Soluzioni IT CARTA DEI SERVIZI. Residenza Protetta Villa Maria Via della Sponga, TERNI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Soluzioni IT CARTA DEI SERVIZI. Residenza Protetta Villa Maria Via della Sponga, 25 05100 TERNI"

Transcript

1 CARTA DEI SERVIZI Soluzioni IT Residenza Protetta Villa Maria Via della Sponga, TERNI Servizio Amministrativo: tel./fax 0744/274858; CELL

2 INDICE Sezione prima PRESENTAZIONE DELLA RESIDENZA 1.1 Introduzione 1.2 La nostra storia 1.3 Finalità e obiettivi 1.4 Struttura organizzativa 1.5 Procedure di ingresso in Residenza Protetta Come si accede al servizio Accoglienza 1.7 Risorse umane 1.8 Fini istituzionali e livelli di assistenza garantiti Sezione seconda INFORMAZIONI SULLA STRUTTURA E SUI SERVIZI 2.1 Ubicazione della Residenza e distribuzione degli spazi 2.2 I servizi agli ospiti: informazioni generali Il lavoro di équipe multidisciplinare Assistenza tutelare e infermieristica Medicina generale Riabilitazione Attività sociale Attività di animazione Assistenza spirituale Servizi vari 2.3 Familiari Sezione terza IMPEGNI, PROGRAMMI E STANDARD DI QUALITA 3.1 Attività e programmi per una migliore qualità della vita E verifica degli standard di qualità Sezione quarta - RETTA E QUOTA DI DISPONIBILITA Sezione quinta - TUTELA DEI DIRITTI DEGLI OSPITI 6.1 Regolamento per la tutela degli ospiti 6.2 Rilevazione del gradimento dei servizi e dei reclami Sezione sesta -CONCLUSIONI APPENDICE Allegato 1 Regolamento della Residenza Protetta Allegato 2 Questionario di soddisfazione del cliente Allegato 3 Modulo reclami Pag. 2 di pag. 15

3 Premessa La Carta dei Servizi è stata istituita a seguito della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del gennaio 1994 Principi per l erogazione dei servizi pubblici che prevedeva l obbligo della stesura della Carta dei Servizi alle Istituzioni pubbliche del Servizio Sanitario Nazionale. La Regione dell Umbria, dopo aver stabilito che la Carta dei Servizi doveva essere attivata in tutte le Aziende sanitarie pubbliche entro il 1999 (Piano Sanitario Regionale ), ha definito con deliberazione del Consiglio regionale n 314 del 23 luglio 2003 (Piano Sanitario Regionale ) l estensione della Carta dei Servizi anche ai soggetti privati relativi alla gestione dei servizi sanitari e socio-sanitari. Ma cos è la Carta dei Servizi in ambito socio sanitario? E quel documento di presentazione dell attività di una Istituzione o Ente (pubblico o privato), dei servizi offerti agli utenti, dei tempi e degli strumenti di realizzazione nonché degli impegni che si assume nel processo di miglioramento della qualità di erogazione dei servizi. Inoltre la Carta dei Servizi : è volta a qualificare i rapporti con i cittadini, ad assicurare attraverso la cultura della comunicazione, la partecipazione attiva delle persone e delle famiglie finalizzata a migliorare la qualità dei servizi, a monitorare il gradimento da parte degli utenti; è finalizzata ad assicurare la tutela dei diritti degli utenti, delineando un sistema di garanzie legato a quegli aspetti più specificatamente connessi agli standard di qualità dei servizi offerti. La Residenza Protetta convenzionata dal 2008 con l ASL n 4 di Terni, ha iniziato il percorso di Accreditamento Istituzionale delle Strutture socio-sanitarie per lo sviluppo del Sistema Qualità da Dicembre Pag. 3 di pag. 15

4 Sezione prima PRESENTAZIONE DELLA RESIDENZA PROTETTA 1.1 Introduzione La Carta dei Servizi è il risultato del confronto e della riflessione scaturita tra i diversi soggetti coinvolti nella gestione dell assistenza per fornire all anziano le informazioni relative alla Residenza Protetta Villa Maria in un ottica di partecipazione all erogazione dei servizi. E infatti attraverso uno stile di trasparenza che si rende possibile la partecipazione attiva volta ad una continua crescita della qualità della vita. Al centro dell attenzione della struttura poniamo l anziano come soggetto attivo, coinvolto in prima persona nell assistenza e nei servizi a lui diretti, riconoscendone il valore, il rispetto e la dignità inalienabile della vita fino agli ultimi momenti dell esistenza. Questo principio che guida la Saniter s.r.l. è uno stimolo per presentare una Carta dei Servizi il più possibile aderente alla realtà e intesa come strumento che stimoli le diverse parti in gioco ad un miglioramento della qualità della vita. Auspichiamo che a questo processo intervengano tutti i soggetti: ospiti, familiari, associazioni e terzo settore, operatori, amministratori ed istituzioni con diversi gradi di responsabilità e funzioni. La Residenza sarà pronta a rispondere all esigenza di miglioramento continuo della qualità della vita dell anziano. 1.2 La nostra storia Villa Maria nasce come villa signorile in stile liberty su progetto dell Architetto ed Ing. Cesare Bazzani, personalità illustre a Terni e Roma nei primi del 900, su modello dei caratteristici villini "in stile poggiano". La costruzione della Villa risale al 1893/ 94 con rifiniture di pregio e di valore storico artistico con affreschi e dipinti attribuiti al maestro Calcagnadoro ( ) che collaborò spesso con l arch. Bazzani. Nel corso degli anni è stata ristrutturata ed adeguata all uso ricettivo apportando modifiche che la rendessero idonea all attività di cui sopra già dagli anni 80. Ad oggi è di proprietà della Domus Gaia S.r.l. e gestita dalla Saniter s.r.l. come Residenza Protetta per anziani non autosufficienti convenzionata con l ASL n 4 di Terni. Quando venne acquistata la Villa nel 2004, la struttura era Residenza Comunitaria per anziani autosufficienti che per loro scelta preferivano avere servizi collettivi o che per senilità, per solitudine o altro motivo, richiedevano garanzie di protezione nell arco dell intera giornata. Nel 2005 la Saniter s.r.l. è subentrata come soggetto gestore della allora Residenza Comunitaria Villa Maria. Il passare degli anni e il mutamento socio - demografico che ha investito l intero contesto di riferimento, con particolare riguardo alla popolazione anziana, hanno sicuramente dispiegato i loro effetti anche sul servizio offerto dalla Residenza Protetta, che si è sempre più indirizzata verso anziani non-autosufficienti ed anche portatori di malattie degenerative dell anziano quali Parkinson, Alzheimeir. Pag. 4 di pag. 15

5 La struttura si è quindi dotata di modalità organizzative, servizi aggiuntivi personale adatto alla nuova rimodulazione dell intero servizio. L anziano portatore della richiesta di struttura residenziale, non è più, infatti, il soggetto autosufficiente che di propria volontà opta per l ingresso in casa di riposo, ma un soggetto, solitamente ultra ottantenne, con ridotte autonomie personali, con problematiche medico - sanitarie, derivanti da patologie sia fisiche che psichiche, talvolta molto complesse e spesso non più gestibile a domicilio. Presa coscienza dei suddetti mutamenti, pertanto, nell anno 2005 l attuale Proprietà, tesa alla realizzazione di un forte impegno sociale ma ben consapevole dei notevoli sforzi economici da doversi compiere, ha sottoposto la ex Casa di Riposo Villa Maria ad un importante processo di trasformazione, tanto a livello strutturale quanto a livello organizzativo. Ai sensi del R.R. n 2 del 25/02/2000 Regione Umbria Disciplina dell autorizzazione alla realizzazione e all esercizio di strutture sanitarie e sociosanitarie e Delibera Regionale n 2132 del 6/12/2006, l edificio è stato risistemato e adeguato nel rispetto dei requisiti necessari per ottenere l autorizzazione all esercizio in qualità di Residenza Protetta per Anziani, non più dunque come di Riposo, ma come Struttura destinata a Residenza protetta per anziani non-autosufficienti. Nell anno 2007, con Determinazione Dirigenziale n 3241 del 6/4/2007 la struttura ha ottenuto la suddetta autorizzazione e allo stato attuale, oltre a garantire un servizio socio - assistenziale ed infermieristico più intenso rispetto a quello precedentemente fornito, vanta una funzionalità strutturale completamente rinnovata. A partire dal 01/10/2008 la Residenza Protetta Villa Maria è convenzionata con l ASL n 4 di Terni con Atto deliberativo n 1146 del 03/11/ Finalità e obiettivi La normativa nazionale e regionale vigente in materia definisce la Residenza Sanitaria Assistenziale un presidio destinato ad accogliere una molteplicità di soggetti non autosufficienti, con esiti di patologie fisiche, psichiche, sensoriali miste, accomunati dall impossibilità di essere assistiti a domicilio per poter vivere in serenità gli ultimi anni della propria vita. Dal punto di vista dell attività, la Residenza è autorizzata dalla Regione Umbria a svolgere attività di residenzialità protetta per anziani non autosufficienti, in regime convenzionato con la ASL n. 4.Determinazione Dirigenziale n 3241 del 06/04/2007. La R.P. ha la finalità di garantire : 1. assistenza sanitaria di base e i trattamenti riabilitativi per il mantenimento ed il miglioramento dello stato di salute e del grado di autonomia delle persone; 2. assistenza sanitaria specialistica eventualmente necessaria; 3. assistenza alla persona per lo svolgimento delle attività della vita quotidiana; 4. attività sociali; Pag. 5 di pag. 15

6 1.4 Struttura organizzativa La RP Villa Maria è gestita dalla Saniter s.r.l. con sede legale a Trevignano Romano (RM), Via della Piana, 19 la cui sede operativa è in Via della Sponga, 25, Terni. Della società: Legale rappresentante è la sig.ra Marcucci Cosetta ed amministratore unico. Referente amministrativo la sig.ra Fidenzi Alessandra I servizi di assistenza diretta e infermieristica sono affidati secondo un contratto d appalto ad una Cooperativa Sociale di assistenza che fornisce il personale qualificato e formato. La Direzione Sanitaria della Residenza Protetta è affidata al dott. Nicola Fabrizio, Responsabile delle modalità assistenziali e della cura personalizzata degli anziani. 1.5 Procedure di ingresso in Residenza Protetta L anziano/a che richiede una ospitalità presso la RP Villa Maria è invitato/a ad attivare il percorso di ingresso. Le fasi di tale percorso sono le seguenti: - inoltro di domanda di accoglienza presso la Segreteria della Struttura, in Via della Sponga n.25, Terni, in questo modo si è inseriti in una lista d attesa; - convocazione dell anziano e/o dei familiari da parte della Segreteria per la definizione del contratto di ingresso e la consegna della documentazione allegata; - definizione della data e orario di ingresso dell ospite con la Segreteria Generale per l ingresso in Residenza Protetta Come si accede al servizio L anziano/a che necessita di essere inserito in Residenza Protetta, è invitato/a a presentarsi per un colloquio, personalmente o tramite persona di riferimento, presso la Segreteria Generale della Struttura per illustrare la situazione di bisogno. In tale occasione, l anziano o chi per lui sarà informato, sui servizi offerti, sulle rette applicate, sulla lista di attesa, sull iter di valutazione sociosanitaria sulle modalità di ingresso. In merito alla tariffa applicata, questa è fissata dalla Regione Umbria e riconosciuta nell accordo convenzionale tra la ASL e la RP Villa Maria per gli anziani che usufruiscono dell integrazione della retta da parte dell ASL oppure si può essere inseriti in struttura semplicemente con contratto tra il titolare e potenziali ospiti. Nel corso del colloquio, sarà consegnato la carta dei servizi e regolamento con la modulistica per l inoltro della richiesta d ingresso. L orario per attività di segreteria (informazioni, colloqui con i familiari, pagamento rette, etc ) è fissato nei seguenti giorni e orari: Lunedì-Mercoledì-Venerdì dalle ore 9.30 alle ore Giovedì dalle alle Contatti : L orario di visita agli ospiti tutti i giorni mattino 9.30 alle pomeriggio alle (inverno) alle (estate) Pag. 6 di pag. 15

7 Accoglienza L accoglienza dell ospite in Residenza Protetta è un momento estremamente importante per la conoscenza, seppure sommaria, della storia dell ospite, delle relazioni familiari, delle condizioni psico-fisiche e delle problematiche assistenziali. Pertanto, al momento dell ingresso in Residenza e alla presenza dei familiari, l équipe socio-assistenziale e sanitaria interessata per nucleo, sarà puntualmente presente ad accogliere l ospite e provvederà ad effettuare la valutazione iniziale per definire i primi obiettivi assistenziali al fine di favorire l inserimento dell ospite nella Struttura. Il periodo iniziale di permanenza in Residenza (fino a 45 giorni) è periodo sperimentale. 1.7 Risorse umane Lo svolgimento dei servizi della Residenza è realizzato attraverso personale sia dipendente sia in contratto d appalto con una Cooperativa Sociale e liberi professionisti (es. parrucchiera podologo.). 1.8 Fini istituzionali e livelli di assistenza garantiti La RP Villa Maria assicura un servizio di accoglienza residenziale protetta a persone prevalentemente anziane sia autosufficienti sia non autosufficiente garantendo prestazioni socio-sanitario, di servizio alberghiero, assistenza sanitaria, assistenza sociale, attività riabilitativa e di animazione. Pag. 7 di pag. 15

8 Sezione seconda INFORMAZIONI SULLA STRUTTURA E SUI SERVIZI 2.1. Ubicazione della Residenza e distribuzione degli spazi La RP Villa Maria è situata in Terni, Via della Sponga, 25. Si trova in posizione agevole facilmente raggiungibile da mezzi pubblici in prossimità dei servizi sanitari del territorio (a breve distanza dal Pronto Soccorso e Ospedale, dai centri di salute, dai centri diagnostici ambulatoriali e dal Centro Geriatrico). E inserita in una zona lontana dai rumori cittadini in ambientale naturale e tranquillo tra gli ulivi. La villa si affaccia sulla valle nerina (Valnerina) offrendo un inimmaginabile panorama su tutta la città di Terni. La struttura è, inoltre, circondata da un ampio giardino, attrezzato con gazebi, panchine, tavoli, dondolo e spazi per favorire la socializzazione e attività all aperto, senza barriere architettoniche che lo rende fruibile anche agli ospiti disabili. La RP Villa Maria ha una ricettività di 20 posti letto in camere doppie, tutte dotate di tv, campanelli acustici e luminosi di chiamata e condizionatori d aria. Dispone, inoltre, di servizi igienici adeguati alle esigenze degli ospiti, comprendendo anche quelli particolarmente attrezzati e destinati agli anziani non autosufficienti. Le camere, la sala da pranzo sono arredati in modo accogliente e confortevole. In ogni caso, per gli ospiti è possibile portare oggetti personali al fine di rendere più familiare il nuovo ambiente di vita. Al piano terra sono poste la sala da pranzo, la sala ricreativa, l infermeria. La cucina con relativo locale dispensa sono al piano seminterrato come la lavanderia, gli spogliatoi e i bagni del personale ed il magazzino. Tutta la struttura è dislocata su quattro piani collegati da un ascensore ed un montascale per facilitare la mobilità di tutti gli ospiti. La RP Villa Maria dispone dei seguenti spazi comuni interni: telefono a disposizione degli ospiti ambulatorio medico e infermieristico sala polivalente con tv per attività e animazione del tempo libero cucina con locali accessori sala da pranzo lavanderia, stireria e guardaroba ufficio amministrativo camera mortuaria magazzino/ripostiglio Pag. 8 di pag. 15

9 2.2 I servizi agli ospiti: informazioni generali La RP Villa Maria è da sempre impegnata nell assistenza e nella cura degli anziani, costantemente attenta ai mutati bisogni attraverso conoscenze acquisite nel settore medico, ambientale, strumentale, occupazionale, sociale, della sicurezza ed altro: I servizi attualmente erogati (coperti della retto o quote extra) comprendono assistenza alla persona assistenza infermieristica medicina generale (in convenzione USL) fisioterapia individuale, terapia occupazionale attività di animazione assistenza spirituale servizio di ristorazione ed alberghiero completo parrucchiere al bisogno a pagamento podologo al bisogno a pagamento Il lavoro di équipe multidisciplinare Siamo convinti che per affrontare il quadro complesso della non autosufficienza dell anziano data dall interazione di più aree critiche (fisiche, mentali, ambientali, affettive) che spesso si sovrappongono, non basti un unica risposta ma sia necessaria la collaborazione tra le diverse professionalità presenti in Residenza. Perciò base dell assistenza è il lavoro svolto in équipe; strumento proprio è la valutazione multidimensionale capace di rispondere alle complesse problematiche dell'anziano fragile. Con il termine valutazione multidimensionale si intende una "valutazione nella quale i numerosi problemi della persona anziana vengono riconosciuti, descritti e spiegati, quando possibile e inquadrate le risorse assistenziali e le potenzialità residue, definito il bisogno di servizi e messo a punto un piano coordinato di cura specifico ed orientato per problemi (National Institute of Health 1987)". L équipe multidisciplinare è costituita da: Direttore Sanitario, Infermiere professionale, Fisioterapista, Operatore socio-assistenziale ed Operatore sociale 1 ed eventuale altra figura se ritenuta necessaria. La persona anziana viene valutata globalmente ed in particolare vengono esaminati: - lo stato biologico e clinico (stato di salute psico-fisico, segni e sintomi di malattia, livelli di autonomia) - la situazione socio-relazionale (di convivenza, situazione abitativa, economica) - lo stato funzionale (disabilità ovvero la capacità di compiere uno o più atti della vita quotidiana come lavarsi, vestirsi, consumare i pasti, salire le scale, etc..). I momenti in cui si attua la Valutazione Multidimensionale sono: - all'ingresso - periodicamente - ogni volta che si verifica un significativo cambiamento dello stato di salute. Il lavoro di analisi delle situazioni di ogni ospite e delle potenzialità appena descritte trova la sua connotazione specifica nella stesura di un Piano Assistenziale Individualizzato (PAI) che è lo strumento proprio dell equipe multidisciplinare, utile al conseguimento del benessere globale di ogni singolo ospite. Infatti, da tale analisi, l équipe assistenziale formula gli obiettivi indicando un responsabile del progetto e poi effettua la verifica in un secondo tempo. 1 Per Operatore Sociale si possono intendere una delle seguenti figure: assistente sociale, educatore professionale o animatore del tempo libero. Pag. 9 di pag. 15

10 Al momento della definizione del P.A.I. e, qualora se ne presenti la necessità, un familiare dell ospite sarà invitato ad una riunione di èquipe o con il referente del progetto per l illustrazione del piano di intervento socio-assistenziale dell ospite Assistenza tutelare e infermieristica L assistenza è garantita da Infermieri professionali e Ausiliarie,è presente un Coordinatore dell Attività socio-assistenziale. L igiene è garantita dalle Ausiliarie che agiscono sulla base di piani assistenziali individualizzati, nel rispetto di protocolli specifici e secondo programmi in coerenza con le consegne medicoinfermieristiche Medicina generale Gli ospiti usufruiscono dell assistenza medica da parte di Medici di Medicina Generale regime di convenzione con il S.S.N., il Medico di Medicina Generale si occupa della gestione dei problemi di salute di ciascun ospite attraverso: visite periodiche, controlli laboratoristici e strumentali, attivazione di consulenze specialistiche (ove necessario), espletamento delle attività burocratiche di sua competenza (ricette, certificazioni, prenotazioni, ecc.), impostazione e revisione della terapia farmacologica. Quando necessario, si attiva ogni altro livello diagnostico o di consulenza sanitaria specialistica anche ospedaliera. Tutto ciò avviene attraverso una stretta collaborazione con il personale infermieristico e assistenziale. Tale attività è inserita nella strategia di prevenzione e cura definita dalla Direzione Sanitaria e finalizzata al raggiungimento del massimo beneficio possibile per l ospite, anche in termini di qualità di vita, riducendo al minimo indispensabile i ricoveri ospedalieri e offrendo sostegno per situazioni giudicate incurabili e fasi terminali della vita. Il Direttore Sanitario, inoltre è a disposizione dei familiari per eventuali colloqui. e sottopone l ospite a periodica rivalutazione dello stato clinico e funzionale, in collaborazione con l Infermiere Professionale Riabilitazione La riabilitazione è una procedura che, ponendo al centro l individuo ed i suoi bisogni è indirizzata al recupero o mantenimento della funzione e consiste in esercizi ed interventi mirati, volti a condurre o ricondurre la persona con disabilità ad una condizione di normalità o di relativa autonomia. La riabilitazione presso la RP Villa Maria è attuata attraverso attività di: fisioterapia individuale La Terapia Fisioterapica opera su un vasto numero di patologie funzionali e si avvale di ausili tecnici e metodologici specifici e personalizzati. Nella pratica, si traduce in un servizio all ospite che ha l obiettivo di mantenere o ripristinare, completamente o in parte, le sue autonomie, in relazione alle patologie presenti ed alle limitazioni nelle attività della vita quotidiana anche con l utilizzo di ausili specifici. L ospite è sottoposto ad una valutazione fisioterapica all ingresso cui segue la definizione di un programma riabilitativo individuale e, successivamente, una verifica costante e periodica. L intervento si esplica attraverso trattamenti individuali e attività motoria Attività sociale Il Servizio di Attività Sociale elabora sistemi per la rilevazione dei bisogni sociali ed attua progetti di benessere sociale per gli ospiti secondo categorie omogenee di interesse/deficit cognitivo. Pag. 10 di pag. 15

11 2.2.6 Attività di animazione Ha come principio ispiratore il rispetto dell individualità e della personalità degli ospiti ed è volta a promuoverne e valorizzarne le potenzialità cognitive, affettive e relazionali attraverso interventi da parte di Animatori professionali. A tale scopo, il lavoro si svolge su due fronti: quello della conoscenza e della relazione individuale e quello della programmazione e organizzazione delle attività (individuali, di gruppo, di contatto con l esterno, ricreative, di valorizzazione della persona). Vengono proposte Attività di laboratorio e artistiche Attività corale Visione films e concerti Attività di ascolto musicale Uscite Progetti di benessere psicosociale e culturale Feste a tema in collaborazione con le Associazioni di volontariato A seconda delle possibilità degli ospiti e dell organizzazione, si attuano uscite periodiche Assistenza spirituale La Residenza offre l opportunità, a chi lo desidera, di partecipare a funzioni religiose nel rispetto della libertà dei non credenti o degli appartenenti ad altre confessioni religiose. Gli ospiti che lo desiderano, sono aiutati a mettersi in contatto con un sacerdote. La Residenza è frequentata regolarmente dal sacerdote locale che visita gli anziani ospiti Servizi vari In aggiunta a quelli in precedenza descritti, la RP Villa Maria offre agli ospiti i seguenti servizi: Podologo: A seconda delle necessità degli ospiti e dopo valutazione del fabbisogno effettivo da parte del personale infermieristico, la Residenza mette a disposizione un podologo esterno per il trattamento e la cura dei piedi (addebito extra). Parrucchiera: Il servizio di parrucchiera è affidato a personale specializzato esterno, viene erogato a seconda delle necessità in apposito locale (addebito extra). Lavanderia e guardaroba: All interno della Residenza è organizzato un servizio di lavanderia, stireria e guardaroba. Al momento dell ingresso, i capi personali di biancheria di ogni ospite vengono contrassegnati, per il riconoscimento, con un numero identificativo. I capi di biancheria e gli indumenti personali, vengono inviati in lavanderia per le ordinarie operazioni di lavaggio, stiratura ed eventuale disinfezione. Ogni ospite ha un guardaroba nello spazio personale assegnato (armadio e/o cassetti) nella propria camera. Ristorazione: Tutti i pasti vengono preparati dal servizio di ristorazione interno e serviti nella sala da pranzo. Gli orari dei pasti, attualmente in uso sono i seguenti: Colazione dalle ore 8.30 Pranzo dalle ore Merenda dalle ore Cena dalle ore (inverno) (estate) Pag. 11 di pag. 15

12 La RP Villa Maria ha disposto - attraverso la consulenza di un dietista - un menù mensile, articolato in settimane e variabile secondo la stagione. Il menù giornaliero e mensile è reso pubblico mediante affissione nella sala pranzo. Diete speciali saranno predisposte dal dietista per gli ospiti con particolari patologie che ne richiedano la differenziazione. Servizio telefonico Il servizio di chiamata telefonica è garantito agli ospiti da un apparecchio telefonico La ricezione delle chiamate avviene attraverso il centralino telefonico cui sono collegati tutti gli apparecchi mobili cordless, che coprono tutta l area della Residenza. Servizio-televisivo Il servizio televisivo è erogato nella sala TV e in ogni camera. Uno schermo gigante con DVX consente la proiezione settimanale programmata di films, concerti, e documentari e la visione di servizi da TV satellitare. Chi lo desidera, può fare uso anche privato di radio e di registratore nel rispetto delle norme della convivenza. E inoltre disponibile una raccolta di cd di musica ad uso degli ospiti. Ascensori All interno della Residenza sono presenti ascensori che consentono un facile servizio di collegamento verticale tra i vari piani. Servizio di pulizia e sanificazione ambientale Il servizio di pulizia è affidato a personale dipendente. E garantita pulizia e sanificazione degli ambienti personali e comuni degli ospiti, giornaliera e straordinaria. Angolo bar self-service E disponibile un servizio di bevande calde a pagamento ad uso di ospiti, personale, familiari ed altri visitatori della Residenza. 2.3 Familiari La Residenza invita i familiari, sin dal momento dell ingresso, a prendere parte attiva - per quanto è loro possibile - nell assistenza e nello svolgimento delle attività della vita quotidiana dell anziano ospite (passeggiate, uscite all esterno, visite mediche esterne, ecc.). I familiari possono esprimere opinioni, suggerimenti e reclami alla Direzione e/o alla Amministrazione, anche attraverso apposita scheda di segnalazione. Pag. 12 di pag. 15

13 Sezione terza IMPEGNI, PROGRAMMI E STANDARD DI QUALITA 3.1 Attività e programmi per una migliore qualità della vita e verifica degli standard di qualità A seguito del cambiamento demografico a cui stiamo assistendo, la RP Villa Maria ha rilevato già da anni la forte crescita nella domanda di istituzionalizzazione di soggetti anziani non autosufficienti accompagnata spesso da condizioni economico-sociali precarie. Ciò ha spinto la RP Villa Maria ad orientarsi verso la Residenzialità Protetta, una forma di accoglienza ed assistenza residenziale per soggetti non autosufficienti prevista dal Piano Sanitario Regionale. Pertanto, la RP Villa Maria ha ottenuto l autorizzazione regionale a Residenza Protetta dal con accordo convenzionale con la ASL n.4 dal per l applicazione delle tariffe regionali nel rispetto dei requisiti edilizi e di personale previsti dal P.S.R.. Questo cambiamento ha spinto la Residenza ad orientare i suoi obiettivi nella realizzazione dei seguenti programmi: a) programmi di ampliamento strutturale Dopo aver realizzato il progetto di ampliamento delle aree comuni e riorganizzazione spazi destinati a magazzini e servizi accessori alla residenzialità (palestra). b) impiego di procedure e protocolli Il personale, a vari livelli utilizza procedure documentate, che indicano il modo in cui un determinato processo viene realizzato e protocolli documentati, secondo le norme dettate dalla UNI EN ISO 9000 che indicano le istruzioni di lavoro dettagliate e consentono ai lavoratori di avere regole comuni per il raggiungimento degli obiettivi. Periodicamente vengono monitorati le procedure e i carichi di lavoro per la ridefinizione dei Piani di Lavoro. d) attuazione Decreto Legislativo 81/2008 sulla sicurezza in ambiente di lavoro La RP Villa Maria ha ottemperato agli obblighi contenuti nel decreto legislativo riguardante la sicurezza dei lavoratori e dei residenti, predisponendo idoneo piano di emergenza, curando il costante aggiornamento dei documenti di sicurezza nonché la formazione obbligatoria del personale. A tutti i lavoratori viene fornita l informazione generale sui rischi a cui sono sottoposti, sulle misure di prevenzione da adottare e sulle procedure da seguire in caso di emergenza. f) attuazione del Decreto Legislativo 196/2003 sulla sicurezza dei dati personali La RP Villa Maria ottempera agli obblighi previsti dalla normativa in materia di misure minime di sicurezza dei propri dati personali. In particolare, la Fondazione informa gli interessati in relazione alle modalità di trattamento dei propri dati personali, garantisce idonee misure di sicurezza predisponendo periodicamente un documento programmatico sulla sicurezza dei dati e formando il personale in tale ambito specifico. l) percorso di Accreditamento Istituzionale La RP Villa Maria ha attivato, dal 2008, un percorso formativo ed organizzativo finalizzato all ottenimento dell Accreditamento Istituzionale della Residenza con l implementazione del Sistema di Qualità Totale. A tutt oggi, siamo in attesa dell Audit con il servizio regionale preposto. Pag. 13 di pag. 15

14 Sezione quarta RETTA E QUOTA DI DISPONIBILITA La Regione Umbria con delibera n. 391/2002 ha fissato una tariffa per le Residenze Protette autorizzate ed applicata dalla RP Villa Maria a seguito della stipula di convenzione con la ASL competente come di seguito indicata: Retta giornaliera pro-capite Partecipazione ASL (quota sanitaria giornaliera al 50%) Partecipazione ospite e/o Familiare e/o Comune Quota di disponibilità mensile. 87,20. 43,60. 43,60 Min..154,94 La normativa regionale vigente prevede la partecipazione della ASL al 50% della tariffa, quale quota di integrazione-retta di parte sanitaria, a causa del grado di non autosufficienza della persona anziana ospite di Residenza Protetta. La restante quota è a carico dell ospite. L eventuale mancata copertura del restante 50% della retta con i redditi personali dell ospite (pensioni o altro) resta a carico dei familiari e/o del Comune di appartenenza dell ospite, quale quota di integrazione-retta di parte sociale. La Regione Umbria ha, inoltre fissato a 154,94 euro l importo mensile minimo di reddito da lasciare in capo a ciascun ospite, quale quota di disponibilità per le proprie spese personali non coperte dalla retta. La retta per coloro che non usufruiscono dell integrazione da parte dell ASL è stabilita per un importo di Euro 2.200,00. Pag. 14 di pag. 15

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Distretto Di Casalecchio Di Reno CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Carta dei Servizi Il testo della Carta dei servizi è stato condiviso dal Gruppo Tecnico costituito ai sensi della L.R. 377/2004, istituito

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi)

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi) Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali (Allegato alla Carta dei Servizi) REGOLAMENTO INTERNO RSA ************* TITOLO 1 OGGETTO, FINALITA, CARATTERISTICHE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Gentili Ospiti, Cittadini e Istituzioni, abbiamo il piacere di presentare la Carta dei Servizi della Casa Sabate, struttura dedicata al benessere

Gentili Ospiti, Cittadini e Istituzioni, abbiamo il piacere di presentare la Carta dei Servizi della Casa Sabate, struttura dedicata al benessere Gentili Ospiti, Cittadini e Istituzioni, abbiamo il piacere di presentare la Carta dei Servizi della Casa Sabate, struttura dedicata al benessere fisico, m entale e sociale di tutte le persone che desiderano

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

Partner unico, vantaggi infiniti.

Partner unico, vantaggi infiniti. Partner unico, vantaggi infiniti. Affidabilità, la nostra missione. Un unico interlocutore per molteplici servizi: è questa la forza di Tre Sinergie, azienda che opera nel settore del global service e

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Alassio AL MARE RESIDENZA. Stagione 2014-2015

Alassio AL MARE RESIDENZA. Stagione 2014-2015 RESIDENZA AL MARE Alassio Stagione 2014-2015 Periodi e tariffe giornaliere di soggiorno: PERIODO DAL AL SOCI AGOAL AGGREGATI NOTE Festività fine Anno 28/12/2014 02/01/2015 72,00 77,00 Periodo non frazionabile

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Residenziali per le persone anziane

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Residenziali per le persone anziane Comune di Modena Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione Carta dei Servizi Residenziali per le persone anziane Testo approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 26 del

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI SALUTE E BENESSERE MASEC COS E È la mutua assistenza volontaria dei piccoli imprenditori e delle loro famiglie,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

PARTE SECONDA DEUXIÈME PARTIE ACTES DU PRÉSIDENT DE LA RÉGION ATTI DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE. VAL- LET d ARVIER ARVIER MORGEX.

PARTE SECONDA DEUXIÈME PARTIE ACTES DU PRÉSIDENT DE LA RÉGION ATTI DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE. VAL- LET d ARVIER ARVIER MORGEX. PARTE SECONDA DEUXIÈME PARTIE ATTI DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE ARVIER di MORGEX IL PRESIDENTE DELLA REGIONE Omissis - ARVIER, di derivare dalla Dora MORGEX, moduli - - Art 2 - - - - - Il Presidente Augusto

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli