Anno 1 numero 0 NON CHIUDERE GLI OCCHI APRI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno 1 numero 0 NON CHIUDERE GLI OCCHI APRI"

Transcript

1 Anno 1 numero 0 NON CHIUDERE GLI OCCHI APRI

2 22 l intervista NON CHIUDERE GLI OCCHI APRI le Dolomiti 18 rubriche Notizie in pillole Fotografia Letto per voi In viaggio Nel nome della legge I nostri soldi cover story 10 Dopo la vittoria Le dolomiti ingabbiate Paesaggi mozzafiato Ipse dixit curiosità 26 Con gli occhi al cielo spettacoli 28 Belluno di sera 2 le dolomiti la manifestazione 29 Cortina InConTra 31 la scuola A Belluno un centro estivo ambiente 1

3 N otizie in pillole Il Veneto è una delle regioni italiane alle quali l Anas riserva la maggiore attenzione: tra lavori stradali e autostradali in corso, in fase di avvio e programmati, si arriva ad oltre 6,6 miliardi di euro, di cui 3,6 miliardi relativi alla rete Anas e 3 miliardi relativi alla rete autostradale in concessione. È quanto ha dichiarato il Condirettore Generale dell Anas Stefano Granati, a margine della cerimonia di apertura al traffico del IV Lotto della Variante di Portogruaro (che ha inizio dall innesto con la ex strada statale 251 di Zoldo e della Valcellina e termina raccordandosi con la ex strada statale 463 del Tagliamento). Nell ultimo triennio nella Regione Veneto l Anas ha aperda Catena umana sulle TRE CIME DI LAVAREDO, seimila persone per l Africa Oltre seimila persone hanno abbracciato questa mattina le tre cime di Lavaredo per chiedere ai grandi della terra di rispettare gli impegni nei confronti dei Paesi del sud del mondo. Una grande festa, quella che si è svolta a Misurina in occasione della manifestazione «G8 - Le Dolomiti incontrano l Africa» che ha visto lo stringersi di dodicimila mani in un suggestivo girotondo colorato di famiglie, giovani e boy-scout. Migliaia di mani, ma anche migliaia di voci che hanno intonato canti di montagna come La Montanara e Stelutis Alpinis oltre agli jodler. Tra i presenti l artista Moni Ovadia, il Vescovo di Belluno-Feltre monsignor Giuseppe Andrich, il cantautore veneto Gualtiero Bertelli, gli sportivi Pietro Piller Cottrer campione di sci di fondo e l alpinista Fausto De Stefani. Da Vienna è arrivata Hannelore Bakri che per tanti anni ha lavorato all agenzia atomica dell Onu come aiutante di El Baradei, anche nel periodo dei controlli in Iraq. Tra coloro che non hanno potuto essere presenti sulle Dolomiti, ma che hanno sostenuto la manifestazione di solidarietà, Paolo Pau Bruni per i Negrita, Francesco Baccini e Liam O Maonlai (cantante della band irlandese Hothouse Flowers), che hanno inviato dei video-messaggi pubblicati sul canale di YouTube creato apposta per l occasione (http://www.youtube.com/user/dolomita- FRICAG8). Messaggi di sostegno anche dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ed ancora dal Presidente della Camera Gianfranco Fini, dal Presidente del Summit dei Premi Nobel per la Pace Walter Veltroni, dal Presidente del Gruppo di lavoro Onu - Unione Africana Romano Prodi, da padre Alex Zanotelli e dalla rock star Bono Vox degli U2. ADSL nei comuni di montagna, stanziato un milione di euro Sarà di un milione di euro l importo massimo ammissibile della spesa sostenuta dalla Regione per far arrivare l ADSL in comuni del bellunese non raggiunti finora dal servizio di banda larga perché quel mercato non è considerato remunerativo dai tradizionali gestori. Lo ha precisato la Giunta veneta, su iniziativa dell assessore all informatica ed e-government Renato Chisso, che ha ritoccato al rialzo la spesa ammessa, che in un primo tempo era stata quantificata in 800 mila euro. Per queste finalità è stata adottata la cosiddetta procedura di evidenza pubblica, prevista dall Unione Europea quando si tratti i di aiuti di Stato autorizzati dalla Commissione come in questo caso. 2

4 mento economico difficile. Un contesto nuovo e pieno di insidie che vede ANFAO impegnata nel dialogo con le istituzioni e con le associazioni di categoria affini per portare avanti le proprie istanze che mirano a contrastare gli effetti negativi dell attuale crisi economica e a rilanciare la produzione italiana sul mercato interno ed internazionale. L Assemblea ha inoltre eletto i 5 vicepresidenti AN- FAO: Paolo Cannicci (Sover), Callisto Fedon (Fedon), Valter Da Rin (Trenti), Paolo Pettazzoni (Optovista) e il Past President Cirillo Marcolin (Marcolin). Le deleghe di ciascun Vice-presidente saranno decise nella prossima Giunta. L Assemblea ha dato vita, inoltre, al nuovo consiglio direttivo ANFAO, con la nomina di 10 consiglieri: Elena Berton (Arlecchino); Nicola Del Din (Pramaor); Massimo De Rigo (De Rigo Vision); Antonio De Silvestro (Diesse); Lucio Lozza (Allison); Cesare Massacesi (Joint Project); Mario Mella (Luxottica); Cristiano Milone (Mirage); Enrico Tormen (Look Occhiali); Giovanni Vitaloni (Nico Design). Per quanto riguarda Mido, Dan Emanuel Levi (Visibilia) è stato riconfermato Vicepresidente e il nuovo CdA è così composto: Rodolfo Costan (Ioves); Carlo Costan Dorigon (Gatto); Claudio D Alpaos (Saf Ottica); Massimo Pontini (Baruffaldi); Paolo Seminara (Italian Style). to al traffico 20 nuove strade o tratti stradali di grande importanza, per un importo complessivo di oltre 374 milioni di euro. È in dirittura d arrivo, tra l altro, il progetto preliminare della Variante all abitato di Cortina d Ampezzo, del valore di 591 milioni di euro, che è stato adeguato alle prescrizioni previste dalla Regione, dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Comune e che verrà prossimamente trasmesso al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. È rilevante anche il programma di potenziamento della rete autostradale veneta che, grazie al recente rinnovo delle convenzioni operato dall Anas, prevede investimenti complessivi fino al 2016 per oltre 3 miliardi di euro, con la costruzione di più di 160 km nuovi o da ammodernare. Vittorio Tabacchi resta alla guida di Mido e Anfao Vittorio Tabacchi è stato ri-eletto Presidente di ANFAO e di Mido nel corso dell assemblea annuale, tenutasi ieri sera a Belluno presso la sede di Assindustria. Già Presidente di Anfao nei bienni e , Tabacchi ha accettato la riconferma cogliendo il bisogno di continuità che il settore ha espresso in questo mo- Una sentenza della Corte Costituzionale salva le scuole di montagna «La sentenza della Corte Costituzionale ha confermato quanto da noi sostenuto nei ripetuti confronti con il ministro Gelmini. Ora è chiaro che non può essere un regolamento ministeriale imposto dall alto lo strumento con il quale dettare centralisticamente le regole. Pertanto serve il congelamento della situazione attuale, senza procedere a nessuna chiusura, accorpamento e istituzioni di pluriclassi, in quanto non fondati su presupposti giuridici validi. Al tempo stesso, chiediamo l immediata apertura da parte del governo di un confronto vero e serio, con regioni ed enti locali, non appena si saranno definite le pregiudiziali relazionali poste dalle regioni». Così il Presidente dell Uncem Enrico Borghi commenta la sentenza della Consulta n. 200/09 di ieri che dichiara l illegittimità costituzionale dell art. 64, comma 4, lettere f-bis e f-ter del decreto legge del 25 giugno 2008 n.112. Le norme dichiarate illegittime riguardano infatti il tema del ridimensionamento scolastico e in particolare nei piccoli Comuni, la maggior parte dei quali montani. 3

5 Fotografia di Adriano Barioli, Franco Cappellari e Marco Gesiot Due passioni forti che spesso sono legate tra loro. Per noi è così. Purtroppo molte volte al ritorno dai nostri viaggi ci accorgiamo che gli scatti fatti non rispecchiano le bellezze e le emozioni che ci aspettavamo di rivivere, altre volte vorremmo organizzare un viaggio appositamente per effettuare scatti da sogno ma non sappiamo come muoverci. Nasce così il progetto CLICK IN TRAVEL, imparare a fotografare viaggiando. Adriano Barioli, Franco Cappellari e Marco Gesiot mettono a vostra disposizione anni di passione esperienza e professionalità per accompagnarvi alla scoperta del mondo visto con gli occhi del fotografo. Organizziamo viaggi e workshop durante i quali con lezioni teoriche e pratiche accompagnate da un affiancamento costante, approfondiamo la tecnica fotografica, la filosofia, l approccio, i trucchi e le metodologie per ottenere scatti che vi riempiano di orgoglio e soddisfazione. E un viaggio assieme a voi vogliamo farlo proprio partendo da questa rivista, con una rubrica interattiva che dal prossimo numero vi accompagnerà alla scoperta del fantastico mondo della fotografia. Non vorremmo solamente scrivere di regole fotografiche da applicare, è un po troppo limitativo e manuali molto buoni se ne trovano in ogni libreria. Ci piacerebbe instaurare un rapporto più diretto con i lettori. All indirizzo mail eu potete inviare tutte le vostre richieste. Affronteremo assieme dubbi, perplessità e curiosità per cercare di ottenere il meglio dai nostri apparecchi fotografici senza tralasciare alcune nozioni di base di elaborazione digitale oramai necessaria a ottimizzare per la stampa gli scatti con l utilizzo del computer. Si parlerà di fotografia a 360, ritratto, still-life, reportage, naturalistica e paesaggio, tutto quello che vi incuriosisce può essere argomento di discussione in queste pagine, noi vi daremo delle tracce poi starà a voi scegliere quali argomenti trattare o approfondire. 4 AUTOSALONE LONGARONE REVISIONI aperto CENTRO REVISIONI AUTO UNICO NEL LONGARONESE Autorizz. MCTC n. 30 del Cod. Impr: BL/AE5 CARROZZERIA OFFICINA LONGARONE Via G. Protti, 21 - tel Servizio auto sostitutiva - soccorso centro autorizzato revisioni moto Via G. Protti, 2 - Zona Fiera - tel

6 Col di Salce IL LIBRO: Firmino AUTORE: Sam Savage TIPOLOGIA: narrativa Letto per voi a cura di Francesca Bianchi specialita carne e pesce alla griglia IL COMMENTO: Se mai voleste venire a conoscenza che i ratti possono essere raffinati lettori, se mai voleste assaggiare un libro per poi capire che Jane Eyre ha lo stesso gusto di una foglia di lattuga allora questo libro è per voi! Pubblicato in mille copie da una piccola casa editrice, Firmino, ha sbancato tutti i premi letterari degli Stati Uniti ed è diventato un caso internazionale. Protagonista è un topo assolutamente singolare, nato in un interstizio di una piccola libreria polverosa ed anonima, ultimo di una nidiata di fratelli aggressivi e famelici che lo lasciano sempre senza cibo, Firmino si avvicina ai libri letteralmente solo per fame per poi scoprire che leggere sazia non solo la pancia ma anche il cervello. L avventura della sua vita bohemmien si alterna alle avventure vissute attraverso le sue letture che condividerà con un balordo scrittore. La struggente poesia di questo libro ed il suo messaggio di libertà intellettuale scadono un po nel finale ma non intaccano il suo messaggio universale. PERCHE LEGGERE IL LIBRO: l arguzia, la sottile ironia di questo libro ci fanno comprendere in tono scherzoso il valore della lettura come cibo per la mente. Firmino scopre una sottile armonia prestabilita tra il sapore e la qualità letteraria e si avvicina ai libri per saziarsi la pancia per diventare poi un insaziabile lettore! Il messaggio è semplice, ma assolutamente innovativa è la modalità del racconto. Firmino camuffa dietro la forma animale un intelligenza umana raffinata, si eleva sopra la mediocrità ma scopre con tristezza la prigione della sua condizione animale e lo scarto che c è tra ideale e reale anche se il cossidetto mondo reale visto da quello animale non è esattamente lusinghiero! 5

7 6

8 In viaggio di Stefania Mafalda L estate, la stagione più amata, tardava ad arrivare quest anno. Abbiamo trascorso un inverno molto freddo, una primavera inesistente e nei mesi di giugno e luglio abbiamo assistito a fenomeni meteorologici sconcertanti. Ci è capitato di avvertire contemporaneamente il caldo e il freddo, di osservare un timido sole seminascosto tra le nuvole mentre la pioggia insistente non si stancava mai di cadere. Insomma stavamo vivendo un inizio d estate che assomigliava molto di più ad un autunno pazzerello. Ed è per questo motivo che quest anno, più degli altri anni, molti dei già numerosi ritardatari organizzatori delle proprie vacanze saranno ancora più pigri nelle loro scelte; sono sicura che decideranno la meta della loro villeggiatura solo qualche giorno prima di andare in ferie per poi riflettere su come fare e quanto spendere per concedersi senza troppe fatiche una breve pausa dal lavoro. E nella fretta si penserà ad agire subito senza aver disegnato un progetto vacanza con un elenco di step da seguire. Per questo gruppo di persone ho pensato a 3 rapidi consigli per organizzare una vacanza last minute, prima di leggerli consiglio di definire un budget di spesa a disposizione, messo da parte durante l anno, per partire in vacanza. Tre semplici passi da fare e dedicati a coloro che ragionano con il motto meglio tardi che mai! 1. Navigate su un sito internet ricco di proposte viaggi all ultimo minuto per chi viaggia da solo, in coppia, con famiglia o con un amico a quattro zampe. Sul portale si può anche bloccare l offerta prescelta attraverso un sistema di prenotazione on line. Ricco di informazioni, è incredibile la velocità con cui vengono aggiornati non solo i last minute ma anche i last second in un link dedicato a chi è sempre pronto per partire per un viaggio all ultimo secondo e vuol risparmiare al massimo. La garanzia di qualità dei servizi è garantita dalla Caesar Tour. 2. Ai meno pratici di internet il consiglio è quello di correre in agenzia di viaggi. Richiedere più preventivi su più mete, le preferite, comunicando al tour operator il vostro limite di spesa, le date, le vostre esigenze ed eventuali richieste. Se trovate un tour operator svelto ed efficiente anche il giorno stesso vi richiamerà con i preventivi pronti per una valutazione e conseguente scelta. Vi consiglio l agenzia Alpine Guide in piazza dei Martiri, Belluno dove troverete Sara, Elisa e Francesca sempre pronte a consigliarvi la miglior vacanza. Provato per voi. Per info: 3. Scelto il viaggio e presi i biglietti è il momento di rilassarvi, avete ancora qualche giorno di tempo per partire. Durante la pausa di relax da stress devo organizzare la mia vacanza last minute o last second, pensate e scrivete un elenco di cose da mettere in valigia. A proposito della valigia. Vi consiglio di portarne una e grande con gli indumenti che siete sicuri di indossare. Ciò che non mettete addosso mai è inutile portarvelo dietro, rimarrebbe in valigia per tutto il tempo della vacanza. Nel beauty case evitate creme o detergenti che vi riempiono spazio prezioso. Potrete acquistarli una volta giunti nella località di soggiorno. La vacanza che sia last minute o first minute, l importante è che sia sempre una buona vacanza. 7

9 Nel nome della legge Gentile avvocato, le scrivo perchè la settimana scorsa con mio disappunto ho ricevuto per posta una multa per aver superato di 30 km orari il limite di velocità stabilito per quel tratto di strada che stavo percorrendo. Dal momento che l importo da pagare è piuttosto elevato e i punti che mi verrebbero tolti dalla patente sono ben 5, vorrei sapere, se ci sono gli estremi per fare un ricorso e, di conseguenza, per evitare di pagare la multa nonché le modalità per poterlo proporre. Le aggiungo che leggendo attentamente il verbale ho notato che l infrazione è stata commessa il giorno 23/8/2008 alle ore mentre la notifica al sottoscritto è stata effettuata in data 2/6/2009. A mio avviso è passato troppo tempo, mi sbaglio? Lettera firmata. Caro lettore, benvenuto innanzitutto nella nostra rubrica, che speriamo possa portare a voi tutti consigli utili e preziosi. L invito, dunque, è rivolto ai nostri lettori a scriverci numerosi. Tornando invece alla problematica che mi ha posto, le posso dire che lei ha perfettamente ragione. Infatti, il codice della strada e nello specifico l articolo 201 dello stesso stabilisce che, qualora non sia possibile la contestazione immediata della violazione all effettivo trasgressore, l amministrazione deve notificare il verbale con gli estremi precisi e dettagliati della violazione indicando i motivi che hanno reso impossibile la contestazione immediata entro 150 giorni dall accertamento. In caso contrario viene assolutamente meno il diritto dell Amministrazione a percepire le somme indicate a titolo di sanzione amministrativa pecuniaria, ai sensi dell articolo 201, comma 5 del codice della strada. Nel suo caso specifico questo termine non è stato rispettato; infatti da quello che leggo, l infrazione è stata commessa il 23/8/2008 mentre la notifica è avvenuta solo il 2/6/09 ossia a distanza di 10 mesi dalla commissione del fatto. Pare dunque che lei possa a buon diritto proporre ricorso avverso il verbale di accertamento che le è stato notificato ben oltre il termine di legge. Per quanto attiene invece il secondo quesito le preciso che lei potrà proporre ricorso avverso il processo verbale di accertamento - più semplicemente la multa agli organi competenti nel termine di 60 giorni dalla notifica del verbale stesso; gli organi competenti sono alternativamente il Prefetto - ai sensi dell articolo 203 del codice della strada - o il Giudice di pace - ai sensi dell articolo 204bis del codice della strada. Tenga presente che il ricorso andrà scritto su carta semplice e potrà essere consegnato a mani ovvero spedito tramite raccomandata a/ r indirizzandolo alla Cancelleria del Tribunale del Giudice di pace nel caso di ricorso diretto a quest ultimo, ovvero all ufficio del Prefetto o alla sezione polizia stradale indicata nella intestazione del verbale di accertamento. Un ultima annotazione. La competenza del Prefetto e del Giudice di Pace e sempre indicata nel verbale in suo possesso. Avvocato 8

10 I nostri soldi Buongiorno, sono un ragazzo di 28 anni e dopo la laurea ho iniziato a lavorare in uno studio di architettura. Ora ho la necessità di aprire un conto corrente e vorrei sapere come dovrei muovermi in questo mare di offerte proposte dagli istituti di credito. Tutti sembrano i migliori ma non vorrei trovarmi a sottoscrivere un contratto con delle condizioni che non voglio. Caro lettore, anche gli istituti di credito sono come un grande mercato in cui una persona va a caccia dell offerta migliore. Il consiglio che do è sempre quello di cercare di contrattare le condizioni che noi riteniamo più convenienti. Per l apertura di un conto corrente ci vogliono due documenti che l Istituto di credito ha l OBBLIGO di fornire al cliente prima della firma: l informativa sulle condizioni e una copia del contratto. Le elenco inoltre le principali voci di spesa che dovrà valutare e discutere con l operatore bancario: 1.Costo di tenuta conto: viene proposto dalla maggior parte delle banche un costo di tenuta conto omnicomprensivo che varia da 1 a 15,00 Euro mensili. Succede però che il All inclusive comprenda operazioni Bancomat limitate oltre le quali si pagano mediamente 1,5 Euro per operazione e che le comunicazioni presso il domicilio del correntista, quali l estratto conto, non siano comprese e vadano da 0,60 a 1,5 Euro. A volte fare un bonifico dalla banca non è compreso nel costo mensile e l addebito delle bollette non è gratuito. E opportuno quindi chiarire quali sono i costi compresi e discuterne, sempre. 2. Imposta di bollo: è obbligatoria e fissa, circa 50 euro annuali. 3. Costo di bancomat e carta di credito: in futuro saranno strumenti utilizzati più del contante quindi è necessario capire come incidono sul nostro bilancio annuale. Chiarite subito il costo annuo. Il bancomat è in genere gratuito nei costi fissi e nei prelievi effettuati agli sportelli delle banche dello stesso gruppo. La carta di credito non è mai gratuita e ha costi variabili da 10 a 60 Euro annui. Diffidate delle carte Revolving. 4. Pagamenti e bonifici dal conto: In genere sono soggetti a costi che variano a seconda della contrattazione. Per esempio è normale per l Istituto caricare sul conto il costo, anche 1,5 Euro, di una rata per il pagamento per esempio di un televisore. Questa è una prassi spiacevole sopratutto nel caso in cui il finanziamento e il conto corrente sono della stessa banca. Chiarite bene il costo dei bonifici verso altre banche, non di rado superano i 3,5 Euro l uno. 5. Spese di chiusura conto: si deve pretendere che siano pari a zero. In regime di concorrenza è una politica sleale per la banca caricare spese di chiusura conto al correntista per tenerlo in qualche modo legato a se. 6. Spese per scoperto in conto: può succedere di andare in rosso e si deve evitare di pagare interessi che si aggirano intorno al 16-18%, anche su piccoli sforamenti. 7. Spese conto internet: chieda quali sono i costi fissi per l accesso al conto da internet, ricordando che se le operazioni vengono fatte da se, le spese dovranno diminuire. Un ultimo consiglio: senta più istituti di credito e si faccia sempre rilasciare un prospetto su carta intestata. Consulente finanziario Il profumo della genuinità, della natura, delle nostre terre. Il nostro obiettivo è valorizzare e far riscoprire i prodotti tipici locali, recuperare i segreti e la saggezza del passato, l immaginario della famiglia contadina Bellunese dove le donne creavano delle prelibatezze con ciò che la natura e il lavoro offrivano loro. Da questo siamo ispirati, da questa tradizione il nostro lavoro prende le mosse. I nostri prodotti sono a base di mais sponcio di Cesiomaggiore, burro di malga, liquori di Frescura, lieviti naturali, senza aggiunta di coloranti ne conservanti. Come da tradizione, i mastri fornai delle Fornerie Rudy realizzano tutto a mano, con la pazienza e l amore di chi sa produrre una delizia genuina, perfetta per la prima colazione, il pranzo, la merenda, il dopo pasto ecc, insomma per tutti quei momenti in cui ci concediamo un momento di cura per noi stessi e i nostri cari. I prodotti di profumo Dolomiti per loro intrinseca natura sono amici della salute, lo testimoniano gli ingredienti ed il lavoro con cui sono prodotti. Non basta infatti che le componenti siano di ottima qualità, contano i luoghi, l acqua e l aria di cui a loro volta si nutrono le piante che donano il cereale, un cereale locale che nei secoli si è adattato alla natura e con essa si è armonizzato ed ha prolificato, rinforzandosi rendendosi corposo e ricco, l erba di cui si cibano gli animali da latte, l aria salubre che circola nei nostri forni. Il territorio, il suo equilibrio, le persone per noi sono la chiave di volta di quella caratteristica di prodotto che solo qui si può trovare. Da qui poi la voglia di condividere questa tradizione con altri territori e prodotti ospitati nei nostri prodotti, noci, mandorle, uve sultanine, ed altre delizie, distinte e garbate compagne di binomi eleganti e indissolubili. 9

11 L UNESCO E LE DOLOMITI Idotti direbbero che è una questione di governance. Termine che indica modalità ed effetti dell attività di governo. Pone particolare attenzione alle relazioni tra i diversi attori sociali che intervengono nel campo di azione delle politiche pubbliche. Elementi fondamentali nei processi di governance sono il decentramento amministrativo e la sussidiarietà, che danno vita a dinamiche di governo a rete, anziché piramidali o gerarchiche. Cosa c entra tutto questo con l ingresso delle Dolomiti nel Patrimonio Mondiale dell Umanità Unesco? La risposta a questo interrogativo rappresenta un aspetto cruciale, eppure lasciato ai margini della discussione. Solo il sindaco di Belluno, Antonio Prade, con un intervento coraggioso ha sollevato la questione: l Unesco rappresenterà una gabbia dorata che imprigionerà l autonomia decisionale degli enti locali. Le sue parole, per di più pronunciate in campagna elettorale, hanno innescato una serie di reazioni a catena, in particolare dai promotori di questa iniziativa. Da sinistra si è alzato un coro indignato: far parte dell Unesco di Andrea Ferrazzi è una grande occasione di sviluppo per la provincia, soprattutto in chiave turistica. Da destra le voci sono state un po più discordanti. Ma dopo il «sì» annunciato a Siviglia dal World Heritage Committee c è stata un unica orgia entusiasta, con pochissime voci critiche. Niente di strano: la politica segue le sue logiche opportuniste. Che senso avrebbe avuto mettere in discussione il risultato ottenuto mentre tutti lo esaltavano? Nessuno, appunto. Ecco perché gli scettici sono rimasti nell ombra o in silenzio o si sono semplicemente adeguati. L interrogativo, però, rimane. Quali effetti collaterali avrà il riconoscimento dell Unesco sulla governance dell area dolomitica? Detto in modo più semplice: adesso che le Dolomiti sono Patrimonio dell Umantità Unesco a chi spettano le decisioni relative al governo del territorio? I ben pensanti sostengono che, con questo riconoscimento, nulla cambierà. Che non ci saranno ulteriori vincoli. Che tutto sarà migliore. Per qualcuno (Unione Artigiani) si tratta addirittura di una «delle poche progettualità oggi in campo che permette a una provincia spesso marginale di respirare il profumo piacevole dell appartenenza a un mondo che non finisce nel giardino di casa». Per altri (Ministro Stefania Prestigiacomo) è un riconoscimento «che è anche la conferma di un modello vincente nelle politiche di conservazione e tutela dei beni ambientali». «Un sogno cullato da tanto tempo, trova realizzazione», come sintetizza l alpinista Reinhold Messner. E se quel sogno si trasformasse in un incubo? 10

12 DA DRESTA A LIPARI Un esempio di come l Unesco possa incidere sulla governance di un territorio arriva dalla Germania. Più esattamente da Dresda, la città tedesca cancellata dalla lista dei siti patrimonio dell umanità, a causa di un controverso ponte realizzato nel mezzo della Valle dell Elba. Proprio a Siviglia, infatti, il comitato dell Unesco per i patrimoni dell umanità ha approvato a larga maggioranza (14 voti contro 5) la cancellazione di Dresda dalla lista dei siti da proteggere. La decisione non è giunta inaspettata. Lo scontro con la Germania va avanti almeno da tre anni, da quando, cioè, l Unesco ha spostato Dresda nella lista dei siti a rischio a causa di nuovo ponte. L infrastruttura a quattro corsie attraversa la Valle dell Elba, inserita nel 2004 nella lista dei luoghi patrimonio dell umanità. Secondo gli esperti dell Unesco il ponte deturpa il paesaggio unico della Valle e andava sostituito con un tunnel. Dresda non ha però seguito questo consiglio, tanto che nel novembre del 2007 sono partiti i lavori di costruzione del ponte, che dovrebbero essere conclusi nel Per spiegare la sua posizione la città ha fatto costante riferimento al risultato di un referendum del 2005 in cui 68% dei votanti si disse favorevole al ponte. Molti abitanti di Dresda vedono infatti nell opera uno strumento fondamentale per alleggerire il traffico. Il settore turistico teme invece ora un pesante danno d immagine per la città. Si tratta per la prima volta che una città europea perde il titolo di patrimonio dell umanità: Cover story finora l Organizzazione delle Nazioni Unite per l Istruzione, la Scienza e la Cultura ha rimosso un solo sito dalla lista, una riserva naturale nell Oman. Dresda, comunque, non demorde. Alla radio Deutschlandfunk il sindaco Helma Orosz ha difeso la costruzione del ponte («grandi città moderne hanno bisogno di infrastrutture moderne», ha spiegato) e ha chiarito che spera di poter ottenere il riconoscimento Unesco per un altra area della città. Ma il caso tedesco non è l unico. Ma anche le Isole Eolie, l altro sito naturalistico italiano a far parte della lista, si sono trovate di fronte all intransigenza dell Unesco che prima ha fatto chiudere la cava di pomice e l azienda che la gestiva (un centinaio di persone a spasso senza lavoro), poi ha messo il veto sul progetto del nuovo porto turistico di Lipari. Sia chiaro: non è che l Unesco proibisca di realizzare questa o quella opera pubblica. Semplicemente dice: se si fa noi togliamo il riconoscimento. segue a pagina AGENZIA D AFFARI ASIO ZBelluno via Feltre n.20 Compravendita terreni, case, appartamenti, affittanze, stime, intermediazioni import -export Tel Fax Cell

13 Cover story impresa di costruzioni e vendita appartamenti - negozi - uffici continua da pagina 11 LE DOLOMITI Alla luce di queste esperienze è possibile sollevare alcune perplessità. Poniamo, per assurdo, che vi sia un progetto per realizzare una tangenziale a Cortina d Ampezzo, una strada a scorrimento veloce che liberi la cittadina ampezzana dal traffico. Poniamo, sempre per assurdo, che quel progetto sia stato giudicato positivamente non solo dalle istituzioni locali, ma anche dai cittadini attraverso un referendum popolare. Raro esempio di scelta democratica, dunque. Non solo gli amministratori pubblici eletti democraticamente, ma anche i cittadini stessi si sono dichiarati favorevoli al progetto. Che cosa accadrebbe se, ovviamente sempre per assurdo, l Unesco dicesse che quella strada deturpa il paesaggio e quindi non s ha da fare? Come si comporterebbero le amministrazioni locali di fronte alla minaccia di revoca del riconoscimento? Si piegherebbero al volere dell Unesco, sconfessando di fatto la volontà popolare e lasciando così che la decisione sia presa da un organismo che non rappresenta nessuno? Ecco qual è il nocciolo della questione. Esistono esempi di come l Unesco possa interferire, in modo significativo, nel governo del territorio. Con l arma della minaccia, può condizionare le scelte delle amministrazioni pubbliche che rappresentano le comunità locali, perché democraticamente elette. Nella gabbia dorata dell Unesco, insomma, rischia di marcire la volontà popolare. INGABBIATE Ponte nelle Alpi - Loc. Soccher Nuovo complesso residenziale di qualità Residence Oasi - Villette a schiera. Spaziose con splendita vista panoramica sul Dolada. Termoautonome a basso consumo energetico. Impianto a pavimento, pannelli solari per l acqua calda. Giardino con proprietà e orto. Ampia autorimessa e posto auto all esterno. Ottime rifiniture. Trattative in sede senza costo di agenzia. Ponte nelle Alpi - Loc. Lastreghe Residence Fiordaliso Fabbricatodi 5 appartamenti con energia indipendente. Disponibili su due livelli con cantina e garage. Alto grado di isolamento termico. Predisposizione di pannelli solari. Termoautonomo. Finiture di pregio. Trattative in sede senza costo di agenzia. Nuova costruzione - Loc. Bastia Residence Giada Appartamenti e case a schiera di varie metrature con entrata indipendente. Ottima posizione. Riscaldamento autonomo, alto risparmio energetico. Parcheggio esterno con garage. Trattative in sede senza costo di agenzia. - site: 12

14 Diciotto cime sopra i metri, fra centinaia e centinaia di vette, guglie, pinnacoli che si stagliano in nove diversi gruppi montuosi, attraverso un territorio vario per tradizioni e cultura, ma anche per il quadro istituzionale e amministrativo, che spazia fra cinque Province e tre Regioni, con tre differenti gruppi linguistici: sono le Dolomiti, da ieri Patrimonio mondiale naturale dell Unesco, che ha deciso d inserirle nel prestigioso elenco dei Beni preziosi per l Umanità. A unire tante differenze e a portarle al successo del voto unanime dei 21 membri del Comitato Unesco sono state la bellezza e l unicità del paesaggio e della geomorfologia. L aspetto sublime e la composizione delle rocce, se sono infatti i due criteri con cui le Dolomiti sono state promosse, restano innanzitutto una consapevolezza della gente che le vive e degli stessi amministratori, che insieme hanno voluto portarle alla ribalta. I nove gruppi dolomitici inseriti nella Lista del World Heritage sorgono sulle province di Trento e di Bolzano, che sono Province autonome di una Regione autonoma, sulle Province di Udine e Pordenone, che sono Province a statuto ordinario in una Regione - il Friuli-Venezia Giulia - a statuto speciale, e sulla Provincia di Belluno, che è a statuto ordinario come la Regione in cui si trova, il Veneto. Nelle Dolomiti, nate da atolli, scogliere e barriere coralline emergenti da lagune di 250 milioni di anni fa, vivevano miriadi di organismi che col passare dei millenni si sono sedimentati sui fondali e successivamente proiettati verso l alto dal corrugamento della crosta terrestre. L interesse per queste montagne uniche cominciò nel mondo della scienza verso la fine del 700 con l arrivo del geologo francese Deodat de Dolomieu, che per primo individuò la composizione della roccia dolomitica. Da allora fu un accorrere di studiosi da tutta Europa, incuriositi da queste rocce che aprivano nuove chiavi di lettura della storia della Terra. Dopo gli scienziati arrivarono i viaggiatori alla ricerca di emozioni nuove, attratti soprattutto dalla bellezza sublime di queste montagne che incarnavano perfettamente gli ideali estetici del Romanticismo. Pian piano le guglie dolomitiche incantarono anche gli scalatori, richiamati dalle descrizioni entusiastiche dei primi visitatori. Gran parte della storia dell alpinismo è stata scritta sulle Dolomiti. Tra i personaggi famosi hanno frequentato e amato le Dolomiti si possono citare Goethe e Freud, l imperatrice d Austria Sissi, i Papi Luciani, Wojtyla e Ratzinger. Scrittori, pittori e fotografi si sono dilettati a descrivere le Dolomiti mentre registi e sceneggiatori hanno trovato in queste montagne un set eccezionale. Non si può parlare di Dolomiti se non si parla anche di Ladini, cioè delle popolazioni che abitano nelle valli dolomitiche e la cui storia affonda nella notte dei tempi. Popolazioni che parlano una lingua neolatina originale e che hanno mantenuto usi e costumi assolutamente caratteristici. Tra questi alcune forme istituzionali di autogestione del territorio, denominate Magnifiche Comunità, che hanno le loro radici nel medioevo. Nessuna area dell arco alpino è tanto ricca di leggende come le Dolomiti: un fascino unico e strano avvolge i Monti Pallidi, che da secoli attirano e incantano i visitatori di tutto il mondo. dal passione per le sensazioni PIEVE D ALPAGO via dell Artigianato,2 PROGETTAZIONE CUCINE SOGGIORNI SALOTTI CAMERE INTERPARETI TAPEZZERIA FALEGNAMERIA SU MISURA tel fax cell P.I

15 Cover story E un giorno importante per l Italia e per il suo ambiente. Il riconoscimento Unesco per le Dolomiti conferma l eccellenza italiana come pregiatissimo giacimento culturale e naturalistico. Un riconoscimento che è anche la conferma di un modello vincente nelle politiche di conservazione e tutela dei beni ambientali. Le Dolomiti sono un unicum che collega regioni e province diverse nel quale è stato costruito un sistema che coniuga positivamente sviluppo e tutela ambientale. Un esempio che dobbiamo moltiplicare perché rappresenta una delle chiavi di volta del futuro del nostro paese. Stefania Prestigiacomo, Ministro dell Ambiente 14 «Da veneto e da Ministro sono orgoglioso che le Dolomiti, questa splendida merlatura nel paesaggio della Regione, siano state riconosciute come patrimonio mondiale dell Umanità dell Unesco. Con l iscrizione delle Dolomiti, i siti Unesco italiani diventano 44: un primato mondiale raggiunto anche grazie all impegno e alla cura che la comunità dolomitica, per generazioni, ha messo nel preservare e valorizzare questo affascinante arcipelago corallino. Il legame stretto fra il territorio e la sua gente, sul quale si è cementata la collaborazione fra le comunità locali che ha portato alla presentazione della candidatura, è stato persino ripreso dal Comitato nella motivazione allegata al riconoscimento. L Unesco l ha indicata come la best practice da seguire e anche questo è per noi motivo di orgoglio». Luca Zaia, Ministro dell Agricoltura «Il Veneto aggiunge ai suoi quattro siti culturali il sito naturale delle Dolomiti, diventato ufficialmente patrimonio mondiale dell umanità. Si è deciso all unanimità in tal senso a Siviglia e il voto dell Unesco certifica, ancora una volta, che il Veneto è impegnato seriamente nella tutela e nella protezione di ecosistemi o di siti quali quelli diffusi nel sistema dolomitico. E vero che non è merito delle nostre generazioni se Venezia e la sua Laguna, l Orto Botanico di Padova, la Città di Vicenza e le Ville Palladiane del Veneto, la Città di Verona hanno fatto della nostra regione un luogo caro all Unesco e a tutti coloro che amano i beni culturali. Ma è anche vero che nella Lista Unesco, una volta entrati, bisogna saperci restare. Ed è proprio questo il nostro impegno a favore dei paesaggi e della storia del Veneto». Giancarlo Galan, Presidente del Veneto «Le montagne del Veneto per eccellenza da oggi ricevono un riconoscimento speciale. Ragioniamo su cosa significa patrimonio dell umanità e lavoriamo assieme per preservarlo. L intera provincia bellunese ha lavorato negli anni per questo successo, che è anche opportunità turistica per una zona da sempre d eccellenza per l ospitalità, l enogastronomia, le bellezze. Penso ad esempio

16 al rosa delle cime al tramonto, ai rifugi alpini che i bellunesi mantengono aperti come luogo di turismo ma anche di soccorso, alle genti di montagna che restano nei paesetti pur con numerose difficoltà logistiche soprattutto d inverno: con loro gioisco in questo momento, perché sono loro il patrimonio del Veneto e di queste terre alte che oggi ricevono il riconoscimento dell Unesco». Franco Manzato, Assessore al Turismo della Regione Veneto «E una notizia che ci rende felici e orgogliosi, perché l Unesco ha riconosciuto la straordinaria peculiarità delle Dolomiti, unico bene naturale italiano, insieme alle Isole Eolie, ad entrare in questa lista. Adesso dobbiamo essere bravi a valorizzare questo riconoscimento mondiale anche per favorire lo sviluppo turistico, in modo che le nostre comunità ne possano trarre effettivo beneficio. Da questo punto di vista, la Provincia di Belluno dovrà avere un ruolo da protagonista». Gianpaolo Bottacin, Presidente della Provincia di Belluno «La definizione di patrimonio naturale dell umanità è per le Dolomiti un biglietto da visita unico e costituisce il coronamento della politica di tutela ambientale perseguita dalla Provincia di Bolzano». Luis Durnwalder, Presidente della Provincia di Bolzano «Bene l Unesco! Bravi tutti! Ma non dimentichiamo la gente e i suoi problemi quotidiani. Perché la verità è che c è una montagna di serie A, dove tutti hanno tutto, soldi, turismo, servizi; ed una montagna di serie B, dove alla gente mancano tante cose. E le Dolomiti sono di serie B. Qui non c è nulla, non c è più nulla. I camion sono un fiume in piena che intasa le strade, per far arricchire quelli che vendono il brecciolino. Servizi non ce ne sono e per andare a scuola i ragazzi devono svegliarsi alle cinque del mattino. E pazzesco. Qui forse è più facile aprire una clinica superspecializzata, che ottenere una licenza di tabaccaio! E allora viva l Unesco e il patrimonio del Umanità, ma non dimentichiamo la vita della gente!». Mauro Corona, alpinista e scrittore a 30 mt. PALAZZO FIERA! AUTOSALONE LONGARONE Vendita AUTO Nuove e Usate con GARANZIA Ritiriamo e paghiamo in contanti il tuo usato Via Protti, 2 Tel LONGARONE (BL) 15

17 impianti elettrici industriali e civili Storia aziendale La Cuprum nasce nel 1973, per offrire i suoi servizi al mercato dell impiantistica elettrica. Grazie a qualità e professionalità, la Cuprum si afferma nel territorio bellunese, quale leader nel settore. La fiducia dei clienti permette all azienda di ampliare la propria offerta e quindi anche il raggio d azione. La Cuprum oggi copre l intero panorama del nord est italiano e si occupa di appalti privati e pubblici. Nella sede costituita negli anni 80, un area di 1000 mq, si trova la centrale operativa dell azienda: i servizi tecnico amministrativi, un officina elettromeccanica, un magazzino materiali, un negozio di vendita al dettaglio e uno show room espositivo recentemente rinnovato. La Cuprum è un azienda certificata ISO 9001 ed è in possesso dell attestazione SOA per le categorie OG10, OS30 e OS16. Oggi la Cuprum si occupa di: Impianti elettrici civili Impianti elettrici industriali Installazione siti di telefonia mobile nel nord Italia per conto di Wind, Vodafone, H3G Impianti fotovoltaici Installazione e manutenzione di cabine di trasformazione M.T./B.T. Impianti di riscaldamento a raggi infrarossi Redwell Vendita materiale elettrico e illuminotecnico Progettazione impianti elettric 16

18 La Cuprum e l ecologia La Cuprum è amica dell ambiente e sposa lo studio e l applicazione delle energie rinnovabili e pulite. L azienda si è impegnata nel promuovere soprattutto l utilizzo di energie alternative quali il sole e il vento. Impegniamoci insieme per salvaguardare la natura e garantire ai nostri figli un futuro più pulito. Il nostro partner nel settore Fotovoltaico: La Cuprum S.r.l. ha stretto una partnership con New Light S.r.l., un azienda dinamica che si occupa esclusivamente di energie rinnovabili. La New Light cura e segue per Cuprum il servizio commerciale, di vendita e progettazione dell impianto, oltre all iter burocratico. La Cuprum mette a disposizione la trentennale esperienza nel settore dell impiantistica e nell installazione di impianti fotovoltaici. Insieme garantiamo così, professionalità, efficienza, vantaggio competitivo, che ci permette di proiettarci nel futuro, per il pieno soddisfacimento del cliente e dei fattori di qualità. Redwell La Cuprum commercializza ed installa pannelli riscaldanti a raggi infrarossi Redwell. Il riscaldamento prodotto dalle onde di calore è un sistema già conosciuto in epoca romana. Tutti i prodotti Redwell a confronto con la tecnologia tradizionale sono prodotti ecologici e consentono di risparmiare energia. Questo prodotto è uno strumento che aiuta ad abbassare l emissione CO2 e da un contributo notevole per la salvaguardare l ambiente, eliminando le emissioni nocive nell aria. Il calore radiante all infrarosso segue il principio del calore solare privo di raggi ultravioletti. Il grande vantaggio di questo sistema di riscaldamento consiste nel fatto che il calore penetra a livello profondo nell organismo consentendo una temperatura ideale e grandi benefici per la salute. La Cuprum è azienda associata Casa Concept Elettromeccanica CUPRUM S.r.l. via Masi Simonetti, Belluno (BL) Tel. 0437/30959 Fax 0437/

19 Ambiente «Lasciate questa città dove avete trovato la ricchezza, ma non la pace dell animo. Toglietevi di dosso quei ridicoli vestiti. Buttate via l oro. Gettate i cannoni, i fucili e tutte le altre diavolerie che gli uomini vi hanno insegnato. Tornate quelli che eravate prima. Come si viveva felici in quelle erme spelonche aperte ai venti, altro che in questi malinconici palazzi pieni di scarafaggi e di polvere!». Dino Buzzati PER SAPERNE DI PIU Una favola senza tempo «La famosa invasione degli orsi in Sicilia» è il titolo di un libro di Dino Buzzati. In questa favola Buzzati fonde ballata popolare, invenzione fantastica e riflessione morale sulla vita di oggi e di ieri, per raccontare la parabola degli orsi che, dopo aver sperimentato la vita di città, decidono di tornare sulle loro montagne. E ripensa in forma leggera i grandi temi a lui cari: la semplicità della vita in montagna, il senso dell attesa, l ambiguità insita nel male come nel bene, rivivendo l eterna storia dell umanità, chiamata a ritrovare le proprie origini. Ma qual è la trama di questa favola? «Nel tempo dei tempi, quando le bestie eran buone e gli uomini empi», la Sicilia non assomigliava a quella che conosciamo. In tutta l isola si alzavano montagne impotenti e aguzze, con le cime coperte dal gelo: solo i vulcani sparsi qua e là avevano la forma di pani. Uno esiste ancora, e continua a buttare fumo (l Etna): non si vedono invece più gli orsi che in quell epoca popolavano le caverne. Gli orsi avevano un re saggio e coraggioso, di nome Leonzio, il cui figlioletto Tonio viene rapito prima ancora che cominci la storia. Per cercarlo, l esercito degli orsi scende in pianura. Conquista il castello dell orco Troll, difeso dal terribile Gatto Mammone, e invade il regno del Granduca, dove il povero Tonio veniva usato per divertire il pubblico come orso equilibrista. Bestie e uomini vivono insieme per anni, ma a poco a poco gli orsi prendono le cattive abitudini degli esseri umani. Giocano, si ubriacano, rubano: e uno di loro tenta addirittura di uccidere il re. Prima di morire, Leonzio convince i suoi guerrieri a tornare sulle montagne: e forse sono ancora là, ma noi non conosciamo i loro segreti. La fauna delle Dolomiti sarebbe abbastanza simile a quella del resto delle Alpi, se non fosse per un simpatico grosso animale che qui ha continuato a vivere, mentre altrove è stato sterminato: l orso bruno. Il suo habitat naturale sono le Dolomiti di Brenta, in Trentino, dove il plantigrado è sopravvissuto alle campagne di sterminio, incentivate o tollerate dai governi, che agli inizi del 900 lo avevano fatto scomparire dalle Alpi. Probabilmente l orso si sarebbe estinto anche nel suo ultimo rifugio trentino, se non ci fosse stata l azione di numerosi naturalisti e ambientalisti, che hanno avuto il loro punto di riferimento nel conte Gian Giacomo Gallarati Scotti. Con studi, convegni e iniziative di sensibilizzazione, si riuscì a tutelare l ultima colonia autoctoni di orsi, che vivevano nelle Dolomiti di Brenta, grazie ad una legge della Regione Trentino Alto Adige, che dal 1956 risarcisce i danni provocati dall orso alle greggi, ai campi e agli alveari, facendo così venir meno uno dei motivi che avevano portato allo sterminio dei plantigradi. Per riunire tutti coloro che avevano a cuore la tutela dell orso, Gallarati Scotti fondò l Ordine di San Romedio. Questo santo eremita è una figura leggendaria vissuta in Val di Non nel IV secolo d.c.: secondo la tradizione, un orso gli mangiò il cavallo e il santo addomesticò l orso e ne fece la sua cavalcatura. E da allora San Romedio è sempre raffigurato a cavallo di un orso. Gallarati Scotti aveva talmente a cuore la sorte degli orsi che quando alla fine degli anni 50 un famoso circo decise si sbarazzarsi di un vecchio esemplare lanciò un appello affinché fosse adottato da qualcuno. E all appello risposero proprio i frati dell eremo di San Romedio, che da allora hanno sempre qualche orso - liberato dalle sbarre di circhi o zoo - che si aggira nell ampio recinto boscoso ai piedi del santuario. Tornando agli orsi delle Dolomiti di Brenta, negli anni 90 18

20 ci si accorse che la colonia era sempre piu esigua e che, per evitare l estinzione, occorreva rinsanguarla. Nacque così il progetto Life Ursus, promosso dal Parco Naturale Adamello-Brenta, in collaborazione con la Provincia autonoma di Trento e con l Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica e finanziato dall Unione Europea. Dopo uno studio di fattibilità e un sondaggio di opinione tra la popolazione delle aree interessate, nel 1999 vennero catturati nelle riserve di caccia della Slovenia due giovani orsi, Masun e Kirka, e immessi nei boschi del Parco. Tra il 2000 e il 2002 furono liberati altri otto esemplari. Tutti sono stati dotati di radiocollare per un monitoraggio degli spostamenti, anche ai fini della sicurezza. L innesto dei nuovi esemplari ha avuto successo e oggi si calcola che la popolazione di orsi abbia superato le 20 unità, espandendosi anche fuori dei confini trentini. Ambiente A volte fin troppo, come è successo a Bruno, un esemplare maschio che nel 2006 è sconfinato in Baviera, dove è stato abbattuto. In questi anni, però, alcuni orsi hanno raggiunto le Dolomiti in maniera spontanea, provenendo dalla Slovenia attraverso il Friuli e raggiungendo le Dolomiti Friulane, Bellunesi e Altoatesine. E di queste settimane l avvistamento di un orso nel Parco delle Dolomiti Bellunesi, che è stato chiamato Dino in onore di Dino Buzzati, scrittore e giornalista molto amico degli orsi. Nel 1998 una delegazione di Mountain Wilderness e del Wwf percorse a piedi gli antichi corridoi naturali che dalla Slovenia portano alle Dolomiti Trentine per studiare le direttrici di spostamento dei grandi carnivori sull arco alpino in vista di un possibile ricongiungimento naturale di orsi, linci e lupi. L Università di Udine ha istituito un gruppo di lavoro che studia il ritorno di questi grandi predatori. L orso è un animale che frequenta lo stesso ambiente dell uomo ed è presente, attraverso storie e leggende, nel suo immaginario. Con la sua presenza testimonia l integrità e l equilibrio di un ambiente naturale. E negli ultimi decenni l ambiente delle Dolomiti, con un diminuito utilizzo dei boschi, é tornato ad essere ideale per la riproduzione dell orso e per accogliere in un prossimo futuro altri abitatori dei boschi, scacciati nei secoli scorsi per paura o per interesse. A metà luglio dal Parco Nazionale delle Dolomiti bellunesi è arrivata la notizia, o meglio la conferma, che Dino non è solo. I laboratori dell ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) hanno inviato all Ente Parco e alle altre Amministrazioni che controllano gli spostamenti degli orsi sulle Alpi, i risultati delle analisi genetiche effettuate sui campioni di feci di orso raccolti dal personale del Corpo Forestale dello Stato in Valle del Mis, nel cuore del Parco, il 17 aprile scorso. L orso Dino è stato identificato dai genetisti con la sigla certamente più scientifica ma un po più fredda, di M5. Si tratta di un orso nuovo, ovvero il cui DNA non è mai stato trovato nei campioni raccolti fino ad oggi sulle Alpi. M5 è un maschio, il cui patrimonio genetico non corrisponde a nessuno dei fondatori della popolazione trentina e non è compatibile nemmeno quale discendente degli orsi fino ad oggi identificati in Trentino. Si tratta quindi, con molta probabilità, di un esemplare proveniente da est. Allo stesso orso appartengono anche i campioni raccolti dalle guardie provinciali, tra aprile e maggio, in Cadore, a Seren del Grappa e a Cortina. DNA dello stesso orso è stato raccolto anche in provincia di Bolzano, a Marebbe, a metà maggio. L ISPRA ha comunicato anche i dati genetici dei campioni raccolti dagli agenti della Polizia provinciale in Val del Grisol il 13 maggio. Appartengono all orso identificato con il codice KJ2G2: si tratta del maschio di 3 anni, nato in Trentino, lo stesso che fino allo scorso autunno si trovava nella zona dell altopiano di Asiago. L orso KJ2G2 è stato campionato in maggio dalle guardie provinciali anche ad Auronzo e DNA dello stesso animale è stato raccolto in Austria, nel Parco Nazionale degli Alti Tauri, il 2 giugno scorso. «I risultati delle analisi ha dichiarato il Direttore del Parco, Nino Martino sono di notevole interesse e permettono di ricostruire i grandi spostamenti che questi animali compiono attraverso le Alpi, superando le invisibili barriere amministrative, costruite dall uomo tra province, regioni e stati. Siamo contenti che Dino non sia il solo orso che frequenta il Parco e seguiremo con interesse tutti i loro futuri spostamenti». «Particolarmente significativa ha detto il Presidente Guido De Zordo è la nuova comparsa dell orso in Val Canzoi in questi ultimi giorni, in concomitanza con la festa del Parco. L orso infatti è stato, quest anno, la mascotte della festa. Non sappiamo ancora se l orso della Val Canzoi sia Dino, KJ2G2 o un altro esemplare, in ogni caso è certamente il benvenuto». 19

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli