LE LINEE GUIDA PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA 2015 (D.M. 26/06/2015)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE LINEE GUIDA PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA 2015 (D.M. 26/06/2015)"

Transcript

1 LE LINEE GUIDA PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA 2015 (D.M. 26/06/2015) L articolo illustra le nuove Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici di cui al D.M. 26 giugno 2015, che sostituisce il precedente D.M. 26 giugno 2009, in vigore il 1 Ottobre Vengono in particolare messi a fuoco gli aspetti concernenti: il nuovo format di Attestato di prestazione energetica, la nuova classificazione degli edifici, le procedure ed i metodi di calcolo, il monitoraggio ed i controlli, il Sistema informativo sugli attestati di prestazione energetica (SIAPE), il nuovo format per gli annunci immobiliari. A cura di Vincenzo Lattanzi PREMESSA Sul Supplemento Ordinario n. 39 alla Gazzetta Ufficiale n. 162 del 15 luglio 2015 è stato pubblicato il D.M. 26 giugno recante Adeguamento del decreto del Ministro dello sviluppo economico, 26 giugno Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici che sostituisce il precedente D.M. 26 giugno 2009, entrato in vigore il 25 luglio 2009 e che cesserà pertanto la sua cogenza il 30 settembre 2015, poiché il nuovo decreto entra in vigore il 1 Ottobre Si segnala peraltro che gli attestati di prestazione energetica emessi fino alla data del 30/09/2015 secondo il vecchio format ed in generale in base alle superate Line guida del 26/06/2009, conserveranno comunque la loro validità fino alla scadenza degli stessi (che come è noto è di 10 anni, salvo eccezioni) (1). Il D.M. 26 giugno 2015, completa il quadro regolatorio dell efficienza energetica alle nuove metodologie di calcolo introdotte a livello europeo e definite a livello nazionale con l altro D.M. 26 giugno 2015 recante Applicazione delle metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche e definizione delle prescrizioni e dei requisiti minimi degli edifici (da ora in avanti semplicemente D.M. Requisiti minimi ) (2). (1) Si veda per maggiori dettagli in proposito l articolo dal titolo Prestazione energetica in edilizia e certificazione: quadro normativo e obblighi dopo i decreti-legge 63/2013 e 145/2013 (Fast Find AR793). (2) Per maggiori dettagli su tale provvedimento si veda l altro articolo dal titolo I requisiti di prestazione energetica per edifici pubblici e privati validi dal 01/10/2015 (Fast Find AR1112). legislazionetecnica.it FAST FIND AR1114 1

2 Il decreto introduce: la previsione di metodologie di calcolo semplificate da applicarsi ad edifici di dimensioni ridotte, al fine di ridurre i costi a carico dei cittadini; la definizione di un attestato di prestazione energetica, che comprende tutti i dati relativi all efficienza dell edificio, quali la prestazione energetica globale e la classe energetica, per consentire al cittadino la valutazione e il confronto tra edifici differenti; la definizione di uno schema di annuncio di vendita o locazione per esposizione nelle agenzie immobiliari che renda uniformi le informazioni sulla qualità energetica degli edifici fornita ai cittadini; la definizione di un sistema informativo comune per tutto il territorio nazionale di utilizzo obbligatorio per le regioni e le province autonome, che comprenda la gestione di un catasto degli edifici, degli attestati di prestazione energetica e dei rispettivi controlli pubblici. Inoltre al fine di evitare la frammentazione legislativa regionale stabilisce la diretta applicazione delle nuove regole alle Regioni che non abbiano ancora dettato norme di recepimento della Direttiva 2010/31/UE. Rispetto alla preesistente normativa, sono state introdotte diverse novità poiché, come indica il Ministero dello sviluppo economico, per il cittadino, proprietario o conduttore dell edificio, è importante conoscere come la qualità dell involucro edilizio e degli impianti possa contribuire al raggiungimento del livello di prestazione globale, al fine di poter mettere a fuoco le più significative carenze energetiche dell edificio e orientare le priorità di intervento. Inoltre, il nuovo APE mette in risalto l apporto fornito dalle fonti rinnovabili, valorizzandone l utilizzo. PRESTAZIONE ENERGETICA AI FINI DELL ATTESTAZIONE Il primo elemento di novità è costituito dal completamento del quadro legislativo e normativo, atteso da anni, infatti dal 1 ottobre 2015, finalmente, ai fini della attestazione della prestazione energetica è necessario determinare il fabbisogno globale di energia primaria, ed il relativo indice di prestazione energetica globale dell edificio, così come richiesto dalle Direttive 2002/91/CE e 2010/31/UE e recepito dal D.M. 26 giugno 2015 Requisiti minimi. Fabbisogno ed indice che vanno espressi e calcolati tenendo conto di tutti gli utilizzi energetici dell edificio, riscaldamento, raffrescamento, produzione di acqua calda sanitaria, ventilazione, illuminazione e trasporto di persone o cose (ascensori, montacarichi, scale mobili e marciapiedi mobili). Vedi articolo per dettagli. legislazionetecnica.it FAST FIND AR1114 2

3 UNIFORMITÀ ED OMOGENEITÀ DI APPLICAZIONE Con le nuove Linee guida si punta poi a colmare finalmente una importante lacuna: quella di assicurare uniformità ed omogeneità di applicazione su tutto il territorio nazionale. Il decreto riporta, infatti, la definizione di un format di APE unico per tutto il territorio nazionale, con una metodologia di calcolo omogenea, al quale le Regioni, che avessero già attuato un regolamento di recepimento della Direttiva 2010/31/UE, dovranno adeguarsi entro due anni. I regolamenti regionali sulla attestazione della prestazione energetica degli edifici, sono attualmente molto differenziati a causa dell ampia autonomia regionale nelle norme di recepimento della precedente Direttiva 2002/91/CE. L emanazione delle precedenti Linee guida nazionali, recepimento della Direttiva 2002/91/CE è avvenuta infatti dopo che molte Regioni avevano già emanato una propria regolamentazione sulla certificazione energetica. Quello che si è purtroppo verificato è stata una mancanza di uniformità ed omogeneità su tutto il territorio nazionale, in termini di procedure di calcolo, sia rigorose che semplificate, di sistemi di classificazione energetica, di requisiti minimi di accreditamento, anche reciproco, dei certificatori, delle procedure di controllo sul loro operato, creando in realtà una differenziazione territoriale con conseguente difficoltà di tutti gli operatori. Proprio per questo, al fine di evitare la frammentazione legislativa regionale il D.M. 26 giugno 2015 impone che le disposizioni del decreto si applichino alle Regioni e alle Province autonome che non abbiano ancora adottato provvedimenti di recepimento della Direttiva 2010/31/UE e comunque fino alla entrata in vigore di tali provvedimenti mentre quelle Regioni che hanno già attuato un regolamento di recepimento della Direttiva 2010/31/UE, dovranno adeguarsi entro due anni. Ricordiamo che nel dettare la normativa di attuazione le Regioni e le province autonome sono tenute al rispetto dei vincoli derivanti dall ordinamento europeo e dei principi fondamentali desumibili dal decreto. ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Il nuovo format di attestato di prestazione energetica presenta molte novità e contiene maggiori elementi di chiarezza, rispetto al format delle precedenti Linee guida, e risulta molto più completo sia di informazioni sia di dati tecnici. Le prime due pagine contengono elementi di facile comprensione da parte di tutti i cittadini, come il sistema di valutazione basato su classi energetiche, da A4 a G (dalle 7 precedenti a 10 attuali) in stretta analogia a quanto avviene da oltre dieci anni per gli apparecchi elettrodomestici e con le raccomandazioni per il miglioramento dell efficienza energetica dell unità immobiliare/edificio, i dati identificativi e la foto dell immobile. legislazionetecnica.it FAST FIND AR1114 3

4 Le pagine successive riportano informazioni di dettaglio e di maggior contenuto tecnico utili agli addetti ai lavori per una conoscenza approfondita dell immobile. L APE, redatto da soggetto abilitato ai sensi del D.P.R. 16 aprile 2013, n. 75, deve riportare obbligatoriamente, a pena di invalidità, le informazioni previste dal D. Leg.vo 192/2005: la prestazione energetica globale dell edificio sia in termini di energia primaria totale che di energia primaria non rinnovabile, attraverso i rispettivi indici; la classe energetica determinata attraverso l indice di prestazione energetica globale dell edificio, espresso in energia primaria non rinnovabile; la qualità energetica del fabbricato a contenere i consumi energetici per il riscaldamento e il raffrescamento, attraverso l indice di prestazione termica utile per la climatizzazione invernale e per la climatizzazione estiva il rapporto tra l area soleggiata equivalente estiva e la trasmittanza termica periodica media dell edificio; i valori di riferimento, quali i requisiti minimi di efficienza energetica vigenti a norma di legge; le emissioni di anidride carbonica; l energia esportata; le raccomandazioni per il miglioramento dell efficienza energetica dell edificio con le proposte degli interventi più significativi ed economicamente convenienti, separando la previsione di interventi di ristrutturazione importanti da quelli di riqualificazione energetica. NOTA BENE Sarebbe stato utile se il decreto avesse fornito una tabella per il calcolo delle emissioni di CO2 tenendo conto dei vettori energetici utilizzati per ogni singolo servizio energetico. Sarebbe bastato completare la Tabella 1 del D.M. 26 giugno 2015 Requisiti minimi relativa ai fattori di conversione in energia primaria, totale, rinnovabile e non rinnovabile. Non esiste al momento una tabella nazionale allo scopo, ma solo tabelle di alcune Regioni (vedi Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna). In assenza di una indicazione nazionale, comunque auspicabile, spetterà alle Regioni nei loro provvedimenti regolamentari dare indicazioni in tal senso. Ogni APE deve riportare, inoltre, le informazioni correlate al miglioramento della prestazione energetica (fondamentale), quali gli incentivi di carattere finanziario, e l opportunità di eseguire diagnosi energetiche. Nell APE, inoltre, sono stati introdotti nuovi indicatori. Infatti oltre alla classe energetica basata sull indice di prestazione energetica globale non rinnovabile dell immobile, è stata inserita anche la prestazione energetica invernale ed estiva dell involucro, ovvero del fabbricato al netto del rendimento degli impianti presenti, gli indici di prestazione energetica rinnovabile e non rinnovabile dell immobile oggetto di attestazione. legislazionetecnica.it FAST FIND AR1114 4

5 Sono altresì indicate le fonti, rinnovabili e non rinnovabili, utilizzate per il soddisfacimento del fabbisogno dell immobile. Sono riportati infine, per un approfondita conoscenza delle prestazioni energetiche dell immobile, i consumi annui stimati di energia secondo un uso standard dell immobile stesso. CLASSE ENERGETICA DEGLI EDIFICI La classe energetica dell edificio è determinata sulla base dell indice di prestazione energetica globale non rinnovabile dell edificio EPgl,nren, (applicando i pertinenti fattori di conversione in energia primaria non rinnovabile fp,nren), per mezzo del confronto con una scala di classi prefissate, ognuna delle quali rappresenta un intervallo di prestazione energetica definito. Sono comunque introdotti gli indici di prestazione energetica globale dell edificio sia in termini di energia primaria totale che di energia primaria non rinnovabile. La scala delle classi è definita considerando come benchmark o indice di riferimento il valore dell indice di prestazione energetica globale non rinnovabile dell edificio di riferimento (EPgl,nren,rif,standard (2019/2021)). NOTA BENE Fondamentale ed opportuno è l utilizzo di un benchmark al 2019/2021, tenendo conto proprio per tale data dell obiettivo primario degli Edifici ad energia quasi zero richiesto dalla Direttiva 2010/31/UE e dal D.M. 26 giugno 2015 Requisiti minimi. Tenendo conto che le precedenti Linee guida per la determinazione della classe energetica utilizzavano un benchmark fermo temporalmente al gennaio 2010, si evidenzia il grande passo in avanti e la spinta verso edifici ad elevata prestazione energetica. Tale indice è posto quale limite di separazione tra le classi A1 e B. Come già segnalato, è stata introdotta infatti una scala di classificazione della prestazione energetica degli immobili formata da 10 classi: A4, A3, A2, A1, B, C, D, E, F, G (da A4 la più efficiente più efficiente alla G meno efficiente). Gli intervalli di prestazione che identificano le altre classi sono ricavati attraverso coefficienti moltiplicativi di riduzione/maggiorazione del suddetto valore EPgl,nren,rif,standard (2019/2021). Ai fini della determinazione della classe energetica complessiva dell edificio per la redazione dell APE, in base a quanto detto in precedenza, si procede determinando il valore dell indice di prestazione, per l edificio di riferimento, in corrispondenza dei parametri vigenti per gli anni 2019/2021; si calcola il valore dell indice per l immobile oggetto dell attestazione e si individua la classe energetica da attribuire in base alla Tabella 2, riportata nel Capitolo 5 delle Linee guida. legislazionetecnica.it FAST FIND AR1114 5

