COMUNE di LENTATE SUL SEVESO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE di LENTATE SUL SEVESO"

Transcript

1 COMUNE di LENTATE SUL SEVESO Provincia di Monza e della Brianza PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Triennio 2015/2017 Riferimenti normativi: - Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198 «Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 novembre 2005, n. 246» - Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165 (così come modificato dall articolo 21 della Legge 4 novembre 2010, n. 183) - Direttiva 23 maggio 2007 della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Funzione Pubblica «Misure per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne nelle amministrazioni pubbliche»

2 I N D I C E Articolo 1 - PREMESSA... pag. 1 Articolo 2 - COMITATO UNICO DI GARANZIA (C.U.G.)... pag. 2 Articolo 3 - ANALISI DELLA STRUTTURA DEL PERSONALE... pag. 2 Articolo 4 - OBIETTIVI DEL PIANO... pag. 3 Articolo 5 - CODICE DI CONDOTTA CONTRO LE MOLESTIE SESSUALI E IL MOBBING... pag. 4 Articolo 6 - OSSERVAZIONE PERMANENTE... pag. 4 Articolo 7 - AZIONI POSITIVE... pag. 4 Articolo 8 - TEMPI DI ATTUAZIONE... pag. 7 Articolo 9 - RISORSE DEDICATE... pag. 7 Articolo 10 - COMUNICAZIONE E MONITORAGGIO... pag. 7 Comune di Lentate sul Seveso (MB)

3 Articolo 1 - PREMESSA 1. Nell ambito delle iniziative promosse per una coerente applicazione degli obiettivi di uguaglianza di opportunità nelle politiche di gestione delle risorse umane e nel rispetto del principio fondamentale ed ineludibile enunciato dall art. 7 comma 1 del D.Lgs. n. 165/2001, secondo il quale le amministrazioni garantiscono parità e pari opportunità tra uomini e donne per l accesso al lavoro, nel trattamento e nelle condizioni di lavoro, il Comune di Lentate sul Seveso adotta il presente piano di azioni positive, conformemente a quanto disposto dal decreto legislativo n. 198/ La normativa vigente (in particolare i decreti legislativi nn. 196/2000, 165/2001 e 198/2006) prevede che le Pubbliche Amministrazioni predispongano un piano di azioni positive che miri al raggiungimento dei seguenti obiettivi: Condizioni di parità e pari opportunità per tutto il personale dell ente. Uguaglianza sostanziale fra uomini e donne per quanto riguarda le opportunità di lavoro di sviluppo professionale. Valorizzazione delle caratteristiche del sesso femminile e di quello maschile. 3. Il decreto legislativo n.198/2006 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell'articolo 6 della legge 28 novembre 2005, n. 246, all articolo 48, precisa che le amministrazioni dello Stato anche ad ordinamento autonome, tra cui i Comuni, sono tenute a predisporre piani triennali di azioni positive, tendenti ad assicurare nel loro ambito la rimozione degli ostacoli che, di fatto, impediscono la piena realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra uomini e donne ed a favorire il riequilibrio della presenza femminile nelle attività e nelle posizioni gerarchiche ove sussiste un divario tra generi non inferiore a due terzi. 4. Il suddetto decreto legislativo riprende e coordina in un testo unico le disposizioni ed i principi di cui al decreto legislativo legge n. 125/1991 Azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro che all articolo 1, comma 2, lett. c), d), e) indica tra le possibili azioni positive la necessità di: superare condizioni di organizzazione e distribuzione del lavoro che provocano effetti diversi a seconda del sesso nei confronti dei dipendenti, con pregiudizio nella formazione, nell avanzamento professionale e di carriera, ovvero nel trattamento economico e retributivo; promuovere l inserimento delle donne nelle attività nei settori professionali e nei livelli nei quali esse sono sottorappresentate ed in particolare nei settori tecnologicamente avanzati e caratterizzati da livelli elevati di responsabilità; favorire, anche mediante una diversa organizzazione del lavoro e delle condizioni del tempo di lavoro, l equilibrio tra responsabilità familiari e professionali ed una migliore ripartizione di tali responsabilità tra i due sessi. 5. Poiché è intendimento del Comune che il piano di azioni positive non rimanga una semplice dichiarazione di intenti, esso prevede l individuazione di una serie di attività che permettono di avviare attività concrete ed integrate che possono produrre effetti di cambiamento significativi nell organizzazione dell ente. 6. L attenzione del piano si rivolgerà in particolare a misure di sostegno verso interventi a favore della conciliazione, per la crescita professionale e di carriera delle lavoratrici e per la parità retributiva tra donne e uomini dipendenti dell amministrazione stessa. 7. In quest ottica il Comune ha già dimostrato particolare sensibilità, attuando negli anni una politica attenta alle tematiche di pari opportunità. Comune di Lentate sul Seveso (MB) 1

4 Articolo 2 - COMITATO UNICO DI GARANZIA (C.U.G.) 1. Con Determinazione del Segretario Generale n. 256/4 del 29/05/2011 è stato istituito, ai sensi dell art. 21 della Legge 04/11/2010 n. 183 (c.d. Collegato Lavoro), il C.U.G. Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni, a cui il legislatore ha affidato compiti propositivi, consultivi e di verifica, al fine di ottimizzare la produttività del lavoro pubblico, migliorando l efficienza delle prestazioni collegata alla garanzia di un ambiente di lavoro caratterizzato dal rispetto dei principi di pari opportunità, di benessere organizzativo e dal contrasto di qualsiasi forma di discriminazione e di violenza morale e/o psichica per i lavoratori. 2. Il Comitato Unico di Garanzia del Comune di Lentate sul Seveso è così composto: per l Amministrazione comunale Presidente: dott. Alberto Cozza, Responsabile del settore Risorse umane e finanziarie Componente effettivo: Elena Radice, Responsabile del servizio Personale per le Organizzazioni sindacali Componente effettivo: Anna Cattaneo, componente sindacale FP C.G.I.L. 3. Agli effetti del vigente Regolamento comunale per il funzionamento del C.U.G., i suoi componenti restano in carica per quattro anni e sono rinnovabili per una sola volta. Pertanto, le persone sopra indicate, essendo state nominate nel 2011, sono in scadenza di mandato nell annualità in corso e poiché sono disponibili a proseguire l incarico, verranno riconfermati fino al 2019, disponendo il loro rinnovo per ulteriori quattro anni contestualmente all approvazione del presente piano. 4. Nella predisposizione del presente piano, il C.U.G. ha fornito il proprio apporto in misura efficace. Articolo 3 - ANALISI DELLA STRUTTURA DEL PERSONALE 1. Attualmente, la dotazione organica di fatto dell ente è formata da n. 57 posti coperti a tempo indeterminato, caratterizzati per più di due terzi da personale femminile (68%), come si evince dai seguenti report di analisi della struttura del personale al 31/12/2014. Non è presente personale con contratto di lavoro di tipo flessibile. Età anagrafica Comune di Lentate sul Seveso (MB) 2 Donne Uomini Totale Valori assoluti % Valori assoluti % Valori assoluti % Meno di 30 anni 0 0% 0 0% 0 0% anni 7 64% 4 36% % anni 19 79% 5 21% % Oltre 50 anni 13 59% 9 41% % TOTALE PERSONALE 39 68% 18 32% % Orario Donne Uomini Totale Valori assoluti % Valori assoluti % Valori assoluti % Tempo Pieno 31 65% 17 35% % Part-time al 50% 2 100% 0 0% 2 100% Part-time oltre il 50% 6 86% 1 14% 7 100% TOTALE PERSONALE 39 68% 18 32% %

5 Settori Categorie Donne Uomini Totale Valori assoluti % Valori assoluti % Valori assoluti % I Servizi al cittadino 18 95% 1 5% % II Affari generali 6 75% 2 25% 8 100% III - Finanziario 6 67% 3 33% 9 100% IV Politiche del territorio 6 75% 2 25% 8 100% V Opere pubbliche 1 17% 5 83% 6 100% VI Polizia locale 2 29% 5 71% 7 100% TOTALE PERSONALE 39 68% 18 32% % Donne Uomini Totale Valori assoluti % Valori assoluti % Valori assoluti % A 1 100% 0 0% 1 100% B1 1 33% 2 67% 3 100% B3 3 75% 1 25% 4 100% C 26 79% 7 21% % D1 7 64% 4 36% % D3 1 20% 4 80% 5 100% TOTALE PERSONALE 39 68% 18 32% % 2. I titolari di posizioni organizzative sono sei, di cui una donna e cinque uomini. Pertanto, nell ambito delle professionalità disponibili dell ente, si cercherà di equilibrare la presenza di entrambi i sessi tra le figure apicali. 3. Il Segretario generale, titolare di segreteria convenzionata con il Comune di Seveso, è una donna. Articolo 4 - OBIETTIVI DEL PIANO 1. Il Piano di Azioni Positive (P.A.P.) del Comune si inserisce all interno di una strategia avviata per arricchirlo di nuove iniziative volte a favorire il miglioramento della qualità del lavoro e della vita delle/dei dipendenti, definendo contestualmente, da un lato, strumenti di conciliazione fra responsabilità lavorative e familiari e, dall altro, percorsi di pari opportunità, con particolare riferimento ai seguenti interventi: a) orari di lavoro, b) individuazione di concrete opportunità di sviluppo di carriera e di professionalità, anche attraverso l attribuzione di incentivi e progressioni economiche, c) partecipazione a corsi di formazione professionale che offrano possibilità di crescita e miglioramento, d) promozione di iniziative di informazione per sostenere comportamenti coerenti con i principi di pari opportunità nel lavoro e di parità di genere. 2. In coerenza con quanto sopra richiamato, vengono di seguito esposte le linee guida del piano triennale 2015/2017 delle azioni positive del Comune. Comune di Lentate sul Seveso (MB) 3

