori materiali di scritturazione o per cambiamento di categoria. Le operazioni di rettifica devono essere convalidate dal Consegnatario ovvero dai responsabili dell Amministrazione e delle unità di gestione e di spesa nei limiti di valore corrispondenti a quelli previsti per le rispettive operazioni di acquisto. In ogni caso si deve lasciare chiara traccia dell operazione effettuata in maniera tale da poter verificare in qualsiasi momento l errore commesso e la relativa operazione di rettifica effettuata. Art. 16 Cessione beni a terzi a titolo oneroso Ai sensi dell art. 60 del Regolamento per l Amministrazione la Finanza e la Contabilità i beni obsoleti si possono cedere a titolo oneroso a terzi compresi i dipendenti dell Ateneo. Per l operazione di cessione può anche essere incaricato un terzo e deve avvenire garantendo la massima diffusione e trasparenza. 7

8 ALLEGATO A Al Direttore PROCESSO VERBALE Di consegna dei beni mobili di proprietà dell Università degli Studi dell Insubria esistenti presso il Dipartimento/Facoltà di L anno addì del mese di presso l ufficio del Dipartimento/Facoltà sito in Via a, dovendosi procedere al cambiamento del consegnatario dei beni mobili esistenti presso il Dipartimento/Facoltà di in seguito al Decreto Rettorale n. del con il quale è stato nominato il Prof. (consegnatario subentrante) quale Direttore/Preside del Dipartimento/Facoltà suddetto in sostituzione del Prof. (consegnatario uscente) Direttore/Preside uscente In contraddittorio dei medesimi si è proceduto alla verifica delle relative scritture contabili. L esame delle scritture esistenti ha portato alle risultanze che si riassumono nella seguente situazione contabile riepilogativa alla data del Cat. 1 mobili, arredi e macchine per ufficio Euro Cat. 2 materiale bibliografico Euro Cat. 3 collezioni scientifiche Euro Cat. 4 apparecchiature ed attrezzature Euro Cat. 5 automezzi ed altri mezzi di trasporto Euro Cat. 6 titoli e valori Euro Cat. 7 altri beni mobili Euro Pertanto la situazione contabile complessiva, risultante dall esame delle scritture esistenti alla data del, risulta pari ad un valore patrimoniale globale di Euro. Dopo di che i sunnominati Proff.ri e hanno dichiarato rispettivamente di consegnare e di accettare in consegna i beni mobili. Descritti nelle scritture inventariali, con la riserva di eventuali modificazioni che si rendessero necessarie in sede di ricognizione. Il presente verbale, firmato da tutti gli intervenuti succitati, è stato redatto in quattro copie da consegnarsi, eseguite le prescritte formalità, uno al Consegnatario che cessa, un altro al Consegnatario subentrante, il terzo al Consegnatario supplente ed il quarto all Amministrazione Centrale Ufficio Provveditorato e Cassa. Varese, IL CONSEGNATARIO CESSANTE Direttore/Preside Prof. IL CONSEGNATARIO SUBENTRANTE Direttore/Preside Prof. 8

9 ALLEGATO B Al Direttore FURTO Oggetto: Furto di - n.inventario Il sottoscritto, in qualità di Consegnatario dei beni dell Amministrazione Centrale - Dipartimento/Facoltà di, dichiara che, per quanto di competenza, benché siano state attuate e poste in essere tutte le misure idonee a salvaguardare detti beni in oggetto, il furto è stato perpetrato ugualmente, ad opera di ignoti. Dichiara inoltre, ai sensi dell articolo del Regolamento per l Amministrazione e la Contabilità Generale dello Stato che i beni di cui sopra sono sempre stati custoditi con scrupolosa diligenza e pertanto di non avere alcuna responsabilità del furto medesimo. Varese, IL CONSEGNATARIO L Economo/ Il Direttore/ Il Preside IL SUB-CONSEGNATARIO All. Denuncia del presentata al 9

10 10

Ufficio Economo Dott.ssa Caterina Privitera CARICO INVENTARIALE

Ufficio Economo Dott.ssa Caterina Privitera CARICO INVENTARIALE Università degli Studi Di Catania Ufficio Economo Dott.ssa Caterina Privitera CARICO INVENTARIALE Trascrizione dei beni mobili nel registro inventario Tutti i beni mobili acquistati che costituiscono incremento

Dettagli

LA DIRIGENTE SCOLASTICA

LA DIRIGENTE SCOLASTICA LA DIRIGENTE SCOLASTICA Visto il D.I. 1 febbraio 2001, n 44, artt. 23, 24, 25, 26, 27, 28 e 39; Vista la nota del MIUR, Dipartimento per la Programmazione e la Gestione delle Risorse Umane, Finanziarie

Dettagli

Il Patrimonio. Elementi del regolamento di Amministrazione e Contabilità per la gestione del patrimonio nei dipartimenti universitari

Il Patrimonio. Elementi del regolamento di Amministrazione e Contabilità per la gestione del patrimonio nei dipartimenti universitari Il Patrimonio Elementi del regolamento di Amministrazione e Contabilità per la gestione del patrimonio nei dipartimenti universitari 6 e 22 febbraio 2007 a cura di Noemi Rossi 1 Inventario I beni immobili

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto il D.I. 1 febbraio 2001, n. 44 Visto il D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254, art 14, art. 17 Rinnovo degli inventari dei beni mobili di proprietà dello Stato. Istruzioni. Vista

Dettagli

L.R. 10/1997, art. 30 B.U.R. 4/11/2015, n. 44. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 ottobre 2015, n. 0225/Pres.

L.R. 10/1997, art. 30 B.U.R. 4/11/2015, n. 44. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 ottobre 2015, n. 0225/Pres. L.R. 10/1997, art. 30 B.U.R. 4/11/2015, n. 44 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 ottobre 2015, n. 0225/Pres. Regolamento per la gestione dei beni mobili regionali, ai sensi dell articolo 30 della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO. Tel. 035/881246 - Fax 035/4823732 REGOLAMENTO INVENTARIO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO. Tel. 035/881246 - Fax 035/4823732 REGOLAMENTO INVENTARIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO Via Libertà, 17 Osio Sotto e-mail icosiosotto@alice.it Tel. 035/881246 - Fax 035/4823732 REGOLAMENTO INVENTARIO APPROVATO NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO DEL 20/6/2008

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DEI BENI IMMOBILI E MOBILI

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DEI BENI IMMOBILI E MOBILI REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DEI BENI IMMOBILI E MOBILI FONDAZIONE BRUNO KESSLER Allegato C alla deliberazione n. 02/08 del Consiglio di Amministrazione del 12 maggio 2008 Modificato nella

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE DEI BENI DELLA PROSERVICE S.P.A.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE DEI BENI DELLA PROSERVICE S.P.A. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE DEI BENI DELLA PROSERVICE S.P.A. I beni patrimoniali, di cui la Proservice S.p.a ha la proprietà, devono essere descritti in separati inventari, con gli elementi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI DI PROPRIETA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI DI PROPRIETA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI DI PROPRIETA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA emanato con D.R. 1402 del 28 novembre 2005 modificato con delibera C.D.A. n. 463/28230 del 18 dicembre 2008

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI L'AQUILA

ACCADEMIA DI BELLE ARTI L'AQUILA Ministero dell'lstruzione dell'ljniversità e della Ricerca ALT'A FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI L'AQUILA EMANAZIONE REGOLAMENTO ANTIFIUMO IL PRESIDENTE VISTA la Delibera del Consiglio

Dettagli

O.S.E.A. Opere di Servizi Educativi Assistenziali Reggio Emilia

O.S.E.A. Opere di Servizi Educativi Assistenziali Reggio Emilia O.S.E.A. Opere di Servizi Educativi Assistenziali Reggio Emilia Azienda pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO PER LA CATALOGAZIONE, ASSEGNAZIONE E TENUTA DEI BENI MOBILI Articolo 1 Oggetto Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA

REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA Approvato con delibera n. 7 del 22/11/2006 Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Progetto Co.Ge. Chiarimenti sulla gestione dell inventario (Circolare n. 2233/2012)

Progetto Co.Ge. Chiarimenti sulla gestione dell inventario (Circolare n. 2233/2012) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per il Bilancio Progetto Co.Ge. Chiarimenti sulla gestione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI DI PROPRIETA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI DI PROPRIETA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI DI PROPRIETA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto il D.I. 1 febbraio 2001, n. 44 Regolamento concernente le istruzioni generali

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO. Visto il D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254, art. 17 Rinnovo degli inventari dei beni mobili di proprietà dello Stato.

IL DIRIGENTE SCOLASTICO. Visto il D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254, art. 17 Rinnovo degli inventari dei beni mobili di proprietà dello Stato. ISTITUTO COMPRENSIVO DI VIA PASUBIO Via Pasubio 171 36078 Valdagno (VI) Tel. 0445-410428 Fax 0445-426014 Codice Fiacale: 94006060241 Codice Ministeriale: VIIC82800V Indirizzi e-mail: viic82800v@istruzione.it;

Dettagli

1. (Economo regionale)

1. (Economo regionale) Allegato alla Delib.G.R. n. 37/12 del 30.7.2009 DIRETTIVE IN MATERIA DI ECONOMATO E CASSA. 1. (Economo regionale) L economo regionale ha compiti di consegnatario centrale e funzioni di coordinamento di

Dettagli

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE TITOLO I DOCUMENTI CONTABILI E GESTIONE DEL BILANCIO Articolo 1 Contabilità economico-patrimoniale L Ente Parco adotta, quale sistema di rilevazione dei

Dettagli

Regolamento di Gestione Patrimoniale dell Istituto (Delibera Consiglio Istituto N. 24 del 29 maggio 2008) Art. 1 Oggetto

Regolamento di Gestione Patrimoniale dell Istituto (Delibera Consiglio Istituto N. 24 del 29 maggio 2008) Art. 1 Oggetto ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI SOCIALI Federico Flora 33170 Pordenone - Via Colvera Tel. 0434.362844-0434.362845 Fax: 0434.362169 www.professionaleflorapn.it e-mail:

Dettagli

Regolamento di dismissione di beni mobili comunali CITTA DI BARLETTA. Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

Regolamento di dismissione di beni mobili comunali CITTA DI BARLETTA. Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Regolamento di dismissione di beni mobili comunali CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida BOZZA DI REGOLAMENTO DI DISMISSIONE DI BENI MOBILI COMUNALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INVENTARIO DEI BENI MOBILI E DELLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

REGOLAMENTO PER L INVENTARIO DEI BENI MOBILI E DELLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI Emanato con Decreto Rettorale n. 33, prot. n. 1944/A3 del 4 marzo 2010 REGOLAMENTO PER L INVENTARIO DEI BENI MOBILI E DELLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI INDICE TITOLO I PATRIMONIO Art. 1 - Oggetto del

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA PER LA GESTIONE PATRIMONIALE (Deliberazione n. 8 C.d.I. del 25 febbraio 2010, verbale n.4) Art.

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA PER LA GESTIONE PATRIMONIALE (Deliberazione n. 8 C.d.I. del 25 febbraio 2010, verbale n.4) Art. SCUOLA MEDIA STATALE A. GRAMSCI Via Allende n 1 - tel. 011 8211152 10036 SETTIMO TORINESE REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA PER LA GESTIONE PATRIMONIALE (Deliberazione n. 8 C.d.I. del 25 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO DI PRIMA APPLICAZIONE PER LA TENUTA DEGLI INVENTARI

REGOLAMENTO DI PRIMA APPLICAZIONE PER LA TENUTA DEGLI INVENTARI REGOLAMENTO DI PRIMA APPLICAZIONE PER LA TENUTA DEGLI INVENTARI INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Classificazione dei beni Art.3 - Beni mobili non inventariabili Art.4 Responsabile dei beni

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA APPROVATO CON ATTO COMMISSARIALE. NR. 50 DEL 17/06/2004, CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI CALANNA (Provincia di Reggio Calabria)

COMUNE DI CALANNA (Provincia di Reggio Calabria) COMUNE DI CALANNA (Provincia di Reggio Calabria) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 01 del 28\12\2007 CAPO I Servizio di Economato Art. 1 Servizio di economato

Dettagli

REGOLAMENTO. DISCIPLINANTE L'An-IVITÀ E LE RESPONSABILITÀ DEI CONSEGNATARI DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DELL'AGENZIA

REGOLAMENTO. DISCIPLINANTE L'An-IVITÀ E LE RESPONSABILITÀ DEI CONSEGNATARI DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DELL'AGENZIA Fire nze 3 1-10-2012 REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L'An-IVITÀ E LE RESPONSABILITÀ DEI CONSEGNATARI DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DELL'AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLE FERROVIE INDICE ART. 1- OGGETTO

Dettagli

NORME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO

NORME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI CONTABILITA NORME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO I N D I C E 1 Oggetto e scopo del Servizio 2 Organizzazione del Servizio di Economato 3 - Indennità maneggio valori

Dettagli

Regolamento di Gestione Patrimoniale dell Istituto

Regolamento di Gestione Patrimoniale dell Istituto Prot. N. 0006266 /C7 Cascina, 31/10/2015 All Albo Istituto sul Sito WEB dell Istituto Regolamento di Gestione Patrimoniale dell Istituto Art.1 Oggetto Il presente Regolamento ha per oggetto le procedure

Dettagli

Conto consuntivo. Il conto consuntivo è predisposto dal DSGA, entro il 15 marzo di ogni anno, poi approvato entro 45 giorni dal Consiglio di Istituto.

