SARDEGNA orientale PERCORSI DI MARE E DI TERRA. Da Cagliari a Nuoro, 8 porti, 2 aree marine protette, 15 itinerari, 31 località, 26 spiagge

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SARDEGNA orientale PERCORSI DI MARE E DI TERRA. Da Cagliari a Nuoro, 8 porti, 2 aree marine protette, 15 itinerari, 31 località, 26 spiagge"

Transcript

1 SARDEGNA orientale PERCORSI DI MARE E DI TERRA Da Cagliari a Nuoro, 8 porti, 2 aree marine protette, 15 itinerari, 31 località, 26 spiagge Touring Club Italiano

2

3 SARDEGNA orientale PERCORSI DI MARE E DI TERRA Da Cagliari a Nuoro, 8 porti, 2 aree marine protette, 15 itinerari, 31 località, 26 spiagge Touring Club Italiano

4 Touring Club Italiano Presidente: Roberto Ruozi Direttore generale: Guido Venturini Touring Editore Amministratore delegato: Alfieri Lorenzon Direttore editoriale: Michele D Innella Coordinamento editoriale: Cristiana Baietta Redazione: Letizia Gianni Segreteria di redazione: Cristina Grilli Cartografia: Servizio Cartografico del Touring Club Italiano Coordinamento tecnico: Francesco Galati Realizzazione: Asterisco srl Testi: Angelo Mojetta Progetto grafico: Fiammetta Badalato Ricerca iconografica: Irvana Malabarba e Margherita Gerundino Editing: Marco Castrovinci Questa guida è stata realizzata dalla Direzione Editoriale del Touring Club Italiano nell ambito del progetto interregionale Perle dell Alto Tirreno (L. 135/2001) in collaborazione con: Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio Viale Trieste, Cagliari Tel Fax Coordinamento del progetto: Servizio Turismo Organizzazione: Servizio Turismo Ministero delle Attività Produttive Direzione Generale Turismo Settore Iniziative Speciali del Touring Club Italiano Via Adamello Milano Tel Fax Prestampa: APV Vaccani - Milano Stampa e legatura: Grafiche Mazzucchelli Seriate (BG) 2006 Touring Editore srl Corso Italia, 10 - Milano Prima edizione: maggio 2005 Prima ristampa: gennaio 2006 Codice prodotto: RAAPB

5 Sommario Presentazione... 4 Introduzione... 7 Cagliari La città Il quartiere del Castello Il bastione di Saint Remy La Cittadella dei musei Il rione Marina Quartu Sant Elena I porti: Marina Piccola del Poetto Marina di Capitana Gli stagni di Cagliari Villasimius Il porto di Marina di Villasimius Area marina protetta di Capo Carbonara La costa sud-orientale Costa Rei Villaputzu Il porto di Porto Corallo L entroterra Da Villaputzu a Tertenìa Da Tertenìa a Escalaplano Da Escalaplano a Villaputzu Scoprire il Sarrabus Gerrei Baunei Il porto di Santa Maria Navarrese A piedi attorno a Baunei Da Baunei a Golgo Il Codule di Cala Sisine Cala Goloritzè Il Supramonte di Baunei Dorgali Il porto di Cala Gonone Cala Gonone Le grotte Le spiagge Il canyon di Su Gorropu Orosei Parco Nazionale del Gennargentu e Golfo di Orosei Le spiagge e l entroterra Sulla riva del mare Verso Galtellì e i nuraghi Il villaggio nuragico di Tiscali Siniscola Il porto di La Caletta L entroterra Il Monte Albo Il mare di Siniscola Scoprire la pompia San Teodoro Il porto di Marina Puntaldia Area marina protetta di Tavolara-Punta Coda Cavallo Le spiagge Nuoro A piedi per le vie della città Verso piazza Satta Il MAN Dalla casa del Nobel al Duomo Nuoro nuragica Il museo della vita e delle tradizioni popolari sarde

6 4 La Sardegna è da tempo luogo e meta classica di vacanza. La bellezza delle sue spiagge e del suo mare non sembrano perdere fascino nell immaginario turistico. Ma se il mare e la costa sono i luoghi che danno il benvenuto al turista, quello che si scopre appena si lasciano le spiagge è una realtà che colpisce anche il più esperto viaggiatore. La Sardegna è un luogo contraddistinto da un continuo susseguirsi di apporti esterni che pur influenzando alcuni aspetti degli abitanti dell isola non ha mai affievolito i caratteri più significativi della sua civiltà. Nella presentazione delle località, la descrizione crea un legame con la storia di ciascun luogo, delle peculiarità socio-culturali tramite le quali le risorse turistiche da visitare hanno trovato la loro genesi e le caratteristiche forme. Le località si susseguono come le tappe di un itinerario unito da un elemento unico che è il mare. Nell addentrarsi nella scoperta di ciascuna tappa si ha l opportunità di conoscere anche i forti contrasti che la natura è capace di offrire passando da lunghe spiagge di sabbia finissima a nascoste insenature e calette, da pianure a colline e montagne di granito a picco sul mare modellate dall acqua e dal vento. Ogni luogo, ogni approdo è la vetrina di un sub-territorio dell isola i cui elementi ambientali, antropici, storico-culturali, etnografici ed enogastronomici sono capaci di renderlo unico. L unicità di ogni singola località, della sua storia, del suo patrimonio ambientale e archeologico rappresenta quel valore aggiunto che fa dell isola un luogo diverso dove poter trascorrere le proprie vacanze. Questa unicità di ciascun componente dell offerta turistica è di per sé un patrimonio la cui valorizzazione deve compiersi all interno di un percorso che sappia coniugare la salvaguardia dei caratteri distintivi di ogni elemento con le dinamiche di sviluppo di carattere economico. Le attuali tendenze evidenziano una sempre maggior attenzione da parte del turista nello scegliere una destinazione che sia capace

7 5 di coniugare turismo e sostenibilità. La diversità degli endemismi, floreali e faunistici, la varietà degli aspetti paesaggistici e naturalistici, la peculiarità delle produzioni connesse al territorio rappresentano quei fattori peculiari dei prodotti turistici dell entroterra. La valorizzazione di questi prodotti, che traggono dalla tipicità il principale motivo di affermazione, non può essere duratura se non nell ambito di un processo di crescita sostenibile. La sostenibilità non deve rappresentare un vincolo, ma un fattore essenziale che permette la realizzazione del processo di integrazione tra coste e zone interne da attuarsi attraverso l accrescimento del valore, già alto, della qualità ambientale del territorio dell isola. Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio L Assessore Luisa Anna Depau

8

9 7 Introduzione Chiunque arrivi in Sardegna avverte immediatamente che quest isola ha qualche cosa di diverso, e ciò non dipende soltanto dal fatto di trovarsi in un luogo a proposito della cui natura uno dei più famosi naturalisti sardi, Francesco Cetti, scriveva alla fine del Settecento: non v è in Italia ciò che v è in Sardegna né in Sardegna v è quel d Italia. Qui si respira un aria differente, quasi esotica, e questo forse è legato alla storia più antica di questa regione che costituisce, geologicamente parlando, un pezzo di Spagna, e che in un passato ancor più lontano fu addirittura parte di un continente che aveva come estremo opposto la California. E forse non è sbagliato pensare alla Sardegna come a un piccolo continente, tale e tanta è la varietà dei suoi paesaggi e delle sue molteplici risorse. Queste spesso restano ignote ai turisti che, complici situazioni e cause troppo lunghe e complesse da spiegare in questo contesto, vedono nella Sardegna soltanto una meta estiva e per di più limitata ad alcune classiche località balneari. Quanti, invece, si sono proposti di visitare veramente tutti gli elementi, sovente rispondenti a nomi aspri, di questo mosaico, come la Barbagia, la Gallura, l Ogliastra, il Sarrabus-Gerrei, il Supramonte, la Baronia? Quanti hanno cercato di capirne le differenze, di gustarne Le coste del Golfo di Orosei formano una straordinaria quinta di roccia e di verde. i profumi e i sapori uscendo dai circuiti precostituiti, facendosi guidare soltanto dalla curiosità, dal richiamo di un nome insolito fino a cercare un più stretto contatto con gli abitanti dell isola, fieri della loro terra e della loro lingua e sempre cortesi e disponibili nei confronti di chi vuole conoscere? La costa Posta al centro del Mediterraneo occidentale, la Sardegna ha ovviamente un rapporto privilegiato con il mare che costituisce il motore del suo turismo. Sono, infatti, più di 1800 i chilometri di litorale dell isola, e il dato diventa ancora più rilevante quando si pensa che questo corrisponde a circa un quarto dell intero sviluppo costiero dell Italia. Un patrimonio eccezionale, incredibilmente articolato dove si susseguono arenili candidi o dorati, sabbie finissime e ciottoli, stagni preziosi per l avifauna, alte falesie, guglie, archi, grotte, rocce plasmate dal vento e dal mare e trasformate in sculture capaci di diventare l emblema di interi tratti di costa. Su tutto, poi, dominano i colori, e non solo quelli, del mare. Spesso il verde della macchia, annunciata da lontano da profumi che si possono percepire in certi giorni anche in mare, si spinge in molti punti ancora fino al limitare delle spiagge. Una vegetazione che fortunatamente non esita a crescere sulla sabbia creandovi insolite macchie di colore o delicati giardini, come quando fioriscono

10 8 Introduzione i candidi e profumati gigli di sabbia. Davanti, incontrastato padrone, ora infuriato e terribile ora placido, il mare di Sardegna, un Tirreno del tutto particolare che qui è in grado di assumere nel corso dell anno e addirittura di uno stesso giorno colori e sfumature unici al mondo. Tutto questo si può scoprire quasi a volo d uccello nelle pagine che seguono, un vademecum di porto in porto, di spiaggia in spiaggia (e non solo) lungo il versante orientale della Sardegna da Cagliari fino a San Teodoro e a Tavolara, passando per la Costa Rei, l Ogliastra di Baunei, le coste un tempo abitate dal bue marino (o più propriamente foca monaca) del selvaggio Golfo di Orosei e quelle meno accidentate della Baronia. Entroterra e tradizioni Lontano dalla costa, la Sardegna cambia nuovamente aspetto, diventando veramente una terra da scoprire. Il Sarrabus, le montagne del Gennargentu, il Supramonte, i dintorni di Nuoro affascinano il visitatore con i loro graniti, gli altipiani scavati dalle acque dei fiumi capaci di incidere la roccia dando vita a valli incavate che si spingono fino al mare, voragini immense come quella di Golgo e canyon alti centinaia di metri come le gole di Su Gorropu nel Supramonte di Dorgali. E di strada in strada diventa sempre più facile accorgersi quanto sia remota la civiltà dell isola e da quanti misteri sia ancora avvolta. Nuraghi, tombe dei giganti, dolmen e menhir (vere sorprese per chi è abituato ad

11 Introduzione 9 associare a questi monumenti ben altri Paesi d Europa), pozzi sacri, domus de janas sono elementi caratteristici della preistoria della Sardegna, che si può vivere come un grande museo all aperto dove si ripropongono elementi di tutte le civiltà e di tutte le dominazioni che hanno fatto la storia del Mediterraneo. Fenici, Cartaginesi, Romani, Arabi, Pisani, Genovesi, Aragonesi, Spagnoli si sono succeduti gli uni agli altri intrecciandosi a periodi di gloriosa indipendenza sarda alimentata dallo spirito indomito dei suoi abitanti in onore del quale è stata istituita la giornata del popolo sardo detta Sa die de sa Sardigna. E di tutto ciò ritroviamo ovviamente tracce nella gastronomia di terra e di mare, nei tanti tipi di pane (quasi ogni centro della Sardegna ha il proprio), nella varietà dei formaggi e dei dolci che assumono sembianze di vere sculture, nei costumi e nelle feste tradizionali che rimangono in molti casi eventi genuini e indipendenti dal richiamo turistico e che per questo motivo costituiscono un naturale complemento di una visita che, comunque si svolga, ha tutte le qualità per diventare memorabile. La berta minore, sempre in volo sul mare. I fiori purpurei del fico degli ottentotti spiccano tra le rocce di Cala Pira (Costa Rei).

12 Cagliari Posta a sud della Sardegna, nella parte più interna del golfo omonimo, la città di Cagliari, ricca di una storia non sempre conosciuta come dovrebbe, si presenta offrendo al visitatore un panorama di pietra, mare, stagni e sole; forse non molto diverso, se si considerano queste componenti naturali, da quanto trovarono i primi colonizzatori Fenici e Cartaginesi che la denominarono per l appunto Càralis o Kàralis, cioè pietraia o, forse, collina, lasciandovi l importante necropoli di Tuvixeddu. E come Roma, che la dominò per quasi sette secoli, il capoluogo della Sardegna si estende su sette colli (Castello, Monte Scorcio del bastione di Saint Remy. Le bianche torri gemelle di San Pancrazio e dell Elefante. Urpinu, Bonaria, Monte Claro, San Michele, Tuvixeddu, Montixeddu). Del periodo romano, iniziato nel 238 a.c. e protrattosi fino alla conquista dei Vandali nel 455 d.c., restano a Cagliari importanti testimonianze. L anfiteatro del quartiere di Stampace, per esempio, conserva gran parte delle gradinate ellittiche, la cavea, le recinzioni e il podium, cioè quella struttura che oggi definiremmo la tribuna dell autorità. Sulla sommità e nella parte più ripida sorge Su Casteddu, la cittadella fortificata cui misero mano le tante dominazioni che si susseguirono dal Medioevo all avvento dei Savoia. La sua cinta bastionata e le torri sono state paragonate a una corona che impreziosisce la città

13 Cagliari 11 sviluppatasi a partire da questo colle; la sua conformazione, allungata e in forte pendenza, ha influito su quella del quartiere nato a ridosso della panoramica rocca. Qui, nella fitta rete di strade di segno spagnolo, si può respirare l aria più antica di Cagliari, una città che ai quartieri del Settecento affianca edifici di aspetto ligure-piemontese, testimonianza della lunga presenza dello Stato sabaudo, e che nell ultimo secolo ha conosciuto uno sviluppo inarrestabile estendendosi ben oltre i confini dei tradizionali quartieri di Castello, Marina, Villanova e Stampace. Negli anni Trenta del Novecento sono sorti i quartieri di San Benedetto, Bonaria e La Vega. Dopo la seconda guerra mondiale, che vide Cagliari oggetto di devastanti bombardamenti nel febbraio e nel maggio del 1943, il centro abitato ha raggiunto il litorale, si è sviluppato intorno a Monte Urpinu e sono nati i nuovi quartieri di Tuvumannu e San Michele. Per comprendere meglio la struttura urbanistica di Cagliari si può approfittare delle incomparabili vedute che si possono avere da alcuni punti caratteristici della città, primo fra tutti il bastione di Saint Remy, nato dalla sistemazione degli antichi bastioni spagnoli nei primi anni del Novecento. Dalle sue due terrazze, quella grande di Umberto I e quella sovrastante, ma più piccola, di Santa Caterina, si gode uno dei più suggestivi panorami della città, che spazia dai quartieri sottostanti sino al lungomare del Poetto e alla Sella del Diavolo. Dal belvedere dei bastioni di Santa Croce si ha, invece, una vista panoramica dell intera città verso occidente fino allo stagno di Santa Gilla, mentre dal bastione di Porta San Pancrazio la vista panoramica arriva verso oriente fino allo stagno di Molentargius che separa Cagliari da Quartu Sant Elena. L importanza del mare, che circonda l abitato ripartendosi in due golfi minori (Golfo degli Angeli e Golfo di Quartu), separati dal promontorio di Capo Sant Elia, è forse ben esemplificata dal Poetto, una delle spiagge più vaste d Italia e di certo la più amata dai cagliaritani. Il mare e il castello si ritrovano, infine, riuniti nello stemma cittadino che nella seconda e terza sezione dello scudo ovale presenta un edificio turrito che sovrasta uno scoglio circondato dai flutti. L elefante, simbolo della città di Cagliari. La basilica di Nostra Signora di Bonaria, uno degli elementi caratterizzanti della città.

14 12 Sardegna Itinerario La città Una visita al cuore di Cagliari, tra il Castello e la città bassa, per scoprire vie, palazzi, chiese e musei di una città che è indispensabile conoscere per comprendere il passato e il presente della Sardegna. Santa Maria, la cattedrale di Cagliari affiancata dall originaria torre campanaria. Il quartiere del Castello Fulcro e centro della vita cittadina fino all Ottocento, il quartiere è chiuso idealmente tra le due alte torri di San Pancrazio e dell Elefante, cosìchiamata per l elefantino in pietra assurto a simbolo della città. L area è caratterizzata da una serie di lunghe strade che si estendono tra porta Cristina e porta dei Leoni, da cui può iniziare la visita. Da questo punto ci si dirige verso la cattedrale di Santa Maria, di impianto pisano, che domina piazza Carlo Alberto, l antica plazuela degli Spagnoli che si trova a un livello sottostante rispetto al piano stradale di piazza Palazzo. L avvicinamento alla cattedrale avviene lungo una serie di strade che permettono di conoscere chiese e palazzi nobiliari, oggi adibiti in parte ad altre destinazioni, affiancati a piùmodeste abitazioni, a botteghe artigiane e di antiquariato. Chi volesse raggiungere piùrapidamente la rocca può utilizzare i due ascensori collocati uno a metà di viale Regina Elena e l altro a lato del bastione di Saint Remy. Il bastione di Saint Remy Edificato tra il 1899 e il 1902, ha forme neoclassiche e si sovrappone agli antichi bastioni spagnoli dello Sperone e della Zecca. GLI STAGNI DI CAGLIARI La città di Cagliari è circondata da un complesso di zone umide di straordinario interesse naturalistico e, perché no, anche sociale, giacché non sono molte le realtà urbane capaci di offrire ai propri abitanti l opportunità di ammirare alle porte dell abitato specie anche rare in piena libertà. Lo stagno di Cagliari (circa 3000 ettari), a nord-ovest della città, comprende tre distinte zone umide: lo stagno di Santa Gilla, le saline di Macchiareddu e lo stagno di Capoterra. In queste zone si può ammirare una grande quantità di uccelli acquatici dai più comuni, come folaghe e aironi, a quelli più rari come il gabbiano roseo, il cavaliere d Italia e le sterne zampenere. A est di Cagliari, tra il Poetto e la città di Quartu Sant Elena, si trovano gli stagni di Molentargius e di Quartu, contigui ed estesi per 1400 ettari. Qui sono state contate oltre 180 specie di uccelli e oltre presenze durante il periodo migratorio. Di grande rilevanza è la presenza di una colonia di fenicotteri che dal 1993 nidificano e si riproducono regolarmente a pochi passi dall uomo.

15 Cagliari 13 Elemento di raccordo tra il castello e il quartiere di Villanova, il bastione nacque come passeggiata e belvedere panoramico, funzione rimarcata dalle due terrazze sovrapposte e dalla lunga gradinata in direzione di piazza Costituzione. La Cittadella dei musei Poco oltre la torre San Pancrazio si estende la cittadella dei musei che occupa l area dell antico arsenale militare. Qui trovano posto l importante Museo archeologico nazionale, che contiene materiali di altissima qualità per la conoscenza della storia dell isola dal Neolitico all alto Medioevo, la Pinacoteca nazionale, che raccoglie opere di artisti sardi dal Quattrocento al Settecento, l originale Quartu Sant Elena Usciti da Cagliari lungo viale Marconi, costeggiando i canneti del Bellarosa Minore, un bacino d acqua dolce di grande interesse naturalistico e isolato dalle saline da una diga, si raggiunge Quartu Sant Elena. Città di abitanti, la terza della Sardegna, può contare su un territorio costiero esteso per 26 km. Nel corso degli anni ha avuto un crescente sviluppo urbanistico, sociale ed economico pur restando sempre legata a una cultura agro-pastorale. Il centro della città, che ha uno sviluppo radiale, è piazza Azuni, dove sorge Bronzetto nuragico raffigurante un guerriero. L insenatura di Cala Regina a Quartu Sant Elena lungo la litoranea per Villasimius. Museo siamese Cardu, dove sono conservati oltre 1300 pezzi provenienti dalla Cina e dall Indocina, e la particolare Mostra di cere anatomiche di Susini, che raccoglie modelli minuziosi e perfetti di cera colorata. Il rione Marina Da piazza Yenne, cuore del quartiere Stampace e prossima alla torre dell Elefante, si scende verso il mare per largo Carlo Felice, dove sorge il Palazzo comunale, che delimita con via Roma e la sua palazzata, il porto, via Manno e viale Regina Margherita, il rione Marina, ricco di edifici religiosi. la chiesa medievale di Sant Agata. Dalla piazza l ampio viale Marconi conduce alla parrocchiale di Sant Elena, di stile neoclassico e sorta sui resti di una chiesa catalana del XVI secolo. Da visitare le chiesette medievali di Santa Maria di Cepola, con una sola navata e copertura in ginepro, e di San Pietro del Ponte, costruita in stile pisano a pianta rettangolare absidata. Tappa d obbligo è il Museo etnografico Il ciclo della vita (via E. Porcu, non lontana da piazza Azuni), noto come Sa Domu e Farra. L esposizione permette di ripercorrere i momenti significativi della vita della società agro-pastorale sarda.

16 14 Sardegna INFORMAZIONI PER VIAGGIARE EPT Cagliari piazza Deffenu, Cagliari Tel Fax AAST di Cagliari via Mameli, Cagliari Tel /96 - Fax IAT Cagliari piazza Matteotti, Cagliari Tel Fax COME ARRIVARE IN TRAGHETTO Tirrenia di Navigazione: da Genova, Napoli, Palermo e Trapani Sardinia Ferries: da Civitavecchia Lloyd Sardegna: da Livorno IN AEREO Aeroporto Cagliari-Elmas Sogaer - Società Gestione Aeroporto Tel. (centralino) IN TRENO Trenitalia: linea Cagliari-Oristano-Sassari FdS - Ferrovie della Sardegna: linea Cagliari-Isili IN AUTOBUS ARST - Azienda Regionale Sarda Trasporti: piazza Matteotti, Numero verde Pani Granturismo Sardegna: piazza Darsena, Tel Ferrovie della Sardegna, Tel Autolinee Ferrovie Meridionali Sarde Tel Turmo Travel, Tel I Porti MARINA PICCOLA DEL POETTO Situato dietro il promontorio di Sant Elia, che cela Cagliari, il porticciolo di Marina Piccola del Poetto è protetto da un molo di sopraflutto banchinato nella parte interna e da un molo di sottoflutto a martello che termina con un ampio piazzale. All interno sono disponibili pontili galleggianti. COORDINATE: 39 11,56 N 09 09,81 E PERICOLI: il fondale all imboccatura è di soli 2,3 m; chiedere istruzioni alla direzione di porto su canale 74 vhf. ACCESSO: continuo; obbligo di procedere alla minima velocità per le imbarcazioni in entrata e in uscita che si debbono mantenere sulla destra dell imboccatura. FARI E FANALI: 1270 (E 1054) - faro a lampi bianchi, grp. 2, 10s, 21M su Capo Sant Elia; 1271 (E 1053) - fanale a lampi rossi, 5s, 1M sulla testata del molo frangiflutti, a sinistra entrando; (E ) - fanale a lampi verdi, 5s, 1M sulla testata del pontile, a dritta entrando. FONDO MARINO: sabbioso con alghe. VENTI: maestrale e scirocco. AREE RISERVATE AL DIPORTO: tutta l area è PESCATURISMO Cooperativa Pescatori Bonaria via dei Pisani, Cagliari Tel / MANIFESTAZIONI Carnevale cagliaritano - Sfilata Sa Ratantina 1 a domenica di maggio - Sagra di Sant Efisio 28 aprile - Sa die de sa Sardigna ACQUISTI Ceramica, filigrana, gioielli, tessuti (tappeti, arazzi, filati). Interessante il mercatino che si tiene la domenica sul bastione di Saint Remy

17 Cagliari 15 disponibile tranne uno spazio riservato alle imbarcazioni da pesca. DIREZIONE PORTO: Motomar Sarda via dei Calafati Cagliari Tel Fax UFFICIO MARITTIMO: Capitaneria di Porto di Cagliari, Tel orario: lun.-ven. 9-12; mar.-gio MARINA DI CAPITANA Marina di Capitana o Porto Armando si trova sulla costa sud-orientale del Golfo di Cagliari. È protetto a est da un molo a gomito di sopraflutto e a ovest da un molo di sottoflutto perpendicolare alla costa con l imboccatura rivolta a ovest. Internamente è banchinato e diviso in due darsene. COORDINATE: 39 12,27 N 09 17,97 E ACCESSO: velocità massima 3 nodi; assistenza all ormeggio gratuita ( ). FARI E FANALI: 1267 (E ) - fanale a lampi verdi, 3s, 5M sull estremità del molo di sopraflutto; (E ) - fanale a lampi rossi, 3s, 5M sull estremità del molo di sottoflutto; (E ) - fanale a luce fissa verde 2M indica l accesso alla darsena interna (sul pennello interno a dritta); 1270 (E 1054) - faro a lampi bianchi, grp. 2, 10s, 21M su Capo Sant Elia; fanale a lampi verdi, 3s, 5M a dritta entrando; fanale a lampi rossi, 3s, 5M a sinistra entrando. (N.B. consultare sempre l Elenco fari e segnali da nebbia per aggiornamenti e variazioni.) FONDO MARINO: sabbioso, fangoso, ghiaioso e alghe. VENTI: maestrale, scirocco. DIREZIONE PORTO: Saromar gestioni via Serchio, Quartu Sant Elena (CA), Tel /805420/ / UFFICIO MARITTIMO: Capitaneria di Porto di Cagliari, Tel orario: lun.-ven. 9-12; mar.-gio INFORMAZIONI Numero posti barca Lunghezza max scafo Posti barca in transito Altezza fondali Canale di contatto al porto Carburante Fontanella/manicotto Energia elettrica Alaggio/scivolo Gru e/o travel lift Portata max gru e/o travel lift Servizi igienici Servizio antincendio Riparazioni motori Riparazioni elettriche Riparazioni scafi Riparazioni vele Alimentari + stagionalità Ritiro rifiuti Accesso al porto Marina Piccola del Poetto Marina di Capitana m 27 m 35 variabile 2/2,7 m 3 m 74 vhf 74 vhf Sì Sì banchina + porto banchina + porto banchina + porto banchina + porto scivolo scivolo gru gru 20 t 60 t SI + docce SI + docce Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì fuori dal porto nel porto Sì Sì 24 ore su ore su 24

18 Villasimius Posto a uno dei vertici di un ideale triangolo che racchiude al centro la montagna del Sarrabus, ricca di boschi e acque, Villasimius, oggi rinomata località turistica, sorge a un paio di chilometri dal mare in una zona abitata sin dai tempi più antichi, come dimostrano i resti numerosi risalenti alle epoche prenuragica, nuragica, fenicio-punica e romana. Il centro attuale è sorto nel 1822 sulla sinistra del Rio Foxi, un fiume un tempo navigabile e che univa il mare all antica Carbonara. Il maggiore impulso allo sviluppo è venuto a partire dagli anni Sessanta con la valorizzazione turistica che, grazie a un mare incontaminato e a magnifiche spiagge, ha fatto di Villasimius un luogo ideale per le vacanze. Facilmente raggiungibile da Cagliari, la località si annuncia dopo Solanas quando, superato uno sperone granitico, lo sguardo spazia su Capo Boi e su Capo Carbonara, la penisola che, oltre a dare il nome all area marina protetta, segna il confine tra il mare del versante Capo Carbonara, Punta Molentis. meridionale della Sardegna e quello della costa orientale. La natura, tuttavia, non è la sola attrattiva; il paese e il suo territorio presentano anche altri motivi d interesse. Per primo, il Museo civico, una casa padronale del centro storico che raccoglie interessanti reperti storici distribuiti in suggestive sale. Nella sala del mare si possono osservare oggetti ritrovati nei vicini fondali; in quella del santuario ci sono i resti di un tempio fenicio-romano; in quella del territorio i reperti degli insediamenti romani; in quella del relitto quanto ha restituito una nave catalana del Cinquecento. Nella casa parrocchiale si conserva una statua marmorea di donna, una scultura romana, forse del I secolo, venerata per anni come un immagine della Madonna. Nei dintorni troviamo alcuni nuraghi, diverse domus de janas (una prossima alla spiaggia del Riso) e numerose torri di avvistamento del Cinquecento e Seicento.

19 Villasimius 17 Il Porto MARINA DI VILLASIMIUS Il porto ha l imboccatura rivolta a nord-est. È protetto da un molo di sopraflutto di 560 m e da uno di sottoflutto di 180 m. Nello specchio acqueo sono sistemati 3 pontili fissi, 15 pontili galleggianti e 5 banchine. COORDINATE: 39 07,42 N 09 30,44 E PERICOLI: prestare attenzione alla meda che segnala la Secca dei Pescatelli, a ponente della testata del molo e agli scogli a nordest della secca. ACCESSO: senza limitazioni di orario. FARI E FANALI: 1528 (E 1043) - faro a lampi bianchi, grp. 7,5s, 23M su Capo Carbonara (visibile da 217 a 109 ); 1262 (E 1048) - faro a lampi bianchi con settore rosso, grp. 2, 10s, 11M nel settore bianco e 8M nel settore rosso sulla parte nord-est dell isola dei Cavoli (settore bianco visibile da 202 a 073, da 093 a 128, da 162 a 202, settore rosso visibile da 073 a 093 sulla Secca di Santa Caterina); 1263 (E 1049) - meda elastica cardinale Ovest a luce scintillante bianca, grp. 9, 15s, 5M sulla Secca di Santa Caterina; 1265 (E ) - fanale a lampi verdi, 3s, 4M sul molo a dritta entrando; (E ) - fanale a lampi rossi 3s, 4M sul molo a sinistra entrando; (E ) - meda cardinale Nord a luce scintillante bianca, 4M, indicante secche (N.B. consultare l Elenco fari e segnali da nebbia per aggiornamenti e variazioni.) FONDO MARINO: sabbioso. VENTI: maestrale e libeccio. UFFICIO MARITTIMO: Capitaneria di Porto di Cagliari, Tel orario: lun.-ven. 9-12; mar.-gio GESTORE: Marina di Villasimius Srl via degli Oleandri - Loc. Porto Villasimius (CA) Tel Fax INFORMAZIONI Marina di Villasimius Numero posti barca 740 Lunghezza max scafo 40 m Molo di transito + posti barca 100 Altezza fondali 0,50/6,0 m Canale di contatto al porto 09 Carburante Fontanella/manicotto banchina + porto Energia elettrica banchina + porto Alaggio/Scivolo alaggio + scivolo Gru e/o travel lift gru mobile Portata max gru e/o travel lift 60 t Servizi igienici + doccia Servizio antincendio Riparazioni motori Riparazioni elettriche Riparazioni elettroniche Riparazioni scafi Riparazioni vele Alimentari nel campeggio a fianco Ritiro rifiuti Accesso al porto 24 ore su 24

20 18 Sardegna Area marina protetta di Capo Carbonara L area marina protetta si trova lungo le coste cagliaritane e si estende da Capo Boi fino alla Punta Porceddus; al centro, a dominare il mare circostante, si eleva il promontorio di Capo Carbonara che separa i due bacini di Porto Giunco, a est, e di Golfo di Carbonara a ovest. Davanti al promontorio si trovano, parti integranti dell area tutelata, le isole dei Cavoli e di Serpentara, il cui settore ovest costituisce la zona A di riserva integrale dell area. Il territorio presenta un notevole sviluppo costiero e costituisce un complesso di scogliere granitiche, isole e chiare spiagge quarzose. Una simile varietà si riflette sulla vegetazione dell area dove uno studio recente ha permesso di censire, solo tra i fiori, ben 136 specie. Importante è la presenza di uccelli sia marini sia acquatici, qui richiamati dallo stagno di Notteri frequentato anche dai fenicotteri. Gli studi condotti sui fondali di Capo Carbonara, che conservano tracce di numerosi naufragi tra cui una nave romana del III secolo a.c., hanno rivelato la presenza di una vasta prateria di posidonie e di un raro esempio di biocostruzione a vermetidi (particolari molluschi dal guscio tubolare e contorto). Le rocce granitiche sommerse formano ambienti ideali per pesci di passo come ricciole, tonni o barracuda mediterranei (questi ultimi frequenti presso l isola dei Cavoli) e per l insediamento di specie bentoniche filtratrici quali spugne, gorgonie, ascidie ecc. Fra pareti ricche di spaccature crescono grandi ventagli di gorgonie rosse, gialle o bianche. Il pesce di scoglio è abbondante e non mancano avvistamenti di murene, banchi di salpe, saraghi di varie specie e cernie dorate come quelle che vivono alla Secca di Santa Caterina. Nei pressi dell isola Serpentara è possibile incontrare delfini e tartarughe. ANNO DI ISTITUZIONE D.M. 15/9/1998 e D.M. 3/8/1999 PROVINCIA Cagliari COMUNE Villasimius SUPERFICIE 8598 ettari TIPOLOGIA Promontorio roccioso a cavallo di due golfi e sistema di isole e secche ENTE GESTORE Comune di Villasimius SEDE piazza Gramsci, Villasimius (CA) Tel Fax SEDE AMP via Colombo, Villasimius (CA) Tel Fax nara.it nara.it Le splendide gorgonie che crescono sui fondali rocciosi dell area marina protetta.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Club Alpino Italiano Sezione di Valenza Davide e Luigi Guerci Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Sabato 19 settembre 2015 Viaggio andata Ritrovo dei

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA MODULO PER I GRUPPI Nel presente modulo sono indicati i possibili percorsi per la Visita Guidata agli Scavi di Ostia Antica e la relativa Scheda di Prenotazione

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20.

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20. Versione del 9/3/2015 Pag.1 di 5 FIAB - Ostia in Bici XIII Il Salento in bici 20-28 giugno 2015 Panoramica Una settimana nel Salento: un omaggio ad una delle bellezze d Italia, che ci racconterà di natura,

Dettagli

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante : il regno del dragone tuonante di Paolo Castellani 12 Il Memorial Chorten a Thimphu Lo Dzong di Paro? Ma dov è? Questa è la risposta che ti puoi aspettare quando dici che andrai in Bhutan. Questo remoto

Dettagli

Attravers Arna e Sentieri Aperti

Attravers Arna e Sentieri Aperti La XII^ Circoscrizione ARNA del Comune di Perugia, con le Associazioni del territorio, presenta: Attravers Arna e Sentieri Aperti Edizione 2009 Cinque camminate mattutine tra sapori, colori e suoni nella

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à Io ò bevuto circa due mesi sera e mattina d una aqqua d una fontana che è a quaranta miglia presso Roma, la quale rompe la pietra; e questa à rotto la mia e fàttomene orinar gran parte. Bisògniamene fare

Dettagli

TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti

TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti 2014/2015 TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti Atene / Canale di Corinto / Epidauro / Micene / Nauplia / Olympia Arachova / Delfi / Kalambaka / Monasteri Bizantini delle Meteore / Termopili

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Mappa del fiume Arno, acquerello di Carlo Quercioli, 2009.

Mappa del fiume Arno, acquerello di Carlo Quercioli, 2009. La maggior parte del popolo pisano vive dal fare il navicellaio e tirare l alzaia Mappa del fiume Arno, acquerello di Carlo Quercioli, 2009. Le località che sono state prese in considerazione per questa

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO.

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. Provincia di BERGAMO Comune di Arzago d'adda. Provincia di CREMONA Comuni di Agn adello, Pandino, Palazzo Pignano, Monte Cremasco,

Dettagli

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava.

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava. Nuova edizione Copyright 1995 Prima Ristampa 1996 Seconda Ristampa 2012 Edizioni ETS Piazza Carrara, 16-19, I-56126 Pisa info@edizioniets.com - www.edizioniets.com Finito di stampare nel mese di maggio

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 domenica 7 Ottobre 2012 - ore 9.45 GORLE - BERGAMO ARRIVEDERCI alla 42a Settimana Ciclistica Bergamasca dal 2 al 7 settembre 2013 REGOLAMENTO SPECIALE DI CORSA SU STRADA

Dettagli

in evidenza 2013-2014

in evidenza 2013-2014 in evidenza 2013-2014 Liberty of the Seas, la nave più incredibile del Mediterraneo A inaugurare gli imbarchi da Napoli sarà Liberty of the Seas, una nave straordinaria in partenza per la prima volta dall

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE SCIARE AL CORNO ALLE SCALE IL CORNO ALLE SCALE SPORT INVERNALI PER TUTTI E A TUTTI I LIVELLI, CALDA OSPITALITÀ E PIACEVOLI MOMENTI DI SVAGO E DI RELAX: È CIÒ CHE OFFRE IL CORNO ALLE SCALE, LA STAZIONE

Dettagli

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA Escursioni di Educazione Ambientale per la Scuola Media Proposte per l A.S. 2014-2015 Itinerari escursionistici disponibili (eco)sistema della Diga di Gurone.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Rettangoli isoperimetrici

Rettangoli isoperimetrici Bruno Jannamorelli Rettangoli isoperimetrici Questo rettangolo ha lo stesso perimetro di quello precedente. E l area? È la stessa? Il problema di Didone Venere ad Enea: Poi giunsero nei luoghi dove adesso

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate.

Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate. VOLO incluso DA MILANO MALPENSA Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate. a n t i l l e mar dei caraibi 2 0 1 3-1 4 Un arcipelago di isole di gioia e colore. Viaggia nel cuore delle Antille. Il ritmo

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

ITINERARI CON LA MOUNTAIN BIKE

ITINERARI CON LA MOUNTAIN BIKE ::Lago di Carezza:: :: Caratteristiche: i primi 200 m dopo l'albergo Lärchenwald (Gummer - S. Valentino) sono piuttosto ripidi, quindi si prosegue su strada forestale con discreti saliscendi fino al Passo

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige)

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Un roseto Il gazebo adiacente la casa sfrutta l estensione fra di un glicine centenario le nuvole e offre ombra e riparo nelle

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

REPORTAGE/Nuove sfde. Israele che pedala UN MAR MORTO

REPORTAGE/Nuove sfde. Israele che pedala UN MAR MORTO REPORTAGE/Nuove sfde Israele che pedala UN MAR MORTO PiENO di vita 74 bambini, donne, professionisti: tutti insieme per provare il fascino di viaggiare in bici attraverso un deserto unico, con partenza

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni Area sciistica Merano 2000 Malga di Verano Dal parcheggio nr. 5 di Avelengo si procede verso il municipio per poi prendere il sentiero 2/a che porta

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino L esperienza di lavoro intorno ai fiumi, ed in particolare nel caso

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti

GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti 2014/2015 Atene / Canale di Corinto / Epidauro / Micene / Nauplia / Olympia / Arachova Delfi / Kalambaka / Meteore / Salonicco / Filippi / Kavala / Vergina / Termopili

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

Ogni mattina si parte alla scoperta di qualcosa di nuovo. Dopo una lauta colazione,

Ogni mattina si parte alla scoperta di qualcosa di nuovo. Dopo una lauta colazione, ANNA E VITTORIO, PELLEGRINI IRRIDUCIBILI Ha colto nel segno Simone quando ci ha definiti pellegrini "irriducibili"... Siamo partiti da Milano con la speranza di riuscire a percorrere tutte le 16 tappe,

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva 4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva L attività è stata introdotta da una richiesta di collaborazione, si è chiesto l aiuto degli alunni per riscoprire le caratteristiche

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI -numero luoghi: 10 -tempo necessario: 1 giorno (2 giorni x itinerari 1 e 2) -sequenza consigliata:

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29/9/95 (Pag.38) Articolo 1 Denominazione La denominazione di origine controllata olio

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

Descrizioni dei punti IOF

Descrizioni dei punti IOF Descrizioni dei punti IOF Introduzione La corsa d orientamento è uno sport praticato a livello mondiale. L obiettivo delle descrizioni dei punti IOF è di fornire agli orientisti di tutti i paesi un mezzo

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Elaborazione su immagine tratta dal sito www.padovanavigazione.it

Elaborazione su immagine tratta dal sito www.padovanavigazione.it ITINERARIO 3. Sito UNESCO Venezia e la sua laguna (parte in Comune di Codevigo Provincia di Padova); Dai Colli Euganei alla Laguna sud di Venezia, lungo i Canali Vigenzone e Pontelongo; Da Padova alla

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli