Il Patto dei Sindaci e il PAES

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Patto dei Sindaci e il PAES"

Transcript

1 1 Forum di concertazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile 24 ottobre 2013 Sala Museo Cambellotti - Latina Il Patto dei Sindaci e il PAES Un impegno per l energia sostenibile Comune di Latina - Servizio Ambiente - Ufficio Energia Ing. Luciana D Ascanio - Energy Manager del Comune di Latina D.ssa Jessica Brighenti - Collaboratore tecnico per il Patto dei Sindaci

2 2 Il FORUM DI CONCERTAZIONE Si presenta oggi la bozza del Piano di Azione per l Energia Sostenibile (PAES) elaborato dal Comune che delinea il profilo energetico della città e definisce gli ambiti di intervento e le iniziative da realizzare in tema di efficienza energetica e riduzione delle emissioni climalteranti. L attività di coinvolgimento della cittadinanza e dei portatori di interesse nella stesura finale del PAES è un elemento fondamentale del processo affinché il Piano possa risultare operativo ed efficace. A questo scopo si apre il Forum per la concertazione del PAES, come occasione per condividere, con tutti gli attori del territorio: il percorso sinora intrapreso dall Amministrazione la proposta di azioni da mettere in campo e per proporre le soluzioni e gli strumenti, anche finanziari, utili al raggiungimento degli obiettivi.

3 Il Forum di Concertazione I TAVOLI TEMATICI A questo appuntamento seguono Tavoli di lavoro tematici su due specifici argomenti strategici volti a definire le azioni del Piano: Tavolo A Una mobilità sostenibile Tavolo B Efficienza energetica nell edilizia e fonti energetiche rinnovabili Per mettere a punto le aree di intervento e le possibili azioni comuni da intraprendere, per costruire in modo partecipato le azioni del Piano, condividendo gli obiettivi, affinando e concretizzando le azioni anche attraverso proposte di accordi e collaborazioni. La discussione dei tavoli si dovrà focalizzare su tre punti chiave: proposte di affinamento delle azioni del PAES e collaborazioni barriere e vincoli: quali sono le criticità e i vincoli da tenere presente ruoli: chi sono i soggetti chiave da coinvolgere La sessione plenaria illustrerà l elaborazione degli spunti emersi i risultati dei tavoli tematici.

4 4 Il Patto dei Sindaci e il PAES L Unione Europea si è impegnata a ridurre entro il 2020 le proprie emissioni totali almeno del 20% rispetto al Le autorità locali hanno un ruolo di primo piano nel raggiungimento degli obiettivi climatici ed energetici fissati dall Unione Europea. Il Patto dei Sindaci è un iniziativa per cui la Città si impegna volontariamente a ridurre le proprie emissioni di CO 2 oltre l obiettivo del 20% fino al Questo impegno formale viene perseguito presentando all Unione Europea i seguenti documenti: Un Inventario di Base delle Emissioni (IBE) Un Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES).

5 Il Patto dei Sindaci e il PAES L IBE E IL PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) fornisce indicazioni sulle fonti di CO 2 presenti sul territorio comunale e le quantifica. Si tratta quindi di un prerequisito per l elaborazione del PAES, in quanto permette di individuare gli interventi più appropriati. Gli inventari effettuati negli anni successivi permetteranno di valutare il livello di riduzione di CO 2 e, se necessario, di prendere ulteriori provvedimenti. Tenendo in considerazione i dati dell IBE, il Piano di Azione per l Energia Sostenibile (PAES) definisce le azioni concrete di riduzione delle emissioni di CO 2, insieme a tempi e responsabilità. Il PAES, da approvare in Consiglio, deve essere presentato entro novembre 2013 all Unione Europea e periodicamente (ogni 2 anni) devono essere presentati dei rapporti sull attuazione, indicando i progressi raggiunti.

6 Il Patto dei Sindaci e il PAES Il PAES, quindi, è lo strumento che il Comune adotterà per perseguire gli obiettivi Europei di riduzione delle emissioni di CO 2. Un impegno che coinvolgerà tutto il territorio del Comune di Latina nella lotta contro il riscaldamento globale. Il lavoro non finisce con la definizione del PAES e la sua approvazione formale. Al contrario, questo momento segna l inizio del lavoro concreto per la messa in pratica delle azioni programmate. Il PAES, inoltre, non deve essere considerato come un documento rigido e vincolante. Con il cambiare delle circostanze e man mano che gli interventi forniscono dei risultati lo si può rivedere.

7 Il Patto dei Sindaci e il PAES LA SFIDA DEL PAES Il PAES rappresenta una grande opportunità per la città, perché consentirà di programmare e realizzare interventi specifici sulle tematiche energetiche e ambientali a favore della collettività e in grado di stimolare l economia verde locale attraverso azioni mirate nei settori che maggiormente incidono sul consumo di energia e la produzione di emissioni di gas serra. L occasione per consolidare il percorso intrapreso dall Amministrazione comunale verso un modello di Sviluppo Sostenibile del territorio. L attuazione del PAES può costituire inoltre l opportunità per accedere ai finanziamenti messi a disposizione dall Unione Europea. Per attivarli è però necessario costruire una forte sinergia locale fra partner pubblici e privati su progetti condivisi e concreti.

8 Il Patto dei Sindaci e il PAES I CAMPI DI AZIONE DEL PAES Gli obiettivi principali delle azioni del PAES riguardano i campi dell edilizia, delle infrastrutture urbane, della mobilità e degli impianti. Sono compresi interventi relativi alla produzione locale di elettricità e generazione locale di raffreddamento/riscaldamento. Inoltre, il PAES comprende considerazioni riguardo le aree, come la pianificazione urbana e territoriale, che influenzano a lungo termine il consumo di energia. Gli interventi riguardano sia il settore pubblico, sia quello privato. L Amministrazione comunale dà comunque il buon esempio adottando delle azioni per i propri edifici, impianti, parco auto, ecc.

9 Il Patto dei Sindaci e il PAES LE AZIONI DEL PAES Il PAES contiene una serie di azioni già avviate e da attivare, ad ognuna delle quali viene attribuita una riduzione di emissioni annue di CO 2 conseguibile. Le azioni non hanno tutte lo stesso peso: alcune di queste spostano grossi numeri in termini di risparmio energetico mentre altre, pur non avendo efficacia diretta, sono finalizzate a creare la cornice di strumenti necessari. Pertanto tutte hanno un ruolo significativo nel bilancio complessivo del Piano. Le azioni proposte tengono conto: delle buone pratiche (che hanno prodotto risultati efficaci in contesti analoghi) delle priorità per definire i provvedimenti principali (mettere in pratica l intera lista di possibili azioni potrebbe superare le capacità attuali del bilancio comunale in termini di costi. Pertanto è stata fatta una selezione delle azioni da svolgere in un determinato arco temporale) dei rischi (che probabilità ci sono che l azione non vada a buon fine o che non dia risultati sperati? In termini di tempo, budget, risorse, ecc.)

10 Il Patto dei Sindaci e il PAES Ogni azione è illustrata attraverso una scheda che individua: Il campo d azione La tempistica (date di inizio e fine) Il responsabile dell attuazione La modalità di finanziamento La modalità di monitoraggio Poiché non sempre è possibile programmare in dettaglio misure e budget concreti per periodi così lunghi, le azioni sono state distinte tra: Lunghe (L) una visione, con una strategia di lungo periodo e degli obiettivi fino al 2020, che comprende un impegno formale in aree come la pianificazione territoriale, trasporti e mobilità, standard per edifici nuovi o ristrutturati, ecc. Brevi (B) misure dettagliate per i prossimi 2-3 anni (mandato politico).

11 11 Forum di concertazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile 24 ottobre 2013 Sala Museo Cambellotti - Latina Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Comune di Latina - Servizio Ambiente - Ufficio Energia Ing. Luciana D Ascanio - Energy Manager del Comune di Latina D.ssa Jessica Brighenti - Collaboratore tecnico per il Patto dei Sindaci

12 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) PREMESSA L Inventario Base delle Emissioni (IBE) è lo strumento che quantifica la CO 2 emessa nel territorio comunale nell anno di riferimento. Il documento permette di identificare le principali fonti antropiche di emissioni di CO 2 e quindi di assegnare l opportuna priorità alle relative misure di riduzione inserite nel PAES. L IBE è inoltre la base di partenza per la compilazione degli inventari delle emissioni negli anni successivi (IME -Inventario di Monitoraggio delle Emissioni) che consentiranno il monitoraggio dei progressi rispetto all obiettivo prefissato, da comunicare ogni due anni all Unione Europea. Il Modulo PAES, sezione IBE, rappresenta una sintesi dell IBE e al suo interno vengono inseriti i dati di consumi di energia legati al consumo energetico finale e alla produzione locale di elettricità e calore, e le rispettive emissioni di CO 2.

13 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Elementi chiave dell IBE sono: L anno base I dati di attività I fattori di emissione (necessari a quantificare le emissioni di CO 2 per i singoli vettori energetici sulla base dei dati di attività) L anno base scelto per l IBE della Città di Latina è il 2008, risultando l anno più prossimo al 1990 di cui si dispone un quadro il più possibile completo ed esaustivo di CO 2 emessa nel territorio comunale. I dati raccolti sono stati aggiornati su base annua fino al 2011 in modo da costituire una serie storica dei consumi.

14 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Nella definizione dell obiettivo complessivo di riduzione delle emissioni di CO 2 è stata scelta una quantificazione in termini di riduzione assoluta. La metodologia di elaborazione dell IBE, compresa la raccolta dei dati e l analisi, è stata portata avanti facendo riferimento alle indicazioni contenute all interno delle linee guida fornite dalla Unione Europea. Si è cercato inoltre di ottenere dati il più possibile diretti, limitando a casi circoscritti la disaggregazione di dati provenienti da livelli superiori (provinciale, regionale, nazionale, etc.), in modo tale da poter ottenere un quadro il più possibile veritiero e coerente con il contesto locale. Nell IBE si sono quantificate le emissioni di CO 2 dirette ed indirette: per emissioni dirette si intendono le emissioni dovute alla combustione di carburante all interno del territorio comunale (edifici, attrezzature/impianti, trasporti); per emissioni indirette si intendono le emissioni legate alla produzione di elettricità, calore o freddo consumati all interno del territorio (anche nel caso siano prodotti altrove).

15 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) I CONFINI DELL IBE L inventario comprende le emissioni per le quali l Amministrazione ha competenza diretta o ha modo di intervenire in forma indiretta, attraverso il coinvolgimento di interlocutori chiave o mediante strumenti regolatori. Sono esclusi, pertanto, i dati relativi alle infrastrutture di carattere sovracomunale, quali l autostrada, o le emissioni di aziende di grandi dimensioni che aderiscono già obbligatoriamente a meccanismi europei di Emission Trading Inoltre, non sono state considerate le emissioni generate dalla gestione e dallo smaltimento dei rifiuti in quanto non riconducibili a usi energetici

16 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Nella elaborazione dell IBE, strutturato secondo le indicazioni del modulo PAES, sono stati analizzati i consumi energetici finali e le rispettive emissioni di CO 2 dei seguenti settori aggregati per categoria di appartenenza: È stato incluso il settore industriale (facoltativo), visto il peso dei consumi energetici di tale settore all interno del bilancio territoriale delle emissioni di CO 2. CATEGORIA SETTORI CATEGORIA SETTORI EDIFICI, ATTREZZATURE/IMPIANTI E INDUSTRIE Edifici, attrezzature/impianti comunali Edifici, attrezzature/impianti terziari (non comunali) Edifici residenziali Illuminazione pubblica comunale Industrie (escluse le industrie contemplate nel Sistema europeo di scambio delle quote di emissione ETS) (facoltativo) TRASPORTI Parco auto comunale Trasporti pubblici Trasporti privati e commerciali

17 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Nell elaborazione dell IBE oltre ai consumi energetici finali è stata quantificata la produzione locale di elettricità (facoltativa) in virtù della presenza diffusa di impianti fotovoltaici nel territorio comunale e al fine di abbassare il fattore di emissione locale per l elettricità. Dalla Tabella si evince come l IBE risulti distinto in consumi Comunali (Amministrazione ) e consumi Non Comunali (Cittadinanza), che sommati restituiscono i consumi totali della Città di Latina come confine geografico ed amministrativo. Con l adesione al Patto dei Sindaci l Amministrazione si è impegnata in primo piano nella riduzione delle proprie emissioni di CO 2 ; quantificando separatamente i propri consumi è in grado di formulare le relative azioni di riduzione con risultati quantificabili e misurabili, dando così il buon esempio alla Cittadinanza. amministrazione comunale cittadinanza Città di Latina Edifici, attrezzature/impianti comunali Illuminazione pubblica comunale Parco auto comunale Trasporti pubblici Edifici, attrezzature/impianti terziari non comunali Edifici residenziali Industrie (escluse ETS) Trasporti privati e commerciali totale

18 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) FONTE DEI DATI Edifici, attrezzature/impianti comunali Edifici, attrezzature/impianti terziari non comunali Edifici residenziali Illuminazione pubblica comunale Industrie (escluse ETS) EDIFICI, ATTREZZATURE/IMPIANTI E INDUSTRIE consistenza edifici comunali Ufficio Provveditorato e Cassa, Servizio Energia (CL) consumi termici edifici comunali GAS Servizio Energia (CL) consumi termici edifici comunali GASOLIO Ufficio Provveditorato e Cassa (CL) consumi termici edifici comunali GPL Servizio Energia (CL) consumi elettrici edifici comunali Servizio Energia (CL) consumi impianti sportivi comunali Servizio Energia(CL) consumi elettrici impianti gestione acque AcquaLatina S.p.A. consistenza parco edilizio terziario Ufficio Tributi (CL) consumi elettrici terziario Enel Distribuzione S.p.A. consumi gas terziario SNAM italgas consistenza parco edilizio residenziale Ufficio Tributi (CL) consumi elettrici Enel Distribuzione S.p.A. consumi gas SNAM italgas consistenza parco illuminazione comunale Servizio Energia (CL) consumi elettrici illuminazione comunale Servizio Energia (CL) consistenza e consumi elettrici semafori Serv.Mob.Trasp.- Serv. Energia (CL) consistenza industrie Camera di Commercio Latina consumi elettricità Enel Distribuzione S.p.A. consumi gas SNAM Rete Gas S.p.A. Parco auto comunale Trasporti pubblici Trasporti privati e commerciali TRASPORTI consistenza parco auto comunale consumi parco auto comunale consistenza parco veicoli rifiuti urbani consumi parco veicoli rifiuti urbani consistenza parco trasporti comunali consumi trasporti comunali consistenza parco auto privato compravendita dei prodotti petroliferi per i consumi di combustibile Ufficio Provveditorato e Cassa (CL) Ufficio Provveditorato e Cassa (CL) Latina Ambiente S.p.A. Latina Ambiente S.p.A. Servizio Mobilità (CL) e Atral Scrl Atral Scrl ACI Latina Agenzia delle Dogane e dei Monopoli produzione locale di elettricità impianti fotovoltaici PRODUZIONE LOCALE DI ELETTRICITA' GSE Atlasole

19 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) METODOLOGIA RACCOLTA E SISTEMATIZZAZIONE DEI DATI La fase di raccolta, sistematizzazione ed analisi dati è risultata difficoltosa, sia per le informazioni riguardanti l Amministrazione che per quelle riguardanti la Cittadinanza. Per la raccolta e l analisi dei dati totali necessari alla redazione dell IBE e alla compilazione del Modulo PAES-sezione IBE, è stato realizzato un database ad hoc con fogli di calcolo specifici per ogni settore di indagine. Tale database contiene il trend dei dati energetici dal 2008 al 2011 (per alcune voci anche dal 2003 e fino al 2012) ed è aggiornabile di anno in anno al fine di monitorare l efficacia delle azioni proposte nel PAES e di inviare il rapporto biennale all Unione Europea nella veste dell IME (Inventario di Monitoraggio delle Emissioni). E necessario sottolineare che in caso di dati forniti per l intero territorio comunale come confine amministrativo si è provveduto opportunamente a sottrarre da tali valori i consumi dell Amministrazione in essi inglobati, per evitare il verificarsi di ridondanze nella valutazione dei consumi e per analizzare i consumi municipali in sede separata, come peraltro viene richiesto nelle linee guida.

20 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) METODOLOGIA DI CALCOLO DELLE EMISSIONI DI CO 2 Per il calcolo delle emissioni di CO 2 è possibile scegliere tra i due seguenti approcci: Standard LCA I fattori di emissione Standard, in linea con i principi IPCC, comprendono tutte le emissioni di CO 2 derivanti dall energia consumata nel territorio comunale, sia direttamente, tramite la combustione di carburanti all interno dell autorità locale, che indirettamente, attraverso la combustione di carburanti associata all uso dell elettricità e di calore/freddo nell area comunale. I fattori di emissione LCA (valutazione del ciclo di vita) prendono invece in considerazione l intero ciclo di vita del vettore energetico. Il fattore di emissione scelto per tale studio è quello standard.

21 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) METODOLOGIA DI CALCOLO DELLE EMISSIONI DI CO 2 Le emissioni di CO 2 per i consumi energetici finali AI fine di quantificare e analizzare i consumi energetici finali si sono considerati i seguenti vettori energetici: Elettricità Gas naturale Gas liquido (GPL) Gasolio da riscaldamento Gasolio auto Benzina E utile illustrare le differenti metodologie applicate per il calcolo delle emissioni di CO 2, che differiscono tra l elettricità e i combustibili fossili.

22 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) METODOLOGIA DI CALCOLO DELLE EMISSIONI DI CO 2 Le emissioni di CO 2 per i consumi energetici finali ELETTRICITA Per calcolare le emissioni di CO 2 derivanti dal consumo di elettricità all interno del territorio comunale si è dovuto calcolare il fattore di emissione locale per l elettricità (FEE) mediante la seguente formula: FEE = (CTE - PLE - AEV) x FENEE + CO2PLE + CO2AEV CTE E stato pertanto necessario recuperare i seguenti dati: Consumo totale di elettricità nel Comune di Latina Fattore di emissione nazionale per il consumo di elettricità Produzione locale di elettricità Acquisti di elettricità verde da parte dell autorità locale (Amministrazione non presenti) Il fattore di emissione locale risultante per il 2008 è di 0,439 tco2/mwh e non si discosta di molto dal fattore di emissione nazionale.

23 L Inventario Base delle Emissioni (IBE) METODOLOGIA DI CALCOLO DELLE EMISSIONI DI CO 2 Le emissioni di CO 2 per i consumi energetici finali COMBUSTIBILI FOSSILI Per il calcolo delle emissioni di CO 2 derivanti dai consumi energetici finali sono stati utilizzati i seguenti fattori di conversione, così come indicati nelle Linee Guida PAES, per i vettori energetici utilizzati nel territorio di cui è stato possibile reperire il dato di consumo. Combustibile Fattore di emissione di CO2 (t/mwh) Gas liquido (GPL) 0,227 Olio da riscaldamento 0,279 Gasolio da riscaldamento 0,267 Gasolio auto 0,267 Benzina 0,249

24 24 IBE 2008 IL BILANCIO DELLE EMISSIONI DI CO 2 Sintesi Comune di Latina - Servizio Ambiente - Ufficio Energia Ing. Luciana D Ascanio - Energy Manager del Comune di Latina D.ssa Jessica Brighenti - Collaboratore tecnico per il Patto dei Sindaci

25 25 Il modulo PAES Sezione IBE Lo strumento fornito dall Unione Europea per la quantificazione del bilancio energetico comunale

26 IBE 2008 Modulo PAES - Sezione IBE 26 A. Consumo energetico finale Tabelle A e B: Consumi energetici finali ed emissioni di CO 2 Categoria Elettricità Calore/fred do Gas naturale Gas liquido (GPL) Olio da riscaldamen to Gasolio auto (Diesel) Combustibili fossili CONSUMO ENERGETICO FINALE [MWh] Benzina Lignite Carbone Gasolio da Altri riscaldamen combustibil to i fossili Oli vegetali Biocarburan ti Energie rinnovabili EDIFICI, ATTREZZATURE/IMPIANTI E INDUSTRIE Edifici, attrezzature/impianti comunali , ,92 68, , ,54 Edifici, attrezzature/impianti terziari (non comunali) , , ,34 Edifici residenziali , , ,27 Illuminazione pubblica comunale , ,89 Industrie (escluse le industrie contemplate nel Sistema europeo , , ,80 di scambio delle quote di emissione ETS) Totale parziale edifici, attrezzature/impianti e industrie , ,20 68, , ,84 TRASPORTI Parco auto comunale 7.484,66 909, ,94 Trasporti pubblici 0, , ,21 Trasporti privati e commerciali 7.971, , , , ,74 Totale parziale trasporti 7.971, , , , ,88 Totale , , , , , , ,72 Altre biomasse Energia solare termica Energia geotermica Totale B. Emissioni di CO 2 o equivalenti di CO 2 Categoria Elettricità Calore/fred do Gas naturale Gas liquido (GPL) Olio da riscaldamen to Gasolio auto (Diesel) Emissioni di CO2 [t]/emissioni equivalenti di CO2 [t] Combustibili fossili Benzina Lignite Carbone Gasolio da Altri riscaldamen combustibil to i fossili Oli vegetali Biocarburan ti Energie rinnovabili EDIFICI, ATTREZZATURE/IMPIANTI E INDUSTRIE Edifici, attrezzature/impianti comunali 4779, ,67 15,64 502, ,77 Edifici, attrezzature/impianti terziari (non comunali) 75620, , ,12 Edifici residenziali 64006, , ,85 Illuminazione pubblica comunale 6212, ,03 Industrie (escluse le industrie contemplate nel Sistema europeo di scambio delle quote di emissione ETS) 82740, , ,25 Totale parziale edifici, attrezzature/impianti e industrie , ,30 15,64 502, ,02 TRASPORTI Parco auto comunale 1998,40 226, ,81 Trasporti pubblici 0, , ,75 Trasporti privati e commerciali 1610, , , , ,44 Totale parziale trasporti 1610, , , , ,01 ALTRO Smaltimento dei rifiuti Gestione delle acque reflue Indicate qui le altre emissioni del vostro comune Totale , , , , ,80 502, ,03 Corrispondenti fattori di emissione di CO2 in [t/mwh] 0,439 0,202 0,227 0,267 0,249 0,267 Fattore di emissione di CO2 per l'elettricità non prodotta localmente [t/mwh] Altre biomasse Energia solare termica Energia geotermica Totale

27 IBE 2008 Modulo PAES - Sezione IBE 27 TABELLE C e D: Produzione locale di elettricità e Produzione locale di calore/freddo C. Produzione locale di elettricità e corrispondenti emissioni di CO 2 Elettricità prodotta localmente (esclusi gli impianti ETS e tutti gli impianti/le unità > 20 MW) Elettricità prodotta localmente [MWh] Energia eolica Energia idroelettrica Fotovoltaico 154,14 Cogenerazione di energia elettrica e termica Gas liquido Gas naturale (GPL) Combustibili fossili Olio da riscaldamen to Lignite Vettore energetico utilizzato [MWh] Carbone Vapore Rifiuti Olio vegetale Altre biomasse Altre fonti rinnovabili Altro Emissioni di CO2 o equivalenti di CO2 [t] Altro Specificare: Totale 154,14 0,00 Fattori di emissione di CO2 corrispondenti per la produzione di elettricità in [t/mwh] D. Produzione locale di calore/freddo (teleriscaldamento/teleraffrescamento, cogenerazione di energia elettrica e termica...) e corrispondenti emissioni di CO 2 Calore/freddo prodotti localmente Cogenerazione di energia elettrica e termica Impianto(i) di teleriscaldamento Calore/fredd o prodotti localmente [MWh] Gas liquido Gas naturale (GPL) Combustibili fossili Olio da riscaldamen to Lignite Vettore energetico utilizzato [MWh] Carbone Rifiuti Olio vegetale Altre biomasse Altre fonti rinnovabili Altro Emissioni di CO2 o equivalenti di CO2 [t] Altro Specificare: Totale 0,00 Fattori di emissione di CO2 corrispondenti per la produzione di calore/freddo in [t/mwh]

28 28 IBE 2008 Il bilancio delle emissioni di CO 2 A - Inquadramento generale Città di Latina - Emissioni di CO ,03 tco2/a

29 IBE 2008 A - Inquadramento generale Suddivisione per categorie 29 Categorie IBE Trasporti 37,85% Edifici, attrezzature/impianti e industrie 62,15% Emissioni di CO2 [t] CATEGORIA 2008 Edifici, attrezzature/impianti e industrie ,02 Trasporti ,01 totale ,03

30 IBE 2008 A - Inquadramento generale Suddivisione per settore e vettore energetico 30 Settori IBE Vettori energetici Trasporti privati e commerciali 37,11% Edifici, attrezzature/impianti comunali 1,31% Edifici, attrezzature/impianti terziari non comunali 15,39% Gasolio auto 22,28% Benzina 13,37% Gasolio da riscaldamento 0,09% Elettricità 40,14% Trasporti pubblici 0,35% Edifici residenziali 20,31% Gas liquido (GPL) 1,92% Parco auto comunale 0,38% Industrie (escluse ETS) 24,07% Illuminazione pubblica comunale 1,07% Gas naturale 22,20% Emissioni di CO2 [t] CATEGORIA SETTORE 2008 Edifici, attrezzature/impianti comunali 7.609,77 EDIFICI, Edifici, attrezzature/impianti terziari non comunali ,12 ATTREZZATURE/ Edifici residenziali ,85 IMPIANTI E INDUSTRIE Illuminazione pubblica comunale 6.212,03 Industrie (escluse ETS) ,25 TRASPORTI Parco auto comunale 2.224,81 Trasporti pubblici 2.052,75 Trasporti privati e commerciali ,44 totale ,03 Emissioni di CO2 [t] VETTORE DI CONSUMO 2008 Elettricità ,33 Gas naturale ,47 Gas liquido (GPL) ,61 Gasolio auto ,07 Benzina ,80 Gasolio da riscaldamento 502,75 totale ,03

31 IBE 2008 Il bilancio delle emissioni di CO 2 B - Le Categorie IBE 31

32 IBE 2008 B Le Categorie IBE Edifici, attrezzature/impianti e industrie 32 Settori IBE Emissioni di CO2 [t] CATEGORIA SETTORE 2008 Edifici, attrezzature/impianti comunali 7.609,77 EDIFICI, Edifici, attrezzature/impianti terziari non comunali ,12 ATTREZZATURE/ Edifici residenziali ,85 IMPIANTI E INDUSTRIE Illuminazione pubblica comunale 6.212,03 Industrie (escluse ETS) ,25 totale ,02 Industrie (escluse ETS) 38,08% Illuminazione pubblica comunale 1,69% Edifici, attrezzature/impianti comunali 2,69% Edifici, attrezzature/impianti terziari non comunali 25,41% Edifici residenziali 32,13% Vettori energetici Emissioni di CO2 [t] Vettore di consumo 2008 Elettricità ,33 Gas naturale ,30 Gas liquido (GPL) 15,64 Gasolio da riscaldamento 502,75 totale ,02 Gas naturale 35,27% Gasolio da riscaldamento 0,14% Elettricità 64,59% Amministrazione e Cittadinanza Emissioni di CO2 [t] 2008 amministrazione comunale ,80 cittadinanza ,22 totale ,02 cittadinanza 96,17% amministrazione comunale 3,83%

33 IBE 2008 B Le Categorie IBE Trasporti 33 Settori IBE Emissioni di CO2 [t] CATEGORIA SETTORE 2008 Parco auto comunale 2.224,81 TRASPORTI Trasporti pubblici 2.052,75 Trasporti privati e commerciali ,44 totale ,01 Trasporti pubblici 0,93% Trasporti privati e commerciali 98,06% Parco auto comunale 1,01% Vettori energetici Emissioni di CO2 [t] Vettore di consumo 2008 Gas naturale 1.610,18 Gas liquido (GPL) ,97 Gasolio auto ,07 Benzina ,80 totale ,01 Benzina 35,32% Gas naturale 0,73% Gas liquido (GPL) 5,08% Gasolio auto 58,88% Amministrazione e Cittadinanza Emissioni di CO2 [t] 2008 amministrazione comunale 4.277,57 cittadinanza ,44 totale ,01 amministrazione comunale 1,94% cittadinanza 98,06%

34 IBE 2008 Il bilancio delle emissioni di CO 2 C Amministrazione e Cittadinanza 34

35 IBE 2008 C Amministrazione e Cittadinanza 35 Amministrazione e Cittadinanza amministrazione comunale 3,11% cittadinanza 96,89% Emissioni di CO2 [t] 2008 amministrazione comunale ,37 cittadinanza ,66 totale ,03

36 IBE 2008 C Amministrazione Suddivisione per settore e vettore energetico 36 Settori IBE Vettori energetici Parco auto comunale 12% Trasporti pubblici 12% Edifici, attrezzature/impianti comunali 42% Gasolio auto 22,38% Benzina 1,25% Gasolio da riscaldamento 2,78% Gas liquido (GPL) 0,09% Illuminazione pubblica comunale 34% Gas naturale 12,77% Emissioni di CO2 [t] Vettore di consumo 2008 Elettricità 60,73% Emissioni di CO2 [t] amministrazione comunale SETTORE 2008 Edifici, attrezzature/impianti comunali 7.609,77 Illuminazione pubblica comunale 6.212,03 Parco auto comunale 2.224,81 Trasporti pubblici 2.052,75 totale ,37 Elettricità ,73 Gas naturale 2.311,67 Gas liquido (GPL) 15,64 Gasolio auto 4.051,16 Benzina 226,41 Gasolio dal riscaldamento 502,75 totale ,37

37 IBE 2008 C Cittadinanza Suddivisione per settore e vettore energetico 37 Settori IBE Vettori energetici Trasporti privati e commerciali 38% Edifici, attrezzature/impianti terziari non comunali 16% Gasolio auto 22,28% Benzina 13,76% Elettricità 39,48% Edifici residenziali 21% Industrie (escluse ETS) 25% Gas liquido (GPL) 1,98% Gas naturale 22,50% Emissioni di CO2 [t] cittadinanza SETTORE 2008 Edifici, attrezzature/impianti terziari non comunali ,12 Edifici residenziali ,85 Industrie (escluse ETS) ,25 Trasporti privati e commerciali ,44 totale ,66 Emissioni di CO2 [t] Vettore di consumo 2008 Elettricità ,60 Gas naturale ,80 Gas liquido (GPL) ,97 Gasolio auto ,91 Benzina ,39 totale ,66

38 IME IL BILANCIO DELLE EMISSIONI DI CO 2 Sintesi 38

39 TRASPORTI EDIFICI, ATTREZZATURE/ IMPIANTI E INDUSTRIE Emissioni di CO2 (t) IBE 2008 C Cittadinanza Suddivisione per settore e vettore energetico , , , , , , , ,00 Emissioni di CO2 - Città di Latina Categoria Settore Edifici, attrezzature/impianti comunali 7.609, , , ,32 Edifici, attrezzature/impianti terziari non comunali , , , ,48 Edifici residenziali , , , ,23 Illuminazione pubblica comunale 6.212, , , ,46 Industrie (escluse ETS) , , , ,10 Parco auto comunale 2.224, , , ,44 Trasporti pubblici 2.052, , , ,24 Trasporti privati e commerciali , , , ,90 totale , , , ,17

40 Emissioni di CO2 [t] IBE 2008 C Cittadinanza Suddivisione per settore e vettore energetico , ,00 Città di Latina - Trend emissioni di CO Settori Edifici, attrezzature/impianti comunali Edifici, attrezzature/impianti terziari non comunali Edifici residenziali , ,00 Illuminazione pubblica comunale Industrie (escluse ETS) Parco auto comunale ,00 Trasporti pubblici 0, Trasporti privati e commerciali

41 41 Forum di concertazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile 24 ottobre 2013 Sala Museo Cambellotti - Latina La strategia del PAES Comune di Latina - Servizio Ambiente - Ufficio Energia Ing. Luciana D Ascanio - Energy Manager del Comune di Latina D.ssa Jessica Brighenti - Collaboratore tecnico per il Patto dei Sindaci

42 Il Patto dei Sindaci e il PAES L obiettivo che si pone il PAES è di ridurre le emissioni di CO 2 annue della Città di Latina del 23,03% rispetto al 2008, che corrisponde a circa ,96 ton/anno da conseguire entro il Grazie ad alcune azioni avviate negli ultimi anni, parte del percorso è stato fatto e ha prodotto una riduzione di emissioni complessiva di ,86 ton/anno pari al 12,70% del totale da raggiungere. Un risultato non trascurabile al quale hanno contribuito, tra i vari fattori: gli interventi di riqualificazione edilizia incentivati dalle detrazioni fiscali del 55% l efficientamento negli usi elettrici domestici il rinnovo del parco veicolare privato l introduzione massiccia di impianti fotovoltaici e di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili gli interventi sul patrimonio comunale (semafori al led, eliminazione vapori di mercurio nell illuminazione pubblica, ecc.) la flessione generale dei consumi nel settore dell edilizia privata come conseguenza della crisi economica

43 Il Patto dei Sindaci e il PAES CITTA SETTORE TCO2/a 2008 RIDUZIO NE % AL 2020 TCO2/a 2011 RIDUZIONE OTTENUTA % 2011 RISPETTO AL 2008 REDISUO % AL TARGET 2020 Edifici, attrezzature/impianti comunali 7.609,77-17, ,32-2,10-15,13 Edifici, attrezzature/impianti terziari non comunali ,12-20, ,48-17,05-2,95 Edifici residenziali ,85-20, ,23-16,21-3,79 Illuminazione pubblica comunale 6.212,03-61, ,46-24,75-36,98 Industrie (escluse ETS) ,25-30, ,10-27,62-2,38 Parco auto comunale 2.224,81-17, ,44-6,17-11,58 Trasporti pubblici 2.052,75-20, ,24 0,90-20,90 Trasporti privati e commerciali ,44-20, ,90 0,49-21,09 totale ,03-23, ,17 12,70-10,34 PRODUZIONE LOCALE DI ENERGIA RINNOVABILE MWh/a 2008 incremento % al 2020 MWh/a 2011 INCREMENTO % 2011 VS 2008 REDISUO % AL TARGET , , , , ,0714

44 Il Patto dei Sindaci e il PAES AMMINISTRAZIONE COMUNALE SETTORE TCO2/a 2008 RIDUZIONE % AL 2020 Edifici, attrezzature/impianti comunali Illuminazione pubblica comunale TCO2/a 2011 RIDUZIONE OTTENUTA % 2011 RISPETTO AL 2008 REDISUO % AL TARGET ,77-17, ,32-2,10-15, ,03-61, ,46-24,75-36,98 Parco auto comunale 2.224,81-17, ,44-6,17-11,58 Trasporti pubblici 2.052,75-20, ,24 0,90-20,90 totale ,37-32, ,46-10,03-22,85

45 Macro Aree e Linee Strategiche Le azioni da mettere in campo per contribuire agli obiettivi del pacchetto climaenergia dell'unione Europea sono state suddivise secondo le seguenti linee strategiche e obiettivi da condividere con un percorso di confronto Macroarea A Un Amministrazione energeticamente sostenibile Macroarea B Una Città energeticamente sostenibile Linee strategiche 1. Incrementare la sostenibilità energetica dell Amministrazione (per dare buon esempio alla cittadinanza e attribuire credibilità al PAES) 2. Rafforzare la digitalizzazione e l informatizzazione dell Amministrazione Linee strategiche 1. Efficienza e risparmio energetico nell edilizia 2. Garantire una mobilità sostenibile 3. Diffondere le fonti energetiche rinnovabili 4. Pianificare uno sviluppo urbano energeticamente sostenibile 5. Cittadinanza attiva e consapevole 6. Compensiamo le emissioni

46 Macro Aree e Linee Strategiche Macroarea A Un Amministrazione energeticamente sostenibile Linee strategiche 1. Incrementare la sostenibilità energetica dell Amministrazione (per dare buon esempio alla cittadinanza e attribuire credibilità al PAES) 2. Rafforzare la digitalizzazione e l informatizzazione dell Amministrazione

47 Macro Area A Un Amministrazione energeticamente sostenibile LS1 - Incrementare la sostenibilità energetica dell Amministrazione Obiettivi Incrementare la sostenibilità energetica degli edifici dell Amministrazione Incrementare la sostenibilità energetica delle attrezzature/impianti dell Amministrazione Incrementare la sostenibilità energetica del parco auto dell Amministrazione Incrementare la sostenibilità energetica del parco veicoli del trasporto pubblico locale Fonti energetiche rinnovabili per l Amministrazione Appalti verdi Rafforzare la struttura amministrativa comunale per il PAES AZIONE Riqualificazione energetica edifici comunali e uso razionale dell energia TEMPI COSTI RIDUZIONE tco2/a al ,18 Obiettivo % riduzione emissioni di CO 2 al % per gli edifici, attrezzature/impianti dell Amministrazione Audit energetico edifici comunali , Conversione impianti termici Comunali da olio combustibile a metano ,00-152,43-30% emissioni per i consumi termici degli edifici attualmente alimentati a gasolio

48 Macro Area A Un Amministrazione energeticamente sostenibile LS1 - Incrementare la sostenibilità energetica dell Amministrazione Obiettivi Incrementare la sostenibilità energetica degli edifici dell Amministrazione Incrementare la sostenibilità energetica delle attrezzature/impianti dell Amministrazione Incrementare la sostenibilità energetica del parco auto dell Amministrazione Incrementare la sostenibilità energetica del parco veicoli del trasporto pubblico locale Fonti energetiche rinnovabili per l Amministrazione Appalti verdi Rafforzare la struttura amministrativa comunale per il PAES AZIONE TEMPI COSTI RIDUZIONE tco2/a al 2020 Obiettivo % riduzione emissioni di CO 2 al 2020 Efficientamento del ciclo delle acque Efficientamento energetico e razionalizzazione degli impianti di illuminazione pubblica Efficientamento energetico impianti semaforici ,68-10,01% delle emissioni legate al ciclo delle acque , ,01-59,94% delle emissioni legate all illuminazione stradale ,00-346,53-88,20% delle emissioni legate agli impianti semaforici

49 Macro Area A Un Amministrazione energeticamente sostenibile LS1 - Incrementare la sostenibilità energetica dell Amministrazione Obiettivi Incrementare la sostenibilità energetica degli edifici dell Amministrazione Incrementare la sostenibilità energetica delle attrezzature/impianti dell Amministrazione Incrementare la sostenibilità energetica del parco auto dell Amministrazione Incrementare la sostenibilità energetica del parco veicoli del trasporto pubblico locale Fonti energetiche rinnovabili per l Amministrazione Appalti verdi Rafforzare la struttura amministrativa comunale per il PAES AZIONE Razionalizzazione, gestione centralizzata e ammodernamento dei veicoli del parco auto Ammodernamento del parco mezzi per la gestione del ciclo dei rifiuti Corsi di ECO-Drive (stili di guida efficienti e sostenibili) per i dipendenti comunali e i conducenti del TPL Introduzione guardie ambientali e nuovo servizio di riassetto per l'incremento della raccolta differenziata e per il decoro urbano TEMPI COSTI RIDUZIONE tco2/a al 2020 Obiettivo % riduzione emissioni di CO 2 al ,43-50% per il parco auto dell Amministrazione ,49-15,00% per il parco mezzi per la gestione del ciclo dei rifiuti , ,00 - -

50 Macro Area A Un Amministrazione energeticamente sostenibile LS1 - Incrementare la sostenibilità energetica dell Amministrazione Obiettivi Incrementare la sostenibilità energetica degli edifici dell Amministrazione Incrementare la sostenibilità energetica delle attrezzature/impianti dell Amministrazione Incrementare la sostenibilità energetica del parco auto dell Amministrazione Incrementare la sostenibilità energetica del parco veicoli del trasporto pubblico locale Fonti energetiche rinnovabili per l Amministrazione Appalti verdi Rafforzare la struttura amministrativa comunale per il PAES AZIONE TEMPI COSTI RIDUZIONE tco2/a al 2020 Obiettivo % riduzione emissioni di CO 2 al 2020 Ammodernamento dei veicoli del Trasporto Pubblico Locale ,00-410,55-20% per il settore del Trasporto Pubblico Locale

51 Macro Area A Un Amministrazione energeticamente sostenibile LS1 - Incrementare la sostenibilità energetica dell Amministrazione Obiettivi Incrementare la sostenibilità energetica degli edifici dell Amministrazione Incrementare la sostenibilità energetica delle attrezzature/impianti dell Amministrazione Incrementare la sostenibilità energetica del parco auto dell Amministrazione Incrementare la sostenibilità energetica del parco veicoli del trasporto pubblico locale Fonti energetiche rinnovabili per l Amministrazione Appalti verdi Rafforzare la struttura amministrativa comunale per il PAES AZIONE TEMPI COSTI Produzione di energia rinnovabile al 2020 [MWh/a] Installazione impianti fotovoltaici su edifici scolastici ,896

52 Macro Area A Un Amministrazione energeticamente sostenibile LS1 - Incrementare la sostenibilità energetica dell Amministrazione Obiettivi Incrementare la sostenibilità energetica degli edifici dell Amministrazione Incrementare la sostenibilità energetica delle attrezzature/impianti dell Amministrazione Incrementare la sostenibilità energetica del parco auto dell Amministrazione Incrementare la sostenibilità energetica del parco veicoli del trasporto pubblico locale Fonti energetiche rinnovabili per l Amministrazione Appalti verdi Rafforzare la struttura amministrativa comunale per il PAES AZIONE TEMPI COSTI RIDUZIONE tco2/a al 2020 Obiettivo % riduzione emissioni di CO 2 al 2020 GPP - Politica comunale degli Acquisti verdi

53 Macro Area A Un Amministrazione energeticamente sostenibile LS1 - Incrementare la sostenibilità energetica dell Amministrazione Obiettivi Incrementare la sostenibilità energetica degli edifici dell Amministrazione Incrementare la sostenibilità energetica delle attrezzature/impianti dell Amministrazione Incrementare la sostenibilità energetica del parco auto dell Amministrazione Incrementare la sostenibilità energetica del parco veicoli del trasporto pubblico locale Fonti energetiche rinnovabili per l Amministrazione Appalti verdi Rafforzare la struttura amministrativa comunale per il PAES AZIONE TEMPI COSTI RIDUZIONE tco2/a al 2020 Obiettivo % riduzione emissioni di CO 2 al 2020 Potenziamento Servizio Gestione Energia

54 Macro Area A Un Amministrazione energeticamente sostenibile LS2 - Rafforzare la digitalizzazione e l informatizzazione dell Amministrazione Obiettivi Ridurre la necessità degli spostamenti privati per il contatto con l Amministrazione Implementare e potenziare la gestione informatizzata dei dati energetici e territoriali AZIONE TEMPI COSTI RIDUZIONE tco2/a al 2020 Obiettivo % riduzione emissioni di CO 2 al 2020 Dematerializzazione procedure burocratiche comunali

55 Macro Area A Un Amministrazione energeticamente sostenibile LS2 - Rafforzare la digitalizzazione e l informatizzazione dell Amministrazione Obiettivi Ridurre la necessità degli spostamenti privati per il contatto con l Amministrazione Implementare e potenziare la gestione informatizzata dei dati energetici e territoriali AZIONE Creazione di una banca dati informatizzata municipale e territoriale TEMPI COSTI RIDUZIONE tco2/a al 2020 Obiettivo % riduzione emissioni di CO 2 al ,00 - -

56 Macro Aree e Linee Strategiche Una Città energeticamente sostenibile Macroarea B Linee strategiche 1. Efficienza e risparmio energetico nell edilizia 2. Garantire una mobilità sostenibile 3. Diffondere le fonti energetiche rinnovabili 4. Pianificare uno sviluppo urbano energeticamente sostenibile 5. Cittadinanza attiva e consapevole 6. Compensiamo le emissioni

57 Macro Area B Una Città energeticamente sostenibile LS1 Efficienza e risparmio energetico nell edilizia Obiettivi Ridurre i consumi energetici ed incrementare l efficienza energetica nell edilizia AZIONE Promuovere la conversione a gas metano degli impianti termici nel settore residenziale e terziario Promuovere l'efficientamento energetico nel settore terziario TEMPI COSTI RIDUZIONE tco2/a al 2020 Obiettivo % riduzione emissioni di CO 2 al , , ,62-20% per il settore terziario Controllo impianti termici , Promuovere l'efficientamento, il risparmio energetico e l'uso razionale dell'energia nel settore residenziale Promuovere e incentivare nuove edificazioni e interventi edilizi ad alte prestazioni energeticoambientali Sostenibilità energetica nel settore industriale , , , ,28-30,00% per il settore industriale

58 Macro Area B Una Città energeticamente sostenibile LS2 Garantire una mobilità sostenibile Obiettivi Ridurre i consumi energetici dei veicoli circolanti Incrementare la sostenibilità energetica dei veicoli circolanti Promuovere una mobilità alternativa (rispetto agli spostamenti individuali con automobile privata) AZIONE Corsi di ECO-Drive (stili di guida efficienti e sostenibili) TEMPI COSTI RIDUZIONE tco2/a al 2020 Obiettivo % riduzione emissioni di CO 2 al ,00 - -

59 Macro Area B Una Città energeticamente sostenibile LS2 Garantire una mobilità sostenibile Obiettivi Ridurre i consumi energetici dei veicoli circolanti Incrementare la sostenibilità energetica dei veicoli circolanti Promuovere una mobilità alternativa (rispetto agli spostamenti individuali con automobile privata) AZIONE TEMPI COSTI RIDUZIONE tco2/a al 2020 Obiettivo % riduzione emissioni di CO 2 al 2020 Promozione e incentivazione di veicoli a basse emissioni di CO , Promozione e incentivazione dei veicoli elettrici e installazione colonnine per la ricarica ,00 - -

60 Macro Area B Una Città energeticamente sostenibile LS2 Garantire una mobilità sostenibile Obiettivi Ridurre i consumi energetici dei veicoli circolanti Incrementare la sostenibilità energetica dei veicoli circolanti Promuovere una mobilità alternativa (rispetto agli spostamenti individuali con automobile privata) AZIONE Potenziamento e promozione del trasporto pubblico locale Una nuova mobilità nel Centro Storico TEMPI COSTI RIDUZIONE tco2/a al 2020 Obiettivo % riduzione emissioni di CO 2 al , ,00-14,83% per il settore dei trasporti privati e commerciali Zone Potenziamento delle infrastrutture per la mobilità ciclistica Potenziamento e promozione del servizio di bikesharing Introduzione servizio di Car- Sharing per la cittadinanza , ,00-5,56% per il settore dei trasporti privati e commerciali , Promuovere il Car pooling , Piani degli Spostamenti Casa- Lavoro (PSCL) Percorsi sicuri casa-scuola ,00-0,21% per il settore dei trasporti privati e commerciali InfoMobiLatina ,00 - -

61 Macro Area B Una Città energeticamente sostenibile LS3 Diffondere le fonti energetiche rinnovabili Obiettivi Promuovere impianti di produzione energetica da fonte rinnovabile Incrementare la quota delle fonti energetiche rinnovabili nell edilizia residenziale e terziaria AZIONE Promuovere l'installazione di impianti fotovoltaici su superfici industriali e/o aree industriali dismesse TEMPI COSTI Produzione di energia rinnovabile/a al 2020 [MWh/a] ,00 - Energia da moto ondoso Recupero e valorizzazione energetica della biomassa derivante dal settore agricolo e dagli allevamenti ,53 Recupero verde pubblico ,52

62 Macro Area B Una Città energeticamente sostenibile LS3 Diffondere le fonti energetiche rinnovabili Obiettivi Promuovere impianti di produzione energetica da fonte rinnovabile Incrementare la quota delle fonti energetiche rinnovabili nell edilizia residenziale e terziaria AZIONE TEMPI COSTI Produzione di energia rinnovabile/a al 2020 [MWh/a] Promuovere la produzione energia termica da fonti rinnovabili nel settore residenziale e terziario Promuovere l'installazione di impianti fotovoltaici nel settore residenziale e terziario Gruppi di Acquisto Energia Rinnovabile , ,

63 Macro Area B Una Città energeticamente sostenibile LS4 Pianificare uno sviluppo urbano energeticamente sostenibile Obiettivi Garantire la sostenibilità energetica delle trasformazioni urbane future mediante gli strumenti di pianificazione AZIONE Requisiti di sostenibilità energetica nel Regolamento Edilizio : "Allegato Energetico-Ambientale" TEMPI COSTI RIDUZIONE tco2/a al 2020 Obiettivo % riduzione emissioni di CO 2 al , ,17-20% per il settore residenziale Piano Energetico , Piano Urbano della Mobilità Sostenibile e Mobility Manager Piano della mobilità ciclistica e pedonale Piano regolatore dell'illuminazione comunale (Piano della Luce) Telelavoro nell'amministrazione , , ,

64 Macro Area B Una Città energeticamente sostenibile LS5 Cittadinanza attiva e consapevole Obiettivi Promuovere il PAES e aumentare la consapevolezza della cittadinanza verso la questione della sostenibilità energetica e dei cambiamenti climatici AZIONE TEMPI COSTI RIDUZIONE tco2/a al 2020 Obiettivo % riduzione emissioni di CO 2 al 2020 Promozione del PAES , Progetto scuola Sensibilizzazione su incentivazioni per l efficienza energetica e la produzione di energia da fonti rinnovabili Promozione e incentivazione della mobilità alternativa e sostenibile , ,00 - -

65 Macro Area B Una Città energeticamente sostenibile LS6 Compensiamo le emissioni Obiettivi Compensare le emissioni di CO 2 mediante la vegetazione AZIONE TEMPI COSTI RIDUZIONE tco2/a al 2020 Obiettivo % riduzione emissioni di CO 2 al 2020 Piano del verde e riforestazione urbana

66 Il Patto dei Sindaci e il PAES Il Piano presentato, dopo l approvazione del Consiglio, sarà reso disponibile sul sito del Comune di Latina e conterrà una relazione sul contesto di riferimento e un dettagliato inventario delle emissioni suddivise per settore; illustrerà le attività già sviluppate e in corso e gli obiettivi, le linee di azione e gli interventi che saranno realizzati nei prossimi anni con una descrizione, inoltre, degli incontri realizzati e dei principali risultati emersi. Ulteriori informazioni sono disponibili all'indirizzo web oppure è possibile inviare una mail all'indirizzo: Il sito sarà costantemente aggiornato per informare regolarmente la collettività sulle attività in corso.

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE)

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Febbraio 2014 n.b. il documento del PAES è in fase di valutazione da parte del CCR della Commissione Europea. 1 Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Comune di Latina -

Dettagli

IBE L Inventario Base delle Emissioni

IBE L Inventario Base delle Emissioni IBE L Inventario Base delle Emissioni In tale capitolo verrà illustrato l Inventario Base delle Emissioni di CO2 del Comune di Latina, approfondendone la metodologia adottata per l analisi dei dati energetici,

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI ALLEGATO 1 1) Anno di riferimento dell'inventario 2005 Indicare il numero di abitanti nell'anno di inventario: 598 2) Fattori di emissione Selezionare la voce corrispondente:

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Dati preliminari e principali linee d azione Giugno 2012 Prof. Massimo Dentice d Accadia DETEC Università degli studi di Napoli Federico II COS E IL PATTO

Dettagli

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI 5.1 Aspetti organizzativi Il Comune di Bitonto ha aderito formalmente al Patto dei Sindaci, con apposita Deliberazione Consiliare il 20 marzo 2013, ed ha avviato le procedure

Dettagli

CONVEGNO/WORKSHOP. l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES

CONVEGNO/WORKSHOP. l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES CONVEGNO/WORKSHOP l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES 1 Il territorio Il Comune di Scandicci si estende su un territorio di 59,75 km 2. Il 29% del territorio è caratterizzato dalla presenza di aree

Dettagli

Piano Energetico Comunale di Prato. Relazione di Sintesi

Piano Energetico Comunale di Prato. Relazione di Sintesi Piano Energetico Comunale di Prato Relazione di Sintesi 05/06/2013 Indice 1 OBIETTIVI DEL PEC... 3 2 MODALITA OPERATIVE... 3 3 LE FASI DEL PEC... 4 4 IL PIANO D AZIONE... 7 2 1 OBIETTIVI DEL PEC Gli obiettivi

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali ALLEGATO C PAES Rosignano M.mo 1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali PRODOTTI PETROLIFERI Settore Civile: I consumi dei prodotti petroliferi in ambito civile vengono calcolati sommando

Dettagli

Come sviluppare il SEAP: l esperienza del Comune di Forlì. Francesca Ravaioli

Come sviluppare il SEAP: l esperienza del Comune di Forlì. Francesca Ravaioli Come sviluppare il SEAP: l esperienza del Comune di Forlì Francesca Ravaioli Comune di Forlì Patto dei Sindaci Patto dei Sindaci: cos'è? Il Patto Il Patto dei Sindaci è il principale movimento europeo

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 SPES Consulting srl Ing. Adriano PESSINA LITOS Progetti srl Ing. Piero Lo Duca SPES Consulting

Dettagli

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Sindaco Assessore all Urbanistica R.U.P. Energy Manager Coordinamento Avv. CUOMO Nicola Arch. D AURIA Alessio Arch. QUINTAVALLE Lea Arch. SCOGNAMIGLIO Antonella Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Gruppo di

Dettagli

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune I consumi energetici e le emissioni a Settala A CHE PUNTO SIAMO? Irene de Piccoli - Infoenergia 2 ottobre 211 SINTESI EMISSIONI AL FASE A EMISSIONI CO

Dettagli

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA COMUNE DI GIULIANOVA METHODOLOGY FOR THE DEFINITION OF THE BASELINE EMISSION INVENTORY OF THE MUNICIPALITY

Dettagli

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Napoli Prof. Massimo Dentice d Accadia Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Industriale Il PAES è il

Dettagli

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Martedi, 9 Giugno - 2015 Emanuele Cosenza SOGESCA Srl e.cosenza@sogesca.it ARGOMENTI Progetto 50000and1SEAPs

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso la sottoscrizione

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES Baseline e individuazione azioni

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES Baseline e individuazione azioni IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES Baseline e individuazione azioni SPES Consul>ng Società di consulenza in materia energetica ed ambientale. Ci occupiamo di pianificazione energetica a

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi: problematiche riscontrate e soluzioni adottate.

La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi: problematiche riscontrate e soluzioni adottate. Piani d Azione per l Energia Sostenibile Aspetti tecnici ed operativi Trento, 15 maggio 2014 SalaBelli,PiazzaDanten.15 La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi:

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico 4 febbraio 2009 Contabilità delle emissioni comunali Il progetto è nato dalla collaborazione di CISA con ENEA. Enea ha messo a

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES)

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) COMUNE DI PORDENONE PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) Inventario delle Emissioni Anno base 21 Comune di Pordenone Sindaco: Claudio Pedrotti Vicesindaco: Renzo Mazzer Assessore all Ambiente,

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016 PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO IL PAES e GLI OBIETTIVI Ricognizione su tutto il territorio comunale degli

Dettagli

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile 21 Ottobre 2015 Efficienza energetica degli edifici: il valore della casa, il valore dell ambiente con

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

Il Patto dei Sindaci

Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa europea che unisce le autorità locali e regionali in un impegno comune per contribuire (raggiungendoli e superandoli)

Dettagli

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES ALLEGATO - Piano d per l Energia Sostenibile LE AZIONI COMUNE DI GUASTALLA Detto ciò, a partire dal suddetto valore emissivo al 2007 verranno valutate nella presente Fase 2 le azioni già messe in atto

Dettagli

Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci

Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci Michele Sansoni Arpa Emilia-Romagna michelesansoni@arpa.emr.it 1 IBE: FATTORE DI SUCCESSO DI UN PAES 2 QUAL È IL SIGNIFICATO DI IBE? L inventario di base delle

Dettagli

L esperienza del Comune di Reggio Emilia

L esperienza del Comune di Reggio Emilia Convegno di presentazione IL PATTO DEI SINDACI PER I COMUNI DELL UNIONE VAL D ENZA L esperienza del Comune di Reggio Emilia Montecchio, 16 febbraio 2013 I firmatari del Patto si impegnano a ridurre di

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Piano Lombardia Sostenibile Lombardia : una Regione ad alta efficienza energetica e a bassa intensità di Dino De Simone Diamo valore

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE per il Comune di Ruffano. Ing. Matteo Morelli Presentazione della bozza PAES Ruffano, 26/02/2013

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE per il Comune di Ruffano. Ing. Matteo Morelli Presentazione della bozza PAES Ruffano, 26/02/2013 IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE per il Comune di Ruffano Ing. Matteo Morelli Presentazione della bozza PAES Ruffano, 26/02/2013 IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE ANALISI DEL TERRITORIO

Dettagli

La Provincia di Torino alle prese con l Inventario delle Emissioni

La Provincia di Torino alle prese con l Inventario delle Emissioni La Provincia di Torino alle prese con l Inventario delle Emissioni Silvio De Nigris Provincia di Torino 2.15 Matrice vettori/settori usi finali.tutto parte dalla costruzione di un bilancio energetico sugli

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

Assessorato Politiche Ambientali Provincia di Venezia

Assessorato Politiche Ambientali Provincia di Venezia IL PATTO DEI SINDACI LA PROVINCIA DIVENEZIA COME ENTE DI COORDINAMENTO MOBILITÀ ETURISMO SOSTENIBILE: SINERGIE IN ADRIATICO 25 maggio 2013 Assessorato Politiche Ambientali Provincia di Venezia Pacchetto

Dettagli

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi Politiche energetiche e Comuni Maurizio Mangialardi 1 L eccellenza del nostro territorio marchigiano è fatta di sapiente equilibrio tra la sua crescita, la necessaria innovazione, e la curadel suo prezioso

Dettagli

L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI. Giovanni Vicentini

L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI. Giovanni Vicentini L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI Giovanni Vicentini La strategia europea al 2020 20% di fonti rinnovabili nei consumi energetici per usi finali 20% in meno (rispetto al livello tendenziale al 2020) nei consumi

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO COMUNALE

BILANCIO ENERGETICO COMUNALE BILANCIO ENERGETICO COMUNALE Comune di: CAVAZZO CARNICO Anno di riferimento del bilancio energetico: 2013 Popolazione: 1.091 ab. (al 31/12/2013) 1 Superficie comunale: 39,44 kmq Densità abitativa: 27,7

Dettagli

Obiettivi e Strumenti

Obiettivi e Strumenti Libro verde sul quadro al 2030 per le politiche energetiche e climatiche Consultazione pubblica del Ministero dello Sviluppo Economico Risposte Confindustria Confindustria considera il tema affrontato

Dettagli

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE Confini, campo di applicazione e settori Comune Residenza Industria Terziario pubblico QUALI SETTORI

Dettagli

Comune di Conegliano WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CONEGLIANO. Programma Central Europe - Progetto MANERGY

Comune di Conegliano WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CONEGLIANO. Programma Central Europe - Progetto MANERGY Territorio Energia Ambiente Comune di Conegliano WP 5.1.1 BEI - Baseline Emission Inventory Programma Central Europe - Progetto MANERGY renewable energy sources WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory -

Dettagli

L Inventario delle Emissioni del Comune di Padova

L Inventario delle Emissioni del Comune di Padova L Inventario delle Emissioni del Comune di Padova Padova verso il Piano Clima Michele Zuin Settore Ambiente Comune di Padova Adesione al Patto dei sindaci e alla Campagna SEE Con deliberazione di Consiglio

Dettagli

Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci

Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci Michele Sansoni Arpa Emilia-Romagna michelesansoni@arpa.emr.it 1 IBE: FATTORE DI SUCCESSO DI UN PAES 2 SFIDE NELLA COSTRUZIONE DELL IBE Definire anno di riferimento

Dettagli

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio In collaborazione con Comune di Villa di Serio Comune di Nembro Comune di Pradalunga INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio -: i consumi energetici e le emissioni a NEMBRO Domenico Leo

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati. Le iniziative del PAES

Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati. Le iniziative del PAES Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati Le iniziative del PAES Francesco Tutino - Comune di Bologna Settore Ambiente ed Energia -Ufficio Energia

Dettagli

Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile. Verona 15 marzo 2013

Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile. Verona 15 marzo 2013 Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile Verona 15 marzo 2013 PERCHE E IMPORTANTE QUESTA FIRMA? Bruxelles, 5 Maggio 2010 QUANTO CRESCERA LA DOMANDA DI ENERGIA?

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

Comune di Carbonera WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CARBONERA. Programma Central Europe - Progetto MANERGY

Comune di Carbonera WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CARBONERA. Programma Central Europe - Progetto MANERGY Territorio Energia Ambiente Comune di Carbonera WP 5.1.1 BEI - Baseline Emission Inventory Programma Central Europe - Progetto MANERGY renewable energy sources WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory -

Dettagli

STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020

STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020 STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020 MAURO BROLIS IL PATTO DEI SINDACI: ESPERIENZE E SOLUZIONI PRATICHE PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI DI RISPARMIO ENERGETICO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI Obiettivi del

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO ENERGETICO

Dettagli

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013 Gentile famiglia Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Il Comune di Brivio ha sottoscritto il Patto dei Sindaci, iniziativa Europea nata

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Patto dei Sindaci e l Inventario di Base delle Emissioni (IBE) I incontro : consumi energetici ed emissioni di CO2 nel Preganziol 31/03/2015 Il Patto dei Sindaci

Dettagli

IL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO (RUE) DI BOLOGNA, LA PIANIFICAZIONE ENERGETICA E LA LEGISLAZIONE SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA

IL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO (RUE) DI BOLOGNA, LA PIANIFICAZIONE ENERGETICA E LA LEGISLAZIONE SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA IL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO () DI BOLOGNA, LA PIANIFICAZIONE ENERGETICA E LA LEGISLAZIONE SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA Alma Mater Studiorum - Università di Bologna. Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

AGENZIA PER L ENERGIA LO SVILUPPO SOSTENIBILE di Modena A.E.S.S.

AGENZIA PER L ENERGIA LO SVILUPPO SOSTENIBILE di Modena A.E.S.S. AGENZIA PER L ENERGIA LO SVILUPPO SOSTENIBILE di Modena A.E.S.S. Via Caruso, 3 41122 Modena Tel. 59-45127 Fax 59-3161939 P.Iva/Cod.Fisc. 257491366 E-mail: info@aess-modena.it Web: www.aess-modena.it COMUNE

Dettagli

Incontro pubblico di presentazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Latina, 24 ottobre 2013

Incontro pubblico di presentazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Latina, 24 ottobre 2013 Facoltà di Ingegneria civile e industriale Polo di Latina Incontro pubblico di presentazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Latina, 24 ottobre 2013 Progetto Scuola IL LABORATORIO DELLA

Dettagli

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO casaeclima.com http://www.casaeclima.com/ar_18985 ITALIA-Ultime-notizie-paee-efficienza-energetica-Efficienza-energetica-online-il-Pianodazione-2014-PAEE.-IL-TESTO-.html Efficienza energetica, online il

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO

Dettagli

Figura 92 Il meccanismo "ideale" di attuazione del PAES

Figura 92 Il meccanismo ideale di attuazione del PAES LE SCHEDE AZIONE 1. Premessa E importante introdurre l approfondimento delle singole schede azione con una osservazione: come si può notare da una lettura approfondita della tabella di sintesi al paragrafo

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Daniela Luise Padova Verifica dello stato di avanzamento delle iniziative in corso di realizzazione e programma delle attività per il 2008 Rimini, 6 giugno 2008

Dettagli

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Lo strumento conoscitivo a misura di Patto dei Sindaci Diamo valore al Clima: Efficienza, Sostenibilità, Competitività Stefania

Dettagli

DOMANDA DI ADESIONE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO Terre di Siena Carbon Free 2015

DOMANDA DI ADESIONE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO Terre di Siena Carbon Free 2015 Allegato A al Disciplinare del marchio Terre di Siena Carbon Free 2015 per la riduzione delle emissioni climalteranti DOMANDA DI ADESIONE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO Terre di Siena Carbon Free 2015 Al Presidente

Dettagli

OPEN ENERGY Comune di Merano. 20.03.2015 L Alto Adige verso Klimaland Presentazione PAES del Comune di Merano

OPEN ENERGY Comune di Merano. 20.03.2015 L Alto Adige verso Klimaland Presentazione PAES del Comune di Merano OPEN ENERGY Comune di Merano 20.03.2015 L Alto Adige verso Klimaland Presentazione PAES del Comune di Merano Indice: Progetto Open Energy Inventario delle emissioni di Merano nel 2005 e 2010 Azioni e simulazioni

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO Riccardo Tardiani Coordinamento Ambiente Comune di Verona Smart Energy Expo - Sala Smart City y & Communities

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna COVENANT CAPACITY Capacity building of local governments to advance Local Climate and Energy Action from planning to action to monitoring COSTRUZIONE DI UN INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI Con il patrocinio

Dettagli

Incontro pubblico di presentazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Latina, 24 ottobre 2013

Incontro pubblico di presentazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Latina, 24 ottobre 2013 Facoltà di Ingegneria civile e industriale Polo di Latina Incontro pubblico di presentazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Latina, 24 ottobre 2013 Progetto PAES Collaborazione Università

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio In collaborazione con Comune di Villa di Serio Comune di Nembro Comune di Pradalunga INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio 2011-2020: Prospettive di sostenibilità per la nostra città

Dettagli

I Piani di Azione per l Energia Sostenibile: rassegna di metodologie ed esperienze

I Piani di Azione per l Energia Sostenibile: rassegna di metodologie ed esperienze I Piani di Azione per l Energia Sostenibile: rassegna di metodologie ed esperienze PROVINCIA DI TORINO Silvio De Nigris denigris@provincia.torino.it Le attività della Provincia di Torino in materia di

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO Riccardo Tardiani Coordinamento Ambiente Comune di Verona Ecomondo Fiera di Rimini 5 novembre 2014

Dettagli

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico In questa sezione si analizzano gli aspetti economici, ambientali ed occupazionali collegati alla sviluppo del fotovoltaico. Aspetti economici Per quanto

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

I mercati per l ambiente

I mercati per l ambiente I mercati per l ambiente Il piano «20-20-20» A marzo 2007, il Consiglio Europeo si è prefissato di raggiungere entro l anno 2020: a)la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra di almeno il 20%

Dettagli

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Santarcangelo di Romagna 19 Febbraio 2015 Le politiche energetiche in Europa

Dettagli

Carbon Footprint di un organizzazione

Carbon Footprint di un organizzazione CHE COSA E LA CARBON FOOTPRINT? La Carbon Footprint misura il contributo che le attività umane producono sull effetto serra, espresso in tonnellate di biossido di carbonio equivalente (CO 2 eq). Il tema

Dettagli

Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno

Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno EMISSIONI DA RIDURRE Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno Questo dato ci ha consentito l individuazione delle emissioni totali

Dettagli

La politica di Regione Lombardia in campo energetico: Il Piano d Azione d. e il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente

La politica di Regione Lombardia in campo energetico: Il Piano d Azione d. e il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente La politica di Regione Lombardia in campo energetico: Il Piano d Azione d per l Energia l e il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente Dino De Simone Giuseppe Maffeis Punti Energia - Regione Lombardia

Dettagli

PIANO D AZIONEPER L ENERGIA SOSTENIBILE COMUNE DI AVIANO

PIANO D AZIONEPER L ENERGIA SOSTENIBILE COMUNE DI AVIANO PIANO D AZIONEPER L ENERGIA SOSTENIBILE COMUNE DI AVIANO Carta d identitàterritoriale Aviano è un comune della Provincia di Pordenone che: ha una popolazione di 9.150 abitanti (dato aggiornato a settembre

Dettagli

Linee d azione per l efficienza energetica in Friuli Venezia Giulia. Direzione centrale ambiente ed energia Servizio Energia

Linee d azione per l efficienza energetica in Friuli Venezia Giulia. Direzione centrale ambiente ed energia Servizio Energia Linee d azione per l efficienza energetica in Friuli Venezia Giulia Direzione centrale ambiente ed energia Servizio Energia La Regione Friuli Venezia Giulia è attualmente impegnata in diversi ambiti in

Dettagli

Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità

Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità Patto dei Sindaci Il Comune di Città di Castello ha da tempo riconosciuto la sostenibilità come variabile

Dettagli

Patto dei sindaci Comune di Genova

Patto dei sindaci Comune di Genova Patto dei sindaci Comune di Genova Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Dati caratteristici della città di Genova Superficie città Superficie urbanizzata Superficie agglomerato

Dettagli

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 ALLEGATO B SCHEDA DESCRITTIVA DELL INTERVENTO PROGETTUALE RELATIVO ALLA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE AD ACCEDERE AI

Dettagli

IBE, analisi del contesto, ambiti prioritari di intervento ed efficienza degli edifici nei PAES dei 6 Comuni coordinati dalla Provincia di Treviso

IBE, analisi del contesto, ambiti prioritari di intervento ed efficienza degli edifici nei PAES dei 6 Comuni coordinati dalla Provincia di Treviso Treviso 25 marzo 2015 IBE, analisi del contesto, ambiti prioritari di intervento ed efficienza degli edifici nei PAES dei 6 Comuni coordinati dalla Provincia di Treviso Cristina Ricci, NIER Gianfranco

Dettagli

Metodologia. 5 rapporto sull energia

Metodologia. 5 rapporto sull energia 2 Metodologia 5 rapporto sull energia 23 2.1 Usi finali e consumi finali Per l aggiornamento del bilancio energetico provinciale al 2005 si è adottata la stessa metodologia utilizzata per il Quarto Rapporto

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE:

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE: IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE: Un modello di sviluppo per i territori 08/05/2014 ORE 17.00 SAN ZENONE DEGLI EZZELINI Centro polivalente La Roggia - via Caozocco, 10 IL PATTO DEI SINDACI:

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

Politiche regionali per l efficienza energetica

Politiche regionali per l efficienza energetica Politiche regionali per l efficienza energetica Giuliano Vendrame Sez Energia Regione del Veneto Venezia, 15 dicembre 2015 Piano Energetico Regionale Fonti Rinnovabili - Risparmio Energetico - Efficienza

Dettagli

Cristian Roverato Servizio Ambiente COMUNE DI ROVERETO. Il PATTO DEI SINDACI E IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. 13 dicembre 2012 Trento

Cristian Roverato Servizio Ambiente COMUNE DI ROVERETO. Il PATTO DEI SINDACI E IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. 13 dicembre 2012 Trento Cristian Roverato Servizio Ambiente COMUNE DI ROVERETO Il PATTO DEI SINDACI E IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 13 dicembre 2012 Trento Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci è la prima iniziativa

Dettagli

Energia elettrica frigorifera termica E.S.CO.

Energia elettrica frigorifera termica E.S.CO. Energia elettrica frigorifera termica Produciamo Energia, Dove Occorre. Senza Investimenti. In Maniera Pulita. ris Riscaldamento, condizionamento, energia elettrica: servizi energetici indispensabili per

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

PAES piano d azione per l energia sostenibile

PAES piano d azione per l energia sostenibile capofila: LAVENO MOMBELLO ANGERA, BESOZZO, BREBBIA, BREGANO, COMABBIO, CADREZZATE, LEGGIUNO, MERCALLO, MONVALLE, OSMATE, RANCO, TAINO, VARANO BORGHI con il contributo per il bando 2011 _ Promuovere la

Dettagli