Conto consuntivo. Il conto consuntivo è predisposto dal DSGA, entro il 15 marzo di ogni anno, poi approvato entro 45 giorni dal Consiglio di Istituto. Conto consuntivo Il conto consuntivo è predisposto dal DSGA, entro il 15 marzo di ogni anno, poi approvato entro 45 giorni dal Consiglio di Istituto. L'obiettivo della scuola non è quello di risparmiare,

Dettagli

Avvertenze e istruzioni per la gestione dei beni mobili

Avvertenze e istruzioni per la gestione dei beni mobili Avvertenze e istruzioni per la gestione dei beni mobili Allegato alla direttiva n. 14 / 2011 Agenti consegnatari Le/i dirigenti sono agenti consegnatari dei beni presenti negli uffici, nei locali o nei

Dettagli

Primo avvio del modulo: caricamenti da operare. Posizioni inventariali

Primo avvio del modulo: caricamenti da operare. Posizioni inventariali INDICAZIONI OPERATIVE PER L AVVIO E LA GESTIONE DEL MODULO INVENTARIO Primo avvio del modulo: caricamenti da operare Una volta messo a disposizione delle strutture il modulo inventario (che, solo in questa

Dettagli

REGOLAMENTO INVENTARIALE

REGOLAMENTO INVENTARIALE REGOLAMENTO INVENTARIALE IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto il D.I. 1 febbraio 2001, n. 44 art. 23, art.24, art.25, art.26, art.27, art.28, art. 29, art. 30, art.52 Visto il D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO "L.TONGIORGI" Via O.Gentileschi, 10 56123 PISA Fax 050/560581 Tel. 050/560094 C.F. 93049560506 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

ISTITUTO COMPRENSIVO L.TONGIORGI Via O.Gentileschi, 10 56123 PISA Fax 050/560581 Tel. 050/560094 C.F. 93049560506 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO "L.TONGIORGI" Via O.Gentileschi, 10 56123 PISA Fax 050/560581 Tel. 050/560094 C.F. 93049560506 Prot. N. 4581/A5 Pisa, 26/07/2011 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto il D.I. 1 febbraio 2001,

Dettagli

MANUALE PER LA GESTIONE PATRIMONIALE

MANUALE PER LA GESTIONE PATRIMONIALE DIREZIONE AFFARI CONTRATTUALI E PATRIMONIALI ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE MANUALE PER LA GESTIONE PATRIMONIALE Il testo del Manuale per la gestione patrimoniale dell INFN è stato redatto al solo

Dettagli

DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI CASTENASO

DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI CASTENASO DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI CASTENASO Allegato alla delibera di Giunta Comunale n. del. Disposizioni per la gestione dell inventario del Comune di Castenaso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DELL ENPALS

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DELL ENPALS REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DELL ENPALS 1 CAPO I Disposizioni generali Indice Articolo 1. Ambito di applicazione 3 Articolo 2. Normativa applicabile 3 Articolo 3. Composizione del patrimonio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE NR.41 DELL 11 LUGLIO 2008 INDICE TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 Finalità del Regolamento TITOLO

Dettagli

COMUNE DI FOLIGNO AREA SERVIZI FINANZIARI Viale Umbria 36

COMUNE DI FOLIGNO AREA SERVIZI FINANZIARI Viale Umbria 36 COMUNE DI FOLIGNO AREA SERVIZI FINANZIARI Viale Umbria 36 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA APPROVATO CON ATTO C.C. NR. 224

Dettagli

Destinatari, albo, atti, 1 /ga

Destinatari, albo, atti, 1 /ga Circolare docenti n. 22 Circolare ATA n. 9 Caluso, 26/09/2012 Ai docenti Al personale ATA OGGETTO: Acquisti beni e servizi - Indicazioni procedurali. INDICAZIONI DI CARATTERE PROCEDURALE TIPOLOGIA DI ACQUISTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA 1 INDICE Art. 1 Scopo del Regolamento Art. 2 Compiti e attribuzione delle funzioni Art. 3

Dettagli

DELLA DOCUMENTAZIONE CARTACEA AZIENDALE CAPITOLATO TECNICO

DELLA DOCUMENTAZIONE CARTACEA AZIENDALE CAPITOLATO TECNICO ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125 COMMI 10 E 11 DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DEL SERVIZIO DI CATALOGAZIONE, ARCHIVIAZIONE, GESTIONE E CONSULTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE CARTACEA AZIENDALE CIG:

Dettagli

IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO

IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Ufficio Patrimonio DECRETO N. 1/08/P IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO Visto il Regio Decreto 23/05/1924, n. 827 Regolamento per l amministrazione del patrimonio

Dettagli

Allegato 1 Disposizioni per la tenuta e la gestione dell inventario dell Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica

Allegato 1 Disposizioni per la tenuta e la gestione dell inventario dell Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica Allegati 1 e 2 P.ti OdG 8 e 9 CdA del 28/04/2016 Allegato 1 Disposizioni per la tenuta e la gestione dell inventario dell Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica CAPO I - GESTIONE IMMOBILIZZAZIONI Art.

Dettagli

PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DEI CESPITI

PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DEI CESPITI ALLEGATO 2.1 PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DEI CESPITI Premessa Nella predisposizione del presente documento si è tenuto conto dei risultati emersi durante la prima fase del nostro lavoro che è consistita

Dettagli

COMUNE DI SALERNO DISCIPLINARE PER LA TENUTA E L AGGIORNAMENTO DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI SALERNO.

COMUNE DI SALERNO DISCIPLINARE PER LA TENUTA E L AGGIORNAMENTO DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI SALERNO. COMUNE DI SALERNO DISCIPLINARE PER LA TENUTA E L AGGIORNAMENTO DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI SALERNO Pagina 1 di 9 INDICE Premessa Art. 01 - Principi Generali Capo I Principi di Inventariazione

Dettagli

UNIONCAMERE LAZIO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE

UNIONCAMERE LAZIO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE UNIONCAMERE LAZIO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE INDICE Art. 1 - Oggetto e contenuto Art. 2 - Organizzazione e gestione della cassa economale Art. 3 - Fondi di anticipazione a favore del cassiere

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Il Regolamento associativo IL REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEI COMITATI REGIONALI INDICE art. 1 Responsabilita Amministrativa 4 art. 2 Gestione Fondi.. 4 art. 3 Registri e

Dettagli

COMUNE DI ENNA REGOLAMENTO DEGLI AGENTI CONTABILI DEL COMUNE DI ENNA

COMUNE DI ENNA REGOLAMENTO DEGLI AGENTI CONTABILI DEL COMUNE DI ENNA COMUNE DI ENNA REGOLAMENTO DEGLI AGENTI CONTABILI DEL COMUNE DI ENNA APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 14 DEL 21.03.2012 INDICE Art.1 - Compiti ed attribuzioni delle funzioni Art.2 - Incassi e versamenti

Dettagli

Procedura di gestione degli approvvigionamenti

Procedura di gestione degli approvvigionamenti Doc.: PQ08 Rev.: 5 Data: 16/03/15 Pag.: 1 di 09 Procedura di gestione degli approvvigionamenti EMESSA DA: Tomasello Maria VERIFICATA DA: Cazzaniga Laura APPROVATA DA: Mariagrazia Fornaroli Doc.: PQ08 Rev.:

Dettagli

LA RENDICONTAZIONE DEI BENI INVENTARIABILI

LA RENDICONTAZIONE DEI BENI INVENTARIABILI LA RENDICONTAZIONE DEI BENI INVENTARIABILI Francesca Pirani Spoleto, 30 Marzo 2007 1 COSTI PER ATTREZZATURE DUREVOLI Le attrezzature durevoli sono beni che: non esauriscono la propria utilità dopo un utilizzo

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI LOCAZIONE FINANZIARIA AUTOBUS CAPITOLATO D ONERI

PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI LOCAZIONE FINANZIARIA AUTOBUS CAPITOLATO D ONERI Gara n. 15/2007 CIG 0101596FA7 ALLEGATO A) PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI LOCAZIONE FINANZIARIA AUTOBUS CAPITOLATO D ONERI Articolo 1 Oggetto L appalto ha per oggetto la fornitura del servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI MOBILI CHE COSTITUISCONO IL PATRIMONIO DELL ISTITUTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI MOBILI CHE COSTITUISCONO IL PATRIMONIO DELL ISTITUTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI MOBILI CHE COSTITUISCONO IL PATRIMONIO DELL ISTITUTO L ISTITUTO SCOLASTICO VISTO l art. 117 - Titolo V - della Costituzione Italiana; VISTO il D.I.

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento per il patrimonio INDICE Articolo 1 I beni Articolo 2 Scritture patrimoniali Articolo 3 Inventario dei beni immobili Articolo 4 Consegnatari dei beni immobili Articolo 5 - Classificazione dei

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE S. CANNIZZARO Via Gen. Arimondi 14 90143 PALERMO Tel 091347266 - Fax 091307957 Codice Fiscale 80014480828

LICEO SCIENTIFICO STATALE S. CANNIZZARO Via Gen. Arimondi 14 90143 PALERMO Tel 091347266 - Fax 091307957 Codice Fiscale 80014480828 LICEO SCIENTIFICO STATALE S. CANNIZZARO Via Gen. Arimondi 14 90143 PALERMO Tel 091347266 - Fax 091307957 Codice Fiscale 80014480828 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto il D.I. 1 febbraio 2001, n. 44 art. 23,

Dettagli

Docenze a contratto iter procedurale

Docenze a contratto iter procedurale Docenze a contratto iter procedurale Il Consiglio di Dipartimento annualmente esamina l offerta didattica per l A.A. successivo a quello in corso e accerta preventivamente il completo utilizzo dell impegno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE CONSERVATORIO DI MUSICA GESUALDO DA VENOSA Via Tammone, 1 85100 POTENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI BENI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TENUTA E LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI PATRIMONIALI

REGOLAMENTO PER LA TENUTA E LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI PATRIMONIALI REGOLAMENTO PER LA TENUTA E LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI PATRIMONIALI ART. 1 OGGETTO DELL INVENTARIO Sono assoggettate all inventario, secondo le norme del presente regolamento, tutte le immobilizzazioni

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO FERMO

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO FERMO AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO FERMO 1.0 25/11/2010 Nome / Firma Nome / Firma Vers. Data Verifica a cura del Responsabile Ufficio Ragioneria e Bilancio Approvazione a cura del Direttore Direzione Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI BENI MOBILI A TITOLO DI DONAZIONE, COMODATO D USO/VISIONE PROVA

REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI BENI MOBILI A TITOLO DI DONAZIONE, COMODATO D USO/VISIONE PROVA REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI BENI MOBILI A TITOLO DI DONAZIONE, COMODATO D USO/VISIONE PROVA 1 PREMESSA Al fine di favorire la qualità dei servizi prestati, l attività dell ASL VCO può essere sostenuta

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L INVENTARIO DEI BENI

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L INVENTARIO DEI BENI Allegato alla Deliberazione di Consiglio Provinciale n. 80 del 18/12/2006 REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L INVENTARIO DEI BENI ART.1 L INVENTARIO DEI BENI PROVINCIALI. 1. L inventario generale costituisce

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO (ART. 153, comma 7 d.lgs. 18 agosto 2000 n. 267 e successive modificazioni e integrazioni) Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. del INDICE ANALITICO CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 3736/08

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 3736/08 (RAEE): pc, server, video e altre periferiche. Pag. 1/8 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 4 4.1 Diagramma di flusso gestione... 4

Dettagli

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina il sistema delle

Dettagli

1.SCOPO DEFINIRE DELLE PROCEDURE STANDARD PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO, DOPO CHE LO STESSO SIA LE PROCEDURE COSTITUISCONO

1.SCOPO DEFINIRE DELLE PROCEDURE STANDARD PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO, DOPO CHE LO STESSO SIA LE PROCEDURE COSTITUISCONO 1.SCOPO DEFINIRE DELLE PROCEDURE STANDARD PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO, DOPO CHE LO STESSO SIA STATO AGGIORNATO. LE PROCEDURE COSTITUISCONO UN INSIEME DI REGOLE DA SEGUIRE NELLA GESTIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

ART. 1 OGGETTO SEZIONE I BENI MOBILI ART. 2 BENI MOBILI ART. 3 CLASSIFICAZIONE DEI BENI MOBILI

ART. 1 OGGETTO SEZIONE I BENI MOBILI ART. 2 BENI MOBILI ART. 3 CLASSIFICAZIONE DEI BENI MOBILI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI E DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DELL AGENZIA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO DELL UMBRIA (ADISU) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento

Dettagli

Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE

Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE SOMMARIO Art. 1 - Principi generali Pag. 3 Art. 2 - Esercizi Pag.

Dettagli

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 29 DEL 15.09.2015 Anno 2015 giorno 15 mese settembre alle ore 18.00 presso la sede di Via dell'artigliere n. 9 a seguito di regolare convocazione si è riunito

Dettagli

REGOLAMENTO CONTABILE DEI CORPI DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO

REGOLAMENTO CONTABILE DEI CORPI DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO CONTABILE DEI CORPI DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 34 del 12.09.2013) Art. 1 Esercizio finanziario 1. L esercizio

Dettagli

1. Compiti attribuiti alle Zone Telecomunicazioni.

1. Compiti attribuiti alle Zone Telecomunicazioni. 1. Compiti attribuiti alle Zone Telecomunicazioni. L attuale quadro normativo demanda alle Zone Telecomunicazioni compiti di gestione, in sede locale, dei servizi radiotelegrafonici, meccanografici e riprografici

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI MOBILI CHE COSTITUISCONO IL PATRIMONIO DELL ISTITUTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI MOBILI CHE COSTITUISCONO IL PATRIMONIO DELL ISTITUTO o Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N - Cod.

Dettagli

IL REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELLE SEZIONI A.I.A.

IL REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELLE SEZIONI A.I.A. IL REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELLE SEZIONI A.I.A. All. D) ART. 1 RESPONSABILITÀ SEZIONALE L amministrazione delle sezioni è demandata al Presidente, il quale vi provvede di concerto con il Consiglio Direttivo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI DI PROPRIETA DELL ISIA DI FAENZA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI DI PROPRIETA DELL ISIA DI FAENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI DI PROPRIETA DELL ISIA DI FAENZA Approvato con delibera n. 66-2013 CdA del 04/10/2013 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI E PROCEDURE DI INVENTARIAZIONE Art. 1 Classificazione

Dettagli

Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione

Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione Allegato alla Delib.G.R. n. 8 / 7 del 4.2.2009 Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO DI ECONOMATO ART. 1 - ISTITUZIONE DELL UFFICIO ECONOMATO 1.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI ========================== Anno Scolastico 2014-2015 ========================== REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI CHE COSTITUISCONO

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO ESTIMATORIO PER CONTO DEPOSITO. Articolo 1 Oggetto del contratto

SCHEMA DI CONTRATTO ESTIMATORIO PER CONTO DEPOSITO. Articolo 1 Oggetto del contratto SCHEMA DI CONTRATTO ESTIMATORIO PER CONTO DEPOSITO Articolo 1 Oggetto del contratto Il presente contratto ha per oggetto la fornitura secondo lo schema del contratto estimatorio, con relativa consegna

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE Art.1 Oggetto REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE (emanato con Decreto del Direttore n. 237 del 05.06.2014, pubblicato in pari data all Albo Ufficiale on-line

Dettagli

COMUNE DI PIANEZZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PIANEZZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PIANEZZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Allegato alla deliberazione del consiglio comunale 52 del 24 luglio 2003 1 ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento stabilisce

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Realizzazione di un: Sistema Informativo per la gestione del Patrimonio e dei Servizi Tecnico-Logistici ALLEGATO 1 V.E.C.A.

CAPITOLATO TECNICO. Realizzazione di un: Sistema Informativo per la gestione del Patrimonio e dei Servizi Tecnico-Logistici ALLEGATO 1 V.E.C.A. DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI TECNICO-LOGISTICI E DELLA GESTIONE PATRIMONIALE UFFICIO TECNICO E ANALISI DI MERCATO SETTORE 1 INFORMATICA CAPITOLATO TECNICO Realizzazione

Dettagli

Regolamento di economato e degli agenti contabili

Regolamento di economato e degli agenti contabili economato e degli agenti contabili COMUNE DI ROCCA SUSELLA (Provincia di Pavia) Regolamento di economato e degli agenti contabili INDICE TITOLO I - SERVIZIO ECONOMALE - Articolo 1 - Istituzione del servizio

Dettagli

REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno

REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno Allegato alla delibera camerale n. 145 del 1 ottobre 2013 Regolamento per l utilizzo delle carte di credito Articolo

Dettagli

Gestione dei beni e supporto tecnico. Pieroni Catia

Gestione dei beni e supporto tecnico. Pieroni Catia Gestione dei beni e supporto tecnico Gestione dei beni nei laboratori Art.21 della L. 59/97 autonomia scolastica dal 1-9-2000 tutte le istituzioni scolastiche hanno acquisito la personalità giuridica e

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 683 / 2014 OGGETTO: IMPEGNO DI SPESA PER SERVIZI DI RINNOVO DI CERTIFICATI

Dettagli

Elenco delle tipologie di procedimento svolte all interno dell Ufficio II RU

Elenco delle tipologie di procedimento svolte all interno dell Ufficio II RU Elenco delle tipologie di svolte all interno dell Ufficio II RU CONTRATTAZIONE DI SECONDO LIVELLO - RELAZIONI CON LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI - L Ufficio II R.U. cura le relazioni sindacali ai fini della

Dettagli

Regolamento inventario e procedura fuori uso beni.

Regolamento inventario e procedura fuori uso beni. Allegato 6 Regolamento inventario e procedura fuori uso beni. ART. 1 - BENI MOBILI OGGETTO DEL REGOLAMENTO L inventario generale costituisce un elenco ordinato e sistematico di carattere qualitativo e

Dettagli

Dr. Ing. Maurizio Giorgio Garbujo

Dr. Ing. Maurizio Giorgio Garbujo Spett.le Comune Piazza Roma, 7 20088 GUDO VISCONTI (MI) C.se att.ne Resp. Sett. Finanziario Lorena DONINOTTI Novate Milanese, 15 novembre 2011 Oggetto: incarico gestione inventario triennio 2012-2013-2014

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici CAPITOLATO SPECIALE Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ammonta ad. 10250 oltre IVA al

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata a.a. 2010-2011. Esercitazione: La valutazione delle immobilizzazioni materiali

Ragioneria Generale e Applicata a.a. 2010-2011. Esercitazione: La valutazione delle immobilizzazioni materiali a.a. 2010-2011 Esercitazione: La valutazione delle immobilizzazioni materiali 1 IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI Art. 2426, comma 1: Le immobilizzazioni sono iscritte al costo

Dettagli

INVENTARIO E CONTO DEL PATRIMONIO

INVENTARIO E CONTO DEL PATRIMONIO INVENTARIO E CONTO DEL PATRIMONIO PRESENTAZIONE La corretta gestione del patrimonio dell ente è il primo passo verso la tenuta di una efficiente ed economica gestione delle proprie risorse. Immobilizzazioni

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

I.Ri.Fo.R. - ONLUS. Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1

I.Ri.Fo.R. - ONLUS. Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1 I.Ri.Fo.R. - ONLUS Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1 CAPO I - BILANCIO DI PREVISIONE Articolo 1 - Principi generali 1. La gestione finanziaria della struttura nazionale e delle strutture

Dettagli

Prot. 10371/C14 Bagheria, 19/12/2014

Prot. 10371/C14 Bagheria, 19/12/2014 Liceo Ginnasio di Stato Francesco Scaduto Via Dante, 22 90011 Bagheria 091 961359 091 963848 Cod. Sc. PAPC01000V Cod. Fisc. 90007790828 e-mail - papc01000v@istruzione.it pec papc01000v@pec.istruzione.it

Dettagli

Comune di Valsavarenche. Inventario Beni Mobili ed Immobili. Regolamento

Comune di Valsavarenche. Inventario Beni Mobili ed Immobili. Regolamento Comune di Valsavarenche Inventario Beni Mobili ed Immobili Regolamento Indice Art. 1 Inventario dei Beni Mobili ed Immobili... pag. 3 Art. 2 Classificazione dei Beni... pag. 3 Art. 3 Inventario dei Beni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE C onoscenza R esponsabilità E quità A ppartenenza R elazione E ccellenza S icurezza A mbiente L egalità U manità T rasparenza E fficienza REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE Agosto 2011

Dettagli

COMUNE DI ANDRANO Provincia di Lecce

COMUNE DI ANDRANO Provincia di Lecce COMUNE DI ANDRANO Provincia di Lecce SETTORE 2 - AREA ECONOMICA E FINANZIARIA COPIA DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 523 Registro Generale N. 77 Registro del Servizio DEL 29-12-2014 OGGETTO:

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE Modello ANR/2 IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE DICHIARAZIONE PER L IDENTIFICAZIONE DIRETTA, DI VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DELL ATENEO (emanato con decreto rettorale 17 giugno 2002, n.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DELL ATENEO (emanato con decreto rettorale 17 giugno 2002, n. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DELL ATENEO (emanato con decreto rettorale 17 giugno 2002, n. 687) INDICE Articolo 1 (Finalità del regolamento) Articolo 2 (Definizioni)

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SUB A 2 SETTORE: RAGIONERIA-FINANZA-PROVVEDITORATO CED SERVIZIO ECONOMATO-PROVVEDITORATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO DI MANUTENZIONE, VERIFICA E RICARICA DEL PARCO ESTINTORI INSTALLATI NEGLI

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo Regolamento per gli affidamenti in economia. pagina 1 di pagine 10 Articolo 1 Ambito di applicazione, oggetto. Il presente regolamento disciplina l attività dell

Dettagli

DISCIPLINA CONCERNENTE LA GESTIONE DEI BENI MOBILI DI PROPRIETA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO

DISCIPLINA CONCERNENTE LA GESTIONE DEI BENI MOBILI DI PROPRIETA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO Entra in vigore il 1 gennaio 2012 DISCIPLINA CONCERNENTE LA GESTIONE DEI BENI MOBILI DI PROPRIETA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO (emanata con Disposizione del Direttore Amministrativo n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO (Emanato con decreto rettorale n. 759 del 21 ottobre 2005 Modificato con decreto rettorale n. 31 del

Dettagli