6 I limiti tra le classi, pertanto non sono più legati al fattore di forma dell edificio, da cui dipendeva il valore limite dell indice di prestazione invernale per il riscaldamento EPi, ma vengono calcolati in funzione dell indice di prestazione globale dell edificio di riferimento EPgl (2019/2021), quindi ogni edificio ha la propria scala di classificazione. A differenza di quanto previsto dal D.M. 26 giugno 2009, pertanto, con il nuovo decreto non sarà più possibile un confronto tra edifici appartenenti alla stessa categoria, sulla base dell indice di prestazione energetica da cui dipende la classe energetica. Il benchmark, come indicato, non dipende più dai gradi/giorno e dal rapporto S/V dell edificio ma dalla prestazione dello stesso edificio, realizzato però secondo i parametri dell edificio di riferimento al 2019/2021. La classe dipende dal confronto tra la prestazione dell edificio reale e quella del suo gemello, ma fatto bene, cioè l edificio di riferimento. QUALITÀ DEGLI ATTESTATI DI PRESTAZIONE ENERGETICA E RACCOMANDAZIONI La Direttiva 2010/31/UE e il D.M. 26 giugno 2015 assegnano all APE un ruolo attivo nella promozione degli interventi di riqualificazione energetica affinché esso non resti, come è stata opinione diffusa fino ad oggi, una mera fotografia dello stato dell immobile. Oltre a indicare la classe e la prestazione energetica dell edificio, l APE dovrà fornire raccomandazioni sulle misure di miglioramento, indicando i livelli di prestazione raggiungibili in relazione ai costi, distinguendo i benefici dovuti ad interventi parziali e quelli in seguito ad una riqualificazione totale, consentendo al proprietario approfondimenti oggettivi e capacità decisionali di intervento. Le raccomandazioni obbligatorie nell APE costituiscono sicuramente la parte più professionale ed utile del documento, che dà significato a tutte le altre sezioni. Le raccomandazioni nascono infatti proprio sulla base di una approfondita indagine sull immobile in oggetto, e proiettano l attuale l edificio ha questi consumi verso il futuro l edificio potrebbe consumare e migliorare in questo modo riducendo le spese di tot.. Il tecnico, dopo aver eseguito lo studio volto a conoscere le prestazioni e le caratteristiche energetiche dell edificio in oggetto, valuta gli interventi più idonei per il miglioramento dello stesso individuando: la fattibilità tecnico economica degli interventi di riqualificazione energetica e miglioramento della classe energetica dell edificio; le priorità tra diverse soluzioni riconosciute valide in funzione dell analisi costi benefici; Il committente avrebbe a disposizione un importante studio, che lo guida ed illumina in eventuali interventi di riqualificazione energetica del suo immobile ed inoltre ha la possibilità di valutare il lavoro del professionista. legislazionetecnica.it FAST FIND AR1114 6

7 PROCEDURE E METODI DI CALCOLO Nelle Linee guida precedenti relative al D.M. 26 giugno 2009 l utilizzo dei metodi di calcolo, connesso come vedremo alla procedura di certificazione, è stato caratterizzato da poche luci e molte ombre. Nelle nuove Linee guida ci sono senz altro indicazioni più idonee e chiare, e sarà importante non commettere gli stessi errori. Le nuove Linee guida contenute nel D.M. 26 giugno 2015 distinguono tra procedure di calcolo e metodologie di calcolo, le prime intese a fornire le corrette indicazioni sulle modalità di valutazione della prestazione energetica, le seconde ad indicare la normativa tecnica e gli applicativi informatici da utilizzare. Vengono riportate procedure di calcolo della prestazione energetica utilizzabili in modo alternativo in relazione alle caratteristiche dell immobile ed al livello di approfondimento richiesto al fine di minimizzare gli oneri a carico del cittadino. Inoltre sono previste metodologie di calcolo rigorose ed anche semplificate da applicarsi queste ultime, ad edifici di dimensioni ridotte al fine di ridurre i costi a carico dei cittadini. Sono previste le procedure di seguito indicate in dettaglio. Procedura di calcolo di progetto o di calcolo standardizzato Questa procedura prevede la valutazione della prestazione energetica a partire dai dati di ingresso relativi alle caratteristiche dell edificio e dei relativi impianti energetici, così come rilevabili dal progetto energetico, previa verifica di rispondenza del costruito al progetto. La procedura quindi va applicata all edificio come costruito. In buona sostanza e per dirla in maniera più semplice per tutti quegli edifici di cui si è in possesso dei dati di progetto. Per tale procedura si fa riferimento al Metodo di calcolo di progetto obbligatorio per gli edifici di nuova costruzione e per quelli sottoposti a ristrutturazione importante, ma anche, come detto prima, per tutti quegli edifici di cui si è in possesso dei dati di progetto. È impensabile infatti, in tal caso ricorrere a metodi semplificati solo per ridurre il tempo di calcolo necessario. Tale metodo, rigoroso e non semplificato, si avvale del pacchetto di norme UNI indicate dal D.M. 26 giugno 2015 Requisiti minimi a partire da quelle della serie UNI TS Parti 1 e 2 3,4 e, di prossima pubblicazione, 5 e 6. Il metodo di calcolo di progetto è applicabile a tutte le tipologie edilizie, sia per gli edifici nuovi che per quelli esistenti, indipendentemente dalla loro dimensione. legislazionetecnica.it FAST FIND AR1114 7

8 Procedura di calcolo da rilievo sull edificio Nel caso in cui la predetta documentazione di progetto non sia disponibile, la raccolta dei dati di ingresso necessari va effettuata con una procedura di calcolo da rilievo sull edificio, che prevede la valutazione della prestazione energetica a partire dai dati di ingresso rilevati direttamente sull edificio esistente, sulla base dei quali si esegue la valutazione della prestazione energetica secondo l opportuno metodo di calcolo. In buona sostanza questa procedura è di riferimento per edifici esistenti di cui non si dispone dei dati di progetto. Per tale ultima procedura si fa riferimento al Metodo di calcolo da rilievo sull edificio che prevede la valutazione della prestazione energetica a partire dai dati di ingresso ricavati da indagini svolte direttamente sull edificio esistente. In questo caso infatti i dati di ingresso relativi all edificio (in occasione del rilievo in situ, i cui risultati devono essere raccolti in un rapporto) possono: essere reperiti tramite procedure di rilievo, supportate anche da indagini strumentali (nota dello scrivente: consigliabile), sull edificio e/o sui dispositivi impiantistici effettuate secondo le normative tecniche di riferimento vigenti, nazionali o internazionali, o, in mancanza di tali norme, dalla letteratura tecnico-scientifica; essere ricavati per analogia costruttiva con altri edifici e sistemi impiantistici coevi, integrate da banche dati o abachi nazionali, regionali o locali. Solo nell ambito di tale procedura sono utilizzabili metodi di calcolo semplificati, nel rispetto dei limiti indicati nelle Linee guida. Per la valutazione della prestazione sono previste tre opzioni: la prima fa riferimento sempre al pacchetto di norme di cui al metodo di calcolo di progetto, con l utilizzo dei dati ricavati dalle indagini strumentali; la seconda fa riferimento alle relative semplificazioni, contenute nel pacchetto di norme precedenti, previste per gli edifici esistenti (a tal fine, la norma UNI TR 11552:2014 prevede infatti, per gli edifici esistenti, modalità di determinazione dei dati descrittivi dell edificio sotto forma di abachi e tabelle in relazione, a esempio, alle tipologie e all anno di costruzione, mentre la norma UNI TS parte 2 prevede modalità di determinazione dei dati degli impianti sotto forma di tabelle relative ai rendimenti dei componenti impiantistici, previa, per entrambe le norme verifica della loro congruenza con le reali caratteristiche dell edificio oggetto di valutazione energetica da realizzarsi mediante rilievo in situ, eventualmente con l ausilio di adeguate strumentazioni). Questo metodo è applicabile a tutti gli edifici esistenti, indipendentemente dalla tipologie edilizia e dalla dimensione la terza fa riferimento ad un Metodo semplificato, applicabile solo per edifici residenziali con superficie utile fino a 200 m 2, sempre nel rispetto dei limiti indicati dal decreto, fatta eccezione per i casi in cui si rediga l APE in conseguenza di una ristrutturazione importante (pur se fino a 200 m 2 ). legislazionetecnica.it FAST FIND AR1114 8

9 A tal proposito è stato dato incarico all ENEA in collaborazione con il CNR di predisporre un software applicativo che utilizzi un metodo semplificato (rammentando che il software DOCET è tutt ora non più utilizzabile a seguito della revisione del pacchetto di norme UNI TS a partire dal 02/10/2014). Sintesi Volendo sintetizzare quanto in precedenza riportato: in caso di edifici di nuova costruzione o di edifici esistenti sottoposti a ristrutturazioni importanti, va applicata la procedura di calcolo di progetto o di calcolo standardizzato; per gli edifici esistenti non sottoposti a ristrutturazione importante, ferma restando la possibilità di avvalersi della procedura di calcolo di progetto o di calcolo standardizzato si può applicare la procedura di calcolo da rilievo sull edificio di cui in precedenza. Al corretto utilizzo dei metodi di calcolo sono associate poi la procedura di certificazione degli edifici, nonché le modalità di svolgimento del servizio di attestazione della prestazione energetica, riportate al Capitolo 7 delle nuove Linee guida cui si rimanda. MONITORAGGI E CONTROLLI La Direttiva 2010/31/UE impone di instaurare un sistema di controllo indipendente per gli attestati di prestazione energetica e i rapporti di ispezione degli impianti di riscaldamento e condizionamento, realizzato mediante controlli a campione. L art. 5 del D.M. 26 giugno 2015 ha previsto poi che le Regioni e le Province autonome al fine della effettuazione dei controlli della qualità del servizio di attestazione della prestazione energetica reso dai soggetti certificatori, definiscano piani e procedure di controllo che consentano di analizzare almeno il 2% degli APE depositati territorialmente in ogni anno solare. I controlli devono essere prioritariamente orientati alle classi energetiche più efficienti e devono comprendere tipicamente: l accertamento documentale degli APE includendo anche la verifica del rispetto delle procedure previste dalle Linee guida; le valutazioni di congruità e coerenza dei dati di progetto o di diagnosi con la procedura di calcolo e i risultati espressi; le ispezioni delle opere o dell edificio. Inoltre le Regioni e Province autonome dovranno alimentare per via telematica il SIAPE (vedi più avanti) con i dati relativi ai controlli effettuati ed al numero di attestati invalidati. legislazionetecnica.it FAST FIND AR1114 9

10 Sistema informativo sugli attestati di prestazione energetica (SIAPE) Ricordiamo che il D. Leg.vo 192/2005 come modificato dal D.L. 4 giugno 2013 n. 63 coordinato con la legge di conversione 3 agosto 2013 n. 90, all art. 6 comma 12 lettera d), ha previsto la definizione di un sistema informativo comune per tutto il territorio nazionale, di utilizzo obbligatorio per le Regioni e le province autonome, che comprendesse la gestione di un catasto degli edifici, degli Attestati di Prestazione Energetica e dei relativi controlli pubblici. L art. 6 del D.M. 26 giugno 2015 ha individuato nell ENEA (entro 90 giorni dal 1 ottobre 2015 cioè entro il 30 dicembre 2015) il soggetto delegato alla istituzione del SIAPE, di cui deve essere garantita l interoperabilità con i sistemi informativi nazionali e regionali esistenti ed in particolare con i catasti regionali degli edifici, degli APE, degli impianti termici e dei relativi controlli pubblici. È fondamentale a questo punto che ogni Regione realizzi nel più breve tempo possibile, secondo un unico format previsto dal SIAPE: il catasto degli edifici sulla base degli APE redatti (poche Regioni lo hanno realizzato); il catasto degli impianti termici sulla base del D.P.R. 16 aprile 2013 n. 74; il catasto degli esiti dei controlli effettuati sugli APE, comprensivo di quelli invalidati; il catasto degli esiti dei controlli effettuati sugli impianti termici FORMAT PER GLI ANNUNCI IMMOBILIARI L allegato C al D.M. 26 giugno 2015 riporta un format unico, su tutto il territorio nazionale, di annuncio di vendita o di locazione dell immobile per esposizione nelle agenzie immobiliari, che renda uniformi le informazioni sulla qualità energetica degli edifici fornite ai cittadini; Nell ottica di fornire ai cittadini un quadro completo dell immobile, in tale schema vengono riportati gli indici di prestazione energetica parziali, come quello riferito all involucro, quello globale e la relativa classe energetica corrispondente, con l utilizzo dei cosiddetti emoticon per facilitare la comprensione ai cittadini che non siano tecnici. legislazionetecnica.it FAST FIND AR

ordine degli ingegneri della provincia di bari

ordine degli ingegneri della provincia di bari ORDINE INGEGNERI BARI CORSO TECNICO FORMATIVO EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA : EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE E NORMATIVA ENERGETICA PER LA PROGETTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA

Dettagli

Visto Visto Visti Visto Vista Visto

Visto Visto Visti Visto Vista Visto Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e con il Ministro per la Semplificazione

Dettagli

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 A TUTTI GLI ISCRITTI Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 L ARES informa che ha predisposto un testo coordinato del Decreto Legislativo 192/2005 con le modifiche introdotte

Dettagli

Certificazione Energetica degli Edifici. Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300

Certificazione Energetica degli Edifici. Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300 Certificazione Energetica degli Edifici Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300 Bozza DM sulle Linee Guida Nazionali LINEE GUIDA NAZIONALI Bozza DM sulle Linee

Dettagli

GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE

GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE Dal 1 ottobre 2015 entrano in vigore i nuovi decreti attuativi in materia di prestazione e certificazione energetica. Cosa cambia concretamente?

Dettagli

Attestato di Prestazione Energetica: la normativa e le procedure di attuazione nella Regione Molise

Attestato di Prestazione Energetica: la normativa e le procedure di attuazione nella Regione Molise L Attestato di Prestazione Energetica (APE) Attestato di Prestazione Energetica: la normativa e le procedure di attuazione nella Regione Molise Giacomo Iannandrea - Ricercatore ENEA Convegno GLOBAL ENERGY

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 26 giugno 2015. Adeguamento del decreto del Ministro dello sviluppo economico, 26 giugno 2009 - Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici. IL MINISTRO DELLO SVILUPPO

Dettagli

gruppo@reatecnica DM 26 GIUGNO 2015 (operativo dal 01/10/2015) in applicazione del D.legislativo 192/2005

gruppo@reatecnica DM 26 GIUGNO 2015 (operativo dal 01/10/2015) in applicazione del D.legislativo 192/2005 Giornata formativa aggiornamento APE professione certificatore Direttiva 2010/31/UE Promuove la prestazione energetica degli edifici introducendo il criterio dell ottimo energetico in funzione dei costi

Dettagli

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI Recepimento Direttiva 31/2010/UE

Dettagli

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani 90133 Palermo, Via A. Volta, 44 Tel.: 091/333114/324724 Fax: 091/6193528 C.F. 80029280825 - info@ancesicilia.it www.ancesicilia.it La Rassegna Stampa

Dettagli

ALLEGATO 1 (Articolo 3)

ALLEGATO 1 (Articolo 3) ALLEGATO 1 (Articolo 3) LINEE GUIDA NAZIONALI PER L ATTESTAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Sommario 1 Finalità e campo di applicazione... 2 2 Prestazione energetica degli immobili: aspetti

Dettagli

Linee Guida Nazionali per l attestazione della prestazione energetica in Piemonte

Linee Guida Nazionali per l attestazione della prestazione energetica in Piemonte Linee Guida Nazionali per l attestazione della prestazione energetica in Piemonte arch. Giovanni Nuvoli Settore Sviluppo Energetico Sostenibile Regione Piemonte CONTESTO NORMATIVO - 30% CONSUMI + 30% CONSUMI

Dettagli

EPBD recast ed il nuovo quadro normativo nazionale: nuovi requisiti minimi e linee guida APE

EPBD recast ed il nuovo quadro normativo nazionale: nuovi requisiti minimi e linee guida APE : nuovi requisiti minimi e linee guida APE EDIFICI A ENERGIA QUAZI ZERO - VERSO IL 2020 Il futuro delle costruzioni tra decreti NZEB, edifici di riferimento, certificazione ed efficienza energetica in

Dettagli

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia Giacomo Di Nora Divisione Energia ILSPA 02.12.15 Spazio Oberdan, Viale Vittorio Veneto, 2 - Milano Normativa regionale per l efficienza

Dettagli

Corso di Aggiornamento - 16 ore in Aula

Corso di Aggiornamento - 16 ore in Aula NUOVA PRESTAZIONE ENERGETICA IN EDILIZIA Requisiti e modalità di calcolo, relazione di progetto e linee guida per la redazione dell APE in vigore dal 1 ottobre 2015 Corso di Aggiornamento - 16 ore in Aula

Dettagli

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia. 3 luglio 2015

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia. 3 luglio 2015 Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia 3 luglio 2015 1 Disposizioni normative in fase di aggiornamento DM REQUISITI MINIMI (sostituisce il DPR 59/2009) LINEE GUIDA (sostituisce

Dettagli

Attestato di prestazione energetica per edificio residenziale

Attestato di prestazione energetica per edificio residenziale Attestato di prestazione energetica per edificio residenziale Ubicazione Proprietà Tipologia edilizia Riferimenti catastali Codice attestato San Casciano Val Di Pesa, via Decimo 14, 50026 San Casciano

Dettagli

Linee Guida Nazionali per la Certificazione Energetica

Linee Guida Nazionali per la Certificazione Energetica Linee Guida Nazionali per la Certificazione Energetica Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 luglio 2009 il DM 26/06/2009 sancisce la piena attuazione della Direttiva 2002/91/CE- art. 7 e del Dlgs. 192/05-

Dettagli

Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE)

Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE) Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE) Logo DATI GENERALI Destinazione d uso Residenziale Non residenziale Classificazione D.P.R. 412/93: Oggetto dell attestato Intero edificio

Dettagli

Art. 6. (Attestato di prestazione energetica, rilascio e affissione).

Art. 6. (Attestato di prestazione energetica, rilascio e affissione). 1 di 5 29/12/2013 18.25 (agg.5) Testo in vigore dal: 24-12-2013 Art. 6. (Attestato di prestazione energetica, rilascio e affissione). 1. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente disposizione,

Dettagli

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia. Giacomo Di Nora Divisione Energia ILSPA

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia. Giacomo Di Nora Divisione Energia ILSPA Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia Giacomo Di Nora Divisione Energia ILSPA 30 settembre 2015 Normativa regionale per l efficienza energetica in edilizia Nuove disposizioni

Dettagli

Roma, 11 e 12 Novembre 2015, dalle 9.00 alle 18.00 Istituto Salesiano Sacro Cuore, Via Marsala n. 42 SONO STATI RICHIESTI CREDITI FORMATIVI

Roma, 11 e 12 Novembre 2015, dalle 9.00 alle 18.00 Istituto Salesiano Sacro Cuore, Via Marsala n. 42 SONO STATI RICHIESTI CREDITI FORMATIVI NUOVA PRESTAZIONE ENERGETICA IN EDILIZIA Requisiti e modalità di calcolo, relazione di progetto e linee guida per la redazione dell APE in vigore dal 1 ottobre 2015 Corso di Aggiornamento - 16 ore in Aula

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti IL MINISTRO DELLA SALUTE (per

Dettagli

Download. Informazioni F.A.Q. Link. 1 di 5 27/12/2014 21.13. Lo strumento DOCET

Download. Informazioni F.A.Q. Link. 1 di 5 27/12/2014 21.13. Lo strumento DOCET 1 di 5 27/12/2014 21.13 Sito aggiornato il 30/10/2014 IVA: 02118311006 Download Lo strumento DOCET DOCET è uno strumento di simulazione a bilanci mensili per la certificazione energetica degli edifici

Dettagli

LA RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO SUL RISPETTO DEI REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA NEGLI EDIFICI

LA RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO SUL RISPETTO DEI REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA NEGLI EDIFICI LA RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO SUL RISPETTO DEI REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA NEGLI EDIFICI Questo articolo illustra i nuovi schemi della relazione tecnica di progetto - contenuti nel D.M. 26/06/2015

Dettagli

La certifciazione energetica degli edifici come strumento operativo per migliorare l efficienza energetica nel settore civile

La certifciazione energetica degli edifici come strumento operativo per migliorare l efficienza energetica nel settore civile La certifciazione energetica degli edifici come strumento operativo per migliorare l efficienza energetica nel settore civile Maria Fabianelli ARE LIGURIA Elenco degli argomenti 1. Nuova Legge Regionale

Dettagli

Art. 1 finalità. art. 2 metodologia di calcolo della prestazione energetica

Art. 1 finalità. art. 2 metodologia di calcolo della prestazione energetica Regolamento recante le procedure per la di sostenibilità energetico ambientale degli edifici, di cui all articolo 6 bis, della legge regionale 18 agosto 2005 n. 23, "Disposizioni in materia di edilizia

Dettagli

Linee Guida Nazionali sulla Certificazione Energetica

Linee Guida Nazionali sulla Certificazione Energetica IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA I principali contenuti delle Linee Guida Nazionali sulla Certificazione Energetica e il modulo dell APE Arch. Luca Raimondo USO CONVENZIONALE L ATTESTATO DI PRESTAZIONE

Dettagli

Linee guida per l efficienza energetica degli edifici

Linee guida per l efficienza energetica degli edifici 2 Linee guida per l efficienza energetica degli edifici n Premessa Le linee guida per l efficienza energetica degli edifici in attuazione del decreto di modifica del D.Lgs. 192 del 2005 sono in corso

Dettagli

ESERCIZI PRATICI DI REDAZIONE DELL A.P.E.

ESERCIZI PRATICI DI REDAZIONE DELL A.P.E. Speciale aggiornamento Certificatori Energetici ESERCIZI PRATICI DI REDAZIONE DELL A.P.E. (ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA) PREMESSA Sulla Gazzetta Ufficiale n. 162 del 15 luglio 2015 sono stati pubblicati

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.140 del 13 Ottobre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi APE nuove regole a partire dal 01.10.2015: attenzione alle sanzioni Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

METODI DI CALCOLO PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA

METODI DI CALCOLO PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA LE PROCEDURE DELLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA Prof. Ing. Costanzo Di Perna Confronto teorico tra metodi di calcolo DOCET, UNITS 11300 e metodi semplificati sabato 29 maggio 2010 ore 11:45 Dipartimento di

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE Delibera IX/2555 del 24/11/2011 della Giunta regionale della Lombardia L obbligo dell indicazione della classe

Dettagli

I REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA PER EDIFICI PUBBLICI E PRIVATI VALIDI DAL 01/10/2015

I REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA PER EDIFICI PUBBLICI E PRIVATI VALIDI DAL 01/10/2015 I REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA PER EDIFICI PUBBLICI E PRIVATI VALIDI DAL 01/10/2015 Approfondimento sul D.M. 26/06/2015 che definisce le nuove modalità di applicazione della metodologia di calcolo

Dettagli

A T T E S TAT O D I P R E S TA Z I O N E E N E R G E T I C A D E G L I E D I F I C I

A T T E S TAT O D I P R E S TA Z I O N E E N E R G E T I C A D E G L I E D I F I C I PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI IMPIANTI E CONSUMI STIMATI La sezione riporta l indice di prestazione energetica rinnovabile e non rinnovabile, nonché una stima dell energia consumata annualmente dall immobile

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CHIARIMENTI IN MATERIA DI EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Decreto

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ALLEGATO Schema di DPR di attuazione dell articolo 4, comma 1, lettera c), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e successive modifiche e integrazioni, concernente Attuazione della direttiva

Dettagli

DECRETO 26 giugno 2015

DECRETO 26 giugno 2015 DECRETO 26 giugno 2015 Adeguamento del decreto del Ministro dello sviluppo economico, 26 giugno 2009 - Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici. (15A05200)(GU Serie Generale

Dettagli

Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici

Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici ALLEGATO A (articolo 3, comma 1) Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici 11 1. Finalità Le presenti Linee guida definiscono un sistema di certificazione energetica degli edifici

Dettagli

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI DATI GENERALI Destinazione d'uso Oggetto dell'attestato Nuova costruzione Residenziale Intero edificio Passaggio di proprietà Non residenziale Unità immobiliare Locazione Classificazione D.P.R. 412/93:

Dettagli

Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana

Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana Prof.Gianfranco Cellai Università di Firenze Laboratorio di Fisica Ambientale per

Dettagli

arch. Carlo Romeo 2 Workshop Progetto Europeo "Eco-Building Club

arch. Carlo Romeo 2 Workshop Progetto Europeo Eco-Building Club 2 Workshop Progetto Europeo "Eco-Building Club" Collaborazione ITC-CNR / ENEA Sviluppo di un approccio metodologico e di calcolo semplificato per la certificazione energetica degli Edifici Residenziali

Dettagli

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia (come modificata dalla LR 23 novembre 2009, n. 71 e s.m.i.) Capo IV Razionalizzazione della produzione e dei consumi, risparmio

Dettagli

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva. Ultimo aggiornamento: 19 settembre 2014

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva. Ultimo aggiornamento: 19 settembre 2014 Ultimo aggiornamento: 19 settembre 2014 A seguito della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 55 del 7 marzo 2014 del decreto 10 febbraio 2014, riportante in allegato i modelli del Libretto di impianto

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI PANORAMA EUROPEO E NAZIONALE ARCHITETTO BRUNO SALSEDO

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI PANORAMA EUROPEO E NAZIONALE ARCHITETTO BRUNO SALSEDO LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI PANORAMA EUROPEO E NAZIONALE ARCHITETTO BRUNO SALSEDO OBIETTIVI CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Fornire degli indicatori di prestazione energetica che

Dettagli

1.3. La situazione attuale e le prospettive per il 2011 e 2012... 28

1.3. La situazione attuale e le prospettive per il 2011 e 2012... 28 Indice PREMESSA... 11 1. IL QUADRO LEGISLATIVO... 17 1.1. Provvedimenti legislativi... 21 1.2. Il dibattito sul 55% a seguito delle modifiche del decreto anticrisi del gennaio2009... 23 1.3. La situazione

Dettagli

A T T E S T A T O D I P R E S T A Z I O N E E N E R G E T I C A D E G L I E D I F I C I CODICE IDENTIFICATIVO: 001.2016 VALIDO FINO: 02/02/2026

A T T E S T A T O D I P R E S T A Z I O N E E N E R G E T I C A D E G L I E D I F I C I CODICE IDENTIFICATIVO: 001.2016 VALIDO FINO: 02/02/2026 simbolo regione A T T E S T A T O D I P R E S T A Z I O N E DATI GENERALI Destinazione d'uso Oggetto dell'attestato Nuova costruzione Residenziale Intero edificio Passaggio di proprietà Non residenziale

Dettagli

Norme in materia di dimensionamento energetico

Norme in materia di dimensionamento energetico Norme in materia di dimensionamento energetico Evoluzione della normativa europea La situazione italiana Le detrazioni fiscali Certificazione e classificazione energetica degli edifici L Attestato e la

Dettagli

Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto

Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto Associazione Nazionale Costruttori di Impianti Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto Relatore: Vincenzo Corrado www.assistal.it

Dettagli

Certificatori CENED di Edifici, 16 ore

Certificatori CENED di Edifici, 16 ore Corso di aggiornamento-perfezionamento per Certificatori CENED di Edifici, 16 ore Direttore del Corso: Attilio Carotti 1 Andrea Alessi - Quadro normativo di riferimento : ultimi aggiornamenti - Fasi operative

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 4, COMMA 1, LETTERA C), DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI, CONCERNENTE ATTUAZIONE

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA

CERTIFICAZIONE ENERGETICA CERTIFICAZIONE ENERGETICA La certificazione energetica è un processo finalizzato a far conoscere al cittadino le caratteristiche energetiche del sistema edificio-impianto che sta per acquistare o per affittare.

Dettagli

X Climatizzazione invernale Ventilazione meccanica Illuminazione

X Climatizzazione invernale Ventilazione meccanica Illuminazione DATI GENERALI Destinazione d'uso Oggetto dell'attestato Nuova costruzione X Residenziale Intero edificio X Passaggio di proprietà Non residenziale X Unità immobiliare Locazione Gruppo di unità immobiliari

Dettagli

Risparmio energetico in edilizia Decreto Legge numero 63 del 4 Giugno 2013

Risparmio energetico in edilizia Decreto Legge numero 63 del 4 Giugno 2013 1/5 Risparmio energetico in edilizia Decreto Legge numero 63 del 4 Giugno 2013 Il decreto legge D.L. 63/2013 varato dal Governo Letta e pubblicato in Gazzetta Ufficiale numero 130 del 5 Giugno 2013, attua

Dettagli

D.Lgs. n.192/05. Lineamenti essenziali e novità

D.Lgs. n.192/05. Lineamenti essenziali e novità D.Lgs. n.192/05 Lineamenti essenziali e novità Parleremo di Sintesi dei contenuti Adempimenti sanzionati Norme transitorie Non entreremo nel merito degli aspetti inerenti l esercizio e manutenzione degli

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA A PARTIRE DAL 1 OTTOBRE 2015

IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA A PARTIRE DAL 1 OTTOBRE 2015 IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA A PARTIRE DAL 1 OTTOBRE 2015 I principali contenuti del Decreto Requisiti Minimi e la nuova Relazione Tecnica Guglielmina Mutani DENERG - Politecnico di Torino

Dettagli

Il cammino del D.Lgs. 192/05

Il cammino del D.Lgs. 192/05 Convegno Il mercato dell efficienza efficienza energetica: evoluzione, orientamenti ed opportunità legate all incontro fra gli attori Il cammino del D.Lgs. 192/05 Ing. Sandro Picchiolutto Il cammino del

Dettagli

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CODICE IDENTIFICATIVO: Interno 5 VALIDO FINO: 31/01/2026

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CODICE IDENTIFICATIVO: Interno 5 VALIDO FINO: 31/01/2026 DATI GENERALI Destinazione d'uso Oggetto dell'attestato Nuova costruzione Residenziale Intero edificio Passaggio di proprietà Non residenziale Unità immobiliare Locazione Classificazione D.P.R. 412/93:

Dettagli

A T T E S T A T O D I P R E S T A Z I O N E E N E R G E T I C A D E G L I E D I F I C I

A T T E S T A T O D I P R E S T A Z I O N E E N E R G E T I C A D E G L I E D I F I C I DATI GENERALI Destinazione d'uso Residenziale Non residenziale Classificazione D.P.R. 412/93: E.1 (1) Oggetto dell attestato Intero edificio Unità immobiliare Gruppo di unità immobiliari Numero di unità

Dettagli

WORKSHOP LE NOVITÀ DEL SETTORE ENERGIA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED IMPIANTI TERMICI

WORKSHOP LE NOVITÀ DEL SETTORE ENERGIA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED IMPIANTI TERMICI WORKSHOP LE NOVITÀ DEL SETTORE ENERGIA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED IMPIANTI TERMICI EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE E NORMATIVA ENERGETICA PER LA PROGETTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA

Dettagli

DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Il collaudo e la certificazione degli impianti solari termici

DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Il collaudo e la certificazione degli impianti solari termici DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Ing. Enrico Piano Commissione Energia Cagliari, 17 Giugno 2010 Il mercato del solare termico in Italia nel 2009 Nel solo 2009 in Italia sono stati

Dettagli

Recepimento della direttiva EPBD 2 e delle indicazioni europee. La riqualificazione energetica degli edifici come nuova opportunità di sviluppo

Recepimento della direttiva EPBD 2 e delle indicazioni europee. La riqualificazione energetica degli edifici come nuova opportunità di sviluppo ENEA FONDAZIONE per lo Sviluppo SOSTENIBILE Recepimento della direttiva EPBD 2 e delle indicazioni europee La riqualificazione energetica degli edifici come nuova opportunità di sviluppo Roma, 7 dicembre

Dettagli

NOVITA PRINCIPALI PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA

NOVITA PRINCIPALI PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA NOVITA PRINCIPALI PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA Obblighi di dotazione Modalità di redazione e deposito dei certificati Precisazioni sulla durata e validità Allineamento della procedura di calcolo alle

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 26 giugno 2015 Adeguamento del decreto del Ministro dello sviluppo economico, 26 giugno 2009 - Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici.

Dettagli

TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI

TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI In Italia, il 19 agosto 2005 è sstato disposto il Decreto Legislativo n. 192 in attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia,

Dettagli

Recepimento della direttiva EPBD 2 e delle indicazioni europee. La riqualificazione energetica degli edifici come nuova opportunità di sviluppo

Recepimento della direttiva EPBD 2 e delle indicazioni europee. La riqualificazione energetica degli edifici come nuova opportunità di sviluppo ENEA FONDAZIONE per lo Sviluppo SOSTENIBILE Recepimento della direttiva EPBD 2 e delle indicazioni europee La riqualificazione energetica degli edifici come nuova opportunità di sviluppo Roma, 7 dicembre

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA - LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 OTTOBRE 2015

CERTIFICAZIONE ENERGETICA - LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 OTTOBRE 2015 CERTIFICAZIONE ENERGETICA - LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 OTTOBRE 2015 Approvato dall Area Scientifica Studi Pubblicistici il 18 settembre 2015 Sommario: 1. DECRETO 26 giugno 2015; 1.1. Entrata in vigore;

Dettagli

l.r.39/2005) - Vigilanza e verifiche sugli attestati di certificazione Capo II Sistema informativo regionale sull efficienza energetica

l.r.39/2005) - Vigilanza e verifiche sugli attestati di certificazione Capo II Sistema informativo regionale sull efficienza energetica 3.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 12 Assegnata alla 1^ Commissione consiliare Messaggio della Commissione in data 3 febbraio 2010 Approvata in data 9 febbraio 2010 Divenuta legge

Dettagli

STUDIO NOTARILE ASSOCIATO

STUDIO NOTARILE ASSOCIATO STUDIO NOTARILE ASSOCIATO Dr. Giovanni Rizzi Notaio Dr. Diego Trentin Notaio 36100 Vicenza Piazza Matteotti 31 telefono 0444 546324 e 547069 fax 0444 322533 email: info@notairizzitrentin.it L ATTESTATO

Dettagli

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Area geografica Ubicazione intervento Regione Campania Provincia di Salerno Comune di SALERNO Via Roma, 12 Proprietà Rossi Mario Progettista Ing. Nervi Costruttore EDILCOM

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI Elaborato redatto ai sensi dell art. 123, comma 1, lettera d) del Regolamento Edilizio

Dettagli

Gestione delle centrali termiche condominiali: il quadro vigente in Emilia Romagna

Gestione delle centrali termiche condominiali: il quadro vigente in Emilia Romagna Bologna, 19 novembre 2014 Gestione delle centrali termiche condominiali: il quadro vigente in Emilia Romagna Risparmio energetico? Benvenuto nel Club! DPR 74/2013 (1) Regolamento recante definizione dei

Dettagli

ALLEGATO 8 METODOLOGIE PER LA DETERMINAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

ALLEGATO 8 METODOLOGIE PER LA DETERMINAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI ALLEGATO 8 METODOLOGIE PER LA DETERMINAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Sulla base delle diverse finalità e tenuto conto delle esperienze acquisite di diagnosi, certificazione, progettazione

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE)

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) La certificazione energetica Domanda di energia nel 2000 nei Paesi UE

Dettagli

PRIME INDICAZIONI SULL UTILIZZO DELL APPLICATIVO SACE

PRIME INDICAZIONI SULL UTILIZZO DELL APPLICATIVO SACE PRIME INDICAZIONI SULL UTILIZZO DELL APPLICATIVO SACE La nuova release dell applicativo SACE presenta diverse novità. Nei primi giorni di utilizzo, sono stati rilevati numerosi errori di compilazione,

Dettagli

D.1 Direttiva Europea 2002/91/CE. Fonti Rinnovabili di Energia Prof. Claudia Bettiol A.A. 2003-04

D.1 Direttiva Europea 2002/91/CE. Fonti Rinnovabili di Energia Prof. Claudia Bettiol A.A. 2003-04 1 2 Obbiettivi: 1. Tutela dell ambiente DIRETTIVA 2002/91/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 dicembre 2002 sul rendimento energetico nell'edilizia 2. Emissioni di biossido di carbonio 3.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 140

LEGGE REGIONALE N. 140 VII LEGISLATURA ATTI: 011117 LEGGE REGIONALE N. 140 NORME PER IL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI E PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI INQUINANTI E CLIMALTERANTI Approvata nella seduta del 15 dicembre

Dettagli

Normative, obblighi e procedure per la certificazione energetica

Normative, obblighi e procedure per la certificazione energetica Normative, obblighi e procedure per la certificazione energetica La certificazione energetica, oggi, è tra i documenti più importanti e tra quelli obbligatori nel mercato immobiliare. Cosa bisogna sapere?

Dettagli

LA QUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI NELL AMBITO DELLA LEGISLAIZONE VIGENTE

LA QUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI NELL AMBITO DELLA LEGISLAIZONE VIGENTE LA QUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI NELL AMBITO DELLA LEGISLAIZONE VIGENTE Commissione impianti dell Ordine degli Ingegneri di Padova 1 ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE E DIR. 2002/91/CE 1. È UN DOCUMENTO

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA nuove disposizioni legislative nazionali. Milano, 09 ottobre 2015

RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA nuove disposizioni legislative nazionali. Milano, 09 ottobre 2015 RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA nuove disposizioni legislative nazionali Milano, 09 ottobre 2015 Gazzetta Ufficiale n. 162 del 15/07/201 le nuove disposizioni legislative nazionali primo decreto contiene

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. La Certificazione Energetica in Lombardia. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. La Certificazione Energetica in Lombardia. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti La Certificazione Energetica in Lombardia Novembre 2011 Cos è l ACE L Attestato di Certificazione Energetica (ACE) è un documento che attesta la prestazione

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7.

INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7. INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7.2015 1. Obbligo di dotazione e allegazione dell Attestato di Prestazione

Dettagli

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti DISPOSIZIONI REGIONE LOMBARDIA 2 2. DEFINIZIONI 1/3 DISPOSIZIONI

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Durata 80 ore + 2 ore di ulteriore esercitazione (project work) Conforme al D.P.R. 16 aprile 2013 n. 75 MODULO I 6 ore LA

Dettagli

D.P.R. n. 74/2013. Impianti termici: Esercizio e manutenzione; Controlli di efficienza energetica; Accertamenti ed ispezioni

D.P.R. n. 74/2013. Impianti termici: Esercizio e manutenzione; Controlli di efficienza energetica; Accertamenti ed ispezioni D.P.R. n. 74/2013 Impianti termici: Esercizio e manutenzione; Controlli di efficienza energetica; Accertamenti ed ispezioni Domenico Prisinzano ENEA CCEI Sicilia Milano, 03 giugno 2014 Ing. Domenico Prisinzano

Dettagli

UTEE. Panoramica sul quadro normativo e per l Efficienza Energetica degli edifici CONVEGNO REGGIO EMILIA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA

UTEE. Panoramica sul quadro normativo e per l Efficienza Energetica degli edifici CONVEGNO REGGIO EMILIA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA CONVEGNO REGGIO EMILIA UTEE UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA Panoramica sul quadro normativo e per l Efficienza Energetica degli edifici Arch. Gaetano Fasano Reggio Emilia 2 dicembre 2011 Perchè un

Dettagli

PROCEDURA EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI INDICE 1. SCOPO, CAMPO DI APPLICAZIONE E RIFERIMENTI 2.

PROCEDURA EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI INDICE 1. SCOPO, CAMPO DI APPLICAZIONE E RIFERIMENTI 2. Codice PGM Pag.1/6 /06/015 INDICE 1. SCOPO, CAMPO DI APPLICAZIONE E RIFERIMENTI. DEFINIZIONI 3. RESPONSABILITA 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA 4.1. Metodologie di calcolo offerte 4.. Scelta della metodologia

Dettagli

RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: I nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti

RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: I nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: I nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti Per. ind. Fabio Bonalumi -consigliere Collegio Periti Industriali delle province di Milano

Dettagli

AMMINISTRARE Immobili

AMMINISTRARE Immobili periodico mensile - euro 4,00 anno XX - numero 196 - luglio/agosto 2015 AMMINISTRARE Immobili Rivista ufficiale dell Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari R ANACI in Europa p.32

Dettagli

Finalità della certificazione energetica degli edifici

Finalità della certificazione energetica degli edifici Finalità della certificazione energetica degli edifici Ing. Vittorio Ronco 25 settembre 2013 Workshop B E.R.R.E. Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico COS E? E una procedura volta a calcolare la prestazione

Dettagli

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CODICE IDENTIFICATIVO: 15T033A001A VALIDO FINO: 19/11/2025

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CODICE IDENTIFICATIVO: 15T033A001A VALIDO FINO: 19/11/2025 DATI GENERALI Destinazione d'uso Oggetto dell'attestato Nuova costruzione Residenziale Intero edificio Passaggio di proprietà Non residenziale Unità immobiliare Locazione Classificazione D.P.R. 412/93:

Dettagli

Disposizioni regionali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione ed ispezione degli impianti termici. Art.

Disposizioni regionali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione ed ispezione degli impianti termici. Art. Consiglio Regionale Disposizioni regionali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione ed ispezione degli impianti termici Art. 1 (Oggetto) 1. Nel rispetto del Titolo V della Costituzione

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SPECIALE AFFITTI

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SPECIALE AFFITTI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SPECIALE AFFITTI VADEMECUM D.Lgs 19 Agosto 2005 n. 192 e s.m.i. Realizzato in collaborazione con ECOMAG Le novità relative alla Certificazione Energetica degli

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 17 settembre 2009 n.126 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto il Decreto Delegato 25 giugno 2009 n.85 Classi di prestazione energetica

Dettagli

ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE; L ENERGIA E L AMBIENTE ENEA. Opera nei settori dell energia, dell ambiente e delle nuove tecnologie;

ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE; L ENERGIA E L AMBIENTE ENEA. Opera nei settori dell energia, dell ambiente e delle nuove tecnologie; Ente pubblico di ricerca ENEA Opera nei settori dell energia, dell ambiente e delle nuove tecnologie; E a supporto delle politiche di competitività e dello sviluppo sostenibile in campo energetico-ambientale

Dettagli

Relazione DGR VIII-8745. ing. L. Castagnola 14/10/2010 pag. 1 di10 DGR 8745-22/12/2008

Relazione DGR VIII-8745. ing. L. Castagnola 14/10/2010 pag. 1 di10 DGR 8745-22/12/2008 ing. L. Castagnola 14/10/2010 pag. 1 di10 DGR 8745-22/12/2008 Determinazioni in merito alle disposizioni per l'efficienza energetica in edilizia e per la certificazione energetica degli edifici in vigore

Dettagli

La revisione della procedura di calcolo e del software CENED+

La revisione della procedura di calcolo e del software CENED+ INNOVAZIONE E RICERCA CIRCOLARE N. 174 31.07.2015 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: Recepimento della nuova normativa nazionale in merito all efficienza energetica degli edifici e relativo Attestato

Dettagli

Ministero dello sviluppo economico

Ministero dello sviluppo economico POWER HOUSE EUROPE Evoluzione degli incentivi finanziari all efficienza energetica nel nuovo quadro normativo italiano Roma, 21 febbraio 2011 Roberto MONETA DE Segreteria tecnica 1 Strategia per l efficienza

Dettagli

IMPIANTI TERMICI. Ing. Salvatore Cataudella Siracusa, 24/03/2015

IMPIANTI TERMICI. Ing. Salvatore Cataudella Siracusa, 24/03/2015 IMPIANTI TERMICI 1 Ing. Salvatore Cataudella Siracusa, 24/03/2015 2 Esercizio dell impianto termico ai sensi del D.Lgs 192/2005 L esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici

Dettagli