Codice Deontologico di Confestetica Associazione Nazionale Estetisti -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Codice Deontologico di Confestetica Associazione Nazionale Estetisti -"

Transcript

1 Codice Deontologico di Confestetica Associazione Nazionale Estetisti - CAPO I PRINCIPI GENERALI ARTICOLO 1 Finalità 1. Finalità principale del presente codice consiste nel dettare norme comportamentali volte ad informare e regolamentare l attività di coloro siano esse persone fisiche o giuridiche che abbiano aderito alla associazione CONFESTETICA. 2. Finalità precipua della predetta associazione e conseguentemente delle norme di cui al presente codice etico è la qualificazione dell attività di coloro che operano nel settore dell estetica favorendone la crescita professionale e la comunicazione tra gli stessi mediante reciproci scambi di idee e conoscenze oltre alla disciplina dei rapporti tra gli operatori nei quali dovrà essere garantito il rispetto dei principi della correttezza professionale. 3. Favorire, nell ottica del costante ampliamento del settore dell estetica, la piena trasparenza ed informazione nei confronti della clientela in ordine alle prestazioni svolte, alla durata ed ai relativi costi. 4. Accettare, durante l esercizio della professione, il dialogo con i clienti e le istituzioni, come unico strumento di comunicazione senza posizioni preconcette. 5. Non accettare condizioni di lavoro che compromettano la sua autonomia professionale ed il rispetto delle norme del presente Codice. In ogni situazione lavorativa, l estetista professionista si ispira a tali norme, qualunque sia la sua posizione gerarchica in ambito lavorativo e la natura del suo rapporto di lavoro. 6. Salvaguardare la sua autonomia nella scelta dei metodi e delle tecniche da utilizzare per la sua professione e attività, ed è perciò responsabile della loro applicazione ed uso, dei risultati e delle responsabilità che da essi ne derivano. ARTICOLO 2 Adesione 1. L adesione alla associazione CONFESTETICA è libera e volontaria e comporta accettazione delle norme di cui al presente codice essendo le stesse essenziali al perseguimento delle finalità associative. 2. Le regole contenute nel presente codice si pongono come integrative rispetto alla vigente normativa in materia e precisamente la L. 04/01/1990 n.1 nonché le leggi regionali di attuazione al cui rispetto restano tenuti tutti gli operatori del settore. 3. L estetista professionista ha il dovere dell aggiornamento professionale e della educazione permanente. 4. Favorisce la formazione e l aggiornamento dei colleghi, con particolare riguardo ai colleghi più giovani. Divulga le proprie conoscenze ed è disponibile a fornire informazioni su qualunque attività quali corsi, seminari, etc., che ritenga utili per un adeguato aggiornamento. 5. Partecipa con profitto alle iniziative di formazione continua organizzate da ConfEstetica o da terzi accreditati. 6. Consegue gli accreditamenti e certificazioni necessarie ad acquistare credito nella propria professionalità e promuovere l immagine della categoria. 7. E vietato, in qualsiasi modo, consentire o agevolare la somministrazione di sostanze farmacologiche e, comunque, l uso di metodi o prodotti iniettabili o non concernenti l estetica e il benessere, secondo la Legge 1/ L estetista professionista, venuto a conoscenza di casi di esercizio abusivo, è obbligato a farne denuncia a ConfEstetica. Questo vale anche per l estetista professionista che venga a conoscenza di prestazioni del settore, offerte da non abilitati alla professione. CAPO II - NORME COMPORTAMENTALI INERENTI I RAPPORTI CON LA CLIENTELA ARTICOLO 3 Obblighi generali

2 1. Gli operatori aderenti alla associazione CONFESTETICA sono tenuti a perseguire con diligenza gli interessi della clientela nell ambito dell attività dagli stessi svolta. 2. Gli stessi sono tenuti ad osservare il segreto professionale. 3. Ogni operatore si impegna a consigliare e conseguentemente a fornire e/o utilizzare nei confronti del cliente esclusivamente i prodotti ed i trattamenti ritenuti necessari ed efficaci rispetto al risultato che quest ultimo intende ottenere, valutando scrupolosamente le esigenze di ogni singolo caso. ARTICOLO 4 Rispetto delle norme igieniche 1. Gli operatori aderenti alla associazione CONFESTETICA si impegnano ad esercitare la propria attività in locali adeguati ai trattamenti ivi svolti, nei quali dovrà essere sempre tenuto il massimo ordine e pulizia, compresi i locali dedicati al ricevimento ed alla attesa della clientela. 2. I locali e le cabine riservate ai trattamenti dovranno essere luminosi ed areati nonché di dimensioni adeguate alle prestazioni ivi fornite. 3. Le attrezzature dovranno essere tenute sempre in perfetta efficienza, anche mediante periodici controlli e revisioni. Tutta la strumentazione utilizzata dovrà essere accuratamente pulita prima e dopo ogni utilizzo ed eventualmente se il trattamento lo richiede opportunamente sterilizzata mediante idonea attrezzatura. 4. Tutto il personale dovrà utilizzare idoneo vestiario, prediligendo nel caso di centri ove operino più addetti l utilizzo di una divisa che identifichi l appartenenza dell operatore alla struttura. L abbigliamento dovrà essere sobrio ed adeguato all attività svolta da ciascun addetto. 5. Ogni operatore è tenuto a curare strettamente l igiene della propria persona o comunque a sorvegliare sul rispetto di tale norma da parte dei propri dipendenti; 6. Laddove sia possibile è fatto obbligo di utilizzare guanti mono-uso per l esecuzione dei trattamenti. 7. E fatto altresì obbligo di utilizzare biancheria mono-uso nelle cabine ove vengono eseguiti i trattamenti. 8. Ogni cabina dovrà essere accuratamente pulita e riordinata nell intervallo tra un trattamento ed il successivo prima dell ingresso del cliente. ARTICOLO 5 Dell istituto, centro estetico, centro benessere, SPA, day-spa, istituto termale 1. l estetista professionista esercente in istituto, centro estetico, centro benessere, SPA, day-spa, istituto termale, è tenuto ad indossare una divisa professionale sulla quale sia visibile il distintivo professionale riportante nome, cognome, qualifica ed eventualmente mansione. 2. Il distintivo professionale è personale e deve essere utilizzato soltanto dagli iscritti a ConfEstetica (che lo fornisce), che esercitano la professione nelle strutture che espongono il marchio di qualità certificata ConfEstetica. 3. Il titolare o direttore dell istituto, centro estetico, centro benessere, SPA, day-spa, istituto termale, deve curare che la divisa istituzionale sia prerogativa esclusiva dell estetista professionista, identificandola così tra gli altri eventuali operatori. 4. Il titolare o direttore dell istituto, centro estetico, centro benessere, SPA, day-spa, istituto termale, deve curare che l esercizio sia organizzato in modo adeguato alle attività professionali in esso svolte, garantendo un servizio di alta qualità e sicurezza per il cliente e per i professionisti stessi. ARTICOLO 6 Accoglienza ed informazione della clientela in ordine a prestazioni e trattamenti 5. Ogni operatore è tenuto ad impegnarsi onde garantire alla propria clientela il massimo comfort;

3 6. Gli operatori si impegnano ad accogliere la propria clientela con garbo e cortesia mettendo la clientela a proprio agio e rendendo piacevole ogni ingresso nella propria struttura. 7. Dovrà essere garantita la più ampia informazione al cliente in ordine ai trattamenti cui lo stesso sarà sottoposto fornendo se richiesto tutti i chiarimenti necessari. Deve anche fornire consigli e indicazioni igieniche, a completamento e sostegno dell evoluzione e della appropriatezza del trattamento estetico, mirando al recupero e al mantenimento dello stato di benessere psico-fisico del cliente. 8. L operatore dovrà pianificare efficientemente il proprio lavoro o il lavoro dei propri dipendenti evitando o comunque riducendo al minimo i tempi di attesa da parte del cliente. 9. I tempi delle prestazioni e dei trattamenti dovranno essere preventivati con precisione al cliente così come i relativi costi. 10. Consenso informato. L estetista professionista non deve intraprendere nessun trattamento professionale, senza l acquisizione del consenso informato del cliente. Tale consenso deve essere espresso in forma scritta, dopo aver fornito informazioni concernenti lo stato di salute richiesto per il trattamento e dopo effettuazione di un accurata analisi anamnestica dello stesso (patologie in atto, farmaci assunti, eventuali dichiarazioni mediche). 11. Scheda cliente. La scheda cliente deve essere redatta chiaramente, con puntualità e diligenza e contenere, oltre ad ogni dato obiettivo relativo alla condizione di salute e benessere psico-fisico del cliente, le attività professionali praticate in istituto (trattamenti, cosmetici acquistati, massaggi, etc.) 12. Nel rendere noti al cliente eventuali disagi fisici o psichici rilevati durante il trattamento professionale, l estetista professionista dovrà astenersi dall esprimere valutazioni che siano di competenza di altre figure professionali, può però indirizzare il proprio cliente verso strutture adeguate al disagio. 13. ARTICOLO 7 Prestazioni non preventivate, prestazioni ineseguibili, recesso dalla esecuzione di un incarico, controversie con la clientela. 1. Eventuali prestazioni non preventivate potranno essere fornite esclusivamente qualora l operatore sia abilitato alla loro esecuzione. Dette prestazioni potranno essere eseguite dietro espresso consenso del cliente il quale dovrà preventivamente essere informato in ordine alla necessità e/o opportunità delle stesse, ai tempi ed alle modalità di svolgimento nonché sui relativi costi aggiuntivi. 2. L operatore dovrà altresì informare il cliente nel caso in cui- nel corso di una prestazione o di un trattamento si prospetti una situazione di particolare complessità a causa di eventi sopravvenuti o di nuove esigenze rappresentate dal cliente. In tale ipotesi sarà cura dell operatore o dell addetto astenersi dal proseguire nella prestazione e/o nel trattamento spiegando con chiarezza al cliente le motivazioni della sospensione e se richiesto suggerendo al cliente i nominativi dei professionisti eventualmente specializzati nella risoluzione delle problematiche insorte. 3. In ogni caso anche in caso di consenso del cliente l operatore dovrà astenersi dallo svolgere una prestazione non conforme al proprio ambito professionale, sproporzionata rispetto alla propria esperienza o capacità professionale o in caso di azienda rispetto alle qualifiche professionali ed alle capacità dei propri dipendenti.

