UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO FACOLTÀ DIINGEGNERIA DAEIMI - DIPARTIMENTO DI AUTOMAZIONE, ELETTROMAGNETISMO, INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE E MATEMATICA INDUSTRIALE TESI DI DOTTORATO IN INGEGNERIA ELETTRICA E DELL INFORMAZIONE XIX CICLO SETTORE SCIENTIFICO ING-INF/03 ANALISI DI DATI OTTICI E RADAR BASATA SU UN MODELLO MARKOVIANO DELL IMMAGINE Relatori: Ing. Ciro D Elia Prof.ssa Gilda Schirinzi Candidato: Giovanni Cuozzo

2 Ai miei genitori

3 Indice Introduzione iv 1 Sistemi di telerilevamento Il telerilevamento Applicazioni Immagini multispettrali Il sistema di acquisizione multispettrale Sensori ottici Rilevatori ottici Sistemi di sensori multispettrali Esempi di sensori multispettrali e iperspettrali Immagini SAR Tecnica di compressione dell impulso Storia di fase del target puntiforme Campionamento e ambiguità Interazione superficiale delle onde E.M Speckle Radarsat-1: un esempio di sistema di acquisizione e distribuzione La strumentazione Radarsat e i beam mode Le orbite Radarsat Raccolta e trasmissione dei dati I prodotti Radarsat Il processo di certificazione Radarsat Analisi e compressione di immagini telerilevate Introduzione i

4 INDICE ii 2.2 La classificazione Principali tecniche di classificazione Altre tecniche di classificazione non contestuali Classificazione contestuale Altri tipi di classificatori La compressione La compattazione La compressione lossy Framework per la compressione e l analisi di dati ottici e radar Segmentazione Estrazione dei descrittori Classificazione Compressione Segmentazione di immagini telerilevate Introduzione Stato dell arte Campi casuali e stima Bayesiana Campi casuali markoviani Il vicinato e le cricche La distribuzione di Gibbs Il modello utilizzato per la segmentazione delle immagini Modelli MRF evoluti Il modello RAG (Region Adjacency Graph) Il modello multiscala MSRF Il modello TS-MRF Procedure di ottimizzazione La scelta del modello di MRF Rilassamento stocastico e annealing simulato Il caso non supervisionato Il metodo delle mode condizionali iterate Cenni al campionamento di Metropolis Utilizzo del TS-MRF per il caso SAR Risultati sperimentali Algoritmi di ottimizzazione Scelta della temperatura iniziale

5 INDICE iii La scelta della condizione di arresto Ulteriori modifiche all algoritmo Frequenza di aggiornamento del parametro β Il caso di segmentazione binaria Applicazione al TS-MRF Applicazioni del TS-MRF a immagini ottiche Riconoscimento di foreste Detection di nuvole Valutazione con algoritmi di classificazione Applicazioni del TS-MRF a immagini SAR Applicazioni a immagini mediche Conclusioni 209 Elenco delle figure 212 Elenco delle tabelle 216

6 Introduzione Il telerilevamento è un settore dell ingegneria delle telecomunicazioni in rapida espansione, sia per il progresso avutosi nello sviluppo della tecnologia dei sensori, che in quella degli strumenti di calcolo e della trasmissione delle informazioni. A questo aspetto si sta affiancando anche una maggiore consapevolezza da parte dei potenziali utenti finali sui vantaggi e sulla varietà delle applicazioni rese disponibili da tali tecniche. Lo sviluppo della ricerca e la crescita della comunità dei possibili utenti sono ovviamente collegati e costituiscono un rispettivo stimolo allo sviluppo ulteriore di questo campo che è tuttora ben lungi dall essere assestato. Se da un lato, infatti, l incremento della committenza permette di ridurre il costo unitario dei dati disponibili, rendendo conveniente l uso del telerilevamento non solo in luoghi difficilmente accessibili, dall altro il progresso scientifico e tecnologico permette di rendere disponibili dati per applicazioni prima impensabili. Come è noto nel telerilevamento si sfruttano le diverse proprietà di riflessione, trasmissione e assorbimento degli oggetti e dell atmosfera a radiazioni elettromagnetiche provenienti da una sorgente esterna, nonché la loro diversa capacità di emissione nella cosiddetta banda termica. L oggetto dell indagine, che è tipicamente la porzione della superficie terrestre sulla quale si vogliono ottenere informazioni, è detto scena. In particolare, per incrementare le informazioni dispobili sulla scena si può puntare a spingere per avere un elevatissima risoluzione spaziale, come nel caso delle immagini pancromatiche, o a cercare di ottenere elevate risoluzioni spettrali, come nel caso delle immagini multispettrali o iperspettrali, misurando la risposta della superficie terrestre a onde elettromagnetiche con differenti lunghezze d onda. Lo studio, oltre che nella direzione spaziale e spettrale, può essere rivolto nella direzione temporale, cercando di ottenere serie temporali con un periodo di acquisizione adatto a studiare l evoluzione del fenomeno in iv

7 Introduzione v esame (change detection). Per le applicazioni appena descritte è immediato pensare di utilizzare l energia solare come sorgente della radiazione elettromagnetica ottenendo delle istantanee della superficie terrestre. Tuttavia, le immagini ottiche pancromatiche, multispettrali e iperspettrali, soffrono della limitazione di essere fortemente influenzate dalle condizioni atmosferiche e richiedono ovviamente di essere rilevate solo in alcune ore della giornata. Esiste però nella tecnologia radar, e in particolare del SAR (Synthetic Aperture Radar), una possibilità alternativa ai sensori appena descritti. In questo caso la sorgente di illuminazione è il sensore stesso che emette opportuni impulsi alle frequenze delle microonde e che rileva il segnale retrodiffuso della scena. Le immagini ottenute in questo caso sono meno sensibili agli agenti atmosferici e permettono di completare l informazione ottenuta nel caso ottico misurando differenti proprietà come ad esempio la rugosità e, in applicazioni come quelle di interferometria differenziale, forniscono informazioni sulla deformazione superficiale. Per ottenere buone risoluzioni spaziali in questo caso occorre che il radar trasmetta impulsi di durata e forma opportune e che si sfrutti l informazione sul movimento del sensore. Il dato SAR richiede quindi un opportuna preelaborazione per essere visualizzato in forma di immagine e queste sono comunque meno immediatamente interpretabili rispetto a quelle ottiche. Non esiste quindi in assoluto un sistema sensoriale ottimo, ma questo va scelto sulla base dell applicazione, integrando magari diverse tecnologie. Dal discorso fatto finora si evince che nella fase di analisi dell immagine, cioè di interpretazione del dato, si presenta il problema di avere algoritmi diversi per i diversi tipi di immagini (ottiche o SAR). Infatti, vista la diversa natura dei dati, se si vuole utilizzare un unico algoritmo occorre o ricorrere a strumenti pixel-based semplici, ma che non risultano particolarmente accurati per nessuno dei due casi, oppure se si vuole definire un modello dell immagine allo scopo di un analisi più accurata non si riesce ad ottenerne uno adatto ad entrambi i casi. La scelta fatta in questa tesi è stata quella di sviluppare un framework per l analisi delle immagini implementato in C++ che, per ottenere una elevata qualità nei risultati, sfrutta un modello dell immagine basato sui campi di Markov. Esso è inglobato nell operazione di segmentazione dell immagine. Questa è un operazione di basso livello che costituisce il passo

8 Introduzione vi preliminare per successive elaborazioni sulle immagini, quali la classificazione e la compressione, e può essere definita come quel processo per cui i pixel di un immagine vengono etichettati in base alle loro proprietà e a valle del quale l immagine stessa risulta partizionata in regioni con caratteristiche omogenee (mappa di segmentazione). La segmentazione basata sui Markov Random Field (MRF) è di tipo contestuale, cioè è basata non solo sulle caratteristiche del pixel in esame, ma utilizza anche le informazioni che derivano dalla conoscenza della dipendenza statistica tra esso e i suoi vicini. Sono ovviamente possibili molte possibili scelte da questo punto di vista, a cui corrispondono diversi possibili modelli markoviani. La scelta fatta in questo caso è quella di utilizzare un modello di MRF sufficientemente semplice da ovviare ai problemi di complessità computazionale che costituiscono il limite principale degli algoritmi basati sui campi di Markov. In questo modello si tiene conto del fatto che in una mappa di segmentazione èpiù probabile che pixel vicini facciano parte di una stessa classe di segmentazione piuttosto che le etichette siano disposte in una configurazione rumorosa. I parametri del modello sono stati studiati per il caso ottico. Per rendere funzionante l algoritmo senza riscriverlo per il caso SAR è stato aggiunto un blocco iniziale di preelaborazione da eseguire nel caso SAR. Questo estrae dei descrittori di eterogeneità dall immagine fornendo in uscita un immagine meno rumorosa che ben si adatta al modello MRF. La struttura della tesi è impostata nel modo seguente. Nel capitolo 1 è presentata una panoramica sui sensori e sulle caratteristiche delle immagini ottiche e SAR allo scopo di evidenziarne le differenze e di comprendere gli interventi che saranno necessari sulle immagini SAR allo scopo di utilizzare lo stesso algoritmo di analisi. Il capitolo è chiuso dalla descrizione di un particolare sistema di acquisizione e distribuzione di dati SAR con il quale l autore della tesi ha avuto esperienza diretta in un periodo di studio e ricerca svolto presso il MARSec (Mediterranean Agency for Remote Sensing and Environmental Control) di Benevento. Nel capitolo 2 si descrive il framework per l analisi e la compressione delle immagini su cui si basa il lavoro di tesi. In esso (a parte la preelaborazione necessaria nel caso SAR), il primo passo è l algoritmo di segmentazione. L accuratezza di questo, essendo il primo step comune a tutte le operazioni successive, e contenendo il modello dell immagine, è fondamen-

9 Introduzione vii tale per la qualità del prodotto finale. La mappa di segmentazione è utilizzata sia per eseguire operazioni di classificazione ed estrazione dei contenuti, che per la compressione. L incremento delle risoluzioni spaziali, spettrali e radiometriche richiede, infatti, una quantità sempre crescente di risorse di memoria disponibili. Inoltre, esso influisce sui tempi di trasmissione e in quelli di navigazione e ricerca di dati di interesse nei database di dimensioni sempre crescenti. La segmentazione da questo punto di vista, permettendo di lavorare su regioni omogenee, incrementa le prestazioni di metodi di compressione basati su trasformate lineari (come quelli usati in questa sede). Fra il blocco di segmentazione e quello di classificazione è realizzata anche un operazione di estrazione di descrittori geometrici, spettrali e contestuali, che consentono di individuare meglio le regioni di interesse e di realizzare una classificazione object-oriented anziché pixel-oriented. Nel capitolo 3, è descritto in maggiore dettaglio il modello dell immagine e l algoritmo di segmentazione scelti. In particolare un algoritmo strutturato ad albero e basato sui MRF, permette di ottenere prestazioni analoghe a quelle del caso MRF non strutturato in tempi ridotti. L algoritmo permette di ricondurre il problema della segmentazione a un problema di stima a massima probabilità a posteriori, il che comporta la necessità diaf- frontare una scelta nel tipo di ricerca della soluzione ottima. Sono utilizzate a tale scopo due tecniche, quella subottima dell ICM (Iterated Conditional Mode) e quella del rilassamento stocastico con annealing simulato (SR-SA). Quest ultima a rigore è la scelta ottima, ma èpiù onerosa computazionalmente. Pertanto, particolare attenzione è stata fatta nella prove sperimentali a scegliere i parametri dell algoritmo tali da dare risultati di qualità elevata in tempi non troppo superiori rispetto all ICM. Quest obiettivo, impossibile negli algoritmi basati su MRF non strutturati, ha fornito invece risultati incoraggianti nel caso del modello ad albero binario. Il capitolo si conclude con la descrizione dell algoritmo di estrazione dei descrittori di eterogeneità necessaria per applicare la segmentazione a immagini SAR. Nell ultimo capitolo sono infine illustrati i risultati sperimentali ottenuti utilizzando sia l ICM che l SR-SA, prima nel caso non strutturato, per evidenziare le differenze di comportamento dei due algoritmi, poi in quello basato sul modello ad albero binario. La segmentazione è stata poi provata su una vasta gamma di immagini telerilevate sia ottiche che SAR, quindi per verificare l efficacia del metodo, tramite un semplice algoritmo basato

10 Introduzione viii sull uso di soglie sui descrittori delle regioni, sono state estratte regioni di interesse dalle varie immagini. Alcune prove sono state effettuate anche su immagini medicali evidenziando la flessibilità dell algoritmo. Infine, sono stati provati a valle dell estrazione dei descrittori geometrici alcuni algoritmi di classificazione realizzando esempi di classificazione object-based. Giovanni Cuozzo

11 Capitolo 1 Sistemi di telerilevamento In questo capitolo saranno trattati i principi di base del telerilevamento con particolare attenzione sia al caso ottico che a quello SAR. La descrizione sarà rivolta alla comprensione generale dei fenomeni fisici che portano alla formazione di questi tipi di immagini, e ha lo scopo di sottolineare le relative differenzene nei due casi. In questo modo si evidenzierà l opportunità di usare differenti tecniche nella fase di elaborazione atte a estrarre le informazioni di interesse. In particolare un medesimo algoritmo di segmentazione può non fornire risultati soddisfacenti sia per sensori ottici che per sensori alle microonde. A scopo esemplificativo, il capitolo si conclude con una descrizione di uno specifico sensore con il relativo sistema di acquisizione e distribuzione con cui l autore ha avuto esperienza diretta durante il periodo di preparazione della tesi. 1.1 Il telerilevamento Nel senso più ampio del termine, per telerilevamento si intende la raccolta di informazioni su oggetti senza diretto contatto fisico con essi. Nella pratica questa definizione è alquanto vaga e, in questo ambito, questo termine verrà ristretto allo studio dell atmosfera e della superficie terrestre mediante l uso di radiazioni elettromagnetiche. L insieme delle tecniche utilizzate è riferito spesso anche come Earth Observation, e si basa sulla misura delle interazioni tra gli oggetti di interesse e le onde elettromagnetiche (emesse artificialmente da dispositivi esterni, o naturalmente dagli oggetti stessi), permettendo l osservazione della terra su scala macroscopica [1]. 1

12 CAPITOLO 1. SISTEMI DI TELERILEVAMENTO 2 In pratica ogni oggetto è caratterizzato da una propria capacità diri- flessione, assorbimento e trasmissione delle onde elettromagnetiche che ne permette la caratterizzazione. Oltre agli oggetti situati sulla superficie terrestre, anche l atmosfera può assorbire, riflettere o trasmettere in modo diverso nello spazio e nel tempo la radiazione elettromagnetica, comportandosi come un disturbo quando non rappresenta l oggetto di studio della rilevazione. Di conseguenza la scelta delle lunghezze d onda utilizzabili è limitata a particolari domini (vedi Figura 1.1), quali il visibile (λ = µm), il vicino infrarosso (0, 7 2, 0 µm), l infrarosso termico (circa 5 10 µm) eil dominio delle microonde. Questi domini rappresentano, infatti, finestre di trasparenza dell atmosfera terrestre alle radiazioni elettromagnetiche. Figura 1.1: Lo spettro elettromagnetico Ci sono essenzialmente due aspetti utilizzabili per descrivere la radiazione ricevuta: 1. Quanta radiazione è rilevata; 2. Quando la radiazione è rilevata. Il primo aspetto permette di discriminare la superficie terrestre sulla base del diverso comportamento elettromagnetico dei diversi tipi di copertura, il secondo, invece, permette di determinare la distanza del sensore dal target ed è alla base del funzionamento di strumenti quali il LIDAR (acronimo di LIght Detection And Ranging), il radar altimetrico e altri tipi di sistemi radar.

13 CAPITOLO 1. SISTEMI DI TELERILEVAMENTO 3 Da quanto detto finora, si evince che la metodologia utilizzata dipende dal dominio della lunghezza d onda della radiazione: Nel visibile e nel vicino infrarosso è utilizzata la riflettanza. Il sensore a bordo di un satellite (o di un velivolo in generale) misura lo spettro di energia riflessa dalla scena in esame. Poiché la sorgente di energia è il sole, in questo caso si parla di telerilevamento passivo. Queste non sono le uniche lunghezze d onda alle quali il sole emette radiazione (vedi ad esempio la figura 1.2), ma nelle altre bande l atmosfera risulta essere opaca alle radiazioni. Nel dominio dell infrarosso termico, il sensore rileva direttamente l emissione naturale degli oggetti situati sulla superficie terrestre (e si parla perciò ancora di telerilevamento passivo). Infatti, tutti gli oggetti, che sono a una temperatura diversa dallo zero assoluto, emettono radiazione termica. La quantità di radiazione effettivamente emessa dipende dalla temperatura dell oggetto e dalla sua emissività. Nel campo delle microonde un radar emette la radiazione elettromagnetica, quindi un sensore rileva la frazione di questa riflessa dagli oggetti posti sulla superficie terrestre. Poiché la radiazione è emessa da una fonte artificiale (che rileva poi anche il segnale retrodiffuso), si parla in questo caso di telerilevamento attivo. In questo caso, a differenza dei precedenti, la rilevazione può essere effettuata anche in condizioni atmosferiche perturbate. Da quanto detto emerge che le informazioni su un dato target direttamente osservabili da un sistema di telerilevamento sono limitate: si possono infatti misurare la distanza, la riflettività e una combinazione di temperatura ed emissività. Inoltre sono necessari diversi sensori per ottenere tutte queste informazioni congiuntamente. Tuttavia si possono incrementare le variabili a disposizione misurando le grandezze di interesse in diversi istanti temporali, a diverse lunghezze d onda (bande spettrali) e utilizzando diverse polarizzazioni della radiazione. In definitiva le informazioni potenzialmente disponibili riguardano variazioni dei valori del campo in tre domini: Spettrale;

14 CAPITOLO 1. SISTEMI DI TELERILEVAMENTO 4 Figura 1.2: Emissione solare nell ultravioletto Spaziale; Temporale. Per ottenere le informazioni richieste per una data applicazione occorre quindi: Misurare le variazioni del campo in uno o più di tali domini; Relazionare tali variazioni all informazione desiderata. Una volta che i dati sono stati raccolti dal sensore devono essere digitalizzati, trasmessi, memorizzati e analizzati. Nella maggior parte dei casi i dati formeranno un immagine (o in alcuni casi più immagini, come si vedrà meglio nel seguito), cioè una rappresentazione bidimensionale della distribuzione dell intensità della radiazione sulla scena. L Image Processing rappresenta l insieme delle tecniche di elaborazione e analisi dell immagine, ed è parte integrante del telerilevamento. Tipicamente l Image Processing è composto di una serie di passi. Per esempio l immagine è corretta in modo da instaurare una precisa corrispondenza geometrica con la superficie terrestre, è sottoposta a calibrazione con la rimozione degli effetti di propagazione atmosferica e possono essere usate tecniche di rimozione del

15 CAPITOLO 1. SISTEMI DI TELERILEVAMENTO 5 rumore per aumentare l intelligibilità dell immagine. Il passo successivo è quello di estrarre informazioni utili dai dati forniti dal sensore, ed è basato sull analisi della luminosità dei pixel dell immagine e sul contesto spaziale (analisi della forma e della texture degli oggetti basata tipicamente su un modello matematico dell immagine). Inoltre, vista l ingente mole di dati fornita dal sensore, è spesso necessaria un operazione di compressione dei dati nella fase della loro trasmissione. Da quanto detto si evince che un sistema di telerilevamento può essere visto nel suo complesso come composto di tre componenti fondamentali: (A) : La scena, cioè la parte del sistema situata di fronte all occhio del sensore. Essa è costituita dalla porzione della superficie terrestre illuminata e dall atmosfera interposta. Questa parte del sistema è caratterizzata dal fatto di non essere sotto il controllo umano né nella fase di progetto né nella fase operativa e rappresenta spesso la parte più complessa e dinamica del sistema. (B) : Il sensore, cioè la parte del sistema che raccoglie i dati. Nel caso di sensori attivi, sia a microonde (SAR), che ottici (LIDAR), il meccanismo di illuminazione può essere visto come parte del sensore stesso. Il sensore è caratterizzato dall essere sotto il controllo umano nella fase di progetto, ma di esserlo poco o per nulla nella fase operativa. (C) : Il sistema di elaborazione già descritto, che è la parte del sistema in cui l analista può attuare un più stretto controllo delle operazioni e ha una maggiore possibilità di scelta fra varie opzioni. Sebbene sia possibile automatizzare completamente questa fase, di solito non viene seguita questa scelta. Infatti, le capacità associative e di ragionamento dell uomo possono essere di grande aiuto nel completare le grandi capacità di elaborazione delle macchine. Inoltre, il personale utile non è solo quello esperto di algoritmi (compressione, classificazione, ecc.), ma anche quello che conosce in maggior dettaglio le specifiche dell applicazione (come ad esempio le diverse caratteristiche di differenti specie vegetali o le caratteristiche del suolo nell analisi del monitoraggio di terreni a rischio franoso).

16 CAPITOLO 1. SISTEMI DI TELERILEVAMENTO Applicazioni Le possibili applicazioni del telerilevamento sono innumerevoli e, sebbene molte delle tecniche hanno avuto origine per applicazioni di riconoscimento in ambito militare, molte possibilità sono state sviluppate nella sfera civile per la quale si parla di telerilevamento ambientale. In particolare, sulla base delle variabili misurate, si possono individuare i seguenti insiemi di variabili ambientali che possono essere misurate: Atmosfera: Temperatura, precipitazioni, distribuzione e tipo di nuvole, velocità del vento e concentrazione di gas quali il vapore d acqua, l ozono, ecc. Superficie terrestre: Movomenti tettonici, topografia, temperatura, riflettanza, contenuto di umidità del suolo, natura e tipo del suolo a differenti livelli di dettaglio quali differenti tipi di vegetazione e manufatti umani. Superfici oceaniche: Temperatura, topografia, velocità del vento, colore (spesso legato alla produzione biologica di plancton), profondità, maree. Criosfera: dati sulla distribuzione, le condizioni e il comportamento dinamico di neve, iceberg e ghiacciai. A quest insieme di variabili corrispondono un insieme di discipline che possono sfruttare questi dati. Queste comprendono tra l altro il monitoraggio agricolo e dei raccolti, l archeologia, la batimetria, la cartografia, la climatologia, l ingegneria civile, lo studio dell erosione costiera, la predizione e il monitoraggio dei disastri, l analisi delle foreste, la geologia, la glaciologia, l oceanografia, la meteorologia, il controllo dell inquinamento ambientale, la caratterizzazione del suolo, la mappatura urbana, la mappatura e il monitoraggio dei ghiacciai e delle risorse d acqua. Potenzialmente l utilità delle tecnologie del telerilevamento è enorme, tuttavia il motore per il loro sviluppo è ovviamente di natura economica. Ad esempio, la raccolta di informazioni per gestire le risorse terrestri può essere fatta direttamente sul posto, ma è lenta e costosa. Così l uso di velivoli velocizza l elaborazione e riduce i costi. Infatti, anche se un velivolo

17 CAPITOLO 1. SISTEMI DI TELERILEVAMENTO 7 è costoso paragonato a una persona che cammina a piedi, il primo può raccogliere dati molto più velocemente su un area molto più ampia abbassando di molto il costo per unità d area. Questi vantaggi sono ampliati con l uso di tecnologie satellitari. In ogni caso questo abbattimento dei costi è effettivamente presente, ed è tanto più forte, quanto maggiore è il numero di clienti che richiedono la consegna di tali dati. Pertanto è necessario, da un punto di vista economico, avere una comunità di utenti sviluppata, e dei sistemi progettati per soddisfare ciò che la comunità potenziale di utenti percepisce come necessario. Nei prossimi paragrafi saranno esaminati i concetti fondamentali relativi ai due casi più comuni di immagini telerilevate: le immagini multispetttrali (esempio di immagini ottenute tramite un sensore passivo) e le immagini SAR (esempio di immagini ottenute tramite un sensore attivo). 1.3 Immagini multispettrali Le immagini multispettrali sono rilevate per mezzo di sensori passivi e consistono di più immagini prelevate sulla stessa scena. Nel caso in cui il numero di immagini sia particolarmente elevato (nell ordine del centinaio) si parla invece di immagini iperspettrali. Le lunghezze d onda coinvolte sono quelle del visibile, del vicino infrarosso e, talvolta, anche quelle dell infrarosso termico. In ogni immagine (chiamata comunemente banda) ciascun pixel è associato al valore di luminanza (o meglio di riflettanza) a quella lunghezza d onda. La riflettanza di un oggetto R λ è definita dal rapporto R λ = L(λ)/H 0 (λ), dove H 0 (λ) è la radiazione solare incidente sull oggetto e L(λ) è la luminanza, cioè la radiazione riflessa rilevata dal sensore. I diversi valori di riflettanza nella banda del visibile dei vari oggetti sono percepiti come il colore proprio dell oggetto dall occhio umano e può essere considerata la firma spettrale dell oggetto nel dominio del visibile. In realtà una caratterizzazione dell oggetto (relativamente alla radiazione solare) è influenzata dalla riflettanza anche nel dominio del vicino infrarosso che contribuisce perciò ulteriormente alla capacità di discriminare i diversi tipi di oggetti. Nel caso multispettrale/iperspettrale la regione elementare in un immagine non sarà rappresentata quindi da un singolo valore di luminanza, bensì da un vettore di valori di luminanza corrispondenti a pixel omologhi

18 CAPITOLO 1. SISTEMI DI TELERILEVAMENTO 8 in immagini relative a diverse lunghezze d onda. Ogni immagine è digitalizzata, cioè resa discreta nello spazio (con una certa risoluzione spaziale dipendente dal sensore e dalla particolare applicazione) e a valori quantizzati, con una certa risoluzione radiometrica, associati ai pixel. La separazione tra le singole bande caratterizza poi la risoluzione spettrale. Nelle diverse bande cambia la risposta fra i possibili tipi di superficie terrestre, che riflettono e/o assorbono in modo diverso l energia solare, nonché, avendo diversa capacità termica, irradiano spontaneamente quantità di energia diverse. Analizzando quindi, la risposta rilevata dal sensore a diverse lunghezze d onda è possibile discriminare il diverso tipo di superficie. Un esempio di ciò è illustrato dalla figura 1.3 in cui si confrontano i comportamenti spettrali di acqua, terreno e vegetazione. Da essa si ha la conferma che il colore assunto dagli oggetti è relativo alla lunghezza d onda della radiazione solare che viene maggiormente riflessa. Figura 1.3: Comportamento di acqua (1), vegetazione (2) e terreno (3) nel visibile e nell infrarosso. Quanto più è elevato il numero di bande, tanto più precisa è la discriminazione tra i diversi tipi di superficie. Nella banda termica, essendo maggiore la lunghezza d onda, la risoluzione spaziale è meno accurata: è infatti necessario in questo caso una maggiore apertura per ricevere un segnale di energia sufficiente.

19 CAPITOLO 1. SISTEMI DI TELERILEVAMENTO 9 I sensori possono essere situati su satelliti o essere aviotrasportati. I sensori aviotrasportati godono del vantaggio di risentire meno degli effetti di attenuazione atmosferica, ma richiedono la programmazione del volo necessario per raccogliere informazioni su una data scena di interesse e risultano perciò più costosi. La scelta del numero di bande e della risoluzione spaziale è un parametro di progetto legato al fatto che l energia riflessa dalla terra è ovviamente finita. Questa energia va quindi suddivisa spazialmente sui singoli pixel e spettralmente sulle singole bande. La scelta va fatta tenendo conto della presenza del rumore inevitabilmente presente nel sensore. Così, un incremento indiscriminato di tali risoluzioni rischia di confondere il livello del segnale con quello del rumore. I parametri fondamentali (e correlati tra loro) del processo di raccolta delle informazioni sono quindi: La risoluzione spaziale; La risoluzione spettrale; Il rapporto segnale-rumore (SNR). Si osservi che se la potenza del segnale decresce, per mantenere la stessa risoluzione radiometrica, la risoluzione spaziale peggiora secondo una legge quadratica, mentre quella spettrale con una legge lineare. Ciò spiega il rapido sviluppo che ha avuto l approccio di tipo spettrale, rispetto a quello di tipo puramente spaziale. Naturalmente con il progredire della tecnologia, l incremento delle risoluzioni ha portato non solo a un elevato numero di bande, e quindi a immagini iperspettrali, ma anche a risoluzioni spaziali molto spinte e quindi a immagini ad alta risoluzione Il sistema di acquisizione multispettrale Generalizzando quanto detto in precedenza si può affermare che il sistema di acquisizione multispettrale [2, 3], è composto dalle seguenti parti come illustrato nella figura 1.4: La sorgente di radiazione (il sole); Il percorso nell atmosfera; La scena di interesse della superficie terrestre;

20 CAPITOLO 1. SISTEMI DI TELERILEVAMENTO 10 Il sensore. Figura 1.4: Il sistema di acquisizione nel caso multispettrale. Le informazioni potenzialmente utili sono relative alle variazioni spettrali, temporali e spaziali del campo. Ogni oggetto a temperatura superiore allo zero assoluto irradia, infatti, energia elettromagnetica. Inoltre può assorbire, trasmettere o riflettere parte della radiazione originata da fonti esterne che incidono su di esso. Quando la radiazione è assorbita l energia è convertita in calore e reirradiata ad altre lunghezze d onda. In ogni caso resta naturalmente valida la legge di conservazione dell energia che può essere espressa in questo caso come: ρ + α + τ =1, dove ρ, α e τ sono i rapporti rispettivamente dell energia riflessa, assorbita e trasmessa, rispetto a quella incidente. Nel nostro caso la sorgente è il sole, e come mostrato in figura 1.5, l illuminazione solare è particolarmente intensa nella banda del visibile. Si noti

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Fornitura di Dati, Sistemi e Servizi per la Realizzazione del Sistema Informativo del Piano Straordinario

Dettagli

Corso di Telerilevamento Lezione 3

Corso di Telerilevamento Lezione 3 Corso di Telerilevamento Lezione 3 Strumenti di ripresa Risoluzioni Satelliti per il telerilevamento Caratteri i una immagine digitale raster I valori relativi a ciascun pixel (DN = Digital Number) indicano

Dettagli

Introduzione al telerilevamento

Introduzione al telerilevamento Introduzione al telerilevamento Telerilevamento = Remote Sensing Acquisizione di informazioni su un oggetto mediante un sensore non in contatto con esso, ossia mediante misure delle variazioni dei campi

Dettagli

Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine

Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine Dr. Geol. Gaetano La Bella Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine MoGeIFaCo Elaborazione di un modello di gestione integrata della

Dettagli

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO.

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. A)Generalità Una prima importante precisazione: il metodo non ricorre a tecniche aerofotogrammetriche,

Dettagli

Il radar meteorologico

Il radar meteorologico Il radar meteorologico Il radar meteorologico è uno strumento che sfrutta impulsi di onde elettromagnetiche per rilevare la presenza in atmosfera di idrometeore (goccioline d acqua, cristalli di neve o

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli

Le tecniche del telerilevamento applicate alla mappatura delle coperture in cemento/amianto.

Le tecniche del telerilevamento applicate alla mappatura delle coperture in cemento/amianto. Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA CENTRO GEOLOGIA E AMIANTO Le tecniche del telerilevamento applicate alla mappatura delle

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

4 La Polarizzazione della Luce

4 La Polarizzazione della Luce 4 La Polarizzazione della Luce Per comprendere il fenomeno della polarizzazione è necessario tenere conto del fatto che il campo elettromagnetico, la cui variazione nel tempo e nello spazio provoca le

Dettagli

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Induzione magnetica INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Che cos è l induzione magnetica? Si parla di induzione magnetica quando si misura una intensità di corrente diversa da zero che attraversa

Dettagli

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html RADIOSITY TUTORIAL La "Profondità Diffusione" che si imposta nella finesta Settaggi Radiosity (render- >parametri rendering->radiosity) stabilisce quante volte una fonte di illuminazione andrà a riflettersi

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici. prof. ing. Luigi Maffei

Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici. prof. ing. Luigi Maffei Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici prof. ing. Luigi Maffei Le grandezze fotometriche Sono definite per valutare in termini quantitativi le caratteristiche

Dettagli

Il ruolo del rilevamento a distanza nell interpretazione dell evoluzione geomorfologica di un area costiera

Il ruolo del rilevamento a distanza nell interpretazione dell evoluzione geomorfologica di un area costiera Il ruolo del rilevamento a distanza nell interpretazione dell evoluzione geomorfologica di un area costiera Vantaggi delle foto verticali La scala è uniforme in tutta la foto Si possono determinare angoli

Dettagli

DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE

DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE Introduzione Il modello geometrico della luce, vale a dire il modello di raggio che si propaga in linea retta, permette di descrivere un ampia gamma

Dettagli

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica.

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica. FOTODIDATTICA CONOSCERE LA LUCE Le caratteristiche fisiche, l analisi dei fenomeni luminosi, la temperatura di colore. Iniziamo in questo fascicolo una nuova serie di articoli che riteniamo possano essere

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

Che cos'è la profondità di colore

Che cos'è la profondità di colore Che cos'è la profondità di colore 1 Vediamo che cos'è la Profondità di Bit e di Colore di una immagine o di un filmato video; vediamo inoltre cosa sono Gamma dinamica e Gamma di densità. La profondità

Dettagli

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA Prof. Ceccarelli Antonio ITIS G. Marconi Forlì Articolazione: Elettrotecnica Disciplina: Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici A.S. 2012/13 FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA CHE COSA

Dettagli

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM)

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Proprieta fondamentali L energia EM e il mezzo tramite il quale puo essere trasmessa informazione tra un oggetto ed un sensore (e.g. radar) o tra sensori/stazioni

Dettagli

IL LASER. Principio di funzionamento.

IL LASER. Principio di funzionamento. IL LASER Acronimo di Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation (amplificazione di luce per mezzo di emissione stimolata di radiazione), è un amplificatore coerente di fotoni, cioè un dispositivo

Dettagli

Stato dell arte nell uso dei sensori per la diagnostica colturale

Stato dell arte nell uso dei sensori per la diagnostica colturale Stato dell arte nell uso dei sensori per la diagnostica colturale Martina Corti martina.corti@unimi.it Sensore Impiegato Tecnica di acquisizione Elaborazione Dato Camera Digitale Camera Termica Satellite

Dettagli

Applicazione di metodi di ottimizzazione all'identificazione elettromagnetica Settore scientifico- disciplinare: MASTRI INF02

Applicazione di metodi di ottimizzazione all'identificazione elettromagnetica Settore scientifico- disciplinare: MASTRI INF02 Relazione Tecnica per Borsa di ricerca della durata di 6 mesi finanziata nell ambito del Progetto "Materiali e Strutture Intelligenti" MASTRI - Linea 2 Asse IV a valere sui Fondi del Piano Operativo Campania

Dettagli

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali.

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali. 1 Le immagini digitali Le immagini digitali Università IUAV di venezia Trattamento di immagini digitali immagini grafiche immagini raster immagini vettoriali acquisizione trattamento geometrico trattamento

Dettagli

Interazione luce - materia

Interazione luce - materia Interazione luce - materia 1 Modelli di illuminazione Il modello di illuminazione descrive l interazione tra la luce e gli oggetti della scena Descrive i fattori che determinano il colore di un punto della

Dettagli

3.1 CAPITOLO 3 FORMAZIONE DELLE IMMAGINI

3.1 CAPITOLO 3 FORMAZIONE DELLE IMMAGINI 3.1 CAPITOLO 3 FORMAZIONE DELLE IMMAGINI Il processo di formazione di una immagine da parte di un sistema ottico è facilmente descrivibile in termini di raggi. In figura la scatola rappresenta un generico

Dettagli

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura.

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura. Verifica dei postulati di Einstein sulla velocità della luce, osservazioni sull esperimento di Michelson e Morley Abbiamo visto che la necessità di introdurre un mezzo come l etere nasceva dalle evidenze

Dettagli

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione Capitolo 1 Radiazione elettromagnetica e occhio In questo capitolo prendiamo in considerazione alcune grandezze fondamentali riguardanti l illuminazione e alcuni concetti legati alla visione umana che

Dettagli

FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE

FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE Il Sole Sfera di gas riscaldato da reazioni di fusione termonucleare che, come tutti i corpi caldi emette una radiazione elettromagnetica o solare. L energia solare è

Dettagli

POLARIZZAZIONE ORIZZONTALE O VERTICALE?

POLARIZZAZIONE ORIZZONTALE O VERTICALE? A.R.I. Sezione di Parma Conversazioni del 1 Venerdì del Mese POLARIZZAZIONE ORIZZONTALE O VERTICALE? Venerdi, 7 dicembre, ore 21:15 - Carlo, I4VIL Oscillatore e risuonatore di Hertz ( http://www.sparkmuseum.com

Dettagli

EFETTO DEL SUOLO di Giovanni G. Turco, ik0ziz

EFETTO DEL SUOLO di Giovanni G. Turco, ik0ziz EFETTO DEL SUOLO di Giovanni G. Turco, ik0ziz Le caratteristiche d irradiazione di un antenna possono essere modificate, oltre che da eventi estranei, anche dal suolo sottostante. Infatti, quando l antenna

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO CONTROLLO TERMICO Equilibrio termico 2 Al di fuori dell atmosfera la temperatura esterna non ha praticamente significato Scambi termici solo

Dettagli

LA LUCE. Lezioni d'autore

LA LUCE. Lezioni d'autore LA LUCE Lezioni d'autore VIDEO L ottica geometrica e il principio di Fermat (I) La radiazione riflessa da specchi ha importanti applicazioni. Si pensi al settore energetico dove specchi piani in movimento

Dettagli

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 -

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 - ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari L A V E R A N A T U R A D E L L A L U C E La luce, sia naturale sia artificiale, è una forma di energia fondamentale per la nostra esistenza e per quella

Dettagli

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE Lo scopo di quest esperimento è osservare la natura ondulatoria della luce, nei fenomeni della diffrazione e dell interferenza propri delle onde. In

Dettagli

Dispositivi optoelettronici (1)

Dispositivi optoelettronici (1) Dispositivi optoelettronici (1) Sono dispositivi dove giocano un ruolo fondamentale sia le correnti elettriche che i fotoni, le particelle base della radiazione elettromagnetica. Le onde elettromagnetiche

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Area Didattica di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Lezioni del Corso di Misure Industriali 1 Università degli Studi di Cassino

Dettagli

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche INTRODUZIONE Heinrich Hertz (1857-1894) nel 1886 riuscì per la prima volta a produrre e a rivelare le onde elettromagnetiche di cui Maxwell aveva previsto

Dettagli

Interazione & Multimedia 1

Interazione & Multimedia 1 Il nostro viaggio nell image processing deve iniziare con lo studio di come l occhio umano percepisce una immagine e come la elabora. Ci interessa capire quali sono i limiti della visione umana al fine

Dettagli

Sensori e trasduttori. Dispense del corso ELETTRONICA L Luca De Marchi

Sensori e trasduttori. Dispense del corso ELETTRONICA L Luca De Marchi Sensori e trasduttori Dispense del corso ELETTRONICA L Luca De Marchi Gli Obiettivi Struttura generale di sistemi di controllo e misura Sensori, trasduttori, attuatori Prima classificazione dei sistemi-sensori

Dettagli

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche La luce e le sue illusioni ottiche Cosa si intende per raggio luminoso? Immagina di osservare ad una distanza abbastanza elevata una sorgente di luce... il fronte d onda potrà esser approssimato ad un

Dettagli

APPENDICE C PRETRATTAMENTO DEI DATI MIVIS

APPENDICE C PRETRATTAMENTO DEI DATI MIVIS APPENDICE C PRETRATTAMENTO DEI DATI MIVIS Il software MIDAS produce i dati MIVIS corretti operando in sequenza in modo da acquisire prima tutti i dati grezzi del sensore MIVIS da cui estrarre tutte le

Dettagli

Telerilevamento. Esercitazione 1. Esplorare dati EO, image enhancement

Telerilevamento. Esercitazione 1. Esplorare dati EO, image enhancement Telerilevamento Esercitazione 1 Esplorare dati EO, image enhancement Aprire ERDAS IMAGINE. Cliccare sull apposita icona per aprire un immagine SPOT5 acquisita il 10 settembre 2006 sulla area della città

Dettagli

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine La Visione Artificiale La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine Copyright Alcune slide sono tratte dal testo: Digital Image Processing Materiale didattico relativo si trova

Dettagli

Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473

Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473 Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473 Parte 1 a - Concetti di base 1.0.0 - Natura del calore 1.1.0 - misura del calore: - strumentazione - scale

Dettagli

Introduzione CAPITOLO 1

Introduzione CAPITOLO 1 CAPITOLO 1 Introduzione Il termine Telerilevamento deriva dall unione della parola greca tele, ovvero da lontano e del termine rilevamento, che indica genericamente un processo di acquisizione di informazioni:

Dettagli

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA Poiché la luce è energia trasportata da oscillazioni del campo elettrico (fotoni) e la materia è fatta di particelle elettricamente cariche (atomi

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Ing. Davide Palumbo Prof. Ing. Umberto Galietti Politecnico di Bari, Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management

Dettagli

LE FIBRE OTTICHE. Indice generale

LE FIBRE OTTICHE. Indice generale Indice generale LE FIBRE OTTICHE... Sistema di trasmissione con fibre ottiche... Apparato Trasmissivo... Apparato Ricevitore... Trasduttori Ottici in Trasmissione (LED o LD)... Trasduttori Ottici in Ricezione

Dettagli

PLUDIX Pluviometro - disdrometro

PLUDIX Pluviometro - disdrometro PLUDIX Pluviometro - disdrometro PLUDIX è realizzato da: PLUDIX PLUDIX è un apparecchiatura multifunzione per il rilievo e la caratterizzazione di precipitazioni atmosferiche al livello del suolo con elevata

Dettagli

DOCUMENTO TRATTO DA WWW.AEREIMILITARI.ORG

DOCUMENTO TRATTO DA WWW.AEREIMILITARI.ORG DOCUMENTO TRATTO DA WWW.AEREIMILITARI.ORG I Radar ad Onda Continua (CW) Principi di funzionamento dei radar CW. Al contrario dei radar ad impulsi, quelli ad onda continua (CW) emettono radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

TX Figura 1: collegamento tra due antenne nello spazio libero.

TX Figura 1: collegamento tra due antenne nello spazio libero. Collegamenti Supponiamo di avere due antenne, una trasmittente X e una ricevente X e consideriamo il collegamento tra queste due antenne distanti X X Figura : collegamento tra due antenne nello spazio

Dettagli

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Università del Salento Progetto Lauree Scientifiche Attività formativa Modulo 1 L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Vincenzo Orofino Gruppo di Astrofisica LA LUCE Natura della

Dettagli

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR Indice - Premessa - Indagine termografica - Documentazione Fotografica e IR Premessa La caratterizzazione fisico-meccanica dei materiali costituenti un manufatto è indispensabile per stabilire un appropriato

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053 Guida Tecnica Obiettivi - 1 - Cos è un Obiettivo Un obiettivo è un insieme di una o più lenti che rifrangono la luce sull elemento sensibile, permettendo di focalizzare l immagine da riprendere sul sensore

Dettagli

Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento. La misura della distanza

Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento. La misura della distanza Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento La misura della distanza Metodi di misura indiretta della distanza Stadia verticale angolo parallattico costante

Dettagli

Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG)

Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG) Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG) Metodo di indagine termografica La termografia all'infrarosso è una particolare tecnica telemetrica in grado di determinare, con notevole risoluzione

Dettagli

Correzione di immagini da camera Vexcel UltraCam utilizzando Geomatica OrthoEngine

Correzione di immagini da camera Vexcel UltraCam utilizzando Geomatica OrthoEngine Correzione di immagini da camera Vexcel UltraCam utilizzando Geomatica OrthoEngine di Philip Cheng Per molti anni la camera a pellicola aerotrasportata è stata la miglior scelta per l acquisizione di foto

Dettagli

Dai colori alle stelle: un excursus tra Fisica e Ottica

Dai colori alle stelle: un excursus tra Fisica e Ottica Dai colori alle stelle: un excursus tra Fisica e Ottica Martina Giordani Facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali Corso di Laurea in Ottica e Optometria Federica Ricci Facoltà di Scienze matematiche,

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: MODALITA DI FORMAZIONE DELL IMMAGINE SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE: ACQUISIZIONE DELL IMMAGINE TC Un

Dettagli

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management Livio Rossi EURIMAGE S.p.A., Roma, Italia www.eurimage.com Introduzione Nell ambito delle attività operative per la gestione e la protezione

Dettagli

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts L algebra di Boole L'algebra di Boole comprende una serie di regole per eseguire operazioni con variabili logiche. Le variabili logiche possono assumere solo due valori. I due possibili stati che possono

Dettagli

Banco a microonde Introduzione

Banco a microonde Introduzione Banco a microonde Introduzione Il sistema e costituito (vedi figura 1) da una sorgente direzionale di onde elettromagnetiche polarizzate di frequenza di 9.5 GHz ( = 3.16 cm) e da un rivelatore direzionale

Dettagli

L osservazione in luce bianca è, per così dire, l osservazione del Sole al naturale ovviamente dopo averne attenuato la fortissima emissione di luce.

L osservazione in luce bianca è, per così dire, l osservazione del Sole al naturale ovviamente dopo averne attenuato la fortissima emissione di luce. L osservazione in luce bianca è, per così dire, l osservazione del Sole al naturale ovviamente dopo averne attenuato la fortissima emissione di luce. Questa attenuazione si ottiene mediante l uso di un

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI IMPIANTO ELETTRICO Potenza elettrica 2 La potenza installata varia con la complessità del veicolo Primi satelliti 1W Satellite per

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive I materiali I materiali Introduzione al corso Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza Le prove meccaniche distruttive La meccanica dei materiali 2 2006 Politecnico di Torino 1 Obiettivi

Dettagli

TRASMETTITORI E RICEVITORI

TRASMETTITORI E RICEVITORI Esempio: Un ricevitore ha un resistore di polarizzazione del valore di 10 kω e una capacità di giunzione del fotodiodo del valore di 4 pf. Il fotodiodo è accoppiato in continua con un amplificatore ad

Dettagli

E possibile classificazione i trasduttori in base a diversi criteri, ad esempio: Criterio Trasduttori Caratteristiche

E possibile classificazione i trasduttori in base a diversi criteri, ad esempio: Criterio Trasduttori Caratteristiche PREMESSA In questa lezione verranno illustrate la classificazione delle diverse tipologie di trasduttori utilizzati nei sistemi di controllo industriali ed i loro parametri caratteristici. CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Introduzione all elaborazione di immagini Part II

Introduzione all elaborazione di immagini Part II Introduzione all elaborazione di immagini Part II Obiettivi delle tecniche di elaborazione di immagini: miglioramento di qualità (image enhancement) ripristino di qualità o restauro (image restoration)

Dettagli

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR IL MODELLO ATOMICO DI BOHR LA LUCE Un valido contributo alla comprensione della struttura dell atomo venne dato dallo studio delle radiazioni luminose emesse dagli atomi opportunamente sollecitati. Lo

Dettagli

COMUNE DI TORINO. Settore Ristrutturazioni e Nuovi Edifici Municipali INDAGINE GEORDAR. Fabbricato ex INCET Via Cigna TORINO.

COMUNE DI TORINO. Settore Ristrutturazioni e Nuovi Edifici Municipali INDAGINE GEORDAR. Fabbricato ex INCET Via Cigna TORINO. COMUNE DI TORINO Settore Ristrutturazioni e Nuovi Edifici Municipali INDAGINE GEORDAR Fabbricato ex INCET Via Cigna TORINO Relazione Tecnica TECNO FUTUR SERVICE s.r.l. Bomporto (Mo), Gennaio 2008 1. Generalità

Dettagli

Ottica fisiologica (2): sistemi ottici

Ottica fisiologica (2): sistemi ottici Ottica fisiologica (2): sistemi ottici Corso di Principi e Modelli della Percezione Prof. Giuseppe Boccignone Dipartimento di Informatica Università di Milano boccignone@di.unimi.it http://boccignone.di.unimi.it/pmp_2014.html

Dettagli

Modulo del software GHERAP per la valutazione radio protezionistica del campo EM generato da segnali impulsivi (radar)

Modulo del software GHERAP per la valutazione radio protezionistica del campo EM generato da segnali impulsivi (radar) Modulo del software GHERAP per la valutazione radio protezionistica del campo EM generato da segnali impulsivi (radar) www.studioingsapone.it Pagina 1 di 10 Premessa Questo modulo rappresenta una opzione

Dettagli

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A)

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) ELABORAZIONE ANALOGICA O DIGITALE DEI SEGNALI ELABORAZIONE ANALOGICA ELABORAZIONE DIGITALE Vantaggi dell elaborazione

Dettagli

C=1.44. densità d accumulo, potente strumento di controllo del colore

C=1.44. densità d accumulo, potente strumento di controllo del colore C=1.44 k=1.45 M=1.41 Y=.76 densità d accumulo, potente strumento di controllo del colore di Mike Ruff (Chief Technology Officer di Nazdar Consulting Services) Trentasette anni di attività e consulenza

Dettagli

May 5, 2013. Fisica Quantistica. Monica Sambo. Sommario

May 5, 2013. Fisica Quantistica. Monica Sambo. Sommario May 5, 2013 Bohr, Born,, Dirac e Pauli accettano in modo incondizionato la nuova fisica Einstein, De, e pur fornendo importanti contributi alla nuova teoria cercano di ottenere una descrizione CAUSALE

Dettagli

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Apparato sperimentale: Spettrofotometro digitale SPID HR (U21830) con software di acquisizione,

Dettagli

Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009

Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009 Prot. int. n UFVG2009/46 Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009 Daniele Armando Randazzo, T. Caltabiano, G. G. Salerno, F.

Dettagli

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Rappresentazione dell Informazione

Dettagli

Tutte le tecniche spettroscopiche si basano sulla interazione tra radiazione elettromagnetica e materia.

Tutte le tecniche spettroscopiche si basano sulla interazione tra radiazione elettromagnetica e materia. G. Digilio - principi_v10 versione 6.0 LA SPETTROSCOPIA Tutte le tecniche spettroscopiche si basano sulla interazione tra radiazione elettromagnetica e materia. La Spettroscopia di risonanza magnetica

Dettagli

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva Brugnaro Luca Progetto formativo complessivo Obiettivo: incrementare le competenze degli operatori sanitari nelle metodiche

Dettagli

Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati. Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore

Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati. Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore Attività generali le finalità del centro saranno perseguite mediante le seguenti

Dettagli

Classificazione dei Sensori. (raccolta di lucidi)

Classificazione dei Sensori. (raccolta di lucidi) Classificazione dei Sensori (raccolta di lucidi) 1 Le grandezze fisiche da rilevare nei processi industriali possono essere di varia natura; generalmente queste quantità sono difficili da trasmettere e

Dettagli

Simulazioni acustiche in esterno Andrea Cerniglia hilbert@venus.it

Simulazioni acustiche in esterno Andrea Cerniglia hilbert@venus.it Simulazioni acustiche in esterno Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da RCI, anno XXV N. 10, ottobre 1998, Tecniche Nuove) Una panoramica sulle opportunità offerte dai programmi di simulazione

Dettagli

Cenni sui trasduttori. Con particolare attenzione al settore marittimo

Cenni sui trasduttori. Con particolare attenzione al settore marittimo Cenni sui trasduttori Con particolare attenzione al settore marittimo DEFINIZIONI Un Trasduttore è un dispositivo che converte una grandezza fisica in un segnale di natura elettrica Un Sensore è l elemento

Dettagli

Corso di Laboratorio di Fisica prof. Mauro Casalboni dott. Giovanni Casini

Corso di Laboratorio di Fisica prof. Mauro Casalboni dott. Giovanni Casini SSIS indirizzo Fisico - Informatico - Matematico 2 anno - a.a.. 2006/2007 Corso di Laboratorio di Fisica prof. Mauro Casalboni dott. Giovanni Casini LA LUCE La luce è un onda elettromagnetica Il principio

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

Matematica e teoria musicale 1

Matematica e teoria musicale 1 Matematica e teoria musicale 1 Stefano Isola Università di Camerino stefano.isola@unicam.it Il suono Il fine della musica è dilettare e muovere in noi diversi sentimenti, il mezzo per raggiungere tale

Dettagli

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D 2 Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D Introduzione Questo documento riporta un confronto tra i risultati di un analisi di risposta sismica locale condotta con il codice di calcolo LSR2D (Stacec

Dettagli

2. L ENERGIA MECCANICA

2. L ENERGIA MECCANICA . L ENERGIA MECCANICA.1 Il concetto di forza La forza può essere definita come «azione reciproca tra corpi che ne altera lo stato di moto o li deforma: essa é caratterizzata da intensità direzione e verso».

Dettagli

Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi:

Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi: Energia Energia Premessa Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi: Richiesta di energia primaria Consumi energetici per

Dettagli

Scienze integrate (Biologia con elem.di biologia marina) Prof.ssa Rosa Domestico Lavoro degli alunni della classe IIG a.s.

Scienze integrate (Biologia con elem.di biologia marina) Prof.ssa Rosa Domestico Lavoro degli alunni della classe IIG a.s. LA LUCE Scienze integrate (Biologia con elem.di biologia marina) Prof.ssa Rosa Domestico Lavoro degli alunni della classe IIG a.s. 2012_2013 La luce è una forma di energia che ci fa vedere le forme, i

Dettagli