NoemaLife S.p.A. via Gobetti, Bologna Tel Fax Capitale sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NoemaLife S.p.A. via Gobetti, 52 40129 Bologna Tel. +39 051 4193911 Fax +39 051 4193900 info@noemalife.com www.noemalife.com Capitale sociale"

Transcript

1 RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014 NoemaLife S.p.A. via Gobetti, Bologna Tel Fax Capitale sociale ,40 P. IVA C.F Reg. Imprese Bologna R.E.A. Bologna

2 INDICE 1 Organi sociali Consiglio di Amministrazione Collegio Sindacale Organismo di Vigilanza Società di Revisione Partecipazioni Relazione Intermedia sulla Gestione Premessa Andamento dell attività Andamento economico Andamento finanziario Attività di Ricerca e Sviluppo Sedi Eventi di rilievo avvenuti durante il semestre Prevedibile evoluzione dell attivita per l esercizio in corso ed eventi significativi avvenuti dopo la chiusura del semestre Rischi Informativa Bilancio consolidato semestrale abbreviato del Gruppo NoemaLife RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3O GIUGNO

3 1 Organi sociali 1.1 Consiglio di Amministrazione Presidente e Amministratore Delegato Francesco Serra (Consigliere esecutivo) Vice Presidente Angelo Liverani (Consigliere esecutivo) Consiglieri Paolo Toth Maria Beatrice Bassi Maurelio Boari Andrea Papini Andrea Corbani Cristina Signifredi Valentina Serra Claudio Berretti Stefano Landi (Consigliere Indipendente e Lead Independent Director) (Consigliere Indipendente) (Consigliere Indipendente) (Consigliere Indipendente) (Consigliere esecutivo) (Consigliere esecutivo) (Consigliere esecutivo) (Consigliere) (Consigliere) Comitato per le Nomine e per la Remunerazione Il Comitato per le Nomine e per la Remunerazione è costituito da tre Membri Indipendenti del Consiglio di Amministrazione: Maria Beatrice Bassi, Maurelio Boari e Paolo Toth ed è presieduto da Paolo Toth. RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3O GIUGNO

4 Comitato Operazioni Parti correlate Il Comitato Operazioni Parti correlate è costituito da tre Membri Indipendenti del Consiglio di Amministrazione: Andrea Papini, Maurelio Boari e Paolo Toth ed è presieduto da Paolo Toth. Dirigente Preposto alla Redazione dei Documenti Contabili Andrea Grandi 1.2 Collegio Sindacale Presidente del Collegio Sindacale Gianfilippo Cattelan Sindaci Effettivi Alberto Verni Marina Torelli 1.3 Organismo di Vigilanza Alessandro Iervolino 1.4 Società di Revisione PricewaterhouseCoopers S.p.A. RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3O GIUGNO

5 2 Partecipazioni in società controllate Società Praezision Life s.r.l. (Varese) Codices s.r.l. (Pisa) Service Life s.r.l. (Cagliari) NoemaLife GmbH (Berlino, Germania) NoemaLife Argentina s.r.l. (Buenos Aires, Argentina) H-Elite s.r.l. (Roma) GMD Inc. (Atlanta, USA) MTT Pro S.r.l. (Rovereto) NoemaLife UK Ltd (Londra, England) Luft S.r.l. (Bassano del Grappa - VI) Solinfo S.r.l. (Vicenza) Attività Sistemi Informativi per la Gestione dei Pazienti Sistemi Informativi Clinici Mercato Italiano Sistemi Informativi Clinici Mercato Italiano Sistemi Informativi Clinici Mercato Tedesco Sistemi Informativi Diagnostici Mercato Latinoamericano Forniture Informatiche globali per le Aziende Sanitarie Sistemi Informativi Clinici Mercato Nordamericano (Inattiva) Sistemi Informativi Clinici Mercato Italiano Sistemi Informativi Clinici Mercato Regno Unito Sistemi Informativi Clinici Mercato Italiano Sistemi Informativi Clinici Mercato Italiano Quota di possesso 50,1% 51% 51% 100% 99,92% 100% 100% (attraverso NoemaLife GmbH) 60% 85% 85% 68% (attraverso Luft S.r.l. che detiene l 80%) RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3O GIUGNO

6 NoemaLife MENA FZ-LLC (Free Zone Dubai Internet City) NoemaLife Chile S.p.A. (Santiago) ConnexxaLife S.r.l. (Catanzaro) Medasys SA (Clamart, Francia) Mexys SA ( Mons, Belgio) Mega - Bus SA (Maisons-Laffitte, Francia) Medasys Ltd (Tokyo, Giappone) Medasys Inc (M. Olive, USA) KerLife S.r.l. (Messina) Sistemi Informativi Clinici Mercato Medio ed Estremo Oriente Sistemi Informativi Clinici Mercato Sudamericano Sistemi Informativi Clinici Mercato Italiano Sistemi Informativi Clinici Mercato Francese Sistemi Informativi Clinici Mercato Belga Sistemi Informativi Clinici Mercato Francese Sistemi Informativi Radiologia Mercato Giapponese Sistemi Informativi Clinici Mercato Nordamericano (Inattiva) Sistemi Informativi Clinici Mercato Italiano 100% 100% 51% 45% 45% (attraverso Medasys SA che detiene il 100%) 45% (attraverso Medasys SA che detiene il 100%) 45% (attraverso Medasys SA che detiene il 100%) 45% (attraverso Medasys SA che detiene il 100%) 80% RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3O GIUGNO

7 NoemaLife Adria llc (Fiume, Repubblica Croata) Sistemi Informativi Clinici Mercato Penisola Balcanica 70% Medhealth Maroc (Casablanca, Marocco) Sistemi Informativi Clinici Mercato Marocchino 45% (attraverso Medasys SA che detiene il 100%) NoemaLife Mexico S. de R. L a C. V (Città del Messico, Messico) Sistemi Informativi Clinici Mercato Messicano 99% RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3O GIUGNO

8 3 Relazione Intermedia sulla Gestione 3.1 Premessa La Relazione finanziaria consolidata semestrale del Gruppo NoemaLife al 30 giugno 2014 è stata redatta nel rispetto delle disposizioni previste dalla normativa vigente ed in particolare ai sensi dell'art. 154 ter del TUF. I prospetti contabili consolidati sono stati predisposti nel rispetto dei principi contabili internazionali (IAS/IFRS) emessi dall International Accounting Standards Board (IASB) ed omologati dall Unione Europea. Le grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie sono state determinate sulla base degli IFRS, adottando i medesimi criteri di valutazione utilizzati per la predisposizione del bilancio consolidato relativo all esercizio chiuso al 31/12/2013, e rappresentano un bilancio intermedio redatto ai sensi dello IAS 34. RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3O GIUGNO

9 3.2 Andamento dell attività I Ricavi consolidati del primo semestre 2014 sono in linea con il primo semestre dell esercizio precedente e si assestano a 30,2 milioni di Euro (il primo semestre 2013 si era chiuso con Ricavi consolidati pari a 30,1 milioni di Euro). Si ricorda che l andamento dei ricavi e della marginalità nel primo semestre risente fortemente del fenomeno della stagionalità, caratteristica del mercato in cui opera il Gruppo NoemaLife, che determina storicamente un accelerazione dei ricavi, in particolare di quelli legati alla vendita di licenze d uso, negli ultimi mesi dell esercizio. Questa stagionalità è principalmente legata alla peculiarità del processo di acquisto seguito dalle istituzioni sanitarie pubbliche italiane, che costituiscono per il Gruppo NoemaLife la maggioranza dei clienti. Le istituzioni pubbliche italiane si trovano, infatti, spesso a dover utilizzare entro l anno solare i fondi stanziati a inizio anno per l acquisto di beni e servizi, ed essendo il processo di acquisto particolarmente lungo e complesso, questo ha frequentemente il suo compimento alla fine dell anno. Per questo motivo, buona parte dei ricavi del Gruppo, in particolare quelli derivanti dalla vendita di licenze d uso su prodotti di proprietà, che sostanzialmente apportano margine puro, è concentrata nell ultimo trimestre. Conseguentemente a quanto sopra riportato, si sottolinea che il risultato conseguito al 30 giugno 2014 non è rappresentativo del risultato che il Gruppo prevede di conseguire nell esercizio in chiusura al 31 dicembre Sul fronte del mercato italiano, nel semestre si registra una buona performance dei ricavi, che registrano una crescita del 9%, a conferma della bontà delle scelte operate in termini di revisione del modello di business e dell organizzazione di NoemaLife S.p.A. Sul fronte del mercato estero, seppur in un semestre che vede una flessione dei ricavi (-10%), dovuta da un lato al rinvio della chiusura di importanti contratti che si realizzerà nel secondo semestre e dall altro al fatto che il primo semestre 2013 aveva beneficiato di un eccezionale performance, si evidenzia il proseguire dell espansione geografica, con l ingresso del Gruppo in Marocco ed in Arabia Saudita e con l apertura di una filiale in Messico, con sede operativa a Guadalajara, nel mese di maggio. NoemaLife opera in Messico già da tempo, anche attraverso partnership commerciali con realtà internazionali di prestigio. L andamento della marginalità è positivo ed in netto miglioramento rispetto ai primi sei mesi dell esercizio 2013, con un EBITDA di 2 milioni di Euro (nel primo semestre 2013 l EBITDA era stato pari a 0,7 milioni di Euro). Tale andamento rispetto al primo semestre dell esercizio precedente è legato all ottimo andamento dei Ricavi di licenza nel periodo, che hanno registrato una crescita del 16% ed al buon recupero di redditività rispetto al primo semestre 2013 delle attività professionali, legato all operazione di restructuring deliberata lo scorso anno e finalizzata nel corso del primo trimestre 2014 e agli interventi di razionalizzazione e ottimizzazione sui processi aziendali chiave, in particolare nelle attività di delivery ed help desk, con un calo dei costi operativi del 4% per la maggior parte dovuto al calo dei costi del personale e dei servizi. L analisi dell andamento prosegue nelle sezioni seguenti con l evidenza dei prospetti e dei principali indicatori finanziari del Gruppo NoemaLife al 30 giugno 2014, ritenuti dal RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3O GIUGNO

10 management del Gruppo particolarmente rilevanti ed utilizzati dal management stesso per monitorare l andamento dell attività. (*) L EBITDA (Margine Operativo Lordo) è un indicatore economico non definito negli IFRS, ma utilizzato dal management per monitorare e valutare l andamento operativo, in quanto non influenzato dalla volatilità dovuta agli effetti dei diversi criteri di determinazione degli imponibili fiscali, dall ammontare e caratteristiche del capitale impiegato nonché dalle relative politiche di ammortamento. Tale indicatore è definito da NoemaLife come Utile/perdita del periodo al lordo degli ammortamenti e svalutazioni di immobilizzazioni materiali ed immateriali,degli accantonamenti e svalutazioni, degli oneri e proventi finanziari e delle imposte sul reddito. 3.3 Andamento economico I prospetti riportati nella presente sezione riassumono i principali risultati economici del Gruppo NoemaLife al 30 giugno 2014, nonché il confronto rispetto al 30 giugno dell anno precedente Gruppo po NoemaLife - Conto Economico Consolidato Riclassificato Migliaia di Euro 30/06/2014 % 30/06/2013 % Ricavi delle vendite e delle prestazioni di servizi % % Altri ricavi 892 3% % Totale ricavi operativi % % Crescita % 0,4% Materie prime, sussidiarie, di consumo e merci (653) -2% (708) -2% Servizi (7.144) -24% (7.732) -26% Personale (19.782) -65% (20.376) -68% Oneri diversi di gestione (639) -2% (563) -2% Totale costi operativi (28.218) -93% (29.379) -98% Variazione% -3,9% Margine operativo lordo (EBITDA) (*) % 749 2% Ammortamenti (3.905) -13% (4.212) -14% Accantonamenti e svalutazioni (729) -2% (217) -1% Risultato operativo (EBIT) (2.609) -9% (3.680) -12% Oneri finanziari netti (1.009) -3% (1.307) -4% Risultato ante imposte (3.618) -12% (4.987) -17% Imposte (171) -1% 12 0% Tax rate -5% -22% Risultato del periodo (3.789) -13% (4.975) -17% Risultato di terzi (999) -3% (1.086) -4% Risultato del Gruppo (2.790) -9% (3.889) -13% RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3O GIUGNO

11 (*) L EBITDA (Margine Operativo Lordo) è un indicatore economico non definito negli IFRS, ma utilizzato dal management per monitorare e valutare l andamento operativo, in quanto non influenzato dalla volatilità dovuta agli effetti dei diversi criteri di determinazione degli imponibili fiscali, dall ammontare e caratteristiche del capitale impiegato nonché dalle relative politiche di ammortamento. Tale indicatore è definito da NoemaLife come Utile/perdita del periodo al lordo degli ammortamenti e svalutazioni di immobilizzazioni materiali ed immateriali, degli accantonamenti e svalutazioni, degli oneri e proventi finanziari e delle imposte sul reddito. RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3O GIUGNO

12 3.3.2 Analisi e commenti I ricavi delle vendite e delle prestazioni di servizi hanno registrato nel primo semestre 2014 una crescita dell 1%. La tabella riportata nel seguito propone una scomposizione dei ricavi di vendita per natura: Ricavi per natura 30/06/14 Incid% 30/06/13 Incid% Licenze % % 16% Servizi professionali e Manutenzioni % % -3% Locazioni % % 37% Hardware & Software 232 1% 464 2% -50% Totale ricavi di vendita % % 1% L andamento dei Ricavi del periodo è legato all ottimo andamento dei Ricavi di licenza nel periodo (+16%) e alla crescita delle Locazioni (+37%). Un buon andamento viene registrato sul fronte del Portafoglio Ordini del Gruppo, che si attesta a 78,9 Milioni di Euro al 30 giugno 2014, con una crescita, a pari perimetro, di circa il 7% rispetto al 30 giugno Dal punto di vista della marginalità, il margine operativo lordo (EBITDA) del Gruppo è pari a 2 milioni di Euro e registra un ottimo andamento rispetto al primo semestre dell esercizio precedente (era stato pari a 0,7 milioni di Euro), andamento strettamente legato alla crescita delle vendite di Licenze, e al recupero di reddittività rispetto all anno precedente sul fronte dei servizi professionali per effetto dell operazione di restructuring avviata lo scorso anno e per gli interventi di razionalizzazione e ottimizzazione in corso d opera sui processi aziendali chiave, operati dalla Capogruppo, in particolare nelle attività di delivery ed help desk, con un calo dei costi operativi del 4%, per la maggior parte dovuto al calo dei costi del personale e dei servizi. Per effetto del fenomeno della stagionalità tipica del settore, già commentato in precedenza, sottolineiamo che il risultato conseguito nel periodo chiuso al 30 giugno 2014 non è comunque rappresentativo del risultato che il Gruppo prevede di conseguire nell esercizio in chiusura al 31 dicembre L EBIT di Gruppo è negativo per 2,6 milioni di Euro, in netto miglioramento rispetto al primo semestre 2013 (l EBIT era negativo per 3,7 milioni di Euro nel primo semestre 2013), influenzato comunque dall importante livello degli investimenti per lo sviluppo dei prodotti effettuati dal Gruppo, e dal conseguente importo degli ammortamenti che si attestano a 4 milioni di Euro. Gli investimenti per lo sviluppo dei nuovi prodotti sostenuti dal Gruppo nel corso del primo semestre del 2014 ammontano a circa 3 milioni di Euro, pari al 9,8% dei ricavi operativi ed in calo rispetto al primo semestre 2013 (-9%), quando si attestavano al 10,8%. Il Risultato ante imposte è negativo per 3,6 milioni di Euro, in sensibile miglioramento rispetto al Risultato del periodo dei primi sei mesi del 2013 (negativo per circa 5 milioni di Euro nel primo semestre 2013) e influenzato, oltre che dai fenomeni precedentemente Var RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3O GIUGNO

13 riportati, dall importante livello degli oneri finanziari netti che, seppur in calo significativo dovuto all aumento dei proventi finanziari essenzialmente riferiti agli interessi di mora addebitati ad alcuni clienti ed alla riduzione degli interessi passivi connessi al finanziamento soci estinto nel corso del secondo semestre 2013, nel primo semestre del 2014 sono pari al 3% dei ricavi operativi e ammontano a 1 milione di Euro (erano pari a 1,3 milioni di Euro nel primo semestre 2013), per effetto principalmente del perdurare di alti livelli di spread applicati dalle banche e della necessità di ricorrere a politiche di smobilizzo dei crediti commerciali, tramite linee bancarie di anticipo fatture e factoring, nonché a linee finanziarie di medio lungo termine per il fabbisogno derivante dagli investimenti programmati dal Gruppo Indicatori economici Gruppo NoemaLife (Migliaia di Euro) 30/06/ /06/2013 EBITDA* EBIT ** (2.609) (3.680) EBITDA Margin *** 7% 2% EBIT Margin o ROS**** -9% -12% ROE***** -14% -16% (*) L EBITDA (Margine Operativo Lordo) è un indicatore economico non definito negli IFRS, ma utilizzato dal management per monitorare e valutare l andamento operativo della Società e del Gruppo, in quanto non influenzato dalla volatilità dovuta agli effetti dei diversi criteri di determinazione degli imponibili fiscali, dall ammontare e caratteristiche del capitale impiegato nonché dalle relative politiche di ammortamento. Tale indicatore è definito da NoemaLife come Utile/perdita del periodo al lordo degli ammortamenti e svalutazioni di immobilizzazioni materiali ed immateriali,degli accantonamenti e svalutazioni, degli oneri e proventi finanziari e delle imposte sul reddito. (**) Risultato Operativo o EBIT: è definito come il risultato ante imposte ed ante proventi e oneri finanziari; (***) EBITDA Margin: è definito come il rapporto tra l EBITDA come sopra definito ed il Valore dei Ricavi; (****) ROS o EBIT Margin: è definito come il rapporto tra l EBIT come sopra definito e Ricavi; (*****) ROE: è definito come il rapporto tra il risultato d esercizio e il patrimonio netto medio. RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3O GIUGNO

14 3.4 Andamento finanziario Capitale Investito Netto Gruppo NoemaLife Migliaia di Euro Voce 30/06/14 31/12/13 Totale immobilizzazioni nette A Capitale Circolante netto F Fondo per rischi ed oneri B Piano benefici definiti a dipendenti e altre passività non correnti C Totale fondi CAPITALE INVESTITO NETTO Patrimonio netto del Gruppo D Patrimonio netto di terzi Patrimonio netto totale D Indebitamento finanziario netto E PAT. NETTO + INDEB. FINANZIARIO NETTO RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3O GIUGNO

15 Si evidenzia di seguito la composizione delle voci del precedente prospetto riclassificato, per singola voce: Voci di bilancio Voce del 30/06/14 31/12/13 riclassificato Immobilizzazioni materiali A Immobilizzazioni immateriali A Avviamento A Investimenti in partecipazioni A Imposte anticipate A Attività finanziarie non correnti E Crediti commerciali non correnti A Altri crediti non correnti A Rimanenze F Crediti commerciali F Attività per imposte correnti F Altri crediti correnti F Attività finanziarie correnti E Disponibilità liquide e mezzi equivalenti E Capitale sociale D Altre riserve D Utili portati a nuovo D Utile del periodo D Patrimonio netto di terzi D Passività finanziarie a lungo termine E Passività per imposte differite A Fornitori non correnti A Fondi per rischi ed oneri B Fondo benefici ai dipendenti C Altre passività non correnti C Passività finanziarie a breve termine E Debiti commerciali F Passività per imposte correnti F Fondi per rischi ed oneri correnti F Altre passività correnti F RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3O GIUGNO

16 3.4.2 Gestione Finanziaria Gruppo NoemaLife Migliaia di Euro 30/06/14 30/06/13 Totale Ricavi variazione periodo su periodo 0,4% Oneri finanziari netti / Totale Ricavi -3,3% -4,3% Migliaia di Euro 30/06/14 31/12/13 Totale Crediti Commerciali variazione rispetto alla chiusura dell'esercizio precedente 8,6% Patrimonio netto di gruppo variazione rispetto alla chiusura dell'esercizio precedente -17,5% Indebitamento Finanziario netto RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3O GIUGNO

17 3.4.3 Indebitamento Finanziario Netto Gruppo NoemaLife Al 30 giugno 2014 la posizione finanziaria netta consolidata del Gruppo NoemaLife risulta negativa per migliaia di Euro ed è così costituita: (Migliaia di Euro) 30/06/14 31/12/13 A B Disponibilità liquide Totale liquidità e mezzi equivalenti Attività finanziarie correnti Debiti per parte corrente dell'indebitamento non corrente (6.320) (5.500) Debiti verso banche per c/c passivi (2.750) (2.688) Debiti verso banche per anticipi fatture / contratti (7.522) (7.072) Debiti verso altri finanziatori (società di factoring) (1.526) (1.374) Debiti vs Società di Leasing (268) (275) Passività finanziarie a breve termine verso terzi (342) (212) Totale inde bitamento finanziario corrente (18.574) (16.869) C Totale inde bitamento finanziario corrente netto (B - A) (13.518) (9.770) D Attività finanziarie non correnti Debiti per finanziamenti non correnti (8.286) (8.975) Debiti vs Società di Leasing a lungo (425) (463) Totale inde bitamento finanziario no n co rrente (7.597) (8.373) E Totale indebitamento finanziario netto (C + D) (21.115) (18.143) La politica dei finanziamenti messa in atto dalla Società prevede di ricorrere da un lato a linee finanziarie (principalmente in forma di mutuo chirografario) per sostenere l attività di investimento sui prodotti del Gruppo e le acquisizioni operate. Dall altro, prevede l accensione di linee di finanziamento commerciale (principalmente forme di anticipo fatture) e cessioni pro-soluto a factors, per finanziare la gestione corrente. Si evidenzia che il rapporto fra indebitamento finanziario netto e il patrimonio netto totale al 30 giugno 2014 è pari a 0,87. RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3O GIUGNO

18 3.4.4 Analisi e commenti La posizione finanziaria netta consolidata al 30 giugno 2014 è negativa per Euro migliaia (Euro migliaia al 31 dicembre 2013). L andamento della posizione finanziaria netta nel periodo è stato influenzato principalmente dal pagamento degli incentivi all esodo avvenuti nel periodo nonchè i relativi pagamenti del T.F.R., con un effetto pari a Euro migliaia e dagli investimenti per lo sviluppo di nuovi prodotti effettuati dal Gruppo nel periodo, pari a Euro migliaia. In generale, l andamento del Capitale Circolante Netto, pari a Euro migliaia e sostanzialmente in linea con il 31 dicembre 2013, e della posizione finanziaria netta, tenuto conto della dinamica tipica del settore, caratterizzato da tempi di incasso ben superiori ai tempi medi dei pagamenti, è stato influenzato dalla continua attenzione da parte del Gruppo alla gestione del ciclo attivo ed al ricorso a forme di factoring pro soluto. Per quanto riguarda l utilizzo di forme di factoring pro soluto, il Gruppo ha confermato il proprio orientamento strategico all utilizzo parziale di queste forme di cessione dei crediti in modo da ridurre il capitale circolante netto e l indebitamento finanziario. Nel corso dei primi sei mesi del 2014 il Gruppo ha dato luogo a cessioni pro-soluto per un importo circa pari a migliaia di Euro. Nel primo semestre 2013 le operazioni di factoring pro soluto effettuate dal Gruppo ammontavano ad un valore di circa migliaia di Euro. 3.5 Attività di Ricerca e Sviluppo NoemaLife fa della attività di ricerca e sviluppo uno dei pilastri fondamentali della propria strategia. È ferma convinzione del management che il successo presente e futuro del Gruppo dipenda in larga misura dalla sua capacità di sviluppare una gamma di prodotti innovativa e competitiva. Coerentemente con questo indirizzo strategico, gli investimenti per ricerca e sviluppo mantengono un alta incidenza sui ricavi operativi. Più precisamente, gli investimenti sostenuti nel primo semestre 2014 ammontano a migliaia di Euro, pari al 9,8% del totale dei ricavi operativi, contro migliaia di Euro nel primo semestre 2013, pari al 10,8% del totale dei ricavi operativi. 3.6 Sedi Il Gruppo NoemaLife opera attraverso le proprie sedi di: Bologna Bari Cagliari Milano RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3O GIUGNO

19 Roma Lecce Varese Sassari Savona Rovereto (Trento) Pisa Vicenza Bassano del Grappa (Vicenza) Messina Catanzaro Berlino (Germania) Buenos Aires (Argentina) Londra (UK) Clamart, Parigi (Francia) Mons (Belgio) Tokio (Giappone) Santiago del Cile (Cile) Dubai (Emirati Arabi Uniti) Fiume (Repubblica Croata) Casablanca (Marocco) Città del Messico (Messico) Guadalajara (Messico) 3.7 Eventi di rilievo avvenuti durante il semestre Non si rilevano eventi di rilievo avvenuti durante il semestre. 3.8 Prevedibile evoluzione dell attività per l esercizio in corso ed eventi significativi avvenuti dopo la chiusura del semestre Il management di NoemaLife conferma le proprie aspettative positive sull anno 2014 ritenendo di potere confermare il proprio obiettivo di ritorno alla crescita e superare con successo le nuove sfide in Italia ed all estero, grazie a due straordinari punti di forza: RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3O GIUGNO

20 il grande talento dei professionisti che lavorano nel Gruppo; i numerosi grandi clienti che apprezzano e vogliono le soluzioni NoemaLife. La nuova politica commerciale intrapresa dal Gruppo ha l obiettivo di consolidare il mercato italiano e di crescere all estero, dove si prevede di raggiungere un incidenza pari ad oltre il 50% nell arco dei prossimi due anni. In questo senso, in Italia è ancora in corso l operazione di ottimizzazione dei principali processi aziendali (le aree aziendali interessate sono le Vendite, Delivery, R&D e Customer Service) i cui benefici continueranno a manifestarsi nel corso dell intero esercizio. In campo internazionale, si segnala la recente entrata in Libano con la firma nel mese di agosto del primo contratto a Beirut con il centro ospedaliero Hôtel-Dieu de France, per la fornitura dell intero Sistema Informativo Ospedaliero. Dal punto di vista della gestione del Capitale circolante netto, si evidenzia in particolare: il recepimento della direttiva 2011/7/UE sui ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali dispone l obbligo di pagare entro 60 giorni dal ricevimento della fattura, pena per le amministrazioni pubbliche una mora automatica dell 8% oltre al tasso di riferimento BCE. E stato convertito in legge il D.L. 24 aprile 2014, n. 66, recante misure anche sui crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con l obiettivo di un'accelerazione al tema dello sblocco dei pagamenti della Pubblica Amministrazione e il MEF con il DM del 15 luglio 2014, n ha destinato ulteriori 800 milioni di euro per i pagamenti dei debiti sanitari al Per il primo semestre 2014, si evidenzia il perdurare delle difficoltà del sistema dei pagamenti della Pubblica Amministrazione italiana. Gli effetti positivi conseguenti all introduzione di tali norme sono infatti per ora però solo parzialmente visibili ma tali interventi governativi fanno ben sperare in una loro piena concretizzazione per il Gruppo nel breve-medio periodo; nel frattempo, il Gruppo prosegue nella continua attività di gestione degli aspetti finanziari nell ottica di ottimizzazione degli stessi. 3.9 Rischi Il Gruppo è esposto ai rischi connessi alla propria operatività, nonché ai rischi finanziari derivanti dalla situazione congiunturale a livello italiano ed europeo, in particolare riferibili alle seguenti fattispecie: - rischi di credito, derivanti dalle normali operazioni commerciali o da attività di finanziamento; la natura della committenza, se da un lato costituisce garanzia della solvibilità del cliente, allunga i tempi di incasso rispetto ai termini usuali in altri business, generando scaduti anche significativi; RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3O GIUGNO

21 - rischi di liquidità, relativi alla disponibilità di risorse finanziarie ed all accesso al mercato del credito; al fine di supportare la crescita del business di riferimento, il Gruppo si è dotato di una serie di strumenti con l obiettivo di ottimizzare la gestione delle risorse finanziarie; - rischi di mercato, relativi all esposizione del Gruppo su strumenti finanziari che generano interessi (rischi di tasso di interesse). Il Gruppo è esposto alle variazioni dei tassi di interesse sui propri strumenti di debito a tasso variabile, riferibili all area Euro. Il Gruppo non è invece esposto a significativi rischi di cambio. L attuale congiuntura economica e finanziaria mondiale, in particolare italiana, impone una sempre maggior attenzione alla gestione finanziaria. A partire dall esercizio 2012 e fino ad oggi si è registrato un generale momento di restrizione del credito. Questo impone un elevato livello di attenzione del Management all ottimizzazione della gestione finanziaria. Il management, anche in considerazione della tipologia dell attività svolta e della natura prevalentemente pubblica dei propri clienti, ritiene che i fondi e le linee di credito attualmente disponibili, oltre alla liquidità che sarà generata dall attività operativa e di finanziamento, consentiranno al Gruppo di soddisfare i propri fabbisogni derivanti dalle attività di investimento, di gestione del capitale circolante e di rimborso dei debiti alla loro naturale scadenza. Per quanto riguarda i rischi operativi, si aggiunge il perdurare delle difficoltà in Italia dovute al periodo di crisi e recessione che il mercato di riferimento, costituito da software e servizi per la Pubblica Amministrazione, sta attraversando. A questo si aggiunge il fatto che il Gruppo NoemaLife mette a disposizione dei propri clienti soluzioni software e progetti finalizzati al miglioramento dei processi, e quindi alla riduzione dei costi nella Sanità, che richiedono però un consistente investimento iniziale. Purtroppo nel contesto attuale, caratterizzato dagli interventi legislativi sul contenimento della spesa nella Sanità (Spending Review) e dall incertezza dello scenario politico di riferimento, vengono soprattutto penalizzati gli investimenti e quindi, per NoemaLife, l acquisizione di nuovi progetti. Per quanto riguarda ancora i rischi operativi, il Gruppo è esposto ai rischi connessi ai tempi di pagamento dei clienti. Il mercato in cui opera è infatti caratterizzato da una struttura finanziaria che pesa in larga misura sui fornitori. Le aziende sanitarie pubbliche, infatti, hanno la consuetudine di compensare i ritardi nell'erogazione dei finanziamenti a loro riservati ritardando a loro volta i pagamenti ai fornitori, finanziandosi quindi in larga misura grazie ai debiti commerciali Informativa Politica dei dividendi della Società Non sussistono limitazioni previste dallo statuto alla distribuzione degli utili, fatto salvo l obbligo di integrazione della riserva legale ai sensi di legge. RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3O GIUGNO

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013

Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013 GRUPPO TAMBURI INVESTMENT PARTNERS Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013 Pagina 1 GRUPPO TAMBURI INVESTMENT PARTNERS INDICE Organi sociali 3 Relazione sull andamento della

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A.

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A. DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Il è stato redatto ai sensi della Deliberazione Consob n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato e integrato, e dell art. 4 del Regolamento (CE) n. 809/2004

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

1. FORMA, CONTENUTO E ALTRE INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE

1. FORMA, CONTENUTO E ALTRE INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. FORMA, CONTENUTO E ALTRE INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Forma e contenuto SAES Getters S.p.A., società Capogruppo, e le sue controllate (di seguito Gruppo SAES ) operano sia in Italia sia all estero

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete.

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete. Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 212: : Ricavi consolidati a 43,6 mln (+ 8% vs 1 semestre 211 1 ) MOL 2 a 6,1

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Sede in Lecco - Via Amendola, n 4 Capitale Sociale 2.473.194 interamente versato Registro Imprese di Lecco n 02686430139 Rea C.C.I.A.A. di Lecco n 295486 BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Bilancio 2014

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

SOL S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2014 SOL S.p.A. e Consolidato di Gruppo

SOL S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2014 SOL S.p.A. e Consolidato di Gruppo SOL S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2014 SOL S.p.A. e Consolidato di Gruppo CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente e Amministratore Delegato ING. ALDO FUMAGALLI ROMARIO Vice Presidente e Amministratore

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli