Adempimenti contabili e gestionali delle Onlus e degli enti non profit

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Adempimenti contabili e gestionali delle Onlus e degli enti non profit"

Transcript

1 ENTI NON PROFIT Adempimenti contabili e gestionali D I L U C A P A G L I O T T A Premessa La recente presentazione delle Linee Guida e schemi per la redazione dei Bilanci di esercizio degli Enti non profit da parte dell Agenzia per le ONLUS ha riportato all attenzione di tutti gli operatori del settore, il tema degli adempimenti contabili e fiscali obbligatori per gli enti facenti parte del cosiddetto terzo settore. Se da una parte il citato documento rappresenta una evoluzione nella prassi contabile degli enti non profit, dall altra è solo il preludio alla futura elaborazione di appositi principi contabili, utili ad evidenziare l incidenza contabile delle particolarità inerenti il settore. Gli enti non profit, infatti, a differenza delle imprese commerciali: - non perseguono lo scopo di lucro; - ottengono le risorse per conseguire i propri fini statutari grazie a contributi, donazioni e lasciti; - non distribuiscono proventi ai propri associati; - anche nel caso in cui svolgano attività commerciali, le stesse sono accessorie all attività istituzionale e finalizzate al finanziamento della stessa; - associano persone o enti, spinti da motivazioni ideali e morali e non interessati all ottenimento di utili o proventi. Tutto ciò non può non implicare diversi ed appositi principi di contabilizzazione delle operazioni ed una diversa esposizione del risultato dell attività svolta durante l esercizio nel bilancio. Pur in assenza di scopo di lucro, infatti, va in ogni caso ricercata l economicità, l efficienza e l efficacia della gestione ed il conseguimento o meno di tali obiettivi deve trasparire dall informativa di bilancio, rivolta ai potenziali donatori, ai clienti e fornitori, alla società civile e allo stato, che con apposite normative agevola l attività in questo importante settore. Il nostro elaborato sarà diviso in due articoli: nel presente tracceremo la storia dell evoluzione degli obblighi contabili e fiscali nel settore non profit; nel secondo articolo, di prossima pubblicazione su questa rivista, commenteremo più specificamente le Linee Guida e schemi per la redazione dei Bilanci di esercizio degli Enti non profit, cercando anche di effettuare qualche considerazione sui contenuti dei futuri principi contabili. Gli obblighi contabili degli Enti non commerciali In tema di obblighi contabili degli enti non commerciali va premesso che, in via generale, nulla è previsto nel codice civile, che si limita a prevedere, agli art e seg., l obbligo di tenuta delle scritture contabili solo per l imprenditore commerciale. Ne consegue che gli enti non profit sono assoggettati ai suddetti obblighi, solo nel caso in cui svolgano le attività commerciali di cui all art del c.c., secondo le modalità previste dall art c.c.. Va precisato, però, che nel tempo sono state emanate alcune leggi speciali, che prevedono l obbligo di tenuta delle scritture contabili per particolari tipologie di enti non profit. LA RECENTE EVOLUZIONE DELLA NORMATI- VA TRIBUTARIA IN MATERIA DI ENTI NON COMMERCIALI ED ONLUS IMPONE SEMPRE PIÙ SPESSO A QUESTO TIPO DI ORGANIZ- ZAZIONI LA TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA, PENA LA DECANDENZA DALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PREVISTE PER IL SETTORE. L'ARTICOLO OFFRE UN QUADRO DEL CONTESTO NORMATIVO ED EVIDENZIA LE CONSEGUENZE DI TALI DISPOSIZIONI, IN RELAZIONE ALL'IMPIANTO CONTABILE DELL'ENTE NON PROFIT. NOTIZIE SINTESI dicembre

2 In relazione all attività commerciale di tali organizzazioni, in aggiunta a quanto previsto dal codice civile, va considerato quanto disposto dall art. 20 del d.p.r. n. 600/1973. Lo stesso si compone di tre commi, dei quali il secondo ed il terzo sono stati aggiunti al primo dal d.lgs. n. 460/1997. Nel primo comma è stabilito che, in relazione all attività commerciale, è obbligatorio che vengano tenute le scritture di cui agli artt. da 14 a 18 del d.p.r. n. 600/1973. In base alle dimensioni del fatturato dell attività commerciale, perciò, scaturisce il regime contabile da adottare, così come evidenziato nella tabella seguente: Contabilità ordinaria Contabilità semplificata Soggetti che abbiano esercitato l'opzione triennale per tale regime contabile; Soggetti con fatturato superiore ai limiti per la contabilità semplificata; Soggetti con un fatturato: Inferiore a euro ,14 per attività di prestazione di servizi; Inferiore a euro ,90 negli altri casi; Libro giornale e inventari Libri ausiliari Registro IVA vendite Registro Corrispettivi Registro IVA acquisti Registro beni ammortizzabili Registro IVA vendite Registro Corrispettivi Registro IVA acquisti Registro beni ammortizzabili Va sottolineato che l art. 15 prevede l obbligo di redigere, anche ai soli fini fiscali, l inventario e il bilancio completo del conto profitti e perdite, per tutte le categorie di imprenditori commerciali non soggette alle redazione del bilancio previsto agli artt e seg. del c.c.. Prima del d.lgs. n. 460/1997 era richiesto un impianto contabile relativamente all attività commerciale, ma nulla era detto in relazione alle attività istituzionali. Il suddetto decreto aggiunge all art. 20 il secondo e terzo comma. Il secondo comma impone agli enti non commerciali, indipendentemente dalla redazione del rendiconto annuale economico e finanziario, la redazione entro quattro mesi dalla chiusura dell esercizio di un apposito rendiconto delle entrate e delle spese e di ciascuna raccolta pubblica di fondi effettuata in occasione di celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione. In questo comma si impone un primo obbligo contabile relativo ai proventi ed ai costi dell attività istituzionale dell ente, che si va ad aggiungere a quello già previsto dall art. 5 del d.lgs. n. 460/1997, con il quale veniva previsto l obbligo di redigere ed approvare annualmente un rendiconto economico e finanziario secondo le disposizioni statutarie, a pena di decadenza dalle agevolazioni tributarie di cui all art. 148 nn. 3) 5) 6) 7) del TUIR e all art. 4, commi 4 e 6, del d.p.r. n. 633/1972. Con il d.lgs. n. 460/1997 il legislatore chiede, perciò, maggiore trasparenza in relazione alle attività istituzionali per le quali, pur rimanendo il classico regime di contabilità finanziaria tenuto dagli enti non profit in assenza di disposizioni giuridiche, si richiede la previsione statutaria della redazione ed approvazione di un rendiconto annuale ed il dettaglio in un ulteriore apposito rendiconto corredato di relazione illustrativa, circa le raccolte pubbliche di fondi effettuate in occasione di celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione. Infine, con il terzo comma dell art. 20, viene inserita una disposizione agevolativa per le organizzazioni, che registrano proventi commerciali inferiori ad euro ,71 relativamente ad attività di prestazione di servizi od euro ,84 negli altri casi; per queste ultime, infatti, è sufficiente che venga tenuto il registro IVA minori, previsto dal comma 166 dell art. 3 della l. n. 662/1996, anziché i registri previsti dall art. 18 del d.p.r. n. 600/73 (contabilità semplificata). Gli obblighi contabili delle ONLUS Il d.lgs. n. 460/1997 divide il settore del non profit in due grandi categorie di enti: - da una parte vi sono gli enti non commerciali, regolati dagli articoli da 1 a 9; - dall altra, le Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS). Questa ultima categoria viene prevista per la prima volta proprio dal citato decreto, con lo scopo di creare una tipologia di ente non commerciale alla quale, in cambio di oneri contabili ed amministrativi maggiormente gravosi, vengono offerte sensibili agevolazioni fiscali. L acronimo ONLUS è solo una specifica aggiuntiva, che gli enti non commerciali, costituiti nelle forme preesistenti, possono ottenere rispettando i requisiti richiesti dal d.lgs. n. 460/1997 ed iscrivendosi all anagrafe delle ONLUS. Per tale motivo la qualifica di ONLUS ha natura puramente tributaria. Ciò spiega perché la normativa ad essa inerente viene inserita dal legislatore nell ambito di una norma facente NOTIZIE SINTESI dicembre

3 parte del diritto tributario. Non avrebbe, infatti, avuto alcun senso l inserimento di un opportuno numero di articoli nel codice civile, nel quale è già regolata la forma degli enti non commerciali (associazioni, fondazioni, comitati), o l emanazione di una apposita legge speciale non avente carattere tributario come nel caso, ad esempio, delle Organizzazioni non governative o di volontariato. L art. 25, comma 1, del d.lgs. n. 460/1997, che ha introdotto l art. 20-bis nel d.p.r. n. 600/1973, imprime una svolta agli obblighi contabili degli enti non commerciali, prevedendo per quelli che si fregiano del titolo di ONLUS escluse le cooperative, che a pena di decadenza dai benefici fiscali per essi previsti: 1. debbano redigere scritture contabili cronologiche e sistematiche, atte ad esprimere con compiutezza ed analiticità le operazioni poste in essere in ogni periodo di gestione, relative all attività dell organizzazione nel suo complesso; 2. entro quattro mesi dalla chiusura di ogni periodo, debbano redigere la situazione patrimoniale, economica e finanziaria dell organizzazione, distinguendo la gestione istituzionale da quelle accessorie; 3. debbano tenere in relazione alle attività connesse le medesime scritture contabili previste per le imprese commerciali (artt. 14 e ss. d.p.r. n. 600/1973), con la sola eccezione delle organizzazioni che registrano proventi commerciali inferiori ad euro ,71 relativamente ad attività di prestazione di servizi od euro ,84 negli altri casi; per queste ultime, infatti, è sufficiente che venga tenuto il registro IVA minori, previsto dal comma 166 dell art. 3 della l. n. 662/1996. I commi 2 e 3 del medesimo articolo 20-bis precisano che i requisiti delle registrazioni contabili di cui al punto sub 1) sono senz altro posseduti dalle scritture registrate nel libro giornale e nel libro inventari, tenuti ai sensi degli artt e 2217 del codice civile. Viene, però, prevista anche una semplificazione per le organizzazioni di ridotte dimensioni; infatti, nel caso in cui i proventi sia istituzionali, sia accessori non superino euro ,69 (cifra che viene aggiornata annualmente secondo quanto previsto dall art 1, comma 3, l. n. 398/1991) è possibile tenere, in luogo del libro giornale e del libro inventari, il rendiconto delle entrate e delle spese. Va, infine, evidenziata la scelta del legislatore di rendere obbligatoria la revisione del bilancio da parte di uno o più revisori dei conti nel caso in cui i proventi superino euro ,80 per due anni consecutivi. Se si considerano le innovazioni complessivamente introdotte per gli enti commerciali in genere e, nello specifico per le ONLUS dal d.lgs. n. 460/1997 risulta evidente la volontà del legislatore di ottenere da queste organizzazioni un grado di trasparenza circa le operazioni effettuate, che è crescente quanto maggiori sono le agevolazioni fiscali accordate e quanto maggiori sono le dimensioni dell organizzazione. Il quadro che scaturisce dalle disposizioni normative appena analizzate impone, infatti, per gli enti di maggiori dimensioni tutti gli obblighi che caratterizzano la contabilità delle società di capitali (fatta eccezione per il deposito del bilancio in camera di commercio), sia in relazione alle attività istituzionali, sia relazione alle attività commerciali. Non vi è dubbio che il metodo della contabilizzazione dei fatti gestionali con il metodo della partita doppia sia quello che, in questi casi, renda verificabile, nella maniera più trasparente possibile, le operazioni gestionali. Nel redigere la contabilità si impone, pertanto, anche il passaggio dal criterio di cassa a quello di competenza sia per gli aspetti inerenti le attività accessorie, sia per quelli relativi alle attività istituzionali. A tale proposto è stato chiesto, con istanza di interpello all Agenzia delle Entrate, di chiarire se in relazione all obbligo di tenere la contabilità separata per le attività commerciali, previsto dal comma 2 dell art. 144 del TUIR, bisognasse interpretare la disposizione quale obbligo di tenuta di distinti impianti contabili collegati a distinti piani dei conti, con la conseguenza di ottenere distinti libri giornali per le attività commerciali o se, invece, non fosse sufficiente la tenuta di un unico impianto contabile, collegato ad un piano dei conti strutturato in maniera tale, da rendere possibile la distinzione delle voci relative alle attività istituzionali da quelle relative alle attività commerciali. L Agenzia delle Entrate si è pronunciata con la risposta n. 7 della Risoluzione n. 86 del 2002, a favore di quest ultima, semplificatrice, ipotesi; infatti, nella risoluzione è affermato: La tenuta di una contabilità separata non prevede l istituzione di un libro giornale e di un piano dei conti separato per ogni attività, essendo sufficiente un piano dei conti, dettagliato nelle singole voci, che permetta di distinguere le diverse movimentazioni relative ad ogni attività. D altra parte, la tenuta di diversi libri giornali, in presenza di costi e beni promiscui alle attività istituzionali, non sarebbe stata particolarmente ardua; infatti, la stessa Agenzia delle Entrate chiarendo il metodo di ripartizione dei suddetti costi tra quota deducibile e quota istituzionale, dopo aver richiamato il comma 4 dell art. 144 del TUIR, precisa che gli stessi devono essere contabilizzati durante il periodo d imposta in un unico conto, salvo effettuare le ripartizioni alla fine dello stesso, quando sia possibile definitivamente calcolare il rapporto tra ricavi ed altri proventi delle attività commerciali e proventi totali. Ne consegue che i giroconti di ripartizione possono essere effettuati agevolmente all interno di un unico impianto contabile, ove il piano dei conti preveda per i conti promiscui tre voci, delle quali la prima, generica, da utilizzare durante il periodo di imposta e le altre due, specifiche, per le attività commerciali e le attività istituzionali. Nella stessa risoluzione, l Agenzia delle Entrate chiarisce anche il metodo di ripartizione tra quota detraibile e NOTIZIE SINTESI dicembre

4 non dell IVA relativa ai costi promiscui. In questo caso, la soluzione scelta è quella di suddividere le due quote: - sulla base del rapporto tra fatturato da operazioni soggette e totale fatturato da operazioni soggette ed escluse registrato nel precedente periodo d imposta, durante il corso dell anno; - effettuare poi il conguaglio sulla base dello stesso rapporto registrato nell anno in corso in sede di dichiarazione annuale IVA. Anche questa complessa ripartizione sarebbe stata molto più complicata nell ambito di due contabilità separate. Le disposizioni introdotte dal d.l. n. 35/2005 convertito con l. n. 80/2005 L art 14 del d.l. n. 35/2005, pur muovendosi nella medesima direzione del precedente d.lgs. n. 460/1997, imprime una ulteriore stretta alle richieste, inerenti gli obblighi contabili delle ONLUS, che vogliano usufruire delle nuove agevolazioni fiscali, concesse con la disposizione stessa. Nel comma 1 del medesimo articolo, infatti, è disposta la deducibilità dal reddito imponibile fino ad un massimo del 10% dello stesso, e comunque non oltre euro , delle erogazioni liberali effettuate nei confronti delle ONLUS e di altri organismi non profit da persone fisiche e soggetti passivi IRES. I beneficiari delle erogazioni devono essere più specificamente: 1. le ONLUS; 2. Associazioni di promozione sociale iscritte al registro nazionale previsto dalla legge n. 383/2000; 3. Fondazioni e associazioni per la promozione e valorizzazione di beni aventi interesse artistico, storico e paesaggistico riconosciute; 4. Fondazioni e associazioni per la promozione di attività di ricerca scientifica riconosciute. Il comma 2 del medesimo art. 14 prevede che le suddette agevolazioni sono fruibili solo dalle organizzazioni che si dotano di un sistema contabile atto a rappresentare, con completezza e analiticità, le operazioni poste in essere nel periodo di gestione e che, entro quattro mesi dalla chiusura del medesimo, redigano un documento che rappresenti adeguatamente la situazione patrimoniale, economica e finanziaria dell ente. Ad una prima e superficiale lettura del suddetto comma 2 lo stesso non sembrerebbe aggiungere molto a quanto già affermato nell art. 25 del d.lgs. n. 460/1997, del quale, anzi, ricalca in qualche modo i contenuti. Per comprendere compiutamente la portata di queste disposizioni, la lettura del comma 2 va, invece, completata con quella della circolare n. 39/E del 2005, con la quale l Agenzia delle Entrate ha appunto illustrato il contenuto dell art. 14 del d.l. n. 35/2005. Nella stessa si legge, anzitutto, che la completezza e analiticità delle rilevazioni contabili consiste nell indicazione, per ognuna di esse, di numero d ordine, data, natura dell operazione, valore, modalità di versamento, soggetti coinvolti. Aggiunge l Agenzia che, in ogni caso, tali requisiti sono garantiti dalla tenuta della contabilità ordinaria come prevista dagli art. 14 e seg. del d.p.r. n. 600/1973. Infine, nella stessa circolare si afferma: La disposizione in oggetto, pertanto, ai fini della deducibilità ivi prevista, stabilisce l obbligo di tenere una complessa contabilità nel senso anzidetto, a tutti i soggetti beneficiari di erogazioni liberali sopra specificati, prescindendo dalla loro natura giuridica e dalle loro dimensioni reddituali. A questo punto, si impone un commento su quanto appena riportato; data l importanza delle cifre portabili in deduzione dal reddito per chi effettua erogazioni liberali a favore degli enti sopra elencati e, di conseguenza, anche l importanza delle risorse che, grazie alla disposizione in commento, è possibile introitare a titolo di erogazioni liberali, il legislatore ha alzato la posta in termini di richiesta di adempimenti contabili. In questa sede, la tenuta della contabilità ordinaria è richiesta anche alle ONLUS semplificate, di cui ai commi 3 e 4 dell art 20-bis del d.p.r. n. 600/1973. La disposizione impone di fatto l abbandono del sistema contabile secondo criteri finanziari a qualsiasi ONLUS interessata a sfruttare le nuove agevolazioni. Va, inoltre, segnalato il caso delle ONLUS parziali di cui al comma 9 dell art. 10 del d.lgs. n. 460/1997; le stesse sono considerate ONLUS solo relativamente alle attività di cui al comma 1 lett. a) del medesimo art. 10, perciò gli obblighi contabili di cui al comma 1 dell art. 25 venivano coerentemente richiesti solo in relazione alle attività citate. Nel caso dell art. 14 del d.l. n. 35/2005 questa distinzione non è stata fatta, potendosi in tal modo dedurre che anche tali enti, se intendono sfruttare l opportunità di cui alla medesima disposizione, hanno l obbligo di tenere la contabilità ordinaria anche relativamente alle attività non rientranti nell elenco di cui al comma 1 lett. a) del d.lgs. n. 460/1997. Quanto all obbligo di redigere il bilancio di esercizio, l Agenzia delle Entrate ha evidentemente colto le peculiarità degli enti non profit, suggerendo che lo stesso possa essere composto da uno stato patrimoniale, da un rendiconto gestionale e da una relazione sulla gestione. Nel primo prospetto andrebbe esplicitata una situazione statica del patrimonio dell ente, dalla quale si possa distinguere le voci riconducibili all attività istituzionale e accessoria, quelle relative alla raccolta di fondi e la gestione del patrimonio finanziario. Nel rendiconto gestionale dovrebbe essere esplicitata la tipologia e qualità delle risorse in entrata ed in uscita, che generano l avanzo o il disavanzo di gestione. Infine, la relazione dovrebbe illustrare le voci di bilancio e specificare i risultati ottenuti, anche in termini non monetari, dall attività svolta. NOTIZIE SINTESI dicembre

5 Considerazioni finali Il contesto normativo, così come lo abbiamo delineato, tende a spingere sempre più i soggetti non commerciali, ed in particolar modo le ONLUS, verso la tenuta della contabilità ordinaria con il metodo della partita doppia e secondo il criterio della competenza. D altra parte, solo in questo modo è agevole produrre un bilancio annuale, che deve rendere una informativa chiara, veritiera e corretta agli interlocutori delle suddette organizzazioni. Se da una parte questo è conseguenza del sempre crescente riconoscimento dell importanza sociale del terzo settore, dall altra è anche la presa di coscienza che la concessione di importanti vantaggi fiscali, utili al finanziamento degli enti non profit, impone la necessità di controlli più approfonditi sull attività degli stessi. Va da sé che tali controlli possono essere effettuati solo se si dispone di idonei strumenti, quali la tenuta della contabilità ordinaria e la disponibilità di un informativa di bilancio che garantisca ai soggetti interessati tutte le notizie utili in tal senso. Particolarmente apprezzabile, a parere di chi scrive, la scelta di chiedere obbligatoriamente che, raggiunte determinate dimensioni, l informativa di bilancio sia anche posta sotto il controllo di uno o più revisori, che ne certifichino la genuinità. Un cenno critico va, invece, fatto in relazione alla tendenza ad estendere obblighi molto gravosi anche a soggetti di piccole dimensioni, per i quali potrebbe essere più conveniente, in termini di costo, rinunciare alle agevolazioni fiscali previste dall art. 14 del d.l. n. 35/2005. Nella stessa direzione va anche il lavoro svolto di recente dalla Agenzia per le ONLUS, la quale ha costituito una apposita commissione di studio, che ha elaborato le Linee Guida e schemi per la redazione dei Bilanci di esercizio degli Enti non profit. Il documento era particolarmente atteso, perché contribuirà nel tempo a creare una prassi contabile consolidata in un settore, che, come già detto in precedenza, è caratterizzato da proprie peculiarità, che implicano metodi di registrazione delle operazioni gestionali, che si discostano da quelli delle imprese commerciali. L U C A P A G L I O T T A D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A I N C O M O, R E V I S O R E C O N T A B I L E NOTIZIE SINTESI dicembre

IL BILANCIO E LA CONTABILITA NEGLI ENTI NON COMMERCIALI CENNI GENERALI

IL BILANCIO E LA CONTABILITA NEGLI ENTI NON COMMERCIALI CENNI GENERALI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL BILANCIO E LA CONTABILITA NEGLI ENTI NON COMMERCIALI CENNI GENERALI Dott. Corrado Colombo 6/2/2012 - Sala Convegni, corso Europa, 11 - Milano- S.A.F. SCUOLA

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 08 26.02.2014 Enti non profit: le scritture contabili Categoria: Associazioni Sottocategoria: Varie Gli enti non commerciali rappresentano un fenomeno

Dettagli

I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI. Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre

I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI. Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITÀ SOCIALE (O.N.L.U.S.) D.LGS. 4 dicembre 1997 n 460 (ART. 10 e SS.) C.M. 26

Dettagli

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 1. RIFORMA DELLA DISCIPLINA TRIBUTARIA DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E ISTITUZIONE DELLE ONLUS modifica la disciplina degli enti non commerciali in materia di imposte sul

Dettagli

ART. 20 DPR 600/73 ODV - ADEMPIMENTI CONTABILI

ART. 20 DPR 600/73 ODV - ADEMPIMENTI CONTABILI SLIDE 1/7 ODV - ADEMPIMENTI CONTABILI RIEPILOGO SCRITTURE CONTABILI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI (INCLUSE LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO EX L. 266/1991) ART. 20 DPR 600/73 ENTI NON COMMERCIALI CON SOLO

Dettagli

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio 4. 1. Attività istituzionale Definizione. L Attività istituzionale è lo scopo per il quale l associazione si è costituita, uno scopo che non può essere di natura

Dettagli

Linee guida e schemi di redazione dei bilanci di esercizio degli Enti non profit

Linee guida e schemi di redazione dei bilanci di esercizio degli Enti non profit ENTI NON PROFIT Linee guida e schemi di redazione dei D I L U C A P A G L I O T T A 1. Introduzione Dopo aver esaminato in un recente intervento (vedi Notizie Sintesi n. 265 di Dicembre 2008, pag. 2) gli

Dettagli

Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97

Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97 Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97 Agevolazioni ai fini delle imposte sui redditi ARTICOLO

Dettagli

ASPETTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI. Relatore Dott.ssa Luisa Mortati

ASPETTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI. Relatore Dott.ssa Luisa Mortati ASPETTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI Relatore Dott.ssa Luisa Mortati WORKSHOP IL FISCO E LA SICUREZZA PER LE ASSOCIAZIONI Giovedì, 16 Ottobre 2014 AGENDA LE ASSOCIAZIONI COSTITUZIONE e

Dettagli

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Le fonti normative Normativa fiscale Riferimenti D.P.R. 917/86 (T.U.I.R.) Artt. 73, 143-150 L. 398/91 Regime forfetario di determinazione

Dettagli

Le differenze tra queste due attengono al momento della formazione e a quello delle responsabilità economiche.

Le differenze tra queste due attengono al momento della formazione e a quello delle responsabilità economiche. Enti no profit (associazioni) Una organizzazione no profit si caratterizza per il fatto che, non avendo scopo di lucro e non essendo destinata alla realizzazione di profitti, reinveste gli utili interamente

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI NON PROFIT

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI NON PROFIT ORATORI E CIRCOLI IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI NON PROFIT (a cura della Segreteria Nazionale) La raccolta fondi Dopo il periodo iniziale della loro vita in cui l entusiasmo dei fondatori e dei volontari

Dettagli

RISOLUZIONE N.126/E QUESITO

RISOLUZIONE N.126/E QUESITO RISOLUZIONE N.126/E Roma, 16 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica - Adempimenti contabili degli enti non commerciali ed obbligo di rendicontazione di cui all'art. 20

Dettagli

Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione

Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione di Sergio Ricci Introduzione Come noto, il trattamento contabile (ed il conseguente trattamento fiscale)

Dettagli

"#$$%&''& "('#$ )) &'*+

#$$%&''& ('#$ )) &'*+ ! "#$$%&''& "('#$ )) &'*+ ",*& *)&''& ) I soggetti che non possono diventare ONLUS ))! ) I soggetti che possono diventare ONLUS (2) -. "/'%0#11+ - 2 "&$(%0#11( 3 4 5 Le condizioni per diventare Onlus 2678.770

Dettagli

L ENTE NON PROFIT NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA. non esiste una definizione giuridica di ente non profit

L ENTE NON PROFIT NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA. non esiste una definizione giuridica di ente non profit L ENTE NON PROFIT NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA non esiste una definizione giuridica di ente non profit CODICE CIVILE (artt. 14-42) associazioni fondazioni comitati TESTO UNICO IMPOSTE SUI REDDITI (artt.

Dettagli

LA NUOVA DEFINIZIONE DI BENEFICENZA E IL SUO IMPATTO SULLE FONDAZIONI DI EROGAZIONE. Stresa 27 novembre 2009

LA NUOVA DEFINIZIONE DI BENEFICENZA E IL SUO IMPATTO SULLE FONDAZIONI DI EROGAZIONE. Stresa 27 novembre 2009 LA NUOVA DEFINIZIONE DI BENEFICENZA E IL SUO IMPATTO SULLE FONDAZIONI DI EROGAZIONE Stresa 27 novembre 2009 EVOLUZIONE STORICA DELLA NOZIONE DI BENEFICENZA art. 10, comma 1, lett. a), n. 3, D. lgs. 460/1997

Dettagli

FARE FUND RAISING IN BIBLIOTECA. Fiscalità italiana: poche idee e ben confuse

FARE FUND RAISING IN BIBLIOTECA. Fiscalità italiana: poche idee e ben confuse FARE FUND RAISING IN BIBLIOTECA La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e della ricerca scientifica e tecnica. Tutela e valorizza il patrimonio storico e artistico della nazione. (Art. 9 della

Dettagli

Gli Enti Non Profit ASPETTI CONTABILI E DI RENDICONTAZIONE. Scuola di Formazione Professionale Aldo Sanchini 2014 1

Gli Enti Non Profit ASPETTI CONTABILI E DI RENDICONTAZIONE. Scuola di Formazione Professionale Aldo Sanchini 2014 1 Gli Enti Non Profit ASPETTI CONTABILI E DI RENDICONTAZIONE Francesco Capogrossi Guarna Presidente Commissione Culturale Enti non profit dell'odcec di Roma Roma, 10 aprile 2014 Scuola di Formazione Professionale

Dettagli

ASSOCIAZIONI CULTURALI PRO LOCO

ASSOCIAZIONI CULTURALI PRO LOCO PRO LOCO ADEMPIMENTI CIVILISTICI E TRIBUTARI Dott. Raffaele De Spirito 1 Norme di carattere civilistico: - Art. 36 e segg. del Cod. Civ. Norme di carattere tributario: - Art. 4 e 19 ter del D.P.R. n. 633/72

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI

CONTABILITA E BILANCIO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI Direzione Regionale della Lombardia VIII CONVEGNO ANNUALE CODIS CONTABILITA E BILANCIO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI GIAN MARIO COLOMBO 9 Novembre 2011 - Teatro Angelicum Milano CONTABILITA FISCALE DEGLI

Dettagli

N. CIRCOLARE N. 39/E. Roma, 19 agosto 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

N. CIRCOLARE N. 39/E. Roma, 19 agosto 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso N. CIRCOLARE N. 39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 agosto 2005 OGGETTO: Imposte sui redditi. ONLUS e terzo settore. Erogazioni liberali. Articolo 14 del decreto-legge 14 marzo 2005,

Dettagli

Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014

Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014 N.A.A.A. ONLUS Via San Maurizio, 6 10073 CIRIE -TO- C.F. 92023940015 Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014 PREMESSA Il bilancio consuntivo dell esercizio chiuso al 31/12/2014 si compone di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 57/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 57/E QUESITO RISOLUZIONE N. 57/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 giugno 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica IRES Art. 90, comma 8, legge 27 dicembre 2002, n. 289 - Deducibilità dal reddito d impresa dei corrispettivi

Dettagli

La rendicontazione economico-finanziaria e il controllo negli enti non profit

La rendicontazione economico-finanziaria e il controllo negli enti non profit RENDICONTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA E SOCIALE DELLE AZIENDE NON PROFIT: I PRINCIPI CONTABILI PER IL TERZO SETTORE Prof. Matteo Pozzoli Vercelli 12 Ottobre 2010 Ufficio studi della Presidenza del Consiglio

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Principali disposizioni fiscali e tributarie OBBLIGHI FISCALI L Associazione è soggetta a specifiche norme fiscali, anche se svolge soltanto l attività

Dettagli

2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS

2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS LA DEDUCIBILITÀ DAL REDDITO DELLE EROGAZIONI LIBERALI ALLE ONLUS Per effetto del cosiddetto decreto sulla competitività (D.L. n. 35 del 2005), le persone fisiche e gli enti

Dettagli

Gli obblighi di bilancio

Gli obblighi di bilancio IL BILANCIO DELLE SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO di Massimo Avincola e Giorgio Gentili Premessa Negli ultimi anni sono state costituite numerose Società di Mutuo Soccorso, molte delle quali, sono state promosse

Dettagli

Come e quando far valere le erogazioni liberali

Come e quando far valere le erogazioni liberali Il sistema tributario italiano prevede numerose agevolazioni fiscali, per i contribuenti che effettuano erogazioni liberali a favore di determinate categorie di enti di particolare rilevanza sociale, sia

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP RISOLUZIONE N.79/E Roma,31 marzo 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale

Dettagli

Onlus ed enti non commerciali

Onlus ed enti non commerciali CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Onlus ed enti non commerciali Thomas Tassani Aggregato di Diritto Tributario Università di Urbino Carlo Bo

Dettagli

ONLUS E ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SINTESI DEGLI ADEMPIMENTI FISCALI

ONLUS E ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SINTESI DEGLI ADEMPIMENTI FISCALI ONLUS E ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SINTESI DEGLI ADEMPIMENTI FISCALI - IMPOSTE SUL REDDITO (IRES) - OBBLIGHI DICHIARATIVI - IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE (IRAP) - AGEVOLAZIONI/ESENZIONI

Dettagli

Domande. più frequenti PIÙ FREQUENTI DOMANDE

Domande. più frequenti PIÙ FREQUENTI DOMANDE Domande più frequenti 57 DOMANDE PIÙ FREQUENTI Domande più frequenti Domande più frequenti L obiettivo di questa sezione è tentare di dare delle risposte, in modo semplice e discorsivo, alle domande che

Dettagli

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali aggiornata con la normativa in vigore al 30 novembre 2007 2. LE LIBERALITÀ ALLE LA DEDUCIBILITÀ DAL REDDITO DELLE EROGAZIONI LIBERALI ALLE Per effetto del cosiddetto

Dettagli

FONDAZIONE ARETE ONLUS

FONDAZIONE ARETE ONLUS FONDAZIONE ARETE ONLUS Via Olgettina n. 58 20132 Milano C.f. 97267640155 Bilancio al 31/12/2004 NOTA INTEGRATIVA (Valori in Euro) Il bilancio chiuso al 31/12/04 della Fondazione Aretè Onlus evidenzia un

Dettagli

Roma, 31 ottobre 2007

Roma, 31 ottobre 2007 CIRCOLARE N. 59/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 ottobre 2007 OGGETTO: Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS). Decreto Legislativo 4 dicembre 1997, n. 460. Indirizzi

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 23 del 30 settembre 2009 Enti associativi e società sportive dilettantistiche - Comunicazione all Agenzia delle Entrate dei dati fiscalmente rilevanti - Approvazione

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 123/E Roma, 07 novembre Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Prot. 2006/155146 OGGETTO: Istanza di interpello Art.1 della legge n. 398 del 1991 Superamento nel periodo d imposta del

Dettagli

Le Onlus. Le ONLUS: Organizzazioni non lucrative di utilità sociale...51. Anagrafe delle ONLUS e procedura di iscrizione...53

Le Onlus. Le ONLUS: Organizzazioni non lucrative di utilità sociale...51. Anagrafe delle ONLUS e procedura di iscrizione...53 Le Onlus Le ONLUS: Organizzazioni non lucrative di utilità sociale...51 Anagrafe delle ONLUS e procedura di iscrizione...53 Obblighi formali e contabili delle ONLUS...54 Le principali agevolazioni fiscali

Dettagli

ENTI NON PROFIT MODELLO EAS

ENTI NON PROFIT MODELLO EAS L approvazione in data 2.9.2009, da parte dell Agenzia delle Entrate, del modelle EAS modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini fiscali da parte degli enti associativi ha reso operativa la

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALL ADEMPIMENTO DELL ARTICOLO 30

GUIDA OPERATIVA ALL ADEMPIMENTO DELL ARTICOLO 30 GUIDA OPERATIVA ALL ADEMPIMENTO DELL ARTICOLO 30 Come compilare correttamente il Modello EAS Ottobre 2009 Seconda edizione PRIMA PARTE Articolo 30: cosa cambia per l'associazionismo italiano Il 2 settembre

Dettagli

Roma, 24 aprile 2013. OGGETTO: Quesiti relativi alle associazioni e alle società sportive dilettantistiche. INDICE CIRCOLARE N. 9/E PREMESSA.

Roma, 24 aprile 2013. OGGETTO: Quesiti relativi alle associazioni e alle società sportive dilettantistiche. INDICE CIRCOLARE N. 9/E PREMESSA. CIRCOLARE N. 9/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2013 OGGETTO: Quesiti relativi alle associazioni e alle società sportive dilettantistiche. INDICE PREMESSA.3 2 1. EFFETTI DELLA MANCATA TENUTA

Dettagli

Roma 22 settembre 2004

Roma 22 settembre 2004 RISOLUZIONE N. 123/E Roma 22 settembre 2004 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello. Fondazione XY - Onlus - Attività di ricerca scientifica di particolare interesse sociale.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... V Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE

INDICE SOMMARIO. Presentazione... V Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE Presentazione...................................... V Introduzione...................................... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE 1.1. Nozioni generali................................

Dettagli

La disciplina IVA degli enti non commerciali

La disciplina IVA degli enti non commerciali STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO P.zza L. Ariosto, n. 30-73100 LECCE Tel./fax: 0832 455433 www.studiotributarioleo.it e-mail: info@studiotributarioleo.it La disciplina IVA degli enti non commerciali 1. Premessa

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

che i beni omaggiati siano o meno oggetto dell attività esercitata; del soggetto destinatario degli stessi (clienti / dipendenti).

che i beni omaggiati siano o meno oggetto dell attività esercitata; del soggetto destinatario degli stessi (clienti / dipendenti). Ai Gentili Clienti Gli omaggi natalizi Considerato l avvicinarsi delle festività natalizie, in occasione delle quali costituisce una prassi diffusa tra gli operatori economici effettuare omaggi a clienti

Dettagli

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014 CIRCOLARE N. 24/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 luglio 2014 OGGETTO: Articolo 1 del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83 Credito di imposta per favorire le erogazioni liberali a sostegno della cultura

Dettagli

Spese di rappresentanza

Spese di rappresentanza Spese di rappresentanza LE NUOVE REGOLE PER LA DEDUCIBILITA Trattamento fiscale fino al periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2007 La normativa previgente non forniva una definizione di spese di rappresentanza

Dettagli

Novembre 2013. Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

Novembre 2013. Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Novembre 2013 Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Avv. Vincenzo Bancone e Dott. Manfredi La Barbera, CBA Studio Legale e Tributario

Dettagli

(ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329)

(ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329) ATTO DI INDIRIZZO (ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329) in relazione alla devoluzione del patrimonio a seguito della perdita della qualifica di Onlus senza scioglimento

Dettagli

AMICI DI PADRE PEDRO BILANCIO CONSUNTIVO 31 DICEMBRE 2008

AMICI DI PADRE PEDRO BILANCIO CONSUNTIVO 31 DICEMBRE 2008 AMICI DI PADRE PEDRO Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale BILANCIO CONSUNTIVO 31 DICEMBRE 2008 Sede Legale: Via dei Prefetti, 36 00186 Roma INDICE COMPOSIZIONE DEGLI ORGANI STATUTARI 2 NOTA

Dettagli

Seminario formativo La legge sulle donazioni +DAI-VERSI

Seminario formativo La legge sulle donazioni +DAI-VERSI Seminario formativo La legge sulle donazioni +DAI-VERSI Una strada tracciata ma ancora da completare Venerdì 2 Dicembre 2005 A cura dell Area Consulenza del Cesvov in collaborazione con Cristina Buzzetti

Dettagli

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 4. I brevetti: trattamento fiscale Le quote di ammortamento relative al costo sostenuto per acquisizione di marchi di impresa,

Dettagli

SOMMARIO. Prefazione... Capitolo 1 La qualifica di ONLUS: inquadramento giuridico, soggettivo ed oggettivo

SOMMARIO. Prefazione... Capitolo 1 La qualifica di ONLUS: inquadramento giuridico, soggettivo ed oggettivo Prefazione... VII Capitolo 1 La qualifica di ONLUS: inquadramento giuridico, soggettivo ed oggettivo 1. Le ONLUS tra disciplina civilistica e fiscale... 1 2. Gli enti ammessi alla qualifica... 3 2.1. I

Dettagli

La Fondazione di partecipazione

La Fondazione di partecipazione 29 Giugno 2011 Palmanova (Ud) La Fondazione di partecipazione Note sul regime tributario delle Fondazioni di Partecipazione Avv. Laura Bellicini La disamina delle peculiari caratteristiche delle Fondazioni

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

ASSOCIAZIONI NO PROFIT Associazioni/gruppi sportivi Associazioni Sportive Dilettantistiche

ASSOCIAZIONI NO PROFIT Associazioni/gruppi sportivi Associazioni Sportive Dilettantistiche ASSOCIAZIONI NO PROFIT Associazioni/gruppi sportivi Associazioni Sportive Dilettantistiche ASSOCIAZIONI/GRUPPI SPORTIVI ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Normativa di riferimento D.lgs 460/97 (riforma

Dettagli

ASSOCIAZIONE PATRIZIO PAOLETTI ONLUS Via Ruggero Bacone n.6 00197 Roma (RM) Relazione del Collegio Sindacale al Bilancio chiuso al 31.12.

ASSOCIAZIONE PATRIZIO PAOLETTI ONLUS Via Ruggero Bacone n.6 00197 Roma (RM) Relazione del Collegio Sindacale al Bilancio chiuso al 31.12. ASSOCIAZIONE PATRIZIO PAOLETTI ONLUS Via Ruggero Bacone n.6 00197 Roma (RM) Relazione del Collegio Sindacale al Bilancio chiuso al 31.12.2010 Signori Consiglieri, la presente relazione è finalizzata ad

Dettagli

SOGGETTI INTERESSATI

SOGGETTI INTERESSATI Associazione Nazionale Tributaristi L.A.P.E.T. I REGIMI CONTABILI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI GIAMPIERO LA TORRE Tributarista in Gradisca d'isonzo (GO) SOGGETTI INTERESSATI Associazioni Sportive Dilettantistiche

Dettagli

Le Erogazioni Liberali e il Cinque per mille

Le Erogazioni Liberali e il Cinque per mille Bergamo 28 giugno 2011 RENDICONTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA E SOCIALE DEGLI ENTI NON PROFIT dott.ssa Lucia Biondi Esperto Commissione Rendicontazione economicofinanziaria e gestione delle aziende non

Dettagli

SOMMARIO 1. ENTI NON LUCRATIVI NEL CODICE CIVILE

SOMMARIO 1. ENTI NON LUCRATIVI NEL CODICE CIVILE SOMMARIO 1. ENTI NON LUCRATIVI NEL CODICE CIVILE INTRODUZIONE... 3 FONDAZIONI E ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE... 4 Costituzione di associazioni riconosciute e fondazioni... 4 Riconoscimento della personalità

Dettagli

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie attività a tutti i soggetti interessati, è un valore per tutte

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA DALL AGENZIA PER LE ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITÀ SOCIALE

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA DALL AGENZIA PER LE ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITÀ SOCIALE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA Doc. CXCII n. 1 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA DALL AGENZIA PER LE ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITÀ SOCIALE (Periodo 8 marzo - 31 dicembre 2002) (Articolo

Dettagli

Erogazioni liberali e raccolta fondi

Erogazioni liberali e raccolta fondi In che modo è possibile per chi fa una donazione ad una associazione scaricarla dalla dichiarazione dei redditi? Affinché il soggetto che elargisce un erogazione liberale in denaro nei confronti di un

Dettagli

INDICE. 1 Premessa... 2 2 Definizione di spese di rappresentanza... 2. 3 Criteri di deducibilità per le imprese... 3

INDICE. 1 Premessa... 2 2 Definizione di spese di rappresentanza... 2. 3 Criteri di deducibilità per le imprese... 3 MARCO DI STEFANO DOTTORE COMMERCIALISTA - REVISORE CONTABILE Email: mdistefano.studio@gmail.com In collaborazione con L A.GI.FOR. Spese di rappresentanza Nota n. 1 del 01 aprile 2009 Nozione e nuovi criteri

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA Informative e news per la clientela di studio Oggetto: IL 5 PER MILLE ENTRA A REGIME È partita lo scorso 26 marzo la procedura che enti e associazioni devono seguire per richiedere ai contribuenti la destinazione

Dettagli

SERATA DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE GRUPPO DI LAVORO ENTI NO PROFIT. 2. Esame delle principali novità in materia di no profit.

SERATA DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE GRUPPO DI LAVORO ENTI NO PROFIT. 2. Esame delle principali novità in materia di no profit. SERATA DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE GRUPPO DI LAVORO ENTI NO PROFIT 1. Programmazione attività 2015. 2. Esame delle principali novità in materia di no profit. Torino, 27 gennaio 2015 A cura dei dottori

Dettagli

Roma, 22 ottobre 2001

Roma, 22 ottobre 2001 RISOLUZIONE N. 163/E Roma, 22 ottobre 2001 OGGETTO: Istanza di interpello n..2001, ai sensi dell articolo 11, della legge n. 212 del 2000, presentato dal Signor in ordine all assoggettabilità all imposta

Dettagli

ONLUS AGEVOLAZIONI FISCALI

ONLUS AGEVOLAZIONI FISCALI ONLUS AGEVOLAZIONI FISCALI 1 ONLUS Le ONLUS costituiscono un autonoma e distinta categoria di enti rilevante ai soli fini fiscali, destinataria di un regime fiscale di favore in materia di imposte sui

Dettagli

ASPETTI ECONOMICI, CONTABILI E DICHIARATIVI DELLE ASD

ASPETTI ECONOMICI, CONTABILI E DICHIARATIVI DELLE ASD ASPETTI ECONOMICI, CONTABILI E DICHIARATIVI DELLE ASD Latina, 18 dicembre 2015 Dott. Massimiliano Lucaroni COSTITUZIONE DI UNA ASD - artt. 36 e seguenti del Codice Civile - per accedere ai benefici fiscali,

Dettagli

BILANCIO CONSUNTIVO al 31 dicembre 2014

BILANCIO CONSUNTIVO al 31 dicembre 2014 BILANCIO CONSUNTIVO al 31 dicembre 2014 NOTA INTEGRATIVA Premessa generale Il bilancio consuntivo dell Associazione, relativo all esercizio finanziario chiuso al 31 dicembre 2014, è redatto in base alle

Dettagli

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA (IV PARTE) Nel mondo dell associazionismo sportivo tutti i dirigenti sportivi affrontano con abnegazione e spirito di sacrificio

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma 14 gennaio

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma 14 gennaio RISOLUZIONE N. 10/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso 2008 Roma 14 gennaio Oggetto: Istanza di interpello - Alfa - Rilevazione dei ricavi e dei costi relativi all attività di raccolta e accettazione

Dettagli

La rendicontazione e il controllo indipendente degli enti non profit

La rendicontazione e il controllo indipendente degli enti non profit Bergamo 28 Giugno 2011 Rendicontazione economico-finanziaria e sociale degli enti non profit Prof. Matteo Pozzoli Ufficio studi della Presidenza del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli

Dettagli

RACCOLTE PUBBLICHE DI FONDI

RACCOLTE PUBBLICHE DI FONDI RACCOLTE PUBBLICHE DI FONDI SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI TRATTAMENTO FISCALE OBBLIGO DI RENDICONTAZIONE ATTIVITÀ DI VIGILANZA MODULISTICA Art. 143, c. 3, lett. a) D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Artt. 20, 22

Dettagli

Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche

Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche FIPAV - Comitato Provinciale di Rimini Dott. Andrea Biselli Dott. Marco Frassini Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche Sommario 1. Forma giuridica e requisiti

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 09 aprile 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 09 aprile 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 12/E Roma, 09 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Art. 30 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009,

Dettagli

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I regimi contabili e fiscali per imprese e professionisti Regime ordinario artt. 14-16 DPR 600/73 Regime semplificato art. 18 DPR 600/73 Regime

Dettagli

Legge 80/2005: Guida alla nuova normativa sulle donazioni

Legge 80/2005: Guida alla nuova normativa sulle donazioni Legge 80/2005: Guida alla nuova normativa sulle donazioni Via Napoleone I, 8-37138 Verona Tel. 045 8102419 - Fax 045 8195686 info@csv.verona.it www.csv.verona.it A. Chi può donare Soggetti all Imposta

Dettagli

Oggetto: istanza d interpello ai sensi dell articolo 21 della legge 30 dicembre 1991, n. 413 società: "X.Z.Y. srl Spese di pubblicità e rappresentanza

Oggetto: istanza d interpello ai sensi dell articolo 21 della legge 30 dicembre 1991, n. 413 società: X.Z.Y. srl Spese di pubblicità e rappresentanza R is oluzione 14 novembre 2002, n.356 E - Caus e r elated marketing, AGENZIA DELLE ENTRATE Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 novembre 2002 Oggetto: istanza d interpello ai sensi dell

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL RENDICONTO FINANZIARIO CHIUSO AL 31.12.2013

NOTA INTEGRATIVA AL RENDICONTO FINANZIARIO CHIUSO AL 31.12.2013 LIFE FOR MADAGASCAR ONLUS VIA MONTE ROSA 15-20145 MILANO CODICE FISCALE 97583110156 NOTA INTEGRATIVA AL RENDICONTO FINANZIARIO CHIUSO AL 31.12.2013 Signori associati, ai fini di una maggiore trasparenza

Dettagli

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore a cura di Roberta De Pirro - Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net http://www.sciume.net/ Premessa Dopo un lungo e discusso

Dettagli

LA PERSONALITA GIURIDICA

LA PERSONALITA GIURIDICA LA PERSONALITA GIURIDICA LA PERSONALITA GIURIDICA delle Associazioni RICONOSCIUTE (ARTT. 12 35 CODICE CIVILE) dotate di personalità giuridica - rispondono solo con il patrimonio sociale - il riconoscimento

Dettagli

NORMATIVA RELATIVA ALLE DONAZIONI LIBERALI A FAVORE DELLE ONLUS

NORMATIVA RELATIVA ALLE DONAZIONI LIBERALI A FAVORE DELLE ONLUS NORMATIVA RELATIVA ALLE DONAZIONI LIBERALI A FAVORE DELLE ONLUS La Pubblica Assistenza SAN MARCO, al fine di sintetizzare la vigente normativa relativa alle donazioni liberali a favore delle ONLUS, redige

Dettagli

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione I sistemi e le procedure di controllo negli enti non profit di Giorgio Gentili Sireco srl di Roma e Hepta Consulenza Srl di San Severino Marche (MC) L a Commissione aziende non profit del Consiglio nazionale

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2013

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2013 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2013 31/12/2012 31/12/2013 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 204.984,48 328.310,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

che verrebbe posta a carico delle parrocchie in contrasto con l esenzione prevista dal Decreto

che verrebbe posta a carico delle parrocchie in contrasto con l esenzione prevista dal Decreto Il quesito riguarda la corretta applicazione della imposta di bollo sui conti correnti bancari, che verrebbe posta a carico delle parrocchie in contrasto con l esenzione prevista dal Decreto Legislativo

Dettagli

QUESITO TRATTAMENTO FISCALE DELLE DONAZIONI

QUESITO TRATTAMENTO FISCALE DELLE DONAZIONI QUESITO TRATTAMENTO FISCALE DELLE DONAZIONI ATTENZIONE: la risposta ai quesiti è stata formulata attenendosi alle leggi vigenti all' epoca della richiesta. Pertanto si consiglia di verificare se da detta

Dettagli

Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego*

Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego* SCHEDE OPERATIVE n.1/2006 non OdV Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego* Come per l Ires, anche in materia di Iva, è l iscrizione o meno

Dettagli

SERATA DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE GRUPPO DI LAVORO ENTI NO PROFIT. 2. Esame delle principali novità in materia di no profit.

SERATA DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE GRUPPO DI LAVORO ENTI NO PROFIT. 2. Esame delle principali novità in materia di no profit. SERATA DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE GRUPPO DI LAVORO ENTI NO PROFIT 1. Programmazione attività 2015. 2. Esame delle principali novità in materia di no profit. Torino, 27 gennaio 2015 A cura dei dottori

Dettagli

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.6 Il bilancio o rendiconto consuntivo

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.6 Il bilancio o rendiconto consuntivo 83 4. La Società di Mutuo Soccorso 4.6 Il bilancio o rendiconto consuntivo Una delle problematiche che assume maggiore rilievo nelle Società di Mutuo Soccorso, riguarda l'individuazione della corretta

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE. Onlus ed enti non commerciali.

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE. Onlus ed enti non commerciali. CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Onlus ed enti non commerciali Domande Frequenti Sommario 1. Ai fini IRES cosa si intende per ente non commerciale?

Dettagli

EROGAZIONI LIBERALI AD APS Art. 22 L. 383/2000

EROGAZIONI LIBERALI AD APS Art. 22 L. 383/2000 EROGAZIONI LIBERALI AD APS Art. 22 L. 383/2000 PER APS ISCRITTE NEI REGISTRI: 1. da persone fisiche (art. 15, c. 1, lett. i-quater, Dpr 917/86) - Erogazioni liberali in denaro detraibili per il 19% di

Dettagli

ONLUS e pubblici esercizi, attività polisportive dilettantistiche e commercio su aree pubbliche: i chiarimenti del MISE

ONLUS e pubblici esercizi, attività polisportive dilettantistiche e commercio su aree pubbliche: i chiarimenti del MISE CIRCOLARE A.F. N. 34 del 6 Marzo 2014 Ai gentili clienti Loro sedi ONLUS e pubblici esercizi, attività polisportive dilettantistiche e commercio su aree pubbliche: i chiarimenti del MISE Premessa Il Ministero

Dettagli