Tribunale I grado CE, sez. III, 27 aprile 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tribunale I grado CE, sez. III, 27 aprile 2010"

Transcript

1 Nelle cause riunite T-303/06 e T-337/06, Tribunale I grado CE, sez. III, 27 aprile 2010 UniCredito Italiano SpA, con sede in Genova, rappresentata dagli avv.ti G. Floridia, R. Floridia e F. Polettini, ricorrente, contro Ufficio per l armonizzazione nel mercato interno (marchi, disegni e modelli) (UAMI), rappresentato dal sig. P. Bullock, in qualità di agente, convenuto, controinteressata nel procedimento dinanzi alla commissione di ricorso dell UAMI e interveniente dinanzi al Tribunale: Union Investment Privatfonds GmbH, con sede in Francoforte sul Meno (Germania), rappresentata dall avv. J. Zindel, avente ad oggetto i ricorsi proposti contro due decisioni della seconda commissione di ricorso dell UAMI 5 settembre 2006 (procedimenti riuniti R 196/ e R 211/2005-2) e 25 settembre 2006 (procedimenti riuniti R 456/ e R 502/2005-2) relative ai procedimenti di opposizione tra la Union Investment Privatfonds GmbH e la UniCredito Italiano SpA, IL TRIBUNALE (Terza Sezione), composto dal sig. J. Azizi, presidente, dalla sig.ra E. Cremona (relatore) e dal sig. S. Frimodt Nielsen, giudici, cancelliere: sig. J. Palacio González, amministratore principale visti i ricorsi depositati presso la cancelleria del Tribunale il 6 e il 28 novembre 2006, visti i controricorsi dell UAMI depositati presso la cancelleria del Tribunale l 8 e il 30 marzo 2007, visti i controricorsi dell interveniente depositati presso la cancelleria del Tribunale il 28 marzo e il 23 aprile 2007, viste le osservazioni scritte della ricorrente, dell UAMI e dell interveniente depositate presso la cancelleria del Tribunale rispettivamente il 23 gennaio, il 28 gennaio e il 30 gennaio 2009 riguardo all eventuale riunione delle presenti cause ai fini della fase orale del procedimento e della sentenza, 1 Giurisprudenza

2 vista l ordinanza 10 luglio 2009 che ha disposto la riunione delle cause T-303/06 e T-337/06 ai fini della fase orale del procedimento, in seguito all udienza del 15 settembre 2009, vista l ordinanza 30 novembre 2009 che ha disposto la riapertura della fase orale nella causa T-337/06, viste le osservazioni depositate dall interveniente il 15 dicembre 2009, entro il termine prescritto dal Tribunale, sulla formulazione esatta del suo secondo capo della domanda, ha pronunciato la seguente Sentenza Fatti 1 In data 29 maggio 2001 e 7 agosto 2001, la ricorrente, UniCredito Italiano SpA, depositava presso l Ufficio per l armonizzazione nel mercato interno (marchi, disegni e modelli) (UAMI) due domande di registrazione di marchi comunitari, ai sensi del regolamento (CE) del Consiglio 20 dicembre 1993, n. 40/94, sul marchio comunitario (GU 1994, L 11, pag. 1), come modificato [sostituito dal regolamento (CE) del Consiglio 26 febbraio 2009, n. 207, sul marchio comunitario (GU L 78, pag. 1)]. 2 I due marchi di cui è stata chiesta la registrazione sono i marchi denominativi UNIWEB e UniCredit Wealth Management. 3 I servizi per i quali è stata chiesta la registrazione rientrano, in particolare, nella classe 36 ai sensi dell Accordo di Nizza 15 giugno 1957, relativo alla classificazione internazionale dei prodotti e dei servizi ai fini della registrazione dei marchi, come riveduto e modificato, e corrispondono alla seguente descrizione: «affari bancari; affari finanziari; affari monetari; assicurazioni; affari immobiliari; informazioni e consulenza in materia finanziaria ed assicurativa; servizi di carte di credito/debito; servizi bancari e finanziari via Internet», compresi nella classe 36, per il marchio denominativo UNIWEB; «affari bancari; affari finanziari; affari monetari; assicurazioni; affari immobiliari; informazioni finanziarie», compresi nella classe 36, per il marchio denominativo UniCredit Wealth Management. 4 Le due domande di marchio comunitario venivano pubblicate nel Bollettino dei marchi comunitari, rispettivamente, n. 108/2001 del 17 dicembre 2001 e n. 24/2002 del 25 marzo In data 6 marzo 2002 l interveniente, Union Investment Privatfonds GmbH, presentava opposizione, ai sensi dell art. 42 del regolamento n. 40/94 (divenuto art. 41 del regolamento 2 Giurisprudenza

3 n. 207/2009), contro la registrazione del marchio richiesto UNIWEB per i servizi di cui al precedente punto 3. 6 In data 21 giugno 2002, l interveniente presentava opposizione, ai sensi dell art. 42 del regolamento n. 40/94, contro la registrazione del marchio richiesto UniCredit Wealth Management per i servizi di cui al precedente punto 3. 7 Le due opposizioni erano basate sui seguenti diritti anteriori: il marchio tedesco denominativo UNIFONDS, depositato il 2 aprile 1979 e registrato il 17 ottobre 1979 con il n , avente per oggetto, in particolare, servizi compresi nella classe 36, corrispondenti, segnatamente, a «collocamento di fondi», il marchio tedesco denominativo UNIRAK, depositato il 2 aprile 1979 e registrato il 17 ottobre 1979 con il n , avente per oggetto, in particolare, servizi compresi nella classe 36, corrispondenti, segnatamente, a «collocamento di fondi», il marchio tedesco figurativo UNIZINS, depositato il 6 marzo 1992 e registrato il 10 luglio 1992 con il n , avente per oggetto, in particolare, servizi compresi nella classe 36, corrispondenti, segnatamente, a «collocamento di fondi», qui di seguito rappresentato: 8 I motivi invocati a sostegno dell opposizione erano quelli previsti dall art. 8, n. 1, lett. b), del regolamento n. 40/94 [divenuto art. 8, n. 1, lett. b), del regolamento n. 207/2009]. 9 Con decisione 17 dicembre 2004, la divisione di opposizione accoglieva l opposizione proposta contro la registrazione del marchio richiesto UNIWEB, per quanto riguarda una parte dei servizi contestati, vale a dire gli «affari bancari; affari finanziari; affari monetari; assicurazioni; informazioni e consulenza in materia finanziaria ed assicurativa; servizi di carte di credito/debito; servizi bancari e finanziari via Internet», e la respingeva in relazione agli altri servizi, vale a dire gli «affari immobiliari». 10 Con decisione 28 febbraio 2005, la divisione di opposizione accoglieva l opposizione contro la registrazione del marchio richiesto UniCredit Wealth Management, per quanto riguarda una parte dei servizi contestati, vale a dire gli «affari bancari; affari finanziari; affari monetari; assicurazioni; informazioni finanziarie», e la respingeva in relazione agli altri servizi, vale a dire gli «affari immobiliari». 11 Nelle due menzionate decisioni, la divisione di opposizione riteneva, in sostanza, che l interveniente avesse provato sia l uso effettivo dei marchi anteriori sia l esistenza di una famiglia di marchi. Riguardo ai servizi «affari immobiliari», essa riteneva che detti servizi e quelli oggetto delle registrazioni anteriori non fossero simili. 3 Giurisprudenza

4 12 Avverso le decisioni della divisione di opposizione la ricorrente proponeva, in data 17 febbraio e 21 aprile 2005, due ricorsi dinanzi all UAMI, ai sensi degli artt del regolamento n. 40/94 (divenuti artt del regolamento n. 207/2009). 13 Avverso le decisioni della divisione di opposizione l interveniente proponeva, in data 11 febbraio e 28 aprile 2005, due ricorsi dinanzi all UAMI, ai sensi degli artt del regolamento n. 40/94. Con decisioni 5 settembre e 25 settembre 2006 (in prosieguo: le «decisioni impugnate»), la seconda commissione di ricorso respingeva i ricorsi sia della ricorrente sia dell interveniente. Conclusioni delle parti 14 La ricorrente chiedeva, inizialmente, che il Tribunale annullasse le decisioni impugnate. All udienza ha precisato, rispondendo a un quesito posto dal Tribunale, che i suoi ricorsi erano intesi unicamente all annullamento parziale delle decisioni impugnate, nella parte in cui esse hanno accolto le opposizioni avverso la registrazione dei marchi UNIWEB e UniCredit Wealth Management, riguardo ai servizi richiesti diversi dai servizi immobiliari. 15 L UAMI chiede che il Tribunale voglia: respingere i ricorsi; condannare la ricorrente alle spese. 16 L interveniente, nella causa T-303/06, chiede che il Tribunale voglia: respingere il ricorso; annullare la decisione della seconda commissione di ricorso 5 settembre 2006 (procedimento R 196/2005-2) e accogliere le opposizioni avverso la registrazione del marchio comunitario UNIWEB per la prestazione di servizi immobiliari. 17 L interveniente, nella causa T-337/06, chiede che il Tribunale voglia: respingere il ricorso; annullare la decisione della seconda commissione di ricorso 25 settembre 2006 (procedimento R 502/2005-2) e accogliere le opposizioni avverso la registrazione del marchio comunitario UniCredit Wealth Management per la prestazione di servizi immobiliari. In diritto Sulla riunione delle cause 18 Avendo sentito le parti riguardo alla riunione delle presenti cause ai fini della sentenza e queste non essendovisi opposte, il Tribunale ritiene opportuno procedere a tale riunione ai sensi dell art. 50 del regolamento di procedura del Tribunale. 4 Giurisprudenza

5 Sull ammissibilità delle prove prodotte per la prima volta dinanzi al Tribunale 19 La ricorrente ha allegato ai ricorsi i risultati di una ricerca compiuta nel registro delle imprese tedesco, avente ad oggetto, in particolare, società operanti nel settore finanziario. Tali risultati, che non hanno potuto essere analizzati dalla commissione di ricorso, sono volti a dimostrare la registrazione di un gran numero di denominazioni che iniziano con «uni» o che contengono detto termine. 20 L UAMI e l interveniente ritengono che dette prove, prodotte per la prima volta dinanzi al Tribunale, non possano essere ammesse. 21 I ricorsi presentati dinanzi al Tribunale vertono sul controllo della legittimità delle decisioni delle commissioni di ricorso dell UAMI ai sensi dell art. 63 del regolamento n. 40/94 (divenuto art. 65 del regolamento n. 207/2009). Pertanto, non è compito del Tribunale riesaminare le circostanze di fatto alla luce delle prove prodotte per la prima volta dinanzi ad esso. L ammissione di tali prove, infatti, è in contrasto con l art. 135, n. 4, del regolamento di procedura del Tribunale, secondo cui le memorie delle parti non possono modificare l oggetto della controversia dinanzi alla commissione di ricorso [sentenza del Tribunale 6 marzo 2003, causa T-128/01, DaimlerChrysler/UAMI (Calandra), Racc. pag. II-701, punto 18]. Pertanto, nel caso di specie, i risultati della ricerca svolta nel registro delle imprese tedesco, prodotti per la prima volta dinanzi al Tribunale, sono inammissibili. Nel merito 22 La ricorrente deduce un motivo unico, relativo alla violazione dell art. 8, n. 1, lett. b), del regolamento n. 40/ L interveniente, da parte sua, deduce un motivo anch esso relativo, in sostanza, alla violazione dell art. 8, n. 1, lett. b), del regolamento n. 40/94, a sostegno della sua domanda ex art. 134, n. 3, del regolamento di procedura, volta all accoglimento delle opposizioni proposte avverso la registrazione dei marchi comunitari UNIWEB e UniCredit Wealth Management per la prestazione di servizi immobiliari. Sul motivo dedotto dalla ricorrente, relativo alla violazione dell art. 8, n. 1, lett. b), del regolamento n. 40/94 Argomenti delle parti 24 La ricorrente afferma, in sostanza, che la commissione di ricorso ha erroneamente ritenuto che i marchi su cui si fondavano le opposizioni dell interveniente soddisfacessero i presupposti di applicazione della protezione ampliata riservata ai marchi seriali. 25 In primo luogo, non sarebbe corretto ritenere che tali marchi siano da ricollegare ad una serie, dato che l elemento comune «uni», integralmente riprodotto da ciascuno di essi, sarebbe divenuto di uso comune nel linguaggio corrente e non sarebbe sufficientemente distintivo. 5 Giurisprudenza

6 26 In secondo luogo, riguardo alla prova dell uso dei marchi da ricollegare alla pretesa serie, la commissione di ricorso sarebbe incorsa in un grave errore accettando una semplice prova dell uso ai sensi dell art. 43, n. 2, del regolamento n. 40/94 (divenuto art. 42, n. 2, del regolamento n. 207/2009) anziché accertare se, per effetto dell uso dei tre marchi anteriori dedotti, il consumatore interessato fosse in condizione di imputare, per associazione, il marchio richiesto a tali registrazioni anteriori considerate come componenti di una serie. 27 In terzo luogo, i marchi anteriori dedotti, che indicano i nomi dei fondi collocati dall interveniente, non sarebbero percepiti dal pubblico degli investitori come costitutivi di una serie di marchi, dal momento che i fondi in questione, ancorché distinti l uno dall altro dal punto di vista delle caratteristiche finanziarie, costituirebbero, in realtà, un solo ed unico prodotto dal punto di vista commerciale. 28 L UAMI sostiene, in primo luogo, che il carattere distintivo dell elemento comune «uni» debba essere valutato secondo la percezione del pubblico di riferimento ed in relazione ai servizi in questione. In tal senso, il prefisso «uni» sarebbe intrinsecamente distintivo in relazione a servizi finanziari. 29 In secondo luogo, riguardo alla prova dell uso dei marchi anteriori, l UAMI ritiene che gli elementi di prova di cui la commissione di ricorso disponeva fossero sufficienti per dimostrare il loro uso effettivo, non solo ai fini della prova richiesta dall art. 43, n. 2, del regolamento n. 40/94, ma anche ai fini della prova dell esistenza di una famiglia di marchi. 30 In terzo luogo, benché i marchi anteriori dell interveniente siano destinati a contraddistinguere lo stesso tipo di prodotti finanziari, l UAMI sostiene che essi non possano essere considerati parte di un offerta commerciale unica, dal momento che l interveniente offre ai potenziali sottoscrittori la possibilità di scegliere tra i differenti fondi di investimento contraddistinti da caratteristiche tecnico-finanziarie diverse. 31 L interveniente conferma gli argomenti dedotti dall UAMI, aggiungendo che la capacità del prefisso «uni» di raggruppare in una famiglia tutti i marchi che lo contengono è rafforzata, nel caso particolare dei fondi di investimento, dal momento che sarebbe abituale che un operatore che offra fondi indichi prodotti differenti con denominazioni aventi un elemento comune, per indicare che i fondi provengono dal medesimo operatore o che appartengono alla medesima categoria. Giudizio del Tribunale 32 In limine, si deve ricordare che, ai sensi dell art. 8, n. 1, lett. b), del regolamento n. 40/94, il marchio richiesto è escluso dalla registrazione se sussiste un rischio di confusione per il pubblico interessato tra tale marchio e un marchio anteriore. Secondo costante giurisprudenza, il rischio di confusione deve essere valutato globalmente, secondo la percezione che il pubblico interessato ha dei segni e dei prodotti o dei servizi di cui trattasi, prendendo in considerazione tutti i fattori pertinenti del caso di specie [v. sentenza del Tribunale 9 luglio 6 Giurisprudenza

7 2003, causa T-162/01, Laboratorios RTB/UAMI Giorgio Beverly Hills (GIORGIO BEVERLY HILLS), Racc. pag. II-2821, punti 30-33, e la giurisprudenza citata]. 33 Dalla giurisprudenza risulta inoltre che, qualora l opposizione ad una domanda di marchio comunitario si fondi su più marchi anteriori e tali marchi presentino caratteristiche che consentono di considerarli parte di una stessa «serie» o «famiglia», come può avvenire, in particolare, laddove riproducano integralmente uno stesso elemento distintivo con l aggiunta di un elemento, grafico o denominativo, che li differenzi l uno dall altro, oppure laddove si caratterizzino per la ripetizione di uno stesso prefisso o suffisso estrapolato da un marchio originario, una simile circostanza costituisce un fattore rilevante ai fini della valutazione dell esistenza di un rischio di confusione. In tal caso, il rischio che il consumatore possa sbagliarsi circa l origine commerciale dei prodotti o dei servizi di cui trattasi non deriva dalla possibilità che egli confonda il marchio richiesto con l uno o l altro dei marchi seriali anteriori, ma dalla possibilità che egli ritenga che il marchio richiesto faccia parte della stessa serie [sentenza del Tribunale 23 febbraio 2006, causa T-194/03, Ponte Finanziaria/UAMI Marine Enterprise Projects (BAINBRIDGE), Racc. pag. II-445, punti 123 e 124]. 34 Nella menzionata sentenza BAINBRIDGE è stato affermato che il rischio di associazione del marchio richiesto alla serie di marchi anteriori può essere invocato solo se ricorrono cumulativamente due presupposti. In primo luogo, l opponente deve fornire la prova dell utilizzo di un numero di marchi in grado di costituire una «serie». In secondo luogo, il marchio richiesto non soltanto deve essere simile ai marchi facenti parte della serie, ma deve anche presentare caratteristiche tali da consentire di ricollegarlo alla serie. Questo potrebbe non verificarsi, per esempio, qualora l elemento comune ai marchi seriali anteriori fosse utilizzato nel marchio richiesto in una posizione differente da quella in cui compare abitualmente nei marchi appartenenti alla serie o con un contenuto semantico distinto (sentenza BAINBRIDGE, cit., punti 126 e 127). 35 Nel caso di specie, la valutazione della commissione di ricorso, secondo cui i marchi anteriori UNIFONDS, UNIRAK e UNIZINS invocati dall interveniente sono costitutivi di una «serie» ai sensi della menzionata sentenza BAINBRIDGE, si fonda essenzialmente sul rilievo che il prefisso «uni», comune a tali tre marchi, è dotato di carattere distintivo nel contesto dei servizi finanziari e che l uso effettivo di tali marchi è stato dimostrato dall interveniente. 36 Dopo aver accertato l esistenza di una «serie» di marchi, la commissione di ricorso ne ha tratto la conclusione, in modo quasi automatico, che il pubblico interessato associa il prefisso «uni» all interveniente quando è utilizzato in relazione con fondi di investimento e che sussiste, pertanto, un rischio di confusione tra i marchi in conflitto. 37 Occorre tuttavia ricordare che, come risulta dalla citata sentenza BAINBRIDGE (punto 123), la presenza di una «serie» o di una «famiglia» di marchi costituisce solo un fattore rilevante, che non è l unico di cui tener conto, ai fini della valutazione dell esistenza di un rischio di confusione. La mera qualificazione dei marchi invocati come ricollegati ad una «serie» o a una «famiglia» non è pertanto sufficiente per fondare una conclusione definitiva 7 Giurisprudenza

8 quanto all esistenza di un tale rischio. La prova dell uso di tali marchi e il carattere distintivo del loro elemento comune, pur necessari per la costituzione di una «serie» o di una «famiglia», non possono nemmeno, in assenza di prova supplementare del rischio di confusione, costituire elementi sufficienti per fondare il diniego di registrazione di un marchio che presenti il medesimo elemento. 38 Per giustificare tale diniego, l UAMI deve non solo dimostrare l esistenza di una serie di marchi, ma anche accertare che il marchio richiesto presenti caratteristiche tali da consentire di ricollegarlo alla serie (sentenza BAINBRIDGE, cit., punto 127). 39 Se tali caratteristiche si limitano alla sola presenza dell elemento comune alla serie, tale elemento deve presentare un carattere distintivo tale da consentire all elemento di cui è causa di far sorgere, di per sé, un associazione diretta, nel pubblico interessato, alla serie in questione. 40 Un rischio di confusione può parimenti essere accertato sulla base di somiglianze tra il marchio richiesto e la serie di marchi invocata, che vadano oltre la mera presenza di un elemento comune e che possano, segnatamente, riguardare la posizione in cui tale elemento compare abitualmente nei marchi o il suo contenuto semantico (v., in tal senso, sentenza BAINBRIDGE, cit., punto 127). 41 Nel caso di specie, l UAMI non ha proceduto ad un esame approfondito del requisito del collegamento dei marchi richiesti alla serie invocata in opposizione. La commissione di ricorso si è limitata a sottolineare che ciascuno dei marchi è formato dalla combinazione di due elementi individuali, vale a dire l elemento comune «uni» e espressioni differenti, rispettivamente «web» e «credit wealth management», prive di carattere distintivo in relazione ai servizi richiesti. 42 Alla luce delle suesposte considerazioni si deve rilevare che né il potere distintivo del prefisso «uni», né gli altri aspetti del raffronto tra i marchi de quibus consentono di concludere nel senso dell esistenza di un rischio di confusione. 43 Quanto al potere distintivo, occorre rilevare che, in linea di principio, esso deve essere valutato secondo la percezione del pubblico interessato tenendo conto non solo delle qualità intrinseche dell elemento di cui trattasi, ma anche dell uso che ne è fatto e, eventualmente, della sua notorietà. Orbene, sul piano intrinseco, il prefisso «uni» non ha la capacità di provocare, di per sé solo, l associazione dei marchi richiesti alla serie invocata. 44 Nemmeno l uso effettivo di marchi seriali nel settore finanziario e la pubblicazione regolare di informazioni sul corso dei fondi di investimento in ordine alfabetico sono tali da dimostrare la capacità del prefisso «uni» di indicare, di per sé solo, la provenienza dei fondi nei nomi nei quali esso è presente. 45 Dalle decisioni impugnate risulta che gli articoli di giornale prodotti nel procedimento di opposizione menzionano fondi contenenti il prefisso «uni» che non appartengono all interveniente. A tal riguardo, la commissione di ricorso ha correttamente rilevato che, nel 8 Giurisprudenza

9 caso dei fondi i cui nomi iniziano per «united» («United Kingdom C» e «United Kingdom D») e «universal» («Universal Effect», «Universal AS», «Universal-Effect» e «Universal- Value Trust») si tratta di un termine indivisibile le cui le prime lettere, «uni», costituiscono parte integrante della struttura della parola. Non è tuttavia scontato che, come afferma la commissione di ricorso, lo stesso valga per i marchi che iniziano per «unico» («Unico Equity» e «Unico Investment»), ove tale termine non viene necessariamente associato dal pubblico interessato in Germania alla parola italiana «unico», potendo invece essere inteso anche come costitutivo di un abbreviazione senza significato. 46 Si deve inoltre sottolineare che, negli articoli di giornale prodotti dall interveniente, i nomi dei fondi di investimento sono presentati dalla società di gestione, ove il nome di ogni società di gestione risulta in cima all elenco dei fondi da essa gestiti. I marchi anteriori dedotti e gli altri marchi detenuti dall interveniente, contenenti il prefisso «uni», sono menzionati in tutti gli articoli sotto la rubrica «Union Investment». Pertanto, è difficilmente concepibile che il pubblico interessato, al quale la commissione di ricorso riconosce correttamente una capacità di attenzione relativamente elevata, possa credere che i fondi indicati dai marchi richiesti siano gestiti da una società diversa da quella il cui nome compare in capo al gruppo di cui fanno parte. 47 Infine, per quanto riguarda le eventuali somiglianze che vadano oltre il prefisso comune «uni», si deve rilevare che l interveniente non ne ha dimostrato l esistenza. Si deve, per contro, segnalare una differenza per quanto attiene al contenuto semantico dei marchi. I termini accostati al prefisso «uni» sono espressi in inglese in tutti i marchi richiesti («web» e «credit wealth management»), e in tedesco in ciascuno dei marchi anteriori dedotti in opposizione («fonds», «rak» e «zins»). 48 Alla luce di tutte le suesposte considerazioni, si deve concludere che, nonostante l uso effettivo dei marchi anteriori e la presenza del prefisso «uni» comune a tutti questi marchi e ai marchi richiesti, gli elementi di prova forniti all UAMI non sono tali da dimostrare la capacità di tale prefisso, di per sé solo o unitamente ad altri fattori, di indurre ad associare i marchi richiesti alla serie anteriore. 49 Pertanto, erroneamente la commissione di ricorso ha ritenuto che i segni in conflitto presentassero un rischio di confusione ai sensi dell art. 8, n. 1, lett. b), del regolamento n. 40/ Conseguentemente, deve essere accolto il motivo unico della ricorrente e le decisioni impugnate devono essere annullate nella parte in cui hanno accolto le opposizioni alla registrazione dei marchi UNIWEB e UniCredit Wealth Management, per quanto riguarda i servizi richiesti diversi dai servizi immobiliari di cui al precedente punto 3. Sul motivo dedotto dall interveniente, relativo alla violazione dell art. 8, n. 1, lett. b), del regolamento n. 40/94 Argomenti dell interveniente 9 Giurisprudenza

10 51 L interveniente rileva, a sostegno delle domande di accoglimento delle opposizioni avverso la registrazione dei marchi UNIWEB e UniCredit Wealth Management per la prestazione di servizi immobiliari, che la distinzione operata dalla commissione di ricorso tra la raccolta di capitali, da un lato, e l acquisto e la gestione di immobili, dall altro, non può essere applicata in alcun modo alla realtà dei fondi immobiliari. Sussisterebbe, al contrario, una contiguità indissociabile tra la prestazione di servizi finanziari e quella dei servizi forniti nel settore immobiliare, segnatamente in ragione dell obbligo ex lege, che l art. 67, nn. 1 e 2, dell Investmentgesetz (legge tedesca sui fondi di investimento) imporrebbe agli istituti di servizi finanziari, di non limitare le proprie attività all emissione o al riscatto dei certificati di partecipazione ai fondi immobiliari, bensì, inoltre, di acquistare, gestire e rivendere gli immobili interessati. 10 Giurisprudenza Giudizio del Tribunale 52 Le domande dell interveniente di accogliere le sue opposizioni avverso la registrazione dei marchi UNIWEB e UniCredit Wealth Management per la prestazione di servizi immobiliari si fondano, essenzialmente, sul presupposto che l esistenza di un rischio di confusione tra tali marchi e i marchi anteriori sia confermata dal Tribunale con riguardo ai servizi di cui al precedente punto 3 diversi dai servizi immobiliari. Poiché tale tesi è stata respinta, anche dette domande devono esserlo. Sulle spese 53 Ai sensi dell art. 87, n. 2, del regolamento di procedura, la parte soccombente è condannata alle spese se ne è stata fatta domanda. 54 Nel caso di specie, la ricorrente non ha domandato che l UAMI o l interveniente fossero condannate alle spese. 55 Si deve pertanto condannare ciascuna delle parti a sopportare le proprie spese. dichiara e statuisce: P.Q.M. IL TRIBUNALE (Terza Sezione) 1) Le cause T-303/06 e T-337/06 sono riunite ai fini della sentenza. 2) La decisione della seconda commissione di ricorso dell Ufficio per l armonizzazione nel mercato interno (marchi, disegni e modelli) (UAMI) 5 settembre 2006 (procedimenti riuniti R 196/ e R 211/2005-2) è annullata nella parte in cui respinge il ricorso della UniCredito Italiano SpA nel procedimento R 211/ accogliendo le opposizioni alla registrazione del marchio richiesto UNIWEB, per quanto riguarda gli «affari bancari, affari finanziari, affari monetari, assicurazioni, informazioni e consulenza in materia finanziaria ed assicurativa, servizi di carte di credito/debito, servizi bancari e finanziari via Internet», compresi nella classe 36.

11 3) La decisione della seconda commissione di ricorso dell UAMI 25 settembre 2006 (procedimenti riuniti R 456/ e R 502/2005-2) è annullata nella parte in cui respinge il ricorso della UniCredito Italiano SpA nel procedimento R 456/20052 accogliendo le opposizioni alla registrazione del marchio richiesto UniCredit Wealth Management, per quanto riguarda gli «affari bancari, affari finanziari, affari monetari, assicurazioni e informazioni finanziarie», compresi nella classe 36. 4) Le domande della Union Investment Privatfonds GmbH sono respinte. 5) Ciascuna parte sopporterà le proprie spese. Così deciso e pronunciato in Lussemburgo il 27 aprile Giurisprudenza

Sentenza 28 giugno 2005

Sentenza 28 giugno 2005 TRIBUNALE CE: SENTENZA NON CONFUSIONE MARCHI CANALI E CANAL JEAN CO. NEW YORK Ancora una interessante pronuncia del Tribunale di primo grado della Comunità con riferimento al conflitto tra un marchio di

Dettagli

Tribunale I grado CE, sez. V, 4 marzo 2010 Nella causa T-24/08,

Tribunale I grado CE, sez. V, 4 marzo 2010 Nella causa T-24/08, Nella causa T-24/08, Weldebräu GmbH & Co. KG, con sede in Plankstadt (Germania), rappresentata dall avv. W. Göpfert, avocat, ricorrente, contro Ufficio per l armonizzazione nel mercato interno (marchi,

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

7 aprile 2011 (*) contro. controinteressato nel procedimento dinanzi alla commissione di ricorso dell UAMI e interveniente dinanzi al Tribunale:

7 aprile 2011 (*) contro. controinteressato nel procedimento dinanzi alla commissione di ricorso dell UAMI e interveniente dinanzi al Tribunale: SENTENZA DEL TRIBUNALE (Quarta Sezione) 7 aprile 2011 (*) «Marchio comunitario Procedura di opposizione Domanda di marchio comunitario denominativo COMIT Marchio nazionale figurativo anteriore Comet Impedimento

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*) «Impugnazione Marchio comunitario Marchio figurativo F1-LIVE Opposizione del titolare dei marchi denominativi internazionali e nazionali F1 e di un

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*) «Impugnazione Marchio comunitario Marchio figurativo F1-LIVE Opposizione del titolare dei marchi denominativi internazionali e nazionali F1 e di un

Dettagli

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Seconda Sezione) 14 maggio 2013 (*)

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Seconda Sezione) 14 maggio 2013 (*) SENTENZA DEL TRIBUNALE (Seconda Sezione) 14 maggio 2013 (*) «Marchio comunitario Opposizione Domanda di marchio comunitario denominativo PARTITO DELLA LIBERTÀ e di marchio comunitario figurativo Partito

Dettagli

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Seconda Sezione) 30 giugno 2004 (1)

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Seconda Sezione) 30 giugno 2004 (1) Page 1 of 13 AVVISO IMPORTANTE:Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright. SENTENZA DEL TRIBUNALE (Seconda

Dettagli

Sentenza del Tribunale di primo grado. (Prima Sezione) del 15 febbraio 2005.

Sentenza del Tribunale di primo grado. (Prima Sezione) del 15 febbraio 2005. Sentenza del Tribunale di primo grado (Prima Sezione) del 15 febbraio 2005. Cervecería Modelo, SA de CV contro Ufficio per l'armonizzazione nel mercato interno (marchi, disegni e modelli) (UAMI). Marchio

Dettagli

TRIBUNALE DI PRIMO GRADO DELLE COMUNITÀ EUROPEE Seconda Sezione (ampliata)

TRIBUNALE DI PRIMO GRADO DELLE COMUNITÀ EUROPEE Seconda Sezione (ampliata) Giurisprudenza comunitaria TRIBUNALE DI PRIMO GRADO DELLE COMUNITÀ EUROPEE Seconda Sezione (ampliata) SENTENZA del 25 Ottobre 2005 (*) Procedimento numero T 379/03 Parti: Peek & Cloppenburg KG contro Ufficio

Dettagli

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Prima Sezione) 6 novembre 2007 (*)

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Prima Sezione) 6 novembre 2007 (*) SENTENZA DEL TRIBUNALE (Prima Sezione) 6 novembre 2007 (*) «Marchio comunitario Opposizione Domanda di marchio comunitario figurativo REVIAN s Marchi non comunitari anteriori evian Produzione tardiva della

Dettagli

SENTENZA N. 355 ANNO 2005

SENTENZA N. 355 ANNO 2005 SENTENZA N. 355 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Piero Alberto CAPOTOSTI Presidente - Fernanda CONTRI Giudice - Guido NEPPI MODONA

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 9 dicembre 2010 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 9 dicembre 2010 (*) AVVISO IMPORTANTE:Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright. SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 9

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA UE, NONA SEZIONE, 4 SETTEMBRE 2014 CAUSA C-452/13

CORTE DI GIUSTIZIA UE, NONA SEZIONE, 4 SETTEMBRE 2014 CAUSA C-452/13 CORTE DI GIUSTIZIA UE, NONA SEZIONE, 4 SETTEMBRE 2014 CAUSA C-452/13 «Rinvio pregiudiziale - Trasporto aereo - Regolamento (CE) n. 261/2004 - Articoli 2, 5 e 7 - Diritto a compensazione pecuniaria in caso

Dettagli

5 RICHIAMANDOSI ALLA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE, LA COMMISSIONE SOSTIENE ANZITUTTO CHE LA DEROGA DI CUI ALL ' ART. 48, N. 4, DEL TRATTATO DEV '

5 RICHIAMANDOSI ALLA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE, LA COMMISSIONE SOSTIENE ANZITUTTO CHE LA DEROGA DI CUI ALL ' ART. 48, N. 4, DEL TRATTATO DEV ' Sentenza della Corte del 3 giugno 1986 Commissione delle Comunità europee contro Repubblica francese Requisito della cittadinanza per la nomina al ruolo ad impieghi permanenti di infermiere ed infermiera

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA N. 10136/2014 REG.PROV.COLL. N. 10666/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Quater) ha pronunciato

Dettagli

Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03

Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03 Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03 SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) «Artt. 43 CE, 49 CE e 81 CE Concessione relativa alla gestione del servizio pubblico di distribuzione

Dettagli

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Quarta Sezione) 20 marzo 2013 (*)

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Quarta Sezione) 20 marzo 2013 (*) SENTENZA DEL TRIBUNALE (Quarta Sezione) 20 marzo 2013 (*) «Marchio comunitario Opposizione Domanda di marchio comunitario denominativo CLUB GOURMET Marchio nazionale figurativo anteriore CLUB DEL GOURMET,

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

Fatti all'origine della controversia

Fatti all'origine della controversia 1/6 AVVISO IMPORTANTE:Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright. SENTENZA DEL TRIBUNALE (Seconda Sezione)

Dettagli

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Ottava Sezione) 6 ottobre 2011 (*)

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Ottava Sezione) 6 ottobre 2011 (*) 1 di 13 31/03/2014 11.23 SENTENZA DEL TRIBUNALE (Ottava Sezione) 6 ottobre 2011 (*) «Marchio comunitario Domanda di marchio comunitario tridimensionale Raffigurazione di un altoparlante Esecuzione da parte

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA N. 04086/2014REG.PROV.COLL. N. 05358/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA (Settima Sezione) 25 settembre 2008 (*)

SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA (Settima Sezione) 25 settembre 2008 (*) SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA (Settima Sezione) 25 settembre 2008 (*) «Inadempimento di uno Stato Direttiva 2000/59/CE Impianti portuali di raccolta per i rifiuti prodotti dalle navi e i residui del

Dettagli

Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione professionale

Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione professionale Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione p Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione

Dettagli

Pagina iniziale > Formulario di ricerca > Elenco dei risultati > Documenti Goldbet Sportwetten GmbH Massimo Sperindeo, Sentenza Contesto normativo

Pagina iniziale > Formulario di ricerca > Elenco dei risultati > Documenti Goldbet Sportwetten GmbH Massimo Sperindeo, Sentenza Contesto normativo InfoCuria - Giurisprudenza della Corte di giustizia italiano (it) Pagina iniziale > Formulario di ricerca > Elenco dei risultati > Documenti Lingua del documento : italiano SENTENZA DELLA CORTE (Terza

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

La proprietà Intellettuale ed Industriale e la tutela offerta dalla UE

La proprietà Intellettuale ed Industriale e la tutela offerta dalla UE La proprietà Intellettuale ed Industriale e la tutela offerta dalla UE Il Marchio di posizione ed il caso Steiff Gmbh/UAMI Firenze 15 Maggio 2015 Fondazione per la Formazione Forense dell Ordine degli

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio Roma - Prima Sezione nelle persone dei Magistrati: Dott. Giorgio Giovannini Dott. Antonino Savo Amodio

Dettagli

Il Tribunale di Udine, sezione civile, DECRETO

Il Tribunale di Udine, sezione civile, DECRETO Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati dott. Alessandra Bottan Griselli dott. Francesco Venier Presidente; Giudice dott. Mimma Grisafi Giudice

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI BERGAMO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. della dott.ssa Antonella Troisi ha pronunciato la seguente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI BERGAMO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. della dott.ssa Antonella Troisi ha pronunciato la seguente SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI BERGAMO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO II Tribunale di Bergamo in funzione di giudice monocratico del lavoro in persona della dott.ssa Antonella Troisi ha pronunciato la seguente

Dettagli

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI PARTE A DISPOSIZIONI GENERALI SEZIONE 6 REVOCA DI DECISIONI,

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio N. 00194/2014 REG.PROV.COLL. N. 00241/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio sezione staccata di Latina (Sezione

Dettagli

Raccolta della giurisprudenza

Raccolta della giurisprudenza Raccolta della giurisprudenza SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 13 marzo 2014 * «Rinvio pregiudiziale Direttiva 2006/114/CE Nozioni di pubblicità ingannevole e di pubblicità comparativa Normativa nazionale

Dettagli

ORDINANZA DEL TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA. DELL UNIONE EUROPEA (Seconda Sezione) 28 aprile 2015 (*)

ORDINANZA DEL TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA. DELL UNIONE EUROPEA (Seconda Sezione) 28 aprile 2015 (*) ORDINANZA DEL TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA DELL UNIONE EUROPEA (Seconda Sezione) 28 aprile 2015 (*) «Articolo 34, paragrafi 1 e 2, del regolamento di procedura Pregiudizio alla corretta amministrazione

Dettagli

Il gravame è fondato.

Il gravame è fondato. Poiché la lett. g) del comma 1 del cit. art. 38 del D.Lgs. n. 163/2006 commina l esclusione dalla gara e la preclusione alla stipulazione del conseguente contratto ai concorrenti che hanno commesso violazioni,

Dettagli

Infiltrazioni di acqua dalla terrazza di copertura del fabbricato condominiale:

Infiltrazioni di acqua dalla terrazza di copertura del fabbricato condominiale: Infiltrazioni di acqua dalla terrazza di copertura del fabbricato condominiale: Anche se di proprietà esclusiva risponde il condominio in persona dell amministratore L art. 1126 cod. civ. Lastrici solari

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 13 febbraio 2014 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 13 febbraio 2014 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 13 febbraio 2014 (*) «Inadempimento di uno Stato Licenziamenti collettivi Nozione di lavoratori Esclusione dei dirigenti Direttiva 98/59/CE Articolo 1, paragrafi

Dettagli

Consiglio di Stato: le dimissioni accettate non sono revocabili unilateralmente

Consiglio di Stato: le dimissioni accettate non sono revocabili unilateralmente Consiglio di Stato: le dimissioni accettate non sono revocabili unilateralmente http://www.dplmodena.it/04-10-11consstatodimisspubb.html Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 5384 del 27 settembre 2011,

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO A001031, 1 A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO Importante sentenza della Corte di cassazione, con cui la

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N. 5628/2009 Reg. Dec. N. Reg. Ric. 3179 ANNO 2009 DECISIONE (resa

Dettagli

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Quarta Sezione) 15 dicembre 2010 *

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Quarta Sezione) 15 dicembre 2010 * SENTENZA 15. 12. 2010 CAUSA T-427/08 SENTENZA DEL TRIBUNALE (Quarta Sezione) 15 dicembre 2010 * Nella causa T-427/08, Confédération européenne des associations d horlogers-réparateurs (CEAHR), con sede

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 15131 Anno 2015 Presidente: LUCCIOLI MARIA GABRIELLA Relatore: CAMPANILE PIETRO Data pubblicazione: 20/07/2015 sul ricorso proposto da: AGENZIA DEL TERRITORIO SENTENZA Rappresentata

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Bis) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Bis) SENTENZA T.A.R. Lazio, Roma, sez. II-bis, 3 giugno 2013, n. 5538 Edilizia e urbanistica - Rilascio permesso di costruire in assenza di piano attuativo - Possibilità qualora previsto dalle norme di piano regolatore,

Dettagli

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo.

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. Nota alla sentenza Cassazione, sez. I Civile, n. 11400 15 gennaio

Dettagli

MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989)" Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo

MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989) Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989)" Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo P&D.IT La previsione di cui all oggi abrogato art. 6 L. n. 39/1989 in ordine alla necessità di iscrizione

Dettagli

composta da A. Borg Barthet, facente funzione di presidente della sesta sezione, E. Levits e M. Berger (relatore), giudici,

composta da A. Borg Barthet, facente funzione di presidente della sesta sezione, E. Levits e M. Berger (relatore), giudici, ARRÊT DE LA COUR (sixième chambre) 4 dicembre 2014 «Rinvio pregiudiziale Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Cooperazione giudiziaria in materia civile Competenza giurisdizionale dei giudici dello

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio Roma - Prima Sezione nelle persone dei Magistrati: Dott. Giorgio Giovannini Dott. Antonino Savo Amodio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria. (Sezione Prima) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria. (Sezione Prima) SENTENZA T.A.R. Liguria, sez. I, 15 gennaio 2014, n. 96 Edilizia e urbanistica - Sanatoria edilizia - Reiezione di concessione in sanatoria per mancanza requisiti di abitabilità - Legittimità. REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 2 luglio 2009 «Marchi Registrazione internazionale Protocollo relativo all Intesa di Madrid Regolamento (CE) n.

SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 2 luglio 2009 «Marchi Registrazione internazionale Protocollo relativo all Intesa di Madrid Regolamento (CE) n. SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 2 luglio 2009 «Marchi Registrazione internazionale Protocollo relativo all Intesa di Madrid Regolamento (CE) n. 40/94 Art. 146 Identità degli effetti di una registrazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA CAMPANIA - SEZIONE I DI SALERNO -

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA CAMPANIA - SEZIONE I DI SALERNO - REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. Reg. dec N. Reg. ric. IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA CAMPANIA - SEZIONE I DI SALERNO - composto dai Magistrati: 1) Dr. Giovanni De Leo -

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater)

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) N. 03963/2015 REG.PROV.COLL. N. 02235/2011 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Quater) ha pronunciato la presente

Dettagli

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI)

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) DIPARTIMENTO DISEGNI E MODELLI DIVISIONE ANNULLAMENTO DECISIONE DELLA DIVISIONE ANNULLAMENTO DELL 8/02/06 NEL PROCEDIMENTO RELATIVO

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 04642/2012REG.PROV.COLL. N. 07602/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE III SEZIONE PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE III SEZIONE PENALE CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 6 FEBBRAIO 2008, N. 5804: le attività di cernita e adeguamento volumetrico della carta da macero e sostanze simili, poste in essere dalle ditte fornitrici

Dettagli

TAR LAZIO: LE PARAFARMACIE POSSONO USARE INSEGNE DIVERSE DALLA CROCE VERDE

TAR LAZIO: LE PARAFARMACIE POSSONO USARE INSEGNE DIVERSE DALLA CROCE VERDE TAR LAZIO: LE PARAFARMACIE POSSONO USARE INSEGNE DIVERSE DALLA CROCE VERDE Avv. Monica Lupo Pochi giorni fa il TAR del Lazio si è pronunciato con sentenza in merito alle insegne luminose che le parafarmacie

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.1909/2007 Reg.Dec. N. 4884 Reg.Ric. ANNO 2002 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

Appello contro il decreto di approvazione o di reiezione del Concordatoù L appello è previsto e disciplinato dall art 183 LF che non è stato modificato dalla riforma. Esso stabilisce che: contro la sentenza

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA T.A.R. Lombardia, Milano, sez. IV, 10 maggio 2013, n. 1221 Edilizia e urbanistica - Distanze legali - Costruzione distanza legale e principio di prevenzione ex artt. 873 e 875 c.c. REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Sentenza del 20 luglio 2004 Corte dei reclami penali

Sentenza del 20 luglio 2004 Corte dei reclami penali Bundesstrafgericht Tribunal pénal fédéral Tribunale penale federale Tribunal penal federal N. incarto BK_B 068/04 Sentenza del 20 luglio 2004 Corte dei reclami penali Composizione Giudici penali federali

Dettagli

Visti il ricorso e i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio del Ministero dell'interno; Visti tutti gli atti della causa;

Visti il ricorso e i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio del Ministero dell'interno; Visti tutti gli atti della causa; N. 00247/2013 REG.PROV.COLL. N. 01214/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

raccolta della giurisprudenza 2003 pagina II-00117 Massima Parti Motivazione della sentenza Decisione relativa alle spese Dispositivo Parole chiave

raccolta della giurisprudenza 2003 pagina II-00117 Massima Parti Motivazione della sentenza Decisione relativa alle spese Dispositivo Parole chiave Sentenza del Tribunale di primo grado (Terza Sezione) del 13 febbraio 2003. - Karl L. Meyer contro Commissione delle Comunità europee. - PTOM - Ricorso per risarcimento danni - Obbligo di pubblicità e

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 01148/2012 REG.PROV.COLL. N. 00968/2012 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

presso gli uffici dell Avvocatura comunale, piazza Galileo n. 4;

presso gli uffici dell Avvocatura comunale, piazza Galileo n. 4; R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER L'EMILIA-ROMAGNA SEZIONE SECONDA Registro Sentenze:430/2007 Registro Generale: 566/2006 composto

Dettagli

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La carta da macero che presenta in modo evidente una rilevante quantità di impurità, superiori alla misura dell'1% prescritto dalla normativa vigente in materia (D.M. 05/02/98 Allegato 1 n. 1) costituisce

Dettagli

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO Commissione tributaria regionale Emilia Romagna, sez. XX, 19 agosto 2011, n. 75 FATTO E DIRITTO L Agenzia delle Entrate di Guastalla appella la sentenza n 55/01/08 con cui la Commissione Tributaria Provinciale

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 13 settembre 2007 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 13 settembre 2007 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 13 settembre 2007 (*) «Inadempimento di uno Stato Libertà di stabilimento e libera prestazione di servizi Concessioni di servizio pubblico Rinnovo di 329 concessioni

Dettagli

Sentenza della Corte di giustizia delle Comunità europee del 29 novembre 2007

Sentenza della Corte di giustizia delle Comunità europee del 29 novembre 2007 Sentenza della Corte di giustizia delle Comunità europee del 29 novembre 2007 Nel procedimento C-68/07, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, ai sensi degli artt.

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Sentenza 13 dicembre 2004

Sentenza 13 dicembre 2004 Tribunale di primo Grado delle Comunità Europee - Seconda Sezione Sentenza 13 dicembre 2004 Marchio comunitario Marchio figurativo EMILIO PUCCI Opposizione del titolare dei marchi figurativi nazionali

Dettagli

http://curia.europa.eu/jurisp/cgi-bin/gettext.pl?lang=it&num=79938982t19040483&d...

http://curia.europa.eu/jurisp/cgi-bin/gettext.pl?lang=it&num=79938982t19040483&d... Page 1 of 11 RG1 AVVISO IMPORTANTE:Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright. SENTENZA DEL TRIBUNALE

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

Collegio di Milano. Decisione N. 436 del 02 marzo 2011. composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente

Collegio di Milano. Decisione N. 436 del 02 marzo 2011. composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente Collegio di Milano composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Cristiana Maria Schena Membro designato dalla Banca d Italia - Prof. Avv. Emanuele Lucchini Guastalla Membro

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio ha pronunciato la presente (Sezione Seconda Quater) SENTENZA sul ricorso numero di registro generale 3344

Dettagli

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO Trib. Rimini 2.2.2012 commento e testo Giovanni FRANCHI P&D.IT Questa volta è stato il Tribunale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO Sent.622/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO in composizione monocratica, in persona del Cons. Dr.ssa Chiara Bersani ha

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO SEZIONE TERZA QUATER SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO SEZIONE TERZA QUATER SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO SEZIONE TERZA QUATER ha pronunciato la seguente SENTENZA sui ricorsi riuniti n. 9338 e n. 9505 del 2005 proposti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.981/04 Reg.Dec. N. 11380 Reg.Ric. ANNO 1998 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. sezione staccata di Brescia (Sezione Seconda)

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. sezione staccata di Brescia (Sezione Seconda) N. 00031/2015 REG.PROV.COLL. N. 01106/2005 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia sezione staccata di Brescia (Sezione Seconda)

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Sezione Seconda SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Sezione Seconda SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA N. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio Sezione Seconda composto dai Signori: Luigi TOSTI Silvestro Maria RUSSO Stefano TOSCHEI Presidente

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2004 IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE. PER LA BASILICATA Anno 2004

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2004 IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE. PER LA BASILICATA Anno 2004 REPUBBLICA ITALIANA N. 748 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2004 IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE N. 305 Reg.Ric. PER LA BASILICATA Anno 2004 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano. Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano. Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati dott.gianfranco Pellizzoni Presidente rel.; dott. Francesco

Dettagli

Ordinanza. Contesto normativo. 3 I considerando 14 e 15 del regolamento n. 261/2004 enunciano quanto segue:

Ordinanza. Contesto normativo. 3 I considerando 14 e 15 del regolamento n. 261/2004 enunciano quanto segue: Corte di Giustizia UE, Quinta Sezione, ordinanza 14 novembre 2014, causa C-394/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Regolamento di procedura Articolo 99 Trasporto aereo Regolamento (CE) n. 261/2004 Ritardo prolungato

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE. (Quinta Sezione) 14 novembre 2014. Nella causa C-394/14. contro. LA CORTE (Quinta Sezione),

ORDINANZA DELLA CORTE. (Quinta Sezione) 14 novembre 2014. Nella causa C-394/14. contro. LA CORTE (Quinta Sezione), ORDINANZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 14 novembre 2014 «Rinvio pregiudiziale Regolamento di procedura Articolo 99 Trasporto aereo Regolamento (CE) n. 261/2004 Ritardo prolungato di un volo Diritto dei

Dettagli

Commissione delle Comunità europee, rappresentata dai sigg. H. Støvlbæk e R. Amorosi, in qualità di agenti, con domicilio eletto in Lussemburgo,

Commissione delle Comunità europee, rappresentata dai sigg. H. Støvlbæk e R. Amorosi, in qualità di agenti, con domicilio eletto in Lussemburgo, SENTENZA DELLA CORTE di GIUSTIZIA UE (Terza Sezione) 16 settembre 2004. «Inadempimento di uno Stato Inquinamento e fattori nocivi Protezione del suolo Fanghi di depurazione Trasmissione di informazioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 3708/2007 proposto da: FALLIMENTO DELLA ALFA S.N.C.

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 19 dicembre 2013 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 19 dicembre 2013 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 19 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Direttive 90/619/CEE e 92/96/CEE Assicurazione diretta sulla vita Diritto di rinuncia Assenza di informazione sulle condizioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione)

GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione) GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione) Il marchio comunitario è un marchio unico valevole sull intero territorio dell Unione Europea. Il marchio comunitario

Dettagli

Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 9 ottobre 2014, C-299/13

Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 9 ottobre 2014, C-299/13 Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 9 ottobre 2014, C-299/13 Sentenza 1 La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull interpretazione degli articoli 5, paragrafo 2, e 6 della direttiva 2008/7/CE

Dettagli

contro nei confronti di

contro nei confronti di . N. 00174/2012REG.PROV.COLL. N. 05054/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

Dettagli

emessa dalla Commissione Tributaria Provinciale di MANTOVA contro:

emessa dalla Commissione Tributaria Provinciale di MANTOVA contro: REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO SEZIONE STACCATA DI BRESCIA SESSANTATREESIMA SEZIONE riunita con l'intervento dei Signori: Fondrieschi Fausto

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 26 marzo 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 26 marzo 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 26 marzo 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Assicurazione obbligatoria della responsabilità civile risultante dalla circolazione di autoveicoli Direttiva 90/232/CEE Articolo

Dettagli

Con questa importante sentenza, il Tribunale Amministrativo Regionale dell Umbria

Con questa importante sentenza, il Tribunale Amministrativo Regionale dell Umbria Con questa importante sentenza, il Tribunale Amministrativo Regionale dell Umbria presieduto da Pier Giorgio Lignani, che si è avvalso di Carlo Luigi Cardoni quale estensore ha censurato l operato di una

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli