: ,00 PARTE PRIMA.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ": 5288718428 135 13.08.2013 291 02.09.2013 15,00 PARTE PRIMA."

Transcript

1 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER LA GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI NERETO - ANNI SCOLASTICI 2013/ / C.I.G : Importo complessivo a base d asta ,00 (IVA esclusa) comprensivo degli oneri per la sicurezza pari ad.1.326,92 (non assoggettabile a ribasso), delle spese generali e contrattuali. Determinazione a contrarre del Responsabile dell Area Amministrazione/Affari Generali n 135 del Reg. Gen. n 291 per l affidamento mediante procedura aperta del ore 15,00 PARTE PRIMA. Art. 1 Oggetto dell appalto La presente gara ha per oggetto l affidamento del servizio di fornitura derrate alimentari, preparazione e somministrazione dei pasti destinati alla refezione scolastica, nonché la preparazione e riordino degli spazi, dei locali e delle attrezzature per il servizio mensa. Tali pasti sono rivolti agli utenti e al personale della scuola dell infanzia statale, ed agli utenti dell asilo nido comunale di Nereto per gli anni scolastici, 2013/14 e 2014/2015. La preparazione dei pasti deve essere realizzata nelle cucine delle strutture comunali come di seguito specificato: - Cucina sita presso lo stabile della scuola dell infanzia - Via G. Verdi; - Cucina sita presso lo stabile dell asilo nido Via Gramsci. I quantitativi dei pasti potranno variare in eccesso o in difetto senza che ciò comporti una modifica delle condizioni stabilite nel presente capitolato e del prezzo di aggiudicazione. Art. 2 Durata dell appalto La durata dell appalto è riferita agli anni scolastici 2013/2014 e 2014/2015, e decorrere: - dal giorno al per l asilo nido comunale; - dal giorno al per la scuola dell infanzia; con esclusione dei periodi delle vacanze natalizie, pasquali, estive ed ogni altra interruzione del servizio stabilita dal Dirigente scolastico per la scuola dell infanzia, o dal Sindaco per l asilo nido. Art. 3 Utenza Gli utenti del servizio sono: - gli alunni iscritti e frequentanti la scuola dell infanzia; - personale docente e non, della scuola dell infanzia; - gli alunni iscritti e frequentanti l asilo nido comunale. Art.4 Modalità di affidamento del servizio Il servizio verrà affidato nelle seguenti modalità: Scuola dell infanzia L appalto verrà affidato con il sistema del conteggio del numero dei pasti forniti e pertanto il prezzo dell offerta sarà riferita in modo unitario al costo di un pasto, IVA esclusa. Il numero presunto dei pasti è di circa n annui di cui circa 2800 per il personale. Asilo Nido L appalto verrà affidato, in modo globale, e non con il sistema del conteggio dei pasti forniti.

2 Art. 5 Calendario del servizio Il servizio dovrà essere erogato tutti i giorni della settimana, dal lunedì al venerdì, e nello specifico: Scuola dell infanzia: dal 1 ottobre 2013 al 30 giugno di ogni anno nel rispetto del calendario scolastico comunicato dal dirigente dell Istituto Comprensivo competente territorialmente; Asilo nido: dal 9 settembre 2013 al 31 luglio di ogni anno, con esclusione delle festività, delle vacanze natalizie e pasquali ed in casi eccezionali previa comunicazioni del Dirigente Scolastico, o ordinanza sindacale. Art. 6 corrispettivo dell appalto e validità dei prezzi Il corrispettivo è quello risultante dall offerta presentata dalla ditta aggiudicataria e si intende comprensivo di ogni qualsiasi spesa che la ditta dovrà sostenere per l esecuzione del contratto, ed in particolare, degli emolumenti da corrispondere al proprio personale secondo le norme contrattuali vigenti. Il prezzo di aggiudicazione rimarrà fisso ed invariato sino alla scadenza del contratto. Art.7 - modalità di pagamento La Ditta appaltatrice provvederà ad emettere fatture mensili posticipate, indicanti il codice CIG del servizio. Ad esse dovrà obbligatoriamente essere allegato prospetto riepilogativo dei pasti effettivamente forniti (le modalità di rilevazione delle presenze degli utenti sarà concordato con l Amministrazione). Le fatture saranno pagate entro 30 giorni dalla data di acquisizione delle stesse al protocollo dell Ente. Si precisa che si procederà alla liquidazione nelle modalità di cui sopra, solo ed esclusivamente se a seguito dell acquisizione del DURC, risulterà la regolarità contributiva della ditta nei confronti dell INPS e dell INAIL. In caso di verificata irregolarità, si procederà ai sensi della Circolare 3/2012 del Ministero del Lavoro. Art. 8 soggetti ammessi alla gara Sono ammessi a partecipare alla gara i soggetti di cui all art. 34, comma 1, del D.Lgs 163/2006 purché in possesso dei requisiti richiesti da attestarsi mediante dichiarazione sostitutiva ai sensi del DPR 445/2000. I requisiti di partecipazione, a pena di esclusione, sono: 1. iscrizione nel registro delle Imprese della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura per l esercizio di attività analoghe all oggetto della presente gara ; 2. iscrizione all Albo/Registro professionale o commerciale di categoria (in particolare per le Cooperative sociali iscrizione all Albo regionale per la Sez. A o C); 3. possesso dei requisiti di ordine generale di cui all art. 38 del D.Lgs n. 163/2006 e ss.mm.ii.. 4. capacità economica e finanziaria dimostrata ai sensi dell art. 41 de D.Lgs 163/2006, comma 1, lett.c), nel rispetto di quanto previsto nel successivo comma 4 dello stesso articolo del D.Lgs 163/ capacità tecnica e professionale dimostrata ai sensi dell art. 42 del D.Lgs. 163/2006 comma 1, lettera A); 6. possesso della certificazione UNI EN ISO 9001:2008; 7. possesso della certificazione UNI EN ISO 22000:2005; E ammessa la partecipazione anche alle imprese, cooperative sociali ed associazioni di promozione sociale aventi sede in Stato membro dell U.E. iscritte nei corrispondenti registri dello Stato di appartenenza. Restano fermi gli ulteriori requisiti e dichiarazioni da rendere nella domanda di partecipazione, riportati espressamente nel bando e nelle Modalità di gara. Art. 9 obblighi della ditta La gestione dei servizi oggetto del presente appalto viene effettuato dalla ditta aggiudicataria a proprio nome per proprio conto e a proprio rischio e pericolo in qualità di titolare dell attività a tutti gli effetti di legge. La ditta è obbligata a tenere sollevato il Comune da ogni danno, diretto ed indiretto a beni mobili, immobili ed attrezzature, nonché da danni di qualsiasi natura che possano derivare a persone o cose, derivanti da comportamenti del proprio personale. Il Comune sarà così esente da ogni azione giudiziale e stragiudiziale, da chiunque intentata.

3 La ditta in tutte le operazioni di manipolazione e cottura deve mirare all ottenimento di standard di alta qualità igienica, nutritiva e rispetto degli standard igienici previsti dalle leggi vigenti. A) E fatto obbligo alla ditta di osservare le seguenti prescrizioni: - divieto di scorte e stoccaggi eccessivi; - divieto assoluto di utilizzo di prodotti oltre la data di scadenza; - divieto totale di congelamento di materie prime acquistate fresche; - divieto totale di congelamento di materie semilavorate o prodotti finiti; - effettuare lo scongelamento delle derrate a temperature comprese tra 0/+4 c, fatta eccezione per de derrate che possono essere cotte nello stato in cui vengono consegnate; - cuocere tutte le verdure per i contorni preferibilmente a vapore oppure al forno; - evitare la frittura degli alimenti; - non utilizzare preparati (es. per purè); - preferibilmente il condimento dovrà essere usato a freddo a termine della cottura; - non utilizzare dadi da brodo e preparati per condimento a base di glutammato monosodico; B) La ditta dovrà inoltre provvedere alla: - sanificazione dei tavoli; - apparecchiatura e distribuzione dei pasti; - sparecchiatura dei tavoli e loro pulizia; - pulizia dei refettori; - fornitura dei prodotti per la pulizia e sanificazione di tutti gli strumenti, le attrezzature e i locali utilizzati per l espletamento del servizio; C) sono altresì obblighi della ditta: - garantire il funzionamento dei servizi del presente appalto con personale professionalmente qualificato e provvedere con tempestività alla sua sostituzione per assenze di qualsiasi tipo; - assorbire prioritariamente il personale già operante nel servizio, salvo rinuncia individuale, onde favorire la continuità delle figure professionali presenti nel servizio; - assumere l onere retributivo degli operatori impiegati nella gestione del servizio, nel rispetto delle normative e degli accordi vigenti in materia, quanto a corrispettivo, inquadramento, responsabilità, assicurazione, previdenza e sicurezza sul lavoro; - garantire al proprio personale la fornitura di quanto necessario allo svolgimento lavoro secondo quanto previsto dalle vigenti norme in materia di igiene e tutela; - responsabile dell'esatto adempimento delle condizioni del contratto e della perfetta riuscita del servizio; è a l t r e s ì responsabile di tutte le disposizioni emanate a qualunque livello nonché dei danni arrecati a persone e/o cose; - responsabile del comportamento dei propri dipendenti e degli eventuali danni che gli stessi dovessero causare nell espletamento del servizio. - non sospendere a nessun titolo il servizio neppure parzialmente, salvo esplicita autorizzazione scritta del Comune di Nereto. - In caso di sciopero la Ditta è tenuta ad avvisare l Ufficio interessato tempestivamente e comunque almeno tre giorni prima per iscritto. Qualora si verificasse l interruzione del servizio per causa di forza maggiore la ditta è tenuta a dare tempestiva comunicazione scritta all Ufficio comunale interessato. In tal caso, valutata la oggettiva impossibilità di erogare il servizio, non si imputeranno responsabilità in capo alla Ditta, né in capo all Amministrazione. Nel caso in cui, per causa di forza maggiore, non sarà possibile la preparazione dei pasti presso i punto cottura dell Ente, la ditta, al fine di garantire l erogazione del servizio, dovrà effettuare la preparazione dei pasti presso un proprio centro cottura, regolarmente autorizzato. - responsabilità dell'esatto adempimento delle condizioni del contratto e della perfetta riuscita del servizio; è inoltre responsabile di tutte le disposizioni emanate a qualunque livello nonché dei danni arrecati a persone e/o cose. Dopo l'aggiudicazione provvisoria, il soggetto aggiudicatario dovrà presentare entro 5 giorni dalla

4 data di ricezione della comunicazione, pena la decadenza, salvo casi particolari da valutare da parte dell Amministrazione, i seguenti atti: la documentazione che sarà richiesta relativamente al possesso dei requisiti indicati nelle dichiarazioni sostitutive rese per la partecipazione alla gara; la Polizza assicurativa di cui all'art. 11 del presente Capitolato la garanzia fidejussoria di cui all'art. 12 del presente Capitolato. l'ulteriore documentazione necessaria ai fini della stipula del contratto. obbligo dell avvio dei servizi tassativamente entro le date stabilite negli atti di gara, ovvero il: asilo nido; scuola dell infanzia; rilevazione delle presenze degli alunni e del personale docente e non (della scuola dell infanzia) a mensa, la cui modalità sarà concordata con l amministrazione. E fatto obbligo alla Ditta di mantenere mezzi, attrezzature, automobile per il trasporto e quant altro necessario all espletamento del servizio nelle condizioni igienico sanitarie necessarie per l ottenimento dell autorizzazione sanitaria. La Ditta è pertanto obbligata a periodiche operazioni di sanificazione e igienizzazione. Art. 10 Obblighi dell Amministrazione Restano a carico dell Amministrazione i seguenti obblighi: - il pagamento del corrispettivo di cui agli artt. 6 e 7 del presente capitolato ; - le spese di manutenzione e funzionamento dell immobile, le spese delle utenze, il costo dell assicurazione sull immobile; - la fornitura degli arredi e delle attrezzature dello svolgimento del servizio; - La manutenzione ordinaria e straordinaria dell edificio e degli spazi circostanti, delle attrezzature e degli arredi, fatte salve le circostanze imputabili all impresa, ovvero alla cattiva gestione degli stessi da parte dell appaltatore. Art.11 Danni e assicurazione La Ditta è tenuta a stipulare apposita polizza assicurativa per le responsabilità civili e penali derivanti dall espletamento delle attività richieste nel contratto e nella quale si indica l Amministrazione quale terzo, non imputando all Amministrazione medesima in alcun caso alcuna responsabilità. La Ditta si assume ogni responsabilità derivante da avvelenamenti, tossinfezioni, danni biologici temporanei o permanenti che dovessero derivare all utenza dall ingerimento di cibi contaminati, avariati, inidonei per regimi dietetici particolari o contenenti corpi estranei, organici e/o inorganici, forniti dalla ditta aggiudicataria. A tale fine la Ditta stipula apposita ed idonea assicurazione R.C.T. che copra i rischi derivanti dallo svolgimento delle attività oggetto del presente appalto, anche prodotti per colpa grave, per un massimale unico per sinistro non inferiore a ,00. L Amministrazione è altresì esonerata da ogni colpa e responsabilità per danni o infortuni che possano accadere durante l esecuzione del servizio. A tal riguardo la Ditta aggiudicataria è tenuta a stipulare apposita pozza assicurativa R.C.O. con un massimale per sinistro non inferiore ad ,00 per persona. Copia delle polizze deve essere consegnata entro dieci giorni dalla data di aggiudicazione e prima della sottoscrizione del contratto, a pena di revoca dell aggiudicazione provvisoria. Art garanzia fidejussoria L'aggiudicatario dovrà costituire una garanzia fidejussoria ai sensi art. 113 del D.Lgs. 163/2006 all'atto della stipula del contratto, alle condizioni e nei termini previsti dall'articolo stesso. Nella polizza fidejussoria bancaria o assicurativa dovrà esplicitamente iscriversi la seguente clausola: L Istituto bancario o la compagnia assicuratrice, senza alcuna eccezione di sorta, dovrà versare la somma richiesta dal Comune, qualora ricorrano, a suo insindacabile giudizio, i casi previsti nel Capitolato d Oneri, entro 15 giorni dalla stessa richiesta. Dovrà essere prevista inoltre l'esclusione da parte del fidejussore della preventiva escussione del

5 debitore principale di cui al 2 comma dell'art del Codice Civile. L importo della garanzia, e del suo eventuale rinnovo, è ridotto del cinquanta per cento per gli operatori economici ai quali venga rilasciata, da organismi accreditati, ai sensi delle norme europee della serie UNI CEI EN e della serie UNI CEI EN ISO/IEC 17000, la certificazione del sistema di qualità conforme alle norme europee della serie UNI CEI ISO 9000, ovvero la dichiarazione della presenza di elementi significativi e tra loro correlati di tale sistema. Per fruire di tale beneficio, l operatore economico segnala, in sede di offerta, il possesso del requisito, e lo documenta nei modi prescritti dalle norme vigenti. Art.13 Penali L Ufficio amministrativo farà pervenire alla Ditta per iscritto eventuali contestazioni rilevate dagli organi di controllo, cioè, dai Funzionari comunali. La Ditta potrà produrre le sue controdeduzioni scritte entro 10 giorni dal ricevimento della contestazione. L Ufficio si riserva di applicare le seguenti sanzioni: - 250,00 per ogni violazione del menù - 250,00 per ogni ritardo di consegna oltre 10 minuti; - 250,00 per ogni caso di mancato rispetto delle grammature (verificate su dieci pesate della stessa preparazione); - 500,00 per ogni violazione di quanto stabilito nelle tabelle merceologiche; - 500,00 per il mancato rispetto delle norme igieniche; - 500,00 per il mancato rispetto delle norme di sanificazione; ,00 per la mancata accettazione del pasto da parte di almeno un terzo degli utenti presenti nel giorno di rilevazione; ,00 per ogni mancato rispetto sulle norme igienico sanitarie relative allo stoccaggio e conservazione delle derrate. Decorsi 10 gg dalla contestazione dell addebito, scritto con lettera raccomandata e/o pec, senza che la Ditta abbia prodotto ragionevoli e congrue motivazioni per le mancanze contestate, si provvede d ufficio ad applicare la sanzione decurtandola dall importo dovuto in fattura. Art. 14 tracciabilità dei flussi finanziari L appaltatore è tenuto ad assumere gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari, di cui all art. 3 della legge 136/2010 e sanzionati dall art. 6 della medesima legge. In particolare è tenuto a comunicare alla stazione appaltante gli estremi identificativi del conto corrente dedicato, anche in via non esclusiva, alla commessa pubblica oggetto del presente affidamento, nonché le generalità e il codice fiscale delle persone delegate ad operare su di essi. L appaltatore è altresì tenuto a comunicare ogni modifica relativa ai dati trasmessi. La comunicazione deve essere effettuata (con strumento tracciabile: raccomandata postale, PEC, etc.) entro 7 giorni dall accensione del/i conto/i corrente/i o, nel caso di conto/i corrente/i già esistenti, dalla sua/loro prima utilizzazione in operazioni finanziarie relative alla presente commessa pubblica, riportando tutti gli elementi utili all effettuazione delle transazioni finanziarie quali: - riferimenti del soggetto beneficiario (denominazione dell impresa, ragione sociale, sede legale e codice fiscale); - dati del conto corrente, con riferimento particolare al codice IBAN (nonché codici ABI e CAB, codice CIN, indicazione della banca e relativa filiale/agenzia nella quale è acceso il conto corrente); - nominativi e riferimenti specifici dei soggetti (persone fisiche) delegate ad operare sul conto corrente dedicato (dati anagrafici, codice fiscale). Art effetti dell aggiudicazione Mentre l'aggiudicazione è immediatamente impegnativa per la ditta aggiudicataria, essa non costituisce la conclusione del contratto che sarà stipulato solo dopo l'intervenuta approvazione con Determinazione Dirigenziale dei verbali della Commissione giudicatrice e della consegna della documentazione di cui al successivo art. 18 del presente Capitolato. L'aggiudicazione definitiva è subordinata all'esito degli accertamenti legge. A richiesta dell Amministrazione, l aggiudicataria si impegna a fornire le prestazioni oggetto del presente capitolato anche in pendenza della sottoscrizione del contratto, avviando il servizio entro il

