UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO FACOLTÀ DIINGEGNERIA DAEIMI - DIPARTIMENTO DI AUTOMAZIONE, ELETTROMAGNETISMO, INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE E MATEMATICA INDUSTRIALE TESI DI DOTTORATO IN INGEGNERIA ELETTRICA E DELL INFORMAZIONE XIX CICLO SETTORE SCIENTIFICO ING-INF/03 ANALISI DI DATI OTTICI E RADAR BASATA SU UN MODELLO MARKOVIANO DELL IMMAGINE Relatori: Ing. Ciro D Elia Prof.ssa Gilda Schirinzi Candidato: Giovanni Cuozzo

2 Ai miei genitori

3 Indice Introduzione iv 1 Sistemi di telerilevamento Il telerilevamento Applicazioni Immagini multispettrali Il sistema di acquisizione multispettrale Sensori ottici Rilevatori ottici Sistemi di sensori multispettrali Esempi di sensori multispettrali e iperspettrali Immagini SAR Tecnica di compressione dell impulso Storia di fase del target puntiforme Campionamento e ambiguità Interazione superficiale delle onde E.M Speckle Radarsat-1: un esempio di sistema di acquisizione e distribuzione La strumentazione Radarsat e i beam mode Le orbite Radarsat Raccolta e trasmissione dei dati I prodotti Radarsat Il processo di certificazione Radarsat Analisi e compressione di immagini telerilevate Introduzione i

4 INDICE ii 2.2 La classificazione Principali tecniche di classificazione Altre tecniche di classificazione non contestuali Classificazione contestuale Altri tipi di classificatori La compressione La compattazione La compressione lossy Framework per la compressione e l analisi di dati ottici e radar Segmentazione Estrazione dei descrittori Classificazione Compressione Segmentazione di immagini telerilevate Introduzione Stato dell arte Campi casuali e stima Bayesiana Campi casuali markoviani Il vicinato e le cricche La distribuzione di Gibbs Il modello utilizzato per la segmentazione delle immagini Modelli MRF evoluti Il modello RAG (Region Adjacency Graph) Il modello multiscala MSRF Il modello TS-MRF Procedure di ottimizzazione La scelta del modello di MRF Rilassamento stocastico e annealing simulato Il caso non supervisionato Il metodo delle mode condizionali iterate Cenni al campionamento di Metropolis Utilizzo del TS-MRF per il caso SAR Risultati sperimentali Algoritmi di ottimizzazione Scelta della temperatura iniziale

5 INDICE iii La scelta della condizione di arresto Ulteriori modifiche all algoritmo Frequenza di aggiornamento del parametro β Il caso di segmentazione binaria Applicazione al TS-MRF Applicazioni del TS-MRF a immagini ottiche Riconoscimento di foreste Detection di nuvole Valutazione con algoritmi di classificazione Applicazioni del TS-MRF a immagini SAR Applicazioni a immagini mediche Conclusioni 209 Elenco delle figure 212 Elenco delle tabelle 216

6 Introduzione Il telerilevamento è un settore dell ingegneria delle telecomunicazioni in rapida espansione, sia per il progresso avutosi nello sviluppo della tecnologia dei sensori, che in quella degli strumenti di calcolo e della trasmissione delle informazioni. A questo aspetto si sta affiancando anche una maggiore consapevolezza da parte dei potenziali utenti finali sui vantaggi e sulla varietà delle applicazioni rese disponibili da tali tecniche. Lo sviluppo della ricerca e la crescita della comunità dei possibili utenti sono ovviamente collegati e costituiscono un rispettivo stimolo allo sviluppo ulteriore di questo campo che è tuttora ben lungi dall essere assestato. Se da un lato, infatti, l incremento della committenza permette di ridurre il costo unitario dei dati disponibili, rendendo conveniente l uso del telerilevamento non solo in luoghi difficilmente accessibili, dall altro il progresso scientifico e tecnologico permette di rendere disponibili dati per applicazioni prima impensabili. Come è noto nel telerilevamento si sfruttano le diverse proprietà di riflessione, trasmissione e assorbimento degli oggetti e dell atmosfera a radiazioni elettromagnetiche provenienti da una sorgente esterna, nonché la loro diversa capacità di emissione nella cosiddetta banda termica. L oggetto dell indagine, che è tipicamente la porzione della superficie terrestre sulla quale si vogliono ottenere informazioni, è detto scena. In particolare, per incrementare le informazioni dispobili sulla scena si può puntare a spingere per avere un elevatissima risoluzione spaziale, come nel caso delle immagini pancromatiche, o a cercare di ottenere elevate risoluzioni spettrali, come nel caso delle immagini multispettrali o iperspettrali, misurando la risposta della superficie terrestre a onde elettromagnetiche con differenti lunghezze d onda. Lo studio, oltre che nella direzione spaziale e spettrale, può essere rivolto nella direzione temporale, cercando di ottenere serie temporali con un periodo di acquisizione adatto a studiare l evoluzione del fenomeno in iv

7 Introduzione v esame (change detection). Per le applicazioni appena descritte è immediato pensare di utilizzare l energia solare come sorgente della radiazione elettromagnetica ottenendo delle istantanee della superficie terrestre. Tuttavia, le immagini ottiche pancromatiche, multispettrali e iperspettrali, soffrono della limitazione di essere fortemente influenzate dalle condizioni atmosferiche e richiedono ovviamente di essere rilevate solo in alcune ore della giornata. Esiste però nella tecnologia radar, e in particolare del SAR (Synthetic Aperture Radar), una possibilità alternativa ai sensori appena descritti. In questo caso la sorgente di illuminazione è il sensore stesso che emette opportuni impulsi alle frequenze delle microonde e che rileva il segnale retrodiffuso della scena. Le immagini ottenute in questo caso sono meno sensibili agli agenti atmosferici e permettono di completare l informazione ottenuta nel caso ottico misurando differenti proprietà come ad esempio la rugosità e, in applicazioni come quelle di interferometria differenziale, forniscono informazioni sulla deformazione superficiale. Per ottenere buone risoluzioni spaziali in questo caso occorre che il radar trasmetta impulsi di durata e forma opportune e che si sfrutti l informazione sul movimento del sensore. Il dato SAR richiede quindi un opportuna preelaborazione per essere visualizzato in forma di immagine e queste sono comunque meno immediatamente interpretabili rispetto a quelle ottiche. Non esiste quindi in assoluto un sistema sensoriale ottimo, ma questo va scelto sulla base dell applicazione, integrando magari diverse tecnologie. Dal discorso fatto finora si evince che nella fase di analisi dell immagine, cioè di interpretazione del dato, si presenta il problema di avere algoritmi diversi per i diversi tipi di immagini (ottiche o SAR). Infatti, vista la diversa natura dei dati, se si vuole utilizzare un unico algoritmo occorre o ricorrere a strumenti pixel-based semplici, ma che non risultano particolarmente accurati per nessuno dei due casi, oppure se si vuole definire un modello dell immagine allo scopo di un analisi più accurata non si riesce ad ottenerne uno adatto ad entrambi i casi. La scelta fatta in questa tesi è stata quella di sviluppare un framework per l analisi delle immagini implementato in C++ che, per ottenere una elevata qualità nei risultati, sfrutta un modello dell immagine basato sui campi di Markov. Esso è inglobato nell operazione di segmentazione dell immagine. Questa è un operazione di basso livello che costituisce il passo

8 Introduzione vi preliminare per successive elaborazioni sulle immagini, quali la classificazione e la compressione, e può essere definita come quel processo per cui i pixel di un immagine vengono etichettati in base alle loro proprietà e a valle del quale l immagine stessa risulta partizionata in regioni con caratteristiche omogenee (mappa di segmentazione). La segmentazione basata sui Markov Random Field (MRF) è di tipo contestuale, cioè è basata non solo sulle caratteristiche del pixel in esame, ma utilizza anche le informazioni che derivano dalla conoscenza della dipendenza statistica tra esso e i suoi vicini. Sono ovviamente possibili molte possibili scelte da questo punto di vista, a cui corrispondono diversi possibili modelli markoviani. La scelta fatta in questo caso è quella di utilizzare un modello di MRF sufficientemente semplice da ovviare ai problemi di complessità computazionale che costituiscono il limite principale degli algoritmi basati sui campi di Markov. In questo modello si tiene conto del fatto che in una mappa di segmentazione èpiù probabile che pixel vicini facciano parte di una stessa classe di segmentazione piuttosto che le etichette siano disposte in una configurazione rumorosa. I parametri del modello sono stati studiati per il caso ottico. Per rendere funzionante l algoritmo senza riscriverlo per il caso SAR è stato aggiunto un blocco iniziale di preelaborazione da eseguire nel caso SAR. Questo estrae dei descrittori di eterogeneità dall immagine fornendo in uscita un immagine meno rumorosa che ben si adatta al modello MRF. La struttura della tesi è impostata nel modo seguente. Nel capitolo 1 è presentata una panoramica sui sensori e sulle caratteristiche delle immagini ottiche e SAR allo scopo di evidenziarne le differenze e di comprendere gli interventi che saranno necessari sulle immagini SAR allo scopo di utilizzare lo stesso algoritmo di analisi. Il capitolo è chiuso dalla descrizione di un particolare sistema di acquisizione e distribuzione di dati SAR con il quale l autore della tesi ha avuto esperienza diretta in un periodo di studio e ricerca svolto presso il MARSec (Mediterranean Agency for Remote Sensing and Environmental Control) di Benevento. Nel capitolo 2 si descrive il framework per l analisi e la compressione delle immagini su cui si basa il lavoro di tesi. In esso (a parte la preelaborazione necessaria nel caso SAR), il primo passo è l algoritmo di segmentazione. L accuratezza di questo, essendo il primo step comune a tutte le operazioni successive, e contenendo il modello dell immagine, è fondamen-

9 Introduzione vii tale per la qualità del prodotto finale. La mappa di segmentazione è utilizzata sia per eseguire operazioni di classificazione ed estrazione dei contenuti, che per la compressione. L incremento delle risoluzioni spaziali, spettrali e radiometriche richiede, infatti, una quantità sempre crescente di risorse di memoria disponibili. Inoltre, esso influisce sui tempi di trasmissione e in quelli di navigazione e ricerca di dati di interesse nei database di dimensioni sempre crescenti. La segmentazione da questo punto di vista, permettendo di lavorare su regioni omogenee, incrementa le prestazioni di metodi di compressione basati su trasformate lineari (come quelli usati in questa sede). Fra il blocco di segmentazione e quello di classificazione è realizzata anche un operazione di estrazione di descrittori geometrici, spettrali e contestuali, che consentono di individuare meglio le regioni di interesse e di realizzare una classificazione object-oriented anziché pixel-oriented. Nel capitolo 3, è descritto in maggiore dettaglio il modello dell immagine e l algoritmo di segmentazione scelti. In particolare un algoritmo strutturato ad albero e basato sui MRF, permette di ottenere prestazioni analoghe a quelle del caso MRF non strutturato in tempi ridotti. L algoritmo permette di ricondurre il problema della segmentazione a un problema di stima a massima probabilità a posteriori, il che comporta la necessità diaf- frontare una scelta nel tipo di ricerca della soluzione ottima. Sono utilizzate a tale scopo due tecniche, quella subottima dell ICM (Iterated Conditional Mode) e quella del rilassamento stocastico con annealing simulato (SR-SA). Quest ultima a rigore è la scelta ottima, ma èpiù onerosa computazionalmente. Pertanto, particolare attenzione è stata fatta nella prove sperimentali a scegliere i parametri dell algoritmo tali da dare risultati di qualità elevata in tempi non troppo superiori rispetto all ICM. Quest obiettivo, impossibile negli algoritmi basati su MRF non strutturati, ha fornito invece risultati incoraggianti nel caso del modello ad albero binario. Il capitolo si conclude con la descrizione dell algoritmo di estrazione dei descrittori di eterogeneità necessaria per applicare la segmentazione a immagini SAR. Nell ultimo capitolo sono infine illustrati i risultati sperimentali ottenuti utilizzando sia l ICM che l SR-SA, prima nel caso non strutturato, per evidenziare le differenze di comportamento dei due algoritmi, poi in quello basato sul modello ad albero binario. La segmentazione è stata poi provata su una vasta gamma di immagini telerilevate sia ottiche che SAR, quindi per verificare l efficacia del metodo, tramite un semplice algoritmo basato

10 Introduzione viii sull uso di soglie sui descrittori delle regioni, sono state estratte regioni di interesse dalle varie immagini. Alcune prove sono state effettuate anche su immagini medicali evidenziando la flessibilità dell algoritmo. Infine, sono stati provati a valle dell estrazione dei descrittori geometrici alcuni algoritmi di classificazione realizzando esempi di classificazione object-based. Giovanni Cuozzo

11 Capitolo 1 Sistemi di telerilevamento In questo capitolo saranno trattati i principi di base del telerilevamento con particolare attenzione sia al caso ottico che a quello SAR. La descrizione sarà rivolta alla comprensione generale dei fenomeni fisici che portano alla formazione di questi tipi di immagini, e ha lo scopo di sottolineare le relative differenzene nei due casi. In questo modo si evidenzierà l opportunità di usare differenti tecniche nella fase di elaborazione atte a estrarre le informazioni di interesse. In particolare un medesimo algoritmo di segmentazione può non fornire risultati soddisfacenti sia per sensori ottici che per sensori alle microonde. A scopo esemplificativo, il capitolo si conclude con una descrizione di uno specifico sensore con il relativo sistema di acquisizione e distribuzione con cui l autore ha avuto esperienza diretta durante il periodo di preparazione della tesi. 1.1 Il telerilevamento Nel senso più ampio del termine, per telerilevamento si intende la raccolta di informazioni su oggetti senza diretto contatto fisico con essi. Nella pratica questa definizione è alquanto vaga e, in questo ambito, questo termine verrà ristretto allo studio dell atmosfera e della superficie terrestre mediante l uso di radiazioni elettromagnetiche. L insieme delle tecniche utilizzate è riferito spesso anche come Earth Observation, e si basa sulla misura delle interazioni tra gli oggetti di interesse e le onde elettromagnetiche (emesse artificialmente da dispositivi esterni, o naturalmente dagli oggetti stessi), permettendo l osservazione della terra su scala macroscopica [1]. 1

12 CAPITOLO 1. SISTEMI DI TELERILEVAMENTO 2 In pratica ogni oggetto è caratterizzato da una propria capacità diri- flessione, assorbimento e trasmissione delle onde elettromagnetiche che ne permette la caratterizzazione. Oltre agli oggetti situati sulla superficie terrestre, anche l atmosfera può assorbire, riflettere o trasmettere in modo diverso nello spazio e nel tempo la radiazione elettromagnetica, comportandosi come un disturbo quando non rappresenta l oggetto di studio della rilevazione. Di conseguenza la scelta delle lunghezze d onda utilizzabili è limitata a particolari domini (vedi Figura 1.1), quali il visibile (λ = µm), il vicino infrarosso (0, 7 2, 0 µm), l infrarosso termico (circa 5 10 µm) eil dominio delle microonde. Questi domini rappresentano, infatti, finestre di trasparenza dell atmosfera terrestre alle radiazioni elettromagnetiche. Figura 1.1: Lo spettro elettromagnetico Ci sono essenzialmente due aspetti utilizzabili per descrivere la radiazione ricevuta: 1. Quanta radiazione è rilevata; 2. Quando la radiazione è rilevata. Il primo aspetto permette di discriminare la superficie terrestre sulla base del diverso comportamento elettromagnetico dei diversi tipi di copertura, il secondo, invece, permette di determinare la distanza del sensore dal target ed è alla base del funzionamento di strumenti quali il LIDAR (acronimo di LIght Detection And Ranging), il radar altimetrico e altri tipi di sistemi radar.

13 CAPITOLO 1. SISTEMI DI TELERILEVAMENTO 3 Da quanto detto finora, si evince che la metodologia utilizzata dipende dal dominio della lunghezza d onda della radiazione: Nel visibile e nel vicino infrarosso è utilizzata la riflettanza. Il sensore a bordo di un satellite (o di un velivolo in generale) misura lo spettro di energia riflessa dalla scena in esame. Poiché la sorgente di energia è il sole, in questo caso si parla di telerilevamento passivo. Queste non sono le uniche lunghezze d onda alle quali il sole emette radiazione (vedi ad esempio la figura 1.2), ma nelle altre bande l atmosfera risulta essere opaca alle radiazioni. Nel dominio dell infrarosso termico, il sensore rileva direttamente l emissione naturale degli oggetti situati sulla superficie terrestre (e si parla perciò ancora di telerilevamento passivo). Infatti, tutti gli oggetti, che sono a una temperatura diversa dallo zero assoluto, emettono radiazione termica. La quantità di radiazione effettivamente emessa dipende dalla temperatura dell oggetto e dalla sua emissività. Nel campo delle microonde un radar emette la radiazione elettromagnetica, quindi un sensore rileva la frazione di questa riflessa dagli oggetti posti sulla superficie terrestre. Poiché la radiazione è emessa da una fonte artificiale (che rileva poi anche il segnale retrodiffuso), si parla in questo caso di telerilevamento attivo. In questo caso, a differenza dei precedenti, la rilevazione può essere effettuata anche in condizioni atmosferiche perturbate. Da quanto detto emerge che le informazioni su un dato target direttamente osservabili da un sistema di telerilevamento sono limitate: si possono infatti misurare la distanza, la riflettività e una combinazione di temperatura ed emissività. Inoltre sono necessari diversi sensori per ottenere tutte queste informazioni congiuntamente. Tuttavia si possono incrementare le variabili a disposizione misurando le grandezze di interesse in diversi istanti temporali, a diverse lunghezze d onda (bande spettrali) e utilizzando diverse polarizzazioni della radiazione. In definitiva le informazioni potenzialmente disponibili riguardano variazioni dei valori del campo in tre domini: Spettrale;

14 CAPITOLO 1. SISTEMI DI TELERILEVAMENTO 4 Figura 1.2: Emissione solare nell ultravioletto Spaziale; Temporale. Per ottenere le informazioni richieste per una data applicazione occorre quindi: Misurare le variazioni del campo in uno o più di tali domini; Relazionare tali variazioni all informazione desiderata. Una volta che i dati sono stati raccolti dal sensore devono essere digitalizzati, trasmessi, memorizzati e analizzati. Nella maggior parte dei casi i dati formeranno un immagine (o in alcuni casi più immagini, come si vedrà meglio nel seguito), cioè una rappresentazione bidimensionale della distribuzione dell intensità della radiazione sulla scena. L Image Processing rappresenta l insieme delle tecniche di elaborazione e analisi dell immagine, ed è parte integrante del telerilevamento. Tipicamente l Image Processing è composto di una serie di passi. Per esempio l immagine è corretta in modo da instaurare una precisa corrispondenza geometrica con la superficie terrestre, è sottoposta a calibrazione con la rimozione degli effetti di propagazione atmosferica e possono essere usate tecniche di rimozione del

15 CAPITOLO 1. SISTEMI DI TELERILEVAMENTO 5 rumore per aumentare l intelligibilità dell immagine. Il passo successivo è quello di estrarre informazioni utili dai dati forniti dal sensore, ed è basato sull analisi della luminosità dei pixel dell immagine e sul contesto spaziale (analisi della forma e della texture degli oggetti basata tipicamente su un modello matematico dell immagine). Inoltre, vista l ingente mole di dati fornita dal sensore, è spesso necessaria un operazione di compressione dei dati nella fase della loro trasmissione. Da quanto detto si evince che un sistema di telerilevamento può essere visto nel suo complesso come composto di tre componenti fondamentali: (A) : La scena, cioè la parte del sistema situata di fronte all occhio del sensore. Essa è costituita dalla porzione della superficie terrestre illuminata e dall atmosfera interposta. Questa parte del sistema è caratterizzata dal fatto di non essere sotto il controllo umano né nella fase di progetto né nella fase operativa e rappresenta spesso la parte più complessa e dinamica del sistema. (B) : Il sensore, cioè la parte del sistema che raccoglie i dati. Nel caso di sensori attivi, sia a microonde (SAR), che ottici (LIDAR), il meccanismo di illuminazione può essere visto come parte del sensore stesso. Il sensore è caratterizzato dall essere sotto il controllo umano nella fase di progetto, ma di esserlo poco o per nulla nella fase operativa. (C) : Il sistema di elaborazione già descritto, che è la parte del sistema in cui l analista può attuare un più stretto controllo delle operazioni e ha una maggiore possibilità di scelta fra varie opzioni. Sebbene sia possibile automatizzare completamente questa fase, di solito non viene seguita questa scelta. Infatti, le capacità associative e di ragionamento dell uomo possono essere di grande aiuto nel completare le grandi capacità di elaborazione delle macchine. Inoltre, il personale utile non è solo quello esperto di algoritmi (compressione, classificazione, ecc.), ma anche quello che conosce in maggior dettaglio le specifiche dell applicazione (come ad esempio le diverse caratteristiche di differenti specie vegetali o le caratteristiche del suolo nell analisi del monitoraggio di terreni a rischio franoso).

16 CAPITOLO 1. SISTEMI DI TELERILEVAMENTO Applicazioni Le possibili applicazioni del telerilevamento sono innumerevoli e, sebbene molte delle tecniche hanno avuto origine per applicazioni di riconoscimento in ambito militare, molte possibilità sono state sviluppate nella sfera civile per la quale si parla di telerilevamento ambientale. In particolare, sulla base delle variabili misurate, si possono individuare i seguenti insiemi di variabili ambientali che possono essere misurate: Atmosfera: Temperatura, precipitazioni, distribuzione e tipo di nuvole, velocità del vento e concentrazione di gas quali il vapore d acqua, l ozono, ecc. Superficie terrestre: Movomenti tettonici, topografia, temperatura, riflettanza, contenuto di umidità del suolo, natura e tipo del suolo a differenti livelli di dettaglio quali differenti tipi di vegetazione e manufatti umani. Superfici oceaniche: Temperatura, topografia, velocità del vento, colore (spesso legato alla produzione biologica di plancton), profondità, maree. Criosfera: dati sulla distribuzione, le condizioni e il comportamento dinamico di neve, iceberg e ghiacciai. A quest insieme di variabili corrispondono un insieme di discipline che possono sfruttare questi dati. Queste comprendono tra l altro il monitoraggio agricolo e dei raccolti, l archeologia, la batimetria, la cartografia, la climatologia, l ingegneria civile, lo studio dell erosione costiera, la predizione e il monitoraggio dei disastri, l analisi delle foreste, la geologia, la glaciologia, l oceanografia, la meteorologia, il controllo dell inquinamento ambientale, la caratterizzazione del suolo, la mappatura urbana, la mappatura e il monitoraggio dei ghiacciai e delle risorse d acqua. Potenzialmente l utilità delle tecnologie del telerilevamento è enorme, tuttavia il motore per il loro sviluppo è ovviamente di natura economica. Ad esempio, la raccolta di informazioni per gestire le risorse terrestri può essere fatta direttamente sul posto, ma è lenta e costosa. Così l uso di velivoli velocizza l elaborazione e riduce i costi. Infatti, anche se un velivolo

17 CAPITOLO 1. SISTEMI DI TELERILEVAMENTO 7 è costoso paragonato a una persona che cammina a piedi, il primo può raccogliere dati molto più velocemente su un area molto più ampia abbassando di molto il costo per unità d area. Questi vantaggi sono ampliati con l uso di tecnologie satellitari. In ogni caso questo abbattimento dei costi è effettivamente presente, ed è tanto più forte, quanto maggiore è il numero di clienti che richiedono la consegna di tali dati. Pertanto è necessario, da un punto di vista economico, avere una comunità di utenti sviluppata, e dei sistemi progettati per soddisfare ciò che la comunità potenziale di utenti percepisce come necessario. Nei prossimi paragrafi saranno esaminati i concetti fondamentali relativi ai due casi più comuni di immagini telerilevate: le immagini multispetttrali (esempio di immagini ottenute tramite un sensore passivo) e le immagini SAR (esempio di immagini ottenute tramite un sensore attivo). 1.3 Immagini multispettrali Le immagini multispettrali sono rilevate per mezzo di sensori passivi e consistono di più immagini prelevate sulla stessa scena. Nel caso in cui il numero di immagini sia particolarmente elevato (nell ordine del centinaio) si parla invece di immagini iperspettrali. Le lunghezze d onda coinvolte sono quelle del visibile, del vicino infrarosso e, talvolta, anche quelle dell infrarosso termico. In ogni immagine (chiamata comunemente banda) ciascun pixel è associato al valore di luminanza (o meglio di riflettanza) a quella lunghezza d onda. La riflettanza di un oggetto R λ è definita dal rapporto R λ = L(λ)/H 0 (λ), dove H 0 (λ) è la radiazione solare incidente sull oggetto e L(λ) è la luminanza, cioè la radiazione riflessa rilevata dal sensore. I diversi valori di riflettanza nella banda del visibile dei vari oggetti sono percepiti come il colore proprio dell oggetto dall occhio umano e può essere considerata la firma spettrale dell oggetto nel dominio del visibile. In realtà una caratterizzazione dell oggetto (relativamente alla radiazione solare) è influenzata dalla riflettanza anche nel dominio del vicino infrarosso che contribuisce perciò ulteriormente alla capacità di discriminare i diversi tipi di oggetti. Nel caso multispettrale/iperspettrale la regione elementare in un immagine non sarà rappresentata quindi da un singolo valore di luminanza, bensì da un vettore di valori di luminanza corrispondenti a pixel omologhi

18 CAPITOLO 1. SISTEMI DI TELERILEVAMENTO 8 in immagini relative a diverse lunghezze d onda. Ogni immagine è digitalizzata, cioè resa discreta nello spazio (con una certa risoluzione spaziale dipendente dal sensore e dalla particolare applicazione) e a valori quantizzati, con una certa risoluzione radiometrica, associati ai pixel. La separazione tra le singole bande caratterizza poi la risoluzione spettrale. Nelle diverse bande cambia la risposta fra i possibili tipi di superficie terrestre, che riflettono e/o assorbono in modo diverso l energia solare, nonché, avendo diversa capacità termica, irradiano spontaneamente quantità di energia diverse. Analizzando quindi, la risposta rilevata dal sensore a diverse lunghezze d onda è possibile discriminare il diverso tipo di superficie. Un esempio di ciò è illustrato dalla figura 1.3 in cui si confrontano i comportamenti spettrali di acqua, terreno e vegetazione. Da essa si ha la conferma che il colore assunto dagli oggetti è relativo alla lunghezza d onda della radiazione solare che viene maggiormente riflessa. Figura 1.3: Comportamento di acqua (1), vegetazione (2) e terreno (3) nel visibile e nell infrarosso. Quanto più è elevato il numero di bande, tanto più precisa è la discriminazione tra i diversi tipi di superficie. Nella banda termica, essendo maggiore la lunghezza d onda, la risoluzione spaziale è meno accurata: è infatti necessario in questo caso una maggiore apertura per ricevere un segnale di energia sufficiente.

19 CAPITOLO 1. SISTEMI DI TELERILEVAMENTO 9 I sensori possono essere situati su satelliti o essere aviotrasportati. I sensori aviotrasportati godono del vantaggio di risentire meno degli effetti di attenuazione atmosferica, ma richiedono la programmazione del volo necessario per raccogliere informazioni su una data scena di interesse e risultano perciò più costosi. La scelta del numero di bande e della risoluzione spaziale è un parametro di progetto legato al fatto che l energia riflessa dalla terra è ovviamente finita. Questa energia va quindi suddivisa spazialmente sui singoli pixel e spettralmente sulle singole bande. La scelta va fatta tenendo conto della presenza del rumore inevitabilmente presente nel sensore. Così, un incremento indiscriminato di tali risoluzioni rischia di confondere il livello del segnale con quello del rumore. I parametri fondamentali (e correlati tra loro) del processo di raccolta delle informazioni sono quindi: La risoluzione spaziale; La risoluzione spettrale; Il rapporto segnale-rumore (SNR). Si osservi che se la potenza del segnale decresce, per mantenere la stessa risoluzione radiometrica, la risoluzione spaziale peggiora secondo una legge quadratica, mentre quella spettrale con una legge lineare. Ciò spiega il rapido sviluppo che ha avuto l approccio di tipo spettrale, rispetto a quello di tipo puramente spaziale. Naturalmente con il progredire della tecnologia, l incremento delle risoluzioni ha portato non solo a un elevato numero di bande, e quindi a immagini iperspettrali, ma anche a risoluzioni spaziali molto spinte e quindi a immagini ad alta risoluzione Il sistema di acquisizione multispettrale Generalizzando quanto detto in precedenza si può affermare che il sistema di acquisizione multispettrale [2, 3], è composto dalle seguenti parti come illustrato nella figura 1.4: La sorgente di radiazione (il sole); Il percorso nell atmosfera; La scena di interesse della superficie terrestre;

20 CAPITOLO 1. SISTEMI DI TELERILEVAMENTO 10 Il sensore. Figura 1.4: Il sistema di acquisizione nel caso multispettrale. Le informazioni potenzialmente utili sono relative alle variazioni spettrali, temporali e spaziali del campo. Ogni oggetto a temperatura superiore allo zero assoluto irradia, infatti, energia elettromagnetica. Inoltre può assorbire, trasmettere o riflettere parte della radiazione originata da fonti esterne che incidono su di esso. Quando la radiazione è assorbita l energia è convertita in calore e reirradiata ad altre lunghezze d onda. In ogni caso resta naturalmente valida la legge di conservazione dell energia che può essere espressa in questo caso come: ρ + α + τ =1, dove ρ, α e τ sono i rapporti rispettivamente dell energia riflessa, assorbita e trasmessa, rispetto a quella incidente. Nel nostro caso la sorgente è il sole, e come mostrato in figura 1.5, l illuminazione solare è particolarmente intensa nella banda del visibile. Si noti

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie

Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie Il segnale radar viene riflesso, diffuso, assorbito e trasmesso (rifratto). La riflessione è originata da materiali con alta

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

Fisica quantistica. Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli. Christian Ferrari. Liceo di Locarno

Fisica quantistica. Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli. Christian Ferrari. Liceo di Locarno Fisica quantistica Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli Christian Ferrari Liceo di Locarno Sommario La polarizzazione della luce e del fotone Altri sistemi a due livelli L evoluzione

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Vedere ciò che non si vede

Vedere ciò che non si vede Vedere ciò che non si vede LA LUCE UV È INVISIBILE Tuttavia essa influenza l aspetto finale dei prodotti stampati. Pertanto è importante conoscere le condizioni di visualizzazione in cui sono destinati

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura.

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura. ONDE Quando suoniamo un campanello oppure accendiamo la radio, il suono è sentito in punti distanti. Il suono si trasmette attraverso l aria. Se siamo sulla spiaggia e una barca veloce passa ad una distanza

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

((e ita e itb )h(t)/it)dt. z k p(dz) + r n (t),

((e ita e itb )h(t)/it)dt. z k p(dz) + r n (t), SINTESI. Una classe importante di problemi probabilistici e statistici é quella della stima di caratteristiche relative ad un certo processo aleatorio. Esistono svariate tecniche di stima dei parametri

Dettagli

FASE O. FASCICOLO TEORICO

FASE O. FASCICOLO TEORICO FASE O. FASCICOLO TEORICO Prima parte O1. Le onde ONDE MECCANICHE Un'onda meccanica è la propagazione di una perturbazione in un mezzo (gassoso, liquido o solido). Per formare un'onda meccanica occorrono

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85 O 6 - GLI SPECCHI Quando un fascio di luce (radiazione ottica) incide sulla superficie di separazione fra due materiali diversi, possono avvenire tre cose, generalmente tutte e tre allo stesso tempo, in

Dettagli

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar:

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Doppio radar Doppia scala Controlli Radar 4G -Separazione - obiettivi -- Eliminazione

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Come creare un satellite metereologico?

Come creare un satellite metereologico? NATIONAL OCEANIC AND ATMOSPHERIC ADMINISTRATION U.S. DEPARTMENT OF COMMERCE Come creare un satellite metereologico? Libretto adattato dal lavoro originale di Ed Koenig Sono un metereologo. Devo poter vedere

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR Vittorio Casella, Marica Franzini - Università degli Studi di Pavia Giovanna

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

Fig. 2 - Spiegazione della rifrazione. Fig. 1 - La rifrazione

Fig. 2 - Spiegazione della rifrazione. Fig. 1 - La rifrazione O1 - LA RIFRAZIONE La luce, si sa, viaggia in linea retta. Detto così, sembra ovvio. Ma Prima di tutto, cos è la luce? In secondo luogo, come viaggia? In terzo luogo, proprio sempre in linea retta? Vediamo.

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

Leica ScanStation 2 Un nuovo livello di versatilità e velocità negli scanner laser

Leica ScanStation 2 Un nuovo livello di versatilità e velocità negli scanner laser Leica ScanStation 2 Un nuovo livello di versatilità e velocità negli scanner laser Leica scanstation 2 ha portato la scansione laser a un livello più alto, grazie a un incremento di 10 volte della velocità

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli