SENTENZA DEL TRIBUNALE (Seconda Sezione) 14 maggio 2013 (*)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SENTENZA DEL TRIBUNALE (Seconda Sezione) 14 maggio 2013 (*)"

Transcript

1 SENTENZA DEL TRIBUNALE (Seconda Sezione) 14 maggio 2013 (*) «Marchio comunitario Opposizione Domanda di marchio comunitario denominativo PARTITO DELLA LIBERTÀ e di marchio comunitario figurativo Partito della Libertà Nome di dominio nazionale anteriore partitodellaliberta.it Articolo 8, paragrafo 4, del regolamento (CE) n. 207/2009 Mancanza di prova dell uso del nome di dominio anteriore partitodellaliberta.it nella normale prassi commerciale» Nelle cause T 321/11 e T 322/11, Raffaello Morelli, residente a Roma, rappresentato dall avv. G. Brenelli, contro ricorrente, Ufficio per l armonizzazione nel mercato interno (marchi, disegni e modelli) (UAMI), rappresentato da P. Bullock, in qualità di agente, convenuto, controinteressate dinanzi alla commissione di ricorso dell UAMI, intervenienti dinanzi al Tribunale: Associazione nazionale circolo del popolo della libertà, con sede a Milano, rappresentata dagli avv.ti P. Tarchini, G. Sena e C.M. Furlani, nella causa T 321/11, Michela Vittoria Brambilla, residente a Milano, rappresentata dagli avv.ti P. Tarchini, G. Sena e C. M. Furlani, nella causa T 322/11, avente ad oggetto alcuni ricorsi proposti avverso le decisioni della prima commissione di ricorso dell UAMI del 17 marzo 2011 (procedimenti R 1303/ e R 1304/2010 1), relative a procedimenti di opposizione tra il sig. Raffaello Morelli, da una parte, e, rispettivamente, l Associazione nazionale circolo del popolo della libertà e la sig.ra Michela Vittoria Brambilla, dall altra, IL TRIBUNALE (Seconda Sezione), composto da N.J. Forwood (relatore), presidente, F. Dehousse e J. Schwarcz, giudici, cancelliere: E. Coulon, visti i ricorsi depositati presso la cancelleria del Tribunale il 21 giugno 2011,

2 visti i controricorsi dell UAMI depositati presso la cancelleria del Tribunale il 15 settembre 2011, viste i controricorsi delle intervenienti depositati presso la cancelleria del Tribunale l 11 ottobre 2011, visto che le parti non hanno presentato domanda di fissazione dell udienza nel termine di un mese dalla notifica della chiusura della fase scritta ed avendo quindi deciso, su relazione del giudice relatore e in applicazione dell articolo 135 bis del regolamento di procedura del Tribunale, di statuire senza aprire la fase orale del procedimento, viste le osservazioni depositate presso la cancelleria dal ricorrente e dall UAMI riguardo all eventuale riunione delle cause ai fini della decisione finale, ha pronunciato la seguente Sentenza Fatti Domanda di marchio comunitario depositata dall Associazione nazionale circolo del popolo della libertà 1 Il 26 aprile 2007 l Associazione nazionale circolo della libertà presentava una domanda di registrazione di marchio comunitario dinanzi all Ufficio per l armonizzazione nel mercato interno (marchi, disegni e modelli) (UAMI), ai sensi del regolamento (CE) n. 40/94 del Consiglio, del 20 dicembre 1993, sul marchio comunitario (GU 1994, L 11, pag. 1), come modificato [sostituito dal regolamento (CE) n. 207/2009 del Consiglio, del 26 febbraio 2009, sul marchio comunitario (GU L 78, pag. 1)]. Tale domanda è stata successivamente trasferita all interveniente nella causa T 321/11, l Associazione nazionale circolo del popolo della libertà. 2 Il marchio del quale è stata chiesta la registrazione è il segno denominativo PARTITO DELLA LIBERTÀ. 3 I prodotti e servizi per i quali tale registrazione è stata chiesta rientrano nelle classi 9, 14, 16, 24, 25, 35, 36, 38, 41, 42 e 45 di cui all Accordo di Nizza, del 15 giugno 1957, relativo alla classificazione internazionale dei prodotti e dei servizi ai fini della registrazione dei marchi, come riveduto e modificato, e corrispondono, per ciascuna di tali classi, alla descrizione seguente: classe 9: «Apparecchi e strumenti scientifici, nautici, geodetici, fotografici, cinematografici, ottici, di pesata, di misura, di segnalazione, di controllo (ispezione), di soccorso (salvataggio) e d insegnamento; apparecchi e strumenti per la conduzione, la distribuzione, la trasformazione, l accumulazione, la regolazione ed il controllo dell elettricità; apparecchi per la registrazione, la trasmissione, la riproduzione del suono o delle immagini; supporti di registrazione magnetica, dischi per registrazione; distributori automatici e meccanismi per apparecchi di prepagamento; registratori di

3 cassa, macchine calcolatrici, apparecchi per l elaborazione di dati ed elaboratori elettronici; estintori; programmi registrati per elaboratori elettronici»; classe 14: «Metalli preziosi e loro leghe e prodotti in tali materie o placcati non compresi in altre classi; gioielleria, pietre preziose; orologeria e strumenti cronometrici»; classe 16: «Carta, cartone e prodotti in queste materie, non compresi in altre classi; stampati; articoli per legatoria; fotografie; cartoleria; adesivi (materie collanti) per la cartoleria o per uso domestico; materiale per artisti; pennelli; macchine da scrivere e articoli per ufficio (esclusi i mobili); materiale per l istruzione o l insegnamento (tranne gli apparecchi); materie plastiche per l imballaggio (non comprese in altre classi); caratteri tipografici; cliché»; classe 24: «Tessuti e prodotti tessili non compresi in altre classi; coperte da letto e copritavoli»; classe 25: «Articoli di abbigliamento, scarpe, copricapo»; classe 35: «Pubblicità; gestione di affari commerciali; amministrazione commerciale; lavori di ufficio»; classe 36: «Affari finanziari; affari monetari; affari immobiliari»; classe 38: «Telecomunicazioni»; classe 41: «Educazione; formazione; divertimento; attività sportive e culturali»; classe 42: «Servizi scientifici e tecnologici compresi i servizi di ricerca e di design ad essi relativi; servizi di analisi e di ricerche industriali; creazione e sviluppo di software ed hardware per elaboratori elettronici»; classe 45: «Servizi personali e sociali resi da terzi per il soddisfacimento di necessità individuali; servizi di sicurezza per la protezione di beni e degli individui; servizi giuridici». 4 La domanda di marchio comunitario è stata pubblicata sul Bollettino dei marchi comunitari n. 63/2007, del 19 novembre Il 15 febbraio 2008 il sig. Raffaello Morelli, ricorrente, e l Associazione politica federazione dei liberali, proponevano opposizione, ai sensi dell articolo 42 del regolamento n. 40/94 (divenuto articolo 41 del regolamento n. 207/2009), avverso la registrazione del marchio richiesto per i prodotti e servizi indicati al precedente punto 3. 6 A sostegno di tale opposizione, il ricorrente e l Associazione politica federazione dei liberali facevano valere, sulla base dell articolo 8, paragrafo 4, del regolamento n. 40/94 (divenuto articolo 8, paragrafo 4, del regolamento n. 207/2009), l uso nella normale prassi commerciale del nome di dominio anteriore «partitodellaliberta.it», che era stato attribuito loro dall autorità incaricata in Italia dell attribuzione dei nomi di dominio il 9 agosto 2004.

4 7 Il ricorrente e l Associazione politica federazione dei liberali sostenevano di aver utilizzato tale segno per prodotti e servizi rientranti nelle classi 16, 35, 38, 41 e 45 e corrispondenti, per ciascuna di tali classi, alla descrizione seguente: classe 16: «Carta, cartone e prodotti in queste materie, non compresi in altre classi; stampati; fotografie; cartoleria; materiale per l istruzione o l insegnamento»; classe 35: «Pubblicità»; classe 38: «Telecomunicazioni»; classe 41: «Educazione; formazione; divertimento; attività sportive e culturali»; classe 45: «Servizi politici; attività di propaganda politica diretta al raggiungimento di determinati risultati e/o ideali politici». 8 Il ricorrente e l Associazione politica federazione dei liberali sostenevano in particolare, nell ambito di tale opposizione, che la portata del nome di dominio «partitodellaliberta.it» non era solamente locale e che, in conformità al diritto italiano, il suo titolare era in grado di vietare su tale base l uso di un marchio successivo. Tale opposizione è stata completata da una documentazione finalizzata a provare l uso commerciale di detto nome di dominio, costituita essenzialmente da riproduzioni di pagine estratte dal sito Internet «www.partitodellaliberta.it», nonché da articoli di stampa. 9 Il 10 maggio 2010 la divisione di opposizione respingeva l opposizione, in quanto il ricorrente e l Associazione politica federazione dei liberali non erano riusciti a dimostrare l uso nella normale prassi commerciale del nome di dominio «www.partitodellaliberta.it» prima della data di deposito della domanda di registrazione. 10 Il 14 luglio 2010 il ricorrente e l Associazione politica federazione dei liberali proponevano ricorso dinanzi all UAMI, ai sensi degli articoli da 58 a 64 del regolamento n. 207/2009, avverso la decisione della divisione di opposizione. 11 Con decisione del 17 marzo 2011 (in prosieguo: la «decisione impugnata nella causa T 321/11»), la prima commissione di ricorso dell UAMI ha respinto tale ricorso. Anzitutto, essa ha considerato, al riguardo, che il semplice inserimento di un nome di dominio nel registro dei nomi di dominio in Italia non era sufficiente a far nascere un titolo suscettibile di conferire al titolare di detto nome di dominio una tutela in virtù dell articolo 8, paragrafo 4, del regolamento n. 207/2009. Poi, essa ha ritenuto che il ricorrente e l Associazione politica federazione dei liberali non avessero fornito alcuna prova dell uso del nome di dominio «partitodellaliberta.it» nella normale prassi commerciale, per i prodotti e servizi indicati al precedente punto 7. Da una parte, secondo la commissione di ricorso, il ricorrente e l Associazione politica federazione dei liberali non hanno dimostrato sotto quale profilo la semplice visibilità di un sito Internet potesse costituire un uso nella normale prassi commerciale ai sensi dell articolo 8, paragrafo 4, del regolamento n. 207/2009. Dall altra, la commissione di ricorso ha considerato che il meccanismo di reinstradamento automatico dal sito «www.partitodellaliberta.it» verso il sito «www.liberali.it», lungi dal dimostrare l uso del nome di dominio «partitodellaliberta.it» nella normale prassi commerciale, attestava invece

5 il fatto che il sito costituito a partire da detto nome di dominio era fittizio e privo di interesse, in quanto l unico sito che esponeva contenuti era il sito «www.liberali.it». Domanda di marchio comunitario depositata dalla sig.ra Michela Vittoria Brambilla 12 Il 6 agosto 2007, la sig.ra Michela Vittoria Brambilla, interveniente nella causa T 322/11, presentava una domanda di registrazione di marchio comunitario dinanzi all UAMI, in virtù del regolamento n. 40/ Il marchio oggetto della domanda di registrazione è il seguente segno figurativo: 14 I prodotti e servizi per i quali tale registrazione era stata chiesta rientrano nelle classi 9, 14, 16, 24, 25, 35, 36, 38, 41, 42 e 45 ai sensi dell Accordo di Nizza e corrispondono, per ciascuna di tali classi, alla stessa descrizione di cui al precedente punto Tale domanda di marchio comunitario è stata pubblicata sul Bollettino dei marchi comunitari n. 32/2008, dell 11 agosto Il 10 ottobre 2008 il ricorrente, nonché l Associazione politica federazione dei liberali, proponevano opposizione, ai sensi dell articolo 42 del regolamento n. 40/94, avverso la registrazione di tale marchio figurativo per i prodotti e servizi indicati al precedente punto A sostegno di tale opposizione, il ricorrente e l Associazione politica federazione dei liberali facevano valere, sulla base dell articolo 8, paragrafo 4, del regolamento n. 40/94, l uso nella normale prassi commerciale del nome di dominio anteriore «partitodellaliberta.it», indicato al precedente punto Il ricorrente e l Associazione politica federazione dei liberali sostenevano di aver utilizzato tale segno per prodotti e servizi rientranti nelle classi 16, 35, 38, 41 e 45 e corrispondenti, per ciascuna di tali classi, alla stessa descrizione di cui al precedente punto Il ricorrente e l Associazione politica federazione dei liberali hanno in particolare sostenuto, nell ambito di tale opposizione, che la portata del nome di dominio «partitodellaliberta.it»

6 non era solamente locale e che, in conformità al diritto italiano, il suo titolare aveva il diritto di vietare su tale base l uso di un marchio successivo. Tale opposizione è stata completata da un fascicolo di documenti simile a quello presentato nell ambito dell opposizione alla domanda di registrazione del segno denominativo PARTITO DELLA LIBERTÀ. 20 Il 10 maggio 2010 la divisione di opposizione respingeva l opposizione, poiché il ricorrente e l Associazione politica federazione dei liberali non erano riusciti a dimostrare l uso nella normale prassi commerciale del nome di dominio «partitodellaliberta.it» prima della data di deposito della domanda di registrazione. 21 Il 14 luglio 2010 il ricorrente e l Associazione politica federazione dei liberali proponevano ricorso dinanzi all UAMI, ai sensi degli articoli da 58 a 64 del regolamento n. 207/2009, avverso la decisione della divisione di opposizione. 22 Con decisione del 17 marzo 2011 (in prosieguo: la «decisione impugnata nella causa T 322/11») la prima commissione di ricorso dell UAMI respingeva il ricorso. Tale decisione si fonda su una motivazione identica a quella contenuta nella decisione impugnata nella causa T 321/11. Conclusioni delle parti 23 Il ricorrente chiede che il Tribunale voglia: annullare la decisione impugnata nella causa T 321/11, nonché la decisione impugnata nella causa T 322/11; annullare le decisioni della divisione di opposizione del 14 maggio 2010; riformare la decisione impugnata nella causa T 321/11, nonché la decisione impugnata nella causa T 322/11, dichiarando fondate le opposizioni proposte dal ricorrente avverso le domande di registrazione dei marchi comunitari di cui trattasi e, pertanto, respingere dette domande; condannare l interveniente nella causa T 321/11 e l interveniente nella causa T 322/11 alle spese. 24 L UAMI, l interveniente nella causa T 321/11 e l interveniente nella causa T 322/11 chiedono che il Tribunale voglia: respingere i ricorsi; condannare il ricorrente alle spese. In diritto 25 Occorre, dopo aver sentito le parti su questo punto, riunire le presenti cause ai fini della sentenza, in applicazione dell articolo 50 del regolamento di procedura del Tribunale.

7 26 Il ricorrente fa valere, tanto nell ambito del ricorso nella causa T 321/11 quanto del ricorso nella causa T 322/11, un unico motivo, vertente sulla violazione dell articolo 8, paragrafo 4, del regolamento n. 207/ Secondo il ricorrente, la prima commissione di ricorso dell UAMI, in tali due decisioni, ha erroneamente applicato la nozione di uso nella normale prassi commerciale ai sensi dell articolo 8, paragrafo 4, del regolamento n. 207/2009. Difatti, da una parte, la commissione di ricorso avrebbe erroneamente imposto al ricorrente di produrre elementi di prova quali fatture, listini di prezzi, fatturati, cataloghi o, ancora, opuscoli al fine di dimostrare l uso del nome di dominio «partitodellaliberta.it» nella normale prassi commerciale, senza tener conto della natura specifica dei servizi e delle attività di propaganda politica per le quali tale segno è utilizzato. Documenti di tale tipo non potrebbero in alcun caso dimostrare l uso di tale nome di dominio nella normale prassi commerciale, in quanto solo articoli di stampa riguardanti le iniziative del partito politico del ricorrente o discorsi politici pronunciati da suoi membri potrebbero essere utili in tale contesto. Dall altra parte, il ricorrente sostiene che la prima commissione di ricorso dell UAMI avrebbe dovuto giudicare prodotta, nella fattispecie, la prova dell uso del nome di dominio «partitodellaliberta.it» nella normale prassi commerciale, tenuto conto non solamente della visibilità sulla rete Internet, conferita a tale nome di dominio dalla sua registrazione da parte dell autorità competente in Italia, ma anche dei contenuti politici presenti nel sito Internet «www.liberali.it», verso il quale erano automaticamente reindirizzate le persone che consultavano il sito Internet «www.partitodellaliberta.it» nel periodo in cui sono state depositate le domande di registrazione indicate ai precedenti punti 1 e L UAMI e le intervenienti contestano tali argomenti. 29 Al riguardo, occorre ricordare che, ai sensi dell articolo 8, paragrafo 4, del regolamento n. 207/2009, l esistenza di un marchio anteriore non registrato o di un segno diverso da un marchio legittima l opposizione se essi soddisfano i seguenti requisiti: essere utilizzati nella normale prassi commerciale; avere una portata non solamente locale; attribuire al loro titolare il diritto di vietare l uso di un marchio più recente; il diritto ai segni in parola deve essere stato acquisito conformemente alla normativa dell Unione o al diritto dello Stato membro in cui i segni sono stati utilizzati prima della data di deposito della domanda di marchio comunitario [v., per analogia, sentenza del Tribunale del 30 giugno 2009, Danjaq/UAMI Mission Productions (Dr. No), T 435/05, Racc. pag. II 2097, punto 35 e giurisprudenza ivi citata]. 30 Tali requisiti sono cumulativi. Pertanto, quando un segno non soddisfa uno di essi, l opposizione fondata sull esistenza di un marchio non registrato o di altri segni utilizzati nella normale prassi commerciale ai sensi dell articolo 8, paragrafo 4, del regolamento n. 207/2009 non può essere accolta (sentenza Dr. No, punto 29 supra, punto 35). 31 I primi due requisiti, relativi all uso e alla portata del segno fatto valere, la quale ultima non dev essere solamente locale, risultano dalla formulazione stessa dell articolo 8, paragrafo 4, del regolamento n. 207/2009 e devono, quindi, essere interpretati alla luce del diritto dell Unione. Pertanto, il regolamento n. 207/2009 stabilisce standard uniformi, relativi all uso dei segni e alla loro portata, coerenti con i principi che ispirano il sistema istituito da

8 tale regolamento [v., per analogia, sentenza del Tribunale del 14 settembre 2011, Olive Line International/UAMI Knopf (O live), T 485/07, non pubblicata nella Raccolta, punto 50 e giurisprudenza ivi citata]. 32 Per quanto concerne il requisito indicato all articolo 8, paragrafo 4, del regolamento n. 207/2009, secondo il quale il segno di cui trattasi deve essere «utilizzato nella normale prassi commerciale», è stato dichiarato che un interpretazione di tali termini nel senso che, in sostanza, il segno debba costituire l oggetto di un uso commerciale corrisponde all usuale accezione di detti termini (sentenza della Corte del 29 marzo 2011, Anheuser Busch/Budějovický Budvar, C 96/09 P, Racc. pag. I 2131; in prosieguo: la «sentenza Anheuser Busch», punto 144). 33 Ne consegue che un segno è utilizzato nella normale prassi commerciale qualora il suo uso si collochi nel quadro di un attività commerciale finalizzata a un vantaggio economico, e non nell ambito privato [sentenza del Tribunale del 9 luglio 2010, Grain Millers/UAMI Grain Millers (GRAIN MILLERS), T 430/08, non pubblicata nella Raccolta, punto 28]. 34 Dalla giurisprudenza risulta peraltro che, per poter impedire la registrazione di un nuovo segno sulla base dell articolo 8, paragrafo 4, del regolamento n. 207/2009, il segno che viene invocato a sostegno dell opposizione deve essere effettivamente utilizzato in modo sufficientemente significativo nella normale prassi commerciale e deve avere un estensione geografica che non sia puramente locale, il che implica, qualora il territorio di protezione di tale segno possa essere considerato di estensione diversa dalla locale, che la suddetta utilizzazione abbia luogo in una parte rilevante di tale territorio (sentenza Anheuser Busch, punto 32 supra, punto 159). 35 Al fine di stabilire se ricorra tale ipotesi, occorre tener conto della durata e dell intensità dell uso di tale segno in quanto elemento distintivo per i suoi destinatari, che sono tanto gli acquirenti e i consumatori, quanto i fornitori e i concorrenti (sentenza Anheuser Busch, punto 32 supra, punto 160). 36 Infine, com è stato dichiarato dalla Corte nella sua sentenza Anheuser Busch, citata nel precedente punto 32, occorre applicare al requisito dell uso nella normale prassi commerciale del segno invocato a sostegno dell opposizione un criterio cronologico identico a quello espressamente previsto all articolo 8, paragrafo 4, lettera a), del regolamento n. 207/2009, per quanto riguarda l acquisizione del diritto sul segno in parola, vale a dire il criterio della data di deposito della domanda di registrazione del marchio comunitario (sentenza Anheuser Busch, cit., punti da 166 a 168). 37 Nella fattispecie, il Tribunale rileva che la commissione di ricorso, sulla base degli elementi ad essa presentati dal ricorrente nell ambito dei procedimenti di opposizione, non ha commesso alcun errore nel giungere alla conclusione che il ricorrente non aveva dimostrato l uso nella normale prassi commerciale del nome di dominio «partitodellaliberta.it». 38 Al riguardo, occorre respingere, in primo luogo, l argomento del ricorrente, secondo il quale la sola circostanza che il nome di dominio «partitodellaliberta.it» gli fosse stato attribuito dall autorità competente in Italia per la registrazione di tali nomi di dominio proverebbe l uso di detto nome di dominio nella normale prassi commerciale, tenuto conto della visibilità che ne consegue sulla rete Internet.

9 39 Certo, è possibile che un nome di dominio corrispondente a un sito Internet costituisca oggetto di un utilizzo nella normale prassi commerciale e, a condizione che gli altri requisiti previsti dall articolo 8, paragrafo 4, del regolamento n. 207/2009 siano soddisfatti, possa costituire un motivo valido di opposizione avverso la registrazione di un marchio comunitario in applicazione di tale disposizione. 40 Risulta, tuttavia, dalla giurisprudenza citata nei precedenti punti da 33 a 35, che ciò vale soltanto nel caso in cui sia dimostrato che detto nome di dominio è effettivamente utilizzato nel quadro di un attività commerciale finalizzata a un vantaggio economico. Orbene, la sola registrazione di un nome di dominio, che costituisce un operazione tecnica volta unicamente a permettere al suo titolare di utilizzarlo sulla rete Internet per un lasso di tempo determinato, non può costituire in sé la prova di un tale utilizzo in assenza di elementi concreti che dimostrino che tale è il caso. 41 In secondo luogo, il ricorrente fa valere l esistenza di un meccanismo automatico di reindirizzamento del sito Internet «www.partitodellaliberta.it» verso il sito «www.liberali.it». 42 Il Tribunale rileva anzitutto, al riguardo, che il sito Internet corrispondente al nome di dominio sul quale si fondano le opposizioni era effettivamente in costruzione ed era sprovvisto di un proprio contenuto al momento del deposito delle due domande di registrazione indicate ai precedenti punti 1 e 12, vale a dire, rispettivamente, il 26 aprile e il 6 agosto Poi, occorre sottolineare che l esistenza, in tale periodo, del meccanismo di reindirizzamento automatico al quale si riferisce il ricorrente non è formalmente contestata nel caso di specie. 43 Orbene, com è stato giustamente illustrato dalla commissione di ricorso nelle due decisioni impugnate, tale meccanismo di reindirizzamento tende a dimostrare che il sito Internet «www.liberali.it» era l unico realmente operativo al momento del deposito delle domande di registrazione, poiché, diversamente dal sito Internet «www.partitodellaliberta.it», esso presentava un proprio contenuto. 44 Ne consegue che, senza che sia neppure necessario esaminare la natura delle informazioni disponibili sul sito Internet «www.liberali.it» nel momento in cui le domande indicate ai precedenti punti 1 e 12 sono state depositate, il meccanismo di reindirizzamento che operava in quel momento non era in grado di dimostrare, nel caso di specie, l utilizzo del nome di dominio «partitodellaliberta.it» nella normale prassi commerciale. 45 In terzo luogo, la commissione di ricorso è giustamente giunta alla conclusione che gli altri documenti presentati dal ricorrente a sostegno delle sue opposizioni non dimostravano neppure l uso del nome di dominio «partitodellaliberta.it» nella normale prassi commerciale nel momento del deposito delle domande di registrazione di cui ai precedenti punti 1 e Quanto, anzitutto, all articolo di giornale apparso il 25 agosto 2007 sul sito Internet del quotidiano La Stampa, occorre rilevare che esso non dimostra alcun utilizzo del nome di dominio «partitodellaliberta.it» nel quadro di un attività commerciale finalizzata a un vantaggio economico, in quanto tale articolo si limita ad affermare l esistenza del sito Internet «partitodellaliberta.it». 47 Riguardo, poi, agli estratti dal sito Internet «www.partitodellaliberta.it» presentati dal ricorrente nell ambito dei procedimenti di opposizione, occorre rilevare che essi sono

10 cronologicamente successivi alle date di deposito delle domande di registrazione indicate ai precedenti punti 1 e 12. Pertanto, in conformità alla giurisprudenza ricordata al precedente punto 36, non possono in linea di principio contribuire a dimostrare l utilizzo del nome di dominio «partitodellaliberta.it» nella normale prassi commerciale al fine di fondare un opposizione avverso dette domande. 48 Inoltre, com è stato giustamente affermato dalle intervenienti, la commissione di ricorso è giustamente giunta alla conclusione che tali estratti non contenevano alcuna informazione che dimostrasse che il nome di dominio «partitodellaliberta.it» fosse utilizzato nell ambito di un attività commerciale finalizzata a un vantaggio economico, in quanto tali estratti si limitano alla sintetica presentazione di un programma politico. 49 Quanto, infine, agli altri documenti presentati a sostegno delle opposizioni nel corso del procedimento amministrativo, che consistono, essenzialmente, in estratti di pubblicazioni e in riproduzioni di pagine Internet relative al concetto di libertà, è sufficiente rilevare che il ricorrente, nell ambito del presente ricorso, non ha neppure cercato di esporre sotto quale profilo essi potrebbero riuscire a dimostrare che il nome di dominio «partitodellaliberta.it» fosse utilizzato nella normale prassi commerciale nelle date nelle quali le domande di registrazione di cui ai precedenti punti 1 e 12 sono state depositate. 50 Non essendo, quindi, il ricorrente riuscito a dimostrare l uso del nome di dominio «partitodellaliberta.it» nella normale prassi commerciale, non occorre esaminare se gli altri requisiti previsti ai fini dell attuazione dell articolo 8, paragrafo 4, del regolamento n. 207/2009 siano soddisfatti nella fattispecie, in particolare, quanto all acquisizione, da parte del ricorrente, di un diritto su detto nome di dominio che gli consenta di vietare l utilizzo di un marchio più recente. 51 Ne consegue che l unico motivo, vertente sulla violazione dell articolo 8, paragrafo 4, del regolamento n. 207/2009, deve essere respinto in quanto infondato, così come i ricorsi nel loro insieme, senza che occorra pronunciarsi sulla ricevibilità del secondo e del terzo capo delle conclusioni del ricorrente, diretti a chiedere al Tribunale, da una parte, di annullare le decisioni della divisione di opposizione del 14 maggio 2010 e, dall altra parte, di riformare la decisione impugnata nella causa T 321/11, nonché la decisione impugnata nella causa T 322/11, dichiarando fondate le opposizioni proposte avverso le domande di registrazione dei marchi comunitari di cui trattasi. Sulle spese 52 Ai sensi dell articolo 87, paragrafo 2, del regolamento di procedura, la parte soccombente è condannata alle spese se ne è stata fatta domanda. 53 Poiché l UAMI e le intervenienti ne hanno fatto domanda, il ricorrente, rimasto soccombente sia nella causa T 321/11, che nella causa T 322/11, dev essere condannato alla totalità delle spese in ciascuna delle due cause. Per questi motivi, IL TRIBUNALE (Seconda Sezione)

11 dichiara e statuisce: 1) Le cause T 321/11 e T 322/11 sono riunite ai fini della sentenza. 2) I ricorsi sono respinti. 3) Il sig. Raffaello Morelli è condannato alle spese. Forwood Dehousse Schwarcz Così deciso e pronunciato a Lussemburgo il 14 maggio 2013.

7 aprile 2011 (*) contro. controinteressato nel procedimento dinanzi alla commissione di ricorso dell UAMI e interveniente dinanzi al Tribunale:

7 aprile 2011 (*) contro. controinteressato nel procedimento dinanzi alla commissione di ricorso dell UAMI e interveniente dinanzi al Tribunale: SENTENZA DEL TRIBUNALE (Quarta Sezione) 7 aprile 2011 (*) «Marchio comunitario Procedura di opposizione Domanda di marchio comunitario denominativo COMIT Marchio nazionale figurativo anteriore Comet Impedimento

Dettagli

Tribunale I grado CE, sez. III, 27 aprile 2010

Tribunale I grado CE, sez. III, 27 aprile 2010 Nelle cause riunite T-303/06 e T-337/06, Tribunale I grado CE, sez. III, 27 aprile 2010 UniCredito Italiano SpA, con sede in Genova, rappresentata dagli avv.ti G. Floridia, R. Floridia e F. Polettini,

Dettagli

Sentenza 28 giugno 2005

Sentenza 28 giugno 2005 TRIBUNALE CE: SENTENZA NON CONFUSIONE MARCHI CANALI E CANAL JEAN CO. NEW YORK Ancora una interessante pronuncia del Tribunale di primo grado della Comunità con riferimento al conflitto tra un marchio di

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Ottava Sezione) 6 ottobre 2011 (*)

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Ottava Sezione) 6 ottobre 2011 (*) 1 di 13 31/03/2014 11.23 SENTENZA DEL TRIBUNALE (Ottava Sezione) 6 ottobre 2011 (*) «Marchio comunitario Domanda di marchio comunitario tridimensionale Raffigurazione di un altoparlante Esecuzione da parte

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*) «Impugnazione Marchio comunitario Marchio figurativo F1-LIVE Opposizione del titolare dei marchi denominativi internazionali e nazionali F1 e di un

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*) «Impugnazione Marchio comunitario Marchio figurativo F1-LIVE Opposizione del titolare dei marchi denominativi internazionali e nazionali F1 e di un

Dettagli

TRIBUNALE DI PRIMO GRADO DELLE COMUNITÀ EUROPEE Seconda Sezione (ampliata)

TRIBUNALE DI PRIMO GRADO DELLE COMUNITÀ EUROPEE Seconda Sezione (ampliata) Giurisprudenza comunitaria TRIBUNALE DI PRIMO GRADO DELLE COMUNITÀ EUROPEE Seconda Sezione (ampliata) SENTENZA del 25 Ottobre 2005 (*) Procedimento numero T 379/03 Parti: Peek & Cloppenburg KG contro Ufficio

Dettagli

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Prima Sezione) 6 novembre 2007 (*)

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Prima Sezione) 6 novembre 2007 (*) SENTENZA DEL TRIBUNALE (Prima Sezione) 6 novembre 2007 (*) «Marchio comunitario Opposizione Domanda di marchio comunitario figurativo REVIAN s Marchi non comunitari anteriori evian Produzione tardiva della

Dettagli

Sentenza del Tribunale di primo grado. (Prima Sezione) del 15 febbraio 2005.

Sentenza del Tribunale di primo grado. (Prima Sezione) del 15 febbraio 2005. Sentenza del Tribunale di primo grado (Prima Sezione) del 15 febbraio 2005. Cervecería Modelo, SA de CV contro Ufficio per l'armonizzazione nel mercato interno (marchi, disegni e modelli) (UAMI). Marchio

Dettagli

Tribunale I grado CE, sez. V, 4 marzo 2010 Nella causa T-24/08,

Tribunale I grado CE, sez. V, 4 marzo 2010 Nella causa T-24/08, Nella causa T-24/08, Weldebräu GmbH & Co. KG, con sede in Plankstadt (Germania), rappresentata dall avv. W. Göpfert, avocat, ricorrente, contro Ufficio per l armonizzazione nel mercato interno (marchi,

Dettagli

Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03

Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03 Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03 SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) «Artt. 43 CE, 49 CE e 81 CE Concessione relativa alla gestione del servizio pubblico di distribuzione

Dettagli

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Seconda Sezione) 30 giugno 2004 (1)

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Seconda Sezione) 30 giugno 2004 (1) Page 1 of 13 AVVISO IMPORTANTE:Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright. SENTENZA DEL TRIBUNALE (Seconda

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA (Settima Sezione) 25 settembre 2008 (*)

SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA (Settima Sezione) 25 settembre 2008 (*) SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA (Settima Sezione) 25 settembre 2008 (*) «Inadempimento di uno Stato Direttiva 2000/59/CE Impianti portuali di raccolta per i rifiuti prodotti dalle navi e i residui del

Dettagli

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Quarta Sezione) 20 marzo 2013 (*)

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Quarta Sezione) 20 marzo 2013 (*) SENTENZA DEL TRIBUNALE (Quarta Sezione) 20 marzo 2013 (*) «Marchio comunitario Opposizione Domanda di marchio comunitario denominativo CLUB GOURMET Marchio nazionale figurativo anteriore CLUB DEL GOURMET,

Dettagli

Raccolta della giurisprudenza

Raccolta della giurisprudenza Raccolta della giurisprudenza SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 13 marzo 2014 * «Rinvio pregiudiziale Direttiva 2006/114/CE Nozioni di pubblicità ingannevole e di pubblicità comparativa Normativa nazionale

Dettagli

Fatti all'origine della controversia

Fatti all'origine della controversia 1/6 AVVISO IMPORTANTE:Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright. SENTENZA DEL TRIBUNALE (Seconda Sezione)

Dettagli

Registrazione di marchio comunitario: quando è legittima l opposizione Tribunale UE, sez. II, sentenza n. T-321/11 (Michele Iaselli)

Registrazione di marchio comunitario: quando è legittima l opposizione Tribunale UE, sez. II, sentenza n. T-321/11 (Michele Iaselli) Registrazione di marchio comunitario: quando è legittima l opposizione Tribunale UE, sez. II, sentenza 14.05.2013 n. T-321/11 (Michele Iaselli) Il Tribunale europeo con la sentenza in argomento è chiamato

Dettagli

Il Tribunale di Udine, sezione civile, DECRETO

Il Tribunale di Udine, sezione civile, DECRETO Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati dott. Alessandra Bottan Griselli dott. Francesco Venier Presidente; Giudice dott. Mimma Grisafi Giudice

Dettagli

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO A001031, 1 A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO Importante sentenza della Corte di cassazione, con cui la

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE DEL 22 OTTOBRE 1987. - FOTO-FROST CONTRO HAUPTZOLLAMT LUEBECK-OST. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL

SENTENZA DELLA CORTE DEL 22 OTTOBRE 1987. - FOTO-FROST CONTRO HAUPTZOLLAMT LUEBECK-OST. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL SENTENZA DELLA CORTE DEL 22 OTTOBRE 1987. - FOTO-FROST CONTRO HAUPTZOLLAMT LUEBECK-OST. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL FINANZGERICHT HAMBURG. - INCOMPETENZA DEI GIUDICI NAZIONALI A

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 2 luglio 2015

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 2 luglio 2015 SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 2 luglio 2015 «Rinvio pregiudiziale Articoli 49 TFUE, 102 TFUE e 106 TFUE Libertà di stabilimento Principio di non discriminazione Abuso di posizione dominante Articolo

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Commissione delle Comunità europee, rappresentata dai sigg. H. Støvlbæk e R. Amorosi, in qualità di agenti, con domicilio eletto in Lussemburgo,

Commissione delle Comunità europee, rappresentata dai sigg. H. Støvlbæk e R. Amorosi, in qualità di agenti, con domicilio eletto in Lussemburgo, SENTENZA DELLA CORTE di GIUSTIZIA UE (Terza Sezione) 16 settembre 2004. «Inadempimento di uno Stato Inquinamento e fattori nocivi Protezione del suolo Fanghi di depurazione Trasmissione di informazioni

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 13 febbraio 2014 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 13 febbraio 2014 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 13 febbraio 2014 (*) «Inadempimento di uno Stato Licenziamenti collettivi Nozione di lavoratori Esclusione dei dirigenti Direttiva 98/59/CE Articolo 1, paragrafi

Dettagli

(Omissis) Sentenza. Fatti

(Omissis) Sentenza. Fatti Va respinta la domanda di registrazione di marchio comunitario per presenza di marchio figurativo anteriore non registrato, utilizzato nella prassi commerciale Trib. primo grado UE, Sez. I 28 ottobre 2015,

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03

SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03 SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03 «Politica di immigrazione Diritto al ricongiungimento familiare dei figli minori di cittadini di paesi terzi Tutela dei diritti

Dettagli

Massime della sentenza

Massime della sentenza Causa C-71/07 P Franco Campoli contro Commissione delle Comunità europee «Impugnazione Funzionari Retribuzione Pensione Applicazione del coefficiente correttore calcolato in funzione del costo medio della

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 9 dicembre 2010 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 9 dicembre 2010 (*) AVVISO IMPORTANTE:Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright. SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 9

Dettagli

DIRITTI CIVILI E POLITICI

DIRITTI CIVILI E POLITICI Diritti umani e diritto internazionale, vol. 3 n. 3 2009 DIRITTI CIVILI E POLITICI Ancora sui rapporti tra ONU e CE in materia di lotta al terrorismo e tutela dei diritti fondamentali: la sentenza del

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 2 luglio 2009 «Marchi Registrazione internazionale Protocollo relativo all Intesa di Madrid Regolamento (CE) n.

SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 2 luglio 2009 «Marchi Registrazione internazionale Protocollo relativo all Intesa di Madrid Regolamento (CE) n. SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 2 luglio 2009 «Marchi Registrazione internazionale Protocollo relativo all Intesa di Madrid Regolamento (CE) n. 40/94 Art. 146 Identità degli effetti di una registrazione

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

5 RICHIAMANDOSI ALLA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE, LA COMMISSIONE SOSTIENE ANZITUTTO CHE LA DEROGA DI CUI ALL ' ART. 48, N. 4, DEL TRATTATO DEV '

5 RICHIAMANDOSI ALLA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE, LA COMMISSIONE SOSTIENE ANZITUTTO CHE LA DEROGA DI CUI ALL ' ART. 48, N. 4, DEL TRATTATO DEV ' Sentenza della Corte del 3 giugno 1986 Commissione delle Comunità europee contro Repubblica francese Requisito della cittadinanza per la nomina al ruolo ad impieghi permanenti di infermiere ed infermiera

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA UE

CORTE DI GIUSTIZIA UE CORTE DI GIUSTIZIA UE SENTENZA 27 ottobre 2011 nel procedimento 530-09 IVA Direttiva 2006/112/CE Artt. 52, lett. a), e 56, n. 1, lett. b) e g) Luogo delle operazioni imponibili Collegamento fiscale Progettazione,

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

Sentenza della Corte di giustizia delle Comunità europee del 29 novembre 2007

Sentenza della Corte di giustizia delle Comunità europee del 29 novembre 2007 Sentenza della Corte di giustizia delle Comunità europee del 29 novembre 2007 Nel procedimento C-68/07, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, ai sensi degli artt.

Dettagli

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI PARTE A DISPOSIZIONI GENERALI SEZIONE 6 REVOCA DI DECISIONI,

Dettagli

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Signori Giudici del Tribunale, Nelle conclusioni di questa mattina,

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA 1^ Sezione Lavoro

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA 1^ Sezione Lavoro TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA 1^ Sezione Lavoro Il giudice dr. Massimo Pagliarini nel procedimento ex art. 28 Stat. lav. n. 16949 del Ruolo affari contenziosi civili dell anno 2015, vertente TRA A.N.M.I.R.S.

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia Sezione staccata di SENTENZA LAZZARINI ANGELO,

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia Sezione staccata di SENTENZA LAZZARINI ANGELO, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia Sezione staccata di Brescia ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n. 113/1992, proposto

Dettagli

DISEGNI E MODELLI (legislazione italiana e comunitaria)

DISEGNI E MODELLI (legislazione italiana e comunitaria) DISEGNI E MODELLI (legislazione italiana e comunitaria) a cura di Forme di protezione Disegni e modelli registrati Disegni e modelli non registrati Definizione di disegno o modello Aspetto di un prodotto

Dettagli

ORDINANZA DEL TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA. DELL UNIONE EUROPEA (Seconda Sezione) 28 aprile 2015 (*)

ORDINANZA DEL TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA. DELL UNIONE EUROPEA (Seconda Sezione) 28 aprile 2015 (*) ORDINANZA DEL TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA DELL UNIONE EUROPEA (Seconda Sezione) 28 aprile 2015 (*) «Articolo 34, paragrafi 1 e 2, del regolamento di procedura Pregiudizio alla corretta amministrazione

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 10 ottobre 2013 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 10 ottobre 2013 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 10 ottobre 2013 (*) «Appalti pubblici Direttiva 2004/18/CE Capacità economica e finanziaria Capacità tecniche e professionali Articoli 47, paragrafo 2, e 48, paragrafo

Dettagli

GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione)

GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione) GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione) Il marchio comunitario è un marchio unico valevole sull intero territorio dell Unione Europea. Il marchio comunitario

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio EURONIC.IT MEDIONET S.R.L. Dr. Luca Barbero. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio EURONIC.IT MEDIONET S.R.L. Dr. Luca Barbero. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio EURONIC.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Euronics Italia S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) MEDIONET

Dettagli

Corte di Giustizia UE, Quarta Sezione, sentenza 11 dicembre 2014, causa C-212/13

Corte di Giustizia UE, Quarta Sezione, sentenza 11 dicembre 2014, causa C-212/13 Corte di Giustizia UE, Quarta Sezione, sentenza 11 dicembre 2014, causa C-212/13 Corte di Giustizia UE, Quarta Sezione, sentenza 11 dicembre 2014, causa C-212/13 (*) «Rinvio pregiudiziale Direttiva 95/46/CE

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile TRIBUNALE DI UDINE sezione civile Successivamente oggi 26.3.2012, ore 10.00, davanti al giudice istruttore, dott. Andrea Zuliani, nella causa civile iscritta al n XXX/12 R.A.C.C., promossa da (A ) con

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE - sul ricorso in opposizione di terzo n. 6540/07, proposto

Dettagli

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO Commissione tributaria regionale Emilia Romagna, sez. XX, 19 agosto 2011, n. 75 FATTO E DIRITTO L Agenzia delle Entrate di Guastalla appella la sentenza n 55/01/08 con cui la Commissione Tributaria Provinciale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO Sent.622/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO in composizione monocratica, in persona del Cons. Dr.ssa Chiara Bersani ha

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 17 settembre 2014

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 17 settembre 2014 SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 17 settembre 2014 «Rinvio pregiudiziale Sistema comune d imposta sul valore aggiunto Direttiva 2006/112/CE Gruppo IVA Fatturazione interna per i servizi forniti da

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca Piazza Roma, 1 55031 CAMPORGIANO (Lucca) Telefono (0583) 618888/9 Fax n. (0583) 618433 Questa guida vuole essere d aiuto ai tanti cittadini comunitari che, alle

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 2 ottobre 2008 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 2 ottobre 2008 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 2 ottobre 2008 (*) «Tariffa doganale comune Nomenclatura combinata Classificazione doganale Voci 8541, 8542 e 8543 Accoppiatori ottici» Nel procedimento C-411/07,

Dettagli

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Quarta Sezione) 15 dicembre 2010 *

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Quarta Sezione) 15 dicembre 2010 * SENTENZA 15. 12. 2010 CAUSA T-427/08 SENTENZA DEL TRIBUNALE (Quarta Sezione) 15 dicembre 2010 * Nella causa T-427/08, Confédération européenne des associations d horlogers-réparateurs (CEAHR), con sede

Dettagli

Sentenza 13 dicembre 2004

Sentenza 13 dicembre 2004 Tribunale di primo Grado delle Comunità Europee - Seconda Sezione Sentenza 13 dicembre 2004 Marchio comunitario Marchio figurativo EMILIO PUCCI Opposizione del titolare dei marchi figurativi nazionali

Dettagli

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI)

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) DIPARTIMENTO OPERAZIONI SERVIZIO DISEGNI E MODELLI DECISIONE DELLA DIVISIONE ANNULLAMENTO DEL 07/12/2011 NEL PROCEDIMENTO RELATIVO

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Dott. Petti Giovanni Battista - Presidente - Dott. Spagna Musso Bruno - Consigliere - Dott. Vivaldi Roberta

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 2 Num. 8824 Anno 2015 Presidente: BUCCIANTE ETTORE Relatore: SCALISI ANTONINO Data pubblicazione: 30/04/2015 SENTENZA sul ricorso 23330-2009 proposto da: PASCUCCI EMANUELA PSCMNL58S44H501F,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO (modificato dall Assemblea dell Associazione R.E TE. Imprese Italia il 15 giugno 2011) Art. 1 OGGETTO E FINALITÀ Il presente regolamento disciplina l utilizzo del

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 2868/95 DELLA COMMISSIONE Sommario (non fa parte del testo ufficiale)

REGOLAMENTO (CE) N. 2868/95 DELLA COMMISSIONE Sommario (non fa parte del testo ufficiale) Articolo 1 REGOLAMENTO (CE) N. 2868/95 DELLA COMMISSIONE Sommario (non fa parte del testo ufficiale) TITOLO I MODALITÀ PROCEDURALI DELLA DOMANDA Regola 1 Contenuto della domanda Regola 2 Elenco dei prodotti

Dettagli

DIFFERENTE TUTELA PER ORFANI E INVALIDI IN CASO DI LICENZIAMENTO RIDUZIONE PERSONALE sente.cass. 30 ottobre 2012, n. 18645 commento e testo

DIFFERENTE TUTELA PER ORFANI E INVALIDI IN CASO DI LICENZIAMENTO RIDUZIONE PERSONALE sente.cass. 30 ottobre 2012, n. 18645 commento e testo DIFFERENTE TUTELA PER ORFANI E INVALIDI IN CASO DI LICENZIAMENTO RIDUZIONE PERSONALE sente.cass. 30 ottobre 2012, n. 18645 commento e testo Colaci.it Si richiama la sentenza della Corte di Cassazione sotto

Dettagli

Ordinanza. Contesto normativo. 3 I considerando 14 e 15 del regolamento n. 261/2004 enunciano quanto segue:

Ordinanza. Contesto normativo. 3 I considerando 14 e 15 del regolamento n. 261/2004 enunciano quanto segue: Corte di Giustizia UE, Quinta Sezione, ordinanza 14 novembre 2014, causa C-394/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Regolamento di procedura Articolo 99 Trasporto aereo Regolamento (CE) n. 261/2004 Ritardo prolungato

Dettagli

presso gli uffici dell Avvocatura comunale, piazza Galileo n. 4;

presso gli uffici dell Avvocatura comunale, piazza Galileo n. 4; R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER L'EMILIA-ROMAGNA SEZIONE SECONDA Registro Sentenze:430/2007 Registro Generale: 566/2006 composto

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE In tema di riscattabilità del diploma di infermiere professionale (Consiglio di Stato, Decisione 11.4.2006 n. 1994) Il ricorso, trattenuto in decisione all udienza del 13 gennaio 2006, è fondato. Il primo

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 4 giugno 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 4 giugno 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 4 giugno 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità Direttiva 92/83/CEE Accisa Birra Articolo 4 Piccole birrerie indipendenti Aliquote ridotte di accisa Presupposti

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 2 luglio 2009 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 2 luglio 2009 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 2 luglio 2009 (*) «Franchigia dai dazi all importazione Regolamento (CEE) n. 918/83 Art. 27 Merci singolarmente di valore trascurabile spedite collettivamente Spedizioni

Dettagli

Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile

Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile Ai sensi del D.Lgs n. 79/1999, non vi è decadenza dalle incentivazioni previste per le fonti di energia rinnovabile se le autorizzazioni

Dettagli

Pagina iniziale > Formulario di ricerca > Elenco dei risultati > Documenti Goldbet Sportwetten GmbH Massimo Sperindeo, Sentenza Contesto normativo

Pagina iniziale > Formulario di ricerca > Elenco dei risultati > Documenti Goldbet Sportwetten GmbH Massimo Sperindeo, Sentenza Contesto normativo InfoCuria - Giurisprudenza della Corte di giustizia italiano (it) Pagina iniziale > Formulario di ricerca > Elenco dei risultati > Documenti Lingua del documento : italiano SENTENZA DELLA CORTE (Terza

Dettagli

raccolta della giurisprudenza 2003 pagina II-00117 Massima Parti Motivazione della sentenza Decisione relativa alle spese Dispositivo Parole chiave

raccolta della giurisprudenza 2003 pagina II-00117 Massima Parti Motivazione della sentenza Decisione relativa alle spese Dispositivo Parole chiave Sentenza del Tribunale di primo grado (Terza Sezione) del 13 febbraio 2003. - Karl L. Meyer contro Commissione delle Comunità europee. - PTOM - Ricorso per risarcimento danni - Obbligo di pubblicità e

Dettagli

Determinazione 23/2015 Definizione della controversia Lotito XXX/ Clouditalia Communications s.p.a. IL DIRIGENTE

Determinazione 23/2015 Definizione della controversia Lotito XXX/ Clouditalia Communications s.p.a. IL DIRIGENTE Determinazione 23/2015 Definizione della controversia Lotito XXX/ Clouditalia Communications s.p.a. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria Corte di Giustizia CEE Sezione V Sentenza del 05/02/2004 Massima: L'art.5, punto 1, della Convenzione 27

Servizio di documentazione tributaria Corte di Giustizia CEE Sezione V Sentenza del 05/02/2004 Massima: L'art.5, punto 1, della Convenzione 27 Servizio di documentazione tributaria Corte di Giustizia CEE Sezione V Sentenza del 05/02/2004 Massima: L'art.5, punto 1, della Convenzione 27 settembre 1968, concernente la e commerciale, come modificata

Dettagli

Commissione Tributaria Provinciale di Enna sezione terza sent. n. 140 del 2010

Commissione Tributaria Provinciale di Enna sezione terza sent. n. 140 del 2010 ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 01/04/2010 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/29248-commissione-tributaria-provinciale-di-ennasezione-terza-sent-n-140-del-2010 Autore: sentenza Commissione Tributaria

Dettagli

Sentenza della Corte (Quarta Sezione) del 14 luglio 2005. Michail Peros contro Techniko Epimelitirio Ellados

Sentenza della Corte (Quarta Sezione) del 14 luglio 2005. Michail Peros contro Techniko Epimelitirio Ellados Sentenza della Corte (Quarta Sezione) del 14 luglio 2005 Michail Peros contro Techniko Epimelitirio Ellados Domanda di pronuncia pregiudiziale: Symvoulio tis Epikrateias - Grecia Direttiva 89/48/CEE -

Dettagli

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum non qualificabile come principio di diritto vincolante Va confermato

Dettagli

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 23 aprile 2009 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 23 aprile 2009 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 23 aprile 2009 (*) «Direttiva 87/102/CEE Tutela dei consumatori Credito al consumo Inadempimento del contratto di vendita» Nel procedimento C-509/07, avente ad oggetto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.1909/2007 Reg.Dec. N. 4884 Reg.Ric. ANNO 2002 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE. 14 maggio 2002 (1) «Ravvicinamento delle legislazioni - Marchi - Direttiva 89/104/CEE -

SENTENZA DELLA CORTE. 14 maggio 2002 (1) «Ravvicinamento delle legislazioni - Marchi - Direttiva 89/104/CEE - 1/5 AVVISO IMPORTANTE:Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright. SENTENZA DELLA CORTE 14 maggio 2002

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE REPUBBLICA ITALIANA N.2737 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N. 24 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2005 ha pronunciato la seguente DECISIONE sul

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano. Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano. Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati dott.gianfranco Pellizzoni Presidente rel.; dott. Francesco

Dettagli

Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione professionale

Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione professionale Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione p Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Cooperazione giudiziaria in materia civile Regolamento (CE) n. 864/2007 Articolo

Dettagli

SENTENZA N. 27 ANNO 2013

SENTENZA N. 27 ANNO 2013 Sentenza 27/2013 Giudizio GIUDIZIO DI LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE IN VIA PRINCIPALE Presidente GALLO - Redattore NAPOLITANO Udienza Pubblica del 15/01/2013 Decisione del 13/02/2013 Deposito del 22/02/2013

Dettagli

La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti

La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti Corte Cost., sentenza 9 ottobre 2015, n. 195 (Pres. Criscuolo, est. Cartabia) Sanità pubblica Legge della Regione Calabria Norme

Dettagli

Il gravame è fondato.

Il gravame è fondato. Poiché la lett. g) del comma 1 del cit. art. 38 del D.Lgs. n. 163/2006 commina l esclusione dalla gara e la preclusione alla stipulazione del conseguente contratto ai concorrenti che hanno commesso violazioni,

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana. (Sezione Prima) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana. (Sezione Prima) SENTENZA N. 01807/2011 REG.PROV.COLL. N. 01970/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (Sezione Prima) ha pronunciato la

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SENTENZA SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza

Dettagli

per la riforma della sentenza del t.a.r. lazio roma, sezione i, n. 02484/2007, resa tra le parti, concernente pubblicita' ingannevole

per la riforma della sentenza del t.a.r. lazio roma, sezione i, n. 02484/2007, resa tra le parti, concernente pubblicita' ingannevole Page 1 of 6 N. 01012/2012REG.PROV.COLL. N. 06613/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato

Dettagli

composta dal sig. J.N. Cunha Rodrigues, Presidente di Sezione, dai sigg. U. Lõhmus, A. Rosas, A.Ó Caoimh (relatore) e A. Arabadjiev, giudici,

composta dal sig. J.N. Cunha Rodrigues, Presidente di Sezione, dai sigg. U. Lõhmus, A. Rosas, A.Ó Caoimh (relatore) e A. Arabadjiev, giudici, SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 14 giugno 2012 (*) «Concorrenza Articolo 101 TFUE Settore automobilistico Regolamento (CE) n. 1400/2002 Esenzione per categorie Sistema di distribuzione selettiva

Dettagli

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA di NICOLA LOFRANCO Con la sentenza n. 29/2015 del 7 gennaio 2015 la Corte d Appello

Dettagli

Presidente Vice Presidente Componente Componente Componente

Presidente Vice Presidente Componente Componente Componente Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXXXXXX XXXXXXXXXXX XXX /Optima Italia XXX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 11 luglio 2013 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 11 luglio 2013 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 11 luglio 2013 (*) «Impugnazione Concorrenza Intese Articolo 81 CE e articolo 53 dell accordo SEE Mercato belga dei servizi internazionali di trasloco Linee direttrici

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA UE. Sentenza 21-07-2011 nel procedimento 397/09

CORTE DI GIUSTIZIA UE. Sentenza 21-07-2011 nel procedimento 397/09 CORTE DI GIUSTIZIA UE Sentenza 21-07-2011 nel procedimento 397/09 Fiscalità Direttiva 2003/49/CE Regime fiscale comune applicabile ai pagamenti di interessi e di canoni effettuati tra società consociate

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N. 56/07 REG.DEC.

REPUBBLICA ITALIANA N. 56/07 REG.DEC. REPUBBLICA ITALIANA N. 56/07 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 479 REG:RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Quinta Sezione ANNO 2006 ha pronunciato la seguente decisione sul ricorso

Dettagli