6 termine indicato all art. 9 del presente capitolato. Art commissione di gara Le offerte saranno esaminate e valutate da apposita Commissione di gara nominata ai sensi dell art.84 del D.Lgs 163/2006. La Commissione, nell'espletamento del proprio compito, opererà nel rispetto di quanto stabilito ai punti 15 e 16 delle Modalità di Gara. Art divieto di sub-appalto E' vietato il sub - appalto e la cessione, anche parziale, dell'attività oggetto del contratto. L'accertata violazione della presente disposizione, comunicata per iscritto alla ditta, comporterà l'immediato recesso dal rapporto contrattuale, senza alcuna formalità dell'ente, che provvederà ad incamerare la garanzia fidejussoria di cui al precedente art. 12 del presente capitolato, riservandosi di avviare azioni di risarcimento nonché ulteriori azioni per la tutela dell'interesse pubblico. Art stipula del contratto La stipula del contratto, che avverrà nella forma pubblica amministrativa, è subordinata alla presentazione dei sotto elencati documenti, che dovrà avvenire entro cinque giorni dalla richiesta, salvo casi particolari da valutare da parte dell Amministrazione : - Cauzione definitiva pari al 10% dell importo contrattuale ai sensi dell art.113 del D.Lgs 163/2006; - Polizza assicurativa RC a copertura dei rischi del servizio e assicurazione obbligatoria con riferimento alla RCT per danni a persone o a cose conseguenti all attività prestata con un massimale non inferiore ad Elenco e curricula del personale che verrà impiegato nel presente appalto, - Atto notarile attestante l avvenuta costituzione del RTI, in caso di partecipazione di RTI non ancora costituite. Art spese contrattuali Tutte le spese occorrenti, preliminari e consequenziali alla stipulazione del contratto (bolli,tassa di registrazione, ecc), nessuna esclusa, sono a carico dell Impresa aggiudicataria. Se l impresa aggiudicataria è una Cooperativa sociale, si applicano le esenzioni previste dal Dlgs. N. 460/97 in quanto ONLUS di diritto (esenzione dall imposta di bollo). Art. 20 Cause di risoluzione del contratto Oltre a quanto è genericamente previsto dall art.1453 del c.c. per i casi di inadempimento alle obbligazioni contrattuali, possono essere causa di risoluzione le seguenti fattispecie: - abbandono o interruzione senza motivo del servizio; - per motivi di interesse pubblico; - ripetute contravvenzioni ai patti contrattuali, alle disposizioni di legge e/o di regolamento del servizio; - inosservanza delle norme di legge previste in materia igienico sanitaria; - inosservanza delle leggi in materie di lavoro, sicurezza e prevenzione sul lavoro, in materia assistenziale e previdenziale; - apertura di una procedura fallimentare a carico della ditta; - cessione dell attività ad altri; - gravi danni prodotti alle attrezzature e strutture di proprietà dell Amministrazione Comunale; - casi di intossicazione alimentare determinata da condotta dolosa o colposa da parte della ditta aggiudicataria o di suo personale, - errata somministrazione di una dieta speciale con grave danno per l utenza, - subappalto del servizio e/o cessione del contratto a terzi. Nelle ipotesi sopra indicate il contratto si intende risolto di diritto con effetto immediato a seguito di comunicazione con raccomandata A/R dell Amministrazione Comunale. In tal caso alla ditta non spetta

7 alcun indennizzo e il Comune ha facoltà di incamerare la cauzione salvo il maggior risarcimento del danno. In caso di risoluzione del contratto, la ditta ha l obbligo di continuare comunque il servizio se ciò venga richiesto dal Comune per il periodo di tempo necessario a procedere al nuovo affidamento dello stesso; Gli oneri derivanti da ciò vanno compresi nei danni derivanti dalla risoluzione del contratto per colpa. In ogni caso è sempre fatto salvo il risarcimento dei danni derivanti da inadempienze. Alla ditta verrà corrisposto il prezzo contrattuale del servizio effettuato fino al giorno della disposta risoluzione, detratte le penalità, le spese e i danni. Per l applicazione delle disposizioni del presente articolo, il Comune potrà rivalersi su eventuali crediti della ditta, nonché sulla cauzione, senza necessità di diffide o formalità di sorta. Art.21 Norme finanziarie La Ditta è tenuta ad effettuare il controllo delle presenze dei minori e delle insegnanti che usufruiscono della refezione. Il conteggio dei pasti erogati verrà effettuato giornalmente da incaricato delle Ditta. La Ditta dovrà fatturare il numero di pasti corrispondenti a quelli effettivamente erogati, distinti in pasti per alunni e pasti per docenti. La distinta con il numero di pasti giornalmente erogati dovrà essere allegata alla fattura (le modalità di rilevazione delle presenze degli utenti sarà concordato con l Amministrazione). L Amministrazione provvederà ad effettuare i dovuti controlli tra i Buoni Pasto consegnati e i pasti fatturati. In caso di contestazione dei pasti fatturati, si procederà in contraddittorio con la Ditta alla verifica dell esatto corrispettivo. Le fatture saranno pagate entro 30 giorni dalla data di acquisizione delle stesse al protocollo dell Ente. Si procederà alla liquidazione nelle modalità di cui sopra, solo ed esclusivamente se a seguito dell acquisizione del DURC, risulterà la regolarità contributiva della ditta nei confronti dell INPS e dell INAIL. Art.22 Disposizioni finali La Ditta aggiudicataria è tenuta a prendere visione dei luoghi in cui effettuerà il servizio e ad allegare, a pena di esclusione, il certificato di presa visione ai documenti di gara. Nel corso del primo mese di esecuzione del contratto, verrà redatto apposito verbale, dal quale risulti l elenco delle attrezzature e dei beni la cui proprietà è/sarà in capo all Amministrazione cessati gli effetti del contratto, senza pretesa alcuna di pagamento/risarcimento da parte della Ditta. La Ditta aggiudicataria è tenuta altresì a restituire i beni, ivi comprese le attrezzature del punto cottura in buono stato, salvo usura da normale utilizzo. Per quanto non espressamente previsto nel presente capitolato si rinvia alle norme vigenti nel settore. Le spese di registrazione del contratto sono a carico della Ditta aggiudicataria. Il foro competente è quello di Teramo.

8 PARTE SECONDA Art. 1 Norme generali inerenti il servizio La ditta dovrà predisporre apposito progetto di organizzazione del servizio nel rispetto di tutte le procedure igienico-sanitarie previste dalla legislatura vigente. I pasti dovranno essere preparati con materie di prima qualità con le specifiche di cui ai punti successivi. La preparazione dei pasti deve essere effettuata presso i punto cottura, concessi in comodato d uso gratuito dall Amministrazione, siti in via Verdi e via Gramsci, mentre la somministrazione dovrà avvenire nei locali adibiti a refettori. La Ditta è tenuta ad ottenere tutte le prescritte autorizzazioni sanitarie relative ai punti cottura. La Ditta è tenuta alla manutenzione ordinaria delle attrezzature e dei locali, alla manutenzione straordinaria delle attrezzature, mentre la manutenzione straordinaria dei locali e degli impianti è a carico dell Amministrazione. La Ditta è tenuta altresì alle operazioni di disinfestazione, igienizzazione e sanificazione dei locali e delle attrezzature, ( compresi tavoli e sedie) all avvio del servizio e dopo la sospensione delle attività didattiche per vacanze natalizie, pasquali, estive, ed ogni volta che se ne ravvisi l urgenza. Prima dell esecuzione del contratto sarà redatto apposito verbale di consegna dei locali e delle attrezzature, con inventario delle attrezzature. Allo scadere del contratto la Ditta è tenuta alla restituzione dei beni ( locali ed attrezzature) nelle medesime condizioni in cui sono stati consegnati, salvo deteriorazioni dovuti all usura. E tenuta altresì alla ritinteggiatura dei locali del punto cottura. Per attrezzature che dovessero risultare, da ispezione condotta in contraddittorio tra le parti, non funzionanti o il cui malfunzionamento dovesse essere rilevato entro venti giorni dalla concessione del contratto, la Ditta è tenuta alla riparazione o sostituzione ( qualora non fosse riparabile) del bene, salvo che la Ditta stessa non riesca a provare che il danno non sia imputabile a cattivo uso o cattiva manutenzione. Art. 2 Qualità delle materie prime La Ditta dovrà utilizzare per la preparazione dei pasti esclusivamente materie prime di ottima qualità con proprietà nutritive ed organolettiche specificate nell allegato E) schede merceologiche dei principali alimenti redatte dal SIAN (Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione) della AUSL 4 di Teramo, allegato al presente Capitolato. Inoltre la Ditta è tenuta, in ottemperanza alle normative vigenti, a: - garantire e documentare la rintracciabilità di filiera, ossia la storia documentata dei passaggi e dei processi che hanno interessato l alimento lungo tutto l iter produttivo, ovvero dalla produzione primaria alla distribuzione finale - garantire ed esercitare un controllo preventivo, attento e permanente, sulle condizioni igieniche a tutti i livelli del servizio; - assicurare la catena del freddo che è garanzia del mantenimento delle proprietà originarie dei prodotti; - evitare l utilizzo di prodotti contenenti o alimentati con OGM e preferire prodotti di derivazione biologica; - controllare le etichettature dei prodotti ed in particolare verificare che siano rispondenti a quanto richiesto, con riferimento alla provenienza, modalità di conservazione, presenza di OGM; tale controllo deve essere espletato anche allo scopo di individuare eventuali alimenti contenenti allergeni anche in misura minima, che dovranno essere segnalati nei casi opportuni. Le derrate devono avere confezione ed etichettature conformi alle leggi vigenti, in ottemperanza a quanto previsto dal D.Lgs.n. 109/92 e ss.mm. Non sono ammesse etichettature incomplete e non in lingua italiana. La qualità delle derrate deve essere intesa sotto il profilo igienico, nutrizionale, organolettico, e merceologico.

9 Art. 3 Struttura e variazione del menù La tipologia di pasto, specificata nei menù ( Allegato F del presente capitolato), è la seguente: - primo, - secondo, - contorno, - pane, - acqua minerale naturale, - frutta, yogurt o dolce. I pasti dovranno essere preparati come da menù e grammature nette riportate nei menù settimanali (Allegato F) del presente Capitolato ) utilizzando le materie prime aventi i requisiti merceologici definiti nell allegato E caratteristiche merceologiche dei principali alimenti - predisposto dal servizio SIAN della ASL di Teramo. Il menù è su articolazione quadri/ settimanale in linea con le prescrizioni alimentari della dieta predisposta dal dietologo incaricato dal Comune di Nereto e visionata dal Servizio SIAN della ASL di Teramo. Il menu dovrà essere esposto in luogo visibile ed accessibile ai genitori. La Ditta dovrà agevolare il controllo sulla qualità e quantità dei cibi, che potrà essere effettuato dai componenti della Commissione mensa, previo preavviso inoltrato dall ufficio comunale competente almeno 30 minuti prima dell erogazione del pasto. Per particolari patologie, ( es. allergie etc.) previa presentazione di certificazione medica, redatta da medico specialista, l ufficio comunale provvederà alla comunicazione per iscritto alla ditta, la quale predisporrà la preparazione e somministrazione di diete speciali, ovvero idonee alla prescrizione medica richiesta. La Ditta dovrà altresì predisporre e somministrare diete alternative, legate a credenze religiose e/o, o credenze filosofiche (dieta vegetariana) su richiesta scritta da parte dell Amministrazione. Tutti i cibi dovranno essere preparati e cotti nella giornata destinata al consumo. E vietata ogni forma di riciclo di cibi avanzati. Ogni giorno dovrà essere disponibile, senza alcun onere aggiuntivo, una percentuale di pasto in più, pari minimo al 5%, tale da consentire eventuali bis o sostituzioni ( es. in caso di rovescio involontario del pasto). Non sono assolutamente ammesse variazioni ai menù predisposti senza previa autorizzazione dell ufficio comunale preposto. Art.4 Controlli La Ditta aggiudicataria dovrà predisporre un sistema di controllo del servizio e di attuazione delle misure igienico sanitarie. La Ditta è tenuta altresì ad attuare quanto previsto dalla normativa HACCP, realizzando gli appositi manuali di corretta gestione del servizio nella sua interezza e per ogni sede (punti cottura e refettori). La Ditta deve indicare il nominativo di un referente, incaricato dei controlli sullo svolgimento del servizio, sul buon andamento e sull attuazione dell HACCP. Nell organizzazione del servizio la Ditta dovrà attuare misure idonee a mantenere inalterate le qualità organolettiche e igieniche del pasto. Il controllo di HACCP è a carico del Comune di Nereto. L Ufficio interessato potrà: - controllare quantità e qualità dei cibi serviti, - ispezionare in qualsiasi momento i locali, - verificare le caratteristiche delle materie prime, - verificare la corretta esecuzione del menù e il rispetto delle tabelle dietetiche, - controllare le fasi di preparazione e sporzionamento, - controllare l applicazione delle indicazioni contenute nel manuale HACCP, - fare effettuare prelievi e controlli di laboratorio sia sulle materia prime sia sul prodotto finale.

10 Art.5 Personale Il personale dipendente della Ditta dovrà essere, pena la rescissione del contratto, assunto ed inquadrato nel rispetto della normativa vigente in materia. L orario di lavoro dovrà essere modulato nel pieno rispetto della normativa di settore e il personale adibito al servizio dovrà essere in misura tale da garantire efficacia ed efficienza. Il personale dovrà essere in regola con le autorizzazioni sanitarie necessarie all espletamento del servizio, aggiornato alla normativa vigente. La Ditta aggiudicataria dovrà fornire il materiale necessario all espletamento del servizio per garantire il rispetto delle normative igienico sanitarie (cuffie, grembiuli, etc.). La Ditta aggiudicataria dovrà garantire il rispetto della normativa sulla sicurezza sul lavoro e farsi carico di tutti gli obblighi antinfortunistica, assistenziali e previdenziali, di cui resta unica responsabile. Il personale in servizio dovrà sempre mantenere un atteggiamento decoroso e corretto, adeguato alla tipologia di servizio. Nereto, lì 13 agosto 2013 Il Responsabile del Servizio Rino FERRAMINI

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO PROVINCIA. DI ROMA

COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO PROVINCIA. DI ROMA COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO PROVINCIA. DI ROMA CAPITOLATO D ONERI RELATIVO ALLA PROCEDURA APERTA PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN. ART. 1 Oggetto della concessione.

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA AL COMUNE DI OLGIATE MOLGORA VIA STAZIONE 20 - OLGIATE MOLGORA (LC) GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo COMUNE DI PUTIGNANO BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER IL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO E DI POSIZIONAMENTO, TENUTA IN EFFICIENZA E RIMOZIONE TRANSENNE E SEGNALETICA MOBILE. Allegato A alla determina dirigenziale

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE CAPITOLATO D ONERI PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE 2 PREMESSA Zètema, in virtù del Contratto di Servizio

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli