Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE)"

Transcript

1 Febbraio 2014 n.b. il documento del PAES è in fase di valutazione da parte del CCR della Commissione Europea. 1 Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Comune di Latina - Servizio Ambiente - Ufficio Energia Ing. Luciana D Ascanio - Energy Manager del Comune di Latina D.ssa Jessica Brighenti - Collaboratore tecnico per il Patto dei Sindaci

2 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) PREMESSA L Inventario Base delle Emissioni (IBE) è lo strumento che quantifica le emissioni di CO 2 derivanti dai consumi energetici all interno del territorio comunale nell anno base di riferimento. L analisi permette di identificare le principali fonti antropiche di emissioni di CO 2 e quindi di assegnare l opportuna priorità alle relative misure di riduzione inserite nel PAES. L IBE è inoltre la base di partenza per la compilazione degli inventari delle emissioni negli anni successivi (IME -Inventari di Monitoraggio delle Emissioni) che consentiranno il monitoraggio dei progressi rispetto all obiettivo prefissato, da comunicare ogni due anni all Unione Europea. Il Modulo PAES, sezione IBE, rappresenta una sintesi dell IBE e al suo interno vengono inseriti i dati di consumi di energia legati al consumo energetico finale e alla produzione locale di elettricità e calore, e le rispettive emissioni di CO 2.

3 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) PREMESSA Elementi chiave dell IBE sono: L anno base I dati di attività I fattori di emissione (necessari a quantificare le emissioni di CO 2 per i singoli vettori energetici sulla base dei dati di attività) L anno base scelto per l IBE della Città di Latina è il 2008, risultando l anno più prossimo al 1990 di cui si dispone un quadro il più possibile completo ed esaustivo. I dati raccolti sono stati aggiornati su base annua fino al 2011 in modo da costituire una serie storica dei consumi.

4 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) PREMESSA Nella definizione dell obiettivo complessivo di riduzione delle emissioni di CO 2 al 2020 è stata scelta una quantificazione in termini di riduzione assoluta. La metodologia di elaborazione dell IBE, compresa la raccolta dei dati e l analisi, è stata portata avanti facendo riferimento alle indicazioni contenute all interno delle linee guida fornite dalla Commissione Europea. Si è cercato inoltre di ottenere dati il più possibile diretti, limitando a casi circoscritti la disaggregazione di dati provenienti da livelli superiori (provinciale, regionale, nazionale, etc.), in modo tale da poter ottenere un quadro il più possibile veritiero e coerente con il contesto locale. Nell IBE sono state quantificate le emissioni di CO 2 dirette ed indirette: per emissioni dirette si intendono le emissioni dovute alla combustione di carburante all interno del territorio comunale (edifici, attrezzature/impianti, trasporti); per emissioni indirette si intendono le emissioni legate alla produzione di elettricità, calore o freddo consumati all interno del territorio (anche nel caso siano prodotti altrove).

5 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) I CONFINI DELL IBE L inventario comprende le emissioni per le quali l Amministrazione Comunale ha competenza diretta o ha modo di intervenire in forma indiretta, attraverso il coinvolgimento di interlocutori chiave o mediante strumenti regolatori. Sono esclusi, pertanto, i dati relativi alle infrastrutture di carattere sovracomunale, quali l autostrada, o le emissioni di aziende di grandi dimensioni che aderiscono già obbligatoriamente a meccanismi europei di Emission Trading Inoltre, non sono state considerate le emissioni generate dalla gestione e dallo smaltimento dei rifiuti in quanto non riconducibili a usi energetici

6 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) I CONFINI DELL IBE Nella elaborazione dell IBE, strutturato secondo le indicazioni del modulo PAES, sono stati analizzati i consumi energetici finali e le rispettive emissioni di CO 2 dei seguenti settori aggregati per categoria di appartenenza come illustrato in tabella. È stato incluso il settore industriale (facoltativo), visto il peso dei consumi energetici di tale settore all interno del bilancio territoriale delle emissioni di CO 2. CATEGORIA SETTORI CATEGORIA SETTORI EDIFICI, ATTREZZATURE/IMPIANTI E INDUSTRIE Edifici, attrezzature/impianti comunali Edifici, attrezzature/impianti terziari (non comunali) Edifici residenziali Illuminazione pubblica comunale Industrie (escluse le industrie contemplate nel Sistema europeo di scambio delle quote di emissione ETS) (facoltativo) TRASPORTI Parco auto comunale Trasporti pubblici Trasporti privati e commerciali Nell elaborazione dell IBE oltre ai consumi energetici finali è stata quantificata la produzione locale di elettricità (facoltativa) in virtù della presenza diffusa di impianti fotovoltaici nel territorio comunale e al fine di abbassare il fattore di emissione locale per l elettricità.

7 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) I CONFINI DELL IBE Dalla Tabella si evince come l IBE risulti distinto in consumi Comunali (Amministrazione Comunale) e consumi Non Comunali (Cittadinanza), che sommati restituiscono i consumi totali della Città di Latina come confine geografico ed amministrativo. Con l adesione al Patto dei Sindaci l Amministrazione Comunale si è impegnata in primo piano nella riduzione delle proprie emissioni di CO 2 ; quantificando separatamente i propri consumi è in grado di formulare le relative azioni di riduzione con risultati quantificabili e misurabili, dando così il buon esempio alla Cittadinanza. amministrazione comunale cittadinanza Città di Latina Edifici, attrezzature/impianti comunali Illuminazione pubblica comunale Parco auto comunale Trasporti pubblici Edifici, attrezzature/impianti terziari non comunali Edifici residenziali Industrie (escluse ETS) Trasporti privati e commerciali totale

8 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) FONTE DEI DATI EDIFICI, ATTREZZATURE/IMPIANTI E INDUSTRIE Consistenza edifici, attrezzature/impianti comunali Ufficio Provveditorato e Cassa, Servizio Energia (CL) Consumi termici edifici comunali GAS Servizio Energia (CL) Edifici, attrezzature/impianti comunali Consumi termici edifici comunali GASOLIO Ufficio Provveditorato e Cassa (CL) Consumi termici edifici comunali GPL Servizio Energia (CL) Consumi elettrici edifici comunali Servizio Energia (CL) Consumi impianti sportivi comunali Servizio Energia(CL) Consumi elettrici impianti gestione acque AcquaLatina S.p.A. Consistenza parco edilizio terziario Ufficio Tributi (CL) Edifici, attrezzature/impianti terziari Consumi elettrici terziario Enel Distribuzione S.p.A. non comunali Consumi gas terziario Italgas S.p.A. Consistenza parco edilizio residenziale Ufficio Tributi (CL) Edifici residenziali Consumi elettrici Enel Distribuzione S.p.A. Consumi gas Italgas S.p.A. Illuminazione pubblica comunale Industrie (escluse ETS) Consistenza parco illuminazione comunale Consumi elettrici illuminazione comunale Consistenza e consumi elettrici semafori Consistenza industrie Consumi elettricità Consumi gas Servizio Energia (CL) Servizio Energia (CL) Serv.Mob.Trasp.- Serv. Energia (CL) Camera di Commercio Latina Enel Distribuzione S.p.A. SNAM Rete Gas S.p.A. Parco auto comunale Trasporti pubblici Trasporti privati e commerciali TRASPORTI Consistenza parco auto comunale Consumi parco auto comunale Consistenza parco veicoli rifiuti urbani Consumi parco veicoli rifiuti urbani Consistenza parco trasporti pubblici Consumi trasporti pubblici Consistenza parco auto privato Compravendita dei prodotti petroliferi per i consumi di combustibile Ufficio Provveditorato e Cassa (CL) Ufficio Provveditorato e Cassa (CL) Latina Ambiente S.p.A. Latina Ambiente S.p.A. Servizio Mobilità (CL) e Atral Scrl Atral Scrl ACI Latina Agenzia delle Dogane e dei Monopoli PRODUZIONE LOCALE DI ENERGIA Produzione locale di elettricità Impianti fotovoltaici GSE Atlasole Produzione locale di calore/freddo Impianti di cogenerazione Provincia di Latina

9 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) METODOLOGIA RACCOLTA E SISTEMATIZZAZIONE DEI DATI La fase di raccolta, sistematizzazione ed analisi dati è risultata difficoltosa, sia per le informazioni riguardanti l Amministrazione Comunale che per quelle riguardanti la Cittadinanza. Per la raccolta e l analisi dei dati necessari alla redazione dell IBE e alla compilazione del Modulo PAES-sezione IBE, è stato realizzato un database ad hoc con fogli di calcolo specifici per ogni settore di indagine. Tale database contiene il trend dei dati energetici dal 2008 al 2011 (per alcune voci anche dal 2003 e fino al 2013) ed è aggiornabile di anno in anno al fine di monitorare l efficacia delle azioni proposte nel PAES e di inviare il rapporto biennale all Unione Europea nella veste dell IME (Inventario di Monitoraggio delle Emissioni). E necessario sottolineare che in caso di dati forniti per l intero territorio comunale come confine amministrativo si è provveduto opportunamente a sottrarre da tali valori i consumi dell Amministrazione Comunale in essi inglobati, per evitare il verificarsi di ridondanze nella valutazione dei consumi e per analizzare i consumi municipali in sede separata, come peraltro viene richiesto nelle linee guida.

10 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) METODOLOGIA DI CALCOLO DELLE EMISSIONI DI CO2 Per il calcolo delle emissioni di CO 2 è possibile scegliere tra i due seguenti approcci: Standard LCA I fattori di emissione Standard, in linea con i principi IPCC, comprendono tutte le emissioni di CO 2 derivanti dall energia consumata nel territorio comunale, sia direttamente, tramite la combustione di carburanti all interno dell autorità locale, che indirettamente, attraverso la combustione di carburanti associata all uso dell elettricità e di calore/freddo nell area comunale. I fattori di emissione LCA (valutazione del ciclo di vita) prendono invece in considerazione l intero ciclo di vita del vettore energetico. Il fattore di emissione scelto per tale studio è quello standard.

11 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) METODOLOGIA DI CALCOLO DELLE EMISSIONI DI CO2 Le emissioni di CO 2 per i consumi energetici finali AI fine di quantificare e analizzare i consumi energetici finali si sono considerati i seguenti vettori energetici: Elettricità Gas naturale Gas liquido (GPL) Gasolio da riscaldamento Gasolio auto Benzina E utile illustrare le differenti metodologie applicate per il calcolo delle emissioni di CO 2, che differiscono tra l elettricità e i combustibili fossili.

12 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) METODOLOGIA DI CALCOLO DELLE EMISSIONI DI CO2 Le emissioni di CO 2 per i consumi energetici finali ELETTRICITA Per calcolare le emissioni di CO 2 derivanti dal consumo di elettricità all interno del territorio comunale si è dovuto calcolare il fattore di emissione locale per l elettricità (FEE) mediante la seguente formula: FEE = (CTE - PLE - AEV) x FENEE + CO2PLE + CO2AEV CTE E stato pertanto necessario recuperare i seguenti dati: Consumo totale di elettricità nel Comune di Latina Fattore di emissione nazionale per il consumo di elettricità Produzione locale di elettricità Acquisti di elettricità verde da parte dell autorità locale (Amministrazione Comunale non presenti) Il fattore di emissione locale risultante per il 2008 è di 0,439 tco2/mwh e non si discosta di molto dal fattore di emissione nazionale.

13 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) METODOLOGIA DI CALCOLO DELLE EMISSIONI DI CO2 Le emissioni di CO 2 per i consumi energetici finali COMBUSTIBILI FOSSILI Per il calcolo delle emissioni di CO 2 derivanti dai consumi energetici finali sono stati utilizzati i seguenti fattori di conversione, così come indicati nelle Linee Guida PAES, per i vettori energetici utilizzati nel territorio di cui è stato possibile reperire il dato di consumo. Combustibile Fattore di emissione di CO2 (t/mwh) Gas liquido (GPL) 0,227 Olio da riscaldamento 0,279 Gasolio da riscaldamento 0,267 Gasolio auto 0,267 Benzina 0,249

14 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) METODOLOGIA DI CALCOLO DELLE EMISSIONI DI CO2 Le emissioni di CO 2 per i consumi energetici finali COMBUSTIBILI FOSSILI Per il calcolo delle emissioni di CO 2 derivanti dai consumi energetici finali sono stati utilizzati i seguenti fattori di conversione, così come indicati nelle Linee Guida PAES, per i vettori energetici utilizzati nel territorio di cui è stato possibile reperire il dato di consumo. Combustibile Fattore di emissione di CO2 (t/mwh) Gas liquido (GPL) 0,227 Olio da riscaldamento 0,279 Gasolio da riscaldamento 0,267 Gasolio auto 0,267 Benzina 0,249

15 15 IBE 2008 IL BILANCIO DELLE EMISSIONI DI CO 2 Sintesi Comune di Latina - Servizio Ambiente - Ufficio Energia Ing. Luciana D Ascanio - Energy Manager del Comune di Latina D.ssa Jessica Brighenti - Collaboratore tecnico per il Patto dei Sindaci

16 16 Il modulo PAES Sezione IBE Lo strumento fornito dall Unione Europea per la quantificazione del bilancio energetico comunale

17 IBE 2008 Modulo PAES - Sezione IBE 17 Tabelle A e B: Consumi energetici finali ed emissioni di CO 2 A. Consumo energetico finale Categoria Gas naturale Gas liquido (GPL) Olio da riscaldamen to Gasolio auto (Diesel) Benzina Lignite Carbone Gasolio da riscaldamen to Altri Biocarburan combustibil Oli vegetali ti i fossili EDIFICI, ATTREZZATURE/IMPIANTI E INDUSTRIE Edifici, attrezzature/impianti comunali , ,92 68, , ,19 Edifici, attrezzature/impianti terziari (non comunali) , , ,31 Edifici residenziali , , ,27 Illuminazione pubblica comunale , ,89 Industrie (escluse le industrie contemplate nel Sistema europeo di scambio delle quote di emissione ETS) , , ,80 Totale parziale edifici, attrezzature/impianti e industrie , ,20 68, , ,45 TRASPORTI Parco auto comunale 7.484,66 909, ,94 Trasporti pubblici 0, , ,21 Trasporti privati e commerciali 7.971, , , , ,74 Totale parziale trasporti 7.971, , , , ,88 Totale , , , , , , ,33 (Eventuali) acquisti di elettricità verde certificata da parte del comune [MWh]: Fattore di emissione di CO2 per gli acquisti di elettricità verde certificata (approccio LCA): B. Emissioni di CO2 o equivalenti di CO2 Categoria Gas naturale Gas liquido (GPL) Olio da riscaldamen to Gasolio auto (Diesel) Benzina Lignite Carbone Gasolio da riscaldamen to Altri Biocarburan combustibil Oli vegetali ti i fossili EDIFICI, ATTREZZATURE/IMPIANTI E INDUSTRIE Edifici, attrezzature/impianti comunali , ,67 15,64 502, ,55 Edifici, attrezzature/impianti terziari (non comunali) , , ,41 Edifici residenziali , , ,88 Illuminazione pubblica comunale 6.212, ,13 Industrie (escluse le industrie contemplate nel Sistema europeo di scambio delle quote di emissione ETS) , , ,57 Totale parziale edifici, attrezzature/impianti e industrie , ,30 15,64 502, ,54 TRASPORTI Parco auto comunale 1.998,40 226, ,81 Trasporti pubblici 2.052, ,75 Trasporti privati e commerciali 1.610, , , , ,44 Totale parziale trasporti 1.610, , , , ,01 ALTRO Smaltimento dei rifiuti Gestione delle acque reflue Indicate qui le altre emissioni del vostro comune Totale , , , , ,80 502, ,55 Corrispondenti fattori di emissione di CO2 in [t/mwh] 0,439 0,202 0,227 0,267 0,249 0,267 Fattore di emissione di CO2 per l'elettricità non prodotta localmente [t/mwh] Elettricità Elettricità 0,440 Calore/fred do Calore/fred do CONSUMO ENERGETICO FINALE [MWh] Combustibili fossili Emissioni di CO2 [t]/emissioni equivalenti di CO2 [t] Combustibili fossili Energie rinnovabili Altre biomasse Energie rinnovabili Altre biomasse Energia solare termica Energia solare termica Energia geotermica Energia geotermica Totale Totale

18 IBE 2008 Modulo PAES - Sezione IBE 18 TABELLE C e D: Produzione locale di elettricità e Produzione locale di calore/freddo C. Produzione locale di elettricità e corrispondenti emissioni di CO2 Elettricità prodotta localmente (esclusi gli impianti ETS e tutti gli impianti/le unità > 20 MW) Elettricità prodotta localmente [MWh] Energia eolica Energia idroelettrica Fotovoltaico 154,14 Cogenerazione di energia elettrica e termica Altro Specificare: Totale 154,14 Gas naturale Gas liquido (GPL) Combustibili fossili Olio da riscaldamen to Lignite Vettore energetico utilizzato [MWh] Carbone Vapore Rifiuti Olio vegetale Altre biomasse Altre fonti rinnovabili Altro Emissioni di Fattori di emissione di CO2 o CO2 corrispondenti per la equivalenti produzione di elettricità di CO2 [t] in [t/mwh] D. Produzione locale di calore/freddo (teleriscaldamento/teleraffrescamento, cogenerazione di energia elettrica e termica...) e corrispondenti emissioni di CO2 Calore/freddo prodotti localmente Cogenerazione di energia elettrica e termica Impianto(i) di teleriscaldamento Altro Specificare: Totale Calore/fred do prodotti localmente [MWh] Gas naturale Gas liquido (GPL) Combustibili fossili Olio da riscaldamen to Vettore energetico utilizzato [MWh] Lignite Carbone Rifiuti Olio vegetale Altre biomasse Altre fonti rinnovabili Altro Fattori di emissione di Emissioni di CO2 corrispondenti per la CO2 o produzione di equivalenti calore/freddo in di CO2 [t] [t/mwh]

19 19 IBE 2008 Il bilancio delle emissioni di CO 2 A - Inquadramento generale Città di Latina - Emissioni di CO ,55 tco2/a

20 IBE 2008 A - Inquadramento generale Suddivisione per categorie 20 Categorie IBE Trasporti 36,98% Edifici, attrezzature/impianti e industrie 63,02% Emissioni di CO2 [t] CATEGORIA 2008 Edifici, attrezzature/impianti e industrie ,54 Trasporti ,01 totale ,55

21 IBE 2008 A - Inquadramento generale Suddivisione per settore e vettore energetico 21 Settori IBE Vettori energetici Trasporti privati e commerciali 36,27% Edifici, attrezzature/impianti comunali 2,20% Edifici, attrezzature/impianti terziari non comunali 16,40% Gasolio auto 21,77% Benzina 13,06% Gasolio da riscaldamento 0,08% Elettricità 41,51% Trasporti pubblici 0,35% Edifici residenziali 19,84% Gas liquido (GPL) 1,88% Parco auto comunale 0,37% Industrie (escluse ETS) 23,52% Illuminazione pubblica comunale 1,04% Gas naturale 21,69% Emissioni di CO2 [t] Emissioni di CO2 [t] CATEGORIA SETTORE 2008 Edifici, attrezzature/impianti comunali ,55 EDIFICI, Edifici, attrezzature/impianti terziari non comunali ,41 ATTREZZATURE/ Edifici residenziali ,88 IMPIANTI E INDUSTRIE Illuminazione pubblica comunale 6.212,13 Industrie (escluse ETS) ,57 Parco auto comunale 2.224,81 TRASPORTI Trasporti pubblici 2.052,75 Trasporti privati e commerciali ,44 totale ,55 VETTORE DI CONSUMO 2008 Elettricità ,85 Gas naturale ,47 Gas liquido (GPL) ,61 Gasolio auto ,07 Benzina ,80 Gasolio da riscaldamento 502,75 totale ,55

22 IBE 2008 Il bilancio delle emissioni di CO 2 B - Le Categorie IBE 22

23 IBE 2008 B Le Categorie IBE Edifici, attrezzature/impianti e industrie 23 Settori IBE Emissioni di CO2 [t] CATEGORIA SETTORE 2008 Edifici, attrezzature/impianti comunali ,55 EDIFICI, Edifici, attrezzature/impianti terziari non comunali ,41 ATTREZZATURE/ Edifici residenziali ,88 IMPIANTI E INDUSTRIE Illuminazione pubblica comunale 6.212,13 Industrie (escluse ETS) ,57 totale ,54 Industrie (escluse ETS) 37,33% Illuminazione pubblica comunale 1,66% Edifici residenziali 31,49% Edifici, attrezzature/impianti comunali 3,49% Edifici, attrezzature/impianti terziari non comunali 26,03% Vettori energetici Emissioni di CO2 [t] Vettore di consumo 2008 Elettricità ,85 Gas naturale ,30 Gas liquido (GPL) 15,64 Gasolio da riscaldamento 502,75 totale ,54 Gas naturale 33,99% Gasolio da riscaldamento 0,13% Elettricità 65,88% Amministrazione Comunale e Cittadinanza Emissioni di CO2 [t] 2008 amministrazione comunale ,68 cittadinanza ,86 totale ,54 cittadinanza 94,85% amministrazione comunale 5,15%

24 IBE 2008 B Le Categorie IBE Trasporti 24 Settori IBE Emissioni di CO2 [t] CATEGORIA SETTORE 2008 Parco auto comunale 2.224,81 TRASPORTI Trasporti pubblici 2.052,75 Trasporti privati e commerciali ,44 totale ,01 Trasporti pubblici 0,93% Trasporti privati e commerciali 98,06% Parco auto comunale 1,01% Vettori energetici Emissioni di CO2 [t] Vettore di consumo 2008 Gas naturale 1.610,18 Gas liquido (GPL) ,97 Gasolio auto ,07 Benzina ,80 totale ,01 Benzina 35,32% Gas naturale 0,73% Gas liquido (GPL) 5,08% Gasolio auto 58,88% Amministrazione Comunale e Cittadinanza Emissioni di CO2 [t] 2008 amministrazione comunale 4.277,57 cittadinanza ,44 totale ,01 amministrazione comunale 1,94% cittadinanza 98,06%

25 IBE 2008 Il bilancio delle emissioni di CO 2 C Amministrazione Comunale e Cittadinanza 25

26 IBE 2008 C Amministrazione Comunale e Cittadinanza 26 Amministrazione Comunale e Cittadinanza amministrazione comunale 3,97% cittadinanza 96,03% Emissioni di CO2 [t] 2008 amministrazione comunale ,25 cittadinanza ,30 totale ,55

27 IBE 2008 C Amministrazione Comunale Suddivisione per settore e vettore energetico 27 Settori IBE Vettori energetici Parco auto comunale 9,43% Trasporti pubblici 8,70% Edifici, attrezzature/impianti comunali 55,54% Gas liquido (GPL) 0,07% Gasolio auto 17,17% Benzina 0,96% Gasolio da riscaldamento 2,13% Gas naturale 9,80% Illuminazione pubblica comunale 26,33% Elettricità 69,87% Emissioni di CO2 [t] Emissioni di CO2 [t] amministrazione comunale SETTORE 2008 Edifici, attrezzature/impianti comunali ,55 Illuminazione pubblica comunale 6.212,13 Parco auto comunale 2.224,81 Trasporti pubblici 2.052,75 totale ,25 Vettore di consumo 2008 Elettricità ,61 Gas naturale 2.311,67 Gas liquido (GPL) 15,64 Gasolio auto 4.051,16 Benzina 226,41 Gasolio dal riscaldamento 502,75 totale ,25

28 IBE 2008 C Cittadinanza Suddivisione per settore e vettore energetico 28 Settori IBE Vettori energetici Trasporti privati e commerciali 37,76% Edifici, attrezzature/impianti terziari non comunali 17,08% Gasolio auto 21,96% Benzina 13,56% Elettricità 40,34% Edifici residenziali 20,66% Industrie (escluse ETS) 24,49% Gas liquido (GPL) 1,95% Gas naturale 22,18% Emissioni di CO2 [t] cittadinanza SETTORE 2008 Edifici, attrezzature/impianti terziari non comunali ,41 Edifici residenziali ,88 Industrie (escluse ETS) ,57 Trasporti privati e commerciali ,44 totale ,30 Emissioni di CO2 [t] Vettore di consumo 2008 Elettricità ,23 Gas naturale ,80 Gas liquido (GPL) ,97 Gasolio auto ,91 Benzina ,39 totale ,30

29 IME IL TREND DELLE EMISSIONI DI CO 2 Sintesi 29

30 TRASPORTI EDIFICI, ATTREZZATURE/ IMPIANTI E INDUSTRIE Emissioni di CO2 (t) IME IL TREND DELLE EMISSIONI DI CO , , , , , , , ,00 Emissioni di CO2 - Città di Latina Categoria Settore Edifici, attrezzature/impianti comunali , , , ,58 Edifici, attrezzature/impianti terziari non comunali , , , ,17 Edifici residenziali , , , ,21 Illuminazione pubblica comunale 6.212, , , ,79 Industrie (escluse ETS) , , , ,33 Parco auto comunale 2.224, , , ,44 Trasporti pubblici 2.052, , , ,24 Trasporti privati e commerciali , , , ,90 totale , , , ,66

31 Emissioni di CO2 [t] IME IL TREND DELLE EMISSIONI DI CO ,00 Città di Latina - Trend emissioni di CO Settori , , , ,00 0, Edifici, attrezzature/impianti comunali Edifici residenziali Industrie (escluse ETS) Trasporti pubblici Edifici, attrezzature/impianti terziari non comunali Illuminazione pubblica comunale Parco auto comunale Trasporti privati e commerciali

IBE L Inventario Base delle Emissioni

IBE L Inventario Base delle Emissioni IBE L Inventario Base delle Emissioni In tale capitolo verrà illustrato l Inventario Base delle Emissioni di CO2 del Comune di Latina, approfondendone la metodologia adottata per l analisi dei dati energetici,

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il PAES

Il Patto dei Sindaci e il PAES 1 Forum di concertazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile 24 ottobre 2013 Sala Museo Cambellotti - Latina Il Patto dei Sindaci e il PAES Un impegno per l energia sostenibile Comune di Latina

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI ALLEGATO 1 1) Anno di riferimento dell'inventario 2005 Indicare il numero di abitanti nell'anno di inventario: 598 2) Fattori di emissione Selezionare la voce corrispondente:

Dettagli

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA COMUNE DI GIULIANOVA METHODOLOGY FOR THE DEFINITION OF THE BASELINE EMISSION INVENTORY OF THE MUNICIPALITY

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali ALLEGATO C PAES Rosignano M.mo 1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali PRODOTTI PETROLIFERI Settore Civile: I consumi dei prodotti petroliferi in ambito civile vengono calcolati sommando

Dettagli

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI 5.1 Aspetti organizzativi Il Comune di Bitonto ha aderito formalmente al Patto dei Sindaci, con apposita Deliberazione Consiliare il 20 marzo 2013, ed ha avviato le procedure

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso la sottoscrizione

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso

Dettagli

CONVEGNO/WORKSHOP. l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES

CONVEGNO/WORKSHOP. l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES CONVEGNO/WORKSHOP l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES 1 Il territorio Il Comune di Scandicci si estende su un territorio di 59,75 km 2. Il 29% del territorio è caratterizzato dalla presenza di aree

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Dati preliminari e principali linee d azione Giugno 2012 Prof. Massimo Dentice d Accadia DETEC Università degli studi di Napoli Federico II COS E IL PATTO

Dettagli

Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci

Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci Michele Sansoni Arpa Emilia-Romagna michelesansoni@arpa.emr.it 1 IBE: FATTORE DI SUCCESSO DI UN PAES 2 QUAL È IL SIGNIFICATO DI IBE? L inventario di base delle

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES)

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) COMUNE DI PORDENONE PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) Inventario delle Emissioni Anno base 21 Comune di Pordenone Sindaco: Claudio Pedrotti Vicesindaco: Renzo Mazzer Assessore all Ambiente,

Dettagli

Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci

Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci Michele Sansoni Arpa Emilia-Romagna michelesansoni@arpa.emr.it 1 IBE: FATTORE DI SUCCESSO DI UN PAES 2 SFIDE NELLA COSTRUZIONE DELL IBE Definire anno di riferimento

Dettagli

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune I consumi energetici e le emissioni a Settala A CHE PUNTO SIAMO? Irene de Piccoli - Infoenergia 2 ottobre 211 SINTESI EMISSIONI AL FASE A EMISSIONI CO

Dettagli

Come sviluppare il SEAP: l esperienza del Comune di Forlì. Francesca Ravaioli

Come sviluppare il SEAP: l esperienza del Comune di Forlì. Francesca Ravaioli Come sviluppare il SEAP: l esperienza del Comune di Forlì Francesca Ravaioli Comune di Forlì Patto dei Sindaci Patto dei Sindaci: cos'è? Il Patto Il Patto dei Sindaci è il principale movimento europeo

Dettagli

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna COVENANT CAPACITY Capacity building of local governments to advance Local Climate and Energy Action from planning to action to monitoring COSTRUZIONE DI UN INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI Con il patrocinio

Dettagli

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Piano Lombardia Sostenibile Lombardia : una Regione ad alta efficienza energetica e a bassa intensità di Dino De Simone Diamo valore

Dettagli

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Napoli Prof. Massimo Dentice d Accadia Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Industriale Il PAES è il

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES Baseline e individuazione azioni

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES Baseline e individuazione azioni IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES Baseline e individuazione azioni SPES Consul>ng Società di consulenza in materia energetica ed ambientale. Ci occupiamo di pianificazione energetica a

Dettagli

Comune di Conegliano WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CONEGLIANO. Programma Central Europe - Progetto MANERGY

Comune di Conegliano WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CONEGLIANO. Programma Central Europe - Progetto MANERGY Territorio Energia Ambiente Comune di Conegliano WP 5.1.1 BEI - Baseline Emission Inventory Programma Central Europe - Progetto MANERGY renewable energy sources WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory -

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO COMUNALE

BILANCIO ENERGETICO COMUNALE BILANCIO ENERGETICO COMUNALE Comune di: CAVAZZO CARNICO Anno di riferimento del bilancio energetico: 2013 Popolazione: 1.091 ab. (al 31/12/2013) 1 Superficie comunale: 39,44 kmq Densità abitativa: 27,7

Dettagli

Comune di Carbonera WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CARBONERA. Programma Central Europe - Progetto MANERGY

Comune di Carbonera WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CARBONERA. Programma Central Europe - Progetto MANERGY Territorio Energia Ambiente Comune di Carbonera WP 5.1.1 BEI - Baseline Emission Inventory Programma Central Europe - Progetto MANERGY renewable energy sources WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory -

Dettagli

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Martedi, 9 Giugno - 2015 Emanuele Cosenza SOGESCA Srl e.cosenza@sogesca.it ARGOMENTI Progetto 50000and1SEAPs

Dettagli

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico 4 febbraio 2009 Contabilità delle emissioni comunali Il progetto è nato dalla collaborazione di CISA con ENEA. Enea ha messo a

Dettagli

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Sindaco Assessore all Urbanistica R.U.P. Energy Manager Coordinamento Avv. CUOMO Nicola Arch. D AURIA Alessio Arch. QUINTAVALLE Lea Arch. SCOGNAMIGLIO Antonella Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Gruppo di

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO

Dettagli

La Provincia di Torino alle prese con l Inventario delle Emissioni

La Provincia di Torino alle prese con l Inventario delle Emissioni La Provincia di Torino alle prese con l Inventario delle Emissioni Silvio De Nigris Provincia di Torino 2.15 Matrice vettori/settori usi finali.tutto parte dalla costruzione di un bilancio energetico sugli

Dettagli

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Lo strumento conoscitivo a misura di Patto dei Sindaci Diamo valore al Clima: Efficienza, Sostenibilità, Competitività Stefania

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio In collaborazione con Comune di Villa di Serio Comune di Nembro Comune di Pradalunga INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio -: i consumi energetici e le emissioni a NEMBRO Domenico Leo

Dettagli

Conoscere le f Conoscer e le f nti di emissione di CO2 L In v In e v ntario di Base delle Emissioni Dr. Dr Davide Lionello vide Lionello Servizio

Conoscere le f Conoscer e le f nti di emissione di CO2 L In v In e v ntario di Base delle Emissioni Dr. Dr Davide Lionello vide Lionello Servizio Conoscere le fonti di emissione di CO2 L Inventario di Base delle Emissioni Dr. Davide Lionello, Servizio Ambiente 08 Ottobre 2012 08 Ottobre 2012 San Donà di Piave VE L Inventario di Base delle Emissioni

Dettagli

MOZZANICA. Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di. Protocollo Comunale N. Revisione. Data. 16 Febbraio 2012. Estremi Approvazione

MOZZANICA. Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di. Protocollo Comunale N. Revisione. Data. 16 Febbraio 2012. Estremi Approvazione Comune di MOZZANICA Piano d Azione per l Energia Sostenibile Protocollo Comunale N. Revisione Data 00 16 Febbraio 2012 Estremi Approvazione Delibera C.C. n. del 1 INDICE 1. L INIZIATIVA DEL PATTO DEI SINDACI.

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 SPES Consulting srl Ing. Adriano PESSINA LITOS Progetti srl Ing. Piero Lo Duca SPES Consulting

Dettagli

Metodologia. 5 rapporto sull energia

Metodologia. 5 rapporto sull energia 2 Metodologia 5 rapporto sull energia 23 2.1 Usi finali e consumi finali Per l aggiornamento del bilancio energetico provinciale al 2005 si è adottata la stessa metodologia utilizzata per il Quarto Rapporto

Dettagli

Il Patto dei Sindaci

Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa europea che unisce le autorità locali e regionali in un impegno comune per contribuire (raggiungendoli e superandoli)

Dettagli

L esperienza del Comune di Reggio Emilia

L esperienza del Comune di Reggio Emilia Convegno di presentazione IL PATTO DEI SINDACI PER I COMUNI DELL UNIONE VAL D ENZA L esperienza del Comune di Reggio Emilia Montecchio, 16 febbraio 2013 I firmatari del Patto si impegnano a ridurre di

Dettagli

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE Confini, campo di applicazione e settori Comune Residenza Industria Terziario pubblico QUALI SETTORI

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO ENERGETICO

Dettagli

INVENTARIO BASE DELLE EMISSIONI FASE A. Piano di Azione per l'energia Sostenibile. Comune di Nembro

INVENTARIO BASE DELLE EMISSIONI FASE A. Piano di Azione per l'energia Sostenibile. Comune di Nembro FASE A INVENTARIO BASE DELLE EMISSIONI Piano di Azione per l'energia Sostenibile Comune di Nembro DOC. 002 15.07.2011 INDICE 1. STRATEGIA GENERALE 3 1.1 Obiettivo generale di riduzione delle emissioni

Dettagli

Piano Energetico Comunale di Prato. Relazione di Sintesi

Piano Energetico Comunale di Prato. Relazione di Sintesi Piano Energetico Comunale di Prato Relazione di Sintesi 05/06/2013 Indice 1 OBIETTIVI DEL PEC... 3 2 MODALITA OPERATIVE... 3 3 LE FASI DEL PEC... 4 4 IL PIANO D AZIONE... 7 2 1 OBIETTIVI DEL PEC Gli obiettivi

Dettagli

RELAZIONE DI ATTUAZIONE CAMMINARE PER CRESCERE PIANO D'AZIONE PER L'ENERGIA SOSTENIBILE 0-2 2-10 10-20 20+

RELAZIONE DI ATTUAZIONE CAMMINARE PER CRESCERE PIANO D'AZIONE PER L'ENERGIA SOSTENIBILE 0-2 2-10 10-20 20+ CAMMINARE PER CRESCERE 0-2 2-10 10-20 20+ PIANO D'AZIONE PER L'ENERGIA SOSTENIBILE UN MODO PER FARE DELL ENERGIA UN CONCETTO SOSTENIBILE PER FAMIGLIA E AMBIENTE ADESIONE PAES MEI 2013 RELAZIONE DI ATTUAZIONE

Dettagli

OPEN ENERGY Comune di Merano. 20.03.2015 L Alto Adige verso Klimaland Presentazione PAES del Comune di Merano

OPEN ENERGY Comune di Merano. 20.03.2015 L Alto Adige verso Klimaland Presentazione PAES del Comune di Merano OPEN ENERGY Comune di Merano 20.03.2015 L Alto Adige verso Klimaland Presentazione PAES del Comune di Merano Indice: Progetto Open Energy Inventario delle emissioni di Merano nel 2005 e 2010 Azioni e simulazioni

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

L Inventario delle Emissioni del Comune di Padova

L Inventario delle Emissioni del Comune di Padova L Inventario delle Emissioni del Comune di Padova Padova verso il Piano Clima Michele Zuin Settore Ambiente Comune di Padova Adesione al Patto dei sindaci e alla Campagna SEE Con deliberazione di Consiglio

Dettagli

STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020

STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020 STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020 MAURO BROLIS IL PATTO DEI SINDACI: ESPERIENZE E SOLUZIONI PRATICHE PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI DI RISPARMIO ENERGETICO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI Obiettivi del

Dettagli

DOMANDA DI ADESIONE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO Terre di Siena Carbon Free 2015

DOMANDA DI ADESIONE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO Terre di Siena Carbon Free 2015 Allegato A al Disciplinare del marchio Terre di Siena Carbon Free 2015 per la riduzione delle emissioni climalteranti DOMANDA DI ADESIONE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO Terre di Siena Carbon Free 2015 Al Presidente

Dettagli

La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi: problematiche riscontrate e soluzioni adottate.

La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi: problematiche riscontrate e soluzioni adottate. Piani d Azione per l Energia Sostenibile Aspetti tecnici ed operativi Trento, 15 maggio 2014 SalaBelli,PiazzaDanten.15 La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi:

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Patto dei Sindaci e l Inventario di Base delle Emissioni (IBE) I incontro : consumi energetici ed emissioni di CO2 nel Preganziol 31/03/2015 Il Patto dei Sindaci

Dettagli

AGENZIA PER L ENERGIA LO SVILUPPO SOSTENIBILE di Modena A.E.S.S.

AGENZIA PER L ENERGIA LO SVILUPPO SOSTENIBILE di Modena A.E.S.S. AGENZIA PER L ENERGIA LO SVILUPPO SOSTENIBILE di Modena A.E.S.S. Via Caruso, 3 41122 Modena Tel. 59-45127 Fax 59-3161939 P.Iva/Cod.Fisc. 257491366 E-mail: info@aess-modena.it Web: www.aess-modena.it COMUNE

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE per il Comune di Ruffano. Ing. Matteo Morelli Presentazione della bozza PAES Ruffano, 26/02/2013

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE per il Comune di Ruffano. Ing. Matteo Morelli Presentazione della bozza PAES Ruffano, 26/02/2013 IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE per il Comune di Ruffano Ing. Matteo Morelli Presentazione della bozza PAES Ruffano, 26/02/2013 IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE ANALISI DEL TERRITORIO

Dettagli

Allegato C - Procedura di stima dei consumi termici ed elettrici del settore pubblico.

Allegato C - Procedura di stima dei consumi termici ed elettrici del settore pubblico. - Procedura di stima dei consumi termici ed elettrici del settore pubblico. I consumi di energia termica nel settore pubblico nella Città di Torino La stima dei consumi di energia termica del settore pubblico

Dettagli

I Piani di Azione per l Energia Sostenibile: rassegna di metodologie ed esperienze

I Piani di Azione per l Energia Sostenibile: rassegna di metodologie ed esperienze I Piani di Azione per l Energia Sostenibile: rassegna di metodologie ed esperienze PROVINCIA DI TORINO Silvio De Nigris denigris@provincia.torino.it Le attività della Provincia di Torino in materia di

Dettagli

PAES piano d azione per l energia sostenibile

PAES piano d azione per l energia sostenibile capofila: CASALBUTTANO ED UNITI ANNICCO, AZZANELLO, CAPPELLA CANTONE, CASALMORANO, CASTELVISCONTI, GENIVOLTA, PADERNO PONCHIELLI, SORESINA, TRIGOLO con il contributo per il bando 211 _ Promuovere la sostenibilità

Dettagli

Incontro pubblico di presentazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Latina, 24 ottobre 2013

Incontro pubblico di presentazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Latina, 24 ottobre 2013 Facoltà di Ingegneria civile e industriale Polo di Latina Incontro pubblico di presentazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Latina, 24 ottobre 2013 Progetto PAES Collaborazione Università

Dettagli

Estratto Bilancio Energetico Comunale

Estratto Bilancio Energetico Comunale Data N. incarto Oggetto Proprietà 31 maggio 2011 11316 Città dell Energia AMB Estratto Bilancio Energetico Comunale Comune di Bellinzona - 2010 Bilancio Energetico Globale BILECO Bellinzona 31/05/2011

Dettagli

L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI. Giovanni Vicentini

L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI. Giovanni Vicentini L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI Giovanni Vicentini La strategia europea al 2020 20% di fonti rinnovabili nei consumi energetici per usi finali 20% in meno (rispetto al livello tendenziale al 2020) nei consumi

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Ing. Vito Aliquò Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Castroreale (ME) Pag. 1. Piano d Azione per l Energia Sostenibile del comune di Castroreale (ME) CONSULENZA TECNICA E SCIENTIFICA DI:

Dettagli

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016 PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO IL PAES e GLI OBIETTIVI Ricognizione su tutto il territorio comunale degli

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

PAES piano d azione per l energia sostenibile

PAES piano d azione per l energia sostenibile capofila: LAVENO MOMBELLO ANGERA, BESOZZO, BREBBIA, BREGANO, COMABBIO, CADREZZATE, LEGGIUNO, MERCALLO, MONVALLE, OSMATE, RANCO, TAINO, VARANO BORGHI con il contributo per il bando 2011 _ Promuovere la

Dettagli

IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE

IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE PROGETTO CLIMA Nel definire gli interventi da inserire nel progetto CLIMA

Dettagli

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06)

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) 1. Introduzione I consumi di energia all utilizzatore (domestico, industriale, commerciale, per trasporti, agricolo, amministrativo, ecc) nelle

Dettagli

Piano di Azione per l Energia Sostenibile Comunità della Valdi Non

Piano di Azione per l Energia Sostenibile Comunità della Valdi Non Piano di Azione per l Energia Sostenibile Comunità della Valdi Non ing. Alberto Bonomi ing. Christian Tiso Via delle Regole85, 38123 TRENTO 1 Patto dei Sindaci Inventario base delle emissioni Azioni per

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

Gli indicatori analizzati

Gli indicatori analizzati Gli indicatori analizzati - Consumi finali per fonte energetica e per settore (P) - Consumi elettrici (P) - Intensità energetica (consumi finali/valore aggiunto) (P) - Contributo all effetto serra - emissioni

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE:

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE: IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE: Un modello di sviluppo per i territori 08/05/2014 ORE 17.00 SAN ZENONE DEGLI EZZELINI Centro polivalente La Roggia - via Caozocco, 10 IL PATTO DEI SINDACI:

Dettagli

1. AUDIT ENERGETICO DEI 250 EDIFICI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA E REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA INFORMATICA Audit GIS

1. AUDIT ENERGETICO DEI 250 EDIFICI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA E REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA INFORMATICA Audit GIS Titolo: Dal Censimento dei consumi energetici degli edifici pubblici all attuazione dei PAES della Provincia della Spezia Arch. Paola Giannarelli 18 marzo 2011 ISOLA DI SAN SERVOLO - VENEZIA DAL CENSIMENTO

Dettagli

delle emissioni locali nell'appennino bolognese. Ing. Natale Massimo Caminiti

delle emissioni locali nell'appennino bolognese. Ing. Natale Massimo Caminiti L a metodologia CISA per la contabilità delle emissioni locali nell'appennino bolognese. Ing. Natale Massimo Caminiti La contabilità di emissioni di gas serra a scala comunale: proposte per i comuni dell'appennino

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI 1.1 Energia La dinamica dei consumi energetici è strettamente connessa all andamento della produzione e dei consumi del sistema regionale. Dalla metà degli anni 90 il consumo di energia da parte della

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali Università di Bologna ONLUS Luce&Vita energia Noi nel nostro piccolo Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Leonardo Setti Polo di Rimini

Dettagli

ERRATA CORRIGE MANUALE STRUMENTI DI CALCOLO PROTOCOLLO ITACA MARCHE

ERRATA CORRIGE MANUALE STRUMENTI DI CALCOLO PROTOCOLLO ITACA MARCHE ERRATA CORRIGE MANUALE STRUMENTI DI CALCOLO PROTOCOLLO ITACA Par. 2.3 Foglio 2.1.1 3.1.1b - Pag. 17: Sezione Serramenti In questa sezione vengono inseriti i materiali impiegati nei serramenti collocati

Dettagli

Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno

Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno EMISSIONI DA RIDURRE Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno Questo dato ci ha consentito l individuazione delle emissioni totali

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

I mercati per l ambiente

I mercati per l ambiente I mercati per l ambiente Il piano «20-20-20» A marzo 2007, il Consiglio Europeo si è prefissato di raggiungere entro l anno 2020: a)la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra di almeno il 20%

Dettagli

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile 21 Ottobre 2015 Efficienza energetica degli edifici: il valore della casa, il valore dell ambiente con

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI Comune di Vicoli INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI ALLEGATO 1 1) Anno di riferimento dell'inventario 2005 Indicare il numero di abitanti nell'anno di inventario: 431 2) Fattori di emissione fattori di

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Bilancio energetico dell'ente Provincia di Torino

Bilancio energetico dell'ente Provincia di Torino 7 Bilancio energetico dell'ente Provincia di Torino 5 rapporto sull energia 133 7.1 Premessa Mediante uno studio specifico realizzato in collaborazione con il Dipartimento di Energetica del Politecnico

Dettagli

2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI

2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI 2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI 2.7.1 INDICATORE 1: Consumo procapite di combustibili nel settore civile Settore: Usi civili. Indicatore: Consumo procapite di combustibili normalizzato sui gradi giorno nel

Dettagli

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE Mauro Fasano U.O. Energia e Reti Tecnologiche Dino De Simone Direzione Energia Finlombarda IL PEAR

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

Ing. Fabio Minchio L AUDIT ENERGETICO ENERGIA: DA COSTO INCONTROLLATO A VARIABILE STRATEGICA. 1. costo inevitabile e incontrollato

Ing. Fabio Minchio L AUDIT ENERGETICO ENERGIA: DA COSTO INCONTROLLATO A VARIABILE STRATEGICA. 1. costo inevitabile e incontrollato Ing. Fabio Minchio L AUDIT ENERGETICO ENERGIA: DA COSTO INCONTROLLATO A VARIABILE STRATEGICA 1. costo inevitabile e incontrollato 2. costo controllato 3. costo pianificato 4. costo pianificato + valore

Dettagli

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico In questa sezione si analizzano gli aspetti economici, ambientali ed occupazionali collegati alla sviluppo del fotovoltaico. Aspetti economici Per quanto

Dettagli

Carbon Footprint di un organizzazione

Carbon Footprint di un organizzazione CHE COSA E LA CARBON FOOTPRINT? La Carbon Footprint misura il contributo che le attività umane producono sull effetto serra, espresso in tonnellate di biossido di carbonio equivalente (CO 2 eq). Il tema

Dettagli

Dott. Daniel Caratti- Ecuba

Dott. Daniel Caratti- Ecuba LA PROGETTAZIONE DELLE AZIONI NEL SEAP Dott. Daniel Caratti- Ecuba Patto dei Sindaci: di cosa si tratta? -Il Patto dei Sindaci è un impegno formale a superare gli obiettivi europei 20-20- 20 in termini

Dettagli

Gasolio per riscaldamen to (t)

Gasolio per riscaldamen to (t) COMUNE DI Lucca 1. INVENTARIO DELLE EMISSIONI BASELINE ANNO DI RIFERIMENTO: 2005 Inventario delle emissioni - Edifici Anno 2005 EDIFICI Residenziale (riscaldamento/ usi domestici ) Riscaldamento/u si domestici

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

L importanza del risparmio energetico nella raffinazione

L importanza del risparmio energetico nella raffinazione L importanza del risparmio energetico nella raffinazione Conferenza Nazionale per l'efficienza Energetica Roma, 21-22 novembre 2012 www.eni.it I consumi energetici: Il pianeta di notte Domanda di energia

Dettagli

Il mercato energetico in Italia: vantaggi e opportunità per le PMI

Il mercato energetico in Italia: vantaggi e opportunità per le PMI 1 Il mercato energetico in Italia: vantaggi e opportunità per le PMI Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Sviluppo del Sistema Elettrico Workshop Fondazione idi Milano, 11 Novembre 2010 www.gsel.it1

Dettagli

I lavori preparatori all inventario delle emissioni provinciali

I lavori preparatori all inventario delle emissioni provinciali PIANO DI AZIONE AMBIENTALE PER UN FUTURO SOSTENIBILE 2008/2010: PIANI "CLIMA LOCALE" I lavori preparatori all inventario delle emissioni provinciali Fiera Ecomondo 11 novembre 2011 Dott.ssa Claudia Ozzi

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

SULL'ENERGIA ELETTRICA

SULL'ENERGIA ELETTRICA ti ti DATI STATISTICI SULL'ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA Quadro di sintesi al 11 marzo 2011 TABELLA 1 BILANCIO DELL'ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA Bilancio Produzione lorda 298.208 292.642 5.566 1,9% Servizi

Dettagli

PATTO DEI SINDACI E PIANI D AZIONE. ESPERIENZE EUROPEE E POTENZIALE IN ITALIA. Maria Berrini, Presidente Ambiente Italia

PATTO DEI SINDACI E PIANI D AZIONE. ESPERIENZE EUROPEE E POTENZIALE IN ITALIA. Maria Berrini, Presidente Ambiente Italia PATTO DEI SINDACI E PIANI D AZIONE. ESPERIENZE EUROPEE E POTENZIALE IN ITALIA Maria Berrini, Presidente Ambiente Italia Città in movimento Oltre 3.200 governi locali negli ultimi 15 anni hanno aderito

Dettagli

Comune di Alzano Lombardo (BG) Monitoraggio e aggiornamento del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) ANNO 2013

Comune di Alzano Lombardo (BG) Monitoraggio e aggiornamento del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) ANNO 2013 Comune di Alzano Lombardo (BG) Monitoraggio e aggiornamento del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) ANNO 2013 Comune di Alzano Lombardo (BG) MONITORAGGIO CONSUMI ED EMISSIONI DI CO 2 Situazione

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO Riccardo Tardiani Coordinamento Ambiente Comune di Verona Smart Energy Expo - Sala Smart City y & Communities

Dettagli