4 4. Ogni operatore dovrà astenersi dallo svolgere prestazioni che reputi illecite, inutili o inopportune. 5. Gli operatori si impegnano a recedere dalla esecuzione di un incarico conferito da un cliente nell ipotesi in cui lo stesso venga a conoscenza di patologie nuove o pregresse che rendano ineseguibile il trattamento o la prestazione. 6. Nella denegata ipotesi in cui dovessero insorgere controversie con la clientela derivanti da prestazioni o trattamenti svolti, ogni operatore si impegna a porre in essere ogni sforzo al fine di dirimere bonariamente le stesse evitando l insorgenza di liti giudiziarie. 7. Egli partecipa e promuove campagne di educazione sanitaria e prevenzione, dopo opportuna certificazione dello stato di preparazione in materia, da parte di ConfEstetica e del sistema E.C.E. (Educazione Continua in Estetica). 8. L estetista professionista concorre alla correttezza del trattamento ad uso domiciliare, attraverso un puntuale servizio di sorveglianza e vigilanza estetico-professionale sul cliente. ARTICOLO 8 Segreto professionale 9. La conservazione del segreto su fatti e circostanze, dei quali sia venuto a conoscenza per ragione della sua attività professionale, oltre che un obbligo giuridico è per l estetista professionista un imprescindibile dovere morale. 10. E fatto obbligo di garantire il pieno rispetto della riservatezza dei dati personali trattati (scheda cliente e consenso informato). 11. Deve altresì assicurare il rispetto delle regole di condotta riconducibili al segreto professionale, anche da parte di quanti sono incaricati del trattamento dei dati personali. 12. Può derogare al segreto professionale solo quando venga a conoscenza di fatti o situazioni che, per legge o atti delle Autorità, debbano essere denunziati. CAPO III NORME COMPORTAMENTALI INERENTI I RAPPORTI TRA GLI OPERATORI ARTICOLO 9 Rapporti tra operatori e divieto di concorrenza sleale 1. E fatto divieto di imitare il lavoro di altri operatori millantando il raggiungimento di risultati ottenibili esclusivamente previa specifica abilitazione o comunque mediante la frequentazione di corsi di specializzazione ed esecuzione di idonee ricerche tecniche. 2. E altresì fatto divieto di sviare la clientela dei colleghi ponendo in essere i predetti comportamenti. 3. La condotta di ciascun operatore deve essere improntata secondo criteri di lealtà e correttezza professionale evitando apprezzamenti negativi sull operato dei colleghi, sulle capacità professionali degli stessi o sui risultati dagli stessi ottenuti a mezzo delle prestazioni e/o trattamenti effettuati in favore dei clienti. 13. E vietato agli operatori effettuare valutazioni comparative della propria attività con quella svolta dai colleghi a meno che tale valutazione non risulti indispensabile al fine di indurre il cliente già acquisito superare ingiustificati pregiudizi o a far comprendere al cliente il raggiungimento di specifiche cognizioni tecniche o l utilizzo di speciali attrezzature che rendano effettivamente differente il trattamento o la prestazione offerta. 4. Oltre a quanto già esposto è fatto comunque divieto ad ogni operatore porre in essere iniziative od attività volte a sviare la clientela dei colleghi con il solo limite della illustrazione alla clientela dei risultati già ottenuti, dei propri titoli, delle proprie capacità professionali senza che ciò comporti una valutazione comparativa con l operato dei colleghi. 5. Ciascun operatore si impegna a non proporre alla clientela, né occasionalmente, tanto meno sistematicamente, a proporre alla clientela prestazioni e/o trattamenti a prezzi manifestamente inferiori rispetto a quelli ordinariamente applicati nel settore.

5 6. Ogni operatore si impegna altresì a non utilizzare nelle forme di comunicazione alla clientela quali, a titolo puramente esemplificativo, manifesti, volantini, biglietti, insegne, carta intestata; indicazioni e/o espressioni ingannevoli in ordine ai propri titoli o qualifiche, alle prestazioni e/o trattamenti effettivamente svolti, ai risultati ottenibili o ai prezzi praticati. ARTICOLO 10 Rapporti con medici ed altre professionalità sanitarie 1. Nell esercizio della professione e nell interesse dei clienti, l estetista professionista deve attenersi al principio del rispetto reciproco e della salvaguardia delle specifiche competenze nei confronti di tutti i professionisti delle attività inerenti il benessere psico-fisico e la salute del cliente. 2. Mette a disposizione dei colleghi e degli altri professionisti del settore il frutto delle proprie esperienze tecnicoprofessionali e deve favorire l incontro con altri professionisti del settore medico-scientifico (medici, fisioterapisti, psicologi, etc.). 7. Deve astenersi dal giudicare l operato degli altri professionisti del settore e, in caso di osservazioni riguardanti una prescrizione di trattamento, è tenuto a rivolgersi direttamente al prescrivente, senza screditarlo con il cliente. 3. Può operare forme di pubblicità, e/o informazione in favore di altri professionisti e relative strutture, al fine di completare la sua azione professionale nei confronti del cliente. 4. I rapporti con colleghi ed altri professionisti non devono essere motivati e condizionati da reciproci interessi economici. ARTICOLO 11 Della pubblicità 1. La pubblicità intesa come comunicazione veritiera e corretta relativa a prodotti o servizi, deve essere realizzata come servizio di pubblica utilità per l informazione al pubblico. L estetista deve tenere conto della sua influenza sul cliente e non abusare di essa. 2. Egli partecipa e promuove campagne di sensibilizzazione a fine preventivo, dopo opportuna certificazione dello stato di preparazione in materia, da parte di ConfEstetica e del sistema E.C.E. (Educazione Continua in Estetica). 3. E obbligato a denunziare pubblicità ingannevoli, che possano lezionare l immagine della categoria. 8. Il titolare o direttore dell istituto, centro estetico, centro benessere, SPA, day- SPA, istituto termale, deve curare che qualsiasi forma di pubblicità presente nel proprio esercizio sia legittima e conforme all etica professionale. 9. E vietato ogni atto promozionale che configuri concorrenza sleale di cui all articolo 2598 del Codice Civile, o che limiti il diritto di libera scelta dell istituto, centro estetico, centro benessere, SPA, day-spa, istituto termale, da parte del cliente. 10. Permane l obbligo di conformare il proprio comportamento ai principi della correttezza e del decoro professionale. 11. E conforme alle norme deontologiche, rendere noti al pubblico, ai fini del rispetto del diritto dei clienti ad essere informati, dati ed elementi conoscitivi veritieri e corretti relativi ai servizi prestati, ai prezzi praticati, non chè ai servizi. 4. Il titolare o direttore dell istituto, centro estetico, centro benessere, SPA, day-spa, istituto termale, deve allestire o far allestire dai propri collaboratori, vetrine che diano un immagine consona al ruolo primario di trattamento del benessere psico-fisico e centro servizi estetici professionali, che ogni esercizio è chiamato a svolgere. CAPO IV SANZIONI ARTICOLO Il mancato rispetto delle norme previste dal presente codice darà luogo all applicazione di sanzioni che, commisurate alla gravità dei fatti contestati, verranno irrogate al fine di salvaguardare l immagine di Confestetica e di tutti i suoi associati. 2. Le sanzioni gradualmente applicabili saranno: a) la censura scritta, b) sospensione, c) espulsione. 3. Il Consiglio direttivo di Confestetica dopo accurata disamina della violazione contestata ed entro due mesi dal ricevimento della denuncia scritta provvederà o ad archiviare la posizione o ad irrogare la sanzione più equa. 4. Il Consiglio direttivo, in ogni caso provvederà a comunicare per via telematica o a mezzo raccomandata l esito della procedura al diretto interessato.

6

Regione Liguria SCEGLI CHI LAVORA ALLA LUCE DEL SOLE

Regione Liguria SCEGLI CHI LAVORA ALLA LUCE DEL SOLE Regione Liguria SCEGLI CHI LAVORA ALLA LUCE DEL SOLE TITOLO I. P R I N C I P I G E N E R A L I 4. ART. 1 - Finalità Il presente codice deontologico contiene norme comportamentali finalizzate a qualificare

Dettagli

Rapporti con i medici, i veterinari ed altri sanitari. Rapporti con i maestri e con i tirocinanti

Rapporti con i medici, i veterinari ed altri sanitari. Rapporti con i maestri e con i tirocinanti CODICE DEONTOLOGICO DELLA PROFESSIONE DI FARMACISTA Il "Codice Deontologico del Farmacista", è stato approvato dal Consiglio Nazionale della Federazione degli Ordini in data 13 dicembre 2000. Premessa

Dettagli

TITOLO II- Svolgimento dell'attività

TITOLO II- Svolgimento dell'attività Carta dei Servizi per le imprese aderenti a EDILIZIALIGURIA TITOLO I - Principi generali ART. 1 - Finalità 1. La presente Carta dei Servizi contiene norme comportamentali finalizzate a qualificare l'attività

Dettagli

CARTA SERVIZI. YouLiguria, Itinerari e turismo di qualità in Liguria

CARTA SERVIZI. YouLiguria, Itinerari e turismo di qualità in Liguria [ALLEGATO A] CARTA SERVIZI YouLiguria, Itinerari e turismo di qualità in Liguria Art. 1 Principi generali 1.1 Il sito internet realizzato da Confartigianato Liguria, si propone come portale interattivo

Dettagli

Codice Deontologico del Revisore Contabile

Codice Deontologico del Revisore Contabile Codice Deontologico del Revisore Contabile Premessa Il presente codice costituisce il complesso dei doveri cui deve attenersi il Revisore Contabile aderente alla Libera Associazione Istituto Nazionale

Dettagli

Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE

Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE Allegato B al Regolamento Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE LegalMedia Organismo di mediazione Società a responsabilità

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO PRINCIPI GENERALI

CODICE DEONTOLOGICO PRINCIPI GENERALI CODICE DEONTOLOGICO L Associato ANAP esercita la propria attività in piena libertà, autonomia ed indipendenza, per tutelare i diritti e gli interessi del cliente, assicurando la conoscenza delle norme

Dettagli

Codice di condotta. Titolo I. Oggetto e campo di applicazione

Codice di condotta. Titolo I. Oggetto e campo di applicazione Codice di condotta Titolo I. Oggetto e campo di applicazione 1. Definizione Il codice di condotta contiene l insieme dei principi e delle regole che orientano e guidano il comportamento del Formatore nell

Dettagli

Tivoli, 18.11.2009. Relatore dott. Enrico Crisci ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TIVOLI

Tivoli, 18.11.2009. Relatore dott. Enrico Crisci ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TIVOLI ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TIVOLI ASSOCIAZIONE DOTTORI E RAGIONIERI COMMERCIALISTI Tivoli, 18.11.2009 Relatore dott. Enrico Crisci Il nome "deontologia" deriva dal greco

Dettagli

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute CODICE ETICO Al fine di favorire la qualità e il prestigio dell attività svolta dalla Società Italiana delle scienze

Dettagli

F.I.M.A.A. Federazione Italiana mediatori Agenti D Affari CODICE DEONTOLOGICO CAPITOLO I: PRINCIPI GENERALI E FINALITA

F.I.M.A.A. Federazione Italiana mediatori Agenti D Affari CODICE DEONTOLOGICO CAPITOLO I: PRINCIPI GENERALI E FINALITA F.I.M.A.A Federazione Italiana mediatori Agenti D Affari CODICE DEONTOLOGICO CAPITOLO I: PRINCIPI GENERALI E FINALITA Art.1 _ Codice deontologico: principi generali a) I principi ispiratori del presente

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

Codice di deontologia osteopatica

Codice di deontologia osteopatica SOCIETA ITALIANA DI OSTEOPATIA Codice di deontologia osteopatica ANNO 2014 2 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Definizione Il Codice di deontologia osteopatica di seguito indicato con il termine di Codice

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico CODICE ETICO Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico Revisionato e approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 11.12.2014 INDICE PREMESSA pag. 04 1. Ambito di applicazione pag. 05 2. Valore contrattuale

Dettagli

CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA

CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA Il nostro settore svolge un ruolo di primo piano nello sviluppo economico del Paese e nel dialogo fra imprese e consumatori, fra Pubblica Amministrazione e cittadino

Dettagli

APAM. esercizio spa CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO. APAM esercizio spa - Codice etico e di comportamento

APAM. esercizio spa CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO. APAM esercizio spa - Codice etico e di comportamento APAM esercizio spa 1 CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO Indice 1. PREMESSA BREVE PROFILO DELLA SOCIETÀ pag. 3 2. PRINCIPI GENERALI 2.1 Contenuto e finalità del codice etico pag. 4 2.2 Destinatari del codice

Dettagli

CODICE ETICO AZIENDALE

CODICE ETICO AZIENDALE Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione di Orienta S.p.a del 15/12/2010 INDICE 1. INTRODUZIONE 3 2. VALORI ETICI 3 3. CRITERI DI CONDOTTA 3 4. COMPORTAMENTO SUL LUOGO DI LAVORO 6 5. CONFLITTTO

Dettagli

CODICE ETICO. LA CASCINA Soc. Coop. p.a. D. Lgs. 231/01

CODICE ETICO. LA CASCINA Soc. Coop. p.a. D. Lgs. 231/01 CODICE ETICO LA CASCINA Soc. Coop. p.a. D. Lgs. 231/01 INDICE INTRODUZIONE 3 1. PRINCIPI GENERALI 3 2. GESTIONE DEGLI AFFARI 4 3. AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ 5 4. RAPPORTI CON I TERZI 6 5. TUTELA DELLA

Dettagli

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste CODICE DI COMPORTAMENTO

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste CODICE DI COMPORTAMENTO CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE CRALPoste CODICE DI COMPORTAMENTO Roma, 31 Marzo 2005 INDICE Premessa pag. 3 Destinatari ed Ambito di applicazione pag. 4 Principi generali pag.

Dettagli

CODICE ETICO DI AUTODISCIPLINA. Premessa

CODICE ETICO DI AUTODISCIPLINA. Premessa 1 CODICE ETICO DI AUTODISCIPLINA Premessa TEMPI MODERNI S.p.A. Agenzia per il Lavoro opera da 5 anni in prevalenza nel settore della somministrazione di lavoro temporaneo a tempo determinato ed indeterminato.

Dettagli

CODICE ETICO Approvato dai membri del CDA a ottobre 2011

CODICE ETICO Approvato dai membri del CDA a ottobre 2011 CODICE ETICO Approvato dai membri del CDA a ottobre 2011 2 Premessa Con il la Belli S.r.l. vuole creare una sorta di carta dei diritti e doveri morali che definiscono la responsabilità etico-sociale di

Dettagli

CODICE ETICO DI COMPORTAMENTO MAS S.R.L.

CODICE ETICO DI COMPORTAMENTO MAS S.R.L. CODICE ETICO DI COMPORTAMENTO MAS S.R.L. Codice Etico Indice 1. Missione e valori...1-2 2. Regole generali...3 2.1 Osservanza delle regole generali e comportamento etico.3 2.2 Esclusività...4 3. Responsabilità...4

Dettagli

R E G G I O E M I L I A PROTOCOLLO DEONTOLOGICO DELLE IMPRESE DI SERVIZI

R E G G I O E M I L I A PROTOCOLLO DEONTOLOGICO DELLE IMPRESE DI SERVIZI R E G G I O E M I L I A PROTOCOLLO DEONTOLOGICO DELLE IMPRESE DI SERVIZI 2 Sommario Prima parte: disposizioni generali... 5 1. Finalità... 5 2. Accettazione del Protocollo deontologico... 5 3. Comitato

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA DELLE INFORMAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI ONORARI GRATUITI DI STUDIO, RICERCA E/O CONSULENZA E PER LA FREQUENZA VOLONTARIA NON A FINI DI FORMAZIONE

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI ONORARI GRATUITI DI STUDIO, RICERCA E/O CONSULENZA E PER LA FREQUENZA VOLONTARIA NON A FINI DI FORMAZIONE REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI ONORARI GRATUITI DI STUDIO, RICERCA E/O CONSULENZA E PER LA FREQUENZA VOLONTARIA NON A FINI DI FORMAZIONE Indice: Art./Capo Titolo Pagina I Disposizioni generali

Dettagli

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Novembre 2012

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Novembre 2012 POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA Novembre 2012 Premessa 1. Il Codice etico aziendale contiene i principi di comportamento per la conduzione dell attività di

Dettagli

Codice Deontologico. Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori

Codice Deontologico. Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori Codice Deontologico Approvato dall Assemblea Ordinaria dei Consorziati con Delibera del 28/09/2011 INDICE 1. Premessa 2. Destinatari 3. Scopo 4. Principii, doveri, responsabilità e modelli di comportamento

Dettagli

Castenaso, 15/10/2014 CODICE ETICO

Castenaso, 15/10/2014 CODICE ETICO 1 CODICE ETICO INDICE 2 - INTRODUZIONE E DESTINATARI. - VALORI. - PRINCIPI FONDAMENTALI. - RAPPORTI CON: Personale e collaboratori; Terzi. - SANZIONI DISCIPLINARI. INTRODUZIONE E DESTINATARI. TEMA RICERCA

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0185690.28-12-2012-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0185690.28-12-2012-U CONVENZIONE SULLE MODALITA DI SVOLGIMENTO DA PARTE DEGLI INTERMEDIARI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 3, DEL D.P.R. N. 322 DEL 1998 DEL SERVIZIO DI PAGAMENTO CON MODALITA TELEMATICHE, IN NOME E PER CONTO DEL

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.IMMOBILIAREPRIMA.IT

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.IMMOBILIAREPRIMA.IT 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.IMMOBILIAREPRIMA.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA

Dettagli

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Sommario Premessa 0.1 Obiettivi 0.2 Adozione 0.3 Diffusione 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento Sezione I Rapporti con l esterno 1.1 Competizione

Dettagli

La presente Carta Etica vuole ispirare una buona pratica professionale in ragione del benessere e dell efficacia dalla relazione Coach Cliente.

La presente Carta Etica vuole ispirare una buona pratica professionale in ragione del benessere e dell efficacia dalla relazione Coach Cliente. La Carta etica: sappiamo quanto la nostra professione sia delicata sotto un profilo etico. La carta non vuole essere un codice prescrittivo, ma una fonte di ispirazione per i coach che vogliono essere

Dettagli

BOTTO POALA S.p.A. BOTTO POALA S.P.A. CODICE ETICO AZIENDALE. approvato dal C.D.A. di Botto Poala S.p.A. il 29 Marzo 2012 rev 00 INDICE

BOTTO POALA S.p.A. BOTTO POALA S.P.A. CODICE ETICO AZIENDALE. approvato dal C.D.A. di Botto Poala S.p.A. il 29 Marzo 2012 rev 00 INDICE BOTTO POALA SpA Pagina 1 di 5 Rev 00 del BOTTO POALA SPA CODICE ETICO AZIENDALE approvato dal CDA di Botto Poala SpA il 29 Marzo 2012 rev 00 INDICE 1 Premessa - Definizioni Pag 1 2 Obiettivi e valori Pag

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.GUERRINOSTYLE.IT

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.GUERRINOSTYLE.IT 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.GUERRINOSTYLE.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA DELLE

Dettagli

ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO

ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO PREMESSA L Associazione "ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE o più brevemente ANTICRISI.NET, ha scelto di dotarsi di un Codice Etico. Adottare un Codice

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DELLA GALBUSERA ASSICURAZIONI S.A.S.

CODICE DI COMPORTAMENTO DELLA GALBUSERA ASSICURAZIONI S.A.S. CODICE DI COMPORTAMENTO DELLA GALBUSERA ASSICURAZIONI S.A.S. E DEI PROPRI COLLABORATORI 1. CODICE DI COMPORTAMENTO DELLA GALBUSERA ASSICURAZIONI s.a.s. VERSO IL CLIENTE 2. CODICE DI COMPORTAMENTO DELLA

Dettagli

CSEN AREA DISCIPLINE OLISTICHE E DEL BENESSERE

CSEN AREA DISCIPLINE OLISTICHE E DEL BENESSERE CODICE ETICO E DEONTOLOGICO CSEN AREA DISCIPLINE OLISTICHE E DEL BENESSERE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art.1 Il Codice Etico e Deontologico è l'insieme dei principi e delle norme che lo CSEN AREA DISCIPLINE

Dettagli

Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE

Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE COMITATO DI CONTROLLO DEL CODICE ETICO DENUNCIA DELLE VIOLAZIONI 2 3 3

Dettagli

C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO

C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO Sommario PREMESSA... 1 1 - MISSIONE DEL CENTRO... 2 2 - VALORI ETICI - SOCIALI... 3 3 - CONDUZIONE DEGLI AFFARI... 4 3.1 Principi generali...

Dettagli

Codice Etico. Gennaio 2010

Codice Etico. Gennaio 2010 Codice Etico Gennaio 2010 ( SOMMARIO ) CAPO I IL VALORE DEL CODICE ETICO Pag. 2 CAPO II DESTINATARI E AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 2 CAPO III MISSIONE Pag. 3 CAPO IV STRUMENTI DI ATTUAZIONE DELLA MISSIONE

Dettagli

INFORMATICA TRENTINA SpA Codice Etico e di comportamento interno

INFORMATICA TRENTINA SpA Codice Etico e di comportamento interno INFORMATICA TRENTINA SpA Codice Etico Approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 29/03/2010 PRINCIPALI MODIFICHE RISPETTO ALLA VERSIONE PRECEDENTE Data Versione Modifiche apportate 06/07/2009

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE CODICE ETICO MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE Sommario Premessa 2 0.1 Obiettivi 2 0.2 Adozione 2 0.3 Diffusione 2 0.4 Aggiornamento 2 Rapporti con l esterno 3 1.1 Competizione 3 1.2 Relazioni 3 1.3

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

CODICE ETICO- DEL REVISORE CONDOMINIALE. (approvato in data 30 GENNAIO 2015 dal Consiglio Direttivo )

CODICE ETICO- DEL REVISORE CONDOMINIALE. (approvato in data 30 GENNAIO 2015 dal Consiglio Direttivo ) CODICE ETICO- DEL REVISORE CONDOMINIALE (approvato in data 30 GENNAIO 2015 dal Consiglio Direttivo ) REVCOND ASSOCIAZIONE REVISORI CONDOMINIALI PREAMBOLO quale parte integrante del presente Codice Il revisore

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria via Piria n 2, 89127 REGGIO CALABRIA - 0965 28547 0965 313252 Anno Scolastico 2011/2012 Premesso che Ai Genitori Agli Alunni Ai Docenti Al Personale ATA La scuola non è soltanto ambiente di apprendimento

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO DEI SOCI AOBI. Principi generali

CODICE DEONTOLOGICO DEI SOCI AOBI. Principi generali Principi generali 1. I Soci AOBI, in particolare i Soci Ordinari e i Soci Professionali, nell esercizio della propria attività ed anche al di fuori di essa, devono uniformare il proprio comportamento all

Dettagli

CODICE ETICO DELLA SOCIETA ISI ITALIA

CODICE ETICO DELLA SOCIETA ISI ITALIA CODICE ETICO DELLA SOCIETA ISI ITALIA 1. Premessa ISI Italia srl ( di seguito ISI e/o Società ) adotta il seguente Codice di comportamento al fine di promuovere l insieme dei principi etici a cui la società

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

CODICE ETICO. Onlus SOMMARIO. 1 Premessa 2 Principi generali. 3 Organo di vigilanza 4 Sanzioni disciplinari 5 Disposizioni finali

CODICE ETICO. Onlus SOMMARIO. 1 Premessa 2 Principi generali. 3 Organo di vigilanza 4 Sanzioni disciplinari 5 Disposizioni finali CODICE ETICO SOMMARIO 1 Premessa 2 Principi generali 2.1 Principio di legittimità morale 2.2 Principio di equità e uguaglianza 2.3 Principio di diligenza 2.4 Principio di trasparenza 2.5 Principio di onestà

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA 2. DISPOSIZIONI COMUNI 2.1 DESTINATARI 2.2 RESPONSABILITÀ DELL ASSOCIAZIONE

INDICE 1. PREMESSA 2. DISPOSIZIONI COMUNI 2.1 DESTINATARI 2.2 RESPONSABILITÀ DELL ASSOCIAZIONE CODICE ETICO INDICE 1. PREMESSA 2. DISPOSIZIONI COMUNI 2.1 DESTINATARI 2.2 RESPONSABILITÀ DELL ASSOCIAZIONE 3. PRINCIPI ETICI DELL ASSOCIAZIONE 3.1 VALORE STRATEGICO DELLE RISORSE UMANE 3.2 LEGALITA 3.3

Dettagli

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti CODICE ETICO e di CONDOTTA Della Monica & Partners Srl Società tra Professionisti Giugno 2014 INDICE... 2 ARTICOLO 1 PREMESSA... 3 ARTICOLO 2 OBIETTIVI E VALORI... 3 ARTICOLO 3 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO...

Dettagli

L AMMINISTRATORE UNICO

L AMMINISTRATORE UNICO CUALBU S.R.L. Sede in Cagliari Via Galassi n.2 Capitale sociale euro 1.560.000,00 i.v. Codice Fiscale e n di iscrizione al Registro Imprese di Cagliari 00264500927 e R.E.A. 84787 Si dà atto che in data

Dettagli

VICINI S.p.A. CODICE ETICO

VICINI S.p.A. CODICE ETICO VICINI S.p.A. CODICE ETICO INDICE 1. PREMESSA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. PRINCIPI DI RIFERIMENTO E NORME DI COMPORTAMENTO 4. EFFICACIA DEL CODICE ETICO E SUE VIOLAZIONI 1. PREMESSA Il presente Codice

Dettagli

CODICE ETICO DI OPEN SERVICE S.r.l.

CODICE ETICO DI OPEN SERVICE S.r.l. CODICE ETICO DI OPEN SERVICE S.r.l. INDICE Soggetti destinatari (art. 1) Oggetto (art. 2) Comportamento della Società (art. 3) Principi base nel comportamento (art. 4) 4.1 Responsabilità 4.2 Utilizzo dei

Dettagli

COMUNE DI MUSILE DI PIAVE

COMUNE DI MUSILE DI PIAVE COMUNE DI MUSILE DI PIAVE PROVINCIA DI VENEZIA Piazza XVII Giugno, 1-30024 Musile di Piave tel. 0421/5921 fax 0421/52385 MUSILE di PIAVE STATUTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Adottato

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO TESTO VIGENTE con le modifiche approvate dal C.N.F. nella seduta del 27 gennaio 2006

CODICE DEONTOLOGICO TESTO VIGENTE con le modifiche approvate dal C.N.F. nella seduta del 27 gennaio 2006 MODIFICHE AL CODICE DEONTOLOGICO in attuazione della legge 4 AGOSTO 2006 N. 248 APPROVATE DAL C.N.F. NELLA SEDUTA DEL 14 DICEMBRE 2006 con le indicazioni emerse nel corso dell incontro con i Presidenti

Dettagli

Codice di Comportamento Aziendale

Codice di Comportamento Aziendale ALLEGATO 2 Codice di Comportamento Aziendale 1. DESTINATARI - COMUNICAZIONE ED INFORMAZIONE I principi e le disposizioni del presente Codice di Comportamento aziendale sono vincolanti per tutti gli amministratori,

Dettagli

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP)

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Art. 1 Principi generali e Oggetto. Il presente statuto disciplina l organizzazione interna dell ORGANISMO DI MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE

Dettagli

AIDP Associazione Italiana Direzione del Personale

AIDP Associazione Italiana Direzione del Personale Codice Etico / rev. 11 Maggio 2008 AIDP Associazione Italiana Direzione del Personale Il Codice Etico e Deontologico del Professionista delle Risorse Umane, di seguito riportato, contiene una serie di

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI PRESSO MINISTERO DELLA GIUSTIZIA CODICE DI DEONTOLOGIA PROFESSIONALE DEI GEOMETRI Approvato con Delibera del 7 giugno 2005 SOMMARIO Introduzione Pagina 3 Titolo I Dei principi

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.TRCSHIPPING.EU

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.TRCSHIPPING.EU 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.TRCSHIPPING.EU Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA DELLE

Dettagli

MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI

MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI Allegato 1 MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI A) CODICE DEONTOLOGICO DEI MEDIATORI CREDITIZI INVESTITI DI INCARICHI DI MEDIAZIONE E CONSULENZA

Dettagli

CARTA INTESTATA PREMESSA

CARTA INTESTATA PREMESSA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA AI FINI DI SICUREZZA, TUTELA DEL PATRIMONIO, CONTROLLO E MONITORAGGIO DEGLI ACCESSI, AI FINI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione INDICE 1. PREMESSA 3 2. OBIETTIVI

Dettagli

PROFESSIONALE DEL DOTTORE COMMERCIALISTA. a cura di Alessandro Lini Dottore commercialista e Presidente Fondazione Centro Studi UNGDCEC

PROFESSIONALE DEL DOTTORE COMMERCIALISTA. a cura di Alessandro Lini Dottore commercialista e Presidente Fondazione Centro Studi UNGDCEC CODICE DI DEONTOLOGIA PROFESSIONALE DEL DOTTORE COMMERCIALISTA a cura di Alessandro Lini Dottore commercialista e Presidente Fondazione Centro Studi UNGDCEC Deontologia e etica La professione di dottore

Dettagli

CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR

CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR Aut. Min. Lav. 1118/SG del 26/11/04 INDICE 1.INTRODUZIONE 3 2.VALORI ETICI 3 3.CRITERI DI CONDOTTA 4 4 Relazioni con gli azionisti 4 Relazioni con interlocutori esterni

Dettagli

INFORMATICA Alto Adige SPA

INFORMATICA Alto Adige SPA Approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 20/03/2012 INFORMATICA Alto Adige SPA Codice Etico e di comportamento interno Pagina 1 di 12 PRINCIPALI MODIFICHE RISPETTO ALLA VERSIONE PRECEDENTE

Dettagli

La Formazione professionale continua

La Formazione professionale continua La Formazione professionale continua E scattato per gli avvocati l obbligo della formazione professionale continua, con la partecipazione (obbligatoria) ad eventi formativi per conseguire in un triennio

Dettagli

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DEL D. LGS. N.

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DEL D. LGS. N. PRIVACY POLICY Le presenti linee programmatiche di condotta relative alla disciplina della riservatezza e della privacy (la Privacy Policy ) si riferiscono al sito www.vision- group.it ed hanno ad oggetto

Dettagli

PROTOCOLO INTERNO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE

PROTOCOLO INTERNO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE . PROT 6 Pag 1/7 PROTOCOLO INTERNO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . PROT 6 Pag 2/7 PARTE

Dettagli

MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI

MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI Allegato 1 MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI A) CODICE DEONTOLOGICO DEI MEDIATORI CREDITIZI INVESTITI DI INCARICHI DI MEDIAZIONE E CONSULENZA

Dettagli

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli)

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) 1. Le tappe di un lungo percorso La riforma della professione di architetto è frutto di un lungo percorso, il cui punto di partenza può essere

Dettagli

III.A.1. CODICE ETICO

III.A.1. CODICE ETICO III.A.1. CODICE ETICO 1. FINALITA' La Casa di Cura Villa Aurora S.p.a., al fine di definire con chiarezza e trasparenza l insieme dei valori ai quali l'ente si ispira per raggiungere i propri obiettivi,

Dettagli

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 CODICE ETICO Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008 Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 (revisione approvata con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO. del Tecnico di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare. Sommario. A cura dell ANPEC Anno 2005 ART.

CODICE DEONTOLOGICO. del Tecnico di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare. Sommario. A cura dell ANPEC Anno 2005 ART. CODICE DEONTOLOGICO del Tecnico di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare A cura dell ANPEC Anno 2005 Sommario DISPOSIZIONI GENERALI... 2 ART. 1 RESPONSABILITÀ PERSONALE... 3 ART.

Dettagli

La Funzione di Compliancein Banca. Nino Balistreri Consulente ABI Formazione

La Funzione di Compliancein Banca. Nino Balistreri Consulente ABI Formazione La Funzione di Compliancein Banca Nino Balistreri Consulente ABI Formazione Sommario L inquadramento normativo della funzione di compliance L ambito normativo di competenza Il processo di operativo 2 Banca

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.IMMOBILIAREANDREACRUCIANI.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA

Dettagli

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5 Sommario PREMESSA... 2 CAPO I... 3 DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Ambito di applicazione e Destinatari 3 Art. 2 - Principi generali... 3 Art. 3 - Comunicazione... 3 Art. 4 - Responsabilità... 3 Art.

Dettagli

Regolamento docenti ANNO SCOLASTICO 2013/14

Regolamento docenti ANNO SCOLASTICO 2013/14 Regolamento docenti ANNO SCOLASTICO 2013/14 FONTI NORMATIVE Ogni docente è tenuto a rispettare quanto contenuto nel contratto di lavoro individuale, nel contratto collettivo AGIDAE, nel Progetto Educativo,

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO

REGOLE DI COMPORTAMENTO REGOLE DI COMPORTAMENTO Missione e valori La Finprest Srl, agente in attività finanziaria con iscrizione BANCA D ITALIA nr. A7739, opera nel settore del credito al consumo mediante concessione di finanziamenti

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

Codice Etico. ai sensi del D.Lgs. 231/01e s.m.i. Porto Antico di Genova S.p.A. Edizione 11 novembre 2013

Codice Etico. ai sensi del D.Lgs. 231/01e s.m.i. Porto Antico di Genova S.p.A. Edizione 11 novembre 2013 ai sensi del D.Lgs. 231/01e s.m.i. Porto Antico di Genova S.p.A. Edizione 11 novembre 2013 INTRODUZIONE... 2 1.1. Il Codice Etico di Porto Antico di Genova S.p.A.... 2 1.2 Destinatari del Codice Etico...

Dettagli

Affari Generali www.aorpapardopiemonte.it email: @aorpapardopiemonte.it

Affari Generali www.aorpapardopiemonte.it email: @aorpapardopiemonte.it REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE Ctr. Papardo 98158 Messina - tel.090-3991 Codice Fiscale e Partita IVA 03051880833 Affari Generali www.aorpapardopiemonte.it email:

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO ASSOMODA. Titolo I Disposizioni preliminari e princìpi generali

CODICE DEONTOLOGICO ASSOMODA. Titolo I Disposizioni preliminari e princìpi generali CODICE DEONTOLOGICO ASSOMODA Titolo I Disposizioni preliminari e princìpi generali Art. 1 Finalità del Codice Art. 2 Rispetto dei princìpi dell ordinamento, delle norme del Codice e degli usi Art. 3 Regole

Dettagli

Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI

Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Le disposizioni contenute nel presente Codice Etico esprimono i principi fondamentali cui si ispira

Dettagli

Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Codice Etico. di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Pagina 1

Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Codice Etico. di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Pagina 1 Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. 2012 Pagina 1 INDICE Sommario MISSION... 3 1. FINALITA E AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 2. PRINCIPI DEL CODICE

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi PRIVACY E SICUREZZA LA PRIVACY DI QUESTO SITO In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Tale politica

Dettagli

Rev. 1 del 10.09.2014 CODICE ETICO

Rev. 1 del 10.09.2014 CODICE ETICO Rev. 1 del 10.09.2014 CODICE ETICO INDICE INTRODUZIONE... 1 I. PRINCIPI GENERALI... 2 II. COMPORTAMENTO nella GESTIONE degli AFFARI... 3 A) Rapporti con i clienti.... 3 B) Rapporti con i fornitori....

Dettagli

DOMANDA DI MEDIAZIONE

DOMANDA DI MEDIAZIONE DOMANDA DI MEDIAZIONE Sede prescelta: POTENZA LAGONEGRO MATERA NAPOLI Persona Fisica cognome Parte Istante nome nato il a Persona Giuridica denominazione codice fiscale titolare/legale rappresentante certificata

Dettagli

LA PICCOLA CASA DEL RIFUGIO Ente Morale R. D. 13 Ottobre 1885 Via Antonini 3, 20141, Milano

LA PICCOLA CASA DEL RIFUGIO Ente Morale R. D. 13 Ottobre 1885 Via Antonini 3, 20141, Milano Residenza Sanitario - assistenziale per Anziani (RSA) Residenza Sanitario - assistenziale per Disabili (RSD) Centro Diurno Integrato per Anziani (CDI) CODICE ETICO Approvato il 1 dicembre 2014 LA PICCOLA

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO E DI CONDOTTA PROFESSIONALE

CODICE DEONTOLOGICO E DI CONDOTTA PROFESSIONALE CODICE DEONTOLOGICO E DI CONDOTTA PROFESSIONALE di ANACI (Associazione Nazionale Amministratori Condominiali ed Immobiliari) Elaborata dalla Commissione preposta alla data del 15 marzo 2015 Approvato in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. FERRARIS Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di I Grado Tel. 0742 651248-301635. Fax. 0742 651375

ISTITUTO COMPRENSIVO G. FERRARIS Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di I Grado Tel. 0742 651248-301635. Fax. 0742 651375 1 ISTITUTO COMPRENSIVO G. FERRARIS Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di I Grado Tel. 0742 651248-301635. Fax. 0742 651375 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI VOLONTARI PER IL MIGLIORAMENTO DELL OFFERTA

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

COMUNE DI MELEGNANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA

COMUNE DI MELEGNANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA COMUNE DI MELEGNANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento. Principi generali 1. Il Comune di Melegnano riconosce e

Dettagli

Codice Etico ANDI Codice etico Principi generali Norme di condotta Approvazione

Codice Etico ANDI Codice etico Principi generali Norme di condotta Approvazione Codice Etico ANDI Il Codice etico è la carta dei diritti e dei doveri che definisce la responsabilità di ogni associato. Il Codice indirizza gli Associati al rispetto dei valori fondanti della Associazione.

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli