I nuovi parametri forensi, la proposta del CNF: una prima analisi dell auspicata novella. di Filippo Pistone

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I nuovi parametri forensi, la proposta del CNF: una prima analisi dell auspicata novella. di Filippo Pistone"

Transcript

1 Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN I nuovi parametri forensi, la proposta del CNF: una prima analisi dell auspicata novella. di Filippo Pistone Premessa. Lo scorso 3 maggio il CNF ha pubblicato la proposta relativa ai nuovi parametri tariffari prevista dal comma 6 dell art. 13 della nuova Legge Professionale. Le modifiche rispetto al passato sono evidenti: viene definitivamente abbandonato il vecchio metodo di calcolo dei compensi, in vigore fino allo scorso anno, basato sulla retribuzione di ogni singola attività, per passare ad una tariffa più semplice e trasparente (ma anche più imprecisa) dove il parametro per determinare l onorario dell Avvocato diventa ogni singola fase processuale (o attività extra processuale) sulla scorta della novella introdotta dal d.m. 140/12. L accordo scritto. Come previsto dal comma 2 dell art. 13 l.p., la regola principe per la determinazione del compenso è l accordo scritto tra Avvocato e cliente. A questo riguardo appare subito il caso di sottolineare che la forma scritta è richiesta ad substantiam giusta il predicato del terzo comma dell art del codice civile. Per quanto riguarda il contenuto dell accordo, il terzo comma dell art. 13 precisa che la pattuizione dei compensi è libera: la retribuzione può, infatti, essere determinata a tempo, in misura forfettaria, per convenzione avente ad oggetto uno o più affari, in base all assolvimento e ai tempi di erogazione della prestazione, per singole fasi o prestazioni o per l intera attività, a percentuale sul valore dell affare o su quanto si prevede possa giovarsene, non soltanto a livello strettamente patrimoniale, il destinatario

2 della prestazione. Tale elenco, da non considerarsi tassativo, deve essere coordinato, da un lato, con i doveri deontologici di correttezza, probità, dignità e decoro, dall altro, con la previsione del quarto comma, che reintroduce il divieto del patto di quota lite. Sotto il primo aspetto appare il caso di ricordare che il CNF ha più volte ribadito il divieto per l Avvocato di richiedere o di concordare compensi eccessivi o comunque non proporzionati 1, mentre sotto il secondo aspetto si evidenzia come l onorario a percentuale, lecito, sia dovuto anche in caso di esito negativo della controversia mentre il patto di quota lite, illecito, preveda, di norma, il pagamento solo in caso di vittoria. Ciò premesso, quid iuris a proposito del c.d. palmario 2? La questione è particolarmente delicata giacché la differenza con il quotalizio è molto labile. Tuttavia appare il caso di evidenziare che i nuovi parametri, di cui si tratterà più avanti, prevedono delle voci riconducibili al concetto di palmario quali il compenso per la conciliazione giudiziale della causa 3, la differenza, da attribuirsi all Avvocato, tra il pattuito col cliente e il liquidato dal giudice a carico della controparte 4 ed anche un vero e proprio premio aggiuntivo, se concordato, in caso di esito di esito particolarmente favorevole della pratica 5. In definitiva, a parte i primi due casi dove l entità del premio è determinata o determinabile in base agli stessi parametri, per definire il quantum entro cui il palmario è da considerarsi tale e, pertanto, lecito, pare opportuno richiamare la prima versione dell art. 45 del codice deontologico che predicava che è consentita la pattuizione scritta di un supplemento di compenso, in aggiunta a quello previsto, in caso di esito favorevole della lite, purché sia contenuto in limiti ragionevoli e sia giustificato dal risultato conseguito. Tornando alle tipologie di compenso enumerate dal terzo comma dell art. 13, è opportuno evidenziare le problematiche che alcune di esse potrebbero creare. Come si stabilisce quale sia il tempo congruo in caso di pattuizione a tempo? In caso di convenzione per più affari è previsto un numero minimo di affari (per i quali, in genere, l Avvocato si impegna a percepire un compenso ridotto in cambio della tacita promessa di ottenere un numero rilevante di incarichi, come di solito avviene per gli Avvocati che 1 Ex multis CNF del 20/02/13 n. 9 e CNF 15/12/06 n Ovverosia quel compenso, aggiuntivo rispetto ai normali onorari, dovuto dal cliente in seguito ad accordo, in virtù della conclusione favorevole di una lite o di una questione stragiudiziale. 3 Comma 10, art. 5 della parte normativa della materia giudiziale civile. 4 Comma 2, art. 3 della parte normativa della materia giudiziale civile. 5 Comma 2, art. 1 della parte normativa della materia giudiziale civile e di quella stragiudiziale.

3 tutelano le assicurazioni)? Qualora venga corrisposto un palmario cosa succede in caso di riforma della sentenza? E in caso di vittoria anche in Appello e un Cassazione sono dovuti ulteriori premi? La risposta ai predetti interrogativi non può che trovarsi nell accordo preventivo col cliente consacrato per iscritto in un buon contratto. Posta la centralità dell accordo scritto col cliente, diviene lecito domandarsi se questo potrebbe far rivivere le vecchie tariffe (magari rivalutate in base agli indici ISTAT). A mio parere questa opzione è da escludere in virtù del comma 6 dell art. 13 l.p. che impone all Avvocato il dovere di trasparenza nell informazione al cliente circa il costo dell attività; tuttavia le vecchie tariffe potrebbero avere un utilizzo residuale ed integrativo, se richiamate dal contratto, nel caso di anomalie processuali quali, per esempio, la concessione di numerosi e imprevedibili rinvii 6, la necessità di redigere un numero maggiore di atti rispetto alla normale dinamica del processo 7, l escussione di un numero abnorme di testimoni, magari per prova delegata o in più udienze. Nei predetti casi 8 il contratto, dopo aver spiegato sommariamente quali attività sono comprese nel compenso professionale, potrebbe lecitamente richiamare le tariffe abrogate (magari adeguate secondo gli indici ISTAT), con funzione esclusivamente integrativa ed eventuale, per le attività non comprese nell accordo e difficilmente preventivabili. Si tratterebbe di una sorta di clausola di salvaguardia per l Avvocato per tutelarsi contro l imprecisione che una pattuizione semplice e trasparente non può non comportare 9. 6 Si pensi, ad esempio, a una ripetuta essenza del giudice senza che sia stato nominato un sostituto e senza che sia avvenuta una comunicazione preventiva da parte della cancelleria o a una moltitudine di chiamate di terzo in sequenza. 7 Si pensi ad una memoria ex art. 186, comma 8 c.p.c., oppure alla necessità di redigere una memoria sorta in seguito ad una eccezione ritenuta dal giudice rilevante ex art. 187, secondo o terzo comma o, ancora, alla necessità di spiccare atti di riassunzione. 8 Ma non nel caso in cui all anomalia segua un nuovo procedimento come la querela di falso, il regolamento di competenza o il giudizio di costituzionalità o di interpretazione delle norme comunitarie da parte della Corte di Giustizia (salvo l eventuale atto di riassunzione al termine dei predetti procedimenti); in tali casi, trattandosi di nuovo processo, si applicheranno i parametri che si riferiscono al nuovo procedimento, avente carattere autonomo sebbene connesso. Appare tuttavia opportuno precisare questa eventualità nel contratto, sempre nell ottica di trasparenza e immediatezza, poste alla base delle nuove tariffe. 9 La previsione di un maggior compenso in caso di variazioni del valore della pratica o della sua complessità durante lo svolgimento dell incarico (o la necessità di ulteriori attività in materia penale) è esplicitamente prevista dal secondo comma del primo articolo delle parti normative delle tre tariffe a condizione che la pattuizione sia consacrata col cliente per iscritto.

4 Per concludere questa prima parte appare appena il caso di ricordare il divieto, in capo all Avvocato, di farsi cessionario dei crediti litigiosi sancita dall art c.c., la permanenza della solidarietà professionale sulla falsariga dall art. 68 della vecchia l.p. (comma 8), la possibilità di una conciliazione, in seno al Consiglio dell Ordine, tra cliente e Avvocato (comma 9) e la reintroduzione delle spese generali (comma 10). I parametri. I parametri [ ] si applicano quando [ ] il compenso non sia stato determinato in forma scritta (comma 6, art. 13 l.p.). Dalla lettura della norma appare subito chiaro un duplice regime di applicabilità degli stessi: in via subordinata al contratto nei rapporti con il cliente 10 e in via diretta ed immediata da parte del giudice nella liquidazione delle spese a carico del soccombente 11. I parametri sono suddivisi in una parte normativa, a sua volta suddivisa in materia giudiziale civile, amministrativa e tributaria, in materia penale e in materia stragiudiziale e in una parte tabellare composta di ben 40 differenti tabelle, di cui 25 relative alla materia giudiziale civile (comprensiva dei giudizi esecutivi e delle procedure concorsuali), due alla materia amministrativa, due a quella tributaria, una al giudizio innanzi la Corte dei Conti, otto all attività stragiudiziale (compresi i compensi per gli arbitri), una all assistenza nelle procedure di mediazione e una relativa alla materia penale. In un ottica di semplificazione, ogni singola tabella, ad eccezione di quella penale, è suddivisa in sette scaglioni 12, coincidenti con gli attuali scaglioni previsti per la determinazione del contributo unificato, mentre la parte normativa stabilisce le modalità di determinazione del compenso per le attività di valore superiore ai ,00 euro 13. Ciascuna tabella giudiziale è poi suddivisa in un massimo di sei sotto-fasi procedimentali 14 : fase di studio, fase introduttiva del giudizio, fase istruttoria e/o di trattazione, fase di decisione, compenso per le 10 Subordinata non solo nel senso che il contratto prevale sui parametri ma anche nel senso che né i minimi, né i massimi, sono in alcun modo vincolanti. 11 Quindi anche qualora vi sia un contratto col cliente che è ininfluente ai fini della liquidazione delle spese a carico del soccombente. 12 La tabella relativa ai giudizi innanzi al Giudice di Pace è suddivisa in soli tre scaglioni in ragione del modesto valore delle cause attribuite alla cognizione dello stesso. 13 Art. 7 parte normativa giudiziaria civile e art. 6 parte normativa stragiudiziale. 14 La definizione di ciascuna fase viene data dall art. 5 della parte normativa civile e dall art. 3 della parte normativa penale.

5 prestazioni post decisione e fase cautelare (presente solo nelle tabelle relative alla giustizia amministrativa e tributaria) 15, a ciascuna fase viene quindi attribuito un valore economico unico che aumenta, progressivamente, in relazione al valore economico della controversia. Nella tabella relativa ai giudizi penali gli scaglioni sono determinati non in ragione di un valore economico, bensì in ragione del giudice competente, mentre è simile alle tabelle civili la suddivisione delle sotto-fasi; l unica differenza sta nell ultima voce che, nella materia penale, è costituita dal compenso accessorio volto a remunerare il Professionista in ragione del numero delle udienze particolarmente significativo o al di fuori del circondario nel quale il Professionista è iscritto nonché per le attività istruttorie svolte in secondo grado. Rispetto agli abrogati onorari e al d.m. 140/12 i nuovi parametri non sono più compresi tra un minimo e un massimo, ma sono unici, con la possibilità, prevista dalle varie parti normative 16, di una diminuzione fino al 30% o di un aumento fino al 70% (che, in casi straordinari, potrà arrivare al 280%). Tale circostanza non è di poco conto in quanto, in sede di liquidazione delle spese del giudizio, il giudice dovrà attenersi necessariamente al valore tabellare potendo discostarsi da esso solo con decisione motivata 17 e nei limiti indicati dalla parte normativa 18. Parimenti, all eventuale richiesta di decreto ingiuntivo per il pagamento delle prestazioni professionali, non dovrà più essere allegato 15 Il numero effettivo di fasi, in ciascuna tabella, viene ridotto e/o adattato alle caratteristiche proprie di ciascun giudizio. 16 Art. 5 tariffa giudiziaria civile e art. 3 delle tariffe penale e stragiudiziale. 17 Primo comma degli articoli enumerati al punto precedente dove si precisa che il giudice dovrà obbligatoriamente tenere conto dei parametri di cui alle tabelle e, ove ricorressero i presupposti, nella liquidazione potrà motivatamente discostarsi in aumento fino al 70% ovvero in diminuzione fino al 30%. 18 Quindi tenendo conto, in materia giudiziale civile e stragiudiziale, delle caratteristiche, dell urgenza e del pregio dell attività prestata, dell importanza dell opera, natura e valore della pratica, della quantità delle attività compiute, delle condizioni soggettive del cliente, dei risultati conseguiti, del numero delle questioni trattate, dei contrasti giurisprudenziali nonché della quantità e contenuto della corrispondenza intrattenuta dall Avvocato con il cliente e con gli altri soggetti nel corso della pratica; in materia penale, della natura, complessità e gravità del procedimento, dell urgenza e del pregio dell attività prestata, della complessità dei fatti e delle questioni giuridiche da trattarsi, dell importanza delle stesse questioni, del numero delle imputazioni, dei contrasti giurisprudenziali, dell autorità giudiziaria innanzi alla quale si svolge la prestazione, della rilevanza patrimoniale, della presumibile durata, delle fasi necessarie per il compimento dell incarico, del numero dei documenti da esaminare, della continuità dell impegno anche in relazione all eventuale frequenza di trasferimenti fuori dal circondario del Consiglio dell Ordine al cui albo il Professionista è iscritto, del numero degli Avvocati che dovranno condividere il lavoro e la responsabilità della difesa, ovvero dell essere l unico difensore, nonché dell esito ottenuto anche avuto riguardo alle conseguenze civili e alle condizioni finanziarie del cliente.

6 il parere di congruità qualora l Avvocato contenga la propria richiesta nei limiti indicati dalla tabella di riferimento, giusta il predicato della seconda parte del primo comma dell art. 636 c.p.c 19. Ne consegue che l onere probatorio tra Avvocato e cliente sarà così distribuito: il Professionista dovrà provare l attività svolta e i motivi a fondamento dell eventuale richiesta di un compenso superiore rispetto ai parametri, mentre il cliente dovrà provare i motivi per cui ritiene che il compenso sia dovuto in misura inferiore (o, eventualmente, non dovuto). Per concludere è opportuno evidenziare come i minimi e i massimi tariffari, benché derogabili dall accordo tra le parti, non potranno essere infranti né in caso di richiesta di parere di congruità, né in caso di liquidazione da parte del giudice 20. Quanto ai valori economici esposti nelle varie tabelle, non si può che sottolineare il netto miglioramento rispetto agli indecorosi abbattimenti effettuati dal d.m. 140/12 ed il reale aggiornamento rispetto agli indici ISTAT degli ultimi nove anni. Da notare inoltre la reintroduzione del rimborso spese generali, determinato in ragione del 15%, l abolizione delle irrazionali e penalizzati diminuzioni di retribuzione operate dal d.m. 140 per alcune controversie di lavoro, per il gratuito patrocinio, per i casi di responsabilità aggravata, di improcedibilità, inammissibilità e improponibilità della domanda e per le cause di risarcimento in base alla legge Pinto nonché l eliminazione della penalizzante previsione che i costi degli ausiliari incaricati dal Professionista siano ricompresi tra le spese dello stesso. Come nelle previgenti tabelle il compenso per i Praticanti Avvocati è ridotto della metà. Conclusioni. I parametri proposti dal CNF sono un nuovo modo per calcolare i compensi dell Avvocato, ontologicamente diversi rispetto alle vecchie tariffe, per cui è impossibile stabilire quale dei due sistemi sia il migliore. I parametri tuttavia, a fronte di una indiscutibile maggiore semplicità e trasparenza, peccano di una minore precisione, soprattutto nei casi di anomalie nel corso del processo (che, tuttavia, come evidenziato, si può evitare con un buon contratto). Sicuramente 19 Il parere sarà invece necessario qualora l Avvocato richieda un importo superiore, sempre nei limiti e con le motivazioni previste dalle parti normative. 20 Cass /13, con motivazioni applicabili anche ai nuovi parametri.

7 la proposta del CNF è un enorme passo avanti rispetto al d.m. 140/12: viene colmata la moltitudine di lacune rispetto al decreto attualmente in vigore (quali, tra tutte, l assenza di una tariffa per le prestazioni stragiudiziali o una previsione per i compensi per gli arbitri), vengono introdotti scaglioni di valore più razionali 21 così come vengono introdotte tabelle più specifiche in base al tipo di procedimento 22 ; viene inoltre introdotta, ove opportuno, l ulteriore fase dei compensi per le prestazioni post decisione, fase illogicamente esclusa dalla normativa attualmente in vigore. Anche l unicità del compenso per ogni fase (salva la possibilità, se motivata, di aumento o diminuzione), al posto di una forbice tra due valori, come già evidenziato, è una indubbia semplificazione e indice di certezza. Di pregio, in un ottica deflattiva del processo civile, è anche la previsione di un premio per l Avvocato in caso di conciliazione giudiziale della causa, da determinarsi nella metà del compenso spettante per la fase decisionale, oltre quanto già maturato per l attività svolta. Questa rivoluzione copernicana, in definitiva, porterà diverse novità rispetto al passato. Innanzitutto cambierà il modo di stilare le note spese giudiziali: in luogo di una lunga enumerazione di voci di attività svolte, si avrà una piccola tabella con un massimo di cinque voci con allegata una breve relazione (simile a quella che si produce quando viene richiesto il parare di congruità) nella quale si spiegherà il motivo per cui si chiede un aumento rispetto al valore standard (non ritengo sia necessario, per l Avvocato, argomentare l eventuale motivo per cui viene chiesto un importo inferiore, mentre la motivazione è sempre obbligatoria per il giudice, sia in aumento, sia in diminuzione, visti gli interessi contrapposti delle parti). Allo stesso modo sarà più veloce la richiesta di decreto ingiuntivo per le prestazioni professionali, non essendo più necessario il parere di congruità per importi non superiori a quelli tabellari. Grosse novità vi saranno anche nei rapporti col cliente: l accordo con quest ultimo diventerà la regola come già adesso avviene nel campo della difesa penale. Con delle tariffe così semplificate l Avvocato avrà tutto l interesse a mettere per iscritto, all inizio del rapporto, quale sarà il suo 21 In genere, per le prestazioni civili, sei scaglioni, oltre allo scaglione per le cause di valore indeterminabile e ad un razionale criterio di calcolo dei parametri, per le cause di valore superiore a ,00, previsto dall art. 7 della parte normativa della tariffa giudiziale civile e dall art. 6 della parte normativa della tariffa stragiudiziale. 22 Si passa da una tabella di appena tre pagine comprensiva di parametri civili e penali a ben 40 tabelle differenziate in base alle peculiarità di ciascun giudizio/attività.

8 compenso; i benefici sono, infatti, molteplici: il Professionista non solo apparirà chiaro e trasparente (con indubbio beneficio per la propria immagine), ma avrà anche la possibilità di operare i correttivi che più ritiene opportuni rispetto ai parametri standard, potrà indicare le scadenze di pagamento e, soprattutto, avrà un documento scritto con il quale eventualmente ottenere un decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo. Quanto agli aspetti negativi si deve evidenziare come la tariffa stragiudiziale 23 sia carente circa l indennità di trasferta. L art. 11 prevede, infatti, che questa sia dovuta (assieme al rimborso delle spese) ma nulla dice circa alla sua entità 24 ; sarebbe opportuno reintrodurre, a questo fine, la disposizione della vecchia tariffa 25, sicuramente più semplice, trasparente e, quindi, più in linea con la ratio della normativa attuale. Appare infine il caso di evidenziare come la proposta del CNF avrebbe potuto reintrodurre il regime dell inderogabilità dei minimi tariffari, quantomeno per i soggetti diversi dai consumatori nonché l opportunità, anche questa mancata, di introdurre un automatismo dell adeguamento ISTAT biennale qualora il Ministero della Giustizia non provveda all aggiornamento previsto dal sesto comma dell art. 13 della nuova l.p. Tuttavia, nonostante questi piccoli difetti, appare opportuno che i parametri proposti dal CNF vengano approvati rapidamente (magari con una piccola modifica concernente l indennità di trasferta che non mi pare possa creare grossi problemi) sia al fine di ristabilire una retribuzione decorosa per gli Avvocati, sia al fine di colmare le innumerevoli lacune presenti nel d.m. 140, ben note agli Avvocati italiani. 23 Applicabile, a proposito di questo aspetto, anche alle posizioni giudiziali, giusta il rinvio operato dall art. 11 della parte normativa giudiziale civile e dall art. 7 della parte normativa penale. 24 Con ovvi problemi nel caso in cui l Avvocato volesse esporre questa voce in un atto di precetto. 25 Che, si ricorda, prevedeva, all art. 8, anche una indennità oraria compresa tra 10,00 e 30,00 euro per ogni ora o frazione, per un massimo di 8 ore giornaliere.

Parte I Normativa sui compensi dell avvocato

Parte I Normativa sui compensi dell avvocato Parte I Normativa sui compensi dell avvocato D.M. 10 marzo 2014, n. 55. Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense ai sensi dell art.13,

Dettagli

Sezione quarta La retribuzione del professionista. Questionario n. 4. 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29

Sezione quarta La retribuzione del professionista. Questionario n. 4. 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29 Sezione quarta La retribuzione del professionista Questionario n. 4 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29 2. Possono essere derogati i minimi tariffari?...» 31 3. Quali sono le azioni

Dettagli

Tariffa civile (Tabella A)... 20 Tariffa penale (Tabella B)... 22 Tariffa stragiudiziale (compensi indicativi )... 26

Tariffa civile (Tabella A)... 20 Tariffa penale (Tabella B)... 22 Tariffa stragiudiziale (compensi indicativi )... 26 PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato D.M. 20 LUGLIO 2012, N. 140 - Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per

Dettagli

Tariffe degli onorari, diritti e indennità spettanti agli avvocati per le prestazioni giudiziali in materia civile, amministrativa e tributaria

Tariffe degli onorari, diritti e indennità spettanti agli avvocati per le prestazioni giudiziali in materia civile, amministrativa e tributaria CAPITOLO I Allegato al decreto del ministro della Giustizia Tariffe degli onorari, diritti e indennità spettanti agli avvocati per le prestazioni giudiziali in materia civile, amministrativa e tributaria

Dettagli

PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato

PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato D.M. 20 LUGLIO 2012, N. 140 Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per le

Dettagli

da 0,01 a 1.100,00 da 2.000,01 a 60.000,00 20.000,00 1. Fase di studio della controversia da 5.200,01 a 26.000,00 52.000,00

da 0,01 a 1.100,00 da 2.000,01 a 60.000,00 20.000,00 1. Fase di studio della controversia da 5.200,01 a 26.000,00 52.000,00 TABELLE ALLEGATE AL D.M. 55/2014 COMPENSI PROFESSIONALI AVVOCATI Sono state introdotte alcune modifiche rispetto alla normativa precedente: 1) è stato reintrodotto il rimborso per spese forfettarie, che

Dettagli

NORMATIVA MATERIA GIUDIZIALE CIVILE AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA. Art. 1. Determinazione consensuale del compenso

NORMATIVA MATERIA GIUDIZIALE CIVILE AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA. Art. 1. Determinazione consensuale del compenso PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEL COMPENSO PROFESSIONALE NORMATIVA DELIBERATA NELLA SEDUTA AMMINISTRATIVA STRAORDINARIA DEL 03/05/2013 NORMATIVA MATERIA GIUDIZIALE CIVILE AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Il Presidente Avv. Prof. Guido Alpa Roma, 3 maggio 2013

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Il Presidente Avv. Prof. Guido Alpa Roma, 3 maggio 2013 CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Il Presidente Avv. Prof. Guido Alpa Roma, 3 maggio 2013 Ill.mi Signori Avvocati PRESIDENTI DEI CONSIGLI DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI PRESIDENTI

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi. Adunanza di Sezione del 20 dicembre 2012

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi. Adunanza di Sezione del 20 dicembre 2012 Numero 00161/2013 e data 18/01/2013 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 20 dicembre 2012 NUMERO AFFARE 12463/2012 OGGETTO:

Dettagli

PROPOSTA DI PARAMETRI PER L' ATTIVITÀ FORENSE

PROPOSTA DI PARAMETRI PER L' ATTIVITÀ FORENSE PROPOSTA DI PARAMETRI PER L' ATTIVITÀ FORENSE ROMA 12 MAGGIO 2012 Consiglio Nazionale Forense INDICE RELAZIONE COMMISSIONE TARIFFE NORMATIVA TABELLE RELAZIONE COMMISSIONE TARIFFE Sin dal suo insediamento,

Dettagli

Parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali

Parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali Parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali Edizioni Il Momento Legislativo s.r.l. Liquidazione giudiziale dell attività legale 2 INDICE Determinazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 20 LUGLIO 2012, N. 140 Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per le professioni regolamentate

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 5 dell 11.1.2012 DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI ART. 1 PREMESSA 1. Il presente documento disciplina il conferimento degli incarichi per

Dettagli

I compensi dell avvocato

I compensi dell avvocato I compensi dell avvocato Introduzione La disciplina dei compensi dell avvocato per l attività professionale resa in favore del cliente è dettata dall art. 13 L. 31/12/2012 n. 247, «Nuova disciplina dell

Dettagli

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Sommario: 1. Liquidazione onorari a carico del soccombente - 2. Cause di particolare importanza - 3. Liquidazione onorari a carico del cliente. Prestazione

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA DETERMINAZIONE DEL COMPENSO PROFESSIONALE SPETTANTE AGLI AVVOCATI ESTERNI

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA DETERMINAZIONE DEL COMPENSO PROFESSIONALE SPETTANTE AGLI AVVOCATI ESTERNI REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA DETERMINAZIONE DEL COMPENSO PROFESSIONALE SPETTANTE AGLI AVVOCATI ESTERNI Art. 1 Disposizioni generali Il presente regolamento disciplina in via generale i rapporti, anche

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO LEGALE DI ATENEO (D.R. N. 293 DEL 8 MAGGIO 2013 COME MODIFICATO DAL D.R. N. 43 DEL 26 GENNAIO 2015) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina il

Dettagli

I crediti dell'avvocato

I crediti dell'avvocato Alumni Litubium Claviere (TO) - 12 e 13 Dicembre 2104 I crediti dell'avvocato Nuovi e vecchi scenari dopo le recenti riforme I rapporti con i clienti 2 Prima Durante Dopo Premessa: riforma del Tariffario

Dettagli

propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato», ha

propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato», ha RELAZIONE SULLE MODIFICHE APPORTATE AL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE IN APPLICAZIONE DEL D.L. 4 LUGLIO 2006, N. 223, CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE 4 AGOSTO 2006, N. 248. A distanza di poco più

Dettagli

Parametri d.m. 140/2012

Parametri d.m. 140/2012 Parametri d.m. 140/2012 Allegato a Il Notiziatio Novembre 2012 TABELLE DELLE NOTE SPESE E PROSPETTI DEI COMPENSI PROFESSIONALI PROCEDIMENTI DI INGIUNZIONE - TRIBUNALE pag 2 PARAMETRI d.m. 20 luglio 2012,

Dettagli

Nuovi Parametri per l Avvocato

Nuovi Parametri per l Avvocato Nuovi Parametri per l Avvocato Edizioni Il momento Legislativo s.r.l. Il Compenso giudiziale dell avvocato con CD-Rom Il volume, in formato 18x25, riporta il testo del Decreto 10 marzo 2014, n. 55, corredato

Dettagli

PARERI di CONGRUITA PARCELLE

PARERI di CONGRUITA PARCELLE RACCOLTA DELIBERE E MASSIME del Consiglio dell Ordine di Sassari dal 01.02.2010 aggiornata al 26.02.2014 a cura del Consigliere Segretario avv. Silvio Zicconi in Tema di : PARERI di CONGRUITA PARCELLE

Dettagli

I NUOVI PARAMETRI FORENSI

I NUOVI PARAMETRI FORENSI FOCUS NELDIRITTO Domenico MONTERISI I NUOVI PARAMETRI FORENSI Decreto del Ministro della Giustizia n. 55 del 10/3/2014 Breve commentario e guida pratica, con software per la redazione delle parcelle SOMMARIO

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 10 marzo 2014, n. 55. Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense, ai

Dettagli

Noi difendiamo i Vostri Diritti. Rödl & Partner

Noi difendiamo i Vostri Diritti. Rödl & Partner Noi difendiamo i Vostri Diritti 1 Globally active Dall'abolizione delle Tariffe Forensi al Decreto Ministeriale n. Rödl & Partner Avv. Silvia Formenti, Avv. Federica Bargetto 2 Rödl & Partner Il nostro

Dettagli

COMUNE DI MOLA DI BARI

COMUNE DI MOLA DI BARI COMUNE DI MOLA DI BARI DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI ESTERNI I N D I C E ART. 1 - ART. 2 ART. 3 - ART. 4 ART. 5 - ART. 6 ART. 7 - ART. 8 - ART. 9 ART. 10 ART. 11 - ART. 12 - ART.

Dettagli

A. CONSIDERAZIONI GENERALI

A. CONSIDERAZIONI GENERALI A. CONSIDERAZIONI GENERALI L'art. 13 della L. 31.12.2012 n. 247 (Ordinamento Professionale Forense) prevede, al comma 6, un decreto emanato dal Ministro della Giustizia, su proposta del C.N.F., che indichi

Dettagli

ISTANZA PER LA LIQUIDAZIONE DEGLI ONORARI PROFESSIONALI

ISTANZA PER LA LIQUIDAZIONE DEGLI ONORARI PROFESSIONALI ISTANZA PER LA LIQUIDAZIONE DEGLI ONORARI PROFESSIONALI Il sottoscritto Avv.., iscritto presso Codesto Ordine, avendo svolto attività giudiziale civile e/o amministrativa e/o tributaria e/o, penale o attività

Dettagli

INDICAZIONI SULL APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PROFESSIONALE D.M.

INDICAZIONI SULL APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PROFESSIONALE D.M. INDICAZIONI SULL APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PROFESSIONALE D.M. 8 aprile 2004 n. 127 a cura del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pordenone CRITERI GENERALI Tariffa applicabile La tariffa applicabile

Dettagli

Oggetto: Patrocinio a spese dello Stato nel processo civile. Recupero delle spese nelle ipotesi previste dall art. 134 del D.P.R. n. 115/2002.

Oggetto: Patrocinio a spese dello Stato nel processo civile. Recupero delle spese nelle ipotesi previste dall art. 134 del D.P.R. n. 115/2002. Al Sig. Presidente del Tribunale di Patti Oggetto: Patrocinio a spese dello Stato nel processo civile. Recupero delle spese nelle ipotesi previste dall art. 134 del D.P.R. n. 115/2002. I seguenti quesiti,

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo PREMESSA

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo PREMESSA VII INDICE-SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni.... pag. XV Capitolo Primo PREMESSA 1. Premessa.... pag. 1 2. Evoluzione storica. Appalti urbanistica edilizia....» 2 3. Le norme applicabili....»

Dettagli

CAPITOLO III TARIFFA DEGLI ONORARI E DELLE INDENNITÀ SPETTANTI AGLI AVVOCATI IN MATERIA STRAGIUDIZIALE (CIVILE E PENALE, TRIBUTARIA E AMMINISTRATIVA)

CAPITOLO III TARIFFA DEGLI ONORARI E DELLE INDENNITÀ SPETTANTI AGLI AVVOCATI IN MATERIA STRAGIUDIZIALE (CIVILE E PENALE, TRIBUTARIA E AMMINISTRATIVA) CAPITOLO III TARIFFA DEGLI ONORARI E DELLE INDENNITÀ SPETTANTI AGLI AVVOCATI IN MATERIA STRAGIUDIZIALE (CIVILE E PENALE, TRIBUTARIA E AMMINISTRATIVA) Art. 1 - Criteri generali - 1. Per l assistenza e la

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL COMPENSO

DETERMINAZIONE DEL COMPENSO DETERMINAZIONE DEL COMPENSO Per rendere consapevole la decisione del Cliente e trasparente il rapporto che si va ad instaurare abbiamo creato questo documento che spiega i criteri per la determinazione

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO

COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 232 del 24 /08/2006 Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina l ordinamento

Dettagli

Criteri per la determinazione del compenso forfettario

Criteri per la determinazione del compenso forfettario Via Di Pettorano N.11 73100 LECCE Tel/fax 0832.492179 Cell.338.7079547 Pec:avvannagentile@pecavvocati.com Mail:anna_gentile@tin.it AVV. ANNA GENTILE L avv. Anna Gentile, con studio legale in Lecce alla

Dettagli

CONFERIMENTO INCARICO PROFESSIONALE

CONFERIMENTO INCARICO PROFESSIONALE CONFERIMENTO INCARICO PROFESSIONALE Con la presente il sig..., C.F.., residente in, Via, in proprio / quale legale rappresentante di, con sede in, P. IVA, (d ora innanzi il Cliente ), identificato come

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA PROVINCIALE

PROVINCIA DI CROTONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA PROVINCIALE PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA PROVINCIALE PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA PROVINCIALE. SOMMARIO RUBRICA Art. 1 - Oggetto del

Dettagli

Riforma del contenzioso tributario Novità del DLgs. 24.9.2015 n. 156

Riforma del contenzioso tributario Novità del DLgs. 24.9.2015 n. 156 Circolare 30 del 24 novembre 2015 Riforma del contenzioso tributario Novità del DLgs. 24.9.2015 n. 156 INDICE 1 Premessa... 2 2 Difesa dell agente della riscossione... 2 3 Difesa delle agenzie fiscali...

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE, L ATTIVITA E LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DEL SERVIZIO AVVOCATURA

PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE, L ATTIVITA E LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DEL SERVIZIO AVVOCATURA PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE, L ATTIVITA E LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DEL SERVIZIO AVVOCATURA Adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla seconda edizione... Pag. VII Prefazione di Guido Alpa...» IX

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla seconda edizione... Pag. VII Prefazione di Guido Alpa...» IX Prefazione alla seconda edizione... Pag. VII Prefazione di Guido Alpa...» IX CAPITOLO I LINEAMENTI DI ORDINAMENTO PROFESSIONALE FORENSE 1. Ordinamento professionale forense, pluralità degli ordinamenti

Dettagli

Capitolo 6 IL COMPENSO DELL AVVOCATO

Capitolo 6 IL COMPENSO DELL AVVOCATO Capitolo 6 IL COMPENSO DELL AVVOCATO di Alessia Vanni Sommario: 1. Il diritto dell avvocato al compenso. 2. La determinazione consensuale (la regola). 3. La determinazione unilaterale (l eccezione): dalle

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi. Adunanza di Sezione del 24 ottobre 2013

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi. Adunanza di Sezione del 24 ottobre 2013 Numero 04514/2013 e data 11/11/2013 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 24 ottobre 2013 NUMERO AFFARE 03398/2013 OGGETTO:

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI

ORDINE DEGLI AVVOCATI TRIBUNALE DI MONZA CAMERA PENALE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MONZA DI MONZA Aggiornamento del prontuario per la liquidazione degli onorari ai difensori dei cittadini non abbienti ammessi al patrocinio a spese

Dettagli

1. Gli onorari e i diritti sono sempre dovuti all'avvocato dal cliente indipendentemente dalle statuizioni del giudice sulle spese giudiziali.

1. Gli onorari e i diritti sono sempre dovuti all'avvocato dal cliente indipendentemente dalle statuizioni del giudice sulle spese giudiziali. Decreto n. 127/2004 con il Regolamento (adottato con decreto ministeriale 8 aprile 2004) del ministero della giustizia Determinazione degli onorari dei diritti e delle indennità spettanti agli avvocati

Dettagli

Compensi professionali: disposizioni concernenti gli avvocati Decreto Ministero Giustizia 20.07.2012 n 140, G.U. 23.08.2012

Compensi professionali: disposizioni concernenti gli avvocati Decreto Ministero Giustizia 20.07.2012 n 140, G.U. 23.08.2012 Compensi professionali: disposizioni concernenti gli avvocati Decreto Ministero Giustizia 20.07.2012 n 140, G.U. 23.08.2012 Riforma dei compensi professionali (DM n. 140/2012) Capo II - Disposizioni concernenti

Dettagli

TARIFFA CIVILE, AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA

TARIFFA CIVILE, AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA ALLEGATO N. 1. TARIFFA CIVILE, AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA NORMATIVA VIGENTE TARIFFA DEGLI ONORARI, DIRITTI E INDENNITA' SPETTANTI AGLI AVVOCATI ED AI PROCURATORI PER LE PRESTAZIONI GIUDIZIALI IN MATERIA

Dettagli

Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo.

Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo. Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo. (ex articolo 9 del DL 90/2014, convertito in L. 114/2014 approvato con Deliberazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE Il PCT nel decreto legge 24 giugno 2014, n. 90 (Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l efficienza degli uffici giudiziari) Sommario: 1. Premessa. 2. Entrata in vigore

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA COMUNALE E DELLA RAPPRESENTANZA E DIFESA IN GIUDIZIO DELL AMMINISTRAZIONE DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA COMUNALE E DELLA RAPPRESENTANZA E DIFESA IN GIUDIZIO DELL AMMINISTRAZIONE DEL COMUNE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA COMUNALE E DELLA RAPPRESENTANZA E DIFESA IN GIUDIZIO DELL AMMINISTRAZIONE DEL COMUNE DI NOLA SOMMARIO Art. 1 Compiti 3 Art. 2 Ulteriori attività...3

Dettagli

I QUADERNI GIURIDICI

I QUADERNI GIURIDICI I QUADERNI GIURIDICI IL COMPENSO ALL AVVOCATO DOPO L ABROGAZIONE DELLE TARIFFE I contratti d opera professionale Il regolamento ed i parametri (D.M. 140 del 22 Agosto 2012) I parametri sviluppati in tabelle

Dettagli

Comune di Noci Amministrazione Comunale di Noci. AOO_NOCI 07/05/2014-0007725 Protocollo: Uscita

Comune di Noci Amministrazione Comunale di Noci. AOO_NOCI 07/05/2014-0007725 Protocollo: Uscita Comune di Noci Amministrazione Comunale di Noci UO: Settore Affari Generali AOO_NOCI 07/05/2014-0007725 Protocollo: Uscita Avviso pubblico per la formazione di elenco di professionisti cui conferire incarichi

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

Mediazione Civile & Commerciale. Studio Legale MM & PARTNERS. Viale Majno,7 20122, Milano Tel. 02/76280777 02/76280776 Fax.

Mediazione Civile & Commerciale. Studio Legale MM & PARTNERS. Viale Majno,7 20122, Milano Tel. 02/76280777 02/76280776 Fax. Studio Legale MM & PARTNERS Viale Majno,7 20122, Milano Tel. 02/76280777 02/76280776 Fax. 02/76407336 Mediazione Civile & Commerciale Avv. Maria Sorbini m.sorbini@mmjus.it INDICE: 1. DOPO UN TORMENTATO

Dettagli

TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO

TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO I PROCESSO DI COGNIZIONE E PROCEDIMENTI SPECIALI E CAMERALI DAVANTI AI GIUDICI ORDINARI, AI GIUDICI AMMINISTRATIVI, TRIBUTARI E SPECIALI, AGLI ARBITRI D AUTORITÀ, COMMISSIONI

Dettagli

Schema di regolamento concernente i nuovi parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense Schema di D.Lgs. n.

Schema di regolamento concernente i nuovi parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense Schema di D.Lgs. n. Documentazione per l esame di Atti del Governo Schema di regolamento concernente i nuovi parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense Schema di D.Lgs. n. 70 (art. 1, comma 3, e

Dettagli

Le novità della tariffa ed il parere di liquidazione parcelle

Le novità della tariffa ed il parere di liquidazione parcelle Venezia 21 luglio 2009 Massimo Mellacina (Consigliere Delegato Area Tariffe) Le novità della tariffa ed il parere di liquidazione parcelle Venezia 21 luglio 2009 Parere liquidazione parcelle 1 Fonti normative

Dettagli

NOTAI, COMMERCIALISTI E AVVOCATI ADDIO ALLE TARIFFE CON QUALCHE FALLA

NOTAI, COMMERCIALISTI E AVVOCATI ADDIO ALLE TARIFFE CON QUALCHE FALLA LIBERE PROFESSIONI Avvocati, commercialisti, notai e "tutti gli altri": addio alle tariffe con qualche falla Antonio Ciccia Il compenso diventa unico per le professioni ordinistiche. Si abbandona la parcellizzazione

Dettagli

BREVE EXCURSUS SULLA DISCIPLINA IN TEMA DI TARIFFE FORENSI NEI PRINCIPALI PAESI D EUROPA

BREVE EXCURSUS SULLA DISCIPLINA IN TEMA DI TARIFFE FORENSI NEI PRINCIPALI PAESI D EUROPA BREVE EXCURSUS SULLA DISCIPLINA IN TEMA DI TARIFFE FORENSI NEI PRINCIPALI PAESI D EUROPA a cura di Stefano Petri Come ormai noto a tutti gli operatori del settore giuridico, l art. 9 del Decreto Legge

Dettagli

Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense ai sensi dell'art.

Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense ai sensi dell'art. Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense ai sensi dell'art. 13 comma 6 della legge 31 dicembre 2012 n. 247. Il Ministro della Giustizia

Dettagli

CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE

CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE Approvato con Deliberazione di Giunta Municipale n. 13 del 18 gennaio 2012 1 Titolo I - ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Modera: avv. Stefano Dalla Verità Direttore della Fondazione Forense Bolognese

Modera: avv. Stefano Dalla Verità Direttore della Fondazione Forense Bolognese Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Bologna Fondazione Forense Bolognese (CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA) Evento in materia di deontologia e ordinamento professionale FORMAZIONE CONTINUA

Dettagli

Riforma delle professioni: cosa cambia per gli avvocati

Riforma delle professioni: cosa cambia per gli avvocati : cosa cambia per gli avvocati di Maurizio Villani e Paola Rizzelli (*) LA NOVITA` Compenso unico e parametri quali nuove modalita` per la liquidazione dei compensi professionali in sostituzione delle

Dettagli

Decreto ingiuntivo e nuovi parametri: è ancora necessario il visto dell Ordine?Tribunale Varese, sez. I civile, decreto 11.10.

Decreto ingiuntivo e nuovi parametri: è ancora necessario il visto dell Ordine?Tribunale Varese, sez. I civile, decreto 11.10. Decreto ingiuntivo e nuovi parametri: è ancora necessario il visto dell Ordine?Tribunale Varese, sez. I civile, decreto 11.10.2012 commento (Andrea Bulgarelli) Il decreto ingiuntivo del tribunale di Varese

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO. Disciplina della corresponsione dei compensi professionali

PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO. Disciplina della corresponsione dei compensi professionali Allegato alla deliberazione della G.P. N. 102 del 19 GIUGNO 2008 PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO Disciplina della corresponsione dei compensi professionali spettanti agli avvocati interni ai sensi dell'art.

Dettagli

C O M U N E D I VIBO VALENTIA

C O M U N E D I VIBO VALENTIA C O M U N E D I VIBO VALENTIA R E G O L A M E N T O AVVOCATURA CIVICA E DELLA RAPPRESENTANZA E DIFESA IN GIUDIZIO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE ART. 1 E istituito l Ufficio di Avvocatura civica dell Amministrazione

Dettagli

La mediazione civile e commerciale

La mediazione civile e commerciale D Lvo 4mar2010 n 28 presentazione La mediazione civile e commerciale Il decreto legislativo 4 marzo 2010, n.28 (pubblicato nella G.U. n.53 del 5 marzo 2010) sulla mediazione in materia civile e commerciale

Dettagli

IL RETTORE. la L. 9 maggio 1989 in materia di autonomia universitaria;

IL RETTORE. la L. 9 maggio 1989 in materia di autonomia universitaria; Area Affari legali Settore Affari Penali D.R. n. 1728/2015 prot. 0040453 del 12.06.2015 IL RETTORE VISTA la L. 9 maggio 1989 in materia di autonomia universitaria; l art. 18 del DL n. 67 del 25.03.1997

Dettagli

IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA. DECRETO 8 APRILE 2004, n. 127 (G.U. 18 maggio 2004, n. 127, suppl. ord.)

IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA. DECRETO 8 APRILE 2004, n. 127 (G.U. 18 maggio 2004, n. 127, suppl. ord.) IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 8 APRILE 2004, n. 127 (G.U. 18 maggio 2004, n. 127, suppl. ord.) Regolamento recante determinazione degli onorari, dei diritti e delle indennità spettanti agli avvocati

Dettagli

REQUISITI GENERALI MODALITA DI CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI

REQUISITI GENERALI MODALITA DI CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI AVVISO per la costituzione di un Albo aziendale di Avvocati esterni finalizzato al conferimento di incarichi di patrocinio legale per la difesa in giudizio dell Azienda USL 4 Teramo In esecuzione della

Dettagli

Le tabelle per il calcolo degli onorari dei legali applicabili dal 2 giugno 2004

Le tabelle per il calcolo degli onorari dei legali applicabili dal 2 giugno 2004 L Il settimanale LA EGGE dei professionisti del diritto Speciale TARIFFE FORENSI Giovedì 20 Maggio 2004 25 Le tabelle per il calcolo degli onorari dei legali applicabili dal 2 giugno 2004 Ecco le nuove

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n. 1420 del 19/12/2013 OGGETTO: Regolamento per l'affidamento di incarichi legali. Il Direttore della SC Legale e Assicurazioni

Dettagli

Città di Potenza REGOLAMENTO DELL AVVOCATURA DEL COMUNE DI POTENZA

Città di Potenza REGOLAMENTO DELL AVVOCATURA DEL COMUNE DI POTENZA Città di Potenza REGOLAMENTO DELL AVVOCATURA DEL COMUNE DI POTENZA 1 INDICE Art. 1 Oggetto ed ambito di applicazione Principi di autonomia pag. 3 Art. 2 Composizione dell Avvocatura pag. 3 Art. 3 Segreteria

Dettagli

LE NOVITA INTRODOTTE ALLA DISCIPLINA DELLA MEDIAZIONE CIVILE DAL c.d. DECRETO DEL FARE CONVERTITO IN LEGGE. Articolo di Giulio SPINA

LE NOVITA INTRODOTTE ALLA DISCIPLINA DELLA MEDIAZIONE CIVILE DAL c.d. DECRETO DEL FARE CONVERTITO IN LEGGE. Articolo di Giulio SPINA Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 18.9.2013 La Nuova Procedura Civile, 4, 2013 ----------------------------------------------- LE NOVITA INTRODOTTE

Dettagli

CITTÀ di CASALNUOVO di NAPOLI. Regolamento sull Ordinamento Generale degli Uffici e dei Servizi. L Avvocatura Municipale

CITTÀ di CASALNUOVO di NAPOLI. Regolamento sull Ordinamento Generale degli Uffici e dei Servizi. L Avvocatura Municipale CITTÀ di CASALNUOVO di NAPOLI Regolamento sull Ordinamento Generale degli Uffici e dei Servizi. L Avvocatura Municipale Adottato con deliberazione di Giunta Comunale n.238 del 29/10/2010 1 Art. 1 - Costituzione

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO TESTO VIGENTE con le modifiche approvate dal C.N.F. nella seduta del 27 gennaio 2006

CODICE DEONTOLOGICO TESTO VIGENTE con le modifiche approvate dal C.N.F. nella seduta del 27 gennaio 2006 MODIFICHE AL CODICE DEONTOLOGICO in attuazione della legge 4 AGOSTO 2006 N. 248 APPROVATE DAL C.N.F. NELLA SEDUTA DEL 14 DICEMBRE 2006 con le indicazioni emerse nel corso dell incontro con i Presidenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

EDIZIONI ESTREMI ATTO DI DELIBERAZIONE ENTRATA IN VIGORE 1 Rev.0 G.C. n. 145 del 25.10.2006 5.11.2006

EDIZIONI ESTREMI ATTO DI DELIBERAZIONE ENTRATA IN VIGORE 1 Rev.0 G.C. n. 145 del 25.10.2006 5.11.2006 Regolamento per il servizio legale RO/038 CITTA DI SANTENA Edizione 2 Revisione 0 NORMAZIONE EDIZIONI ESTREMI ATTO DI DELIBERAZIONE ENTRATA IN VIGORE 1 Rev.0 G.C. n. 145 del 25.10.2006 5.11.2006 2 Rev.0

Dettagli

Comune di Baranzate Provincia di Milano

Comune di Baranzate Provincia di Milano Comune di Baranzate Provincia di Milano Area Segreteria Generale Personale - CED REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI AGLI AVVOCATI ESTERNI ALL ENTE Approvato con delibera di Giunta Comunale

Dettagli

D.M. 140/2012 Parametri per la determinazione dei compensi per le professioni

D.M. 140/2012 Parametri per la determinazione dei compensi per le professioni D.M. 140/2012 Parametri per la determinazione dei compensi per le professioni arch. paolo papini (Consigliere OAPPC PT e responsabile Commissione Consultiva Tariffe e Notule) 1 DALLE TARIFFE AI PARAMETRI

Dettagli

sono entrati in vigore il 23 agosto 2012. Legge 31 dicembre 2012, n. 247, Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense

sono entrati in vigore il 23 agosto 2012. Legge 31 dicembre 2012, n. 247, Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense Egregio Collega, il tuo quesito, in buona sostanza, è il seguente: In base alla normativa vigente, sono ripetibili dal soccombente le spese generali e/o forfettarie non liquidate dal Giudice nella sentenza?

Dettagli

REGOLAMENTO ADR SEMPLIFICA

REGOLAMENTO ADR SEMPLIFICA Iscritta presso il Ministero della Giustizia al n. 234 del Registro degli Organismi di Mediazione REGOLAMENTO ADR SEMPLIFICA Articolo 1 Ambito di applicazione e definizioni Il presente regolamento si ispira

Dettagli

ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MATERA. Regolamento della procedura di mediazione

ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MATERA. Regolamento della procedura di mediazione ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MATERA Regolamento della procedura di mediazione 1 Oggetto e principi generali. Il presente regolamento (in seguito denominato Regolamento ) disciplina

Dettagli

ALLEGATO A Deliberazione di Giunta Comunale del 30 aprile 2015, n. 149

ALLEGATO A Deliberazione di Giunta Comunale del 30 aprile 2015, n. 149 ALLEGATO A Deliberazione di Giunta Comunale del 30 aprile 2015, n. 149 Regolamento dell Avvocatura comunale e disciplina dei compensi professionali per i dipendenti e dirigenti avvocati di cui all art.

Dettagli

D.M. 20.07.2012 n. 140 (G.U. n. 195 del 22.08.2012) entrata in vigore: 23.08.2012 I - LA NORMATIVA PRIMARIA

D.M. 20.07.2012 n. 140 (G.U. n. 195 del 22.08.2012) entrata in vigore: 23.08.2012 I - LA NORMATIVA PRIMARIA D.M. 20.07.2012 n. 140 (G.U. n. 195 del 22.08.2012) entrata in vigore: 23.08.2012 I - LA NORMATIVA PRIMARIA 1) Il D.L. n. 1 del 24.01.2012 (Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture

Dettagli

c) per l'attività stragiudiziale viene introdotto un criterio percentualistico, indicato nella misura tra il 5 e il 20% del valore dell'affare;

c) per l'attività stragiudiziale viene introdotto un criterio percentualistico, indicato nella misura tra il 5 e il 20% del valore dell'affare; E al Ministero della Giustizia si lavora per modificare i parametri e l'accesso alla professione forense. La proposta di modifica del Ministero della Giustizia al D.M. 140/2012 Diritto e giustizia.it di

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE.

REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE. REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE. *********************** Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di

Dettagli

Capitolo II Tariffa penale

Capitolo II Tariffa penale Capitolo II Tariffa penale Art. 1 - Criteri generali - 1. Per la determinazione dell'onorario di cui alla tabella deve tenersi conto della natura, complessità e gravità della causa, delle contestazioni

Dettagli

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce)

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce) COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO GIUDIZIALE E STRAGIUDIZIALE E MODALITA DI CONFERIMENTO INCARICHI LEGALI Approvato con deliberazione del

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA denominata LIBERO CONSORZIO COMUNALE REGOLAMENTO DELL'AVVOCATURA DEL LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI RAGUSA

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA denominata LIBERO CONSORZIO COMUNALE REGOLAMENTO DELL'AVVOCATURA DEL LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI RAGUSA PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA denominata LIBERO CONSORZIO COMUNALE REGOLAMENTO DELL'AVVOCATURA DEL LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI RAGUSA Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI Valerio de GIOIA COME SI SCRIVE L ATTO GUIDA PRATICA E CONSIGLI OPERATIVI Con la collaborazione di Giovanna SPIRITO Carlo TANGARI PREMESSA Nella preparazione

Dettagli

LA SCALA DEL RAGIONAMENTO

LA SCALA DEL RAGIONAMENTO NUOVI COMPENSI PROFESSIONALI: LE PRIME APPLICAZIONI di GIANLUIGI MORLINI Giudice del Tribunale di Reggio Emilia ed ex Giudice del Tribunale di Ivrea quando il Tribunale era piccolo!!! Ivrea, 18 gennaio

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE D'OPERA PROFESSIONALE., nato a ( ) il e residente in., alla Via, cod. fisc., (identificato

CONTRATTO DI PRESTAZIONE D'OPERA PROFESSIONALE., nato a ( ) il e residente in., alla Via, cod. fisc., (identificato CONTRATTO DI PRESTAZIONE D'OPERA PROFESSIONALE Con la presente scrittura privata da valere ad ogni effetto di legge tra :, nato a ( ) il e residente in, alla Via, cod. fisc., (identificato con valido documento

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI SCHEMA CONVENZIONE ALLEGATO 1 SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI L anno 2014, il giorno. del mese di, in Paternò (CT), nei

Dettagli

BREVE GUIDA E TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO AGGIORNATA AL 25/06/2014

BREVE GUIDA E TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO AGGIORNATA AL 25/06/2014 BREVE GUIDA E TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO AGGIORNATA AL 25/06/2014 Gli importi per il calcolo del contributo unificato (di cui al Testo Unico sulle spese di giustizia - D.P.R 30 maggio 2002, n. 115) sono

Dettagli

Provincia Regionale di Caltanissetta

Provincia Regionale di Caltanissetta Provincia Regionale di Caltanissetta REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI AGLI AVVOCATI ESTERNI ALL ENTE Il presente regolamento, composto da n. 19 articoli, è stato approvato dal Commissario

Dettagli

In particolare, lo Sportello del cittadino offrirà come servizio l'illustrazione di:

In particolare, lo Sportello del cittadino offrirà come servizio l'illustrazione di: CNF: nasce lo Sportello del cittadino, consulenza gratuita Consiglio Nazionale Forense, bozza regolamento 14.02.2013 I Consigli dell Ordine degli Avvocati istituiranno uno Sportello per il cittadino con

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Per non vedere la fine del gratuito patrocinio

Per non vedere la fine del gratuito patrocinio Per non vedere la fine del gratuito patrocinio di Nicola Ianniello* Le commissioni della Camera dei Deputati e del Senato stanno per emettere il parere sul decreto ministeriale riguardante la misura dei

Dettagli

DISCIPLINA PER LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DELLA PROVINCIA

DISCIPLINA PER LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DELLA PROVINCIA DISCIPLINA PER LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DELLA PROVINCIA Approvata con Deliberazione della Giunta Provinciale n. 3 del 14.1.2013 INDICE: Art. 1 Oggetto della disciplina

Dettagli

RELAZIONE SOTTO GRUPPO - LIQUIDAZIONE SPESE PROCESSUALI

RELAZIONE SOTTO GRUPPO - LIQUIDAZIONE SPESE PROCESSUALI SOTTO GRUPPO - LIQUIDAZIONE SPESE PROCESSUALI Referente del sottogruppo - dott. Giovanna Nozzetti Rappresentante COA Palermo - Avv. Maurizio Argento RELAZIONE SULLE QUESTIONI CORRELATE ALLA LIQUIDAZIONE

Dettagli