: ,00 PARTE PRIMA.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ": 5288718428 135 13.08.2013 291 02.09.2013 15,00 PARTE PRIMA."

Transcript

1 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER LA GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI NERETO - ANNI SCOLASTICI 2013/ / C.I.G : Importo complessivo a base d asta ,00 (IVA esclusa) comprensivo degli oneri per la sicurezza pari ad.1.326,92 (non assoggettabile a ribasso), delle spese generali e contrattuali. Determinazione a contrarre del Responsabile dell Area Amministrazione/Affari Generali n 135 del Reg. Gen. n 291 per l affidamento mediante procedura aperta del ore 15,00 PARTE PRIMA. Art. 1 Oggetto dell appalto La presente gara ha per oggetto l affidamento del servizio di fornitura derrate alimentari, preparazione e somministrazione dei pasti destinati alla refezione scolastica, nonché la preparazione e riordino degli spazi, dei locali e delle attrezzature per il servizio mensa. Tali pasti sono rivolti agli utenti e al personale della scuola dell infanzia statale, ed agli utenti dell asilo nido comunale di Nereto per gli anni scolastici, 2013/14 e 2014/2015. La preparazione dei pasti deve essere realizzata nelle cucine delle strutture comunali come di seguito specificato: - Cucina sita presso lo stabile della scuola dell infanzia - Via G. Verdi; - Cucina sita presso lo stabile dell asilo nido Via Gramsci. I quantitativi dei pasti potranno variare in eccesso o in difetto senza che ciò comporti una modifica delle condizioni stabilite nel presente capitolato e del prezzo di aggiudicazione. Art. 2 Durata dell appalto La durata dell appalto è riferita agli anni scolastici 2013/2014 e 2014/2015, e decorrere: - dal giorno al per l asilo nido comunale; - dal giorno al per la scuola dell infanzia; con esclusione dei periodi delle vacanze natalizie, pasquali, estive ed ogni altra interruzione del servizio stabilita dal Dirigente scolastico per la scuola dell infanzia, o dal Sindaco per l asilo nido. Art. 3 Utenza Gli utenti del servizio sono: - gli alunni iscritti e frequentanti la scuola dell infanzia; - personale docente e non, della scuola dell infanzia; - gli alunni iscritti e frequentanti l asilo nido comunale. Art.4 Modalità di affidamento del servizio Il servizio verrà affidato nelle seguenti modalità: Scuola dell infanzia L appalto verrà affidato con il sistema del conteggio del numero dei pasti forniti e pertanto il prezzo dell offerta sarà riferita in modo unitario al costo di un pasto, IVA esclusa. Il numero presunto dei pasti è di circa n annui di cui circa 2800 per il personale. Asilo Nido L appalto verrà affidato, in modo globale, e non con il sistema del conteggio dei pasti forniti.

2 Art. 5 Calendario del servizio Il servizio dovrà essere erogato tutti i giorni della settimana, dal lunedì al venerdì, e nello specifico: Scuola dell infanzia: dal 1 ottobre 2013 al 30 giugno di ogni anno nel rispetto del calendario scolastico comunicato dal dirigente dell Istituto Comprensivo competente territorialmente; Asilo nido: dal 9 settembre 2013 al 31 luglio di ogni anno, con esclusione delle festività, delle vacanze natalizie e pasquali ed in casi eccezionali previa comunicazioni del Dirigente Scolastico, o ordinanza sindacale. Art. 6 corrispettivo dell appalto e validità dei prezzi Il corrispettivo è quello risultante dall offerta presentata dalla ditta aggiudicataria e si intende comprensivo di ogni qualsiasi spesa che la ditta dovrà sostenere per l esecuzione del contratto, ed in particolare, degli emolumenti da corrispondere al proprio personale secondo le norme contrattuali vigenti. Il prezzo di aggiudicazione rimarrà fisso ed invariato sino alla scadenza del contratto. Art.7 - modalità di pagamento La Ditta appaltatrice provvederà ad emettere fatture mensili posticipate, indicanti il codice CIG del servizio. Ad esse dovrà obbligatoriamente essere allegato prospetto riepilogativo dei pasti effettivamente forniti (le modalità di rilevazione delle presenze degli utenti sarà concordato con l Amministrazione). Le fatture saranno pagate entro 30 giorni dalla data di acquisizione delle stesse al protocollo dell Ente. Si precisa che si procederà alla liquidazione nelle modalità di cui sopra, solo ed esclusivamente se a seguito dell acquisizione del DURC, risulterà la regolarità contributiva della ditta nei confronti dell INPS e dell INAIL. In caso di verificata irregolarità, si procederà ai sensi della Circolare 3/2012 del Ministero del Lavoro. Art. 8 soggetti ammessi alla gara Sono ammessi a partecipare alla gara i soggetti di cui all art. 34, comma 1, del D.Lgs 163/2006 purché in possesso dei requisiti richiesti da attestarsi mediante dichiarazione sostitutiva ai sensi del DPR 445/2000. I requisiti di partecipazione, a pena di esclusione, sono: 1. iscrizione nel registro delle Imprese della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura per l esercizio di attività analoghe all oggetto della presente gara ; 2. iscrizione all Albo/Registro professionale o commerciale di categoria (in particolare per le Cooperative sociali iscrizione all Albo regionale per la Sez. A o C); 3. possesso dei requisiti di ordine generale di cui all art. 38 del D.Lgs n. 163/2006 e ss.mm.ii.. 4. capacità economica e finanziaria dimostrata ai sensi dell art. 41 de D.Lgs 163/2006, comma 1, lett.c), nel rispetto di quanto previsto nel successivo comma 4 dello stesso articolo del D.Lgs 163/ capacità tecnica e professionale dimostrata ai sensi dell art. 42 del D.Lgs. 163/2006 comma 1, lettera A); 6. possesso della certificazione UNI EN ISO 9001:2008; 7. possesso della certificazione UNI EN ISO 22000:2005; E ammessa la partecipazione anche alle imprese, cooperative sociali ed associazioni di promozione sociale aventi sede in Stato membro dell U.E. iscritte nei corrispondenti registri dello Stato di appartenenza. Restano fermi gli ulteriori requisiti e dichiarazioni da rendere nella domanda di partecipazione, riportati espressamente nel bando e nelle Modalità di gara. Art. 9 obblighi della ditta La gestione dei servizi oggetto del presente appalto viene effettuato dalla ditta aggiudicataria a proprio nome per proprio conto e a proprio rischio e pericolo in qualità di titolare dell attività a tutti gli effetti di legge. La ditta è obbligata a tenere sollevato il Comune da ogni danno, diretto ed indiretto a beni mobili, immobili ed attrezzature, nonché da danni di qualsiasi natura che possano derivare a persone o cose, derivanti da comportamenti del proprio personale. Il Comune sarà così esente da ogni azione giudiziale e stragiudiziale, da chiunque intentata.

3 La ditta in tutte le operazioni di manipolazione e cottura deve mirare all ottenimento di standard di alta qualità igienica, nutritiva e rispetto degli standard igienici previsti dalle leggi vigenti. A) E fatto obbligo alla ditta di osservare le seguenti prescrizioni: - divieto di scorte e stoccaggi eccessivi; - divieto assoluto di utilizzo di prodotti oltre la data di scadenza; - divieto totale di congelamento di materie prime acquistate fresche; - divieto totale di congelamento di materie semilavorate o prodotti finiti; - effettuare lo scongelamento delle derrate a temperature comprese tra 0/+4 c, fatta eccezione per de derrate che possono essere cotte nello stato in cui vengono consegnate; - cuocere tutte le verdure per i contorni preferibilmente a vapore oppure al forno; - evitare la frittura degli alimenti; - non utilizzare preparati (es. per purè); - preferibilmente il condimento dovrà essere usato a freddo a termine della cottura; - non utilizzare dadi da brodo e preparati per condimento a base di glutammato monosodico; B) La ditta dovrà inoltre provvedere alla: - sanificazione dei tavoli; - apparecchiatura e distribuzione dei pasti; - sparecchiatura dei tavoli e loro pulizia; - pulizia dei refettori; - fornitura dei prodotti per la pulizia e sanificazione di tutti gli strumenti, le attrezzature e i locali utilizzati per l espletamento del servizio; C) sono altresì obblighi della ditta: - garantire il funzionamento dei servizi del presente appalto con personale professionalmente qualificato e provvedere con tempestività alla sua sostituzione per assenze di qualsiasi tipo; - assorbire prioritariamente il personale già operante nel servizio, salvo rinuncia individuale, onde favorire la continuità delle figure professionali presenti nel servizio; - assumere l onere retributivo degli operatori impiegati nella gestione del servizio, nel rispetto delle normative e degli accordi vigenti in materia, quanto a corrispettivo, inquadramento, responsabilità, assicurazione, previdenza e sicurezza sul lavoro; - garantire al proprio personale la fornitura di quanto necessario allo svolgimento lavoro secondo quanto previsto dalle vigenti norme in materia di igiene e tutela; - responsabile dell'esatto adempimento delle condizioni del contratto e della perfetta riuscita del servizio; è a l t r e s ì responsabile di tutte le disposizioni emanate a qualunque livello nonché dei danni arrecati a persone e/o cose; - responsabile del comportamento dei propri dipendenti e degli eventuali danni che gli stessi dovessero causare nell espletamento del servizio. - non sospendere a nessun titolo il servizio neppure parzialmente, salvo esplicita autorizzazione scritta del Comune di Nereto. - In caso di sciopero la Ditta è tenuta ad avvisare l Ufficio interessato tempestivamente e comunque almeno tre giorni prima per iscritto. Qualora si verificasse l interruzione del servizio per causa di forza maggiore la ditta è tenuta a dare tempestiva comunicazione scritta all Ufficio comunale interessato. In tal caso, valutata la oggettiva impossibilità di erogare il servizio, non si imputeranno responsabilità in capo alla Ditta, né in capo all Amministrazione. Nel caso in cui, per causa di forza maggiore, non sarà possibile la preparazione dei pasti presso i punto cottura dell Ente, la ditta, al fine di garantire l erogazione del servizio, dovrà effettuare la preparazione dei pasti presso un proprio centro cottura, regolarmente autorizzato. - responsabilità dell'esatto adempimento delle condizioni del contratto e della perfetta riuscita del servizio; è inoltre responsabile di tutte le disposizioni emanate a qualunque livello nonché dei danni arrecati a persone e/o cose. Dopo l'aggiudicazione provvisoria, il soggetto aggiudicatario dovrà presentare entro 5 giorni dalla

4 data di ricezione della comunicazione, pena la decadenza, salvo casi particolari da valutare da parte dell Amministrazione, i seguenti atti: la documentazione che sarà richiesta relativamente al possesso dei requisiti indicati nelle dichiarazioni sostitutive rese per la partecipazione alla gara; la Polizza assicurativa di cui all'art. 11 del presente Capitolato la garanzia fidejussoria di cui all'art. 12 del presente Capitolato. l'ulteriore documentazione necessaria ai fini della stipula del contratto. obbligo dell avvio dei servizi tassativamente entro le date stabilite negli atti di gara, ovvero il: asilo nido; scuola dell infanzia; rilevazione delle presenze degli alunni e del personale docente e non (della scuola dell infanzia) a mensa, la cui modalità sarà concordata con l amministrazione. E fatto obbligo alla Ditta di mantenere mezzi, attrezzature, automobile per il trasporto e quant altro necessario all espletamento del servizio nelle condizioni igienico sanitarie necessarie per l ottenimento dell autorizzazione sanitaria. La Ditta è pertanto obbligata a periodiche operazioni di sanificazione e igienizzazione. Art. 10 Obblighi dell Amministrazione Restano a carico dell Amministrazione i seguenti obblighi: - il pagamento del corrispettivo di cui agli artt. 6 e 7 del presente capitolato ; - le spese di manutenzione e funzionamento dell immobile, le spese delle utenze, il costo dell assicurazione sull immobile; - la fornitura degli arredi e delle attrezzature dello svolgimento del servizio; - La manutenzione ordinaria e straordinaria dell edificio e degli spazi circostanti, delle attrezzature e degli arredi, fatte salve le circostanze imputabili all impresa, ovvero alla cattiva gestione degli stessi da parte dell appaltatore. Art.11 Danni e assicurazione La Ditta è tenuta a stipulare apposita polizza assicurativa per le responsabilità civili e penali derivanti dall espletamento delle attività richieste nel contratto e nella quale si indica l Amministrazione quale terzo, non imputando all Amministrazione medesima in alcun caso alcuna responsabilità. La Ditta si assume ogni responsabilità derivante da avvelenamenti, tossinfezioni, danni biologici temporanei o permanenti che dovessero derivare all utenza dall ingerimento di cibi contaminati, avariati, inidonei per regimi dietetici particolari o contenenti corpi estranei, organici e/o inorganici, forniti dalla ditta aggiudicataria. A tale fine la Ditta stipula apposita ed idonea assicurazione R.C.T. che copra i rischi derivanti dallo svolgimento delle attività oggetto del presente appalto, anche prodotti per colpa grave, per un massimale unico per sinistro non inferiore a ,00. L Amministrazione è altresì esonerata da ogni colpa e responsabilità per danni o infortuni che possano accadere durante l esecuzione del servizio. A tal riguardo la Ditta aggiudicataria è tenuta a stipulare apposita pozza assicurativa R.C.O. con un massimale per sinistro non inferiore ad ,00 per persona. Copia delle polizze deve essere consegnata entro dieci giorni dalla data di aggiudicazione e prima della sottoscrizione del contratto, a pena di revoca dell aggiudicazione provvisoria. Art garanzia fidejussoria L'aggiudicatario dovrà costituire una garanzia fidejussoria ai sensi art. 113 del D.Lgs. 163/2006 all'atto della stipula del contratto, alle condizioni e nei termini previsti dall'articolo stesso. Nella polizza fidejussoria bancaria o assicurativa dovrà esplicitamente iscriversi la seguente clausola: L Istituto bancario o la compagnia assicuratrice, senza alcuna eccezione di sorta, dovrà versare la somma richiesta dal Comune, qualora ricorrano, a suo insindacabile giudizio, i casi previsti nel Capitolato d Oneri, entro 15 giorni dalla stessa richiesta. Dovrà essere prevista inoltre l'esclusione da parte del fidejussore della preventiva escussione del

5 debitore principale di cui al 2 comma dell'art del Codice Civile. L importo della garanzia, e del suo eventuale rinnovo, è ridotto del cinquanta per cento per gli operatori economici ai quali venga rilasciata, da organismi accreditati, ai sensi delle norme europee della serie UNI CEI EN e della serie UNI CEI EN ISO/IEC 17000, la certificazione del sistema di qualità conforme alle norme europee della serie UNI CEI ISO 9000, ovvero la dichiarazione della presenza di elementi significativi e tra loro correlati di tale sistema. Per fruire di tale beneficio, l operatore economico segnala, in sede di offerta, il possesso del requisito, e lo documenta nei modi prescritti dalle norme vigenti. Art.13 Penali L Ufficio amministrativo farà pervenire alla Ditta per iscritto eventuali contestazioni rilevate dagli organi di controllo, cioè, dai Funzionari comunali. La Ditta potrà produrre le sue controdeduzioni scritte entro 10 giorni dal ricevimento della contestazione. L Ufficio si riserva di applicare le seguenti sanzioni: - 250,00 per ogni violazione del menù - 250,00 per ogni ritardo di consegna oltre 10 minuti; - 250,00 per ogni caso di mancato rispetto delle grammature (verificate su dieci pesate della stessa preparazione); - 500,00 per ogni violazione di quanto stabilito nelle tabelle merceologiche; - 500,00 per il mancato rispetto delle norme igieniche; - 500,00 per il mancato rispetto delle norme di sanificazione; ,00 per la mancata accettazione del pasto da parte di almeno un terzo degli utenti presenti nel giorno di rilevazione; ,00 per ogni mancato rispetto sulle norme igienico sanitarie relative allo stoccaggio e conservazione delle derrate. Decorsi 10 gg dalla contestazione dell addebito, scritto con lettera raccomandata e/o pec, senza che la Ditta abbia prodotto ragionevoli e congrue motivazioni per le mancanze contestate, si provvede d ufficio ad applicare la sanzione decurtandola dall importo dovuto in fattura. Art. 14 tracciabilità dei flussi finanziari L appaltatore è tenuto ad assumere gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari, di cui all art. 3 della legge 136/2010 e sanzionati dall art. 6 della medesima legge. In particolare è tenuto a comunicare alla stazione appaltante gli estremi identificativi del conto corrente dedicato, anche in via non esclusiva, alla commessa pubblica oggetto del presente affidamento, nonché le generalità e il codice fiscale delle persone delegate ad operare su di essi. L appaltatore è altresì tenuto a comunicare ogni modifica relativa ai dati trasmessi. La comunicazione deve essere effettuata (con strumento tracciabile: raccomandata postale, PEC, etc.) entro 7 giorni dall accensione del/i conto/i corrente/i o, nel caso di conto/i corrente/i già esistenti, dalla sua/loro prima utilizzazione in operazioni finanziarie relative alla presente commessa pubblica, riportando tutti gli elementi utili all effettuazione delle transazioni finanziarie quali: - riferimenti del soggetto beneficiario (denominazione dell impresa, ragione sociale, sede legale e codice fiscale); - dati del conto corrente, con riferimento particolare al codice IBAN (nonché codici ABI e CAB, codice CIN, indicazione della banca e relativa filiale/agenzia nella quale è acceso il conto corrente); - nominativi e riferimenti specifici dei soggetti (persone fisiche) delegate ad operare sul conto corrente dedicato (dati anagrafici, codice fiscale). Art effetti dell aggiudicazione Mentre l'aggiudicazione è immediatamente impegnativa per la ditta aggiudicataria, essa non costituisce la conclusione del contratto che sarà stipulato solo dopo l'intervenuta approvazione con Determinazione Dirigenziale dei verbali della Commissione giudicatrice e della consegna della documentazione di cui al successivo art. 18 del presente Capitolato. L'aggiudicazione definitiva è subordinata all'esito degli accertamenti legge. A richiesta dell Amministrazione, l aggiudicataria si impegna a fornire le prestazioni oggetto del presente capitolato anche in pendenza della sottoscrizione del contratto, avviando il servizio entro il

6 termine indicato all art. 9 del presente capitolato. Art commissione di gara Le offerte saranno esaminate e valutate da apposita Commissione di gara nominata ai sensi dell art.84 del D.Lgs 163/2006. La Commissione, nell'espletamento del proprio compito, opererà nel rispetto di quanto stabilito ai punti 15 e 16 delle Modalità di Gara. Art divieto di sub-appalto E' vietato il sub - appalto e la cessione, anche parziale, dell'attività oggetto del contratto. L'accertata violazione della presente disposizione, comunicata per iscritto alla ditta, comporterà l'immediato recesso dal rapporto contrattuale, senza alcuna formalità dell'ente, che provvederà ad incamerare la garanzia fidejussoria di cui al precedente art. 12 del presente capitolato, riservandosi di avviare azioni di risarcimento nonché ulteriori azioni per la tutela dell'interesse pubblico. Art stipula del contratto La stipula del contratto, che avverrà nella forma pubblica amministrativa, è subordinata alla presentazione dei sotto elencati documenti, che dovrà avvenire entro cinque giorni dalla richiesta, salvo casi particolari da valutare da parte dell Amministrazione : - Cauzione definitiva pari al 10% dell importo contrattuale ai sensi dell art.113 del D.Lgs 163/2006; - Polizza assicurativa RC a copertura dei rischi del servizio e assicurazione obbligatoria con riferimento alla RCT per danni a persone o a cose conseguenti all attività prestata con un massimale non inferiore ad Elenco e curricula del personale che verrà impiegato nel presente appalto, - Atto notarile attestante l avvenuta costituzione del RTI, in caso di partecipazione di RTI non ancora costituite. Art spese contrattuali Tutte le spese occorrenti, preliminari e consequenziali alla stipulazione del contratto (bolli,tassa di registrazione, ecc), nessuna esclusa, sono a carico dell Impresa aggiudicataria. Se l impresa aggiudicataria è una Cooperativa sociale, si applicano le esenzioni previste dal Dlgs. N. 460/97 in quanto ONLUS di diritto (esenzione dall imposta di bollo). Art. 20 Cause di risoluzione del contratto Oltre a quanto è genericamente previsto dall art.1453 del c.c. per i casi di inadempimento alle obbligazioni contrattuali, possono essere causa di risoluzione le seguenti fattispecie: - abbandono o interruzione senza motivo del servizio; - per motivi di interesse pubblico; - ripetute contravvenzioni ai patti contrattuali, alle disposizioni di legge e/o di regolamento del servizio; - inosservanza delle norme di legge previste in materia igienico sanitaria; - inosservanza delle leggi in materie di lavoro, sicurezza e prevenzione sul lavoro, in materia assistenziale e previdenziale; - apertura di una procedura fallimentare a carico della ditta; - cessione dell attività ad altri; - gravi danni prodotti alle attrezzature e strutture di proprietà dell Amministrazione Comunale; - casi di intossicazione alimentare determinata da condotta dolosa o colposa da parte della ditta aggiudicataria o di suo personale, - errata somministrazione di una dieta speciale con grave danno per l utenza, - subappalto del servizio e/o cessione del contratto a terzi. Nelle ipotesi sopra indicate il contratto si intende risolto di diritto con effetto immediato a seguito di comunicazione con raccomandata A/R dell Amministrazione Comunale. In tal caso alla ditta non spetta

7 alcun indennizzo e il Comune ha facoltà di incamerare la cauzione salvo il maggior risarcimento del danno. In caso di risoluzione del contratto, la ditta ha l obbligo di continuare comunque il servizio se ciò venga richiesto dal Comune per il periodo di tempo necessario a procedere al nuovo affidamento dello stesso; Gli oneri derivanti da ciò vanno compresi nei danni derivanti dalla risoluzione del contratto per colpa. In ogni caso è sempre fatto salvo il risarcimento dei danni derivanti da inadempienze. Alla ditta verrà corrisposto il prezzo contrattuale del servizio effettuato fino al giorno della disposta risoluzione, detratte le penalità, le spese e i danni. Per l applicazione delle disposizioni del presente articolo, il Comune potrà rivalersi su eventuali crediti della ditta, nonché sulla cauzione, senza necessità di diffide o formalità di sorta. Art.21 Norme finanziarie La Ditta è tenuta ad effettuare il controllo delle presenze dei minori e delle insegnanti che usufruiscono della refezione. Il conteggio dei pasti erogati verrà effettuato giornalmente da incaricato delle Ditta. La Ditta dovrà fatturare il numero di pasti corrispondenti a quelli effettivamente erogati, distinti in pasti per alunni e pasti per docenti. La distinta con il numero di pasti giornalmente erogati dovrà essere allegata alla fattura (le modalità di rilevazione delle presenze degli utenti sarà concordato con l Amministrazione). L Amministrazione provvederà ad effettuare i dovuti controlli tra i Buoni Pasto consegnati e i pasti fatturati. In caso di contestazione dei pasti fatturati, si procederà in contraddittorio con la Ditta alla verifica dell esatto corrispettivo. Le fatture saranno pagate entro 30 giorni dalla data di acquisizione delle stesse al protocollo dell Ente. Si procederà alla liquidazione nelle modalità di cui sopra, solo ed esclusivamente se a seguito dell acquisizione del DURC, risulterà la regolarità contributiva della ditta nei confronti dell INPS e dell INAIL. Art.22 Disposizioni finali La Ditta aggiudicataria è tenuta a prendere visione dei luoghi in cui effettuerà il servizio e ad allegare, a pena di esclusione, il certificato di presa visione ai documenti di gara. Nel corso del primo mese di esecuzione del contratto, verrà redatto apposito verbale, dal quale risulti l elenco delle attrezzature e dei beni la cui proprietà è/sarà in capo all Amministrazione cessati gli effetti del contratto, senza pretesa alcuna di pagamento/risarcimento da parte della Ditta. La Ditta aggiudicataria è tenuta altresì a restituire i beni, ivi comprese le attrezzature del punto cottura in buono stato, salvo usura da normale utilizzo. Per quanto non espressamente previsto nel presente capitolato si rinvia alle norme vigenti nel settore. Le spese di registrazione del contratto sono a carico della Ditta aggiudicataria. Il foro competente è quello di Teramo.

8 PARTE SECONDA Art. 1 Norme generali inerenti il servizio La ditta dovrà predisporre apposito progetto di organizzazione del servizio nel rispetto di tutte le procedure igienico-sanitarie previste dalla legislatura vigente. I pasti dovranno essere preparati con materie di prima qualità con le specifiche di cui ai punti successivi. La preparazione dei pasti deve essere effettuata presso i punto cottura, concessi in comodato d uso gratuito dall Amministrazione, siti in via Verdi e via Gramsci, mentre la somministrazione dovrà avvenire nei locali adibiti a refettori. La Ditta è tenuta ad ottenere tutte le prescritte autorizzazioni sanitarie relative ai punti cottura. La Ditta è tenuta alla manutenzione ordinaria delle attrezzature e dei locali, alla manutenzione straordinaria delle attrezzature, mentre la manutenzione straordinaria dei locali e degli impianti è a carico dell Amministrazione. La Ditta è tenuta altresì alle operazioni di disinfestazione, igienizzazione e sanificazione dei locali e delle attrezzature, ( compresi tavoli e sedie) all avvio del servizio e dopo la sospensione delle attività didattiche per vacanze natalizie, pasquali, estive, ed ogni volta che se ne ravvisi l urgenza. Prima dell esecuzione del contratto sarà redatto apposito verbale di consegna dei locali e delle attrezzature, con inventario delle attrezzature. Allo scadere del contratto la Ditta è tenuta alla restituzione dei beni ( locali ed attrezzature) nelle medesime condizioni in cui sono stati consegnati, salvo deteriorazioni dovuti all usura. E tenuta altresì alla ritinteggiatura dei locali del punto cottura. Per attrezzature che dovessero risultare, da ispezione condotta in contraddittorio tra le parti, non funzionanti o il cui malfunzionamento dovesse essere rilevato entro venti giorni dalla concessione del contratto, la Ditta è tenuta alla riparazione o sostituzione ( qualora non fosse riparabile) del bene, salvo che la Ditta stessa non riesca a provare che il danno non sia imputabile a cattivo uso o cattiva manutenzione. Art. 2 Qualità delle materie prime La Ditta dovrà utilizzare per la preparazione dei pasti esclusivamente materie prime di ottima qualità con proprietà nutritive ed organolettiche specificate nell allegato E) schede merceologiche dei principali alimenti redatte dal SIAN (Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione) della AUSL 4 di Teramo, allegato al presente Capitolato. Inoltre la Ditta è tenuta, in ottemperanza alle normative vigenti, a: - garantire e documentare la rintracciabilità di filiera, ossia la storia documentata dei passaggi e dei processi che hanno interessato l alimento lungo tutto l iter produttivo, ovvero dalla produzione primaria alla distribuzione finale - garantire ed esercitare un controllo preventivo, attento e permanente, sulle condizioni igieniche a tutti i livelli del servizio; - assicurare la catena del freddo che è garanzia del mantenimento delle proprietà originarie dei prodotti; - evitare l utilizzo di prodotti contenenti o alimentati con OGM e preferire prodotti di derivazione biologica; - controllare le etichettature dei prodotti ed in particolare verificare che siano rispondenti a quanto richiesto, con riferimento alla provenienza, modalità di conservazione, presenza di OGM; tale controllo deve essere espletato anche allo scopo di individuare eventuali alimenti contenenti allergeni anche in misura minima, che dovranno essere segnalati nei casi opportuni. Le derrate devono avere confezione ed etichettature conformi alle leggi vigenti, in ottemperanza a quanto previsto dal D.Lgs.n. 109/92 e ss.mm. Non sono ammesse etichettature incomplete e non in lingua italiana. La qualità delle derrate deve essere intesa sotto il profilo igienico, nutrizionale, organolettico, e merceologico.

9 Art. 3 Struttura e variazione del menù La tipologia di pasto, specificata nei menù ( Allegato F del presente capitolato), è la seguente: - primo, - secondo, - contorno, - pane, - acqua minerale naturale, - frutta, yogurt o dolce. I pasti dovranno essere preparati come da menù e grammature nette riportate nei menù settimanali (Allegato F) del presente Capitolato ) utilizzando le materie prime aventi i requisiti merceologici definiti nell allegato E caratteristiche merceologiche dei principali alimenti - predisposto dal servizio SIAN della ASL di Teramo. Il menù è su articolazione quadri/ settimanale in linea con le prescrizioni alimentari della dieta predisposta dal dietologo incaricato dal Comune di Nereto e visionata dal Servizio SIAN della ASL di Teramo. Il menu dovrà essere esposto in luogo visibile ed accessibile ai genitori. La Ditta dovrà agevolare il controllo sulla qualità e quantità dei cibi, che potrà essere effettuato dai componenti della Commissione mensa, previo preavviso inoltrato dall ufficio comunale competente almeno 30 minuti prima dell erogazione del pasto. Per particolari patologie, ( es. allergie etc.) previa presentazione di certificazione medica, redatta da medico specialista, l ufficio comunale provvederà alla comunicazione per iscritto alla ditta, la quale predisporrà la preparazione e somministrazione di diete speciali, ovvero idonee alla prescrizione medica richiesta. La Ditta dovrà altresì predisporre e somministrare diete alternative, legate a credenze religiose e/o, o credenze filosofiche (dieta vegetariana) su richiesta scritta da parte dell Amministrazione. Tutti i cibi dovranno essere preparati e cotti nella giornata destinata al consumo. E vietata ogni forma di riciclo di cibi avanzati. Ogni giorno dovrà essere disponibile, senza alcun onere aggiuntivo, una percentuale di pasto in più, pari minimo al 5%, tale da consentire eventuali bis o sostituzioni ( es. in caso di rovescio involontario del pasto). Non sono assolutamente ammesse variazioni ai menù predisposti senza previa autorizzazione dell ufficio comunale preposto. Art.4 Controlli La Ditta aggiudicataria dovrà predisporre un sistema di controllo del servizio e di attuazione delle misure igienico sanitarie. La Ditta è tenuta altresì ad attuare quanto previsto dalla normativa HACCP, realizzando gli appositi manuali di corretta gestione del servizio nella sua interezza e per ogni sede (punti cottura e refettori). La Ditta deve indicare il nominativo di un referente, incaricato dei controlli sullo svolgimento del servizio, sul buon andamento e sull attuazione dell HACCP. Nell organizzazione del servizio la Ditta dovrà attuare misure idonee a mantenere inalterate le qualità organolettiche e igieniche del pasto. Il controllo di HACCP è a carico del Comune di Nereto. L Ufficio interessato potrà: - controllare quantità e qualità dei cibi serviti, - ispezionare in qualsiasi momento i locali, - verificare le caratteristiche delle materie prime, - verificare la corretta esecuzione del menù e il rispetto delle tabelle dietetiche, - controllare le fasi di preparazione e sporzionamento, - controllare l applicazione delle indicazioni contenute nel manuale HACCP, - fare effettuare prelievi e controlli di laboratorio sia sulle materia prime sia sul prodotto finale.

10 Art.5 Personale Il personale dipendente della Ditta dovrà essere, pena la rescissione del contratto, assunto ed inquadrato nel rispetto della normativa vigente in materia. L orario di lavoro dovrà essere modulato nel pieno rispetto della normativa di settore e il personale adibito al servizio dovrà essere in misura tale da garantire efficacia ed efficienza. Il personale dovrà essere in regola con le autorizzazioni sanitarie necessarie all espletamento del servizio, aggiornato alla normativa vigente. La Ditta aggiudicataria dovrà fornire il materiale necessario all espletamento del servizio per garantire il rispetto delle normative igienico sanitarie (cuffie, grembiuli, etc.). La Ditta aggiudicataria dovrà garantire il rispetto della normativa sulla sicurezza sul lavoro e farsi carico di tutti gli obblighi antinfortunistica, assistenziali e previdenziali, di cui resta unica responsabile. Il personale in servizio dovrà sempre mantenere un atteggiamento decoroso e corretto, adeguato alla tipologia di servizio. Nereto, lì 13 agosto 2013 Il Responsabile del Servizio Rino FERRAMINI

COMUNE DI CAMPOFELICE DI ROCCELLA PROV. DI PALERMO

COMUNE DI CAMPOFELICE DI ROCCELLA PROV. DI PALERMO COMUNE DI CAMPOFELICE DI ROCCELLA PROV. DI PALERMO CAPITOLATO D ONERI PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA CHE EFFETTUANO IL TEMPO PROLUNGATO

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

CAPITOLATO AMMINISTRATIVO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI SURGELATI

CAPITOLATO AMMINISTRATIVO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI SURGELATI ART.1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto del presente documento sono le clausole amministrative relative al contratto di appalto per la fornitura di prodotti alimentari surgelati per le esigenze delle mense

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE CIG 543712162F

CAPITOLATO SPECIALE CIG 543712162F CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA MEDIANTE BUONI PASTO ELETTRONICI IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLE SOCIETÀ DEL GRUPPO SALERNO ENERGIA CIG 543712162F Art. 1 Oggetto

Dettagli

Art. 1 Oggetto dei servizi. Art. 2 Ammontare complessivo del contratto, durata dei servizi e vincoli per il Comune.

Art. 1 Oggetto dei servizi. Art. 2 Ammontare complessivo del contratto, durata dei servizi e vincoli per il Comune. CAPITOLATO TECNICO Art. 1 Oggetto dei servizi. Il presente Capitolato tecnico disciplina l esecuzione dei servizi postali per la corrispondenza del Comune di Città di Conversano, comprendente il ritiro

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO Art. 1 Oggetto dei servizi Art. 2 Ammontare complessivo del contratto, durata dei servizi e vincoli per il Comune

CAPITOLATO TECNICO Art. 1 Oggetto dei servizi Art. 2 Ammontare complessivo del contratto, durata dei servizi e vincoli per il Comune CAPITOLATO TECNICO Art. 1 Oggetto dei servizi Il presente Capitolato tecnico disciplina l esecuzione dei servizi postali per la corrispondenza del Comune di Città di Castello comprendente il ritiro e la

Dettagli

C O M U N E D I C E R R E T O D E S I (Provincia di Ancona) CAPITOLATO D ONERI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

C O M U N E D I C E R R E T O D E S I (Provincia di Ancona) CAPITOLATO D ONERI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE C O M U N E D I C E R R E T O D E S I (Provincia di Ancona) - CAPITOLATO D ONERI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Art.1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto del presente Capitolato d Oneri è la gestione in appalto

Dettagli

COMUNE di CASAL DI PRINCIPE Provincia di Caserta

COMUNE di CASAL DI PRINCIPE Provincia di Caserta 1 Art. 1-Oggetto dell appalto COMUNE di CASAL DI PRINCIPE Provincia di Caserta CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA Il presente capitolato disciplina l affidamento del servizio

Dettagli

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA Contratto n. /2012 FORNITURA BUONI PASTO L anno 2012, il giorno del mese di, TRA.. con sede legale in vi., partita IVA, in persona del legale rappresentante., in seguito denominata Committente E con sede

Dettagli

CONTRATTO PER GLI INTERVENTI MIRATI AL RISPARMIO ENERGETICO PRESSO LA REGGIA DI VENARIA REALE FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI A

CONTRATTO PER GLI INTERVENTI MIRATI AL RISPARMIO ENERGETICO PRESSO LA REGGIA DI VENARIA REALE FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI A CONTRATTO PER GLI INTERVENTI MIRATI AL RISPARMIO ENERGETICO PRESSO LA REGGIA DI VENARIA REALE FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI A BASSO CONSUMO PER LE SCUDERIE JUVARIANE CODICE C.I.G... - CUP.. Importo netto:

Dettagli

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI COMUNE DI ANZIO Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI Art. 1 - OGGETTO L appalto ha per oggetto il servizio di prelievo

Dettagli

COMUNE DI IONADI ( Provincia di VIBO VALENTIA ) *************

COMUNE DI IONADI ( Provincia di VIBO VALENTIA ) ************* COMUNE DI IONADI ( Provincia di VIBO VALENTIA ) ************* AREA AMMINISTRATIVA SERVIZIO SCOLASTICO ********** Allegato alla determinazione Area Amministrativa n 74 del 10.10.2012 CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL SERVIZIO AMMINISTRATIVO

DETERMINAZIONE DEL SERVIZIO AMMINISTRATIVO COMUNE DI MARTIGNANO Provincia di Lecce DETERMINAZIONE DEL SERVIZIO AMMINISTRATIVO n.213/2015 Registro generale n. 63/2015 Registro dell Ufficio OGGETTO: Servizio mensa e servizio accompagnamento durante

Dettagli

COMUNE DI AGRIGENTO. la nostra civiltà contro il pizzo e l usura. Settore III - Servizi Socio-assistenziali CAPITOLATO D ONERI

COMUNE DI AGRIGENTO. la nostra civiltà contro il pizzo e l usura. Settore III - Servizi Socio-assistenziali CAPITOLATO D ONERI COMUNE DI AGRIGENTO Settore III - Servizi Socio-assistenziali la nostra civiltà contro il pizzo e l usura CAPITOLATO D ONERI Relativo all affidamento del servizio di assistenza igienico-personale ai soggetti

Dettagli

BANDO di GARA per pubblico incanto

BANDO di GARA per pubblico incanto BANDO di GARA per pubblico incanto Per l affidamento del servizio di Ristorazione Scolastica presso le Scuole Materne del Comune di MONTE SANT ANGELO 1. OGGETTO: SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Il Comune

Dettagli

CAPITOLATO CONTRATTUALE

CAPITOLATO CONTRATTUALE COMUNE DI PRATO CAPITOLATO CONTRATTUALE SERVIZIO DI NOLEGGIO CON MANUTENZIONE DI MACCHINE FOTOCOPIATRICI PER GLI UFFICI COMUNALI Area Risorse Finanziarie Servizio Patrimonio Amministrativo Via Del Ceppo

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO

CAPITOLATO D APPALTO PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DELLA MENSA AZIENDALE MEDIANTE FORNITURA DI BUONI PASTO PERIODO 01/07/2015 31/12/2018 CIG 6256844EFE CAPITOLATO D APPALTO Art. 1 - OGGETTO DELL'APPALTO

Dettagli

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (SERSE) PER IL. L'anno duemilaundici, addì ( ) del mese di

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (SERSE) PER IL. L'anno duemilaundici, addì ( ) del mese di REP. n. del CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (SERSE) PER IL PERIODO 01.03.2012-31.12.2014 - C.I.G. [ ]. L'anno duemilaundici, addì ( ) del mese di presso la Sede

Dettagli

CONTRATTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITA : CORSI DI LINGUA ITALIANA PER STRANIERI, MEDIAZIONE LINGUISTICA, SOSTEGNO AD ALUNNI STRANIERI IN AMBITO

CONTRATTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITA : CORSI DI LINGUA ITALIANA PER STRANIERI, MEDIAZIONE LINGUISTICA, SOSTEGNO AD ALUNNI STRANIERI IN AMBITO REP. n. del CONTRATTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITA : CORSI DI LINGUA ITALIANA PER STRANIERI, MEDIAZIONE LINGUISTICA, SOSTEGNO AD ALUNNI STRANIERI IN AMBITO SCOLASTICO, CONSULENZA LEGALE PER CITTADINI

Dettagli

COMUNE DI BELLIZZI AREA AA.GG. UFFICIO SEGRETERIA GENERALE COMUNE DI BELLIZZI PROV. SALERNO

COMUNE DI BELLIZZI AREA AA.GG. UFFICIO SEGRETERIA GENERALE COMUNE DI BELLIZZI PROV. SALERNO COMUNE DI BELLIZZI PROV. SALERNO Allegato B OGGETTO: servizio sostitutivo di mensa mediante buoni pasto. CAPITOLATO SPECIALE. INDICE: Art. 1: OGGETTO Art. 2: IMPORTO DEL SERVIZIO Art. 3 : DURATA DELL APPALTO

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 29/11/2013 Indice Art. 1. Oggetto e finalità del servizio

Dettagli

COMUNE DI VIGONZA. Provincia di Padova. L anno giorno del mese di. ( ), alle ore presso la sede Municipale del

COMUNE DI VIGONZA. Provincia di Padova. L anno giorno del mese di. ( ), alle ore presso la sede Municipale del Bollo sensi legge ai di A L L E G A T O 4 ) COMUNE DI VIGONZA Provincia di Padova Rep. N CONTRATTO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO COMUNALE - PERIODO 01/09/2014-31/07/2017. C.I.G.

Dettagli

Tra l Agenzia Regionale per lo Sviluppo e i Servizi in Agricoltura Gestione Liquidatoria ex Art. 5

Tra l Agenzia Regionale per lo Sviluppo e i Servizi in Agricoltura Gestione Liquidatoria ex Art. 5 SCHEMA CONTATTO D APPALTO - art. 279 D.P.R. 207/2010 CONTRATTO D APPALTO Tra l Agenzia Regionale per lo Sviluppo e i Servizi in Agricoltura Gestione Liquidatoria ex Art. 5 L.R. 11.05.2007 n. 9 - e la Società,

Dettagli

Art. 1 Oggetto dell appalto. L appalto ha per oggetto la fornitura di buoni pasto per il servizio sostitutivo

Art. 1 Oggetto dell appalto. L appalto ha per oggetto la fornitura di buoni pasto per il servizio sostitutivo Allegato 1 CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA PER IL PERSONALE DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI RAVENNA MEDIANTE LA FORNITURA DI BUONI PASTO Art. 1 Oggetto dell appalto L appalto

Dettagli

raccordo con gli insegnanti di classe per gli aspetti scolastico/educativi.

raccordo con gli insegnanti di classe per gli aspetti scolastico/educativi. CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA EDUCATIVA AD ALUNNI CON DISABILITA (PERIODO: 15 settembre 2015 / 30 giugno 2016) CIG: 63388665B3 Art. 1 OGGETTO Oggetto dell appalto

Dettagli

CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA

CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA CITTÀ DI VERBANIA Provincia del Verbano Cusio Ossola CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO PISCINA COMUNALE

Dettagli

www.ater.vr.it., protocolloatervr@legalmail.it.

www.ater.vr.it., protocolloatervr@legalmail.it. A.T.E.R. Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale della Provincia di VERONA Piazza Pozza 1/c,d,e - 37123 VERONA telefono 045-8062411 telefax 045-8062432 E-mail: info@ater.vr.it www.ater.vr.it.,

Dettagli

COMUNE DI SESTO ED UNITI

COMUNE DI SESTO ED UNITI COMUNE DI SESTO ED UNITI Provincia di Cremona Gestione RSA Casa Soggiorno Nolli-Pigoli Allegato alla delibera G.C. n. 184 del 27.10.2009 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI

Dettagli

Azienda Ospedaliera Brotzu. Servizio Provveditorato Ospedale di rilievo nazionale e alta. Piazzale Ricchi 1, 09134 Cagliari

Azienda Ospedaliera Brotzu. Servizio Provveditorato Ospedale di rilievo nazionale e alta. Piazzale Ricchi 1, 09134 Cagliari Dipartimento Amministrativo Capitolato Speciale d appalto Procedura Aperta per la fornitura di G.P.L. da riscaldamento con comodato d uso gratuito del serbatoio, per i corpi separati dell Azienda Ospedaliera

Dettagli

Servizio di stenotipia Servizio di resocontazione mediante stenotipia delle riunioni degli organi istituzionali dell Assemblea legislativa regionale

Servizio di stenotipia Servizio di resocontazione mediante stenotipia delle riunioni degli organi istituzionali dell Assemblea legislativa regionale Servizio di resocontazione mediante stenotipia delle riunioni degli organi istituzionali dell Assemblea legislativa regionale Capitolato speciale d appalto Versione: Definitiva Data: 28 luglio 2011 Numero

Dettagli

Centro Estivo Dante (scuola dell infanzia) Dal 1 al 31 luglio 2015 per 23 giorni max 200 iscritti

Centro Estivo Dante (scuola dell infanzia) Dal 1 al 31 luglio 2015 per 23 giorni max 200 iscritti CAPITOLATO SPECIALE PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI CENTRI ESTIVI 2015 DEL COMUNE DI CORSICO. PERIODO dal 1 LUGLIO al 4 SETTEMBRE 2015. CIG: 62619146E6 ART. 1 OGGETTO E FINALITA DELL APPALTO Oggetto

Dettagli

COMUNE DI CARAVAGGIO PROVINCIA DI BERGAMO... DI PORZIONE DI IMMOBILE SITO IN CARAVAGGIO. Caravaggio, il quale interviene al presente atto in nome e

COMUNE DI CARAVAGGIO PROVINCIA DI BERGAMO... DI PORZIONE DI IMMOBILE SITO IN CARAVAGGIO. Caravaggio, il quale interviene al presente atto in nome e COMUNE DI CARAVAGGIO PROVINCIA DI BERGAMO SCHEMA DI ATTO DI CONCESSIONE IN USO A FAVORE DI... DI PORZIONE DI IMMOBILE SITO IN CARAVAGGIO VIA CARLO PORTA 2, DELLA SUPERFICIE COMPLESSIVA DI MQ. 940 DI CUI

Dettagli

CONTRATTO PER FORNITURA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA A MEZZO BUONI PASTO ALLA CENTRALE DEL LATTE DI SALERNO S.P.A.

CONTRATTO PER FORNITURA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA A MEZZO BUONI PASTO ALLA CENTRALE DEL LATTE DI SALERNO S.P.A. CONTRATTO PER FORNITURA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA A MEZZO BUONI PASTO ALLA CENTRALE DEL LATTE DI SALERNO S.P.A. Premesso che - in data sono state inviate le lettere di invito per l affidamento

Dettagli

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1(

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( )2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( ART.1 OGGETTO Il presente appalto ha ad oggetto il servizio di somministrazione di lavoratori a termine,

Dettagli

CONTRATTO PER FORNITURA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA A MEZZO BUONI PASTO A TURISMO TORINO E PROVINCIA

CONTRATTO PER FORNITURA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA A MEZZO BUONI PASTO A TURISMO TORINO E PROVINCIA CONTRATTO PER FORNITURA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA A MEZZO BUONI PASTO A TURISMO TORINO E PROVINCIA Premesso che - in data sono state inviate le lettere di invito per l affidamento di un incarico

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO

PROVINCIA DI BENEVENTO PROVINCIA DI BENEVENTO CAPITOLATO SPECIALE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA PISTA CICLABILE DI C.DA ACQUAFREDDA ART. 1 - OGGETTO DELLA CONCESSIONE La concessione ha per oggetto la gestione della

Dettagli

C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 I N D I C E ART. 1 - FINALITA ART. 2 - UTENZA ART. 3 - FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ART. 4 - ACCESSO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA Via Orlando Costa - 89823 FABRIZIA (VV) Distretto Scolastico N. 9 Tel. e fax 0963/315834 Codice fiscale: 96014340796 Codice Meccanografico: VVIC80700B

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ELABORAZIONE STIPENDI ED ADEMPIMENTI PREVIDENZIALI E FISCALI CONNESSI

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ELABORAZIONE STIPENDI ED ADEMPIMENTI PREVIDENZIALI E FISCALI CONNESSI CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ELABORAZIONE STIPENDI ED ADEMPIMENTI PREVIDENZIALI E FISCALI CONNESSI PER IL PERSONALE DEL PARCO NAZIONALE VAL GRANDE 2016-2020 (CIG ZB415FBACD) Art.

Dettagli

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari 1 COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari DISCIPLINALE PER L AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE DI UN CAPANNONE PER ESSERE ADIBITO

Dettagli

Sede legale: Località Torrevecchia 87100 Cosenza - tel. 0984/308011 fax 0984/482332 aziendatrasporticosenza@tin.it web: www.amaco.

Sede legale: Località Torrevecchia 87100 Cosenza - tel. 0984/308011 fax 0984/482332 aziendatrasporticosenza@tin.it web: www.amaco. GARA PER LA FORNITURA DI GAS METANO PER AUTOTRAZIONE C.I.G. 60347701BF CAPITOLATO SPECIALE Responsabile Unico del Procedimento Ing. Gianfranco Marcelli 1 INDICE Art. 1 Glossario Art. 2 Oggetto dell Appalto

Dettagli

COMUNE DI SARMATO Provincia di Piacenza

COMUNE DI SARMATO Provincia di Piacenza COMUNE DI SARMATO Provincia di Piacenza SERVIZIO SOCIALE PUBBLICA ISTRUZIONE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 29.06.2012 regolamento

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SUB A 2 SETTORE: RAGIONERIA-FINANZA-PROVVEDITORATO CED SERVIZIO ECONOMATO-PROVVEDITORATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO DI MANUTENZIONE, VERIFICA E RICARICA DEL PARCO ESTINTORI INSTALLATI NEGLI

Dettagli

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S.

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Servizio per la fornitura di prestazioni di radioterapia su pazienti in trattamento presso l Istituto Oncologico Veneto. * * * * * * CIG N.1136442D97

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018 SEUS SICILIA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA SCpA Sede Legale: Via Villagrazia, 46 Edificio B - 90124 Palermo Registro delle Imprese di Palermo Codice Fiscale e Partita Iva. 05871320825 CAPITOLATO D APPALTO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la fornitura del servizio di assistenza domiciliare a favore degli

Dettagli

BOZZA DI CONTRATTO. tra

BOZZA DI CONTRATTO. tra BOZZA DI CONTRATTO tra la società TRM SpA, con sede legale in Torino, via P. Gorini, n. 50, Partita Iva e Cod. Fisc. 08566440015, in persona del proprio legale rappresentante pro tempore, (qui di seguito

Dettagli

Art. 4 Organizzazione del servizio e personale e oneri a carico della ditta aggiudicataria

Art. 4 Organizzazione del servizio e personale e oneri a carico della ditta aggiudicataria CAPITOLATO D APPALTO PER AFFIDAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE MAGICA BULA E DELLA MENSA SCOLASTICA ALL. C Il Comune di Cagli intende provvedere all affidamento della gestione di alcuni servizi Nido

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto dell Appalto è il Servizio di affissione

Dettagli

Ufficio Gare, Contratti e Acquisti CAPITOLATO PER IL BROKERAGGIO ASSICURATIVO

Ufficio Gare, Contratti e Acquisti CAPITOLATO PER IL BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO PER IL BROKERAGGIO ASSICURATIVO Art. 1 Finalità Il presente capitolato ha per oggetto l affidamento, da parte della Bari Multiservizi S.p.a. (in seguito, per semplicità, denominata società),

Dettagli

_ uxüé VÉÇáÉÜé É VÉÅâÇtÄx w gütñtç

_ uxüé VÉÇáÉÜé É VÉÅâÇtÄx w gütñtç _ uxüé VÉÇáÉÜé É VÉÅâÇtÄx w gütñtç EX ART. 1 L.R. N. 8 DEL 24/3/2014 già Provincia Regionale di Trapani Settore n. 1 Servizio n. 8 Gare e Contratti A V V I S O Procedura negoziata ad evidenza pubblica

Dettagli

CAPITOLATO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE GENERALI INTERNE/ESTERNE E GUARDIANIA Rif. Gara informale n. 012010

CAPITOLATO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE GENERALI INTERNE/ESTERNE E GUARDIANIA Rif. Gara informale n. 012010 Allegato 1 CAPITOLATO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE GENERALI INTERNE/ESTERNE E GUARDIANIA Rif. Gara informale n. 012010 ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento da parte

Dettagli

CONTRATTO PER FORNITURA DEL SERVIZIO DI MAGAZZINAGGIO, STOCCAGGIO, CONFEZIONAMENTO E CONSEGNA METERIALE INFORMATIVO DI TORINO E PROVINCIA

CONTRATTO PER FORNITURA DEL SERVIZIO DI MAGAZZINAGGIO, STOCCAGGIO, CONFEZIONAMENTO E CONSEGNA METERIALE INFORMATIVO DI TORINO E PROVINCIA CONTRATTO PER FORNITURA DEL SERVIZIO DI MAGAZZINAGGIO, STOCCAGGIO, CONFEZIONAMENTO E CONSEGNA METERIALE INFORMATIVO DI TORINO E PROVINCIA Premesso che - in data 23/05/2011 è stato approvato il Regolamento

Dettagli

FOGLIO CONDIZIONI. C.F. 82005660061 - P.I. 01628780064 - Cap.Soc. 7.000.000,00 i.v.

FOGLIO CONDIZIONI. C.F. 82005660061 - P.I. 01628780064 - Cap.Soc. 7.000.000,00 i.v. FOGLIO CONDIZIONI ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO La scrivente Società intende affidare l incarico per il servizio di carico - trasporto avvio a recupero, presso impianto/i di compostaggio, della frazione

Dettagli

APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA A SOGGETTI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI MORROVALLE (MC) (CIG N 5238342092)

APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA A SOGGETTI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI MORROVALLE (MC) (CIG N 5238342092) MORROVALLE SERVIZI S.R.L. APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA A SOGGETTI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI MORROVALLE (MC) (CIG N 5238342092) Art. 20 Allegato IIB D.lgs. n 163/2006

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI RECUPERO E/O SMALTIMENTO RIFIUTI INGOMBRANTI, RUP ED ALTRI RIFIUTI SPECIALI, DERIVANTI DA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL COMUNE DI CARDITO PER LA DURATA DI ANNI 1. CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

Dettagli

SERVIZI DI DIREZIONE - Unità ARCHIVIO E PROTOCOLLO GENERALE

SERVIZI DI DIREZIONE - Unità ARCHIVIO E PROTOCOLLO GENERALE Allegato alla determinazione dirigenziale n.6 del 25-08-2014 SERVIZI DI DIREZIONE - Unità ARCHIVIO E PROTOCOLLO GENERALE CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE. Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE. Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Il presente capitolato ha per oggetto l affidamento alla Società

Dettagli

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo)

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) SCHEMA Concessione in esclusiva, dell uso di spazi pubblicitari su elementi di arredo urbano e segnaletica direzionale privata e pubblica nel territorio

Dettagli

PARTE TERZA - SCHEMA DI CONTRATTO Tra la Provincia di Pavia (di seguito Stazione Appaltante o Committente ) e [ ] (di seguito la Società o il

PARTE TERZA - SCHEMA DI CONTRATTO Tra la Provincia di Pavia (di seguito Stazione Appaltante o Committente ) e [ ] (di seguito la Società o il PARTE TERZA - SCHEMA DI CONTRATTO Tra la Provincia di Pavia (di seguito Stazione Appaltante o Committente ) e [ ] (di seguito la Società o il Fornitore ) Si conviene e si stipula quanto segue: 1. OGGETTO

Dettagli

Sede Municipale in S. Stefano di Zimella (Verona) Tel. 0442/490.011 Fax 0442/490.144 C.A.P. 37040 PROVINCIA DI VERONA C.F.

Sede Municipale in S. Stefano di Zimella (Verona) Tel. 0442/490.011 Fax 0442/490.144 C.A.P. 37040 PROVINCIA DI VERONA C.F. FOGLIO PATTI E CONDIZIONI PER L AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DELLE DERRATE ALIMENTARI PER LE MENSE SCOLASTICHE DEL COMUNE DI ZIMELLA PER L ANNO SCOLASTICO 2015/16 C.I.G. : ZF1156237B. ART. 1 DESCRIZIONE

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO PROVINCIA DI RIMINI

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO PROVINCIA DI RIMINI COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO PROVINCIA DI RIMINI ALLEGATO A CAPITOLATO D ONERI PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO COMUNALE CAPOLUOGO E DEL CIMITERO COMUNALE PIANVENTENA

Dettagli

CAPITOLATO DI SERVIZIO

CAPITOLATO DI SERVIZIO COMUNE DI MONZA UFFICIO ECONOMATO CAPITOLATO DI SERVIZIO CAPITOLATO PER AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASLOCO DEGLI ARCHIVI DEL TRIBUNALE Art. 1 - Oggetto del capitolato Costituisce oggetto del presente

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI E SCHEMA DI CONTRATTO

CAPITOLATO D ONERI E SCHEMA DI CONTRATTO CAPITOLATO D ONERI E SCHEMA DI CONTRATTO INDIVIDUAZIONE DI UN OPERATORE ECONOMICO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE E DELLA RELATIVA MANUTENZIONE DI UNA FLOTTA DI BICICLETTE A PEDALATA ASSISTITA

Dettagli

ART.1 OGGETTO ART.2 DURATA DEL CONTRATTO

ART.1 OGGETTO ART.2 DURATA DEL CONTRATTO CAPITOLATO PER GESTIONE COMPLESSIVA ASILO NIDO COMUNALE "A. SABIN SERVIZIO MENSA E PULIZIA CUCINA PRESSO LA SCUOLA MATERNA "A. MATTEI" - PERIODO 01.06.2012 31.05.2015. ART.1 OGGETTO Il presente contratto

Dettagli

COMUNE DI BOVA MARINA

COMUNE DI BOVA MARINA COMUNE DI BOVA MARINA Prov. Di REGGIO CALABRIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO FORNITURA PASTI CONFEZIONATI PER LA REFEZIONE NELLE SCUOLE SECONDARIE DI I GRADO, PRIMARIA E DELL INFANZIA BIENNIO 2014/2016

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DELL IMMOBILE DI PROPRIETÀ COMUNALE DI VIA TRENTO DA ADIBIRE AD ASILO NIDO.

CONTRATTO DI LOCAZIONE DELL IMMOBILE DI PROPRIETÀ COMUNALE DI VIA TRENTO DA ADIBIRE AD ASILO NIDO. CONTRATTO DI LOCAZIONE DELL IMMOBILE DI PROPRIETÀ COMUNALE DI VIA TRENTO DA ADIBIRE AD ASILO NIDO. Si conviene e si stipula quanto segue: Art. 1 - OGGETTO DEL CONTRATTO Il Comune di Ponte Lambro, concede

Dettagli

COMUNE DI CAMPI BISENZIO. (Provincia di Firenze) CONTRATTO DI SERVIZIO L anno duemiladieci (2010) il giorno del mese di, in una sala

COMUNE DI CAMPI BISENZIO. (Provincia di Firenze) CONTRATTO DI SERVIZIO L anno duemiladieci (2010) il giorno del mese di, in una sala COMUNE DI CAMPI BISENZIO (Provincia di Firenze) CONTRATTO DI SERVIZIO L anno duemiladieci (2010) il giorno del mese di, in una sala del Palazzo Comunale, in Piazza Dante, 36 fra i Sigg.ri - TAROCCHI VERA,nata

Dettagli

ALLEGATO E Schema di cottimo fiduciario della fornitura con posa di porte automatiche e relativa manutenzione Cig 6091932551

ALLEGATO E Schema di cottimo fiduciario della fornitura con posa di porte automatiche e relativa manutenzione Cig 6091932551 ALLEGATO E Schema di cottimo fiduciario della fornitura con posa di porte automatiche e relativa manutenzione Cig 6091932551 L anno duemila., il giorno ( ) del mese di., in. presso la sede dell., via.,

Dettagli

COTTIMO FIDUCIARIO PER TRASLOCO BIBLIOTECA, CENTRO MULTIMEDIALE AL CENTRO ILPERTINI INDETTO CON DETERMINAZIONE 1.597/2011 - CIG 3638406B9A

COTTIMO FIDUCIARIO PER TRASLOCO BIBLIOTECA, CENTRO MULTIMEDIALE AL CENTRO ILPERTINI INDETTO CON DETERMINAZIONE 1.597/2011 - CIG 3638406B9A COTTIMO FIDUCIARIO PER TRASLOCO BIBLIOTECA, CENTRO MULTIMEDIALE AL CENTRO ILPERTINI INDETTO CON DETERMINAZIONE 1.597/2011 - CIG 3638406B9A DITTA: 3. CORTESI REQUISITI GIURIDICO-AMMINISTRATIVI - BUSTA A

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE CONCESSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORO A MEZZO DISTRIBUTORI AUTOMATICI.

CAPITOLATO SPECIALE CONCESSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORO A MEZZO DISTRIBUTORI AUTOMATICI. COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO Provincia di Pavia Via Roma n. 1 27028 San Martino Siccomario C.F. e P.IVA 00466390184 Tel. 0382/496111 Fax 0382/498507 E-mail: info@comune.sanmartino.pv.it www.comune.sanmartino.pv.it

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER FORNITURA CARBURANTI E LUBRIFICANTI CIG 5008117CE0 INDICE

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER FORNITURA CARBURANTI E LUBRIFICANTI CIG 5008117CE0 INDICE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER FORNITURA CARBURANTI E LUBRIFICANTI CIG 5008117CE0 INDICE ART. 1 OGGETTO DELLA FORNITURA ART. 2 DURATA DELLA FORNITURA ART. 3 AMMONTARE DELL APPALTO ART. 4 VARIAZIONE

Dettagli

PROCEDURA COTTIMO FIDUCIARIO PER SELEZIONE FORNITORE SERVIZIO BUONI PASTO

PROCEDURA COTTIMO FIDUCIARIO PER SELEZIONE FORNITORE SERVIZIO BUONI PASTO CAPITOLATO Pag. 1 di 6 Art. 1 - Oggetto dell appalto 1. L Agenzia per la Mobilità Metropolitana (AMM) provvede all affidamento del servizio sostitutivo di mensa per i propri dipendenti mediante l erogazione

Dettagli

SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO AA.SS. 2009 2010, 2010-2011 e 2011-2012 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO AA.SS. 2009 2010, 2010-2011 e 2011-2012 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO AA.SS. 2009 2010, 2010-2011 e 2011-2012 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO ALUNNI SCUOLA DELL INFANZIA E DELLA SCUOLA PRIMARIA DI CRVICO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera di C.C. n. 14 del 31/03/2015 INDICE

Dettagli

Comune di Tornaco. Provincia di Novara. Comunicato ai Capigruppo. Il 15/7/2014 N. prot. 1757 VERBALE SEDUTA DI GIUNTA COMUNALE N.

Comune di Tornaco. Provincia di Novara. Comunicato ai Capigruppo. Il 15/7/2014 N. prot. 1757 VERBALE SEDUTA DI GIUNTA COMUNALE N. Comune di Tornaco Provincia di Novara Comunicato ai Capigruppo Il 15/7/2014 N. prot. 1757 VERBALE SEDUTA DI GIUNTA COMUNALE N. 19 OGGETTO: SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA A.S. 2014-2015 FOGLIO PATTI E CONDIZIONI.

Dettagli

COMUNE DI PISA. Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di Via Puglia in Pisa

COMUNE DI PISA. Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di Via Puglia in Pisa COMUNE DI PISA Direzione Finanze e Politiche Tributarie Ufficio Economato-Provveditorato U.O. Provveditorato Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di

Dettagli

COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA CAPITOLATO D ONERI

COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA CAPITOLATO D ONERI COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA CAPITOLATO D ONERI PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO IN AFFITTO D AZIENDA DELLA GESTIONE DEL BAR DI PROPRIETA COMUNALE SITUATO PRESSO IL CENTRO CULTURALE ELISA

Dettagli

COMUNE DI TEGLIO Provincia di Sondrio

COMUNE DI TEGLIO Provincia di Sondrio COMUNE DI TEGLIO Provincia di Sondrio Piazza S.Eufemia, 7-23036 Teglio (S0) - Tel. 0342/789.011 - Telefax 0342/781336- C/c postale 11837234 P.IVA 00114190143 - Cod.fisc. 83000770145 SETTORE AFFARI GENERALI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI RESOCONTAZIONE MEDIANTE STENOTIPIA DELLE RIUNIONI DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI DEL CONSIGLIO REGIONALE

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI RESOCONTAZIONE MEDIANTE STENOTIPIA DELLE RIUNIONI DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI DEL CONSIGLIO REGIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO VIII LEGISLATURA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI RESOCONTAZIONE MEDIANTE STENOTIPIA DELLE RIUNIONI DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI DEL CONSIGLIO REGIONALE Art.

Dettagli

CONTRATTO DI CONCESSIONE SCRITTURA PRIVATA

CONTRATTO DI CONCESSIONE SCRITTURA PRIVATA Registro n. CONTRATTO DI CONCESSIONE SCRITTURA PRIVATA OGGETTO: Concessione degli spazi idonei alla collocazione di apparecchiature per la distribuzione di alimenti preconfezionati e bevande in edifici

Dettagli

CONTRATTO D APPALTO. Tra l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente e la Società., sede in ( ), per

CONTRATTO D APPALTO. Tra l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente e la Società., sede in ( ), per CONTRATTO D APPALTO Tra l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente e la Società, sede in ( ), per l affidamento del servizio di ritiro trasporto e smaltimento rifiuti speciali non pericolosi e

Dettagli

CITTA DI GRAVINA IN PUGLIA

CITTA DI GRAVINA IN PUGLIA CITTA DI GRAVINA IN PUGLIA Provincia di Bari COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Servizio: Randagismo -Iigiene Urbana- Verde Pubblico Via Tagliamento - tel. 080/3267463 - Fax :080/3267672 CAPITOLATO SPECIALE D

Dettagli

UNITA OPERATIVA AFFARI GENERALI PERSONALE - SERVIZI DEMOGRAFICI **************

UNITA OPERATIVA AFFARI GENERALI PERSONALE - SERVIZI DEMOGRAFICI ************** Comune di Isili Provincia di Cagliari 08033 Piazza San Giuseppe n.6 P.I. 00159990910 Tel.0782/804460-804461 Fax 0782/804469 Email affarigenerali@comune.isili.ca.it Pec protocollo.isili@pec.comunas.it UNITA

Dettagli

ART. 4 MODALITA DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO

ART. 4 MODALITA DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO CAPITOLATO D ONERI REGOLANTE L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI ART. 1 OGGETTO DURATA DELL APPALTO Oggetto dell appalto è l affidamento del servizio di

Dettagli

Servizio di somministrazione lavoro temporaneo

Servizio di somministrazione lavoro temporaneo CAMERA DI COMMERCIO DI ORISTANO AFFIDAMENTO Servizio di somministrazione lavoro temporaneo Capitolato prestazionale - Indice Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art.

Dettagli

DISCIPLINARE RDO n. 759230

DISCIPLINARE RDO n. 759230 Prot.n. 1842 del 23/02/2014 DISCIPLINARE RDO n. 759230 Potenziamento ed Integrazione degli alunni con disabilità e BES Progetto per la qualificazione dell offerta dell integrazione scolastica degli alunni

Dettagli

ALLEGATO B) Codice CIG 2472764D64

ALLEGATO B) Codice CIG 2472764D64 ALLEGATO B) CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE IN GESTIONE DEL SERVIZIO PER LA DISTRIBUZIONE DEL MATERIALE DEL PARCO E DEI PRODOTTI DEL CIRCUITO CARTA QUALITA - Codice CIG 2472764D64 L anno 2011 il giorno

Dettagli

DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno

DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno Via dei Lavoratori, 21 57016 Rosignano Marittimo (LI) tel. 0039 0586/724434 fax 0586/724274 Capitolato Speciale d Appalto per la fornitura di gas GPL per le

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

COMUNE DI ACCADIA. (Provincia di Foggia)

COMUNE DI ACCADIA. (Provincia di Foggia) COMUNE DI ACCADIA (Provincia di Foggia) PROGETTO PER LA DOTAZIONE DI IMPIANTO DI VODEOSORVEGLIANZA E FORNITURE ARREDI PER GLI IMMOBILI DI PROPRIETA' COMUNALE DENOMINATI "CASONE PADULI" E "CASONE DIFESA".

Dettagli

FORNITURA MATERIALE DA FERRAMENTA ANNO

FORNITURA MATERIALE DA FERRAMENTA ANNO Tit. 6 Cl. 4 Fasc. 4 C.so Cavour n. 16 28021 Borgomanero (No) DIVISIONE TECNICA Servizio Edilizia Pubblica e Strade tel. 0322 837747 fax 0322 837747 servizio1@comune.borgomanero.no.it MEPA Spett.le DITTA

Dettagli

Art. 1 Oggetto e durata dell affidamento

Art. 1 Oggetto e durata dell affidamento COMUNE DI VILLAFRANCA IN LUNIGIANA Provincia di Massa Carrara All. 1) CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO COMUNALE Art. 1 Oggetto e durata dell affidamento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO. (Provincia di Roma)

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO. (Provincia di Roma) Repertorio n. REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO (Provincia di Roma) CONTRATTO D APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SOCIALE E DOMICILIARE DESTINATO AI MINORI, DISABILI, ANZIANI RESIDENTI NEL

Dettagli

COMUNE VEDANO AL LAMBRO (Provincia Monza Brianza)

COMUNE VEDANO AL LAMBRO (Provincia Monza Brianza) COMUNE VEDANO AL LAMBRO (Provincia Monza Brianza) SETTORE AFFARI GENRALI Allegato D FOGLIO PATTI E CONDIZIONI PER LA FORNITURA DI LIBRI PER ADULTI, RAGAZZI E BAMBINI BIBLIOTECA CIVICA PERIODO ANNO 2014

Dettagli

AVVISO D ASTA IL DIRIGENTE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Esecutiva n.59 del 13/11/2008. RENDE NOTO

AVVISO D ASTA IL DIRIGENTE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Esecutiva n.59 del 13/11/2008. RENDE NOTO AVVISO D ASTA PUBBLICO INCANTO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI UN IMMOBILE TURISTICO DESTINATO A STRUTTURA RICETTIVA-PRODUTTIVA DENOMINATO PALAZZO MAZARA. II Esperimento IL DIRIGENTE In esecuzione della

Dettagli

C O M U N E DI G H I L A R Z A (Provincia di Oristano)

C O M U N E DI G H I L A R Z A (Provincia di Oristano) C O M U N E DI G H I L A R Z A (Provincia di Oristano) Capitolato d appalto per la gestione del servizio di mensa scolastica per le scuole pubbliche dell infanzia di Ghilarza per l anno scolastico 2015/2016-

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Affidamento del servizio di noleggio di macchine fotocopiatrici per la Fondazione Teatro di San Carlo. CIG: 641196266D PREMESSA La Fondazione Teatro di San Carlo intende affidare

Dettagli