POLITICHE D ASSOCIAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLITICHE D ASSOCIAZIONE"

Transcript

1 POLITICHE D ASSOCIAZIONE PARLAMENTO EUROPEO GIOVANI

2 INDICE Parte I Soci pag. 02 Parte II Elezioni pag. 04 Parte III Consiglio Direttivo pag. 06 Parte IV Preselezione Nazionale pag. 10 Parte V Selezione Nazionale pag. 11 Parte VI Sessione Regionale pag. 14 Parte VII Facilitatori pag. 16 Allegato 1 Criteri di valutazione della Preselezione Nazionale pag. 19 Allegato 2 Programma della Selezione Nazionale pag. 20 Allegato 3 Procedure di dibattito della Selezione Nazionale pag. 21 1

3 PARTE I - SOCI STATUS DI SOCIO Lo status di socio dura per un esercizio finanziario 1, al termine del quale può essere rinnovato. La partecipazione in qualità di delegato o di docente accompagnatore a un evento del PEG determina lo status fino a conclusione dell esercizio finanziario entro cui si è tenuto l evento. I soci hanno il diritto di accedere alla mailing list dei collaboratori. La cessazione da socio secondo i modi previsti dallo Statuto comporta la cancellazione dalla mailing list dei collaboratori QUOTA D ASSOCIAZIONE La quota annuale d Associazione è pari a 20 salvo diversa delibera dell Assemblea dei Soci. Deve essere corrisposta entro i trenta giorni precedenti alla seduta ordinaria dell Assemblea dei Soci in cui sono approvati i bilanci. Il pagamento è possibile: 1. per interposta persona; 2. tramite bonifico bancario sul conto corrente del PEG; 3. tramite saldo in contanti a un Consigliere Direttivo dietro rilascio di quietanza; 4. tramite ricarica su carta di credito ricaricabile Postepay, se messo a disposizione da un Consigliere Direttivo. Il saldo in contanti è immediatamente registrato, mentre negli altri casi è necessario inviare scansione della distinta di pagamento RIMBORSI DI DIRITTO I rimborsi si effettuano unicamente dietro presentazione di opportune pezze giustificative degli importi spesi. Consiglieri direttivi in missione 2 per conto dell Associazione hanno diritto alla copertura integrale delle spese di viaggio. I Presidenti delle Selezioni Nazionali e delle Sessioni Regionali hanno diritto alla copertura delle spese di viaggio fino a un massimo di 150,00 nel caso in cui raggiungano la sede dell evento dall estero. I Presidenti di Giuria hanno diritto alla copertura delle spese di viaggio fino a un massimo di 100,00. I rimborsi per i titolari di cui ai tre commi precedenti devono essere saldati nel minore tempo possibile. 1 Periodo intercorrente fra l approvazione di due successivi bilanci consuntivi. 2 Qualunque evento cui sia necessaria la presenza di un membro del CD in rappresentanza ufficiale dell Associazione. Fra gli altri, sono compresi la partecipazione ai BNC, gli incontri con i Comitati Organizzatori degli eventi, gli incontri con i possibili finanziatori, gli incontri di carattere istituzionale. 2

4 1.4 - RIMBORSI DISCREZIONALI Il Consiglio Direttivo può inoltre rimborsare le spese di viaggio ai partecipanti agli eventi PEG Ove le disponibilità di cassa non siano sufficienti a rimborsare tutti i richiedenti, l ordine da seguire è: 1. Rimborso parziale ai partecipanti dei corsi di formazione organizzati dal PEG, ove questa sia condizione necessaria per essere selezionato come facilitatore; 2. Rimborso totale ai partecipanti dei corsi di formazione organizzati dal PEG, ove questa sia condizione necessaria per essere selezionato come facilitatore; 3. Rimborso totale delle spese di viaggio dei Presidenti di Selezione Nazionale e Sessione Regionale; 4. Rimborso parziale ai facilitatori delle Selezioni Nazionali e delle Sessioni Regionali; 5. Rimborso parziale ai partecipanti dell Assemblea Ordinaria Annuale; QUOTA NAZIONALE La quota nazionale è il numero minimo di ruoli da facilitatore (official) riservato ai soci del PEG per ogni evento organizzato. I soli soci che abbiano regolarizzato la propria posizione per l esercizio di svolgimento della sessione hanno diritto a candidarsi in seno alla quota nazionale. 3

5 PARTE II - ELEZIONI 2.1 PRESENTAZIONE DELLE CANDIDATURE I soci che intendano concorrere per il ruolo di Consigliere Direttivo sono tenuti a presentare la propria candidatura inviando il modulo predisposto dal Consiglio Direttivo alla casella di posta elettronica di Associazione nel periodo compreso fra i 30 e i 15 giorni antecedenti all Assemblea. Tutte le candidature saranno pubblicate sul sito dell Associazione per i 14 giorni antecedenti alle elezioni GIUNTA PER LE ELEZIONI In occasione delle elezioni del Consiglio Direttivo è formata una Giunta formata da tre soci, scelti per sorteggio tra i presenti che non abbiano presentato la propria candidatura. Assume il ruolo di Presidente della Giunta per le elezioni il sorteggiato da più tempo iscritto all Associazione. Gli altri due membri assistono il Presidente nell espletamento delle sue funzioni. La Giunta è responsabile del corretto espletamento delle elezioni. I membri della giunta sottoscrivono di avere letto e compreso tutti gli articoli delle presenti Politiche inerenti alle elezioni DELEGHE I soci hanno facoltà di delegare il proprio voto inviandone comunicazione scritta per mezzo di posta elettronica alla casella di Associazione nei termini stabiliti dal Consiglio Direttivo. I soci deleganti devono essere in regola con l iscrizione al termine ultimo previsto per la dichiarazione della delega, pena l invalidità della stessa. Il Segretario comunica i nominativi dei delegati al Presidente della Giunta, e il numero di deleghe per ognuno dei delegati SCHEDE ELETTORALI Il Segretario dell Associazione appronta le schede elettorali, e le consegna al Presidente della Giunta. Le schede elettorali riportano i nominativi dei candidati elencati per ordine alfabetico di cognome. Accanto a ogni nome è presente una casella. Ogni scheda deve essere vidimata dal Presidente della Giunta prima di essere consegnata agli elettori ESPRESSIONE DEL VOTO L elettore esprime al massimo cinque preferenze tracciando un segno X nella casella accanto al nome dei candidati. 4

6 Una volta espresse le preferenze, l elettore piega la scheda in modo da celare l espressione del voto e la ripone nell urna. Sono nulle tutte le schede che riportano più di cinque preferenze, quelle su cui siano stati apposti segni diversi da quelli strettamente necessari all espressione del voto e quelle che siano state deposte nell urna in modo difforme da quanto stabilito nelle presenti Politiche PRIMA E SECONDA CHIAMA Il Presidente della Giunta chiama al voto i soci elettori per ordine alfabetico di cognome, e consegna le schede in funzione al numero di deleghe registrate. I soci chiamati che non si presentano sono segnati come assenti. A conclusione della prima chiama, si procede eventualmente a una seconda per i soli assenti. Al termine della seconda chiama, il Presidente della Giunta annuncia il numero dei voti espressi e dichiara conclusa l elezione SCRUTINIO Lo spoglio delle schede comincia a conclusione della seconda chiama, ed avviene in modo pubblico. Il Presidente della Giunta apre la scheda e verifica la presenza di segni diversi dalle X apposte nelle caselle in corrispondenza dei nomi. Ove ciò si verifichi, la scheda è dichiarata nulla ed è conservata a parte. Se la scheda è valida, il Presidente legge i nominativi che hanno ottenuto la preferenza. Un secondo appone sul tabellone elettorale una barra verticale accanto ad ogni nome letto, mentre il terzo membro controlla che le preferenze espresse corrispondano con quanto scandito dal presidente e richiude le schede. Una volta aperte tutte le schede depositate nell urna, il Presidente dichiara chiuso lo scrutinio PROCLAMAZIONE DEI CONSIGLIERI ELETTI A chiusura dello scrutinio, il Presidente della Giunta comunica i voti conseguiti da ciascuno dei candidati. Quindi elenca i nomi dei candidati che hanno superato il quorum previsto dallo Statuto del PEG e, fra questi, proclama eletti i nove più votati INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO DIRETTIVO I Consiglieri eletti si riuniscono immediatamente a seguito della proclamazione per procedere alla nomina delle cariche statutarie. Il Segretario uscente cura il verbale della riunione d insediamento. Il Consiglio Direttivo uscente rimane in carica fino all elezione del nuovo Presidente dell Associazione. 5

7 PARTE III CONSIGLIO DIRETTIVO RUOLI DEI CONSIGLIERI DIRETTIVI Il Consiglio Direttivo ripartisce al proprio interno gli incarichi operativi e le aree di competenza. I doveri legati ai singoli portafogli possono essere condivisi con altri Consiglieri e/o delegati a esterni, restando il titolare del portafoglio responsabile ultimo per i risultati conseguiti e le azioni intraprese. Il Presidente del PEG supervisiona e orienta l operato dei Consiglieri Direttivi nell espletamento delle proprie funzioni operative. I portafogli ordinari riuniscono le mansioni relative a una delimitata area gestionale, tali da ripresentarsi nel corso di ogni esercizio. I portafogli straordinari sono creati per l amministrazione di eventualità non ordinarie e non programmate ASSISTENTI DI PRESIDENZA Gli Assistenti di Presidenza sono nominati dal Presidente del PEG al fine di coadiuvare l operato del Consiglio Direttivo. Essi rispondono delle materie delegate loro al Consigliere competente per le stesse. Gli Assistenti di Presidenza possono partecipare alle riunioni del Consiglio senza diritto di voto. Qualifica necessaria alla nomina è l appartenenza all Associazione da più di un anno PORTAFOGLI ORDINARI Sono definiti i seguenti portafogli ordinari, per ognuno dei quali segue una lista non esaustiva di mansioni a essi relative. Qualora si presentino mansioni non incluse negli elenchi di chiara competenza di un portafoglio ordinario, il Presidente del PEG le assegna d ufficio al titolare del portafoglio stesso: I - RELAZIONI INTERNAZIONALI a. Rappresentare il PEG agli incontri periodici dei Comitati Nazionali di EYP (Board of National Committees BNC); b. Compilare il modulo per il Delegation Size Allocation di EYP; c. Pubblicare i bandi di partecipazione agli eventi del PEG sulle piattaforme preposte; d. Pubblicare le comunicazioni del BNC e del Governing Body di EYP nelle mailing list d associazione; e. Pubblicare i bandi di partecipazione a eventi di altri Comitati Nazionali sulle mailing list d associazione; f. Individuare gli eventi cui inviare delegazioni italiane; g. Mettere in contatto le delegazioni selezionate per gli eventi esteri con i Comitati Organizzatori. II - POLITICHE ASSOCIATIVE a. assistere il Presidente nella valutazione preventiva di conformità del lavoro dei Consiglieri a Statuto e PdA; 6

8 b. effettuare una valutazione costi-benefici riguardo alla gestione corrente e ai provvedimenti del Consiglio Direttivo, con particolare riguardo a quelli aventi carattere d innovazione; c. proporre i regolamenti necessari alla gestione dell Associazione e al corretto svolgimento dei suoi progetti e attività; d. codificare le buone pratiche da tenere a esempio e le procedure di lavoro; e. promuovere il confronto fra le prassi in atto nei vari Comitati nazionali di EYP e sincerare l adeguatezza e l aggiornamento di quanto in essere nel PEG con i più alti standard raggiunti. III - FUNDRAISING a. Individuare i possibili finanziatori dell Associazione e dei suoi eventi; b. Compilare i bandi di finanziamento pubblicati dalle istituzioni pubbliche e privati; c. Approntare le rendicontazioni e i documenti necessari al saldi dei finanziamenti concessi. IV - PUBBLICHE RELAZIONI a. Rappresentare il PEG presso le istituzioni pubbliche e private; b. Contattare gli ospiti per gli eventi del PEG; c. Contattare relatori delle tavole rotonde. V - MEDIA E COMUNICAZIONI ESTERNE a. contattare i media per la promozione degli eventi del PEG e della sua missione; b. redigere i comunicati stampa; c. promuovere l organizzazione di conferenze-stampa e la partecipazione di esponenti dei media agli eventi PEG. VI - COMUNICAZIONI INTERNE a. Redigere e pubblicare sul sito e sulle mailing list i bandi per le candidature agli eventi PEG; b. Confermare l avvenuta ricezione delle candidature e dei rispettivi allegati; c. Comunicare individualmente gli esiti delle candidature; d. Approntare il materiale informativo e grafico necessario alla gestione e alle attività PEG; e. Aggiornare il sito; f. Pubblicare la newsletter dell Associazione sul sito e sulle mailing list. VII - PRESELEZIONE a. Proporre l argomento oggetto del bando di Preselezione; b. Contattare i membri della commissione esaminatrice; c. Coordinare la redazione dei giudizi; 7

9 d. Assegnare le scuole qualificatesi agli eventi; e. Redigere e inviare gli attestati di partecipazione alla preselezione. VIII - DELEGAZIONI a. Proporre gli argomenti di dibattito delle commissioni; b. Invitare le scuole classificatesi alla Preselezione Nazionale alle sessioni; c. Redigere e inviare il Delegate s booklet; d. Registrare i dati dei partecipanti; e. Registrare i fact sheet e i position paper e inviarli alla giuria e ai Presidenti di Commissione; f. Redigere e inviare gli attestati di partecipazione alla sessione. IX - CORSI DI FORMAZIONE a. Programmare i contenuti del Chairs Academic Training (CAT) annuale e degli altri corsi di formazione organizzati; b. Contattare i trainers e approvare il piano del corso (NAOMMIE); c. Reperire il luogo e i materiali necessari ai corsi RESPONSABILI DI SESSIONE Per ogni Sessione 3, il CD individua al suo interno delle figure responsabili per le seguenti aree di competenza, ognuna delle quali è seguita da una lista non esaustiva di mansioni: I - RESPONSABILE DEI PROFESSORI a. Gestire le comunicazioni con i docenti accompagnatori; b. Condurre gli incontri fra il CD e i docenti accompagnatori. II - RESPONSABILE DELL UFFICIO DI PRESIDENZA a. Gestire le comunicazioni fra CD e Ufficio di Presidenza; b. Approntare il Chairs Booklet e ogni altra documentazione necessaria ai Presidenti di Commissione; c. Redigere la versione definitiva emendata del Libretto delle Risoluzioni. III - RESPONSABILE DI GIURIA a. Rappresentare il CD nella giuria dell evento; b. Approntare il Booklet della giuria e ogni altra documentazione necessaria alla giuria; 3 Selezione Nazionale o Sessione Regionale. 8

10 c. Gestire le comunicazioni con i giurati in fase pre- e post-sessione; d. Coordinare l estensione dei giudizi sulle singole delegazioni; e. Compilare la lista dei delegati migliori e di quelli particolarmente motivati STRUMENTO DI DELIBERA Le politiche d associazione sono attuate dal Consiglio Direttivo tramite lo strumento della delibera. La delibera è adottata a maggioranza semplice, ed è emanata dal Presidente del PEG. Qualora il Consiglio Direttivo non sia unanime in merito all adozione di una delibera, in essa sono riportati i voti espressi dai singoli Consiglieri. Le delibere sono pubblicate sulle mailing list dell associazione. Ogni modifica alle Politiche d Associazione deve essere adottata tramite delibera DEROGA ALLE POLITICHE D ASSOCIAZIONE Il Consiglio Direttivo può approvare modifiche provvisorie alle presenti Politiche. La delibera ha all oggetto Deroga alle Politiche d Associazione, e nel corpo presenta il contenuto della deroga, le motivazioni, i tempi e/o le circostanze cui essa è limitata. 3.7 EMENDAMENTO ALLE POLITICHE D ASSOCIAZIONE Il Consiglio Direttivo può approvare modifiche definitive alle presenti Politiche. La delibera ha all oggetto Emendamento alle Politiche d Associazione, mentre nel corpo presenta il testo originario a confronto con quello emendato e le motivazioni. Una nuova versione emendata delle Politiche d Associazione deve essere pubblicata sulla mailing list contestualmente alla delibera emendante. 9

11 PARTE IV - PRESELEZIONE NAZIONALE PARTECIPANTI La Preselezione è aperta a tutti gli allievi del III e IV anno iscritti a una Scuola secondaria di II grado della Repubblica Italiana. Ogni istituto partecipante deve formare uno o più gruppi di lavoro, ciascuno di almeno sei studenti, ognuno dei quali redige una proposta di risoluzione sull argomento assegnato. Potrà essere selezionato al massimo un gruppo per ogni scuola partecipante. I membri della delegazione vincitrice di una Selezione Nazionale non possono più prendere parte alla Preselezione Nazionale QUOTA DI PARTECIPAZIONE La quota di partecipazione è di 75 per ogni proposta di risoluzione inviata BANDO Il bando di preselezione deve essere pubblicato fra il 15 settembre e il 15 ottobre. In esso devono essere contenuti: 1. l argomento della risoluzione che ogni istituto partecipante dovrà redigere; 2. le modalità e le scadenze previste per la consegna degli elaborati, per la registrazione dell Istituto e dei partecipanti; 3. i criteri di valutazione; 4. la quota di partecipazione, le modalità e i termini di pagamento REGISTRAZIONI Il docente referente deve registrare il prima possibile, e comunque entro la consegna della proposta di risoluzione, i dati della scuola nell apposito modulo elettronico. Una volta ricevuta la mozione di risoluzione, il Responsabile della Preselezione comunica al docente referente il collegamento internet in cui registrare i dati degli studenti partecipanti, ai fini dell ottenimento dell attestato di partecipazione VALUTAZIONE DEGLI ELABORATI I lavori pervenuti devono essere valutati secondo i criteri di cui al bando di preselezione. Il giudizio sull elaborato deve essere inviato al docente referente entro due mesi dalla data di chiusura della preselezione. Esso contiene almeno: 1. una panoramica sul novero di proposte di risoluzioni ricevute; 2. il giudizio sintetico e analitico, sviluppato secondo i criteri di cui all allegato 1; 3. i nomi e le occupazioni dei membri della commissione esaminatrice. 10

12 PARTE V - SELEZIONE NAZIONALE SCUOLE PARTECIPANTI Le scuole partecipanti devono essersi qualificate in fase di Preselezione Nazionale o di Sessione Regionale. Il numero di scuole partecipanti è pari a sedici, ognuna delle quali invia sei delegati. Ogni delegazione è accompagnata da un docente accompagnatore. Ove la struttura ricettiva lo consenta, il Consiglio Direttivo può permettere la presenza di più docenti accompagnatori QUOTE DI PARTECIPAZIONE La quota di partecipazione per i delegati è di 110, per il primo docente accompagnatore è di 170, per il secondo docente accompagnatore è di 250. Nessuna quota di partecipazione è prevista per i facilitatori COMUNICAZIONI Le scuole vincitrici della fase di preselezione ricevono l invito ufficiale alla Selezione Nazionale e la prima informativa, in cui sono specificati i luoghi e le date della stessa, le informazioni su come raggiungere la sede dell evento, le modalità e i termini di pagamento della quota di partecipazione, e il termine entro cui confermare la partecipazione. Nella seconda informativa, che deve essere inviata allo scadere dei termini di conferma di cui al punto precedente, sono comunicati gli adempimenti per professori e docenti referenti nella fase di preparazione pre-sessione. Allegata ad essa è il Delegate s booklet. Ulteriori informative conterranno dettagli logistici di cui sia necessario mettere al corrente i partecipanti REGISTRAZIONE Tutti i partecipanti devono registrare i propri dati nel modulo digitale approntato dal Consiglio Direttivo entro i termini stabiliti. Per tutti è richiesto il nome e cognome, la data di nascita, il genere, il numero della carta d identità o del passaporto, l indirizzo , la scuola di provenienza, la segnalazione di eventuali regimi alimentari e/o condizioni fisiche particolari (intolleranze, allergie, disabilità, etc.). I delegati devono inoltre specificare la commissione scelta e sottoscrivere il Codice di Condotta, mentre i docenti accompagnatori devono fornire un numero di cellulare PREPARAZIONE ALLA SELEZIONE NAZIONALE I delegati devono preparare due elaborati riguardanti l argomento di discussione della commissione di appartenenza: il fact sheet e il position paper, seguendo le prescrizioni contenute nel Delegate s Booklet e riconsegnandoli al docente referente in tempo utile da permettere a quest ultimo di inoltrarli al PEG entro i termini previsti. 11

13 Il fact sheet contiene una descrizione del fenomeno preso in esame tramite un elencazione di fatti, opinioni e dati statistici, tutti corredati dalle fonti. L intervallo entro cui redigerlo è pari al 60% del periodo di preparazione 4. Il position paper espone l opinione personale del delegato sull argomento della commissione di appartenenza, e presenta possibili approcci e soluzioni. L intervallo entro cui redigerlo è pari al 40% del periodo di preparazione. Dopo aver raccolto tutti gli elaborati di una commissione, il responsabile del Consiglio Direttivo li raccoglie e li inoltra a tutti i membri della commissione stessa, così da facilitare il processo di condivisione delle informazioni COMPITI DEI DOCENTI Ai docenti referenti è richiesto, in fase pre-sessione, di raccogliere e inviare al PEG entro i limiti previsti: 1. I fact sheet e i position paper; 2. le foto dei propri studenti per il Booklet della giuria in tipo fototessera e formato digitale. I docenti accompagnatori devono raccogliere le liberatorie di responsabilità civile dagli studenti minorenni e le fotocopie dei documenti d identità dei di loro tutori legali, e consegnare il tutto agli arrivi ATTIVITÀ La Selezione Nazionale dura cinque giorni, come da programma di cui all allegato 2. Le attività di Teambuilding durano non meno di 4 ore, eventualmente ripartite in più giorni. I Lavori in Commissione durano non meno di 12 ore, ripartite in più giorni. Le attività serali devono essere di tipo ludico-ricreativo, e per quanto possibile prevedere la partecipazione attiva dei delegati. La sera prima dell Assemblea Generale è dedicata alla preparazione contenutistica. La simulazione di dibattito assembleare, comprensiva della spiegazione delle procedure, è organizzata dai rappresentanti del Consiglio Direttivo non altrimenti impegnati, che possono eventualmente avvalersi della collaborazione dei membri della giuria e degli organizzatori. I dibattiti sulle proposte di risoluzione durano 50 minuti l uno. Le procedure da seguire per lo svolgimento dei dibattiti sono presentate nell allegato 3. Alla Cerimonia di Chiusura sono invitati a parlare, nell ordine: 1. i membri delle Istituzioni pubbliche e private che hanno sostenuto l evento; 2. un rappresentante dei docenti accompagnatori; 3. i Caporedattori; 4. i Capo organizzatori; 5. il Presidente del Parlamento Europeo Giovani (o suo delegato); 6. il Presidente della Giuria; 7. il Presidente della Selezione Nazionale. 4 Il periodo di preparazione è compreso fra l invio degli argomenti di discussione a sette giorni prima dell inizio della Selezione Nazionale. 12

14 5.8 - PROGRAMMA PROFESSORI Durante il giorno degli arrivi si svolge l incontro fra i docenti accompagnatori e i rappresentanti del Consiglio Direttivo. I professori allestiscono il banco della rispettiva scuola durante l Italian Village e assistono alla presentazione delle delegazioni. Se lo desiderano, assistono e/o prendono parte agli eventi serali organizzati per i delegati. I professori assistono alla simulazione di dibattito, in cui hanno facoltà di porre domande, e all Assemblea Generale. Nel corso di una Selezione Nazionale deve essere previsto un pranzo riservato ai docenti accompagnatori, possibilmente programmato durante una visita culturale DELEGAZIONI SELEZIONATE A conclusione della Selezione Nazionale sono selezionate: 1. La delegazione prima classificata, che parteciperà alla successiva Sessione Internazionale di EYP (SI) - i vincitori della prima SN partecipano alla SI autunnale dello stesso anno, i vincitori della seconda SN alla SI primaverile dell anno successivo; 2. La delegazione seconda classificata, che parteciperà a uno dei Forum organizzati da un Comitato Nazionale di EYP, e che sostituirà la delegazione vincitrice nell eventualità in cui questa sia impedita a partecipare alla Sessione Internazionale; 3. La commissione prima classificata, i cui membri avranno la priorità di partecipare a dei Forum estivi organizzati da un Comitato Nazionale di EYP METODO DI SELEZIONE Per ogni delegato partecipante, ogni giurato deve valutare gli elaborati prodotti a casa e la partecipazione alle attività della Sessione, con particolare attenzione ai Lavori in Commissione e all Assemblea Generale. Il metodo operativo di selezione è scelto dal Presidente della Giuria. 5 Ai membri di tale commissione sono fornite tutte le informazioni necessarie riguardo l evento tramite apposita piattaforma online. La partecipazione al Forum sarà confermata solo previo invio della prenotazione del volo che dovrà avvenire nelle tempistiche valutate opportunamente dal Comitato organizzatore. 13

15 PARTE VI - SESSIONE REGIONALE SCUOLE PARTECIPANTI Il numero di scuole partecipanti è compresa fra le sei e le dodici, scelte fra le partecipanti alla preselezione e/o invitate dal Consiglio Direttivo. Ogni delegazione è accompagnata da un docente accompagnatore. Ove la struttura ricettiva lo consenta, il Consiglio Direttivo può permettere la presenza di più docenti accompagnatori QUOTE DI PARTECIPAZIONE La quota di partecipazione per i delegati è di 25 a notte, per i docenti accompagnatori è di 50 a notte. Per le delegazioni da scuole provenienti dalla sede della Sessione Regionale, i cui membri restino a dormire a casa, la quota per l intera delegazione è di 100, e il pagamento è richiesto direttamente alla scuola COMUNICAZIONI Le scuole ricevono l invito ufficiale alla Selezione Nazionale e la prima informativa, in cui sono specificati i luoghi e le date della stessa, le informazioni su come raggiungere la sede dell evento, le modalità e i termini di pagamento della quota di partecipazione, e il termine entro cui confermare la partecipazione. Nella seconda informativa, che deve essere inviata allo scadere dei termini di conferma di cui al punto precedente, sono comunicati gli adempimenti per professori e docenti referenti nella fase di preparazione pre-sessione. Allegata ad essa è il Delegate s booklet. Ulteriori informative conterranno dettagli logistici di cui sia necessario mettere al corrente i partecipanti REGISTRAZIONE Tutti i partecipanti devono registrare i propri dati all apposito modulo digitale approntato dal Consiglio Direttivo entro i termini stabiliti. Per i delegati sono richiesti il nome e cognome, la data di nascita, il genere, il numero della carta d identità o del passaporto, l indirizzo , la scuola di provenienza ed eventuali regimi alimentari particolari. Per i docenti accompagnatori è inoltre richiesto il numero di cellulare PREPARAZIONE DEI DELEGATI I delegati devono redigere una proposta di risoluzione con i propri compagni di delegazione, analogamente a quanto fatto per la fase di preselezione ATTIVITÀ La Sessione Regionale include almeno: 1. Una simulazione di dibattito assembleare, comprensiva della spiegazione delle procedure, organizzata dai presidenti di commissione; 2. L Assemblea Generale. 14

16 I dibattiti sulle proposte di risoluzione durano almeno 40 minuti l uno. Le procedure da seguire per lo svolgimento dei dibattiti sono analoghe a quelle in uso per le Selezioni Nazionali, anche se possono essere semplificate in merito alle lingue di dibattito e alla proposta di emendamenti. Alla Cerimonia di Chiusura sono invitati a parlare, nell ordine: 1. i membri delle Istituzioni pubbliche e private che hanno sostenuto l evento; 2. i Capo organizzatori; 3. il Presidente del Parlamento Europeo Giovani (o suo delegato); 4. il Presidente della Giuria (se previsto); 5. il Presidente della Sessione Regionale PROGRAMMA PROFESSORI Durante il giorno degli arrivi si svolge l incontro fra i docenti accompagnatori e i rappresentanti del Consiglio Direttivo. I professori partecipano alla simulazione di dibattito assembleare, in cui hanno facoltà di porre domande, e all Assemblea Generale SELEZIONE DEI DELEGATI A discrezione del Consiglio Direttivo può essere istituita una giuria avente il compito di selezionare la delegazione migliore, che prenderà parte alla successiva Selezione Nazionale. Il metodo operativo di selezione è scelto dal Presidente della Giuria. 15

17 PARTE VII - FACILITATORI CRITERI STRATEGICI DI SELEZIONE La squadra dei facilitatori (officials) delle Selezioni Nazionali deve rispondere all esigenza di garantire i più alti standard qualitativi possibili. La quota di facilitatori internazionali deve essere selezionata seguendo il criterio della maggiore competenza ed esperienza, mentre la quota nazionale può essere aperta anche a quei candidati che abbiamo dimostrato particolare propensione e attitudine a ruolo di facilitatore, a prescindere dall esperienza pregressa. La squadra dei facilitatori delle Sessioni Regionali deve bilanciare la qualità del servizio fornito ai partecipanti con le esigenze di formazione dei soci nella pratica di facilitatore CORSI DI FORMAZIONE ANNUALE Il Consiglio Direttivo organizza annualmente un corso di formazione per presidenti di Commissione (Chairs Academic Training), la cui partecipazione è obbligatoria chi è stato scelto a tale ruolo per le Selezioni Nazionali. Compatibilmente con le disponibilità economiche e organizzative, il CAT può essere aperto anche a tutti gli interessati PRESIDENTE DELLA SESSIONE Il Presidente di Sessione è nominato dal Presidente del PEG, che sceglie fra una rosa di candidati proposta dal Consiglio Direttivo. Qualifiche preferenziali per essere nominati Presidente di una Selezione Nazionale sono, nell ordine: 1. L aver preso parte a una Sessione Internazionale di EYP in qualità di Presidente di Commissione; 2. La comprovata esperienza come membro dell Ufficio di Presidenza a sessioni di EYP, con particolare attenzione agli eventi internazionali; 3. L aver partecipato a un corso di formazione per formatori, in particolare ai T4ET (training for the EYP trainers); 4. La capacità di attrarre persone qualificate a candidarsi come facilitatore, in particolare dall ambito internazionale; 5. L alto livello di preparazione accademica, con particolare riferimento alla conoscenza ottimale della lingua inglese e, eventualmente, di quella francese; 6. Una pregressa esperienza da facilitatore a eventi organizzati dal PEG PRESIDENTI DI COMMISSIONE I Presidenti di Commissione selezionati in seno alla quota nazionale devono avere, preferibilmente, già preso parte a eventi organizzati dal PEG o da altri Comitati Nazionali di EYP in qualità di facilitatore. 16

18 Rientra fra i doveri dei Presidente di Commissione delle Selezioni Nazionali la partecipazione al CAT annuale. La dispensa dal parteciparvi può essere accordata dal Consiglio Direttivo dietro richiesta dell interessato, e le motivazioni devono essere rese pubbliche EDITORI E VIDEO-EDITORI Gli editori sono equiparati ai Presidenti di Commissione per quanto attiene la selezione. Gli editori e video-editori sono responsabili della conservazione di tutto il materiale prodotto dalla loro squadra, in particolare delle riprese audio-video e fotografiche. Tutto il materiale prodotto deve essere condiviso con il Consiglio Direttivo al termine della Sessione CANDIDATURE Il periodo per candidarsi al ruolo di facilitatore dura almeno quindici giorni dalla data di pubblicazione del bando (Call for officials). I candidati devono compilare l apposito modulo elettronico e integrare la candidatura inviando l ulteriore documentazione richiesta entro i limiti stabiliti. In nessun caso possono essere accettate le candidature presentate oltre la scadenza prevista dal bando PROCESSO DI SELEZIONE DELLA QUOTA NAZIONALE La selezione dei facilitatori in quota nazionale è effettuata dal Consiglio Direttivo e confermata dai responsabili di squadra 6 per i rispettivi gruppi. I responsabili di squadra possono proporre modifiche sulle quali si pronuncerà definitivamente il Consiglio Direttivo. Qualora il numero di candidature sia ampiamente eccedente il numero di posti disponibili, e comunque a discrezione del Consiglio Direttivo, può essere adottata la one-session-policy 7. Tale criterio non si applica ai membri dell ufficio di presidenza e agli editori PROCESSO DI SELEZIONE DELLA QUOTA INTERNAZIONALE La selezione dei facilitatori in quota internazionale è effettuata dai responsabili di squadra. Il Consiglio Direttivo si riserva di esprimere le proprie preferente e, eventualmente, porre il veto su candidature giudicate assolutamente irricevibili ESITO DEL PROCESSO DI SELEZIONE Ogni candidato riceve risposta individuale sull esito di ogni sua candidatura entro tre settimane dalla scadenza del bando per le candidature. Una volta confermati tutti i membri delle squadre di facilitatori, i nominativi selezionati sono pubblicati sulle mailing list e sui gruppi Facebook del PEG. 6 Presidente di Sessione, Editori, Capi Organizzatori. 7 Principio per cui, nel corso dello stesso esercizio, si può essere selezionati come Presidente di Commissione, Giornalista o Organizzatore solo per una delle Selezioni Nazionali organizzate. 17

19 ORGANICO DEI FACILITATORI DELLA SELEZIONE NAZIONALE I membri dell Ufficio di Presidenza sono quattro: un Presidente e tre Vicepresidenti. La quota nazionale è di due membri. I Presidenti di Commissione sono tredici. A questi si aggiungono i tre Vicepresidenti, in modo da avere due Presidenti per ogni Commissione. La quota nazionale è di 6 membri se il Presidente è internazionale 8, 7 se il Presidente è socio del PEG. I membri dell Ufficio editoriale sono quattro: due Redattori e due Video editor. La quota nazionale è di due membri. I Giornalisti sono in numero variabile da 4 a 6, come da accordi con gli Organizzatori capo (Head Organiser). La quota nazionale è pari alla metà per difetto del numero stabilito. I Capi organizzatori sono due, di cui almeno uno appartenente al Consiglio Direttivo. Il numero degli organizzatori è compreso fra i 5 e i 15 membri, come da accordi fra il Consiglio Direttivo e gli Head Organiser. Tutti gli organizzatori devono essere soci del PEG. I membri della giuria sono sei, fra cui almeno un membro del Consiglio Direttivo. Il Presidente di giuria ha voto doppio. Il Consiglio Direttivo deve impegnarsi al fine di assicurare la presenza in giuria di almeno un docente e/o un membro di un Istituzione accademica, e di almeno un membro internazionale. La quota nazionale è di tre membri ORGANICO DEI FACILITATORI DELLA SESSIONE REGIONALE I membri dell Ufficio di Presidenza sono tre: un Presidente e tre Vicepresidenti. La quota nazionale è di almeno 2 membri. I Presidenti di Commissione, ove previsti, sono tanti quante le delegazioni. Tutti i presidenti di commissione appartengono alla quota nazionale. Il numero degli organizzatori è inferiore a 8 membri, di cui un Capo organizzatore. Tutti gli organizzatori devono essere soci del PEG. I membri della giuria, ove previsti, sono almeno tre. Il Consiglio Direttivo deve impegnarsi al fine di assicurare la presenza in giuria di almeno un docente e/o un membro di un Istituzione accademica, o di un membro internazionale. 8 Membro di un altro Comitato Nazionale o alumnus di EYP, non iscritto al PEG. 18

20 ALLEGATO 1 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA PRESELEZIONE NAZIONALE Criterio A lavoro di ricerca preliminare. A questa voce si ascrive la valutazione sulla preparazione dimostrata dai partecipanti sulla situazione normativa attuale, a livello europeo e degli Stati membri; la capacità di analisi dei dati rilevanti ai fini dell esposizione della parte operativa; il livello di dettaglio con cui sono presentate le considerazioni. Criterio B risposta all argomento della proposta di risoluzione. A questa voce si ascrive la valutazione sui contenuti operativi presentati nella proposta di risoluzione, secondo i criteri di: 1. aderenza all argomento assegnato; 2. consequenzialità alle considerazioni introduttive; 3. pluralità di punti di vista presenti e capacità di lateral thinking dimostrata; 4. innovatività, concretezza ed effettuabilità; 5. livello di dettaglio e sviluppo contenutistico. Criterio C espressione in lingua inglese. A questa voce si ascrive la valutazione sulla capacità espressiva dimostrata nella lingua inglese, secondo i criteri di fluidità sintattica e correttezza grammaticale e lessicale; Criterio D Forma. A questa voce si ascrive la valutazione sull aderenza dell elaborato alle prescrizioni contenute nella Guida alla stesura, all adeguatezza del registro e alla proprietà delle espressioni usate. Criterio A B C D Peso 25% 25% 30% 20% 19

REGOLAMENTO ATTUATIVO CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI MEDICI SPECIALIZZANDI

REGOLAMENTO ATTUATIVO CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI MEDICI SPECIALIZZANDI REGOLAMENTO ATTUATIVO CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI MEDICI SPECIALIZZANDI CAPITOLO I PARTE GENERALE esclusivamente per gli scopi sociali previsti dallo Statuto. ARTICOLO 1 COSTITUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO AGI NAZIONALE APPROVATO NELL ASSEMBLEA NAZIONALE 18 MAGGIO 2014

REGOLAMENTO AGI NAZIONALE APPROVATO NELL ASSEMBLEA NAZIONALE 18 MAGGIO 2014 REGOLAMENTO AGI NAZIONALE APPROVATO NELL ASSEMBLEA NAZIONALE 18 MAGGIO 2014 Art. 1 Sede (Art. 1 dello Statuto) La Sede può essere trasferita su delibera dell Assemblea Straordinaria. Quando ricorra motivo

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

REGOLAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Il presente regolamento disciplina il funzionamento del senato accademico dell Università degli studi di Genova in conformità a quanto

Dettagli

ADOZIONE DI UN NUOVO REGOLAMENTO ASSEMBLEARE. Signori Soci,

ADOZIONE DI UN NUOVO REGOLAMENTO ASSEMBLEARE. Signori Soci, ADOZIONE DI UN NUOVO REGOLAMENTO ASSEMBLEARE Signori Soci, in relazione alle modifiche statutarie sottoposte all odierna Assemblea sociale, si è resa necessaria una rivisitazione del vigente testo del

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como Prot. n. 5585/C16 Anno scolastico 2015-2016 Como, li 26.09.2015 Comunicazione n. 39 Alle Studentesse, agli Studenti e alle loro Famiglie Ai Docenti Ai Docenti collaboratori del dirigente scolastico Al

Dettagli

REGOLAMENTO Art. 1. Scopo Il presente Regolamento integra e specifica le disposizioni dello Statuto.

REGOLAMENTO Art. 1. Scopo Il presente Regolamento integra e specifica le disposizioni dello Statuto. REGOLAMENTO Art. 1. Scopo Il presente Regolamento integra e specifica le disposizioni dello Statuto. Soci Art. 2. Categorie di soci Possono essere soci dell Associazione sia persone fisiche che persone

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SEDI REGIONALI S.I.C.P.

REGOLAMENTO DELLE SEDI REGIONALI S.I.C.P. REGOLAMENTO DELLE SEDI REGIONALI S.I.C.P. ART.1 FINALITÀ DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento, redatto, ai sensi e per gli effetti dell articolo 1 dello statuto sociale della SICP, disciplina le modalità

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SENATO DEGLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale 12 dicembre 2013 n. 698) INDICE

REGOLAMENTO DEL SENATO DEGLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale 12 dicembre 2013 n. 698) INDICE REGOLAMENTO DEL SENATO DEGLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale 12 dicembre 2013 n. 698) INDICE TITOLO 1 - NORME ORGANIZZATIVE E PROCEDURALI Articolo 1 (Natura e finalità del regolamento) Articolo

Dettagli

Decreto n. 187.14 prot. 4040 LA RETTRICE

Decreto n. 187.14 prot. 4040 LA RETTRICE Decreto n. 187.14 prot. 4040 LA RETTRICE - Viste le Leggi sull Istruzione Universitaria; - Visto lo Statuto dell Università per Stranieri di Siena adottato con D.R. 203.12 dell 8 maggio 2012 e pubblicato

Dettagli

FONDO DI SOLIDARIETA PER L ASSISTENZA SANITARIA dei soggetti di cui all articolo 1 dello Statuto TRENTO REGOLAMENTO DEL COMITATO DI GESTIONE

FONDO DI SOLIDARIETA PER L ASSISTENZA SANITARIA dei soggetti di cui all articolo 1 dello Statuto TRENTO REGOLAMENTO DEL COMITATO DI GESTIONE FONDO DI SOLIDARIETA PER L ASSISTENZA SANITARIA dei soggetti di cui all articolo 1 dello Statuto TRENTO REGOLAMENTO DEL COMITATO DI GESTIONE Edizione anno 2011 Norme generali Art. 1 1. La stesura del presente

Dettagli

Art. 3 Soci Possono associarsi alla CdV le organizzazioni previste dall art. 3 dello Statuto.

Art. 3 Soci Possono associarsi alla CdV le organizzazioni previste dall art. 3 dello Statuto. REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CASA DEL VOLONTARIATO Art.1 Denominazione e sede La Casa del Volontariato ha sede in Monza via Correggio 59 in un edificio che il Comune di Monza ha dato in comodato

Dettagli

Capitolo I Regolamento

Capitolo I Regolamento AICQ-TL - REGOLAMENTO c/o CIPAT Via dei Pilastri n 3 50121 Firenze C.F. 90027270504 - P. IVA 01521540508 Rev 25 settembre 2009 Capitolo I Regolamento art. 1 Scopo Il presente Regolamento disciplina le

Dettagli

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE SERVIZI PER IL VOLONTARIATO MODENA approvato dall assemblea del 6 marzo 2014. Art. 1. Criteri di ammissione

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE SERVIZI PER IL VOLONTARIATO MODENA approvato dall assemblea del 6 marzo 2014. Art. 1. Criteri di ammissione REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE SERVIZI PER IL VOLONTARIATO MODENA approvato dall assemblea del 6 marzo 2014 Art. 1. Criteri di ammissione 1. L Associazione Servizi Per il volontariato di Modena (ASVM) è aperta

Dettagli

D.R. n. 15 del 26.01.2015

D.R. n. 15 del 26.01.2015 IL RETTORE Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle Università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. REGOLAMENTO ISTITUTI DI PARTECIPAZIONE POPOLARE (Approvato con Delibera n. 68 del Consiglio Comunale del 29/11/2012)

COMUNE DI ROVIGO. REGOLAMENTO ISTITUTI DI PARTECIPAZIONE POPOLARE (Approvato con Delibera n. 68 del Consiglio Comunale del 29/11/2012) COMUNE DI ROVIGO REGOLAMENTO ISTITUTI DI PARTECIPAZIONE POPOLARE (Approvato con Delibera n. 68 del Consiglio Comunale del 29/11/2012) TITOLO I CONSULTAZIONE POPOLARE CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Iniziativa

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.V.G. FANCONI ART. 1 1. È costituita ai sensi della legge n. 266 del 1991 l organizzazione di volontariato, denominata: «A.V.G. Fanconi» 2. L organizzazione ha

Dettagli

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:.

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:. REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:. Al fine di chiarire l applicazione amministrativa dello Statuto vigente ed in ossequio allo stesso ed alle norme vigenti, nella seduta del

Dettagli

BrigX Linux Users Group - Statuto

BrigX Linux Users Group - Statuto BrigX Linux Users Group - Statuto 1 Disposizioni generali 1.1 Denominazione È costituita l associazione culturale BrigX, con un rimando diretto a Brig, antico nome della Brianza (d ora in poi indicata

Dettagli

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI ASSESSORATO ALLA PARTECIPAZIONE STATUTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I - NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI Art. 1 - Istituzione...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C.

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C. REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C. Art. 1 Indizione delle elezioni 1. Il Consiglio Direttivo convoca l Assemblea degli

Dettagli

ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI

ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI Regolamento delle Strutture di base Approvato dal Consiglio nazionale del 13 settembre 2012 Regolamento delle Strutture provinciali Approvato dal Consiglio nazionale

Dettagli

Regolamento interno dell Autorità regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione della Toscana

Regolamento interno dell Autorità regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione della Toscana Regolamento interno dell Autorità regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione della Toscana Capo I Finalità e definizioni Articolo 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO MOVIMENTO 5 STELLE CASTELFIDARDO

REGOLAMENTO GRUPPO MOVIMENTO 5 STELLE CASTELFIDARDO REGOLAMENTO GRUPPO MOVIMENTO 5 STELLE CASTELFIDARDO Premessa Il presente regolamento definisce le regole di funzionamento del Gruppo Movimento 5 Stelle CASTELFIDARDO (in breve M5S CASTELFIDARDO), ed è

Dettagli

ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI

ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI Regolamento delle Strutture di base Approvato dal Consiglio nazionale del 4-5 luglio 2008 (modificato dal Consiglio nazionale del 19-20 giugno 2009) Regolamento

Dettagli

Parte I. Votazione delle delibere dell Assemblea Paritetica (Art. 15 dello Statuto)

Parte I. Votazione delle delibere dell Assemblea Paritetica (Art. 15 dello Statuto) REGOLAMENTO ELETTORALE PER LE VOTAZIONI DELLE DELIBERE DELL ASSEMBLEA PARITETICA, PER LE ELEZIONI, LA NOMINA E LA REVOCA DEI COMPONENTI L ASSEMBLEA DEI DELEGATI, IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ED IL COLLEGIO

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM CONSULTIVI

COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM CONSULTIVI COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM CONSULTIVI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 136 del 22.11.1996 Modificato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE

FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE PARTE I Elezione dei delegati in rappresentanza dei lavoratori per la costituzione

Dettagli

Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI

Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI Approvato dall Assemblea provinciale il 13 giugno 2011 1 REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347. Art. 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347. Art. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347 del 23 luglio 2015, pubblicato in data 27 luglio 2015 sull Albo on line ed entrato in vigore il 28 luglio 2015 Art. 1 Oggetto

Dettagli

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove STATUTO SOCIALE Art. 1 - Costituzione e sede Ai sensi delle disposizioni del Codice Civile in tema di Associazioni, e delle leggi

Dettagli

Regolamento per la formazione dei comitati di quartieri Approvato con delib. del CC N. 128 del 15 luglio 2010

Regolamento per la formazione dei comitati di quartieri Approvato con delib. del CC N. 128 del 15 luglio 2010 Regolamento per la formazione dei comitati di quartieri Approvato con delib. del CC N. 128 del 15 luglio 2010 Il presente regolamento contiene: A) Delimitazioni ambiti territoriali dei comitati di quartieri

Dettagli

ASSOCIAZIONE TORINESE IMPRESE FUNEBRI A.T.I.F.

ASSOCIAZIONE TORINESE IMPRESE FUNEBRI A.T.I.F. ASSOCIAZIONE TORINESE IMPRESE FUNEBRI A.T.I.F. STATUTO Titolo I COSTITUZIONE Articolo E costituita l associazione, intesa a promuovere ed applicare l etica professionale tra le imprese di onoranze funebri,

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 23.01.2015 Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee

Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee PREMESSA Il Regolamento dell Associazione Idee descrive il disegno organizzativo e rappresenta sinteticamente il complesso delle attribuzioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A Premessa Il presente regolamento è riferito alle elezioni RSU/RLS del Gruppo A2A (perimetro ex-aem) sulla base delle previsioni dell accordo sottoscritto

Dettagli

Regolamento dell Associazione Noi del Tosi

Regolamento dell Associazione Noi del Tosi Regolamento dell Associazione Noi del Tosi Disposizioni preliminari Art. I Con questo regolamento interno l Associazione Noi dell Enrico Tosi intende darsi un insieme di norme pratiche atte a favorire

Dettagli

Articolo 1 Composizione

Articolo 1 Composizione Regolamento interno di organizzazione per il funzionamento della Conferenza nazionale per la garanzia dei diritti dell infanzia e dell adolescenza Istituita dall art. 3, comma 7, della legge 12 luglio

Dettagli

ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO

ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO ART. 1 ISTITUZIONE La Consulta Giovanile Comunale è istituita dal Comune di Torino di Sangro con deliberazione del Consiglio Comunale n. 5 del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Passione tenace per la prevenzione efficace

Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Passione tenace per la prevenzione efficace STATUTO AIAS (approvato nell Assemblea Straordinaria dell 11/12/12 presso Aula Morandi FAST Milano) Art. 1 Costituzione e denominazione 1. L Associazione Italiana fra Addetti alla Sicurezza, denominata

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE NAZIONALE VETERINARI AZIENDALI (ANVAz)

STATUTO ASSOCIAZIONE NAZIONALE VETERINARI AZIENDALI (ANVAz) STATUTO ASSOCIAZIONE NAZIONALE VETERINARI AZIENDALI (ANVAz) ART. 1 Denominazione e sede E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della normativa in materia e del Codice deontologico veterinario, l

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Regolamento di Facoltà

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Regolamento di Facoltà Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Regolamento di Facoltà Articolo 1 La Facoltà Articolo 2 Organi e strutture della Facoltà Articolo 3 Il Preside Articolo

Dettagli

FORUM DEI GIOVANI CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO

FORUM DEI GIOVANI CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO INDICE ARTICOLO 1 ISTITUZIONE ARTICOLO 2 - IMPEGNI DELL AMMINISTRAZIONE ARTICOLO 3 - FINALITA DEL FORUM ARTICOLO 4 - AREE DI INTERESSE ARTICOLO 5 COMPETENZE

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali Regolamento di Facoltà

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali Regolamento di Facoltà Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali Regolamento di Facoltà Tiitolo I Disposizioni generali Articolo 1 Ambito della disciplina 1. Nell esercizio dell autonomia

Dettagli

Statuto Associazione Professionale Counselling (A.Pro.Co)

Statuto Associazione Professionale Counselling (A.Pro.Co) 1 Statuto Associazione Professionale Counselling (A.Pro.Co) L'anno 2013 (duemilatredici) il giorno 22 (ventidue) del mese di luglio si costituisce l'associazione culturale denominata Associazione Professionale

Dettagli

Statuto. Art 1. L Associazione di volontariato, fondata nel 1987 dai Lions del Distretto 108 Ib

Statuto. Art 1. L Associazione di volontariato, fondata nel 1987 dai Lions del Distretto 108 Ib Statuto Art 1 L Associazione di volontariato, fondata nel 1987 dai Lions del Distretto 108 Ib e sostenuta dai Lions Club dei Distretti Lions lombardi (108 Ib1, Ib2, Ib3 ed Ib4), assume la denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO della Commissione parlamentare di inchiesta sugli infortuni sul lavoro, con particolare riguardo alle cosiddette "morti bianche"

REGOLAMENTO INTERNO della Commissione parlamentare di inchiesta sugli infortuni sul lavoro, con particolare riguardo alle cosiddette morti bianche REGOLAMENTO INTERNO della Commissione parlamentare di inchiesta sugli infortuni sul lavoro, con particolare riguardo alle cosiddette "morti bianche" TITOLO I DISPOSIZIONE GENERALE Art. 1. (Compiti della

Dettagli

STATUTO. Approvato al congresso del 27.5.1949. Modificato con referendum del 15.10.1981 e del 10.10.1988. Riformato con referendum del 22.10.

STATUTO. Approvato al congresso del 27.5.1949. Modificato con referendum del 15.10.1981 e del 10.10.1988. Riformato con referendum del 22.10. STATUTO Approvato al congresso del 27.5.1949 Modificato con referendum del 15.10.1981 e del 10.10.1988 Riformato con referendum del 22.10.1995 Riformato con referendum del 15.11.1997 Riformato con referendum

Dettagli

STATUTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO ITALO-LIBICA

STATUTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO ITALO-LIBICA Art. 1 STATUTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO ITALO-LIBICA COSTITUZIONE TITOLO I Costituzione sede-finalità-durata È costituita una Camera di Commercio mista denominata Camera di Commercio italo-libica, avente

Dettagli

Regolamento ESN - Associazione Erasmus Padova

Regolamento ESN - Associazione Erasmus Padova Regolamento ESN - Associazione Erasmus Padova (Approvato il 14 Maggio 2012) Questo regolamento ha la finalità di rendere più agevole la gestione quotidiana dell associazione e facilitare l interpretazione

Dettagli

1 DENOMINAZIONE "ASSOCIAZIONE CASE FUNERARIE FUNERAL HOME: ECCELLENZA FUNERARIA ITALIANA"

1 DENOMINAZIONE ASSOCIAZIONE CASE FUNERARIE FUNERAL HOME: ECCELLENZA FUNERARIA ITALIANA STATUTO Articolo 1 DENOMINAZIONE È costituita una Associazione legalmente riconosciuta, senza fini di lucro, denominata "ASSOCIAZIONE CASE FUNERARIE FUNERAL HOME: ECCELLENZA FUNERARIA ITALIANA", in sigla

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

Regolamento Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze

Regolamento Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze ASSESSORATO alle POLITICHE SCOLASTICHE, FORMATIVE ED EDUCATIVE. EDILIZIA SCOLASTICA Regolamento Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze Assessore proponente dott. Sabato Simonetti Aprile 2009 Regolamento

Dettagli

VIII SESSIONE REGIONALE DEL PEG

VIII SESSIONE REGIONALE DEL PEG VIII SESSIONE REGIONALE DEL PEG MILANO, 7-9 MAGGIO 2012 BANDO DI PARTECIPAZIONE IL PARLAMENTO EUROPEO GIOVANI www.eypitaly.org L (PEG) è stata costituita nel 1994 su iniziativa di un gruppo di docenti

Dettagli

Assemblea degli Azionisti 28 ottobre 2014(prima convocazione) ore 8.30 29 ottobre 2014 (seconda convocazione) ore 8.30

Assemblea degli Azionisti 28 ottobre 2014(prima convocazione) ore 8.30 29 ottobre 2014 (seconda convocazione) ore 8.30 Assemblea degli Azionisti 28 ottobre 2014(prima convocazione) ore 8.30 29 ottobre 2014 (seconda convocazione) ore 8.30 Relazioni degli Amministratori sui punti all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE Indice generale Art.1 Costituzione e sede...1 Art.2 Durata dell Organizzazione...1 Art.3 Carattere dell Organizzazione...1 Art.4 Scopi dell Organizzazione...1 Art.5 Requisiti dei soci...2 Art.6 Ammissione

Dettagli

ART. I. L'ammissione dei nuovi soci aggregati e ordinari è subordinata alle seguenti modalità:

ART. I. L'ammissione dei nuovi soci aggregati e ordinari è subordinata alle seguenti modalità: Regolamento Ammissione dei soci ART. I. L'ammissione dei nuovi soci aggregati e ordinari è subordinata alle seguenti modalità: a) presentazione di domanda controfirmata da due soci ordinari e corredata

Dettagli

Convocazione di Assemblea Generale Free Hardware Foundation

Convocazione di Assemblea Generale Free Hardware Foundation Cari membri della fondazione, dopo un'ampia discussione sia all'interno del Consiglio che all'interno dell'esecutivo, siamo giunti alla conclusione, pacifica e condivisa, che la Fondazione abbia raggiunto

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

REGOLAMENTO SOCIALE REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO C.U.S. TRENTO

REGOLAMENTO SOCIALE REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO C.U.S. TRENTO REGOLAMENTO SOCIALE REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO C.U.S. TRENTO 1 TITOLO I DEFINIZIONE Art. 1- Definizione 1. Il Regolamento Sociale contiene le norme di attuazione dello Statuto del C.U.S. Trento

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE FIDAS VERONA

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE FIDAS VERONA REGOLAMENTO REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE FIDAS VERONA PARAGRAFO 1 L associazione Fidas Verona è formata dall aggregazione delle associazioni di donatori volontari di sangue aderenti alla Fidas e operanti

Dettagli

REGOLAMENTO ALLO STATUTO SOI

REGOLAMENTO ALLO STATUTO SOI REGOLAMENTO ALLO STATUTO SOI Delle Associazioni Affiliate (art. 2) Le Associazioni Affiliate: a) hanno personalità giuridica propria; b) si reggono e si finanziano sulla base di propri regolamenti che

Dettagli

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI.

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. COMUNE DI ALA Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità e contenuti 1. Questo regolamento stabilisce le modalità per l

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PROCEDIMENTO DI CONFERIMENTO DEL TITOLO STUDENTE DELL ANNO LIUC

REGOLAMENTO DEL PROCEDIMENTO DI CONFERIMENTO DEL TITOLO STUDENTE DELL ANNO LIUC REGOLAMENTO DEL PROCEDIMENTO DI CONFERIMENTO DEL TITOLO STUDENTE DELL ANNO LIUC TITOLO I Disposizioni Generali Art.1 Il riconoscimento I titoli di Studente dell anno LIUC sono riconoscimenti conferiti,

Dettagli

STATUTO DEL GRUPPO AZIENDALE AGENTI DELLA COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI

STATUTO DEL GRUPPO AZIENDALE AGENTI DELLA COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI TITOLO I STATUTO DEL GRUPPO AZIENDALE AGENTI DELLA COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI COSTITUZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI Articolo 1- Costituzione, Sede e Durata E costituito il Gruppo Aziendale Agenti

Dettagli

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 Disposizioni di dettaglio per la gestione e il controllo della realizzazione di progetti mirati alla lotta alla dispersione scolastica

Dettagli

1/6 REGOLAMENTO INTERNO - ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. TECHNE Arti e Scienze

1/6 REGOLAMENTO INTERNO - ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. TECHNE Arti e Scienze TECHNE Arti e Scienze REGOLAMENTO INTERNO - ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE Il seguente regolamento contiene le norme attuative per la vita sociale dell'associazione di promozione sociale TECHNE Arti

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO. Statuto del Forum dei Giovani

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO. Statuto del Forum dei Giovani COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO Statuto del Forum dei Giovani Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.8 del 30/06/2011 Titolo Primo: Istituzione, durata, sede, principi programmatici

Dettagli

1.0 Previsioni Generali

1.0 Previsioni Generali STATUTO 1 1.0 Previsioni Generali 1.1 E costituita l Associazione Comitato Italiano UNESCO Giovani (qui riferita con il nome di Associazione). 1.2 L Associazione è un organizzazione giovanile indipendente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA, PSICOLOGIA, FILOSOFIA REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA, PSICOLOGIA, FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA, PSICOLOGIA, FILOSOFIA REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA, PSICOLOGIA, FILOSOFIA REGOLAMENTO DEL TITOLO I AMBITO DI APPLICAZIONE, MISSIONE, FINALITÀ E ORGANIZZAZIONE Art. 1 -Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e il funzionamento del Dipartimento

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE. LoveItaly! Associazione Culturale. Articolo 1. Denominazione sede durata

STATUTO DI ASSOCIAZIONE. LoveItaly! Associazione Culturale. Articolo 1. Denominazione sede durata STATUTO DI ASSOCIAZIONE LoveItaly! Associazione Culturale Articolo 1 Denominazione sede durata È costituita, ai sensi degli art. 14 e seguenti del Codice Civile, l Associazione denominate LoveItaly! Associazione

Dettagli

III APPARTENENZA I SCOPO DELL ASSOCIAZIONE II SEDE

III APPARTENENZA I SCOPO DELL ASSOCIAZIONE II SEDE STATUTI Il Collège Suisse des Experts Architectes (CSEA) è un associazione ai sensi degli articoli 60 e 79 della CCS. I SCOPO DELL ASSOCIAZIONE Art. 1 L Associazione incoraggia e facilita i contatti fra

Dettagli

STATUTO dell Associazione denominata retescuole

STATUTO dell Associazione denominata retescuole STATUTO dell Associazione denominata retescuole ARTICOLO 1: COSTITUZIONE 1. Ai sensi degli art. 36 e 37 del Codice Civile e seguenti e della Legge n.383/2000, è costituita l Associazione denominata Retescuole.

Dettagli

STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA

STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA Art. 1 - E' costituita in Napoli un'associazione denominata "A.I.R.F.A. - Associazione Italiana per la Ricerca sull'anemia di Fanconi (in seguito

Dettagli

Regolamento del Rotary club Palermo Sud. Service Above Self He Profits Most Who Serves Best

Regolamento del Rotary club Palermo Sud. Service Above Self He Profits Most Who Serves Best Regolamento del Rotary club Palermo Sud Service Above Self He Profits Most Who Serves Best Regolamento revisionato 12-2011 INDICE Articolo 1 SCOPO... 3 Articolo 2 Campo di applicazione... 3 Articolo 3

Dettagli

Fondo Attività Servizi Sociali per i Lavoratori delle Aziende del Settore Energia ENI STATUTO

Fondo Attività Servizi Sociali per i Lavoratori delle Aziende del Settore Energia ENI STATUTO Fondo Attività Servizi Sociali per i Lavoratori delle Aziende del Settore Energia ENI STATUTO 2004 STATUTO DEL FONDO Art. 1 COSTITUZIONE In attuazione degli accordi sindacali del 9-3-1970 e successivi,

Dettagli

DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 30 ottobre 2013, n. 69

DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 30 ottobre 2013, n. 69 L.R. 52/1980 DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 30 ottobre 2013, n. 69 Regolamento di attuazione della legge regionale 28 ottobre 1980, n. 52 come modificata dalla legge regionale

Dettagli

Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI

Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Istituzione della Consulta La Consulta Provinciale delle studentesse e degli studenti

Dettagli

Statuto dell Associazione DIMENSIONE MUSICA TITOLO I DENOMINAZIONE - SEDE - SCOPI E DURATA

Statuto dell Associazione DIMENSIONE MUSICA TITOLO I DENOMINAZIONE - SEDE - SCOPI E DURATA Statuto dell Associazione DIMENSIONE MUSICA TITOLO I DENOMINAZIONE - SEDE - SCOPI E DURATA Art. 1 DENOMINAZIONE E costituita, ai sensi e per gli effetti degli articoli 36, 37 e 38 del Codice Civile, una

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

BHALOBASA ONLUS STATUTO

BHALOBASA ONLUS STATUTO Associazione BHALOBASA ONLUS STATUTO 2 Titolo I Definizione, finalità, durata ART. 1 E costituita una Associazione denominata Associazione Bhalobasa ONLUS. ART. 2 L Associazione ha sede in Lari (PI), via

Dettagli

CONSORZIO CHIERESE PER I SERVIZI

CONSORZIO CHIERESE PER I SERVIZI CONSORZIO CHIERESE PER I SERVIZI P r o v i n c i a d i T o r i n o ------------------ Regolamento per il reclutamento del personale dipendente e per il conferimento degli incarichi di collaborazione a

Dettagli

REGOLAMENTO Associazione CNCP:Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

REGOLAMENTO Associazione CNCP:Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti REGOLAMENTO Associazione CNCP:Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti Il presente Regolamento viene adottato a norma e per gli effetti dell art. 5 dello Statuto del CNCP e si compone di 22 (ventidue)

Dettagli

IIBA Italy Chapter Statuto ed. 02 15 Gennaio 2014 pag. 1. International Institute of Business Analysis - Italy Chapter Statuto

IIBA Italy Chapter Statuto ed. 02 15 Gennaio 2014 pag. 1. International Institute of Business Analysis - Italy Chapter Statuto Statuto ed. 02 15 Gennaio 2014 pag. 1 International Institute of Business Analysis - Italy Chapter Statuto Statuto ed. 02 15 Gennaio 2014 pag. 2 Indice Articolo 1 Nome, Sede e Relazione con IIBA... 3 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO TESI DI LAUREA E DI DIPLOMA UNIVERSITARIO (approvato nel CF del 14/03/2007 in vigore dalla sessione di laurea di novembre 2007)

REGOLAMENTO TESI DI LAUREA E DI DIPLOMA UNIVERSITARIO (approvato nel CF del 14/03/2007 in vigore dalla sessione di laurea di novembre 2007) REGOLAMENTO TESI DI LAUREA E DI DIPLOMA UNIVERSITARIO (approvato nel CF del 14/03/2007 in vigore dalla sessione di laurea di novembre 2007) CAPO 1 - LA PROVA FINALE Art. 1.1 Sintesi La prova finale consiste

Dettagli

ASSOCIAZIONE REGIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O RELAZIONALE ANFFAS LOMBARDIA - ONLUS

ASSOCIAZIONE REGIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O RELAZIONALE ANFFAS LOMBARDIA - ONLUS ASSOCIAZIONE REGIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O RELAZIONALE ANFFAS LOMBARDIA - ONLUS Sede Legale e Operativa: Via Livigno, 2 20158 MILANO e-mail: info@anffaslombardia.it Codice

Dettagli

PREMIO NAZIONALE "Crescere cittadini"

PREMIO NAZIONALE Crescere cittadini PREMIO NAZIONALE "Crescere cittadini" L'Associazione Claudio Rinaldi giornalista onlus promuove, in collaborazione con la Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione e la Partecipazione del Ministero

Dettagli

CONSULTAZIONI ELETTORALI PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E DEI CONSIGLIERI REGIONALI DEL 23 NOVEMBRE 2014

CONSULTAZIONI ELETTORALI PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E DEI CONSIGLIERI REGIONALI DEL 23 NOVEMBRE 2014 CONSULTAZIONI ELETTORALI PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E DEI CONSIGLIERI REGIONALI DEL 23 NOVEMBRE 2014 ISTRUZIONI INTEGRATIVE REGIONALI PER GLI UFFICI ELETTORALI DI SEZIONE INDICE 1) pagine

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO IN MATERIA DI INSERIMENTO DI PERSONALE NELL ORGANICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA

PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO IN MATERIA DI INSERIMENTO DI PERSONALE NELL ORGANICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO IN MATERIA DI INSERIMENTO DI PERSONALE NELL ORGANICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n.233/45230 del 17.06.2010 con contestuale

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

Associazione A.M.A. Amarcord Sede Intercomunale di Castello d Argile. Statuto

Associazione A.M.A. Amarcord Sede Intercomunale di Castello d Argile. Statuto Associazione A.M.A. Amarcord Sede Intercomunale di Castello d Argile Statuto TITOLO I Art. 1: Denominazione e sede. Associazione A.M.A. Amarcord Sede Intercomunale di Castello d Argile Provincia di Bologna

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK

STATUTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK STATUTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK Articolo 1: COSTITUZIONE Ai sensi degli artt. 14 ss. del Codice Civile e della Legge 11 agosto 1991, n.266, è costituita, con sede legale a Trento, l Associazione

Dettagli

Scuola di Psicoterapia dell Adolescenza e dell età Giovanile ad indirizzo Psicodinamico SPAD

Scuola di Psicoterapia dell Adolescenza e dell età Giovanile ad indirizzo Psicodinamico SPAD Scuola di Psicoterapia dell Adolescenza e dell età Giovanile ad indirizzo Psicodinamico SPAD REGOLAMENTO Articolo 1: Finalità Articolo 2: Organi della Scuola Articolo 3: Comitato Scientifico Articolo 4:

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l istituzione della CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Regolamento Consulta Provinciale delle Associazioni di Volontariato di

Dettagli

Raccolta Normativa della Regione Toscana 1

Raccolta Normativa della Regione Toscana 1 Legge regionale 27 dicembre 2007, n. 69 Norme sulla promozione della partecipazione alla elaborazione delle politiche regionali e locali. (Bollettino Ufficiale n. 1, parte prima,del 03.01.2008 ) CAPO I

Dettagli

Fondazione Studi Universitari di Vicenza FSU Vicenza. STATUTO (Composto da 16 articoli)

Fondazione Studi Universitari di Vicenza FSU Vicenza. STATUTO (Composto da 16 articoli) Fondazione Studi Universitari di Vicenza FSU Vicenza Codice Fiscale 95070400247 Iscritta nel Registro delle Persone Giuridiche della Prefettura di Vicenza al n.79 Costituita in data 25 luglio 2002 con

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE META BRASIL

REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE META BRASIL REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE META BRASIL Il seguente regolamento contiene le norme attuative per la vita sociale dell ASSOCIAZIONE CULTURALE META BRASIL. Esso discende dallo statuto,

Dettagli