MEMORANDUM. circolari per i clienti dello studio professionale Dott. Rag. Pietro Moratelli n.2 del 17 GENNAIO 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MEMORANDUM. circolari per i clienti dello studio professionale Dott. Rag. Pietro Moratelli n.2 del 17 GENNAIO 2013"

Transcript

1 MEMORANDUM circolari per i clienti dello studio professionale Dott. Rag. Pietro Moratelli n.2 del 17 GENNAIO 2013 pleta 16 gennaio 2013 FOCUS 1. Novità fatturazione Riaperti i termini per la rivalutazione di partecipazioni e terreni 3. Compensazione credito Iva dal 16 gennaio Le novità del 2013 in materia di lavoro 5. Congedo obbligatorio e facoltativo per il padre lavoratore NOTIZIE FLASH ACCERTAMENTO - Controlli formali ex art. 36-ter, gli atti delle società di capitali inviabili tramite Civis - Anche fiori, piante e pentole nel nuovo redditometro - Al via i nuovi studi di settore AGEVOLAZIONI - Contributi per enti culturali, domande entro il 28 febbraio - In Lombardia contributi alle Pmi per la comunicazione - Energia da fonti rinnovabili, contributi per interventi di piccole dimensioni DICHIARAZIONI - Approvato il CUD Certificazione degli utili, approvato il nuovo modello Cupe IMMOBILI - IMU: Enti non commerciali, manca il termine per la dichiarazione Imu IMPOSTE DIRETTE - IRPEF, IRES: È deducibile il compenso al liquidatore di Srl - Ires su immobili storici: canone ridotto del 35 per cento e rendita catastale ridotta del 50 per cento IVA E IMPOSTE INDIRETTE - Iva: Fatture, ora la numerazione non termina obbligatoriamente con l'anno solare - Accise, bolla di accompagnamento solo per la fase di prima immissione in commercio dei beni LAVORO - Diffida accertativa anche per lavoro sommerso e Tfr non versato - Per la chiamata del lavoro intermittente non è più utilizzabile il fax - Indennità di mobilità e ASpI, chiarimenti sul periodo transitorio - Con la riforma del lavoro allargata l integrazione salariale - Professionisti: Partite Iva, con la riforma del lavoro rischio riqualificazione del rapporto Circolare per il cliente n. 2 del 17 gennaio pag. 1

2 PREVIDENZA - Soltanto online le domande di ASpI e mini ASpI - Dall'Inps chiarimenti sui requisiti per la pensione di vecchiaia - Nell'edilizia riduzione contributiva dell'11,50 per cento - Cassetto previdenziale per professionisti in gestione separata e aziende agricole - Pensioni, l Inps spiega i criteri della perequazione automatica - Scattano i nuovi limiti di reddito per gli assegni familiari SOCIETÀ - Srl semplificata, atto costitutivo e statuto integrabili dalle parti - Diritto Camerale: Invariati gli importi del diritto annuo alle Camere di commercio - Imprese: Affidato ad Equitalia il recupero degli aiuti di Stato illegittimi - Dal prossimo 4 aprile in vigore le nuove norme antincendio VARIE - Autotrasporto: Autotrasportatori, versamento della quota annuale entro il 31 marzo 2013 Circolare per il cliente n. 2 del 17 gennaio pag. 2

3 NOVITÀ FATTURAZIONE 2013 D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, art. 21 Dal 1 gennaio 2013 sono in vigore le disposizioni nazionali di recepimento della direttiva 2010/45/UE sulla fatturazione. In particolare, ha subìto importanti modifiche l art. 21 del D.P.R. n. 633/1972: - è prevista parità di trattamento tra fatture cartacee e quelle elettroniche; - si promuove il ricorso alla fattura elettronica consentendo la libera scelta sull autenticità dell origine, l integrità del contenuto e la leggibilità delle fatture; - è obbligatorio indicare il numero di partita IVA del cessionario o committente nazionale, il numero di registrazione ai fini dell IVA per i soggetti stabiliti in un altro Stato membro UE, ovvero il codice fiscale se il cessionario o committente non agisce nell esercizio d impresa, arte o professione; - possono essere emesse fatture periodiche entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione delle operazioni sia per le cessioni di beni (con documento di trasporto) che per le prestazioni di servizi (in presenza di idonea documentazione); - il nuovo comma 6-bis prevede l obbligo di emettere fattura anche per tutte le operazioni territorialmente non rilevanti in Italia, rese nei confronti di soggetti passivi debitori dell imposta in un altro Stato membro dell Unione, ovvero rese nei confronti di altri soggetti (anche «privati») stabiliti fuori dalla UE; queste fatture dovranno indicare in luogo dell'ammontare dell'imposta, le seguenti annotazioni con l'eventuale specificazione della relativa norma comunitaria o nazionale: o cessioni di beni e prestazioni di servizi, diverse da quelle di cui all'art.10, nn. da 1) a 4) e 9), effettuate nei confronti di un soggetto passivo che è debitore dell'imposta in un altro Stato membro dell'unione europea, con l'annotazione «inversione contabile»; o cessioni di beni e prestazioni di servizi che si considerano effettuate fuori dell'unione europea, con l'annotazione «operazione non soggetta». ; - in caso di operazioni non soggette, non imponibili, esenti o comunque senza distinta indicazione dell IVA per effetto anche di «regimi» particolari, il richiamo alla specifica norma comunitaria o nazionale non è più obbligatorio, ma solo facoltativo, mentre deve essere indicato il titolo di non applicazione dell imposta; - le fatture emesse dal cessionario di un bene o dal committente di un servizio, in virtù di un obbligo proprio, devono recare l annotazione «auto fatturazione», apposta dal cessionario o committente che emette la fattura; - la fattura deve contenere un numero progressivo che la identifichi in modo univoco. Quest ultimo punto ha ingenerato immotivate preoccupazioni nei primi giorni dell anno. Con la risoluzione n. 1/E del 10 gennaio 2013 l Agenzia delle Entrate ha però precisato che è compatibile con l identificazione univoca prevista dalla formulazione attuale della norma qualsiasi tipologia di numerazione progressiva che garantisca l identificazione univoca della fattura, se del caso, anche mediante riferimento alla data della fattura stessa. RIAPERTI I TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DI PARTECIPAZIONI E TERRENI L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 473 La Legge di stabilità 2013 ha riaperto il termine per la rideterminazione del valore delle partecipazioni in società non quotate ex art. 5 della L. n. 448/2001 e dei terreni, posseduti non in regime d impresa al 1 gennaio L agevolazione consente al cedente di assumere il valore rivalutato ai fini della determinazione delle plusvalenze di cui all art. 67 del TUIR. Per fruire dell agevolazione è necessario che il valore dei terreni o delle partecipazioni risulti da perizia asseverata entro il 1 luglio 2013 e che entro la medesima data sia versata la relativa imposta sostitutiva (o la prima delle tre rate annuali) pari al 2% per le partecipazioni non qualificate e al 4% per le partecipazioni qualificate e i terreni. COMPENSAZIONE CREDITO IVA DAL 16 GENNAIO 2013 Il credito IVA maturato al 31 dicembre 2012 può essere utilizzato a compensazione di altri tributi, già a decorrere dalla scadenza del 16 gennaio 2013 (codice tributo anno di riferimento 2012), ma solo fino al limite massimo di euro. L eventuale credito eccedente i euro, ma entro l ulteriore limite di euro, potrà invece essere utilizzato a partire dal giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione annuale IVA (quindi, per esempio, dal 16 marzo 2013 in caso di dichiarazione annuale IVA presentata entro febbraio 2013). Il credito che dovesse eccedere i euro potrà infine essere utilizzato in compensazione, soltanto se la dichiarazione Circolare per il cliente n. 2 del 17 gennaio pag. 3

4 IVA annuale riporterà il visto di conformità rilasciato da un professionista abilitato. In tutti i casi in cui l utilizzo a compensazione del credito IVA (anche in più F24) dovesse eccedere il limite dei euro, il pagamento di ogni singolo modello F24 dovrà avvenire esclusivamente con modalità telematiche (Fisconline/Entratel) e non è consentito l utilizzo dell home banking. LE NOVITÀ DEL 2013 IN MATERIA DI LAVORO L. 28 giugno 2012, n. 92; L. 24 dicembre 2012, n. 228 ASPI - Dal 1 gennaio 2013 viene istituita l Assicurazione sociale per l impiego (Aspi): erogazione di un indennità mensile ai lavoratori dipendenti del settore privato, compresi gli apprendisti e i soci di cooperative di lavoro che perdono il lavoro. L Aspi sostituirà, a regime, l indennità di mobilità, l indennità di disoccupazione non agricola a requisiti normali e ridotti, nonché l indennità di disoccupazione speciale edile. Viene anche introdotto un ulteriore istituto di sostegno del reddito, denominato mini-aspi. La mini-aspi sostituisce l indennità di disoccupazione con requisiti ridotti, condizionandola alla presenza e permanenza dello stato di disoccupazione. In particolare, la mini-aspi può essere concessa in presenza di almeno 13 settimane di contribuzione di attività lavorativa negli ultimi 12 mesi, e consiste in un indennità di pari importo dell Aspi. IMPRENDITORI AGRICOLI - Dal 1 gennaio 2013, agli imprenditori agricoli professionali, sono estesi gli incrementi graduali delle aliquote contributive pensionistiche e di quelle di computo, già previste per coltivatori diretti, mezzadri e coloni. Per il periodo transitorio saranno concessi ammortizzatori sociali in deroga, in termini analoghi a quelli posti, per gli anni precedenti, da numerose disposizioni transitorie. Il fine è quello di garantire la graduale transizione verso il regime delineato dalla riforma degli ammortizzatori sociali. Aumenta il numero massimo di apprendisti che possono essere contemporaneamente alle dipendenze dello stesso datore di lavoro. CASSA INTEGRAZIONE - L ambito di applicazione della cassa integrazione straordinaria è esteso in maniera definitiva a: imprese esercenti attività commerciali con più di 50 dipendenti; agenzie di viaggio e turismo, compresi gli operatori turistici, con più di 50 dipendenti; imprese di vigilanza con più di 15 dipendenti; imprese del trasporto aereo a prescindere dal numero di dipendenti; imprese del sistema aeroportuale a prescindere dal numero di dipendenti. Viene abrogata la norma che ha esteso la cassa integrazione straordinaria ai dipendenti dai vettori aerei e ha concesso le riduzioni contributive in caso di riassunzione. Viene abrogata anche la legge che ha riconosciuto la CIGS e la mobilità ai dipendenti dalle società di gestione aeroportuale e dalle società da queste derivate. LISTE DI MOBILITÀ E SGRAVI - Non essendo stata prorogata dalla legge di stabilità la disposizione transitoria, che in passato è stata prorogata di anno in anno, che prevedeva la possibilità di iscrizione nelle liste di mobilità dei lavoratori licenziati per giustificato motivo oggettivo nelle aziende con meno di 15 dipendenti, gli stessi lavoratori non sono più iscrivibili dal 1 gennaio Inoltre, gli incentivi per l assunzione dei lavoratori iscritti alle liste di mobilità a seguito di licenziamento individuale rimangono attualmente applicabili alle assunzioni, proroghe e trasformazioni effettuate entro il 31 dicembre 2012, mentre non sono più applicabili per le assunzioni, le proroghe e trasformazioni avvenute dal 1 gennaio SOSTEGNI AI GENITORI - Per favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, sono previste forme di sostegno alla genitorialità, promuovendo una cultura di maggiore condivisione dei compiti di cura dei figli all interno della coppia. Scatta, quindi, l obbligo per il padre lavoratore dipendente, entro 5 mesi dalla nascita del figlio, di astenersi dal lavoro per un periodo di un giorno. È inoltre prevista la corresponsione di voucher alla madre lavoratrice per l acquisto di servizi di baby-sitting. OCCUPAZIONE FEMMINILE - Per incentivare l occupazione femminile e di over 50 è prevista la riduzione del 50% dei contributi di previdenza e assistenza sociale a carico del datore di lavoro in caso di assunzione di donne e la riduzione del 50% per 12 mesi dei contributi a carico dei datori di lavoro se assumono, con contratto di lavoro a tempo determinato o in somministrazione, lavoratori di età non inferiore a 50 anni, disoccupati da oltre 12 mesi. Per il periodo transitorio saranno concessi ammortizzatori sociali in deroga, in termini analoghi a quelli posti, per gli anni precedenti, da numerose disposizioni transitorie. CONGEDO OBBLIGATORIO E FACOLTATIVO PER IL PADRE LAVORATORE L. 28 giugno 2012, n. 92; D.M. 22 dicembre 2012 Il Ministro del Lavoro, di concerto con il Ministro dell'economia, in data 22 dicembre 2012, ha sottoscritto il decreto, inviato per la registrazione alla Corte dei Conti, contenente le modalità per la fruizione del congedo obbligatorio di un giorno e di quello facoltativo, di due giorni, da parte del padre, anche in caso di adozione o affido (previsto dall'art. 4, comma 24, lettera a), della Legge n. 92/ Riforma del Lavoro). Il congedo obbligatorio è fruibile anche durante il congedo di maternità della madre lavoratrice, in aggiunta ad esso. La fruizione, da parte del padre, del congedo facoltativo di uno o due giorni, anche continuativi, è condizionata alla scelta della madre lavoratrice di non fruire di altrettanti giorni del proprio congedo di maternità, con conseguente anticipazione del termine finale del congedo post partum della madre per un numero di giorni pari al numero di giorni fruiti dal padre. A carico dell'inps è posto il pagamento dell'indennità pari al 100% della retribuzione spettante. La fruizione del congedo è subordinata alla presentazione di una richiesta in forma scritta al datore di lavoro. Circolare per il cliente n. 2 del 17 gennaio pag. 4

5 ACCERTAMENTO CONTROLLI FORMALI EX ART. 36 TER, GLI ATTI DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI INVIABILI TRAMITE CIVIS - Comunicato Stampa 10 gennaio 2013 (Agenzia delle Entrate ) Le società di capitali possono inviare tramite Civis (il canale telematico dell'agenzia delle Entrate) i documenti che l'amministrazione chiede in sede di controllo formale ex art. 36-ter del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 relativo alle dichiarazioni presentate nel Per accedere al servizio è necessario registrarsi secondo le modalità illustrate nel sito Si ricorda che il canale telematico Civis, oltre alla presentazione dei documenti per controlli formali, offre anche assistenza sulle comunicazioni di irregolarità e sulle cartelle di pagamento, ai sensi degli articoli 36- bis del richiamato D.P.R. n. 600 del 1973 e 54-bis del D.P.R. n. 633 del Infatti i contribuenti che ricevono una comunicazione di irregolarità a seguito di controllo automatico della dichiarazione dei redditi possono utilizzare tale servizio per chiedere chiarimenti, al fine di sanare le eventuali anomalie oppure segnalare all Agenzia delle Entrate le ragioni per cui si ritiene non dovuto il pagamento. È possibile chiedere assistenza anche in merito alle cartelle esattoriali emesse a seguito di comunicazioni di irregolarità. ANCHE FIORI, PIANTE E PENTOLE NEL NUOVO REDDITOMETRO - D.M. 24 dicembre 2012 (Ministero dell'economia e delle Finanze - Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2013, n. 3 ) Approda in Gazzetta Ufficiale il nuovo redditometro, applicabile ai redditi relativi agli anni d'imposta a decorrere dal Ammessa comunque la prova contraria del contribuente, il quale di fronte ad un accertamento sintetico può sempre dimostrare che le spese attribuitegli sono di importo diverso rispetto a quanto sostenuto dal Fisco, oppure che sono state finanziate con redditi diversi da quelli posseduti nel periodo d'imposta o con redditi esenti o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta, oppure con entrate escluse per legge dalla base imponibile o, infine, da parte di terzi. Si tenga comunque presente che non si considerano sostenute dalla persona fisica le spese per i beni e servizi relativi esclusivamente ed effettivamente all'attività di impresa o all'esercizio di una professione, purché tale circostanza risulti da idonea documentazione. AL VIA I NUOVI STUDI DI SETTORE - D.M. 28 dicembre 2012; D.M. 28 dicembre 2012; D.M. 28 dicembre 2012; D.M. 28 dicembre 2012; D.M. 28 dicembre 2012 (Ministero dell'economia e delle Finanze - Gazzetta Ufficiale n. 303 del 31 dicembre S.O. nn. 16, 17, 18 e 19 ) Approvati nuovi studi di settore relativi ad attività economiche nei comparti delle manifatture, dei servizi, del commercio, nonché ad attività professionali. Approvata inoltre la territorialità del livello delle quotazioni immobiliari (applicabile dal periodo d'imposta 2012) che individua specifici indicatori territoriali per differenziare le modalità di applicazione degli studi di settore, per tenere conto del luogo in cui viene svolta l'attività economica. AGEVOLAZIONI CONTRIBUTI PER ENTI CULTURALI, DOMANDE ENTRO IL 28 FEBBRAIO - Circolare 27 dicembre 2012, n. 107; Circolare 27 dicembre 2012, n. 108 (Ministero per i Beni e le Attività culturali - Gazzetta Ufficiale n. 6 dell 8 gennaio 2013) Il Ministero per i Beni e le Attività culturali ha emanato una circolare (la n. 107, che sostituisce la Circolare 4 febbraio 2002, n. 16) che detta la procedura relativa all accesso ai contributi statali previsti per le istituzioni culturali ai sensi dell'art. 8 della L. 17 ottobre 1996, n Possono presentare domanda gli istituti culturali in possesso dei requisiti di cui all'art. 8 della L. 17 ottobre 1996, n Il contenuto e le modalità di presentazione dell istanza il cui termine per il 2013 è stato fissato al 28 febbraio sono illustrate agli articoli 2 e 3 della Circolare. Con un altra circolare (la n. 108, sostitutiva della Circolare 4 febbraio 2002, n. 17) la medesima Amministrazione ha fornito chiarimenti in merito ai contributi per convegni e pubblicazioni di rilevante interesse culturale promossi o organizzati da istituti, associazioni, fondazioni ed altri organismi senza scopo di lucro. In particolare, possono presentare domanda di contributo gli enti non profit costituiti con atto pubblico ed operanti in Italia. Per il 2013, la domanda dovrà pervenire entro il 28 febbraio. Circolare per il cliente n. 2 del 17 gennaio pag. 5

6 IN LOMBARDIA CONTRIBUTI ALLE PMI PER LA COMUNICAZIONE - Comunicato Stampa 7 gennaio 2013 (Camera di Commercio di Sondrio ) Ammonta a un milione e 650mila euro lo stanziamento deliberato da Regione Lombardia e Camere di Commercio lombarde per finanziare progetti di investimento in strategie di marketing innovation da parte delle micro, piccole e medie imprese del territorio. L iniziativa si sviluppa in due direzioni: da un lato (misura a), si incentiva l'introduzione in azienda di progetti di comunicazione e marketing digitale finalizzati a sviluppare nuovi processi comunicativi e/o nuovi modelli di business; dall altro (misura b), si cerca di favorire l'inserimento professionale dei giovani e la stabilizzazione professionale di lavoratori già presenti in azienda per realizzare progetti di comunicazione digitale diretti ad aumentare la competitività sul mercato. Le domande possono essere presentate online dal 27 novembre 2012 al 24 gennaio 2013, secondo le modalità indicate sul sito ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI, CONTRIBUTI PER INTERVENTI DI PICCOLE DIMENSIONI - D.M. 28 dicembre 2012 (Ministero dello Sviluppo Economico - Gazzetta Ufficiale n. 1 del 2 gennaio S.O. n. 1 ) Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto ministeriale che, in attuazione dell'art. 28 del D.Lgs. 3 marzo 2011, n. 28, disciplina l'incentivazione di interventi di piccole dimensioni per l'incremento dell'efficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili. Sono ammessi agli incentivi (per i quali è previsto l'aggiornamento periodico) le amministrazioni pubbliche e i soggetti privati (persone fisiche, condomini e titolari di reddito d'impresa o di reddito agrario). I contributi spettano per le seguenti tipologie di intervento: isolamento termico di superfici opache delimitanti il volume climatizzato; sostituzione di chiusure trasparenti comprensive di infissi delimitanti il volume climatizzato; sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti di climatizzazione invernale utilizzanti generatori di calore a condensazione; installazione di sistemi di schermatura e/o ombreggiamento di chiusure trasparenti con esposizione da Est-Sud-Est a Ovest, fissi o mobili, non trasportabili; sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti di climatizzazione invernale dotati di pompe di calore, elettriche o a gas, utilizzanti energia aerotermica, geotermica o idrotermica; sostituzione di impianti di climatizzazione invernale o di riscaldamento delle serre esistenti e dei fabbricati rurali esistenti con impianti di climatizzazione invernale dotati di generatore di calore alimentato da biomassa; installazione di collettori solari termici, anche abbinati a sistemi di solar cooling; sostituzione di scaldacqua elettrici con scaldacqua a pompa di calore. DICHIARAZIONI APPROVATO IL CUD Provvedimento 11 gennaio 2013 (Direttore Agenzia delle Entrate - Pubblicato l'11 gennaio 2013 sul sito Internet dell'agenzia delle Entrate ai sensi dell'articolo 1, comma 361, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 ) In attuazione dell'art. 4, commi 6-ter e 6-quater del D.L. n. 322 del 1998, è stato approvato, con le relative istruzioni, il CUD Lo schema di certificazione si utilizza ai fini dell'attestazione: a) dell ammontare complessivo dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati, di cui agli articoli 49 e 50 del Tuir, corrisposti nel 2012 ed assoggettati a tassazione ordinaria, a tassazione separata, a ritenuta a titolo d imposta e ad imposta sostitutiva; b) delle relative ritenute di acconto operate; c) delle detrazioni effettuate; d) dell ammontare complessivo dei redditi corrisposti nel 2012 che non hanno concorso alla formazione del reddito imponibile ai fini fiscali e contributivi, nonché dei dati previdenziali ed assistenziali relativi alla contribuzione versata o dovuta all Inps. Contestualmente l'agenzia delle Entrate ha approvato le istruzioni per il datore di lavoro, ente pensionistico o altro sostituto d imposta per la compilazione dei dati fiscali (allegato 2 al provvedimento) e per la compilazione dei dati previdenziali ed assistenziali Inps (allegato 3). Si ricorda che la certificazione compilata dal sostituto d'imposta dev'essere rilasciata al contribuente in duplice copia. Per quanto attiene ai dati previdenziali ed assistenziali relativi all'inps, il CUD 2013 dev'essere rilasciato anche dai datori di lavoro non sostituti d'imposta già tenuti alla presentazione del modello 01/M (denuncia individuale delle retribuzioni dei lavoratori dipendenti di cui all art. 4 del D.L. 6 luglio 1978, n. 352, convertito, con modifiche, dalla L. 4 agosto 1978, n. 467) o alla presentazione del modello DAP/12 per i dirigenti di aziende industriali. CERTIFICAZIONE DEGLI UTILI, APPROVATO IL NUOVO MODELLO CUPE - Provvedimento 7 gennaio 2013 (Direttore Agenzia delle Entrate - Pubblicato il 7 gennaio 2013 sul sito Internet dell'agenzia delle Entrate ai sensi dell'articolo 1, comma 361, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 Gazzetta Ufficiale n. 74 del 31 marzo 2011 ) Approvato (con le relative istruzioni) lo schema di certificazione di cui all art. 4, commi 6-ter e 6-quater, del D.P.R. 22 luglio 1998, n. 322, da utilizzare per l'attestazione: a) degli utili derivanti dalla partecipazione a soggetti Ires (residenti e non residenti), corrisposti a soggetti residenti a decorrere dal 1 gennaio Sono esclusi gli utili assoggettati a ritenuta alla fonte a titolo d'imposta o ad imposta sostitutiva; b) dei dati relativi ai proventi derivanti da titoli e strumenti finanziari di cui all'art. 44, comma 2, lettera a), del Tuir, da contratti di associazione in partecipazione di cui alla lettera Circolare per il cliente n. 2 del 17 gennaio pag. 6

7 f) della medesima disposizione. Lo schema sostituisce quello approvato con il Provvedimento Agenzia Entrate 21 dicembre IMMOBILI IMU: ENTI NON COMMERCIALI, MANCA IL TERMINE PER LA DICHIARAZIONE IMU - Risoluzione 11 gennaio 2013, n. 1/DF (Dipartimento delle Finanze ) Gli enti non commerciali sono tenuti a presentare la dichiarazione Imu non entro il 4 febbraio 2013, ma entro il termine che sarà stabilito da un apposito decreto ministeriale che sarà emanato al riguardo (con il quale sarà tra l'altro approvato anche il relativo modello). Si ricorda che ai fini del tributo comunale, per gli enti non commerciali si fa riferimento all'art. 7, comma 1, lettera i), del D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 504 (che disciplinava l'ici), al D.M. 19 novembre 2012, n. 200 e all'art. 91-bis, comma 3, del D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, convertito con modifiche dalla L. 24 marzo 2012, n. 27. IMPOSTE DIRETTE IRPEF, IRES: È DEDUCIBILE IL COMPENSO AL LIQUIDATORE DI SRL - Risoluzione 31 dicembre 2012, n. 113/E (Agenzia delle Entrate ) Gli articoli 8, comma 1, ultimo periodo e 60 del Tuir si riferiscono al solo imprenditore individuale/persona fisica e non anche alle società; nei confronti di queste ultime, pertanto, le spese per prestazioni di lavoro sono deducibili (al momento della corresponsione). Ne consegue che i compensi erogati da una Srl in liquidazione volontaria al proprio liquidatore sono deducibili al momento dell'erogazione e tassati in capo al percettore, ai sensi dell'art. 95, comma 5, del Tuir. Tuttavia, l Agenzia delle Entrate precisa che l'amministrazione finanziaria potrà disconoscere totalmente o parzialmente la deducibilità dei componenti negativi in commento in tutte le ipotesi in cui i compensi appaiano insoliti, sproporzionati ovvero strumentali all'ottenimento di indebiti vantaggi. IRES SU IMMOBILI STORICI: CANONE RIDOTTO DEL 35 PER CENTO E RENDITA CATASTALE RIDOTTA DEL 50 PER CENTO - Risoluzione 31 dicembre 2012, n. 114/E (Agenzia delle Entrate ) In caso di locazione di un bene immobile dichiarato di interesse storico e/o artistico, ai fini della determinazione della base imponibile Ires si deve tenere conto del canone annuo, ridotto del 35 per cento, e della rendita catastale, rivalutata, ridotta del 50 per cento. La regola si applica anche per la determinazione del reddito relativo agli immobili posseduti da enti non commerciali, considerato il tenore letterale dell art. 144 del Tuir, come modificato dall art. 4, comma 5-sexies), del D.L. 2 marzo 2012, n. 16, convertito con modifiche dalla L. 26 aprile 2012, n. 44. La conclusione non muta per gli immobili riconosciuti di interesse storico e/o artistico locati non detenuti, in regime di impresa, da parte di persone fisiche. IVA E IMPOSTE INDIRETTE IVA: FATTURE, ORA LA NUMERAZIONE NON TERMINA OBBLIGATORIAMENTE CON L'ANNO SOLARE - Risoluzione 10 gennaio 2013, n. 1/E (Agenzia delle Entrate ) Per le operazioni effettuate dal 1 gennaio 2013, la fattura deve contenere un numero progressivo che la identifichi in modo univoco : lo dispone l'art. 21, comma 2, lettera b), del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, modificato dall art. 1, comma 325, lettera d), della Legge di Stabilità 2013 (L. 24 dicembre 2012, n. 228) al fine di recepire la Direttiva comunitaria 28 novembre 2006, n. 2006/112/CE (a sua volta modificata dalla Direttiva 13 luglio 2010, n. 2010/45/UE). A tal fine, considerato che la norma non chiede più la numerazione in ordine progressivo per anno solare (adempimento che per la Ue non era prescritto dall'art. 226 della citata Direttiva), l'agenzia delle Entrate ritiene che sia sufficiente qualsiasi tipologia di numerazione progressiva che garantisca l identificazione univoca della fattura, se del caso, anche mediante riferimento alla data della fattura stessa. Di conseguenza, dalla predetta data del 1 gennaio 2013 è ammessa la numerazione progressiva che, partendo dal numero 1, prosegua ininterrottamente per tutti gli anni solari di attività del contribuente, fino alla cessazione dell attività stessa. La numerazione progressiva dal 1 gennaio 2013 può anche iniziare dal numero successivo a quello dell ultima fattura emessa nel Si sottolinea comunque che è possibile continuare con il sistema di numerazione progressiva per anno solare. Circolare per il cliente n. 2 del 17 gennaio pag. 7

8 ACCISE, BOLLA DI ACCOMPAGNAMENTO SOLO PER LA FASE DI PRIMA IMMISSIONE IN COMMERCIO DEI BENI - Nota 28 dicembre 2012, n /RU (Agenzia delle Dogane ) A seguito dell entrata in vigore del decreto sviluppo 2 (D.L. 18 ottobre 2012, n. 179 convertito con modifiche dalla L. 17 dicembre 2012, n. 221), il privilegio di cui all art. 16, comma 3, del D.Lgs. n. 504 del 1995 è stato esteso ai crediti vantati dai titolari di licenza per l'esercizio di depositi commerciali di prodotti energetici assoggettati ad accisa. Inoltre, l obbligo di emissione della bolla di accompagnamento è circoscritto alla fase di prima immissione in commercio dei beni (art. 1, comma 1-bis, del D.P.R. 14 agosto 1996, n. 472). Relativamente alle novità introdotte dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228 (Legge di Stabilità 2013), vengono confermate, a decorrere dal 1 gennaio 2013, le aliquote di accisa sulla benzina fissate dalla Determinazione del Direttore dell Agenzia delle Dogane 9 agosto 2012, n Per quanto riguarda l impiego di prodotti energetici in lavori agricoli di cui al Punto 5, Tabella A, allegata al richiamato D.Lgs. n. 504 del 1995 la Manovra 2013 individua quale limite massimo all estensione dei terreni destinati a lavorazioni in agricoltura quello indicato nel fascicolo aziendale (disciplinato dalla normativa dettata in materia di imprese agricole). LAVORO DIFFIDA ACCERTATIVA ANCHE PER LAVORO SOMMERSO E TFR NON VERSATO - Circolare 8 gennaio 2013, n. 1 (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ) Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali fornisce chiarimenti in merito all istituto della diffida accertativa per crediti patrimoniali, di cui all art. 12 del D.Lgs. 23 aprile 2004, n. 124 (attuativo della delega contenuta nell art. 8 della L. 14 febbraio 2003, n. 30). Si tratta della diffida che può essere effettuata al datore di lavoro dalle Direzioni Territoriali del Lavoro che riscontrino inosservanze alla disciplina contrattuale da cui derivino crediti di natura patrimoniale in favore dei lavoratori. In assenza di adempimento spontaneo o di conciliazione, la diffida accertativa costituisce titolo per l esecuzione forzata. Viene innanzitutto chiarito che l accertamento tecnico demandato agli ispettori del lavoro può riguardare sia l an che il quantum del diritto spettante al lavoratore. Inoltre, la certezza del diritto non rappresenta una condicio sine qua non del provvedimento ispettivo, ma l obiettivo dell accertamento stesso. Possono costituire oggetto della diffida le seguenti tipologie di crediti: crediti retributivi da omesso pagamento; crediti di tipo indennitario (maggiorazioni, Tfr, ecc.), anche se qui occorrono ulteriori valutazioni in ordine all esigibilità del credito; crediti legati al demansionamento o alla mancata applicazione di livelli minimi retributivi oppure derivanti da situazioni di lavoro sommerso. La diffida non opera invece nei confronti delle retribuzioni di risultato (come i premi di produzione) in assenza della valutazione di merito compiuta dal datore di lavoro e per i crediti retributivi derivanti da un non corretto inquadramento della tipologia contrattuale. PER LA CHIAMATA DEL LAVORO INTERMITTENTE NON È PIÙ UTILIZZABILE IL FAX - Comunicato Stampa 8 gennaio 2013 (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ) Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali comunica che a seguito dell entrata in vigore dell art. 34, comma 54, del decreto sviluppo-bis (D.L. 18 ottobre 2012, n. 179, convertito con modifiche dalla L. 17 dicembre 2012, n. 221), nel lavoro intermittente la chiamata del lavoratore non può più essere comunicata via fax alla competente Direzione territoriale del lavoro. La chiamata, quindi, potrà essere effettuata dal datore di lavoro tramite Pec, , sms o attraverso il web. Si ricorda che l utilizzo del fax era previsto dall art. 35, comma 3-bis, della riforma Biagi (D.Lgs. 10 settembre 2003, n. 276). INDENNITÀ DI MOBILITÀ E ASPI, CHIARIMENTI SUL PERIODO TRANSITORIO - Circolare 7 gennaio 2013, n. 2 La riforma del lavoro (L. 28 giugno 2012, n. 92) ha introdotto le indennità di disoccupazione (ASpI) e la mini AspI, e ha abrogato, con effetto dal 1 gennaio 2017, l indennità di mobilità ordinaria e i trattamenti speciali di disoccupazione per l edilizia. Al riguardo l'inps detta le istruzioni per gestire il periodo transitorio, dal 1 gennaio 2013 al 31 dicembre CON LA RIFORMA DEL LAVORO ALLARGATA L INTEGRAZIONE SALARIALE - Circolare 7 gennaio 2013, n. 1 Dal 1 gennaio 2013 le disposizioni in materia di trattamento straordinario di integrazione salariale e i relativi obblighi contributivi sono estese alle imprese commerciali con più di 50 dipendenti, alle agenzie di viaggio e turismo (compresi gli operatori turistici) con più di 50 dipendenti, alle imprese di vigilanza con più di 15 dipendenti, alle imprese di trasporto aereo, a prescindere dal numero di dipendenti, nonché alle imprese del sistema aeroportuale (anche qui, a Circolare per il cliente n. 2 del 17 gennaio pag. 8

9 prescindere dal numero di dipendenti). Lo prevede l art. 12, comma 3-bis, della L. 23 luglio 1991, n. 223, introdotto dall art. 3, comma 1, della riforma del lavoro (L. 28 giugno 2012, n. 92). La riforma ha inoltre modificato i requisiti per la concessione del citato trattamento alle imprese in procedura concorsuale, ha abrogato la normativa relativa al rilascio della dichiarazione di immediata disponibilità (DID) e ha disciplinato le ipotesi di decadenza in caso di rifiuto del beneficiario di essere avviato ad un corso di formazione o riqualificazione o di mancata regolare frequenza senza giustificato motivo. PROFESSIONISTI: PARTITE IVA, CON LA RIFORMA DEL LAVORO RISCHIO RIQUALIFICAZIONE DEL RAPPORTO - Circolare 27 dicembre 2012, n. 32 (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ) Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali fornisce chiarimenti in merito alle novità apportate alla legge Biagi dall'art. 1, comma 26, della riforma del lavoro contenuta nella L. n. 92 del La norma introduce la presunzione per cui le prestazioni fornite da soggetti in possesso di partita Iva si considerano, salvo prova contraria, rapporti di co.co.co. quando ricorrono almeno due delle seguenti condizioni: la collaborazione con il medesimo committente abbia una durata complessiva superiore a 8 mesi annui per due anni consecutivi; il corrispettivo relativo a tale collaborazione, anche se fatturato a più soggetti riconducibili allo stesso centro d'imputazione di interessi, costituisca più dell'80 per cento dei corrispettivi annui complessivamente percepiti dal collaboratore nell'arco di due anni solari consecutivi; il collaboratore disponga di una postazione fissa di lavoro presso una delle sedi del committente. PREVIDENZA SOLTANTO ONLINE LE DOMANDE DI ASPI E MINI ASPI - Messaggio 14 gennaio 2013, n. 760 Le domande finalizzate all ottenimento delle indennità di disoccupazione ASpI e mini-aspi dovranno essere presentate esclusivamente in via telematica, alternativamente tramite il sito internet dell Inps (per i soggetti in possesso di Pin), attraverso il contact center multicanale (numero verde ) oppure per mezzo di patronati e intermediari. Per quanto riguarda le modalità di richiesta e rilascio del Pin si rinvia alla Circolare 15 marzo 2011, n. 50. Si ricorda che l ASpI (Assicurazione Sociale per l Impiego) è stata introdotta con decorrenza 1 gennaio 2013 dall art. 2 della riforma del lavoro, contenuta nella L. 28 giugno 2012, n. 92. Sull argomento l Inps ha fornito chiarimenti con la Circolare 18 dicembre 2012, n. 142 e con il Messaggio 17 dicembre 2012, n DALL'INPS CHIARIMENTI SUI REQUISITI PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA - Messaggio 4 gennaio 2013, n. 219 L'Inps fornisce ulteriori chiarimenti in merito ai nuovi requisiti richiesti ai fini del conseguimento della pensione di vecchiaia e della pensione anticipata, che dal 1 gennaio 2012 hanno sostituito le pensioni di vecchiaia, di vecchiaia anticipata e di anzianità (art. 24 del D.L. n. 201 del 2011, convertito con modifiche dalla L. n. 214 del 2011). Al riguardo si ricorda che i requisiti da maturare entro il 31 dicembre 2011 per il diritto alla pensione di vecchiaia nel sistema contributivo sono i seguenti: anagrafico di 60 anni di età per le donne e 65 anni di età per gli uomini, unitamente al requisito contributivo di almeno 5 anni di contribuzione effettiva (ai sensi della L. n. 335 del 1995); contributivo di almeno 40 anni di contributi, indipendentemente dall'età anagrafica, che dev'essere perfezionato escludendo i contributi versati volontariamente e moltiplicando per 1,5 i contributi da lavoro versati prima del 18 anno di età; contributivo di almeno 35 anni di contributi unitamente ad un requisito anagrafico (Circolare Inps n. 60 del 2008, punto 3.1.) se la pensione di vecchiaia è chiesta da un soggetto di età inferiore a 65 anni, dev'essere perfezionato anche il requisito relativo all'importo del trattamento pensionistico, che dev'essere non inferiore ad 1,2 volte l'assegno sociale. In materia si rinvia anche alla Circolare Inps 14 marzo 2012, n. 35. NELL'EDILIZIA RIDUZIONE CONTRIBUTIVA DELL'11,50 PER CENTO - D.Dirett. 30 ottobre 2012; Messaggio 27 dicembre 2012, n (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali; Inps - Gazzetta Ufficiale n. 2 del 3 gennaio 2013 ) Per il 2012 la riduzione contributiva nel settore dell'edilizia è pari all'11,50 per cento, ai sensi dell'art. 29, comma 2, del D.L. 23 giugno 1995, n. 244, convertito con modifiche dalla L. 8 agosto 1995, n Lo ha confermato il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con il D.Dirett. 30 ottobre 2012; le modalità di applicazione del beneficio sono illustrate nel Messaggio Inps 31 agosto 2012, n CASSETTO PREVIDENZIALE PER PROFESSIONISTI IN GESTIONE SEPARATA E AZIENDE AGRICOLE - Messaggio 27 dicembre 2012, n ; Messaggio 27 dicembre 2012, n Circolare per il cliente n. 2 del 17 gennaio pag. 9

10 Tramite il cassetto previdenziale, disponibile da pochi giorni, i professionisti iscritti alla gestione separata possono visualizzare i dati Inps che li riguardano: posizione anagrafica, situazione debitoria/creditoria, situazione assicurativa (estratto conto previdenziale), elenco dei versamenti, situazione delle iscrizioni a ruolo (estratto cartelle/avvisi di addebito) e degli avvisi bonari ricevuti. È possibile inoltre presentare istanze all'istituto. Per informazioni è possibile telefonare al numero verde oppure, da telefoni cellulari, al n Analogamente, è stato istituito il cassetto previdenziale per le aziende agricole, che permette tra l'altro di visualizzare i propri dati, le denunce aziendali presentate (anche in anni precedenti), le dichiarazioni di manodopera (DMAG) degli ultimi cinque anni, i pagamenti effettuati con l'f24, le compensazioni effettuate da Agea e la propria situazione debitoria. PENSIONI, L INPS SPIEGA I CRITERI DELLA PEREQUAZIONE AUTOMATICA - Circolare 28 dicembre 2012, n. 149 L Inps illustra le modalità di applicazione della perequazione delle pensioni per il Al riguardo, il D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito con modifiche dalla L. 22 dicembre 2011, n. 214, permette di effettuare la rivalutazione automatica per gli anni 2012 e 2013 soltanto per le pensioni di importo complessivo fino a tre volte il trattamento minimo Inps, nella misura del 100 per cento. Ne consegue che dal 1 gennaio 2013, le pensioni di importo fino a tale limite (pari a euro) sono aumentate automaticamente nella misura del 3 per cento. Per le pensioni di importo compreso tra e 1.486,29 euro (cioè più il 3 per cento), l Inps precisa che viene comunque garantito l importo di 1.486,29 euro. Nessun aumento, invece, per le pensioni di importo superiore a 1.486,29 euro. SCATTANO I NUOVI LIMITI DI REDDITO PER GLI ASSEGNI FAMILIARI - Circolare 28 dicembre 2012, n. 150 Rivalutati, con effetto dal 1 gennaio 2013, i limiti di reddito familiare ai fini della cessazione o riduzione degli assegni familiari e delle quote di maggiorazione di pensione, nonché i limiti di reddito mensili per l accertamento del carico ai fini del diritto agli assegni nei confronti di coltivatori diretti, coloni, mezzadri e piccoli coltivatori diretti (cui è applicabile la normativa sugli assegni familiari) e dei pensionati delle gestioni speciali per i lavoratori autonomi. In particolare, i limiti di reddito mensili da considerare ai fini dell'accertamento del carico (non autosufficienza economica) e quindi del riconoscimento del diritto agli assegni familiari sono fissati per tutto l'anno 2013 in euro euro 697,73 per il coniuge, per un genitore, per ciascun figlio od equiparato, e in euro 1221,03 per due genitori ed equiparati. I nuovi limiti di reddito valgono anche in caso di richiesta di assegni familiari per fratelli, sorelle e nipoti. SOCIETÀ SRL SEMPLIFICATA, ATTO COSTITUTIVO E STATUTO INTEGRABILI DALLE PARTI - Nota 10 dicembre 2012, n ; Circolare 2 gennaio 2013, n. 3657/C (Ministero della Giustizia; Ministero dello Sviluppo Economico ) L atto costitutivo e lo statuto delle società a responsabilità limitata semplificata, redatti secondo il modello standard, possono essere integrati dalle parti: lo afferma un parere del Ministero della Giustizia recepito dal Ministero dello Sviluppo Economico ed inviato alle Camere di Commercio. In particolare, la tesi si fonda sulla circostanza che in linea generale, la disciplina codicistica relativa alle Srl fornisce regole che ben possono essere modificate statutariamente (come ad esempio gli artt. 2479, comma 1, 2479-bis, 2481 e 2483 c.c.). Si ricorda che la Srl semplificata è prevista dall art bis del Codice civile, introdotto dall art. 3 del D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, convertito con modifiche dalla L. 24 marzo 2012, n. 27 al fine di favorire l accesso dei giovani alla costituzione di società di capitali. L atto costitutivo dev essere redatto per atto pubblico in conformità al modello standard approvato dal D.M. 23 giugno 2012, n DIRITTO CAMERALE: INVARIATI GLI IMPORTI DEL DIRITTO ANNUO ALLE CAMERE DI COMMERCIO - Nota 21 dicembre 2012, n (Ministero dello Sviluppo economico ) La nota del ministero dello Sviluppo economico del 21 dicembre scorso ha confermato gli importi del diritto annuo dovuti per il 2013 alle Camere di Commercio. Tali importi sono: 88 euro per l impresa individuale iscritta nella sezione speciale (piccoli imprenditori); 200 euro per l impresa individuale della sezione ordinaria (grandi imprenditori); 200 euro per la società semplice non agricola e la società tra avvocati; 100 euro per la società semplice agricola; 30 euro per i soggetti iscritti al solo Rea (associazioni con attività economica e simili). Le restanti tipologie di impresa (società, cooperative, enti economici) dovranno versare un importo calcolato sul fatturato 2012, ma se il fatturato non supera i euro l importo sarà sempre di 200 euro. Assoggettate all obbligo di versamento alle Camere sono anche le unità locali e le sedi secondarie, che se appartenenti ad imprese con sede in Italia dovranno versare il 20% di quanto dovuto dalla sede principale - fino ad un massimo di 200 euro - mentre se la sede principale è all estero il versamento dovuto per ciascuna unità o sede sarà pari a 110 euro. Anche la modalità di versamento è invariata rispetto allo scorso anno, e il Circolare per il cliente n. 2 del 17 gennaio pag. 10

11 pagamento sarà dunque da effettuarsi con il primo acconto delle imposte sui redditi. AFFIDATO AD EQUITALIA IL RECUPERO DEGLI AIUTI DI STATO ILLEGITTIMI - Legge 24 dicembre 2012, n. 234 (Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2013, n. 3 ) Introdotto il divieto di beneficiare di aiuti di Stato per i soggetti che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato gli aiuti che lo Stato deve recuperare in esecuzione di una decisione di recupero di cui all'art. 14 del Regolamento (CE) 22 marzo 1999, n. 659/1999. Ad eccezione del settore agricolo, gli aiuti pubblici concessi, anche sotto forma di agevolazione fiscale, per i danni subìti a seguito di calamità naturali, possono essere concessi a soggetti che esercitano un'attività economica, nei limiti del 100 per cento del danno subìto, sempreché per l'area geografica nella quale il beneficiario esercita la propria attività economica sia stato dichiarato lo stato di emergenza, sia provato che il danno sia conseguenza diretta dell'evento calamitoso, l'aiuto pubblico non superi complessivamente l'ammontare del danno subìto. Le operazioni di recupero dell'aiuto non spettante sono affidate ad Equitalia. Lo prevedono gli articoli 46, 47 e 48 della L. 24 dicembre 2012, n. 234, che entra in vigore il prossimo 19 gennaio. DAL PROSSIMO 4 APRILE IN VIGORE LE NUOVE NORME ANTINCENDIO - D.M. 20 dicembre 2012 (Ministero dell'interno - Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2013, n. 3 ) Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che disciplina la progettazione, la costruzione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti antincendio installati nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi, se previsti da specifiche regole tecniche in materia o richiesti dai Comandi provinciali dei vigili del fuoco. Le nuove regole si applicano agli impianti nuovi e a quelli esistenti alla data del 4 aprile 2013, purché siano oggetto di modifiche sostanziali, mentre non si applicano relativamente alla progettazione, alla costruzione, all'esercizio e alla manutenzione di impianti nelle attività a rischio di incidente rilevante ai sensi del D.Lgs. 17 agosto 1999, n. 334, nonché per la progettazione, la costruzione, l'esercizio e la manutenzione di impianti nelle attività disciplinate dal D.P.R. 30 giugno 1995, n. 418, dal D.P.R. 24 ottobre 2003, n. 340, dal D.M. 20 maggio 1992, n. 569, dal D.M. 13 ottobre 1994, dal D.M. 18 maggio 1995, dal D.M. 24 maggio 2002, dal D.M. 14 maggio VARIE AUTOTRASPORTO: AUTOTRASPORTATORI, VERSAMENTO DELLA QUOTA ANNUALE ENTRO IL 31 MARZO Comunicato 31 dicembre 2012 (Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - Gazzetta Ufficiale n. 303 del 31 dicembre 2012 ) A seguito della delibera n. 18/2012 del 19 dicembre 2012 del Comitato Centrale per l'albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l'autotrasporto di cose per conto di terzi, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha prorogato il termine entro il quale dovranno essere versate per il 2013 le quote delle imprese iscritte all'albo degli autotrasportatori. Il contributo - previsto dall'art. 1, comma 1, della Delibera n. 15/2012 del 25 ottobre va versato entro il 31 marzo 2013 al Comitato stesso. Il termine precedente era stato fissato al 31 dicembre Circolare per il cliente n. 2 del 17 gennaio pag. 11

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli