COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna"

Transcript

1 COVENANT CAPACITY Capacity building of local governments to advance Local Climate and Energy Action from planning to action to monitoring COSTRUZIONE DI UN INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI Con il patrocinio di Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna CASTELBUONO (PA), WORKSHOP IEE COVENANT CAPACITY Contract N: IEE/10/389/SI / duration: 36 months, start June 2011

2 2

3 3 Tecnico Seleziona le migliori azioni per attuare la transizione energetica e ridurre consumi ed emissioni, attraverso analisi di consumi e emissioni Politico Individua strategie di lungo termine per ridurre emissioni serra e realizzare una transizione energetica Socio-Economico Coinvolge territorio e cittadini e crea le basi per una migliore qualità della vita nelle città e un migliore adattamento (anche economico) alla transizione energetica

4 4 Monitoraggio Obiettivo 3. Realizzare un inventario delle emissioni (IBE) Inventario 10. Presentazione online del PAES secondo requisiti 9. Monitoraggio e azioni correttive Azioni di Piano 4. Misure dettagliate relative ai settori chiave 6. Adattamento delle strutture cittadine 7. Adesione e partecipazione della società civile 8. Identificare le fonti di finanziamento 1. Sostegno politico (approvazione in consiglio comunale) 2. Impegno di riduzione (almeno - 20% entro 2020) 5. Indicare strategie e azioni sino al 2020

5 5 E una lista organizzata di gas serra (GHG) emessi in un territorio (comune, ) in un intervallo di tempo (anno, ) da diverse sorgenti e settori (riscaldamento edifici, trasporti, agricoltura, )

6 6 L inventario di base delle emissioni (IBE) quantifica la CO2 emessa (o i gas serra) nel territorio dell autorità locale durante l anno di riferimento permette di identificare le principali fonti antropiche di emissioni di CO2 e assegnare opportuna priorità alle misure di riduzione è la base per raggiungere l obiettivo del PAES Linee Guida PAES parte II par. 1 pag 86

7 7 Parte I: processo del PAES e questioni strategiche Parte II: come elaborare un IBE Parte III: misure tecniche per efficienza energetica ed energie rinnovabili

8 8 Anno di riferimento e obiettivo Confini dell inventario Campo di applicazione (scope) CO2 e/o gas serra inclusi Settori (e impianti) Come si calcolano le emissioni Possibili fonti dati Monitoraggio

9 9 Ridurre emissioni di CO2 di almeno il 20% entro il 2020 (rispetto all anno di riferimento - o anno base) Alternative per l obiettivo: come valore assoluto (da percentuale emissioni di CO2 calcolate per l'anno base) come valore pro-capite (CO2/procapite nell'anno di riferimento è la base per il calcolo dell obiettivo) L anno di riferimento è l anno rispetto al quale saranno confrontati i risultati della riduzione delle emissioni nel 2020 (Linee Guida PAES parte II par. 2.1, p.86) t CO2 anno base abitanti = 10 tco2/ab t CO2 anno base 20% (20.000) t CO2 previste 2020 OBIETTIVO ASSOLUTO -20% = 8 tco2/ab OBIETTIVO PRO-CAPITE t CO2 obiettivo 2020 previsti al abitanti t CO2 obiettivo 2020

10 consigliato per IBE (Kyoto, UE) Linee Guida PAES parte II par. 2.1, p In alternativa si dovrebbe scegliere il primo anno disponibile per il quale possano essere raccolti dati quanto più completi e affidabili possibile per elaborare IBE In Italia il 2005 rappresenta l anno di riferimento più utilizzato (50% del totale della popolazione dei comuni aderenti) Fonte: Cerutti et al. The COM in figures - 5-year assessment

11 11 Emissioni del territorio Emissioni dell ente locale (ca. 3-4% del totale) Confini amministrativi Confini organizzativi del territorio del Comune (es. Trasporto su strada: trasporti privati e commerciali) Funzioni sotto diretto controllo del Comune (es. Trasporto su strada: parco auto) Linee Guida PAES parte II par. 2.2, p.87

12 12 SCOPO 2 SCOPO 1 Emissioni dirette (combustione di carburante nel territorio in edifici, trasporti, impianti) Altre emissioni dirette (non legate all energia, acque reflue, discariche) Emissioni indirette (consumo di elettricità/calore nel territorio, indipendentemente dal luogo di produzione) Linee Guida PAES parte II par. 2.2, p.87

13 GHG 13 Settori ENERGIA (Combustione, Estrazione, Distribuzione, Trasformazione) CO 2 CH 4 N 2 O F-gas (SF 6, HFC, PFC) PROCESSI INDUSTRIALI (Reazioni chimiche, emissioni fuggitive) RIFIUTI (Discariche, Acque Reflue, Incenerimento) AGRICOLTURA (Animali, Fertilizzanti, Uso suolo)

14 14 GWP Potenziali di Riscaldamento Globale Per misurare in maniera coerente emissioni e riduzioni, i GHG devono essere convertiti in CO2 equivalente (CO2eq) La CO2eq è l unità standard che permette di sommare quantitativi di differenti GHG, tenendo conto dell impatto specifico del singolo gas sull effetto serra e ottenendo un singolo numero GWP consigliati per il Patto dei Sindaci (IPCC SAR - Second Assessment Report) Gas serra (GHG) 1t CO2 1t CH4 1t N2O 1t SF6 1t HFC o PFC GWP 1t CO2eq 21t CO2eq 310t CO2eq t CO2eq Diversi gas con diversi GWP

15 15 4 settori chiave Fonte: Zancanella, Melica Webinar for Covenant Territorial Coordinators: your role in the SEAP analysis process almeno 3 da includere nell IBE per essere eleggibile Le azioni dovranno essere concrete e pianificate su: settore municipale e almeno uno degli altri settori chiave inclusi

16 16 Linee Guida PAES parte II par. 2.2, p SI: inserimento del settore in IBE/IME è fortemente consigliato SI se nel PAES: il settore può essere incluso se il PAES prevede misure specifiche al suo interno (non obbligatorio ma consigliato per dimostrare quantitativamente la riduzione delle emissioni a seguito delle misure) NO: inserimento del settore in BEI/MEI non consigliato

17 17 Incenerimento rifiuti in questa parte solo se NON produce energia NO Industrie ETS SI altre industrie se nel PAES Linee Guida PAES parte II par. 2.2, p.89-90

18 18 Linee Guida PAES parte II par. 2.2, p Traporto ferroviario SI urbano (tram, metro, ) SI se nel PAES altri trasporti (es. regionali e lunga distanza) Trasporto aereo e marittimo/fluviale NO combustione mobile SI edifici e attrezzature

19 19 Linee Guida PAES parte II par. 2.2, p Altre fonti di emissione NO emissioni fuggitive e di processo NO emissioni da agricoltura (fermentazione enterica, fertilizzanti, ) Acque reflue e rifiuti SI se nel PAES per le emissioni non collegate all energia (es. CH4 da discariche o depuratori)

20 Obiettivo PAES: agire sulla domanda (consumi energia) Concetto di Produzione Locale di Elettricità (PLE) e criteri per selezionare gli impianti da includere: l impianto non è incluso nell Emissions Trading Scheme (ETS) l impianto ha una potenza termica in ingresso 20MWfuel nel caso di impianti a combustibili fossili o biomasse nominale 20MWe nel caso di altri impianti rinnovabili (ad es. eolico o solare) Linee Guida PAES parte II par. 2.2, p

21 1 1b 1a Linee Guida PAES parte II par , p

22 E emissione di CO2 in tonnellate generata ed emessa in atmosfera a seguito di una determina attività (es. ton di CO2 emesse dal parco auto comunale) E = A x FE A indicatore di attività descrive l attività che emette CO2 (es. combustibile consumato dal parco auto comunale) FE fattore di emissione coefficiente che quantifica le emissioni per unità di attività (es. tco2/mwh combustibile consumato)

23 23 Standard (IPCC) in linea con i principi IPCC, coprono tutte le emissioni di CO2 dovute al consumo di energia (emissioni dirette e indirette) basate su contenuto di carbonio di ciascun combustibile, come per gli inventari nazionali gas serra emissioni dalle energie rinnovabili = 0 Linee Guida PAES parte II par. 3.1, p.90 LCA (Life Cycle Analysis) prendono in considerazione il ciclo di vita del vettore energetico lungo la filiera (estrazione, trasporto, ) fino alla combustione (o al consumo) emissioni dalle energie rinnovabili > 0

24 24 97,7% 86,8% 81,2% 2,3% 13,2% 18,8% Fonte: Cerutti et al. The COM in figures - 5-year assessment

25 FE LCA sono maggiori (ciclo di vita) FE LCA per rinnovabili > 0 Linee Guida PAES parte II tab. 5, p.94

26 26 tco2 dalla produzione di energia (MWh) Dipende da mix energetico Possibile calcolo FE locale Linee Guida PAES parte II tab. 6, p.96

27 Dati di attività(consumi di energia) in MWh A elettr = 200 MWh elettricità A gasnat = 30,000 m3 gas naturale -> 291 MWh A gasolio = 20 ton gasolio -> 230 MWh Fattori di emissione FE elettr = tco2/mwh FE gasnat = tco2/mwh FE gasolio = tco2/mwh Calcolare le emissioni(e=a*ef) E elettr =A elettr *FE elettr = 200 * =96.6 tco2 E gasnat =A gasnat *FE gas nat = 291 * =58.8 tco2 E gasolio =A gasolio *FE gasolio = 230 * =61.4 tco2 n.b. i calcoli sono semplici ma è necessario fare attenzione alle differenti unità di misura e ai differenti Fattori di Emissione (Linee Guida PAES Allegato I p. 116)

28 28 Top-down (TP) stime veloci (ma meno accurate) se i dati riferiti alla realtà locale non sono disponibili o il costo per ottenerli è troppo elevato se l'utilizzo finale dei risultati non giustifica la raccolta di informazioni dettagliate se i tempi necessari per la raccolta dati non sono compatibili con le scadenze Bottom-up (BU) stime più accurate (ma più onerose) richiede risorse ingenti (tempi, costi) per reperire informazioni specifiche sul territorio TOP-DOWN (da scala spaziale più grande si scende a livelli inferiori con disaggregazione) BOTTOM-UP (dalla singola emissione si sale ad un livello di aggregazione maggiore)

29 29 SETTORE DATO di PARTENZA METODOLOGIA VARIABILE di DISAGGREGAZIONE FORMULA Trasporti privati e commerciali Consumo energetico nei Trasporti a livello provinciale TOP-DOWN Numero di veicoli (provinciale e comunale) CtraspCOM = (NveicCOM/NveicPROV) * CtraspPROV Parco auto comunale Consumo di combustibile dei singoli veicoli BOTTOM-UP nessuna CpautoCOM = CONSveicoli Potrei calcolare consumi/emissioni del settore Trasporti Privati con approccio Bottom-Up? E consumi/emissioni del parco auto comunale con approccio Top-Down?

30 30 Le linee guida internazionali identificano 3 possibili livelli di complessità metodologica ( tiers ) organizzati secondo una struttura gerarchica il livello più alto implica maggiore precisione della metodologia e/o dei fattori di emissione utilizzati logica delle successive approssimazioni SEMPLICITA Tier 1 Livello più semplice (e di minor precisione), basato su fattori di emissione standard Tier 2 Simile a tier 1, ma basato su fattori di emissione e parametri specifici per la realtà considerata Tier 3 Approcci e modelli complessi, ma con un alto grado di accuratezza PRECISIONE

31 31 SETTORE Edifici, attrezzature/impianti comunali POSSIBILI FONTI DATI: BOTTOM-UP POSSIBILI FONTI DATI: TOP- DOWN Bollette/Fatture/Contratto Energia - Edifici, attrezzature/impianti terziari (non comunali) Edifici residenziali Consumi settore Terziario dai distributori locali (Elettricità e GN) Consumi settore Residenziale dai distributori locali (Elettricità e GN) Bilanci Regionali ENEA, Bilanci Elettrici Provinciali TERNA Bilanci Regionali ENEA, Bilanci Elettrici Provinciali TERNA Illuminazione pubblica Bollette/Fatture/Contratto Energia - Industrie (non ETS) Consumi settore Industria dai distributori locali (Elettricità e GN) Bilanci Regionali ENEA, Bilanci Elettrici Provinciali TERNA Parco auto comunale Fatture Carburante - Trasporti pubblici Aziende di trasporto pubblico locale - Trasporti privati e commerciali Vendite comunali di combustibili per autotrazione (Agenzia delle Dogane) Vendite provinciali di combustibili per autotrazione (Ministero Sviluppo Economico)

32 32 Perché è necessario il monitoraggio? Verificare le previsioni sui consumi di energia e sulle emissioni di CO2 in modo efficace Adattare il PAES (se necessario) Quando effettuare un inventario di monitoraggio (IME)? Raccomandazione del Patto dei Sindaci: annualmente (!) Requisito minimo: almeno ogni 4 anni Gli inventari successivi possono essere confrontati con l IBE, in modo da monitorare i progressi in termini di riduzione delle emissioni

33 33 Gruppo di Lavoro delle associazioni degli Enti Locali (Anci, Regione, Arpa, Ervet) Risorse disponibili: IPSI (Inventario emissioni serra per Patto dei Sindaci) Set di dati di consumo pubblici Accesso ai dati di consumo dei distributori (su richiesta) Rendicontazione delle azioni (in corso)

34 34 Settori del PAES Conversione tra unità di misura Consumi/Produzione energia, Rifiuti Inserimento dati Calcolo emissioni CO2 MWh -> CO2 (in automatico) Fattori di emissione ufficiali Compilazione automatica tabelle del modulo PAES Modulo ufficiale PAES

35 35 Elettricità Combustibili (es. gas naturale) Nome dell edificio Consumo (kwh) Costo (EUR) Emissioni (tco2e) Consumo (es. m3) Costo (EUR) Emissioni (tco2e) Municipio , ,7 Uffici Ambiente , ,3 Scuola elementare , ,9 Museo Palestra Edifici - Totale , ,9

36 36 Settore Edifici, attr/impianti comunali Edifici, attr/impianti terziario Emissioni (tco2e) Edifici residenziali Illuminazione pubblica Industrie Parco auto e trasporti pubblici Trasporto su strada Rifiuti Produzione di energia

37 37 Facile utilizzo, supporto per realizzazione IBE (e IME), efficiente e rapido Converte automaticamente consumi energetici in emissioni serra utilizzando FE nazionali Compila automaticamente il modulo ufficiale online del PAES Disponibile in versione beta per tutti i comuni italiani (contattare

38 38 Realizzare un IBE è fattibile Anche se all inizio sembra impossibile Esistono esperienze consolidate e strumenti operativi Collaborazione con altri enti, strutture di supporto, Costruire un processo (organizzativo) è fondamentale Lavoro di gruppo (diversi dati, diversi settori) Miglioramento continuo Programma di Monitoraggio IBE può essere la base per iniziare un percorso più ampio PAES Energy management Riduzione consumi -> Riduzione emissioni -> Riduzione costi) Piani Energetici / Piani Clima

39 GRAZIE PER L ATTENZIONE Michele Sansoni

40 COVENANT CAPACITY Capacity building of local governments to advance Local Climate and Energy Action from planning to action to monitoring COSTRUZIONE DI UN INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI Con il patrocinio di Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna CASTELBUONO (PA), WORKSHOP IEE COVENANT CAPACITY Contract N: IEE/10/389/SI / duration: 36 months, start June 2011

Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci

Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci Michele Sansoni Arpa Emilia-Romagna michelesansoni@arpa.emr.it 1 IBE: FATTORE DI SUCCESSO DI UN PAES 2 QUAL È IL SIGNIFICATO DI IBE? L inventario di base delle

Dettagli

Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci

Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci Michele Sansoni Arpa Emilia-Romagna michelesansoni@arpa.emr.it 1 IBE: FATTORE DI SUCCESSO DI UN PAES 2 SFIDE NELLA COSTRUZIONE DELL IBE Definire anno di riferimento

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE)

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Febbraio 2014 n.b. il documento del PAES è in fase di valutazione da parte del CCR della Commissione Europea. 1 Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Comune di Latina -

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso la sottoscrizione

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso

Dettagli

COSTRUZIONE DI UN INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna

COSTRUZIONE DI UN INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna COVENANT CAPACITY Capacity building of local governments to advance Local Climate and Energy Action from planning to action to monitoring COSTRUZIONE DI UN INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI Michele Sansoni

Dettagli

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI 5.1 Aspetti organizzativi Il Comune di Bitonto ha aderito formalmente al Patto dei Sindaci, con apposita Deliberazione Consiliare il 20 marzo 2013, ed ha avviato le procedure

Dettagli

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA COMUNE DI GIULIANOVA METHODOLOGY FOR THE DEFINITION OF THE BASELINE EMISSION INVENTORY OF THE MUNICIPALITY

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

Come sviluppare il SEAP: l esperienza del Comune di Forlì. Francesca Ravaioli

Come sviluppare il SEAP: l esperienza del Comune di Forlì. Francesca Ravaioli Come sviluppare il SEAP: l esperienza del Comune di Forlì Francesca Ravaioli Comune di Forlì Patto dei Sindaci Patto dei Sindaci: cos'è? Il Patto Il Patto dei Sindaci è il principale movimento europeo

Dettagli

L Inventario delle Emissioni del Comune di Padova

L Inventario delle Emissioni del Comune di Padova L Inventario delle Emissioni del Comune di Padova Padova verso il Piano Clima Michele Zuin Settore Ambiente Comune di Padova Adesione al Patto dei sindaci e alla Campagna SEE Con deliberazione di Consiglio

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES)

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) COMUNE DI PORDENONE PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) Inventario delle Emissioni Anno base 21 Comune di Pordenone Sindaco: Claudio Pedrotti Vicesindaco: Renzo Mazzer Assessore all Ambiente,

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Piano Lombardia Sostenibile Lombardia : una Regione ad alta efficienza energetica e a bassa intensità di Dino De Simone Diamo valore

Dettagli

IBE L Inventario Base delle Emissioni

IBE L Inventario Base delle Emissioni IBE L Inventario Base delle Emissioni In tale capitolo verrà illustrato l Inventario Base delle Emissioni di CO2 del Comune di Latina, approfondendone la metodologia adottata per l analisi dei dati energetici,

Dettagli

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico 4 febbraio 2009 Contabilità delle emissioni comunali Il progetto è nato dalla collaborazione di CISA con ENEA. Enea ha messo a

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO COMUNALE

BILANCIO ENERGETICO COMUNALE BILANCIO ENERGETICO COMUNALE Comune di: CAVAZZO CARNICO Anno di riferimento del bilancio energetico: 2013 Popolazione: 1.091 ab. (al 31/12/2013) 1 Superficie comunale: 39,44 kmq Densità abitativa: 27,7

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI: DEL COMUNE DI NOVARA

IL PATTO DEI SINDACI: DEL COMUNE DI NOVARA IL PATTO DEI SINDACI: L INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI NOVARA il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il percorso L inventario delle emissioni (anno di riferimento) I consumi energetici

Dettagli

L esperienza del Comune di Reggio Emilia

L esperienza del Comune di Reggio Emilia Convegno di presentazione IL PATTO DEI SINDACI PER I COMUNI DELL UNIONE VAL D ENZA L esperienza del Comune di Reggio Emilia Montecchio, 16 febbraio 2013 I firmatari del Patto si impegnano a ridurre di

Dettagli

Il Patto dei Sindaci

Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa europea che unisce le autorità locali e regionali in un impegno comune per contribuire (raggiungendoli e superandoli)

Dettagli

ZEROCO2 Communities Quanta biomassa per il Patto dei Sindaci?

ZEROCO2 Communities Quanta biomassa per il Patto dei Sindaci? ZEROCO2 Communities Quanta biomassa per il Patto dei Sindaci? Lo strumento del Partenariato Pubblico/Privato per il finanziamento FORLENER Biella 24 Settembre 2011 Piero Pelizzaro Resp. Cooperazione Internazionale

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il PAES

Il Patto dei Sindaci e il PAES 1 Forum di concertazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile 24 ottobre 2013 Sala Museo Cambellotti - Latina Il Patto dei Sindaci e il PAES Un impegno per l energia sostenibile Comune di Latina

Dettagli

Conoscere le f Conoscer e le f nti di emissione di CO2 L In v In e v ntario di Base delle Emissioni Dr. Dr Davide Lionello vide Lionello Servizio

Conoscere le f Conoscer e le f nti di emissione di CO2 L In v In e v ntario di Base delle Emissioni Dr. Dr Davide Lionello vide Lionello Servizio Conoscere le fonti di emissione di CO2 L Inventario di Base delle Emissioni Dr. Davide Lionello, Servizio Ambiente 08 Ottobre 2012 08 Ottobre 2012 San Donà di Piave VE L Inventario di Base delle Emissioni

Dettagli

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED EQUITA SOCIALE Introduzione La Carbon Footprint misura

Dettagli

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Martedi, 9 Giugno - 2015 Emanuele Cosenza SOGESCA Srl e.cosenza@sogesca.it ARGOMENTI Progetto 50000and1SEAPs

Dettagli

CONVEGNO/WORKSHOP. l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES

CONVEGNO/WORKSHOP. l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES CONVEGNO/WORKSHOP l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES 1 Il territorio Il Comune di Scandicci si estende su un territorio di 59,75 km 2. Il 29% del territorio è caratterizzato dalla presenza di aree

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO ENERGETICO

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali ALLEGATO C PAES Rosignano M.mo 1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali PRODOTTI PETROLIFERI Settore Civile: I consumi dei prodotti petroliferi in ambito civile vengono calcolati sommando

Dettagli

GIUSEPPE VESUVIANO (NA), 6-7.02.2014 WORKSHOP IEE COVENANT CAPACITY

GIUSEPPE VESUVIANO (NA), 6-7.02.2014 WORKSHOP IEE COVENANT CAPACITY COVENANT CAPACITY Capacity building of local governments to advance Local Climate and Energy Action from planning to action to monitoring GIORNATE DI FORMAZIONE Il Patto dei Sindaci: opportunità di crescita

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Patto dei Sindaci e l Inventario di Base delle Emissioni (IBE) I incontro : consumi energetici ed emissioni di CO2 nel Preganziol 31/03/2015 Il Patto dei Sindaci

Dettagli

1. AUDIT ENERGETICO DEI 250 EDIFICI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA E REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA INFORMATICA Audit GIS

1. AUDIT ENERGETICO DEI 250 EDIFICI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA E REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA INFORMATICA Audit GIS Titolo: Dal Censimento dei consumi energetici degli edifici pubblici all attuazione dei PAES della Provincia della Spezia Arch. Paola Giannarelli 18 marzo 2011 ISOLA DI SAN SERVOLO - VENEZIA DAL CENSIMENTO

Dettagli

I lavori preparatori all inventario delle emissioni provinciali

I lavori preparatori all inventario delle emissioni provinciali PIANO DI AZIONE AMBIENTALE PER UN FUTURO SOSTENIBILE 2008/2010: PIANI "CLIMA LOCALE" I lavori preparatori all inventario delle emissioni provinciali Fiera Ecomondo 11 novembre 2011 Dott.ssa Claudia Ozzi

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI ALLEGATO 1 1) Anno di riferimento dell'inventario 2005 Indicare il numero di abitanti nell'anno di inventario: 598 2) Fattori di emissione Selezionare la voce corrispondente:

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020

STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020 STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020 MAURO BROLIS IL PATTO DEI SINDACI: ESPERIENZE E SOLUZIONI PRATICHE PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI DI RISPARMIO ENERGETICO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI Obiettivi del

Dettagli

PAES piano d azione per l energia sostenibile

PAES piano d azione per l energia sostenibile capofila: LAVENO MOMBELLO ANGERA, BESOZZO, BREBBIA, BREGANO, COMABBIO, CADREZZATE, LEGGIUNO, MERCALLO, MONVALLE, OSMATE, RANCO, TAINO, VARANO BORGHI con il contributo per il bando 2011 _ Promuovere la

Dettagli

Comune di Conegliano WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CONEGLIANO. Programma Central Europe - Progetto MANERGY

Comune di Conegliano WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CONEGLIANO. Programma Central Europe - Progetto MANERGY Territorio Energia Ambiente Comune di Conegliano WP 5.1.1 BEI - Baseline Emission Inventory Programma Central Europe - Progetto MANERGY renewable energy sources WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory -

Dettagli

La Provincia di Genova come Struttura di Supporto per il Patto dei Sindaci

La Provincia di Genova come Struttura di Supporto per il Patto dei Sindaci La Provincia di Genova come Struttura di Supporto per il Patto dei Sindaci Dario Miroglio Direzione Ambiente Energia Ufficio Pianificazione e Sviluppo Sostenibile La dimensione del problema In un anno

Dettagli

Il Patto dei Sindaci: una grande opportunita' di cambiamento

Il Patto dei Sindaci: una grande opportunita' di cambiamento Provincia Autonoma di Bolzano, 20 marzo 2015 L'Alto Adige verso KlimaLand - 2 giornata dell'energia in Alto Adige Il Patto dei Sindaci: una grande opportunita' di cambiamento Paolo Zancanella European

Dettagli

Comune di Carbonera WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CARBONERA. Programma Central Europe - Progetto MANERGY

Comune di Carbonera WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CARBONERA. Programma Central Europe - Progetto MANERGY Territorio Energia Ambiente Comune di Carbonera WP 5.1.1 BEI - Baseline Emission Inventory Programma Central Europe - Progetto MANERGY renewable energy sources WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory -

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune I consumi energetici e le emissioni a Settala A CHE PUNTO SIAMO? Irene de Piccoli - Infoenergia 2 ottobre 211 SINTESI EMISSIONI AL FASE A EMISSIONI CO

Dettagli

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Lo strumento conoscitivo a misura di Patto dei Sindaci Diamo valore al Clima: Efficienza, Sostenibilità, Competitività Stefania

Dettagli

(PA), 11-12.07.2013 WORKSHOP IEE COVENANT CAPACITY

(PA), 11-12.07.2013 WORKSHOP IEE COVENANT CAPACITY COVENANT CAPACITY Capacity building of local governments to advance Local Climate and Energy Action from planning to action to monitoring GIORNATE DI FORMAZIONE Il Patto dei Sindaci: opportunità di crescita

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

(PA), 11-12.07.2013 WORKSHOP IEE COVENANT CAPACITY

(PA), 11-12.07.2013 WORKSHOP IEE COVENANT CAPACITY COVENANT CAPACITY Capacity building of local governments to advance Local Climate and Energy Action from planning to action to monitoring GIORNATE DI FORMAZIONE Il Patto dei Sindaci: opportunità di crescita

Dettagli

Strumenti operativi a disposizione dei Comuni per l elaborazione dei PAES

Strumenti operativi a disposizione dei Comuni per l elaborazione dei PAES Strumenti operativi a disposizione dei Comuni per l elaborazione dei PAES La Regione Emilia Romagna per agevolare gli Enti locali coinvolti nell iniziativa Patto dei Sindaci, ha messo a disposizione dei

Dettagli

Presentazione del software

Presentazione del software Presentazione del software Giuseppe Maffeis, Daniele Roncolato, Roberta Gianfreda, Giorgio Fedeli via M. Gioia 132, 20125 Milano tel: 02.8708.5650, fax: 02.9737.6569 Sito: www.co20.it, E-mail: co20@terraria.com

Dettagli

RELAZIONE DI ATTUAZIONE CAMMINARE PER CRESCERE PIANO D'AZIONE PER L'ENERGIA SOSTENIBILE 0-2 2-10 10-20 20+

RELAZIONE DI ATTUAZIONE CAMMINARE PER CRESCERE PIANO D'AZIONE PER L'ENERGIA SOSTENIBILE 0-2 2-10 10-20 20+ CAMMINARE PER CRESCERE 0-2 2-10 10-20 20+ PIANO D'AZIONE PER L'ENERGIA SOSTENIBILE UN MODO PER FARE DELL ENERGIA UN CONCETTO SOSTENIBILE PER FAMIGLIA E AMBIENTE ADESIONE PAES MEI 2013 RELAZIONE DI ATTUAZIONE

Dettagli

PARTNERSHIP LOCALE PER LA PROTEZIONE DEL CLIMA Guida all utilizzo del Greenhouse Gas Protocol Tool www.ghgprotocol.org

PARTNERSHIP LOCALE PER LA PROTEZIONE DEL CLIMA Guida all utilizzo del Greenhouse Gas Protocol Tool www.ghgprotocol.org PARTNERSHIP LOCALE PER LA PROTEZIONE DEL CLIMA Guida all utilizzo del Greenhouse Gas Protocol Tool www.ghgprotocol.org 1 Questo documento è stato realizzato nell ambito del progetto LIFE07ENV/IT/000357

Dettagli

STIMA DELLE EMISSIONI DI CO 2 DELLE UNIVERSITA : IL CASO DEL POLITECNICO DI MILANO CAMPUS CITTÀ STUDI

STIMA DELLE EMISSIONI DI CO 2 DELLE UNIVERSITA : IL CASO DEL POLITECNICO DI MILANO CAMPUS CITTÀ STUDI POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio STIMA DELLE EMISSIONI DI CO 2 DELLE UNIVERSITA :

Dettagli

Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità

Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità Patto dei Sindaci Il Comune di Città di Castello ha da tempo riconosciuto la sostenibilità come variabile

Dettagli

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Effetto Serra Il fenomeno di riscaldamento dell atmosfera e della superficie terrestre è, in parte, un fenomeno naturale, dato dalle caratteristiche

Dettagli

REDAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E MONITORAGGIO DEI PIANI D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE

REDAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E MONITORAGGIO DEI PIANI D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE PROVINCIA DI VENEZIA REDAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E MONITORAGGIO DEI PIANI D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE LINEE GUIDA Redatto da: Palazzo Ca' Corner San Marco 2662, 30124 Venezia www.202020-provinciavenezia.it

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO

Dettagli

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Napoli Prof. Massimo Dentice d Accadia Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Industriale Il PAES è il

Dettagli

Figura 4.7.1 Contributi percentuali dei macrosettori alle emissioni di metano nella provincia di Milano 1998 19% < 5%

Figura 4.7.1 Contributi percentuali dei macrosettori alle emissioni di metano nella provincia di Milano 1998 19% < 5% 4.7 IL METANO Il metano è un gas incolore e inodore, che abbonda in natura quale costituente principale del gas naturale. Buona parte delle emissioni in atmosfera derivano dalle operazioni di estrazione,

Dettagli

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE Confini, campo di applicazione e settori Comune Residenza Industria Terziario pubblico QUALI SETTORI

Dettagli

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS CARBON FOOTPRINT ANALYSIS PROFILO AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto Club e Ambiente Italia. Accreditata come ESCo (Energy Service Company), analizza

Dettagli

Carbon Footprint di un organizzazione

Carbon Footprint di un organizzazione CHE COSA E LA CARBON FOOTPRINT? La Carbon Footprint misura il contributo che le attività umane producono sull effetto serra, espresso in tonnellate di biossido di carbonio equivalente (CO 2 eq). Il tema

Dettagli

PAES piano d azione per l energia sostenibile

PAES piano d azione per l energia sostenibile capofila: CASALBUTTANO ED UNITI ANNICCO, AZZANELLO, CAPPELLA CANTONE, CASALMORANO, CASTELVISCONTI, GENIVOLTA, PADERNO PONCHIELLI, SORESINA, TRIGOLO con il contributo per il bando 211 _ Promuovere la sostenibilità

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES Baseline e individuazione azioni

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES Baseline e individuazione azioni IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES Baseline e individuazione azioni SPES Consul>ng Società di consulenza in materia energetica ed ambientale. Ci occupiamo di pianificazione energetica a

Dettagli

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Sindaco Assessore all Urbanistica R.U.P. Energy Manager Coordinamento Avv. CUOMO Nicola Arch. D AURIA Alessio Arch. QUINTAVALLE Lea Arch. SCOGNAMIGLIO Antonella Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Gruppo di

Dettagli

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016 PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO IL PAES e GLI OBIETTIVI Ricognizione su tutto il territorio comunale degli

Dettagli

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

Energy management negli enti pubblici: l'esperienza di Arpa Emilia-Romagna

Energy management negli enti pubblici: l'esperienza di Arpa Emilia-Romagna Corso di formazione SISTEMI PER L'ENERGIA E L'AMBIENTE 8 giugno 2015 Energy management negli enti pubblici: l'esperienza di Arpa Emilia-Romagna Michele Sansoni Direzione Tecnica michelesansoni@arpa.emr.it

Dettagli

COMUNE DI PIANELLA. Bilancio di energia e CO2 del Comune di Pianella

COMUNE DI PIANELLA. Bilancio di energia e CO2 del Comune di Pianella COMUNE DI PIANELLA Bilancio di energia e CO2 del Comune di Pianella The Covenant of Mayors (D.C.C. 48/2009) Campagna Commissione Europea SEE - Sustainable Energy for Europe 1 IL PRESENTE BILANCIO DI ENERGIA

Dettagli

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY Pisa, 26 maggio 2011 LE CITTA PROTAGONISTE NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI Le città sono responsabili di oltre il 50% delle emissioni di gas

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE:

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE: IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE: Un modello di sviluppo per i territori 08/05/2014 ORE 17.00 SAN ZENONE DEGLI EZZELINI Centro polivalente La Roggia - via Caozocco, 10 IL PATTO DEI SINDACI:

Dettagli

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO)

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) Calcolo Carbon Footprint personale A.S. 2014-2015 Allievo: Stefano Tarizzo 1 INDICE Cap. 1 Definizione di Carbon Footprint pag. 3 Tab. 1 pag. 3 Cap.

Dettagli

Presentazione della BASELINE

Presentazione della BASELINE capofila: CADREZZATE ANGERA, BREBBIA, BREGANO, COMABBIO, ISPRA, LAVENO MOMBELLO, LEGGIUNO, MERCALLO, MONVALLE, OSMATE, RANCO, TAINO, VARANO BORGHI con il contributo per il bando 2011 _ Promuovere la sostenibilità

Dettagli

Dott. Daniel Caratti- Ecuba

Dott. Daniel Caratti- Ecuba LA PROGETTAZIONE DELLE AZIONI NEL SEAP Dott. Daniel Caratti- Ecuba Patto dei Sindaci: di cosa si tratta? -Il Patto dei Sindaci è un impegno formale a superare gli obiettivi europei 20-20- 20 in termini

Dettagli

CARBON FOOTPRINT. Rapporto 2012

CARBON FOOTPRINT. Rapporto 2012 CARBON FOOTPRINT Rapporto 2012 2012 Energia elettrica 143 143 Metano 15.195 1.515 16.709 Gasolio 1.901 361 2.263 Climatizzazione - - Totale 17.096 143 1.876 19.115 Auto aziendali - NLT (Noleggio Lungo

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI DOBERDÒ DEL LAGO

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI DOBERDÒ DEL LAGO PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI DOBERDÒ DEL LAGO PARTE PRIMA BILANCIO ENERGETICO ED INVENTARIO DELLE EMISSIONI DI CO 2 PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI DOBERDÒ

Dettagli

COMUNE DI PIETRANICO

COMUNE DI PIETRANICO COMUNE DI PIETRANICO Bilancio di energia e CO2 del Comune di Pietranico The Covenant of Mayors (D.C.C. 48/2009) Campagna Commissione Europea SEE - Sustainable Energy for Europe Inventario base delle emissioni

Dettagli

Leonardo Setti Docente Università di Bologna Facoltà di chimica industriale

Leonardo Setti Docente Università di Bologna Facoltà di chimica industriale Leonardo Setti Docente Università di Bologna Facoltà di chimica industriale Gli Enti Locali e la transizione energetica verso l Europa del 2050 Fonti Energetiche e sviluppo sostenibile Imola, 10 novembre

Dettagli

Io e Torricella Sicura

Io e Torricella Sicura Io e Torricella Sicura Daiana, 15 anni Torricella Sicura (Te) INSIEME PER L ENERGIA SOSTENIBILE - 20% di emissioni inquinanti +20% di energie rinnovabili +20% di efficienza energetica entro il 2020 Foto

Dettagli

Estratto Bilancio Energetico Comunale

Estratto Bilancio Energetico Comunale Data N. incarto Oggetto Proprietà 31 maggio 2011 11316 Città dell Energia AMB Estratto Bilancio Energetico Comunale Comune di Bellinzona - 2010 Bilancio Energetico Globale BILECO Bellinzona 31/05/2011

Dettagli

Azioni e Monitoraggio. Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O.

Azioni e Monitoraggio. Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O. Azioni e Monitoraggio Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O. Qualità dell Aria 2 Le azioni Le azioni discendono dalle strategie di Mitigazione

Dettagli

Io e Civitella del Tronto

Io e Civitella del Tronto Io e Civitella del Tronto Giuseppe, 25 anni Civitella del Tronto (Te) INSIEME PER L ENERGIA SOSTENIBILE - 20% di emissioni inquinanti +20% di energie rinnovabili +20% di efficienza energetica entro il

Dettagli

COMUNE DI ELICE. Bilancio di energia e CO 2 del Comune di ELICE

COMUNE DI ELICE. Bilancio di energia e CO 2 del Comune di ELICE COMUNE DI ELICE Bilancio di energia e CO 2 del Comune di ELICE The Covenant of Mayors (D.C.C. 48/2009) Campagna Commissione Europea SEE - Sustainable Energy for Europe Inventario base delle emissioni di

Dettagli

IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE

IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE PROGETTO CLIMA Nel definire gli interventi da inserire nel progetto CLIMA

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLO DI BERTONA

COMUNE DI MONTEBELLO DI BERTONA COMUNE DI MONTEBELLO DI BERTONA Bilancio di energia e CO2 del The Covenant of Mayors (D.C.C. 48/2009) Campagna Commissione Europea SEE - Sustainable Energy for Europe 1 IL PRESENTE BILANCIO DI ENERGIA

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 SPES Consulting srl Ing. Adriano PESSINA LITOS Progetti srl Ing. Piero Lo Duca SPES Consulting

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Dati preliminari e principali linee d azione Giugno 2012 Prof. Massimo Dentice d Accadia DETEC Università degli studi di Napoli Federico II COS E IL PATTO

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

INVENTARIO BASE DELLE EMISSIONI FASE A. Piano di Azione per l'energia Sostenibile. Comune di Nembro

INVENTARIO BASE DELLE EMISSIONI FASE A. Piano di Azione per l'energia Sostenibile. Comune di Nembro FASE A INVENTARIO BASE DELLE EMISSIONI Piano di Azione per l'energia Sostenibile Comune di Nembro DOC. 002 15.07.2011 INDICE 1. STRATEGIA GENERALE 3 1.1 Obiettivo generale di riduzione delle emissioni

Dettagli

ALLEGATO B PAES Isola d Elba

ALLEGATO B PAES Isola d Elba 1. GLOSSARIO ALLEGATO B PAES Isola d Elba Attività libera:attività di installazione di impianti a fonti rinnovabili o di cogenerazione di piccole dimensioni che viene considerata libera ai sensi della

Dettagli

Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali

Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali Workshop rivolto ai Comuni beneficiari del progetto Alterenergy Udine, 30 maggio 2013 Sala Pasolini Silvia Stefanelli,

Dettagli

Moduli di sviluppo delle competenze TERRITORI INTELLIGENTI E RESILIENTI. LA PIANIFICAZIONE LOCALE, REGIONALE E NAZIONALE

Moduli di sviluppo delle competenze TERRITORI INTELLIGENTI E RESILIENTI. LA PIANIFICAZIONE LOCALE, REGIONALE E NAZIONALE Azione 7A: Azioni orizzontali per l integrazione ambientale Moduli di sviluppo delle competenze TERRITORI INTELLIGENTI E RESILIENTI. LA PIANIFICAZIONE LOCALE, REGIONALE E NAZIONALE 29 e 30 settembre 1,

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

COMUNE DI GARDONE VAL TROMPIA. SEAP Sustainable Energy Action Plan Piano d Azione per l Energia Sostenibile

COMUNE DI GARDONE VAL TROMPIA. SEAP Sustainable Energy Action Plan Piano d Azione per l Energia Sostenibile COMUNE DI GARDONE VAL TROMPIA SEAP Sustainable Energy Action Plan Piano d Azione per l Energia Sostenibile Indice Indice... 2 1. Premessa... 3 2. Contesto... 4 3. Cos è il SEAP?... 5 3.1 Contesto normativo...

Dettagli

Piano Energetico Comunale della Spezia

Piano Energetico Comunale della Spezia Piano Energetico Comunale della Spezia IL BILANCIO DELLE EMISSIONI DI CO 2 E DEI PRINCIPALI AGENTI INQUINANTI Codice AI-C5-08E084-09-02 Versione 02 Committente Comune della Spezia Stato del documento Bozza

Dettagli

Metodologia. 5 rapporto sull energia

Metodologia. 5 rapporto sull energia 2 Metodologia 5 rapporto sull energia 23 2.1 Usi finali e consumi finali Per l aggiornamento del bilancio energetico provinciale al 2005 si è adottata la stessa metodologia utilizzata per il Quarto Rapporto

Dettagli

delle emissioni locali nell'appennino bolognese. Ing. Natale Massimo Caminiti

delle emissioni locali nell'appennino bolognese. Ing. Natale Massimo Caminiti L a metodologia CISA per la contabilità delle emissioni locali nell'appennino bolognese. Ing. Natale Massimo Caminiti La contabilità di emissioni di gas serra a scala comunale: proposte per i comuni dell'appennino

Dettagli

Il Piano Energetico di Pieve di Cento

Il Piano Energetico di Pieve di Cento Dipartimento di Chimica Industriale «Toso Montanari» UNIVERSITA DI BOLOGNA Il Piano Energetico di Pieve di Cento Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE

Dettagli

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 91 4.4 Energia Negli ultimi 10 anni le politiche energetiche italiane ed europee si sono indirizzate verso scenari legati alle diffusioni

Dettagli

Michela Gallo. CE.Si.S.P. Centro per lo Sviluppo della Sostenibilità dei Prodotti Università di Genova. Pavia

Michela Gallo. CE.Si.S.P. Centro per lo Sviluppo della Sostenibilità dei Prodotti Università di Genova. Pavia La creazione e la contabilizzazione di un credito locale di CO 2 Michela Gallo CE.Si.S.P. Centro per lo Sviluppo della Sostenibilità dei Prodotti Università di Genova 13 ottobre 2008 Pavia Il Protocollo

Dettagli