Regolamento d uso del Marchio Distretto Turistico Cefalù-Madonie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento d uso del Marchio Distretto Turistico Cefalù-Madonie"

Transcript

1 Regolamento d uso del Marchio Distretto Turistico Cefalù-Madonie

2 Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento definisce le modalità di richiesta d uso, di concessione, di mantenimento e le condizioni d impiego del Marchio Collettivo, il cui segno grafico è il seguente: Titolare del Marchio è il Distretto Turistico. Le finalità che il Marchio si propone sono le seguenti: Garantire la qualità del servizio turistico offerto; Garantire un uso efficiente delle risorse, favorendo il passaggio a un economia a basse emissioni di carbonio, incrementando l uso delle fonti energetiche rinnovabili, modernizzando il sistema dei trasporti e promuovendo l efficienza energetica; Contrassegnare la tipicità, la genuinità e la bontà dei prodotti e dei servizi offerti all'interno del Distretto; Fungere da incentivo all imprenditoria locale a produrre beni e servizi con tecniche e modalità compatibili con il rispetto delle tradizioni e con i principi di sostenibilità ambientale. Art. 2 Concessione di utilizzo del marchio Il Marchio può essere concesso ai prodotti e ai servizi turistici conformi alle disposizioni comunitarie in materia di sanità, sicurezza ed ambiente. Possono essere contrassegnati con il Marchio i servizi turistici che: a) rispettano la normativa vigente in materia di turismo (leggi regionali e nazionali); b) applicano processi di caratterizzazione dell'accoglienza (informazione, presentazione dell'offerta e dei prodotti locali); c) applicano processi di caratterizzazione della ristorazione (impiego di prodotti locali ed elaborazione di menù dedicati); d) adottano misure di risparmio energetico e tutela ambientale; e) promuovono la formazione continua e l aggiornamento professionale dei propri collaboratori; f) rispettano le politiche commerciali coordinate del Distretto Turistico Pagina 2 di 7

3 Possono essere altresì contrassegnati con il Marchio i prodotti: g) agroalimentari classificati e riconosciuti come Prodotti Agroalimentari Tradizionali (ai sensi del decreto del Ministero italiano delle politiche a- gricole ed agroindustriali del 18 luglio 2000); - che rispettano i requisiti stabiliti dal manuale HACCP (Hazard Analysis Critical Control Points Sistema di autocontrollo delle fasi di produzione degli alimenti); - che sono privi di organismi o materie prime geneticamente modificate; - le cui metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura risultino consolidate nel tempo e/o risultano iscritti nel R.E.I. ( Registro delle eredità immateriali); h) artigianali tradizionali che esprimono tradizione, storia e culture locali e che sono realizzati e/o prodotti con materiali di origine naturale e/o riciclati. L'uso del Marchio è attribuito al licenziatario per il periodo di a decorrere dalla data di concessione dello stesso, e viene rinnovato automaticamente a condizione che il licenziatario mantenga i requisiti previsti dal Disciplinare di ciascun prodotto e servizio. A tal fine il Distretto Turistico ha facoltà di verificare in qualsiasi momento che il licenziatario sia in regola con tutte le norme previste dalle Leggi che disciplinano l'esercizio delle attività professionali, imprenditoriali, commerciali o socioculturali. Atteso che da alcuni anni, su parte del territorio interessato dal Distretto Turistico, è attivo il marchio Paniere Natura promosso e curato dall Ente Parco delle Madonie e considerate le ampie convergenze ed affinità esistenti fra il predetto marchio e quello del Distretto, alle aziende che hanno già ottenuto la concessione del marchio Paniere Natura, viene automaticamente concesso l uso del marchio del Distretto Turistico. Art. 3 Licenziatari L uso del Marchio può essere concesso alle imprese che operano all interno del territorio ricompreso nel Distretto Turistico nei campi: a) della ricettività turistica ( sia alberghiera che extralberghiera) e dei servizi correlati; b) dei servizi di trasporto, accoglienza, promozione ed informazione; c) nella filiera agro-alimentare e/o artigianale. Art. 4 - Regole generali per l'impiego del Marchio A decorrere dalla data chiunque intenda utilizzare per propri prodotti o servizi turistici il Marchio dovrà presentare apposita richie- Pagina 3 di 7

4 sta scritta al Distretto Turistico, specificando il tipo d uso, la destinazione e le modalità di utilizzo che intende attuare. Al momento della domanda, il richiedente: - s impegna a rispettare le regole contenute nel presente regolamento; - allega alla domanda tutta la documentazione richiesta, al fine di dimostrare la facoltà d accesso all uso del Marchio. Art. 5 Istruttoria per la concessione della licenza d uso del Marchio Il Comitato Tecnico, istituito presso il Distretto Turistico, ha il compito di ricevere le domande e verificare la completezza della documentazione a corredo, richiedendo eventuale opportuna integrazione. L'ordine di istruttoria utilizzato dal Comitato è quello cronologico relativo ai tempi di arrivo delle domande. A tal fine viene istituito un "Registro delle richieste di assegnazione del Marchio", nel quale vengono registrate in ordine cronologico di arrivo, tutte le domande pervenute, con i dati necessari. Ad ogni domanda viene attribuito un numero progressivo univoco. Art. 6 Verifiche ispettive Il Comitato Tecnico, predispone il programma della verifica ispettiva, concordando con il richiedente la data ed i tempi di effettuazione della stessa. Scopo della verifica ispettiva è quello di accertare, direttamente sui luoghi di produzione o di realizzazione del servizio turistico, il soddisfacimento da parte del richiedente di tutti i requisiti espressamente previsti dal presente Regolamento. La verifica ispettiva viene effettuata da personale opportunamente qualificato. Precedentemente all'effettuazione della verifica ispettiva, il Comitato Tecnico comunica per iscritto al richiedente il programma, la data, i tempi ed il luogo di effettuazione, le persone da contattare. Gli argomenti oggetto di valutazione durante la verifica ispettiva sono i seguenti: a) ubicazione sito produttivo o sito di erogazione del servizio turistico; b) carattere tipico e tradizionale dei prodotti; c) origine delle materie prime; d) svolgimento del processo produttivo; e) modalità di erogazione del servizio; f) modalità di gestione delle attività che possono interagire con l'ambiente (smaltimenti rifiuti, emissioni in atmosfera, etc.) g) condizioni igieniche generali; Pagina 4 di 7

5 h) eventuale esistenza di un sistema di gestione per la qualità; i) eventuale esistenza di un sistema di gestione ambientale; j) rispetto di ogni altro requisito espressamente previsto dalla legge. Al termine della verifica ispettiva il Comitato Tecnico notifica al richiedente eventuali non conformità rispetto ai requisiti del presente Regolamento e del Disciplinare di prodotto o servizio, e richiede l'effettuazione di azioni correttive atte ad eliminare tali non conformità. Il personale incaricato delle verifiche redige apposito verbale, nel quale vengono riportate le non conformità eventualmente riscontrate ed un giudizio sul richiedente. In caso di assenza di non conformità il Comitato Tecnico esprime giudizio positivo. In caso di presenza di non conformità particolarmente gravi ed o- stative in relazione all'uso del Marchio, rispetto alle quali il richiedente non è in condizione di definire delle idonee ed immediate azioni correttive, il Comitato Tecnico appone giudizio negativo. Il verbale formulato dal personale incaricato, unitamente a tutta la documentazione eventualmente prodotta durante la verifica ispettiva, viene trasmessa al Comitato Tecnico. Art. 7 - Rilascio del Marchio Il Comitato Tecnico, al termine dell'iter istruttorio, presenta all organo esecutivo del Distretto Turistico una relazione sull istruttoria nella quale viene espressa la valutazione sull idoneità del richiedente e le verifiche svolte. L organo esecutivo del Distretto, pronuncia la Delibera contenente la determinazione finale. Tale determinazione può consistere in: - accoglimento e successiva concessione della licenza d uso; - rifiuto motivato della domanda, qualora non sussistessero tutti i requisiti; - richiesta di dati/informazioni/documentazione o ogni altro elemento di valutazione mancante o ulteriore. La determinazione, esaurientemente motivata, è insindacabile. Le determinazioni adottate vengono riportate sul "Registro delle richieste di assegnazione del Marchio". Art. 8 - Uso del Marchio Il Licenziatario è tenuto ad usare il Marchio solo in relazione ai prodotti ed ai servizi indicati nel provvedimento con il quale è rilasciata la licenza d uso e nel rispetto delle forme, dei colori, delle proporzioni e delle disposizioni indicate all art.1. Pagina 5 di 7

6 Il Marchio dovrà essere utilizzato in modo da evitare fraintendimenti con altre tipologie di riconoscimenti. Il Licenziatario è tenuto a non compiere alcun atto o omissione che possa danneggiare o ledere la reputazione del Distretto Turistico. Egli non può cedere l uso del Marchio a favore di terzi. Il Licenziatario è tenuto a lasciare indenne il Distretto Turistico da qualsiasi richiesta di danni o da altra pretesa di terzi nei suoi confronti, in relazione ai beni immessi sul mercato con l uso del Marchio. Il Licenziatario deve cessare l uso del Marchio senza pretesa di risarcimento danni, qualora, per qualsiasi causa, al Distretto Turistico venga meno definitivamente o temporaneamente la titolarità del Marchio. L uso del Marchio in modo e per scopi diversi da quelli previsti dal presente Regolamento, comporterà per il Licenziatario l immediata revoca della concessione all uso del Marchio. La facoltà d uso del Marchio è comunque subordinata al rispetto delle disposizioni riportate nel presente Regolamento e nei disciplinari tecnici di ciascun prodotto e servizio. A tal proposito, il Licenziatario s impegna a mantenere inalterate tutte le condizioni che hanno permesso il rilascio della concessione all uso del Marchio. Il Licenziatario s impegna a comunicare tempestivamente per iscritto al Distretto Turistico ogni variazione dei dati/informazioni inizialmente comunicati e/o eventuali situazioni che possano pregiudicare la sua conformità ai requisiti stabiliti nel presente Regolamento e/o nei Disciplinari. Articolo 9 - Sanzioni Nel caso di un utilizzo non autorizzato del Marchio, il Comitato Tecnico adotta provvedimenti che possono consistere: a) nell invito ad eliminare entro un tempo determinato le cause che originano l inadempienza; b) nella diffida a sospendere nei tempi stabiliti l immissione sul mercato dei prodotti e servizi cui si riferisce l inadempienza, fino alla rimozione delle cause che l hanno originata; c) in caso di inosservanza della diffida di cui alla lettera b), nella revoca della licenza d uso del Marchio, fatte salve le eventuali azioni legali per la tutela del Marchio stesso. Le sanzioni, con la motivazione della loro applicazione, sono comunicate dal Distretto Turistico attraverso lettera raccomandata e/o P.E.C.. Articolo 10 - Revoca della licenza e decadenza del diritto d uso La licenza d uso può essere revocata dal Comitato Tecnico: a) nel caso previsto dall articolo 9 (sanzioni), comma 1, punto c); Pagina 6 di 7

7 b) quando il licenziatario non consente l esecuzione dei controlli da parte del Comitato Tecnico; c) per il mancato versamento dei diritti di licenza d uso del marchio, se previsti. I soggetti cui è revocata la licenza d uso o che hanno rinunciato alla stessa devono: - cessare l uso del Marchio; - eliminare il Marchio da imballi, carta intestata, documentazione tecnica, materiale pubblicitario di qualsiasi genere, etc.. Articolo 11 Reclami e Controversie Il Distretto Turistico non è responsabile nei confronti del licenziatario per: - nullità, invalidità, inefficacia del Marchio; - violazione degli eventuali diritti di terzi connessi all uso del Marchio. Per qualsiasi controversia è competente il foro di Termini Imerese. Pagina 7 di 7

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL USO E PER L USO DEL MARCHIO L AQUILA MADE IN. ARTICOLO 1 Finalità e principi fondamentali

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL USO E PER L USO DEL MARCHIO L AQUILA MADE IN. ARTICOLO 1 Finalità e principi fondamentali CAPITOLO I Finalità REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL USO E PER L USO DEL MARCHIO L AQUILA MADE IN ARTICOLO 1 Finalità e principi fondamentali 1. Il marchio è costituito dalla scritta L Aquila Made in e dal

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Sommario Art. 1 Titolarità, denominazione ed uso del marchio Art. 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DEL MARCHIO MADE IN PROVINCIA DI BRESCIA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DEL MARCHIO MADE IN PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DEL MARCHIO MADE IN PROVINCIA DI BRESCIA Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 20 RV del 30 maggio 2011 1 - EPIGRAFE - Premessa Art. 1 - Istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento Comune di Castro Provincia di Lecce REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.45 del 30.10.2013) Sommario Art. 1 Titolarità, denominazione

Dettagli

Regolamento d uso del Marchio Collettivo. Pietra ollare della Valtellina e Valchiavenna

Regolamento d uso del Marchio Collettivo. Pietra ollare della Valtellina e Valchiavenna Allegato sub 2) alla deliberazione n.37 del 2.04.2012 Regolamento d uso del Marchio Collettivo Pietra ollare della Valtellina e Valchiavenna Art. 1 Definizioni Operatore: artigiano singolo o associato

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO. Le Radici del Vino

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO. Le Radici del Vino COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO Le Radici del Vino Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.88 del 08/10/2014 e modificato

Dettagli

Disciplinare specifico del marchio Terre di Siena Carbon Free 2015 per la riduzione delle emissioni climalteranti

Disciplinare specifico del marchio Terre di Siena Carbon Free 2015 per la riduzione delle emissioni climalteranti Carbon free disciplicare marchio.doc Pagina 1 di 8 Disciplinare specifico del marchio Terre di Siena Carbon Free 2015 per la riduzione delle emissioni climalteranti Indice ART. 1. PREMESSA ART. 2. CHI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITA AGRO-ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI ISTITUZIONE DELLA DE.CO. (Denominazione Comunale)

REGOLAMENTO PER LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITA AGRO-ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI ISTITUZIONE DELLA DE.CO. (Denominazione Comunale) REGOLAMENTO PER LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITA AGRO-ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI ISTITUZIONE DELLA DE.CO. (Denominazione Comunale) ARTICOLO 1 Istituzione del Marchio Il Comune di Zibello

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO GREEN HEART QUALITY

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO GREEN HEART QUALITY REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO REVISIONE DESCRIZIONE MODIFICHE 0 Prima emissione 1 Revisione del 18/03/2013 1 1 Oggetto della Revisione: Integrazione all art. 5: ammessa la consegna a mano della domanda

Dettagli

REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO

REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO CAP. 1 - GENERALITA 1.1 - GENERALITÀ ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEGLI OLI MONOVARIETALI Depositario del presente Regolamento d Uso del Marchio, di seguito definito Regolamento,

Dettagli

CARTA D'USO DEL MARCHIO REGIONALE

CARTA D'USO DEL MARCHIO REGIONALE REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE DEGLI INTERVENTI STRUTTURALI PER L'AGRICOLTURA CARTA D'USO DEL MARCHIO REGIONALE Premessa L

Dettagli

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO PRODOTTO DEL BALDO

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO PRODOTTO DEL BALDO Villa Nichesola Loc. Platano 6, 37013 Caprino Veronese (Verona) Tel. 045/6230877 878 Fax 045/6230873 Email: baldo@comunitamontanabaldo.vr.it Internet: www.comunitamontanabaldo.vr.it DISCIPLINARE PER L

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ AGRO-ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI. ISTITUZIONE DELLA DE.CO. DENOMINAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ AGRO-ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI. ISTITUZIONE DELLA DE.CO. DENOMINAZIONE COMUNALE COMUNE DI BARBARIGA Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ AGRO-ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI. ISTITUZIONE DELLA DE.CO. DENOMINAZIONE COMUNALE Allegato alla deliberazione

Dettagli

RURALITÀ MEDITERRANEA

RURALITÀ MEDITERRANEA RURALITÀ MEDITERRANEA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Marchio Collettivo di Qualità delle imprese dei territori rurali del Mediterraneo GENERALITA ARTICOLO 1. Il Regolamento d uso definisce le condizioni

Dettagli

Regolamento d uso del Marchio Collettivo. Prosciutto Fiocco di Valtellina. Art.1 Oggetto del regolamento

Regolamento d uso del Marchio Collettivo. Prosciutto Fiocco di Valtellina. Art.1 Oggetto del regolamento Regolamento d uso del Marchio Collettivo Prosciutto Fiocco di Valtellina Art.1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento definisce le condizioni e le modalità per il rilascio del marchio Prosciutto

Dettagli

MARCHIO COLLETTIVO madeincolours REGOLAMENTO D USO

MARCHIO COLLETTIVO madeincolours REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO madeincolours REGOLAMENTO D USO Articolo 1 - Titolarità e finalità del marchio 1. MADEINCOLOURS srl è titolare del marchio collettivo denominato madeincolours (il MARCHIO). 2. Mediante

Dettagli

Provincia di Taranto REGOLAMENTO D USO PER LA CONCESSIONE DEL MARCHIO

Provincia di Taranto REGOLAMENTO D USO PER LA CONCESSIONE DEL MARCHIO Provincia di Taranto REGOLAMENTO D USO PER LA CONCESSIONE DEL MARCHIO Indice del regolamento d uso ARTICOLO 1, Istituzione del Marchio - Finalità ed obiettivi... pagina 2 ARTICOLO 2, Prodotti e servizi

Dettagli

Regolamento del sistema di garanzia

Regolamento del sistema di garanzia REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio

Dettagli

Regolamento del Marchio di Qualità del Parco naturale delle Prealpi Giulie

Regolamento del Marchio di Qualità del Parco naturale delle Prealpi Giulie DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DELLE PREALPI GIULIE Art. 1 Uso e concessione del Marchio di Qualità Il presente Regolamento disciplina l uso e la concessione a terzi del Marchio di Qualità (di

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DI MARCHIO COLLETTIVO

REGOLAMENTO D USO DI MARCHIO COLLETTIVO REGOLAMENTO D USO DI MARCHIO COLLETTIVO PREMESSE I. Il Consorzio Conciatori della Provincia di Vicenza con sede in Via Giuriolo, 5, Arzignano (VI) (a far data dal 12/11/2014 Distretto Conciario Vicentino,

Dettagli

Regolamento del marchio collettivo. Lodigiano Terra Buona Emissione n. 01 del 23.02.2004. Indice ART. 1. PREMESSA 2

Regolamento del marchio collettivo. Lodigiano Terra Buona Emissione n. 01 del 23.02.2004. Indice ART. 1. PREMESSA 2 Regolamento del marchio collettivo Lodigiano Terra Buona Emissione n. 01 del 23.02.2004 Indice ART. 1. PREMESSA 2 ART. 2. CHI PUÒ ADERIRE AL MARCHIO LODIGIANO TERRA BUONA 3 ART. 3. RICHIESTA DI ADESIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale,

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA Articolo 1 La Regione Campania istituisce e gestisce il marchio collettivo di qualità denominato Sapore di Campania, con le seguenti finalità:

Dettagli

REGOLAMENTO D USO E DISCIPLINARE DEL MARCHIO COLLETTIVO DI QUALITA IL PARCO DELLE MADONIE E IL SUO PANIERE DI PRODOTTI: SIMBOLO DI QUALITÀ

REGOLAMENTO D USO E DISCIPLINARE DEL MARCHIO COLLETTIVO DI QUALITA IL PARCO DELLE MADONIE E IL SUO PANIERE DI PRODOTTI: SIMBOLO DI QUALITÀ P.O.R. SICILIA 2000-2006 ASSE IV MISURA 4.13 B SOSTEGNO ALLA CREAZIONE, AL RICONOSCIMENTO COMUNITARIO AL CONTROLLO DI PRODOTTI REGIONALI DI QUALITÀ IL PARCO DELLE MADONIE E IL SUO PANIERE DI PRODOTTI:

Dettagli

Regolamento professionale di APAFORM. Associazione Professionale ASFOR dei Formatori di Management

Regolamento professionale di APAFORM. Associazione Professionale ASFOR dei Formatori di Management Regolamento professionale di APAFORM Associazione Professionale ASFOR dei Formatori di Management Indice. art. 1 - Scopo e campo di applicazione... 1. art. 2 - Struttura organizzativa... 2. art. 3 Definizioni...

Dettagli

REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO GEOGRAFICO GENOVA GOURMET

REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO GEOGRAFICO GENOVA GOURMET REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO GEOGRAFICO GENOVA GOURMET Art. 1 Definizioni CCIAA: Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Genova, titolare del marchio; Elenco dei piatti e vini

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEL LOGO E DEI MARCHI DI PROPRIETÁ DELL'ASSOCIAZIONE EUROPEA DELLE VIE FRANCIGENE

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEL LOGO E DEI MARCHI DI PROPRIETÁ DELL'ASSOCIAZIONE EUROPEA DELLE VIE FRANCIGENE REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEL LOGO E DEI MARCHI DI PROPRIETÁ DELL'ASSOCIAZIONE EUROPEA DELLE VIE FRANCIGENE Articolo 1. FINALITÀ E TITOLARITÀ DEL LOGO E DEL MARCHIO VIA FRANCIGENA 1.1. L Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO D'USO DEL MARCHIO COLLETTIVO "QUALITÀ TRENTINO" Articolo 1 Oggetto

REGOLAMENTO D'USO DEL MARCHIO COLLETTIVO QUALITÀ TRENTINO Articolo 1 Oggetto 1 REGOLAMENTO D'USO DEL MARCHIO COLLETTIVO "QUALITÀ TRENTINO" Articolo 1 Oggetto 1.1 Il presente regolamento definisce le condizioni generali per la concessione dell uso del marchio collettivo denominato

Dettagli

Partenariato Sarcidano Barbagia di Seulo. Esempio di un Marchio Territoriale GAL Rurale di Qualità. LAORE SARDEGNA Ivo Porcu e Francesco Carta

Partenariato Sarcidano Barbagia di Seulo. Esempio di un Marchio Territoriale GAL Rurale di Qualità. LAORE SARDEGNA Ivo Porcu e Francesco Carta Partenariato Sarcidano Barbagia di Seulo Esempio di un Marchio Territoriale GAL Rurale di Qualità Obiettivi di un Marchio Territoriale Con il marchio collettivo GRQ (GAL Rurale di Qualità) Sarcidano Barbagia

Dettagli

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 52 del 29/09/2008

Dettagli

COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA IMPRENDITORIALI COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA IMPRENDITORIALI Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina la concessione di agevolazioni

Dettagli

Disciplinare Rete del Gusto ART.8 OBBLIGHI SPECIFICI PER LE SINGOLE CATEGORIE DI SOGGETTI ADERENTI

Disciplinare Rete del Gusto ART.8 OBBLIGHI SPECIFICI PER LE SINGOLE CATEGORIE DI SOGGETTI ADERENTI INDICE ART.1 OGGETTO ART.2 - DEFINIZIONI ART.3 SOGGETTI PROMOTORI E FINALITA ART.4 GESTIONE ART.5 MARCHIO ART.6 REQUISITI PER L ADESIONE ART.7 OBBLIGHI PER TUTTE LE IMPRESE ADERENTI ALLA RETE ART.8 OBBLIGHI

Dettagli

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO DELLE PREALPI GIULIE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio di Qualità

Dettagli

Regolamento. Marchio di Qualità ambientale

Regolamento. Marchio di Qualità ambientale Regolamento Marchio di Qualità ambientale PREMESSA Il progetto "Isole Amiche del Clima" ha l'obiettivo di valorizzare tutti gli enti (pubblici, privati) e le imprese che operano nel territorio maddalenino,

Dettagli

Città di Alghero IL MERCATO DEGLI AGRICOLTORI

Città di Alghero IL MERCATO DEGLI AGRICOLTORI Città di Alghero Provincia di Sassari IL MERCATO DEGLI AGRICOLTORI Farmer market nel Comune di Alghero Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 20/2009 REGOLAMENTO D'USO DEL CIRCUITO 1 SOMMARIO

Dettagli

Regolamento per il rilascio del marchio QI La qualità delle Agenzie di Viaggio Istituito da A.I.A.V. ai sensi dell art. 81 D.Lgs.

Regolamento per il rilascio del marchio QI La qualità delle Agenzie di Viaggio Istituito da A.I.A.V. ai sensi dell art. 81 D.Lgs. Regolamento per il rilascio del marchio QI La qualità delle Agenzie di Viaggio Istituito da A.I.A.V. ai sensi dell art. 81 D.Lgs. 59/2010 1. Finalità 1.1 QI La qualità delle Agenzie di Viaggio è un marchio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

ENTE PARCO REGIONALE STORICO AGRICOLO DELL OLIVO DI VENAFRO REGOLAMENTO D USO PER LA CONCESSIONE DEL MARCHIO COLLETTIVO

ENTE PARCO REGIONALE STORICO AGRICOLO DELL OLIVO DI VENAFRO REGOLAMENTO D USO PER LA CONCESSIONE DEL MARCHIO COLLETTIVO ENTE PARCO REGIONALE STORICO AGRICOLO DELL OLIVO DI VENAFRO REGOLAMENTO D USO PER LA CONCESSIONE DEL MARCHIO COLLETTIVO (Allegato n. 1 della Delibera del Consiglio Direttivo n. 7 del 15.06.201) 2 ENTE

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL MARCHIO COLLETTIVO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL MARCHIO COLLETTIVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL MARCHIO COLLETTIVO Art. 1 - ISTITUZIONE DEL MARCHIO Il presente Regolamento gestisce l uso del marchio collettivo denominato SUINO NERO PARMA istituito dalla Camera di Commercio

Dettagli

I AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO

I AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO 1 1 LEGGE REGIONALE 12 ottobre 1998, n. 34 #LR-ER-1998-34# NORME IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE IN ATTUAZIONE DEL D.P.R. 14 GENNAIO 1997, NONCHE'

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

COMUNE DI GUIDIZZO LO

COMUNE DI GUIDIZZO LO COMUNE DI GUIDIZZO LO (Provincia di Mantova) REGOLAMENTO COMUNALE per LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ AGRO-ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI. ISTITUZIONE DELLA De.Co. (Denominazione comunale) Approvato con

Dettagli

Definizioni. Verbale di controllo ispettivo. Modalità e termini per la gestione delle non conformità

Definizioni. Verbale di controllo ispettivo. Modalità e termini per la gestione delle non conformità Decreto Dipartimentale 26 settembre 2014 n. 18096 (pubblicazione sul sito internet del MiPAAF).- Individuazione dei tempi e delle modalità di gestione dei provvedimenti adottati dagli Organismi di controllo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI

REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI Comune di MONSERRATO Comunu de PAULI Regolamento allegato alla deliberazione C.C. n. 3 del 13.3.2014 REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI In favore delle

Dettagli

Art. 1 Oggetto e finalità

Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO del, n. Regolamento di attuazione della legge regionale 8 agosto 2014, n. 20 Riconoscimento e costituzione dei distretti rurali, dei distretti agroalimentari di qualità e dei distretti di filiera

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza Regolamento per la concessione in uso di beni mobili comunali Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 23 del 21.05.2003 Integrato con deliberazione

Dettagli

Città di Castiglione delle Stiviere

Città di Castiglione delle Stiviere Città di Castiglione delle Stiviere Provincia di Mantova REGOLAMENTO COMUNALE per LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ AGRO-ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI. ISTITUZIONE DELLA DE.C.O. (Denominazione comunale

Dettagli

PER LA CONCESSIONE DEGLI INCENTIVI

PER LA CONCESSIONE DEGLI INCENTIVI MCC REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEGLI INCENTIVI AREA SERVIZI PER LO SVILUPPO Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 51 del 29/09/2008

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUZIONE ED UTILIZZO DEL MARCHIO DI FORNITORE DI QUALITA AMBIENTALE DEL PARCO REGIONALE ALTO APPENNINO MODENESE (PARCO DEL FRIGNANO).

REGOLAMENTO ISTITUZIONE ED UTILIZZO DEL MARCHIO DI FORNITORE DI QUALITA AMBIENTALE DEL PARCO REGIONALE ALTO APPENNINO MODENESE (PARCO DEL FRIGNANO). REGOLAMENTO ISTITUZIONE ED UTILIZZO DEL MARCHIO DI FORNITORE DI QUALITA AMBIENTALE DEL PARCO REGIONALE ALTO APPENNINO MODENESE (PARCO DEL FRIGNANO). Articolo 1 (Denominazione ed emblema) 1. Il Consorzio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI E/O NATURALI LOCALI CON ISTITUZIONE DEL REGISTRO DE.CO.

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI E/O NATURALI LOCALI CON ISTITUZIONE DEL REGISTRO DE.CO. À TESTO EMENDATO REGOLAMENTO COMUNALE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI E/O NATURALI LOCALI CON ISTITUZIONE DEL REGISTRO DE.CO. (DENOMINAZIONE COMUNALE DI ORIGINE) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 23 DEL

Dettagli

PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI

PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI Allegato B PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI 1. FINALITA Il presente documento definisce, ai sensi degli articoli 8 bis e 8 quater, del decreto legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA E VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TIPICI LOCALI E PER L ISTITUZIONE DELLA De.C.O. - DENOMINAZIONE COMUNALE DI ORIGINE -

REGOLAMENTO PER LA TUTELA E VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TIPICI LOCALI E PER L ISTITUZIONE DELLA De.C.O. - DENOMINAZIONE COMUNALE DI ORIGINE - REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER LA TUTELA E VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TIPICI LOCALI E PER L ISTITUZIONE DELLA De.C.O. - DENOMINAZIONE COMUNALE DI ORIGINE - Approvato con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO QUALITA GARANTITA DALLA REGIONE SARDEGNA

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO QUALITA GARANTITA DALLA REGIONE SARDEGNA Allegato alla Delib.G.R. n. 10/16 del 17.3.2015 REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO QUALITA GARANTITA DALLA REGIONE SARDEGNA 1/9 Riferimenti normativi Il presente regolamento è stato elaborato sulla

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DEL PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA

REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DEL PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DEL PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA SECONDA BOZZA Premessa Il presente regolamento stabilisce le regole per la concessione, il mantenimento e il rinnovo del

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI TITOLO I CRITERI GENERALI ART. 1 PRINCIPI 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SAGRA DEI PRODOTTI TIPICI LOCALI

REGOLAMENTO PER LA SAGRA DEI PRODOTTI TIPICI LOCALI Comune di CUSANO MUTRI Provincia di Benevento REGOLAMENTO PER LA SAGRA DEI PRODOTTI TIPICI LOCALI 1 Art. 1 Il Comune di Cusano Mutri in collaborazione con la Pro Loco Cusanese organizza, annualmente, nel

Dettagli

ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE 14/03/2013 N. 33

ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE 14/03/2013 N. 33 BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEL MARCHIO COLLETTIVO DENOMINATO: FORNITORE DI QUALITA AMBIENTALE PER UN AGRICOLTURA SOSTENIBILE (uno o tre simboli in funzione dei servizi forniti in termini

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. n 5442 Decreto Ministeriale recante la procedura a livello nazionale per la registrazione delle DOP e IGP ai sensi del Regolamento (CE) n. 510/2006. Visto il regolamento (CE) n. 510/2006 del Consiglio

Dettagli

CITTA DI CASTELFRANCO VENETO

CITTA DI CASTELFRANCO VENETO Allegato alla deliberazione della G.C. n. 327 del 12/12/2013 BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ENERGETICO E ALLA TUTELA DELL ATMOSFERA

Dettagli

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Città di Lecce Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 72 del 7 settembre 2009 PRINCIPI GENERALI Art. 1. FINALITA

Dettagli

(approvato con delib. del C.C. n. del )

(approvato con delib. del C.C. n. del ) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER LO SMALTIMENTO DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO PRESSO IMMOBILI AD USO CIVILE ABITAZIONE E RELATIVE PERTINENZE (approvato con delib. del

Dettagli

Circuito turistico integrato

Circuito turistico integrato ospiti di valore Circuito turistico integrato Terre di Siena Ospiti di Valore Codice di comportamento Art. 1 - Valori delle Terre di Siena Lo sviluppo economico delle Terre di Siena dipende dalla capacità

Dettagli

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del fondo speciale destinato alla creazione di nuova occupazione e di nuove imprese.

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del fondo speciale destinato alla creazione di nuova occupazione e di nuove imprese. COMUNE DI LORENZANA Provincia di Pisa Via Antonio Gramsci, 27 - C.A.P. 56043 - P. IVA: 00388480501 - Tel. 050 662622 - Fax 050 662881 www.comune.lorenzana.pi.it Regolamento Comunale per l istituzione e

Dettagli

DENUNCIA NOMINATIVA DEI LAVORATORI OCCUPATI

DENUNCIA NOMINATIVA DEI LAVORATORI OCCUPATI Regolamento Cassa Edile Macerata di cui all art 7 dello Statuto del 02.03.2012, approvato dal Comitato di Gestione n 346 del 5 novembre 2014. (In rosso le modifiche apportate) ARTICOLO 1 DENUNCIA NOMINATIVA

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 24-07-2007 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 24-07-2007 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 24-07-2007 REGIONE PUGLIA Abolizione del libretto di idoneità sanitaria per gli alimentaristi e formazione del personale alimentarista Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE

Dettagli

Indice. Oggetto e natura giuridica della frequenza volontaria... pag.3. Art. 2 Requisiti per l ammissione alla frequenza volontaria... pag.

Indice. Oggetto e natura giuridica della frequenza volontaria... pag.3. Art. 2 Requisiti per l ammissione alla frequenza volontaria... pag. frequenze volontarie presso le strutture aziendali Revisione n. 3 1 Indice Art. 1 Oggetto e natura giuridica della frequenza volontaria.... pag.3 Art. 2 Requisiti per l ammissione alla frequenza volontaria....

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano Regolamento comunale per la disciplina del mercato per la vendita diretta dei prodotti agricoli. Approvato con delibera C.C. n 06 del 28.01.2011 (allegato

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DI SPAZI SOSTA PERSONALIZZATI AI DIVERSAMENTE ABILI INDICE

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DI SPAZI SOSTA PERSONALIZZATI AI DIVERSAMENTE ABILI INDICE REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DI SPAZI SOSTA PERSONALIZZATI AI DIVERSAMENTE ABILI INDICE - Art.1 OggettO del regolamento - Art.2 Fonti normative - Art.3 ConCessionari - Art.4 IstruttorIa: competenze -

Dettagli

Il marchio collettivo

Il marchio collettivo Il marchio collettivo Natura e definizione Il marchio collettivo è un segno distintivo che svolge principalmente la funzione di garantire particolari caratteristiche qualitative di prodotti e servizi di

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO RECANTE DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO (deliberazione n. 578 del 5.10.2009)

REGOLAMENTO INTERNO RECANTE DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO (deliberazione n. 578 del 5.10.2009) REGOLAMENTO INTERNO RECANTE DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO (deliberazione n. 578 del 5.10.2009) ART. 1 Istituzione borse di studio - Definizione L'Azienda, a seguito di donazioni o di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE All. A C.C. n. 30 del 08.08.2013 COMUNE DI DOLIANOVA PROVINCIA DI CAGLIARI SETTORE SERVIZI ALLA COMUNITA REGOLAMENTO COMUNALE INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI - A BENEFICIO DELLE ATTIVITA

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO A TUTELA DELLA TORTA DI FICHI DI ALBAROLA. Art. 1 Oggetto e scopo del Regolamento

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO A TUTELA DELLA TORTA DI FICHI DI ALBAROLA. Art. 1 Oggetto e scopo del Regolamento REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO A TUTELA DELLA TORTA DI FICHI DI ALBAROLA Art. 1 Oggetto e scopo del Regolamento Il presente Regolamento definisce le condizioni e le modalità per la concessione

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento, in ottemperanza agli obblighi derivanti dalla legge 14.12.1963 n. 161

Dettagli

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 16

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INCENTIVAZIONE DEI NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI DI ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER L INCENTIVAZIONE DEI NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI DI ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER L INCENTIVAZIONE DEI NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI DI ATTIVITA IMPRENDITORIALI POIC (Progetti Operativi di Imprenditorialità Comunale) Approvato con Deliberazione di C.C. n. 49 del 31.07.2013

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

COMUNE DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO

COMUNE DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO 1 COMUNE DI REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI PRESSO LA CASA DELLE ASSOCIAZIONI Via Buonarroti APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 95 DEL 18/12/2014 1 2 Indice TITOLO I Principi

Dettagli

Schema di CONVENZIONE

Schema di CONVENZIONE Schema di CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI NEMBRO E LA SOCIETA SERIO SERVIZI AMBIENTALI S.R.L. PER LA REALIZZAZIONE DEI SEGUENTI IMPIANTI FOTOVOLTAICI: - IMPIANTO FOTOVOLTAICO SULLA SCUOLA PRIMARIA DEL CENTRO;

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE Approvato dalla Direzione Generale in data 04.11.2014 INDICE Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 Articolo 2 - CONDIZIONI GENERALI... 2 Articolo

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E LE IMPRESE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO ETERNIT SUL TERRITORIO COMUNALE

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E LE IMPRESE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO ETERNIT SUL TERRITORIO COMUNALE CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E LE IMPRESE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO ETERNIT SUL TERRITORIO COMUNALE Art. 1. Oggetto 1.1 La presente convenzione ha come obiettivo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DI PIAZZALE ROMA LA PISTA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DI PIAZZALE ROMA LA PISTA Comune di Castelnuovo di Val di Cecina Provincia Di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DI PIAZZALE ROMA LA PISTA Approvato con atto di Consiglio Comunale n. 090 del 22.12.2009

Dettagli

NORME DI QUALIFICAZIONE 2013

NORME DI QUALIFICAZIONE 2013 SISTEMA DI QUALIFICAZIONE PER FORNITURE DI GAS NATURALE NORME DI QUALIFICAZIONE 2013 Premessa: Brescia Trasporti S.p.A. intende istituire un proprio sistema di qualificazione al fine di selezionare operatori

Dettagli

Condizioni Generali di Vendita

Condizioni Generali di Vendita Condizioni generali di vendita di servizi offerti da www.linkeb.it Premessa: L'offerta e la vendita di servizi sul sito web www.linkeb.it sono regolati dalle seguenti condizioni generali di vendita. I

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA. Provincia di Rimini - Corso d'augusto, 231 - Rimini

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA. Provincia di Rimini - Corso d'augusto, 231 - Rimini Progr.Num. 1329/2015 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 14 del mese di settembre dell' anno 2015 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

Comitato Ecolabel Ecoaudit Sezione Ecolabel Italia PROCEDURE OPERATIVE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEL MARCHIO ECOLABEL. Revisione 1.

Comitato Ecolabel Ecoaudit Sezione Ecolabel Italia PROCEDURE OPERATIVE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEL MARCHIO ECOLABEL. Revisione 1. Comitato Ecolabel Ecoaudit Sezione Ecolabel Italia PROCEDURE OPERATIVE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEL MARCHIO ECOLABEL Revisione 1. PROCEDURE ecolabel rev1 Premesso che : regolamento CE n. 1980/2000

Dettagli

Imprenditori nei Parchi

Imprenditori nei Parchi Imprenditori nei Parchi TESTO COORDINATATO LL.RR. 136/96, 101/97, 55/98 e 142/99 "Interventi finalizzati allo sviluppo di iniziative imprenditoriali giovanili ecompatibili nei territori dei Parchi Nazionali,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DELLE AREE VERDI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI PALAU

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DELLE AREE VERDI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI PALAU REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DELLE AREE VERDI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI PALAU (approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 22.07.2014) Comune di Palau Pagina 1 Indice ARTICOLO

Dettagli

CONTRATTO DI LICENZA D USO DI MARCHIO

CONTRATTO DI LICENZA D USO DI MARCHIO CONTRATTO DI LICENZA D USO DI MARCHIO Con il presente accordo (in seguito Contratto ) tra Il Comune di Premana, con sede Premana (LC), via.. in persona del rappresentante legale pro tempore Dr. ( in seguito

Dettagli

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina)

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI RISERVATI (Simbolo e contrassegno redatto

Dettagli

REGOLAMENTO MARCHIO COLLETTIVO

REGOLAMENTO MARCHIO COLLETTIVO REGOLAMENTO MARCHIO COLLETTIVO PROBUL-PRODOTTI BUFALINI DI LOMBARDIA Art.1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Il MARCHIO può essere utilizzato dagli allevatori di Bufala Mediterranea Italiana che producono latte, carne

Dettagli

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N.37/2007 Repertorio CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE E LE ASSOCIAZIONI ASCOM E CONFESERCENTI PER L

Dettagli

BANDO DI GARA AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA DELL ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO CALATA DARSENA - GENOVA

BANDO DI GARA AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA DELL ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO CALATA DARSENA - GENOVA BANDO DI GARA AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA DELL ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO CALATA DARSENA - GENOVA 1. Oggetto e finalità utilizzo palestra scolastica. a)

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

~ P r o v i n c i a d i P i a c e n z a ~

~ P r o v i n c i a d i P i a c e n z a ~ COMUNE DI CASTELVETRO PIACENTINO ~ P r o v i n c i a d i P i a c e n z a ~ REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITA AGRO- ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI. ISTITUZIONE DELLA DE.C.O. (DENOMINAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO D USO PER LA CONCESSIONE DEL MARCHIO COLLETTIVO PARCO DELL ADAMELLO

REGOLAMENTO D USO PER LA CONCESSIONE DEL MARCHIO COLLETTIVO PARCO DELL ADAMELLO REGOLAMENTO D USO PER LA CONCESSIONE DEL MARCHIO COLLETTIVO PARCO DELL ADAMELLO (APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DELLA COMUNITA MONTANA DI VALLE CAMONICA N 237 IN DATA 08/11/2006) SOMMARIO

Dettagli

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE Allegato alla Determinazione n. 538/18555 del 17.12.2013 Piano straordinario per lo sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima infanzia Finanziamenti ai nidi e micronidi privati, già esistenti e

Dettagli