6 Articolo 5 - CODICE DI CONDOTTA CONTRO LE MOLESTIE SESSUALI E IL MOBBING 1. Il principio della dignità ed inviolabilità della persona, in particolare per quanto attiene a molestie sessuali, morali e comportamenti indesiderati o discriminatori a connotazione sessuale, diviene oggetto della raccomandazione n. 92/131/CC adottata dall Unione Europea il 27/11/1991 sulla tutela della dignità delle donne e degli uomini sul lavoro che propone l adozione di un Codice di condotta relativo ai provvedimenti da adottare nella lotta contro le molestie sessuali, auspicando che tutti gli stati membri promuovano l adozione di uno specifico codice. 2. In attesa di una regolamentazione a livello nazionale, è nei propositi del Comune adottare un proprio regolamento, quale codice di condotta contro il mobbing e le molestie sessuali, morali e comportamenti discriminatori, al fine di individuare prassi e norme comportamentali atte a creare un ambiente di lavoro rispettoso della dignità delle persone, anche prendendo spunto dalla sentenza della Cassazione civile, sez. Lavoro del 15/05/2015 n che definisce i parametri di riconoscimento del mobbing. Articolo 6 - OSSERVAZIONE PERMANENTE 1. Il Comitato Unico di Garanzia vigila, come osservatorio permanente, sulla situazione lavorativa del personale maschile e femminile dell ente, con dati disaggregati per sesso che, unitamente ad altri strumenti di rilevazione, evidenzi le criticità che continuano ad ostacolare le effettive condizioni di pari opportunità. 2. Obiettivi dell osservazione sono: introdurre una gestione sistematica della rilevazione delle informazioni retributive al fine di evidenziare eventuali disparità; individuare ipotesi di intervento finalizzate a risolvere le eventuali disparità rilevate e dare attuazione alle soluzioni concordate con le organizzazioni sindacali ed il C.U.G.; mappare l evoluzione della presenza femminile nei ruoli organizzativi ed in particolare nelle posizioni gerarchiche; monitorare l entità dei bandi di concorso per le nuove assunzioni e per le progressioni di carriera del personale al fine di garantire l applicazione del principio della parità di accesso. Articolo 7 - AZIONI POSITIVE 1. Per ciascuno degli interventi programmatici citati all articolo 4 vengono di seguito indicate le azioni positive attraverso le quali raggiungere tali obiettivi: Intervento a) ORARI DI LAVORO Obiettivo Favorire, anche mediante una diversa organizzazione del lavoro, delle condizioni e del tempo di lavoro, l equilibrio e la conciliazione tra responsabilità familiari e professionali ed una migliore ripartizione di tali responsabilità tra i due sessi. Promuovere pari opportunità fra uomini e donne in condizioni svantaggiate, al fine di trovare soluzioni concilianti tra vita professionale e vita familiare, anche per problematiche non unicamente prerogativa della genitorialità. Finalità strategica Potenziare le capacità dei lavoratori e delle lavoratrici mediante l utilizzo di tempi più flessibili. Realizzare economie di gestione attraverso la valorizzazione e l ottimizzazione dei tempi di lavoro. Azione positiva Introdurre, ove se ne rilevi la necessità, forme flessibili di organizzazione del lavoro, quali ad esempio il part-time ed il telelavoro, al fine di consolidare l efficienza del servizio erogato e rispondere parallelamente alle esigenze delle/dei dipendenti rispetto alle responsabilità familiari. L Amministrazione comunale ha sempre concesso alle lavoratrici madri di bambini in tenera età la riduzione d orario richiesta. Tale comportamento verrà attuato anche per il futuro, compatibilmente con le norme che impongono limitazioni alle assunzioni. Comune di Lentate sul Seveso (MB) 4

7 Azione positiva Prevedere articolazioni orarie diverse e/o temporanee legate a particolari esigenze familiari e/o personali, che contemperino prioritariamente le necessità di assistenza e cura nei confronti di disabili, anziani e minori od in generale per fronteggiare situazioni di disagio. Attualmente è già prevista la flessibilità oraria in entrata, sia posticipata che anticipata (anche al fine di permettere l accompagnamento dei figli a scuola), in relazione all orario di lavoro ordinario che, sin dal 2007, prevede il rientro pomeridiano in sole due giornate lavorative, per venire incontro, primariamente, alla necessità delle lavoratrici di garantire una adeguata presenza presso le loro famiglie. Azione positiva Accogliere favorevolmente eventuali richieste di mobilità interna ed intersettoriale, tendenti a facilitare l avvicinamento alla famiglia. Azione positiva Prevedere modulazioni ed articolazioni temporali per l utilizzo ottimale delle ferie, in modo particolare nei riguardi di dipendenti con figli in età scolare e pre-scolare ed a favore di lavoratrici che rientrano in servizio dopo un assenza prolungata per maternità o congedo parentale, anche per permettere eventuali rientri anticipati. Intervento b) INDIVIDUAZIONE DI OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO DI CARRIERA E DI PROFESSIONALITÀ Obiettivo Fornire concrete opportunità di carriera e di sviluppo della professionalità sia al personale maschile che femminile, compatibilmente con le disposizioni normative in tema di progressioni di carriera, incentivi e progressioni economiche. Finalità strategica Creare un ambiente lavorativo stimolante, al fine di migliorare la performance dell ente e favorire l utilizzo delle professionalità acquisite all interno, eliminando ogni forma di discriminazione diretta ed indiretta. Azione positiva Programmare percorsi formativi permanenti e specifici, rivolti sia al personale femminile che maschile, che consentano di sviluppare e qualificare le proprie professionalità ed agevolare i dipendenti nella fruizione dei permessi per il diritto allo studio. Azione positiva Non ostacolare le richieste di spostamento dei dipendenti verso unità organizzative di servizio diverso da quello di appartenenza, quando ciò rappresenta motivo di miglioramento personale e crescita professionale ed attuare le eventuali mobilità d ufficio tra servizi e/o settori, sempre e soltanto per ragioni organizzative ovvero connesse alla modifica della capacità lavorativa del dipendente. Azione positiva Utilizzare sistemi premianti selettivi, secondo logiche meritocratiche che valorizzino i dipendenti meritevoli attraverso l attribuzione concorrenziale degli incentivi economici e di carriera, nonché delle progressioni economiche, senza discriminazioni di genere. Azione positiva Affidare gli incarichi di responsabilità sulla base della professionalità e dell esperienza acquisita, senza discriminazioni. Nel caso di analoga qualificazione e preparazione professionale, prevedere ulteriori parametri valutativi per non discriminare il sesso femminile rispetto a quello maschile. Intervento c) PARTECIPAZIONE A CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE Obiettivo Garantire la partecipazione a corsi di formazione professionale ed aggiornamento, adottando modalità organizzative atte a favorire la partecipazione di tutti i dipendenti e consentendo la conciliazione tra vita professionale e familiare. Finalità strategica Migliorare la gestione delle risorse umane e la qualità del lavoro attraverso la gratificazione e la valorizzazione delle capacità professionali dei dipendenti. Azione positiva Organizzare, ove possibile, le attività di formazione in orari compatibili con quelli delle lavoratrici parttime e coinvolgere i lavoratori portatori di handicap. A tal fine, verrà data maggiore importanza ai corsi organizzati internamente all ente, utilizzando le professionalità esistenti. Comune di Lentate sul Seveso (MB) 5

8 Azione positiva Proporre al personale, quando se ne ravvisi la necessità ed in un ottica di miglioramento delle conoscenze e competenze e di valorizzazione culturale, corsi di aggiornamento e di formazione, preferibilmente gratuiti od a basso impatto economico, purché di buona qualità ed efficacia, monitorando annualmente, con l eventuale coinvolgimento del C.U.G., l andamento della relativa partecipazione dei dipendenti, con particolare attenzione ad eventuali squilibri di genere, per cui apportare opportuni correttivi, considerato che l ente registra una decisa scarsità di risorse disponibili dedicate allo scopo, a causa della limitazione alle spese per la formazione, introdotta dall art. 6, comma 13, del D.L. n. 78/2010 convertito in Legge n. 122/2010, in base al quale la spesa annua massima consentita non può essere superiore al 50% di quella sostenuta nel Nonostante ciò, in questo Comune, nell ambito della formazione, si è sempre registrata una buona partecipazione del personale femminile; dunque continuerà ad essere incoraggiata la presenza delle donne ai corsi di aggiornamento/ formazione di futura programmazione. Azione positiva Predisporre riunioni interne a ciascun settore con il proprio responsabile, al fine di monitorare la situazione del personale e proporre iniziative formative specifiche in base alle effettive esigenze, da vagliare successivamente in sede di conferenza dei capisettore. Azione positiva Favorire il reinserimento lavorativo del personale che rientra da congedi di maternità e parentali o da altra assenza prolungata (almeno 6 mesi), dovuta ad esigenze familiari, principalmente attraverso il miglioramento dei flussi informativi tra amministrazione e dipendente assente, al fine di assicurare il mantenimento delle competenze, oltre che attraverso momenti di aggiornamento specifico a cura del settore di appartenenza e la predisposizione di apposite iniziative formative per colmare le eventuali lacune. Intervento d) PROMOZIONE DELL INFORMAZIONE IN TEMA DI PARI OPPORTUNITÀ E DI PARITÀ DI GENERE Obiettivo Promuovere iniziative e diffondere informazioni per sostenere comportamenti coerenti con i principi di pari opportunità nel lavoro e per valorizzare la cultura di genere. Finalità strategica Aumentare la consapevolezza del personale dipendente sulle tematiche delle pari opportunità nel lavoro e della parità di genere. Nei riguardi dei responsabili di settore, favorire maggiore condivisione e partecipazione al raggiungimento degli obiettivi, nonché un attiva partecipazione alle azioni che l Amministrazione intende intraprendere. Azione positiva Tenere in considerazione le tematiche su pari opportunità, mobbing, uguaglianza uomo/donna nelle iniziative di formazione proposte dall ente all intero personale, in particolare alle posizioni organizzative e far partecipare ai corsi prioritariamente i componenti del C.U.G. e chiunque voglia farne parte, per fornire loro le competenze necessarie a svolgere il proprio ruolo. Azione positiva Informare e sensibilizzare il personale dipendente sulle tematiche delle pari opportunità tramite il capillare recapito di comunicazioni, il contatto con il C.U.G. in ordine a problematiche di propria competenza, la disponibilità di materiale bibliografico in materia di pari opportunità. Azione positiva Informare anche i cittadini, attraverso la pubblicazione di normative, disposizioni e novità sul tema delle pari opportunità, nonché documentazione relativa al C.U.G. ed il presente Piano di Azioni Positive sul sito internet del Comune, realizzando una pagina dedicata al tema all interno dell area Amministrazione Trasparente. Azione positiva Applicare, nella predisposizione di statistiche, monitoraggi, raccolte dati, ecc. riguardanti il personale dipendente, l analisi e l evidenziazione delle informazioni finalizzate alla rilevazione della situazione di genere e delle diverse posizioni (livello, motivazione, distribuzione, anzianità, ecc.) di donne e uomini nell organico per individuare gli ambiti in cui vi sono criticità e discriminazioni, allo scopo di elaborare azioni positive mirate a rimuoverle e di programmare efficaci politiche di pari opportunità grazie alla conoscenza della struttura organizzativa dell ente e dei suoi cambiamenti. Comune di Lentate sul Seveso (MB) 6

9 Articolo 8 - TEMPI DI ATTUAZIONE 1. Le azioni previste nel presente piano saranno avviate nel triennio 2015/2017 ed entro il medesimo dovranno concludersi. Data la complessità e l impatto organizzativo e culturale di taluni interventi, gli stessi potranno essere riproposti anche in periodi successivi. 2. Le iniziative volte a sensibilizzare tutto il personale dell ente alle problematiche delle pari opportunità troveranno applicazione già nel primo anno di decorrenza del piano, in quanto base essenziale per la creazione di un substrato culturale e motivazionale necessario a garantire l efficace avvio di tutte le azioni. Articolo 9 - RISORSE DEDICATE 1. Per dare corso a quanto definito nel Piano di Azioni Positive, il Comune compatibilmente con le disponibilità di bilancio ed i vincoli posti alla finanza pubblica potrà mettere a disposizione le necessarie risorse, prevedendo stanziamenti in opportuni fondi a carico del proprio bilancio. Inoltre, si attiverà al fine di reperire risorse aggiuntive nell ambito dei fondi messi a disposizione dalla Provincia, dalla Regione, dal Ministero del lavoro, dal fondo sociale europeo e dall Unione Europea a favore delle politiche volte all implementazione degli obiettivi di pari opportunità fra uomini e donne. 2. In termini di risorse umane, il Comune metterà a disposizione il personale che sarà ritenuto necessario per l attuazione delle singole azioni. Articolo 10 - COMUNICAZIONE E MONITORAGGIO 1. Il processo di sviluppo delle azioni del presente piano e la conclusione delle stesse sarà oggetto di attività di informazione e comunicazione al C.U.G., alla Giunta Comunale, alle R.S.U. dell ente ed eventualmente al Consiglio Comunale ed al Nucleo di valutazione. 2. Per garantire efficacia alle azioni contenute nel presente piano che l Amministrazione si impegna ad intraprendere nel triennio 2015/2017, verranno pianificati per ciascun intervento tempi di attuazione, nonché risultati intermedi e finali, da conseguire al fine di poter impostare un monitoraggio periodico dell avanzamento delle iniziative e, in relazione ai risultati conseguiti in itinere, effettuare interventi correttivi. Comune di Lentate sul Seveso (MB) 7

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014 Premessa Nell ambito delle finalità espresse dalla L. 125/1991 e successive modificazioni ed integrazioni, ossia favorire l occupazione femminile e realizzare

Dettagli

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2015-2017 DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA COMITATO UNICO DI GARANZIA Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera Triennio 2011-2014 1 PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI MATERA (ART. 48 D.LGS. 198/06) PREMESSA

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse dal Comune di Jesi per dare attuazione agli obiettivi

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 20 DEL 25.06.2014 Anno 2014 giorno 25 mese giugno alle ore 8.30 sede di Via dell'artigliere n. 9 a seguito di regolare convocazione si è riunito il C.d.A. dell'esu

Dettagli

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE a cura della Consigliera di Parità Avv. Maria Francesca Siclari INDICE Perché fare un piano triennale Premesse legislative Linee guida

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198)

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198) 813830 COMUNE DI BONASSOLA Provincia della Spezia Via Beverino 1 cap 19011 tel 0187 81381 fax 0187 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs.

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

COMUNE DI CARTIGLIANO Provincia di Vicenza -------

COMUNE DI CARTIGLIANO Provincia di Vicenza ------- N.97 reg COPIA DI IMMEDIATA ESEGUIBILITA COMUNE DI CARTIGLIANO Provincia di Vicenza ------- VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE IN

Dettagli

COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO "Paese dell'ossidiana" PIANO DI AZIONI POSITIVE 2015/2017 Art. 48 D. Lgs. 11.04.2006, n. 198. L adozione del Piano Triennale di azioni positive risponde ad un obbligo

Dettagli

COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA. Deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA. Deliberazione della Giunta Comunale COPIA COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA Deliberazione della Giunta Comunale n 53 in data 25-03-2016 Oggetto: Approvazione piano triennale 2016-2018 delle Azioni Positive ai sensi art. 48

Dettagli

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE L anno duemiladodici addì diciannove del mese di marzo alle ore 12.00 in Fabriano si è riunita la Giunta Comunale nel prescritto numero legale con l intervento dei Signori: Risultano PRESENTI: SORCI ROBERTO

Dettagli

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 64 del 18/10/2013 Fonti Normative: La parità tra donne e uomini

Dettagli

COMUNE DI ARCENE (Provincia di Bergamo) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

COMUNE DI ARCENE (Provincia di Bergamo) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 COMUNE DI ARCENE (Provincia di Bergamo) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 Quadro normativo Il Piano delle Azioni Positive si inserisce nell ambito delle iniziative promosse dall Amministrazione per

Dettagli

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 - Direzione centrale personale e organizzazione - Sommario 1. Premessa... 3 2. I presupposti del

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. Premessa L art. 48 del D.Lgs. 11 aprile 2006 n 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 novembre

Dettagli

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) Premessa: Le azioni positive sono misure temporanee speciali

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo CO M U N E D I S A N V I T O Provincia di Cagliari Allegato A) alla delibera di Giunta Comunale N. 67 del 30/06/2014 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P)

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 32 DEL 23.04.2015 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE. triennio 2015/2017

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 32 DEL 23.04.2015 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE. triennio 2015/2017 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 32 DEL 23.04.2015 Comune di Pompiano PIANO DELLE AZIONI POSITIVE triennio 2015/2017 -Approvato dal Comitato unico di garanzia per le pari opportunità,

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA TRIENNIO 2004-2006 LINEE GUIDA

LINEE GUIDA PER IL PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA TRIENNIO 2004-2006 LINEE GUIDA Pagina 1 di 6 LINEE GUIDA PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA TRIENNIO 2004- Pagina 2 di 6 1. Premessa Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013)

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013) CITTA DI CAIAZZO Provincia di Caserta Piazzetta Martiri Caiatini, n. 1 C.A.P. 81013 CAIAZZO Tel. 0823.61.57.28 Fax 0823.86.80.00 info@comune.caiazzo.ce.it www.caiazzo.gov.it PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO

Dettagli

COMUNE DI POLLENA TROCCHIA

COMUNE DI POLLENA TROCCHIA COMUNE DI POLLENA TROCCHIA PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017 i (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 13 del 26.02.2015) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 Il presente Piano ha durata triennale e si sviluppa in obiettivi suddivisi a loro volta in azioni positive. PREMESSE Il Decreto

Dettagli

Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini

Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini PREMESSA Il presente Piano di Azione Positive per il triennio 2013/2015,

Dettagli

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA TRIENNIO 2015/2017 (Art. 48 del D.Lgs. 198/2006) Approvato con deliberazione della Giunta comunale

Dettagli

Piano di Azioni Positive 2013-2015 approvato dal Comitato Unico di Garanzia con propria deliberazione n. 2 del 15 maggio 2013

Piano di Azioni Positive 2013-2015 approvato dal Comitato Unico di Garanzia con propria deliberazione n. 2 del 15 maggio 2013 Premessa Il Piano delle Azioni Positive - PAP, è documento programmatico redatto a norma dell'art. 48 del D.Lgs. 198/2006 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art. 6 della legge

Dettagli

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Che cos è Il Comitato Unico di Garanzia, istituito ai sensi dell art.

Dettagli

Città di Fabriano GIUNTA COMUNALE ORIGINALE DI DELIBERAZIONE

Città di Fabriano GIUNTA COMUNALE ORIGINALE DI DELIBERAZIONE ORIGINALE DI DELIBERAZIONE Seduta del 23/01/2015 Delibera n. 4 L'anno duemilaquindici addì ventitre del mese di gennaio alle ore 09:00 in Fabriano si è riunita la Giunta Comunale nel prescritto numero

Dettagli

PIANO POSITIVE 2014-2016. in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia

PIANO POSITIVE 2014-2016. in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste tel 040 6751 www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA RISORSE UMANE E SERVIZI AL CITTADINO PIANO DI AZIONI POSITIVE 2014-2016 a cura della

Dettagli

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE CODICE ENTE 022012 COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE Via Bernardino Luini n. 6; C.A.P. 21030; TEL.: 0332 575103 -FAX: 0332576443 E-MAIL: ragioneria@comune.brissago-valtravaglia.va.it

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI RAVENNA 2014-2016

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI RAVENNA 2014-2016 COMUNE DI RAVENNA Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI RAVENNA

Dettagli

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA TEL: 0422/831825 Via S. Pio X n. 15/17 31036 ISTRANA (TV) C.F. 80008050264 FAX 0422/831890 P.I. 00389970260 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------www.comune.istrana..tv.it

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA Per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 RELAZIONE INTRODUTTIVA La legge n.

Dettagli

COMUNE DI MONTALCINO

COMUNE DI MONTALCINO COMUNE DI MONTALCINO ORIGINALE Deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 13/03/2015 ore 17:30 Presso il Palazzo Comunale di Montalcino Presiede NAFI ALESSANDRO Vicesindaco Assiste il Dott. DOTTORI

Dettagli

Analisi dati del Personale

Analisi dati del Personale Allegato A Analisi dati del Personale L analisi dell attuale situazione del personale dipendente in servizio, presenta il seguente quadro di raffronto tra la situazione di uomini e donne lavoratori: FOTOGRAFIA

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale n 135 del 23/07/2015

Deliberazione di Giunta Comunale n 135 del 23/07/2015 COMUNE DI TODI PROVINCIA DI PERUGIA Deliberazione di Giunta Comunale n 135 del 23/07/2015 Oggetto: ORIGINALE APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2015-2017 L anno duemilaquindici, addì ventitre

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina l attività del Comitato Unico

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 COMUNE DI FIUMEFREDDO DI SICILIA Provincia di Catania PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 Approvato con Delibera di G.M. nr. 178 del 20.12.2013 1 FONTI: Legge

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP)

PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP) COMUNE DI ARNAD Frazione Closé, 1 11020 ARNAD (AO) C.FISCALE e P.IVA 00125720078 COMMUNE D ARNAD 1, hameau de Closé 11020 ARNAD (Vallée d Aoste) TEL. 0125966121-089 FAX 0125966306 e-mail: info@comune.arnad.ao.it

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 (Art. 48 D.Lgs. 11.4.2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art. 6 della L. 28 novembre 2005, n. 246) Il tema delle pari

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 Comune di Cinisello Balsamo Allegato A) alla Deliberazione di Giunta comunale n. 112 del 28/05/2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Piano di Azioni Positive

Dettagli

ACCORDO DI COOPERAZIONE

ACCORDO DI COOPERAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA ACCORDO DI COOPERAZIONE tra COMITATO UNICO DI GARANZIA e CONSIGLIERA DI PARITÀ REGIONALE ACCORDO DI COOPERAZIONE tra Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità,

Dettagli

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n. 8/2014 III DIREZIONE GESTIONE DEL PERSONALE E SERVIZI INFORMATICI SERVIZIO GESTIONE GIURIDICA DEL PERSONALE Ufficio

Dettagli

Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni REGOLAMENTO

Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni REGOLAMENTO Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni REGOLAMENTO Art. 1 Costituzione Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità,

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO UNICO DI GARANZIA

REGOLAMENTO COMITATO UNICO DI GARANZIA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI Introduzione L art. 21 della L. 04/11/2010

Dettagli

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari COPIA DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N 191 del 20/06/2014 OGGETTO APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE GIUGNO 2014 - MAGGIO 2016 AI SENSI DELL' ART.48 DEL

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO

C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO Regolamento di funzionamento del Comitato Unico di Garanzia per le Pari Opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora

Dettagli

Comune di Cimolais. Provincia di Pordenone VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Comune di Cimolais. Provincia di Pordenone VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di Cimolais Provincia di Pordenone VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA ANNO 2014 N. 42 del Reg. Delibere OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE A FAVORE DELLE

Dettagli

Art. 1 Oggetto del Regolamento

Art. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA (CUG)

REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA (CUG) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA (CUG) PER LE PARI OPPORTUNITÀ, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI 1 QUADRO NORMATIVO D.lgs.

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to. COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it Approvato con deliberazione G.C. n. 103/29.12.2010 INDICE

Dettagli

Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B. Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha:

Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B. Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha: Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B Premessa Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha: Sull o.d.l. Sulla qualità della vita Sulla competitività

Dettagli

Prof.ssa Loredana Zappalà (Università degli Studi di Catania) Provincia Regionale di Catania, 30 marzo 2012 03/04/2012 1

Prof.ssa Loredana Zappalà (Università degli Studi di Catania) Provincia Regionale di Catania, 30 marzo 2012 03/04/2012 1 Prof.ssa Loredana Zappalà (Università degli Studi di Catania) Provincia Regionale di Catania, 30 marzo 2012 03/04/2012 1 Art. 21 della l. 183/2010 (cd. collegato lavoro) che ha modificato l art. 7, c.

Dettagli

COMUNE DI MARACALAGONIS

COMUNE DI MARACALAGONIS COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. DEL 59 OGGETTO: ARTICOLO 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198 "CODICE DELLE PARI OPPORTUNITA' TRA UOMO E DONNA

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano

Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano Regolamento di istituzione e funzionamento del Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora

Dettagli

PIANO ANNUALE DI AZIONI POSITIVE dell ISPRA ANNO 2010

PIANO ANNUALE DI AZIONI POSITIVE dell ISPRA ANNO 2010 PIANO ANNUALE DI AZIONI POSITIVE dell ISPRA ANNO 2010 Con il presente piano si definiscono le modalità operative di dettaglio, i soggetti coinvolti e le responsabilità individuate per l attuazione del

Dettagli

Piano triennale di azioni positive 2013-2015

Piano triennale di azioni positive 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA (D.LGS. 165/01, ART. 57, C. 01) Piano triennale di azioni positive Gennaio CRA via Nazionale, 82 00184 Roma COMITATO UNICO DI GARANZIA @ cug@entecra.it T +39-06-478361 F +39-06-47836320

Dettagli

Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015

Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015 Servizio apicale Segreteria del Sindaco - Politiche di Sviluppo dell'organizzazione Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015 1. IL CONTESTO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Il contesto

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

COMUNE DI CANCELLARA

COMUNE DI CANCELLARA COMUNE DI CANCELLARA Via Salvatore Basile n. 1 C.A.P. 85010 PROVINCIA DI POTENZA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE REG. N. 7 DEL 05/03/2014 COPIA ALBO OGGETTO: APPROVAZIONE "PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI

Dettagli

Cittadinanza di genere

Cittadinanza di genere Proposta di legge n. 290 Cittadinanza di genere SOMMARIO PREAMBOLO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO, PRINCIPI E OBBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obbiettivi TITOLO II AZIONI PER LA CONCILIAZIONE

Dettagli

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere Piano triennale delle azioni positive 2011/2013 Il Piano triennale di azioni positive nasce dal lavoro svolto dal Comitato per le pari opportunità e è stato in seguito ratificato dal Comitato unico di

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO COMUNE DI FLERO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO DEL C.U.G. (COMITATO UNICO PER LE PARI OPPORTUNITÀ, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI

Dettagli

Comune di Como REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PER LE PARI OPPORTUNITÀ FRA UOMO E DONNA

Comune di Como REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PER LE PARI OPPORTUNITÀ FRA UOMO E DONNA Comune di Como REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PER LE PARI OPPORTUNITÀ FRA UOMO E DONNA INDICE Art. 1 Istituzione della Commissione Art. 2 Finalità Art. 3 Compiti Art. 4 Composizione Art. 5 Funzionamento

Dettagli

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI ART. 1 COSTITUZIONE 1.1 Con deliberazione

Dettagli

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda Tempi di vita e tempi di lavoro La conciliazione fa bene all azienda La conciliazione da impulso allo sviluppo Ci sono tanti modi per crescere in competitività. Ma c è una leva, in particolare, che costituisce

Dettagli

40 6.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16

40 6.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16 40 6.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente della Giunta promulga la

Dettagli

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese 27 novembre 2009 Gabriella Sberviglieri Consigliera di Parità - Varese 1 Slide elaborate da Anna M. Ponzellini Rielaborazione di Gabriella Sberviglieri

Dettagli

L A G I U N T A P R O V I N C I A L E

L A G I U N T A P R O V I N C I A L E L A G I U N T A P R O V I N C I A L E L Anno duemilasette il giorno ventuno del mese di novembre si è riunita la Giunta Provinciale convocata per le ore 15,00 e presieduta da GIUSEPPA ROZZO in qualità

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE Visto: - la L. 10 aprile 1991, n. 125 Azioni positive per

Dettagli

Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro

Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro «Certo caro Socrate ci hai plasmato, come uno scultore, dei bei Governanti». «Ma caro Glaucone, se è per questo anche delle

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona)

COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona) COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona) SISTEMA DI APPROVAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ART. 7 COMMA 1 DEL D.LGS 150/2009. INTEGRAZIONE AL VIGENTE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA. Cittadinanza di genere.

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA. Cittadinanza di genere. LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA Cittadinanza di genere. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA N. 11 del 6 aprile 2009 Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO

COMUNE DI GIOVINAZZO COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento per il funzionamento del comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Approvato dalla Giunta

Dettagli

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato Roma 21 giugno 2006 PREMESSA Fin dalla loro costituzione i Comitati per le pari Opportunità del Gruppo Ferrovie dello Stato hanno

Dettagli

Carta di Buone Prassi di Genere nel Terzo settore

Carta di Buone Prassi di Genere nel Terzo settore Comune di Lastra a Signa Comune di Signa Progetto Donne e impegno civile progetti realizzati con il finanziamento della Regione Toscana (L.R.T. 16/2009) Carta di Buone Prassi di Genere nel Terzo settore

Dettagli

RELAZIONE DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE ANNO 2012

RELAZIONE DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE ANNO 2012 RELAZIONE DEL COMITATO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE ANNO 2012 1. Premessa. La presente Relazione è redatta ai sensi dell art. 3.3 della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri del

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Provincia di Forlì-Cesena Comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1 PREMESSA

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA L Università degli studi di Messina In collaborazione con il Comitato Pari Opportunità Piano di Azioni positive triennio 2008/2011 Le azioni positive sono, com è noto, lo strumento fondamentale per l attuazione

Dettagli

Stato dell arte a livello nazionale

Stato dell arte a livello nazionale Ogni anno il Dipartimento della Funzione Pubblica e il Dipartimento per le Pari Opportunità redigono un rapporto di sintesi sull attuazione della direttiva Misure per attuare parità e pari opportunità

Dettagli

1. Premessa 2. Normativa di riferimento Trattato di Roma Trattati di

1. Premessa 2. Normativa di riferimento Trattato di Roma Trattati di PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE 2012-2015 1 Sommario 1. Premessa 2. Normativa di riferimento 3. Le Azioni Positive 4. Analisi relativa alle risorse umane dell Università degli Studi del Molise 5. Il

Dettagli

I NUOVI COMITATI UNICI DI GARANZIA A TUTELA DEI DIRITTI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI

I NUOVI COMITATI UNICI DI GARANZIA A TUTELA DEI DIRITTI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI I NUOVI COMITATI UNICI DI GARANZIA A TUTELA DEI DIRITTI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI Nella amministrazione

Dettagli

S T A T U T O del COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA dell Università degli Studi di Messina. Art.1 (Istituzione e finalità)

S T A T U T O del COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA dell Università degli Studi di Messina. Art.1 (Istituzione e finalità) S T A T U T O del COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA dell Università degli Studi di Messina Art.1 (Istituzione e finalità) 1. È istituito presso l Università degli Studi di Messina il Comitato per le Pari

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

DOCUMENTO. 25 Novembre 2014

DOCUMENTO. 25 Novembre 2014 DOCUMENTO Giornata internazionale contro la violenza sulle donne: insieme contro la violenza sul lavoro Consigliere di parità dalla parte delle donne e del lavoro 25 Novembre 2014 Promuovere il lavoro

Dettagli

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA CRITERI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE ESTRATTO DAL REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPROVATO CON ATTO

Dettagli