Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE"

Transcript

1 COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COOPERAZIONE GIUDIZIARIA IN MATERIA CIVILE INVITO A PRESENTARE PROPOSTE 3 LINEA DI BILANCIO B INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PER AZIONI NEI PAESI IN VIA DI SVILUPPO (PVS) 5 LEONARDO DA VINCI INVITO RISTRETTO A PRESENTARE CANDIDATURE PER UN ELENCO DI ESPERTI PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITA DI VALUTAZIONE, INDAGINE E ANALISI 6 VI PROGRAMMA QUADRO RST INVITO DESTINATO AGLI ORGANISMI AFFINCHE PROPONGANO ELENCHI DI POTENZIALI ESPERTI INDIPENDENTI PER ASSISTERE I SERVIZI DELLA COMMISSIONE NELLO SVOLGIMENTO DI COMPITI RELATIVI AL VI PROGRAMMA QUADRO ( ) 7 INVITO DESTINATO A SINGOLI INDIVIDUI PER LA COSTITUZIONE DI UNA BASE DI DATI DI POTENZIALI ESPERTI INDIPENDENTI PER ASSISTERE I SERVIZI DELLA COMMISSIONE NELLO SVOLGIMENTO DI COMPITI RELATIVI AL VI PROGRAMMA QUADRO ( ) 8 PAC INVITO A PRESENTARE PROPOSTE, SOSTEGNO A FAVORE DI AZIONI DI INFORMAZIONE NEL SETTORE DELLA POLITICA AGRICOLA COMUNE (PAC) 9 LINEA DI BILANCIO B INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PER AZIONI DI SENSIBILIZZAZIONE DELL OPINIONE PUBBLICA AI PROBLEMI DELLO SVILUPPO, DA REALIZZARE IN COFINANZIAMENTO CON LE ONG EUROPEE OPERANTI NEL SETTORE DELLO SVILUPPO 11 Sportello Europa Via Boccaleone, Ferrara 1

2 PROGRAMMA FISCALIS SCHEDA DEL NUOVO PROGRAMMA FISCALIS ANNO EUROPEO DELL EDUCAZIONE ATTRAVERSO LO SPORT SCHEDA DEL PROGRAMMA DI EDUCAZIONE ATTRAVERSO LO SPORT PER IL Sportello Europa Via Boccaleone, Ferrara 2

3 PROGRAMMA QUADRO PER LA COOPERAZIONE GIUDIZIARIA IN MATERIA CIVILE PROGRAMMA ANNUALE INVITO A PRESENTARE PROPOSTE 2003 Oggetto: Con il presente invito la Commissione europea intende perseguire i seguenti obiettivi: - promuovere la cooperazione giudiziaria in materia civile in modo che sia garantita la certezza del diritto e sia migliorato l accesso alla giustizia nonché promosso il riconoscimento reciproco delle decisioni giudiziarie e delle sentenze - consentire la corretta attuazione e applicazione degli strumenti comunitari adottati nel settore della cooperazione giudiziaria in materia civile - migliorare la conoscenza reciproca dei sistemi giuridici e giudiziari degli Stati membri in materia civile - migliorare la diffusione dell informazione rivolta al pubblico sull accesso alla giustizia, la cooperazione giudiziaria in materia civile. Azioni: Saranno sostenuti i seguenti tipi di azione: 1. Azioni della Commissione Ue: a) Seguito delle tre principali azioni avviate nel 2002: - Atlante giudiziario europeo in materia civile, ovvero verrà creato uno strumento informatico sotto forma di banca dati allo scopo di fornire un accesso semplice di reperimento delle informazioni per gli utenti interessati alla cooperazione giudiziaria in materia civile - Banca dati inerente la giurisprudenza degli Stati membri in materia civile e commerciale - Campagna di sensibilizzazione degli operatori della giustizia sul tema della cooperazione giudiziaria in materia civile nei Paesi dell Unione europea b) Studio sul risarcimento alle vittime di reato. Si baserà sui dati statistici riguardanti il numero delle vittime che hanno ottenuto un risarcimento c) Conferenza congiunta con la presidenza italiana che si terrà nel secondo semestre del Progetti specifici di interesse europeo: a) Progetti atti a promuovere la cooperazione giudiziaria in materia civile quali studi, ricerche, seminari. b) Progetti che migliorino la reciproca conoscenza dei sistemi giuridici e giudiziari degli Stati membri in materia civile quali attività di formazione, seminari, tirocini. Sportello Europa Via Boccaleone, Ferrara 3

4 c) Progetti che permettano una corretta implementazione degli strumenti comunitari nel settore della cooperazione giudiziaria in materia civile quali, attività di diffusione di informazioni, seminari e incontri, studi, ricerche, ecc d) Progetti che puntino alla diffusione dell informazione rivolta al pubblico rispetto all accesso alla giustizia, la cooperazione giudiziaria e gli ordinamenti giuridici degli Stati membri in materia civile. 3. Sostegno ad ONG europee Saranno finanziate attività previste dal programma per il 2004 di ONG europee che operano nel settore della promozione e del miglioramento della cooperazione giudiziaria in materia civile. Beneficiari: Nell ambito dell azione 2 possono beneficiare del contributo comunitario: istituzioni e organismi pubblici o privati; nell ambito dell azione 3: ONG europee non profit, legalmente costituite e che svolgano la loro attività a livello europeo in almeno la metà degli Stati membri Contributo: In riferimento all azione 2 il contributo della Commissione può coprire fino al 60% delle spese ammissibili del progetto ed è compreso tra e Euro. In alcuni casi il contributo può arrivare fino all 80%. Per l azione 3, il contributo potrà coprire fino al 60% delle spese ammissibili ed è compreso tra e Euro. In casi particolari la percentuale potrà arrivare fino all 80% delle spese sostenute. Scadenza: 14 marzo 2003 Fonte: GUCE C 301 del 5/12/02 Informazioni: Sportello Europa Via Boccaleone, Ferrara 4

5 INVITO A PRESENTARE PROPOSTE per azioni nei Paesi in via di sviluppo (PVS) da attuare mediante cofinanziamento con le ONG europee operanti nel settore dello sviluppo Oggetto: Azioni: Il presente invito a presentare proposte ha come obiettivo la riduzione della povertà mediante la concessione alle popolazioni svantaggiate dei Paesi in Via di Sviluppo di un sostegno destinato a rispondere alle loro esigenze fondamentali, a migliorare le condizioni di vita e a rafforzarne le capacità endogene di sviluppo. I progetti dovranno essere inerenti ad una delle seguenti attività: - sostegno a processi di sviluppo sociale, umano ed economico sostenibili - sostegno istituzionale e potenziamento delle capacità delle strutture di sviluppo locali, in particolare le organizzazioni partner nei PVS. Contributo: Il contributo comunitario non potrà superare il 75% delle spese ammissibili. Le ONG singole potranno ricevere un contributo massimo pari a Euro, mentre o i consorzi o le reti potranno beneficiare di un contributo fino ad un massimo di Euro. Beneficiari: Organizzazioni non governative che operino singolarmente, in consorzio o in rete. Fonte: GUCE C 306 del 10/12/02 Scadenza: 12 marzo 2003, ore (ora di Bruxelles) Informazioni: Sportello Europa Via Boccaleone, Ferrara 5

6 Invito a presentare candidature in vista della costituzione di un elenco di esperti per la realizzazione di attività di valutazione, indagine e analisi nel contesto del programma di azione comunitaria in materia di formazione professionale Leonardo da Vinci e di altre iniziative nel settore della formazione professionale Oggetto: Azioni: La commissione europea ha pubblicato il presente invito a presentare proposte allo scopo di costituire un elenco di esperti che dovranno affiancare la stessa Commissione nella realizzazione di attività di valutazione, indagine e analisi dei progetti inerenti il Programma comunitario Leonardo da Vinci. Gli esperti dovranno essere in grado di: 1. Valutare proposte 2. Valutare relazioni di progetti 3. Valutare prodotti e risultati di progetti 4. Realizzare attività di indagine, analisi, monitoraggio e controllo correlate ai progetti. Per quanto concerne le qualifiche e le competenze dei candidati si rimanda al testo del bando. Beneficiari: Potranno presentare candidature le persone fisiche aventi la cittadinanza in uno dei seguenti Paesi: Stati membri dell Ue, Islanda, Liechenstein, Norvegia, Bulgaria, Ungheria, Repubblica ceca, Slovacchia, Polonia, Lituania, Lettonia, Estonia, Romania, Slovenia, Malta e Cipro. Fonte: GUCE C 298 del 30/11/02 Scadenza: Il termine ultimo per l invio delle candidature verrà comunicato sul sito del Programma Leonardo da Vinci: Informazione: Il testo dell invito a presentare proposte nonché la relativa documentazione per partecipare alla selezione possono essere richieste a: Commissione europea DG Istruzione e Cultura Attuazione del programma Leonardo da Vinci Unità B.2 Rue Belliard, 7 B 1049 Bruxelles Fax: Sportello Europa Via Boccaleone, Ferrara 6

7 Invito destinato agli organismi affinché propongano elenchi di potenziali esperti indipendenti per poter assistere i servizi della Commissione nello svolgimento di compiti relativi al Sesto programma quadro ( ) Oggetto: Con il presente invito la Commissione si rivolge alle Istituzioni scientifiche, professionali, industriali e di ricerca generale e alle comunità accademiche o altre organizzazioni direttamente coinvolte in attività di ricerca e sviluppo perché presentino elenchi di potenziali esperti indipendenti in moda da inserirli in un data base di esperti per il VI Programma quadro. Azioni: I candidati per essere inseriti nell elenco di cui sopra dovranno possedere un esperienza professionale di alto livello nel settore pubblico o privato in uno dei seguenti settori di attività: - ricerca nei settori scientifici e tecnologici pertinenti - amministrazione, gestione o valutazione di progetti di ricerca e sviluppo tecnologico (RST) - uso dei risultati dei progetti di RST, trasferimento tecnologico e innovazione - problematiche connesse al rapporto scienza/società (ad esempio formazione, comunicazione, domini cognitivi, sfide e rischi, questioni etiche, ecc...) - cooperazione internazionale nel campo della scienza e della tecnologia - sviluppo delle risorse umane I candidati devono inoltre possedere conoscenze linguistiche adeguate. Beneficiari: Scadenza e Procedura: Istituzioni scientifiche, professionali, industriali e di ricerca generale e alle comunità accademiche o altre organizzazioni direttamente coinvolte in attività di ricerca e sviluppo. Le organizzazioni interessate dovranno trasmettere l elenco degli esperti registrandolo sul sito di Cordis: entro il 31 dicembre Fonte: GUCE C 300 del 4/12/02 Sportello Europa Via Boccaleone, Ferrara 7

8 Invito destinato a singoli individui per la costituzione di una base di dati di potenziali esperti indipendenti per assistere i servizi della Commissione nello svolgimento di compiti relativi al Sesto programma quadro ( ) Oggetto: Con il presente bando la Commissione invita singoli individui a proporre la propria candidatura come potenziali esperti indipendenti al fine di essere inseriti nel data base degli esperti per il Sesto programma quadro. Azioni: I candidati dovranno possedere un esperienza professionale di alto livello nel settore pubblico o privato in uno dei seguenti settori di attività: - ricerca nei settori scientifici e tecnologici pertinenti - amministrazione, gestione o valutazione di progetti di ricerca e sviluppo tecnologico (RST) - uso dei risultati dei progetti di RST, trasferimento tecnologico e innovazione - problematiche connesse al rapporto scienza/società (ad esempio formazione, comunicazione, domini cognitivi, sfide e rischi, questioni etiche, ecc...) - cooperazione internazionale nel campo della scienza e della tecnologia - sviluppo delle risorse umane I candidati devono inoltre possedere conoscenze linguistiche adeguate. Beneficiari: Persone fisiche. Scadenza e Procedura: Le organizzazioni interessate dovranno trasmettere l elenco degli esperti registrandolo sul sito di Cordis: entro il 31 dicembre Fonte: GUCE C 300 del 4/12/02 Sportello Europa Via Boccaleone, Ferrara 8

9 INVITO A PRESENTARE PROPOSTE Sostegno a favore di azioni di informazione nel settore della politica agricola comune Oggetto: Con il presente bando la Commissione intende dare priorità alle attività di comunicazione relative agli aspetti della revisione intermedia della PAC (politica agricola comune) compresi quelli inerenti l allargamento dell Unione e l OMC (Organizzazione mondiale del commercio). I messaggi da diffondere sono: - che gli agricoltori abbiamo l opportunità di darsi un profili maggiormente imprenditoriale e possano sfruttare le opportunità offerte dal mercato - che la politica di sviluppo rurale sia potenziata e che presenti notevoli opportunità di sostegno alle attività di chi vive e lavora in campagna - che la qualità acquisisca sempre maggior importanza nelle scelte degli agricoltori e dei consumatori. Azioni: Il contributo finanziario potrà essere concesso per attività quali: 1. Attività annuali presentate da organizzazioni agricole o di sviluppo rurale o da associazioni di consumatori o di tutela dell ambiente 2. Azioni specifiche presentate da autorità pubbliche, mass media, università, ecc 3. Attività su iniziativa della Commissione Argomenti prioritari di divulgazione per il 2003: - passare ad un agricoltura e ad uno sviluppo rurale più sostenibili - migliorare la competitività dell agricoltura Ue - garantire che gli agricoltori possano beneficiare delle opportunità di mercato - puntare sui prodotti e i servizi auspicati dal pubblico - integrare nella PAC tutti gli aspetti relativi alla qualità dei prodotti, al benessere e alla salute degli animali, agli standard di sicurezza - continuare l erogazione di aiuti diretti ai redditi agricoli - offrire maggiore sostegno ai sistemi agricoli tradizionali ad alto valore naturale - migliorare il rispetto delle norme vigenti in materia ambientale e favorire servizi più rispettosi dell ambiente - aiutare gli agricoltori a svolgere la loro attività, semplificando gli adempimenti amministrativi Sportello Europa Via Boccaleone, Ferrara 9

10 Verrà data priorità ai progetti che si concentrino su esempi concreti in settori particolari e che illustrino le implicazioni pratiche dell attuazione degli obiettivi sopraelencati. Beneficiari: Contributo: Scadenza e procedura: Enti pubblici, organizzazioni agricole o di sviluppo rurale, associazioni di tutela dell ambiente e di consumatori, Università, mezzi di comunicazione di massa. Le associazioni e le organizzazioni devono essere senza scopo di lucro, non governative e stabilite in uno Stato membro da almeno due anni. Il contributo può essere erogato nella misura del 50% dei costi ammissibili e in alcuni casi particolari può essere elevato fino al 75%. Per le azioni specifiche i progetti possono prevedere cifre comprese tra e Euro, mentre per i programmi annuali di attività i progetti devono prevedere un importo compreso tra e Euro. I proponenti dovranno allegare alla domanda di finanziamento un Media Plan che preveda il programma dettagliato dell azione, la valutazione ex-ante, i messaggi da divulgare, il pubblico destinatario, i mezzi di comunicazione scelti (nonché le modalità di utilizzazione degli stessi) ed in fine il piano di valutazione ex post. Le domande dovranno essere presentate alla Commissione entro il 20 febbraio Fonte: GUCE C 310 del 13/12/02 Informazioni: Sportello Europa Via Boccaleone, Ferrara 10

11 BANDO DI GARA APERTO - INVITO A PRESENTARE PROPOSTE per azioni di sensibilizzazione dell opinione pubblica ai problemi dello sviluppo, da realizzare in cofinanziamento con le ONG europee operanti nel settore dello sviluppo, pubblicato dalla Commissione europea OGGETTO: L invito a presentare proposte in oggetto si prefigge di mobilitare i cittadini europei in favore di strategie e di iniziative aventi un impatto positivo sulle popolazioni svantaggiate nel quadro della lotta alla povertà. AZIONI: Le azioni finanziabili riguardano progetti, programmi di lavoro e programmi di rafforzamento delle capacità destinati a sensibilizzare l opinione pubblica europea ai problemi dello sviluppo nei PVS (Paesi in via di sviluppo) e nell ambito delle relazioni tra questi ultimi e i paesi industrializzati. BENEFICIARI: ONG operanti nel settore dello sviluppo costituite in organizzazioni autonome senza scopo di lucro, non governative in uno Stato membro dell Unione europea in base alla legislazione vigente in quello Stato. CONTRIBUTO: Il numero di sovvenzioni che possono essere erogate è illimitato, purché non si superi la dotazione di bilancio prevista. Sono diverse le categorie di sovvenzioni i cui importi possono variare. Per i singoli importi si rimanda alle informazioni disponibili nelle linee guida reperibili al sito internet alla voce informazioni. SCADENZA: 19 marzo 2003, ore (ora di Bruxelles) FONTE: GUCE C 314 del 17/12/02 INFORMAZIONI: Sportello Europa Via Boccaleone, Ferrara 11

12 FISCALIS SCHEDA PROGRAMMA OGGETTO: La Commissione europea ha pubblicato il nuovo programma Fiscalis che sostituisce il programma Fiscalis in vigore fini alla fine del Obiettivo del programma è il miglioramento del funzionamento dei sistemi di imposizione nel mercato interno, in particolare: - rafforzando la cooperazione tra le competenti amministrazioni nazionali, tramite l applicazione uniforme della legislazione e delle procedure amministrative, nonché lo scambio di informazioni, esperienze e buone prassi nei settori dell IVA, delle accise e delle imposte dirette - favorendo la conoscenza e la padronanza della legislazione fiscale comunitaria e il rafforzamento della capacità amministrativa dei Paesi candidati all adesione. AZIONI: Potranno essere finanziate le seguenti azioni: 1. Sistema di comunicazione e di scambio di informazioni Verrà dato sostegno all operatività degli elementi comunitari dei sistemi quali CCN/CSI, sistema di verifica del movimento delle accise, sistemi di comunicazione e scambio di informazioni necessari in base alla normativa comunitaria, ecc Controlli multilaterali Sarà dato sostegno ad attività di controllo coordinate, organizzate da amministrazioni di almeno tre Paesi che abbiano un interesse e un obiettivo comuni 3. Seminari Potranno essere finanziati seminari a cui partecipino funzionari delle amministrazioni nazionali, rappresentanti della Commissione o esperti 4. Scambi di funzionari Saranno finanziati scambi di breve periodo tra funzionari di amministrazioni nazionali per svolgere una specifica attività 5. Attività di formazione Potranno essere sostenuti programmi di formazione e corsi di formazione in materia fiscale per funzionari delle amministrazioni nazionali competenti 6. Altre attività Potranno essere supportati gruppi di lavoro, attività di preparazione di controlli multilaterali, attività di benchmarking. Sportello Europa Via Boccaleone, Ferrara 12

13 BENEFICIARI: Amministrazioni tributarie nazionali SCADENZA: Il programma sarà attivo per il periodo FONTE: GUCE L 341 del 17/12/02 INFORMAZIONI: Sportello Europa Via Boccaleone, Ferrara 13

14 A BREVE UN NUOVO PROGRAMMA: 2004 Anno europeo dell educazione attraverso lo sport SCHEDA Oggetto: Azioni: A breve sarà istituito il programma : 2004 Anno europeo di educazione attraverso lo sport. Attualmente, infatti, l iniziativa è ancora in fase di proposta. Gli obiettivi del programma possono essere sintetizzati come di seguito: - sensibilizzare gli istituti educativi e le organizzazioni sportive sulla necessità di lavorare assieme allo scopo di sviluppare l educazione attraverso lo sport - sensibilizzare ai valori che lo sport può comunicare in particolare ai giovani in quanto consente loro di sviluppare capacità di impegnarsi sia individualmente che in gruppo - promuovere la mobilità degli studenti attraverso l organizzazione di incontri sportivi e multiculturali nell ambito delle attività scolastiche - stimolare lo scambio di buone pratiche sul ruolo che lo sport può svolgere nei sistemi educativi soprattutto per favorire gruppi maggiormente svantaggiati - prendere in considerazione i problemi inerenti all istruzione di giovani che aspirino a seguire carriere sportive. A. Azioni a livello comunitario 1. Riunioni e manifestazioni di portata comunitaria 2. Campagne informative e promozionali quali: - predisposizione di un logo e di uno slogan in occasione dell Anno europeo di educazione attraverso lo sport - realizzazione di una campagna informativa a livello comunitario per diffondere i valori educativi dello sport - iniziative per la diffusione di informazioni relative all Anno europeo di educazione attraverso lo sport - organizzazione di concorsi europei a scopo educativo relativamente alla tematica sportiva 3. Altre azioni: - realizzazione di un database on-line finalizzato alla divulgazione di buone prassi sull impiego dello sport come strumento educativo - realizzazione di indagini e studi per valutare l impatto dell Anno europeo dell educazione attraverso lo sport B. Azioni a livello nazionale, regionale e/o locale - manifestazioni inerenti all Anno europeo - campagne informative e diffusione di esempi di buone prassi differenti da quelle realizzate a livello comunitario - organizzazione di premi e concorsi che mettano in risalto l importanza dell educazione attraverso lo sport - indagini e studi differenti rispetto a quelli messi in atto a livello comunitario Sportello Europa Via Boccaleone, Ferrara 14

15 C. Azioni che no beneficiano di un contributo comunitario Potranno essere realizzate alcune iniziative che contribuiscono a sviluppare obiettivi del programma in oggetto da parte di organismi pubblici o privati. Tali iniziative non beneficiano del contributo comunitario, ma avranno l appoggio morale della Commissione. Strumenti di attuazione: Beneficiari: Contributo: Le Azioni relative alla sezione A, sono direttamente gestite dalla Commissione europea; mentre quelle relative all azione B sono gestite dagli Stati membri, a tale scopo ogni singolo Stato nazionale designa un organismo nazionale di coordinamento che poi provvede esso stesso a presentare alla Commissione le domande di sovvenzione. Autorità nazionali e regionali, organizzazioni sportive, istituti di insegnamento e di formazione, mass-media, organizzazioni giovanili, ONG. Per le azioni intraprese a livello comunitario il contributo sarà fino ad un massimo dell 80% delle spese ammissibili (tranne le attività di studio e di indagine di cui al punto A/3 che verranno interamente coperti da contratti di appalto). Per le azioni svolte a livello nazionale il contributo comunitario coprirà fino ad un massimo del 50% dei costi complessivi. Scadenza: Il programma sarà attivo per il periodo Fonte: Informazioni: COM (2001) 584 def. del 16/10/2001 (Proposta di decisione) GUCE C 275 del 12/11/2002 (Posizione comune) Commissione europea Direzione generale Istruzione e Cultura Sportello Europa Via Boccaleone, Ferrara 15

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Assessorato Attività Economiche Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità

Dettagli

PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE

PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE Pubblicato il Bando per la presentazione di proposte relativo al Programma Socrates a sostegno del settore dell'istruzione Obiettivi

Dettagli

Lifelong Learning Programme - Programma di apprendimento permanente

Lifelong Learning Programme - Programma di apprendimento permanente Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il trattato UE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Articolo 149 Contribuire allo sviluppo della qualità dell istruzione

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Servizio Attività Produttive Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000)

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) COME NASCE? Il programma subentra a tre programmi che sono stati operativi nel periodo 2007-2013, ovvero i programmi specifici Daphne III e

Dettagli

INDICE. COGEN CE-ASEAN Fase III INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PROGETTI DIMOSTRATIVI SU SCALA REALE 2

INDICE. COGEN CE-ASEAN Fase III INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PROGETTI DIMOSTRATIVI SU SCALA REALE 2 INDICE COGEN CE-ASEAN Fase III INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PROGETTI DIMOSTRATIVI SU SCALA REALE 2 ASEAN-UE (AUNP) INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PER IL PROGRAMMA DI RETI UNIVERSITARIE 4 DAPHNE 2000-2003

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA C 333/12 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 10.12.2010 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA Invito a presentare proposte EAC/57/10 Programma «Gioventù in azione» 2007-2013 (2010/C

Dettagli

(Progetto n 2013 1 IT1 LEO02 03685)

(Progetto n 2013 1 IT1 LEO02 03685) Programma d'azione nel campo dell apprendimento permanente (Decisione n. 1720/2006/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 15 novembre 2006 che istituisce un programma d azione) PROGRAMMA di MOBILITA

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Europa per i cittadini 2007-2013

Europa per i cittadini 2007-2013 Europa per i cittadini 2007-2013 Il Programma ha come scopo primario la promozione della cittadinanza europea attiva, ovvero il coinvolgimento diretto dei cittadini e delle organizzazioni della società

Dettagli

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

Il contributo del Programma Leonardo da Vinci al Lifelong Learning e le prospettive per la nuova fase di programmazione

Il contributo del Programma Leonardo da Vinci al Lifelong Learning e le prospettive per la nuova fase di programmazione From the Lifelong Learnig Programme to Erasmus for All Investing in high quality education and training Istituto di Istruzione Superiore Crescenzi Pacinotti di Bologna 24 maggio 2013 Il contributo del

Dettagli

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Programma UE LIFE 2014-2020 Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Regolamento UE n. 1293/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 dicembre 2013 istituisce il Programma per l ambiente

Dettagli

Bando Erasmus+ Mobilità per Studio 2015/2016

Bando Erasmus+ Mobilità per Studio 2015/2016 Bando Erasmus+ Mobilità per Studio 2015/2016 Il Programma Erasmus+ permette di vivere esperienze culturali all'estero, di conoscere nuovi sistemi di istruzione superiore e di incontrare giovani di altri

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco

Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco Fonte: Comunicazione Commissione europea al Parlamento, al Consiglio, al Comitato economico

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Principali Fonti UE di aggiornamento Eur-Lex Legislazione in vigore e in preparazione a cura dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

Persone fisiche e giuridiche aventi sede: - negli Stati Membri dell'u.e., - negli Stati associati al programma e il Centro Comune di Ricerca.

Persone fisiche e giuridiche aventi sede: - negli Stati Membri dell'u.e., - negli Stati associati al programma e il Centro Comune di Ricerca. 5FP - 5 Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo Tecnologico OGGETTO Decisione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 22 dicembre 1998 relativa al 5 Programma Quadro comunitario di finanziamento a favore

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

CAPITALE DI RISCHIO FORMALE

CAPITALE DI RISCHIO FORMALE CAPITALE DI RISCHIO FORMALE La promozione del capitale di rischio costituisce una priorità dell Unione. Varie iniziative mirano ad appoggiarne lo sviluppo, sostenendo programmi quali: ETF ETF Start Up

Dettagli

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013 PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013 Il Background del Programma LLP Dichiarazione di Bologna (1999): costruzione di uno spazio europeo dell istruzione superiore Consiglio di Lisbona (2000):

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA Bari, 27 ottobre 2014 Lorenzo Minnielli Obiettivi Il Fondo Microcredito d Impresa della Puglia è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese

Dettagli

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali 8.2 Descrizione della Misura 8.2.1 Codice e titolo della Misura Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Cod. Misura 3. 8.2.1.1 Basi giuridiche Base giuridica della Misura 3 è l Art. 16 del

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA 22.9.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 286/23 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA Invito a presentare proposte Programma Cultura (2007-2013) Implementazione del programma:

Dettagli

newsletter N.4 Dicembre 2013 Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport.

newsletter N.4 Dicembre 2013 Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. newsletter N.4 Dicembre 2013 Questo numero è stato realizzato da: Franca Fiacco ISFOL Agenzia Nazionale LLP Programma settoriale Leonardo da Vinci Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione,

Dettagli

LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva

LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva Descrizione generale Il Programma Leonardo da Vinci si propone di collegare le politiche alle pratiche nel campo dell istruzione e formazione

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda.

La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda. La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda. Ambienti di lavoro sani e sicuri Lavoriamo insieme per la prevenzione dei rischi www.healthy-workplaces.eu INVITO

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Modulo di domanda 1 Progetto per la promozione di DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE

Modulo di domanda 1 Progetto per la promozione di DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO D Dgr n. 1382 del 12/05/2009 pag. 1/10 marca da bollo Indicare il motivo di esenzione : 1 organismi di volontariato iscritti al Registro regionale di cui alla L.R.

Dettagli

3URSRVWDGLGHFLVLRQHGLILQDQ]LDPHQWRDLVHQVLGHOODUWLFROR%GHO ELODQFLR 3URJUDPPDGLERUVHGLVWXGLR8(&LQD

3URSRVWDGLGHFLVLRQHGLILQDQ]LDPHQWRDLVHQVLGHOODUWLFROR%GHO ELODQFLR 3URJUDPPDGLERUVHGLVWXGLR8(&LQD IB/1043/99IT (EN) COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE I RELAZIONI ESTERNE: POLITICA COMMERCIALE, RELAZIONI CON L AMERICA SETTENTRIONALE, L ESTREMO ORIENTE, L AUSTRALIA E LA NUOVA ZELANDA Direzione F

Dettagli

Studio Professionale AM Consulting

Studio Professionale AM Consulting La seguente scheda fornisce solo alcune informazioni di carattere generale e non è da considerarsi esaustiva, si rimandano gli approfondimenti a un momento successivo con le parti interessate. SALUTE 2008-2013

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE Davide Bonagurio DG Occupazione, Affari Sociali e Pari Opportunità Unità Italia, Malta e Romania IL CONTESTO POLITICO

Dettagli

Settore: Giovani Nome bando: Programma gioventù in azione Destinatari:

Settore: Giovani Nome bando: Programma gioventù in azione Destinatari: Settore: Giovani Nome bando: Programma gioventù in azione Destinatari: organizzazioni senza scopo di lucro o non governative. organismi pubblici locali e/o regionali. gruppi giovanili informali. enti attivi

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Allegato 3 UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Programma Sviluppo Rurale FEASR 2007 2013 Art. 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) 1698/05 Allegato

Dettagli

Click toeditmaster titlestyle

Click toeditmaster titlestyle LifelongLearningProgramme: opportunità per vivere l Europa Servizio istruzione, università e ricerca Centro risorse per l istruzione e l orientamento Punto di diffusione per il FVG delle rete Euroguidance

Dettagli

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici Europa, sostegno ed Partecipazione e reti ecomusei Interessa? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione europea In che ambiti? Con chi? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione

Dettagli

INDICE MEDIA PLUS INVITO A PRESENTARE PROPOSTE 89/2001 SOSTEGNO ALLA DISTRIBUZIONE TRANSNAZIONALE DEI FILM EUROPEI SISTEMA DI SOSTEGNO AUTOMATICO 6

INDICE MEDIA PLUS INVITO A PRESENTARE PROPOSTE 89/2001 SOSTEGNO ALLA DISTRIBUZIONE TRANSNAZIONALE DEI FILM EUROPEI SISTEMA DI SOSTEGNO AUTOMATICO 6 INDICE LINEA DI BILANCIO A - 3035 INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PER PROGETTI VOLTI A PRESERVARE I SITI DEI CAMPI DI CONCENTRAMENTO NAZISTI QUALI MONUMENTI STORICI 3 LINEA DI BILANCIO B7-6000 PER AZIONI

Dettagli

Provincia di Pordenone

Provincia di Pordenone REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE POLITICHE DEL LAVORO E POLITICHE SOCIALI Regolamento Forum delle Fattorie Sociali della Provincia di Pordenone Art. 1 1. Con la finalità di sviluppare

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento LIFELONG LEARNING PROGRAMME Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste La terra ci insegna Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Singoli cittadini e famiglie residenti nei

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo ai sensi dell art. 9 del decreto legislativo 28 agosto

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni 2 Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni www.volontariatotrentino.it 1 1. Premessa L Associazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Regione Marche Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo operativo del 18 settembre 2012, tra

Dettagli

Come accedere ai. finanziamenti dell UE. in via diretta? M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys

Come accedere ai. finanziamenti dell UE. in via diretta? M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys Come accedere ai finanziamenti dell UE in via diretta? Le risorse finanziarie del bilancio comunitario messe a disposizione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca d intesa con Il Forum delle Associazioni Nazionali dei Genitori VISTO l articolo 3 della Costituzione della Repubblica Italiana, al cui primo

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Rassegna delle principali possibilità di finanziamento a disposizione

Dettagli

Conservatorio di Musica G. Verdi di Como BANDO DI CONCORSO PER BORSE DI MOBILITA DEL PERSONALE DOCENTE E AMMINISTRATIVO

Conservatorio di Musica G. Verdi di Como BANDO DI CONCORSO PER BORSE DI MOBILITA DEL PERSONALE DOCENTE E AMMINISTRATIVO Prot. n. 291c23b del 27.01.2015 Conservatorio di Musica G. Verdi di Como ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE BANDO DI CONCORSO PER BORSE DI MOBILITA DEL PERSONALE DOCENTE E AMMINISTRATIVO premessa PROGRAMMA

Dettagli

GIOVANI INNOVATORI IN AZIENDA

GIOVANI INNOVATORI IN AZIENDA GIOVANI INNOVATORI IN AZIENDA 1. CONTESTO E OBIETTIVI GENERALI DELL INIZIATIVA L inserimento in azienda di giovani ad alta qualificazione appare sempre più come una risorsa strategica per permettere alle

Dettagli

Il Responsabile del Procedimento è individuato per gli Uffici Provinciali nel funzionario Agata Fortunato.

Il Responsabile del Procedimento è individuato per gli Uffici Provinciali nel funzionario Agata Fortunato. ALLEGATO A BANDO DI CONCORSO A PREMI A FAVORE DELLE SCUOLE PUBBLICHE D INFANZIA, PRIMARIE, SECONDARIE DI PRIMO E SECONDO GRADO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DI RIDUZIONE E/O RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 INVESTIMENTO TERRITORIALE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RURAL trainer REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dell agricoltura e riforma agro-pastorale RURAL trainer il progetto che sostiene le giovani imprese agricole della

Dettagli

L Unione europea: 500 milioni di abitanti, 27 paesi

L Unione europea: 500 milioni di abitanti, 27 paesi L Unione europea: 500 milioni di abitanti, 27 paesi Stati membri dell Unione europea Paesi candidati Dott.ssa Stefania Zanna La ricerca: investire nella società della conoscenza Spesa per ricerca e sviluppo

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1 Oggetto: Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1, art. 3, comma 2, lett. e). Fondo di garanzia etica. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale riferisce in ordine

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE DELL UNIONE EUROPEA

LA DOCUMENTAZIONE DELL UNIONE EUROPEA LA DOCUMENTAZIONE DELL UNIONE EUROPEA Come ci si può documentare sull UE? Il modo più veloce per documentarsi sull UE è la consultazione del sito ufficiale dell Unione europea (http://europa.eu), dal quale

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Criteri e modalità di erogazione dei contributi in favore dei partecipanti nazionali per la realizzazione dei progetti eleggibili a finanziamento nell ambito dell azione ERANET PLUS CORE ORGANIC PLUS.

Dettagli

Bando per l ammissione al Master Universitario di I livello in Economia e Finanza etica per lo sviluppo e la cooperazione

Bando per l ammissione al Master Universitario di I livello in Economia e Finanza etica per lo sviluppo e la cooperazione Bando per l ammissione al Master Universitario di I livello in Economia e Finanza etica per lo sviluppo e la cooperazione L Università degli Studi di Cagliari, in collaborazione con la RAS, Assessorato

Dettagli

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 Luigi Servadei Ministero Luogo e delle datapolitiche Agricole, D.G. Sviluppo Rurale Rete

Dettagli

Gestione diretta: I programmi comunitari

Gestione diretta: I programmi comunitari Gestione diretta: I programmi comunitari Modalità Strumenti Gestione diretta Programmi UE a finanziamento diretto IPA ENI 4 Strumenti geografici PI DCI Assistenza esterna EIDHR 3 Strumenti tematici IfS

Dettagli

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO Anno Accademico 2014/2015 - BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE: A) ATTIVITA CULTURALI E SOCIALI B) ATTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE UNIVERSITARIE PREMESSA Il presente bando - finanziato dall UniMoRe

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UNA SHORTLIST PER SERVIZI DI PROGETTAZIONE EUROPEA

AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UNA SHORTLIST PER SERVIZI DI PROGETTAZIONE EUROPEA AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UNA SHORTLIST PER SERVIZI DI PROGETTAZIONE EUROPEA Oggetto: Procedura di selezione per la costituzione di una short list per la fornitura di servizi di assistenza

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Struttura e fasi di selezione... 5 Modalità di presentazione delle domande... 5 Contributo

Dettagli

EUROPEAID: Europa e USA: conoscere l Europa 2015-2017. Horizon 2020: Europa in un mondo che cambia: società inclusive, innovative e riflessive

EUROPEAID: Europa e USA: conoscere l Europa 2015-2017. Horizon 2020: Europa in un mondo che cambia: società inclusive, innovative e riflessive EUROPEAID: Europa e USA: conoscere l Europa 2015-2017 EuropeAid/136813/DD/ACT/US Descrizione: La Commissione europea Delegazione USA ha lanciato un bando che ha l obiettivo di promuovere, all interno delle

Dettagli

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI 1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus promuove un avviso in collaborazione con il Fondo

Dettagli

METTI IN CIRCOLO L ENERGIA

METTI IN CIRCOLO L ENERGIA BANDO 2015 METTI IN CIRCOLO L ENERGIA Diamo energia ai migliori progetti non profit per il sociale La Fondazione di Comunità ONLUS è un ente no profit che nasce per una scelta dei 28 Comuni e dell Azienda

Dettagli

Iniziative nazionali e comunitarie nel settore del Volontariato

Iniziative nazionali e comunitarie nel settore del Volontariato Iniziative nazionali e comunitarie nel settore del Volontariato Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point Lucca, 25 febbraio 2012 Anno Europeo del Volontariato Volontariato: Libera scelta Libera

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI TIROCINI ALL ESTERO CON BORSA ERASMUS TRAINEESHIP A.A. 2014-2015

BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI TIROCINI ALL ESTERO CON BORSA ERASMUS TRAINEESHIP A.A. 2014-2015 BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI TIROCINI ALL ESTERO CON BORSA ERASMUS TRAINEESHIP A.A. 2014-2015 Art. 1 Descrizione opportunità di tirocinio La borsa Erasmus traineeship permette agli studenti

Dettagli

PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori"

PSR: Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori" La misura 112 concede un aiuto all insediamento dei giovani agricoltori attraverso l attivazione di un piano di sviluppo aziendale e l utilizzo di

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

CAMBIARE VITA, APRIRE LA MENTE VOLONTARIATO E CSV IN MOVIMENTO CON L EUROPA

CAMBIARE VITA, APRIRE LA MENTE VOLONTARIATO E CSV IN MOVIMENTO CON L EUROPA CAMBIARE VITA, APRIRE LA MENTE VOLONTARIATO E CSV IN MOVIMENTO CON L EUROPA Bologna, 30 gennaio 2014 Relatore: Laura Borlone ERASMUS! UN NUOVO PROGRAMMA EUROPEO NEL CAMPO DELL ISTRUZIONE DELLA FORMAZIONE

Dettagli

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE DELLA RICERCA Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea Quesiti più frequenti Cos è il programma quadro (PQ) di ricerca dell Unione europea? Il PQ

Dettagli

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione dei progetti 31 agosto 2011 contenuti: 1.

Dettagli

INDICE ARGO PROGRAMMA DI LAVORO ANNUALE E INVITO A PRESENTARE PROPOSTE 4

INDICE ARGO PROGRAMMA DI LAVORO ANNUALE E INVITO A PRESENTARE PROPOSTE 4 INDICE TEN - Telecom INVITO A PRESENTARE PROPOSTE RELATIVE A PROGETTI DI INTERESSE COMUNE NEL SETTORE DELLE RETI DI TELECOMUNICAZIONE TRANSEUROPEE SERVIZI GENERICI E APPLICAZIONI 2 ARGO PROGRAMMA DI LAVORO

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

BANDO 2015/4 SOSTEGNO ALLO STUDIO E AL LAVORO. 1 - Promotore e finalità del bando

BANDO 2015/4 SOSTEGNO ALLO STUDIO E AL LAVORO. 1 - Promotore e finalità del bando Fondazione Comunitaria del Ticino Olona Onlus BANDO 2015/4 SOSTEGNO ALLO STUDIO E AL LAVORO 1 - Promotore e finalità del bando La Fondazione Comunitaria del Ticino Olona Onlus promuove un bando per l individuazione

Dettagli

Programma «Europa per i Cittadini 2014-2020»

Programma «Europa per i Cittadini 2014-2020» Programma «Europa per i Cittadini 2014-2020» Firenze - maggio 2016 Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point MIBACT Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Il Programma Europa per i

Dettagli

GARANZIAHACK AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA COMPETIZIONE APP PER GARANZIAHACK

GARANZIAHACK AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA COMPETIZIONE APP PER GARANZIAHACK GARANZIAHACK AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA COMPETIZIONE APP PER GARANZIAHACK Premessa Le "app", o applicazioni software, fanno ormai parte della vita di tutti noi. L'attuale generazione di giovani

Dettagli