Formulario e Piano Finanziario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Formulario e Piano Finanziario"

Transcript

1

2 Il formulario si compone di 6 Sezioni: Sezione 1 ANAGRAFICA Sezione 2 DATI PIANO Sezione 3 DESCRIZIONE DEL PIANO FORMATIVO Sezione 4 DATI PROGETTO FORMATIVO Sezione 5 - PIANO FINANZIARIO Sezione 6 RIEPILOGO GENERALE

3 Sezione 1 ANAGRAFICA La sezione 1 consente di raccogliere i dati inerenti: il Soggetto Presentatore (par. 1.1.) il Soggetto Attuatore (par. 1.2.) il Comitato Paritetico di Pilotaggio (par. 1.3.) il Responsabile del Piano (par. 1.4.) l Impresa Beneficiaria (par. 1.5.)

4 1.1 Soggetto Presentatore

5 1.1 Soggetto Presentatore È possibile scegliere UNA opzione tra quelle previste.

6 1.2 Soggetto Attuatore possibile scegliere 1 opzione tra quelle previste.

7 NOTA BENE 1.2 Soggetto Attuatore 1) Per quanto riguarda i campi Tipologia del Soggetto Attuatore e Natura del Soggetto Attuatore, può essere selezionata una sola opzione tra quelle presenti in ogni singolo campo. 2) Nel caso in cui fossero previsti più Attuatori è necessario ripetere la tabella di cui al punto 1.2. del Formulario per ciascun Soggetto.

8 1.3 Presenza del Comitato Paritetico di Pilotaggio Il Piano Formativo può prevedere la presenza o meno di un Comitato Paritetico di Pilotaggio, ovvero di un organismo con funzioni di validazione della progettazione nonché di indirizzo attuativo e di supervisione della rispondenza dell attuazione del Piano formativo con le Linee guida e gli obiettivi previsti nell Accordo con le parti sociali. Il Comitato Paritetico di Pilotaggio è formato da esponenti nominati pariteticamente dalle parti datoriali e sindacali firmatarie dell'accordo Sindacale connesso al Piano formativo.

9 1.4 Dati Responsabile del Piano II Responsabile del Piano può appartenere a strutture diverse dal Soggetto Presentatore.

10 1.5 Dati Impresa Beneficiaria Formato MM/AAAA L adesione a Fonservizi entro la data di presentazione di un Piano Formativo in risposta all Avviso in oggetto è elemento essenziale per la partecipazione. In fase di presentazione è necessario allegare copia dell UNIEMENS (o del DM 10/02) di ciascuna impresa beneficiaria con indicazione del codice FPSI di adesione a Fonservizi.

11 1.5 Dati Impresa Beneficiaria Numerosità dei lavoratori appartenenti a ciascuna tipologia Monte ore di formazione per ciascuna tipologia calcolato sommando il monte ore formazione sempre per ciascuna tipologia di tutti i Corsi del Piano a cui partecipano i lavoratori dell Impresa (per ciascun corso il monte ore formazione è pari al numero degli allievi x n. ore del corso)

12 1.5.2 Regime di aiuti di Stato prescelto Regolamento CE n. 1998/2006 del 15 dicembre 2006 ( de minimis ) - Ultimo triennio ( ) - Procedura/bando per cui è stato ottenuto/richiesto il contributo - Importo complessivo - Contributi De Minimis ottenuti/richiesti Regolamento CE n. 800/2008 del 6 agosto 2008 ( aiuti alla formazione ). - Tipologia di formazione - Tipo di impresa - Esistenza di lavoratori appartenenti a categorie svantaggiate

13 1.5.2.b Regime di aiuti di Stato prescelto Aiuti alla formazione Formazione Generale : Tipologia di formazione comporta insegnamenti non applicabili esclusivamente o prevalentemente alla posizione, attuale o futura, occupata dal dipendente presso l'impresa beneficiaria. fornisce conoscenze professionali ampiamente trasferibili ad altre imprese o settori di occupazione e che pertanto migliorano in modo significativo la possibilità di collocamento del dipendente. Formazione Specifica : comporta insegnamenti direttamente e prevalentemente applicabili alla posizione, attuale o futura, occupata dal dipendente presso l'impresa beneficiaria. fornisce professionalità che non sono trasferibili ad altre imprese o settori di occupazione o che lo siano solo limitatamente.

14 1.5.1.b Regime di aiuti di Stato prescelto Aiuti alla formazione Tipologia di impresa Può essere selezionata una sola delle tre opzioni previste

15 1.5.1.b Regime di aiuti di Stato prescelto Aiuti alla formazione Lavoratori in formazione appartenenti a categorie svantaggiate SI NO Giovane di meno di 25 anni che, durante i primi sei mesi dall'assunzione, non abbia ottenuto il primo impiego retribuito regolarmente Persona affetta da un grave handicap fisico, mentale o psichico Lavoratore migrante che si sposta/si è spostato all'interno della Comunità o diviene residente nella Comunità per assumervi un lavoro e necessita di una formazione professionale e/o linguistica Durante i primi sei mesi dall'assunzione, qualsiasi persona che desideri riprendere un'attività lavorativa dopo un'interruzione di almeno tre anni Persona di più di 45 anni priva di un titolo di studio di livello secondario superiore o equivalente Durante i primi sei mesi dall'assunzione, qualsiasi disoccupato di lungo periodo, ossia una persona senza lavoro da oltre 12 mesi consecutivi

16 1.5.1.b Regime di aiuti di Stato prescelto Aiuti alla formazione Calcolo della quota di cofinanziamento Formazione Specifica 75% del Piano NOTA BENE: Per Aiuti concessi alle MEDIE imprese 65% del Piano Per Aiuti concessi alle MEDIE imprese con lavoratori svantaggiati 55% del Piano NOTA BENE: Per Aiuti concessi alle PICCOLE imprese 55% del Piano Per Aiuti concessi alle PICCOLE imprese con lavoratori svantaggiati 45% del Piano

17 1.5.1.b Regime di aiuti di Stato prescelto Aiuti alla formazione Calcolo della quota di cofinanziamento Formazione Generale 40% del Piano NOTA BENE: Per Aiuti concessi alle MEDIE imprese 30% del Piano Per Aiuti concessi alle MEDIE imprese con lavoratori svantaggiati 20% del Piano NOTA BENE: Per Aiuti concessi alle PICCOLE imprese 20% del Piano Per Aiuti concessi alle PICCOLE imprese con lavoratori svantaggiati 10% del Piano

18 NOTA BENE 1.5 Impresa Beneficiaria Nel caso in cui fossero previste più Imprese Beneficiarie è necessario ripetere la tabella di cui al punto 1.5. del Formulario per ciascun Soggetto.

19 Sezione 2 DATI PIANO La sezione 2 consente di raccogliere i dati inerenti: Titolo del Piano formativo (par. 2.1.) Tipologia del Piano formativo (par. 2.2.) Comparto di riferimento (par. 2.3.) CCNL applicato (par. 2.4.) Settore economico interessato (par. 2.5.) Territorio/i interessato/i (par. 2.6.) Organizzazioni che hanno sottoscritto l Accordo (par. 2.7.)

20 Par. 2.2 Tipologia del Piano Selezionata una sola delle tre opzioni previste: Piano Aziendale Risponde ai fabbisogni formativi di una singola Impresa, di Gruppi di Impresa e/o di più Imprese costituite in Associazione Temporanea d Impresa/di Scopo (ATI/ATS). Piano Settoriale Programma organico di corsi e attività ad essi propedeutiche che coinvolge più Imprese che, pur non facenti parte dello stesso Gruppo societario, operano nello stesso settore di attività in termini di omogeneità di comparto e/o di filiera produttiva. Piano Territoriale Programma organico di corsi e attività ad essi propedeutiche che coinvolge più Imprese che, pur non facenti parte dello stesso Gruppo societario e appartenendo a settori produttivi diversi, insistono su un medesimo ambito territoriale (sub-regionale, regionale, multi regionale).

21 Par. 2.3 e Par. 2.4 Comparto e CCNL 2.3 Comparto di riferimento: Trasporti Pubblici Locali Acqua, Luce, Gas Igiene Urbana Altri Settori NOTA BENE: Per la determinazione del Comparto è necessario fare riferimento al CCNL applicato dalla maggioranza dei dipendenti. 2.4 CCNL applicato NOTA BENE: Per i Piani aziendali NOTA BENE: Per i Piani Settoriali/Territoriali CCNL applicato in Azienda CCNL prevalente, ovvero quello a cui fanno riferimento il maggior numero di imprese beneficiarie coinvolte.

22 Par. 2.5 Settore economico interessato Selezionare una sola delle opzioni previste (CODICE ATECO): A - Agricoltura, caccia e silvicoltura B Pesca, piscicoltura e servizi connessi C Estrazione di metalli D Attività manifatturiere E Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua F Costruzioni G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli e di beni personali e per la casa H Alberghi e ristoranti I Trasporti, magazzinaggio e comunicazioni J Attività finanziarie K Attività immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese L Amministrazione pubblica M Istruzione N Sanità e assistenza sociale O Altri servizi pubblici, sociali e personali P Attività svolte da famiglie e convivenze Q Organizzazioni ed organismi extraterritoriali Qualora il Piano si connoti per la presenza di più settori dovrà essere riportato il settore di appartenenza della maggior parte delle imprese coinvolte nel Piano.

23 Par. 2.7 Organizzazioni per sottoscrizione l Accordo Gli accordi tra le parti sociali (datoriale e sindacale) possono avvenire a diversi livelli in relazione ad aspetti inerenti la tipologia di Piano e il numero di territori interessati.

24 Sezione 3 DESCRIZIONE DEL PIANO FORMATIVO La sezione 3 consente di raccogliere i dati inerenti: Obiettivi generali, finalità, motivazioni in coerenza con il contesto aziendale e i fabbisogni rilevati (par. 3.1) Finalità del Piano (par. 3.2) Descrizione dell impianto didattico complessivo (par. 3.3) Risultati attesi (par. 3.4) Metodologie formative e strumenti (par. 3.5) Eventuali azioni propedeutiche e/o di supporto alle attività formative (par. 3.6) Descrizione sistema di monitoraggio e valutazione (par. 3.7) Descrizione sistema e strumenti di comunicazione (par. 3.8) Numero di imprese coinvolte nel Piano (par. 3.9) Numero complessivo di lavoratori coinvolti nel Piano (par. 3.10) Tipologia di lavoratori coinvolti nel Piano (par ) Durata del Piano in mesi (par. 3.11) Data inizio attività del Piano (par. 3.12) Data fine attività del Piano (par. 3.13) Monte ore formazione (par. 3.14) Percentuale formazione obbligatoria, in modalità FAD e tematiche prioritarie (par. 3.15,.16 e.17) Eventuale documentazione di supporto allegata ai fini della valutazione della domanda (par. 3.16)

25 Par Finalità del Piano

26 Par Descrizione dell impianto didattico complessivo Si intende la descrizione della macro progettazione del Piano Formativo: denominazione Progetti (Corsi), ore corsi, timing, motivazioni specifiche, tipologia docenti, ecc. I dati di tipo quantitativo possono essere riassunti nella tabella che segue:

27 Par Descrizione sistema di monitoraggio e valutazione Monitoraggio: attività poste in essere dalle imprese durante lo svolgimento delle attività del Piano al fine di controllare il corretto andamento delle attività realizzate rispetto a quelle preventivate, il gradimento della didattica, la risposta quantitativa dei lavoratori in termini di presenza alle attività formative, il rispetto del Gantt previsto, il rilevamento di criticità che ostacolano la realizzazione delle attività formative e/o la reale efficacia delle stesse in termini di acquisizione delle competenze Valutazione: attività ex post volte a misurare l efficacia delle attività formative, la rispondenza fra aspettative rilevate attraverso le azioni propedeutiche e di supporto al piano e gradimento in itinere ed ex post, la valutazione dell'apprendimento finale ed in itinere, la valutazione della trasferibilità dell'apprendimento nell'ambiente lavorativo.

28 Par Numero e tipologia complessivi lavoratori coinvolti nel Piano Par : in questo campo è richiesto il numero dei lavoratori e non degli allievi. NOTA BENE: Se un lavoratore è coinvolto in più corsi deve essere necessariamente contato una volta soltanto Par : Nella tabella andrà ripartito il numero dei lavoratori inserito nel precedente paragrafo Monte ore di formazione per ciascuna tipologia calcolato sommando il monte ore formazione sempre per ciascuna tipologia di tutti i Corsi del Piano a cui partecipano i lavoratori dell Impresa (per ciascun corso il monte ore formazione è pari al numero degli allievi x n. ore del corso) indipendentemente dal numero di edizioni dei Corsi

29 Par Durata Piano La durata massima del Piano prevista è di 12 mesi

30 Par Monte ore di formazione Il monte ore complessivo di formazione del Piano sarà calcolato sommando il monte ore formazione di tutti i Corsi del Piano (per ciascun Corso il monte ore formazione è pari al numero degli allievi x n. ore del corso), indipendentemente dal numero di edizione dei Corsi. Il dato si ottiene quindi sommando, per tutti i Corsi, il prodotto ottenuto moltiplicando la durata in ore (par. 4.6.) per il numero dei partecipanti (par. 4.8.).

31 Par Percentuale formazione obbligatoria Le ore di formazione obbligatoria non possono superare il 40 % del totale delle ore di formazione previste nel Piano. Il numero delle ore e la percentuale raggiunta devono essere inserite nell Accordo Sindacale di condivisione del Piano.

32 Par Percentuale formazione in modalità FAD Le ore erogate in FAD Formazione a distanza non possono superare il 30 % del totale delle ore di formazione previste nel Piano. Il numero delle ore e la percentuale raggiunta devono essere inserite nell Accordo Sindacale di condivisione del Piano. Le attività di Formazione a Distanza - FAD dovranno essere dimostrate tramite stampe di report automatici prodotti dai sistemi informatici e di comunicazione; non sono ammesse attività di FAD prive di sistema di registrazione delle attività.

33 Sezione 4 DATI PROGETTO FORMATIVO La sezione 4 consente di raccogliere i dati inerenti: Titolo del Corso (par. 4.1) Province interessate (par. 4.2) Tipologia del Corso (par. 4.3) Tematica formativa (par. 4.4.) Tematica formativa prioritaria (par. 4.5.) Durata in ore (par. 4.6) Numero di edizioni (par. 4.7) Numero destinatari totali(par. 4.8) Modalità formativa (par. 4.10) Collocazione temporale della formazione (par. 4.11) Certificazione esiti (par. 4.12) Descrizione del Corso e articolazione in moduli ed edizioni (par. 4.13) Coerenza ed interazione con il Piano (par. 4.14) Coerenza ed interazione con le tematiche formative prioritarie (4.15) Data di avvio prevista del Corso (par. 4.16) Data di fine prevista del Corso (par. 4.17) Impresa/e coinvolta/e nel Corso (par. 4.18) Sede/i di svolgimento dell attività formativa (par. 4.19) Parametro di finanziamento orario utilizzato (par. 4.20) Altre eventuali indicazioni (par. 4.21)

34 Par Tipologia del Corso Di natura propedeutica, tese ad ancorare i fabbisogni formativi al Corso in questione Di sostegno alla finalità generale del Piano Di supporto a particolari utenze, come nel caso di servizi di accompagnamento per lavoratori disabili. NOTA BENE: la tipologia di Corso indicata deve essere coerente con le altre informazioni inserite nel Piano, come ad esempio la presenza di attività propedeutiche e di supporto di cui al punto 3.6.

35 Par Modalità formativa

36 Par. 4.4 Tematica formativa

37 Par. 4.5 Tematica formativa prioritaria

38 Par Modalità formativa

39 Par Certificazione degli esiti

40 Par Coerenza e interazione con il Piano NOTA BENE: il paragrafo dovrà evidenziare la coerenza tra la natura del Corso progettato (tematiche, modalità e tempistiche di realizzazione, finalità e obiettivi specifici) e l impianto didattico del Piano descritti nei precedenti punti 3.1. Obiettivi generali, finalità, motivazioni in coerenza con il contesto aziendale e i fabbisogni rilevati e 3.3. Descrizione dell impianto didattico complessivo del Piano.

41 Par Impresa/e coinvolta/e nel Corso NOTA BENE: il paragrafo dovrà evidenziare l associazione tra le imprese indicate e il numero dei propri lavoratori coinvolti nel Corso. Di conseguenza, andrà inserita la ragione sociale dell Impresa e l indicazione del numero degli allievi coinvolti. Il totale dei lavoratori coinvolti dovrà coincidere con quello inserito al punto 4.8.

42 Sezione 5 PIANO FINANZIARIO La sezione 5 contiene: il prospetto finanziario suddiviso per voci di spesa, contributo Fonservizi e Contributo Privato Obbligatorio (calcolato sulla base del regime di aiuti prescelto, come indicato nel campo 1.5.1) e Contributo Privato Aggiuntivo.

43 PROSPETTO FINANZIARIO Il finanziamento richiesto dovrà essere calcolato tenendo conto : 1) Della classe dimensionale 2) Del Parametro di finanziamento per 1 ora di formazione per lavoratore in riferimento a: - sessione formativa in presenza (aula tradizionale/fad sincrona/outdoor) - FAD asincrona - percorsi individuali Il contributo a cofinanziamento calcolato in base al Regime di aiuti di Stato prescelto, come indicato nel campo Il contributo aggiuntivo a quello obbligatorio messo a disposizione dalle aziende

44 PROSPETTO FINANZIARIO

45 Sezione 6 RIEPILOGO GENERALE

46 Allegati Dichiarazione di autenticità delle informazioni contenute nel formulario di presentazione, fornita ai sensi degli art. 38, 47 e 76 del D.P.R. n. 445 del 28 dicembre Informativa sulla Privacy con relativa autorizzazione al trattamento dei dati.

Allegato 2 Facsimile formulario aggiornato

Allegato 2 Facsimile formulario aggiornato Allegato 2 Facsimile formulario aggiornato Il presente documento riporta le informazioni che saranno richieste nel formulario on line. Sezione 1 - Dati sintetici del Piano Formativo 1.1 TITOLO DEL PIANO

Dettagli

Che cosa è l Avviso? Quali imprese possono essere partecipare all Avviso?

Che cosa è l Avviso? Quali imprese possono essere partecipare all Avviso? Faq Che cosa è l Avviso? Risposta L'Avviso è lo strumento attraverso il quale Fonservizi mette a disposizione delle imprese aderenti al Fondo contributi per realizzare Piani formativi (Aziendali, Settoriali

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. INTERVENTI DI FORMAZIONE CONTINUA EX L. 236/93, ART. 9, COMMA 3 Azioni di formazione aziendale PROPOSTA DI PIANO

REGIONE CAMPANIA. INTERVENTI DI FORMAZIONE CONTINUA EX L. 236/93, ART. 9, COMMA 3 Azioni di formazione aziendale PROPOSTA DI PIANO ALLEGATO C A CURA DELL AMMINISTRAZIONE Data e numero di Protocollo: Numero progressivo di arrivo: 1. Dati identificativi Proposta REGIONE CAMPANIA INTERVENTI DI FORMAZIONE CONTINUA EX L. 236/93, ART. 9,

Dettagli

AVVISO 01/2015 Guida alla presentazione dei Piani Formativi

AVVISO 01/2015 Guida alla presentazione dei Piani Formativi AVVISO 01/2015 Guida alla presentazione dei Piani Formativi Versione 20 luglio 2015 Premessa La "Guida alla presentazione dei Piani Formativi" ha l obiettivo di fornire supporto ai Soggetti Presentatori

Dettagli

Sono oggetto di finanziamento, secondo le modalità e le procedure descritte nel presente Avviso, le seguenti tipologie di Piano Formativo:

Sono oggetto di finanziamento, secondo le modalità e le procedure descritte nel presente Avviso, le seguenti tipologie di Piano Formativo: AVVISO 01/2014 Indice 1. Premessa... 3 2. Attività finanziabili... 3 3. Risorse e Finanziamenti... 4 4. Destinatari... 5 5. Presentatori e Attuatori... 5 6. Durata delle attività... 6 7. Accordo sindacale...

Dettagli

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda GESTIONE Regione Lombardia costituisce l unico ed esclusivo punto di riferimento nei confronti del Soggetto gestore. Sarà cura di

Dettagli

1. Premessa. 2. Attività finanziabili

1. Premessa. 2. Attività finanziabili AVVISO 01/2015 Indice 1. Premessa... 3 2. Attività finanziabili... 3 3. Risorse... 5 4. Finanziamenti... 5 5. Destinatari... 8 6. Presentatori... 8 7. Attuatori... 9 8. Durata delle attività... 9 9. Accordo

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi concordati

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi concordati AVVISO N.11 del 6 MAGGIO 2009 PIANI PER INTERVENTI FORMATIVI DI SOSTEGNO A IMPRESE E LAVORATORI COLPITI DALLA CRISI ECONOMICA Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi concordati

Dettagli

FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO SMART

FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO SMART N.B. In celeste le note e le indicazioni del Fondo come supporto alla compilazione FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO SMART Proposta Piano Formativo Avviso n. 29 del 17/03/2015 Piano Formativo: Legenda colori

Dettagli

Regolamento per l accesso e la gestione

Regolamento per l accesso e la gestione FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE Regolamento per l accesso e la gestione al nuovo canale di finanziamento sperimentale

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2008

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2008 LINEE GUIDA DEL 1 MARZO 2010 Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2008 DENOMINAZIONE DEL PIANO: EVENTUALE ACRONIMO:

Dettagli

Report di sintesi piani formativi finanziati da Fonservizi a valere sul CFA

Report di sintesi piani formativi finanziati da Fonservizi a valere sul CFA Report di sintesi piani formativi finanziati da Fonservizi a valere sul CFA Aprile 2013 2 Premessa Il seguente report ha l obiettivo di fornire un quadro di sintesi rispetto alle caratteristiche e alle

Dettagli

FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO COMPLESSO

FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO COMPLESSO N.B. In celeste le note e le indicazioni del Fondo come supporto alla compilazione FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO COMPLESSO Proposta Piano Formativo Avviso n. 32 del 13/10/2015 Piano Formativo: Legenda colori

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2009

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2009 LINEE GUIDA DEL 18 GENNAIO 2011 Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2009 DENOMINAZIONE DEL PIANO: EVENTUALE ACRONIMO:

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Lavoro e Formazione Dipartimento Programmazione Economica e Sociale Direzione Regionale Formazione e Lavoro area DB/05/03

REGIONE LAZIO. Assessorato Lavoro e Formazione Dipartimento Programmazione Economica e Sociale Direzione Regionale Formazione e Lavoro area DB/05/03 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL FORMULARIO REGIONE LAZIO Assessorato Lavoro e Formazione Dipartimento Programmazione Economica e Sociale Direzione Regionale Formazione e Lavoro area DB/05/03 L.R. 24/96 L.R.

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE DEI DIRIGENTI DEL SETTORE DEL TERZIARIO AVVISO 1/05 DEL 15 APRILE 2005 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE DI PIANI DI FORMAZIONE CONTINUA PER I

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE AVVISO 01/06

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE AVVISO 01/06 FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE AVVISO 01/06 1. PREMESSA Fondoprofessioni, Fondo Paritetico Interprofessionale

Dettagli

Formulario Allegato all Operazione

Formulario Allegato all Operazione Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 26/03/2009 azione 1 Per i soggetti interessati si è provveduto a realizzare la presente guida per una corretta compilazione dei singoli campi

Dettagli

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale Linee guida per il Conto Formazione Aziendale Agosto 2012 Indice 1. Il Conto Formazione Aziendale 3 2. Modalità e termini di presentazione dei Piani 5 3. Procedure di verifica dell ammissibilità dei Piani

Dettagli

Vademecum tecnico per la presentazione dei Progetti

Vademecum tecnico per la presentazione dei Progetti Vademecum tecnico per la presentazione dei Progetti Si tratta di una breve guida contenente indicazioni operative per la presentazione e la progettazione di Progetti formativi a valere sullo Sportello

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE DEI DIRIGENTI DEL SETTORE DEL TERZIARIO AVVISO 2/10 DEL 1 FEBBRAIO 2010 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE DI PIANI DI FORMAZIONE CONTINUA PER

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

AVVISO 01/2014. Guida alla presentazione dei Piani Formativi

AVVISO 01/2014. Guida alla presentazione dei Piani Formativi AVVISO 01/2014 Guida alla presentazione dei Piani Formativi 1 Premessa La "Guida alla presentazione dei Piani", parte integrante dell Avviso 01/2014 pubblicato dal Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

complessivamente pari ad Euro 400.000,00.

complessivamente pari ad Euro 400.000,00. Faq Che cosa è un Avviso? Risposta L'Avviso è lo strumento attraverso il quale Fonservizi mette a disposizione delle imprese aderenti al Fondo contributi per realizzare Piani formativi (Aziendali e/o Individuali)

Dettagli

Procedure per la presentazione del Rendiconto

Procedure per la presentazione del Rendiconto Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle Imprese Cooperative Procedure per la presentazione del Rendiconto - Gennaio 2013 - FON.COOP 0 Documenti per la presentazione

Dettagli

Dispositivo Forma.Temp di adeguamento all Accordo Stato Regioni per la formazione sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Dispositivo Forma.Temp di adeguamento all Accordo Stato Regioni per la formazione sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Dispositivo Forma.Temp di adeguamento all Accordo Stato Regioni per la formazione sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Sommario Premessa... 3 1. Adeguamento agli standard previsti dalla normativa

Dettagli

Avviso n. 1/2014 Sicurezza e Ambiente FORMAZIONE SU SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO E SULLE TEMATICHE AMBIENTALI

Avviso n. 1/2014 Sicurezza e Ambiente FORMAZIONE SU SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO E SULLE TEMATICHE AMBIENTALI Avviso n. 1/2014 Sicurezza e Ambiente FORMAZIONE SU SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO E SULLE TEMATICHE AMBIENTALI 1 1 Finalità Il Fondo paritetico interprofessionale Fondimpresa è un associazione

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi STANDARD RISORSE FON.COOP

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi STANDARD RISORSE FON.COOP AVVISO N. 19 del 12/12/2012 PIANI FORMATIVI AZIENDALI CONCORDATI Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi STANDARD RISORSE FON.COOP DENOMINAZIONE DEL PIANO: EVENTUALE ACRONIMO:

Dettagli

Avviso n. 5/2015 Competitività

Avviso n. 5/2015 Competitività Avviso n. 5/2015 Competitività Fondimpresa: Avviso n. 5/2015 Competitività 1 1 Finalità Il Fondo paritetico interprofessionale Fondimpresa è un associazione costituita da Confindustria CGIL, CISL, UIL

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi STANDARD RISORSE REGIONE LOMBARDIA

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi STANDARD RISORSE REGIONE LOMBARDIA AVVISO N. 19 del 12/12/2012 PIANI FORMATIVI AZIENDALI CONCORDATI Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi STANDARD RISORSE REGIONE LOMBARDIA DENOMINAZIONE DEL PIANO: EVENTUALE

Dettagli

Avviso 1/2015 Piani aziendali, settoriali e territoriali

Avviso 1/2015 Piani aziendali, settoriali e territoriali Avviso 1/2015 1. Attività finanziabili 1.1. Il Fondo paritetico interprofessionale nazionale Fondo Banche (di seguito FBA), reso operativo con D.M. 91/V/2008 del 16 aprile 2008 del Ministero del Lavoro,

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione dei dirigenti del settore del terziario

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione dei dirigenti del settore del terziario Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione dei dirigenti del settore del terziario Modalità di accesso al finanziamento di Piani formativi e voucher per interventi di formazione continua

Dettagli

Formazione Lavoratori, Preposti e Dirigenti

Formazione Lavoratori, Preposti e Dirigenti EcoGeo S.r.l. Formazione - Sicurezza Formazione Lavoratori, Preposti e Dirigenti Accordo del 21 dicembre 2011 Conferenza permanente per i rapporti tra lo stato le regioni e le provincie autonome di Trento

Dettagli

AVVISO TEMATICO 1/12

AVVISO TEMATICO 1/12 AVVISO TEMATICO 1/12 AVVISO TEMATICO 1/12 FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FOR.TE. Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

Formulario STANDARD per la presentazione di progetti del F.S.E. 2007-2013 SCHEDA N. 1 - DATI RIASSUNTIVI DEL PROGETTO. Allegato D Dgr n. del Pag.

Formulario STANDARD per la presentazione di progetti del F.S.E. 2007-2013 SCHEDA N. 1 - DATI RIASSUNTIVI DEL PROGETTO. Allegato D Dgr n. del Pag. Allegato D Dgr n. del Pag. 1/15 Formulario STANDARD per la presentazione di progetti del F.S.E. 2007-2013 Codice provvisorio progetto: SCHEDA N. 1 - DATI RIASSUNTIVI DEL PROGETTO Soggetto proponente Titolo

Dettagli

Avviso a sportello- Allegato B. Modalità gestionali e di rendicontazione del Piano Formativo a valere sull Avviso a sportello anno 2013

Avviso a sportello- Allegato B. Modalità gestionali e di rendicontazione del Piano Formativo a valere sull Avviso a sportello anno 2013 Modalità gestionali e di rendicontazione del Piano Formativo a valere sull Avviso a sportello anno 2013 1 1.Criteri generali... 3 2.Comunicazioni tra Fondo e Soggetto Gestore... 4 2.1. Autocertificazioni...

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO INVITO 1/12 AGGIORNAMENTO DEL CATALOGO NAZIONALE DI INIZIATIVE DI FORMAZIONE CONTINUA 1. PREMESSA For.Te. é il Fondo

Dettagli

Il sottoscritto. via legale rappresentante dell Impresa partecipante al progetto attuato da (indicare il soggetto attuante).

Il sottoscritto. via legale rappresentante dell Impresa partecipante al progetto attuato da (indicare il soggetto attuante). Allegato B Scheda 1 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI AFFIDABILITÀ GIURIDICO ECONOMICO FINANZIARIA (la presente dichiarazione deve essere resa da ciascuna impresa destinataria dell intervento) Il sottoscritto

Dettagli

Fondo centrale di garanzia

Fondo centrale di garanzia Fondo centrale di garanzia 1 Riferimento Legge FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE LEGGE 662/96 ART. 2 COMMA 100 LETT. A); Tre forme di intervento: Garanzia Diretta, garanzia prestata dal

Dettagli

SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE. (Titolo del progetto) (Attività)

SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE. (Titolo del progetto) (Attività) SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE ALLEGATO H (Informazioni richieste dal MIUR per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE a valere sull Avviso 4384/2001

Dettagli

PROVINCIA LATINA AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA LATINA AVVISO PUBBLICO PROVINCIA LATINA Settore Politiche del Lavoro e Formazione Professionale AVVISO PUBBLICO ATTIVITA FORMATIVE PER L APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE FINANZIAMENTO MODULI A, B, C 1. Premessa La Provincia

Dettagli

Guida ai Piani Formativi dell Avviso n. 2/2014

Guida ai Piani Formativi dell Avviso n. 2/2014 Allegato n. 3 dell Avviso n. 2/2014: Formazione prevalente lavoratori con ammortizzatori - GUIDA Guida ai Piani Formativi dell Avviso n. 2/2014 Sostegno alla realizzazione di Piani formativi rivolti ai

Dettagli

FONDO FOR.TE. AVVISO DI SISTEMA 2/14 Commercio, Turismo, Servizi e Altri Settori Economici SCHEDA DI ADESIONE IMPRESA BENEFICIARIA IMPORTANTE

FONDO FOR.TE. AVVISO DI SISTEMA 2/14 Commercio, Turismo, Servizi e Altri Settori Economici SCHEDA DI ADESIONE IMPRESA BENEFICIARIA IMPORTANTE FONDO FOR.TE. AVVISO DI SISTEMA 2/14 Commercio, Turismo, Servizi e Altri Settori Economici SCHEDA DI ADESIONE IMPRESA BENEFICIARIA IMPORTANTE ALLEGARE: Copia del DOCUMENTO DI IDENTITÀ DEL LEGALE RAPPRESENTANTE

Dettagli

N.B. in blu tutti i testi che non appaiono nella stampa emessa dal sistema LINEE GUIDA DEL 22 GENNAIO 2014 Conto Formativo saldo 2012

N.B. in blu tutti i testi che non appaiono nella stampa emessa dal sistema LINEE GUIDA DEL 22 GENNAIO 2014 Conto Formativo saldo 2012 N.B. in blu tutti i testi che non appaiono nella stampa emessa dal sistema LINEE GUIDA DEL 22 GENNAIO 2014 Conto Formativo saldo 2012 Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2012 AZIONE DI SISTEMA - AVVISO 5) COLLABORAZIONI E SVILUPPO DELLE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B

PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2012 AZIONE DI SISTEMA - AVVISO 5) COLLABORAZIONI E SVILUPPO DELLE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2012 AZIONE DI SISTEMA - AVVISO 5) COLLABORAZIONI E SVILUPPO DELLE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle

Dettagli

FORMULARIO PROGETTO DI FORMAZIONE ALLEGATO M

FORMULARIO PROGETTO DI FORMAZIONE ALLEGATO M FORMULARIO PROGETTO DI FORMAZIONE ALLEGATO M PROPOSTA GENERALE DI PIANO DI FORMAZIONE AZIENDALE (PFA) SEZIONE A CONTRIBUTO DEL PROGETTO DI FORMAZIONE AZIENDALE AL PROGETTO DEGLI INVESTIMENTI PRODUTTIVI/PIANO

Dettagli

Linee Guida alla gestione e rendicontazione del Piano formativo

Linee Guida alla gestione e rendicontazione del Piano formativo Allegato n. 10 Linee Guida alla gestione e rendicontazione del Piano formativo Avviso n. 1/2013 - Sicurezza e Ambiente INDICE PREMESSA... 3 1. DEFINIZIONI... 4 2. REALIZZAZIONE DEL PIANO FORMATIVO... 9

Dettagli

Fon.Coop. Conto Formativo saldo risorse 2011. Roma luglio 2013

Fon.Coop. Conto Formativo saldo risorse 2011. Roma luglio 2013 Fon.Coop Conto Formativo saldo risorse 2011 Roma luglio 2013 Istituzione del Conto formativo di Gruppo (CFG); Eliminazione della scheda F descrizione del piano - introduzione di una nuova scheda di specifiche

Dettagli

Oggetto: Finanziamenti Formazione professionale Avviso 1/06 di FON- DIR.

Oggetto: Finanziamenti Formazione professionale Avviso 1/06 di FON- DIR. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 - tel. 06/8559151 - fax 06/8415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 17 maggio 2006

Dettagli

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 DISPOSITIVO PROVINCIALE AZIONI DI SISTEMA Isole formative presso cooperative

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 TIROCINI L.68/1999 IL DIRIGENTE AREA PERSONALE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE Roma - 11 marzo 2015 IL CONTO FORMATIVO AZIENDALE (CFA) Le imprese aderenti a For.Agri versano all INPS lo 0,30% delle retribuzioni dei propri

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo. Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo. Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione Scuola e Università, Diritto allo Studio Adozione di UCS (Unità di Costo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO 03/2015 Piani Formativi per NEOASSUNTI. Voucher Aziendale. ATTIVITÁ di FORMAZIONE CONTINUA FINANZIATE da FonARCom

AVVISO PUBBLICO 03/2015 Piani Formativi per NEOASSUNTI. Voucher Aziendale. ATTIVITÁ di FORMAZIONE CONTINUA FINANZIATE da FonARCom AVVISO PUBBLICO 03/2015 Piani Formativi per NEOASSUNTI Voucher Aziendale ATTIVITÁ di FORMAZIONE CONTINUA FINANZIATE da FonARCom Roma, luglio 2015 1 Il Consiglio di Amministrazione del Fondo Paritetico

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE ALLEGATO 1 Criteri di partecipazione per la realizzazione di un programma sperimentale di sport terapia per persone con disabilita. D.G.R. 28/68 del 24/06/2011 L Assessorato dell Igiene e Sanità e dell

Dettagli

AVVISO 3/14 Logistica, Spedizioni, Trasporti

AVVISO 3/14 Logistica, Spedizioni, Trasporti AVVISO 3/14 Logistica, Spedizioni, Trasporti AVVISO 3/14 FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FOR.TE. Promozione di Piani e Progetti Aziendali, Settoriali,

Dettagli

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale Linee guida per il Conto Formazione Aziendale Settembre 2014 Indice 1. Il Conto Formazione Aziendale 3 2. Modalità e termini di presentazione dei Piani 5 3. Procedure di verifica dell ammissibilità dei

Dettagli

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO 1) SPESE RENDICONTATE IN A) Personale Per le spese A.1 Personale dipendente i documenti richiesti

Dettagli

Domanda: In caso di ricorso alle unità di costo standard, sono necessarie le lettere d incarico?

Domanda: In caso di ricorso alle unità di costo standard, sono necessarie le lettere d incarico? Faq - relative all'applicazione delle Unità di costo standard nella gestione e rendicontazione dei progetti inerenti la formazione e le politiche attive del lavoro di cui alla DGR 2110/2009 (4^ Parte)

Dettagli

Avviso n. 4/2013 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di dimensioni minori.

Avviso n. 4/2013 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di dimensioni minori. Avviso n. 4/2013 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di dimensioni minori. Avviso n. 4/2013 Formazione nelle PMI di minori dimensioni 1 1 Finalità Il

Dettagli

BANDO RASSEGNE TEATRALI - ANNO 2015

BANDO RASSEGNE TEATRALI - ANNO 2015 PREMESSA Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, data la presenza attiva sul territorio di Associazioni impegnate nell organizzazione e gestione di Rassegne teatrali, intende sollecitare i soggetti interessati

Dettagli

CORSO GRATUITO DI SPAGNOLO BASE

CORSO GRATUITO DI SPAGNOLO BASE FORMAZIONE LINGUISTICA CORSO GRATUITO DI SPAGNOLO BASE AULA 3 PIANO ORARIO CORSO: TOTALE ORE CORSO: Martedì e Giovedì dalle ore 18:30 alle ore 21:30 36 ore MAGGIO 18/05/2010 dalle ore 18.30 alle ore 21.30

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE Le linee guida di seguito illustrate rappresentano un primo risultato dell

Dettagli

Avviso n. 2/2015 Sostegno alle PMI aderenti per la formazione dei lavoratori con la partecipazione a corsi a catalogo

Avviso n. 2/2015 Sostegno alle PMI aderenti per la formazione dei lavoratori con la partecipazione a corsi a catalogo Avviso n. 2/2015 Sostegno alle PMI aderenti per la formazione dei lavoratori con la partecipazione a corsi a catalogo Avviso n. 2/2015 di Fondimpresa Formazione PMI con corsi a catalogo 1 1 Finalità Il

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER AZIENDALI Legge 236/93, art. 9 D.M. 18 novembre 2009 Delibera n. 1325 del 06/09/2011

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER AZIENDALI Legge 236/93, art. 9 D.M. 18 novembre 2009 Delibera n. 1325 del 06/09/2011 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER AZIENDALI Legge 236/93, art. 9 D.M. 18 novembre 2009 Delibera n. 1325 del 06/09/2011 Art.1 Premessa Nel rispetto di quanto previsto dalla Legge 236/93, art. 9, comma

Dettagli

A cura del Soggetto Attuatore

A cura del Soggetto Attuatore SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE (Informazioni richieste dal MIUR per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE a valere sull Avviso 4391/2001nell

Dettagli

Linee Guida alla gestione e rendicontazione del Piano formativo

Linee Guida alla gestione e rendicontazione del Piano formativo Allegato n. 10 Linee Guida alla gestione e rendicontazione del Piano formativo Avviso n. 4/2014 Competitività INDICE PREMESSA... 3 1. DEFINIZIONI... 4 2. REALIZZAZIONE DEL PIANO FORMATIVO... 9 2.1 AVVIO

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo 1 Sommario 1. Vigilanza e Controllo... 3 2. Modalità e procedure di esercizio delle

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE ALLEGATO 1 PROVINCIA DI LECCO Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE Piano Provinciale Esecutivo 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 19

Dettagli

Allegato A) Premessa. 1) Iter procedurale e obblighi dei soggetti coinvolti

Allegato A) Premessa. 1) Iter procedurale e obblighi dei soggetti coinvolti Allegato A) DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER L EROGAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA PUBBLICA NEI CONTRATTI DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE (All. B DELLA DGR 609 DEL 12.7.2012). Premessa Al fine di regolare

Dettagli

Avviso pubblico per l erogazione di servizi alle imprese con piano di sviluppo occupazionale anno 2016-2017

Avviso pubblico per l erogazione di servizi alle imprese con piano di sviluppo occupazionale anno 2016-2017 Avviso pubblico per l erogazione di servizi alle imprese con piano di sviluppo occupazionale anno 2016-2017 Cre.s.c.o. (Crescita, sviluppo, competitività e occupazione) Finanziato dal P.O.R. Programma

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione Scuola e Università, Diritto allo Studio Area Programmazione dell'offerta Formativa

Dettagli

Linee guida di rendicontazione e Spese Ammissibili finanziamenti nazionali e regionali. Milano, 5 febbraio 2009

Linee guida di rendicontazione e Spese Ammissibili finanziamenti nazionali e regionali. Milano, 5 febbraio 2009 Linee guida di rendicontazione e Spese Ammissibili finanziamenti nazionali e regionali Milano, 5 febbraio 2009 Premessa Riferimenti normativi: Regione Lombardia -DDUO n. 15169 del 22/12/2008; Approvazione

Dettagli

Il Traduttore Letterario

Il Traduttore Letterario Allegato 1 P.O.R. Campania 2000/2006 Misura 3.7 FORMULARIO PRESENTAZIONE RICHIESTE DI FINANZIAMENTO (Le indicazioni devono essere coerenti rispetto alle richieste previste nell Avviso) DENOMINAZIONE DEL

Dettagli

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori stranieri non accompagnati e di giovani migranti MODALITA DI ATTUAZIONE Art. 1 NORME REGOLATRICI La partecipazione

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PER LA FORMAZIONE CONTINUA. Fondimpresa un opportunità anche per le PMI

COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PER LA FORMAZIONE CONTINUA. Fondimpresa un opportunità anche per le PMI COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PER LA FORMAZIONE CONTINUA Fondimpresa un opportunità anche per le PMI I Fondi Interprofessionali I Fondi Interprofessionali sono organismi promossi dalle organizzazioni

Dettagli

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 Disposizioni di dettaglio per la gestione e il controllo della realizzazione di progetti mirati alla lotta alla dispersione scolastica

Dettagli

Progetti finalizzati all innovazione e allo sviluppo dell impresa veneta DGR n. 361 del 25 marzo 2014

Progetti finalizzati all innovazione e allo sviluppo dell impresa veneta DGR n. 361 del 25 marzo 2014 VENETO FORMAZIONE CONTINUA Progetti finalizzati all innovazione e allo sviluppo dell impresa veneta DGR n. 361 del 25 marzo 2014 Tipologie progettuali Il progetto deve afferire ad una sola delle seguenti

Dettagli

Modalità di accesso e criteri di valutazione

Modalità di accesso e criteri di valutazione Autonome Provinz Bozen-Südtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige Legge Provinciale 10 agosto 1977, n. 29 Modalità di accesso e criteri di valutazione (Delibera G.P. n. 3238 del 17 settembre 2001)

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

Ministero dell istruzione dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico

Ministero dell istruzione dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico ALLEGATO TECNICO AL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO 12 MARZ0 2009 tra il Ministero dell istruzione, e le Organizzazioni sindacali firmatarie del ccnl del personale del comparto scuola, sottoscritto

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

Ente Bilaterale del Terziario di Genova e provincia

Ente Bilaterale del Terziario di Genova e provincia Fondo Interprofessionale FOR.TE. Piano Formativo PIT STOP Relazione Finale 1. Dati identificativi del Piano Piano Formativo: Codice RUP: Natura del piano: Settore: Presentatore: Attuatore: Supporto: Durata

Dettagli

MANUALE PER LE MODALITA GESTIONALI DI ATTIVITA APPROVATE IN REGIME DI DE MINIMIS

MANUALE PER LE MODALITA GESTIONALI DI ATTIVITA APPROVATE IN REGIME DI DE MINIMIS MANUALE PER LE MODALITA GESTIONALI DI ATTIVITA APPROVATE IN REGIME DI DE MINIMIS Formazione Professionale Provincia di Bologna Giugno 2003 AZIONI FORMATIVE ASSOGGETTATE ALLA NORMATIVA SUGLI AIUTI DI STATO

Dettagli

Oggetto: Finanziamenti Formazione professionale Avviso 3/14 di Forte per il settore logistica, spedizione e trasporto.

Oggetto: Finanziamenti Formazione professionale Avviso 3/14 di Forte per il settore logistica, spedizione e trasporto. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 tel.068559151-3337909556- fax 068415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 4 luglio

Dettagli

La Formazione Finanziata. Fondi Interprofessionali - FSE

La Formazione Finanziata. Fondi Interprofessionali - FSE & La Formazione Finanziata Fondi Interprofessionali - FSE Come ottenere formazione a costo zero tramite i fondi interprofessionali ed il FSE Per far formazione all interno delle aziende si possono chiedere

Dettagli

TENIAMOCI IN FORMA AVVISO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO

TENIAMOCI IN FORMA AVVISO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO TENIAMOCI IN FORMA AVVISO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO 1. PREMESSA Con il presente avviso il CESV Centro Servizi per il Volontariato -, di seguito Centro,

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO Allegato alla deliberazione n. 43/1 del 25.10.2007 PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO LEGGE REGIONALE 29 MAGGIO 2007, N. 2 - (LEGGE

Dettagli

Fondo sociale europeo Programma Operativo 2007/2013

Fondo sociale europeo Programma Operativo 2007/2013 Fondo sociale europeo Programma Operativo 2007/2013 Piano generale d impiego dei mezzi finanziari disponibili per l esercizio finanziario 2010 per le attività di formazione professionale Programma specifico

Dettagli

FAPI FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NELLE PMI. Avviso 2-2010

FAPI FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NELLE PMI. Avviso 2-2010 FAPI FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NELLE PMI Avviso 2-2010 Finanziamento di Piani di formazione continua per imprese e lavoratori su SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

Dettagli

Fon.Coop. Conto Formativo saldo risorse 2013. Roma Marzo 2015

Fon.Coop. Conto Formativo saldo risorse 2013. Roma Marzo 2015 Fon.Coop Conto Formativo saldo risorse 2013 Roma Marzo 2015 Restituzione alle imprese dell 80% del versato al netto delle quote di competenza di Fon.Coop a partire da Gennaio 2015; Registrazione sulla

Dettagli

CORSO DI FOTOGRAFIA DIGITALE

CORSO DI FOTOGRAFIA DIGITALE LEGGE 236/1993 PROGETTO 536354 - Progetti Quadro Legge 236/93 - Anno 2009 - FORMA.P. - FORMAzione in Pillole Az. 536512 FORMAZIONE TECNICO-PROFESSIONALE ID. ED. 873097 CORSO DI FOTOGRAFIA DIGITALE AULA

Dettagli

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale Linee guida per il Conto Formazione Aziendale 24 marzo 2015 Indice 1. Il Conto Formazione Aziendale 3 2. Modalità e termini di presentazione dei Piani 5 3. Procedure di verifica dell ammissibilità dei

Dettagli

1.A Indicazioni operative per la progettazione delle Azioni formative

1.A Indicazioni operative per la progettazione delle Azioni formative DIPARTIMENTO PER LE LIBERTÀ CIVILI E L IMMIGRAZIONE DIREZIONE CENTRALE PER LE POLITICHE DELL IMMIGRAZIONE E DELL ASILO AUTORITÀ RESPONSABILE DEL FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DI CITTADINI DI PAESI TERZI

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO AVVISO 3/12bis Modalità per la richiesta dei voucher formativi per i lavoratori delle imprese aderenti a For.Te. 1.

Dettagli

PROGETTI SPECIALI. AVVISO 5/12Ter. Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di innovazione tecnologica e di processo

PROGETTI SPECIALI. AVVISO 5/12Ter. Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di innovazione tecnologica e di processo PROGETTI SPECIALI AVVISO 5/12Ter Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di innovazione tecnologica e di processo AVVISO PROGETTI SPECIALI 5/12Ter FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE

Dettagli

AVVISO 3/15 Logistica, Spedizioni, Trasporti

AVVISO 3/15 Logistica, Spedizioni, Trasporti AVVISO 3/15 Logistica, Spedizioni, Trasporti AVVISO 3/15 FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FOR.TE. Promozione di Piani Aziendali, Settoriali, Territoriali

Dettagli