I SATELLITI ARTIFICIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I SATELLITI ARTIFICIALI"

Transcript

1 I SATELLITI ARTIFICIALI

2 INDICE 1 I SATELLITI ARTIFICIALI Che cosa sono i satelliti artificiali A che servono i satelliti artificiali L ARCHITETTURA DEI SATELLITI ARTIFICIALI Piattaforma e carico utile Che cosa comprende la piattaforma La stabilizzazione La stabilizzazione per spin La stabilizzazione a tre assi Il sottosistema struttura Il sottosistema di alimentazione I pannelli solari Le batterie La distribuzione dell energia elettrica a bordo Il sottosistema TT&C Il sottosistema di elaborazione dati Il sottosistema di controllo di assetto e orbita Il sottosistema di Controllo Termico

3 1 I SATELLITI ARTIFICIALI 1.1 Che cosa sono i satelliti artificiali Un satellite è un oggetto che percorre un orbita intorno ad un pianeta; si definisce satellite artificiale un oggetto immesso in orbita dall uomo. La Terra ha un satellite naturale, la Luna, e molti satelliti artificiali. Altri pianeti del nostro sistema solare hanno più di un satellite naturale: per esempio Marte ne ha due, Giove ne ha 63, di cui i quattro più grandi furono scoperti da Galileo Galilei nel 1610, Saturno ne ha almeno 60. A partire dal 4 ottobre 1957, quando fu lanciato il sovietico Sputnik, sono stati immessi in orbita molte migliaia di satelliti artificiali. Oggi gli oggetti artificiali in orbita intorno al nostro pianeta sono circa 8000: fra questi vi sono satelliti ormai spenti, ultimi stadi di razzi vettori, e molti frammenti di varia grandezza. I satelliti attualmente operativi sono oltre 500: il più grande di questi è la Stazione Spaziale Internazionale. Fig. 1 Una visione comparativa delle lune dei pianeti del Sistema Solare (fonte: NASA). 1.2 A che servono i satelliti artificiali Fin dal lancio dello Sputnik, gli ingegneri spaziali, gli scienziati e i militari si sono accorti che un satellite può svolgere una grande varietà di missioni: Satelliti scientifici: sono una famiglia che raccoglie oggetti molto diversi tra di loro, così come diverse sono le missioni scientifiche. Vi sono satelliti destinati all osservazione dello 3

4 spazio, come il telescopio spaziale Hubble, che potendo osservare l universo circostante senza il velo dell atmosfera, ha fornito agli astronomi migliaia di immagini entusiasmanti del sistema solare, e di stelle e galassie vicine e lontane. Vi sono satelliti destinati allo studio del campo magnetico terrestre, altri che analizzano i raggi X emessi dai buchi neri, altri che analizzano i raggi cosmici, e tanti altri. Fig. 2 Il satellite Hubble Space Telescope fotografato dallo Space Shuttle a 569 Km di altezza, con lo sfondo della Terra (fonte: NASA) I satelliti meteorologici operano da orbite geostazionarie o polari, a seconda della periodicità delle osservazioni richieste. L Europa utilizza prevalentemente i satelliti della famiglia Meteosat, in orbita geostazionaria. Le immagini fornite da Meteosat si possono vedere tutti i giorni anche in Televisione, quando vengono trasmesse le previsioni del tempo. 4

5 Fig. 3 Il satellite europeo MSG (Meteosat Seconda Generazione) con lo sfondo della Terra, ricostruzione pittorica (fonte: ESA). Fra i satelliti in orbita polare, vogliamo ricordare la costellazione dei NOAA, che trasmettono con continuità immagini nella banda VHF e nella banda S, e degli europei METOP. 5

6 Fig. 4 Immagine pittorica di un satellite METOP in orbita polare (fonte: ESA). Satelliti di telecomunicazioni: sono essenzialmente dei radio ripetitori che ricevono e ritrasmettono segnali telefonici e televisivi. Le trasmissioni avvengono in genere da un continente all altro, tramite satelliti collocati spesso in orbita geostazionaria a Kilometri di altezza. Esistono satelliti di telecomunicazioni per impiego civile e per uso militare. Il primo satellite di telecomunicazioni fu Telstar, lanciato dalla NASA nel 1962 per conto dei laboratori Bell americani e delle Poste inglesi e francesi. Da allora ne sono stati immessi in orbita parecchie centinaia. Fig. 5 Il satellite Telstar del 1962 (fonte: NASA) 6

