NOTIZIA TECNICA. Segreteria Tecnica Agosto 2015 NT di 9

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTIZIA TECNICA. Segreteria Tecnica Agosto 2015 NT 05-15. 1 di 9"

Transcript

1 1 di 9 La nuova tariffazione dell energia reattiva per insufficiente fattore di potenza Ricadute impiantistiche connesse con il rifasamento dell utenza attiva fotovoltaica Premessa Atteso che i flussi di potenza reattiva generano effetti indesiderati 1 (quali la riduzione della capacità di trasporto di potenza attiva 2, l aumento delle perdite di potenza attiva 3, l aumento delle cadute di tensione 4, ecc.), è necessario che il sistema dei prezzi e delle tariffe fornisca adeguati segnali ai diversi soggetti che operano nel sistema elettrico affinché effettuino gli investimenti necessari a limitare tali effetti negativi, contribuendo a migliorare nel complesso la gestione delle reti sia di trasmissione che di distribuzione. La regolazione tariffaria, annunciata con art. 7.1, c) della Delibera AEEGSI del ARG/elt 199/11, gioca un ruolo importante, essendo i costi e i benefici dissociati relativamente ai soggetti che rispettivamente li sostengono e che ne traggono vantaggio (privatizzazioni dei costi vedi rifasamento e pressoché totale socializzazione dei benefici). La riforma tariffaria in argomento, Delibera AEEGSI del /2013/R/EEL - Regolazione tariffaria per prelievi di energia reattiva nei punti di prelievo connessi in media e bassa tensione 5, a decorrere dall anno condotta per promuovere l efficienza e l economicità dei servizi infrastrutturali 6 secondo gli obblighi derivanti dalla direttiva 2012/27/UE, che prevede la messa disposizione degli utenti della rete servizi che consentano loro di attuare misure di miglioramento dell efficienza energetica, nello specifico si prefigge di: migliorare l aderenza ai costi delle tariffe per l uso delle infrastrutture di rete; fornire i corretti segnali di prezzo a operatori di rete e clienti finali volti a favorire un allocazione e un uso efficiente delle risorse disponibili; favorire una redistribuzione dei benefici del rifasamento tra i clienti finali; mantenere un sistema tariffario semplice e trasparente; adeguarsi ai livelli europei dove il cosφ minimo è 0,93 0,95 I criteri di regolazione tariffaria e per l applicazione dei corrispettivi sono contenuti nell Allegato A e nella Tabella 1 che costituiscono parti integranti della suddetta deliberazione. 1 L impatto è diverso a seconda delle fasce orarie del carico (AEEGSI Delibera n. 181/06 ): F1: ore di punta (peak). Nei giorni dal lunedì al venerdì: dalle ore 8.00 alle ore 19.00; F2: ore intermedie (mid-level). Nei giorni dal lunedì al venerdì: dalle ore 7.00 alle ore 8.00 e dalle ore alle ore Nei giorni di sabato: dalle ore 7.00 alle ore 23.00; F3: ore fuori punta (off-peak). Nei giorni dal lunedì al venerdì: dalle ore alle ore Nei giorni di domenica e festivi (si considerano festivi: 1 gennaio; 6 gennaio; lunedì di Pasqua; 25 Aprile; 1 maggio; 2 giugno; 15 agosto; 1 novembre; 8 dicembre; 25 dicembre; 26 dicembre), tutte le ore della giornata. 2 A parità di caduta di tensione V la potenza trasportata P da una linea è tanto maggiore quanto maggiore è il fattore di potenza: P= U U/[R+X (1/cos 2 φ -1)]. Con R e X rispettivamente resistenza e reattanza della linea, esercita alla tensione U. 3 A parità di potenza trasportata P, le perdite di rete sono una funzione inversa del quadrato del fattore di potenza. P P = 3RI 2 =RP 2 /U 2 cos 2 φ. Con I corrente assorbita dal carico. 4 Vedasi nota 2. 5 La definizione delle regole per i prelievi di reattiva nei punti di prelievo in AT e in AAT e per i transiti nei punti di interconnessione tra la rete di trasmissione nazionale e le reti di distribuzione, nonché tra i punti di interconnessione tra reti di distribuzione, sarà oggetto di altro provvedimento. 6 In tal senso un interevento d incentivazione da parte dell AEESI, nei confronti delle imprese distributrici, è quello previsto all art. 12, c. 4, lettera b), della Delibera n. 199/11 Allegato A (TIT - Testo integrato connessioni): riferito agli investimenti di sostituzione dei trasformatori esistenti nelle cabine di trasformazione MT/BT della distribuzione pubblica con nuovi trasformatori a basse perdite (norma CEI EN (CEI 14-34)) che riconosce la maggiorazione del tasso di remunerazione del capitale investito del 2% per 8 anni.

2 2 di 9 Il differimento al dell entrata in vigore delle nuove tariffe è motivato in ragione delle esigenze di adeguamento degli impianti dei clienti finali e di adeguamento dei sistemi di misura e fatturazione delle imprese distributrici. Regolazione tariffaria fino al Il TIT 7 contiene disposizioni che regolano gli assorbimenti di energia reattiva nei punti di prelievo dei clienti finali con potenza disponibile superiore a 16,5 kw. Ciascuna impresa distributrice, nel caso d insufficiente fattore di potenza, applica le componenti fissate nella tab. 1, quando l assorbimento di energia reattiva eccede il 50% dell energia attiva (ciò corrisponde all incirca a prelievi con fattore di potenza inferiore a 0,9 fig. 1- in bolletta è valutato il fattore di potenza medio mensile, cosϕ m ) 8. L energia reattiva prelevata oltre il 50% e sino al 75% (0,9> cosϕ m 0,8) dell energia attiva, viene tariffata a un primo scaglione; oltre al 75% (cosϕ m <0,8) viene tariffata con un importo superiore (secondo scaglione). Per l energia reattiva prelevata nella fascia F3, il TIT prevede che le predette componenti tariffarie siano poste pari a zero in quanto, nelle ore appartenenti a tale fascia, il prelievo di energia reattiva comporta generalmente benefici al sistema elettrico. Infatti la potenza reattiva assorbita dalle linee è capacitiva nel funzionamento a vuoto o a basso carico e diminuisce con l aumentare della potenza attiva fino a quasi ad annullarsi quando viene trasportata la potenza caratteristica della linea (o potenza naturale), per divenire poi induttiva quando viene trasportata una potenza superiore a quella caratteristica. In considerazione di ciò nella fascia F3 la potenza reattiva assorbita dagli utenti è in franchigia perché i carichi, assorbendo potenza reattiva induttiva, contribuiscono alla realizzazione del saldo nullo della potenza istantanea reattiva presente in linea. A formare il bilancio della potenza reattiva contribuiscono i componenti che generano o assorbono potenza reattiva: generatori, carichi, linee elettriche e dispositivi di compensazione (per esempio banchi di condensatori, reattanze cosiddette shunt e compensatori statici di reattiva). L attuale regolazione tab. 1 Fig. 1. Corrispettivi per basso cosϕ fino al Allegato A della Delibera ARG/elt 199/11 - Testo integrato delle disposizioni dell AEEGSI per l erogazione dei servizi di trasmissione e distribuzione dell energia elettrica. 8 Se cosϕ m 0,9 E a /(E a 2 + E r 2 ) 1/2, è: E r 0,5 E a dove E a e E r sono rispettivamente l energia attiva e reattiva assorbite.

3 3 di 9 non prevede esplicite norme in relazione alle immissioni di potenza reattiva. Tali divieti sono però di norma contenuti nei contratti stipulati tra le parti. Anche nuove disposizioni non si applicano ai punti di prelievo riferiti alla tipologia di contratto per usi domestici in bassa tensione e ai punti di prelievo con potenza disponibile inferiore o uguale a 16,5 kw. La determinazione della nuova regolamentazione tecnica ed economica dei transiti di energia reattiva è basata sulle risultanze di una analisi quantitativa sugli effetti dei prelievi di potenza reattiva e su di un analisi costi benefici 9, entrambe concentrate sulle reti di media e di bassa tensione. Dette analisi sono state sottoposte alle osservazioni 10 dei soggetti interessati. Lo studio ha portato alla conclusione che l attuale soglia, oltre la quale viene addebitata l energia reattiva, risulta piuttosto bassa e che un suo innalzamento, a beneficio del sistema elettrico generale, può essere perseguito garantendo ai clienti un sostanziale pareggio fra i costi del maggior rifasamento richiesto e i risparmi sui costi dell energia reattiva assorbita. L energia attiva prelevata dalla rete 11 nel 2008 è stata, per gli: utenti MT: 100 TWh, cos φ=0,89; utenti BT con potenza disponibile superiore a16,5 kw: 75 TWh, cos φ=0,89; utenti BT con potenza disponibile inferiore o uguale a 16,5kW: 62 TWh, cos φ=0,92. Mediante apposite simulazioni a livello di rete MT e BT sono stati valutati i benefici conseguibili in termini di riduzione della percentuale annua di perdite di energia e della capacità di trasporto delle linee portando il cosφ non penalizzabile a valori = 0,95 e = 1, per l ipotesi di rifasamento di tutti i clienti MT e BT e per quella di rifasamento esteso ai soli clienti MT e i clienti BT con potenza disponibile superiore a 16,5 kw. È stato stimato, a livello macro, che l investimento, per portare l attuale potenza reattiva da cosφ = 0,89 a cos φ = 0,95, venga recuperato, in termini di risparmio dei corrispettivi di penalizzazione, in circa 5 7 anni (tempo di ritorno dell investimento). Naturalmente la fissazione del corrispettivo medio del kvar non potrà essere inferiore ad un valore che renda conveniente l intervento di rifasamento ( 0,16 cent /kvarh). Regolazione tariffaria dal Non è consentita l immissione in rete di energia. Il livello minimo del cosφ istantaneo in corrispondenza del massimo carico per prelievi nelle ore di alto carico non deve essere inferiore a 0,9. Nei punti di prelievo nella titolarità di clienti finali il livello minimo del cosφ medio mensile Fig. 2. Corrispettivi per basso cosϕ fino dal Le analisi in questione sono state commissionate dall AEEGSI al Politecnico di Milano e al prof. Pelacchi dell Università di Pisa. 10 Vedasi i documenti di consultazione DCO 13/11 e 76/2012/R/EEL. 11 Secondo i dati TERNA le perdite di potenza attiva in rete ammontano a circa 6,7%, della energia richiesta (di cui circa il 25% sulla rete BT e 30% a livello dello stadio MT-BT). A parità di potenza attiva assorbita passando da cosϕ= 0,7 a cosϕ= 1, le perdite si dimezzano (vedasi nota 3 ),

4 4 di 9 deve essere 0,7 (energia reattiva assorbita pari al 100% dell'energia attiva consumata). I suddetti tre punti diventano regola tecnica vincolante e per farli rispettare l impresa distributrice è autorizzata a richiedere l adeguamento degli impianti e in difetto attuare la sospensione del servizio (artt dell Allegato A). Con la previgente regolamentazione l eventuale proibizione di immettere energia reattiva in rete era demandata alla pattuizione contrattuale. I clienti finali connessi in media tensione e clienti finali connessi in bassa tensione con potenza disponibile superiore a 16,5 kw devono pagare (fig. 2): a) l energia reattiva assorbita compresa tra il 33% ed il 75% dell'energia attiva nei periodo di alto carico di cui alle fasce F1 e F2 (primo scaglione); b) l energia reattiva assorbita eccedente il 75% dell'energia attiva nei periodi di alto carico di cui alle fasce F1 e F2 (secondo scaglione); c) è gratis invece l energia reattiva assorbita nei periodi di basso carico di cui alle fasce F3. Atteso che l energia reattiva prelevata nei periodi di massimo carico è gratuita fino all ammontare di 1/3 della potenza attiva (franchigia punto a) il fattore di potenza minimo medio mensile per non pagare i corrispettivi sarà: cosϕ m 1/ [1 + (Er/ Ea) 2 ] 0,95 La tariffa della energia reattiva sarà determinata ogni anno (tab. 2), in corrispondenza con l aggiornamento delle tariffe per i servizi di trasmissione e distribuzione dell energia elettrica, sulla base dei reali oneri connessi alla circolazione in rete dell energia reattiva superflua. Più precisamente la tariffa dovrà compensare la riduzione della capacità di trasporto delle linee e dell aumento delle perdite mediante: la componente a copertura dei costi delle infrastrutture di rete (componente p); i corrispettivi unitari per i prelievi di energia reattiva per livello di tensione a copertura dell aumento delle perdite di rete (componente e). Con il vecchio regime i corrispettivi per assorbimenti di energia reattiva addebitati ai clienti finali sono una partita di giro 12 per le imprese distributrici; a partire dal Tab, gli stessi costituiranno invece ricavi di cui: l 80 % destinato alla perequazione dei ricavi per il servizio di distribuzione e il 20 % alla perequazione delle perdite. Dal punto di vista del cliente finale considerato che dalle prime valutazione gli oneri per insufficiente fattore di potenza subiranno un aumento dell ordine di 3 e le 4 volte gli attuali corrispettivi, senza contare il rischio di vedersi sospesa la fornitura di energia elettrica, la nuova normativa impone: un analisi storica dei consumi di potenza attiva e reattiva negli ultimi anni; il monitoraggio dei consumi mediante analizzatore di rete dei carichi al fine di rispettare i vincoli di minimo cosφ medio mensile e di minimo cosφ istantaneo in corrispondenza del massimo carico; l individuazione del sistema rifasante più idoneo rispetto al tornaconto economico e ai vincoli imposti dalla regola tecnica. 12 Essendo previsto il loro versamento sul Conto oneri derivanti da misure ed interventi per la promozione dell efficienza energetica negli usi finali di energia elettrica gestito dalla Cassa conguaglio per il settore elettrico.

5 5 di 9 Il rifasamento in presenza d impianti fotovoltaici Negli impianti di scambio, la generazione di energia attiva autoconsumata provoca un abbassamento del cosϕ medio dell utenza. In generale diventa necessario aggiungere potenza rifasante per non erodere, a causa delle penali, i benefici dell investimento nell autoproduzione. In particolare per una produzione fotovoltaica la potenza reattiva assorbita dagli utilizzatori, Q, non potendo essere prodotta dai pannelli fotovoltaici, che producono solamente potenza attiva, P pv (funzionamento degli inverter a cosφ unitario), di fatto continua ad essere prelevata dalla rete abbassando notevolmente il valore del fattore di potenza (cos ϕ pv1 <cosϕ) 13 letto dal contatore (fig. 3). Si tratta di determinare la potenza reattiva capacitiva complessiva, Q c, necessaria per rifasare l impianto in presenza della produzione fotovoltaica. Atteso che deve essere tgϕ pv2 = (Q-Q c )/(P-P pv ) 1/3, sviluppando, si può scrivere: Q c P[Q/P-1/3(1-P pv /P)] = P[tgϕ- tgϕ pv2 ] Fig. 3. Abbassamento del cosϕ per effetto della generazione di potenza attiva. Tre casi sintetizzano la possibile regolazione del sistema rifasante: per P pv = 0, assenza dell impianto fotovoltaico, ovvero funzionamento in notturna: deve essere tgϕ pv2 1/3(1-0/P) ossia cosφ pv2 0,95 e Q c P(tgϕ-1/3) fig. 3-1; per P pv = P/2: deve essere tgϕ pv2 = 1/3(1-1/2)=0,166 ossia cosφ pv2 = cos arctg0,166=0,986 e Q c P(tgϕ- 1/6) fig. 3-2; per P pv = P: diventa tgϕ pv2 = 1/3(1-1)=0 ossia cosφ pv2 =1 e Q c = Ptgϕ = Q, il regolatore 14 deve essere impostato per far erogare al rifasatore una potenza capacitiva pari alla potenza reattiva induttiva assorbita dall utilizzatore che altrimenti l assorbirebbe dalla rete in evidente penalizzazione fig Per il rifasamento degli impianti in questione devono essere tenuti presenti alcune prescrizioni e raccomandazioni: dando per scontato che il sistema rifasante abbia potenza sufficiente (rifasatore con a bordo una potenza reattiva pari al valore massimo richiesto dall impianto) è opportuno alzare il fattore di potenza Fig. 3. Variazione del cosφ al variare della potenza immessa. 13 cos ϕ pv1 = cos arctg Q/(P-P pv )<cosϕ=cos arctg Q/P. 14 Il regolatore di potenza reattiva è il componente fondamentale del sistema di rifasamento automatico. E infatti l elemento intelligente, preposto alla verifica dello sfasamento della corrente assorbita dal carico, in funzione del quale comanda l inserimento ed il disinserimento delle batterie di condensatori allo scopo di mantenere il fattore di potenza dell impianto oltre il limite fissato dall AEEGSI. In genere deve essere configurato per personalizzarne il funzionamento, adattandolo alle effettive caratteristiche dell impianto da rifasare (soglia del fattore di potenza, velocità di inserimento delle batterie, tempo di attesa per la riconnessione di una batteria, presenza di fotovoltaico, etc)..

6 6 di 9 di intervento del regolatore al limite a cosϕ=1; il fattore di potenza da leggere è quello rilevabile immediatamente a valle del misuratore bidirezionale (contatore d energia 15 fig. 4 ); in tal senso è necessario una corretta inserzione del TA che rileva e riduce il segnale di corrente per i regolatori elettronici della potenza reattiva, gli strumenti per l analisi armonica e dei parametri di rete, ect.; in particolare l installazione deve essere fatta sulla linea dell impianto da rifasare, esattamente a monte sia dei carichi (e dell impianto fotovoltaico) che del punto di derivazione dell alimentazione per il quadro di rifasa mento; in altri termini il TA deve poter misurare le correnti assorbite da tutto l impianto, sia quelle induttive (motori o altro) sia quelle capacitive (condensatori) e erogate, se l impianto fotovoltaico ha una potenza maggiore di quella delle utenze, o se comunque è possibile che venga immessa potenza in rete; il sistema rifasante deve essere in grado, parametrizzando in modo opportuno il regolatori elettronici di cosϕ, di funzionare su quattro quadranti ossia (fig. 5): o nei due quadranti normali cioè per il funzionamento dell impianto come utenza che assorbe dalla rete sia potenza attiva che potenza reattiva induttiva (quadranti di funzionamento per utenza passiva); o nei i due quadranti relativi al funzionamento dell impianto come utenza attiva che fornisce alla rete potenza attiva ma continua ad assorbire potenza reattiva induttiva (quadranti di generazione); o il rifasatore deve essere dotato di un numero adeguato di gradini che consenta di inseguire le variazioni di potenza erogata dalla sorgente fotovoltaica, conseguentemente i contattori elettromeccanici 16 devono essere dimensionati per un esercizio gravoso e soprattutto sottoposti a accurata manutenzione periodica; i gradini determinano la precisione del controllo che è tanto maggiore quanto numerosi sono gli stessi e quanto più piccola è la differenza tra l uno e l altro. poiché agli inverter è richiesto di partecipare alla Fig. 4. TA per il regolatore automatico del rifasatore. Fig. 5. Funzionamento del regolatore su 4 quadranti. regolazione della tensione mediante assorbimento o erogazione di energia reattiva 17, si possono determinare situazioni di esercizio contrastanti 18 con il rifasamento (fig. 6), nel senso 15 A seguito della Variante V1: all ed. III della norma CEI 0-21, per gli utenti attivi BT la gestione del servizio di misura è sempre affidato all impresa distributrice per cui il PdC è sempre in corrispondenza dei morsetti d uscita del GM quindi a valle del contatore M1. 16 La tendenza attuale è quella verso inseritori statici allo scopo di ottenere una velocità di inserzione/disinserzione adatta a rifasare carichi industriali extrarapidi.. 17 La norma CEI 0-16, art , e la norma CEI 0-21, art.8.5.2, in attuazione dell art. 11, c. 3, lettera d) del DM , prevedono che le unità di generazione distribuita devono essere in grado di assorbire potenza reattiva (comportamento induttivo) in prossimità del 110% di Un e erogare potenza reattiva (comportamento capacitivo) in prossimità del 90% di Un.

7 7 di 9 che in caso di tensioni elevate l inverter tende a lavorare in induttivo per abbassare la tensione mentre il rifasatore interviene per correggere il cosϕ facendola alzare; è da prevedere uno sviluppo nel sistemi di regolazione in modo da interdire inserimento dei rifasatori quando si sia in presenza di tensioni prossime ai livelli mediante un interfacciamento con l inverter; infine la scelta delle caratteristiche del rifasatore 19 deve essere verificata anche in funzione del tasso di distorsione armonica della corrente dell impianto e quindi della tipologia d inverter utilizzata. Il rifasamento in presenza di armoniche L alimentazione di carichi non lineari 20 e l immissione in rete di energia generata da impianti fotovoltaici che fanno uso d inverter con tecnologia switching, determinano forti disturbi elettromagnetici e armoniche 21 (fig. 7) che vanno a sollecitare le batterie di condensatori presenti nel rifasatore. È quindi necessario conoscere la distorsione totale in Fig. 6. Rifasamento e regolazione della tensione da parte dell inverter. Fig. 7. Onda di corrente distorta. 18 In presenza del solo carico L la tensione di rete nel punto di connessione diminuisce del valore: U = 100 (R P+X Q)/U 2 ; per effetto dell inserimento della generazione G si alza il profilo della tensione (diminuisce U = 100 [R(P-P g )+XQ]/U 2 ) di rete per cui l inverter deve immettere potenza reattiva induttiva per abbassarne il valore (sia per rimanere connesso sia per garantire i livelli contrattuali alla generalità dell utenza - U = 100 {R(P-P g )+X[Q-(- Q g )]}/U 2 ), ma a questo punto interviene il rifasamento automatico per correggere il cosϕ provocando un nuovo aumento della tensione nel punto di connessione ( U = 100 {R(P-P g )+X[Q-(-Q g )-Q c ]}/U Norme condensatori. CEI EN (CEI 33-9: ). Condensatori statici di rifasamento di tipo autorigenerabile per impianti di energia a corrente alternata con tensione nominale inferiore o uguale a 1000 V. Parte 1: Generalità - Prestazioni, prove e valori nominali. Prescrizioni di sicurezza. Guida per l'installazione e l'esercizio CEI EN (CEI 33-8: ). Condensatori statici di rifasamento di tipo non autorigenerabile per impianti di energia a corrente alternata con tensione nominale inferiore o uguale a 1000V. Parte 1: Generalità Prestazioni, prove e valori nominali. Prescrizioni di sicurezza. Guida per l installazione e l esercizio CEI EN (CEI 33-19: ). Reti industriali in corrente alternata affette da armoniche. Applicazione di filtri e di condensatori statici di rifasamento. CEI EN (CEI 33-23: ). Condensatori di potenza. Batterie di rifasamento a bassa_tensione. 20 Esempi di carichi non lineari sono: personal computer, lampade fluorescenti ed a scarica nei gas, gruppi di continuità, saldatrici, forni ad arco e ad induzione, ect. 21 In generale una forma d onda periodica distorta della corrente comunque generata può essere rappresentata come la somma di più onde sinusoidali (una a 50Hz detta fondamentale e altre con frequenza multipla della fondamentale dette armoniche). Ad esempio un onda quadra alternata secondo il teorema di Fourier è rappresentabile da un onda sinusoidale fondamentale più una infinita serie di altre onde sinusoidali di ampiezza progressivamente decrescente e con frequenza crescenti secondo multipli dispari della fondamentale.

8 8 di 9 corrente (THD - Total Harmonic Distorsion) 22 presente nell impianto mediante di speciali strumenti dedicati 23 che analizzano le ampiezze e le frequenze dello spettro armonico. La presenza di armoniche di corrente in rete può provocare: il blocco del rifasatore, da cui il pagamento dei corrispettivi per insufficiente cosϕ; la rapida perdita di efficienza dei condensatori che risentono, dal punto di vista del riscaldamento, dei sovraccarichi e dell aumento della tensione che si traduce in una riduzione della vita media; il blocco dell inverter a causa di fenomeni di risonanza con la conseguenza che l impianto fotovoltaico non eroga più potenza. Fondamentalmente il rifasatore C forma con il resto dell impianto un circuito RCL in parallelo, nel quale R è all incirca la componente attiva dell impedenza di carico e L l induttanza di corto circuito dell impianto, il cui valore dipende principalmente dalla potenza nominale dello stesso (nella fattispecie di un impianto BT con fotovoltaico è la potenza del trasformatore MT/BT più quella dell inverter) 24, mentre I è la corrente di linea distorta (fig. 8-1). La condizione di risonanza, che si determina quando la reattanza induttiva è pari a quella capacitiva, ω o L=1/ω o C, si verifica alla frequenza f o data da 25 : f o = 50 ( P cc /Q c ) dove Q c è la potenza del sistema rifasante C e 50 è la frequenza del armonica fondamentale. Se f o è prossima a quella di un armonica d ampiezza significativa nel rifasatore di determina un extra corrente che può essere pericolosa 26 e lo può danneggiare seriamente. Come si può notare il rischio di risonanza varia con il valore della capacità C, occorre quindi aumentare f o verso valori di frequenza tipici delle armoniche d ampiezza trascurabile. In genere questo accorgimento si attua mediante l inserimento in serie a C di una induttanza di filtro che costituisce uno sbarramento al passaggio dell armonica che farebbe risuonare il circuito (L F detuned filter - fig. 8-2). In presenza del rifasamento automatico sono previsti più filtri costituiti da rami L F -C che si inseriscono o disinseriscono secondo la richiesta della rete. La risonanza serie fra L F e C, che si determina a frequenze basse, può essere adeguatamente calibrata per assorbire le armoniche di ampiezza L Fig. 8. Circuito equivalente dell impianto rifasato. 22 Norma CEI 0-21, art THD=( I 2 3+ I 2 5 +I I 2 n)/i 1 dove I1 è la componente alla frequenza fondamentale (50Hz) della corrente armonica di linea e I3, I5 sono le componenti armoniche alle frequenze multiple della fondamentale (150Hz, 250Hz, 350Hz, ). 23 Gli strumenti utilizzati per l analisi nel dominio della frequenza sono i seguenti: analizzatore di distorsione: misura il valore efficace del contenuto armonico di tutte le componenti spettrali del segnale in esame, tranne quella fondamentale; analizzatore d onda: a differenza del precedente, misura individualmente l ampiezza di ciascuna componente spettrale; analizzatore di spettro: misura la distribuzione dell energia del segnale in funzione della frequenza. 24 P cc = 3 U I cc. Con buona approssimazione i valori di I cc sono desumibili dalla norma CEI 0-21, art Si ricava esprimendo P cc e Q c in funzione rispettivamente della reattanza induttiva di corto circuito X cc = 2 π f L e della reattanza capacitiva X c =1/(2 π f C) del rifasatore alla frequenza f dell armonica fondamentale (50 Hz). 26 Se I(f o ) è il valore del armonica alla frequenza di risonanza, la corrente circolante nel condensatore C vale: I c (f o )= I(f o ) R ω o C.

9 9 di 9 maggiore quando si vuole la riduzione del THD dell impianto 27. Molto usati sono i filtri attivi n grado di eliminare in modo automatico le armoniche di corrente presenti in rete entro una vasta gamma di frequenze. Sfruttando la tecnologia elettronica, essi immettono un sistema di armoniche uguali e contrarie a quelle pericolose. 08/15 agu 27 In questo caso le eventuali risonanze armoniche anche di ampiezza significative provocano stress termici è minori essendo bassa la frequenza di risonanza.

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore Antonello Greco Rifasare vuol dire ridurre lo sfasamento fra la tensione e la corrente introdotto da un carico induttivo (figura 1); significa aumentare il valore del fattore di potenza (cosϕ) del carico

Dettagli

RIFASAMENTO ELETTRICO INDUSTRIALE. Opportunità di efficientamento energetico Normativa, casi pratici e incentivi.

RIFASAMENTO ELETTRICO INDUSTRIALE. Opportunità di efficientamento energetico Normativa, casi pratici e incentivi. RIFASAMENTO ELETTRICO INDUSTRIALE Opportunità di efficientamento energetico Normativa, casi pratici e incentivi. Perchè rifasare? Nei circuiti elettrici, la corrente risulta in fase con la tensione solamente

Dettagli

RIFASAMENTO ELETTRICO INDUSTRIALE

RIFASAMENTO ELETTRICO INDUSTRIALE PRComunicazione.com RIFASAMENTO ELETTRICO INDUSTRIALE Opportunità di efficientamento energetico Normativa, casi pratici e incentivi. Perchè rifasare? Nei circuiti elettrici, la corrente risulta in fase

Dettagli

Impianti di rifasamento automatici in presenza di armoniche. Problemi e soluzioni. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 1

Impianti di rifasamento automatici in presenza di armoniche. Problemi e soluzioni. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 1 Impianti di rifasamento automatici in presenza di armoniche. Problemi e soluzioni. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 1 Cosa significa rifasare Per molti tipi di utilizzatori (motori, lampade

Dettagli

Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica

Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica Il rifasamento degli impianti elettrici viene realizzato quando il fattore di potenza raggiunge un valore tale da introdurre svantaggi

Dettagli

Rifasamento elettrico per limitare i consumi elettrici

Rifasamento elettrico per limitare i consumi elettrici Rifasamento elettrico per limitare i consumi elettrici Ing. Davide Roncon Sotto Gruppo Condensatori Roadshow 29 aprile Modena INDICE Introduzione La delibera AEEG 180_13 TEE: scheda tecnica 33E Rifasamento

Dettagli

Rifasamento industriale e penali in bolletta. www.icar.com- sales@icar.com

Rifasamento industriale e penali in bolletta. www.icar.com- sales@icar.com Rifasamento industriale e penali in bolletta www.icar.com- sales@icar.com Le penali per basso cosfi Le Aziende Distributrici applicano le penali per basso cosfi perché : devono predisporre impianti di

Dettagli

Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E

Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E Ing. ARMANDO FERRAIOLI Ing. BIAGIO AURIEMMA Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E Rifasare un impianto elettrico significa risparmiare

Dettagli

La gestione dell energia reattiva. Aggiornamento: luglio 2014

La gestione dell energia reattiva. Aggiornamento: luglio 2014 La gestione dell energia reattiva Aggiornamento: luglio 2014 Brevi cenni di elettrotecnica La potenza attiva può essere assorbita o ceduta La potenza reattiva può essere: Induttiva Capacitiva Assorbita

Dettagli

Rifasamento dei carichi elettrici in ambito industriale

Rifasamento dei carichi elettrici in ambito industriale Rifasamento dei carichi elettrici in ambito industriale Marco Frabetti Sottogruppo Condensatori - ANIE Energia EnergyMedia Event - 22 ottobre 2014 Contenuti Rifasamento ed efficienza energetica Le direttive

Dettagli

La regolazione dei prelievi di energia reattiva in media e bassa tensione

La regolazione dei prelievi di energia reattiva in media e bassa tensione Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico La regolazione dei prelievi di energia reattiva in media e bassa tensione Carlo Turconi Direzione Infrastrutture Unbundling e Certificazione

Dettagli

Applicazione del rifasamento dei carichi elettrici in ambito industriale

Applicazione del rifasamento dei carichi elettrici in ambito industriale Applicazione del rifasamento dei carichi elettrici in ambito industriale ng. Silvano Compagnoni Sotto Gruppo Condensatori Solarexpo The nnovation Cloud Renewables Grid technologies E-mobility Efficiency

Dettagli

ABB SACE. Sistemi di rifasamento per l efficienza energetica

ABB SACE. Sistemi di rifasamento per l efficienza energetica ABB SACE Sistemi di rifasamento per l efficienza energetica Tipi di carico Tre categorie di carichi Resistivi R Ohm Ω Induttivi L Henry H Capacitivi C Farad F Carichi industriali La maggior parte dei carichi

Dettagli

Regolatori di potenza reattiva per sistemi di rifasamento automatico in Bassa Tensione

Regolatori di potenza reattiva per sistemi di rifasamento automatico in Bassa Tensione Regolatori di potenza reattiva per sistemi di rifasamento automatico in Bassa Tensione Regolatori di potenza reattiva per sistemi di rifasamento automatico in Bassa Tensione Il regolatore di potenza reattiva

Dettagli

I VALORI RILEVABILI I VANTAGGI DEL NUOVO CONTATORE ELETTRONICO TRIFASE. Energia attiva. Energia reattiva. Potenza attiva assorbita

I VALORI RILEVABILI I VANTAGGI DEL NUOVO CONTATORE ELETTRONICO TRIFASE. Energia attiva. Energia reattiva. Potenza attiva assorbita I VANTAGGI DEL NUOVO CONTATORE ELETTRONICO TRIFASE Il contatore elettronico, installato dalla SECAB su direttiva dell Autorità per l energia elettrica e il gas per registrare direttamente dai propri uffici

Dettagli

CODICE PRO_MCC_EE REVISIONE: 4 DATA PRIMA EMISSIONE: 24.12.2010 DATA AGGIORNAMENTO: 30.03.2015

CODICE PRO_MCC_EE REVISIONE: 4 DATA PRIMA EMISSIONE: 24.12.2010 DATA AGGIORNAMENTO: 30.03.2015 ALLEGATO 3 MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI PRODUZIONE CONNESSI ALLE RETI DI DISTRIBUZIONE GESTITE DA AEM TORINO DISTRIBUZIONE SPA. SPECIFICA TECNICA Pagina 36 di 51 ASPETTI NORMATIVI

Dettagli

L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE

L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE L impianto fotovoltaico è un impianto che consente di generare energia elettrica direttamente dalla radiazione del sole. L impianto fotovoltaico

Dettagli

Generalità - Potenza reattiva e fattore di potenza

Generalità - Potenza reattiva e fattore di potenza 1 Sommario Generalità - Potenza reattiva e fattore di potenza Rifasamento Progetto di un impianto di rifasamento Rifasamento concentrato Rifasamento individuale (distribuito) Rifasamento per gruppi Rifasamento

Dettagli

TECNOLOGIE INNOVATIVE PER LA TUA AZIENDA

TECNOLOGIE INNOVATIVE PER LA TUA AZIENDA TECNOLOGIE INNOVATIVE PER LA TUA AZIENDA Da anni si sente parlare di Efficienza Energetica; recentemente l ITALIA ha dato un vero e sistematico impulso alla realizzazione di questo ambizioso progetto.

Dettagli

Dati del Richiedente Denominazione:.. Ragione Sociale:... Codice fiscale/partita IVA:...

Dati del Richiedente Denominazione:.. Ragione Sociale:... Codice fiscale/partita IVA:... Pag. 1/5 Richiesta di connessione alla rete di distribuzione dell energia elettrica in media tensione di impianti di produzione ai sensi della Delibera ARG/Elt n. 99/08 dell Autorità per l Energia Elettrica

Dettagli

MODULO RPR-MT. RICHIESTA DI CONNESSIONE PRODUTTORE ALLA RETE ELETTRICA CON TENSIONE SUPERIORE A 1 kv

MODULO RPR-MT. RICHIESTA DI CONNESSIONE PRODUTTORE ALLA RETE ELETTRICA CON TENSIONE SUPERIORE A 1 kv MODULO RPR-MT RICHIESTA DI CONNESSIONE PRODUTTORE ALLA RETE ELETTRICA CON TENSIONE SUPERIORE A 1 kv 30/12/2008 Rev. 01 Pag. 1 di 6 Spettabile Azienda Servizi Municipalizzati Via Stenico, 11 38079 TIONE

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Nuovi modelli di business: cenni normativi e valutazione tecnico-economica degli interventi di integrazione dei sistemi di accumulo su impianti FV

Nuovi modelli di business: cenni normativi e valutazione tecnico-economica degli interventi di integrazione dei sistemi di accumulo su impianti FV I sistemi di accumulo distribuito e la mobilità elettrica: nuove sfide e opportunità per il sistema energetico Nuovi modelli di business: cenni normativi e valutazione tecnico-economica degli interventi

Dettagli

/punto di prelievo per anno. /punto di prelievo per anno. /punto di prelievo per anno. /kw/anno 0,2342

/punto di prelievo per anno. /punto di prelievo per anno. /punto di prelievo per anno. /kw/anno 0,2342 COMPONENTI A, UC e MCT - Delibera Autorità per l'energia Elettrica e il Gas 675/2014/R/COM ENERGIA ELETTRICA SU RETI HERA S.p.A. - decorrenza 1 GENNAIO 2015 USI DOMESTICI IN BASSA TENSIONE Tipologie di

Dettagli

Calcolo del rifasamento

Calcolo del rifasamento Rifasamento Dato un sistema (mono/trifase) avente potenza attiva P, con un certo f.d.p. e alimentato con una tensione concatenata V, si può osservare che: fissata la potenza attiva P, la potenza apparente

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

Premessa. L angolo ϕ può essere rappresentato graficamente come appare nelle figure seguenti.

Premessa. L angolo ϕ può essere rappresentato graficamente come appare nelle figure seguenti. Premessa Il fattore di potenza, che viene indicato come coseno dell angolo ϕ, viene determinato dalle caratteristiche del carico che si comporta come un assorbitore di energia reattiva, in quadratura con

Dettagli

I VALORI RILEVABILI I VANTAGGI DEL NUOVO CONTATORE ELETTRONICO TRIFASE. Energia attiva. Energia reattiva. Potenza attiva assorbita

I VALORI RILEVABILI I VANTAGGI DEL NUOVO CONTATORE ELETTRONICO TRIFASE. Energia attiva. Energia reattiva. Potenza attiva assorbita I VANTAGGI DEL NUOVO CONTATORE ELETTRONICO TRIFASE Il contatore elettronico, installato dalla SECAB su direttiva dell Autorità per l energia elettrica e il gas per registrare direttamente dai propri uffici

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 20 DICEMBRE 2012 559/2012/R/EEL REVISIONE DEI FATTORI PERCENTUALI CONVENZIONALI DI PERDITA APPLICATI ALL ENERGIA ELETTRICA PRELEVATA SULLE RETI DI MEDIA E BASSA TENSIONE E DISPOSIZIONI IN

Dettagli

Scheda tecnica n. 33E - Rifasamento di motori elettrici di tipo distribuito presso la localizzazione delle utenze.

Scheda tecnica n. 33E - Rifasamento di motori elettrici di tipo distribuito presso la localizzazione delle utenze. Scheda tecnica n. 33E - Rifasamento di motori elettrici di tipo distribuito presso la localizzazione delle utenze. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria di intervento 1 : Vita

Dettagli

Risparmia fino al 30% di consumi di elettricità. Facile e veloce installazione nel proprio circuito elettrico. Non necessitano di alcuna munutenzione.

Risparmia fino al 30% di consumi di elettricità. Facile e veloce installazione nel proprio circuito elettrico. Non necessitano di alcuna munutenzione. Pagina1 I dispositivi progettati e costruiti dalla società Sun Power Energy D&R Institute Co. Ltd. sono in grado di aumentare il rendimento della distribuzione di energia in un impianto elettrico. Risparmia

Dettagli

REGOLAZIONE DEL SERVIZIO DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA

REGOLAZIONE DEL SERVIZIO DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA REGOLAZIONE DEL SERVIZIO DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA - 1 - INDICE Titolo 1 Disposizioni generali Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Definizioni Ambito di applicazione Criteri generali Titolo

Dettagli

Gestire il boom fotovoltaico. Le novità sullo scambio sul posto

Gestire il boom fotovoltaico. Le novità sullo scambio sul posto Gestire il boom fotovoltaico A cura di QualEnergia e ANEA Le novità sullo scambio sul posto Ing. Gervasio Ciaccia Direzione Mercati Unità fonti rinnovabili, produzione di energia e impatto ambientale Autorità

Dettagli

Requisiti tecnici degli impianti dei clienti MT e condizioni per avere diritto all indennizzo

Requisiti tecnici degli impianti dei clienti MT e condizioni per avere diritto all indennizzo Comunicazione all utenza MT ai sensi della Deliberazione dell Autorità per l Energia Elettrica e il Gas n. 333/07, articolo 35.4. Gentile Cliente, La informiamo che l Autorità per l energia elettrica e

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it Energia Elettrica Ottobre 2012

Osservatorio SosTariffe.it Energia Elettrica Ottobre 2012 Osservatorio SosTariffe.it Energia Elettrica Ottobre 2012 FORNITURA ENERGIA ELETTRICA: CON QUALI TARIFFE RISPARMIO SE UTILIZZO UNA POTENZA CONTRATTUALMENTE IMPEGNATA MAGGIORE? INDICE p. 1 1. Introduzione

Dettagli

Le Regole Tecniche per. e la nuova edizione della Guida CEI 82-25

Le Regole Tecniche per. e la nuova edizione della Guida CEI 82-25 Le Regole Tecniche per la Connessione alle reti e la nuova edizione della Guida CEI 82-25 Ing. Francesco Iannello Responsabile Tecnico ANIE/Energia Vicenza, 16 Dicembre 2010 Indice Connessione alle reti

Dettagli

GLOSSARIO BOLLETTA ENEL SERVIZIO ELETTRICO

GLOSSARIO BOLLETTA ENEL SERVIZIO ELETTRICO GLOSSARIO BOLLETTA ENEL SERVIZIO ELETTRICO INTRODUZIONE Il Glossario è uno strumento rivolto ai Clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) per rendere più comprensibili i termini

Dettagli

"FOTOVOLTAICO: QUALI OPPORTUNITÀ OGGI?

FOTOVOLTAICO: QUALI OPPORTUNITÀ OGGI? "FOTOVOLTAICO: QUALI OPPORTUNITÀ OGGI? CONVEGNO DEL 30/05/2012 Novità per dimensionamento impianto Principali novità per dimensionamento: regole tecniche di connessione Passaggio dalle Normative di riferimento

Dettagli

Impianti fotovoltaici connessi alla rete

Impianti fotovoltaici connessi alla rete Aspetti tecnici legati alla progettazione e realizzazione di impianti di generazione e alla loro connessione alla rete La Guida CEI 82-25: Guida alla realizzazione di sistemi di generazione fotovoltaica

Dettagli

Delibera AEEG 578/2013 SEU. Rete pubblica. kwh SEU. kwh. Produttore Max 20 MW Fonte rinnovabile o cogenerazione ad alto rendimento

Delibera AEEG 578/2013 SEU. Rete pubblica. kwh SEU. kwh. Produttore Max 20 MW Fonte rinnovabile o cogenerazione ad alto rendimento Delibera AEEG 578/2013 SEU Sistemi Efficienti di Utenza Rete pubblica SEU Produttore Max 20 MW Fonte rinnovabile o cogenerazione ad alto rendimento Consumatore (cliente finale) Localizzati nella stessa

Dettagli

La cogenerazione tra prodotto e servizi (tipologie contrattuali e OEM): le tipologie e gli incentivi Ecomondo Key Energy 2008 Rimini Fiere Sala Ravezzi 2 hall sud 5 novembre 2008 Generazione di energia

Dettagli

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO PRODUCIBILITÀ IMPIANTO Descrizione dell'impianto Impianto BRUNELLESCHI AG L impianto, denominato Impianto BRUNELLESCHI AG, è di tipo grid-connected, la tipologia di allaccio è: trifase in media tensione.

Dettagli

Ing. Marco Lucentini Università di Roma La Sapienza

Ing. Marco Lucentini Università di Roma La Sapienza Rifasamento dei carichi elettrici Ing. Marco Lucentini Università di Roma La Sapienza RFS Rifasamento dei carichi elettrici Vantaggi che possono derivare dal rifasamento: mancata penale che l ente distributore

Dettagli

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO PRODUCIBILITÀ IMPIANTO Descrizione dell'impianto Impianto KING - FAVARA L impianto, denominato Impianto KING - FAVARA, è di tipo grid-connected, la tipologia di allaccio è: trifase in media tensione. Ha

Dettagli

Scatti al 30 giugno 2014

Scatti al 30 giugno 2014 Scatti al 30 giugno 2014 1 Il mercato dell energia elettrica in Italia 2013 Bilancio anno 2013-4,4% Previsione anno 2014 Domanda Energia Elettrica 298 TWh (totale) 233 TWh al mercato non domestico www.consulenzaenergetica.it

Dettagli

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO PRODUCIBILITÀ IMPIANTO Descrizione dell'impianto Impianto GALLO - SCIASCIA P. EMPEDOCLE L impianto, denominato Impianto GALLO - SCIASCIA P. EMPEDOCLE, è di tipo grid-connected, la tipologia di allaccio

Dettagli

Lo scambio sul posto (SSP)

Lo scambio sul posto (SSP) Lo scambio sul posto (SSP) Il modulo approfondisce le caratteristiche e le condizioni relative al regime di "Scambio su posto", presentandone definizioni, procedure, modalità e regole tecniche. Il meccanismo

Dettagli

Impianto fotovoltaico

Impianto fotovoltaico a cura di Antonello Greco Oggetto dellʼintervento Installazione di un impianto fotovoltaico da 6 kw su edificio. Norme, Leggi e Delibere applicabili Guida CEI 82-25: 2010-09: Guida alla realizzazione di

Dettagli

- MANUALE D USO CONTATORI ELETTRONICI -

- MANUALE D USO CONTATORI ELETTRONICI - - MANUALE D USO CONTATORI ELETTRONICI - Scopri i vantaggi del contatore elettronico. 1 VANTAGGI Il Nuovo contatore elettronico ti da più qualità, efficienza e sicurezza Il vecchio contatore elettromeccanico

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA UN OPPORTUNITA PER LA COMPETITIVITA EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO: DUE CONCETTI DISTINTI RISPARMIO ENERGETICO EFFICIENZA ENERGETICA CAMBIO COMPORTAMENT I efficienza energetica:

Dettagli

AUTOCONSUMO ELETTRICO: UN NUOVO FUTURO PER IL FOTOVOLTAICO

AUTOCONSUMO ELETTRICO: UN NUOVO FUTURO PER IL FOTOVOLTAICO 1 AUTOCONSUMO ELETTRICO: UN NUOVO FUTURO PER IL FOTOVOLTAICO Avvocato Emilio Sani Via Serbelloni 4, Milano Tel. 02-763281 2 Definizione di autoconsumo e vantaggi generali dell autoconsumo. Come riportato

Dettagli

La normativa è regolamentata dal Decreto Ministeriale del 19 febbraio 2007 e dalla Delibera AEEG del 13 aprile 2007.

La normativa è regolamentata dal Decreto Ministeriale del 19 febbraio 2007 e dalla Delibera AEEG del 13 aprile 2007. 1. GENERALITA Tariffe incentivanti e periodo di diritto (DM 19/02/207 art.6) La normativa è regolamentata dal Decreto Ministeriale del 19 febbraio 2007 e dalla Delibera AEEG del 13 aprile 2007. L impianto

Dettagli

SEZIONE A GENERALITA 2

SEZIONE A GENERALITA 2 Ed. 4.0 - A1/6 SEZIONE A GENERALITA 2 A.1 OGGETTO 2 A.2 AMBITO DI APPLICAZIONE 2 A.3 RIFERIMENTI 2 A.4 DEFINIZIONI 5 Ed. 4.0 - A2/6 SEZIONE A GENERALITA A.1 OGGETTO Il presente documento costituisce la

Dettagli

Le regole del libero mercato e i meccanismi di tutela: una chiave di lettura per i consumatori

Le regole del libero mercato e i meccanismi di tutela: una chiave di lettura per i consumatori Le regole del libero mercato e i meccanismi di tutela: una chiave di lettura per i consumatori Andrea Rosazza Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione Mercati UNAE Veneto - Padova 26 settembre

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

Problematiche di Power Quality: casistiche

Problematiche di Power Quality: casistiche Problematiche di Power Quality: casistiche Armoniche Variazione di frequenza Sovratensioni lente Sovratensioni impulsive Buco di tensione Interruzione dell alimentazione www.icar.com- sales@icar.com Casi

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 11 DICEMBRE 2014 610/2014/R/EEL AGGIORNAMENTO PER L ANNO 2015 DELLE TARIFFE E DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE E ALTRE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL EROGAZIONE

Dettagli

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria 2 Ottobre 2008, Catania, Marco Ravaioli Norma CEI 11-20 La norma CEI ha per oggetto

Dettagli

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Convegno POLYGEN: COGENERAZIONE DIFFUSA E TRIGENERAZIONE Verona, Solarexpo, 16 maggio 2008 Andrea Galliani

Dettagli

Fattura di energia elettrica. Quadro normativo

Fattura di energia elettrica. Quadro normativo Workshop 1 Quadro normativo Con legge n. 481 del 14 novembre 1995 è stata istituita l Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (www.autorita.energia.it) che ha il compito di tutelare gli interessi dei

Dettagli

ed i corrispettivi tariffari Tariffa di distribuzione anno 2015 Energia reattiva anno 2015 Tariffa di trasmissione anno 2015

ed i corrispettivi tariffari Tariffa di distribuzione anno 2015 Energia reattiva anno 2015 Tariffa di trasmissione anno 2015 A tutti i valori riportati nelle successive tabelle occorre aggiungere le componenti A, UC e MCT per prelievi di energia reattiva, nonché IVA ed imposte. ed i corrispettivi tariffari Tariffa di distribuzione

Dettagli

Lo SCAMBIO SUL POSTO (SSP): cos è, come funziona, quanto rende economicamente. Prima di spiegare cosa sono e quanto valgono, servono due premesse:

Lo SCAMBIO SUL POSTO (SSP): cos è, come funziona, quanto rende economicamente. Prima di spiegare cosa sono e quanto valgono, servono due premesse: INFORMA Lo SCAMBIO SUL POSTO (SSP): cos è, come funziona, quanto rende economicamente Premessa Attualmente il contributo di scambio sul posto e il pagamento dell eccedenza (oltre le detrazioni di costi

Dettagli

I Sistemi di Accumulo (SdA) elettrochimici sono applicazioni con un forte contenuto di innovazione:

I Sistemi di Accumulo (SdA) elettrochimici sono applicazioni con un forte contenuto di innovazione: LO STORAGE DI ELETTRICITÀ E L INTEGRAZIONE DELLE RINNOVABILI NEL SISTEMA ELETTRICO. I BATTERY INVERTERS Fiera Milano 8 maggio 2014 La normativa tecnica per l accumulo elettrico Maurizio Delfanti Comitato

Dettagli

PROCEDURE PER ALLACCIAMENTI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SCAMBIO SUL POSTO CON POTENZA 20 kw

PROCEDURE PER ALLACCIAMENTI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SCAMBIO SUL POSTO CON POTENZA 20 kw Comune di Isera AZIENDA SERVIZI COMUNALI ISERA Via A. Ravagni n. 8-38060 ISERA Cod. Fisc. e P. IVA 00203870225 Tel. 0464 487096 / Fax 0464 401430 e-mail aziendaservizi@comune.isera.tn.it PROCEDURE PER

Dettagli

SPALMA INCENTIVI FV. Gli effetti del D.Lgs. 91/2014 L. 116/2014. Presentazione a cura di: Raul Ruggeri

SPALMA INCENTIVI FV. Gli effetti del D.Lgs. 91/2014 L. 116/2014. Presentazione a cura di: Raul Ruggeri SPALMA INCENTIVI FV Gli effetti del D.Lgs. 91/2014 L. 116/2014 Presentazione a cura di: Raul Ruggeri DISPOSITIVO 1/2 Art. 23 Riduzione delle bollette elettriche a favore dei clienti forniti in media e

Dettagli

RIDURRE I COSTI ENERGETICI!

RIDURRE I COSTI ENERGETICI! Otto sono le azioni indipendenti per raggiungere un unico obiettivo: RIDURRE I COSTI ENERGETICI! www.consulenzaenergetica.it 1 Controllo fatture Per gli utenti che sono o meno nel mercato libero il controllo

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

Tariffe per il servizio di trasporto dell energia elettrica Anno 2014

Tariffe per il servizio di trasporto dell energia elettrica Anno 2014 Tariffe per il servizio di trasporto dell energia elettrica Anno 2014 Ai sensi dell art. 4.3 dell Allegato A alla delibera n. 199/11 dell Autorità per l energia elettrica e il gas (AEEG), Acea Distribuzione

Dettagli

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale IL Glossario della bolletta L Autorità per l energia ha reso disponibile per tutti i clienti finali di energia elettrica, alimentati in bassa tensione, e di gas, con consumi fino a 200.000 standard metro

Dettagli

CALCOLO ELETTRICO DELLE LINEE ELETTRICHE

CALCOLO ELETTRICO DELLE LINEE ELETTRICHE CALCOLO ELETTRICO DELLE LINEE ELETTRICHE Appunti a cura dell Ing. Stefano Usai Tutore del corso di ELETTROTECNICA per meccanici e chimici A. A. 2001/ 2002 e 2002/2003 Calcolo elettrico delle linee elettriche

Dettagli

Impianto Fotovoltaico di POTENZA NOMINALE PARI A 18,48 KWP PROGETTO DENOMINATO: IMPIANTO ORATORIO

Impianto Fotovoltaico di POTENZA NOMINALE PARI A 18,48 KWP PROGETTO DENOMINATO: IMPIANTO ORATORIO Impianto Fotovoltaico di POTENZA NOMINALE PARI A 18,48 KWP PROGETTO DENOMINATO: IMPIANTO ORATORIO Sito nel comune di VILLA CARCINA VIA DANTE Committente FRANCO FERRARI GECO SRL VIA VERDI 6 25100 - BRESCIA

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Per ulteriori informazioni e consigli

Per ulteriori informazioni e consigli Per ulteriori informazioni e consigli Alcuni siti presso i quali è possibile visionare e scaricare consigli utili a risparmiare energia sia nell uso quotidiano sia nel corretto acquisto di determinati

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

Risparmio energetico ed economico conseguente al rifasamento delle utenze condominiali

Risparmio energetico ed economico conseguente al rifasamento delle utenze condominiali RISORSE 2000 SRL VIA EUROPA, 725 21042 CARONNO PERTUSELLA (VA) TEL 02/9657345 FAX 02/9650241 E-MAIL: risorse2000srl@libero.it CONVEGNO CONFAPPI - ASSO GREEN POWER FNA MILANO 8 NOVEMBRE 2003 PALAZZO DELLE

Dettagli

TIPI DI ENERGIA. EFV =Energia prodotta dall impianto FV. EPREL =Energia prelevata dalla rete. Eu =Energia utilizzata. EIMM = Energia immessa in rete

TIPI DI ENERGIA. EFV =Energia prodotta dall impianto FV. EPREL =Energia prelevata dalla rete. Eu =Energia utilizzata. EIMM = Energia immessa in rete Ritiro dedicato e Scambio sul posto TIPI DI ENERGIA EFV =Energia prodotta dall impianto FV Eu =Energia utilizzata EIMM = Energia immessa in rete EPREL =Energia prelevata dalla rete EFV =Energia prodotta

Dettagli

Delibera 12 dicembre 2013-578/2013/R/eel

Delibera 12 dicembre 2013-578/2013/R/eel Delibera 12 dicembre 2013-578/2013/R/eel Regolazione dei servizi di connessione, misura, trasmissione, distribuzione, dispacciamento e vendita nel caso di sistemi semplici di produzione e consumo Con la

Dettagli

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica G. Simioli Torna al programma Indice degli argomenti Considerazioni introduttive Quadro normativo - Norma CEI 11-20 Isola indesiderata - Prove

Dettagli

L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia. Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori

L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia. Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori Seminario AEIT, 22 Maggio 2015 Agenda Contesto normativo e regolatorio Attività GSE Regole Tecniche

Dettagli

La deliberazione 578/2013/R/eel I Sistemi Efficienti di Utenza (SEU)

La deliberazione 578/2013/R/eel I Sistemi Efficienti di Utenza (SEU) Energia Media Dalla diagnosi energetica alla riduzione dei costi energetici nell industria La deliberazione 578/2013/R/eel I Sistemi Efficienti di Utenza (SEU) Ing. Alessandro Arena Direzione Mercati Unità

Dettagli

Direttiva per la tutela dei clienti finali di energia elettrica interessati da interruzioni prolungate o estese

Direttiva per la tutela dei clienti finali di energia elettrica interessati da interruzioni prolungate o estese Direttiva per la tutela dei clienti finali di energia elettrica interessati da interruzioni prolungate o estese Articolo 1 Definizioni e modalità di registrazione 1.1 Ai fini del presente provvedimento

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Definizione delle modalità per il ritiro, da parte del Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. - GSE, dell energia elettrica immessa in

Dettagli

L efficienza energetica. Intervento del Dott. Giustino Vicepresidente Gruppo Piccola Industria Unione degli Industriali di Napoli

L efficienza energetica. Intervento del Dott. Giustino Vicepresidente Gruppo Piccola Industria Unione degli Industriali di Napoli L efficienza energetica Intervento del Dott. Giustino Vicepresidente Gruppo Piccola Industria Unione degli Industriali di Napoli Il punto di vista delle imprese I temi Quantità di energia consumata Qualità

Dettagli

Dati identificativi del cliente (nome/ragione sociale, partita IVA/codice fiscale, indirizzo di fatturazione ecc.)

Dati identificativi del cliente (nome/ragione sociale, partita IVA/codice fiscale, indirizzo di fatturazione ecc.) GLOSSARIO DELLA BOLLETTA PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA Bolletta sintetica La bolletta sintetica è il documento di fatturazione, valido ai fini fiscali, che viene reso disponibile periodicamente

Dettagli

ALLEGATO A - GLOSSARIO PER LA BOLLETTA DELLA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA

ALLEGATO A - GLOSSARIO PER LA BOLLETTA DELLA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA GLOSSARIO DELLA BOLLETTA PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA Bolletta sintetica La bolletta sintetica è il documento di fatturazione, valido ai fini fiscali, che viene reso disponibile periodicamente

Dettagli

INFORMATIVA 01/2010. La disciplina dello scambio sul posto

INFORMATIVA 01/2010. La disciplina dello scambio sul posto INFORMATIVA 01/2010 La disciplina dello scambio sul posto Realizzato da: TIS Area Energia & Ambiente Data: Bolzano, 01/04/2010 TIS AREA ENERGIA & AMBIENTE 2 Indice 1 La disciplina dello scambio sul posto...

Dettagli

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI 1 QUADRO NORMATIVO PER LE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE GESTITE DA ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A. 1.1 INTRODUZIONE Nel presente capitolo verrà illustrato per grandi linee il quadro normativo Italiano che

Dettagli

Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 3 giugno 2008 - ARG/elt 74/08 Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

Guida rapida al contatore elettronico trifase

Guida rapida al contatore elettronico trifase Guida rapida al contatore elettronico trifase Il contatore elettronico trifase è uno strumento semplice e vantaggioso che oltre a misurare il consumo di energia, permette di essere letto e gestito a distanza.

Dettagli

il mini eolico quanto costa e quanto rende

il mini eolico quanto costa e quanto rende il mini eolico quanto costa e quanto rende quanto costa e quanto rende Il costo di un sistema mini eolico installato chiavi in mano (IVA esclusa) per taglie comprese fra 5 kw e 20 kw è compreso fra 3.000

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 614/2013/R/EFR AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI CHE ACCEDONO ALLO

Dettagli

Sistemi fotovoltaici

Sistemi fotovoltaici Sistemi fotovoltaici e connessione in rete Roberto Caldon Università degli Studi di Padova Contrastanti esigenze della GD e della rete Da parte dei Produttori: Poter collegare senza formalità aggiuntive

Dettagli

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte - Pubblicato il: 26/07/2004 Aggiornato al: 26/07/2004 di Gianluigi Saveri Protezione dalle sovracorrenti, sezionamento per esecuzione

Dettagli

GLOSSARIO della bolletta per la fornitura di ENERGIA ELETTRICA

GLOSSARIO della bolletta per la fornitura di ENERGIA ELETTRICA GLOSSARIO della bolletta per la fornitura di ENERGIA ELETTRICA Bolletta SINTETICA La bolletta sintetica è il documento di fatturazione, valido ai fini fiscali, che viene reso disponibile periodicamente

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 15 a. Sistemi trifase

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 15 a. Sistemi trifase rincipi di ingegneria elettrica Lezione 15 a Sistemi trifase Teorema di Boucherot La potenza attiva assorbita da un bipolo è uguale alla somma aritmetica delle potenze attive assorbite dagli elementi che

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI Conto Energia

IMPIANTI FOTOVOLTAICI Conto Energia IMPIANTI FOTOVOLTAICI Conto Energia Bergamo 8 novembre 2007 INCENTIVI E LA CONNESSIONE ALLA RETE a cura di Raul Ruggeri ARGOMENTI FORMA DI INCENTIVAZIONE CONNESSIONE ALLA RETE RICONOSCIMENTO INCENTIVO

Dettagli

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pagina 1 di 13 Documenti collegati Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data

Dettagli

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com y e Lo scambio sul posto Guida per capire ire co cos è, come funziona e come viene calcolato. 1 Lo scambio sul posto fotovoltaico. Per capire cosa è e come funziona, lo scambio sul posto è necessario capire

Dettagli

SISTEMI DI ACCUMULO Soluzioni per l autoconsumo Residential Energy Storage Systems (RESS)

SISTEMI DI ACCUMULO Soluzioni per l autoconsumo Residential Energy Storage Systems (RESS) SISTEMI DI ACCUMULO Soluzioni per l autoconsumo Residential Energy Storage Systems (RESS) Presentata da: Ing. Alan Sabia Cesena Venerdì 04 Aprile 2014 NUOVO SCENARIO FOTOVOLTAICO 6/7/13 - Fine Tariffe

Dettagli