IL SIGNIFICATO E I CONTENUTI di una DOP e di una IGP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SIGNIFICATO E I CONTENUTI di una DOP e di una IGP"

Transcript

1 SEMINARIO Le regole a tutela del produttore e del consumatore per le produzioni di qualità DOP e IGP IL SIGNIFICATO E I CONTENUTI di una DOP e di una IGP 2 ottobre Milano Palazzo Lombardia Via M. Gioia 37 Donatella Parma Regione Lombardia DG Agricoltura Gaetano Riccardo Truglio Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari Ufficio di Milano

2 Seminario «Le regole a tutela del produttore e del consumatore per le produzioni di qualità DOP e IGP» Obiettivo del seminario è approfondire la conoscenza di regole Collaborazione di Regione Lombardia con le Autorità di controllo, ICQRF e CFS Richiesta di contributi ai Consorzi di Tutela e agli Organismi di Controllo Classificazione dei quesiti pervenuti e organizzazione degli interventi come risposta ESEMPI DI ALCUNI QUESITI PROPOSTI Sono marchi/certificazioni di qualità o di origine? Differenza tra questi aspetti e in che rapporto sono. Per quali aspetti una denominazione garantisce il consumatore? Acquistare un prodotto con denominazione d origine è garanzia di migliore qualità?

3 Qualche dato Prodotti registrati oggi in Europa 1177 in Italia 266 in Regione Lombardia 31

4 Prodotti DOP e IGP extraeuropei Shaanxi ping puo DOP varietà di mela CINA Guanxi Mi You DOP pomelo agrume CINA Lixian Ma Shan Yao IGP tubero simile alla patata CINA Pinggu da tao DOP ortofrutticolo CINA Dongshn bai lu sun DOP ortofrutticolo CINA Jinxiang Da Suan IGP ortofrutticolo CINA Yancheng long xia IGP - pesce CINA Longkou Fen Si IGP pasta alimentare (amido di fagiolini e piselli) CINA Longjing cha DOP Tè verde CINA Zhenjiang Xiang Cu IGP aceto riso fermentato invecchiato CINA Cafè de Colombia DOP caffè COLUMBIA Camarão da Costa Negra DOP pesce BRASILE Antep Baklavasi / Gaziantep Baklavasi IGP pasticceria TURCHIA Kafae Doi Chaang /กาแฟดอยช าง IGP caffè TAILANDIA Kafae Doi Tung / กาแฟดอยต ง IGP caffè TAILANDIA 4

5 Prodotti DOP e IGP in Lombardia FORMAGGI 1. Bitto DOP 2. Formai de mut dell Alta Val Brembana DOP 3. Gorgonzola DOP 4. Grana Padano DOP 5. Parmigiano Reggiano DOP 6. Provolone Valpadana DOP 7. Quartirolo lombardo DOP 8. Taleggio DOP 9. Valtellina Casera DOP 10. Formaggella del luinese DOP 11. Salva cremasco DOP 12. Nostrano Valtrompia DOP 13. Strachitunt DOP OLI MIELE 1. Laghi Lombardi DOP 2. Garda DOP 1. Miele varesino DOP Ottobre prodotti SALUMI 1. Bresaola della Valtellina IGP 2. Cotechino Modena IGP 3. Mortadella Bologna IGP 4. Salame Brianza DOP 5. Salame Varzi DOP 6. Zampone Modena IGP 7. Salamini italiani alla cacciatora DOP 8. Salame d oca di Mortara IGP 9. Salame Cremona IGP 10. Coppa Parma IGP 1. Pera mantovana IGP 2. Mela di Valtellina IGP 3. Melone mantovano IGP PESCI 1. Salmerino del Trentino IGP 2. Trota del Trentino IGP FRUTTA Asparago di Cantello Miele di Valtellina Salame bergamasco Salame mantovano Silter PNT Più 5 NUOVE RICHIESTE 5

6 Il significato e i contenuti di una DOP e IGP

7 Il contenuto di una DOP e di una IGP Differenza tra prodotto tradizionale:.. ottenuto in modo tradizionale prodotto tipico: che è di quel luogo tipico di quel territorio. Il prodotto tradizionale sottolinea un collegamento con il passato, con una tradizione produttiva storica che non ha voluto o potuto adeguarsi alle tecniche moderne e standardizzate, almeno per un qualche aspetto rilevante che conferisce loro una qualche specificità, mentre il legame con il territorio risulta più sfumato. (Arfini, Belletti, Marescotti, 2010) Il prodotto tipico può essere definito come «un prodotto che presenta alcuni attributi di qualità unici che sono espressione delle specificità di un particolare contesto territoriale in cui il processo produttivo si realizza» (Belletti, Brunori, Marescotti, Pacciani e Rossi, 2006)

8 Il contenuto di una DOP e di una IGP I fattori rilevanti nel determinare la tipicità del prodotto agroalimentare possono essere raccolti intorno a tre assi: 1) La specificità delle risorse locali impiegate nel processo produttivo 2) La storia e la tradizione produttiva 3) La dimensione collettiva e la presenza di conoscenze condivise a livello locale (Barjolle, Boisseaux e Dufour, 1998; Bèrard e Marchenay, 1995; Casabianca et al., 2005; Rocchi e Romano, 2006) Un prodotto agroalimentare tipico è l esito di un processo storico collettivo e localizzato di accumulazione di conoscenze contestuali che si fonda su di una combinazione di risorse territoriali specifiche sia di natura fisica che antropica che dà luogo a un legame forte, unico e irriproducibile col territorio di origine. (Belletti, Brunori, Marescotti, Pacciani e Rossi, 2006)

9 Denominazione d Origine Protetta Reg. (UE) n. 1151/2012 sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari E un nome che identifica un prodotto, originario di un luogo, regione o, in casi eccezionali, di un paese determinato la cui qualità o le cui caratteristiche sono dovute essenzialmente o esclusivamente ad un particolare ambiente geografico ed ai suoi intriseci fattori naturali ed umani e le cui fasi di produzione avvengono nell'area geografica delimitata

10 Indicazione Geografica Protetta Reg. (UE) n. 1151/2012 sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari E nome che identifica un prodotto originario di un determinato luogo, regione o paese alla cui origine geografica sono essenzialmente attribuibili una data qualità; la reputazione o altre caratteristiche e la cui produzione si svolge per almeno una delle sue fasi nella zona geografica delimitata

11 Il significato di QUALITA Cos è la qualità di un prodotto agricolo/agroalimentare DOP e IGP? Definizione di qualità definizione difficile non può essere univoca è una percezione soggettiva deve essere definita rispetto alla capacità di un dato bene/servizio di soddisfare i bisogni dei consumatori I consumatori chiedono di conoscere il prodotto acquistato e la sua origine Il prodotto tipico DOP o IGP è fortemente radicato sul territorio di origine e quindi porta con se i valori legati alla sua zona di produzione: risorse naturali, umane, ambientali presenti su quel territorio QUALITA (valore) = ORIGINE

12 Il significato di QUALITA Per questa loro potenzialità i prodotti tipici DOP e IGP - sono fortemente a rischio di IMITAZIONE e USURPAZIONE del NOME, quindi è necessaria un azione pubblica di tutela e sostegno. Regolamento CE 2081/1992 Regolamento CE 510/2006 Regolamento UE 1151/2012

13 Protezione DOP e IGP I nomi registrati sono protetti contro: Impieghi commerciali che sfruttano la notorietà del nome protetto Usurpazioni, imitazioni o evocazioni del nome registrato Qualsiasi altra pratica che possa indurre in errore il consumatore sulla vera origine del prodotto Le denominazioni registrate non diventano generiche Gli Stati Membri adottano le misure amministrative e giudiziarie per prevenire l uso illecito Gli Stati Membri designano le autorità incaricate di adottare tali misure

14 Il significato e i contenuti di una DOP e IGP Una denominazione d origine è uno strumento giuridico di difesa per quei prodotti le cui qualità dipendono dalle particolarità di un territorio e non sono riproducibili in altre zone Può diventare anche un marchio prodotto e del suo territorio di valorizzazione del 14

15 Provenienza dei mangimi e delle materie prime e ancora sul legame con la zona d origine Reg. delegato (UE) n. 664/2014 art. 1 Per i prodotti DOP di origine animale, i mangimi provengono integralmente dalla zona geografica delimitata Se non è possibile garantire questo si possono utilizzare mangimi di altra provenienza a CONDIZIONE che le CARATTERISTICHE del prodotto,dovute all ambiente geografico non vengano compromesse. I mangimi che NON provengono dalla zona geografica delimitata NON possono in ogni caso superare il 50% di sostanza secca su base annuale. Reg. di esecuzione (UE) n. 668/2014 art. 3 Il disciplinare di un prodotto di origine animale il cui nome è registrato come DOP contiene NORME DETTAGLIATE sull origine e la qualità dei mangimi.

16 QUESITO: Modifiche al disciplinare, strumenti e metodi Reg. (UE) 1151/2012 GUUE L343 del 14/12/2012 articolo 53 Decreto 14 ottobre 2013 GU n.251 del 25/10/ articolo 13 Reg. delegato (UE) 664/2014 GUUE L179 del 19/06/2014 articolo 6 Reg. di esecuzione (UE) n. 668/2014 GUUE L179 del 19/06/2014 articolo 10

17 QUESITO : Protezione transitoria, Limiti, spessore giuridico, misure di tutela, ordinamenti regolamentari e legislativi effettivamente praticabili a livello nazionale. Reg. UE 1151/2012, art. 9 e DM 14 ottobre 2013, art. 12 Deve essere presentata richiesta da parte del soggetto che ha chiesto la registrazione della denominazione Accordata dallo SM (Mipaaf) con decreto e entra in vigore successivamente al decreto di autorizzazione dell organismo di controllo e del relativo piano dei controlli Possono usare il nome oggetto di protezione solo gli operatori assoggettati al sistema dei controlli Etichettatura: nome del prodotto + «in protezione nazionale transitoria», VIETATO utilizzare DOP/IGP e simboli comunitari Efficacia solo nazionale La protezione decade all atto della registrazione o dal ritiro della registrazione

18 Riferimenti bibliografici Arfini F., Belletti G., Marescotti A. «Prodotti tipici e denominazioni geografiche Strumenti di tutela e valorizzazione» Quaderni Gruppo 2013 Ed Tellus, 2010 Belletti G., Brunori G., Marescotti A., Pacciani A., Rossi A., «Il processo di valorizzazione delle produzioni agroalimentari tipiche», in: Rocchi B., Romano D. (a cura di), Tipicamente buono. Concezioni di qualità lungo la filiera dei prodotti agro-alimentari in Toscana, Franco Angeli, Milano, 2006 Barjolle D., Boisseaux S., Dufour M., «Le lien au terroir. Bilan des travaux de recherche», Eth Istitut d èconomie rurale, Lausanne, 1998 Bèrard L., Marchenay P., «Lieux, temps, et preuves: la construction social des produits de terroir», Terrain, n.24, 1995 Canali G., «Verso una politica europea della qualità agroalimentare. Quali strumenti per la competitività?» Gruppo 2013 Working paper, n. 14 settembre 2010 Casabianca F. et al., «Terroir et Typicité: deux concepts-clés des Appellations d Origine Controlée. Essai de définitions scientifiques et opérationnelles, Symposium international «Territories et enjeux du développement Régional», Lyon, 2005 Rocchi B., Romano D., (a cura di), Tipicamente buono: concezioni di qualità lungo la filiera dei prodotti agro-alimentari in Toscana, Franco Angeli, Milano, 2006

19 Attori del sistema DOP/IGP Gaetano Riccardo Truglio domande Valore giuridico del Piano dei controlli Utilizzo da parte del Consorzio di strumenti di tutela in forma diretta Consorzi incaricati in Erga Omnes, cosa significata È obbligatorio essere soci di un consorzio di tutela Diritti ed obblighi di un produttore di DOP/IGP non socio del consorzio nei confronti dello stesso Funzioni e rapporti con gli enti preposti al controllo Sovrapposizione dei controlli nel sistema DOP/IGP e minor controllo sugli alimenti generici 19

20 Attori del sistema Mipaaf Icqrf Ar. 36 Reg. UE n.1151/2012 Organismi di controllo Ar. 37 Reg. UE n. 1151/2012 Consorzi di tutela Art. 3 Reg. n. 1151/2012 Art. 14 L.526/

21 Autorità competente Art. 36 Reg. (UE) n del 21 novembre 2012 sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari Art. 31 DM 14 ottobre 2013 Disposizioni nazionali per l attuazione del Reg. n. 1151/2012 sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari in materia di DOP, IGP e SGT l autorità competente allo svolgimento dei controlli ufficiali intesi a verificare l adempimento degli obblighi giuridici connessi ai regimi di qualità DOP/IGP/ST G di cui al Reg. (UE) n. 1152/ 2012 è il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari 21

22 Organismo di controllo Reg. n del 21 novembre 2012 Art Le autorità competenti possono delegare, conformemente all art. 5 del Reg. CE n. 882/2004 compiti specifici riguardanti i controlli ufficiali sui regimi di qualità a uno o più organismi di controllo 2 Tali organismi sono accreditati in conformità alla norma europea EN o della guida ISO/CEI 65 3 L accreditamento può essere effettuato solo da un organismo nazionale di accreditamento nell unione, conformemente alle disposizioni del Reg. (CE) n. 765/

23 Comma 2, art. 53, Legge n. 128 del 24 aprile1998 L attività di controllo di cui all art.10 del regolamento (CEE) n /92 è svolta da organismi privati autorizzati con decreto del Ministero per le politiche agricole, sentite le Regioni 23

24 DM 29 maggio 1998 Individuazione delle procedure le autorizzazione degli organismi di controllo privati in materia di indicazioni geografiche protette e delle denominazioni origine protette Allegato A disponga di procedure di controllo, di verifica, di accertamento delle DOP/IGP, che: a) Attuino tutte le prescrizioni in proposito impartite dal disciplinare finalizzate all uso b) Concorrano a definire un quadro probante di misure intese ad assicurare che i prodotti siano continuativamente conformi ai requisiti di origine, di processo e finali del disciplinare c) Svolgano secondo metodologie prestabilite le attività di controllo, verifica e prova d) Prevedano chiare indicazioni delle circostanze e delle condizioni che accertano le non conformità ai fini dell ottenimento della DOP e IGP e delle corrispondenti conseguenze e) Siano sistematicamente documentate e registrate 24

25 DM 14 0ttobre 2013 Disposizioni nazionali per l attuazione del Reg. n. 1151/2012 sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari in materia di DOP, IGP e SGT Comma 2, art. 31: Ai controlli ufficiali intesi a verificare l adempimento degli obblighi giuridici connessi ai regimi di qualità DOP/IGP/STG per tutti prodotti contemplati dall allegato I del Reg. (UE) n. 1151/2012 si applicano le procedure e le prescrizioni stabilite dal reg. (CE) n. 882/

26 Consorzio di tutela Art. 3, punto 2, e art. 45 Reg. (UE) n.1151/2012: Gruppi e ruolo dei gruppi Un gruppo può contribuire a garantire che la qualità, la notorietà e l autenticità dei propri prodotti sia garantita sul mercato monitorando l uso del nome negli scambi commerciali 26

27 Consorzi di tutela DM 12 aprile 2000 e seguenti Art. 1 Disposizioni generali ai requisiti di rappresentatività dei consorzi di tutela delle denominazioni di origine protette (DOP) e delle indicazioni geografiche protette (IGP) 1 i consorzi di tutela delle DOP e delle IGP sono costituiti ai sensi dell art e seguenti del codice civile 2 svolgono, su incarico del Mipaaf, le funzioni di cui al comma 15 dell art. 14 della Legge 21 dicembre 1999, n

28 Consorzi di tutela Art.2 3 i costi derivanti dalle attività attribuite ai sensi del comma 15 dell art. 14 della Legge 21 dicembre 1999, n. 526, ai consorzi di tutela delle DOP e IGP, incaricati dal Mipaaf, sono posti a carico di tutti i soggetti che aderiscono al Consorzio e dei soggetti produttori ed utilizzatori della DOP o IGP, anche se non aderenti al Consorzio 28

29 Consorzi di tutela D M 12 ottobre 2000 Collaborazione dei Consorzi di Tutela delle DOP IGP con l Ispettorato centrale repressione frodi nell attività di vigilanza, tutela e salvaguardia delle DOP e IGP 1 I consorzi di tutela delle DOP e IGP, riconosciuti dal Mipaaf collaborano con l ICQRF nell espletamento delle attività di vigilanza, tutela e salvaguardia delle DOP e IGP 2 Le attività di cui al comma 1, da svolgersi prevalentemente alla commercializzazione, consistono. a) nella verifica che le produzioni tutelate, per le quali sia completata l attività di certificazione da parte dell organismo di controllo autorizzato, rispondano ai requisiti qualitativi previsti dai disciplinari, 29

30 Consorzi di tutela b) nella vigilanza sui prodotti similari, prodotti e/o commercializzati sul territorio dell UE, che con false indicazioni sull origine, la specie, la natura e la qualità specifiche dei prodotti medesimi, possano ingenerare confusione nei consumatorie recare danni alle DOP e IGP nazionali c) gli agenti vigilatori dei consorzi di tutela delle DOP e IGP in nessun modo possono effettuare attività di verifica sugli organismi di controllo, né possono svolgere attività di autocontrollo sulle produzioni 30

31 Altri attori Tanti attori con competenze di controllo su DOP e IGP? ICQRF NAC CFS Guardia Costiera - Capitaneria di porto Consorzi tutela NAS ASL Agenzia delle Dogane GdF 31

32 Altri attori DL 91/2014 Campo libero convertito con modificazioni, dalla L. n. 116 del 11 agosto 2014 Art 1 1 Al fine di assicurare l esercizio unitario dell attività ispettiva nei confronti delle imprese agricole e l uniformità di comportamento degli organi di vigilanza i controlli ispettivi sono effettuati in modo coordinato evitando sovrapposizioni e duplicazioni 2 al fine di evitare duplicazioni e sovrapposizioni nei procedimenti di controllo e di recare il minor intralcio è istituito, con decreto del Mipaaf, di concerto con il Ministero dell Interno, presso il Mipaaf il registro unico dei controlli ispettivi 32

33 DOP e IGP Troppi controlli e i generici? conferenza stampa del Ministro Martina del 18 settembre ICQRF, NAC, CFS, Guardia Costiera Capitaneria di porto primi 8 mesi del 2014: controlli sequestri di prodotti alimentari per 32 milioni di euro sanzioni 33

34 Grazie per l attenzione

Attività di controllo sulle produzioni IGP-DOP

Attività di controllo sulle produzioni IGP-DOP Attività di controllo sulle produzioni IGP-DOP Nadia Disanti Bologna, 09/10/2014 1 1 Check Fruit srl Check Fruit è un organismo di certificazione in grado di offrire una serie di servizi dedicati al settore

Dettagli

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 Indirizzi per l attività di gestione degli elenchi regionali degli operatori biologici e dei concessionari

Dettagli

L accreditamento a garanzia della qualità e della sicurezza dei prodotti alimentari: il ruolo di ACCREDIA.

L accreditamento a garanzia della qualità e della sicurezza dei prodotti alimentari: il ruolo di ACCREDIA. ACCREDIA L ente italiano di accreditamento LE SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER LA CARTA DI MILANO LOTTA ALLE CONTRAFFAZIONI, DIAGNOSTICA PER CONTROLLO QUALITÀ, QUALITÀ DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI L accreditamento

Dettagli

Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari

Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari Le attività dell Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari L Ispettorato è organo di

Dettagli

PROFESSIONE: AGENTE VIGILATORE Corso di formazione per l attivitl

PROFESSIONE: AGENTE VIGILATORE Corso di formazione per l attivitl PROFESSIONE: AGENTE VIGILATORE Corso di formazione per l attivitl attività di vigilanza nel comparto dei formaggi D.O.P. 18-19 GIUGNO 2012 NAPOLI Tra gli scopi fondamentali che la legge attribuisce ai

Dettagli

Certificazione dei prodotti agricoli: le esperienze del mondo produttivo. A cura del dott. Franco Parola

Certificazione dei prodotti agricoli: le esperienze del mondo produttivo. A cura del dott. Franco Parola Certificazione dei prodotti agricoli: le esperienze del mondo produttivo A cura del dott. Franco Parola Tracciabilità - Rintracciabilità Lotti - Filiera Dal campo alla tavola La filiera è l insieme di

Dettagli

TRADIZIONE & CULTURA

TRADIZIONE & CULTURA PALATIPICO MODENA TRADIZIONE & CULTURA Le Produzioni Agroalimentari Modenesi D.O.P. e I.G.P. Corso 30560 MARKETING STRATEGICO Laurea in Economia e marketing nel sistema agro-industriale Facoltà di Agraria

Dettagli

I PRODOTTI AGROALIMENTARI TIPICI. Prof. Franco Di Giacomo

I PRODOTTI AGROALIMENTARI TIPICI. Prof. Franco Di Giacomo I PRODOTTI AGROALIMENTARI TIPICI Prof. Franco Di Giacomo I diversi aspetti della qualita Qualità definita: Insieme delle caratteristiche di un bene/servizio/prodotto, che soddisfa le esigenze implicite

Dettagli

ALLEGATO _B_ Dgr n. 199 del 12/02/2008 Pagina 200 di 218

ALLEGATO _B_ Dgr n. 199 del 12/02/2008 Pagina 200 di 218 ALLEGATO _B_ Dgr n. 199 del 12/02/2008 Pagina 200 di 218 MISURA : 132- PARTECIPAZIONE A SISTEMI DI QUALITÀ ALIMENTARE 1. DESCRIZIONE DELLA MISURA/SOTTOMISURA/AZIONE 1.1- Descrizione generale La misura

Dettagli

L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende biologiche.

L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende biologiche. OGGETTO: 14/PQ = Il Controllo Dei Prodotti Biologici In Italia 1 L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende

Dettagli

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA I T A L I A N O EXPO 2015 I marchi DOP e IGP sono marchi di qualità che vengono assegnati dalla Commissione Europea. I requisiti per il riconoscimento

Dettagli

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali 8.2 Descrizione della Misura 8.2.1 Codice e titolo della Misura Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Cod. Misura 3. 8.2.1.1 Basi giuridiche Base giuridica della Misura 3 è l Art. 16 del

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

L attività dell ICQRF nel comparto dei fertilizzanti

L attività dell ICQRF nel comparto dei fertilizzanti Salone Internazionale della Ricerca, Innovazione e Sicurezza Alimentare Tavola Rotonda Sicurezza alimentare: il controllo su frodi e qualità dei fertilizzanti Società Umanitaria, Milano L attività dell

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

5.3.1.3.2 Partecipazione degli agricoltori a sistemi di qualità alimentare

5.3.1.3.2 Partecipazione degli agricoltori a sistemi di qualità alimentare 5.3.1.3.2 Partecipazione degli agricoltori a sistemi di qualità alimentare Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 20 (c) (ii) e art. 32 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 22 e punto 5.3.1.3.2.

Dettagli

Vantaggi e percorso dei prodotti di qualità a denominazione

Vantaggi e percorso dei prodotti di qualità a denominazione Vantaggi e percorso dei prodotti di qualità a denominazione Legnago, 04/12/2015 dr.ssa Alessandra Scudeller Sezione Competitività Sistemi Agroalimentari 1 La POLITICA EUROPEA dei PRODOTTI DI QUALITÀ, fa

Dettagli

Definizioni. Verbale di controllo ispettivo. Modalità e termini per la gestione delle non conformità

Definizioni. Verbale di controllo ispettivo. Modalità e termini per la gestione delle non conformità Decreto Dipartimentale 26 settembre 2014 n. 18096 (pubblicazione sul sito internet del MiPAAF).- Individuazione dei tempi e delle modalità di gestione dei provvedimenti adottati dagli Organismi di controllo

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 14/15 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a KM 0

Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a KM 0 Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a Valorizzazione produzioni agro alimentari di qualità Premessa Cosa si intende per consumo a KM 0? prodotti provenienti da areali di

Dettagli

Il piano dei controlli nella produzione e valorizzazione di DOP e IGP

Il piano dei controlli nella produzione e valorizzazione di DOP e IGP Valorizzazione del prodotto agroalimentare Denominazioni geografiche: sistemi si controllo e di certificazione Il piano dei controlli nella produzione e valorizzazione di DOP e IGP Gianni Comba Dir. Istituto

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

Incontro tecnico Marano 5.09.2012

Incontro tecnico Marano 5.09.2012 Incontro tecnico Marano 5.09.2012 Ministero politiche agricole alimentari e forestali ICQRF - Ufficio Dirigenziale di Conegliano 2 L attività di controllo dell Ispettorato consiste in verifiche ed accertamenti,

Dettagli

5.3.1.3.2 MISURA 132 - Sostegno agli agricoltori che partecipano ai sistemi di qualità alimentare

5.3.1.3.2 MISURA 132 - Sostegno agli agricoltori che partecipano ai sistemi di qualità alimentare 5.3.1.3.2 MISURA 132 - Sostegno agli agricoltori che partecipano ai sistemi di qualità alimentare Riferimenti normativi Articolo 32, Regolamento CE 1698/05 Articolo 22 del Regolamento CE n. 1974/2006 e

Dettagli

MARCHI DI TUTELA PROGETTO SCUOLA 21. Vimercate, Dicembre 2014. Docente: Elisabetta Castellino

MARCHI DI TUTELA PROGETTO SCUOLA 21. Vimercate, Dicembre 2014. Docente: Elisabetta Castellino MARCHI DI TUTELA Vimercate, Dicembre 2014 Docente: Elisabetta Castellino MARCHI DI TUTELA 1/4 Nel patrimonio agroalimentare italiano possiamo annoverare oltre: 400 Formaggi 250 Salumi 800 Vini 120 conserve

Dettagli

ATLANTE DEI PRODOTTI DOP E IGP DEL VENETO. www.veneto.to

ATLANTE DEI PRODOTTI DOP E IGP DEL VENETO. www.veneto.to ATLANTE DEI PRODOTTI DOP E IGP DEL VENETO www.veneto.to Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Organismo responsabile dell informazione: Veneto Agricoltura Autorità

Dettagli

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Avv. Chiara Marinuzzi G a e t a n o F o r t e Studio Legale Seminario Legacoop - Bologna, 3

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il decreto-legge 18 giugno 1986, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 1986, n. 462, che all articolo 10 ha previsto l istituzione dell Ispettorato Centrale Repressione Frodi

Dettagli

Relazione annuale al PNI - 2014

Relazione annuale al PNI - 2014 Relazione annuale al PNI - 2014 Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali - Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari Attività svolte

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. n 5442 Decreto Ministeriale recante la procedura a livello nazionale per la registrazione delle DOP e IGP ai sensi del Regolamento (CE) n. 510/2006. Visto il regolamento (CE) n. 510/2006 del Consiglio

Dettagli

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC OTTOBRE 2009 PREMESSA La normativa in materia di classificazione ed etichettatura

Dettagli

Disciplinare di produzione Regolamento d uso del Marchio Collettivo Pizzoccheri della Valtellina

Disciplinare di produzione Regolamento d uso del Marchio Collettivo Pizzoccheri della Valtellina Disciplinare di produzione Regolamento d uso del Marchio Collettivo Pizzoccheri della Valtellina Art. 1. Denominazione - marchio Il regolamento d uso del Marchio Collettivo per i Pizzoccheri della Valtellina

Dettagli

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. PARTE PRIMA Roma - Venerdì, 9 maggio 2014 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. PARTE PRIMA Roma - Venerdì, 9 maggio 2014 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI SERIE GENERALE Spediz. abb. post. - art. 45% 1, - comma art. 2, 1 comma 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46662 - Filiale - Filiale di Roma di Roma GAZZETTA Anno 155 - Numero 106 UFFICIALE DELLA

Dettagli

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Ismea Direzione Mercati e Risk management e.deruvo@ismea.it (06 85568460) 1 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 1. I riconoscimenti Alla fine di

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA Articolo 1 La Regione Campania istituisce e gestisce il marchio collettivo di qualità denominato Sapore di Campania, con le seguenti finalità:

Dettagli

28-8-2014. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 199

28-8-2014. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 199 Acquisito il parere del Comitato Þ tosanitario nazionale, di cui all art. 52 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 214, espresso nella seduta del 24 e 25 febbraio 2014; Acquisito il parere favorevole

Dettagli

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI DM MINPOLAF 10_11_09 Pag: 1 DECRETO MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI 10 novembre 2009. Disposizioni nazionali relative alle norme di commercializzazione dell olio di oliva. (10A00315).

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 16 febbraio 2012 Sistema nazionale di vigilanza sulle strutture autorizzate al controllo delle produzioni agroalimentari regolamentate.

Dettagli

PROGETTO PER LA REGISTRAZIONE DEL LOGO DEI PRODOTTI DOP ED IGP E PER LA LORO TUTELA LEGALE IN CAMPO INTERNAZIONALE

PROGETTO PER LA REGISTRAZIONE DEL LOGO DEI PRODOTTI DOP ED IGP E PER LA LORO TUTELA LEGALE IN CAMPO INTERNAZIONALE PROGETTO PER LA REGISTRAZIONE DEL LOGO DEI PRODOTTI DOP ED IGP E PER LA LORO TUTELA LEGALE IN CAMPO INTERNAZIONALE QUADRO DI RIFERIMENTO L Italia è il primo paese in Europa per numero di prodotti registrati

Dettagli

CURRICULUM VITAE di GLORIANNA LEMMO INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE di GLORIANNA LEMMO INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE di GLORIANNA LEMMO INFORMAZIONI PERSONALI Data di nascita: 03/12/1962 Qualifica: Funzionario amministrativo Amministrazione: Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Segreteria

Dettagli

L.R. 06 Novembre 2006, n. 15 Disposizioni urgenti in materia di organismi geneticamente modificati (1) SOMMARIO

L.R. 06 Novembre 2006, n. 15 Disposizioni urgenti in materia di organismi geneticamente modificati (1) SOMMARIO L.R. 06 Novembre 2006, n. 15 Disposizioni urgenti in materia di organismi geneticamente modificati (1) SOMMARIO Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Divieti di coltivazione e di allevamento di OGM. Disposizioni

Dettagli

Ministero delle. politiche agricole. alimentari e. forestali

Ministero delle. politiche agricole. alimentari e. forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA STATI GENERALI IG A EXPO, MIPAAF: ACCORDO CON GDO PER PROMOZIONE PRODOTTI DOP E IGP IN ITALIA MARTINA: RAFFORZATA LOTTA ALLA

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE AGRICOLTURA 16 dicembre 2015, n.728

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE AGRICOLTURA 16 dicembre 2015, n.728 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE AGRICOLTURA 16 dicembre 2015, n.728 Reg. (CE) n. 1308/2013 D.M. 23 gennaio 2006 Programma finalizzato al miglioramento della produzione e commercializzazione dei prodotti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA BANDO PUBBLICO

REPUBBLICA ITALIANA BANDO PUBBLICO Prot. n. 16281 del 31/03/2016 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale dell Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea Dipartimento Regionale Agricoltura Area 7 Brand

Dettagli

CERTIQUALITY. Area Certificazione di Prodotto. Luca Ciampelli Cremona 27 Ottobre 2004

CERTIQUALITY. Area Certificazione di Prodotto. Luca Ciampelli Cremona 27 Ottobre 2004 CERTIQUALITY Area Certificazione di Prodotto Luca Ciampelli Cremona 27 Ottobre 2004 CERTIQUALITY E ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI PROFITTO SOCI FONDATORI SOCI ORDINARI 13 ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA SOCI DI

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC DICEMBRE 2009 PREMESSA L agricoltura biologica è un particolare metodo di gestione della produzione

Dettagli

Corpo Forestale dello Stato Attività in materia agroalimentare

Corpo Forestale dello Stato Attività in materia agroalimentare Corpo Forestale dello Stato Attività in materia agroalimentare La legge istitutiva L. 36/2004 s.m.i. e il ruolo del CFS Art. 1. (Natura giuridica e compiti istituzionali) 1. Il Corpo forestale dello Stato

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Misure urgenti per il miglioramento del sistema di controllo come disciplinato agli artt. 27 e seguenti del Reg. (CE) n. 834/2007 e relativi regolamenti di applicazione. VISTO il Reg. (CE) n. 834/2007

Dettagli

Allegato 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI

Allegato 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Allegato 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ADELE PARRELLA Indirizzo VIA G. FINALI 4 00179 ROMA Telefono 3495012370 Codice Fiscale PRRDLA72D65A783I

Dettagli

S. Sofia, 5-6 maggio 2011. Dott.ssa Silvia De Paulis Dott. Luca Schillaci SERVIZIO AGRO SILVO PASTORALE

S. Sofia, 5-6 maggio 2011. Dott.ssa Silvia De Paulis Dott. Luca Schillaci SERVIZIO AGRO SILVO PASTORALE Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga Servizio Agro Silvo Pastorale I marchi di qualità e le Aree Protette: l esperienza del Parco Gran Sasso Laga S. Sofia, 5-6 maggio 2011 Dott.ssa Silvia

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO ALIMENTAZIONE 5 agosto 2013, n. 95

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO ALIMENTAZIONE 5 agosto 2013, n. 95 28234 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 119 del 05-09-2013 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO ALIMENTAZIONE 5 agosto 2013, n. 95 Deliberazione della Giunta Regionale n. 1076 del 05/06/2012.

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO QUALITA GARANTITA DALLA REGIONE SARDEGNA

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO QUALITA GARANTITA DALLA REGIONE SARDEGNA Allegato alla Delib.G.R. n. 10/16 del 17.3.2015 REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO QUALITA GARANTITA DALLA REGIONE SARDEGNA 1/9 Riferimenti normativi Il presente regolamento è stato elaborato sulla

Dettagli

Etichettatura. Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo

Etichettatura. Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo Articolo 117 reg. 1308/13 Definizione Ai fini della presente sezione si intende per: a) etichettatura, i termini, le diciture, i marchi

Dettagli

ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE NORME?

ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE NORME? Le norme volontarie sono emesse da Enti di Normazione, questi sono nazionali o europei: ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE

Dettagli

Il pacchetto igiene e i controlli nel settore agroalimentare. Maria Severina Liberati

Il pacchetto igiene e i controlli nel settore agroalimentare. Maria Severina Liberati Corso di Legislazione alimentare Modulo di Qualità, igiene e controlli nel settore alimentare nel settore agroalimentare Maria Severina Liberati Cesena, 30 marzo 2009 1 Contesto Politica comunitaria degli

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008

Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008 Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008 Per dare evidenza dell'efficace gestione organizzativa dell'azienda. Sistema di gestione ambientale - ISO 14001:2004 Per

Dettagli

Prot.n. AI Presidente del Consiglio regionale della Campania. Dott. Paolo Romano SEDE. Oggetto: Trasmissione proposta di legge.

Prot.n. AI Presidente del Consiglio regionale della Campania. Dott. Paolo Romano SEDE. Oggetto: Trasmissione proposta di legge. / Prot.n. AI Presidente del Consiglio regionale della Campania Dott. Paolo Romano SEDE Oggetto: Trasmissione proposta di legge. Si trasmette, in allegato, Campana ad iniziativa Caldoro Presidente. la proposta

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GALLINELLA, ZACCAGNINI, BENEDETTI, MASSIMILIANO BERNINI, GAGNARLI, L ABBATE, LUPO, PARENTELA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GALLINELLA, ZACCAGNINI, BENEDETTI, MASSIMILIANO BERNINI, GAGNARLI, L ABBATE, LUPO, PARENTELA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1223 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GALLINELLA, ZACCAGNINI, BENEDETTI, MASSIMILIANO BERNINI, GAGNARLI, L ABBATE, LUPO, PARENTELA

Dettagli

Disposizioni in materia di etichettatura e di qualità dei prodotti alimentari

Disposizioni in materia di etichettatura e di qualità dei prodotti alimentari Disposizioni in materia di etichettatura e di qualità dei prodotti alimentari La Commissione Agricoltura della Camera, in sede Legislativa, ha definitivamente approvato l'ac 2260-bis-B, in materia di etichettatura

Dettagli

Prot.UMU.2012.1474 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma lì, 30 OTT. 2012 CIRCOLARE N. 45. Ai Produttori interessati

Prot.UMU.2012.1474 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma lì, 30 OTT. 2012 CIRCOLARE N. 45. Ai Produttori interessati ORGANISMO PAGATORE UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81-00185 Roma Tel. 06.494991 - Fax 06.49499940 Prot.UMU.2012.1474 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma lì, 30 OTT. 2012 CIRCOLARE N. 45 Ai Produttori interessati

Dettagli

Art. 1 Oggetto e finalità

Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO del, n. Regolamento di attuazione della legge regionale 8 agosto 2014, n. 20 Riconoscimento e costituzione dei distretti rurali, dei distretti agroalimentari di qualità e dei distretti di filiera

Dettagli

(Atti legislativi) REGOLAMENTI

(Atti legislativi) REGOLAMENTI 14.12.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 343/1 I (Atti legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1151/2012 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 novembre 2012 sui regimi di qualità

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 318 del 21/05/2015

Delibera della Giunta Regionale n. 318 del 21/05/2015 Delibera della Giunta Regionale n. 318 del 21/05/2015 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

DPREG 113/2012 Testo coordinato privo di valore legale

DPREG 113/2012 Testo coordinato privo di valore legale Regolamento recante condizioni, criteri e modalità per la concessione di finanziamenti agevolati per l anticipazione alle imprese del valore commerciale dei prodotti agricoli, in attuazione dell articolo

Dettagli

SOTTOMISURA 3.2. Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno.

SOTTOMISURA 3.2. Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno. SOTTOMISURA 3.2 Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno. La Sottomisura concede un sostegno, a copertura dei costi derivanti da attività

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

MONTAGNA DATI DI SINTESI AGRICOLTURA E FORESTE Regione Lombardia

MONTAGNA DATI DI SINTESI AGRICOLTURA E FORESTE Regione Lombardia MONTAGNA DATI DI SINTESI AGRICOLTURA E FORESTE Regione Lombardia DATI DI CONTESTO Il territorio Il territorio regionale, pari a 23.862 kmq, è caratterizzato da una compresenza di aree montuose (40,5%)

Dettagli

L Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agro-alimentari (ICQRF)

L Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agro-alimentari (ICQRF) L Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agro-alimentari (ICQRF) L ICQRF è l organo tecnico di controllo ufficiale del Ministero delle politiche agricole

Dettagli

CITTÀ DI CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI RISERVATA AGLI IMPRENDITORI AGRICOLI

CITTÀ DI CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI RISERVATA AGLI IMPRENDITORI AGRICOLI CITTÀ DI CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI RISERVATA AGLI IMPRENDITORI AGRICOLI Approvato con Deliberazione di C.C. n. 25 del 27/04/2016 REGOLAMENTO

Dettagli

DECRETO 28 luglio 2000 Approvazione dei metodi di analisi per il controllo ufficiale degli alimenti per animali - Supplemento n. 17.

DECRETO 28 luglio 2000 Approvazione dei metodi di analisi per il controllo ufficiale degli alimenti per animali - Supplemento n. 17. MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI DECRETO 28 luglio 2000 Approvazione dei metodi di analisi per il controllo ufficiale degli alimenti per animali - Supplemento n. 17. L'ISPETTORE GENERALE

Dettagli

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. Appendice Settore Agroalimentare Pagina 1/5 APPENDICE I SETTORE AGROALIMETARE 1 - Obiettivo Il presente

Dettagli

Centri di Assistenza Agricola LORO SEDI

Centri di Assistenza Agricola LORO SEDI UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro,81 0018% Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.780 Prot. N. UMU.2015.1395 (da CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 08/09/2015 All UNITAB Via Fabio Massimo,72-00192 ROMA All ONT

Dettagli

INDICAZIONI GEOGRAFICHE E. Relazione presentata in occasione del Salone della PROPRIETA INDUSTRIALE 2013 www.senaf.it

INDICAZIONI GEOGRAFICHE E. Relazione presentata in occasione del Salone della PROPRIETA INDUSTRIALE 2013 www.senaf.it INDICAZIONI GEOGRAFICHE E MARCHI COLLETTIVI : AMBITI DI PROTEZIONE E RAPPORTI RECIPROCI Avv. Nicoletta Amadei COS E UN MARCHIO Art. 7. dlgs.30/2005 Oggetto della registrazione 1. Possono costituire oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva L 12/14 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 14.1.2012 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva (codificazione)

Dettagli

Etichettatura degli alimenti e produzioni

Etichettatura degli alimenti e produzioni Etichettatura degli alimenti e produzioni alimentari tipiche PRINCIPIO FONDAMENTALE è necessario garantire la rintracciabilità dei percorsi dei mangimi e degli alimenti nonché dei loro ingredienti RINTRACCIABILITA

Dettagli

Istituzione del marchio di Denominazione Comunale di Origine di Laglio (De.C.O. Laglio) Regolamento

Istituzione del marchio di Denominazione Comunale di Origine di Laglio (De.C.O. Laglio) Regolamento Istituzione del marchio di Denominazione Comunale di Origine di Laglio (De.C.O. Laglio) Regolamento Approvato con Deliberazione della G.C. n del / /2008 Approvato con Deliberazione del C.C. n del / /2008

Dettagli

progetto pilota per l implementazione di filiere agroalimentari

progetto pilota per l implementazione di filiere agroalimentari P.R.U.S.S.T - CALIDONE PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO progetto pilota per l implementazione di filiere agroalimentari 1^ annualità Quadro Forestali posti a capo

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA Amministrazione proponente: Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. Titolo del provvedimento: Schema di decreto legislativo recante disposizioni sanzionatorie

Dettagli

MISURA 132 2. SISTEMI DI PRODUZIONE DI QUALITÀ CHE BENEFICIANO DELL AIUTO DELL AIUTO. - Ortofrutticolo - Colture aromatiche - Vitivinicolo

MISURA 132 2. SISTEMI DI PRODUZIONE DI QUALITÀ CHE BENEFICIANO DELL AIUTO DELL AIUTO. - Ortofrutticolo - Colture aromatiche - Vitivinicolo ALLEGATO 1 MISURA 132 TESTO PRECEDENTE TESTO MODIFICATO 2. SISTEMI DI PRODUZIONE DI QUALITÀ CHE BENEFICIANO 2. SISTEMI DI PRODUZIONE DI QUALITÀ CHE BENEFICIANO DELL AIUTO DELL AIUTO A) Produzione biologica

Dettagli

Le imprese della trasformazione vitivinicola nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni di origine

Le imprese della trasformazione vitivinicola nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni di origine Panel agroalimentare Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea Le imprese della trasformazione vitivinicola nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni di origine Ottobre

Dettagli

La certificazione della qualità nel sistema agro-alimentare

La certificazione della qualità nel sistema agro-alimentare La certificazione della qualità nel sistema agro-alimentare alimentare Maria Sassi Dipartimento di Ricerche Aziendale Facoltà di Economia Università di Pavia E-mail msassi@eco. @eco.unipv. La soglia della

Dettagli

REGIONE TOSCANA Angela Crescenzi Settore Produzioni agricole vegetali

REGIONE TOSCANA Angela Crescenzi Settore Produzioni agricole vegetali INCONTRO TECNICO SULLE INDICAZIONI GEOGRAFICHE DEI PRODOTTI AGRICOLI La situazione delle Indicazioni Geografiche in Toscana e ruolo della Regione Toscana nel sostegno e nello sviluppo delle IG dei prodotti

Dettagli

SISTEMI DI QUALITA. Cosa Consente Standard di riferimento

SISTEMI DI QUALITA. Cosa Consente Standard di riferimento SISTEMI DI QUALITA Standard Definizione Campo di Applicazione Obiettivo Requisiti Oggetti della Certificazione Cosa Consente Standard di riferimento ISO 9001: Sistema di Gestione per Qualità internazionale

Dettagli

Capitolo 5 MARCHIATURA E VIGILANZA

Capitolo 5 MARCHIATURA E VIGILANZA Capitolo 5 MARCHIATURA E VIGILANZA 1 5.1 VIGILANZA Per modalità di svolgimento distinguiamo questa attività in vigilanza e monitoraggio. Vigilanza in Italia Questa funzione è svolta da nostro personale

Dettagli

Regolamento del Marchio di Qualità del Parco naturale delle Prealpi Giulie

Regolamento del Marchio di Qualità del Parco naturale delle Prealpi Giulie DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DELLE PREALPI GIULIE Art. 1 Uso e concessione del Marchio di Qualità Il presente Regolamento disciplina l uso e la concessione a terzi del Marchio di Qualità (di

Dettagli

CAT Informa : approvazione DDL 2260bis: etichettatura e qualità dei prodotti alimentari.

CAT Informa : approvazione DDL 2260bis: etichettatura e qualità dei prodotti alimentari. UFFICIO LEGISLATIVO Prot. 02/2011 Modena 21 gennaio 2011 Ai Segretari di Zona Al personale Cat Loro sedi CAT Informa : approvazione DDL 2260bis: etichettatura e qualità dei prodotti alimentari. Gent.mi

Dettagli

SIB SISTEMA INTEGRATO DEL BIOLOGICO

SIB SISTEMA INTEGRATO DEL BIOLOGICO SIB SISTEMA INTEGRATO DEL BIOLOGICO MANUALE UTENTE CONSULTAZIONE DEI PROGRAMMI ANNUALI DI PRODUZIONE, PREPARAZIONE E IMPORTAZIONE VERSIONE 1.2 DEL 12/02/2014 Indice 1 Introduzione... 3 1.1 PREMESSA...

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI. DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti.

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI. DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti. NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti.it Dal 1 agosto 2009 è entrata in vigore la nuova classificazione

Dettagli

progetto pilota per l implementazione di filiere agroalimentari

progetto pilota per l implementazione di filiere agroalimentari P.R.U.S.S.T - CALIDONE PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO progetto pilota per l implementazione di filiere agroalimentari 1^ annualità Forestali Adempimenti Quadro

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con i Ministri dell interno delle politiche agricole alimentari e forestali dell ambiente e della tutela del territorio e del mare delle infrastrutture

Dettagli

VADEMECUM. Le Organizzazioni di Produttori Biologici ----------------

VADEMECUM. Le Organizzazioni di Produttori Biologici ---------------- VADEMECUM Le Organizzazioni di Produttori Biologici ---------------- L attuale normativa sulle Organizzazioni di Produttori (O.P.) è disciplinata su base europea, per quanto riguarda il settore ortofrutta,

Dettagli

Istituzione del marchio De.C.O. Denominazione Comunale di Origine. Regolamento.

Istituzione del marchio De.C.O. Denominazione Comunale di Origine. Regolamento. Istituzione del marchio De.C.O. Denominazione Comunale di Origine Regolamento. Approvato con deliberazione di C.C.n. 81 del 07/11/2005 1 INDICE Art. 1 - Finalità Art. 2 Istituzione del Registro De.C.O.

Dettagli

La Creazione di un Marchio o l adesione a Marchi già esistenti per i prodotti Ittici

La Creazione di un Marchio o l adesione a Marchi già esistenti per i prodotti Ittici La Creazione di un Marchio o l adesione a Marchi già esistenti per i prodotti Ittici Sicilia, ili 05/09 Maggio 2008 ASSAM Agenzia Servizi Settore Agroalimentare Marche istituita con la Legge Regionale

Dettagli

PRODOTTI TIPICI E DENOMINAZIONI GEOGRAFICHE. Strumenti di tutela e valorizzazione. Quaderni. di Filippo Arfini, Giovanni Belletti e Andrea Marescotti

PRODOTTI TIPICI E DENOMINAZIONI GEOGRAFICHE. Strumenti di tutela e valorizzazione. Quaderni. di Filippo Arfini, Giovanni Belletti e Andrea Marescotti PRODOTTI TIPICI E DENOMINAZIONI GEOGRAFICHE Strumenti di tutela e valorizzazione di Filippo Arfini, Giovanni Belletti e Andrea Marescotti Quaderni PRODOTTI TIPICI E DENOMINAZIONI GEOGRAFICHE Strumenti

Dettagli

Rintracciabilità e tracciabilità strumenti di valorizzazione i del prodotto

Rintracciabilità e tracciabilità strumenti di valorizzazione i del prodotto MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Direzione generale della pesca marittima e dell acquacoltura Aggiornamento in acquacoltura Corso di formazione Firenze 12/04/2013 Rintracciabilità

Dettagli

LEGGE 3 febbraio 2011, n. 4 Disposizioni in materia di etichettatura e di qualita' dei prodotti alimentari. (GU n. 41 del 19-2-2011 )

LEGGE 3 febbraio 2011, n. 4 Disposizioni in materia di etichettatura e di qualita' dei prodotti alimentari. (GU n. 41 del 19-2-2011 ) LEGGE 3 febbraio 2011, n. 4 Disposizioni in materia di etichettatura e di qualita' dei prodotti alimentari. (GU n. 41 del 19-2-2011 ) La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

CURRICULUM VITAE NICOLUCCI ROBERTO. Luogo e data di nascita: Roma - 20 aprile 1966. Residenza: Via Giovanni Alfredo Cesareo n.

CURRICULUM VITAE NICOLUCCI ROBERTO. Luogo e data di nascita: Roma - 20 aprile 1966. Residenza: Via Giovanni Alfredo Cesareo n. CURRICULUM VITAE NICOLUCCI ROBERTO Luogo e data di nascita: Roma - 20 aprile 1966 Residenza: Via Giovanni Alfredo Cesareo n. 43 00137 Roma Codice fiscale: NCL RRT 66D20 H501R Telefono ufficio: 06/46.65.67.18

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano Regolamento comunale per la disciplina del mercato per la vendita diretta dei prodotti agricoli. Approvato con delibera C.C. n 06 del 28.01.2011 (allegato

Dettagli