IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA"

Transcript

1 n u m e r o m o n o g r f i c o IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA PREMESSA Nell Comuniczione dell Commissione Europe del 3 luglio 2008, intitolt Migliorre le competenze per il 21 secolo: un ordine del giorno per l cooperzione europe in mteri scolstic, è stto posto in evidenz come le scuole in Europ, divenute orgnizzzioni sempre più complesse ed utonome, ino isogno di cpi d istituto che sppino coniugre gli spetti di mngement scolstico del loro ruolo con quelli di un ledership foclizzt sull pprendimento. Al fine di sostenere gli Stti Memri nell ttuzione delle conclusioni del Consiglio europeo in merito llo sviluppo delle competenze del personle scolstico, l Commissione propone, tr ltre cose, di incentrre l futur cooperzione su qunto segue: migliorre il processo di reclutmento dell dirigenz scolstic e dotrl dei mezzi necessri per concentrrsi sul compito di migliorre l'pprendimento degli studenti e sullo sviluppo del personle scolstico. Nelle Conclusioni, l Commissione sottoline come l presente comuniczione individu i settori in cui srnno necessri cmimenti nche rdicli se voglimo che le scuole europee preprino pienmente i giovni ll vit di questo secolo Novemre Notizirio cur dell Unità Itlin di Eurydice - Agenzi Nzionle per lo Sviluppo dell Autonomi Scolstic pulicto con il contriuto del MIUR - Direzione Generle per gli ffri internzionli (Ufficio II) Se sono necessri cmimenti rdicli perché l scuol prepri effettivmente ll competenze del 21 secolo, occorre operre perché non mnchi il personle in grdo di relizzre qunto serv per cmire. Se prtimo dl presupposto che le riforme dell scuol hnno o dovreero vere come fine ultimo il migliormento dell qulità del processo di insegnmento e di pprendimento, è possiile ffermre che i cpi di istituto in Europ sono selezionti e formti per quest delict funzione? E l scuol è orgnizzt perché l pprendimento degli lunni, m nche l crescit professionle dei suoi opertori e l crescit socile dell comunità, stino sldmento l centro delle sue zioni? Secondo l Commissione Europe, un pieno sviluppo dell utonomi scolstic necessit di un dirigenz che riesc mettere in cmpo llo stesso tempo le qulità del leder e del mnger. Se ciò è vero, il dirigente scolstico odierno ovunque

2 in Europ riesce effettivmente d esercitre le prerogtive del leder eductivo, oppure rimne imriglito in dempimenti urocrtici ed orgnizztivi d un lto e, dll ltro, nelle mglie relzionli micropolitiche dell rete di soggetti entrti nell su sfer d zione proprio con l utonomi? L compless questione evolutiv di come si configur chi dirige un scuol oggi in Europ, di come vd riconosciuto, scelto e formto, di qunto e come vd vlorizzto, sostenuto, vlutto e retriuito, è ttulissim mteri di riflessione dell comunità scientific internzionle ed è nche oggetto di interesse dell Unione Europe. D ltr prte, se si prte dll ssunto che l educzione è centrle per l coesione e lo sviluppo delle nostre società, chi dirige l scuol è come se governsse un po in nuce lo sviluppo del nostro futuro. Attrverso questo numero del Bollettino di Informzione Internzionle, cur dell Unità itlin di Eurydice, presentimo lcuni dti di confronto sull situzione dell dirigenz scolstic in Europ, per offrire l vsto pulico dell scuol itlin lcuni elementi di conoscenz di quest intrict temtic. Lo fccimo estrpolndo dllo studio dell rete Eurydice, Cifre Chive dell istruzione in Europ 2009, lcuni dti sull dirigenz scolstic in Europ, e presentndo lcune schede ggiornte sui cpi d istituto in un certo numero di Pesi europei prticolrmente significtivi, oltre d un sezione di Allegti in lingu originle con esempi di strumenti impiegti per vlutre i cpi d istituto in Frnci, Inghilterr e Spgn. Auspichimo che tli mterili possno essere di usilio l dittito in corso nche nel nostro Pese. Il Direttore Generle dell DG per gli Affri Internzionli - MIUR Antonio Giunt L Spd 2

3 IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA INDICE SINTESI COMPARATIVA...PAG. 4 IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN ALCUNI PAESI EUROPEI - Frnci...PAG Finlndi...PAG Germni...PAG Inghilterr...PAG Spgn...PAG. 32 ALLEGATI...PAG. 35 3

4 SINTESI COMPARATIVA 1 ESPERIENZA PROFESSIONALE E FORMAZIONE SPECIFICA RICHIESTE PER DIVENTARE CAPO DI ISTITUTO Dt l crescente utonomi scolstic nell mggior prte dei pesi europei, i cpi di istituto devono confrontrsi oggi con sempre più compiti legti ll gestione del personle docente, l finnzimento e i contenuti curricolri. I criteri di selezione sono pertnto essenzili, insieme d lcuni prerequisiti per l nomin cpo di istituto, in prticolre un esperienz professionle di insegnmento, un esperienz mministrtiv o di gestione o un formzione specific per l funzione di ledership. In qusi tutti i pesi europei, ci sono documenti ufficili che stiliscono i requisiti necessri per i cndidti l posto di cpo di un istituto scolstico, che comprend tutt l istruzione oligtori o un solo livello di istruzione. Figur 1 Esperienz professionle e formzione per diventre cpo di istituto richieste ufficilmente - Istruzione primri e secondri generle, 2006/2007 CITE 1 FR CITE 3 IS Esperienz professionle di insegnmento Esperienz professionle di insegnmento ed esperienz mministrtiv Esperienz professionle di insegnmento e formzione specific Esperienz professionle di insegnmento, esperienz mministrtiv e formzione specific Solo qulific di insegnnte Pesi che stiliscono un durt minim di formzione oligtori prim o dopo l nomin cpo di istituto. Istruzione primri e secondri generle, 2006/07 1 Trtt d: Eurydice, Key Dt on Eduction in Europe 2009, Ufficio delle Puliczioni Ufficili delle Comunità Europee, Lussemurgo, L trduzione è stt curt dll Unità Itlin di Eurydice. 4

5 Pesi che stiliscono un durt minim di formzione oligtori prim o dopo l nomin cpo di istituto. Istruzione primri e secondri generle, 2006/07 BE fr 120 ore l FR 70 giorni l PL 200 ore l CZ 100 ore m IT 160 ore l SI 144 ore l EE () 160 ore; () 240 ore l MT 1 nno m UK ENG/WLS Vriile l ES Vriile l AT 200 ore LI 1 nno lm l Prim dell nomin m Dopo l nomin Fonte: Fonte: Eurydice. Eurydice. Note supplementri: Estoni: durt dell formzione per ) cpi di istituto lgkool ) cpi di istituto põnikoll. Finlndi: il cpo di istituto deve essere un insegnnte qulificto del livello di istruzione in questione, vere un esperienz di insegnmento sufficiente e possedere un qulific in gestione scolstic o un conoscenz di tle mito cquisit per ltre vie. Inghilterr: l Ntionl Professionl Qulifiction for Hedship (NPQH) è oligtori per tutti i nuovi cpi di istituto. Spgn: l durt dell formzione dipende dll Comunità utonom e dgli istituti scolstici. Svezi: è rccomndt un durt di 30 giorni di formzione su un periodo di 2/3 nni. Ungheri, Pesi Bssi, Sloveni, Slovcchi e Islnd: le informzioni sono d riferirsi nche i cpi di istituto dell istruzione privt sovvenziont. Note tecniche per l lettur dell figur: Per cpo di istituto si intende qulsisi person cpo di un istituto o di un gruppo di istituti che, d sol o nell mito di un consiglio, è responsile dell gestione, direzione e mministrzione dell'istituto. A second dei csi, può nche ssumere un responsilità didttic (che può comprendere ttività di insegnmento) m nche l responsilità del funzionmento generle dell'istituto in miti quli l orrio, l ppliczione del curriculum, l scelt delle opzioni di insegnmento, del mterile e dei metodi, l gestione delle risorse umne e/o finnzirie. Per esperienz professionle di insegnmento, si intende un certo numero di nni di prtic professionle come insegnnte in un clsse del livello di istruzione in questione. Per esperienz mministrtiv, si intende un'esperienz di gestione/mministrzione in un istituto scolstico mturt esercitndo, per esempio, il ruolo di vice cpo di istituto. Per formzione per l funzione di cpo di istituto, si intende un formzione specific successiv ll formzione inizile e ll qulific di insegnnte. A second dei csi, quest formzione può essere offert o prim dell cndidtur per un posto di cpo di istituto o l momento dell prtecipzione ll procedur di reclutmento, o nel corso del primo nno o dei primi nni che seguono l'entrt in servizio. H per oiettivo di dotre il futuro cpo di istituto delle competenze necessrie ll su nuov funzione. Non deve essere confus con lo sviluppo professionle continuo dei cpi di istituto. 5

6 Solo 5 pesi (Lettoni, Pesi Bssi, Svezi, Norvegi e Islnd quest ultim solo per l istruzione secondri superiore) non indicno ufficilmente nessun requisito per diventre cpo di istituto, eccetto l qulific per insegnre. Nell prtic, però, coloro che diventno cpi di istituto hnno spesso un esperienz professionle di insegnmento. In Svezi, tutti coloro che hnno cquisito competenze nel settore eductivo risultnti d formzione o d esperienz prtic possono essere promossi cpi di istituto ed è rccomndto loro di seguire un formzione specific dopo l loro entrt in servizio. Nei pesi in cui i testi ufficili stiliscono dei requisiti concernenti i futuri cpi di istituto, l condizione minim è quell di vere lle splle un esperienz professionle di insegnmento di durt vriile d pese pese (cfr. figur 2). In lcuni pesi, quest esigenz minim si ggiungono un o più condizioni ulteriori. In Belgio (Comunità frncese e tedesc), Repulic cec, Estoni, Spgn, Frnci (per il livello secondrio inferiore e superiore), Itli, Poloni, Sloveni, i cndidti cpo di istituto devono ver esercitto il mestiere di insegnnte e ver seguito un formzione specific. In Sloveni, l esperienz professionle richiest comprende nche il possesso di un qulific di consulente o di mentore. Nel Regno Unito, tutti i nuovi cpi di istituto devono oligtorimente ver conseguito l Ntionl Professionl Qulifiction for Hedship (Qulific professionle nzionle per l funzione di cpo di istituto). A Cipro, in Portogllo, Finlndi e Turchi, i cpi di istituto devono vere si un esperienz di insegnmento che un esperienz mministrtiv. In dodici pesi, i futuri cpi di istituto devono ver seguito un formzione specific per l funzione di cpo di istituto, il più delle volte, prim dell loro entrt in servizio. In Repulic cec, l formzione vviene, tuttvi, dopo l nomin. In Austri, i futuri cpi di istituto sono tenuti seguire più moduli di formzione se vogliono ottenere un nomin permnente. In Frnci, dopo ver pssto il concorso per personle direttivo, viene offert un formzione in due cicli l termine dell qule, se supert con successo, si ottiene l titolrità nel corpo. L durt minim dell formzione oligtori per l funzione di cpo di istituto è molto vriile d un pese ll ltro: è di soltnto poche ore in certe comunità utonome dell Spgn m di un nno tempo pieno Mlt. In numerosi pesi europei, i cpi di istituto hnno l possiilità di seguire un formzione opzionle dopo l loro nomin e spesso viene vivmente rccomndto loro di frlo. Il contenuto e l durt di quest formzione vrino second degli orgnismi che l propongono. Tutti i pesi che orgnizzno un formzione specific per l funzione di cpo di istituto vi includono degli spetti pedgogici e didttici, degli spetti mministrtivi e degli spetti legti ll gestione delle risorse, incluse quelle finnzirie. 6

7 UN MINIMO DA TRE A CINQUE ANNI DI ESPERIENZA DI INSEGNAMENTO È GENERALMENTE RICHIESTO PER DIVENTARE CAPO DI ISTITUTO Tr le condizioni richieste per diventre cpo di istituto, l più comune è quell di un periodo minimo di esperienz professionle di insegnmento. Questo periodo minimo v d un nno in Turchi e due nni in Islnd (per il livello primrio) dodici nni in Greci e tredici Cipro. Nell mggiornz dei pesi, il periodo minimo richiesto v d tre cinque nni. In lcuni pesi (Greci, Spgn, Itli, Sloveni, Slovcchi e Romni), per stilire l durt dell esperienz professionle, viene tenuto conto solo dell insegnmento tempo pieno. In Dnimrc, Germni, Austri (livello primrio), Finlndi e Regno Unito, viene richiest un esperienz di insegnmento m i documenti ufficili non ne precisno l durt. Figur 2 Numero minimo di nni di esperienz professionle di insegnmento per diventre cpo di istituto - Istruzione primri e secondri generle, 2006/ nni BE fr BE de BE nl BG CZ DK DE EE IE EL ES FR IT CY LV LT LU HU MT NL AT PL PT RO SI SK FI SE ENG SCT WLS NIR UK IS LI NO TR nni CITE 1-2 (primrio e secondrio inferiore) Esperienz di insegnmento richiest, l cui durt non è stilit nei documenti ufficili CITE 3 (secondrio superiore) Esperienz professionle di insegnmento non espressmente richiest BE fr BE de BE nl BG CZ DK DE EE IE EL ES FR IT CY LV LT LU HU MT NL AT PL PT SI SK FI SE UK UK IS LI NO TR SCT 7,0 6,0 : 3,0 4,0 3,0 5,0 12,0 5,0 5,0 7,0 13,0 3,0 5,0 10,0 5,0 5,0 5,0 5,0 5,0 2,0 3,0 1,0 7,0 6,0 : 3,0 5,0 3,0 5,0 12,0 5,0 5,0 7,0 13,0 3,0 5,0 5,0 10,0 6,0 5,0 5,0 5,0 5,0 5,0 3,0 1,0 GLI STIPENDI DEI CAPI DI ISTITUTO Come per gli stipendi di se lordi nnuli minimi e mssimi degli insegnnti, quelli dei cpi di istituto dell istruzione primri e secondri sono rpportti l PIL per itnte di ciscun pese. In 14 pesi, l dimensione degli istituti scolstici influisce direttmente sugli stipendi dei cpi di istituto: più l scuol è grnde e più lo stipendio del cpo di istituto è lto. Per contro, il livello di istruzione degli istituti che dirigono h un importnz reltiv. In otto pesi 7

8 (Repulic cec, Lituni, Mlt, Poloni, Portogllo, Sloveni, Regno Unito e Turchi), gli stipendi di se dei cpi di istituto sono esttmente gli stessi per i tre livelli di istruzione. Tuttvi, nel Regno Unito, i cpi di istituto condividono l stess scl slrile generle, m, ll interno di quest scl, ogni cpo h l su propri scl che dipende si dll dimensione dell istituto scolstico che dll età degli lunni. Ciò signific che i cpi di istituto del livello secondrio tendono d essere pgti meglio dei cpi di istituto del livello primrio. È d notre che molti pesi con lo stesso stipendio di se per i tre livelli sono crtterizzti d un struttur unic e dl ftto, quindi, che c è un sol scl slrile per i cpi di istituto, dto che non ci sono due livelli seprti, come negli ltri pesi, corrispondenti l primrio e l secondrio inferiore generle. Stesse scle slrili si pplicno i cpi di istituto dell istruzione primri e secondri inferiore in cinque pesi (Dnimrc solo nelle piccole scuole, Itli per gli stipendi minimi, Austri, Slovcchi e Islnd). Anlogmente, in tredici pesi, scle slrili simili si pplicno i cpi di istituto dell istruzione secondri inferiore e superiore. D ltr prte, in Belgio, Germni, Spgn, Frnci e Ungheri, gli stipendi di se dei cpi di istituto umentno con il livello di istruzione dell scuol che dirigono. Come per gli insegnnti, gli stipendi di se dei cpi di istituto sono in medi meno elevti nei nuovi Stti memri e nei pesi cndidti rispetto quelli nei pesi UE-15. In tutti i pesi, gli stipendi di se dei cpi di istituto sono superiori quelli degli insegnnti dello stesso livello di istruzione. Qulunque si il numero di lunni nell scuol e il livello di insegnmento, gli stipendi di se minimi dei cpi di istituto sono in generle equivlenti o superiori l PIL per itnte di ciscun pese. Tuttvi, in Lituni (nelle piccole scuole), in Poloni, Romni, Slovcchi e Svezi, solo gli stipendi di se mssimi dei cpi di istituto sono l di sopr del PIL per itnte. Nei Pesi Bssi e nel Regno Unito, in prticolre, gli stipendi di se minimi sono prticmente più di due volte superiori l PIL per itnte. Il rpporto tr lo stipendio di se mssimo e minimo di un cpo di istituto, che permette di vlutre le prospettive di umento slrile di se durnte l crrier, è generlmente inferiore quello degli insegnnti. Le crriere dei cpi di istituto sono in generle più pitte dl punto di vist economico di quelle degli insegnnti. Benché gli umenti slrili dei cpi di istituto durnte l loro crrier sino poco significtivi, gli stipendi mssimi restno superiori quelli dei loro colleghi insegnnti, nell misur in cui il loro stipendio di prtenz è più lto. Queste prticolrità possono essere spiegte con il ftto che, nell mggiornz dei pesi, è richiesto un certo numero di nni di esperienz di insegnmento per diventre cpo di istituto. Altre condizioni 8

9 possono influire, per esempio l oligo in certi pesi di ver seguito un formzione specific. Le crriere dei cpi di istituto sono nche più corte dto che gli nni di esperienz richiesti, e di conseguenz i loro stipendi, hnno meno tempo per evolvere. Figur 3 Stipendi di se lordi nnuli minimi e mssimi dei cpi di istituto, Istruzione primri e secondri, rpportti l PIL per itnte, 2006/2007 CITE 1 (primrio) CITE 2 (secondrio inferiore) CITE 3 (secondrio superiore) BE fr BE de BE nl BG CZ DK DE IT CY LV LT UK ( 1 ) UK-SCT IS LI NO TR EE IE EL ES FR LU HU MT NL AT PL PT RO SI SK FI SE Minimo Mssimo. scuole di piccole dimensioni. scuole di grndi dimensioni BE fr BE de BE nl BG CZ DK DE EE IE EL ES FR IT CY LV LT LU HU MT NL AT PL PT RO SI SK FI SE UK ( 1 ) UK-SCT IS LI NO TR Minimo Mssimo. scuole di piccole dimensioni. scuole di grndi dimensioni UK ( 1 ): UK-ENG/WLS/NIR Fonti: Eurostt e Eurydice. 9

10 Dti numerici BE fr BE de BE nl BG CZ DK DE EE IE EL ES FR CITE 1 Min 110,1 120,1 110,9 129,8 115,3 118,3 74,1 93,2 64,0 120,1 140,3 125,7 : 96,3 65,5 133,3 140,8 81,8 92,8 Mx 165,0 170,9 166,5 189,5 178,2 181,1 90,5 149,9 : 215,0 113,0 184,5 192,0 138,8 162,6 CITE 2 Min 124,8 129,8 118,3 : 64,0 120,1 143,6 151,1 : 96,3 66,0 159,4 164,5 131,5 156,2 Mx 184,5 189,5 191,1 : 90,5 185,0 : 215,0 113,5 214,6 219,7 212,1 227,9 CITE 3 Min 155,3 168,9 143,4 : 64,0 160,4 179,9 183,5 : 96,3 66,3 159,4 164,5 165,2 197,1 Mx 220,0 227,0 227,5 : 90,5 233,2 : 215,0 113,8 214,6 219,7 215,9 250,9 IT CY LV LT LU HU MT NL AT PL PT RO SI CITE 1 Min 159,9 133,5 : 91,9 112,5 (-) 87,1 57,2 109,0 113,1 98,2 111,6 89,1 100,2 100,8 65,8 71,5 178,5 242,7 Mx : 189,6 : 135,7 172,4 (-) 154,4 69,5 174,0 202,2 167,5 182,7 162,6 158,4 171,1 196,5 267,4 CITE 2 Min 159,9 158,0 : 91,9 112,5 87,1 57,2 190,9 98,2 111,6 89,1 100,2 100,8 82,0 88,6 178,5 242,7 Mx : 207,9 : 135,7 172,4 181,1 182,7 69,5 249,4 167,5 182,7 162,6 158,4 171,1 196,5 267,4 CITE 3 Min 159,9 158,0 : 91,9 112,5 93,4 57,2 190,9 127,3 139,1 89,1 100,2 100,8 82,0 88,6 178,5 242,7 Mx : 207,9 : 135,7 172,4 181,1 182,7 69,5 249,4 210,8 224,3 162,6 158,4 171,1 196,5 267,4 SK FI SE UK-ENG/ UK- IS LI NO TR WLS/NIR SCT CITE 1 Min 65,5 104,9 119,7 : 183,9 182,4 93,2 164,2 : 87,4 92,1 100,7 Mx 99,7 139,6 161,7 : 270,0 270,0 96,0 169,1 : 120,9 CITE 2 Min 65,5 115,2 130,0 78,5 110,9 183,9 182,4 93,2 164,2 : 87,4 92,1 100,7 Mx 99,7 155,5 175,5 136,8 164,6 270,0 270,0 96,0 169,1 : : 120,9 CITE 3 Min 65,5 131,9 164,5 78,5 110,9 183,9 182,4 175,9 194,3 : 92,1 100,9 100,7 Mx 102,5 178,1 222,1 136,8 164,6 270,0 270,0 179,1 215,5 : : 120,9 10

11 Note tecniche per l lettur dell figur: I dti si riferiscono ll situzione di un cpo di istituto che possiede le qulifiche minime richieste, celie, senz figli e che lvor nell cpitle del proprio pese. L nno di riferimento del PIL per itnte è il Il periodo di riferimento per gli stipendi è l nno 2006 o l.s. 2006/2007. I vlori sono ottenuti stilendo il rpporto tr lo stipendio di se lordo nnule (minimo e mssimo) in monet nzionle e il PIL ( prezzo corrente in monet nzionle) per itnte del pese in questione. Lo stipendio di se lordo nnule è l importo pgto dl dtore di lvoro in un nno inclusi gli umenti legti ll indicizzzione, il pgmento dell tredicesim mensilità (lddove pplicile), ecc. meno i contriuti del dtore di lvoro per l previdenz socile e per l pensione. Questo stipendio non include nessun ltro degumento slrile o ltre indennità (legte per esempio qulifiche supplementri, merito, ore e responsilità ggiuntive, ssegnzione in ree svntggite, insegnmento in clssi eterogenee e difficili, lloggio, slute e costi di viggio). In lcuni pesi, dto il numero di criteri livello nzionle per stilire l progressione sull scl slrile, non è sempre possiile presentre gli stipendi ll inizio e ll fine dell crrier. In questo cso, gli stipendi minimi e mssimi corrispondono i due estremi dell scl slrile. Gli stipendi reli possono vrire second di diversi fttori come l dimensione dell istituto scolstico, le età degli lunni, il rpporto insegnnti/lunni, ecc. Nei pesi in cui gli stipendi minimi e/o mssimi vrino second che i cpi di istituto esercitino in scuole piccole o grndi, gli stipendi sono indicti per entrme le situzioni. Le definizioni delle dimensioni degli istituti scolstici vrino d un pese ll ltro. Per quest rgione, le scuole di piccole dimensioni rppresentno gli istituti scolstici più piccoli secondo le definizioni di ciscun pese e, in mnier nlog, le scuole di grndi dimensioni rppresentno gli istituti scolstici più grndi secondo le definizioni di ciscun pese. Lo stipendio minimo è lo stipendio percepito d un cpo di istituto, con le crtteristiche summenzionte, ll inizio dell su crrier. Lo stipendio mssimo è lo stipendio percepito d un cpo di istituto, con le crtteristiche summenzionte, ll fine dell su crrier, senz tener conto di ltri degumenti slrili o indennità eccetto quelli legti ll nzinità. 11

12 I CAPI DI ISTITUTO DEDICANO LA MAGGIORANZA DEL LORO TEMPO DI LAVORO ALLE ATTIVITÀ DI GESTIONE E ALLA COMUNICAZIONE CON I GENITORI E GLI ALUNNI I cpi di istituto hnno generlmente un qulific cquisit in seguito un esperienz professionle di insegnmento e di gestione mministrtiv e/o un formzione specific in mteri di direzione (vd figur 1). Tuttvi, nche se questi miti coprono un prte significtiv delle loro ttività professionli, possono nche essere chimti dedicre del tempo d ltri compiti. Il tempo dedicto lle diverse ttività svolte di cpi di istituto è riprtito in mnier stnz simile in tutti i pesi europei. Nell mggiornz dei pesi, i cpi di istituto dell istruzione primri dedicno l mggiornz del loro tempo, ossi in medi più del 40%, i compiti di gestione e di mministrzione come l gestione del personle, il reclutmento e il udget. In Belgio (Comunità frncese), Dnimrc, Itli, Svezi e Norvegi, l proporzione è più significtiv con il 50% del tempo dedicto lle ttività di gestione e di mministrzione. I cpi di istituto dell mggiornz dei pesi dedicno un ltr prte importnte del loro tempo di lvoro, ossi più del 20% in medi, ll comuniczione con i genitori e con gli lunni, che include l prte reltiv lle relzioni con i genitori e l comunità così come le interzioni individuli con gli lunni. In terz posizione, figurno le ttività professionli legte llo sviluppo del curriculum e dell didttic per l scuol. I cpi di istituto dedicno in medi solo il 13% del loro tempo ll insegnmento: il Belgio (Comunità fimming), l Itli e l Svezi risultno tr i pesi che vi dedicno il tempo minore. In due pesi, invece, l Germni e l Frnci, l situzione è invertit e i cpi di istituto dedicno l mggiornz del loro tempo lle ttività di insegnmento. Le differenze reltive l tempo conscrto lle ttività di insegnmento si possono spiegre, tr le ltre cose, con il ftto che, in numerosi pesi, i cpi di istituto non hnno, o hnno molto meno, responsilità di insegnmento in se, per esempio, ll dimensione dell istituto scolstico. 12

13 Figur 4 Proporzione del tempo dedicto un serie di ttività svolte di cpi di istituto di scuole frequentte d lunni del qurto nno dell istruzione primri, 2005/2006 Sviluppo del curriculum e dell didttic Insegnmento Gestione e mministrzione Comuniczione con genitori e studenti Altro % EU-27 BE fr BE de BE nl BG CZ DK DE EE IE EL ES FR IT CY LV LT LU HU MT NL AT PL PT RO SI SK FI SE UK-ENG UK-SCT IS LI NO TR % O O Pesi che non hnno contriuito ll rccolt dti Fonte: IEA, PIRLS nc dti 2006 EU- Pesi che BE non hnno contriuito ll rccolt dti BE fr BE nl BG CZ DK DE EE IE EL ES FR IT CY LV LT LU 27 de EU- BE Sviluppo del curriculum e dell didttic 12.4 BE 9.1 fr BE 16.1 nl 29.2 BG CZ 14.7 DK DE 9.2 EE IE EL 14.4 ES FR IT CY 16.5 LV 19.3 LT LU 27 de Insegnmento Sviluppo del curriculum e dell didttic Gestione Insegnmento e mministrzione Comuniczione Gestione e mministrzione con genitori e studenti Altro Comuniczione con genitori e studenti Altro HU MT NL AT PL PT RO SI SK FI UK- UK- SE ENG SCT IS LI NO TR Sviluppo del curriculum e dell didttic 11.4 HU MT 13.1 NL 10.7 AT 14.8 PL PT 12.5 RO 22.2 SI 11.1 SK FI UK- UK SE ENG SCT 11.8 IS LI 14.7 NO TR Insegnmento Sviluppo del curriculum e dell didttic Gestione Insegnmento e mministrzione Comuniczione Gestione e mministrzione con genitori e studenti Altro Comuniczione con genitori e studenti Altro Fonte: PIRLS nc dti

14 Note tecniche per l lettur dell figur: I cpi di istituto sono stti invitti, nel questionrio indirizzto loro, d indicre pprossimtivmente l percentule del loro tempo di lvoro che dedicno diverse ttività professionli scuol. Le risposte dei cpi di istituto sono stte rggruppte in sette ctegorie. L ctegori gestione e mministrzione dell figur, rggrupp le risposte inizili dte per le ctegorie gestione del personle/sviluppo del personle e compiti mministrtivi (reclutmento, udget, ecc.). L ctegori comuniczione con genitori e studenti rggrupp le risposte inizili dte per le ctegorie relzioni con i genitori e l comunità e interzioni individuli con gli lunni. L procedur di cmpionmento consiste in un selezione di scuole e poi di lunni di un clsse del qurto nno dell istruzione primri. Quest procedur è volt offrire d ogni lunno l stess proilità di essere scelto qulunque si l dimensione dell istituto frequentto. Per fr ciò, le scuole sono stte ponderte in mnier che l loro proilità di essere selezionte è inversmente proporzionle ll loro dimensione. Ciò spieg perché l figur non present direttmente le proporzioni di insegnnti che dnno un prticolre rispost rispetto l prmetro esminto, m le proporzioni di lunni il cui insegnnte h dto quell rispost. 14

15 IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN ALCUNI PAESI EUROPEI FRANCIA di Simon Bggini DENOMINAZIONE E STATUS PROFESSIONALE Nel livello prescolre e primrio, il cpo di istituto prende il nome di Directeur d école. Mntiene lo sttus di insegnnte m può essere esonerto totlmente o przilmente dll insegnmento in se l numero di clssi che gestisce. Ne è dispensto totlmente se h l responsilità di più di 13 clssi primrie o più di 12 clssi mterne. Benefici di un dispens przile se h l responsilità d clssi primrie o d 9 12 clssi mterne. Infine, è previsto un esonero dll insegnmento di 4 giorni l mese nel cso il direttore gestisc d 6 9 clssi primrie o d 6 8 clssi mterne. Nel livello secondrio inferiore (Collège), il cpo di istituto prende il nome di Principl e nel livello secondrio superiore (Lycée) di Proviseur. Entrmi hnno lo sttus di Personnel de direction (personle dirigente). Dirigono l istituto in qulità di rppresentnti dello Stto e di presidenti del Consiglio di mministrzione, sotto l utorità del Recteur 2 e dell Inspecteur d cdémie. 3 QUALIFICA ED ESPERIENZA PROFESSIONALE RICHIESTE Livello prescolre e primrio Per richiedere l iscrizione lle grdutorie per l ccesso l ruolo di Directeur o Directrice d école è necessrio ver svolto 2 nni di servizio effettivo in qulità di Instituteur o Professeur des écoles 4 nell mito dell istruzione preelementre o elementre. Tuttvi, gli insegnnti nominti d interim per funzioni direttive possono essere iscritti senz lcun condizione di nzinità. Le domnde di iscrizione vengono ftte presso il servizio ispettivo dell cdémie. Livello secondrio Possono ccedere l ruolo di Principl e di Proviseur i Professeurs del livello secondrio, i Conseillers principux d éduction (consiglieri eductivi principli), i Conseillers d orienttion psychologues (consiglieri di orientmento psicologi), i Conseillers en formtion continue (consiglieri dell formzione continu) che ino svolto lmeno 5 nni di insegnmento/servizio e ino un mssimo di 56 nni di età e un minimo di Alto funzionrio nominto dl Consiglio dei Ministri con decreto del Presidente dell Repulic. Il Recteur è un gente del potere centrle che rppresent il Ministro dell Educzione Nzionle livello di cdémie (Circoscrizione mministrtiv del Ministero dell Educzione Nzionle corrispondente pressppoco ll suddivisione regionle). È responsile del servizio pulico dell educzione nell su circoscrizione. 3 Funzionrio, direttore dei servizi diprtimentli (provincili) dell Educzione nzionle, posto sotto l duplice supervisione del Recteur ( cpo dell cdémie) e del préfet con il compito di dre impulso e tture l politic eductiv del Ministero de l Educzione Nzionle nell mito del déprtement (un sort di provinci, vd più in sso). 4 Nuovo corpo di personle docente dell funzione pulic dello Stto. Sono titolri del Diplôme Professionnel de Professeur des Ecoles (DPPE) rilscito prtire dl I Professeurs des écoles insegnno nelle scuole mterne ed elementri. Sostituiscono progressivmente gli Instituteurs. 15

16 RECLUTAMENTO E NOMINA Livello prescolre e primrio Le cndidture per l ccesso l ruolo di Directeur d école sono sottoposte un commissione diprtimentle (livello provincile) presiedut dll Inspecteur d cdémie o dl suo rppresentnte e compost d un Inspecteur de l Eduction ntionle 5 e d un Directeur d école. L commissione dà il proprio prere dopo un esme del curriculum e dopo un colloquio con ciscun cndidto ncor non iscritto nessun liste d ptitude (grdutori). Si procede quindi ll iscrizione in un liste d ptitude redtt nnulmente d ogni déprtement. 6 Quest rigurd si l scuol mtern che l scuol elementre. L nomin viene ftt dll Inspecteur d cdémie. I cndidti non nominti devono rinnovre l propri cndidtur l nno successivo. Gli insegnnti iscritti nell liste d ptitude diprtimentle che ottengono il trsferimento in un ltro diprtimento sono, su loro richiest, reiscritti sull liste d ptitude di quel diprtimento. Livello secondrio Il reclutmento del Personnel de direction vviene ttrverso due modlità: o per concorso o su chimt d un liste d ptitude. Il concorso per ccedere lle funzioni di cpo di istituto (o vice) richiede d ogni cndidto il supermento di due prove: l prov di mmissiilità: const nell esme di un dossier personle che comprende, oltre lle informzioni mministrtive, uno storico dell crrier, un letter di motivzione e un sched di prere gerrchico sull cndidtur. L prov di mmissione: const di un tem e di un colloquio con l commissione d esme, destinti vlutre le conoscenze professionli, sndosi sullo studio di un cso concreto reltivo ll ttuzione dell politic eductiv in un istituto scolstico, giudicre l motivzione, le ttitudini, il senso del dilogo e dell comuniczione. Quest prov si compone di tre tppe: preprzione (2 ore), relzione scritt (15 minuti), colloquio (45 minuti). Il concorso si tiene durnte il primo trimestre dell nno in corso. Dl 1 settemre dell nno in corso, i cndidti che hnno pssto il concorso o che sono reclutti dll liste d ptitude, vengono distccti dl loro corpo di origine per due nni, ssegnti d un cdémie 7 e nominti dl Recteur dell cdémie per un impiego di vice cpo di istituto, in qulità di personnel de direction stgiire (dirigente tirocinnte). Uno stge di due nni è oligtorio per i cndidti reclutti ttrverso il concorso, di un nno per quelli reclutti su list di ttitudine. L nomin ufficile, l cosiddett Titulristion, vviene l completmento con successo del periodo di stge. 5 Funzionrio incricto, sotto l utorità dell Inspecteur d cdémie, di un circoscrizione del primo grdo. Ispezion le scuole mterne ed elementri, ttriuisce voti gli insegnnti, esercit nei loro confronti un compito di nimzione pedgogic e di formzione. 6 Il territorio metropolitno dell Frnci si divide in 95 déprtement. Si trtt pressppoco di un divisione simile quell delle nostre province. 7 Circoscrizione mministrtiv del Ministero dell Educzione Nzionle in cui vengono orgnizzti i servizi decentrti del Ministero sotto l direzione di un Recteur. L Frnci h 30 cdémies, corrispondenti pressppoco lle sue regioni. 16

17 FORMAZIONE Formzione inizile Livello prescolre e primrio L formzione inizile per i dirigenti di questo livello scolstico viene orgnizzt livello di déprtement, durnte l orrio scolstico. In prte è effettut prim dell nomin (3 settimne), poi nel corso del primo nno di servizio (2 settimne). Verte su: - l conoscenz dei progrmmi dell scuol primri e degli ltri testi ufficili di riferimento; - l conoscenz dell mministrzione del sistem scolstico, del funzionmento dell scuol e delle strutture fferenti; - le relzioni e l informzione ll interno dell scuol e con tutti i prtner dell scuol, così come l nimzione del lvoro dell équipe pedgogic; - l mministrzione comunle e le sue responsilità in mteri scolstic. È previsto nche uno stge di lcuni giorni nell mministrzione comunle, dto che le scuole primrie sono di competenz comunle. Se i direttori già esercitno responsilità municipli possono effetture questo stge presso ssocizioni o imprese. Livello secondrio I dirigenti tirocinnti eneficino, durnte i due nni di stge, di un formzione oligtori in lternnz: come già detto, sono ssegnti un posto di vice cpo d istituto già dl primo nno di reclutmento e seguono prllelmente un formzione teoric (d giorni su due nni per coloro che sono stti reclutti trmite concorso). Ess è centrt essenzilmente sullo sviluppo delle competenze professionli necessrie ll esercizio del nuovo incrico. Verte in prticolre sull mito eductivo, didttico, mministrtivo, giuridico e finnzirio, sull orgnizzzione scolstic e l gestione delle risorse umne. Durnte tutt l formzione, i cndidti l posto di cpo di istituto sono ccompgnti d un tutor, scelto dl Recteur per le sue competenze professionli, che li iut costruire e vlutre il loro percorso di formzione tenendo conto nche dell esperienz precedente. Al termine di quest formzione, previo prere fvorevole del Recteur, i cndidti ottengono l titolrità e l ssegnzione del posto nel qule è stto effettuto lo stge. Coloro che, ll fine dello stge, sono vlutti negtivmente sono, invece, reintegrti nel loro corpo di origine e non possono più essere iscritti sull liste d ptitude. Dl 1999, l formzione inizile del personnel de direction è stt profondmente modifict nel concetto e nell orgnizzzione. Le nuove procedure di reclutmento e formzione sono stte concepite e relizzte nell mito di ciscun cdémie, sull se di un qudro di riferimento nzionle, in prticolre un référentiel delle competenze professionli (stndrd professionli fissti congiuntmente dl Ministero dell Educzione Nzionle e di sindcti). L formzione (inizile e in servizio) del personnel de direction è gestit livello nzionle dll Direction de l encdrement del Ministero dell Educzione Nzionle, congiuntmente con l Ecole supérieure de l éduction Ntionle (ESEN). 17

18 Formzione in servizio Livello prescolre e primrio Come l formzione inizile, nche l formzione in servizio per questo livello è orgnizzt livello di déprtement, sotto l responsilità dell Inspecteur d cdémie. L prtecipzione è fcolttiv. Livello secondrio Il Pino di ttività di formzione è orgnizzto livello di cdémie. L Direction de l'encdrement (Direzione prepost l personnel de direction) del Ministero dell Educzione Nzionle (http://www.eduction.gouv.fr) e l Ecole Supérieure de l Eduction Ntionle - ESEN (http://www.esen.eduction.fr) propongono un certo numero di zioni di formzione permnente contenute nel Progrmme ntionl de pilotge - PNP (Progrmm Nzionle di Pilotggio) pulicto nel Bollettino Ufficile del Ministero due volte ll nno. L prtecipzione è fcolttiv. COMPETENZE E SFERA D AZIONE Livello prescolre e primrio L insegnnte incricto dell direzione dell scuol ssume un funzione, non è dunque né un cpo di istituto né un funzionrio gerrchico. Il superiore gerrchico degli insegnnti elementri non è il direttore ensì l Ispettore del Ministero responsile per l circoscrizione cui fferiscono. I Directeurs d école grntiscono innnzitutto il uon funzionmento delle scuole mterne ed elementri e sono responsili dell ppliczione dei regolmenti scolstici. Inoltre: - procedono ll mmissione degli lunni, - orgnizzno le clssi, - grntiscono il coordinmento dell équipe eductiv, - definiscono le modlità di uso dei locli scolstici nelle ore di lezione, - rppresentno l istituto presso comune e utorità locli, - orgnizzno le elezioni dei rppresentnti dei genitori, - presiedono il consiglio dei docenti e il consiglio scolstico, - controllno l qulità delle relzioni scuol/genitori/lunni e mondo esterno. Dto che mntengono essi stessi lo sttus di docenti, non sono preposti ll vlutzione degli insegnnti che spett gli ispettori (Inspecteurs de l Eduction ntionle - IEN). Insieme l Directeur d école, ltre due istnze concorrono ll gestione quotidin delle scuole mterne e primrie: - il Consiglio scolstico: comprende gli insegnnti, i rppresentnti dei genitori, il sindco del comune e il consigliere comunle incricto degli ffri scolstici. L - Inspecteur de l Eduction ntionle (IEN): quest ctegori di ispettori è estremmente presente sul territorio, grntisce il uon funzionmento mministrtivo e vlut l operto del Directeur d école e degli ltri insegnnti. 18

19 Livello secondrio Il cpo di istituto per il livello secondrio svolge un grnde vrietà di funzioni che richiedono competenze di tipo mministrtivo e pedgogico-didttico. Competenze mministrtive Il cpo di istituto è l tempo stesso l orgno esecutivo e il rppresentnte dello Stto nell istituto scolstico; è responsile dell gestione e dello sviluppo delle risorse umne; stipul contrtti o convenzioni nome dell istituto, utorizzti dl Consiglio di Amministrzione d lui presieduto; predispone e gestisce il udget previ delier del Consiglio di Amministrzione; è responsile dell ordine nell istituto e dà corso lle zioni disciplinri; è incricto dell vlutzione mministrtiv degli insegnnti. Nell fttispecie, ttriuisce loro un voto di merito che concorre ll vlutzione, e un eventule vnzmento di crrier, ftt dgli Inspecteurs Pédgogiques Régionux (Ispettori pedgogici regionli). Inftti, tle voto è per il 40% mministrtivo, ttriuto dl Recteur su propost, ppunto, del cpo di istituto e 60% didttico, fissto dll Ispettorto. Competenze pedgogico-didttiche - È l nimtore e il coordintore dell ttività didttic dell istituto: presiede ll elorzione del progetto di istituto (projet d étlissement), orgnizz le clssi e l orrio delle lezioni; - presiede i diversi consigli scolstici; - h l responsilità degli lunni d un punto di vist orgnizztivo (iscrizioni, ssenze, rispetto dell oligo scolstico, ecc.) e d un punto di vist didttico (modlità e frequenz dell vlutzione degli pprendimenti); - è responsile dell informzione e dell orientmento; - grntisce l costituzione di équipe di docenti e l scelt del Professeur principl. 8 L nuov legge di orientmento e progrmm per il futuro dell scuol del 2005 stilisce che in qulsisi momento dell scolrità oligtori, qundo ci si ccorge che un lunno rischi di non pdroneggire le conoscenze e le competenze indispensili ll fine di un ciclo, il direttore dell scuol o il cpo di istituto deve proporre i genitori un progrmm personlizzto di riuscit eductiv (PPRE). Si trtt di un progetto individulizzto, orgnizzto per quegli lunni che non soddisfno le esigenze del socle commun ( zoccolo comune ), che precis le forme di iuto relizzte durnte il tempo scolstico così come quelle proposte ll fmigli l di fuori di questo tempo. Il cpo di istituto è ffincto nel suo operto d due figure: - il suo vice - il gestionnire (un sort di DSGA) che pprtiene l corpo dell mministrzione scolstic e universitri. 8 Professore designto dl cpo di istituto tr i diversi professori di un clsse dell istruzione secondri per essere il coordintore dell équipe eductiv. Svolge un ruolo fondmentle nell orgnizzzione e nello svolgimento del consiglio di clsse, nell vlutzione e orientmento degli lunni e come interlocutore privilegito dei genitori degli lunni. 19

20 Il Consiglio d mministrzione rppresent l orgno deliernte e consultivo dell istituto. A questo titolo gestisce gli ffri correnti dell istituto, vot il suo regolmento interno e ne dott il udget. 9 VALUTAZIONE Livello prescolre e primrio Dto che mntengono lo sttus di insegnnti, i direttori sono vlutti con le stesse modlità di vlutzione dei docenti del livello prescolre e primrio. L Inspecteur de l Eduction Ntionl (IEN) responsile dell circoscrizione in cui si trov l scuol e loro superiore gerrchico è preposto ll vlutzione. Il ritmo delle ispezioni è molto vriile e dipende spesso dl tempo disponiile dell ispettore; tuttvi l periodicità più frequente è di 4 nni. Sono spesso gli stessi insegnnti e directeurs che chiedono di essere vlutti per fr progredire l loro crrier. L vlutzione viene ftt ttrverso un colloquio individule e l ttriuzione di un voto sto su criteri in prte didttici e in prte mministrtivi. Livello secondrio L vlutzione del personnel de direction rppresent un delle principli e più recenti sfide dell modernizzzione dell funzione pulic; nell fttispecie risponde un duplice oiettivo: - - offrire supporto, ccompgnmento e vlorizzzione delle prtiche dei dirigenti; offrire un mggiore oggettività l momento delle operzioni di progressione di crrier e di moilità verso ltre ctegorie professionli. Quest vlutzione è sotto l responsilità dei Recteurs d cdémie 10 ed è effettut dllo stesso Recteur o dll Inspecteur d cdémie, direttore dei servizi diprtimentli dell educzione nzionle (IA DSDEN). L prim fse dell vlutzione consiste nell stesur, d prte del cpo di istituto, di un nlisi dignostic dell situzione del suo istituto scolstico. Tle nlisi deve permettere di trccire un qudro glole dell istituto e del suo funzionmento (forze, deolezze, olighi, tendenze di sviluppo): progetto pedgogico-didttico, mnier con cui si mette in prtic l politic nzionle e regionle, gestione delle risorse umne, relzioni interne ed esterne, gestione mministrtiv e finnziri, ecc. Quest viene poi sottopost l Recteur che l utilizz per redigere l cosiddett lettre de mission, in cui vengono stiliti gli oiettivi dell istituto scolstico e un clendrio per l loro relizzzione che guidernno l zione personle del cpo di istituto per i prossimi tre/quttro nni venire e ne permetternno, l termine, un vlutzione oggettiv. L dignosi inizile deve essere relizzt nel corso del primo trimestre dell nno scolstico in questione, in modo che l lettre de mission poss rrivre l cpo di istituto l più trdi prim delle vcnze invernli (ferio). 9 A prtire dll nno 2004, per decreto ministerile, sono stte modificte le disposizioni reltive lle elezioni dei rppresentnti dei genitori degli lunni e quelle reltive ll rppresentnz degli lunni nei consigli di mministrzione degli istituti scolstici. Per tener conto dei cmimenti socili intervenuti nell vit delle fmiglie in questi ultimi decenni, ogni genitore divent elettore ed eleggiile nell mito del Consiglio di Amministrzione. 10 Cfr. not 2. 20

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC)

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC) 4. Trsporto pubblico non di line: txi e noleggio con conducente (NCC) L domnd di mobilità dei cittdini incontr un corrispondente offert delle diverse modlità di trsporto, sull bse delle crtteristiche degli

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA ll ASSUNZIONE e ll CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornt l 31 gennio 2015 PROGRAMMA POT Pinificzione Territorile Opertiv PROGRAMMA POT Pinificzione

Dettagli

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi 11. Attività svolt dll Agenzi, risorse e spetti orgnizztivi 11.1 Attività istituzionle svolt i sensi dell Deliberzione istitutiv In un vlutzione complessiv delle ttività svolte dll Agenzi i sensi dell

Dettagli

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana.

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana. lle ASSUN ZIONI AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIO NI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALII Guid 2013 PROGRAMMAA POT Pinificzione territorile opertiv Aggiornt l 31 dicembre 20133 Sommrio PRINCIPI GENERALI... 4 GIOVANI...

Dettagli

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1).

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1). D.Lgs. 29-12-2006 n. 311 Disposizioni correttive ed integrtive l D.Lgs. 19 gosto 2005, n. 192, recnte ttuzione dell direttiv 2002/91/CE, reltiv l rendimento energetico nell'edilizi. Pubblicto nell Gzz.

Dettagli

10 Progetto con modelli tirante-puntone

10 Progetto con modelli tirante-puntone 0 Progetto con modelli tirnte-puntone 0. Introduzione I modelli tirnte-puntone (S&T Strut nd Tie) sono utilizzti per l progettzione delle membrture in c.. che non possono essere schemtizzte come solidi

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI Codice civile: I crediti devono essere iscritti secondo il vlore presumibile di relizzzione; quindi già l netto dell svlutzione derivnte dl monitorggio di ciscun

Dettagli

Guida per la formazione nelle PMI

Guida per la formazione nelle PMI Guida per la formazione nelle PMI Commissione europea Questa pubblicazione è sostenuta dal programma dell Unione europea (UE) per l occupazione e la solidarietà sociale, Progress (2007-2013). Si tratta

Dettagli

LA FORMAZIONE DOCENTE PER UN SISTEMA

LA FORMAZIONE DOCENTE PER UN SISTEMA I European Agency for Development in Special Needs Education LA FORMAZIONE DOCENTE PER UN SISTEMA SCOLASTICO INCLUSIVO IN TUTTA EUROPA Sfide ed opportunità TE I LA FORMAZIONE DOCENTE PER UN SISTEMA SCOLASTICO

Dettagli

Biblioteca Tecnica Knauf 05/2006. L acustica con Knauf. Soluzioni tecniche per l edilizia civile e industriale

Biblioteca Tecnica Knauf 05/2006. L acustica con Knauf. Soluzioni tecniche per l edilizia civile e industriale Biliotec Tecnic Knuf 05/2006 L cutic con Knuf Indice 1. Introduzione...4 2. Suoni e rumori...5 Glorio...5 Rumori erei...5 Rumori impttivi...6 Tempo di rivererzione (T60)...6 Fonoiolmento e fonoorimento...7

Dettagli

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Libro verde Occupazione affari sociali Commissione europea Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.3.2015 COM(2015) 145 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO Relazione sull'applicazione del regolamento (UE) n. 211/2011 riguardante l'iniziativa

Dettagli

La scuola. che verrà. Idee per una riforma tra continuità e innovazione

La scuola. che verrà. Idee per una riforma tra continuità e innovazione La scuola che verrà Idee per una riforma tra continuità e innovazione Indice Prefazione 3 Introduzione 4 1. Gestire l eterogeneità 10 Personalizzazione 13 Le forme didattiche 13 La griglia oraria 17 Le

Dettagli

ECTS - Guida per l'utente

ECTS - Guida per l'utente ECTS - Guida per l'utente Ulteriori informazioni sull Unione Europea compaiono nel sito http://europa.eu Titolo originale: ECTS Users Guide edito nel 2009 dalla Commissione Europea Traduzione in Italiano

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica. Formez PROJECT CYCLE MANAGEMENT MANUALE PER LA FORMAZIONE

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica. Formez PROJECT CYCLE MANAGEMENT MANUALE PER LA FORMAZIONE Formez Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica PROJECT CYCLE MANAGEMENT MANUALE PER LA FORMAZIONE S T R U M E N T I 4 STRUMENTI FORMEZ S T R U M E N T I I l Formez -

Dettagli

Riconoscimento dell apprendimento informale e non-formale

Riconoscimento dell apprendimento informale e non-formale Riconoscimento dell apprendimento informale e non-formale Linee guida e materiali per i rappresentanti sindacali Versione Italia 1 Introduzione Per ottenere ottime condizioni di lavoro e di partecipazione

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

1. I FONDAMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI QUALIFICHE DEI TECNICI SPORTIVI E I SUOI RAPPORTI CON LE POLITICHE EUROPEE DEL SETTORE

1. I FONDAMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI QUALIFICHE DEI TECNICI SPORTIVI E I SUOI RAPPORTI CON LE POLITICHE EUROPEE DEL SETTORE SOMMARIO INTRODUZIONE 1. I FONDAMENTI DEL E I SUOI RAPPORTI CON LE POLITICHE EUROPEE DEL SETTORE 2. CHE COSA È IL 3. QUALIFICHE E COMPETENZE DEGLI OPERATORI SPORTIVI 4. I QUATTRO LIVELLI DI QUALIFICA DEI

Dettagli

Nuove tecnologie per l inclusione

Nuove tecnologie per l inclusione Nuove tecnologie per l inclusione Sviluppi e opportunità per i paesi europei EUROPEAN AGENCY for S p e c ia l N e e d s a n d I n c lus i ve Ed u cati o n NUOVE TECNOLOGIE PER L INCLUSIONE Sviluppi e

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014 ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI i sensi dell rt. 26 dell Legge 116/2014 (c.d. Legge Copetitività ) Ro, 3 novebre 2014 Indice 1. Contesto

Dettagli

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ,

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, TERRITORIO E MONDO DEL LAVORO IN ITALIA: Un riepilogo delle principali trasformazioni degli ultimi venti anni di Cristiana Rita Alfonsi e Patrizia

Dettagli

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale Aggiornamento 2010 Disposizioni UE sulla sicurezza sociale I diritti di coloro che si spostano nell Unione europea ANNI di coordinamento UE in materia di sicurezza sociale Commissione europea Disposizioni

Dettagli

Verso un quadro di qualità europeo per gli apprendistati e l apprendimento sul posto di lavoro. Migliori pratiche e contributi dei sindacati

Verso un quadro di qualità europeo per gli apprendistati e l apprendimento sul posto di lavoro. Migliori pratiche e contributi dei sindacati Verso un quadro di qualità europeo per gli apprendistati e l apprendimento sul posto di lavoro Migliori pratiche e contributi dei sindacati Premessa lla fine del 2012, nell Unione europea c erano oltre

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

Guida ai percorsi. dopo il diploma. Provincia di Pesaro e Urbino. Assessorato Formazione professionale e Politiche Attive per il Lavoro UNIONE EUROPEA

Guida ai percorsi. dopo il diploma. Provincia di Pesaro e Urbino. Assessorato Formazione professionale e Politiche Attive per il Lavoro UNIONE EUROPEA Provincia di Pesaro e Urbino Assessorato Formazione professionale e Politiche Attive per il Lavoro UNIONE EUROPEA FONDO SOCIALE EUROPEO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio

Dettagli

DENTRO IL LABIRINTO. Roma, aprile 2011. La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10)

DENTRO IL LABIRINTO. Roma, aprile 2011. La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10) Roma, aprile 2011 DENTRO IL LABIRINTO La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10) di Emanuela Stefani e Vincenzo Zara DENTRO IL LABIRINTO. LA SOSTENIBILITA'

Dettagli

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche.

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. PREMESSA L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. delle amministrazioni Una cospicua parte è dedicata al concorso, che costituisce la principale procedura con la

Dettagli

Guida pratica alla progettazione di un Corso di Studio ai sensi del D.M. 270/04

Guida pratica alla progettazione di un Corso di Studio ai sensi del D.M. 270/04 Roma, ottobre 2009 Guida pratica alla progettazione di un Corso di Studio ai sensi del D.M. 270/04 Interazioni con il processo di autovalutazione GUIDA PRATICA ALLA PROGETTAZIONE DI UN CORSO DI STUDIO

Dettagli