APERTA PER L INDIVIDUAZIONE DELLA BANCA AFFIDATARIA DEL SERVIZIO DI EROGAZIONE DI N. 2 MUTUI PASSIVI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APERTA PER L INDIVIDUAZIONE DELLA BANCA AFFIDATARIA DEL SERVIZIO DI EROGAZIONE DI N. 2 MUTUI PASSIVI"

Transcript

1 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO e schema di contratto PROCEDURA APERTA PER L INDIVIDUAZIONE DELLA BANCA AFFIDATARIA DEL SERVIZIO DI EROGAZIONE DI N. 2 MUTUI PASSIVI 1. Il Comune di Meana Sardo, tramite procedura aperta ai sensi del D.Lgs. 163/2006, individua il soggetto con cui contrarre, n. 2 mutui a tasso fisso da ammortizzare in 20 anni, per un importo complessivo di Euro ,00 (Euro duecentocinquantunmila/00). 2. L accensione dei mutui avverrà con l'osservanza delle norme del D.Lgs. 267/2000 e successive modificazioni ed integrazioni, delle specifiche norme in materia e delle norme contenute nel presente Capitolato. 3. Il tasso fisso omnicomprensivo che sarà applicato nei contratti di mutuo sarà espresso in termini di differenziale al ribasso a favore del mutuatario rispetto a quello praticato dalla Cassa Depositi e prestiti (vigente al momento della stipulazione del contratto di mutuo); 4. All atto della stipula del contratto di mutuo questo ente prenderà in considerazione le condizioni praticate dalla Cassa depositi e prestiti S.p.A., e applicherà il differenziale a suo favore, così come determinato con l aggiudicazione in sede di gara, rispetto a quello praticato dalla Cassa Depositi e prestiti (vigente al momento della stipulazione). 5. Il contratto di mutuo dovrà essere stipulato da parte dell Istituto aggiudicatario entro 20 giorni dalla richiesta di finanziamento da parte del Comune. 6. Gli elementi essenziali richiesti nel contratto di mutuo, di seguito elencati, sono da ritenersi, ad ogni effetto, sostanziali e vincolanti ai fini della procedura di gara: - Ammortamento a rate costanti (con quota capitale crescente) o a capitale costante, a scelta dell Ente; - Scadenze delle rate di ammortamento semestrali fissate al 30 giugno e 31 dicembre di ogni anno; - Decorrenza dell ammortamento come previsto dall art. 204 del D.Lgs. 267/2000 secondo la scelta dell Ente; - Tasso di interesse da applicare al momento della stipula del contratto di mutuo, sarà determinato dal tasso fisso in ragione d anno vigente per la Cassa depositi e Prestiti al netto del differenziale in diminuzione, così come determinato con l aggiudicazione in sede di gara; - Facoltà di estinguere anticipatamente in tutto o in parte il capitale mutuato senza applicazione di spese o commissioni, né di alcun indennizzo; - A garanzia del pagamento delle rate di ammortamento del mutuo, il Comune rilascerà al Tesoriere delegazione di pagamento a valere sulle entrate afferenti ai primi tre titoli del bilancio annuale, in conformità a quanto previsto dall art. 206 del TUEL. - L importo dei mutui sarà erogato alla parte mutuataria, rendendosi applicabile l art. 14-bis della legge n 202/1991, con versamento al tesoriere dell Ente entro la data di inizio dell ammortamento; - Sulle somme che dovessero essere somministrate anteriormente alla data di inizio ammortamento saranno pagati interessi di preammortamento ai sensi dell art. 204 del D.Lgs. 267/2000 calcolati allo stesso tasso del mutuo. Detti interessi di preammortamento saranno versati unitamente alla prima semestralità di ammortamento, al medesimo tasso applicato al mutuo in tale semestre; - La parte mutuataria, indicata esattamente la natura della spesa da finanziare e, ove necessario, avuto riguardo della tipologia dell investimento, darà atto dell avvenuta approvazione del progetto o del piano esecutivo dell investimento da finanziare. - La parte mutuataria destinerà ed utilizzerà la somma mutuata per gli scopi del mutuo, senza alcuna ingerenza e con pieno esonero da ogni responsabilità dell istituto mutuante; - La parte mutuataria avrà facoltà di devolvere tutto o parte del capitale mutuato ad altra spesa di investimento diversa da quella originariamente prevista nel contratto di mutuo, nel rispetto delle norme del D.Lgs. n 267/2000; - Le spese di istruttoria, stipulazione e registrazione dei contratti di mutuo saranno sostenute dal mutuatario alle stesse condizioni applicate dalla Cassa Depositi e Prestiti. 7. Per le controversie giudiziali eventualmente conseguenti al presente contratto sarà competente esclusivamente il Foro di Oristano. Meana Sardo lì IL RESPONSABILE DELL UFFICIO FINANZIARIO (Giuseppina Marcia)

2 Schema di Contratto L'anno. (.) il giorno del mese di in.. avanti a me Segretario Comunale del Comune di Meana Sardo autorizzato a rogare i contratti nei quali l Ente è parte, ai sensi dell art.97- comma 4- lett.c) del Dlg.vo , n.267, si sono presentati e personalmente costituiti i Sigg.ri:.. che interviene in rappresentanza di.. che di seguito sarà indicata come Banca, in forza della procura in data.. che si allega sotto la lettera..; che interviene in rappresentanza del Comune di Meana Sardo nella sua qualità di autorizzato alla stipula dei contratti ai sensi dell art.107- comma 3^- lett.c) del Dlg.vo n.267, che di seguito sarà indicato come ente mutuatario ; PREMESSO - che l'ente con deliberazione e/o determinazione n. del ha approvato il progetto e/o il preventivo di spesa per.. per un importo complessivo di.. - che l'ente con determinazione n del.. ha indetto un pubblico incanto per la assunzione di un mutuo con Istituto di Credito Ordinario in base all'art.55 del D.lg.vo n. 163/2006; - che l'istituto.. è risultato aggiudicatario del mutuo, giusta determinazione n. del ; - che l'ente con determinazione n.. del.. ha approvato la assunzione del mutuo per.. con l'istituto ; - che gli investimenti da realizzare con la somma mutuata non richiedono, per la natura e/o valore, la redazione di un piano economico-finanziario; - che detto mutuo viene garantito dal Comune di Meana Sardo con delegazioni di pagamento ai sensi dell art.206 del D.lg.vo n.267/2000; - che il perfezionamento del presente contratto non contrasta con l art.249 del D.lg.vo n.267/2000; - che l'ente mutuatario non si trova nella situazione di divieto di cui all art.191- comma 5^- del D.lg.vo n.267/2000, non avendo presentato disavanzo di amministrazione o indicato debiti fuori bilancio nell ultimo conto consuntivo approvato, per i quali non siano stati adottati i provvedimenti previsti dall art.193 del citato Dlg.vo; - che all atto del perfezionamento del presente contratto l Ente mutuatario non è in dissesto finanziario e non è Ente strutturalmente deficitario; - che l Ente mutuatario ha ottemperato al disposto dell art.203 del Dlg.vo n.267/2000 e, in particolare, ha approvato il rendiconto del penultimo anno precedente l esercizio in corso, ha deliberato il bilancio preventivo dell'esercizio in corso con allegata la Deliberazione del Piano triennale delle opere pubbliche, nonché il bilancio pluriennale contenente la previsione della copertura dei connessi oneri ( artt. 200,201 e 203 del Dl.vo n.267/2000); - che l'ente con la contrazione del mutuo agisce nel rispetto dei limiti quantitativi di indebitamento previsti dal comma 1 dell'art.204 del Dl.vo n.267/2000; - che per il presente contratto non è previsto alcun intervento di sostegno dallo Stato come contributo in conto capitale o in conto interessi per cui, ai sensi dell art.14/bis della legge n.202/1991, la somma mutuata non è soggetta alle disposizioni sulla tesoreria unica; - che gli Organi deliberanti dell'istituto.. con atto n.. del. hanno stabilito di concedere all Ente mutuatario il finanziamento per complessivi.; Ciò premesso e ritenuto parte integrante del contratto, le Parti dichiarano e stipulano quanto segue: ART.1 La Banca. e, per essa, in esecuzione del provvedimento citato concede all'ente mutuatario e che in persona del suo rappresentante, come sopra costituito, accetta, la somma di a titolo di mutuo per finanziare gli interventi di cui in premessa, con esonero per l'istituto da qualsiasi ingerenza o responsabilità in ordine all'utilizzo del capitale mutuato, che verrà destinato comunque dall'ente mutuatario agli scopi suddetti. Il mutuo è regolato dalle norme contenute nel Decreto Legislativo 1 settembre 1993 n.385 " Testo unico delle leggi

3 in materia bancaria e creditizia", in particolare art.42, dalle altre disposizioni vigenti in materia di credito alle opere pubbliche e di finanza locale e territoriale, in particolare artt.199 e seguenti del Dl.vo n.267/2000; Il mutuo è concesso e accettato ai patti e alle condizioni tutte previste dal presente contratto e dal documento di sintesi che firmato dalle Parti e da me, Ufficiale Rogante, si allega al presente atto sotto la lettera. per farne parte integrante e sostanziale; Le Parti prendono atto che l allegato documento di sintesi riporta la sintesi delle più significative condizioni contrattuali e economiche relative al contratto. ART.2 Il mutuo verrà regolato dalle seguenti condizioni: a) tasso passivo fisso annuo di interesse da esprimersi in termini di differenziale a favore del mutuatario rispetto a quello praticato dalla Cassa Depositi e prestiti (vigente al momento della stipulazione); Per il presente finanziamento, il valore dell indicatore sintetico di costo, calcolato conformemente alla disciplina sul tasso annuo effettivo globale (TAEG), ai sensi dell art. 122 del T.U.B. delle relative disposizioni di attuazione è pari a.. % annuo. Il mutuo, garantito da delegazioni di pagamento a valere sulle entrate afferenti i primi tre titoli di bilancio, avrà la durata di anni. Il capitale mutuato verrà restituito in n.. anni mediante n.. semestralità posticipate costanti, comprensive sia delle quote di capitale che delle quote di interesse, scadenti il 30 giugno ed il 31 dicembre di ogni anno, a decorrere dal anno successivo alla stipula del contratto secondo il piano di ammortamento che firmato dai contraenti e da me Segretario e con dispensa della lettura, si allega sotto la lettera al presente atto per farne parte integrante e sostanziale. Sulle erogazioni effettuate anteriormente all'inizio dell'ammortamento l'ente mutuatario corrisponderà gli interessi di preammortamento calcolati allo stesso tasso fisso annuo sopraindicato. Gli interessi maturati nel 1^ e/o 2^ anno di preammortamento saranno versati con valuta di ogni anno. ART.3 L'Ente mutuatario si obbliga a corrispondere puntualmente, alle relative scadenze, gli interessi e le rate di ammortamento come sopra specificato. A garanzia di tale obbligo, l'ente si impegna a: a) vincolare e delegare pro-solvendo, per ogni periodo di competenza, una quota di entrate afferenti i primi tre titoli di bilancio sufficiente a garantire sia il pagamento degli interessi sia le semestralità di ammortamento del mutuo; b) rilasciare alla parte mutuante, ai sensi e per gli effetti degli artt.206 e 220 del Dl.vo n.267/2000, delegazione di pagamento non trasferibile sulle entrate come sopra vincolate a fronte delle rate di ammortamento scadenti il 30/6 ed il 31/12 di ogni anno; c) notificare la delegazione predetta al Tesoriere in carica al momento della stipula del contratto ed a quelli che subentreranno nel corso dell'ammortamento ed a comunicare in tempo utile agli stesso l'effettivo importo delle rate semestrali; d) rilasciare ed a notificare al tesoriere in carica una o più delegazioni sulle entrate di cui sopra a garanzia del pagamento degli interessi di preammortamento relativi alle eventuali somministrazioni effettuate prima dell'inizio dell'ammortamento; e) iscrivere nel bilancio dal secondo anno successivo alla stipula del contratto e per n anni i fondi adeguati a far fronte al pagamento delle rate di ammortamento del mutuo nonché di soddisfare per tutta la durata del mutuo medesimo i presupposti di impignorabilità delle somme destinate al pagamento delle rate previsti all'art.159- comma 1^- lett.b) del Dl.vo n.267/2000; ART.4 Qualora in futuro venisse a mancare l'esigibilità ed il pagamento alle scadenze delle delegazioni di pagamento, nonché la vincolabilità e la disponibilità dei cespiti vincolati, l Ente mutuatario si obbliga a: a) trasferire il vincolo su altri cespiti delegabili ed a rilasciare le corrispondenti delegazioni di pagamento; b) vincolare, a richiesta della Parte mutuante, un'ulteriore quota dei cespiti già vincolati, o, in caso di indisponibilità dei cespiti suddetti, ad offrire altre idonee garanzie; c) osservare le condizioni di legge per la costituzione dei vincoli e per il rilascio e l'attuazione delle delegazioni di pagamento.

4 L'Ente mutuatario, a mezzo del costituito Suo Rappresentante dichiara di non trovarsi, per quanto concerne il pagamento degli interessi relativi alla presente operazione di mutuo, in alcuna limitazione prevista dalle leggi vigenti. ART.5 Le delegazioni di pagamento anzidette si considerano rilasciate " pro solvendo" e non " pro soluto" e, pertanto, l' Ente mutuatario dovrà soddisfare direttamente l Ente mutuante di quanto questo possa comunque conseguire per effetto di dette delegazioni, e ciò, indipendentemente e senza pregiudizio delle azioni che l'istituto mutuante credesse di esperire in base alle vigenti leggi. ART.6 L'Ente mutuatario autorizza il Tesoriere Comunale a provvedere, in proprio luogo e vece, al pagamento, alle relative scadenze, delle rate di ammortamento, a fronte della delegazione rilasciata all' Istituto mutuante per effetto della presente operazione di mutuo, anche in assenza del mandato di pagamento come previsto ai sensi di legge. ART.7 Nel caso di ritardo nel pagamento delle rate di ammortamento semestrali, oltre cinque giorni dalla scadenza, saranno riconosciuti, a favore dell' Ente mutuante, gli interessi di mora, in misura pari all'interesse del mutuo, maggiorato del..% del tasso vigente, dal giorno della scadenza a quello dell'effettivo pagamento, al netto di qualsiasi gravame fiscale, diretto ed indiretto, come aventi specificato, così come per legge. Il mancato pagamento, alle relative scadenze, di qualunque somma dovuta ai sensi del presente capitolato a titolo di rimborso di capitale, corresponsione interessi, anche di mora, spese o a qualunque altro titolo darà facoltà all Ente mutuante, trascorsi 30 giorni dalla data dell'inadempienza, di ritenere risolto di diritto il contratto medesimo ai sensi dell'art.1456 del codice civile. La risoluzione dovrà essere comunicata dall Ente mutuante a mezzo lettera raccomandata con ricevuta di ritorno. La risoluzione di diritto del contratto potrà altresì essere fatta valere dall Ente mutuante in tutti gli altri casi di inadempimento anche di uno solo degli obblighi ed impegni previsti dallo stesso o qualora venissero a mancare le garanzie come sopra costituite o costituende. ART.8 L'ente mutuatario potrà estinguere anticipatamente, in tutto o in parte, il capitale mutuato, con un preavviso di 30 giorni dalla scadenza di ogni singola rata. L'estinzione anticipata parziale comporterà la riduzione proporzionale dell'importo delle rate residue e non inciderà sulla durata dell'operazione così come originariamente pattuita. Per la riduzione e/o l'estinzione anticipata non sarà corrisposta dall'ente mutuatario all Ente mutuante alcuna commissione. ART.9 La parte mutuante, acquisita copia del contratto, debitamente registrato, in forma esecutiva e ricevuta copia della delegazione di pagamento notificata al Tesoriere e munita della relata di notifica in originale, somministrerà la somma mutuata. La somministrazione verrà effettuata contro ritiro di quietanza sottoscritta dal Tesoriere Comunale. In ogni caso, in funzione dell'inizio dell'ammortamento del mutuo dal annuo successivo alla stipula del contratto, secondo la normativa speciale in premessa richiamata, la somma a mutuo si intenderà comunque erogata entro il 31 dicembre dell'anno precedente l'inizio dell'ammortamento. Detta erogazione sarà effettuata mediante accreditamento sul c/c bancario n presso la dipendenza di Meana Sardo contro ritiro di quietanza. ART.10 Ai sensi e per gli effetti dell'art.14 bis della legge n.202, di conversione del D.L , n.151, per gli investimenti finanziati con il mutuo richiesto non è previsto alcun intervento di sostegno dello Stato come contributo in conto capitale o in conto interessi, ovvero come concorso a valere sui fondi investimenti e che pertanto la somma mutuata non è soggetta alle disposizioni di Tesoreria Unica, conformemente anche al parere espresso dal Ministero del Tesoro con nota n e che gli eventuali interessi compensativi saranno devoluti in conformità alle disposizioni previste al comma 9- art.5- della legge n.539 del ART.11 Le Parti convengono espressamente che per qualsiasi azione o controversia relativa al contratto sarà competente esclusivamente il Foro di.. ART.12

5 Il Rappresentante dell'ente mutuatario dichiara di accettare tutte le condizioni di cui sopra impegnando l'ente stesso al rispetto delle medesime. Le spese e tasse del contratto, della relativa copia autentica rilasciata all Ente mutuante, quelle per le quietanze ed ogni altra, saranno a carico della Parte mutuataria. La Parte mutuataria, per effetto dell'art.117, 1^ comma, del T.U. n.358/93, prende atto che copia autentica del contratto sarà alla stessa fornita a cura dell'ufficiale Rogante. ART.13 Per il contratto si richiama il trattamento fiscale sostitutivo di cui al D.P.R n.601, artt.15 e seguenti, ed in particolare, l'esenzione di cui all'art.19 comma 2 lettera b) del DPR medesimo.

REPUBBLICA ITALIANA PER IL FINANZIAMENTO DI...IMPORTO... NELL AMBITO DELLA PROVVISTA DI FONDI PER IL FINANZIAMENTO PER IL

REPUBBLICA ITALIANA PER IL FINANZIAMENTO DI...IMPORTO... NELL AMBITO DELLA PROVVISTA DI FONDI PER IL FINANZIAMENTO PER IL REPUBBLICA ITALIANA CONTRATTO DI MUTUO (schema tipo) PER IL FINANZIAMENTO DI...IMPORTO... NELL AMBITO DELLA PROVVISTA DI FONDI PER IL FINANZIAMENTO PER IL TRIENNIO 2006/2008 DI OPERE PUBBLICHE E SPESE

Dettagli

MINUTA DI CONTRATTO DI MUTUO REPUBBLICA ITALIANA ALLEGATO B

MINUTA DI CONTRATTO DI MUTUO REPUBBLICA ITALIANA ALLEGATO B CONTRATTO DI MUTUO OPERE PUBBLICHE ai sensi dell art. 42 del D.Lgs. 1/9/1993 n. 385 (T.U. Leggi in materia bancaria e creditizia) per 000.000,00 (durata ammortamento anni 00) MINUTA DI CONTRATTO DI MUTUO

Dettagli

COMUNE DI CALVANICO CAPITOLATO SPECIALE

COMUNE DI CALVANICO CAPITOLATO SPECIALE COMUNE DI CALVANICO Procedura aperta, per l individuazione di un istituto mutuante con il quale stipulare un contratto di mutuo a tasso fisso finalizzato al finanziamento di debiti fuori bilancio, per

Dettagli

Art. 1 Oggetto e procedura dell appalto. Art. 2 Norma di salvaguardia. Art. 3 Normativa di riferimento. Art. 4 Vincolatività delle offerte

Art. 1 Oggetto e procedura dell appalto. Art. 2 Norma di salvaguardia. Art. 3 Normativa di riferimento. Art. 4 Vincolatività delle offerte Università per Stranieri di Siena CAPITOLATO D ONERI APPALTO PER LA CONTRAZIONE DI UN MUTUO IPOTECARIO TRENTENNALE A TASSO FISSO PER UN IMPORTO COMPRESO FRA UN MINIMO DI EURO 13.635.204,00 ED UN MASSIMO

Dettagli

Art. 1 - Oggetto del contratto

Art. 1 - Oggetto del contratto CAPITOLATO TECNICO ECONOMICO PER LA CONTRAZIONE DI MUTUO DESTINATO AL FINANZIAMENTO DI SPESE DI INVESTIMENTO (D. LGS. 17/3/1995 N. 157, ART. 6, COMMA 1, LETT. A; ART. 23, COMMA 1, LETT. A; ALLEGATO 1,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Articolo 1) - OGGETTO DEL CONTRATTO Costituisce oggetto del presente capitolato speciale d appalto pubblico mediante procedura aperta per l accensione di un finanziamento

Dettagli

IL DIRIGENTE DEL SETTORE PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI RELATIVI ALLA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

IL DIRIGENTE DEL SETTORE PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI RELATIVI ALLA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE PROVINCIA DI FOGGIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI RELATIVI ALLA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE N 1998/24_/ Reg. Determ. Data 28.06.2007

Dettagli

Comune di Loreggia (PD) Repubblica Italiana

Comune di Loreggia (PD) Repubblica Italiana Per imposta di bollo, registro ed ipotecarie regolato dal D.P.R. 29.9.1973 n. 601 Comune di Loreggia (PD) Repubblica Italiana Repertorio n. CONTRATTO DI MUTUO L anno duemiladieci il giorno.. del mese di

Dettagli

UNE DELLA SPEZIA SERVIZI FINANZIARI

UNE DELLA SPEZIA SERVIZI FINANZIARI . UNE DELLA SPEZIA SERVIZI FINANZIARI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L INDIVIDUAZIONE DI UN ISTITUTO DI CREDITO AI FINI DELLA CONTRAZIONE DI UN MUTUO DELL IMPORTO MASSIMO DI EURO 3.550.000,00= PER IL

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona FIRENZE MONTEDOMINI Decreto Presidente Giunta Regionale Toscana. n.246 del 29/12/2010

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona FIRENZE MONTEDOMINI Decreto Presidente Giunta Regionale Toscana. n.246 del 29/12/2010 Allegato n. 6 alla Determinazione n. 214 del 30/12/2013 PROCEDURA APERTA PER L ASSUNZIONE DI UN MUTUO IPOTECARIO VENTENNALE GARA NUMERO 393571 CIG: 55368175ED CAPITOLATO SPECIALE/SCHEMA CONTRATTO PREMESSO

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI MUTUO ******************************** REPUBBLICA ITALIANA

SCHEMA DI CONTRATTO DI MUTUO ******************************** REPUBBLICA ITALIANA SCHEMA DI CONTRATTO DI MUTUO Rep.N... ******************************** REPUBBLICA ITALIANA L anno, il giorno...del mese di... in... davanti a me Dr..., Notaio in..., iscritto presso il Collegio Notarile

Dettagli

ARPAB AGENZIA PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLA BASILICATA - POTENZA OGGETTO: CONTRATTO DI MUTUO DI COMPLESSIVI

ARPAB AGENZIA PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLA BASILICATA - POTENZA OGGETTO: CONTRATTO DI MUTUO DI COMPLESSIVI ALLEGATO F 1 ARPAB AGENZIA PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLA BASILICATA - POTENZA OGGETTO: CONTRATTO DI MUTUO DI COMPLESSIVI 4.000.00,00 PER L ACQUISTO DI UN IMMOBILE DA DESTINARSI A SEDE DEL DIPARTIMENTO

Dettagli

COMUNE DI GAVARDO CAPITOLATO SPECIALE D ONERI

COMUNE DI GAVARDO CAPITOLATO SPECIALE D ONERI COMUNE DI GAVARDO PROV. DI BRESCIA INDIVIDUAZIONE DI ISTITUTO DI CREDITO PER LA EROGZIONE DI MUTUO DI IMPORTO PARI AD EURO 751.000,00 CIG: 5957655C6C CAPITOLATO SPECIALE D ONERI ART. 1 Oggetto dell appalto

Dettagli

Azienda U.L.S.S. n. 19

Azienda U.L.S.S. n. 19 Allegato B al Disciplinare AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO DI FINANZIAMENTO - CONTRATTO PER UN MUTUO DECENNALE - A TASSO VARIABILE CON OPZIONE DI CONVERSIONE A TASSO FISSO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO TRIENNALE

Dettagli

L ULSS N. 13 DI MIRANO

L ULSS N. 13 DI MIRANO PROCEDURA APERTA PER LA CONTRAZIONE DI UN MUTUO DECENNALE NON IPOTECARIO PER L ULSS N. 13 DI MIRANO CAPITOLATO SPECIALE (cod. doc. CS121104) SOMMARIO Art. 1 Oggetto e caratteristiche Art. 2 Erogazione

Dettagli

CONTRATTO DI MUTUO. il Comune/Provincia di

CONTRATTO DI MUTUO. il Comune/Provincia di CONTRATTO DI MUTUO Con il presente atto redatto in tre originali, tra l Istituto per il Credito Sportivo, Ente Pubblico Economico con sede legale in Roma Via G. Vico, n. 5, costituito con legge 24 dicembre

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DI ISTITUTO FINANZIARIO PER L EROGAZIONE DI MUTUO IPOTECARIO DI IMPORTO PARI AD EURO 600.000,00 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI

INDIVIDUAZIONE DI ISTITUTO FINANZIARIO PER L EROGAZIONE DI MUTUO IPOTECARIO DI IMPORTO PARI AD EURO 600.000,00 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI INDIVIDUAZIONE DI ISTITUTO FINANZIARIO PER L EROGAZIONE DI MUTUO IPOTECARIO DI IMPORTO PARI AD EURO 600.000,00 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI ART. 1 Oggetto dell appalto è la somministrazione di servizio

Dettagli

REPERTORIO N. CONTRATTO Dl MUTUO DI.. tra la Banca. e il Comune di Venezia

REPERTORIO N. CONTRATTO Dl MUTUO DI.. tra la Banca. e il Comune di Venezia 1) REPERTORIO N. CONTRATTO Dl MUTUO DI.. tra la Banca. e il Comune di Venezia L'anno 2010. (duemiladieci), il giorno.. del mese di, in Venezia., negli Uffici del Comune di Venezia in Venezia San Marco

Dettagli

SIA s.r.l. Servizi Intercomunali per l Ambiente

SIA s.r.l. Servizi Intercomunali per l Ambiente INDIVIDUAZIONE DI ISTITUTO DI CREDITO AI FINI DELL EROGAZIONE DI MUTUO A TASSO FISSO PER LA REALIZZAZIONE DEI LAVORI DI AMPLIAMENTO DELLA DISCARICA PER R.S.U. IN GROSSO LOCALITA VAUDA GRANDE Art. 1 Oggetto

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI INDIVIDUAZIONE DI ISTITUTO DI CREDITO PER LA CONTRAZIONE DI MUTUO CHIROGRAFARIO CON GARANZIA FIDEJUSSORIA DEL COMUNE DI SIRMIONE CAPITOLATO SPECIALE D ONERI Pagina 1 di 5 ART. 1 Oggetto dell appalto è

Dettagli

Direzione Finanza 2015 06779/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Finanza 2015 06779/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Finanza 2015 06779/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 86 approvata il 9 dicembre 2015 DETERMINAZIONE: MUTUO DI EURO 688.990,96

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FINANZIARI RELATIVI ALLA CONCESSIONE DI UN MUTUO DI 6.480.000,00 PER IL FINANZIAMENTO DELL

CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FINANZIARI RELATIVI ALLA CONCESSIONE DI UN MUTUO DI 6.480.000,00 PER IL FINANZIAMENTO DELL CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FINANZIARI RELATIVI ALLA CONCESSIONE DI UN MUTUO DI 6.480.000,00 PER IL FINANZIAMENTO DELL ESECUZIONE DI OPERE ED IMPIANTI A VANTAGGIO DELLA GESTIONE

Dettagli

CAPITOLATO PER PROVVISTA DI FONDI PER IL TRIENNIO 2006/2008 PER IL FINANZIAMENTO DI OPERE PUBBLICHE E SPESE DI INVESTIMENTO.

CAPITOLATO PER PROVVISTA DI FONDI PER IL TRIENNIO 2006/2008 PER IL FINANZIAMENTO DI OPERE PUBBLICHE E SPESE DI INVESTIMENTO. Provincia di Pistoia Ufficio del Ragioniere Capo Servizio Bilancio e Servizi Informatici Piazza San Leone 1, 51100 Pistoia tel. 0573/374227-0573/374249, fax 0573/374570 e mail v.evangelisti@provincia.pistoia.it

Dettagli

AUTORITA PORTUALE DI TRIESTE (SCHEMA DI CONTRATTO) (Esente dalle imposte di registro, bollo e ipotecarie, ai sensi dell'articolo 15 e seguenti del

AUTORITA PORTUALE DI TRIESTE (SCHEMA DI CONTRATTO) (Esente dalle imposte di registro, bollo e ipotecarie, ai sensi dell'articolo 15 e seguenti del AUTORITA PORTUALE DI TRIESTE (SCHEMA DI CONTRATTO) (Esente dalle imposte di registro, bollo e ipotecarie, ai sensi dell'articolo 15 e seguenti del D.P.R. 29 settembre 1973 n. 601 e successive modificazioni

Dettagli

Comune di LOREGGIA. VISTO si attesta ex art. 151 comma 4 T.U.EE.LL. D.Lgs. 267/2000 la copertura finanziaria della spesa

Comune di LOREGGIA. VISTO si attesta ex art. 151 comma 4 T.U.EE.LL. D.Lgs. 267/2000 la copertura finanziaria della spesa Comune di LOREGGIA ORIGINALE Rif. determina Reg. generale OGGETTO n.46 del 29/12/2010 309 ASSUNZIONE MUTUO CON LA BANCA PADOVANA PER L'OPERAZIONE DI RINEGOZIAZIONE DELLA POSIZIONE DEBITORIA PER L'ACQUISTO

Dettagli

ARPAB AGENZIA PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLA BASILICATA - POTENZA OGGETTO: CONTRATTO DI MUTUO DI COMPLESSIVI

ARPAB AGENZIA PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLA BASILICATA - POTENZA OGGETTO: CONTRATTO DI MUTUO DI COMPLESSIVI ALLEGATO E 1 ARPAB AGENZIA PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLA BASILICATA - POTENZA OGGETTO: CONTRATTO DI MUTUO DI COMPLESSIVI 4.000.00,00 PER L ACQUISTO DI UN IMMOBILE DA DESTINARSI A SEDE DEL DIPARTIMENTO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO FINANZIARIO RELATIVO ALLA CONTRAZIONE DI UN MUTUO DECENNALE DI 750.

CAPITOLATO SPECIALE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO FINANZIARIO RELATIVO ALLA CONTRAZIONE DI UN MUTUO DECENNALE DI 750. CAPITOLATO SPECIALE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO FINANZIARIO RELATIVO ALLA CONTRAZIONE DI UN MUTUO DECENNALE DI 750.000,00 Procedura aperta Criterio di aggiudicazione: prezzo

Dettagli

REGIONE LIGURIA. Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino Sede: Via XXIV Maggio, 139 16124 La Spezia P.I./ C.F.00962520110 CAPITOLATO SPECIALE

REGIONE LIGURIA. Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino Sede: Via XXIV Maggio, 139 16124 La Spezia P.I./ C.F.00962520110 CAPITOLATO SPECIALE REGIONE LIGURIA Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino Sede: Via XXIV Maggio, 139 16124 La Spezia P.I./ C.F.00962520110 CAPITOLATO SPECIALE PROCEDURA APERTA PER LA CONTRAZIONE DI MUTUO DECENNALE 1 SOMMARIO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI FINANZIAMENTO

CAPITOLATO SPECIALE DI FINANZIAMENTO VICE DIREZIONE GENERALE RISORSE FINANZIARIE Settore Finanza e Fiscale CAPITOLATO SPECIALE DI FINANZIAMENTO PROCEDURA NEGOZIATA PREVIA PUBBLICAZIONE DEL BANDO AI SENSI DELL ART. 56 DEL D.L.gs 163/2006 Banca

Dettagli

Decorrenza dell ammortamento fissata al primo gennaio del terzo anno solare successivo a quello della data di perfezionamento;

Decorrenza dell ammortamento fissata al primo gennaio del terzo anno solare successivo a quello della data di perfezionamento; Direzione Finanza 2015 07074/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 91 approvata il 11 dicembre 2015 DETERMINAZIONE: MUTUO DI EURO 1.999.996,00

Dettagli

Direzione Finanza 2015 06679/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Finanza 2015 06679/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Finanza 2015 06679/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 84 approvata il 3 dicembre 2015 DETERMINAZIONE: MUTUO DI EURO 200.000,00

Dettagli

Casi di inadempimento: 1) mancato pagamento e mancato rispetto degli impegni contrattuali. 2) insolvenza ed altre procedure concorsuali

Casi di inadempimento: 1) mancato pagamento e mancato rispetto degli impegni contrattuali. 2) insolvenza ed altre procedure concorsuali CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DELLA GARA RELATIVA AL SERVIZIO DI FINANZIAMENTO DELLA SOCIETA ART. 1 OGGETTO DEL FINANZIAMENTO La procedura aperta ha per oggetto il finanziamento degli investimenti da effettuare

Dettagli

Direzione Finanza 2015 05387/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Finanza 2015 05387/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Finanza 2015 05387/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 61 approvata il 4 novembre 2015 DETERMINAZIONE: MUTUO DI EURO 5.785.000,00

Dettagli

Direzione Finanza 2015 05876/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Finanza 2015 05876/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Finanza 2015 05876/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 68 approvata il 19 novembre 2015 DETERMINAZIONE: MUTUO DI EURO 1.000.000,00

Dettagli

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I Allegato alla deliberazione del C.P. n del P R O V I N C I A D I C A G L I A R I PROVINCIA DE CASTEDDU PROPOSTA DI DELIBERAZIONE N. 0091205310003 IL CONSIGLIO PROVINCIALE Proponente: ASSESSORATO FINANZE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO 10.04 Divisione Patrimonio e Contratti Servizio Appalti e Contratti CB/cz

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO 10.04 Divisione Patrimonio e Contratti Servizio Appalti e Contratti CB/cz UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO 10.04 Divisione Patrimonio e Contratti Servizio Appalti e Contratti CB/cz CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROCEDURA APERTA PER L ASSUNZIONE DI UN MUTUO A TASSO FISSO AD EROGAZIONE

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di due mutui

ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di due mutui CAPITOLATO SPECIALE Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di due mutui Art. 1 Oggetto Oggetto del presente capitolato è la regolamentazione delle condizioni per l espletamento di

Dettagli

GARA A PROCEDURA APERTA PER L ASSUNZIONE DI MUTUI A TASSO VARIABILE PER IL FINANZIAMENTO DEGLI INVESTIMENTI PROGRAMMATI DEL S.I.I.

GARA A PROCEDURA APERTA PER L ASSUNZIONE DI MUTUI A TASSO VARIABILE PER IL FINANZIAMENTO DEGLI INVESTIMENTI PROGRAMMATI DEL S.I.I. Comuni dell Acquedotto Langhe Sud Occidentali S.p.A. Sede: V.le Prof. Gabetti 23/b 12063 DOGLIANI (CN) Capitale Sociale Euro 3.159.565 i.v. Registro imprese di CUNEO C.F.-P.I. 00451940043 Tel. 0173/70343-721423

Dettagli

FINANZIARIO E BANCARIO PER L ACQUISIZIONE DI UN FINANZIAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO MEZZI AZIENDALE.

FINANZIARIO E BANCARIO PER L ACQUISIZIONE DI UN FINANZIAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO MEZZI AZIENDALE. Pag. 1 di 6 CAPITOLATO SPECIALE RELATIVO AL SERVIZIO FINANZIARIO E BANCARIO PER L ACQUISIZIONE DI UN FINANZIAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO 1 Pag. 2 di 6 INDICE ART. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO --------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DELLA GARA RELATIVA AL SERVIZIO DI FINANZIAMENTO DEL CONSORZIO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DELLA GARA RELATIVA AL SERVIZIO DI FINANZIAMENTO DEL CONSORZIO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DELLA GARA RELATIVA AL SERVIZIO DI FINANZIAMENTO DEL CONSORZIO ART. 1 OGGETTO DEL FINANZIAMENTO La procedura aperta ha per oggetto il finanziamento delle azioni che il Consorzio

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Considerato che è stato richiesto un mutuo per finanziare la differenza dei lavori suddetti nel seguente modo:

LA GIUNTA COMUNALE. Considerato che è stato richiesto un mutuo per finanziare la differenza dei lavori suddetti nel seguente modo: Oggetto: Assunzione mutuo con Cassa del Trentino S.p.A. di 181.777,00 per lavori di sostituzione di parte della condotta di collegamento tra il serbatoio Toller e il serbatoio Villannetta, di alcuni ramali

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di mutui fino al 31/12/2011

CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di mutui fino al 31/12/2011 Allegato A CAPITOLATO SPECIALE Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di mutui fino al 31/12/2011 Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente capitolato è la regolamentazione delle condizioni

Dettagli

CONTRATTO DI MUTUO DI SCOPO ORDINARIO A TASSO FISSO stipulato con atto pubblico (art.204, punto 2 d.lgs18/08/2000n.267) REPUBBLICA ITALIANA

CONTRATTO DI MUTUO DI SCOPO ORDINARIO A TASSO FISSO stipulato con atto pubblico (art.204, punto 2 d.lgs18/08/2000n.267) REPUBBLICA ITALIANA CONTRATTO DI MUTUO DI SCOPO ORDINARIO A TASSO FISSO stipulato con atto pubblico (art.204, punto 2 d.lgs18/08/2000n.267) REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaundici il giorno quattordici del mese di novembre

Dettagli

(Trattamento tributario per imposta di bollo e registro in esenzione ai sensi dell'art. 15 e seguenti del D.P.R. 29 settembre 1973 n.

(Trattamento tributario per imposta di bollo e registro in esenzione ai sensi dell'art. 15 e seguenti del D.P.R. 29 settembre 1973 n. (Trattamento tributario per imposta di bollo e registro in esenzione ai sensi dell'art. 15 e seguenti del D.P.R. 29 settembre 1973 n. 601) CONTRATTO DI MUTUO REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemila.., oggi...

Dettagli

Direzione Finanza 2015 07168/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Finanza 2015 07168/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Finanza 2015 07168/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 95 approvata il 17 dicembre 2015 DETERMINAZIONE: MUTUI PER COMPLESSIVI EURO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO 10.04 Divisione Patrimonio e Contratti Servizio Appalti e Contratti CB/cz

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO 10.04 Divisione Patrimonio e Contratti Servizio Appalti e Contratti CB/cz UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO 10.04 Divisione Patrimonio e Contratti Servizio Appalti e Contratti CB/cz CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MUTUO, A TASSO

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI CONTRATTO DI LOCAZIONE FINANZIARIA PER LEASING IMMOBILARE IN COSTRUENDO

CAPITOLATO D ONERI CONTRATTO DI LOCAZIONE FINANZIARIA PER LEASING IMMOBILARE IN COSTRUENDO Comune di Livorno Area Dipartimentale 3 Programmazione Economico finanziaria U.O.Va Servizi finanziari e Acquisti Ufficio Finanza e Investimenti CAPITOLATO D ONERI CONTRATTO DI LOCAZIONE FINANZIARIA PER

Dettagli

il medesimo art. 204, al comma 1, fissa la percentuale del limite di indebitamento degli enti locali al 10% a decorrere dall anno 2015;

il medesimo art. 204, al comma 1, fissa la percentuale del limite di indebitamento degli enti locali al 10% a decorrere dall anno 2015; PROPOSTA DI DELIBERAZIONE OGGETTO: Rinegoziazione dei prestiti concessi alle Province e alle Città Metropolitane dalla Cassa Depositi e Prestiti società per azioni, ai sensi dell art. 1, comma 430, della

Dettagli

Archivio documenti CDP S.p. A.: CIR125920050606.doc. Provvedimento pubblicato in G.U. n. 138 Parte Seconda del 16 giugno 2005 1 / 5

Archivio documenti CDP S.p. A.: CIR125920050606.doc. Provvedimento pubblicato in G.U. n. 138 Parte Seconda del 16 giugno 2005 1 / 5 Circolare CDP S.p.A. 6 giugno 2005, n. 1259 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP) da parte delle università, relative

Dettagli

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I Allegato alla deliberazione del C.P. n del P R O V I N C I A D I C A G L I A R I PROVINCIA DE CASTEDDU PROPOSTA DI DELIBERAZIONE (N.0091110130047) IL CONSIGLIO PROVINCIALE Proponente: ASSESSORATO FINANZE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Unità di staff Economico-finanziario e fiscalità DIRETTORE VESCOVI DOTT. MARIO Numero di registro Data dell'atto 1787 18/11/2015 Oggetto : Rinegoziazione dei prestiti

Dettagli

180 2 0 - DIREZIONE RAGIONERIA - SETTORE CONTABILITA' E FINANZA Proposta di Deliberazione N. 2015-DL-165 del 22/05/2015

180 2 0 - DIREZIONE RAGIONERIA - SETTORE CONTABILITA' E FINANZA Proposta di Deliberazione N. 2015-DL-165 del 22/05/2015 180 2 0 - DIREZIONE RAGIONERIA - SETTORE CONTABILITA' E FINANZA Proposta di Deliberazione N. 2015-DL-165 del 22/05/2015 RINEGOZIAZIONE DI N. 201 MUTUI CASSA DEPOSITI E PRESTITI, AI SENSI ART. 1, COMMA

Dettagli

Archivio documenti CDP S.p. A.: CIR125720050429.doc Provvedimento pubblicato in G.U. n. 106 Parte Seconda del 9 maggio 2005 1 / 6

Archivio documenti CDP S.p. A.: CIR125720050429.doc Provvedimento pubblicato in G.U. n. 106 Parte Seconda del 9 maggio 2005 1 / 6 Circolare CDP S.p.A. 29 aprile 2005, n. 1257 PARTE I Rinegoziazione, ai sensi dell articolo 5 del decreto legge 27 ottobre 1995 n. 444, convertito con modificazioni dalla legge 20 dicembre 1995, n. 539,

Dettagli

Direzione Finanza 2015 07155/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Finanza 2015 07155/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Finanza 2015 07155/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 93 approvata il 16 dicembre 2015 DETERMINAZIONE: MUTUO DI EURO 7.667.710,78

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE CARATTERISTICHE DEI MUTUI A 15 ANNI E 20 ANNI

CAPITOLATO SPECIALE CARATTERISTICHE DEI MUTUI A 15 ANNI E 20 ANNI CAPITOLATO SPECIALE Servizio di erogazione alla Provincia di Genova di mutui o di sottoscrizione di prestiti obbligazionari in più emissioni parziali fino all importo complessivo di Euro 20.000.000,00

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PREMESSO

SCHEMA DI CONTRATTO PREMESSO SCHEMA DI CONTRATTO (DA SOTTOPORRE A REGISTRAZIONE) CONTRATTO n. (ai sensi della D.G.R. n. 186 del 22/02/2013 e della D.G.R. n. 1522 del 06/12/2013) Repubblica Italiana L'anno questo giorno del mese di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RELATIVA AL CONTRATTO DI PRESTITO CON RITENUTA DELEGATA

FOGLIO INFORMATIVO DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RELATIVA AL CONTRATTO DI PRESTITO CON RITENUTA DELEGATA FOGLIO INFORMATIVO Pagina 1 di 5 RELATIVA AL CONTRATTO DI PRESTITO CON RITENUTA DELEGATA Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia Documento n 05 - data ultimo aggiornamento APRILE 2010

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 52 DEL 20 NOVEMBRE 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 52 DEL 20 NOVEMBRE 2006 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 52 DEL 20 NOVEMBRE 2006 REGIONECAMPANIA - A.G.C. N. 14 - Trasporti e Viabilità - Is. C/3 Centro Direzionale - Napoli - Invito a partecipare ad una procedura

Dettagli

REGOLAMENTO PER L IMPIEGO E L EROGAZIONE DEL SOVRACANONE

REGOLAMENTO PER L IMPIEGO E L EROGAZIONE DEL SOVRACANONE REGOLAMENTO PER L IMPIEGO E L EROGAZIONE DEL SOVRACANONE Art. 1 Il Presente Regolamento provvede a disciplinare l'uso e l'erogazione delle somme attribuite al Consorzio dei Comuni della provincia di Udine

Dettagli

Cassa depositi e prestiti società per azioni

Cassa depositi e prestiti società per azioni Roma, 5 maggio 2006 Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1265 Oggetto: Conversione, ai sensi dell articolo 41, comma 2, della legge 28 dicembre 2001, n. 448, dei prestiti concessi

Dettagli

ALLA SCRITTURA PRIVATA SOTTOSCRITTA IN DATA CAPITOLATO

ALLA SCRITTURA PRIVATA SOTTOSCRITTA IN DATA CAPITOLATO ALLEGATO ALLA SCRITTURA PRIVATA SOTTOSCRITTA IN DATA CAPITOLATO DEI PATTI E DELLE CONDIZIONI GENERALI FORMANTE PARTE INTEGRANTE E SOSTANZIALE DEL CONTRATTO DI MUTUO STIPULATO DAGLI ENTI LOCALI CON L ISTITUTO

Dettagli

C O M U N E D I C U R I N G A

C O M U N E D I C U R I N G A C O M U N E D I C U R I N G A (Provincia di Catanzaro) R.G. n. 277 del 01/07/2014 AREA FINANZIARIA DETERMINAZIONE N. 19 del 30.06.2014 OGGETTO : Anticipazioni di liquidità, ai sensi dell art. 13, comma

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

COMUNE DI CURINGA PROVINCIA DI CATANZARO *******

COMUNE DI CURINGA PROVINCIA DI CATANZARO ******* COMUNE DI CURINGA PROVINCIA DI CATANZARO ******* Reg.Gen. N. 484 Del 30 OTT. 2014 DETERMINAZIONE DELL AREA FINANZIARIA n. 26 del 24/10/2014 OGGETTO: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell art.32 del

Dettagli

BOZZA DI CONTRATTO DI MUTUO FINANZIAMENTO DELLA PROSECUZIONE DEGLI INTERVENTI E DELL OPERA DI RICOSTRUZIONE NEI TERRITORI COLPITI DA CALAMITA NATURALI

BOZZA DI CONTRATTO DI MUTUO FINANZIAMENTO DELLA PROSECUZIONE DEGLI INTERVENTI E DELL OPERA DI RICOSTRUZIONE NEI TERRITORI COLPITI DA CALAMITA NATURALI BOZZA DI CONTRATTO DI MUTUO FINANZIAMENTO DELLA PROSECUZIONE DEGLI INTERVENTI E DELL OPERA DI RICOSTRUZIONE NEI TERRITORI COLPITI DA CALAMITA NATURALI. (O.P.C.M. 3338 DEL 13 FEBBRAIO 2004) (Trattamento

Dettagli

Mutui spazi scolastici sportivi

Mutui spazi scolastici sportivi FOGLIO INFORMATIVO DEL MUTUO SPAZI SCOLASTICI SPORTIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA Istituto per il Credito Sportivo, Ente di Diritto Pubblico, costituito con legge del 24/12/1957, n. 1295 e successive modificazioni

Dettagli

Art. 1 Oggetto e affidamento del servizio di tesoreria

Art. 1 Oggetto e affidamento del servizio di tesoreria Allegato B REGOLAMENTO SERVIZIO TESORERIA Art. 1 Oggetto e affidamento del servizio di tesoreria 1. Il servizio di tesoreria consiste nel complesso delle operazioni riflettenti la gestione finanziaria

Dettagli

COPIA COMUNE di S. PIETRO in GUARANO

COPIA COMUNE di S. PIETRO in GUARANO COPIA COMUNE di S. PIETRO in GUARANO Provincia di Cosenza VERBALE DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 23 Data: 21.11.2015 OGGETTO: Rinegoziazione mutui contratti con la Cassa Depositi e Prestiti. II semestre 2015.

Dettagli

Contratto di Prestito Flessibile Codice Contratto n. 01/15.00/001.00

Contratto di Prestito Flessibile Codice Contratto n. 01/15.00/001.00 Posizione N. Spettabile Cassa depositi e prestiti società per azioni Via Goito n. 4 00185 Roma Italia [LUOGO], / / 1 [DATA] Egregi Signori, con la presente Vi proponiamo la stipulazione di un contratto

Dettagli

1. Identità e contatti del finanziatore. 2. Caratteristiche principali del prodotto di credito

1. Identità e contatti del finanziatore. 2. Caratteristiche principali del prodotto di credito 1. Identità e contatti del finanziatore Finanziatore Igea Banca S.p.A.. Indirizzo Sede legale: Via Paisiello, 38 00198 Roma (CT) Telefono 095 7724145 Email segreteria@igeabanca.it Fax 095 7724145 Sito

Dettagli

REGIONE TOSCANA. Bilancio di previsione per l anno finanziario 2007 e Bilancio pluriennale per il triennio 2007 2009. Assestamento.

REGIONE TOSCANA. Bilancio di previsione per l anno finanziario 2007 e Bilancio pluriennale per il triennio 2007 2009. Assestamento. REGIONE TOSCANA Proposta di Legge Bilancio di previsione per l anno finanziario 2007 e Bilancio pluriennale per il triennio 2007 2009 Assestamento SOMMARIO Art. 1 - Variazioni delle previsioni di entrata

Dettagli

COMUNE DI GENOVA DIREZIONE RAGIONERIA

COMUNE DI GENOVA DIREZIONE RAGIONERIA ALLEGATO A COMUNE DI GENOVA DIREZIONE RAGIONERIA CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO FINANZIARIO E BANCARIO PER L ACQUISIZIONE DEL FINANZIAMENTO DI UN IMPORTO MASSIMO DI EURO 36.628.000,00.=, SUDDIVISO

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Finanziatore Indirizzo Telefono Sito web BANCA

Dettagli

COMUNE DI NUVOLENTO Provincia di Brescia VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO. N. 27 del 11.10.2010

COMUNE DI NUVOLENTO Provincia di Brescia VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO. N. 27 del 11.10.2010 COMUNE DI NUVOLENTO Provincia di Brescia ======================================================= VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO N. 27 del 11.10.2010 OGGETTO:Determinazione

Dettagli

NOTA TECNICA. Oggetto: Programma Rinegoziazione Enti Locali 2014.

NOTA TECNICA. Oggetto: Programma Rinegoziazione Enti Locali 2014. NOTA TECNICA Oggetto: Programma Rinegoziazione Enti Locali 2014. Cassa depositi e prestiti società per azioni (di seguito CDP ) rende nota con la presente comunicazione la propria disponibilità alla rinegoziazione

Dettagli

CITTA DI BELGIOIOSO Provincia di PAVIA

CITTA DI BELGIOIOSO Provincia di PAVIA Copia CITTA DI BELGIOIOSO Provincia di PAVIA DETERMINAZIONE N. 78 del 03/06/2015 UFFICIO: Ragioneria Oggetto: DETERMINA A CONTRATTARE RINEGOZIAZIONE MUTUI CASSA DEPOSITI E PRESTITI CITTÀ DI BELGIOIOSO

Dettagli

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA CONVENZIONE CON ISTITUTI DI CREDITO Tra: Sviluppo Lazio S.p.A. (di seguito Sviluppo

Dettagli

Originale DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO

Originale DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli Originale DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO N. 9. Data 28/11/2012 OGGETTO: RIMBORSO ANTICIPATO MUTUO IN ESSERE CON LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI

Dettagli

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E ALLEGATO A Schema di Convenzione per la gestione del Fondo di rotazione per la realizzazione di programmi pluriennali di edilizia residenziale agevolata di cui all art. 82 della Lr n. 8/2002 e successive

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO N 424 DI DATA 29.07.2009

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO N 424 DI DATA 29.07.2009 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO N 424 DI DATA 29.07.2009 OGGETTO: Assunzione con l'unicredit Banca S.p.A., di un mutuo di 350.000,00 (Euro Trecentocinquantamila/00) destinato al

Dettagli

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino Registro Generale n. 404 del 25-11-2014 DETERMINAZIONE SETTORE AA.GG. ISTITUZIONALI N. 104 DEL 25-11-2014 Ufficio: Oggetto: Autorizzazione alla stipulazione

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Numero verde

Dettagli

Finanziamenti Convenzionati Aziende - CONFIDI - Rilancio attivita' produttive

Finanziamenti Convenzionati Aziende - CONFIDI - Rilancio attivita' produttive Foglio N. 2.22.1.MC informativo Redatto in ottemperanza alla deliberazione CICR del 4 marzo 2003, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n 72 del 27 marzo del 2003 e delle Istruzioni di Vigilanza emanate

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie. Servizio di Staff

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie. Servizio di Staff Registro generale n. 1903 del 2011 Determina di liquidazione DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie Servizio di Staff Oggetto PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DI E. 6.654.000,00

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 FOGLIO INFORMATIVO Mod.01/07 MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 Sezione 1 - Informazioni sull Intermediario finanziario Denominazione

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Numero verde

Dettagli

Comune di Stigliano (Prov. Matera)

Comune di Stigliano (Prov. Matera) Comune di Stigliano (Prov. Matera) REPUBBLICA ITALIANA BOLL O SCHEMA DI C O N V E N Z I O N E per il conferimento in appalto del servizio di tesoreria L anno duemila... (...), il giorno... (...) del mese

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro Spa, tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Sito web

Dettagli

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE ( 199 19/11/2013) OGGETTO: ESTINZIONE ANTICIPATA DI MUTUI CONTRATTI CON LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI SPA E VARIAZIONE DI BILANCIO AI SENSI DELL ART. 175, COMMA 2 E 3 DEL D.LGS. 267/2000. PREMESSO che:

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Num. rep. A0301B/43/2015 Data: 21 aprile 2015 Direzione: A0301B

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Num. rep. A0301B/43/2015 Data: 21 aprile 2015 Direzione: A0301B REGIONE PIEMONTE BU20 21/05/2015 Consiglio Regionale DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Num. rep. A0301B/43/2015 Data: 21 aprile 2015 Direzione: A0301B Approvazione dei modelli della disciplina e della convezione

Dettagli

COMUNE DI QUART. Determinazione del SEGRETARIO COMUNALE RINEGOZIAZIONE MUTUI CASSA DEPOSITI E PRESTITI: DETERMINAZIONE A CONTRARRE.

COMUNE DI QUART. Determinazione del SEGRETARIO COMUNALE RINEGOZIAZIONE MUTUI CASSA DEPOSITI E PRESTITI: DETERMINAZIONE A CONTRARRE. C O P I A COMUNE DI QUART Determinazione del SEGRETARIO COMUNALE N. 141 OGGETTO : RINEGOZIAZIONE MUTUI CASSA DEPOSITI E PRESTITI: DETERMINAZIONE A CONTRARRE. L anno duemilaquattordici addì venticinque

Dettagli

ATTO DI SUBLOCAZIONE AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO. Rep. n /Atti Privati del 2011

ATTO DI SUBLOCAZIONE AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO. Rep. n /Atti Privati del 2011 Filiale Emilia Romagna ATTO DI SUBLOCAZIONE AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO Rep. n /Atti Privati del 2011 L anno 2011 addì del mese di, presso la sede dell Agenzia del Demanio Filiale Emilia Romagna

Dettagli

OGGETTO: servizio di brokeraggio assicurativo rischi vari del Comune di Trieste per il periodo

OGGETTO: servizio di brokeraggio assicurativo rischi vari del Comune di Trieste per il periodo SCHEMA DI CONTRATTO allegato sub B) OGGETTO: servizio di brokeraggio assicurativo rischi vari del Comune di Trieste per il periodo 1... IMPRESA: (denominazione e codice fiscale) REPUBBLICA ITALIANA L anno

Dettagli

Informazioni europee di base relative al credito ai consumatori

Informazioni europee di base relative al credito ai consumatori Informazioni europee di base relative al credito ai consumatori PRESTITO PERSONALE A TASSO FISSO 1. Identità e contatti del creditore / intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono 0761/248207

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Sito web BANCA

Dettagli

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO L anno, il giorno del mese di in Roma Via TRA La FONDAZIONE ENASARCO, con sede in Roma, Via Antoniotto Usodimare

Dettagli

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CONTRATTO DI CREDITO RIMBORSABILE MEDIANTE RILASCIO DI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO PRO-SOLVENDO DI QUOTE DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE

Dettagli

Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1260

Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1260 Cassa depositi e prestiti società per azioni Roma, 13 giugno 2005 CIRCOLARE N. 1260 Oggetto: Pubblicazione delle condizioni generali di contratto di prestito di scopo in base a legge speciale a tasso fisso

Dettagli

COMUNE DI NUVOLENTO. Provincia di Brescia VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO. N. 10 del 26.07.

COMUNE DI NUVOLENTO. Provincia di Brescia VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO. N. 10 del 26.07. COMUNE DI NUVOLENTO Provincia di Brescia ======================================================= VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO N. 10 del 26.07.2010 OGGETTO:Determinazione

Dettagli