Capitolo Terzo. I compensi dell avvocato. 1. Generalità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo Terzo. I compensi dell avvocato. 1. Generalità"

Transcript

1 Capitolo Terzo Sommario I compensi dell avvocato 1. Generalità Fonti di determinazione Tariffe Spese legali Spese borsuali Il rimborso spese generali Le spese superflue Diritti Onorari Criteri generali di liquidazione Solidarietà delle parti in favore dell Avvocato Ritenzione degli atti La distrazione delle spese Il palmario e il patto di quota lite La cessione di crediti litigiosi Le procedure di recupero dei crediti professionali Il cd. decreto Bersani. Una preliminare precisazione è indispensabile. Il presente capitolo è stato redatto prima del cd. decreto Bersani che è intervenuto sulla questione dei cd. minimi tariffari, sul cd patto di quota-lite, sulla forma delle pattuizioni col cliente sulla misura del compenso. Con talune modifiche il decreto è stato convertito e, salve questioni di costituzionalità, è legge dello stato. Di fronte all alternativa tra l adeguare l esposizione alle recentissime modifiche, amalgamandole nella stessa ed il lasciare inalterato il testo pre-riforma ed esporre di seguito le modifiche o, per meglio dire, i problemi che le modifiche porranno, per questo capitolo abbiamo seguito la seconda strada. Ci è sembrato più produttivo per capire e far capire come e fino a che punto la novella legislativa incida sulla realtà; meglio, cioè esporre i problemi ante riforma per verificare più facilmente in che misura la riforma li abbia risolti, spazzati via o lasciati lì e quali ancora siano i nuovi problemi. 1. Generalità Il compenso dell Avvocato è un elemento del contratto di opera professionale, di cui abbiamo testé trattato. L art c.c., nella sedes materiae del contratto d opera professionale s intitola compenso e recita al primo comma: il compenso, se non è convenuto dalle parti e non può essere determinato secondo le tariffe o gli usi, è determinato dal giudice, sentito il parere dell associazione professionale a cui il professionista appartiene. Normale onerosità della prestazione professionale. La citazione testuale ci consente, innanzitutto, di contestare qualche sporadica sentenza che, nel ritenere lecita la prestazione avvocarile gratuita, giunge però, inutilmente, ad escludere una presunzione anche solo juris tantum di onerosità della prestazione intellettuale. L affermazione è, ad es., contenuta nella

2 20 Capitolo Terzo sentenza 5472 del 1999 della Corte di cassazione (si riferisce alla redazione di articoli giornalistici) ed omette la fondamentale considerazione che mentre il contratto di mandato, ad es., è disciplinato nel libro IV, delle obbligazioni, ed è quindi forse necessario che ne sia sancita espressamente la onerosità il contratto di opera professionale è, come abbiamo detto, inserito nel libro del lavoro e deve poter beneficiare della connotazione di naturale e tendenziale onerosità di tutte le attività ivi disciplinate. 2. Fonti di determinazione L art c.c. sancisce, dunque, una gerarchia delle fonti di determinazione del compenso che vede al primo posto l accordo tra le parti. Senza dimenticare che l intera normativa si applica a tutte le professioni intellettuali, occorre dire che la predeterminazione pattizia del compenso è, per gli Avvocati, allo stato rara ed è anche difficile troppe essendo le variabili della prestazione, non dipendenti dall Avvocato stesso e neppure dal cliente. Ad ogni modo, essa è possibile, ha probabilmente un ampio orizzonte innanzi a sé ed andrà coordinata con il concetto di inderogabilità (sinché esistente) delle tariffe forensi. Sono queste ultime, però, la fonte fondamentale di determinazione dei compensi. Su questo punto è necessario integrare la lettura con le note in fine capitolo sul cd. decreto Bersani. Questo, a nostro avviso, ha sancito la fine dell inderogabilità assoluta dei minimi, sostituendola con la possibilità di deroga pattizia scritta, nel solo rapporto di clientela. 3. Tariffe Diamone la definizione: le tariffe professionali sono le determinazioni autoritative dei corrispettivi. Per gli avvocati, esse trovano fondamento nella Legge Professionale, nella legge 13 giugno 1942, n. 794 (che si occupa dei soli onorari giudiziari civili) e sono disciplinate dalle leggi 19 dicembre 1949, n. 957 e 7 novembre 1957, n. 1051, che hanno, nel loro complesso ed in collegamento con la Legge Professionale, dato luogo all attuale sistema tariffario. Le due leggi del 1949 e del 1957 prevedono che i criteri di determinazione dei compensi siano con cadenza biennale stabiliti dal Consiglio Nazionale Forense e approvati dal Ministro della Giustizia. Non sempre la cadenza è stata rispettata: ad es. la Tariffa vigente è del 2004 e sostituisce quella del Spese legali Con il termine spese legali si usa definire l esborso complessivo, corrispettivo della prestazione dell Avvocato. Esso è comunemente usato tanto per de-

3 I compensi dell Avvocato finire il compenso dovuto dal cliente al suo legale, quanto il rimborso dovuto dal soccombente in una causa o una delle partite di dare di un accordo transattivo. La tradizionale, ed a tutti nota, tripartizione di esse è quella di: spese in senso stretto, diritti ed onorario. 5. Spese borsuali Delle spese in senso stretto (o spese borsuali o spese vive) recita l art c.c.: il cliente, salvo diversa pattuizione, deve anticipare al prestatore d opera le spese occorrenti al compimento dell opera e corrispondere, secondo gli usi, gli acconti sul compenso. La lettura dell articolo consente, tra l altro, di ribadire che la presunzione di onerosità della prestazione professionale esiste perché, fermo che la diversa pattuizione di cui all articolo si riferisce tanto all anticipazione delle spese quanto alla corresponsione degli acconti, sarebbe incongruo parlare di acconti secondo gli usi se la prestazione fosse normalmente gratuita; la stessa esistenza di usi in tema di acconti è indice di normale onerosità della prestazione professionale. Le spese in senso stretto sono, per l avvocato, quelle di scritturazione, fascicolazione, notifica, iscrizione a ruolo, visure, trascrizioni ed iscrizioni, pignoramenti e simili. Tutte quelle, cioè, che l Avvocato incontra per esercitare il suo ministerio. Vi si ricomprendono, quindi, anche quelle di viaggio e soggiorno che fossero funzionali all espletamento del mandato. Il rimborso delle spese effettive e documentali trova fondamento nello stesso codice civile, come abbiamo detto. 6. Il rimborso spese generali In progressione di tempo, a partire dagli anni 80, nelle varie tariffe forensi è stata inserita una voce di rimborso spese generali. Rimborso fissato in una percentuale dei compensi, diretta a tenere indenne l Avvocato di quelle spese, pure affrontate per l esecuzione dell incarico, che sono difficilmente parcellabili sulla singola pratica (telefonate, fotocopie, consumi, spese di segreteria e simili). Tale rimborso a percentuale fu previsto dapprima in materia stragiudiziale, poi anche in materia contenziosa, ma sui soli onorari, ed infine sull intero ammontare dei compensi, tanto stragiudiziali quanto giudiziali. Il rimborso forfetario (ora nella misura del 12,50%), al di là del nomen, rappresenta una voce imponibile fiscalmente e, logicamente, esso è incompatibile con l addebito specifico al cliente di voci di spese generali, realizzandosi altrimenti una duplicazione di rimborsi. L importante, ad ogni modo, è che si tenga a mente che: 1) sotto il profilo fiscale la voce rimborso forfetario è una voce imponibile perché non documentata sulle singole pratiche, ma sull intera attività professionale (vogliamo dire, banalmente, che quel rimborso non trova un giustificativo imputabile alla 21

4 22 Capitolo Terzo singola pratica ma è correlato a spese di esercizio dello studio nel suo complesso); 2) nei rapporti col cliente, parcellare il rimborso spese generali e poi parcellare anche voci di spesa generale significherebbe aumentare ingiustificatamente il compenso. Qualche problema specifico in ordine al rimborso forfettario si pone con riguardo alla liquidazione giudiziale a carico del soccombente. Il primo è se occorra una domanda specifica di condanna al pagamento del rimborso forfettario. La risposta prevalente è negativa in quanto la domanda di condanna alle spese conterrebbe anche quella del rimborso forfettario, che ne è una componente (in questo senso Cass. 7886/03,5581/03 e 20488/04; contra Cass /04). Il secondo è se, omessa in sentenza la condanna esplicita del soccombente anche al pagamento del rimborso forfettario, tale voce possa essere ritenuta implicita nella condanna alle spese e, quindi, precettata. In questo senso è Cassazione 10416/2003 che estende l automatismo anche alla formazione del titolo; la citata Cass. 7886/03, invece, statuisce che, mancando una esplicita condanna (che avrebbe potuto essere emessa anche senza esplicita domanda), la voce non possa essere precettata. 7. Le spese superflue Sempre per il caso di soccombenza, il Giudice può non liquidare a favore del vincitore (o ridurre, evidentemente) le spese che ritiene eccessive o superflue (art. 92 c.p.c.). La norma ci sembra riferirsi alle sole spese in senso tecnico (queste, appunto, di cui stiamo parlando) e ci pare avere un ambito molto limitato (seppure sia mai stata consapevolmente applicata): riusciamo ad immaginare le difese scritte a stampa su carta india e rilegate in marocchino, il cui costo, per rimanere nell esempio, il Giudice non ammetterà a rimborso, perché superfluo rispetto ad un bel lavoro di dattilografia o equivalente. Possono essere ritenute superflue le spese di due o più consulenti; lo sono le trasferte del procuratore fuori del circondario. Altre ipotesi sono espressamente disciplinate ed attengono anche ai compensi (il caso del collegio difensivo di cui diremo, ad esempio). Ripetiamo: la questione attiene solo ai rapporti tra vincitore e soccombente in giudizio. 8. Diritti I compensi veri e propri sono i diritti (di procuratore) e gli onorari (di avvocato). Come preannunciammo in apertura, la parola diritto evoca la figura del procuratore; cioè di colui che, in rappresentanza della parte, compie tutti gli atti diretti a dare impulso al processo civile (innanzitutto e, poi, anche amministrativo, tributario). Con i diritti viene remunerata un attività seriale, ripetitiva, indifferente alla difficoltà dell affare, che però non è attività meramente mate-

5 I compensi dell Avvocato riale: essa richiede in ogni caso un impegno intellettuale di attenzione e di precisione, oltre che la conoscenza delle norme processuali (la redazione di una nota d iscrizione a ruolo, di una relata di notifica, di un intimazione a testi, la dichiarazione di morte della parte, ad. es.) ma uguale quale che sia, ripetiamo, la questione giuridica sottesa. Ci pare giusta, perciò, la statuizione che il diritto (di procuratore) sia fisso nel suo ammontare, ma variabile in funzione del valore dell affare cui si riferisce. I diritti maturano, salvo eccezioni, nel solo processo civile (ed amministrativo e tributario) ed in tale ambito non maturano nel processo di cassazione. Nella vigente tariffa forense (approvata con D.M. 8 aprile 2004, n. 127) le voci di attività che danno diritto a compenso sono elencate partitamente per il processo di cognizione, per quello di esecuzione e per i procedimenti speciali. I relativi diritti sono, come abbiamo detto, fissi per ciascun scaglione di valore della controversia. Sono altresì diritti, unici per qualsiasi valore, le vacazioni (che remunerano il tempo superiore ad un ora per ciascun atto procuratorio), le domiciliazioni (che non maturano a carico del soccombente), le trasferte (tra un minimo ed un massimo a prescindere dal valore, che risarciscono l allontanamento del procuratore dalla residenza) e, infine, la collazione degli scritti (per scaglioni di valore). La semplice lettura della tabella dei diritti, cui rimandiamo senz altro, descrive minutamente la progressione del processo e, in qualche modo, svela l attività latamente esecutiva dell avvocato, quella parte del suo lavoro che spesso rimane oscura al cliente ed al giudice e, talora, anche all Avvocato stesso, almeno sino a quando non mette mano alla (nota) specifica (delle spese e delle competenze) della singola vertenza. La (nota) specifica dei diritti racconta la storia della singola vicenda legale, dalla nascita (posizione e archivio) alla sua formulazione scritta (redazione citazione) alla instaurazione del contraddittorio, al suo epilogo (esame sentenza). Sui diritti di procuratore, correttamente ma compiutamente parcellati, può giocarsi la sorte del giovane collaboratore di studio, del corrispondente, del lavoro seriale dell intero studio e, se gli Avvocati redigessero le specifiche di causa come atti difensivi e i Giudici le leggessero, anche quella della liquidazione a carico del soccombente. Sulla specifica dei diritti si scontrano, nella difficile pratica del farsi pagare dal cliente, due scuole di pensiero : quella di chi sostiene che una nutrita specifica dei diritti fa comprendere meglio la mole del lavoro svolto; e quella di chi sostiene che essa irrita ed indispone il cliente, che sarebbe indifferente a tale tipo di sollecitazione e desidera tagliare a corto con una questione in ogni caso non piacevole. L applicabilità di questo o quel diritto, la compatibilità o meno di due di essi, la replicabilità di alcuni in specifica hanno formato oggetto di un vasto, minuto e puntiglioso contenzioso (e della conseguente giurisprudenza) di cui non è possibile qui dare conto. Ciò che si può ed è opportuno senz altro ribadire è che, tendenzialmente, la tariffa forense dei diritti si applica, nella sua interezza e nei suoi limiti, tanto nel rapporto di soccombenza in giudizio quanto in quello di clientela; ontologica- 23

6 24 Capitolo Terzo mente, cioè, il compenso di quello che era il procuratore del processo civile è lo stesso a prescindere dalla sede in cui viene determinato e di tale principio, ma in modo più articolato, troveremo applicazione anche per gli onorari. Può in questa sede ricordarsi che l Avvocato è obbligato alla redazione ed al deposito della nota specifica (cui, tra l altro e giustamente, corrisponde un diritto procuratorio) sia dall art. 59 L.P. sia dall art. 75 disp. att. c.p.c.. Il primo, temporalmente anteriore, prevede anche una sanzione, molto raramente applicata. 9. Onorari Gli onorari sono la voce dei compensi che corrisponde all attività altamente intellettuale dell avvocato, del difensore; di chi, lo abbiamo detto, studia il caso, elabora la strategia difensiva, la attua negli scritti, nelle discussioni orali e nella trattativa con la controparte. L attuale tariffa forense (il già citato D.M. 127/04) è organizzata in tre capitoli: il primo per gli onorari, i diritti (questi ultimi già esaminati) e le indennità per l attività giudiziale civile, amministrativa e tributaria; il secondo per l attività penale ed il terzo per la materia stragiudiziale (civile, penale, amministrativa e tributaria). Del primo capitolo resta, dunque, da esaminare la tabella degli onorari per l attività giudiziaria civile. Essa è articolata per Autorità Giudiziaria: a) Giudice di Pace; b) Tribunale e Commissione Tributaria di I grado; c) T.A.R.; d) Corte d Appello e Commissione Tributaria Regionale; e) Cassazione e altre Magistrature Superiori; f) Corte Costituzionale, Corte Europea per i diritti, Corte di Giustizia C.E.E.; g) procedimenti speciali, procedure esecutive e procedimenti tavolari (che sono quelli relativi al sistema dell intavolazione immobiliare di absburgica memoria), pure distinti per A.G. Le voci della tariffa giudiziaria sono pensate con riferimento ai vari atti del processo nei quali si estrinseca la attività dell Avvocato (citazione, ricorso, comparsa, discussione, motivi aggiunti etc. etc.) e, abbiamo detto, in relazione ai diversi Giudici innanzi ai quali si patrocina. Anche in questa tabella vi è l articolazione per valore; ma, a differenza che per i diritti, l importo di onorario, per ciascuna voce e ciascuno scaglione di valore, varia tra un minimo ed un massimo. Gli onorari aumentano in relazione al maggior valore ma la progressione in aumento è attenuata; così che, in definitiva, l onorario incide progressivamente in misura sempre minore sul valore della controversia. O, ciò che è lo stesso e su cui dovremo tornare per altri profili, l onorario di una controversia del valore di 10 milioni è inferiore alla somma degli onorari di dieci controversie da un milione; e, ancor più incisivamente, l onorario di una causa da un milione di euro è inferiore alla somma degli onorari di mille cause da mille euro. Il lettore della tariffa giudiziaria civile ritroverà nelle voci ammesse a compenso di onorario molte di quelle già rinvenute nella tabella dei diritti (citazio-

7 I compensi dell Avvocato ne, comparse, assistenza alla prova, conciliazione ecc.): ciò trova la sua origine storica nella accennata distinzione delle professioni e la sua attuale giustificazione nel diverso profilo da cui la stessa attività (redazione citazione, sessione col cliente, ad. es.) viene vista: attività prevalentemente esecutiva per i diritti ed attività di impegno intellettuale per gli onorari. Il secondo capitolo della Tariffa attiene alle attività del settore penale. La relativa tabella è quella che ha subìto, nel recente D.M. 8 aprile 2004, n. 127 di approvazione della vigente tariffa forense, le maggiori modifiche: l attività giudiziaria penale è stata articolata e descritta in un numero molto maggiore di voci, distinte per A.G. (ivi compresa quella che, pur essendo articolata per A.G., è tipicamente stragiudiziale e riguarda i pareri che esauriscono l attività). La Tariffa stragiudiziale (capitolo terzo), che è intitolata come civile, penale e amministrativa ma fondamentalmente attiene la materia civile, è articolata sulle seguenti categorie di funzioni: mera consulenza (orale o scritta), assistenza in specifiche vicende, assistenza continuativa (procedure concorsuali, pratiche successorie, liquidazioni), gestione amministrativa, assistenza ad arbitrati irrituali, arbitrati. La attività stragiudiziale civile non viene remunerata che con onorari ma l affermazione non è assoluta: essa può comportare in via preliminare o complementare l esecuzione di attività procuratorie, quali visure,diffide da notificare, trascrizioni o cancellazioni che, previste nella tabella dei diritti del processo civile di cognizione o esecuzione, vanno con essi retribuite. Gli onorari sono determinati per scaglioni di valore dell affare, con previsione di un minimo ed un massimo talora individuati in percentuale. Anche per questo terzo capitolo, più che una descrizione sintetica quale quella da noi data, varrà la lettura delle tabelle a familiarizzare il giovane avvocato con la tariffa stragiudiziale. 10. Criteri generali di liquidazione I criteri generali di liquidazione del compenso degli avvocati sono enunciati in parte nella legge professionale, in parte nella legge del 1942 sugli onorari giudiziali civili, in parte nelle leggi del 1949 e 1957 aventi tale specifico oggetto. Tali criteri sono poi tralatiziamente riprodotti ed integrati, con pochi aggiustamenti, nei DD.MM. che, in virtù appunto delle predette leggi, con cadenza ufficialmente biennale, approvano le nuove tariffe redatte dal Consiglio Nazionale Forense. I problemi di applicazione della tariffa forense per giungere alla quantificazione del compenso sono sostanzialmente tre: a) individuazione temporale della tariffa (il D.M.) da applicare tra quelle che si sono succedute nel tempo; 25

8 26 Capitolo Terzo b) determinazione del valore della controversia (per appostare la pratica, la causa o l affare in uno scaglione di valore); c) rilevazione degli indici che rendono possibile liquidare le singole voci di compenso tra il minimo e il massimo dello scaglione prescelto (o, in casi di eccezione, sforare tali limiti). Cerchiamo di fissare pochi ma fondamentali punti: 1) nel caso che la prestazione professionale si sia svolta nell arco temporale di vigenza di più tariffe, i diritti sono liquidati con quella vigente al tempo di esecuzione della singola attività e gli onorari con quella vigente al momento della cessazione dell attività nel suo complesso; mai, però, con la tariffa vigente al momento in cui la liquidazione viene eseguita, se ancora successiva; 2) la questione del valore della pratica non esiste, ovviamente, per l attività penale, ove contano in aggiunta al criterio del grado della A.G. la complessità, intensità, durata, pregio dell opera. Per la materia civile, sono gli articoli 6 della tariffa giudiziale e 5 della tariffa stragiudiziale a dettare le regole per determinare il valore della controversia o affare; 3) per il solo contenzioso civile (e tributario ed amministrativo), che può dar luogo ad una liquidazione delle spese in favore del vincitore, esiste il problema del rapporto tra liquidazione a carico del soccombente e liquidazione a carico del cliente (vincitore o soccombente che sia) in favore dell avvocato. Già la L.P., all art. 61, 2 comma, enuncia la possibilità che la liquidazione a favore dell avvocato del vincitore (che nell interezza fa comunque carico al vincitore stesso) possa essere maggiore di quella disposta dal Giudice a titolo di rimborso a carico del perdente; 4) il citato art. 6 della tariffa giudiziaria civile legittima una prima ipotesi di divaricazione tra liquidazione di soccombenza e liquidazione di clientela. Infatti, per il civile sancita la regola che il valore si determina a norma del codice di procedura è statuito che nella liquidazione degli onorari a carico del cliente, può aversi riguardo al valore effettivo della controversia, quando esso risulti manifestamente diverso da quello presunto a norma del codice di procedura civile. Per l amministrativo sancito il riferimento al codice di procedura civile ed all interesse sostanziale tutelato è previsto che nella liquidazione degli onorari a carico del cliente, per la determinazione del valore effettivo della controversia, deve aversi riguardo al valore dei diversi interessi perseguiti dalle parti ; 5) ed inoltre la divaricazione è legittima se: a) si tratta di quelle spese superflue di cui abbiamo detto, di cui il Giudice può escludere la ripetizione ma che debbono essere dal cliente rimborsate all Avvocato; b) si tratta del caso previsto dall art. 9, comma 5, Legge 794/1942: che la somma attribuita dal Giudice al vincitore sia inferiore a quella domanda-

9 I compensi dell Avvocato ta; essa determina il valore della causa ai fini delle spese a carico del soccombente (mentre tra avvocato e cliente il valore è dato dalla domanda); c) dipende dal fatto che l Avvocato non ha adempiuto, nel processo, allo specifico obbligo, impostogli dall art. 59 L.P., di depositare la nota specifica all atto del passaggio in decisione della causa, di tal che il Giudice è costretto a liquidare in base agli atti della causa ; d) si verifica lo sforamento tariffario di cui al punto successivo. Al di fuori di questi casi e tendenzialmente, non dovrebbe esservi discrepanza tra liquidazione di soccombenza e liquidazione di clientela per gli affari processuali. Lo sforamento del minimo tariffario è quasi un mistero. La L.P., all art. 60, comma 5, lo consente al Giudice quando la causa risulti di facile trattazione con decisione motivata. Lo consente pure la L. 794/42 all art. 4, comma 2, nelle cause di particolare semplicità. Le tariffe che si sono succedute nel tempo recano, invece, una regola diversa; la tariffa vigente alla luce del D.M. 127/2004 così enuncia all art. 4 per la tariffa giudiziaria civile: Gli onorari minimi sono inderogabili. Soltanto quando fra le prestazioni dell avvocato e l onorario previsto [ ] appaia [ ] una manifesta sproporzione possono essere [ ] diminuiti i minimi indicati nelle tabelle, purché la parte che vi ha interesse esibisca il parere del competente Consiglio dell Ordine. Tale norma viene interpretata nel senso che i minimi non sono derogabili nel rapporto di clientela, ma solo in quello di soccombenza, su iniziativa della parte interessata che presenti il parere del C.d.O. Vale a dire che il prevedibile soccombente, per limitare le perdite, deve riconoscere la semplicità della questione che lo vedrà soccombere e chiedere che gli onorari di soccombenza siano diminuiti. Con l ulteriore conseguenza che il vincitore in tesi ovvio e incontestato proprio in tale caso vedrà la sua scontata vittoria quantitativamente ridotta da un rimborso delle spese legali legittimamente inferiore alle somme che pagherà al suo Avvocato. La riproduzione, però, della stessa regola all art. 9 della tariffa stragiudiziale, ove non vi è un soccombente, incide sulla soluzione dianzi prospettata, ponendo altresì un altro problema: il parere al C.d.O., per andare in violazione dei minimi nello stragiudiziale, lo dovrà chiedere il cliente? O il Giudice, d ufficio, in sede contenziosa? Ma la legge professionale li legittima a tanto? Crediamo di poter dire che ci troviamo di fronte ad uno dei non isolati casi in cui C.N.F. e Ministero abbiano per lunghi anni perseverato nell errore o nell equivoco. Anche su questo punto occorre la lettura abbinata con il paragrafo finale. Noi sosteniamo che per le liquidazioni giudiziali nulla sia mutato (anzi, molto avvocatescamente, si potrebbe sostenere che il decreto Bersani abbia fatto cadere le limitate possibilità del Giudice di liquidare al di sotto dei minimi), mentre tutto sia possibile tra Avvocato e cliente; 27

10 28 Capitolo Terzo 6) tariffa giudiziale e tariffa stragiudiziale possono anche essere applicate congiuntamente, vuoi perché ad una attività non contenziosa è seguita quella giudiziale, vuoi perché una lite è conclusa con transazione. In questo caso è necessaria una precisazione: esiste nella tariffa giudiziaria civile una voce che remunera l attività che ha portato le parti della lite alla transazione; e quella sarà l unica voce da applicare se la conciliazione avrà avuto un oggetto corrispondente a quello della lite. Quando, invece, la transazione sarà stata complessa, vale a dire avrà definito il contenzioso anche con la creazione di rapporti nuovi, dovrà trovare applicazione anche la tariffa stragiudiziale. Esempio: se la causa di finita locazione viene conclusa con l accordo circa il rilascio e le sue modalità, siamo nella mera conciliazione della causa; se la causa sarà transatta attraverso la stipula di una nuova locazione o, addirittura, la vendita all inquilino dell immobile, siamo nell ambito della transazione complessa che va remunerata anche con compensi stragiudiziali (quelli per la stipula della locazione o della compravendita); 7) il cliente che si serve di più avvocati li deve remunerare tutti; ciascuno per l attività effettivamente svolta. Il soccombente nel giudizio civile, che sia condannato nelle spese, rimborsa quelle della difesa singola. Sul punto sostanzialmente l art. 62 L.P.: Quando più avvocati abbiano prestato simultaneamente l opera loro nell interesse della stessa parte, ciascuno ha diritto nei confronti di quest ultima al proprio onorario, salvo quella riduzione che fosse reputata giusta in rapporto al concorso con gli altri avvocati. La stessa norma si applica nei giudizi penali. E l art. 6 L.794/42 (relativa al solo processo civile) Se più avvocati sono incaricati della difesa, ciascuno di essi ha diritto, nei confronti del proprio cliente, agli onorari per l opera prestata. Dalla parte soccombente sono dovuti, però, gli onorari per un solo avvocato ; 8) il caso dell Avvocato che assista più clienti o che difenda un cliente contro più parti merita anch esso la spendita di qualche parola. Cominciamo col dire che il caso non ha alcuna disciplina specifica nello stragiudiziale: ciò vuol dire che si applicheranno le regole della logica: o vi è una sola questione che vede più soggetti interessati alla stessa posizione (più venditori dello stesso cespite, più titolari di una servitù, ad es., o, come potremmo dire, una parte plurima) ed allora la parcella unica sarà commisurata sull unitario valore della pratica; o vi saranno tante questioni, sia pure parallele o identiche, quanti sono i clienti ed allora vi saranno tante parcelle commisurate sulla singola posizione. Per il giudiziario, tanto civile quanto penale, esistono invece delle norme tariffarie ad hoc: l art. 5, comma 4 della tariffa civile e l art. 3, commi 1 e 2 della tariffa penale. Norme spesso incomprese, esse sono, di fondo, delle norme di disfavore per l Avvocato, ma trovano applicazione corretta solo in pochi casi. Per la loro applicazione si richiede, infatti, che le questioni affrontate per la pluralità di clienti o contro la pluralità di avversari siano identiche; se dieci impiegati assunti al VII livello in

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. PARTE PRIMA Roma - Mercoledì, 2 aprile 2014 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. PARTE PRIMA Roma - Mercoledì, 2 aprile 2014 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI SERIE GENERALE Spediz. abb. post. - art. 45% 1, - comma art. 2, 1 comma 20/b Legge 27-02-24, 23-12-1996, n. n. 46662 - Filiale - Filiale di Roma di Roma GAZZETTA Anno 155 - Numero 77 UFFICIALE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRENTO TRIBUNALE CIVILE DI TRENTO Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI FORMA DEL PIGNORAMENTO L atto di pignoramento deve contenere l avvertimento al debitore che, se intende

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

Quando è valida la procura alle liti?

Quando è valida la procura alle liti? PROCESSO / PROCURA ALLE LITI Quando è valida la procura alle liti? L esiguo dettato normativo ha portato ad incertezze e contrasti sulle ipostesi di validità della procura e sulle conseguenze della sua

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

LINEE GUIDA PER I CTU

LINEE GUIDA PER I CTU LINEE GUIDA PER I CTU per lo svolgimento delle operazioni peritali e per la redazione delle consulenze tecniche. PARTE PRIMA Le operazioni peritali Accettazione dell incarico. - Il c.t.u. ha l obbligo

Dettagli

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione.

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. La Procedura di Mediazione Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. A cura dell Avv. Vincenzo Ferrò e della

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto Guida al Reclamo Indice Premessa 1 La fase del reclamo 3 Il ricorso all Arbitro Bancario Finanziario (ABF) 3 L Associazione Conciliatore BancarioFinanziario 7 L Ombudsman - Giurì bancario 7 La Mediazione

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti Corte di Cassazione Sez. lavoro Sentenza 28 ottobre 2009 n. 22823 (Pres.

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Rivoluzione nella conciliazione e arbitrato in materia di lavoro Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano

Rivoluzione nella conciliazione e arbitrato in materia di lavoro Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Il parere del Consulente Rivoluzione nella conciliazione e arbitrato in materia di lavoro Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Nel Collegato un importante riconoscimento del ruolo della categoria

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli