COMUNE di VIADANA (Provincia di Mantova)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE di VIADANA (Provincia di Mantova)"

Transcript

1 COMUNE di VIADANA (Provincia di Mantova) Documenti necessari per la corretta compilazione della domanda per la formazione della graduatoria valevole ai fini dell assegnazione in locazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica (E.R.P.). Marca da bollo da euro 16,00; carta d identità valida del richiedente in copia; codice fiscale di tutti i componenti il nucleo familiare in copia; per i cittadini stranieri extracomunitari, fotocopia del permesso di soggiorno (biennale)/carta di soggiorno o permesso di soggiorno CE di lungo periodo di TUTTI i componenti il nucleo familiare del richiedente; per il permesso di soggiorno in corso di rinnovo ricevuta di richiesta di rinnovo, previa esibizione dell originale, che deve essere integrato dalla dichiarazione del datore di lavoro attestante il regolare svolgimento di attività lavorativa ; eventuale certificato di ANTIIGIENICITA dell alloggio rilasciato dal Comune, competente, fotocopia ed esibizione dell originale; eventuale certificazione ASL dello stato di INVALIDITÀ, - fotocopia previa esibizione dell originale; Modello UNICO 2013-Persone Fisiche o modello 730/2013, ovvero e nel caso in cui non siano stati presentati i modelli suddetti, i modelli CUD 2013 di ogni componente il nucleo familiare che ha percepito redditi nel 2012 (Nota Bene: Devono essere dichiarati anche i redditi imponibili non dichiarati in quanto il soggetto risulta esonerato dall obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi); Le ricevute dei seguenti redditi percepiti nel 2012 (se non già compresi nel modello Cud o nei modelli 730 e Unico), quali ad esempio: assegni di maternità o nucleo numeroso; contributi assistenziali e contributo fondo sostegno affitto; la cassa integrazione guadagni, la mobilità, la disoccupazione ordinaria e speciale, la malattia, la maternità e allattamento, il TBC e post-tubercolare, la donazione di sangue e i congedi matrimoniali erogati dall Inps o da altri Enti; i compensi percepiti dai soggetti impegnati in lavori socialmente utili; le retribuzioni corrisposte agli autisti, giardinieri, collaboratori familiari, badanti e colf; le borse di studio o di assegno, i premi o sussidi (escluse le borse di studio universitarie); le remunerazioni percepite dai sacerdoti della chiesa Cattolica e degli altri Culti riconosciuti dalla legge; gli assegni periodici percepiti dal coniuge, ad esclusione di quelli destinati al mantenimento dei figli, in conseguenza di separazione legale, divorzio o annullamento del matrimonio; i compensi e le indennità corrisposte dalle amministrazioni statali e di enti pubblici territoriali per l esercizio di pubbliche funzioni e per le cariche pubbliche elettive; le rendite vitalizie e le rendite a tempo determinato costituite a titolo oneroso; Le ricevute dei seguenti redditi esenti percepiti nel 2012, quali ad esempio: la pensione di guerra, la pensione o assegno sociale e le pensioni di invalidità e di accompagnamento erogate dall INPS e riportate nel modello O-Bis M; le rendite erogate dall Inail; Situazione PATRIMONIALE MOBILIARE alla data del 31/12/2012 (ammontare dei beni depositati in posta, banca investiti in azioni, bot e cct, ammontare dei premi pagati per l assicurazione sulla vita ect., di ciascun componente del nucleo familiare); CODICE ABI e nome del gestore (banca/posta ect); 1

2 Situazione PATRIMONIALE IMMOBILIARE alla data del 31/12/2012, ossia il valore dei fabbricati e/o terreni agricoli di proprietà,in qualsiasi luogo ubicati (ITALIA e/o ESTERO), i ciascun componente del nucleo familiare; * contratto di affitto vigente anni con il timbro di registrazione; * ricevute pagamento dell affitto ; * spese condominiali relative anno ; * Ricevute delle spese mediche sostenute nell anno ; * Ricevute delle eventuali spese sostenute nell anno per il ricovero in strutture socio-sanitarie residenziali e semiresidenziali di persone anziane o disabili anche se non componenti il nucleo familiare Eventuale stato di DISOCCUPAZIONE, AUTOCERTIFICAZIONE inerente la condizione reddituale di tutti i componenti il nucleo familiare anni e che perduri all atto di presentazione della domanda, tale da determinare una caduta del reddito complessivo del nucleo familiare superiore al 50%; eventuale atto di separazione/divorzio omologato dal Tribunale in caso di fuoriuscita dallo stato di famiglia di uno dei coniugi; eventuale copia del PROVVEDIMENTO GIUDIZIARIO/AMMINISTRATVO: ordinanza, sentenza esecutiva o verbale di conciliazione (se sussiste la condizione), di rilascio di immobile; in caso di sfratto già eseguito, eventuale convalida di sfratto rilasciata dal tribunale, da cui sia rilevabile l ufficiale Giudiziario preposto; in caso di sfratto per morosità, documentazione reddituale relativa all anno in cui si è verificata la morosità; eventuale certificato di detenzione o di dichiarazione di permanenza in comunità terapeutiche; in caso di lontananza dalla sede di lavoro: orari dei servizi pubblici di collegamento; eventuale certificato storico di residenza in Lombardia per attribuzione valori; N.B. * Per il riconoscimento della condizione di affitto oneroso, il richiedente dovrà produrre tutti i documenti di carattere contabile (a titolo esemplificativo dichiarazioni dei redditi, contratti d affitto, ricevute affitto, spese accessorie e spesa sanitarie, estratto conto postale/bancario ect) afferenti agli anni NOTE PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DATI REDDITTUALI DI OGNI COMPONENTE IL NUCLEO FAMILIARE (1) Si deve indicare il reddito complessivo percepito nel 2012, al netto dell eventuale reddito agrario di cui al sottostante punto 2, riportato: - al rigo RN1, del quadro RN IRPEF del modello UNICO Persone Fisiche; - al rigo 11, del CALCOLO DELL IRPEF, del modello 730/ redditi 2012; - ovvero ai punti 1 e 2, 251 e 301 della PARTE B DATI FISCALI, del modello CUD 2013 solo se non è stato presentato il modello UNICO 2013 o il modello 730/ 2013; (2) Si deve indicare l eventuale reddito percepito nel 2012, derivante da attività agricole, svolte anche in forma associata, per le quali sussiste l obbligo alla presentazione della dichiarazione Iva; a tal fine va assunta la base imponibile determinata a fini dell IRAP, al netto dei costi del personale a qualunque titolo utilizzato; (3) Si devono indicare gli importi degli emolumenti a qualsiasi titolo percepiti, PURCHE CERTIFICABILI AI SENSI DEGLI ART. 46 e 47 DEL DPR. 445/2000, ivi compresi quelli esenti da tassazione, i sussidi a carattere assistenziale, gli assegni di maternità o nucleo numeroso, il contributo fondo sostegno affitto, le donazioni e ogni altra erogazione pubblica o privata (fatta eccezione per le somme soggette a tassazione separata), nonché i redditi complessivi non dichiarati in quanto il soggetto risulta esonerato dall obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi, quali ad esempio: Se non sono già inclusi nel CUD o nel 730 o nell UNICO, si devono dichiarare anche i seguenti redditi percepiti nel 2012: 2

3 la cassa integrazione guadagni, la mobilità, la disoccupazione ordinaria e speciale, la malattia, la maternità e allattamento, il TBC e post-tubercolare, la donazione di sangue e il congedo matrimoniale erogati dall Inps o da altri Enti; i compensi percepiti dai soggetti impegnati in lavori socialmente utili; le retribuzioni corrisposte agli autisti, giardinieri, collaboratori familiari, badanti e colf; le borse di studio o di assegno, i premi o sussidi (escluse le borse di studio universitarie); le remunerazioni percepite dai sacerdoti della chiesa Cattolica e degli altri Culti riconosciuti dalla legge; gli assegni periodici percepiti dal coniuge, ad esclusione di quelli destinati al mantenimento dei figli, in conseguenza di separazione legale, divorzio o annullamento del matrimonio; i compensi e le indennità corrisposte dalle amministrazioni statali e di enti pubblici territoriali per l esercizio di pubbliche funzioni e per le cariche pubbliche elettive; le rendite vitalizie e le rendite a tempo determinato costituite a titolo oneroso; i redditi esenti quali: la pensione di guerra, la pensione o assegno sociale e le pensioni di invalidità e di accompagnamento erogate dall INPS e riportate nel modello O-Bis M; le rendite erogate dall Inail; Eventuali contributi economici, esempio il fondo sostegno affitto; (4) Si devono indicare gli eventuali importi delle detrazioni spettanti, quali: a) la somma dell Irpef dovuta, comprese le addizionali regionale e comunale, riportata ai righi RN26, RV2 E RV10 del Modello UNICO Persone Fisiche, ovvero ai righi 51, 72 e 75 del Modello 730/2013 o, se questi non sono stati presentati, ai righi 5, 6, 10, 11, 252, 302 e 303 del CUD 2013; b) le spese sanitarie sostenute nell anno 2012 e documentate, con esclusione delle spese mediche e di assistenza dei portatori di handicap di cui alle lettere seguenti; c) le spese sostenute e documentate per il ricovero in strutture sociosanitarie residenziali e semiresidenziali di persone anziane o disabili anche non componenti il nucleo familiare. Nel caso di componente il nucleo familiare affetto da fragilità e non ricoverato in struttura residenziale ma residente con il nucleo stesso: d) euro ,00 per ogni componente con invalidità al 100% con indennità di accompagnamento o cieco civile assoluto, o invalido di guerra o per servizio con indennità di assistenza e accompagnamento, nonché grande invalido del lavoro che usufruisce dell assegno di assistenza personale e continuativa; in alternativa l'importo effettivamente sostenuto per spese di assistenza documentate; e) euro 3.000,00 per ogni componente con invalidità al 100 % senza indennità di accompagnamento, o cieco civile parziale, o invalido di guerra o per servizio appartenente alla 1 categoria tab. A ex D.P.R. n 834 del 30/12/1981 e successive modifiche, nonché grande invalido del lavoro; f) euro 1.500,00 per ogni componente con invalidità inferiore al 100 % e superiore al 66% ovvero con handicap psicofisico permanente ai sensi dell'art. 3 comma 3 della legge n. 104, o invalido di guerra o per servizio appartenente alle categorie dalla 2 alla 4 Tab. A ex D.P.R. 834 del 30/12/1981 e successive modifiche, nonché invalido del lavoro con percentuale superiore al 66% ed inferiore all 80%; Ai fini delle detrazioni di cui alla lettera f) i mutilati e gli invalidi di guerra e gli invalidi per servizio appartenenti alle categorie dalla 1 alla 5 si intendono equiparati agli invalidi con riduzione della capacità lavorativa superiore al 66%. DATI relativi al PATRIMONIO MOBILIARE posseduto al 31/12/2012 da ogni componente del nucleo familiare Per ogni componente il nucleo familiare si sommano i valori di seguito specificati, posseduti alla data del 31 dicembre 2012: a) dei depositi e conti correnti bancari e postali, per i quali va assunto il valore del saldo contabile attivo, al netto degli interessi alla data del 31/12/2012; b) dei titoli di Stato, obbligazioni, certificati di deposito e credito, buoni fruttiferi ed assimilati, per i quali va assunto il valore nominale delle consistenze al 31/12/2012; c) delle azioni o quote di organismi di investimento collettivo di risparmio (O.I.C.R.) italiani o esteri, per le quali va assunto il valore risultante dall'ultimo prospetto redatto dalla società di gestione relative all anno 2012; 3

4 d) delle partecipazioni azionarie in società italiane ed estere quotate in mercati regolamentati, per le quali va assunto il valore rilevato al 31/12/2012 ovvero, in mancanza, nel giorno antecedente più prossimo; e) delle partecipazioni azionarie in società non quotate in mercati regolamentati e partecipazioni in società non azionarie, per le quali va assunto il valore della frazione del patrimonio netto, determinato sulla base delle risultanze dell'ultimo bilancio approvato anteriormente alla data di presentazione della dichiarazione e domanda, ovvero, in caso di esonero dall'obbligo di redazione del bilancio, determinato dalla somma delle rimanenze finali e dal costo complessivo dei beni ammortizzabili, al netto dei relativi ammortamenti, nonchè degli altri cespiti o beni patrimoniali; f) delle masse patrimoniali, costituite da somme di denaro o beni non relativi all'impresa, affidate in gestione ad un soggetto abilitato ai sensi del decreto legislativo n. 415/1996, per le quali va assunto il valore delle consistenze risultanti dall'ultimo rendiconto predisposto, secondo i criteri stabiliti dai regolamenti emanati dalla Commissione nazionale per le societa' e la borsa, dal gestore del patrimonio anteriormente all anno 2012; g) di altri strumenti e rapporti finanziari per i quali va assunto il valore corrente alla data del 31/12/2012, nonché dei contratti di assicurazione mista sulla vita e di capitalizzazione per i quali va assunto l'importo dei premi complessivamente versati a tale ultima data, ivi comprese le polizze a premio unico anticipato per tutta la durata del contratto, per le quali va assunto l importo del premio versato; sono esclusi i contratti di assicurazione mista sulla vita per i quali alla medesima data non è esercitabile il diritto di riscatto; sono altresì esclusi i patrimoni accumulati nei fondi pensione chiusi o aperti di cui al decreto legislativo n. 124 del 21 aprile 1993 nonché l importo del trattamento di fine rapporto accantonato presso il datore di lavoro; h) delle imprese individuali per le quali va assunto il valore del patrimonio netto, determinato con le stesse modalità indicate alla precedente lettera e). La sommatoria dei valori sopra indicati viene arrotondata al primo multiplo intero inferiore di 5.165,00 euro; esempi 4.000,00 non viene considerato = 0, ,00 si arrotonda a = 5.165, ,00 si arrotonda a = ,00 (5.165 x 2) PER IL PATRIMONIO IMMOBILIARE SI DEVE INDICARE: a) per ogni componente il nucleo familiare si sommano i valori patrimoniali dei fabbricati e dei terreni edificabili ed agricoli, intestati a persone fisiche diverse da imprese, quale definito ai fini ICI al 31 dicembre 2012, indipendentemente dal periodo di possesso nel periodo d'imposta considerato. Dal valore così determinato di ciascun fabbricato o terreno, si detrae, fino a concorrenza, l'ammontare dell'eventuale debito residuo alla stessa data del 31 dicembre per mutui contratti per l'acquisto dell immobile o per la costruzione del fabbricato; b) i valori patrimoniali di cui alla lett. a) si rilevano in capo alle persone fisiche titolari di diritti di proprietà o reali di godimento; I CITTADINI STRANIERI E I LORO FAMILIARI CHE NON POSSONO, SECONDO LA NORMATIVA IN MATERIA DI AUTOCERTIFICAZIONE, AUTOCERTIFICARE IL PATRIMONIO MOBILIARE E IMMOBILIARE DETENUTO ALL ESTERO DOVRANNO PRODURRE IL DOCUMENTO DENOMINATO D) della modulistica allegata al bando. 4

5 Versione ottobre 13 5

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO COMUNE DI CASTEL D ARIO Provincia di Mantova REGOLAMENTO ATTUATIVO DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE AL BANDO ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI SERIATE

REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE AL BANDO ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI SERIATE REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE AL BANDO ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (Regolamento Regionale n. 1/2004 e s.m.i.- LL.RR.27/2009) COMUNE DI SERIATE Dal 5 ottobre al 14 dicembre

Dettagli

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE DEFINIZIONE DEI CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE 1 ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento,

Dettagli

COMUNE DI SUISIO. Dal 10 del mese di settembre al 20 del mese di ottobre 2015

COMUNE DI SUISIO. Dal 10 del mese di settembre al 20 del mese di ottobre 2015 REQUISITI PER PARTECIPAZIONE AL BANDO ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (Regolamento Regionale n. 1/2004 e s.m.i.- LL.RR.27/2009) COMUNE DI SUISIO Dal 10 del mese di settembre al 20

Dettagli

REQUISITI PER PARTECIPAZIONE AL BANDO ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI PALAZZAGO

REQUISITI PER PARTECIPAZIONE AL BANDO ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI PALAZZAGO REQUISITI PER PARTECIPAZIONE AL BANDO ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (Regolamento Regionale n. 1/2004 e s.m.i.- LL.RR.27/2009) COMUNE DI PALAZZAGO APERTURA BANDO: Dal 21 SETTEMBRE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.)

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Comune di Longare REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 09.02.2007 IL SEGRETARIO COMUNALE Sardone

Dettagli

MODELLO A MODELLO B STIPULA NUOVO CONTRATTO ISTRUZIONI COMPILAZIONE DOCUMENTAZIONE PER DETERMINAZIONE CANONE DI LOCAZIONE. Sede

MODELLO A MODELLO B STIPULA NUOVO CONTRATTO ISTRUZIONI COMPILAZIONE DOCUMENTAZIONE PER DETERMINAZIONE CANONE DI LOCAZIONE. Sede Azienda Lombarda per l Edilizia Residenziale di Brescia-Cremona-Mantova STIPULA NUOVO CONTRATTO ISTRUZIONI COMPILAZIONE DOCUMENTAZIONE PER DETERMINAZIONE CANONE DI LOCAZIONE Sede MODELLO A E necessario

Dettagli

Comune di MADIGNANO. Estratto del BANDO per la formazione Graduatoria assegnazione alloggi E.R.P.

Comune di MADIGNANO. Estratto del BANDO per la formazione Graduatoria assegnazione alloggi E.R.P. Comune di MADIGNANO Estratto del BANDO per la formazione Graduatoria assegnazione alloggi E.R.P. 2. Requisiti generali per la partecipazione all assegnazione 2.1 Può partecipare al bando per l assegnazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. Art. 1 Oggetto del regolamento. Il presente Regolamento è diretto ad individuare, in via sperimentale, per un anno, i criteri unificati

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento è diretto ad individuare

Dettagli

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. isee - documentazione. cosa presentare?

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. isee - documentazione. cosa presentare? Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario isee - documentazione cosa presentare? Documentazione da produrre per il rilascio dell ISEE Nucleo Familiare Codice fiscale

Dettagli

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE . COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE Allegato alla deliberazione di C.C. n.14 del 26/03/2002 INDICE Regolamento Art. 1

Dettagli

ISE Indicatore della Situazione Economica

ISE Indicatore della Situazione Economica ISE Indicatore della Situazione Economica L'ISEE, Indicatore della situazione economica equivalente, E uno strumento che permette di misurare la condizione economica delle famiglie nella Repubblica Italiana.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI

REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l entità della quota di compartecipazione degli utenti al costo delle

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO DELL AMBITO TERRITORIALE N. 12 PER LA DETERMINAZIONE DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI E L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

COMUNE DI CARVICO (Provincia di Bergamo)

COMUNE DI CARVICO (Provincia di Bergamo) COMUNE DI CARVICO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

2. REQUISITI DI ACCESSO Possono partecipare al bando per formazione della graduatoria i soggetti in possesso dei seguenti requisiti:

2. REQUISITI DI ACCESSO Possono partecipare al bando per formazione della graduatoria i soggetti in possesso dei seguenti requisiti: DIREZIONE TERRITORIO E AMBIENTE DIVISIONE POLITICHE DELLA CASA AGENZIA PER LA CASA BANDO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA GENERALE DI SOGGETTI DA PROPORSI PER LA STIPULA DI CONTRATTI DI LOCAZIONE A

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l applicazione dell ISEE (Indicatore

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento è diretto ad individuare le

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 91 del 21.12.2001) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1 - Il presente

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI UN ALLOGGIO DI PROPRIETÀ COMUNALE

BANDO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI UN ALLOGGIO DI PROPRIETÀ COMUNALE COMUNE DI NOVATE MEZZOLA (Provincia di Sondrio) BANDO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI UN ALLOGGIO DI PROPRIETÀ COMUNALE Prot. n 0003127 Novate Mezzola 19 luglio 2010 In riferimento alla delibera di

Dettagli

Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.)

Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Art. 1 Oggetto del regolamento 1.Il presente regolamento è lo strumento per la disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E PERSONE CON HANDICAP PERMANENTE GRAVE AL COSTO DELLA RETTA IN STRUTTURA.

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E PERSONE CON HANDICAP PERMANENTE GRAVE AL COSTO DELLA RETTA IN STRUTTURA. CONSORZIO INTERCOMUNALE DI SERVIZI Comuni di: Beinasco, Bruino, Orbassano Piossasco, Rivalta, Volvera REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E PERSONE CON HANDICAP PERMANENTE

Dettagli

Città di Novate Milanese Provincia di Milano

Città di Novate Milanese Provincia di Milano AUTOCERTIFICAZIONE EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Il/La sottoscritto/a nato/a a Il residente in Via/Piazza n. Comune Prov. recapito telefonico D I C H I A R O Che la situazione economica e patrimoniale

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE

Dettagli

GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) PER LA RIDUZIONE DELLE TASSE UNIVERSITARIE A.A.

GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) PER LA RIDUZIONE DELLE TASSE UNIVERSITARIE A.A. GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) PER LA RIDUZIONE DELLE TASSE UNIVERSITARIE A.A. 2009-2010 DATI ANAGRAFICI Indicare il proprio nome, cognome e,

Dettagli

Comune di Bonate Sotto Provincia di Bergamo

Comune di Bonate Sotto Provincia di Bergamo REGIONE LOMBARDIA (Regolamento regionale n. 1 del 10 febbraio 2004) Comune di Bonate Sotto BANDO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA VALEVOLE AI FINI DELL ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA

Dettagli

Roma 26/11/13 Prot. N 552/2013 Circolare n. 136/2013. Oggetto: Patrimonio mobiliare Quadro F5

Roma 26/11/13 Prot. N 552/2013 Circolare n. 136/2013. Oggetto: Patrimonio mobiliare Quadro F5 Roma 26/11/13 Prot. N 552/2013 Circolare n. 136/2013 Oggetto: Patrimonio mobiliare Quadro F5 IL QUADRO F5 contiene i dati relativi al patrimonio mobiliare posseduto da ciascun componente del nucleo familiare

Dettagli

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo. REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente)

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo. REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente) COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente) Regolamento per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente)

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA Tel. 06-9015601 Fax. 06-9041991 Piazza C. Leonelli n 15 C.A.P. 00063 www.comunecampagnano.it SETTORE IV - Servizi 2/3 Politiche Sociali BANDO PER L ASSEGNAZIONE,

Dettagli

FONDO GRAVE DISAGIO ECONOMICO 2015 MODULO DI DOMANDA

FONDO GRAVE DISAGIO ECONOMICO 2015 MODULO DI DOMANDA FONDO GRAVE DISAGIO ECONOMICO 2015 MODULO DI DOMANDA Il sottoscritto/a - sesso M F - codice fiscale - data di nascita - comune di nascita.. - provincia di nascita - stato estero di nascita.. - comune di

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA ART.1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE

COMUNE DI VERBANIA ART.1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE COMUNE DI VERBANIA REGOLAMENTO SUI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AL COSTO DELLA RETTA DI RICOVERO SOCIO ASSISTENZIALE NELL AMBITO DI PERCORSI ASSISTENZIALI INTEGRATI DI

Dettagli

DATI DA DICHIARARE AL FINE DELLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA E DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA (AUTOCERTIFICAZIONE) Il RICHIEDENTE:

DATI DA DICHIARARE AL FINE DELLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA E DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA (AUTOCERTIFICAZIONE) Il RICHIEDENTE: Il presente modulo N sostituisce la domanda di assegnazione che dovrà essere inserita nel sistema informatico appositamente predisposto dalla Regione Lombardia e sottoscritta esclusivamente presso la sede

Dettagli

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni. Regolamento Comunale

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni. Regolamento Comunale COMUNE DI FABRO Provincia di Terni Regolamento Comunale Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 15.10.2003 P R E M E S S A Con il presente regolamento si intende dare attuazione alle

Dettagli

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario l isee che cos è e come si calcola Che cos è l ISEE e come si calcola L ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente)

Dettagli

C.I.S.A. 12 CONSORZIO INTERCOMUNALE SOCIO-ASSISTENZIALE NICHELINO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n 15 del 22/12/10

C.I.S.A. 12 CONSORZIO INTERCOMUNALE SOCIO-ASSISTENZIALE NICHELINO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n 15 del 22/12/10 C.I.S.A. 12 CONSORZIO INTERCOMUNALE SOCIO-ASSISTENZIALE NICHELINO REGOLAMENTO Criteri per la compartecipazione dei soggetti disabili non autosufficienti con età inferiore ad anni 65 al costo delle prestazioni

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO/A... RESIDENTE IN COMUNE DI... DOMICILIATO/A IN COMUNE DI...

IL SOTTOSCRITTO/A... RESIDENTE IN COMUNE DI... DOMICILIATO/A IN COMUNE DI... Azienda Lombarda per l Edilizia Residenziale di Brescia-Cremona-Mantova Sede Marca da bollo 16,00 DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DI N. 1 ALLOGGIO IN LOCAZIONE PER 10 ANNI CON PATTO DI FUTURA VENDITA IN BRESCIA

Dettagli

dal 22 OTTOBRE al 27 NOVEMBRE 2014

dal 22 OTTOBRE al 27 NOVEMBRE 2014 BANDO ERP 2014 COMUNI DELLA PROVINCIA DI LECCO Domande per la formazione della graduatoria di assegnazione alloggi erp (R.R. N.1/2004 modificato dai R.R. n.5/2006 - R.R. n. 3/2011 e Legge Regionale N.

Dettagli

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo FONDO FINALIZZATO ALL INTEGRAZIONE DEL CANONE DI LOCAZIONE AI NUCLEI FAMILIARI IN SITUAZIONE DI GRAVE DISAGIO ECONOMICO ANNO 2015 Per accedere al contributo è necessario

Dettagli

Elenco documenti isee inps e universita

Elenco documenti isee inps e universita M0303_05_01 Rev. 12 del 23/01/2015 Azienda con Sistema Qualità Certificato Iso 9001:2008 Pg. 1 di 8 Elenco documenti isee inps e universita Isee ordinario o standard È valevole per la generalità delle

Dettagli

ISEEU (Indicatore della Situazione Economica Equivalente per l Università)

ISEEU (Indicatore della Situazione Economica Equivalente per l Università) Area Studenti ISEEU (Indicatore della Situazione Economica Equivalente per l Università) ISEEU = (ISRU + 20% ISPU)/P ISRU = indicatore della situazione reddituale; se questo valore è negativo deve essere

Dettagli

Allegato 2. Appendice

Allegato 2. Appendice Allegato 2 Appendice Le informazioni riportate di seguito sono riferite alla normativa vigente in materia di ISEE (decreto legislativo n. 109/1998 e successive modifiche). 1. Documenti necessari per ISEE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina le modalità di determinazione della quota

Dettagli

NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015

NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015 COMUNE DI BAREGGIO Provincia di Milano NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015 Si informa che a seguito del Dpr 5 dicembre 2013, n.159 e del DM 7 novembre 2014 a partire dal 1^ gennaio 2015 entra in vigore

Dettagli

Indicatore della Situazione Economica Equivalente

Indicatore della Situazione Economica Equivalente Indicatore della Situazione Economica Equivalente La certificazione Ise serve a documentare la situazione economica del nucleo familiare nel momento in cui si richiedono prestazioni sociali agevolate o

Dettagli

Allegato B Alla Deliberazione Assemblea Consortile n. 6 del 02.02.2012

Allegato B Alla Deliberazione Assemblea Consortile n. 6 del 02.02.2012 Allegato B Alla Deliberazione Assemblea Consortile n. 6 del 02.02.2012 RECEPIMENTO DELIBERAZIONE GIUNTA REGIONALE N. 37-6500 DEL 23.07.2007 CRITERI PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI

Dettagli

I.S.A.C. Istituzione Servizi al Cittadino Comune di San Martino Buon Albergo. Asilo Nido Comunale Eurospin Via Campalto, 3/D - S. MARTINO B.A.

I.S.A.C. Istituzione Servizi al Cittadino Comune di San Martino Buon Albergo. Asilo Nido Comunale Eurospin Via Campalto, 3/D - S. MARTINO B.A. I.S.A.C. Istituzione Servizi al Cittadino Comune di San Martino Buon Albergo Via XX Settembre, 57 - CAP 37036 Tel 045 8874320 Fax 045 8874206 P.Iva 00333790236 E-mail: istituzione@comunesanmartinobuonalbergo.it

Dettagli

COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO

COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE - Approvato con deliberazione consiliare n. 8 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Articolo 1 Oggetto del regolamento

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Articolo 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente Regolamento, adottato ai sensi del D.Lgs. 31

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ISEE INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE

REGOLAMENTO COMUNALE ISEE INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE REGOLAMENTO COMUNALE ISEE INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 108 del 29.11.2001 ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. La valutazione

Dettagli

DOMANDA DI CONTRIBUTO FSA 2005 FONDO REGIONALE PER IL SOSTEGNO ALL'ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCAZIONE (ART. 11 - LEGGE 9 DICEMBRE 1998 N.

DOMANDA DI CONTRIBUTO FSA 2005 FONDO REGIONALE PER IL SOSTEGNO ALL'ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCAZIONE (ART. 11 - LEGGE 9 DICEMBRE 1998 N. SPETT. ISTITUZIONE COMUNALE PER LA GESTIONE DEI SERVIZI AL CITTADINO COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Via XX Settembre n.49 SAN MARTINO BUON ALBERGO (VR) DOMANDA DI CONTRIBUTO FSA 2005 FONDO REGIONALE

Dettagli

Comune di Soresina Provincia di Cremona Tel 0374 / 349411 Fax 0374 / 340448

Comune di Soresina Provincia di Cremona Tel 0374 / 349411 Fax 0374 / 340448 Comune di Soresina Provincia di Cremona Tel 0374 / 349411 Fax 0374 / 340448 BANDO DI ASSEGNAZIONE per la formazione della graduatoria valevole ai fini dell assegnazione in locazione degli alloggi di edilizia

Dettagli

Articolo 1 Ambito di applicazione dei criteri unificati di valutazione della sistemazione economica

Articolo 1 Ambito di applicazione dei criteri unificati di valutazione della sistemazione economica Norme integrate sui criteri unificati di valutazione della situazione economica dei soggetti che richiedono prestazioni agevolate (dpcm /99 e dpcm 4/0) Articolo Ambito di applicazione dei criteri unificati

Dettagli

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante APPENDICE Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante Dati anagrafici del dichiarante Documento di identità

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO IN LOCAZIONE IN MONTICELLI BRUSATI VIA PANORAMICA 31 IL SOTTOSCRITTO/A... RESIDENTE IN COMUNE DI...

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO IN LOCAZIONE IN MONTICELLI BRUSATI VIA PANORAMICA 31 IL SOTTOSCRITTO/A... RESIDENTE IN COMUNE DI... Azienda Lombarda per l Edilizia Residenziale di Brescia-Cremona-Mantova Sede Marca da bollo 16,00 DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO IN LOCAZIONE IN MONTICELLI BRUSATI VIA PANORAMICA 31 IL SOTTOSCRITTO/A...

Dettagli

APERTURA BANDO 21 GENNAIO 2013 28 FEBBRAIO 2013

APERTURA BANDO 21 GENNAIO 2013 28 FEBBRAIO 2013 BANDO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA AI FINI DELL ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA IN LOCAZIONE PERMANENTE A CANONE DISCIPLINATO AI SENSI DELL EX ART. 9 LEGGE 493/93 APERTURA

Dettagli

Articolo 1 Articolo 2

Articolo 1 Articolo 2 Articolo 1 Definizioni 1. Ai soli fini del presente decreto valgono le seguenti definizioni: ISEE : indicatore della situazione economica equivalente; Scala di equivalenza : la scala di cui all Allegato

Dettagli

Il Sottoscritto nato il a (Prov. ) abitante in Via Comune di (Prov ) Documento di identità numero

Il Sottoscritto nato il a (Prov. ) abitante in Via Comune di (Prov ) Documento di identità numero Al Sindaco del Comune di Cormano All attenzione del Servizio Case P.zza Scurati n. 1 20032 C O R M A N O Oggetto : Alloggi ERP anno 2015 Il Sottoscritto nato il a (Prov. ) abitante in Via Comune di (Prov

Dettagli

COMUNE DI CALVENZANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI CALVENZANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI CALVENZANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 3 del 17/02/2000 Modificato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Dal primo gennaio 2015 l indicatore Ise e Isee subisce una profonda revisione rispetto ai criteri che abbiamo conosciuto fino al 31/12/2014.

Dal primo gennaio 2015 l indicatore Ise e Isee subisce una profonda revisione rispetto ai criteri che abbiamo conosciuto fino al 31/12/2014. Dal primo gennaio 2015 l indicatore Ise e Isee subisce una profonda revisione rispetto ai criteri che abbiamo conosciuto fino al 31/12/2014. In particolare : Vengono inclusi nella nozione di redditi anche

Dettagli

di essere cittadino italiano o di uno stato aderente all Unione Europea;

di essere cittadino italiano o di uno stato aderente all Unione Europea; Al Sig. Sindaco del Comune di Altopascio P.zza Vittorio Emanuele, 24 55011 Altopascio (LU) DOMANDA CONTRIBUTO AFFITTO ANNO 2014 in esenzione da bollo ai sensi del D.P.R. 642/72 tab. B art. 8 comma 3 Il

Dettagli

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CRITERI UNIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI CITTADINI CHE RICHIEDONO SERVIZI COMUNALI A COSTO AGEVOLATO, AI SENSI

Dettagli

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco allegato alla deliberazione dell Assemblea consortile n. 13 del 18.12.2009 C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco REGOLAMENTO SUI CRITERI PER LA COMPARTECIPAZIONE

Dettagli

CONSORZIO SOCIO ASSISTENZIALE ALBA-LANGHE-ROERO

CONSORZIO SOCIO ASSISTENZIALE ALBA-LANGHE-ROERO CONSORZIO SOCIO ASSISTENZIALE ALBA-LANGHE-ROERO REGOLAMENTO SUI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI E DELLE PERSONE CON HANDICAP PERMANENTE GRAVE AL PAGAMENTO DELLA RETTA POSTA

Dettagli

ANNO 2010 8 NOVEMBRE - 31 DICEMBRE

ANNO 2010 8 NOVEMBRE - 31 DICEMBRE www.comune.paderno-dugnano.mi.it settore Socioculturale segreteria.socioculturale@comune.paderno-dugnano.mi.it Allegato B MODULISTICA PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

Dettagli

ELENCO DOCUMENTI OCCORRENTI PER L'ELABORAZIONE DELL' ISEE 2015

ELENCO DOCUMENTI OCCORRENTI PER L'ELABORAZIONE DELL' ISEE 2015 ELENCO DOCUMENTI OCCORRENTI PER L'ELABORAZIONE DELL' ISEE 2015 L'Indicatore della situazione economica equivalente (ISEE), è lo strumento di valutazione della situazione economica di coloro che richiedono

Dettagli

Città di Albino. Provincia di Bergamo

Città di Albino. Provincia di Bergamo Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. (Legge 27 dic. 1997 n. 449 e d.lgs. 31

Dettagli

Regolamento per i Comuni associati nell Ambito S7 per la compartecipazione alle prestazioni sociali e sociosanitarie

Regolamento per i Comuni associati nell Ambito S7 per la compartecipazione alle prestazioni sociali e sociosanitarie Regolamento per i Comuni associati nell Ambito S7 per la compartecipazione alle prestazioni sociali e sociosanitarie Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina criteri di determinazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI COMUN NUOVO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE ARTICOLO 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento è diretto ad individuare le

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N 6 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE

AMBITO TERRITORIALE N 6 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE 1 PROVINCIA DI NAPOLI Regolamento per la compartecipazione alle prestazioni sociosanitarie Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina criteri di determinazione della quota di

Dettagli

(Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART.

(Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. COMUNE DI BRESCELLO (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) - Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

2 P.S.R P.d.Z. 2013/2015

2 P.S.R P.d.Z. 2013/2015 Regolamento per la compartecipazione utenti al costo delle prestazioni socio-sanitarie Riallineamento al Decreto Commissario ad Acta per la prosecuzione del Piano di Rientro della Regione Campania N.43

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. Cognome... Nome... Nato/a a... il... Cittadinanza... Tipo documento di identità: Carta identità ; Patente di guida

Il/La sottoscritto/a. Cognome... Nome... Nato/a a... il... Cittadinanza... Tipo documento di identità: Carta identità ; Patente di guida AGGIORNAMENTO DELL ANAGRAFE UTENZA del Patrimonio del Comune di Milano (sulla base della situazione economica dell anno 2008) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ai sensi degli artt. 46 e 47 D.P.R. 445 del 28/12/2000

Dettagli

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO AMBITO S4 REGOLAMENTO

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO AMBITO S4 REGOLAMENTO C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO AMBITO S4 REGOLAMENTO DEI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE E DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIOSANITARIE I N D I C E Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Comune di Bosaro Comune di Crespino Comune di Guarda Veneta Comune di Polesella Comune di Pontecchio Polesine Provincia di Rovigo REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO

Dettagli

SETTORE SERVIZI SOCIALI Ufficio affitti onerosi

SETTORE SERVIZI SOCIALI Ufficio affitti onerosi Numero... Cognome...Nome... SETTORE SERVIZI SOCIALI Ufficio affitti onerosi Fo -AFFITTO ONEROSO- MODULO PER RICHIESTA CONTRIBUTO Cognome Nome Numero - SPORTELLO COMUNALE AFFITTO - (Art. 11, Comma 3 della

Dettagli

LUOGO DI NASCITA CODICE FISCALE

LUOGO DI NASCITA CODICE FISCALE 1) - QUADRO A COMPOSIZIONE DEL NUCLEO FAMILIARE COGNOME NOME RAPPORTO PARENTEL A * DATA DI NASCITA LUOGO DI NASCITA CODICE FISCALE TIPO DI INVALIDITÀ ** % DI INVALIDITÀ INDENNITÀ ACCOMPAGNA MENTO SI/NO

Dettagli

(LU) DOMANDA CONTRIBUTO AFFITTO ANNO

(LU) DOMANDA CONTRIBUTO AFFITTO ANNO Al Sig. Sindaco del Comune di Altopascio P.zza Vittorio Emanuele, 24 55011 Altopascio (LU) DOMANDA CONTRIBUTO AFFITTO ANNO 2015 in esenzione da bollo ai sensi del D.P.R. 642/72 tab. B art. 8 comma 3 Il

Dettagli

BANDO 2013 MODULO DI DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DI ALLOGGIO DI E.R.P.

BANDO 2013 MODULO DI DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DI ALLOGGIO DI E.R.P. BANDO 2013 per la formazione della graduatoria valevole ai fini dell assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica (E.R.P.) che si renderanno disponibili nel Comune di Treviglio ai sensi

Dettagli

COMUNE DI RIVANAZZANO

COMUNE DI RIVANAZZANO COMUNE DI RIVANAZZANO REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEI CRITERI U- NIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECO- NOMICA EQUIVALENTE AI SENSI D. LGS. N.109/98 E SUCC. MODIF. ED INTEGRAZ. (approvato con

Dettagli

NUOVO ISEE : AL VIA DAL 01 GENNAIO 2015. a cura di Celeste Vivenzi. Premessa generale

NUOVO ISEE : AL VIA DAL 01 GENNAIO 2015. a cura di Celeste Vivenzi. Premessa generale NUOVO ISEE : AL VIA DAL 01 GENNAIO 2015 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto con il DM del 07-11-2014 è stato approvato il nuovo modello di Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) necessario

Dettagli

Presentazione domande dal 26 GENNAIO al 4 MARZO 2015

Presentazione domande dal 26 GENNAIO al 4 MARZO 2015 COMUNE DI BRUGHERIO Settore Servizi Istituzionali Sezione Servizi al Cittadino e Pari Opportunità BANDO PER L AGGIORNAMENTO DELLA GRADUATORIA PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE

Dettagli

REDDITO DI AUTONOMIA. MODULO DI DOMANDA PER L'EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO SOSTEGNO AFFITTO NEI COMUNI AD ALTA TENSIONE ABITATIVA ANNO 2015

REDDITO DI AUTONOMIA. MODULO DI DOMANDA PER L'EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO SOSTEGNO AFFITTO NEI COMUNI AD ALTA TENSIONE ABITATIVA ANNO 2015 Città di San Giuliano Milanese Servizio ISEE REDDITO DI AUTONOMIA. MODULO DI DOMANDA PER L'EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO SOSTEGNO AFFITTO NEI COMUNI AD ALTA TENSIONE ABITATIVA ANNO 2015 AL SERVIZIO ISEE DEL

Dettagli

Istruzioni per la compilazione DF RED - Quadro A

Istruzioni per la compilazione DF RED - Quadro A cassa italiana di previdenza ed assistenza dei geometri Istruzioni per la compilazione DF RED - Quadro A Istruzioni per la compilazione Pagina 1 di 8 Nel quadro A andranno indicati i redditi in possesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE. Approvato con Delibera Consiglio Comunale n.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE. Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 22 del 28/02/2002 ART. 1 (OGGETTO DEL REGOLAMENTO) 1 - Il presente regolamento disciplina

Dettagli

ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU)

ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU) ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU) La nuova dichiarazione Ise/Isee cambia sostanzialmente rispetto al passato. Dal 2015 il calcolo del parametro non viene più fatto dal

Dettagli

Comune di Azzano San Paolo

Comune di Azzano San Paolo Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/532230 Fax 035/530073 C.F./IVA n. 00681530168 Email: servizio.istruzione@comuneazzanosanpaolo.gov.it ATTESTAZIONE ISEE Normativa:

Dettagli

Piano Sociale di Zona Distretto S9

Piano Sociale di Zona Distretto S9 Piano Sociale di Zona Distretto S9 - Comune Capofila Sapri - Via Villa Comunale, 1 84073 Sapri (SA) Telefono 0973.605542-43 Fax 0973.605541 www.pianosociales9.it * e-mail: ufficiodipiano@pianosociales9.it

Dettagli

PROMEMORIA PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA

PROMEMORIA PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA Direzione Centrale Casa Settore Assegnazione Alloggi di ERP Servizio Assegnazione Alloggi e Controlli Bando ai sensi dell art. 22 del Regolamento Regionale n. 1 del 10 febbraio 2004 e successive modifiche

Dettagli

Modulistica per domanda assegnazione alloggio di edilizia residenziale pubblica

Modulistica per domanda assegnazione alloggio di edilizia residenziale pubblica U.O.G. di COMO Via Italia Libera 17 22100 Como Modulistica per domanda assegnazione alloggio di edilizia residenziale pubblica da consegnare entro il c/o gli uffici dell ALER U.O.G. di Como in via Italia

Dettagli

C O M U N E DI P I E V E E M A N U E L E Provincia di Milano

C O M U N E DI P I E V E E M A N U E L E Provincia di Milano Allegato A) alla deliberazione di C.C. n. 110 del 29/07/2009 C O M U N E DI P I E V E E M A N U E L E Provincia di Milano Via Viquarterio, n. 1 20090 Pieve Emanuele - Cod. Fisc. 80104290152 P. IVA 04239310156

Dettagli

COME SI CALCOLA L ISEE

COME SI CALCOLA L ISEE Introdotto dal decreto legislativo 31 marzo 1998, n.109, successivamente modificato dal decreto legislativo n.130 del 3 maggio 2000 è lo strumento necessario per poter accedere ad una serie di prestazioni

Dettagli

a) diurno: a domicilio della persona non autosufficiente;

a) diurno: a domicilio della persona non autosufficiente; Regolamento sui criteri di compartecipazione al costo della spesa per le cure domiciliari, dei soggetti ultrasessantacinquenni, la cui non autosufficienza psichica o fisica sia stata accertata dall asl

Dettagli

Periodo 15 gennaio 12 marzo 2015. Consegnare a: Ufficio Edilizia Residenziale Pubblica

Periodo 15 gennaio 12 marzo 2015. Consegnare a: Ufficio Edilizia Residenziale Pubblica BANDO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA PER L'ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (ERP) CHE SI RENDERANNO DISPONIBILI NEL COMUNE DI MONZA Periodo 15 gennaio 12 marzo

Dettagli

RICHIESTA CONCESSIONE BUONO SOCIALE PER SOSTEGNO SPESE ASSISTENTI FAMILIARI (vers. 01 feb. 09)

RICHIESTA CONCESSIONE BUONO SOCIALE PER SOSTEGNO SPESE ASSISTENTI FAMILIARI (vers. 01 feb. 09) RICHIESTA CONCESSIONE BUONO SOCIALE PER SOSTEGNO SPESE ASSISTENTI FAMILIARI (vers. 01 feb. 09) Il/la sottoscritto/a nato/a a prov. il tel. residente a Nova Milanese in via C.F. CHIEDE che gli/le venga

Dettagli

ASILO NIDO AZIENDALE EUROSPIN DOMANDA DI ISCRIZIONE

ASILO NIDO AZIENDALE EUROSPIN DOMANDA DI ISCRIZIONE Via XX Settembre, 57 - CAP 37036 Tel 045 8874320 Fax 045 8874206 P.Iva 00333790236 E-mail: istituzione@comunesanmartinobuonalbergo.it Web: www.comunesanmartinobuonalbergo.it ASILO NIDO AZIENDALE EUROSPIN

Dettagli

COMUNE DI BAZZANO REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.)

COMUNE DI BAZZANO REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) COMUNE DI BAZZANO REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) approvato con deliberazione consiglio comunale n.62 del 22.7.2002 REGOLAMENTO SUI

Dettagli

Istruzioni per la compilazione DF RED - Quadro A

Istruzioni per la compilazione DF RED - Quadro A cassa italiana di previdenza ed assistenza dei geometri Istruzioni per la compilazione DF RED - Quadro A Istruzioni per la compilazione Pagina 1 di 9 Nel quadro A andranno indicati i redditi in possesso

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 39

Dettagli

NUCLEO FAMILIARE. Data di nascita. Codice Fiscale Cognome Nome

NUCLEO FAMILIARE. Data di nascita. Codice Fiscale Cognome Nome Modulo A1 FONDO GRAVE DISAGIO ECONOMICO 2014 MODULO DI DOMANDA D.G.R. n. 2207 del 25/07/2014 Periodo15 settembre 31ottobre 2014 Il/La sottoscritto/a (cognome e nome).. in qualità di : titolare del contratto

Dettagli