SMOKE and FIRE BEAM DETECTORS. MANUALE di INSTALLAZIONE e MANUTENZIONE LINEE ARDEA - BOOMERANG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SMOKE and FIRE BEAM DETECTORS. MANUALE di INSTALLAZIONE e MANUTENZIONE LINEE ARDEA - BOOMERANG"

Transcript

1 SMOKE and FIRE BEAM DETECTORS I MANUALE di INSTALLAZIONE e MANUTENZIONE LINEE ARDEA - BOOMERANG

2 INDICE LINEA ARDEA Pagg. 2/18 NORMOGRAMMA 2 Istruzioni per l uso 2 SCELTA DEI MODELLI ARDEA 3 Modelli 3 Caratteristiche generali 3, IV Dimensioni d ingombro 3, IV STAFFE 3 Installazione 3 Collocazione 3 Posizionamento delle unità 3 ARDEA S/2 2P100 4 Caratteristiche meccaniche e tecniche 4, IV Operazioni da eseguire a terra 4 Operazioni da eseguire in quota 5 ARDEA SF 2P100 6 Caratteristiche meccaniche e tecniche 6, IV Operazioni da eseguire a terra 6 Operazioni da eseguire in quota 7 ARDEA SF DUST 2P100 8 Caratteristiche meccaniche e tecniche 8, IV Operazione da eseguire a terra 8 Operazione da eseguire in quota 9 CALIBRAZIONE CON STRUMENTO U.T.A. 10, 11 ADATTATORE ADM 12 Caratteristiche meccaniche e tecniche 12 Istruzioni per l uso 13 ERRORI DI TARATURA 14 CHECK DELL ALLARME 14 SAC simulatore elettronico di fuoco e fumo 14 STF4 filtro attenuatore 14 INSTALLAZIONE 15 Cavi 15 Connettori 15 Schema a blocchi 15 INTERFACCIA UNIVERSALE INT8BA 16 Dimensioni, vista scatola e stampato 16 Avvertenze 16 Connessioni 17 Reset della barriera 17 Stato del relé di guasto (anomalia) e di allarme 18 Condizioni di uscita del relé di guasto (anomalia) 18 Opzioni di temporizzazioni sull uscita di guasto 18 CONTENUTO DELL IMBALLAGGIO IV I setronic verona

3 LINEA BOOMERANG Pagg. 20/40 CARATTERISTICHE PRINCIPALI 20 BOOMERANG S 5P70 21 Caratteristiche meccaniche e tecniche 21, V Procedura di montaggio e calibrazione 22 Calibrazione con strumento U.T.A. o ADM 23 Reset della barriera 24 Interfaccia INT8BA: caratteristiche, collegamenti, connessioni. 24, 25 BOOMERANG S 6P Caratteristiche meccaniche e tecniche 26, V Procedura di montaggio e calibrazione 27 Calibrazione con strumento U.T.A. o ADM 28 Reset della barriera 29 Interfaccia INT8BA: caratteristiche, collegamenti, connessioni. 29, 30 BOOMERANG SF 5P70 31 Caratteristiche meccaniche e tecniche 31, V Procedura di montaggio e calibrazione 32 Calibrazione con strumento U.T.A. o ADM 33 Reset della barriera 34 Interfaccia INT8BA: caratteristiche, collegamenti, connessioni. 34, 35 BOOMERANG SF 6P Caratteristiche meccaniche e tecniche 36, V Procedura di montaggio e calibrazione 37 Calibrazione con strumento U.T.A. o ADM 38 Reset della barriera 39 Interfaccia INT8BA: caratteristiche, collegamenti, connessioni. 39, 40 COLLAUDO E MANUTENZIONE PERIODICA LINEE ARDEA BOOMERANG Pagg. 42/45 Istruzioni operative di sicurezza 42 Generalità 42 COLLAUDO DELL APPARECCHIATURA 42 Test di GUASTO 42 Test di ALLARME 43 Prova di allarme incendio con simulazione dal vero 43 Prova di allarme incendio con filtro di simulazione STF4 44 Prova di allarme incendio con strumento di simulazione SAC 44 Accorgimenti 44 MANUTENZIONE dei rilevatori lineari 45 Procedura 45 setronic verona II

4 Premessa Questo manuale è un compendio di informazioni dirette a fornire dei dati d installazione al fine di evitare alla clientela, che ha scelto i prodotti ARDEA o BOOMERANG, di incorrere in errori. Facciamo assegnamento che la norma d impiego di questa classe di prodotto venga seguita preliminarmente, così come previsto dalla norma nazionale UNI 9795 e per quanto eventualmente pertinente nel progetto che impiegherà questo prodotto. Si consiglia vivamente di attenersi comunque alle prescrizioni indicate per le parti che riguardano l'uso dei rilevatori lineari in generale. Contemporaneamente si ricorda che oltre alle prescrizioni che si riportano in tale norma, dovranno essere seguite anche tutte le disposizioni impiantistiche previste nella legge 46/90 ed ogni altra prescrizione delle norme CEI ed UNI. IMPORTANTE 1) 2) Tenere questo compendio a portata di mano per riferimenti futuri. Le informazioni di questo compendio sono disponibili in file PDF presso il sito internet: 3) SETRONIC Verona S.r.l. al fine di fornire le necessarie basi per l utilizzo, i criteri di scelta, la definizione dell installazione dei rilevatori lineari, organizza una serie di incontri presso la propria sede sita in Verona. I corsi sono a titolo gratuito ed hanno durata di 6 ore circa. Per informazioni dettagliate e date, si prega di fare riferimento all Area Corsi presente sul sito 4) I consigli installativi per le apparecchiature comprese nel presente manuale tecnico, sono disponibili nell Area Tecnica del sito e su una pubblicazione di SETRONIC Verona S.r.l. disponibile dal dicembre III setronic verona

5 setronic verona IV

6 V setronic verona

7

8 NORMOGRAMMA PER L INDIVIDUAZIONE SEMPLIFICATA DELL ALTEZZA DI INSTALLAZIONE DEI RILEVATORI IN FUNZIONE DELLA TEMPERATURA SOTTO COPERTURA ARDEA a C b m c cm d m ,5 18,5 Come si usa il normogramma Posizionare un righello sul trattino corrispondente alla temperatura sotto copertura (colonna a). Allineare un righello sul trattino corrispondente all altezza del fabbricato da proteggere (colonna b). Risulterà un allineamento conseguente che indicherà sia l altezza di installazione delle unità di rilevazione dal colmo (colonna c); sia la larghezza teorica di copertura massima laterale (colonna d). Es. temperatura in a 22 C; H dello stabile 6 m in b, posizione del rilevatore dal colmo 37 cm circa. (Gli allineamenti del righello sono quasi sempre diagonali alle colonne). 9 C 10 C 11 C 13 C 16 C 18 C 20 C 22 C 23 C 24 C 26 C 27 C 28 C 29 C 30 C 33 C 35 C 38 C 40 C 45 C 55 C 12, , ,5 10 9,5 9 8,5 8 7,5 7 6,5 6 5,5 5 4,5 4 3,5 2, , ,5 15 N N N N N N N N N N N N N N N N N N N N 14 Si rammenta che è consentita comunque per norma una larghezza efficace di massimo 15 m. La facoltà che il rilevatore possa individuare incendi anche oltre questa larghezza, finirà con l esaltare l attitudine del rilevatore attiguo e quindi di entrambi, ad essere solleciti e solidali all allarme. Legenda a Temperatura sotto copertura a 50 cm dal piano inclinato di falda. b Altezza del fabbricato al colmo. c Altezza di installazione delle unità di rilevazione dal colmo della copertura. d Larghezza totale di copertura intesa come due semiparti (a destra e a sinistra delle unità di rilevazione). N Larghezza normalizzata dalle consuetudini d uso esistenti (15 m), ed oggi riportate nella T.S. EN 54/14 e nella norma italiana UNI ed (15 m). Il 15% dell altezza del fabbricato (altrove indicato come misura massima entro la quale collocare i rilevatori dalla copertura) realizza solo in parte le indicazioni del presente normogramma. Si avverte che in questo normogramma si intende tuttavia dare indicazioni tenendo conto unicamente di due variabili: temperatura sotto la copertura ed altezza del fabbricato. Le indicazioni sono rese per un edificio con copertura a doppia falda con inclinazione di 20, privo di ventilazioni od estrazioni d aria naturali o forzate, riscaldamenti, condizionamenti o variazioni di pressione. Sussistendo anche soltanto una di queste ultime variabili, la misura risultante, potrebbe dover essere od aumentata o diminuita. Considerazioni ulteriori vanno quindi attentamente ponderate dal progettista nel caso di sussistenza di concomitanti variabili diverse da quelle della sola temperatura sotto copertura (Es. velocità d aria, riscaldamenti, variazioni di temperatura e pressione veloci ed improvvisi). Si consiglia comunque di procedere sempre ad una simulazione di incendio in scala reale per verificare il corretto posizionamento delle unità di rilevazione nel fabbricato protetto (vedere anche a pag. 43). 2 setronic verona

9 SISTEMA ARDEA COME SCEGLIERE I MODELLI Il Sistema ARDEA è composto da unità Tx ed Rx e dispone nella normale configurazione di tre modelli. La loro individuazione deve essere fatta seguendo i seguenti parametri: a) Modello ARDEA S/2 (SMOKE) RILEVAZIONE SOLTANTO di FUMO b) Modello ARDEA SF (SMOKE AND FIRE) RILEVAZIONI D INCENDIO con caratteristica dominante rappresentata da uno sviluppo di fumo seguita da un fuoco vivace di natura disomogenea. È ad esempio il caso di fuochi o combustioni prodotte da materiali plastici eventualmente nocivi. c) Modello ARDEA DUST RILEVAZIONE DI FUOCO/FUMO IN AMBIENTI POLVEROSI e/o PER COMBUSTIONI SPECIALI. Tutti i modelli devono essere equipaggiati con Interfaccia INT8BA. STAFFE E LORO INSTALLAZIONE SUL MODELLO ARDEA S/2 SF - DUST Le unità Tx-Rx dispongono di specifiche staffe a corredo, le quali debbono essere fissate alla struttura molto rigidamente attraverso l uso di tappi stop come mostrato nelle Figure che seguono. Se la struttura fosse in ferro il fissaggio dovrà essere assicurato da vite passante e bullone su struttura non soggetta a torsioni, movimenti e/o vibrazioni. COLLOCAZIONE DELLE STAFFE E POSIZIONAMENTO DELLE UNITÀ ARDEA S/2 - SF DUST L introduzione delle unità Tx-Rx sulle rispettive staffe avviene tramite una slitta solidale a ciascun equipaggio meccanico. La doppia conicità allestita sulla staffa consente il sicuro bloccaggio dell equipaggio meccanico con una semplice pressione. In caso di rimozione dell unità Tx o Rx, la separazione dalla staffa avviene con una trazione. Fig. 1 Fig. 2 ARDEA T = Tappo stop S = Alloggiamento slitta V = Vite Codice: MBP POSIZIONE ARBITRARIA DELLE UNITÀ RISPETTO AL PIANO DI FISSAGGIO DELLA STAFFA Benchè la posizione più usata sia quella mostrata in Fig. 3, posizionamenti diversi sono ugualmente possibili come mostrato nelle altre figure. L equipaggio meccanico dispone di una vite senza fine (E), che azionata, determina un movimento micrometrico corrispondente ad 1 giro = 2 gradi sull asse verticale. Analogo movimento micrometrico è determinato sull asse orizzontale azionando il pomello (F). Avendo quindi le possibilità, sia di montare la staffa con i più diversi orientamenti, che di operare aggiustamenti micrometrici di estrema precisione sugli assi orizzontale e verticale, si consegue facilmente lo scopo di far assumere ad entrambi gli equipaggi qualsiasi orientamento arbitrario rispetto al piano di fissaggio della staffa. La movimentazione dell intero equipaggio, e non invece soltanto delle ottiche, consente la più veloce, pratica e precisa soluzione di fissaggio e successivo allineamento. Ingombri generali a Tav. IV Fig. 7 Fig. 3 min. 150 mm Fig mm 180 mm S = Alloggiamento doppio conico della Slitta M = Slitta (Maschio) solidale all equipaggio F = Movimento d anomalia (Orizzontale) E = Movimento d elevazione (Verticale) Fig. 8 Fig. 4 min. 150 mm Fig. 6 setronic verona 3

10 ARDEA 4 setronic verona

11 ARDEA STOP setronic verona 5

12 ARDEA 6 setronic verona

13 ARDEA STOP setronic verona 7

14 ARDEA 8 setronic verona

15 ARDEA STOP setronic verona 9

16 ARDEA 10 setronic verona

17 ARDEA STOP setronic verona 11

18 ARDEA Adattatore ADM CARATTERISTICHE Tensione di funzionamento: 8-12 V Indicazione batteria scarica: 8 V Formato batteria: 12 V tipo MN21, GP23A, VR22 Assorbimento tipico: 2 ma Assorbimento: 1,6-2,2 ma max. Tempo di funzionamento: 300 ore tipiche Massimo offset: (+/-) 5 mv Massima lunghezza dei conduttori da ADM a Voltmetro (suggerita): 20 m Diametro jack 3,5 mm Misure 36x60x18 mm 18 mm LEGENDA 60 mm 1 Led verde: adattatore in funzione 2 Led rosso: batteria scarica 3 Interruttore: attivazione/spegnimento 4 Spinotto negativo del Voltmetro 5 Spinotto positivo del Voltmetro 6 Commutatore a tre posizioni: Detector - Fire - Smoke 3 36 mm 6 L2 L1 C 1 3 E 4 F PJ B(PJ) A L1 - tappo della feritoia di espulsione del fronte plastico L2 - feritoia di espulsione del fronte plastico C - trimmer di selezione della soglia di FUMO 1 - LED ROSSO di allarme incendio 3 - LED GIALLO di livello dell intensità di IR emesso e ricevuto PJ - connettore femmina per ingresso UTA od ADM + tester digitale 4 - LED VERDE di presenza alimentazione A - Jack maschio dell adattatore ADM B - Presa femmina jack Ardea PJ E - movimento verticale F - movimento orizzontale NOTA 1 Dall adattatore ADM (e con conduttori aggiunti lunghi fino a max. 20 m) è possibile leggere con multimetro digitale le condizioni di lavoro e tarare le soglie di sensibilità del rilevatore Ardea. NOTA 2 L adattatore ADM (A) va inserito nella presa jack femmina (B-PJ) prevista sui modelli Ardea S/2, SF, DUST nella posizione indicata nella figura che segue. L adattatore è dotato di un cavo e di un jack di connessione sul ricevitore. NOTA 3 L adattatore ADM ha una vita indefinita e non è soggetto a taratura. NOTA 4 L ADM consente la lettura su un oscilloscopio di tutte le turbative ambientali di picco, generalmente responsabili di falsi allarmi. 12 setronic verona

19 Adattatore ADM L adattatore è stato progettato e voluto allo scopo di poter adempiere nel miglior modo possibile alle funzioni di gestione delle soglie di sensibilità a volte richieste dalla natura dei disturbi ambientali presenti negli stabili da proteggere con i modelli Ardea. I modelli Ardea S/2, SF, DUST sono CERTIFICATI dal laboratorio di prova tedesco, la nostra Società, ha inteso dare la possibilità a tutta la clientela di ottenere il massimo delle prestazioni dei tre modelli attraverso uno strumento (adattatore) semplice, economico, pratico ed utilizzabile da chiunque perchè associato ad un semplice tester. ARDEA ADM USO E PROCEDURA PER LA CALIBRAZIONE DEI MODELLI ARDEA A) Verificare prima dell uso la presenza e/o l efficenza della batteria interna all ADM. B) Provvedersi di un Voltmetro preferibilmente digitale. C) Inserire risolutamente il jack dell ADM nell apposito PJ dell unità Rx (fig. pag. 12). Saranno quindi facilmente accessibili sull ADM gli spinotti di connessione al tester ed il commutatore a tre posizioni. D) Inserire gli spinotti dell ADM nelle boccole del multimetro utilizzato come voltmetro, rispettando la polarità (+/-). E) Azionare l interruttore spostandolo su ON. Sull ADM il led verde sarà debolmente acceso. Se il led fosse acceso in modo brillante l adattatore non è appropriatamente connesso, od il contatto non è sicuro, od il jack infine è in probabile corto circuito. F) Se il led verde è spento e il led rosso è acceso, questa condizione segnala che la batteria dell ADM è in fase di scarica. Se entrambi i led fossero spenti significa che: la batteria non è presente o che essa è totalmente scarica. che la batteria è stata inserita con le polarità invertite. che uno od entrambi i contatti della batteria non sono efficienti. Nel caso che il led rosso di batteria scarica fosse acceso sono possibili errori nei valori di lettura sul Voltmetro. Potrebbe essere inoltre possibile che l adattatore non accettasse nessuna commutazione. In questo caso sostituire la batteria e ripartire dalla lettera C. G) Sul fronte dell adattatore (pos. 6) c è un selettore a 3 posizioni. Ciascuna posizione corrisponde alle seguenti funzioni: Detector (rilevazione disturbi); Fire (soglia sensibilità fuoco); Smoke (soglia sensibilità fumo). In particolare ciascuna posizione sul tester individua in: DETECTOR: l ammontare dei disturbi ambientali che sono letti dall unità Rx come perturbazioni che riguardano presenze di alterazioni ambientali dovute alla temperatura, alla luce solare od artificiale, a disturbi elettromagnetici, movimenti d aria, ecc. FIRE: individua la soglia di taratura del fuoco (dall origine 400 mv = 400 divisioni UTA) Mod. SF SMOKE: individua la soglia di taratura del fumo (dall origine 600 mv = 600 divisioni UTA) H) Operando sui trimmer dell unità Rx (S/2, SF, DUST) le soglie di sensibilità (Fire/Smoke) possono essere assestate in modo difforme dall assestamento di fabbrica che corrisponde a 400 mv sul Fire e 600 mv sullo Smoke per Ardea SF. Queste variazioni possono essere apportate laddove disturbi ambientali di carattere particolarmente intenso coinvolgessero in modo deciso il rilevatore tanto da procurare falsi allarmi. Si ricorda che in Ardea S/2 è disponibile soltanto la soglia fumo, e che in Ardea DUST le soglie di sensibilità hanno valori specifici. I) Dopo la procedura di calibrazione descritta spegnere l adattatore ADM azionando l interruttore (3) ed estrarlo dal jack (PJ). L) Se fosse previsto di tenere inattivo per un lungo periodo l adattatore è consigliabile di rimuovere la batteria. Verificare nel tempo di una settimana che non si incorra in falsi allarmi. All occorrenza ripetere la procedura di calibrazione dalla lettera D, elevando eventualmente le soglie. NOTE: per rimuovere la batteria interna all adattatore ADM occorre esercitare una trazione tra i due gusci che compongono la scatola plastica. Il contrario per richiudere. L intero adattatore resiste indenne a percussioni prodotte dalla sua caduta al suolo da un altezza massima di 2 m. Attenzione a non forzare i contatti di chiusura della batteria durante il suo inserimento. setronic verona 13

20 I PIÙ FREQUENTI ERRORI NELLA TARATURA DEI MODELLI ARDEA CON L USO DELL U.T.A. e/o ADM ARDEA Sullo strumento U.T.A. e/o ADM i valori letti durante il tempo suggerito per eseguire la misura dei disturbi ambientali (10 min) possono variare molto rapidamente. Transitori che comportino impennate sul rumore di fondo ambientale letto su U.T.A. e/o ADM, possono essere anche fisiologici. Tuttavia se tali misure assumono valori superiori alle 800/900 divisioni (mv) su Ardea S/2, SF o DUST per un tempo mediamente più lungo di tre secondi, tali da accendere il led 1 e 2 di Rx, dovete diffidare immediatamente dell affidabilità di quella linea perchè simili risultati di lettura sono in genere l espressione di qualche errore e possono prodursi per le seguenti ragioni: a) La scelta delle posizioni delle unità di rilevazione potrebbero essere pessime, e comunque non adatte alla situazione ambientale per una o più delle ragioni ricordate nella parte generale. b) Il livello dell intensità dell IR emesso dalla Tx è insufficiente oppure fra Tx ed Rx c è un ostacolo, magari in vibrazione (Es. un filo, una fune, un tirante d acciaio, un cavo etc.) che indebitamente modula la radiazione infrarossa sull unità ricevente. c) L attività industriale che si tiene nell edificio in quanto generatrice di intollerabili sorgenti di calori, fumi, polveri o vapori richiede: o un posizionamento delle unità diverso, oppure richiede anche un modello di rilevatore diverso (Es. Ardea DUST). In tal caso Vi preghiamo di rivolgervi ai nostri centri di assistenza territoriali o se preferite direttamente al nostro Ufficio Tecnico. In questi casi Vi ricordiamo di inviare eventualmente per fax o per mail la pianta e la sezione dell edificio, la descrizione dell attività industriale, il tipo di problema riscontrato e possibilmente delle foto. Lo strumento U.T.A. o l adattatore ADM hanno la batteria scarica. In questa situazione è possibile che i due strumenti leggano soltanto la posizione Detector, e che in altre posizioni, benchè selezionate sui pulsanti diano comunque soltanto la lettura dei dati del Detector. CHECK DELL ALLARME La condizione di test di un allarme dovrebbe essere sempre e comunque prodotta da una simulazione in scala ridotta di un vero incendio nell ambiente protetto (pag. 43). Tuttavia è altresì necessario conoscere se le connessioni elettriche sono state eseguite secondo le istruzioni, e se, una volta eseguite correttamente le connessioni elettriche, otticamente si è in condizione di conseguire l allarme incendio. Allo scopo Setronic Verona ha reso disponibile il simulatore elettronico di fuoco e fumo, denominato SAC. Con tale strumento sarà possibile sul piano ottico una simulazione strumentale di un fuoco e di un fumo opportunamente calibrato alle condizioni ambientali di lavoro (e di gestione della sensibilità conseguente) nelle quali i rilevatori dovranno lavorare. Lo strumento applicato sul rilevatore ARDEA produrrà condizioni simulate d incendio su base scientifica, sufficienti comunque per conseguire un allarme fumo e/o fuoco. CHECK DELL ALLARME INCENDIO CON L USO DI UN FILTRO ATTENUATORE (STF4) È indispensabile premettere che l uso di filtri attenuatori, ancorchè utili a conseguire un allarme, non sono fondati sui principi di rilevazione di fumo propri dell algoritmo studiato nel rilevatore ARDEA, oltre che non disporre di alcuna base scientifica convincente. Tuttavia, poichè risulta chiaro che l installatore, finita la procedura di allineamento e calibrazione, debba conoscere se almeno elettricamente può ottenere un allarme, si è allestito un mezzo pratico, semplice, poco costoso, e comunque utile ad ottenere questa informazione. Abbiamo reso quindi disponibile il filtro attenuatore STF4. L uso di tale filtro deve ridursi quindi alla breve conoscenza delle seguenti informazioni: a) Il filtro può essere usato con qualunque modello prodotto dalla nostra Società a prescindere dalla distanza operativa nella quale i rilevatori debbono lavorare. b) Il filtro deve essere usato rigidissimamente secondo la procedura, senza deviazioni od approssimazioni. Un uso errato del filtro non consegue all unico presupposto per il quale il filtro deve essere usato: Sapere se il rilevatore a certe condizioni commuta in incendio e/o in guasto. È chiaro che questo punto, essendo di importanza vitale, deve essere seguito con particolare attenzione investendo una oggettiva responsabilità dell installatore. c) Il filtro va usato sempre ed invariabilmente sull Unità Ricevente. Mai sull unità Trasmittente. Inoltre va usato quando si è certi che il rilevatore sia correttamente allineato e calibrato secondo le procedure descritte. d) Il supporto del filtro è un metacrilato con tre livelli specifici di attenuazione. Tali aree sono ottenute per processo fotografico e sono divise nella seguente sequenza: 1 db, 4 db, 8 db. e) Il filtro è particolarmente delicato: teme acqua ed umidità, non deve essere toccato con le dita sporche, non può essere pulito con detergenti od alcooli, non deve essere abraso e soprattutto non deve essere per nessun motivo piegato. La fornitura del filtro e le istruzioni per l uso sono fornite a richiesta separatamente. N.B.! Ad allarme conseguito, il rilevatore DEVE essere ripristinato togliendo alimentazione per circa tre secondi. 14 setronic verona

21 INSTALLAZIONE Le unità Tx ed Rx di ARDEA SF, S/2, DUST sono connesse ad una interfaccia con un cavo a 3 conduttori. È consigliato l uso di un cavo schermato. Tx ed Rx sono alimentate attraverso un connettore Maschio / Femmina. Il connettore è provvisto di guarnizioni opportune per garantire la tenuta IP 5X, e le due parti sono solidalmente congiunte per mezzo di una vite a serrare. L estrazione del connettore e la trazione dalla staffa dell equipaggio consente la rimozione dell unità senza l uso di particolari utensili, il che consente in caso di riparazione dell introduzione di altra apparecchiatura assolutamente compatibile per meccanica e funzioni elettriche. I cavi di alimentazione e di ritorno dei segnali partono quindi dall interfaccia (il modello universale INT8BA) e vanno all unità Tx ed Rx. Lo schema a blocchi è quello descritto nelle figure che seguono. ARDEA CONNETTORE FEMMINA Nelle figure che seguono è mostrato anche come si separa il connettore. Lo spezzone di cavo connesso al connettore è schermato e di tipo omologato e viene fornito con ciascuna unità per la lunghezza di ca 1 m. Lunghezze maggiori sono disponibili a richiesta. Tra connettore maschio e femmina è provvista una guarnizione tale da garantire una eccellente tenuta. MASSIME LUNGHEZZE DEI CAVI CONSIGLIATE E SCHEMA A BLOCCHI Per cavi certificati CEI x 0,5 mm 2 + Calza con lunghezza ammissibile a 1000 m Densità di maglia di protezione della Calza 95% RX TX massima lunghezza 500 m INT 8 BA Il collegamento dall intefaccia INT8BA al Tx può essere omesso (si perde la funzione del led giallo). Il Tx può essere alimentato a parte: MARRONE... (positivo 24 V) VERDE-NERO... (negativo) BIANCO... (non connesso) massima lunghezza 500 m ALLA CENTRALE INGRESSO ALIMENTAZIONE RESETTABILE Negativo RRX (RTX) Lunghezza max. complessiva dei cavi 1000 m Positivo RX TX INT 8 BA COF3 MARRONE (Positivo) VERDE-NERO (Negativo) BIANCO (RRX o RTX) INT 8 BA setronic verona 15

22 INTERFACCIA INT8BA DIMENSIONI E VISTA DELLA SCATOLA IN IP55 E DELLO STAMPATO INTERFACCIA ARDEA IMPORTANTE 1) Durante qualsiasi procedura di manutenzione o controllo che eseguirete in quota, ricordate che non potrete ottenere alcun istantaneo guasto in centrale se avrete lasciato posizioni di temporizzazione sull interfaccia. Consigliamo quindi di portare il Jumper A in posizione 1 prima di accingervi a qualsiasi operazione in quota. 2) Sappiamo quanto sia facile incorrere in involontari errori. Spesso essi sono fatti per la pur necessaria disinvoltura nell eseguire operazioni sempre uguali e notissime in quanto familiari. Tuttavia Vi preghiamo prima di attivare i sistemi di verificare un ultima volta le connessioni all interfaccia da e per la centrale prima di alimentare le unità Tx ed Rx. Questo oltre che farvi risparmiare tempo in caso di errore, evita eventuali danneggiamenti delle unità in campo, le quali sono spesso difficili da raggiungere. L inversione di RRX con RTX o con altri morsetti, crea malfunzionamenti o il guasto del rilevatore! 3) Prima di accingervi a qualsiasi operazione da eseguire in quota, ci permettiamo di ricordare che siete a molti metri da terra, accertatevi quindi che scale, trabattelli, o mezzi di sollevamento siano omologati ma ancor più che siano integri ed efficienti. ProvvedeteVi di cintura, scarpe, casco ed ogni accessorio utile per la vostra sicurezza. Evitate di collocare scale di fronte a porte o portoni, e nel caso, assicuratevi che le eventuali porte siano chiuse prima di accingervi a salire sulla scala. Evitate di porre trabattelli o scale nei passaggi assegnati al transito di muletti o comunque in passaggi dove siano previsti transiti con merci che potrebbero urtare il mezzo di sollevamento sul quale state lavorando. Nel dubbio transennate l area. 4) Prima di salire sul mezzo di sollevamento accertatevi di avere con Voi tutti gli utensili che Vi occorreranno in quota, inclusi gli equipaggi da montare. Suggeriamo ad esempio di legarvi ad un polso il cacciavite da trimmer per evitare che sfuggendovi di mano vada in un luogo nel quale potrebbe persino essere impossibile recuperarlo. Finchè operate in quota avvertite che nessuno stia sotto o comunque nei pressi della scala o del mezzo di sollevamento. Un utensile che dovesse cadere dalla quota potrebbe ferire anche gravemente un compagno. 5) Se usate un trabattello a ruote, ricordate che nel suo spostamento esso potrebbe essere soggetto a vibrazioni. Le vibrazioni potrebbero procurare lo spostamento e/o la caduta di quanto avrete riposto sull assito del piano di lavoro. La caduta di uno degli equipaggi ARDEA o di uno degli strumenti di taratura, ad esempio, nel caso migliore, comporta la sicura perdita del prodotto. Prima di spostare il trabattello quindi ci permettiamo di suggerirvi di assicurare bene gli oggetti, gli utensili e gli attrezzi riposti sul piano di lavoro. 16 setronic verona

23 INTERFACCIA UNIVERSALE INT8BA 24 V cc IN SCATOLA IP 55 da utilizzare per il collegamento alle centrali Connessioni ARDEA CONNESSIONE CONSIGLIATA (con ripetizione del LED Giallo sul Tx) CONNESSIONE TRASMETTITORE CON DUE FILI (si perde la ripetizione del LED Giallo sul Tx) CONNESSIONI DI USCITA A CONTATTI PULITI CONNESSIONI DI USCITA PER CENTRALE CONVENZIONALE CONNESSIONI DI USCITA CON MODULO D INDIRIZZAMENTO * I valori delle resistenze sono indicativi. Per i valori resistivi appropriati fare riferimento alle specifiche delle centrali (marca, modello, ecc.) setronic verona 17

24 STATO DEL RELÈ D ALLARME INCENDIO Il relè di allarme incendio è normalmente non energizzato e questa condizione non può essere modificata. CONDIZIONI DI USCITA DEL RELÈ DI GUASTO (ANOMALIA) ARDEA Il relè di guasto può essere normalmente energizzato o non energizzato a seconda di una scelta che può essere eseguita sul Jumper B, così come mostrato nelle figure che seguono. Per NORMALMENTE si intende che l unità ricevente sia in normale funzionamento. RELÈ GUASTO NORMALMENTE NON ENERGIZZATO JB INSERITO RELÈ GUASTO NORMALMENTE ENERGIZZATO JB NON INSERITO JA JA JB JB OPZIONI DI TEMPORIZZAZIONI SULL USCITA DI GUASTO NELL INTERFACCIA INT8BA Molte delle centrali in commercio, tra le loro funzioni hanno anche la ritenzione di memoria in caso di guasto con contemporanea attivazione di un segnale acustico localmente alla centrale ed eventualmente remoto. Per evitare quindi episodi di guasto inutilmente registrati in centrale, specie se gli episodi fossero frequenti perchè i rilevatori sono interessati da ostruzioni tra Tx e Rx, è allestita una temporizzazione. La durata della temporizzazione nell uscita del guasto dipende dalla posizione del Jumper A. JA MORSETTI ESTRAIBILI I morsetti possono essere estratti con una semplice trazione e riposti con la successiva pressione a terminazioni eseguite. 18 setronic verona

25

26 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI RILEVATORI LINEARI DELLA SERIE BOOMERANG DOVE USARE IL RILEVATORE BOOMERANG Il rilevatore trova adeguato impiego in tutti quegli ambienti nei quali per ragioni di semplificazione d impianto si richieda di non portare cavi di alimentazione su due punti: unità Tx ed unità Rx. Con questo rilevatore infatti è possibile portare l alimentazione in un solo punto (TRx), dato che dalla parte opposta il riflettore è un elemento passivo (Reflex). Il rilevatore Boomerang consente anche il doppio controllo del segnale come di seguito evidenziato. DISTRIBUZIONE DELLA LUCE INFRAROSSA DIVISA SU DUE SORGENTI IR: ORIGINALITÀ ED UNICITÀ DEL SISTEMA BOOMERANG L Unità Trasmittente e Ricevente (TRx) e l unità di Riflessione (Reflex) vanno collocate nell ambiente da sorvegliare ad una distanza X dal soffitto. La distanza che separa le unità TRx e Reflex può essere fino a 70 o fino a 150 m. L unità Trasmittente dispone di due proiettori di luce infrarossa (IR) i cui raggi attraversano l ambiente sorvegliato fino a colpire l unità di riflessione (Reflex). I due raggi infrarossi sono in realtà dei coni di luce, ciascuno dei quali ha il vertice in corrispondenza delle ottiche di proiezione, mentre ciascuna delle basi è il fascio di proiezione sulla parete sulla quale è disposto il Reflex. I due coni di luce, una volta emessi dai proiettori, si trovano ad essere fra loro intersecanti. Questa voluta geometria di proiezione consegue il risultato che ad una certa distanza, la quantità di luce sia tale da garantire un uniforme distribuzione d infrarosso nell area d intersezione e la cui densità è da considerare praticamente equipotente in ciascun punto. La radiazione di IR, nell attraversare così l ambiente sorvegliato, colpirà il dispositivo di riflessione che risponderà riflettendo in senso inverso l IR fino a colpire il Ricevitore. Questa tecnologia contribuisce a garantire una stabilità ed una continuità di segnale di assoluta precisione. ALCUNE CAUTELE DA ADOTTARE NEL POSIZIONAMENTO DEL RILEVATORE BOOMERANG In questa sede possiamo provvisoriamente indicare un principio del tutto generale e che consiste nel suggerimento di allontanare le unità dal soffitto con il crescere della temperatura. Un ulteriore suggerimento è quello di tendere ad avvicinare i rilevatori al soffitto con il diminuire della temperatura e/o quando sul soffitto vi siano espulsori in depressione (camini di scarico EFC ecc.), o comunque fasi di ventilazioni che convettivamente portino volumi d aria ambientale verso l alto. Le unità debbono trovare adeguato posizionamento ad una distanza dal colmo del soffitto corrispondente ad una percentuale variabile dal 10% al 15% dell altezza totale dello stabile (vedi normogramma pag. 2). Va comunque sempre considerato quanto riportato dalla norma UNI 9795 ed al punto per tutte le casistiche indicate, e comunque non avvicinare mai il rilevatore a meno di 40 cm dal colmo del soffitto della struttura da proteggere. Naturalmente questo principio generale rimane tale anche al variare delle geometrie dei tetti degli edifici da proteggere, così come un principio generale fisso ed invariabile che deve essere assunto, è che di fronte al rilevatore per un area di 2 mq e per tutta la lunghezza fra TRx e Reflex non debbono esservi superfici riflettenti, e/o ostacoli. Da questo punto di vista, installazioni che prevedano il passaggio tra due tubazioni metalliche debbono essere evitate per quanto possibile. Analogamente il posizionamento del rilevatore Boomerang compreso tra il soffitto ed un eventuale carro ponte deve essere evitato, e se mai risolto con il rilevatore ARDEA. Altrettanto deve essere fatto nel caso che plafoniere d illuminazione, specialmente se allo Xenon siano prossime all unità TRx. In nessun caso il rilevatore Boomerang deve essere posto al di sotto di strisce radianti, ad acqua, vapore, con bruciatore a gas, od elettriche etc. Sempre che ciò sia reso possibile dalle condizioni ambientali, il rilevatore deve essere posto al di sopra di qualsiasi striscia radiante. Ciascuno dei problemi ricordati può, in varia misura, condizionare alcuni risultati di rivelazione o la possibilità stessa d impiego del rilevatore. La nostra Società è quindi attivamente impegnata a segnalare quelli che, per esperienza, sono i problemi più noti e ricorrenti. Il progettista che ha deciso l utilizzo dei nostri prodotti è invitato a prendere in esame attentamente le condizioni di perturbazione ambientale o comunque antagoniste al sistema lineare, per allestire le opportune misure che possono variare da caso a caso. Il nostro ufficio tecnico è sempre a disposizione per fornire le indicazioni necessarie. FATTORI ANTAGONISTI AL SISTEMA Il maggior fattore antagonista al sistema è costituito dalla nebbia atmosferica e/o da nubi di vapore ad alta pressione rilasciati eventualmente da linee di processo che s interpongano tra TRx e Reflex. Ulteriori fattori di perturbazione del corretto funzionamento possono essere ancora la produzione copiosa ed insistente di polveri organiche ed inorganiche particolarmente volatili, o lo stanziamento di volatili che volteggiando nell ambiente insistentemente, possano attraversare ripetutamente e prolungatamente i raggi IR. 20 setronic verona

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità.

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. 1200 W Riscaldamento elettrico 1 model Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. Applicazioni ELIR offre un riscaldamento

Dettagli

HDQ 2K40. Manuale per la sicurezza

HDQ 2K40. Manuale per la sicurezza HDQ 2K40 Manuale per la sicurezza R5905304IT/02 02/03/2015 Barco nv Noordlaan 5, B-8520 Kuurne Phone: +32 56.36.82.11 Fax: +32 56.36.883.86 Supporto: www.barco.com/en/support Visitate il web: www.barco.com

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

VAV-EasySet per VARYCONTROL

VAV-EasySet per VARYCONTROL 5/3.6/I/3 per VARYCONTROL Per la sanificazione di regolatori di portata TROX Italia S.p.A. Telefono 2-98 29 741 Telefax 2-98 29 74 6 Via Piemonte 23 C e-mail trox@trox.it 298 San Giuliano Milanese (MI)

Dettagli

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/...

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/... F80/MC F80/MCB F80/MMR F80/SG F80/SGB F7FA0AP-0W0 F9H0AP-0W0 = Led indicazione di guasto per cortocircuito = Led Indicazione di guast o verso terra = Pulsante interfaccia utente = Indicazione sezionamento

Dettagli

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE.

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. Nello Mastrobuoni, SWL 368/00 (ver. 1, 06/12/2011) Questo strumento è utile per verificare se gli

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1 Manuale utente Indice Avvisi di Sicurezza... 2 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche Generali... 3 3 Ricevimento e Collocazione... 4

Dettagli

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma 715 Volt/mA Calibrator Istruzioni Introduzione Il calibratore Fluke 715 Volt/mA (Volt/mA Calibrator) è uno strumento di generazione e misura utilizzato per la prova di anelli di corrente da 0 a 24 ma e

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia BacPac con LCD Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia AGGIORNAMENTO FIRMWARE Per determinare se è necessario effettuare un aggiornamento del firmware, seguire questi passi: Con l apparecchio

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400 Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Indice Indice Unità tipo

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT BOATRONIC M-2, M-420 BOATRONIC M-2 BOATRONIC M-420 Indice Pagina 1 Generalità... 2 2 Sicurezza... 2 2.1 Contrassegni delle indicazioni nel manuale... 2 2.2 Qualifica

Dettagli

Manuale di Istruzioni. HI 931002 Simulatore 4-20 ma

Manuale di Istruzioni. HI 931002 Simulatore 4-20 ma Manuale di Istruzioni HI 931002 Simulatore 4-20 ma w w w. h a n n a. i t Gentile Cliente, grazie di aver scelto un prodotto Hanna Instruments. Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare la strumentazione,

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Dicembre 2006 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione 1SDC007103G0902 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Indice Introduzione... 2 1 Il riscaldamento nei quadri elettrici 1.1 Generalità...

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

LIBRETTO D ISTRUZIONI

LIBRETTO D ISTRUZIONI I LIBRETTO D ISTRUZIONI APRICANCELLO SCORREVOLE ELETTROMECCANICO girri 130 VISTA IN SEZIONE DEL GRUPPO RIDUTTORE GIRRI 130 ELETTROMECCANICO PER CANCELLI SCORREVOLI COPERCHIO COFANO SUPPORTO COFANO SCATOLA

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Livelli Soglie Pressione 2 VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Indice Indice 1 Descrizione dell'apparecchio...4 1.1 Struttura...

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN CI 4 Comm. IMMS-CI-HW Interfaccia programmatore (CI) IMMS POWER From Transformer 24 V 24 V Ground To REM Istruzioni per l installazione To SmartPort Sensor 1 Sensor 2 Sensor 3 From Sensors Sensor Common

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Elettrovalvole a comando diretto Serie 300

Elettrovalvole a comando diretto Serie 300 Elettrovalvole a comando diretto Serie 00 Minielettrovalvole 0 mm Microelettrovalvole 5 mm Microelettrovalvole mm Microelettrovalvole mm Modulari Microelettrovalvole mm Bistabili Elettropilota CNOMO 0

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio Batterie per recinti Batteria alcalina a secco 9 V Le batterie alcaline AKO 9 V mantengo un alto voltaggio costante per tutta la loro durata. Questo permette al recinto di mantenere un andamento costante

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

Ricevitore con fascia pettorale per la misurazione della frequenza cardiaca con gli smartphone ISTRUZIONI PER L USO

Ricevitore con fascia pettorale per la misurazione della frequenza cardiaca con gli smartphone ISTRUZIONI PER L USO Ricevitore con fascia pettorale per la misurazione della frequenza cardiaca con gli smartphone ISTRUZIONI PER L USO VOLUME DI FORNITURA 1 ricevitore (n. art. RUNDC1, modello: 92-1103800-01) incluse batterie

Dettagli

SUNSAVER TM MANUALE DELL'OPERATORE. e-mail: info@morningstarcorp.com web: www.morningstarcorp.com REGOLATORE FOTOVOLTAICO

SUNSAVER TM MANUALE DELL'OPERATORE. e-mail: info@morningstarcorp.com web: www.morningstarcorp.com REGOLATORE FOTOVOLTAICO SUNSAVER TM REGOLATORE FOTOVOLTAICO MANUALE DELL'OPERATORE e-mail: info@morningstarcorp.com web: www.morningstarcorp.com MANUALE DELL'OPERATORE RIEPILOGO SPECIFICHE Volt sistema Volt PV massimi Ingresso

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

U500. Il nuovo standard dei sensori ad ultrasuoni

U500. Il nuovo standard dei sensori ad ultrasuoni U500 Il nuovo standard dei sensori ad ultrasuoni Flessibilità come ragione di successo Un design due tecnologie Si allarga la famiglia dei prodotti NextGen: Baumer lancia infatti l U500, la versione ad

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Alimentatore tuttofare da 10 A

Alimentatore tuttofare da 10 A IK0RKS - Francesco Silvi, v. Col di Lana, 88 00043 - Ciampino (RM) E_Mail : francescosilvi@libero.it Alimentatore tuttofare da 10 A E questa la costruzione di un alimentatore portatile che accompagna i

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

Sostituzione del contatore di energia elettrica

Sostituzione del contatore di energia elettrica Istruzioni di montaggio per il personale specializzato VIESMANN Sostituzione del contatore di energia elettrica per Vitotwin 300-W, tipo C3HA, C3HB e C3HC e Vitovalor 300-P, tipo C3TA Avvertenze sulla

Dettagli

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo

Dettagli

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções feeling feeling rf D GB F E P NL CZ Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi nstruzioni per l uso nstrucciones de uso Manual de instruções Bedieningshandleiding Návod k obsluze 2 42 82 122 162

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE

MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE DI INSTALLAZIONE La soluzione in nero La soluzione Comax La soluzione Quadmax La soluzione universale La soluzione estetica La soluzione Utility Il modulo Honey Versione IEC TSM_IEC_IM_2011_RevA

Dettagli

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Se progettate di rinnovare o costruire un nuovo bagno, una cucina o un

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli