"Politiche regionali per lafamiglia"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""Politiche regionali per lafamiglia""

Transcript

1 CI:'I:I'] [II:IJ Regione Umbria eh]!] OUIJ Consiglio Regionale CI2121::1 - Tel Fax e-mai!: ATTO N. 376 PROPOSTA DI LEGGE di iniziativa dei Consiglieri SPADONI URBANI, MODENA, LAFFRANCO, NEVI, ROSSI LUCIANO, MELASECCHE GERMINI, SEBASTIANI, ZAFFINI, TRACCHEGIANI, DE SIO e LIGNANI MARCHESANI "Politiche regionali per lafamiglia" Depositato al Servizio Assistenza sul Regolamento Interno, Monitoraggio e Sviluppo Processi il Trasmesso alla III-I Commissione Consiliare Permanente il

2 ClélJIJ EIUB Regione Umbria ["..1.'.1-..1'.' j;,:... ;,., pl:i~ljconsiglio Regionale...I.. IeL Piazza Italia. 2 hup:llwww.crumbria.it RELAZIONE La nostra iniziativa di legge parte dal riconoscimento del momento delicato, irto di difficoltà, attraversato dalla famiglia. La famiglia minacciata da ritmi di vita e 'di lavoro intensi, logorata da problemi nuovi, spesso in difficoltà anche per seguire l'educazione dei figli, è oggi più bisognosa che mai di interventi di sostegno. In essa si è spezzata anche la trasmissione di conoscenze che assicuravano quel patrimonio culturale e di conoscenze con il quale si era in grado di far fronte ad eventi naturali quali la nascita, il puerperio, lo svezzamento della prole. Sentivamo il dovere di rispondere ai nuovi bisogni presentando una proposta di legge per ridisegnare globalmente gli interventi della Regione a vantaggio della famiglia anche per l'assenza di riferimenti, su questo tema, nelle dichiarazioni programmaliche della Giunta, una dimenticanza grave. Dobbiamo ridare alla politica per la famiglia una centralità che il centro sinistra ha completamente dimenticato. La centralità della persona umana è una parola vuota se non si crede nella centralità della famiglia, perché in essa si sviluppano le capacità di relazione, di vita sociale e, si può realizzare, più compiutamente ogni persona. Le linee generali sulle quali si muove la proposta di legge è quella di raccogliere in un quadro d'insieme omogeneo e con la maggior coerenza'di riferimenti possibile, tutta la gamma degli interventi possibili a sostegno della famiglia, "società naturale fondata sul matrimonio". Nella proposta la vita nascente è tenuta in grande considerazione e per permetterle di svilupparsi si opera al fine di rimuovere ogni ostacolo economico, ma anche culturale, che si frapponga tra i coniugi e i figli desiderati. In questo senso si richiede un rilancio dei consultori, nonché la qualificazione e l'aggiornamento continuo degli operatori che vi operano. Nel dettaglio la proposta si Compone di cinque sezioni compresa la norma finanziaria. L'articolo uno indica "Finalità ed obiettivi"; come in uno statuto della famiglia si ritrovano qui raccolti i principi fondamentali, basilari per l'insieme degli interventi. Essi sono anche le finalità che ci si propone di raggiungere, non tutte e subito, ma nell'ottica della gradualità. Certamente vuole essere un programma che non si potrà eludere se si desidera dare una svolta alla politica per la famiglia. Il secondo titolo, "Agevolazioni e finanziamenti" si apre con le nuove opportunità fornite dalla Regione per le coppie che abbisognano di una casa (art. 3). L'abitazione, è noto, è il primo ostacolo per la formazione di una nuova famiglia. L'intervento proposto - l'abbattimento degli interessi passivi sui mutui in misura sensibile - sicuramente può avere un impatto notevole per aiutare le giovani coppie. La Regione, se necessario, è chiamata a fornire anche garanzia fidejussoria verso la banca. In ogni caso la materia dovrà essere regolamentata con una convenzione da stipularsi con gli Istituti di credito regionali. La stessa opportunità data alle nuove coppie viene riconosciuta a quelle alle quali la nascita di un figlio comporti oggettive necessità di ampliamento dello spazio abitativo. L'articolo quattro prevede un finanziamento allo stesso tasso agevolato previsto nel precedente articolo, ma fino a euro , per favorire la nascita di nuove attività sempre per coppie che abbiano i requisiti prima indicati. Per affrontare tutte le possibili situazioni di disagio economico gli articoli cinque e sei prevedono agevolazioni per l'acquisto di beni durevoli (eccezion fatta per gli autoveicoli) per chi ha contratto matrimonio da un anno o intenda contrario entro un anno e prestiti sull'onore (art. 6) in caso di successive difficoltà. Anche le famiglie che alloggiassero in appartamenti locati potranno essere aiutate, nel caso in cui non siano in grado di pagare il canone d'affitto; in questa situazione è parso più consono alla nostra realtà regionale un intervento attraverso i Comuni, che sono il primo punto di riferimento per le necessità di ogni cittadino (art. 7 e 8). lltitolo terzo prevede una serie di iniziative a favore della maternità e a tutela dell'infanzia. Oltre alla qualificazione del personale addetto alle attività consultoriali (art. 9) si prevede una

3 "D O J Regione Umbria 'I re,, : J Consiglio Regionale,~'J,J~J" relazione sulla attività di questi organismi che sarà la base per una conoscenza organica delle problematiche familiari nei vari territori. Si definiscono, inoltre, i campi di azione dei consultori. L'articolo dieci mette in campo, seppure a richiesta, ma in modo generalizzato e non più affidato alla sensibilità delle singole ASL, l'assistenza domiciliare alle puerpere che, seppur limitata ad otto giorni dalle dimissioni dall'ospedale, può consentire un valido aiuto alle giovani madri: un awio utile nella loro nuova condizione. Le ostetriche sono chiamate anche all'accertamento delle condizioni abitative della madre e del neonato, al fine di poter utilizzare le risorse previste nella presente legge. I nidi famiglia previsti dall'articolo undici sono un'iniziativa, sperimentata con successo altrove, che potrebbe, data la configurazione antropica regionale, agevolare i gruppi di famiglie nella vigilanza, intrattenimento e crescita dei piccoli fino a tre anni. Oltre questa età l'intervento pubblico con gli asili è ormai diffuso, ma deve essere comunque ottimizzato con puntualità. Ecco dunque la previsione dell'articolo dodici che vuole mettere ordine in un campo, quello dell'assistenza domiciliare ai bambini svolta da privati (baby sitter) che spesso vengono scelti dalle famiglie sulla base di riferimenti amicali o conoscenze sporadiche. Una selezione svolta a livello comunale, volta ad accertare le effettive capacità di queste persone, può aiutare anche a dare maggior tranquillità alle famiglie che ne abbiano bisogno. Una delle difficoltà, malgrado le leggi nazionali recentemente varate, che rimangono è quella del reinserimento nell'ambito lavorativo (art. 13) del genitore che abbia interrotto la propria attività per la nascita di un figlio. L'articolo quattordici, prevede la possibilità di formare genitori e personale chiamato ad operare nei servizi alla prima infanzia. L'articolo quindici tende a favorire la costituzione di imprese private che nascono per operare nel campo dei servizi alla famiglia. Il titolo quarto, "assistenza economica" riguarda gli aiuti alle famiglie in difficoità (art. 18), speciaimente quelle nelle quali si vivono condizioni di particolare disagio (presenza di malati mentali, detenuti, tossicodipendenti e alcolisti). L'articolo 19 prevede "aiuti alle famiglie per anziani non autosufficienti". La norma vuoie incoraggiare, quando ciò è possibile, la permanenza dell'anziano non autosufficiente in famiglia per ragioni affettive, psicologiche ed economiche. L'anziano malato sopporta più serenamente le infermità e reagisce positivamente stando in famiglia. Il contributo di 800 euro mensili alla famiglia è un costo di gran lunga inferiore a quello che il servizio socio-sanitario deve sostenere in una struttura residenziale pubblica o privata che sia. Ma questa scelta di civiltà non può gravare tutta sulla famiglia per questo è previsto il contributo sopra indicato. Spesso nel nucleo familiare c'è un giovane disoccupato od un altro anziano che sono in grado di dare questa assistenza. La stima di euro indicata nella norma finanziaria (art. 20) come fabbisogno per l'anno in corso dovrà essere verificata nel futuro, ma è prevedi bile che non sia sufficiente. Resta comunque una somma che indica un certo livello di attenzione che, seppur minimo in termini assoluti, tiene anche conto delle compatibilità col bilancio regionale.

4 EII13 Regione Umbria [In1 iui] Consiglio Regionale [_I_I,:,,:.,j PROPOSTA DI LEGGE "POLITICHE REGIONALI PER LA FAMIGLIA" Titolo I NORME GENERALI Art. 1 Finalità ed obiettivi 1. La Regione, in conformità ai principi sanciti dagli arti. 2, 3, 3 1, 37, 38 e 47 della Costituzione, nonché della Convenzione ONU sui diritti del fanciullo, recepita nell'ordinamento giuridico italiano con la legge 27 maggio 199 1, n. 176, riconosce la famiglia quale soggetto sociale politicamente rilevante e istituzione privilegiata per la nascita, la cura e l'educazione dei figli cosi come definita dagli articoli 29 e 30 della Costituzione, nonché quella composta da persone unite da legami di parentela, adozione o affinità con vincoli di reciproca assistenza e solidarietà tra le generazioni. 2. Il concepito è considerato a tutti gli effetti quale componente della famiglia. 3. La Regione promuove i servizi pubblici volti al sostegno della famiglia e realizza un'organica ed integrata politica di supporto al nucleo familiare, tutelando la vita all'interno della stessa in tutte le sue fasi, in particolare nel periodo della gestazione, in quello prenatale e nell'infanzia. Pertanto, ai fini della propria attività di indirizzo politico e di programmazione: I. Facilita la fomnazione e lo sviluppo delle famiglie mediante la rimozione degli ostacoli di carattere economico, abitativo e lavorativo; Il. Sostiene l'alto valore personale e sociale della maternità e della paternità favorisce gli interventi volti a prevenire e rimuovere le difficoltà economiche e sociali che possano indurre la madre all'interruzione della gravidanza, anche in attuazione della legge 22 maggio 1978, n. 194; 111.Tutela la salute di tutti i componenti della famiglia e garantisce il benessere psico-affettivo e la continuità dei rapporti tra i familiari anche quando ricoverati presso presidi ospedalieri pubblici o privati. IV. Il valore sociale del lavoro domestico e promuove iniziative per facilitare il reinserimento dei genitori nel mondo del lavoro; V. Promuove e sostiene l'associazionismo e la cooperazione al fine di favorire fomne di aut%rganizzazione e di aiuto solidaristico tra le famiglie per la cura dei bambini, degli adolescenti, degli anziani e dei disabili; VI. Cura l'assistenza e il sostegno dei soggetti in difficoltà, quali i minori orfani o privi dell'assistenza dei genitori, oppure sottoposti a maltrattamenti, abusi e abbandoni, nonché i membri della famiglia vittime di violenze fisiche, sessuali o psicologiche; VII. Realizza l'informazione necessaria sulle modalità relative all'affido ed all'adozione nazionale ed internazionale. VIII. Garantisce la formazione e l'aggiornamento degli operatori dei servizi alla famiglia. IX. Definisce gli standards dei servizi residenziali per i minori.

5 Gl'lIGIe:! CIIll1 Regione Umbria,clr... '\'.'''' lc..i'.'. i:1i11"1 Consiglio Regionale Il:1.:1.. X. valorizzare la corresponsabilità dei genitori nei confronti dei figli e il loro compito educativo e d'istruzione, favorendo la solidarietà tra generazioni anche per la permanenza dell'anziano nella famiglia; consentire ai genitori la libera scelta tra la scuola statale e non statale per i propri figli; tutelare la maternità favorendo e realizzando interventi per prevenire e rimuovere le cause di natura economica e sociale che possano indurre all'interruzione della gravidanza; favorire l'informazione, la consulenza, il sostegno e l'assistenza alle vittime di violenze sessuali, con particolare riguardo ai minori che abbiano subito maltrattamenti e abusi; promuovere la ricerca, lo studio e l'infonmazione sulle tematiche relative alla famiglia e sullo stato delle famiglie residenti. Art. 2 Funzioni e strumenti 1. La Regione, in attuazione del principio di sussidiarietà, promuove l'integrazione tra il servizio statale e quello privato per favorire il libero svolgimento delle funzioni della famiglia e valorizzare la solidarietà nella famiglia, tra le famiglie e a favore delle famiglie. 2. La Regione riconosce e garantisce il ruolo dell'associazionismo familiare e ne promuove lo sviluppo. 3. La Regione favorisce la libertà di scelta della famiglia tra servizi pubblici e privati in modo da realizzare la piena integrazione tra gli stessi. 4. I Comuni svolgono le proprie funzioni riconoscendo e promuovendo l'autonoma iniziativa delle formazioni sociali di base. Titolo Il AGEVOLAZIONI E FINANZIAMENTI Agevolazioni Art. 3 per la prima casa 1. Per l'acquisto della prima casa da parte delle coppie formate da giovani con meno di trentacinque anni, la Regione favorisce l'erogazione di finanzia menti a tasso e condizioni agevolate da concedersi da parte di istituti bancari in base ad apposite convenzioni stipulate tra la Regione e gli istituti stessi. Gli interessi a carico delle coppie beneficiarie rientrano nella misura massima del 2%, la quota restante è a carico della Regione che può fornire anche garanzie fidejussorie. 2. Possono accedere a tali agevolazioni le coppie che non siano già proprietarie di alcun bene immobile ad uso abitativo o idoneo per tale uso all'interno del territorio nazionale e che intendano sposarsi entro un anno dall'acquisto della casa, se in possesso di un reddito annuo complessivo inferiore a euro Delle agevolazioni per l'acquisto della casa possono usufruire anche le coppie sposate che, in seguito alla nascita di un figlio, abbiano obiettive esigenze di ampliamento del proprio spazio familiare. Awio Art.4 di nuove attività Alle coppie che siano nelle condizioni previste nel precedente articolo, nelle quali almeno un componente intenda avviare un'attività di lavoro autonomo, sono concessi finanziamenti fino a euro alle condizioni previste al com ma 1 dell'art. 3. La sede dell'attività di lavoro autonomo deve essere nel comune di residenza della coppia o in un comune limitrofo, comunque all'interno del territorio regionale. Agevolazioni Alt. 5 a scopo matrimonio

6 Cl'J101J [][I[IJ Regione Umbria '.-!('; ':',i 1" LU;I;! Consiglio Regionale 1, , TeL AI fine di contribuire a rimuovere gli ostacoli di natura economica alla formazione di nuove famiglie, la Regione favorisce l'erogazione di finanziamenti fino a euro alle condizioni indicate al comma 1 dell'art. 3 anche alle giovani coppie, in possesso di un reddito annuo complessivo inferiore a euro e che intendano sposarsi entro un anno o abbiano contratto matrimonio da non più di un anno, per soddisfare le esigenze familiari collegate o conseguenti al matrimonio relative all'acquisto di beni durevoli, eccezion fatta per gli autoveicoli, opportunamente documentate. 2. La Giunta disciplina la concessione di tali finanzia menti nel regolamento da emanare ai sensi del comma 2 dell'art. 2 della presente legge. Art. 6 Prestiti sull'onore 1. Per le famiglie in situazioni di temporanea difficoltà economica, opportunamente certificata dai servizi sociali del territorio, sono concessi prestiti sull'onore, consistenti in contributi fino a euro sulla base di apposite convenzioni tra Giunta Regionale ed aziende di credito, per il finanziamento di' improrogabili esigenze economiche relative alle necessità della vita familiare. La Giunta disciplina la concessione di tali contributi nel regolamento da emanare ai sensi del comma 2 dell'art. 2 della presente legge. L'onere degli interessi é a totale carico della Regione. 2. Qualora i soggetti di cui al presente comma non siano in grado di offrire sufficienti garanzie per la restituzione dei suddetti finanziamenti, la Regione, su richiesta dell'istituto di credito, può concedere fidejussione gratuita a garanzia dell'obbligazione. 3. Le agevolazioni di cui al presente articolo sono concesse prioritariamente alle coppie con figli a carico. Art. 7 Canoni di locazione 1. Per il pagamento dei canoni di locazione, oltre alle agevolazioni previste dall'art. 6, la Regione, ad integrazione dei fondi previsti dalla legge 431/98, eroga specifici contributi ai Comuni. Questi ultimi, nel caso di famiglie in difficoltà economica documentata da parte dei servizi sociali, concedono alle famiglie contributi a fondo perduto, valutando, secondo le singole situazioni, l'opportunità di pagare in tutto o in parte i canoni in oggetto e attivandosi per reperire alloggi più convenienti. 2. L'esatta determinazione dei parametri per ottenere le agevolazioni di cui al presente articolo e le modalità di presentazione delle domande sono stabilite da un apposito regolamento emanato dalla Giunta Regionale entro 3 mesi dall'entrata in vigore della presente legge sentito il parere dei rappresentanti dei comuni. Art. 8 standards dei senizi residenziali per i minori I piani urbanistici regionali e comunali sono ridefiniti alla luce di nuovi standars residenziali per favorire i minori ai sensi del punto X, comma 3, dell'art. 1 della presente legge. Una commissione regionale, formata entro sei mesi dall'entrata in vigore della presente legge stabilirà i nuovi parametri minimi per gli appartamenti di nuova costruzione e per le aree di nuova urbanizzazione neli'ottica di favorire la socializzazione e la tutela dei minori, dal punto di vista del loro sviluppo fisico e psicologico. La Commissione avrà tempo diciotto mesi per stendere le norme in oggetto che saranno comunque portate a conoscenza della Commissione regionale competente e sperimentate per un triennio.

7 rè[]i']ij fini Regione Umbria l'[[i! LIO] Consiglio Regionale CJ:f,":Ò TeL 075,5761 Sarà compito della Commissione prevedere obbligatoriamente per i nuovi insediamenti spazi attrezzati per!'infanzia; favorire la realizzazione di ludoteche pubbliche o private intese quali servizi educativi/culturali/ricreativi; individuare parametri e localizzazione di centri di incontro e strutture socializzanti per preadolescenti e adolescenti nonché forme di mobilità alternativa all'automobile e zone residenziali protette dal traffico, Titolo 111 INIZIATIVE PER LA MATERNITA' E L'INFANZIA Art. 9 Attività dei consultori 1. Viene garantita l'attività dei consultori, statali e privati, al fine di rafforzare la tutela dei minori e della donna, assicurando ogni forma di assistenza che favorisca la stabilità della famiglia e una procreazione serena e consapevole, 2. In particolare i consultori: al prevengono e rimuovono gli ostacoli che possano impedire una scelta libera in relazione alla procreazione, fornendo assistenza psicologica ed informativa alla coppia, e prevenendo altresì le difficoltà che potrebbero indurre la madre all'interruzione della gravidanza; bl garantiscono gli interventi finalizzati alla cura dell'infertilità ed abortività spontanea; cl forniscono assistenza durante tutto il periodo della gravidanza, prevenendo le cause di potenziale danno per il nascituro; a tal fine: I. assicurano sostegno psicologico e medico, anche mediante la predisposizione di piani sanitari specifici; Il. verificano le compatibilità delle condizioni economiche della famiglia con la possibilità di una maternità sana e serena, fornendo eventualmente le informazioni e l'assistenza necessaria per usufruire delle agevolazioni e dei servizi previsti dalla presente legge; 111.in caso di gravidanze particolarmente difficili, che manifestino difficoltà nella prosecuzione, garantiscono un'assistenza continua, eventualmente anche domiciliare; IV. curano la realizzazione di corsi di preparazione psico/profilattica alla nascita; V. verificano la tutela delle gestanti sul luogo di lavoro; VI. predispongono una scheda relativa alla gravidanza che fornisca informazioni sulle principali norme igieniche, sul calendario delle visite e degli accertamenti, sui servizi forniti dalle strutture pubbliche e private; dl individuano le famiglie a rischio e inviano comunicazione ai servizi competenti o, in assenza di specifici organismi pubblici, alle strutture private per il pronto intervento nei casi di violenza e abusi nella famiglia o di abbandono morale e materiale; 3. Il personale addetto ai consultori deve essere in possesso, secondo le funzioni richieste, di titoli specifici in una o più delle seguenti discipline: I. medicina; Il. psicologia; 111. pedagogia; IV. assistenza sociale; V. ostetricia; VI. giurisprudenza; VII. bioetica; VIII. mediazione familiare; IX. dell'abilitazione all'esercizio della professione; deve inoltre aver superato le prove prescritte per svolgere l'esercizio all'interno, delle strutture consultoriali.

8 CITli IlU~Regione Umbria [lui 11I.IJ Consiglio Regionale I:':.':':] 4. Il personale del consultorio può essere integrato da altri specialisti che si avvalgono di un contratto di consulenza. Gli operatori del servizio operano, ove necessario, in collaborazione con gli altri operatori dei servizi pubblici e privati, sanitari e sociali, presenti sul territorio. E' obbligatorio per il personale dei consultori svolgere annualmente corsi di aggiornamento e verifiche in relazione alle funzioni da loro esercitate. 5. Ogni consultorio é tenuto a presentare alla propria ASL una relazione annuale sull'andamento dell'attività, con riferimento ad alcuni indicatori di efficienza quali il tasso di natalità, la fecondità, l'abortività, la morbilità e la mortalità, individuandone le cause. Art. 10 Assistenza domiciliare alle puerpere I consultori, su espressa richiesta delle puerpere, forniscono un servizio di assistenza domiciliare, prestato da ostetriche professionali in servizio presso l'azienda sanitaria locale competente, per un periodo di 8 giorni dalle dimissioni dall'ospedale. Il servizio é volto alla verifica delle condizioni sanitarie, abitative e psicologiche della madre e del neonato. Art. 11 I nidi-famiglia La Regione promuove e sostiene l'adozione di forme di autoorganizzazione e mutualità familiari, quali i "nidi-famiglia". 1 nidi-famiglia sono costituiti dall'associazione di genitori che, alternativamente, garantiscono la vigilanza e l'intrattenimento di bambini da O a 3 anni, consentendo una migliore gestione del tempo da parte dei genitori delle famiglie utenti. La Regione, anche attraverso convenzioni con province, comuni o altri enti pubblici, nonché con soggetti privati, fornisce le strutture per l'accoglienza di tali associazioni, utilizzando eventualmente anche gli edifici scolastici e gli asili negli orari in cui questi non svolgano la loro. normale attività. Art. 12 Assistenza domiciliare per /'infanzia 1.Appositi elenchi pubblici vengono predisposti in ogni Comune con l'indicazione di persone selezionate (baby sitter), idonee e competenti ad accudire bambini a domicilio. Tale selezione viene fatta da personale qualificato, nominato dai Consigli comunali sulla base della normativa vigente per la formazione delle commissioni d'esame per i pubblici concorsi. Tale personale qualificato redige, entro 3 mesi dall'approvazione della presente legge, il regolamento, da sottoporre all'approvazione del Consiglio comunale, contenente requisiti e caratteristiche dei soggetti per ottenere l'idoneità a svolgere l'assistenza domiciliare per "infanzia; criteri della selezione; modalità per la formulazione delle domande e durata delle graduatorie. 2.Corsi di formazione professionale vengono organizzati dalla Regione per la preparazione del personale indicato nel precedente comma. In presenza di comprovate esigenze e di contestuali difficoltà economiche "assistenza del personale anzidetto viene garantita con spesa a carico del Comune. Art. 13 Reinserimento nel lavoro 1.Nelle imprese di maggiori dimensioni, pubbliche e private, situate sul territorio regionale, tramite convenzioni con le imprese stesse, vengono organizzati servizi nido a favore dei figli dei lavoratori presso la sede delle aziende.

9 2Vengono inoltre favoriti e coordinati dalla Regione accordi tra le organizzazioni imprenditoriali e le organizzazioni sindacali al fine di facilitare le opzioni per un lavoro part-time e consentire la sospensione dell'attività lavorativa in caso di indifferibili ragioni di assistenza e di cura ai familiari e ai figli. 3.La Regione coordina e finanzia programmi di aggiornamento e riconversione professionale al fine di favorire il reinserimento nel sistema occupaziomiie del genitore che abbia interrotto la propria attività lavorativa in conseguenza della nascita di un figlio. Art. 14 Formazione del personale e dei genitori Gli enti pubblici ed i soggetti gestori dei servizi si attivano.per organizzare periodicamente, e comunque obbligatoriamente al momento della assunzione a tempo indeterminato, corsi di formazione per il personale che opera nei servizi per la prima infanzia. Periodicamente e comunque obbligatoriamente qualora ve ne fosse una esplicita richiesta vengono anche organizzati interventi formativi per i genitori e fidanzati in vista del matrimonio. Art. 15 Formazione La Regione, nell'ambito dell'attività di formazione professionale, coordina e finanzia con risorse comunitarie programmi di aggiornamento e riconversione professionale al fine di favorire il reinserimento nel sistema occupazionale del genitore o di altro membro della famiglia che abbia interrotto l'attività lavorativa a motivo di una nuova nascita elo per la cura di componenti del nucleo familiare. Art. 16 Diritto allo studio 1. La Regione favorisce le forme di associazionismo e di autogestione dei genitori ed educatori come modalità idonea a garantire l'effettiva partecipazione di tutti i cittadini alla realizzazione della politica regionale per la famiglia. 2. Nella definizione degli strumenti attuativi per assicurare un effettivo diritto allo studio, al fine di favorire il superamento delle limitazioni derivanti da condizioni di disagio economico, la Regione può prevedere,tra l'altro: a) buoni scuola alle famiglie finalizzati all'abbattimento delle spese sostenute per la frequenza di asili nido, scuole materne, scuole dell'obbligo, statali e non statali senza fini di lucro; b) buoni studio ai genitori che studiano loro stessi per conseguire diploma o laurea pur avendo già uno o più figli; c) contributi per progetti destinati alla prevenzione e recupero degli abbandoni e della dispersione scolastica e universitaria. Art. 17 Agevo/azioni alle imprese che operano nei servizi al/a famiglia La Regione favorisce la costituzione di imprese operanti nei servizi alla famiglia, le quali, su richiesta, possono ottenere il rimborso delle spese notarili e fiscali sostenute per la loro costituzione. Siffatte imprese hanno inoltre diritto a contributi a fondo perduto fino al 30% degli oneri sostenuti nei primi due anni di attività per canoni di locazione, utenze, formazione del personale e attrezzature.

10 rl'.i'.l'l "IU] Regione Umbria [[[<li CUIJ Consiglio Regionale [~':.':J:] Titolo IV ASSISTENZA ECONOMICA Art. 18 Aiuti alle famiglie in difficoltà e con componenti diversamente abili 1.1 criteri per l'erogazione dell'assistenza economica e per l'individuazione dei parametri di reddito ai quali rapportare gli interventi finanziari sono definiti dal piano sociale regionale previsto dall'art. 34 della legge regionale n. 3 del 23/1/1997, tenendo anche conto, per ogni comunità locale, delle indicazioni fornite dai consultori in base alla relazione prevista dal comma 5 dell'art. 9 della presente legge. 2. Secondo le esigenze specifiche dei singoli nuclei familiari, in particolar modo quelli con figli o familiari diversamente abili, possono essere previste ulteriori forme di assistenza economica, quali agevolazioni per usufruire di servizi pubblici ovvero per l'erogazione di energia elettrica, gas e acqua ed esenzioni bollo auto, addizionale-i RE-Regionale, addizionale-comunale, imposta ICI. Tali agevolazioni possono essere concordate tramite apposite convenzioni o accordi di programma tra la Regione enti locali o enti che gestiscono e forniscono il servizio. Possono inoltre essere previsti dei buoni-scuola per l'abbattimento delle spese sostenute per la frequenza degli istituti scolastici, dagli asili nido, alle scuole materne, alle scuole dell'obbligo, statali o non statali. 3.Finanziamenti possono essere concessi anche per il pagamento di polizze assicurative per la copertura dei rischi da infortuni domestici del componente della famiglia che svolge lavoro domestico in modo esclusivo nell'ambito della stessa. Art. 19 Aiuti alle famiglie per anziani non autosufficienti Agli anziani non autosufficienti residenti in Umbria che possono essere assistiti a domicilio e appartenenti a nuclei familiari con redditi non superiori ad euro viene assicurato, da parte del servizio sanitario, un'assistenza domiciliare medica qualificata. Agli stessi è concesso un contributo di euro 800 mensili per l'assistenza personale. la condizione di non autosufficienza è documentata dalla certificazione di totale inabilità con diritto all'indennità di accompagnamento rilasciata dalla competente Commissione sanitaria della ASl per l'accertamento dell'invalidità civile. Nel caso in cui più anziani convivono nello stesso nucleo familiare ognuno può beneficiare del contributo indicato fermi restando i requisiti di accesso stabiliti dalla presente legge. Il contributo è sospeso in caso di ricovero in RSA, in Istituto di riabilitazione o in servizi residenziali di sollievo.

11 cn'll IIUi Regione Umbria liti] LIU] Consiglio Regionale C'~'.:r:j Titolo V NORME FINALI Art. 20 Norma finanziaria 1. E' istituito il Fondo regionale per la famiglia, al quale fanno capo tutti gli interventi di sostegno economico previsti dalla presente legge. Tale fondo è alimentato annualmente dalle risorse determinate dalla legge di bilancio. 2. Per l'anno in corso è previsto uno stanziamento iniziale di euro Enrico Sebastiani ~c:-..~' Enrico Melasecche ;t:-aaa ~ ranco Zaffini Raffaele Nevi f~ e~r=' ~~~ ~c~\ Alfredo De Sia ~ fh-c-'o rea Lignani Marchesani /-~t

P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa dei Consiglieri SPADONI URBANA MELASECCHE GERMINI, MODENA, RENZETTI E ROSSI

P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa dei Consiglieri SPADONI URBANA MELASECCHE GERMINI, MODENA, RENZETTI E ROSSI REGIONE DELL'UMBRIA Atti Consiliari VI1 LEGISLATURA ATTO N. 1226 P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa dei Consiglieri SPADONI URBANA MELASECCHE GERMINI, MODENA, RENZETTI E ROSSI Politiche regionali per la

Dettagli

L.R. 07 Dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia (1) Art. 1 (Finalità)

L.R. 07 Dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia (1) Art. 1 (Finalità) L.R. 07 Dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia (1) Art. 1 (Finalità) 1. La Regione, in conformità alle disposizioni sancite dagli articoli 2, 3, 29, 30, 31, 36, 37, 38, 47 e 53 della

Dettagli

LEGGE REGIONALE 6 dicembre 1999, n. 23 «Politiche regionali per la famiglia». (B.U. 10 dicembre 1999, n. 49, 1º suppl. ord.)

LEGGE REGIONALE 6 dicembre 1999, n. 23 «Politiche regionali per la famiglia». (B.U. 10 dicembre 1999, n. 49, 1º suppl. ord.) LEGGE REGIONALE 6 dicembre 1999, n. 23 «Politiche regionali per la famiglia». (B.U. 10 dicembre 1999, n. 49, 1º suppl. ord.) Art. 1. Finalità ed ambito di intervento. 1. La Regione, in osservanza dei principi

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 225 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 Legge quadro sulla famiglia TIPOGRAFIA DEL SENATO

Dettagli

Le politiche regionali per la famiglia

Le politiche regionali per la famiglia LEGGE REGIONALE 23/99 Le politiche regionali per la famiglia IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL COMMISSARIO DEL GOVERNO ha apposto il visto IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE promulga la seguente

Dettagli

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIV LEGISLATURA ANNO 2009 DISEGNO DI LEGGE 19 maggio 2009, n. 44 Interventi a sostegno della famiglia e modifica della legge provinciale 29 agosto 1977, n.

Dettagli

LEGGE SULLA FAMIGLIA La Legge Regionale sulla Famiglia: dal concepito all anziano un unico nucleo da tutelare

LEGGE SULLA FAMIGLIA La Legge Regionale sulla Famiglia: dal concepito all anziano un unico nucleo da tutelare LEGGE SULLA FAMIGLIA La Legge Regionale sulla Famiglia: dal concepito all anziano un unico nucleo da tutelare Dal benessere della famiglia dipende il benessere dell intera società. E il principio dal quale

Dettagli

ISSIRFA-CNR. LEGGE REGIONALE 7 dicembre 2001, n. 32. Interventi a sostegno della famiglia.

ISSIRFA-CNR. LEGGE REGIONALE 7 dicembre 2001, n. 32. Interventi a sostegno della famiglia. LEGGE REGIONALE 7 dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia. (GU n. 016 SERIE SPECIALE N. 3 del 20/04/2002 - BU Lazio n. 036 del 29/12/2001) Art. 1. Finalità : 1. La Regione, in conformità

Dettagli

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIV LEGISLATURA ANNO 2010 DISEGNO DI LEGGE 11 febbraio 2010, n. 96 Interventi a favore della famiglia e modificazioni di leggi provinciali connesse D'iniziativa

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Obiettivi

Art. 1 Finalità. Art. 2 Obiettivi LEGGE REGIONALE 2 febbraio 2004, n. 1 Politiche regionali per la famiglia. (BUR n. 2 del 31 gennaio 2004, supplemento straordinario n. 2) Art. 1 Finalità 1. La Regione Calabria, ai sensi e per gli effetti

Dettagli

proposta di legge n. 165

proposta di legge n. 165 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 165 a iniziativa del Consigliere BUGARO presentata in data 10 aprile 2007 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LA VALORIZZAZIONE DELLE FAMIGLIE MARCHIGIANE

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE. Politiche regionali di promozione, valorizzazione e sostegno della famiglia

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE. Politiche regionali di promozione, valorizzazione e sostegno della famiglia PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE Politiche regionali di promozione, valorizzazione e sostegno della famiglia Di iniziativa dei Consiglieri: Roberta Gasco e Marco Scajola 1 RELAZIONE La presente proposta di

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 16-02-2010 REGIONE UMBRIA

LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 16-02-2010 REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 16-02-2010 REGIONE UMBRIA Disciplina dei servizi e degli interventi a favore della famiglia. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA N. 9 del 24 febbraio 2010 IL CONSIGLIO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO "Norme in materia di autorizzazione all'apertura ed al funzionamento di strutture che prestano servizi socio-assistenziali" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE RE- GIONALE. Politiche regionali di promozione, valorizzazione e sostegno della famiglia

PROPOSTA DI LEGGE RE- GIONALE. Politiche regionali di promozione, valorizzazione e sostegno della famiglia PROPOSTA DI LEGGE RE- GIONALE Politiche regionali di promozione, valorizzazione e sostegno della famiglia Di iniziativa dei Consiglieri: Roberta Gasco e Marco Scajola RELAZIONE La presente proposta di

Dettagli

SCHEDA SINTETICA Legge 8 novembre 2000, n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali"

SCHEDA SINTETICA Legge 8 novembre 2000, n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali SCHEDA SINTETICA Legge 8 novembre 2000, n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali" SCOPO E OBIETTIVO La Legge 328/2000 intitolata "Legge quadro per

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. L.R. 6 dicembre 1999, n. 23 "Politiche regionali per la famiglia" ed in particolare:

LA GIUNTA REGIONALE. L.R. 6 dicembre 1999, n. 23 Politiche regionali per la famiglia ed in particolare: Deliberazione Giunta Regionale 17 maggio 2013 n. 10/144 Determinazioni per l'attuazione di interventi e misure a favore dei genitori separati con figli minori, con particolare riferimento alle situazioni

Dettagli

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo vigente alla data del 22 febbraio 2013 D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l'art.

Dettagli

proposta di legge n. 7

proposta di legge n. 7 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 7 a iniziativa dei Consiglieri Bugaro, Foschi, Romagnoli, Acquaroli, Zinni, D Anna, Natali, Massi, Ciriaci, Carloni, Marinelli presentata in

Dettagli

Interventi di prevenzione, contrasto e sostegno a favore di donne vittime di violenza

Interventi di prevenzione, contrasto e sostegno a favore di donne vittime di violenza Legge Regionale 3 luglio 2012, n. 11 Interventi di prevenzione, contrasto e sostegno a favore di donne vittime di violenza (BURL n. 27, suppl. del 06 Luglio 2012 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2012-07-03;11

Dettagli

Allegato B. PERSONALE: funzioni, profili, requisiti, tempi di adeguamento.

Allegato B. PERSONALE: funzioni, profili, requisiti, tempi di adeguamento. Allegato B PERSONALE: funzioni, profili, requisiti, tempi di adeguamento. MINORI - COMUNITA FAMILIARE ALLA DATA DELL..2006 Famiglia Esperienza acquisita di almeno cinque anni con figli propri o affidati.

Dettagli

NORME CONCERNENTI LA REALIZZAZIONE DI POLITICHE DI SOSTEGNO ALLE SCELTE DI PROCREAZIONE ED AGLI IMPEGNI DI CURA VERSO I FIGLI

NORME CONCERNENTI LA REALIZZAZIONE DI POLITICHE DI SOSTEGNO ALLE SCELTE DI PROCREAZIONE ED AGLI IMPEGNI DI CURA VERSO I FIGLI 1 1 LEGGE REGIONALE 14 agosto 1989, n. 27 #LR-ER-1989-27# NORME CONCERNENTI LA REALIZZAZIONE DI POLITICHE DI SOSTEGNO ALLE SCELTE DI PROCREAZIONE ED AGLI IMPEGNI DI CURA VERSO I FIGLI Testo coordinato

Dettagli

proposta di legge n. 67

proposta di legge n. 67 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 67 a iniziativa del Consigliere Latini presentata in data 24 gennaio 2011 NORME E PROVVEDIMENTI PER FAVORIRE LE OPPORTUNITÀ DI VITA AUTONOMA

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE. Disposizioni per la promozione e la tutela della famiglia

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE. Disposizioni per la promozione e la tutela della famiglia FORUM delle ASSOCIAZIONI FAMILIARI DELL UMBRIA Via Col di Tenda, 15-06070 PERUGIA Tel. e fax 075/5170067 www.forumfamiglieumbria.org presidente@forumfamiglieumbria.org PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

LEGGI, REGOLAMENTI E ATTI DELLA REGIONE

LEGGI, REGOLAMENTI E ATTI DELLA REGIONE N. 28 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA 12/7/2006-13 PARTE PRIMA LEGGI, REGOLAMENTI E ATTI DELLA REGIONE A09 - SO1 06_28_1_LRE_001_11 LEGGE REGIONALE 7 luglio 2006, n. 11.

Dettagli

Interventi a favore del lavoro di assistenza e cura svolto dagli assistenti familiari

Interventi a favore del lavoro di assistenza e cura svolto dagli assistenti familiari Legge Regionale 25 maggio 2015, n. 15 Interventi a favore del lavoro di assistenza e cura svolto dagli assistenti familiari (BURL n. 22, suppl. del 28 Maggio 2015 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2015-05-25;15

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

(Piemonte, BUR 9 ottobre 2014, n. 41, S.O. n. 1) A relazione dell'assessore Ferrari:

(Piemonte, BUR 9 ottobre 2014, n. 41, S.O. n. 1) A relazione dell'assessore Ferrari: Deliberazione Giunta Regionale 6 ottobre 2014 n. 16-384 Fondo statale per le non autosufficienze, annualità 2014. Approvazione "Programma attuativo" di cui al comma 1 dell'art. 5 del decreto ministeriale

Dettagli

D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art.

D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art. D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art. 9, Preambolo IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE Visto

Dettagli

DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, FORMAZIONE ED ISTRUZIONE, POLITICHE

DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, FORMAZIONE ED ISTRUZIONE, POLITICHE Allegato A L.R. 02.05.1995, N. 95 PROVVIDENZE IN FAVORE DELLA FAMIGLIA PIANO REGIONALE DI INTERVENTI IN FAVORE DELLA FAMIGLIA ANNO 2013 PREMESSA Il Piano regionale degli interventi in favore della famiglia

Dettagli

REGOLAMENTO PRESTITI SULL ONORE

REGOLAMENTO PRESTITI SULL ONORE COMUNE DI BERTINORO PROVINCIA DI FORLI - CESENA REGOLAMENTO PRESTITI SULL ONORE Approvato con deliberazione di C.C. n. 87 del 03.11.2006 1- Finalità dell' intervento L'intervento "prestiti sull'onore"

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA per l'integrazione ed il coordinamento delle funzioni sociali e sanitarie nel Settore Sociale Minori e Famiglie

PROTOCOLLO D INTESA per l'integrazione ed il coordinamento delle funzioni sociali e sanitarie nel Settore Sociale Minori e Famiglie 1 PROTOCOLLO D INTESA per l'integrazione ed il coordinamento delle funzioni sociali e sanitarie nel Settore Sociale Minori e Famiglie ART. 1 OGGETTO DEL PROTOCOLLO Oggetto della presente intesa riguarda:

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. promulga. la seguente legge: CAPO I. Principi generali

IL CONSIGLIO REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. promulga. la seguente legge: CAPO I. Principi generali Legge regionale 29 marzo 2013 n. 15 Norme sui servizi educativi per la prima infanzia. (Calabria, BUR 2 aprile 2013, n. 7, S.S. 5 aprile 2013, n. 3) IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

REGIONE ABRUZZO. Legge regionale 2 maggio 1995, n. 95. Provvidenze in favore della famiglia. TITOLO I. Finalità. Art. 1

REGIONE ABRUZZO. Legge regionale 2 maggio 1995, n. 95. Provvidenze in favore della famiglia. TITOLO I. Finalità. Art. 1 LLEEGGII REEGIIONALLII SSULLLLA FFAMIIGLLIIA REGIONE ABRUZZO Legge regionale 2 maggio 1995, n. 95 Provvidenze in favore della famiglia. TITOLO I Finalità Art. 1 La Regione Abruzzo riconosce e sostiene

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

(Il Governo con delibera C.d.M. del 14 febbraio 2012, ha deciso di impugnare l articolo 2, comma 3 e l articolo 11) Art. 1 (Oggetto e finalità)

(Il Governo con delibera C.d.M. del 14 febbraio 2012, ha deciso di impugnare l articolo 2, comma 3 e l articolo 11) Art. 1 (Oggetto e finalità) Legge regionale 20 dicembre 2011, n. 44 Norme per il sostegno di persone non autosufficienti Fondo per la non autosufficienza (BUR n. 23 del 16 dicembre 2011, supplemento straordinario n. 3 del 22 dicembre

Dettagli

Pronto Badante. Interventi sperimentali di sostegno e integrazione nell'area dell'assistenza familiare. Allegato A

Pronto Badante. Interventi sperimentali di sostegno e integrazione nell'area dell'assistenza familiare. Allegato A Allegato A Assessorato Welfare, politiche per la casa, integrazione socio-sanitaria Progetto regionale Pronto Badante Interventi sperimentali di sostegno e integrazione nell'area dell'assistenza familiare

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN SITUAZIONE DI SVANTAGGIO LINEA D INTERVENTO 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA

Dettagli

Linee guida per l organizzazione e il funzionamento delle Case di accoglienza e dei Centri Antiviolenza

Linee guida per l organizzazione e il funzionamento delle Case di accoglienza e dei Centri Antiviolenza Allegato alla Delib.G.R. n. 50/ 11 del 16.9.2008 Linee guida per l organizzazione e il funzionamento delle Case di accoglienza e dei Centri Antiviolenza La Regione, al fine di garantire adeguato sostegno

Dettagli

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO COMUNALE LINEE D INTERVENTO 1 2 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ***************************

Dettagli

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio Proposta di Legge regionale n. 11 del 28 giugno 2005 di iniziativa dei consiglieri Nieri, Tibaldi, Pizzo, Luciani e Peduzzi Oggetto: Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione

Dettagli

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali LEGGE REGIONALE 14 APRILE 1999, n.22 "Interventi educativi per l infanzia e gli adolescenti" INDICE TITOLO I Disposizioni generali art. 1. Finalità TITOLO II Soggetti, programmazione e organizzazione Capo

Dettagli

SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE

SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE - Attività e Servizi - I Servizi Sociali del Comune di Cinto Caomaggiore operano nel territorio offrendo ai cittadini informazione e sponsorizzazione dei servizi presenti e si

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina l Istituto dell Affido e dell Appoggio Familiare presso i Comuni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

Interventi regionali a sostegno della famiglia e della genitorialita'. SOMMARIO. Capo I. Principi

Interventi regionali a sostegno della famiglia e della genitorialita'. SOMMARIO. Capo I. Principi Banca Dati delle Leggi Regionali nel testo coordinato LEGGE REGIONALE 07/07/2006, n. 011 Interventi regionali a sostegno della famiglia e della genitorialita'. Art. 1 - (Principi e finalita') Art. 2 -

Dettagli

La Legge 15/76. Legge Regionale 16 aprile 1976, n. 15. (Pubblicata sul BUR 30 aprile 1976, n. 12)

La Legge 15/76. Legge Regionale 16 aprile 1976, n. 15. (Pubblicata sul BUR 30 aprile 1976, n. 12) La Legge 15/76 Legge Regionale 16 aprile 1976, n. 15 (Pubblicata sul BUR 30 aprile 1976, n. 12) Istituzione del servizio di assistenza alla famiglia e di educazione alla maternità e paternità responsabili.

Dettagli

DGR. n. 11497 del 17.3.2010

DGR. n. 11497 del 17.3.2010 DGR. n. 11497 del 17.3.2010 DEFINIZIONE DEI REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO DELL'UNITA' DI OFFERTA SOCIALE "ALLOGGIO PROTETTO PER ANZIANI". (PROSECUZIONE DEL PROCEDIMENTO PER DECORRENZA TERMINI PER L ESPRESSIONE

Dettagli

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco PROGETTO MINORI E LORO FAMIGLIE E PROGETTO ADULTI IN DIFFICOLTA LINEE GUIDA SULLA SPERIMENTAZIONE DI INTERVENTI DI

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA Disciplina del sistema integrato dei servizi sociali per la dignità e il benessere delle donne e degli uomini in Puglia Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

CAPO I ASPETTI FORMATIVI DEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

CAPO I ASPETTI FORMATIVI DEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Legge Regionale 19 febbraio 2008, n. 3: "Disciplina in materia di apprendistato" Pubblicato nel Bollettino ufficiale della Regione Molise n. 5 del 1 marzo 2008 CAPO I ASPETTI FORMATIVI DEL CONTRATTO DI

Dettagli

L.R. 21 gennaio 1997, N. 7 Norme sul superamento e sulla eliminazione delle barriere architettoniche TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

L.R. 21 gennaio 1997, N. 7 Norme sul superamento e sulla eliminazione delle barriere architettoniche TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI L.R. 21 gennaio 1997, N. 7 Norme sul superamento e sulla eliminazione delle barriere architettoniche TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità 1. La presente legge contribuisce a realizzare la piena

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

InSieme Azienda consortile Interventi Sociali Valli del Reno, Lavino e Samoggia Piano programma 2012-2014

InSieme Azienda consortile Interventi Sociali Valli del Reno, Lavino e Samoggia Piano programma 2012-2014 Allegato A) deliberazione n. 2 del 24/04/2012 InSieme Azienda consortile Interventi Sociali Valli del Reno, Lavino e Samoggia Piano programma 2012-2014 Premessa: l azienda speciale consortile nell ambito

Dettagli

OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS:

OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS: OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS: Requisiti: per i nuclei familiari residenti a Trezzo, con dichiarazione isee che non superi i 7500 euro oppure per utilizzo di apparecchiature elettromedicali.

Dettagli

REGOLAMENTO CREDITO SULLA FIDUCIA

REGOLAMENTO CREDITO SULLA FIDUCIA REGOLAMENTO CREDITO SULLA FIDUCIA 1- Finalità dell' intervento L'intervento "credito sulla fiducia" di cui alla L.R. n.27/89 e circolare regionale n. 19/90, prevede da parte dell'ente pubblico la possibilità

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. 116 PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consiglieri Lazzarini, Finco, Cenci, Cappon, Caner, Baggio, Corazzari, Furlanetto, Bozza, Possamai,

Dettagli

Legge regionale 9 novembre 2015, n. 13. IL CONSIGLIO REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. promulga

Legge regionale 9 novembre 2015, n. 13. IL CONSIGLIO REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. promulga Legge regionale 9 novembre 2015, n. 13. Istituzione del Fondo regionale per il sostegno socio-educativo, scolastico e formativo dei figli delle vittime di incidenti mortali sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Articolo 1 Finalità. Articolo 2 Azioni e funzioni del Garante

Articolo 1 Finalità. Articolo 2 Azioni e funzioni del Garante 73 Articolo 1 Finalità LEGGE REGIONALE 16 marzo 2007 n. 9 Disciplina dell Ufficio del Garante regionale dei diritti dell infanzia e dell adolescenza (Bollettino Ufficiale 28 marzo 2007 n. 7, parte prima)

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA RIORDINO E PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI DELLA REGIONE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 AGOSTO 1994 N. 42 IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO

Dettagli

Comuni di SOMMA VESUVIANA (CAPOFILA) SANT ANASTASIA VOLLA CERCOLA POLLENA TROCCHIA MASSA DI SOMMA

Comuni di SOMMA VESUVIANA (CAPOFILA) SANT ANASTASIA VOLLA CERCOLA POLLENA TROCCHIA MASSA DI SOMMA DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI VOUCHER A FINALITA MULTIPLA D.D. REG. CAMPANIA N.805 DEL 7\11\2012 La Regione Campania ha avviato una sperimentazione relativa alla diffusione del Voucher quale strumento

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

Legge 8 novembre 2000, n. 328. "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali"

Legge 8 novembre 2000, n. 328. Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali Legge 8 novembre 2000, n. 328 "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 265 del 13 novembre 2000 - Supplemento ordinario

Dettagli

Riflessione per i Piani di Zona Valle Brembana e Valle Imagna-Villa d'almè. CeAD - Centri per l'assistenza Domiciliare -

Riflessione per i Piani di Zona Valle Brembana e Valle Imagna-Villa d'almè. CeAD - Centri per l'assistenza Domiciliare - Allegato B al P.d.Z. Riflessione per i Piani di Zona Valle Brembana e Valle Imagna-Villa d'almè CeAD - Centri per l'assistenza Domiciliare - A partire dall'istituzione dei CeAD (Centri per l'assistenza

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA Disciplina del sistema regionale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Abrogazione delle leggi regionali 15 dicembre 1994, n. 77,

Dettagli

CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE

CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE 42 CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 220/I0093427 P.G. NELLA SEDUTA DEL 20/12/2004 A RIFERIMENTI NORMATIVI L. 285/1997, art. 4 La L. 285/1997

Dettagli

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Che cos è Il Comitato Unico di Garanzia, istituito ai sensi dell art.

Dettagli

Sostegno Progetti di Vita Indipendente (L. 162/98) lia persone disabili e al nucleo familiare che li assiste

Sostegno Progetti di Vita Indipendente (L. 162/98) lia persone disabili e al nucleo familiare che li assiste famiglia Assegno di Maternità e Assegno per il Nucleo Famigliare 01 Tali sostegni economici sono volti a favorire il benessere di nuclei familiari con figli. L assegno di maternità è un contributo economico

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 12/03/2014

Dettagli

Bur n. 82 del 22/08/2014

Bur n. 82 del 22/08/2014 Bur n. 82 del 22/08/2014 (Codice interno: 279947) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 1393 del 05 agosto 2014 Disposizioni attuative e relativi criteri per l'accesso al finanziamento regionale ai sensi

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIO SANITARIE AGEVOLATE IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5

Dettagli

PERSONALE: funzioni, profili, requisiti, tempi di adeguamento.

PERSONALE: funzioni, profili, requisiti, tempi di adeguamento. Allegato B PERSONALE: funzioni, profili, requisiti, tempi di adeguamento. MINORI - COMUNITA FAMILIARE ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Famiglia Almeno tre anni di esperienza

Dettagli

proposta di legge n. 168

proposta di legge n. 168 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 168 a iniziativa del Consigliere Latini presentata in data 14 dicembre 2011 DISCIPLINA DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA

Dettagli

L invalidità civile.

L invalidità civile. L invalidità civile. Ai sensi dell art. 2 della Legge n. 118/1971, "si considerano mutilati e invalidi civili i cittadini affetti da minorazione congenita e/o acquisita (comprendenti) gli esiti permanenti

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO VISTI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO Regolamento sull Affido Familiare la L.184/1983 Disciplina dell'adozione e dell'affidamento

Dettagli

Legge regionale 27 Luglio 1998, n. 22. Diritti della partoriente, del nuovo nato e del bambino spedalizzato.

Legge regionale 27 Luglio 1998, n. 22. Diritti della partoriente, del nuovo nato e del bambino spedalizzato. Legge regionale 27 Luglio 1998, n. 22. Diritti della partoriente, del nuovo nato e del bambino spedalizzato. la seguente legge regionale: Il Consiglio regionale ha approvato; il Commissario del Governo

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario deve essere compilato dal responsabile del presidio residenziale,

Dettagli

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7 SOMMARIO Sommario Presentazione Congedo di maternità Congedo di paternità Congedi parentali Riposi giornalieri Congedi per malattia del bambino Tutela del lavoratore in caso di lavoro notturno 2 3 4 4

Dettagli

Delibera n. 3519 del 15 novembre 2006

Delibera n. 3519 del 15 novembre 2006 Delibera n. 3519 del 15 novembre 2006 Alla Famiglia e Solidarietà Sociale e alla Sanità Gian Carlo Abelli ESTENSIONE SPERIMENTALE DELL EROGAZIONE DEL PRESTITO SULL ONORE ALL EVENTO COSTI PER L EDUCAZIONE

Dettagli

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 SERVIZIO/UFFICIO Servizi alla Persona RESPONSABILE dott.ssa Silvana Casamassima OBIETTIVO N. 1 PESO 20 SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 4.3.1- Investimento: - avvio della Comunità socio- educativa per persone

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco.

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco. INTERVENTI VARI SEGRETARIATO SOCIALE Che cos è? Il segretariato è un servizio che mette la professionalità degli assistenti sociali a disposizione dei cittadini, fornendo informazioni sulle risorse sociali

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione DECRETO MINISTERIALE 21 maggio 2001, n. 308 Regolamento concernente "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e

Dettagli

Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS

Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Via Milano, 5/c 26100 Cremona Tel. 0372 20751/34402 Fax 0372-1960388 Codice fiscale 80011480193 Partita Iva 01273220192 mail: segreteria@ucipemcremona.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 46 del 09/10/2015 IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Teresa Vella 1 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI INDICE Art. 1 - Oggetto PREMESSA Art.

Dettagli

Art. 2 (Soggetti destinatari)

Art. 2 (Soggetti destinatari) Testo vigente LEGGE REGIONALE 6 novembre 2002, n. 20 Disciplina in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture e dei servizi sociali a ciclo residenziale e semiresidenziale ( B.U. 14 novembre

Dettagli

Caratteristiche e obiettivi del servizio

Caratteristiche e obiettivi del servizio Allegato 2 Specifica Tecnica contenente le caratteristiche del servizio Assistenza domiciliare Disabili Sociale ed Integrata dei Comuni dell Ambito S3 ex S5 Eboli Capofila- Caratteristiche e obiettivi

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

COMUNE DI ASSEMINI SERVIZI SOCIO-CULTURALI

COMUNE DI ASSEMINI SERVIZI SOCIO-CULTURALI COMUNE DI ASSEMINI SERVIZI SOCIO-CULTURALI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA (Deliberazione del Consiglio Comunale n. 72 del 08.07.2009) PARTE I - OGGETTO, DESTINATARI,

Dettagli