7 Fig. 6 Immagine pittorica del satellite di telecomunicazioni geostazionario ARTEMIS dell ESA (fonte: ESA). Satelliti per l osservazione della Terra. Un satellite in orbita a circa 800 Km di altezza, dotato di sensori ottici e di speciali radar, di cui alcuni ad apertura sintetica, può tenere sotto osservazione la superficie terrestre e fornire dati sull andamento dell agricoltura, sullo stato delle foreste, sull inquinamento atmosferico e delle acque, sul movimento dei ghiacci polari. Questi satelliti forniscono enormi quantità di dati, la cui interpretazione, elaborazione e successiva distribuzione agli utenti interessati sotto forma di immagini richiede un grande lavoro svolto da ditte specializzate. Un esempio di satellite per l osservazione terrestre è Envisat, lanciato dall Agenzia Spaziale Europea nel marzo Envisat orbita a 790 Km di altezza, è dotato di 9 strumenti ottici e radar ed ha una massa di oltre 8 tonnellate. 7

8 Fig. 7 Immagine pittorica del satellite ENVISAT in orbita (fonte: ESA). Satelliti da ricognizione. Appartengono in genere alla famiglia dei satelliti per l osservazione terrestre, ma hanno scopi militari, e quindi le loro caratteristiche sono in genere riservate e non divulgate al pubblico. Vengono spesso, e giustamente, chiamati satelliti spia. Lo scopo di questi satelliti è di fornire ai comandi militari informazioni molto accurate su di un certo territorio e sulle attività soprattutto militari che vi si svolgono. Vengono raccolte quindi non solo informazioni sotto forma di immagini, fotografiche ad alta risoluzione e radar, ma anche dati sulle comunicazioni radio del territorio osservato. Vi sono anche satelliti di questo tipo per impiego misto, militare e di protezione civile, da parte del paese che li ha commissionati. Un esempio è il sistema italiano COSMO-Skymed, composto da una costellazione di quattro satelliti; i primi due sono stati lanciati nel 2007 dalla base americana di Vandenberg. 8

9 Fig. 8 Immagine pittorica del satellite italiano COSMO-SkyMed (fonte: ASI) Satelliti per la navigazione: trasmettono segnali radio che consentono a qualunque veicolo dotato di apposito ricevitore, che si muova sulla superficie terrestre, o nell aria o sul mare, di determinare con la precisione di pochi metri le coordinate della sua posizione, in latitudine, longitudine e altitudine. Il sistema oggi usato si basa sull americano GPS (Global Positioning System), che utilizza una costellazione di 24 satelliti operativi in orbita ellittica il cui apogeo è a circa Km di altezza. Nel 2012 diverrà operativo anche il sistema europeo Galileo. Fig. 9 Un satellite GPS (fonte: NASA). Per determinare la posizione si utilizzano i segnali radio emessi contemporaneamente da almeno 4 satelliti: il dispositivo che effettua questa funzione è chiamato navigatore 9

10 satellitare. I navigatori satellitari per uso civile si possono acquistare in tutti i negozi di elettronica ed elettrodomestici per poche centinaia di euro. 2 L ARCHITETTURA DEI SATELLITI ARTIFICIALI L architettura, cioè la forma di un satellite, l organizzazione e la disposizione dei sottosistemi e degli apparati che lo compongono, dipendono principalmente dal tipo di missione a cui è destinato, e dal sistema di stabilizzazione. E infatti indispensabile che un satellite mantenga i suoi sensori correttamente puntati verso gli oggetti da osservare, e le antenne ricetrasmittenti correttamente puntate, nonostante le perturbazioni causate dall ambiente spaziale. Un satellite deve essere quindi stabilizzato. La scelta della modalità di stabilizzazione ha una profonda influenza su tutta l architettura. Tuttavia, esistono alcune tipologie di satelliti, in particolare di dimensioni e massa ridotte, che sono privi di qualunque stabilizzazione: sono i cosiddetti satelliti tombolanti. 2.1 Piattaforma e carico utile Tutti gli apparati che servono ad un satellite per lo svolgimento di una specifica missione ne costituiscono il carico utile, in inglese Payload. Sono, per esempio, carico utile gli apparati per gli esperimenti di un satellite scientifico, o i radar e i sensori ottici di un satellite per l osservazione della Terra. Ma il carico utile, da solo, non può funzionare in orbita: occorre una piattaforma che lo ospiti, gli fornisca energia elettrica, lo mantenga alla giusta temperatura e orienti correttamente sensori ed antenne nello spazio. Il satellite deve essere telecomandabile da terra e le stazioni terrene devono essere costantemente informate sullo stato di funzionamento di tutto quello che c è a bordo. 2.2 Che cosa comprende la piattaforma La piattaforma, spesso chiamata Bus con termine inglese, poiché funziona da veicolo di trasporto per il passeggero formato dal carico utile, è composta a sua volta da vari sottosistemi: La struttura, che tiene insieme tutto il veicolo Il sottosistema di alimentazione, che fornisce energia elettrica a tutto il satellite Il sottosistema di telemetria, tracciamento e comando (TT&C - Telemetry, Tracking and Command) Il sottosistema di elaborazione dati di bordo (OBDH On Board Data Handling) Il sottosistema di controllo di assetto e orbita, che gestisce orientamento e posizione orbitale, e comprende dei dispositivi di propulsione Il sottosistema di controllo termico Prima di analizzare più in dettaglio la piattaforma, dobbiamo parlare della stabilizzazione. 10

11 2.3 La stabilizzazione Stabilizzare un satellite vuol dire mantenere costante, rispetto alla Terra, al Sole o ad altri corpi celesti a seconda della missione da svolgere, l orientamento di uno o di tutti e tre gli assi di riferimento del satellite. I metodi di stabilizzazione utilizzati sono due: stabilizzazione per rotazione, o spin stabilizzazione a tre assi (attiva e passiva) La stabilizzazione per spin Il metodo di stabilizzazione per spin si basa sul principio di funzionamento del giroscopio: un corpo (per esempio una ruota o un cilindro) in rotazione attorno al suo asse massimo di inerzia, tende a mantenere costante il suo momento angolare, e quindi la direzione del suo asse di rotazione, opponendosi alle perturbazioni esterne, come si vedrà in modo approfondito durante una delle esercitazioni di laboratorio. Su questo principio si basano due comunissimi mezzi di trasporto, la bicicletta e la motocicletta, che si mantengono in piedi solo se le due ruote girano. Le ruote di una bicicletta in movimento tendono a conservare il loro momento angolare e quindi a mantenere orizzontale e parallelo al terreno il loro asse di rotazione. Il momento angolare viene chiamato anche momento della quantità di moto. Il metodo di stabilizzazione per spin richiede che il satellite abbia un asse di simmetria. Il satellite cilindrico è il caso più comune, e di questo parleremo. Il satellite, al momento del rilascio in orbita, viene messo in rotazione intorno al suo asse di simmetria ad una velocità che può superare i 100 giri al minuto. Il momento della sua quantità di moto si opporrà a qualsiasi perturbazione che tenda a cambiare l orientamento dell asse di rotazione. Si deve dunque tenere presente che un satellite stabilizzato per spin può mantenere costante l orientamento nello spazio di uno solo dei suoi assi. La stabilizzazione per spin ha il vantaggio della semplicità, ma presenta almeno due gravi svantaggi: Se vi sono antenne o sensori che devono rimanere costantemente puntati, per esempio, verso la Terra, questi vanno montati su di una piattaforma controrotante, che cioè, pur avendo lo stesso asse di rotazione del satellite, ruoti rispetto ad esso ad una velocità angolare uguale a quella di spin, ma di segno opposto, e quindi dalla Terra appaia ferma. Le celle solari, che forniscono al satellite l energia elettrica di cui ha bisogno (ne parleremo a proposito del sottosistema di alimentazione), sono disposte sulla superficie laterale del cilindro. Una cella solare eroga in ogni istante una potenza che dipende dall angolo dei raggi solari incidenti: la potenza è massima quando l angolo vale 90 gradi rispetto alla superficie della cella ed è nulla quando l angolo vale zero. Inoltre, la potenza erogata dalla metà della superficie laterale del cilindro che è in ombra è nulla. Un semplice calcolo di geometria ci dimostra allora che un cilindro coperto di celle solari può fornire la stessa potenza massima di un rettangolo avente come altezza l altezza del cilindro e come base il suo diametro. Questo rettangolo ha un area di 3,14 volte minore di quella laterale del cilindro. Quindi, affinché un pannello solare cilindrico fornisca la stessa potenza elettrica di un pannello rettangolare orientato perpendicolarmente ai raggi del Sole, occorre un numero di celle solari 3,14 volte più grande. 11

12 Fig. 10 Un satellite stabilizzato per spin, Intelsat VI, viene preparato per il rilascio dalla stiva dello Space Shuttle Endeavour, dopo una riparazione in orbita (fonte: NASA) La stabilizzazione a tre assi Con questo tipo di stabilizzazione, sono tutti e tre gli assi ad essere stabilizzati, mantenendo costante il loro orientamento rispetto ad un sistema di riferimento. Il satellite può avere le forme più varie, dettate dalle esigenze della missione; le antenne possono essere mantenute sempre puntate, e i pannelli solari, generalmente rettangolari, possono rimanere sempre puntati verso il Sole. Il satellite può essere stabilizzato, per esempio, rispetto alla Terra, al Sole, o ad una stella, a seconda della missione che deve svolgere. La stabilizzazione viene affidata ad un complesso sottosistema di controllo di assetto di cui parleremo in seguito. Se il controllo di assetto si guasta, il satellite va fuori controllo ed in breve tempo, a causa delle perturbazioni dell ambiente spaziale, perde l orientamento necessario e diviene inutilizzabile. 12

13 Fig. 11 Un satellite stabilizzato a tre assi, Hubble Space Telescope (fonte: NASA) 2.4 Il sottosistema struttura Il sottosistema struttura garantisce l'integrità meccanica dell'intero satellite, sostenendo tutti i componenti del veicolo, durante tutte le fasi della missione. La struttura fornisce gli attacchi per il montaggio di tutti gli apparati, dei cavi di collegamento, delle antenne riceventi e trasmittenti, dei propulsori. Alcune parti della struttura, per esempio i pannelli che ospitano le celle solari, nei satelliti stabilizzati a tre assi sono collegate al corpo principale mediante giunti rotanti, in modo da permetterne l'orientamento ottimale rispetto al Sole, qualunque sia l'assetto del satellite. La struttura svolge anche altri compiti importanti: facilita lo scambio termico per conduzione fra gli apparati che vi sono montati contribuisce alla schermatura di componenti sensibili alle radiazioni Per limitare la massa del satellite, o del veicolo spaziale, la struttura deve conciliare i requisiti di robustezza meccanica e di leggerezza: a seconda della parte interessata si possono impiegare diverse tecnologie: leghe metalliche leggere, a base di alluminio, magnesio o titanio strutture composite a nido d'ape, formate da un sandwich di due sottili strati metallici o di fibra vetro-epossidica con un ripieno metallico sagomato a nido d'ape materiali compositi a base di fibra di carbonio. Tecnologie simili sono state sviluppate inizialmente per impiego aeronautico. 13

14 Fig. 12 Il satellite scientifico GOCE dell ESA, montato su di un sistema di prova e con la struttura parzialmente visibile (fonte: ESA) 2.5 Il sottosistema di alimentazione Tutti gli apparati di bordo richiedono energia elettrica per funzionare: il sottosistema di alimentazione si incarica di fornirla. Nello spazio vicino alla Terra è disponibile in abbondanza l energia irradiata dal Sole: basta raccoglierne a sufficienza tramite i pannelli di celle solari, dispositivi fotovoltaici che convertono la radiazione solare incidente in energia elettrica. Questo argomento verrà trattato in dettaglio in una delle esercitazioni di laboratorio. 14

15 La potenza elettrica utilizzata da un satellite può valere diversi kilowatt; la Stazione Spaziale Internazionale è dotata di pannelli solari che le forniscono circa 520 Kilowatt. Quando un satellite, percorrendo la sua orbita, si viene a trovare nell'ombra della Terra, i pannelli solari non forniscono più energia: occorre quindi un sistema di immagazzinamento dell energia, costituito da batterie ricaricabili. Le batterie sono mantenute cariche a cura dei pannelli solari, quando questi sono illuminati; nel periodo d'ombra (detto anche eclissi) saranno invece le batterie ad alimentare tutti gli apparati del satellite. Fig. 13 schema di massima del sottosistema di alimentazione (fonte: Rodolfo Gamberale) Fig. 14 Il satellite è illuminato dal Sole; i pannelli solari forniscono energia (fonte: Enrico Petritoli) 15

16 Fig. 15 Il satellite si trova nell ombra della Terra: l energia deve essere fornita dalle batterie (fonte: Enrico Petritoli) Vi sono però dei casi in cui non si possono utilizzare i pannelli solari: se il veicolo deve rientrare a terra, come nel caso dello Space Shuttle: eventuali panelli solari sarebbero incompatibili con l aerodinamica del veicolo. In questo caso si usano le celle a combustibile, dispositivi elettrochimici simili a batterie che utilizzano idrogeno, oppure alcool oppure idrocarburi, e ossigeno, per produrre elettricità se il veicolo è destinato allo spazio profondo, per esempio verso Giove, Saturno ed oltre: qui l energia solare giunge molto attenuata e l uso di celle solari non è pratico perché sarebbero necessari dei pannelli di dimensioni enormi. Per missioni di lunga durata si possono usare generatori nucleari a radio isotopi (per esempio plutonio): è il caso delle sonde spaziali americane Pioneer, Voyager e, più recentemente, Cassini. Nella descrizione che segue ci limiteremo ai sistemi di alimentazione che usano pannelli solari I pannelli solari I pannelli solari sono costituiti da una struttura di supporto su cui sono fissate centinaia o migliaia di celle solari, collegate elettricamente fra di loro in serie ed in parallelo. Una cella solare è un dispositivo semiconduttore capace di convertire in elettricità parte dell'energia solare che incide su di essa; il resto dell'energia incidente viene convertito in calore e deve essere dissipato nello spazio non solo per evitare che i pannelli solari si surriscaldino, ma anche perché il rendimento delle celle solari diminuisce al crescere della temperatura. Fig. 16 Una cella solare (fonte: wikipedia) 16

17 Si definisce rendimento di una cella il rapporto, espresso in percentuale, fra la potenza elettrica in uscita e la potenza solare incidente sulla superficie della cella. I materiali più usati per le celle solari di impiego spaziale sono: il silicio, lo stesso materiale usato per i transistor ed i circuiti integrati. Le celle solari di silicio hanno un rendimento pratico non superiore al 15 %, a 25 C di temperatura: questo significa che un panello solare di 1 metro quadrato può fornire una potenza massima di circa 200 Watt a 25 C, ad una distanza dal Sole di circa 150 milioni di Km l arseniuro di gallio, con cui si realizzano celle capaci di rendimenti fino al 29 %:, ma di costo nettamente maggiore rispetto alle celle di silicio. La maggioranza dei satelliti realizzati fino ad ora utilizza celle solari di silicio. Le dimensioni di una cella solare di silicio sono di pochi centimetri quadrati, e la tensione massima di uscita vale circa 0,7 Volt. Per questa ragione se ne devono collegare centinaia o addirittura migliaia in serie ed in parallelo per ottenere la tensione e la corrente necessarie. Il satellite più grande mai costruito, la Stazione Spaziale Internazionale, impiega 16 pannelli solari composti ognuno di celle solari di silicio. La superficie di ogni cella è di 8 cm quadrati ed ogni pannello fornisce una potenza massima di quasi 33 Kilowatt. Fig. 17 Il corredo dei pannelli solari della Stazione Spaziale Internazionale, fotografato dallo Shuttle Discovery, il cui equipaggio ne ha appena completato l installazione (fonte: NASA) 17

18 2.5.2 Le batterie Quando un satellite si trova nell ombra della Terra, l energia elettrica per i suoi apparati deve essere fornita dalle batterie ricaricabili. Quanto più bassa è l orbita di un satellite, tanto più lunghi e frequenti sono i periodi di eclissi. Le batterie di bordo devono essere il più leggere possibile e devono sopportare molti cicli di carica e scarica: per questo motivo oggi si preferisce la tecnologia a ioni di litio, la stessa utilizzata nelle batterie dei telefoni cellulari e di molte macchine fotografiche digitali. Una batteria a ioni di litio ha una energia per unità di peso che può raggiungere i 165 Wh/Kg. Il sottosistema di alimentazione comprende anche un regolatore di carica delle batterie, che mantiene la tensione e la corrente di carica, fornita dai pannelli solari, entro i valori corretti La distribuzione dell energia elettrica a bordo L energia prodotta dai pannelli solari e dalle batterie deve essere condizionata, gestita e distribuita a tutti gli apparati di bordo. Poiché le celle solari e le batterie forniscono una tensione continua, il cui valore non è adatto per tutti gli apparati, occorrono uno o più convertitori DC/DC, che non solo innalzano o abbassano il valore della tensione a seconda dell apparato da alimentare, ma isolano gli apparati sia fra di loro sia rispetto alle linee elettriche primarie, evitando interferenze reciproche. Non tutti gli apparati di bordo devono essere operativi per l intera durata della missione: alcuni devono essere accesi solo quando strettamente necessario, sia per risparmiare energia, sia per aumentarne la vita utile; altri, in particolare quelli ridondanti, debbono divenire operativi solo in caso di guasto dell unità gemella. Occorrono quindi degli interruttori, realizzati tramite relè meccanici o elettronici, e telecomandabili da terra o dal computer di bordo. Parleremo della ridondanza nel capitolo dedicato al sottosistema TT&C. 2.6 Il sottosistema TT&C Il sottosistema TT&C si chiama così dall acronimo dell inglese Telemetry, Tracking and Command che significa telemetria, tracciamento e telecomando. Il sistema TT&C deve svolgere tre compiti fondamentali: acquisire a bordo e trasmettere a terra i dati di telemetria, che forniscono informazioni vitali sullo stato di salute dei sistemi del satellite ricevere da terra, e ritrasmettere verso terra un segnale che permetta la precisa determinazione della posizione e della distanza del satellite: è la funzione di tracciamento. ricevere da terra e distribuire a bordo i telecomandi per la gestione e la configurazione del satellite: questa funzione è particolarmente importante se si rende necessaria una ripianificazione della missione durante il volo. Un tipico sistema TT&C comprende: una o più antenne: poiché il satellite può perdere l orientamento corretto se il controllo d assetto non funziona bene, è essenziale che il sistema di antenne non sia molto direttivo, in modo che si possano ricevere i comandi da terra anche in condizioni di orientamento non ottimale. 18

19 un diplexer, che serve a separare il segnale in ricezione da quello in trasmissione un trasponditore, cioè un apparato radio rice-trasmettitore che: o riceve e demodula il segnale radio di telecomando, per poi inviare i dati al sottosistema OBDH o riceve e ritrasmette a terra il segnale di tracciamento o trasmette a terra i dati telemetrici inviatigli dall OBDH. Fig. 18 Schema di principio del sottosistema TT&C La maggioranza dei satelliti oggi utilizzano per la ricezione e la trasmissione la banda S, con frequenze intorno a 2 GHz, che permette minime perdite di propagazione nel passaggio attraverso l atmosfera, e velocità di trasmissione dati fino a 1 Mbit/s. La durata della missione di un satellite può essere di 10 anni ed oltre: durante questo periodo è essenziale che nessun sottosistema vitale vada perduto a causa di un avaria. Uno dei sottosistemi più importanti è proprio il TT&C. Per ridurre al minimo le probabilità di guasto, le unità elettroniche non solo devono essere progettate in modo da essere tolleranti ai guasti, ma spesso sono almeno duplicate con una tecnica che si chiama ridondanza: se una va in avaria, interviene l unità gemella, automaticamente o in seguito a comando da terra. Fig. 19 Il concetto di ridondanza ottenuta mediante duplicazione (fonte:enrico Petritoli) 2.7 Il sottosistema di elaborazione dati Il sottosistema di elaborazione dati è un'altra parte vitale di ogni satellite o veicolo spaziale. Spesso viene chiamato OBDH acronimo dall inglese On Board Data Handling (elaborazione dei dati a bordo). 19

20 Fig. 20 Schema a blocchi del sottosistema OBDH (fonte: Rodolfo Gamberale) I compiti essenziali di un sistema OBDH, che impiega quasi sempre uno o più computer, sono: ricezione, e decodifica dei telecomandi dal TTC, includendo la correzione di eventuali errori (fig. 21) Fig. 21 OBDH, ricezione e decodifica dei telecomandi (fonte: Rodolfo Gamberale) distribuzione immediata di telecomandi agli apparati interessati (fig. 22) 20

21 Fig. 22 OBDH, distribuzione immediata e differita di telecomandi (fonte: Rodolfo Gamberale) distribuzione temporizzata di telecomandi da eseguire in tempo differito (fig. 22) misura ed acquisizione dei valori di grandezze fisiche relative agli apparati di bordo: tensioni, correnti, temperature, eccetera. Questa funzione spesso impiega delle unità periferiche di raccolta dati distribuite in tutto il satellite e collegate al centro fisico dell OBDH tramite un collegamento digitale (fig. 23) Fig. 23 OBDH, misura e acquisizione di grandezze fisiche a bordo (fonte: Rodolfo Gamberale) 21

22 memorizzazione temporanea di tutti i dati acquisiti a bordo, quando le stazioni terrene dedicate alla missione non sono in vista, per potere effettuare una trasmissione differita (fig. 24) Fig. 24 OBDH, memorizzazione temporanea di dati a bordo (fonte: Rodolfo Gamberale) codifica dei dati telemetrici da inviare al sottosistema TT&C (fig. 25) Fig. 25 OBDH, codifica dei dati telemetrici per l invio al sottosistema TT&C (fonte: Rodolfo Gamberale) distribuzione di segnali di tempo a tutti gli apparati interessati (fig. 26) 22

23 Fig. 26 OBDH, distribuzione di segnali di tempo agli apparati di bordo (fonte: Rodolfo Gamberale) Ma c è di più Il computer dell OBDH, se abbastanza potente, può anche svolgere altri compiti (fig. 27): elaborare i dati telemetrici raccolti a bordo, per aiutare gli operatori di terra a prendere eventuali decisioni elaborare i dati del controllo d assetto elaborare almeno in parte i dati del carico utile Fig. 27 OBDH, elaborazione dei dati a bordo (fonte: Rodolfo Gamberale) 23

24 Il computer dell OBDH è talvolta riprogrammabile da terra, tramite sequenze di telecomandi (fig. 28). Fig. 28 OBDH, riprogrammazione del computer di bordo (fonte: Rodolfo Gamberale) 2.8 Il sottosistema di controllo di assetto e orbita Il sottosistema di controllo di assetto e orbita viene in genere chiamato AOCS, acronimo dell inglese Attitude and Orbit Control System. In assenza del controllo orbitale, il sottosistema prende il nome di ACS, Attitude Control System. Come già detto in precedenza, la maggioranza dei satelliti deve mantenere un assetto prestabilito. Nei satelliti moderni l assetto è controllato a bordo da un sistema di controllo a ciclo chiuso, l ACS appunto, che rileva ciclicamente, tramite appositi sensori, l assetto del satellite e, se necessario, lo corregge tramite piccole coppie di rotazione generate da appositi attuatori. Le funzioni di base del controllo di assetto sono: acquisire i dati di assetto dai sensori appositi elaborare i dati dei sensori per valutare l assetto attuale calcolare l eventuale deviazione rispetto all assetto nominale calcolare la coppia di correzione da applicare per correggere la deviazione inviare agli attuatori i comandi opportuni, per ruotare il satellite fino a che non raggiunga l assetto voluto, e quindi arrestarne la rotazione. Il ciclo di un sistema ACS si ripete periodicamente, con una frequenza che tipicamente va da 2 fino a 10 volte al secondo. Il sottosistema ACS è composto da (fig. 29): sensori di diverso tipo, che possono essere: 24

25 o accelerometri, sensori di Sole, di Terra o di stelle, sensori di posizione tramite ricevitori GPS attuatori di diverso tipo, che possono essere o piccoli propulsori o ruote di inerzia, il cui funzionamento si basa sulla conservazione del momento della quantità di moto o generatori elettromagnetici di coppia (magnetotorquers), in pratica dei solenoidi, il cui campo magnetico interagisce con quello terrestre generando una coppia che corregge l assetto. Maggiori dettagli su questi due ultimi tipi di attuatori verranno forniti durante le esercitazioni di laboratorio. un computer, che esegue un complesso software di controllo un sistema di collegamento fra computer, attuatori e sensori. Se il computer dell OBDH è abbastanza potente, gli si possono affidare anche le funzioni di controllo dell ACS, evitando un computer dedicato. Se il satellite è dotato anche di un sistema di propulsione, se ne può controllare o modificare l orbita (AOCS). Fig. 29 Schema di principio di un sottosistema AOCS (fonte: Rodolfo Gamberale) Il controllo orbitale è necessario per compensare le perturbazioni dell ambiente spaziale e mantenere l orbita nominale, cioè quella programmata per la missione. Modifiche dell orbita possono essere attuate in conseguenza di nuove modalità operative. 25

26 2.9 Il sottosistema di Controllo Termico Il controllo termico è un insieme di accorgimenti e di dispositivi atti a mantenere tutte le parti di un satellite alla temperatura appropriata, non troppo alta per i componenti esposti al sole, non troppo bassa per quelli esposti al buio dello spazio. A questo scopo si possono usare dispositivi passivi, come coperture di speciali plastiche riflettenti (ad esempio Mylar), persiane regolabili simili alle veneziane, verniciature particolari, oppure dispositivi attivi, in genere resistenze elettriche, per riscaldare a comando determinati componenti. Una fase essenziale del progetto di un veicolo spaziale è la determinazione delle temperature di funzionamento dei vari apparati e sottosistemi come effetto: del calore fornito dal Sole, ed in misura minore dalla Terra, o da altri pianeti del riscaldamento dovuto alla dissipazione termica dei componenti elettrici ed elettronici dello scambio di calore fra le varie parti del satellite per conduzione attraverso la struttura e per reciproco irraggiamento dello smaltimento del calore dal satellite verso lo spazio profondo, mediante irraggiamento. 26

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Come creare un satellite metereologico?

Come creare un satellite metereologico? NATIONAL OCEANIC AND ATMOSPHERIC ADMINISTRATION U.S. DEPARTMENT OF COMMERCE Come creare un satellite metereologico? Libretto adattato dal lavoro originale di Ed Koenig Sono un metereologo. Devo poter vedere

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN)

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) SUPERCONDUTTIVITÀ A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) Il fenomeno della superconduttività è stato osservato per la prima volta nel 1911 dal fisico olandese Heike Kamerlingh Onnes dell'università de

Dettagli

I CIRCUITI ELETTRICI

I CIRCUITI ELETTRICI I CIRCUITI ELETTRICI Ogni dispositivo elettronico funziona grazie a dei circuiti elettrici. Le grandezze che descrivono un circuito elettrico sono: l intensità di corrente elettrica (i), cioè la carica

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi

La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi Alle sei di mattina del 7 agosto 1912 da un campo presso la città austriaca di Aussig si levò in volo un pallone che trasportava tre uomini, uno di

Dettagli

Gli orbitali: modello atomico probabilistico

Gli orbitali: modello atomico probabilistico 1 Approfondimento 2.1 Gli orbitali: modello atomico probabilistico Modello atomico planetario (o a gusci): gli elettroni ruotano intorno al nucleo percorrendo orbite prefissate. Il modello atomico planetario

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna Ma l Universo è costituito solo da materia luminosa? La forza di gravità Galileo

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

scienza come gioco lampadine bruciate

scienza come gioco lampadine bruciate IS science centre immaginario scientifico Laboratorio dell'immaginario Scientifico - Trieste tel. 040224424 - fax 040224439 - e-mail: lis@lis.trieste.it - www.immaginarioscientifico.it indice Accendiamo

Dettagli

Introduzione ai vari tipi di batterie

Introduzione ai vari tipi di batterie Introduzione ai vari tipi di batterie La batteria è uno degli elementi che caratterizza il veicolo elettrico, spesso è l anello debole della catena che ne limita le prestazioni. Essa ne determina il peso,

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

Un'analogia con il circuito idraulico

Un'analogia con il circuito idraulico Pompa Generatore di tensione (pila) Flusso d acqua PUNTI DI DOMANDA Differenza di potenziale Rubinetto Mulinello Lampadina Corrente elettrica 1. Che cos è l energia elettrica? E la corrente elettrica?

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 4. Cenni di topografia e GPS Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti 1. Definizione e scopi

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Stazionamento di una montatura equatoriale

Stazionamento di una montatura equatoriale Stazionamento di una montatura equatoriale Autore: Focosi Stefano Strumentazione: Celestron SCT C8 su Vixen SP (Super Polaris) Sistema di puntamento: Vixen SkySensor 2000 Sito osservativo: Loc. Molin Nuovo,

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

L ENERGIA DAGLI ELETTRONI. La struttura dell atomo

L ENERGIA DAGLI ELETTRONI. La struttura dell atomo L ENERGIA DAGLI ELETTRONI La struttura dell atomo Ogni materia è formata da particelle elementari dette atomi. Gli atomi sono formati da una parte centrale, il nucleo (composto da due tipi di particelle,

Dettagli

Cos è il fotovoltaico?

Cos è il fotovoltaico? Cos è il fotovoltaico? Il termine fotovoltaico si spiega (quasi) da solo: è composto dalla parola greca phos (=luce) e Volt (=unitá di misura della tensione elettrica). Si tratta dunque della trasformazione

Dettagli