Il Commercio Equo e Solidale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Commercio Equo e Solidale"

Transcript

1 Il Commercio Equo e Solidale Prospe ive, Funzionamento e Critiche Sergio Bucci Paolo Forteleoni Massimo Deligios - 1 -

2 Sommario SVILUPPO ECONOMICO E POVERTA Misurare lo sviluppo Il PIL e la ricchezza misurata in consumo Altri strumenti per misurare lo sviluppo umano Ineguaglianza, povertà e confli i internazionali Aiuti e commerci internazionali Gli aiuti internazionali Il commercio internazionale IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE Il comercio equo e solidale Nascita del commercio equo e solidale Cara eristiche del commercio equo e solidale Vecchi e nuovi obie ivi del commercio equo e solidale...19 CANALI DISTRIBUTIVI I distributori Il commercio equo e solidale in Europa La stru ura produ iva del commercio equo e solidale in Italia I trader italiani Le funzioni del commercio equo Ruolo delle istituzioni (FMI, Banca Mondiale, WTO) Qualche conclusione provvisoria...29 CERTIFICAZIONI E TUTELA Riconoscimento prodo i equo solidali Certificazioni di prodo o e di filiera Chi stabilisce i criteri del commercio equo e solidale Chi controlla i sogge i accreditati Chi controlla i prodo i certificati Problematiche a uali

3 Sommario I PREZZI La fase iniziale: accordi di fornitura e prezzo di partenza Metodo di produzione Accesso ai mercati 1: i dazi Accesso ai mercati 2: i sussidi La distribuzione Considerazioni finali...43 LE CRITICHE Distribuzione geografica nel mondo Produ ori e prezzo equo Prezzo equo e prezzo di mercato Strumento economico o mezzo di informazione?...51 TURISMO RESPONSABILE Generalità sul turismo Cara eristiche dei viaggi responsabili...53 FONTI Bibliografia Sitografia

4 SVILUPPO ECONOMICO E POVERTA Le varie regioni del mondo non hanno mai avuto un medesimo livello di sviluppo. Vi sono sempre state aree più sviluppate ed anche all interno di uno stesso Paese vi sono delle differenze sia in termini geografici sia in termini di categorie sociali. 1.1 Misurare lo sviluppo Il PIL e la ricchezza misurata in consumo I governanti dei Paesi occidentali danno grande importanza al PIL (Prodotto Interno Lordo) e, sopra u o durante la preparazione della Finanziaria, le diverse stime della sua crescita rimbalzano da un mass media all altro. Il problema è che nessuno dice cosa misuri il PIL. Il Prodotto Interno Lordo è il valore del reddito aggregato, in altre parole esso è la somma dei redditi di tu i gli individui presenti in un Paese nel periodo di tempo preso in considerazione. Può anche essere visto come la somma del valore dei beni e servizi finali prodo i nel Paese nell intervallo temporale considerato. Analizzando il PIL pro capite dei vari Paesi del mondo possiamo avere un primo quadro su come è distribuita la ricchezza nel mondo. Fonte: Human Development Report UNDP; dati in dollari 2003 L OECD è l Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE). Ne fanno parte gli Stati dell UE, la Svizzera, la Turchia, gli USA, il Canada, il Messico, il Giappone, l Australia e la Nuova Zelanda. Nei Paesi in via di sviluppo sono inclusi gli stati del Sud-Est asiatico, dell America Latina e quelli Arabi. Da questo grafico è possibile vedere le prime differenze. Per facilitare l analisi abbiamo aggregato i dati in macrogruppi. Il coefficiente di variazione è molto ampio (quindi le medie o enute non sono mol

5 Capitolo 1 Sviluppo Economico e Povertà to rappresentative), sia su scala mondiale che all interno delle stesse macrocategorie. Per rendere l idea, considerando che la media mondiale è di $ pro capite, basti pensare che il campo di variazione è compreso tra il limite massimo di $ (è quello dei ci adini del Lussemburgo), scende a $ di un ci adino americano per arrivare al limite minimo di $ 548 di un ci adino della Sierra Leone (la media italiana è di $ ). Oltre a ciò, bisogna considerare che i dati sul PIL non ci indicano come la ricchezza si distribuisce all interno di una nazione (lo stesso problema del pollo di Trilussa). Infa i, all interno di Stati che vengono classificati ricchi possono esserci fasce di popolazione che vivono in condizioni di povertà, mentre nei Paesi classificati poveri sono presenti fasce di popolazione ancora più povere di quanto misurato. Ecco che, seppur il PIL pro capite medio dei Paesi so osviluppati è pari a $ 2.168, il 20% della popolazione mondiale vive con meno di $ 1 al giorno (quindi il PIL pro capite è inferiore a $ 365), mentre un altro 20% vive con un reddito compreso tra $ 1 2, cioè con un PIL pro capite compreso tra $ Perciò, all interno di questi Paesi c è qualche benestante ed una moltitudine di persone che quotidianamente lo a contro la morte. Conti alla mano, il 40% della popolazione mondiale si accontenta del 5% del reddito globale, mentre il 10% della popolazione, quasi tu a concentrata nei Paesi OECD sviluppati, ha a disposizione il 54% del reddito prodo o. A questo punto è ancor più chiaro che le aree del mondo dove si concentra la ricchezza non corrispondono alle zone in cui si concentra la popolazione. Con $ 300 miliardi (stime UNDP) si riuscirebbe a portare tu a la popolazione a vivere con più di $ 1 al giorno (cioè 1 miliardo di persone supererebbe la soglia di estrema povertà). L ammontare necessario è pari all 1,6% del PIL dei Paesi OCSE. Con $ 7 miliardi (sempre stime UNDP) si garantirebbe a 2,6 miliardi di persone l accesso all acqua potabile (la cifra necessaria è pari a quanto spendono gli Europei in profumi, meno di quanto spendono gli Americani in chirurgia estetica). Il valore di 3 giorni di spesa militare corrisponde al budget annuale dell ONU per comba ere l AIDS. Per ogni $1 speso in aiuti dai Paesi Occidentali, essi ne spendono $10 in armamenti. Statistiche a parte, bisogna anche ricordare che dietro ai numeri ci sono le speranze e le vite della gente e che i costi umani non potranno mai essere rappresentati da semplici cifre 1. Il PIL non considera la salute dei nostri figli, la qualità della loro istruzione, la gioia dei loro giochi. Non considera rilevanti la bellezza della nostra poesia o la forza dei nostri matrimoni, l intelligenza del diba ito politico o l integrità dei pubblici funzionari. Non misura né il coraggio, né le speranze, né la fede del nostro paese. Misura tu o, fuorché ciò che rende la vita degna di essere vissuta; può dirci tu o dell America, meno la ragione per la quale siamo orgogliosi di essere americani (sen. Robert Kennedy 1968). Il PIL, infa i, non misura né la qualità della vita né il livello di preservazione 1 Da Human Development Report 2005, pag. 4 - United Nations Development Program - 5 -

6 Capitolo 1 Sviluppo Economico e Povertà della qualità dell ambiente in cui viviamo. Anzi, paradossalmente, un livello di inquinamento più elevato crea danni alla salute e porta alla necessità di a uare delle politiche di disinquinamento; entrambi gli effe i presuppongono l acquisto di beni e servizi (spesa sanitaria, ecc.) e quindi vanno ad incrementare il PIL, migliorando, in una visione molto ristre a, la situazione del sistema economico preso in considerazione. I dati sul PIL, infine, non indicano il livello di uguaglianza sociale, di rispe o dei diri i dell uomo e di libertà. Accade anche nei Paesi ricchi che i bambini siano diversi già prima della nascita (in termini di assistenza alle future mamme), sia a causa dell etnia dei loro genitori o del loro livello di reddito, che per il sesso del nascituro. Il sesso è spesso uno dei fa ori maggiormente discriminanti sopra u o nei Paesi mediorientali e del sud-est asiatico, ma anche da noi nascere donna non sempre significa avere le medesime opportunità degli uomini. Box 1 Ineguaglianze negli Stati Uniti d America I Paesi appartenenti all OCSE spendono in media il 13% del PIL in assistenza sanitaria. Negli USA si spende il doppio. Nonostante ciò, l accesso all assistenza sanitaria è notevolmente limitato a causa di profonde disuguaglianze sociali connesse alle cara eristiche dei ci adini, come il livello di reddito, la copertura assicurativa, la razza e l ubicazione geografica. Il tasso di mortalità infantile è più alto rispe o alla media dei Paesi sviluppati ed è uguale a quello della Malesia (circa il 7 ) e varia molto in base all etnia del nuovo nato: se bianco, il tasso si avvicina al 6 (comunque quasi il doppio rispe o a quello giapponese), mentre se è un afroamericano, il tasso supera il 14 (è uguale al tasso di alcuni stati dell India). La sua mamma ha il doppio di probabilità di partorire un bambino so opeso rispe o ad una mamma bianca ed il bimbo nero ha il doppio di probabilità di morire prima del suo primo compleanno rispe o ad un connazionale bianco. Le differenze non si fermano solo all etnia, ma si estendono al reddito. Un bambino nato in una famiglia appartenente al 5% più ricco della popolazione ha una speranza di vita del 25% più lunga rispe o al suo connazionale nato da una famiglia che fa parte del 5% più povero. Gli USA sono l unico Paese ricco a non fornire un assistenza sanitaria di base. L elevato costo dei tra amenti rappresenta una barriera d accesso insormontabile per il 40% dei ci adini che non sono assicurati, i quali non possono neanche perme ersi nessun tipo di controllo sanitario preventivo. L innovativa ricerca medica americana perme e di salvare ogni anno circa vite. L assenza di un sistema di prevenzione ed assistenza sanitaria di base ne uccide, nello stesso periodo, circa Le disuguaglianze si estendono anche in altri se ori (istruzione, occasioni lavorative, ecc.). Fonte: Human Developmente Report 2005, pag UNDP - 6 -

7 Capitolo 1 Sviluppo Economico e Povertà Box 2 Il muro del purdah Per via delle regole del purdah (le eralmente velo, cortina) le donne sono fortemente discriminate. Il termine comprende una serie di pratiche legate all ingiunzione coranica di proteggere la virtù e la modestia delle donne. Nella versione più restri iva, si fa obbligo alle donne di nascondersi alla vista degli uomini, salvo i familiari più stre i. Spesso, nelle famiglie conservatrici, le donne non escono di casa neanche per andare a trovare i vicini. Anche dove il purdah non è stre amente osservato, la famiglia, i costumi, la tradizione e il decoro fanno sì che nelle campagne del Bangladesh i rapporti tra uomini e donne rimangano estremamente formali. La fame e la povertà riguardano più le donne degli uomini. Se in una famiglia qualcuno deve soffrire la fame, sarà sicuramente la donna. Ed è sempre la donna, in quanto madre, a vivere la traumatica esperienza di non essere in grado di sfamare i bambini con il proprio la e in tempi di penuria e carestia. Nella società del Bangladesh la donna povera vive nell insicurezza più totale. È insicura nella casa del marito, il quale la usa come un ogge o anche per sfogarsi di tu i i torti che ha subito durante il giorno e dalla quale può essere estromessa in qualsiasi momento. Non sa né leggere né scrivere e solitamente non le è permesso neanche di uscire di casa per guadagnarsi da vivere. Fonte: Il banchiere dei Poveri, pag.91 Mohammad Yunus (premio Nobel per la Pace 2006) - Feltrinelli, 2006 Il primo esempio di disuguaglianza è legato all origine etnica ed al livello di reddito delle persone ed è riferito ad un Paese che consideriamo ricco e democratico. Il secondo, invece, è una delle tante storie di discriminazione sessuale. Differenti opportunità sono anche legate al luogo in cui si nasce. Box 3 L istruzione La differenza nelle opportunità di ricevere un istruzione, seppur di base, rimangono elevatissime. In linea generale, un bambino che nasce oggi in Mozambico può sperare di ricevere circa qua ro anni di istruzione pubblica di base. Un suo coetaneo francese riceverà sicuramente almeno quindici anni di formazione, sia di base che di alto livello. Le ineguaglianze di oggi nel se ore dell educazione dei giovani diventeranno le disuguaglianze sociali ed economiche di domani. Fonte: Human Development Report 2005, pag.24 UNDP Dopo quanto de o sopra, forse, non è irrazionale concepire lo sviluppo come un diri o dell uomo e non come un aumento di punti percentuali di PIL 2. 2 Mohammad Yunus - Il Banchiere dei Poveri, pag.28 - Universale Economica Feltrinelli,

8 Capitolo 1 Sviluppo Economico e Povertà Altri strumenti per misurare lo sviluppo umano Nel precedente paragrafo abbiamo analizzato il PIL ed i suoi limiti. Abbiamo anche constatato come il PIL non consideri come la ricchezza si distribuisca all interno di un Paese, né misuri i diri i e le libertà individuali. Spesso ci raccontano di quanto sia importante andare in luoghi più arretrati a portare libertà o democrazia. Sicuramente esse sono conquiste importantissime che ci hanno permesso di progredire, ma a cosa serve la libertà se la gente è povera, analfabeta, discriminata o minacciata da confli i armati? 3 La globalizzazione ci ha permesso di o enere uno sviluppo economico rapido, grazie a miglioramenti tecnologici e all espansione dei mercati e degli investimenti. Purtroppo, tu a questa prosperità non sempre si è trado a in un miglioramento delle condizioni di vita dei più poveri, anzi talvolta questi hanno pagato il prezzo di una crescita economica selvaggia e senza regole. Il miglioramento delle condizioni di vita viaggia ad un ritmo molto più lento rispe o alla crescita economica ed il divario fra ricchi e poveri tende ad aumentare. L Indice di Sviluppo Umano (HDI) ci aiuta a misurare sia la crescita economica che il cambiamento delle condizioni di vita. Si basa su tre indicatori principali: reddito, istruzione e salute. Non è un indicatore completo, ma almeno tenta di andare oltre il PIL. Il reddito viene considerato solo come un mezzo per migliorare le condizioni di vita. Per esempio, una variazione positiva della situazione reddituale potrebbe essere compensata da una variazione negativa del livello d istruzione e quindi l indice non si sposta. L HDI ha valori compresi fra un minimo di 0 ed un massimo di 1. Fonte: nostra elaborazione su dati Human Development Report Da Human Development Report 2005, pag.18 - UNDP - 8 -

9 Capitolo 1 Sviluppo Economico e Povertà Come si può notare anche da questo grafico, il risultato più alto si ha sempre nei Paesi più sviluppati, ma le differenze fra gli aggregati sono meno marcate (sintomo del fa o che anche all interno dei Paesi ricchi vi sono fasce di popolazione che non hanno pieno accesso ai servizi sociali). Il valore medio a livello mondiale è pari a 0,741, il campo di variazione è compreso fra lo 0,963 della Norvegia e lo 0,281 del Niger (l Italia è dicio esima con un indice pari a 0,934). Indicatori ancora più efficaci sono quelli che riguardano i bambini. Essi sono la fascia sociale più debole, che richiedono al sistema sociale di prestargli particolari a enzioni. Il più significativo è sicuramente il tasso di mortalità nei primi cinque anni di vita (bambini morti ogni 1000 nati vivi fonte: nostra elaborazione su dati UNDP). Fonte: nostra elaborazione su dati HDR UNDP Ancora una volta l ubicazione geografica ed il reddito sono discriminanti notevoli nel determinare la qualità e l aspettativa di vita delle persone. Una riflessione va fa a sulla Nigeria, Paese che sta divenendo noto sui mass media a causa dei continui assalti delle popolazioni ribelli alle stazioni di pompaggio del petrolio. È lo Stato africano che esporta la maggior quantità di petrolio e che perciò dovrebbe essere abbastanza ricco. Ma i proventi del petrolio evidentemente non si fermano lì (il PIL pro capite del 2003 è pari a $ 1.050); ciò fa presumere un certo sfru amento da parte degli stranieri. Sono secondi nella classifica mondiale per numero di bambini che muoiono prima di compiere cinque anni e, sempre secondo le stime delle Nazioni Unite, una donna su dicio o muore per complicazioni legate alla gravidanza (in Canada ne muore una su 8.700) 4. Senza addentrarsi in più approfondite riflessioni (e senza voler giustificare l uso della violenza), vista l enorme 4 Da Human Development Report 2005, pag.32 - UNDP - 9 -

10 Capitolo 1 Sviluppo Economico e Povertà ricchezza di materie prime presenti nel Paese, forse questi sono già elementi sufficienti a dare una spiegazione alla nascita del movimento ribelle del delta del Niger (il Mend), che comba e contro lo sfru amento straniero (probabilmente, quindi, questi non sono movimenti appoggiati per ragioni religiose, ma spinti dalla ricerca di una vita più sicura e dignitosa). Vi sono anche altri indicatori (aspettativa di vita, qualità ambientale, ecc) che non verranno analizzati in questa sede, in quanto il nostro obie ivo era quello di rendere noto che si può andare anche oltre il PIL. 1.2 Ineguaglianza, povertà e confli i internazionali Dopo questa breve riflessione sui limiti del PIL e gli strumenti alternativi per misurare lo sviluppo di una società ci si potrebbe chiedere cosa c entri tu o ciò con il commercio equo e sostenibile. È lecito domandarsi se e perché la disuguaglianza sono importanti. Nel 1945, il segretario di Stato Americano Edward R. Ste inius affermò che la sicurezza dell umanità era connessa a due elementi fondamentali ed alla loro relazione: la ba aglia per la pace deve essere comba uta su due fronti. Il primo è quello della sicurezza, dove vi oria è sinonimo di libertà dalla paura. Il secondo è il fronte economico e sociale, dove vi oria significa libertà dalla povertà. Solo la vi oria su entrambi i fronti può assicurare al mondo una pace duratura. 5 Ecco che da questa riflessione si può iniziare a considerare lo sviluppo di tu a l umanità come un obie ivo fondamentale per il benessere di tu i. Cercare di ridurre le differenze fra ricchi e poveri non è un operazione a saldo zero. Aumentare le opportunità per le genti delle nazioni povere affinché anch esse abbiano una vita sana e duratura e possano assicurare ai propri figli un istruzione decente che gli perme a di uscire dalla povertà non si traduce con una diminuzione di benessere delle nazioni ricche. Anzi, in un mondo che tende sempre più ad abba ere le barriere, tu o ciò contribuirà ad aumentare la sicurezza di tu i. Un mondo senza barriere che si regge sulla povertà di massa è economicamente inefficiente, politicamente insostenibile e moralmente indifendibile 6. Le profonde differenze economiche e le ingiustizie sociali sono serbatoi sempre pieni che alimentano i confli i armati, il commercio di schiavi ed i flussi migratori e che, seppur i fenomeni che li causano sono geograficamente lontano da noi, di tanto in tanto gli effe i di questo modello di sviluppo bussano alla nostra porta di casa. 5 La traduzione è nostra 6 Da Human Development Report 2005, pag.12 - UNDP

11 Capitolo 1 Sviluppo Economico e Povertà Box 4 Le guerre nascoste Spesso il costo dei confli i sullo sviluppo umano non è ben conosciuto, anzi non sono conosciute neanche le guerre. Nella Repubblica Democratica del Congo, le vi ime a ribuibili alla guerra civile hanno superato il numero di vi ime che il Regno Unito ha subito nei due confli i mondiali messi insieme. La guerra del Darfur ha creato 2 milioni di profughi. Le vi ime umane di questi confli i solo saltuariamente finiscono nei telegiornali. Ma, i danni più pesanti sono nascosti e minano le possibilità di sviluppo di lungo periodo. I confli i generano carestie e me ono a repentaglio la salute delle persone, distruggono le scuole, devastano i villaggi e le ci à ed allontanano le prospe ive di crescita economica. Si comba e in nome della diversità etnica o religiosa, ma la vera ragione di queste guerre è il controllo delle risorse naturali (acqua, petrolio, diamanti ed altre pietre preziose). Il tu o è alimentato dall intervento dei Paesi esterni che qualche volta inviano proprie truppe (Somalia, Afghanistan, Iraq per citarne alcune), ma sempre si preoccupano di fornire alle opposte fazioni in guerra un numero sufficiente di armi (solo le armi leggere, nei Paesi so osviluppati, uccidono circa persone l anno). Fonte: Rapporto sullo Sviluppo Umano 2005, pag.19 - UNDP L estrema povertà di massa non necessariamente porta ad un confli o armato, poiché nel legame fra disuguaglianza e violenza spesso intervengono anche altri fa ori. La disuguaglianza può essere sia verticale (fra classi sociali) che orizzontale (fra diverse regioni). Sicuramente l estrema povertà ed un alto livello di disuguaglianza possono costituire delle basi forti per il sorgere di violenze fra diversi gruppi sociali. Fa ore scatenante il confli o è spesso dato dalla presenza di una risorsa naturale. Tra il 1990 ed il 2002 il mondo ha visto più di 17 guerre per il controllo delle risorse naturali: diamanti in Angola e Sierra Leone, diamanti e legno in Liberia, rame, oro e legno nella Repubblica Democratica del Congo. Spesso nei confli i intervengono anche i Paesi vicini che sfruttano l occasione per appoggiare la fazione che gli garantirà le migliori forniture di queste materie. La guerra interrompe i commerci, inasprisce la povertà, favorisce le mala ie e genera flussi umani in fuga che cercano aree più tranquille. Alimenta i movimenti estremisti e fa sì che diminuisca il livello generale di sicurezza a livello mondiale. La povertà non genera necessariamente una guerra e spesso concedere alla gente un altra alternativa per migliorare la propria situazione impedisce il formarsi ed il radicarsi di correnti violente e rivoluzionarie. La ba aglia contro la povertà ha lo scopo umanitario di impedire che degli individui muoiano di fame. Ma perme e di raggiungere anche un altro importante risultato che forse è più difficile da cogliere ed è quello della dimensione sociale e politica. Essa non solo libera il povero dalla fame, ma lo libera anche dalla soggezione politica

12 Capitolo 1 Sviluppo Economico e Povertà 1.3 Aiuti e commerci internazionali Gli aiuti internazionali Gli aiuti internazionali sono l arma più utilizzata per contrastare la povertà ed i problemi ad essa connessi. A ualmente, però, non si massimizza il risultato o enibile, a causa di inefficienze di gestione degli stessi e di determinazione degli obiettivi che si intendono raggiungere e dei metodi per farlo. Inoltre, spesso, i Paesi ricchi vedono gli aiuti come una forma di carità, non scorgendo in essi un buon mezzo, in un modo sempre più interconnesso, per raggiungere una maggiore sicurezza e condividere una più ampia prosperità. In linea generale, gli aiuti internazionali si traducono in investimenti per la realizzazione di infrastru ure ed altre opere primarie nei Paesi poveri. Il problema è costituito dal fa o che per realizzare tali opere la manodopera locale non è in grado di fare molto di più che semplici lavori di manovalanza a basso valore aggiunto (il resto dell opera viene realizzato da sogge i provenienti dal Paese donatore o da altro Paese ricco). Inoltre, terminata l opera, per esempio la realizzazione di un acquedo o, il Paese ricco me e tu o in mano alla popolazione locale, senza insegnarle come utilizzare quanto costruito né come effe uare la manutenzione; di conseguenza, non vi è alcun miglioramento delle condizioni di vita del Paese, ma il beneficio principale è stato a favore del donatore stesso. Box 5 Gli aiuti internazionali in Bangladesh Dal 1972 al 1997 sono affluiti qualcosa come $ 30 miliardi di aiuti stranieri. Quest anno il contributo dall estero sarà di circa $ 2 miliardi. Ma dov è andato a finire tu o quel denaro? Visitando i nostri villaggi non si vede traccia di tanta munificenza sui volti degli abitanti. Dov è finito, dunque, il denaro? Risalendo la filiera dei fondi si fanno scoperte poco lusinghiere sul conto sia dei donatori sia dei beneficiari. Circa i tre quarti dell ammontare complessivo degli aiuti stranieri sono spesi nel Paese donatore: insomma, le donazioni sono diventate un mezzo, per il Paese ricco, di dar lavoro ai propri abitanti e di vendere i propri prodo i. Quanto all ultimo quarto, finisce quasi per intero ad arricchire una piccola elite bengalese di consulenti, imprenditori, burocrati e funzionari corro i, che lo spendono in prodo i d importazione o lo trasferiscono sui conti correnti stranieri, il che non apporta alcun beneficio alla nostra economia. Lo spreco dei fondi internazionali rappresenta una doppia tragedia per il Bangladesh. Usati con più a enzione quei fondi potrebbero in larga misura contribuire a migliorare le condizioni di vita nelle zone rurali e nelle bidonville. Per esempio, se anche solo due miliardi di dollari fossero consegnati dire amente alle famiglie bengalesi più povere, circa la metà della nostra popolazione si vedrebbe assegnare circa $ 200 a titolo individuale. I beneficiari lo userebbero principalmente per acquistare beni e servizi prodo i sia dalle famiglie povere beneficiarie del proge o sia da sogge i diversi, apportando così nuova linfa all economia rurale (grazie al moltiplicatore della spesa pubblica, ndr)

13 Capitolo 1 Sviluppo Economico e Povertà Di solito, invece, i fondi servono a costruire strade, ponti ed altre infrastru ure, che si presume andranno ad aiutare i poveri a lunga scadenza. Ma sulla lunga scadenza si ha ampiamente il tempo di morire e degli aiuti i poveri non vedono neanche il colore. Gli aiuti vengono sempre consegnati ai governi, aumentando la burocrazia, l inefficienza e gli sprechi. Se si vuole davvero che l aiuto riesca ad incidere nella vita dei poveri, bisogna far sì che esso arrivi dire amente nelle case. Fonte: Il banchiere dei Poveri, pag.10 Mohammad Yunus - Universale Economica Feltrinelli, 2006 Quella riportata è ovviamente un opinione personale relativa alla situazione in un determinato Paese e per questo motivo non è necessariamente vera ed è susce ibile di essere contradde a. Certo è che, se dopo che per decenni i Paesi ricchi hanno riversato fiumi di denaro su quelli poveri senza riuscire ad estirpare le cause della povertà (dato che il 40% della popolazione mondiale vive con meno di $2 al giorno), siamo certi che il sistema degli aiuti internazionali debba essere rivisto. Bisogna riconoscere, tu avia, che grazie agli aiuti internazionali è possibile raggiungere risultati positivi sopra u o nell assistenza ai bambini. Box 6 Risultati dei finanziamenti condizionati nei Paesi dell America Latina I programmi di finanziamento condizionati a fondo perduto in molti Paesi dell America Latina forniscono assistenza monetaria alle famiglie povere a condizione che vengano assunti dei comportamenti di sviluppo umano, come la frequentazione delle scuole o la partecipazione ai programmi sanitari. Questi proge i hanno dimostrato di avere un impa o positivo sull educazione, la salute e la riduzione della povertà. Per quanto riguarda le iscrizioni nelle scuole, in Messico sono aumentate del 14% quelle delle ragazze ed dell 8% quelle dei ragazzi. In Colombia i ragazzi frequentanti delle aree rurali fra i 12 ed i 17 anni sono aumentati del 10 %, mentre in Equador le iscrizioni nella scuola primaria sono aumentate del 10%. Questi proge i hanno contribuito, di conseguenza, anche alla riduzione del lavoro minorile. In Nicaragua la probabilità per un bambino fra i 7 ed i 13 anni di lavorare è diminuita del 5%, mentre per un ragazzo messicano fra gli 8 ed i 17 anni è diminuita del 10-14%. I programmi di assistenza sanitaria hanno permesso un numero maggiore di vaccinazioni, una diminuzione dei tassi di mortalità infantile ed hanno aumentato il peso e l altezza dei bambini con meno di qua ro anni di età. Fonte: Annual Review of Development 2006, pag.7 World Bank

14 Capitolo 1 Sviluppo Economico e Povertà In aggiunta a quanto già de o, bisogna assicurarsi che l aiuto non si configuri come una semplice elemosina. Questo è un gesto che serve solo a calmare la coscienza, ma non riesce realmente a risolvere il problema, anzi ci esime dall affrontarlo nella sostanza. Talvolta diventa persino dannoso. Traducendo il problema alla vita quotidiana, fare l elemosina ad un mendicante al semaforo lo aiuta ad entrare in un circolo vizioso senza via d uscita. Il mendicante trascorrerà la vita passando da un auto all altra. Per affrontare onestamente il problema dovremmo impegnarci ad avviare un processo: se il donatore aprisse la portiera e chiedesse al mendicante qual è il suo problema, come si chiama, quanti anni ha, che cosa sa fare, se ha bisogno di assistenza medica e così via, quello sarebbe un modo per aiutarlo davvero. Ma allungare una moneta significa implicitamente invitare il mendicante a sparire, è un modo per sbarazzarsi comodamente del problema. Con ciò non si vuole sostenere che si debba ignorare il dovere morale di aiutare, o l istinto a soccorrere i bisognosi; si afferma solo che l aiuto deve assumere una forma diversa. In ogni caso, mendicare priva l uomo della sua dignità, togliendogli l incentivo a provvedere alle proprie necessità con il lavoro, lo rende passivo e incline ad una mentalità parassitaria: perché faticare, quando basta tendere la mano per guadagnarsi la vita? Il meccanismo che opera sul piano individuale è lo stesso che interviene più in grande nel campo degli aiuti internazionali. La dipendenza dal soccorso internazionale favorisce quei governi che più si dimostrano capaci nell a irare nel proprio Paese i contributi. Per esempio, acce are gli aiuti alimentari significa perpetuare la carenza di quel tipo di beni in quanto nessuno li produrrà perché non potrebbe venderli in quanto qualcun altro li regala 7. Probabilmente, quindi, gli aiuti internazionali dovrebbero trasformarsi in un aiuto internazionale a porre fine definitivamente alla condizione di povertà dei singoli individui. 7 Mohammad Yunus - Il banchiere dei Poveri, pagg Universale Economica Feltrinelli,

15 Capitolo 1 Sviluppo Economico e Povertà Il commercio internazionale Un modo sicuramente migliore di sviluppare i sistemi economici di tu i i Paesi è dato dal commercio internazionale. Grazie ai cosidde i vantaggi comparati, ognuno si specializza in ciò che sa fare meglio e scambia i prodo i così o enuti con i propri vicini. Per esempio, un Paese potrebbe essere in grado di produrre sia più grano che più automobili del proprio vicino. Nonostante ciò, per lui potrebbe comunque essere conveniente specializzarsi maggiormente nella produzione di automobili ed importare dal vicino parte del grano che gli occorre. Lo sviluppo dei mezzi di trasporto e dei sistemi di comunicazione ha dato linfa vitale alla crescita del commercio internazionale negli ultimi decenni, facendolo diventare un fa ore trainante della crescita economica mondiale. Esso è stato anche sostenuto da politiche di abba imento dei dazi doganali e di miglioramento dei rapporti politici internazionali. Il mondo è diventato un grande mercato. A questo punto potrebbe interessarci il funzionamento di un mercato per capire a favore di chi vanno i benefici che esso produce. Il mercato tende quasi sempre a massimizzare il risultato o enibile in un o ica di breve periodo (anche se la storia ci ha insegnato che sono possibili degli equilibri di so outilizzo dei fa ori, che per semplificare l analisi non prendiamo in considerazione). In un mercato in concorrenza perfe a è l insieme degli a ori presenti a determinare l equilibrio, cioè le quantità da produrre ed il prezzo a cui venderle. In questo modo si o iene il beneficio massimo e questo viene ripartito in modo equo (in base all elasticità delle curve di domanda e offerta) fra consumatori e produ ori. Purtroppo, i mercati in concorrenza perfe a praticamente non esistono, ma il mercato assume solitamente la forma di monopolio, concorrenza monopolistica o al massimo oligopolio. Ciò significa che l equilibrio del mercato (cioè prezzo e quantità) viene determinato solo da uno o comunque pochi a ori presenti (che esercitano il cosidde o potere di mercato), che distorcono sia l equilibrio che la ripartizione del beneficio derivante dagli scambi. Con il monopolio, per esempio, si produce una quantità di prodo o minore di quella che si produrrebbe in concorrenza perfetta, la si vende ad un prezzo più alto e si genera una perdita secca (cioè una parte di consumatori non possono più realizzare lo scambio). Inoltre, il beneficio viene ripartito principalmente in favore del produ ore. Il sogge o possessore del potere di mercato si identifica con il più ricco o comunque con colui che è in grado di esercitare una forza maggiore (economica, politica, militare, ecc). Il conce o si può applicare sia a mercati circoscri i di beni e servizi, che ai commerci internazionali che ai rapporti fra Stati o gruppi di Stati. In un sistema lasciato al libero mercato la ricchezza tende, quindi, a concentrarsi nelle mani di chi è già ricco, poiché il maggior beneficio derivante dallo scambio va a favore del detentore del potere di mercato. Ma è anche possibile che il mercato sia regolato e stru urato in modo tale da essere vantaggioso per tu i

16 IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 2.1 Il comercio equo e solidale Proprio per una critica al modello commerciale tradizionale nasce il Commercio Equo e Solidale. Una presa di fatto del fallimento di una politica economica che ha creato forti squilibri nella distribuzione della ricchezza. Questo commercio fin dalla sua nascita è stato accompagnato dallo slogan: Trade non Aid, Commercio non aiuti. Perché si è subito voluto so olineare che era ed è molto più importante fornire gli strumenti per uscire autonomamente da situazioni di povertà, senza dipendere solamente da aiuti esterni, che possono creare dipendenze e scoraggiare i locali. Innanzitu o questo commercio vuole offrire un mercato per i produ ori del Sud del Mondo, i quali in questo modo possono produrre sia per esportare che per il mercato interno. 2.2 Nascita del commercio equo e solidale Questo tipo di commercio viene fatto risalire alla fine degli anni cinquanta, quando nasce S.O.S. Wereldhandel, una fondazione creata da un gruppo di giovani del partito Ca olico olandese a Kerkrade. Essi rimangono impressionati dalle notizie di povertà e fame provenienti dalla Sicilia e per questo vogliono raccogliere la e in polvere. Nello stesso periodo, OXFAM, un ONG inglese fondata da un gruppo di quaccheri e da altri gruppi religiosi, si rese conto che una delle necessità di base delle popolazioni del Sud del mondo era trovare un mercato per i propri prodo i. In questo modo non erano più mendicanti bisognosi di elemosine, ma partner commerciali che ricevevano un giusto prezzo per le loro produzioni. Da queste esperienze nascono le prime Centrali d importazione, in Italia la prima vera esperienza si ha a Morbegno in provincia di Sondrio, dove nasce nel 1976 la Coop. Sir John Ltd che nel 1979 avvia la vendita di prodo i artigianali in juta del Bangladesh. 2.3 Cara eristiche del commercio equo e solidale Possiamo riassumere il perché il Commercio equo e solidale viene definito un mercato alternativo in queste definizioni: 1) Lavora con i produ ori e i lavoratori che si trovano ai margini del mercato tradizionale, con essi hanno rapporti commerciali dire i e di lungo periodo, per consentire la pianificazione del loro futuro con più certezza; 2) Viene pagato un prezzo equo che garantisce a tu e le organizzazioni un giusto guadagno. Il prezzo equo è concordato con il produ ore stesso sulla base del co

17 Capitolo 2 Il Commercio Equo e Solidale sto delle materie prime, di una giusta retribuzione del lavoro svolto, più un premio destinato a finanziare proge i di sviluppo decisi e gestiti dai produ ori; 3) I produ ori provengono dire amente da comunità, villaggi e cooperative che sono a ente alla reale partecipazione alle decisioni da parte di tu i i lavoratori; 4) Rispe a l ambiente privilegiando e promuovendo le produzioni biologiche, l uso di materiali riciclabili e processi produ ivi e distributivi a basso impa o ambientale; 5) Garantisce condizioni di lavoro che rispe ano i diri i dei lavoratori sanciti dalle Convenzioni dell Organizzazione Internazionale del Lavoro; 6) Non ricorre al lavoro infantile e rispe a le convenzioni internazionali sui diri i dell infanzia; 7) I produ ori hanno diri o di richiedere prefinanziamenti fino al 50% del valore del contra o per evitare di cadere nelle mani degli usurai; 8) È trasparente verso i consumatori, che possono conoscere l effe iva composizione del prezzo; 9) Promuove azioni informative, educative e politiche sul Commercio Equo e Solidale, sui rapporti fra Paesi svantaggiati ed economicamente sviluppati. Gli a ori che agiscono all interno del Commercio Equo e Solidale sono: I produ ori; Le centrali d importazione; Le bo eghe del mondo; La grande distribuzione; Il consumatore. Un esempio che possiamo riportare dei produ ori è quello chiamato UCIRI. Per UCIRI si intende l Union de las Comunidades Indigenas de la Regiòn del Istmo, questo proge o è nato nel 1983 da cinquecento famiglie di indigeni Zapotecos, Mixes e Chontales residenti in tre diversi villaggi della regione montuosa di Oaxaca, nel Sud del Messico, dopo soli due anni le famiglie erano 1500, originarie di 17 comunità. Ora le comunità sono già 54, per un totale di 2549 famiglie. Proprio UCIRI rappresenta come un proge o riuscito riesca a far progredire un intera area. Qui si produce caffè e tu a la produzione è biologica certificata, inoltre l 80% della produzione viene esportato nel mercato internazionale del commercio equo, in Europa, negli Stati Uniti, in Canada e recentemente anche in Giappone. Le entrate apportate dalla vendita di caffè hanno consentito notevoli investimenti nella salute e nell alloggio, inoltre c è stato anche un tentativo di diversificazione della produzione, con un apertura di una fabbrica di jeans e la produzione di fru a. L obbie ivo primario di questo proge o rimane la creazione di un mercato interni di caffè a prezzo equo, infa i uno dei successi più recenti è stato proprio l apertura di una coffe house nella ci à di Ixtepec. Uno degli anelli fondamentali nella catena della produzione al consumo dei

18 Capitolo 2 Il Commercio Equo e Solidale prodo i del commercio equo e solidale sono proprio le Centrali d importazione. Esse curano i rapporti con i produ ori e la diffusione dei prodo i ai canali di vendita, vengono chiamate Alternative Trade Organizations (ATOs) Le ATOs si occupano di trovare o creare mercati di sbocco nei Paesi del Nord per i prodo i del Sud del Mondo. Nei paesi del Nord del Mondo rivestono un grande ruolo politico-sociale, facendosi promotrici di campagne di sensibilizzazione nei confronti dei consumatori e utilizzando risorse e strumenti per fare pressione sulle istituzioni affinché sostengano le realtà e i principi del Commercio equo. Le Bo eghe del Mondo sono i distributori ultimi dei prodo i del commercio equo e solidale. Nel mondo sono circa 4000, mentre in Italia sui 450. In esse operano come volontari circa 6000 persone che offrono il loro tempo libero per stare nelle bo eghe e portare avanti il commercio equo. Le bo eghe non si limitano solo a vendere i prodo i provenienti dal Sud del Mondo, ma si occupano di fare opera di sensibilizzazione, informazione e promozione sui temi del commercio equo e sociale e solidale. La maggior parte vendono anche prodo i biologici e alcune addirittura vendono viaggi di turismo responsabile, investimenti ed assicurazioni etiche, contra i per compagnie telefoniche no profit e altro ancora. Ormai c è la possibilità di trovare alcuni prodo i alimentari equi e solidali anche in alcune catene di supermercati. Le centrali d importazione però in questi casi applicano una serie di vincoli e condizioni commerciali fisse e non tra abili, come il prezzo fisso al consumatore, un azione informativa e culturale negli spazi dei supermercati. Infine, ma non per importanza, vi è il consumatore, infa i esso è colui che ha il potere più grande all interno di questa catena, cioè il potere d acquisto. Coloro che appoggiano il Commercio Equo chiedono al consumatore di trasformare il suo a o quotidiano di fare la spesa in un vero a o di giustizia e responsabilità acquistando i prodo i del Commercio Equo

19 Capitolo 2 Il Commercio Equo e Solidale 2.4 Vecchi e nuovi obie ivi del commercio equo e solidale Nella Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale sono riportati gli obie ivi che si proponeva e si propone questo tipo di commercio. Punta a: migliorare le condizioni di vita dei produ ori aumentandone l accesso al mercato, pagando un prezzo migliore ed assicurando continuità nelle relazioni commerciali; promuovere opportunità di sviluppo per produ ori svantaggiati; divulgare informazioni sui meccanismi economici e stimolare nei consumatori la crescita di un a eggiamento alternativo al modello economico dominante; proteggere i diri i umani promuovendo giustizia sociale, sostenibilità ambientale, sicurezza economica; favorire l incontro tra consumatori critici e produ ori dei Paesi economicamente meno sviluppati; favorire l autosviluppo economico e sociale; Stimolare non solo i consumatori ma anche le istituzioni nazionali ed internazionali nel prendere le proprie decisioni. Ora col passare del tempo a tu i questi obie ivi, i quali rimangono fermi ed irremovibili, se ne affiancano alcuni, più aperti al nuovo mondo che si prospetta. Infa i si vuole: Crescere nei se ori tradizionali del Commercio Equo; Cercare di allargare l a ività del commercio equo ad alcuni prodo i di massa come abbigliamento e calzature; Confrontarsi con realtà industriali e della grande distribuzione, e diventare più professionali (cosa non facile visto che in larga parte si appoggia sul volontariato), senza perdere la propria identità; Continuare sempre a sensibilizzare l opinione pubblica affinché il mercato mondiale venga regolato diversamente; Crescere nella capacità di stabilire alleanze e rapporti politico-economici, in particolare con il biologico e le organizzazioni non governative

20 CANALI DISTRIBUTIVI 3.1 I distributori I distributori sono le organizzazioni, localizzate nei paesi occidentali, che vendono i prodo i della filiera del commercio equo e solidale ai consumatori finali. Nei primi anni di sviluppo del commercio equo e solidale questi prodo i venivano distribuiti in maniera pressoché esclusiva a raverso le bo eghe del mondo, negozi gestiti prevalentemente da organizzazioni senza scopo di lucro (spesso grazie all apporto determinante di volontari) e specializzati nel tra amento esclusivo di prodo i della filiera del commercio equo e solidale (e, in Italia in epoca più recente, anche di alcuni prodo i biologici provenienti dal mondo delle cooperative sociali che effe uano l inserimento lavorativo di sogge i svantaggiati). Oltre a svolgere una a ività di distribuzione commerciale, le bo eghe del mondo svolgono un ruolo cruciale di informazione, sensibilizzazione e divulgazione delle a ività e delle proposte del commercio equo e solidale; si potrebbe anzi affermare che, in Italia almeno, questa seconda funzione sia forse più rilevante della prima, tanto che le botteghe del mondo spesso somigliano più a stru ure di animazione territoriale che non a veri e propri esercizi commerciali. In un periodo più recente, i prodo i del commercio equo e solidale hanno interessato anche alcune catene della grande distribuzione organizzata, così come alcuni negozi tradizionali, sicché ora essi sono disponibili presso un ampio spe ro di esercizi commerciali al de aglio. L ingresso della g.d.o. nel commercio equo e solidale, così come il fa o che alcuni grandi produ ori e trasformatori di commodity alimentari abbiano introdo o linee di prodo o eque e solidali, non è stato privo di contraccolpi, specie in Italia, dove un parte dei sogge i che ha contribuito a fare nascere il fenomeno ritiene che una simile contaminazione sia poco opportuna e rischi di diminuire la radicalità della proposta del commercio equo e solidale. 3.2 Il commercio equo e solidale in Europa Secondo i più recenti dati disponibili sull Europa (Krier, 2005), riferiti in larga misura agli anni 2004 e 2005, il commercio equo e solidale ha raggiunto dimensioni ragguardevoli e ha mostrato negli anni più recenti una dinamica di assoluto interesse. Innanzitu o, dal punto di vista della distribuzione, i prodo i del commercio equo e solidale sono ormai disponibili ai consumatori in una vasta rete di punti di vendita; si tra a di circa stru ure, con una ne issima prevalenza della g.d.o. (57.000), seguita dai normali esercizi commerciali (19.000) ed infine dalle bo eghe del mondo (2.854). I punti vendita in cui sono disponibili prodo i del commercio equo e solidale sono aumentati di circa il 24% rispe o al 1997, con una crescita particolarmente vivace proprio nel se ore della gdo (32%) ed un aumento più contenuto per le piccole stru ure commerciali (7%) e per le bo eghe del mondo (4%). La

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm Convegno Cooperazione internazionale a sostegno dello sviluppo umano e sanitario nei Paesi con risorse limitate Siena, 28 novembre

Dettagli

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 Una emergenza? L estrema diseguaglianza economica, rapidamente crescente, è stata citata dal World Economic Forum s Global Risk Report

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Il concetto di Economia aperta si applica ai mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le

Dettagli

Con le donne per vincere la fame

Con le donne per vincere la fame Con le donne per vincere la fame CAMPAGNA DI RACCOLTA FONDI dal 1 maggio al 1 giugno 2014 Chi è Oxfam Italia Oxfam Italia è parte della confederazione globale Oxfam, presente in oltre 90 paesi del mondo

Dettagli

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 A SCUOLA DI MONDO Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 Il commercio non è né buono né cattivo [...] può sia contribuire al

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

Protezione sociale e agricoltura

Protezione sociale e agricoltura 16 ottobre 2015 Giornata mondiale dell alimentazione Protezione sociale e agricoltura Sasint/Dollar Photo Club Sasint/Dollar Photo Club per spezzare il ciclo della povertà rurale 16 ottobre 2015 Giornata

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Milano, giugno 2010 ActionAid ActionAid, organizzazione indipendente impegnata nella lotta

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Economia del turismo

Economia del turismo Economia del turismo Anno Accademico 2014/2015 Dott. Ivan Etzo Economia del Turismo - Dott. Ivan Etzo 1 SEZIONE 5 Il turismo internazionale ARGOMENTI 5.1 Gli elementi caratteristici del turismo internazionale

Dettagli

Mani Tese 2013. www.manitese.it u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a

Mani Tese 2013. www.manitese.it u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a MANI TESE ONG/ONLUS Da 49 anni verso un mondo più giusto Mani Tese è un Organizzazione Non Governativa nata in Italia nel 1964 per combattere la fame e gli squilibri

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

Via Salieri,, 16 Tel. 0442/601061. Legnago. il riso. commercio equo e solidale

Via Salieri,, 16 Tel. 0442/601061. Legnago. il riso. commercio equo e solidale Legnago Via Salieri,, 16 Tel. 0442/601061 il riso commercio equo e solidale Legnago, 18 novembre 2006 La Thailandia Bangkok Come la conosciamo? La produzione di riso La Thailandia è il paese che esporta

Dettagli

INVASIONE? Le cifre del problema

INVASIONE? Le cifre del problema INVASIONE? Le cifre del problema 114.285 richiedenti asilo in Italia nei primi 8 mesi dell anno (2.000 in più rispetto allo stesso periodo del 2014 L Italia accoglie un numero molto modesto di profughi

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

GAS Gruppi d Acquisto Solidali

GAS Gruppi d Acquisto Solidali GAS Gruppi d Acquisto Solidali Una proposta per un modo diverso e possibile Acquistare insieme per vivere bene Da una parte abbiamo i consumatori critici che cercano prodotti etici e compatibili, dall

Dettagli

Ottavo Obiettivo: Sviluppare una partnership globale per lo sviluppo

Ottavo Obiettivo: Sviluppare una partnership globale per lo sviluppo Ottavo Obiettivo: Sviluppare una partnership globale per lo sviluppo Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio riconoscono esplicitamente che si può eliminare la povertà solo attraverso una "partnership

Dettagli

LA GLOBALIZZAZIONE. Istituto Primario Primo Grado F.D

LA GLOBALIZZAZIONE. Istituto Primario Primo Grado F.D LA GLOBALIZZAZIONE Istituto Primario Primo Grado F.D Un mondo globalizzato La globalizzazione è un fenomeno che si estende a tutta la superficie terrestre o all intera umanità Essa offre grandi possibilità

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO - Documentazione grafica - CONFERENZA STAMPA Zelarino, giovedì 16 febbraio 2012 1 Identità religiose del Nord Est - stime - 3,3 8,2 1,4 11,6 75,6 italiani cattolici immigrati cattolici italiani di altre

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo Giovanni Anania Università della Calabria 28 novembre 2013 ...il piano della lezione esiste oggi un problema di fame nel mondo?

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole - dare voce a chi non ha voce- Chi siamo? Siamo una Associazione iscritta al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato. L Associazione ha

Dettagli

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo esiste oggi un problema di fame nel mondo? com è cambiato nel tempo? è oggi più grave o meno grave che in passato? le aree del

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

Lezione 6: La moneta e la scheda LM

Lezione 6: La moneta e la scheda LM Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 6: La moneta e la scheda LM Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Moneta DEFINIZIONE. In macroeconomia

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 PRIMA FASE: LO SVILUPPO SOSTENIBILE Le risorse della terra sono limitate I rifiuti e le emissioni inquinanti, in quanto prodotti dell uomo, hanno un impatto

Dettagli

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO Cenni storici e aspetti generali 1. Il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), con sede a Roma, è stato creato nel 1977 a seguito di una

Dettagli

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a.

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a. Capitolo 2 Commercio internazionale: uno sguardo d insieme [a.a. 2012/13 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Struttura della Presentazione Il commercio

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo esiste oggi un problema di fame nel mondo? com è cambiato nel tempo? è oggi più grave o meno grave che in passato? le aree del

Dettagli

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio Il commercio I vantaggi del libero scambio Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali Vi

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Corso di Laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia Introduzione allo studio dell Economia I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA (Capitolo 1) Il termine economia... Deriva da una parola greca che significa

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO L ASSICURAZIONE ITALIANA Continua a crescere ad un tasso elevato la raccolta premi complessiva, in particolare nelle assicurazioni vita. L esercizio si chiude in utile soprattutto grazie alla gestione

Dettagli

ECONOMIA DEL FAIR TRADE DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO

ECONOMIA DEL FAIR TRADE DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO ECONOMIA DEL FAIR TRADE DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO 1 COSA S INTENDE CON FAIR TRADE Cos è FT per la gente della strada 20 Un movimento di cooperative, associazioni, organizzazioni non profit che commercializza

Dettagli

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU)

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Marcello Flores Il 10 dicembre 1948 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvava la Dichiarazione Universale dei Diritti

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Un mestiere difficile

Un mestiere difficile Un mestiere difficile.forse troppo? a cura di Beatrice Chirivì INTRODUZIONE Sono in media 1.300 all anno le persone che inviano il proprio curriculum al COSV. In gran parte si tratta di candidature di

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA ALLEGATO D DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA Commercio equo e solidale 1. Il commercio equo e solidale è l attività di cooperazione economica e sociale finalizzata a consentire o migliorare

Dettagli

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo Microcredito: una strategia per ridurre la povertà? Veronica Polin Università degli Studi di Verona 1 Esclusione finanziaria: dimensione 3

Dettagli

Il problema dell accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo: un introduzione

Il problema dell accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo: un introduzione Il problema dell accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo: un introduzione esiste oggi un problema di fame nel mondo? com è cambiato nel tempo? è oggi più grave o meno grave che negli anni passati?

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Leonardo Becchetti, Angela Schito - 15/04/2009 (BENE COMUNE:NET) Una delle conseguenze della crisi che stiamo vivendo riguarderà senza dubbio le

Dettagli

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI 1 MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI Quest iniziativa è lanciata, in occasione di Expo 2015, dalle reti internazionali degli attori pubblici, associativi e

Dettagli

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 19 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa, la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita Capitolo 13 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

LA POVERTÀ NEL MONDO. Circa metà della popolazione mondiale (tre miliardi di persone) vive con meno di due dollari al giorno.

LA POVERTÀ NEL MONDO. Circa metà della popolazione mondiale (tre miliardi di persone) vive con meno di due dollari al giorno. LA POVERTÀ NEL MONDO Circa metà della popolazione mondiale (tre miliardi di persone) vive con meno di due dollari al giorno. Le persone che vivono con meno di un dollaro al giorno sono un miliardo e trecento

Dettagli

Jeanine vive, e tu voltati

Jeanine vive, e tu voltati Data Jeanine vive, e tu voltati I diritti umani e soprattutto la loro violazione, devono stringere il mondo intero nella solidarietà. Ban Ki-moon 0 1 E tu voltati Indifferenza. Liliana Segre ne ha parlato

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Riceverà una nostra lettera personalizzata e redatta più o meno così (il testo può essere concordato)

Riceverà una nostra lettera personalizzata e redatta più o meno così (il testo può essere concordato) Ecco una idea di valore per i REGALI DI NATALE Natale: solito problema del pensierino! Fortunatamente ormai ognuno di noi ha quasi tutto, quindi regalare qualcosa significa regalare il superfluo o l inutile.

Dettagli

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale!

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! Indice dei contenuti ActionAid Italia Giornata Mondiale per la Giustizia Sociale ActionAid e la Giustizia Sociale Progetto Etiopia Aziende in azione per

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

I rapporti economici internazionali. Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione

I rapporti economici internazionali. Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione I rapporti economici internazionali Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione Il commercio internazionale E costituito da tutti gli scambi di beni e servizi tra gli

Dettagli

Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale

Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale Relatore: Diego Bevilacqua Centro di Sviluppo Politico e Sociale 1. Fund raising: una definizione Il fund rainsing

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

CAPITOLO 7 LA DISTRIBUZIONE DEL SALARIO

CAPITOLO 7 LA DISTRIBUZIONE DEL SALARIO CAPITOLO 7 LA DISTRIBUZIONE DEALARIO 7-1. Valutate la validità della seguente affermazione: il crescente differenziale salariale tra i lavoratori altamente istruiti e quelli meno istruiti genererà dei

Dettagli

Uno sguardo sull istruzione: Indicatori dell OCSE 2012

Uno sguardo sull istruzione: Indicatori dell OCSE 2012 SCHEDA PAESE Uno sguardo sull istruzione: Indicatori dell OCSE 2012 PRINCIPALI CONCLUSIONI ITALIA I tassi d iscrizione all università sono aumentati dopo che l Italia ha introdotto una nuova struttura

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso IL NUTRIMENTO E UNA NECESSITA VITALE PER L UOMO,

Dettagli

Cos è Etico nella Finanza Etica?

Cos è Etico nella Finanza Etica? Università degli Studi di Trento Educazione alla Finanza Etica, Responsabile e Felice Trento 28 novembre 2009 Struttura dell Intervento Cosa vuol dire finanza etica? Il ruolo del sistema finanziario Finanza

Dettagli

Il consumo socialmente responsabile nei paesi sviluppati

Il consumo socialmente responsabile nei paesi sviluppati Sviluppo agricolo e povertà rurale nell era della globalizzazione: il contributo della Facoltà di Agraria Portici, 27 marzo 2006 Il consumo socialmente responsabile nei paesi sviluppati Ornella Wanda Maietta

Dettagli

Social Watch: Italia al 72 posto

Social Watch: Italia al 72 posto Social Watch: Italia al 72 posto E' dietro a Grecia, Slovenia, Cipro e Repubblica Dominicana secondo l Indice calcolato nell ultimo rapporto della rete internazionale. Anche i paesi poveri possono raggiungere

Dettagli

REPORT CAMPAGNA TENDE 2011-2012 R.D. Congo Tutti a scuola con il Sostegno a distanza

REPORT CAMPAGNA TENDE 2011-2012 R.D. Congo Tutti a scuola con il Sostegno a distanza REPORT CAMPAGNA TENDE 2011-2012 R.D. Congo Tutti a scuola con il Sostegno a distanza ALLA RADICE DELLO SVILUPPO: IL FATTORE UMANO Perché un intervento di cooperazione allo sviluppo sia efficace occorre

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO per l innovazione della città CHANGE MILANO è un iniziativa del Partito Democratico: un piano di progetti d innovazione per il governo della Città AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO Per aprire la

Dettagli

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI BIOLOGICO: NON SOLO MERCATO LE REGOLE L'agricoltura biologica rappresenta uno dei comparti dell'agroalimentare di qualità di maggior

Dettagli