Londra EC2N 1AR 15th Floor 125 Old Broad Street Tel.: Fax:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Londra EC2N 1AR 15th Floor 125 Old Broad Street Tel.: +44 20 75691500 Fax: +44 20 75691501 Email: london@chiomenti.net"

Transcript

1 NEWSLETTER DIRITTO BANCARIO E FINANZIARIO DECRETO DESTINAZIONE ITALIA Dicembre Misure per favorire il credito alla piccola e media impresa (c) Privilegio Bancario Imposta Sostitutiva Esenzione da ritenuta interessi sui Mini Bond Estensione dell ambito di applicazione della cartolarizzazione alle obbligazioni e titoli similari 2. Modifiche apportare alla Legge 130 (c) (e) (f) (g) (h) (i) Estensione dell ambito di applicazione della cartolarizzazione alle obbligazioni e titoli similari Investitore Unico Conti Segregati Formalità per il perfezionamento delle cessioni di crediti di impresa Regime della revocatoria fallimentare Formalità Cessione verso la P.A. Copertura delle riserve tecniche delle imprese di assicurazione Ruolo di Servicer assegnato alla SGR del Fondo di investimento Disposizioni di coordinamento articolo 7-bis 3. Obbligazioni bancarie collateralizzate 4. Altre Modifiche Modifiche al Decreto Sviluppo Modifiche alla Legge sul Factoring: Introduzione In data 13 dicembre 2013, il Consiglio di Ministri ha approvato il decreto legge recante interventi urgenti di avvio del Piano Destinazione Italia, per il contenimento delle tariffe elettriche, gas e RC-auto, per l internazionalizzazione, lo sviluppo e la digitalizzazione delle imprese, nonché misure per la realizzazione di opere pubbliche ed EXPO 2015 ( Decreto Destinazione Italia ). Il Decreto Destinazione Italia, in linea di continuità con il Decreto del 21 giugno 2013, n. 69 recante disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia, convertito in legge con la Legge del 9 agosto 2013, n. 98 ( Decreto Fare ), rientra nell ambito delle riforme per la competitività e per il rilancio dell economia del paese, da realizzarsi mediante la semplificazione del quadro amministrativo e normativo per i cittadini e le imprese, la prosecuzione delle liberalizzazioni nel settore dei servizi e il sostentamento del flusso del credito per le attività produttive, anche diversificando e migliorando l accesso ai finanziamenti. Con specifico riferimento al settore da ultimo citato, l articolo 12 (Misure per favorire il credito alla piccola e media impresa) introduce rilevanti novità normative finalizzate al sostegno e all ampliamento delle fonti di finanziamento delle aziende, alternative al ricorso al sistema bancario, che in Italia costituiscono, ad oggi, una realtà marginale nell ambito del reperimento delle risorse finanziarie. In estrema sintesi, le novità più significative introdotte in argomento dal Decreto Destinazione Italia riguardano: l estensione dell ambito di applicazione del privilegio speciale su beni mobili ex art. 46 del D.lgs. 1 settembre 1993, n. 385 ( Testo Unico Bancario ) ai prestiti obbligazionari; l estensione delle operazioni alle quali è applicabile l imposta sostituiva di cui agli articoli del Decreto del Presidente della Repubblica del 29 settembre 1973, n. 601 e l applicazione su base opzionale dell imposta; (c) l introduzione di rilevanti modifiche alla Legge 130 volte a conferire maggiore flessibilità allo strumento delle cartolarizzazioni; e l introduzione dello strumento delle obbligazioni bancarie collateralizzate, da affiancare alle esistenti obbligazioni bancarie garantite. Sebbene l impianto delineato potrebbe subire modifiche in sede di conversione, riportiamo di seguito una prima descrizione del quadro normativo risultante a seguito dell emanazione del Decreto Destinazione Italia. Le nostre sedi: Roma I Via XXIV Maggio 43 Tel.: Fax: Milano I Via G. Verdi 2 Tel.: Fax: Londra EC2N 1AR 15th Floor 125 Old Broad Street Tel.: Fax: Bruxelles B-1000 Rue Montoyer 23 Tel.: Fax: Pechino Unit 07, Floor 9, Tower B Parkview Green Tower No. 9 Dong Da Qiao Road Chaoyang District Beijing Shanghai Suite 4806, Wheelock Square 1717 Nanjing West Road Tel.: Fax New York NY One Rockefeller Plaza, Suite 2404 Tel.: Fax: Hong Kong S.A.R. Suite 3701, Edinburgh Tower The Landmark 15 Queen's Road Central Tel.: Fax:

2 1. Misure volte ad agevolare il ricorso a fonti di finanziamento alternative al finanziamento bancario Come anticipato, nell ottica di agevolare il ricorso al finanziamento per le imprese, anche mediante fonti alternative al mercato bancario, sono state introdotte le seguenti previsioni: Privilegio Bancario: l estensione dell applicabilità della garanzia sui beni mobili destinati all esercizio dell impresa, previsto dall art. 46 del Testo Unico Bancario, anche alle obbligazioni e titoli similari emessi da società ai sensi degli articoli 2410 e seguenti o 2483 del codice civile, aventi una scadenza a medio lungo termine, la cui sottoscrizione e circolazione è riservata a investitori qualificati. Come noto, l art. 46 del Testo Unico Bancario prevede la possibilità di garantire i finanziamenti a medio e lungo termine prestati dalle banche alle imprese mediante la costituzione di privilegio sui beni mobili destinati all esercizio dell impresa. A seguito della modifica normativa in esame, tale garanzia potrà essere concessa anche in favore di titoli emessi ai sensi degli artt e seguenti del codice civile. La misura in discorso, consentendo l emissione di prestiti obbligazionari assistiti da privilegio speciale, dovrebbe produrre l effetto di rendere l investimento in tali strumenti più sicuro, favorendo l accesso da parte delle società emittenti al mercato dei capitali. Imposta sostitutiva: il Decreto Destinazione Italia ha modificato il regime dell imposta sostituiva sulle operazioni di finanziamento a medio e lungo termine ex artt. 15 e seguenti del D.P.R. n. 601/1973, stabilendo che l applicazione di tale regime diventa opzionale (in luogo dell attuale obbligatorietà). Il regime dell imposta sostitutiva prevede, in sintesi, l applicazione di un imposta dello 0,25% in sostituzione delle imposte ordinariamente applicabili sugli atti relativi alle operazioni di finanziamento a medio e lungo termine, incluse le garanzie prestate in relazione a tali finanziamenti. L opzione per l applicazione della sostitutiva, in luogo delle imposte ordinarie altrimenti dovute, deve essere esercitata per iscritto, a pena di decadenza, nell atto di finanziamento oppure nella delibera di emissione di obbligazioni o titoli similari. Nella medesima delibera, la società emittente ha altresì l obbligo di dichiarare pena decadenza dell applicazione della sostitutiva, che, laddove non intervengano intermediari finanziari incaricati delle attività di promozione e collocamento ai sensi del D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, la stessa ha l obbligo di denunciare, ai sensi e per gli effetti dell art. 19 del D.P.R. 26 aprile 1986, n. 131, l avvenuto collocamento entro venti giorni dal completamento dello stesso. Il Decreto ha inoltre previsto l estensione dell applicabilità, sempre su opzione, dell imposta sostitutiva alle garanzie prestate in relazione ad operazioni di finanziamento strutturate come emissioni di obbligazioni o titoli similari alle obbligazioni. L imposta, così come modificata, si applicherà anche alle eventuali surroghe, sostituzioni, postergazioni, frazionamenti e cancellazioni anche parziali, ivi comprese le cessioni di credito stipulate in relazione alle predette operazioni, ai trasferimenti di garanzie anche conseguenti alla cessione delle predette obbligazioni; nonché alla modificazione o estinzione di tali operazioni. Le misure illustrate sono volte all abbattimento dei costi fiscali per l assunzione di finanziamenti e prestiti obbligazionari, nonché a facilitare l emissione di titoli obbligazionari garantiti. La riduzione dei costi fiscali dovrebbe verificarsi principalmente nel caso di emissioni di obbligazioni e titoli similari assistite da garanzie reali (in particolare, ipoteche), le quali beneficerebbero di un regime di tassazione più favorevole rispetto a quello di imposizione indiretta proporzionale altrimenti applicabile. In particolare, in virtù dell applicazione dell imposta sostitutiva, non si applicherebbe l imposta ipotecaria del 2% sull ammontare del credito garantito. CHIOMENTI STUDIO LEGALE - Newsletter Diritto Bancario e Finanziario Dicembre 2013 Pagina 2

3 (c) Esenzione da ritenuta sugli interessi sui Mini Bond (art. 12, co. 5 del Decreto Destinazione Italia): il Decreto Destinazione Italia prevede che la ritenuta del 20% ordinariamente applicabile sugli interessi e altri proventi corrisposti in relazione a obbligazioni, titoli similari e cambiali finanziarie emessi ai sensi dell'art. 32, co. 10 del Decreto Legge 22 giugno 2012 n. 83 ( Decreto Sviluppo ) da parte di società italiane non quotate (c.d. Minibond ) non si applica se tali proventi sono corrisposti ad un fondo comune di investimento, partecipato solo da investitori qualificati ai sensi del TUF, il cui patrimonio sia investito prevalentemente in tali strumenti finanziari. Tale norma dovrebbe agevolare il collocamento dei Mini-Bond presso fondi comuni di investimento e investitori qualificati. Estensione dell ambito di applicazione della cartolarizzazione alle obbligazioni e titoli similari: il Decreto Destinazione Italia estende l ambito di applicazione della Legge 130 alle operazioni di cartolarizzazione dei crediti realizzate mediante la sottoscrizione e l acquisto di obbligazioni e titoli similari, anche in un ottica sinergica di ampliamento delle opportunità di finanziamento non bancario per le imprese non quotate. L innovazione introdotta riguarda soprattutto la possibilità per le SPV di sottoscrivere titoli direttamente in sede di emissione quale primo sottoscrittore. In passato, infatti, tale possibilità era discussa, mentre non sorgevano dubbi in relazione alla possibilità per le SPV di procedere all acquisto di titoli obbligazionari. La nuova previsione, che consente dunque la sottoscrizione da parte delle società di cartolarizzazione, dovrebbe favorire la creazione di nuovi veicoli di investimento in bond. La modifica è volta al reperimento di un maggior numero di soggetti acquirenti titoli obbligazionari, con particolare riferimento agli strumenti di debito sia a breve termine (cambiali finanziarie), sia a medio-lungo termine (obbligazioni e titoli similari e obbligazioni partecipative subordinate), emessi ai sensi dell art. 32 del Decreto Sviluppo, da parte di società italiane non quotate, anche di media e piccola dimensione con l esclusione delle banche e delle micro imprese. 2. Modifiche apportate alle Legge 130 Come anticipato, il Decreto Destinazione Italia ha introdotto rilevanti modifiche alla Legge 130, dirette principalmente a rendere lo strumento delle cartolarizzazioni più flessibile, al fine di agevolare l accesso alle risorse finanziarie, da parte delle imprese, mediante il ricorso a tale strumento. (c) Estensione dell ambito di applicazione della cartolarizzazione ad obbligazioni e titoli similari: come illustrato, il Decreto Destinazione Italia ha esteso l ambito di applicazione della Legge 130 alle operazioni di cartolarizzazione dei crediti realizzate mediante la sottoscrizione e l acquisto di obbligazioni e titoli similari ad esclusione dei titoli rappresentativi del capitale sociale, titoli ibridi e convertibili da parte della società veicolo. Investitore Unico: è stata inserita una precisazione volta a chiarire che, in ipotesi di titoli emessi a fronte di operazioni di cartolarizzazione destinati a investitori qualificati, tali titoli possono essere sottoscritti anche da un unico investitore. Tale disposizione, ancorché sprovvista di carattere innovativo, interviene a dirimere taluni dubbi interpretativi sollevati dagli operatori del settore. Conti Segregati: le società veicolo potranno aprire conti segregati per il deposito presso i c.d. servicer (ovvero i soggetti incaricati delle attività di riscossione dei crediti ceduti e dei servizi di cassa e pagamento ai sensi dell articolo 2, comma 3, lettera (c) della Legge 130), delle somme rivenienti dall operazione, che costituiranno patrimonio separato a tutti gli effetti da quello del depositario e da quello degli altri depositanti. Sulle somme accreditate su tali CHIOMENTI STUDIO LEGALE - Newsletter Diritto Bancario e Finanziario Dicembre 2013 Pagina 3

4 conti non saranno ammesse azioni da parte di soggetti diversi dai portatori dei titoli emessi nell ambito dell operazione e tali somme potranno essere utilizzate esclusivamente (i) per il soddisfacimento di tali soggetti e delle controparti dei contratti derivati con finalità di copertura dei rischi insiti nei crediti e nei titoli ceduti, nonché (ii) per il pagamento degli altri costi dell operazione. Pertanto, in ipotesi di fallimento del depositario, nonché di altre procedure concorsuali o di accordi di ristrutturazione, le somme accreditate su tali conti non saranno considerate come appartenenti al patrimonio del fallito e non saranno soggette a sospensione dei pagamenti. Inoltre, il servicer potrà aprire presso banche conti segregati, sui quali accreditare, anche in via non esclusiva, le somme incassate per conto della società veicolo. Sulle somme accreditate su tali conti non saranno ammesse azioni da parte dei creditori del servicer, se non per l eccedenza delle somme incassate e dovute alla società veicolo. In ipotesi di avvio di procedure concorsuali o di accordi di ristrutturazione nei confronti del servicer, le somme incassate e dovute alla società veicolo non saranno considerate come appartenenti al patrimonio del fallito. Le predette modifiche sono volte a migliorare e rafforzare la segregazione dei flussi nell ambito delle operazioni di cartolarizzazione. In precedenza, infatti, il requisito della segregazione degli attivi cartolarizzati rispetto al fallimento della società di cartolarizzazione non era esteso anche all eventuale fallimento del servicer, del sub-servicer e della banca presso la quale la società di cartolarizzazione mantiene i propri depositi. Tale rischio di c.d. commingling (ossia di confusione dei fondi dell emittente con quelli degli altri soggetti coinvolti nell operazione) era mitigato mediante l inserimento di appositi rimedi contrattuali o strutturali volti a rafforzare la segregazione. La disposizione quindi, consentirà, oltre ad un incremento (e) nell efficienza delle operazioni di cartolarizzazione, di eliminare un profilo di criticità dell istituto sollevato da investitori esteri e agenzie di rating. Formalità per il perfezionamento delle cessioni di crediti di impresa: le cessioni di crediti di impresa (come definiti ai sensi dell articolo 1 della Legge 21 febbraio 1991, n nel prosieguo, Legge sul Factoring ), anche non in blocco, in alternativa alle formalità per la cessione dei crediti previste ex articolo 58, commi 2, 3, e 4 del Testo Unico Bancario (richiamate dall articolo 4 dalla Legge 130), su espressa volontà delle parti, potranno essere rese opponibili mediante perfezionamento del pagamento con data certa ai sensi dell articolo 5, comma 1, 1-bis e 2 della Legge sul Factoring. A tale fine, è stato espressamente previsto che, ai fini della data certa, è sufficiente l annotazione del contante sul conto di pertinenza del cedente, in conformità al disposto dell articolo 2, comma 1, lettera del decreto legislativo 21 maggio 2004 n Inoltre, è stata inserita una espressa previsione in tema di opponibilità della cessione di crediti d impresa tale per cui il pagamento, anche parziale, del corrispettivo di cessione è idoneo a rendere opponibile la cessione di crediti d impresa purchè tale pagamento del corrispettivo della cessione con sia effettuato con atto avente data certa. Tale previsione ha lo scopo di rendere meno gravosa, in termini di costi e adempimenti, la cessione di crediti d impresa nell ambito di operazioni di cartolarizzazione, affinché lo strumento possa essere adoperato anche per cessioni di dimensioni ridotte e come supporto ad operazione di credito commerciale. Regime della revocatoria fallimentare: l esenzione, prevista dalla Legge 130, dall applicazione di talune disposizioni della legge fallimentare è espressamente estesa anche all art. 65 di tale legge, il quale, come noto, prevede l inefficacia dei pagamenti anticipati effettuati da un soggetto fallito CHIOMENTI STUDIO LEGALE - Newsletter Diritto Bancario e Finanziario Dicembre 2013 Pagina 4

5 (f) (g) entro i due anni precedenti la dichiarazione di fallimento. La dispensa dall applicazione dell art. 65 della legge fallimentare - cui parte della giurisprudenza e della dottrina erano approdati in via di interpretazione con riferimento a talune tipologie di crediti 1 - interviene a dirimere l incertezza interpretativa sull applicazione della norma alle altre tipologie di crediti, prevedendo espressamente che tale disposizione non trova applicazione con riferimento ai pagamenti anticipati effettuati in favore di una società di cartolarizzazione o di un fondo di investimento in crediti. Formalità Cessione verso la Pubblica Amministrazione: il testo del Decreto Destinazione Italia prevede una deroga al regime delle formalità per la cessione di crediti verso pubbliche amministrazioni, che consente di equiparare la cessione di tali crediti alla cessione di crediti nei confronti di soggetti privati. In particolare, in linea con l esperienza dei covered bonds, è stata inserita un espressa deroga all applicazione del Regio Decreto n del 18 novembre 1923 alle cessioni di crediti nell ambito di operazione di Cartolarizzazione, nonché di altre disposizioni che richiedano formalità per la cessione diverse o ulteriori rispetto alla pubblicazione dell avviso in Gazzetta Ufficiale e dalla registrazione nel registro delle imprese. E inserito l obbligo di dare comunicazione del trasferimento dell incarico di servicer a soggetti diversi dal Cedente mediante pubblicazione di un avviso in Gazzetta Ufficiale nonché comunicazione mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento alle pubbliche amministrazioni debitrici. Copertura delle riserve tecniche delle imprese di assicurazione: è stata espressamente sancita la compatibilità dell investimento in titoli emessi nell ambito di operazioni di cartolarizzazione realizzate mediante la sottoscrizione e l acquisto di obbligazioni e titoli similari ad esclusione 1 In particolare, si fa riferimento ai mutui fondiari come disciplinati dall articolo 40 del Testo Unico Bancario. (h) dei titoli rappresentativi del capitale sociale, titoli ibridi e convertibili da parte della società veicolo, sebbene non destinati ad essere negoziati in un mercato regolamentato o in sistemi multilaterali di negoziazione ovvero privi di valutazione del merito di credito rilasciata da operatori terzi, da parte di imprese di assicurazione, fondi pensione degli enti previdenziali, con le vigenti disposizioni in materia di investimento in attivi a copertura delle riserve tecniche delle imprese di assicurazione, ai sensi dell articolo 38 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive modificazioni, e con le disposizioni in materia di limiti di investimento di fondi pensione. Entro 30 giorni dall entrata in vigore del Decreto Destinazione Italia, l IVASS dovrà poi, compatibilmente con i vincoli posti dal Legislatore Comunitario, disciplinare in dettaglio le modalità attraverso le quali la copertura delle riserve potrà essere effettuata tramite l investimento in strumenti del tipo descritto. Attualmente, invece, i titoli ABS (rientranti quindi nella categoria degli investimenti (A) ed in particolare nella macroclasse dei titoli di debito ed altri valori assimilabili di cui al Regolamento IVASS n. 36) amessi a copertura delle riserve tecniche sono solo quelli che, oltre a rispettare le condizioni previste per i titoli strutturati: (i) abbiano il più elevato grado di priorità nell emissione e (ii) siano in possesso di un rating della categoria investment grade secondo la scala di classificazione relativa ad investimenti medio e lungo termine rilasciato da almeno una primaria agenzia di rating, a condizione che nessun altra agenzia primaria abbia attribuito una valutazione inferiore. La modifica è volta a favorire l investimento in obbligazioni e titoli similari da parte delle imprese di assicurazione, dei fondi pensione e ad ampliare, conseguentemente, la platea dei possibili investitori in tali strumenti. Ruolo di Servicer assegnato alla SGR del Fondo di investimento: nelle operazioni realizzate mediante cessione a un fondo di CHIOMENTI STUDIO LEGALE - Newsletter Diritto Bancario e Finanziario Dicembre 2013 Pagina 5

6 investimento, il ruolo di servicer potrà essere ricoperto in alternativa alle banche e agli intermediari finanziari iscritti nell albo previsto dall art. 106 del Testo Unico Bancario anche dalla società di gestione del risparmio incaricata della gestione del fondo. Inoltre, è inserita un espressa previsione volta a chiarire che alle operazioni di cartolarizzazione realizzate mediante cessione a fondi di investimento sono applicabili le disposizioni delle Legge 130 (ivi inclusi gli articoli 4 e 6, comma 2), in quanto compatibili. Tale modifica è diretta alla riduzione dei costi delle operazioni realizzate mediante cessione a fondi comuni di investimento, assicurando l assenza di impatti negativi in termini di poteri di vigilanza esercitati dalla Banca d Italia. (i) Disposizioni di coordinamento articolo 7-bis: nell articolo della Legge 130 dedicato alla disciplina delle obbligazioni bancarie garantite (c.d. covered bonds) è inserito un espresso richiamo volto ad estendere l applicabilità del regime di segregazione dei conti aperti da parte del servicer (come meglio descritto al paragrafo ) che precede, anche alle operazioni realizzate mediante emissione di tali strumenti. 3. Obbligazioni bancarie collateralizzate Il Decreto Destinazione Italia interviene anche sulla disciplina dettata in tema di obbligazioni bancarie garantite, introducendo uno strumento avente caratteristiche analoghe rispetto a questa ultime, assistito però da una garanzia rilasciata a fronte della cessione di tipologie di attivi differenti da quelli attualmente previsti dal Decreto Ministeriale n. 310 del 14 dicembre Almeno a livello di normativa primaria, tale strumento appare accessibile a tutte le banche operanti in Italia e non solo a quelle che già hanno accesso alle obbligazioni bancarie garantite. In particolare, secondo la formulazione attualmente inserita nel Decreto Destinazione Italia, si è conferita alle banche la possibilità di emettere obbligazioni bancarie collateralizzate, assistite da garanzia su: obbligazioni e titoli similari; crediti garantiti da ipoteca navale; crediti nei confronti di piccole e medie imprese; crediti derivanti da contratti di leasing e / o di factoring; titoli emessi nell ambito di operazioni di cartolarizzazione aventi ad oggetto crediti della medesima natura. Il Decreto Destinazione Italia rimette alla fonte secondaria la facoltà di determinare (i) le categorie di crediti o titoli, sopra richiamate, cui si possano applicare le predette disposizione, (ii) il rapporto massimo tra obbligazioni oggetto di garanzia e attività cedute, (iii) la tipologia di tali attivi e degli attivi con equivalenti profili di rischio, utilizzabili per la loro successiva integrazione, (iv) la caratteristiche della garanzia. Secondo l impianto delineato dal Decreto Destinazione Italia, lo strumento delle obbligazioni bancarie collateralizzate dovrebbe affiancarsi a quello delle obbligazioni bancarie garantite, creando un alternatività rispetto a queste ultime, stante le differenti tipologie di attivi utilizzabili a fronte della garanzia rilasciata nell ambito di tali operazioni. L introduzione, nel nostro ordinamento, delle obbligazioni bancarie collateralizzate è diretta a incrementare la capacità di funding delle banche italiane, mediante l ampliamento delle categorie di attivi (come, ad esempio, Mini-Bond e crediti derivanti da factoring e leasing), utilizzabili per operazioni di provvista. 4. Altre modifiche Al fine di una completa analisi delle disposizioni introdotte dal Decreto Destinazione Italia finalizzate all ampliamento degli strumenti di reperimento di risorse per le imprese, si segnalano altresì i seguenti interventi: Modifiche al Decreto Sviluppo: è stata espressamente sancita la compatibilità con le vigenti disposizioni in materia di CHIOMENTI STUDIO LEGALE - Newsletter Diritto Bancario e Finanziario Dicembre 2013 Pagina 6

7 investimento in attivi a copertura delle riserve tecniche delle imprese di assicurazione (come disciplinate dall articolo 38 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive modificazioni) e dei fondi pensione, dell investimento in nuove tipologie di strumenti, anche se non destinati ad essere negoziati in un mercato regolamentato o in sistemi multilaterali di negoziazione e anche se privi di valutazione del merito di credito da parte di operatori terzi. Tali nuove tipologie di strumenti sono: Mini-bond, quote di fondi di investimento che investono prevalentemente in Mini-bond, e (c) titoli derivanti da operazioni di cartolarizzazione aventi quale sottostante Mini-bond. Entro 30 giorni dall entrata in vigore del Decreto Destinazione Italia, l IVASS dovrà poi, compatibilmente con i vincoli posti dal Legislatore Comunitario, disciplinare in dettaglio le modalità attraverso le quali la copertura delle riserve potrà essere effettuata tramite l investimento in strumenti del tipo descritto. adempimenti burocratici per le imprese cedenti. Modifiche alla Legge sul Factoring: è stata prevista, quale modalità di ottenimento della data certa del pagamento, l annotazione del contante sul conto di pertinenza del cedente, in conformità al disposto dell articolo 2, comma 1, lettera del Decreto Legislativo 21 maggio 2004, n Tale modifica, strettamente connessa a quanto analizzato nel precedente paragrafo in tema di formalità per le cessioni di crediti impresa nell ambito di operazioni di cartolarizzazione, è diretta a semplificare, nelle ipotesi di cessioni di crediti effettuate ai sensi della Legge sul Factoring, le formalità per l ottenimento della data certa del pagamento e, quindi, per l opponibilità della cessione, rendendo meno onerosi gli La Newsletter "Diritto Bancario e Finanziario" è una pubblicazione di CHIOMENTI Studio Legale. Per informazioni o segnalazioni si prega di rivolgersi alla Vostra persona di riferimento in CHIOMENTI Studio Legale. Tutti i diritti sui dati, materiali ed informazioni contenuti nella Newsletter sono riservati a CHIOMENTI Studio Legale; è vietato copiare, vendere, riprodurre, rielaborare o altrimenti utilizzare, in tutto o in parte, la Newsletter senza il consenso scritto di CHIOMENTI Studio Legale. CHIOMENTI STUDIO LEGALE - Newsletter Diritto Bancario e Finanziario Dicembre 2013 Pagina 7

Londra EC2N 1AR 15th Floor 125 Old Broad Street Tel.: +44 20 75691500 Fax: +44 20 75691501 Email: london@chiomenti.net

Londra EC2N 1AR 15th Floor 125 Old Broad Street Tel.: +44 20 75691500 Fax: +44 20 75691501 Email: london@chiomenti.net 1. NEWSLETTER DIRITTO BANCARIO, FINANZIARIO E FISCALE DECRETO COMPETITIVITÀ Giugno 2014 1. Misure a favore del credito alle imprese (c) Concessioni di finanziamenti alle imprese da parte di imprese di

Dettagli

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE Ottobre 2013

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE Ottobre 2013 NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE Ottobre 2013 Novità in materia di imposte di catastale 1. Il quadro normativo di riferimento 2. La modifica della misura fissa delle imposte di catastale 3. La modifica dell

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

Giugno 2014. Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario

Giugno 2014. Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Giugno 2014 Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Avv. Rossella Mariani, Zitiello e Associati Studio Legale 1. Introduzione La crisi economica degli ultimi anni

Dettagli

Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario

Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Autore: Avv. Rossella Mariani, Zitiello e Associati Studio Legale Categoria Approfondimento: Capital markets 1. Introduzione

Dettagli

L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese

L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese Fabrizio Molteni L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese Milano, 25 novembre 2014 1 Inquadramento generale (1/2) Ogni operazione di finanziamento determina normalmente

Dettagli

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Università Bocconi di Milano Milano, 25 novembre 2014 RENZO PARISOTTO PREMESSE: il sistema

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL SOSTEGNO DELLA CRESCITA? S I R I N G R A Z I A P E R L A C O L L A B O R A Z I O N E 2 7 G E N N A I O 2 0 1 4 C O R S O C O N C O R D I A 1 M I L A N O Programma Apertura

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

London EC2N 1AR 15th Floor 125 Old Broad Street +44 20 75691500 +44 20 75691501 Email: london@chiomenti.net

London EC2N 1AR 15th Floor 125 Old Broad Street +44 20 75691500 +44 20 75691501 Email: london@chiomenti.net SICAF IMMOBILIARI ASPETTI REGOLAMENTARI E FISCALI Febbraio 2015 1. SICAF: DEFINIZIONE E DIFFERENZE CON I FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO La SICAF (società di investimento a capitale fisso) è un nuovo veicolo

Dettagli

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge Destinazione Italia alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti Finance Law Alert GENNAIO 14 Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti In data 23 dicembre 2013, è stato pubblicato in G.U. n. 300 il

Dettagli

IL REGOLAMENTO (EU) N. 650/2012

IL REGOLAMENTO (EU) N. 650/2012 IL REGOLAMENTO (EU) N. 650/2012 www.chiomenti.net INDICE 1 Il Regolamento (EU) N. 650/2012... 1 2 La disciplina italiana sulla legge applicabile alle successioni... 1 3 La nuova disciplina europea sulla

Dettagli

Legge 30 aprile 1999, n. 130. " Disposizioni sulla cartolarizzazione dei crediti "

Legge 30 aprile 1999, n. 130.  Disposizioni sulla cartolarizzazione dei crediti Legge 30 aprile 1999, n. 130 " Disposizioni sulla cartolarizzazione dei crediti " pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 111 del 14 maggio 1999 Art. 1. (Ambito di applicazione e definizioni) 1. La presente

Dettagli

Le nuove forme di finanziamento alle imprese

Le nuove forme di finanziamento alle imprese Le nuove forme di finanziamento alle imprese Profili fiscali Ordine Dottori Commercialisti di Padova 4 giugno 2014 Principali riferimento normativi e di prassi Art. 32 del Decreto legge 22 giugno2012,n.

Dettagli

REGIME FISCALE DEI MINIBOND

REGIME FISCALE DEI MINIBOND I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 REGIME FISCALE DEI MINIBOND Dr. Angelo Ragnoni Agenzia delle Entrate Angelo Ragnoni Articolo

Dettagli

CARTOLARIZZAZIONE DI MINI-BOND L ESPERIENZA INTERNAZIONALE

CARTOLARIZZAZIONE DI MINI-BOND L ESPERIENZA INTERNAZIONALE CARTOLARIZZAZIONE DI MINI-BOND L ESPERIENZA INTERNAZIONALE AVV. PIERPAOLO MASTROMARINI WATSON FARLEY & WILLIAMS 14 MAGGIO 2015 COSA SI INTENDE PER MINI-BOND? DEFINIZIONE I Mini-bond sono obbligazioni corporate

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

FINANZIAMENTI PER LE PMI: PRONTI I NUOVI CANALI

FINANZIAMENTI PER LE PMI: PRONTI I NUOVI CANALI Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 15/2015 del 14 maggio 2015 FINANZIAMENTI PER LE PMI: PRONTI I NUOVI CANALI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 72/E. Roma, 12 luglio 2010

RISOLUZIONE N. 72/E. Roma, 12 luglio 2010 RISOLUZIONE N. 72/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 luglio 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica Redditi derivanti dagli Exchange Traded Commodities articolo 67, comma 1, lettera c-quater), del TUIR

Dettagli

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie Periodico informativo n. 105/2014 Aumento tassazione rendite finanziarie Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che dal 1 luglio è stata modificata l aliquota

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 43/E. OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI

RISOLUZIONE N. 43/E. OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI RISOLUZIONE N. 43/E Direzione Centrale Normativa Roma, 2 luglio 2013 OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI In considerazione delle numerose richieste di chiarimento in merito ai particolari

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Aumento tassazione rendite finanziarie Premessa Gli articoli 3 e 4 del Decreto Legge 24 aprile 2014, n. 66 convertito, con modificazioni, dalla Legge 23 giugno 2014, n. 89 intervengono sul livello

Dettagli

Pillole Informative. I minibond La novità normativa

Pillole Informative. I minibond La novità normativa Pillole Informative I minibond La novità normativa I minibond. La novità normativa Il decreto Destinazione Italia, completa il percorso del Decreto Sviluppo sul tema degli strumenti finanziari a favore

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

Cartolarizzazioni: Il regime fiscale - Luigi Merola

Cartolarizzazioni: Il regime fiscale - Luigi Merola Cartolarizzazioni: Il regime fiscale - Luigi Merola 25 Marzo 2014 1 Introduzione 2 I soggetti coinvolti 1 Aspetti fiscali afferenti l Originator 2 Aspetti fiscali in capo allo Special Purpose Vehicle 3

Dettagli

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO RISOLUZIONE N. 61/E Roma, 31 maggio 2011 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Applicazione dell imposta sostitutiva ai sensi dell articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre

Dettagli

Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese

Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese Milano 18 dicembre 2013 Mini-bond Meeting Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese Giancarlo Giudici Politecnico di Milano School of Management giancarlo.giudici@polimi.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

Decreto Sviluppo (DL 83/2012)

Decreto Sviluppo (DL 83/2012) Decreto Sviluppo (DL 83/2012) I nuovi strumenti finanziari per le imprese Profili fiscali della riforma Massimo Caldara Convegno ANDAF Milano, 10 settembre 2012 Dottori Commercialisti - Revisori Contabili

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

MINIBOND e QUOTAZIONE all AIM ASPETTI FISCALI dott. Giuliano Saccardi

MINIBOND e QUOTAZIONE all AIM ASPETTI FISCALI dott. Giuliano Saccardi MINIBOND e QUOTAZIONE all AIM ASPETTI FISCALI dott. Giuliano Saccardi 12/11/2014 Saccardi & Associati Normativa e Prassi Per i minibond: Art. 32 comma 8, 9, 13 e 26 del DL 83/2012 Decreto sviluppo/crescita

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi. 27 Novembre 2012

Università Commerciale Luigi Bocconi. 27 Novembre 2012 Università Commerciale Luigi Bocconi 27 Novembre 2012 1 Indice CESSIONE PRO SOLUTO E PRO SOLVENDO: VANTAGGI E CRITICITA La causa del negozio: cessione a titolo oneroso, cessione solutoria, cessione a scopo

Dettagli

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE 1. IMPOSTA IPOTECARIA IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE Vi sono soggette le formalità di trascrizione, iscrizione, rinnovazione ed annotazione eseguite nei pubblici registri immobiliari. Per quanto riguarda

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Aprile 2014 Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Piergiorgio Leofreddi e Azzurra Campari, Simmons & Simmons Il presente articolo si propone di analizzare alcuni

Dettagli

Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese. Le novità del Decreto Sviluppo

Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese. Le novità del Decreto Sviluppo S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese Le novità del Decreto Sviluppo Marco Capra 7 dicembre 2012 Confindustria Alto Milanese Legnano Le novità del

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione News per i Clienti dello studio del 6 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 62 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 dicembre 2003 Oggetto: Modificazioni delle disposizioni tributarie riguardanti i contratti assicurativi stipulati con imprese non

Dettagli

DECRETO CRESCITA E COMPETITIVITA - MISURE FISCALI A FAVORE DELLE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE E DEL CREDITO ALLE IMPRESE

DECRETO CRESCITA E COMPETITIVITA - MISURE FISCALI A FAVORE DELLE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE E DEL CREDITO ALLE IMPRESE Luglio 2014 DECRETO CRESCITA E COMPETITIVITA - MISURE FISCALI A FAVORE DELLE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE E DEL CREDITO ALLE IMPRESE In data 24 giugno 2014, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 144

Dettagli

RISOLUZIONE n. 68/E QUESITO

RISOLUZIONE n. 68/E QUESITO RISOLUZIONE n. 68/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 febbraio 2008 OGGETTO:Istanza di Interpello. Imposta sostitutiva. Mutui concessi da istituti previdenziali per la rinegoziazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO RISOLUZIONE N. 16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 febbraio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Individuazione del soggetto tenuto all applicazione delle ritenute ed imposte sostitutive sui redditi

Dettagli

Finanziare lo sviluppo con i Minibond

Finanziare lo sviluppo con i Minibond Finanziare lo sviluppo con i Minibond Implicazioni fiscali dello strumento Minibond Luca Luigi Tomasini dottore commercialista revisore legale STUDIO TOMASINI I vantaggi fiscali di emissione dei minibond

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012 CHIOMENTI STUDIO LEGALE NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012 1. Premessa. Il nuovo quadro normativo civilistico e la soggettività tributaria dei fondi immobiliari 2. Il regime fiscale proprio dei

Dettagli

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è RISOLUZIONE N. 121/E Roma, 13 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine DPR 29 settembre 1973, n. 601, articoli 15 e seguenti Contratti

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

I nuovi titoli di debito ai sensi dell articolo 32 del Decreto Sviluppo

I nuovi titoli di debito ai sensi dell articolo 32 del Decreto Sviluppo Briefing I nuovi titoli di debito ai sensi dell articolo 32 del Decreto Sviluppo Una nuova era per l accesso al capitale in Italia? Sintesi L articolo 32 del Decreto Sviluppo introduce una nuova disciplina

Dettagli

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI A cura della Dott.ssa Paola D'Angelo Manager, BP&A Finance and Business Consulting E-mail: paoladangelo@bpeassociati.it Ufficio: +39.0734.281411 Mobile: +39.393.1706394

Dettagli

RIFORMA DELLA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE

RIFORMA DELLA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE RIFORMA DELLA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE L articolo 2 del decreto legge 13 agosto 2011 n. 138, convertito, con modificazioni, nella legge 14 settembre 2011 n. 148, concernente ulteriori misure

Dettagli

Punto 5 all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria

Punto 5 all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria Punto 5 all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria Modifica del regolamento del Prestito Obbligazionario Convertendo BPM 2009/2013 6,75%. Conseguente attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO RISOLUZIONE N. 366/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale dei piani di stock option Opzioni esercitate anteriormente alla data del 5 luglio 2006

Dettagli

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati.

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. RISOLUZIONE N. 139/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 7 maggio 2002 Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. Con nota del 4 aprile 2002,

Dettagli

LE POLICY SUI MINIBOND:

LE POLICY SUI MINIBOND: I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 LE POLICY SUI MINIBOND: ESPERIENZE E TENDENZE DISVILUPPO Dr. Antonio Bartoloni Direzione

Dettagli

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option.

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option. Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 11/12/2009 Circolare n. 123 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012 CIRCOLARE N. 42 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 09 novembre 2012 OGGETTO: Documentazione delle operazioni di acquisto di carburanti per autotrazione presso impianti stradali di distribuzione effettuati

Dettagli

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO regolazione LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Luigi Rizzi * Le Società di Investimento a Capitale Fisso (SICAF) rappresentano una delle principali novità della direttiva AIFM.

Dettagli

1 Milano, 26 marzo 2014 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI E FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA

1 Milano, 26 marzo 2014 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI E FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA 1 Milano, 26 marzo 2014 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI E FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA 2 Milano, 26 marzo 2014 I FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI: I FIA ITALIANI

Dettagli

FINANZA PER LA CRESCITA

FINANZA PER LA CRESCITA FINANZA PER LA CRESCITA 1 FINANZA PER LA CRESCITA: TRE ASSI Accesso al finanziamento: creditizio e alternativo Sostegno agli investimenti Incentivi capitalizzazione e quotazione 2 2 ACCESSO AL FINANZIAMENTO:

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa L articolo 1, commi da 491 a 500, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, ha introdotto un imposta sulle transazioni finanziarie che si applica ai trasferimenti di proprietà di azioni

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE relativo al programma di offerta e di quotazione denominato:

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE relativo al programma di offerta e di quotazione denominato: (Società per azioni costituita ai sensi della legge italiana) Sede sociale in Via Goito 4, 00185 Roma Capogruppo del gruppo Cassa depositi e prestiti Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 80199230584

Dettagli

Agenda. "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap

Agenda. MINI GREEN BOND in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento Eugenio de Blasio Milano, 9 maggio 2014 Agenda 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap 2. I Mini Bond ed il segmento ExtraMOT PRO: un

Dettagli

Fisco e Tributi. Newsletter luglio 2014. Aumento della tassazione delle rendite finanziarie

Fisco e Tributi. Newsletter luglio 2014. Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Fisco e Tributi Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Dal 1 luglio è stata modificata l aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria.

Dettagli

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE POLIZZE CON PRESTAZIONI DIRETTAMENTE COLLEGATE AD UN INDICE AZIONARIO O ALTRO VALORE DI RIFERIMENTO DI CUI ALL ARTICOLO 41,

Dettagli

K.R.Energy S.p.A. Sede legale in Milano, Corso Monforte, 20 Capitale Sociale Euro 41.019.435,63 Partita IVA n. 11243300156 C.F.

K.R.Energy S.p.A. Sede legale in Milano, Corso Monforte, 20 Capitale Sociale Euro 41.019.435,63 Partita IVA n. 11243300156 C.F. K.R.Energy S.p.A. Sede legale in Milano, Corso Monforte, 20 Capitale Sociale Euro 41.019.435,63 Partita IVA n. 11243300156 C.F.01008580993 RELAZIONE ILLUSTRATIVA SULLE PROPOSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELL

Dettagli

Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro dell economia e delle finanze Il Ministro dell economia e delle finanze Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, e successive modificazioni ed integrazioni recante la disciplina dell imposta di bollo;

Dettagli

MISURE PER LA COMPETITIVITÀ

MISURE PER LA COMPETITIVITÀ MISURE PER LA COMPETITIVITÀ Federica Guidi Ministro dello Sviluppo Economico Pier Carlo Padoan Ministro dell Economia e Finanze 18 giugno 2014 LA BOLLETTA DIMAGRISCE 2 PIÙ ENERGIA ALLA COMPETITIVITÀ Le

Dettagli

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Mario Gabbrielli Paolo Chiappa Davide D Affronto Lucia Fracassi Mini Bond Principali obiettivi La svolta dei mini bond facilitare e rendere più conveniente

Dettagli

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Novembre 2014 Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Avv. Francesco Bonichi, Tax Partner, Avv. Michele Milanese,

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE L'emissione di prestiti obbligazionari è un'operazione con la quale una società contrae un debito a lunga scadenza con una pluralità di soggetti.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Centro Studi e Documentazione 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flp.it Email: flp@flp.it tel. 06/42000358 06/42010899 fax. 06/42010628 Prot.

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI

PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI IL SISTEMA FINANZIARIO E L'INTERMEDIAZIONE DEL CREDITO I soggetti operanti nell intermediazione creditizia: gli intermediari

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

Estense Grande Distribuzione

Estense Grande Distribuzione BNP Paribas REIM SGR p.a. approva le semestrali 2013, delibera il periodo di grazia e la riduzione della commissione di gestione dei Fondi Estense Grande Distribuzione e BNL Portfolio Immobiliare Estense

Dettagli

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI 1. Premessa La disciplina antiriciclaggio contenuta, in particolare, nel Decreto Legge 3 maggio 1991,

Dettagli

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO SETTORE TRIBUTARIO Dott.Comm. CARLO GARZIA Dott.Comm. ALESSANDRA NITTI Dott. STEFANO BARELLI Dott. SIMONE BOTTI SETTORE LEGALE Avvocato MARCO IMPELLUSO Avvocato ROBERTA SARA

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

RISOLUZIONE n. 222/E. Roma, 5 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE n. 222/E. Roma, 5 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE n. 222/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 5 dicembre 2003 Oggetto: Trattamento fiscale delle operazioni di cartolarizzazione. Ritenute sugli interessi corrisposti su depositi

Dettagli

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE in qualità di Emittente Sede legale in Cantù, Corso Unità d Italia 11 Iscritta all Albo delle Banche al n. 719 (Cod. ABI 08430), all Albo delle Cooperative al n. A165516, al Registro delle Imprese di Como

Dettagli

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d italiani Relatori: Dott. Paolo Bifulco Dott. Sandro Botticelli Materiale predisposto da Assogestioni 1 Normativa di riferimento art. 2, commi da

Dettagli

in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento

in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. Roma, 4 agosto 2011. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 40/E. Roma, 4 agosto 2011. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 4 agosto 2011 OGGETTO: Imposta di bollo sulle comunicazioni relative ai depositi di titoli Decreto legge 6 luglio 2011, n. 98 convertito con modificazioni

Dettagli

CREDITO E FINANZA Circolare Gennaio 2014

CREDITO E FINANZA Circolare Gennaio 2014 CREDITO E FINANZA Circolare Gennaio 2014 CREDITO 1. Fondo di garanzia per le PMI pag. 1 2. Usura TEGM in vigore nel I Trimestre 2014 pag. 2 FINANZA 3. DL Destinazione Italia - Misure in materia di credito

Dettagli

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA E PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO L Associazione Bancaria Italiana ed il Consiglio Nazionale del Notariato visto l art. 8 del Dl n. 7/2007, convertito

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

consulenza alle Imprese a 360

consulenza alle Imprese a 360 consulenza alle Imprese a 360 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare del 15 gennaio 2010 Oggetto: ULTIMI CHIARIMENTI MORATORIA BANCHE L ABI ha di recente fornito importanti chiarimenti in tema di moratoria

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

RISOLUZIONE N. 99/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 8 maggio 2003

RISOLUZIONE N. 99/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 8 maggio 2003 RISOLUZIONE N. 99/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 8 maggio 2003 Oggetto: Imposta sostitutiva sui proventi dei titoli obbligazionari di cui al decreto legislativo 1 aprile 1996, n. 239.

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli