Alberi e uomini di Umberto Maria Milizia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alberi e uomini di Umberto Maria Milizia"

Transcript

1 Alberi e uomini Alberi e uomini di Umberto Maria Milizia Rilievo del I secolo a.c. illustrante lavori agricoli. In questa epoca di grandi cambiamenti in molti si sono resi conto che non tutto ciò che è nuovo o diverso può essere accettato per buono o, detto in altri termini, che lo sviluppo ed il progresso non sono sempre accettabili o sostenibili. Questo mutato atteggiamento del pensiero riguarda anche il rapporto con l'ambiente naturale che ci circonda, la cui sopravvivenza ed il cui mantenimento sono divenuti un fabbisogno collettivo primario; collettivo, perché i comportamenti individuali sono ancora improntati ad un eccessivo egoismo. Questo scarto tra coscienza collettiva, che genera leggi e norme comportamentali sempre più protettive della natura, e quella individuale, che tende ad eludere queste leggi è un fatto nuovo nella storia, certamente positivo perché quello che conta è la direzione in cui va l'intera società anche se in troppi sono lenti a muoversi. Questa breve premessa introduce l'argomento di queste note: gli alberi. Spieghiamoci subito con un esempio, gli alberi sono talmente rappresentativi della Natura che ogni volta che si presentino dei problemi ambientali da risolvere si ricorre quasi sempre ad essi per rendere più accettabile un ambiente. Anche se si guarda al passato ci si accorge della loro posizione particolare, tanto che le prime leggi di salvaguardia della natura riguardarono proprio gli alberi, soprattutto nel loro modo di esistere più grandioso e suggestivo, le foreste; in questo campo il nostro paese si dotò di una legislazione adeguata, in tempi moderni, prima e meglio degli altri, e possiamo anche vantarcene un poco senza troppe false modestie. Chi ama la natura, quindi, ama gli alberi e li vede quasi come simboli di una serie di valori che la società attuale rischia di perdere; ma è sempre stato così? No. Prima di tutto perché quando si possiede un bene che viene dato per scontato non 1

2 Umberto Maria Milizia ci si accorge di averlo; si pensi che le proteste contro l'abbattimento degli alberi avvengono solo quando il fatto è imminente, se non è già troppo tardi, quasi mai prima. Chi mai si sofferma a guardare, che so, i platani che costeggiano una strada? Eppure se vengono tagliati si nota subito l'impoverimento ambientale. Questa è una sensazione individuale abbastanza logica se vogliamo, ma il motivo vero per cui una certa coscienza del valore degli alberi è nata solo in tempi relativamente recenti è che sino a pochi decenni fa ancora l'esistenza stessa dell'uomo, intesa come specie, era connessa ad essi. Se vogliamo dare retta agli studi scientifici, e non si vede perché non si dovrebbe, la nostra specie stessa ha un'origine soprattutto vegetariana ed intimamente connessa al mondo vegetale. Gli alberi sono sempre stati il punto di riferimento per l'uomo per costruire capanne, riscaldarsi, cibarsi, per tutte le attività, in poche parole, connesse allo sviluppo della civiltà. Come abbiamo appena detto non ci si dovrebbe neppure chiedere che cosa possano rappresentare gli alberi nella nostra vita, sia individualmente che collettivamente. Da millenni con il legno degli alberi si costruiscono mobili e la loro forma è sempre stata certamente la più razionale in relazione al materiale usato; ebbene, dopo avere scoperto tanti nuovi prodotti sintetici, ancora, la forma migliore per un mobile, quella più conveniente, è quella tradizionale nella sostanza, anche se modernissima nell'aspetto. Forse niente è più indicativo della lettura di un libro per la quarta classe elementare di 120 anni fa 1 quando il programma scolastico prevedeva il formarsi delle basi necessarie ad una cultura generale dopo che lo studente aveva ormai imparato a leggere e scrivere con un minimo di correttezza in Italiano. Quest'ultima precisazione è necessaria, dato che allora si parlava comunemente in dialetto, anche tra i signori e tenendo presente che, da poco, si era introdotto l'obbligo scolastico per le prime tre classi elementari ed ancora non c'era neppure il suffragio universale. Eppure era considerato indispensabile che il fanciullo, come si diceva, dovesse conoscere abbastanza approfonditamente piante ed alberi oltre all'immancabile Storia Romana. Rileviamo questo perché oggi si agisce spesso anche troppo (o meglio, indiscriminatamente) per far nascere una coscienza ambientale nei bambini ma senza far realmente conoscere bene quello che dovrebbe costituire l'oggetto di questa coscienza. Così impariamo che l'olmo era destinato a sostenere le viti ma che il suo legname era ottimo per costruire carri e carrozze e che con la sua corteccia si tingeva la lana di giallo; già perché allora era uso diffuso tingere le stoffe a casa. L'ontano era ottimo per costruire palafitte su cui costruire come su solide 1 AUGUSTO ALFANI, Il Libro di Lettura per la Quarta Classe Elementare, Firenze

3 Alberi e uomini fondazioni; il leccio, per la durezza del legno, era invece adatto a fare madreviti per i torchi da vino e da stampa; il tiglio era buono per fare carbone per la polvere da sparo e decotti, e così via. Quello che non sapevamo è che il termine gomma era un termine generico, che indicava un tipo di sostanze che trasudavano dagli alberi simili alle resine e dalle quali si distingueva perché era solubile in acqua ma non nell'alcool o spirito di vino come viene indicato nel libro. Le resine vere e proprie, invece, si scioglievano nello spirito ma non nell'acqua e servivano come componente principale per le vernici, come la coppale (ma oggi il sostantivo è usato al maschile e si dice il coppale) o la vernice di Lucca. Tra le gomme più comuni vengono ricordate la gomma arabica e l'orichicco, che trasuda da peschi e dai susini; Una breve ricerca su vecchi vocabolari ci ha permesso di sapere che il termine orichicco significa chicco d'oro ( e fino a qui ci saremmo arrivati da soli) ma mai avremmo sospettato che fosse un'ingrediente per la bomberaca mistura con cui le donne si lustravano i capelli. Nei tempi antichi; bomberaca, a sua volta, era un nome popolare dell'acacia, non sappiamo in quale parte d'italia. Immaginate ora la scena: marito - Ciao cara che fai? - Moglie - Una bomberaca con dell'orichicco. - Da divorzio! Comunque di orichicco e bomberaca trenta anni dopo non c'era più traccia nei vocabolari mentre le strade si riempivano d'automobili e nel cielo volavano i primi aeroplani. E quella che per noi è la gomma? Viene chiamata gomma dragante o adragante e si specifica che veniva solo dall'estero. La manna poi viene indicata come una resina che scola da una specie di frassino caratteristico della Sicilia buona per uso medicinale; ma non crediamo che fosse quella che Dio fece cadere dal cielo nel deserto, in fondo la Bibbia dice solo che questo cibo celeste era simile a Manna. Vuol dire che la prossima volta che ci capiterà di andare in Sicilia andremo in cerca di frassini per vedere come è la manna. Olivi e quercie hanno interi capitoletti dedicati. Riportiamo per curiosità del lettore qualche brano sulla concimazione delle piante: I fiori dell olivo si chiamano mignoli; e mignolare si dice il fiorire di esso. Gli olivi, perché diano buoni frutti, cioè abbondanti, bisogna concimarli, ossia governarli bene. Concimati a dovere, gli olivi darebbero assai frutto tutti gli anni; ma è provato che, per governare un olivo grosso, ci vorrebbe da 70 chilogrammi di concio [concime naturale fermentato]; è conto fatto, però, che da un olivo governato così, si può levare anno per anno dieci chilogrammi d olio. Ogni carrata di concio, se i contadini volessero, potrebbero convertirla in un barile di olio. Il concime sotto I ulivo va non ammonticchiato tutto al piede, ma 3

4 Umberto Maria Milizia sparso torno torno. E perciò, più che crescere il numero degli olivi, i contadini avveduti pensano ad avere il governo necessario per gli olivi che essi hanno; i meno olivi, sugati bene, rendono assai più che i molti sugati male o a stento Per raccogliere l olive, il modo migliore è di coglierle a mano, invece di batter 1 olivo per farle cascare, o di aspettare ché siano cascate da se. Questo brano ci dà anche un'idea del linguaggio usato che, per la verità, non poi così semplice per un bambino di nove anni. Aggiungiamo che si tratta di un terzo di pagina delle due dedicate all'olivo, dense di indicazioni anche pratiche, come abbiamo visto, ed avremo chiara l'idea che una volta si studiava molto di più; ognuno ne tragga le conseguenze che vuole. Un altra pianta alla quale viene dedicato un intero capitoletto, ancora più lungo, è la quercia, la Querce nel testo, con tutta una serie di indicazioni sull'uso e la stagionatura del legno e delle ghiande che termina con la frase: è noto che si fa anche il caffè di ghiande, ma si vede che era tanto noto che è l'unica cosa che l'autore non ci dice come venisse fatta, se lo scopriamo lo comunicheremo. Per tagliare corto in sei o sette capitoletti lo studente doveva imparare come piantare, curare, usare le più comuni specie di piante ed alberi; ma anche se in modo sintetico era sempre una discreta fatica. In un libro più antico, di statistiche 2, abbiamo trovato il valore economico che nel passato (siamo prima dell'invenzione della ferrovia) gli alberi potevano avere nella società. In un grande Quadro Sinottico degli Alberi Indigeni, o resi tali nel suolo romano abbiamo le seguenti voci sugli alberi che danno origine ad altrettante colonne: Nomi comuni, Nomi usati dai villici, Nomi scientifici, Durata della vita, Accrescimento annuo,prodotti ed uso, Posizione e clima più favorevoli, Uso del legno, Terreni più adatti, Nazioni estere dove si trovino (tra queste anche gli altri stati italiani), Uso nei Luoghi di Delizia (Parchi e Giardini), Osservazioni particolari. Chi abbia avuto la pazienza di leggere queste voci potrà capire che l'autore, nel parlare dello stato economico delle singole provincie era in grado di indicare anche i miglioramenti da apportare all'ambiente ed all'agricoltura, suggerendo per ogni località le culture e le piantagioni che potevano riuscire meglio, anche in vista di possibili concorrenze straniere. Anche se qualche albero ci sfugge un po', come il Lazzeruolo, questa grande 2 GABRIELLE CALINDRI, Saggio Statistico Storico del Pontificio Stato, Perugia All'epoca la Statistica era una scienza nuova e chi la studiava in sospetto di essere rivoluzionario perché poteva mettere in dubbio la capacità e la verità del potere che ancora teorizzava, in molti stati assoluti, la necessità di tenere il popolo nell'ignoranza per evitare che cadesse preda di dottrine false e poterlo guidare meglio, per il suo stesso bene, naturalmente. 4

5 Alberi e uomini tabella è il riassunto di una civiltà, oggi scomparsa, in cui il legno era il materiale da costruzione e da lavoro per eccellenza ed in cui gli alberi erano rispettati, non fosse altro che per motivi economici. Abbiamo anche notato che in alcuni casi gli alberi indicati come i più adatti ad un certo uso di fatto in alcune zone, tradizionalmente, fossero sostituiti da altri o che le modalità di lavorazione, come la stagionatura, fossero diverse da quelle in seguito indicate; questo è certamente dovuto alla disponibilità locale di determinate piante piuttosto che di altre, ma quello che nel trattato è indicato era certamente l'uso più razionale, perché studiato scientificamente e avrebbe più che raddoppiato la produzione agricola di tutto lo stato. Per fare un esempio per le doghe delle botti viene indicato l'ippocastano e non il Rovere, ma allora le botti avevano un utilizzo molto più esteso di oggi e per molti più liquidi. Ma a chi sarebbe convenuto? Ai padroni no, perché era necessario impiegare capitali, ai fattori nemmeno, perché per loro era un'inutile fatica, allo stato neppure perché si aveva paura di rivolgimenti sociali; così tutto rimase fermo per decenni e decenni. Tornando indietro ancora nel tempo non si può fare a meno di citare il De Agri Cvltura Liber, il Libro sulla Coltivazione dei Campi, di Marco Porcio Catone, che il celebre censore e fustigatore dei costumi scrisse per il figlio quasi 200 anni prima di Cristo. Il libro ebbe una straordinaria fortuna presso i posteri e fu trascritto per tutto il Medioevo; di fatto è uno dei pochi trattati organici antichi arrivati sino a noi. Ingiustamente trascurato dai letterati per la sua aridità è invece interessantissimo per gli amanti delle tradizioni, sia perché scopriamo quanto poco siano cambiate le regole dell'agricoltura sino all'introduzione della meccanizzazione in oltre duemila anni sia per le ricette culinarie inserite abbondantemente nel libro che, se si escludono quelle successive dovute alle nuove piante venute dall'america (pomodori, patate, mais) somigliano moltissimo a quelle ricette genuine che oggi andiamo cercando di riscoprire e che ci dicono come era la cucina popolare dei Romani piuttosto che quella sofisticata trasmessaci da Apicio. Eccone una: La polta 3 alla cartaginese si prepara così: Mettete una libbra (455 grammi) di farina di spelta [ma va bene anche la farina di grano tenero, n.d.r.] nell'acqua e fate che si inzuppi bene; poi mettetela in un recipiente ben pulito e aggiungete tre parti di formaggio fresco ed una di miele, un uovo e mescolate bene. Fate cuocere in una pentola nuova. Ovviamente le pentole moderne, metalliche o di terracotta che siano, non devono essere comperate nuove 3 Da polta deriva il termine poltiglia. 5

6 Umberto Maria Milizia ogni volta che si cucina, ma il coccio usato allora era piuttosto poroso e non poteva essere pulito mai a fondo, di qui l'indicazione di usare una pentola nuova per certi piatti particolari. Quello in cui il trattato è carente sono delle indicazioni sulle tecniche di irrigazione e di gestione idrica del territorio, in cui i Romani erano maestri, e che sono state eguagliate solo nel secolo appena passato, ma crediamo che nel Medioevo queste tecniche non interessassero quasi nessuno. 4 Di sicuro molte delle nozioni insegnate in questi libri, oggi come oggi, sono poco conosciute anche a chi si occupa di coltivazioni, ma del resto tante cose che si ottenevano dagli alberi e dalla loro lavorazione si fanno in altri modi per ragioni di costo o di fatica, quasi mai, abbiamo costatato, per motivi strettamente qualitativi. Bisogna anche dire che in molti casi si è dimostrato che il ricorso a tecniche antiche come l uso di muli nei lavori di bosco, risulterebbe più economico delle più moderne e sofisticate, ma esite ormai una sorta di pregiudizio inverso che rende sospetto non il moderno, ma l'antico, al contrario di quanto succedeva una volta, quando non si riusciva ad introdurre novità di alcun tipo per la resistenza culturale della gente. Tornare indietro ci sembra difficile, anche perché, sinceramente, quando si abbatte un albero si fa morire pur sempre un essere vivente, magari vecchio di qualche secolo e questo, se non è strettamente necessario, è sempre uccidere. Concludiamo lanciando un appello contro coloro che criminalmente sradicano olivi plurisecolari per rivenderli senza alcun senso della sofferenza che generano nella pianta e nell'ambiente. Rilievo del secolo a.c. rappresentante un frantoio. 4 Per avere un'idea i primi acquedotti furono ricostruiti in Italia a partire dal Duecento e le fognature a Roma dal Cinquecento. Per comparazione a Parigi le fogne furono fatte decentemente solo nel

Storia dello Zafferano

Storia dello Zafferano Riso e zafferano Riso Zafferano Origine: India Orientale Arriva in Europa: grazie alla conquista dell Asia da parte di Alessandro Magno All'inizio viene utilizzato: a scopo terapeutico Trionfa definitivamente

Dettagli

grazie per la vostra lettera! E stato emozionante vedervi nella vostra bellissima natura!

grazie per la vostra lettera! E stato emozionante vedervi nella vostra bellissima natura! Carissimi amici, grazie per la vostra lettera! E stato emozionante vedervi nella vostra bellissima natura! Purtroppo per noi, però, è arrivato il momento di salutarvi, perché non solo siamo alla fine dell

Dettagli

Anno scolastico 2006-2007 classi 3^ A e 3^B

Anno scolastico 2006-2007 classi 3^ A e 3^B Anno scolastico 2006-2007 classi 3^ A e 3^B Il 31 Ottobre sono venuti a scuola gli esperti della SILEA. Abbiamo sistemato nel cortile della scuola una compostiera per produrre il compost a scuola. OCCORRENTE:

Dettagli

FATTORIA DIDATTICA NELLA TERRA DELL

FATTORIA DIDATTICA NELLA TERRA DELL Azienda Agrituristica di Vallecupa Pescasseroli (AQ) Via della Difesa 67032 Pescasseroli (AQ) Tel. 0863/910444 cell. 333/2517855 email info@agriturismomaneggiovallecupa.it www.agriturimomaneggiovallecupa.it

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA G. Rodari di CERBAIA Anno scolastico 2009/2010

SCUOLA PRIMARIA G. Rodari di CERBAIA Anno scolastico 2009/2010 SCUOLA PRIMARIA G. Rodari di CERBAIA Anno scolastico 2009/2010 Il progetto Vivi il giardino Primaria di Cerbaia vede come protagonisti la Cooperativa Le Rose, il Comune di San Casciano, i docenti, gli

Dettagli

Note per l'insegnante

Note per l'insegnante LA STAMPA Note per l'insegnante 1. Abbiamo realizzato molti disegni illustrativi del testo perché abbiamo pensato che sarebbe bello che fossero i bambini ad illustrare i testi 2. I titoli posti come domande

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Messaggi chiave L acqua presente sulla Terra è sempre la stessa

Messaggi chiave L acqua presente sulla Terra è sempre la stessa Messaggi chiave L acqua presente sulla Terra è sempre la stessa e si muove secondo un percorso, detto ciclo dell acqua, attivato dall energia del sole. L acqua del mare, riscaldata dal calore del sole,

Dettagli

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI FINALITA Sviluppare nei bambini una sensibilità nei confronti dell ambiente, con la consapevolezza che in un ecosistema tutto deve essere in equilibrio

Dettagli

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO Abbiamo effettuato una sorta di progettazione partecipata per individuare obiettivi ed attività da svolgere durante l esperienza sul campo, stimolando i ragazzi ad individuarli/proporli

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

Seriare e classificare oggetti in base alle loro proprietà. Osservare momenti significativi nella vita di piante e animali.

Seriare e classificare oggetti in base alle loro proprietà. Osservare momenti significativi nella vita di piante e animali. CLASSE PRIMA Sviluppa un atteggiamento di curiosità e di ricerca esplorativa. Sa raggruppare classificare e ordinare in base ad una caratteristica. Individuare la struttura di oggetti semplici e descriverli

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

L evoluzione dei sapori

L evoluzione dei sapori Cosa mangiavano i nostri bisnonni? La preparazione del cibo allora e oggi Il ruolo della tecnologia in cucina L evoluzione dei sapori OGM e conservazione alimentare Cosa mangiavano i nostri bisnonni..

Dettagli

FANTASTICA ZUCCA! Classe III B Scuola Primaria G.P. Meucci

FANTASTICA ZUCCA! Classe III B Scuola Primaria G.P. Meucci FANTASTICA ZUCCA! Classe III B Scuola Primaria G.P. Meucci LA STORIA ZUCCA: LA STORIA Sul luogo e sul periodo di provenienza della zucca non ci sono dati certi. Conosciuta in Perù già dal 1200 a.c., si

Dettagli

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado Fondazione Pirelli Educational 2015 2016 Laboratori Fondazione Pirelli Per l anno scolastico 2015-2016 la Fondazione organizza un programma gratuito di percorsi didattici e creativi rivolto alle scuole

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

1. Energia e Portatori di Energia

1. Energia e Portatori di Energia 1. Energia e Portatori di Energia 1.1. Cosa hanno in comune benzina, pane ed elettricità? I tappeti volanti esistono solo nelle favole. Sarebbe troppo bello se esistessero veramente. Con un tappeto volante

Dettagli

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola.

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. L ENERGIA Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. La giornata è appena iniziata e hai già usato tantissima ENERGIA:

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

trasmettere un messaggio o un insegnamento introdurre un racconto punti... / 1

trasmettere un messaggio o un insegnamento introdurre un racconto punti... / 1 NOME CLASSE... DATA... Verifica delle conoscenze 1. Chi sono, di solito, i protagonisti delle favole? a animali c uomini b animali umanizzati d oggetti 2. Qual è lo scopo delle favole? a divertire b annoiare

Dettagli

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO IL MEDIOEVO IL MEDIOEVO MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna (mezzo) (età) MEDIO + EVO I FATTI PIÙ IMPORTANTI ALL INIZIO DEL MEDIOEVO i barbari e i

Dettagli

Il mais èoriginario dell America Centrale (Messico e Guatemala).

Il mais èoriginario dell America Centrale (Messico e Guatemala). Il mais èoriginario dell America Centrale (Messico e Guatemala). Una leggenda Maya vuole, che l'uomo sia stato plasmato dagli Dei partendo da un chicco di mais e acqua, conquistandosi una dignità è un'importanza

Dettagli

Indice. Ripieni di carne. Ripieni di magro. Gnocchi. Specialità. Pasta all uovo. Pronti in tavola

Indice. Ripieni di carne. Ripieni di magro. Gnocchi. Specialità. Pasta all uovo. Pronti in tavola Catalogo Dal 1976 Aldera Food offre ai propri clienti prodotti freschi, genuini e di alta qualità, come fatti in casa e tutt ora conserva i segreti tramandati da una generazione all altra proponendo e

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

TOUR ALLA SCOPERTA DELLO ZAINO SCOLASTICO

TOUR ALLA SCOPERTA DELLO ZAINO SCOLASTICO LEZIONE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Insegnante: Londei Fabiola anno scolastico 2012-2013 Ciao cari ragazzi e ragazze di quarta B e C, sono un vostro quotidiano osservatore, vi guardo tutte le mattine arrivare

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti:

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1b (Rg) TEST D INGRESSO Data Nome Cognome Matr.: Risultato della prova: PROVA DI COMPRENSIONE

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

La cucina e la tavola Lezione 4 Gilberto Marzano

La cucina e la tavola Lezione 4 Gilberto Marzano Riso con piselli Ingredienti; 1kg di piselli freschi, 500 g di riso, 80 g di burro, 4 cucchiai di parmigiano grattugiato, 1 cipolla, olio, sale e qualche foglia di menta. Preparazione: Sgranate i piselli.

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

LA RISORSA LEGNO: VALORE SIMBOLO E SEGNO IDENTITARIO PER LA GENTE DELLE MONTAGNE

LA RISORSA LEGNO: VALORE SIMBOLO E SEGNO IDENTITARIO PER LA GENTE DELLE MONTAGNE LA RISORSA LEGNO: VALORE SIMBOLO E SEGNO IDENTITARIO PER LA GENTE DELLE MONTAGNE Dal Neolitico al XX secolo le case alpine erano costruite su un fungo di pietra a secco. Tutto il resto, era in legno. Le

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Diario del 29 maggio 2013

Diario del 29 maggio 2013 Nel mio territorio Una giornata in fattoria didattica alla scoperta dell ambiente e dell attività agricola Diario del 29 maggio 2013 1 l avventura ha inizio START Eccoci qui ancora una volta per un avventura

Dettagli

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole.

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. I G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. PENISOLA: territorio bagnato tre parti dal mare ed

Dettagli

Come ricercare i riferimenti biblici

Come ricercare i riferimenti biblici Come ricercare i riferimenti biblici Spesso è praticamente impossibile trovare qualcosa nella cucina di certe persone che vivono da sole: la farina si trova nel recipiente dello zucchero, il thé è riposto

Dettagli

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Titolo documento: IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Relatore/Autore: DON. DIEGO SEMENZIN Luogo e data: S. FLORIANO, 22 APR. 2001 Categoria Documento: Classificazione: Sintesi/Trasposizione di

Dettagli

Dare da mangiare. agli affamati

Dare da mangiare. agli affamati Dare da mangiare agli affamati Ciao ragazzi, oggi incontriamo la prima opera di misericordia che ci invita a fare nostra, la vita del prossimo. Si dà da mangiare a coloro che hanno fame, a coloro che mancano

Dettagli

Base di lavoro. Idea principale

Base di lavoro. Idea principale Base di lavoro Idea principale «Gli esseri viventi vivono in relazione tra loro e con l ambiente che li ospita, all interno di particolari ecosistemi dotati di un equilibrio ben preciso. Tutti gli organismi

Dettagli

Le scuole multietnica e multiculturali

Le scuole multietnica e multiculturali Le scuole multietnica e multiculturali Una scuola multietnica e multiculturale Ma non hanno mai visto un bambino albanese? Viki che voleva andare a scuola Viki, accompagnato dalla sua mamma, vide per la

Dettagli

Cucina SpendiPoco IV incontro 12 marzo 2014

Cucina SpendiPoco IV incontro 12 marzo 2014 Cucina SpendiPoco IV incontro 12 marzo 2014 Ricette proposte: Taralli con semi di finocchietto Gnocchi di patate Pizza con la zucca Pasta cu spezzi, muddica e anciova I taralli sono una specialità tipica

Dettagli

Azienda Agricola AGRIFOPPA Di Fumagalli Giuliano Tel. 320.31.63.625 Dalla terra alla tavola

Azienda Agricola AGRIFOPPA Di Fumagalli Giuliano Tel. 320.31.63.625 Dalla terra alla tavola Azienda Agricola AGRIFOPPA Di Fumagalli Giuliano Tel. 320.31.63.625 Dalla terra alla tavola PRODOTTI MELANZANA (Solanum Melongena) Importata dalle zone calde dell India e della Cina la melanzana giunse

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST

ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST Per informazioni: info@cmvservizi.it Cosa si può compostare? In generale si possono compostare quasi tutti i resti di vegetali ovvero ciò che un tempo è stato vivente

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

LIQUIDI, SOLIDI, PARALLELISMO, ANGOLO, PERPENDICOLARITÀ percorso interdisciplinare scienze\matematica, classe terza o quarta della scuola primaria

LIQUIDI, SOLIDI, PARALLELISMO, ANGOLO, PERPENDICOLARITÀ percorso interdisciplinare scienze\matematica, classe terza o quarta della scuola primaria LIQUIDI, SOLIDI, PARALLELISMO, ANGOLO, PERPENDICOLARITÀ percorso interdisciplinare scienze\matematica, classe terza o quarta della scuola primaria Antonella Martinucci, Antonio Moro, Rosanna Nencini, 2012

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N. 1234/07

CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N. 1234/07 CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N. 1234/07 IL PROGETTO Il progetto SiciliaDOC continente del vino nasce da un idea della Cooperativa Agricola Valdibella. Lo scopo è quello di promuovere

Dettagli

Azienda Agrituristica - Fattoria Didattica

Azienda Agrituristica - Fattoria Didattica L Azienda Agrituristica Fattoria Didattica L Agrumeto è situata nella regione del Parteolla, in agro di Donori, piccolo paese a vocazione agricola a circa 25 Km. da Cagliari. Il paesaggio è collinare,

Dettagli

www.fantavolando.it AGRICOLTURA ETRUSCA

www.fantavolando.it AGRICOLTURA ETRUSCA AGRICOLTURA ETRUSCA Gli Etruschi svilupparono techiche agricole che permisero di ottenere prodotti di qualità come il vino e l olio oltre che il grano. La grande produzione di grano venne spesso esportata

Dettagli

Napoli, Leguminosa 2016: i legumi al centro del mondo

Napoli, Leguminosa 2016: i legumi al centro del mondo Napoli, Leguminosa 2016: i legumi al centro del mondo Napoli si prepara ad accogliere, per i giorni del 4, 5 e 6 marzo, la seconda edizione di Leguminosa 2016, l evento che celebra i legumi, nell anno

Dettagli

L origine del riso. Tratto da La fata della luna di F.Lazzarato Edizioni Mondadori)

L origine del riso. Tratto da La fata della luna di F.Lazzarato Edizioni Mondadori) L origine del riso 1 C erano al tempo degli dei, due giovani sposi che si volevano molto bene. La loro 2 vita era felice e facile perché la terra era così fertile che bastava allungare una 3 mano per raccogliere

Dettagli

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie...

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie... I miti e le leggende inventati dai bambini A tutti i bambini piace inventare storie... Con i miei bambini della classe terza ho voluto stimolare il lavoro di gruppo facendo loro scrivere un mito o una

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE

SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE PROGETTAZIONE PERIODO: Settembre - Ottobre COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: competenze sociali e civiche comunicazione nella madrelingua imparare ad imparare

Dettagli

il pino, il pioppo e il faggio la cellulosa al 99% da acqua e per il restante 1% da fibre.

il pino, il pioppo e il faggio la cellulosa al 99% da acqua e per il restante 1% da fibre. La materia prima per la fabbricazione della carta è oggi il legno, anche se alcune carte vengono prodotte partendo da altre materie, come le alghe e il mais. Piante come il pino, il pioppo e il faggio,

Dettagli

Istituto Tecnico per Attività Sociali Matteo Ricci

Istituto Tecnico per Attività Sociali Matteo Ricci Istituto Tecnico per Attività Sociali Matteo Ricci Siamo partiti dal progetto Quotidiano in classe e abbiamo quantificato quanti giornali arrivano a scuola e quanti Kg di carta potrebbero essere riciclati

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015.

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015. INCIPIT Inizia così il nostro viaggio alla scoperta del legame che unisce territorio, cibo e cultura. In particolare vengono proposte due attività introduttive al fine di far emergere le conoscenze pregresse

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

L alimentazione: Alla scoperta del gusto

L alimentazione: Alla scoperta del gusto L alimentazione: Alla scoperta del gusto Breve storia del cibo Anche se preferiamo un bel piatto di pasta siamo tutti accomunati dal bisogno di cibo.oggi non è fame ma è questione di gusto. L uomo primitivo

Dettagli

LA SOLUBILITÀ. Ad esempio i sali contenuti nell'acqua del mare abbassano il punto di congelamento degli oceani.

LA SOLUBILITÀ. Ad esempio i sali contenuti nell'acqua del mare abbassano il punto di congelamento degli oceani. LA SOLUBILITÀ Per le sue caratteristiche chimiche, l acqua è uno dei migliori solventi naturali. Nei sistemi viventi molte sostanze si trovano in soluzione, si può facilmente comprendere l importanza di

Dettagli

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA INDICATORI SCUOLA PRIMARIA Classe 1ª ITALIANO Narrare brevi esperienze personali rispettando le regole dell ascolto Ascoltare e cogliere il senso globale di semplici testi e informazioni Acquisire prime

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

TERZO MODULO ALFABETO IN GIOCO

TERZO MODULO ALFABETO IN GIOCO TERZO MODULO ALFABETO IN GIOCO In questo modulo vengono presentate con le lettere dell alfabeto attività di successione e combinazione che solitamente sono proposte con i numeri; in questo modo gli alunni

Dettagli

La storia del sapone

La storia del sapone La storia del sapone Un viaggio tra bolle e profumi II C Scuola secondaria di I grado Rinascita Livi Proff. De Fronzo Rodia Ruggeri Il sapone... Il sapone è generalmente un sale di sodio o di potassio

Dettagli

Epicuro LETTERA A MENECEO

Epicuro LETTERA A MENECEO Epicuro LETTERA A MENECEO Meneceo, Non si è mai troppo giovani o troppo vecchi per la conoscenza della felicità. A qualsiasi età è bello occuparsi del benessere dell'anima. Chi sostiene che non è ancora

Dettagli

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9 1.Introduzione... 2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8 4.Conclusione... 9 Elisa Boffi 2009/2010 Opzione Storia 2 1) Introduzione In questo lavoro parlerò del mio sport, il nuoto sincronizzato.

Dettagli

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può L INCENDIO Che cos è un incendio? In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può essere dannoso per le piante e per gli animali e pericoloso per tutti gli esseri viventi

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

CAPISCI QUELLO CHE STAI LEGGENDO? ATTI 8,30

CAPISCI QUELLO CHE STAI LEGGENDO? ATTI 8,30 CAPISCI QUELLO CHE STAI LEGGENDO? ATTI 8,30 LEGGERE IL VANGELO A BAMBINI E RAGAZZI CON DIFFICOLTÀ DI APPRENDIMENTO dott.sa Stefania Cucconi 1. CHI ABBIAMO DI FRONTE? CHI SONO I RAGAZZI CON DSA (DISTURBI

Dettagli

Non mi sciupare! Scuola Primaria di Maggiate Classe terza

Non mi sciupare! Scuola Primaria di Maggiate Classe terza Non mi sciupare! Scuola Primaria di Maggiate Classe terza Carta Europea dell'acqua promulgata a Strasburgo il 6 Maggio 1968 dal Consiglio d'europa 1) Non c'è vita senza acqua. L'acqua è un bene prezioso,

Dettagli

AUTOREGOLAZIONE PER IL COMPITO

AUTOREGOLAZIONE PER IL COMPITO B5 queste schede ti aiuteranno a scoprire quanto sia utile autointerrogarsi e autovalutarsi potrai renderti conto di quanto sia utile porsi domande per verificare la propria preparazione se ti eserciterai

Dettagli

con il patrocinio di CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI TRENTO Servizio Cultura e Turismo

con il patrocinio di CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI TRENTO Servizio Cultura e Turismo da sotto il mango con il patrocinio e il contributo di con il patrocinio di CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI TRENTO Servizio Cultura e Turismo da sotto il mango... mostra video-fotografica

Dettagli

BIOGRAFIA: VANDANA SHIVA. FILOSOFA DELLA SCIENZA a cura di Laura Abballe matr. 161854

BIOGRAFIA: VANDANA SHIVA. FILOSOFA DELLA SCIENZA a cura di Laura Abballe matr. 161854 BIOGRAFIA: VANDANA SHIVA. FILOSOFA DELLA SCIENZA a cura di Laura Abballe matr. 161854 Vandana Shiva è nata nell India del Nord a Dehra Dun nel 1952. Dopo aver studiato nelle scuole inglesi e statunitensi,

Dettagli

Sostenibilità ambientale

Sostenibilità ambientale Benessere economico Sostenibilità ambientale Vitalità culturale Equità sociale Raccolta dei rifiuti organici Italian Introduzione al servizio di raccolta dei rifiuti organici del Comune di Norwood Payneham

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

COMUNE DI SAN GILLIO. Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua

COMUNE DI SAN GILLIO. Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua L acqua è una risorsa essenziale. Ci sostiene, ci unisce, ci aiuta a crescere. Senza l acqua, le nostre società non potrebbero sopravvivere. Dipendiamo

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Serena vive, scrive, comunica

Serena vive, scrive, comunica Serena vive, scrive, comunica Serena Negrisolo SERENA VIVE, SCRIVE, COMUNICA Poesie alla mia cara mamma a Marcella al mio papà Introduzione Sono Pino, il papà di Serena. Al termine del terzo anno di

Dettagli

COMUNITA LA CRISALIDE

COMUNITA LA CRISALIDE COMUNITA LA CRISALIDE Via Aquila 144 80143 Napoli Tel. Fax. 081 269834 cell: 335235916 e-mail: ass.margherita@fastwebnet.it sito: www.casafamiglialacrisalide.it LA FALSA DOMANDA Quante volte abbiamo detto,

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ITALIANO partecipa a scambi linguistici con compagni ed insegnanti, attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Si esprime

Dettagli

Temperatura uguale calore?

Temperatura uguale calore? SCIENZE La Materia Ti sarà capitato qualche volta di toccare un oggetto e di sentirlo caldo. Che cosa hai pensato della sua temperatura? Se ci pensi, nel linguaggio comune temperatura e calore sono termini

Dettagli

EUROPA ECONOMIA. 1. Parole per capire VOLUME 3 CAPITOLO 15. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori... idrocarburi...

EUROPA ECONOMIA. 1. Parole per capire VOLUME 3 CAPITOLO 15. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori... idrocarburi... VOLUME 3 CAPITOLO 15 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE EUROPA ECONOMIA 1. Parole per capire Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori...... idrocarburi...... città d arte...... siti

Dettagli

l energia meccanica si trasforma, integralmente e spontaneamente, in energia termica.

l energia meccanica si trasforma, integralmente e spontaneamente, in energia termica. Lezione 26 - pag.1 Lezione 26: Le macchine termiche 26.1. La conversione di energia meccanica in energia termica Sappiamo che quando un corpo cade, nel corso della caduta la sua energia meccanica, se gli

Dettagli

Istituto Comprensivo San Casciano V.P.

Istituto Comprensivo San Casciano V.P. SPERIMENTAZIONE CURRICOLO VERTICALE SCIENZE FASI DI LAVORO Corso di formazione sul curricolo verticale tenuto dal Prof. Carlo Fiorentini Lavoro di gruppo per settori:individuazione dei percorsi da attuare

Dettagli

Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze.

Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze. Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze. Criterio 1. Competenza situata Descrizione Per valutare per

Dettagli

Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza.

Progetto <L Apprendista Cittadino >. Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Le tematiche offerte, gli spunti di riflessione, gli argomenti trattati sono risultati interessanti

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

le gite della giranimando

le gite della giranimando NUOVE GITE dal 2000 attivita' di animazione e ambiente per le scuole GIRANIMANDO C GIRANIMANDO C VIA UMBERTO I, 63 10020 PECETTO TORINESE TEL/FAX 011.860.98.82 WWW.GIRANIMANDO.COM INFO@GIRANIMANDO.COM

Dettagli

Essere "con" - Essere "per" Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008

Essere con - Essere per Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008 Essere "con" - Essere "per" Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008 Bellissima la coincidenza odierna, qui al Suffragio, che celebra insieme la festa

Dettagli

Scuola Comunale dell Infanzia Corridoni DENTRO LA NATURA I RITI NELLA CICLICITA DELLE STAGIONI

Scuola Comunale dell Infanzia Corridoni DENTRO LA NATURA I RITI NELLA CICLICITA DELLE STAGIONI Scuola Comunale dell Infanzia Corridoni DENTRO LA NATURA I RITI NELLA CICLICITA DELLE STAGIONI progetto in continuità 3-6 anni per un idea di bambino competente, artigiano della propria esperienza e del

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Relazione conclusiva

Relazione conclusiva Relazione conclusiva I bambini sono fiori da non mettere nel vaso: crescon meglio stando fuori con la luce in pieno naso. Con il sole sulla fronte e i capelli ventilati i bambini sono fiori da far crescere

Dettagli

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO STORIE VISSUTE DAI NOSTRI NONNI QUANDO LA VITA ERA MOLTO DIVERSA Un tempo il Tevere era un fiume molto importante in questa zona: infatti lungo la pianura che lo costeggiava

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA Che cos è un rifiuto? Qualcosa che non ci serve più e che buttiamo! Provate a pensare a questo: avete una vecchia felpa che a voi non piace più e che ormai

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

COMUNE DI STROZZA Provincia di Bergamo MANUALE DEL COMPOSTAGGIO

COMUNE DI STROZZA Provincia di Bergamo MANUALE DEL COMPOSTAGGIO COMUNE DI STROZZA Provincia di Bergamo MANUALE DEL COMPOSTAGGIO Che cosa è il compostaggio domestico? E un processo naturale che permette di ottenere dagli scarti organici di cucina (filtri di caffè, scarti

Dettagli