I SATELLITI ARTIFICIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I SATELLITI ARTIFICIALI"

Transcript

1 I SATELLITI ARTIFICIALI

2 INDICE 1 I SATELLITI ARTIFICIALI Che cosa sono i satelliti artificiali A che servono i satelliti artificiali L ARCHITETTURA DEI SATELLITI ARTIFICIALI Piattaforma e carico utile Che cosa comprende la piattaforma La stabilizzazione La stabilizzazione per spin La stabilizzazione a tre assi Il sottosistema struttura Il sottosistema di alimentazione I pannelli solari Le batterie La distribuzione dell energia elettrica a bordo Il sottosistema TT&C Il sottosistema di elaborazione dati Il sottosistema di controllo di assetto e orbita Il sottosistema di Controllo Termico

3 1 I SATELLITI ARTIFICIALI 1.1 Che cosa sono i satelliti artificiali Un satellite è un oggetto che percorre un orbita intorno ad un pianeta; si definisce satellite artificiale un oggetto immesso in orbita dall uomo. La Terra ha un satellite naturale, la Luna, e molti satelliti artificiali. Altri pianeti del nostro sistema solare hanno più di un satellite naturale: per esempio Marte ne ha due, Giove ne ha 63, di cui i quattro più grandi furono scoperti da Galileo Galilei nel 1610, Saturno ne ha almeno 60. A partire dal 4 ottobre 1957, quando fu lanciato il sovietico Sputnik, sono stati immessi in orbita molte migliaia di satelliti artificiali. Oggi gli oggetti artificiali in orbita intorno al nostro pianeta sono circa 8000: fra questi vi sono satelliti ormai spenti, ultimi stadi di razzi vettori, e molti frammenti di varia grandezza. I satelliti attualmente operativi sono oltre 500: il più grande di questi è la Stazione Spaziale Internazionale. Fig. 1 Una visione comparativa delle lune dei pianeti del Sistema Solare (fonte: NASA). 1.2 A che servono i satelliti artificiali Fin dal lancio dello Sputnik, gli ingegneri spaziali, gli scienziati e i militari si sono accorti che un satellite può svolgere una grande varietà di missioni: Satelliti scientifici: sono una famiglia che raccoglie oggetti molto diversi tra di loro, così come diverse sono le missioni scientifiche. Vi sono satelliti destinati all osservazione dello 3

4 spazio, come il telescopio spaziale Hubble, che potendo osservare l universo circostante senza il velo dell atmosfera, ha fornito agli astronomi migliaia di immagini entusiasmanti del sistema solare, e di stelle e galassie vicine e lontane. Vi sono satelliti destinati allo studio del campo magnetico terrestre, altri che analizzano i raggi X emessi dai buchi neri, altri che analizzano i raggi cosmici, e tanti altri. Fig. 2 Il satellite Hubble Space Telescope fotografato dallo Space Shuttle a 569 Km di altezza, con lo sfondo della Terra (fonte: NASA) I satelliti meteorologici operano da orbite geostazionarie o polari, a seconda della periodicità delle osservazioni richieste. L Europa utilizza prevalentemente i satelliti della famiglia Meteosat, in orbita geostazionaria. Le immagini fornite da Meteosat si possono vedere tutti i giorni anche in Televisione, quando vengono trasmesse le previsioni del tempo. 4

5 Fig. 3 Il satellite europeo MSG (Meteosat Seconda Generazione) con lo sfondo della Terra, ricostruzione pittorica (fonte: ESA). Fra i satelliti in orbita polare, vogliamo ricordare la costellazione dei NOAA, che trasmettono con continuità immagini nella banda VHF e nella banda S, e degli europei METOP. 5

6 Fig. 4 Immagine pittorica di un satellite METOP in orbita polare (fonte: ESA). Satelliti di telecomunicazioni: sono essenzialmente dei radio ripetitori che ricevono e ritrasmettono segnali telefonici e televisivi. Le trasmissioni avvengono in genere da un continente all altro, tramite satelliti collocati spesso in orbita geostazionaria a Kilometri di altezza. Esistono satelliti di telecomunicazioni per impiego civile e per uso militare. Il primo satellite di telecomunicazioni fu Telstar, lanciato dalla NASA nel 1962 per conto dei laboratori Bell americani e delle Poste inglesi e francesi. Da allora ne sono stati immessi in orbita parecchie centinaia. Fig. 5 Il satellite Telstar del 1962 (fonte: NASA) 6

7 Fig. 6 Immagine pittorica del satellite di telecomunicazioni geostazionario ARTEMIS dell ESA (fonte: ESA). Satelliti per l osservazione della Terra. Un satellite in orbita a circa 800 Km di altezza, dotato di sensori ottici e di speciali radar, di cui alcuni ad apertura sintetica, può tenere sotto osservazione la superficie terrestre e fornire dati sull andamento dell agricoltura, sullo stato delle foreste, sull inquinamento atmosferico e delle acque, sul movimento dei ghiacci polari. Questi satelliti forniscono enormi quantità di dati, la cui interpretazione, elaborazione e successiva distribuzione agli utenti interessati sotto forma di immagini richiede un grande lavoro svolto da ditte specializzate. Un esempio di satellite per l osservazione terrestre è Envisat, lanciato dall Agenzia Spaziale Europea nel marzo Envisat orbita a 790 Km di altezza, è dotato di 9 strumenti ottici e radar ed ha una massa di oltre 8 tonnellate. 7

8 Fig. 7 Immagine pittorica del satellite ENVISAT in orbita (fonte: ESA). Satelliti da ricognizione. Appartengono in genere alla famiglia dei satelliti per l osservazione terrestre, ma hanno scopi militari, e quindi le loro caratteristiche sono in genere riservate e non divulgate al pubblico. Vengono spesso, e giustamente, chiamati satelliti spia. Lo scopo di questi satelliti è di fornire ai comandi militari informazioni molto accurate su di un certo territorio e sulle attività soprattutto militari che vi si svolgono. Vengono raccolte quindi non solo informazioni sotto forma di immagini, fotografiche ad alta risoluzione e radar, ma anche dati sulle comunicazioni radio del territorio osservato. Vi sono anche satelliti di questo tipo per impiego misto, militare e di protezione civile, da parte del paese che li ha commissionati. Un esempio è il sistema italiano COSMO-Skymed, composto da una costellazione di quattro satelliti; i primi due sono stati lanciati nel 2007 dalla base americana di Vandenberg. 8

9 Fig. 8 Immagine pittorica del satellite italiano COSMO-SkyMed (fonte: ASI) Satelliti per la navigazione: trasmettono segnali radio che consentono a qualunque veicolo dotato di apposito ricevitore, che si muova sulla superficie terrestre, o nell aria o sul mare, di determinare con la precisione di pochi metri le coordinate della sua posizione, in latitudine, longitudine e altitudine. Il sistema oggi usato si basa sull americano GPS (Global Positioning System), che utilizza una costellazione di 24 satelliti operativi in orbita ellittica il cui apogeo è a circa Km di altezza. Nel 2012 diverrà operativo anche il sistema europeo Galileo. Fig. 9 Un satellite GPS (fonte: NASA). Per determinare la posizione si utilizzano i segnali radio emessi contemporaneamente da almeno 4 satelliti: il dispositivo che effettua questa funzione è chiamato navigatore 9

10 satellitare. I navigatori satellitari per uso civile si possono acquistare in tutti i negozi di elettronica ed elettrodomestici per poche centinaia di euro. 2 L ARCHITETTURA DEI SATELLITI ARTIFICIALI L architettura, cioè la forma di un satellite, l organizzazione e la disposizione dei sottosistemi e degli apparati che lo compongono, dipendono principalmente dal tipo di missione a cui è destinato, e dal sistema di stabilizzazione. E infatti indispensabile che un satellite mantenga i suoi sensori correttamente puntati verso gli oggetti da osservare, e le antenne ricetrasmittenti correttamente puntate, nonostante le perturbazioni causate dall ambiente spaziale. Un satellite deve essere quindi stabilizzato. La scelta della modalità di stabilizzazione ha una profonda influenza su tutta l architettura. Tuttavia, esistono alcune tipologie di satelliti, in particolare di dimensioni e massa ridotte, che sono privi di qualunque stabilizzazione: sono i cosiddetti satelliti tombolanti. 2.1 Piattaforma e carico utile Tutti gli apparati che servono ad un satellite per lo svolgimento di una specifica missione ne costituiscono il carico utile, in inglese Payload. Sono, per esempio, carico utile gli apparati per gli esperimenti di un satellite scientifico, o i radar e i sensori ottici di un satellite per l osservazione della Terra. Ma il carico utile, da solo, non può funzionare in orbita: occorre una piattaforma che lo ospiti, gli fornisca energia elettrica, lo mantenga alla giusta temperatura e orienti correttamente sensori ed antenne nello spazio. Il satellite deve essere telecomandabile da terra e le stazioni terrene devono essere costantemente informate sullo stato di funzionamento di tutto quello che c è a bordo. 2.2 Che cosa comprende la piattaforma La piattaforma, spesso chiamata Bus con termine inglese, poiché funziona da veicolo di trasporto per il passeggero formato dal carico utile, è composta a sua volta da vari sottosistemi: La struttura, che tiene insieme tutto il veicolo Il sottosistema di alimentazione, che fornisce energia elettrica a tutto il satellite Il sottosistema di telemetria, tracciamento e comando (TT&C - Telemetry, Tracking and Command) Il sottosistema di elaborazione dati di bordo (OBDH On Board Data Handling) Il sottosistema di controllo di assetto e orbita, che gestisce orientamento e posizione orbitale, e comprende dei dispositivi di propulsione Il sottosistema di controllo termico Prima di analizzare più in dettaglio la piattaforma, dobbiamo parlare della stabilizzazione. 10

11 2.3 La stabilizzazione Stabilizzare un satellite vuol dire mantenere costante, rispetto alla Terra, al Sole o ad altri corpi celesti a seconda della missione da svolgere, l orientamento di uno o di tutti e tre gli assi di riferimento del satellite. I metodi di stabilizzazione utilizzati sono due: stabilizzazione per rotazione, o spin stabilizzazione a tre assi (attiva e passiva) La stabilizzazione per spin Il metodo di stabilizzazione per spin si basa sul principio di funzionamento del giroscopio: un corpo (per esempio una ruota o un cilindro) in rotazione attorno al suo asse massimo di inerzia, tende a mantenere costante il suo momento angolare, e quindi la direzione del suo asse di rotazione, opponendosi alle perturbazioni esterne, come si vedrà in modo approfondito durante una delle esercitazioni di laboratorio. Su questo principio si basano due comunissimi mezzi di trasporto, la bicicletta e la motocicletta, che si mantengono in piedi solo se le due ruote girano. Le ruote di una bicicletta in movimento tendono a conservare il loro momento angolare e quindi a mantenere orizzontale e parallelo al terreno il loro asse di rotazione. Il momento angolare viene chiamato anche momento della quantità di moto. Il metodo di stabilizzazione per spin richiede che il satellite abbia un asse di simmetria. Il satellite cilindrico è il caso più comune, e di questo parleremo. Il satellite, al momento del rilascio in orbita, viene messo in rotazione intorno al suo asse di simmetria ad una velocità che può superare i 100 giri al minuto. Il momento della sua quantità di moto si opporrà a qualsiasi perturbazione che tenda a cambiare l orientamento dell asse di rotazione. Si deve dunque tenere presente che un satellite stabilizzato per spin può mantenere costante l orientamento nello spazio di uno solo dei suoi assi. La stabilizzazione per spin ha il vantaggio della semplicità, ma presenta almeno due gravi svantaggi: Se vi sono antenne o sensori che devono rimanere costantemente puntati, per esempio, verso la Terra, questi vanno montati su di una piattaforma controrotante, che cioè, pur avendo lo stesso asse di rotazione del satellite, ruoti rispetto ad esso ad una velocità angolare uguale a quella di spin, ma di segno opposto, e quindi dalla Terra appaia ferma. Le celle solari, che forniscono al satellite l energia elettrica di cui ha bisogno (ne parleremo a proposito del sottosistema di alimentazione), sono disposte sulla superficie laterale del cilindro. Una cella solare eroga in ogni istante una potenza che dipende dall angolo dei raggi solari incidenti: la potenza è massima quando l angolo vale 90 gradi rispetto alla superficie della cella ed è nulla quando l angolo vale zero. Inoltre, la potenza erogata dalla metà della superficie laterale del cilindro che è in ombra è nulla. Un semplice calcolo di geometria ci dimostra allora che un cilindro coperto di celle solari può fornire la stessa potenza massima di un rettangolo avente come altezza l altezza del cilindro e come base il suo diametro. Questo rettangolo ha un area di 3,14 volte minore di quella laterale del cilindro. Quindi, affinché un pannello solare cilindrico fornisca la stessa potenza elettrica di un pannello rettangolare orientato perpendicolarmente ai raggi del Sole, occorre un numero di celle solari 3,14 volte più grande. 11

12 Fig. 10 Un satellite stabilizzato per spin, Intelsat VI, viene preparato per il rilascio dalla stiva dello Space Shuttle Endeavour, dopo una riparazione in orbita (fonte: NASA) La stabilizzazione a tre assi Con questo tipo di stabilizzazione, sono tutti e tre gli assi ad essere stabilizzati, mantenendo costante il loro orientamento rispetto ad un sistema di riferimento. Il satellite può avere le forme più varie, dettate dalle esigenze della missione; le antenne possono essere mantenute sempre puntate, e i pannelli solari, generalmente rettangolari, possono rimanere sempre puntati verso il Sole. Il satellite può essere stabilizzato, per esempio, rispetto alla Terra, al Sole, o ad una stella, a seconda della missione che deve svolgere. La stabilizzazione viene affidata ad un complesso sottosistema di controllo di assetto di cui parleremo in seguito. Se il controllo di assetto si guasta, il satellite va fuori controllo ed in breve tempo, a causa delle perturbazioni dell ambiente spaziale, perde l orientamento necessario e diviene inutilizzabile. 12

13 Fig. 11 Un satellite stabilizzato a tre assi, Hubble Space Telescope (fonte: NASA) 2.4 Il sottosistema struttura Il sottosistema struttura garantisce l'integrità meccanica dell'intero satellite, sostenendo tutti i componenti del veicolo, durante tutte le fasi della missione. La struttura fornisce gli attacchi per il montaggio di tutti gli apparati, dei cavi di collegamento, delle antenne riceventi e trasmittenti, dei propulsori. Alcune parti della struttura, per esempio i pannelli che ospitano le celle solari, nei satelliti stabilizzati a tre assi sono collegate al corpo principale mediante giunti rotanti, in modo da permetterne l'orientamento ottimale rispetto al Sole, qualunque sia l'assetto del satellite. La struttura svolge anche altri compiti importanti: facilita lo scambio termico per conduzione fra gli apparati che vi sono montati contribuisce alla schermatura di componenti sensibili alle radiazioni Per limitare la massa del satellite, o del veicolo spaziale, la struttura deve conciliare i requisiti di robustezza meccanica e di leggerezza: a seconda della parte interessata si possono impiegare diverse tecnologie: leghe metalliche leggere, a base di alluminio, magnesio o titanio strutture composite a nido d'ape, formate da un sandwich di due sottili strati metallici o di fibra vetro-epossidica con un ripieno metallico sagomato a nido d'ape materiali compositi a base di fibra di carbonio. Tecnologie simili sono state sviluppate inizialmente per impiego aeronautico. 13

14 Fig. 12 Il satellite scientifico GOCE dell ESA, montato su di un sistema di prova e con la struttura parzialmente visibile (fonte: ESA) 2.5 Il sottosistema di alimentazione Tutti gli apparati di bordo richiedono energia elettrica per funzionare: il sottosistema di alimentazione si incarica di fornirla. Nello spazio vicino alla Terra è disponibile in abbondanza l energia irradiata dal Sole: basta raccoglierne a sufficienza tramite i pannelli di celle solari, dispositivi fotovoltaici che convertono la radiazione solare incidente in energia elettrica. Questo argomento verrà trattato in dettaglio in una delle esercitazioni di laboratorio. 14

15 La potenza elettrica utilizzata da un satellite può valere diversi kilowatt; la Stazione Spaziale Internazionale è dotata di pannelli solari che le forniscono circa 520 Kilowatt. Quando un satellite, percorrendo la sua orbita, si viene a trovare nell'ombra della Terra, i pannelli solari non forniscono più energia: occorre quindi un sistema di immagazzinamento dell energia, costituito da batterie ricaricabili. Le batterie sono mantenute cariche a cura dei pannelli solari, quando questi sono illuminati; nel periodo d'ombra (detto anche eclissi) saranno invece le batterie ad alimentare tutti gli apparati del satellite. Fig. 13 schema di massima del sottosistema di alimentazione (fonte: Rodolfo Gamberale) Fig. 14 Il satellite è illuminato dal Sole; i pannelli solari forniscono energia (fonte: Enrico Petritoli) 15

16 Fig. 15 Il satellite si trova nell ombra della Terra: l energia deve essere fornita dalle batterie (fonte: Enrico Petritoli) Vi sono però dei casi in cui non si possono utilizzare i pannelli solari: se il veicolo deve rientrare a terra, come nel caso dello Space Shuttle: eventuali panelli solari sarebbero incompatibili con l aerodinamica del veicolo. In questo caso si usano le celle a combustibile, dispositivi elettrochimici simili a batterie che utilizzano idrogeno, oppure alcool oppure idrocarburi, e ossigeno, per produrre elettricità se il veicolo è destinato allo spazio profondo, per esempio verso Giove, Saturno ed oltre: qui l energia solare giunge molto attenuata e l uso di celle solari non è pratico perché sarebbero necessari dei pannelli di dimensioni enormi. Per missioni di lunga durata si possono usare generatori nucleari a radio isotopi (per esempio plutonio): è il caso delle sonde spaziali americane Pioneer, Voyager e, più recentemente, Cassini. Nella descrizione che segue ci limiteremo ai sistemi di alimentazione che usano pannelli solari I pannelli solari I pannelli solari sono costituiti da una struttura di supporto su cui sono fissate centinaia o migliaia di celle solari, collegate elettricamente fra di loro in serie ed in parallelo. Una cella solare è un dispositivo semiconduttore capace di convertire in elettricità parte dell'energia solare che incide su di essa; il resto dell'energia incidente viene convertito in calore e deve essere dissipato nello spazio non solo per evitare che i pannelli solari si surriscaldino, ma anche perché il rendimento delle celle solari diminuisce al crescere della temperatura. Fig. 16 Una cella solare (fonte: wikipedia) 16

17 Si definisce rendimento di una cella il rapporto, espresso in percentuale, fra la potenza elettrica in uscita e la potenza solare incidente sulla superficie della cella. I materiali più usati per le celle solari di impiego spaziale sono: il silicio, lo stesso materiale usato per i transistor ed i circuiti integrati. Le celle solari di silicio hanno un rendimento pratico non superiore al 15 %, a 25 C di temperatura: questo significa che un panello solare di 1 metro quadrato può fornire una potenza massima di circa 200 Watt a 25 C, ad una distanza dal Sole di circa 150 milioni di Km l arseniuro di gallio, con cui si realizzano celle capaci di rendimenti fino al 29 %:, ma di costo nettamente maggiore rispetto alle celle di silicio. La maggioranza dei satelliti realizzati fino ad ora utilizza celle solari di silicio. Le dimensioni di una cella solare di silicio sono di pochi centimetri quadrati, e la tensione massima di uscita vale circa 0,7 Volt. Per questa ragione se ne devono collegare centinaia o addirittura migliaia in serie ed in parallelo per ottenere la tensione e la corrente necessarie. Il satellite più grande mai costruito, la Stazione Spaziale Internazionale, impiega 16 pannelli solari composti ognuno di celle solari di silicio. La superficie di ogni cella è di 8 cm quadrati ed ogni pannello fornisce una potenza massima di quasi 33 Kilowatt. Fig. 17 Il corredo dei pannelli solari della Stazione Spaziale Internazionale, fotografato dallo Shuttle Discovery, il cui equipaggio ne ha appena completato l installazione (fonte: NASA) 17

18 2.5.2 Le batterie Quando un satellite si trova nell ombra della Terra, l energia elettrica per i suoi apparati deve essere fornita dalle batterie ricaricabili. Quanto più bassa è l orbita di un satellite, tanto più lunghi e frequenti sono i periodi di eclissi. Le batterie di bordo devono essere il più leggere possibile e devono sopportare molti cicli di carica e scarica: per questo motivo oggi si preferisce la tecnologia a ioni di litio, la stessa utilizzata nelle batterie dei telefoni cellulari e di molte macchine fotografiche digitali. Una batteria a ioni di litio ha una energia per unità di peso che può raggiungere i 165 Wh/Kg. Il sottosistema di alimentazione comprende anche un regolatore di carica delle batterie, che mantiene la tensione e la corrente di carica, fornita dai pannelli solari, entro i valori corretti La distribuzione dell energia elettrica a bordo L energia prodotta dai pannelli solari e dalle batterie deve essere condizionata, gestita e distribuita a tutti gli apparati di bordo. Poiché le celle solari e le batterie forniscono una tensione continua, il cui valore non è adatto per tutti gli apparati, occorrono uno o più convertitori DC/DC, che non solo innalzano o abbassano il valore della tensione a seconda dell apparato da alimentare, ma isolano gli apparati sia fra di loro sia rispetto alle linee elettriche primarie, evitando interferenze reciproche. Non tutti gli apparati di bordo devono essere operativi per l intera durata della missione: alcuni devono essere accesi solo quando strettamente necessario, sia per risparmiare energia, sia per aumentarne la vita utile; altri, in particolare quelli ridondanti, debbono divenire operativi solo in caso di guasto dell unità gemella. Occorrono quindi degli interruttori, realizzati tramite relè meccanici o elettronici, e telecomandabili da terra o dal computer di bordo. Parleremo della ridondanza nel capitolo dedicato al sottosistema TT&C. 2.6 Il sottosistema TT&C Il sottosistema TT&C si chiama così dall acronimo dell inglese Telemetry, Tracking and Command che significa telemetria, tracciamento e telecomando. Il sistema TT&C deve svolgere tre compiti fondamentali: acquisire a bordo e trasmettere a terra i dati di telemetria, che forniscono informazioni vitali sullo stato di salute dei sistemi del satellite ricevere da terra, e ritrasmettere verso terra un segnale che permetta la precisa determinazione della posizione e della distanza del satellite: è la funzione di tracciamento. ricevere da terra e distribuire a bordo i telecomandi per la gestione e la configurazione del satellite: questa funzione è particolarmente importante se si rende necessaria una ripianificazione della missione durante il volo. Un tipico sistema TT&C comprende: una o più antenne: poiché il satellite può perdere l orientamento corretto se il controllo d assetto non funziona bene, è essenziale che il sistema di antenne non sia molto direttivo, in modo che si possano ricevere i comandi da terra anche in condizioni di orientamento non ottimale. 18

19 un diplexer, che serve a separare il segnale in ricezione da quello in trasmissione un trasponditore, cioè un apparato radio rice-trasmettitore che: o riceve e demodula il segnale radio di telecomando, per poi inviare i dati al sottosistema OBDH o riceve e ritrasmette a terra il segnale di tracciamento o trasmette a terra i dati telemetrici inviatigli dall OBDH. Fig. 18 Schema di principio del sottosistema TT&C La maggioranza dei satelliti oggi utilizzano per la ricezione e la trasmissione la banda S, con frequenze intorno a 2 GHz, che permette minime perdite di propagazione nel passaggio attraverso l atmosfera, e velocità di trasmissione dati fino a 1 Mbit/s. La durata della missione di un satellite può essere di 10 anni ed oltre: durante questo periodo è essenziale che nessun sottosistema vitale vada perduto a causa di un avaria. Uno dei sottosistemi più importanti è proprio il TT&C. Per ridurre al minimo le probabilità di guasto, le unità elettroniche non solo devono essere progettate in modo da essere tolleranti ai guasti, ma spesso sono almeno duplicate con una tecnica che si chiama ridondanza: se una va in avaria, interviene l unità gemella, automaticamente o in seguito a comando da terra. Fig. 19 Il concetto di ridondanza ottenuta mediante duplicazione (fonte:enrico Petritoli) 2.7 Il sottosistema di elaborazione dati Il sottosistema di elaborazione dati è un'altra parte vitale di ogni satellite o veicolo spaziale. Spesso viene chiamato OBDH acronimo dall inglese On Board Data Handling (elaborazione dei dati a bordo). 19

20 Fig. 20 Schema a blocchi del sottosistema OBDH (fonte: Rodolfo Gamberale) I compiti essenziali di un sistema OBDH, che impiega quasi sempre uno o più computer, sono: ricezione, e decodifica dei telecomandi dal TTC, includendo la correzione di eventuali errori (fig. 21) Fig. 21 OBDH, ricezione e decodifica dei telecomandi (fonte: Rodolfo Gamberale) distribuzione immediata di telecomandi agli apparati interessati (fig. 22) 20

21 Fig. 22 OBDH, distribuzione immediata e differita di telecomandi (fonte: Rodolfo Gamberale) distribuzione temporizzata di telecomandi da eseguire in tempo differito (fig. 22) misura ed acquisizione dei valori di grandezze fisiche relative agli apparati di bordo: tensioni, correnti, temperature, eccetera. Questa funzione spesso impiega delle unità periferiche di raccolta dati distribuite in tutto il satellite e collegate al centro fisico dell OBDH tramite un collegamento digitale (fig. 23) Fig. 23 OBDH, misura e acquisizione di grandezze fisiche a bordo (fonte: Rodolfo Gamberale) 21

22 memorizzazione temporanea di tutti i dati acquisiti a bordo, quando le stazioni terrene dedicate alla missione non sono in vista, per potere effettuare una trasmissione differita (fig. 24) Fig. 24 OBDH, memorizzazione temporanea di dati a bordo (fonte: Rodolfo Gamberale) codifica dei dati telemetrici da inviare al sottosistema TT&C (fig. 25) Fig. 25 OBDH, codifica dei dati telemetrici per l invio al sottosistema TT&C (fonte: Rodolfo Gamberale) distribuzione di segnali di tempo a tutti gli apparati interessati (fig. 26) 22

23 Fig. 26 OBDH, distribuzione di segnali di tempo agli apparati di bordo (fonte: Rodolfo Gamberale) Ma c è di più Il computer dell OBDH, se abbastanza potente, può anche svolgere altri compiti (fig. 27): elaborare i dati telemetrici raccolti a bordo, per aiutare gli operatori di terra a prendere eventuali decisioni elaborare i dati del controllo d assetto elaborare almeno in parte i dati del carico utile Fig. 27 OBDH, elaborazione dei dati a bordo (fonte: Rodolfo Gamberale) 23

24 Il computer dell OBDH è talvolta riprogrammabile da terra, tramite sequenze di telecomandi (fig. 28). Fig. 28 OBDH, riprogrammazione del computer di bordo (fonte: Rodolfo Gamberale) 2.8 Il sottosistema di controllo di assetto e orbita Il sottosistema di controllo di assetto e orbita viene in genere chiamato AOCS, acronimo dell inglese Attitude and Orbit Control System. In assenza del controllo orbitale, il sottosistema prende il nome di ACS, Attitude Control System. Come già detto in precedenza, la maggioranza dei satelliti deve mantenere un assetto prestabilito. Nei satelliti moderni l assetto è controllato a bordo da un sistema di controllo a ciclo chiuso, l ACS appunto, che rileva ciclicamente, tramite appositi sensori, l assetto del satellite e, se necessario, lo corregge tramite piccole coppie di rotazione generate da appositi attuatori. Le funzioni di base del controllo di assetto sono: acquisire i dati di assetto dai sensori appositi elaborare i dati dei sensori per valutare l assetto attuale calcolare l eventuale deviazione rispetto all assetto nominale calcolare la coppia di correzione da applicare per correggere la deviazione inviare agli attuatori i comandi opportuni, per ruotare il satellite fino a che non raggiunga l assetto voluto, e quindi arrestarne la rotazione. Il ciclo di un sistema ACS si ripete periodicamente, con una frequenza che tipicamente va da 2 fino a 10 volte al secondo. Il sottosistema ACS è composto da (fig. 29): sensori di diverso tipo, che possono essere: 24

25 o accelerometri, sensori di Sole, di Terra o di stelle, sensori di posizione tramite ricevitori GPS attuatori di diverso tipo, che possono essere o piccoli propulsori o ruote di inerzia, il cui funzionamento si basa sulla conservazione del momento della quantità di moto o generatori elettromagnetici di coppia (magnetotorquers), in pratica dei solenoidi, il cui campo magnetico interagisce con quello terrestre generando una coppia che corregge l assetto. Maggiori dettagli su questi due ultimi tipi di attuatori verranno forniti durante le esercitazioni di laboratorio. un computer, che esegue un complesso software di controllo un sistema di collegamento fra computer, attuatori e sensori. Se il computer dell OBDH è abbastanza potente, gli si possono affidare anche le funzioni di controllo dell ACS, evitando un computer dedicato. Se il satellite è dotato anche di un sistema di propulsione, se ne può controllare o modificare l orbita (AOCS). Fig. 29 Schema di principio di un sottosistema AOCS (fonte: Rodolfo Gamberale) Il controllo orbitale è necessario per compensare le perturbazioni dell ambiente spaziale e mantenere l orbita nominale, cioè quella programmata per la missione. Modifiche dell orbita possono essere attuate in conseguenza di nuove modalità operative. 25

26 2.9 Il sottosistema di Controllo Termico Il controllo termico è un insieme di accorgimenti e di dispositivi atti a mantenere tutte le parti di un satellite alla temperatura appropriata, non troppo alta per i componenti esposti al sole, non troppo bassa per quelli esposti al buio dello spazio. A questo scopo si possono usare dispositivi passivi, come coperture di speciali plastiche riflettenti (ad esempio Mylar), persiane regolabili simili alle veneziane, verniciature particolari, oppure dispositivi attivi, in genere resistenze elettriche, per riscaldare a comando determinati componenti. Una fase essenziale del progetto di un veicolo spaziale è la determinazione delle temperature di funzionamento dei vari apparati e sottosistemi come effetto: del calore fornito dal Sole, ed in misura minore dalla Terra, o da altri pianeti del riscaldamento dovuto alla dissipazione termica dei componenti elettrici ed elettronici dello scambio di calore fra le varie parti del satellite per conduzione attraverso la struttura e per reciproco irraggiamento dello smaltimento del calore dal satellite verso lo spazio profondo, mediante irraggiamento. 26

-Progetto EDUSAT- MANUALE D USO DEL SOFTWARE PER IL RILEVAMENTO DATI TRA LA STAZIONE DI TERRA E IL DTS. I.I.S.S. G.MARCONI - piazza Poerio 2 - BARI

-Progetto EDUSAT- MANUALE D USO DEL SOFTWARE PER IL RILEVAMENTO DATI TRA LA STAZIONE DI TERRA E IL DTS. I.I.S.S. G.MARCONI - piazza Poerio 2 - BARI I.I.S.S. G.MARCONI - piazza Poerio 2 - BARI -Progetto EDUSAT- MANUALE D USO DEL SOFTWARE PER IL RILEVAMENTO DATI TRA LA STAZIONE DI TERRA E IL DTS Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO CONTROLLO TERMICO Equilibrio termico 2 Al di fuori dell atmosfera la temperatura esterna non ha praticamente significato Scambi termici solo

Dettagli

Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA. Juri Gherrdi - IZ4OSG - AMSAT - Università Tor Vergata

Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA. Juri Gherrdi - IZ4OSG - AMSAT - Università Tor Vergata Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA NOAAA (National Oceanic and Atmospheric Administrator L ente statunitense civile per la meteorologia e l oceanografia Definizione satellite meteorologico Un satellite

Dettagli

ExoMars è la prima missione del programma di esplorazione Aurora dell ESA, portato

ExoMars è la prima missione del programma di esplorazione Aurora dell ESA, portato EXOMARS: la missione su Marte ExoMars è la prima missione del programma di esplorazione Aurora dell ESA, portato avanti in collaborazione con la NASA. La missione è volta a dimostrare fattibilità di alcune

Dettagli

I.I.S.S. G. MARCONI piazza Poerio 2 - BARI. PRPGETTO EduSAT. Missioni e carichi utili per i satelliti artificiali: Il Payload.

I.I.S.S. G. MARCONI piazza Poerio 2 - BARI. PRPGETTO EduSAT. Missioni e carichi utili per i satelliti artificiali: Il Payload. I.I.S.S. G. MARCONI piazza Poerio 2 - BARI PRPGETTO EduSAT Missioni e carichi utili per i satelliti artificiali: Il Payload Seconda Parte 1 I SATELLITI METEOROLOGICI L applicazione meteorologica è un particolare

Dettagli

FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE

FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE Il Sole Sfera di gas riscaldato da reazioni di fusione termonucleare che, come tutti i corpi caldi emette una radiazione elettromagnetica o solare. L energia solare è

Dettagli

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Via Positano 21, 70014 Conversano (BA) Tel.080 2141618 Fax 080 4952302 WWW.ENERGENIA.NET www.energenia.net 1 EDUCARSI

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici 1. Principio di funzionamento degli impianti fotovoltaici La tecnologia fotovoltaica permette di trasformare direttamente l energia solare incidente sulla superficie terrestre

Dettagli

I satelliti meteorologici

I satelliti meteorologici I satelliti meteorologici Nella meteorologia moderna i satelliti svolgono ormai un ruolo fondamentale: grazie a questi occhi in orbita attorno al nostro pianeta possiamo monitorare in tempo reale l evoluzione

Dettagli

Sistemi robotizzati, i diversi utilizzi di nuove tecnologie

Sistemi robotizzati, i diversi utilizzi di nuove tecnologie Sistemi robotizzati, i diversi utilizzi di nuove tecnologie di Federica Masserotti L'aumento del costo della manodopera e gli errori che può commettere un operatore umano, hanno indotto le maggiori aziende

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Sistemi operativi di rete (locale) In una LAN si vogliono condividere

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA TRAMITE IMPIANTI FOTOVOLTAICI

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA TRAMITE IMPIANTI FOTOVOLTAICI ENERGIA DAL SOLE, ENERGIA PULITA. Di per.ind.marco Ianes PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA TRAMITE IMPIANTI FOTOVOLTAICI L energia è da sempre legata a tutte le attività umane; ogni nostra attività comporta

Dettagli

Introduzione al sistema GPS. Corso GPS riservato ai soci

Introduzione al sistema GPS. Corso GPS riservato ai soci Introduzione al sistema GPS Corso GPS riservato ai soci Agenda 1. Generalità sul sistema GPS 2. Principi di orientamento 2 Generalità sul sistema GPS 3 NAVSTAR GPS, a cosa serve Il NAVSTAR GPS (Navigation

Dettagli

Lunghezza di un antenna In generale l antenna ideale è lunga esattamente quanto la lunghezza d onda della frequenza per cui viene utilizzata.

Lunghezza di un antenna In generale l antenna ideale è lunga esattamente quanto la lunghezza d onda della frequenza per cui viene utilizzata. Antenne Premessa L antenna di un ricetrasmettitore è uno degli elementi più importanti per la buona riuscita di una trasmissione (ricezione): senza di essa anche il miglior apparecchio radio diventa inutilizzabile.

Dettagli

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1 La volta celeste L Astronomia è la scienza che studia l Universo e le sue origini. Le origini dello studio della volta celeste si perdono nella notte dei tempi, perché l uomo è sempre stato attratto ed

Dettagli

Presentazione del sistema Adcon Telemetry

Presentazione del sistema Adcon Telemetry Presentazione del sistema Adcon Telemetry 1. Premessa Lo scopo del monitoraggio è quello di automatizzare i processi, nei vari campi di applicazione, mediante sistemi di controllo, di trasmissione, raccolta

Dettagli

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS Global Positioning System è costituito da una costellazione di satelliti NAVSTAR

Dettagli

Come creare un satellite metereologico?

Come creare un satellite metereologico? NATIONAL OCEANIC AND ATMOSPHERIC ADMINISTRATION U.S. DEPARTMENT OF COMMERCE Come creare un satellite metereologico? Libretto adattato dal lavoro originale di Ed Koenig Sono un metereologo. Devo poter vedere

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

Anno 1. ELETTROSMOG ( Inquinamento elettromagnetico )

Anno 1. ELETTROSMOG ( Inquinamento elettromagnetico ) Anno 1 ELETTROSMOG ( Inquinamento elettromagnetico ) Dispense preparate da : Tiziano Guerzoni In collaborazione con Sergio Berti ORGANIZZAZIONE DELLE DISPENSE Basi propedeutiche Effetti 1 BASI PROPEDEUTICHE

Dettagli

Navigazione e sistemi satellitari

Navigazione e sistemi satellitari Navigazione e sistemi satellitari Introduzione La misura del tempo e lo sviluppo della navigazione si intrecciano nel corso della storia; la costruzione di orologi più accurati si può infatti collegare

Dettagli

elettrosmog radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti frequenze.

elettrosmog radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti frequenze. Con il termine elettrosmog si intende l'inquinamento elettromagnetico derivante da radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti quali quelle prodotte dalle infrastrutture di telecomunicazioni come la radiodiffusione

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Architettura dei Sistemi di Telelocalizzazione GPS/GALILEO Prof. Francesco Benedetto, fbenedet@uniroma3.it Dipartimento di Elettronica Applicata Cenni Storici I

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ---- Ponti radio terrestri e satellitari ---- Materia: Elettronica, Telecomunicazioni ed applicazioni

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ---- Ponti radio terrestri e satellitari ---- Materia: Elettronica, Telecomunicazioni ed applicazioni I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2011/2012 - classe V- Materia: Elettronica, Telecomunicazioni ed applicazioni ---- Ponti radio terrestri e satellitari ---- alunna De Filippis Fortunata Felicia prof. Ing.

Dettagli

ALLEGATO A: La tecnologica fotovoltaica

ALLEGATO A: La tecnologica fotovoltaica ALLEGATO A: La tecnologica fotovoltaica A. 1 La radiazione solare La radiazione solare è definita come l energia elettromagnetica emessa dal sole. All'interno del sole, a temperature di alcuni milioni

Dettagli

sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA sezione 4 Le trasformazioni dell energia pag. 106

sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA sezione 4 Le trasformazioni dell energia pag. 106 sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA indice di sezione Le trasformazioni dell energia pag. 106 IL PROBLEMA ENERGETICO Da qualche anno a questa parte ha assunto grande rilievo il problema energetico. Si parla

Dettagli

SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA Il sistema GPS e la tecnologia RFID

SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA Il sistema GPS e la tecnologia RFID ferrigno@unicas.it Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA Il sistema GPS e la tecnologia RFID Docente: Luigi Ferrigno GPS Il sistema GPS (Global Positioning

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici 1. Principio di funzionamento Il principio di funzionamento dei pannelli fotovoltaici è detto "effetto fotovoltaico". L' effetto fotovoltaico si manifesta nel momento in cui una

Dettagli

I SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI

I SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI QuickTime e un decompressore sono necessari per visualizzare quest'immagine. I SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI CORSO INTRODUTTIVO IL SOLE FONTE DI ENERGIA Nel nucleo del sole avvengono incessantemente reazioni

Dettagli

URANO E NETTUNO. I due pianeti glaciali del Sistema Solare. Ricerca Astronomia" 1

URANO E NETTUNO. I due pianeti glaciali del Sistema Solare. Ricerca Astronomia 1 URANO E NETTUNO I due pianeti glaciali del Sistema Solare Ricerca Astronomia" 1 Introduzione: Urano e Nettuno fanno parte dei pianeti recenti, ovvero quelli scoperti nel 19 secolo. Sono infatti stati i

Dettagli

Soluzione: 2 ) Cosa si intende per calore?

Soluzione: 2 ) Cosa si intende per calore? 1 ) Volendo calcolare di quanto è aumentata la temperatura di un corpo al quale è stata somministrata una certa quantità di calore, è necessario conoscere: A. Il calore specifico e la massa del corpo.

Dettagli

Il Sistema di Posizionamento Globale (GPS)

Il Sistema di Posizionamento Globale (GPS) Il Sistema di Posizionamento Globale (GPS) Metodo di base: triangolazione nello spazio I satelliti GPS Determinazione delle distanze dai satelliti mediante misure di tempi di arrivo dei segnali Come è

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 4 Martedì 17-03-2015 Mezzi trasmissivi I mezzi trasmissivi si dividono in

Dettagli

Livello fisico. Mezzi di Trasmissione. Fattori di Progetto. Mezzi trasmissivi. Prof. Vincenzo Auletta

Livello fisico. Mezzi di Trasmissione. Fattori di Progetto. Mezzi trasmissivi. Prof. Vincenzo Auletta I semestre 03/04 Livello fisico Mezzi di Trasmissione Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Il livello fisico deve garantire il trasferimento di un flusso

Dettagli

Il sistema solare SOLE. Terra

Il sistema solare SOLE. Terra Il sistema solare SOLE Terra Il Sole, la stella a noi più vicina In quanti modi si può vedere il Sole? Luce bianca Luce da atomi di Calcio Luce da atomi di idrogeno Luce ultravioletta Raggi X Onde radio

Dettagli

Apertura completa: il cancello si apre fino in fondo, rimane aperto per il tempo programmato e poi si richiude automaticamente.

Apertura completa: il cancello si apre fino in fondo, rimane aperto per il tempo programmato e poi si richiude automaticamente. Funzionamento normale Il normale funzionamento prevede che il cancello si apra, rimanga aperto per il tempo programmato dall installatore e poi si richiuda, con un rallentamento della corsa che inizia

Dettagli

Gps e Cartografia Digitale Sistema e principi di funzionamento. 2 Corso ASE Popoli, 5 luglio 2015 AE Arturo Acciavatti

Gps e Cartografia Digitale Sistema e principi di funzionamento. 2 Corso ASE Popoli, 5 luglio 2015 AE Arturo Acciavatti Gps e Cartografia Digitale Sistema e principi di funzionamento 2 Corso ASE Popoli, 5 luglio 2015 AE Arturo Acciavatti Carta topografica Bussola Altimetro Orientamento classico 2 L orientamento classico

Dettagli

Evoluzione dei sistemi informatici

Evoluzione dei sistemi informatici Evoluzione dei sistemi informatici Cos è una rete? Insieme di calcolatori autonomi tra loro collegati mediante una rete di comunicazione Gli utenti sono in grado di interagire in modo esplicito con la

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Studio Ing. Giuseppe Fratelli Febbraio 2012 1

Studio Ing. Giuseppe Fratelli Febbraio 2012 1 La luce solare possiede importanti caratteristiche, oltre all illuminamento, che sono state scoperte ed usate nella storia fin tempi remoti: il più famoso è l assedio di Siracusa, quando gli apparecchi

Dettagli

STUDIO DEL SISTEMA DI ASSETTO DEL SATELLITE ATMOCUBE TRAMITE ATTUATORI MAGNETICI

STUDIO DEL SISTEMA DI ASSETTO DEL SATELLITE ATMOCUBE TRAMITE ATTUATORI MAGNETICI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica TESI DI LAUREA TRIENNALE IN FISICA STUDIO DEL SISTEMA DI ASSETTO DEL SATELLITE ATMOCUBE TRAMITE

Dettagli

Impianti navali B. Parte 5. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it

Impianti navali B. Parte 5. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it Impianti navali B Parte 5 II semestre 2013 giulio.barabino@unige.it danilo.tigano@unige.it 1 Motore a induzione (o asincrono) (I) il motore a induzione è una macchina elettrica rotante nella quale il rotore

Dettagli

Progetto SOLAR. Prototipo Eliostato realizzato dall'unità Operativa di Catania

Progetto SOLAR. Prototipo Eliostato realizzato dall'unità Operativa di Catania Progetto SOLAR Prototipo Eliostato realizzato dall'unità Operativa di Catania L Unità Operativa di Catania, afferente al Dipartimento di Ingegneria Industriale, nell ambito del progetto SOLAR prevede lo

Dettagli

Struttura del sistema GPS. Introduzione

Struttura del sistema GPS. Introduzione Introduzione Il sistema di posizionamento GNSS (Global Navigation Satellite System) è un sistema di navigazione basato sulla ricezione di segnali radio emessi da una costellazione di satelliti artificiali

Dettagli

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 -

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 - ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari L A V E R A N A T U R A D E L L A L U C E La luce, sia naturale sia artificiale, è una forma di energia fondamentale per la nostra esistenza e per quella

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 1 - INTRODUZIONE Prof. Mario Barbera 1 Argomenti della lezione Cenni storici Definizioni: Sorgente di informazione Sistema di comunicazione Segnali trasmissivi

Dettagli

Oggi si possono elencare tre tecnologie principali che consentono di trasformare in energia utilizzabile (termica o elettrica) l energia del sole :

Oggi si possono elencare tre tecnologie principali che consentono di trasformare in energia utilizzabile (termica o elettrica) l energia del sole : L energia solare Per energia solare si intende l energia sprigionata dal Sole e trasmessa sulla Terra sotto forma di radiazione elettromagnetica (luce e calore). Sfruttando direttamente tale energia, attraverso

Dettagli

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO G. Iafrate e M. Ramella INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it La Nebulosa

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO G. Iafrate e M. Ramella INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste Informazioni e contatti: wwwas.oats.inaf.it/aidawp5 - aidawp5@oats.inaf.it La Nebulosa del Granchio

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

Banco a microonde Introduzione

Banco a microonde Introduzione Banco a microonde Introduzione Il sistema e costituito (vedi figura 1) da una sorgente direzionale di onde elettromagnetiche polarizzate di frequenza di 9.5 GHz ( = 3.16 cm) e da un rivelatore direzionale

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Corso di Telerilevamento Lezione 3

Corso di Telerilevamento Lezione 3 Corso di Telerilevamento Lezione 3 Strumenti di ripresa Risoluzioni Satelliti per il telerilevamento Caratteri i una immagine digitale raster I valori relativi a ciascun pixel (DN = Digital Number) indicano

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Stabilizzazione delle micro reti e dei sistemi di cogenerazione

Stabilizzazione delle micro reti e dei sistemi di cogenerazione Stabilizzazione delle micro reti e dei sistemi di cogenerazione Nothing protects quite like Piller piller.com Sommario 1 Introduzione 3 2 Requisiti di base di una rete isolata stabile 3 3 Requisiti per

Dettagli

Indice. 3. Sicurezza...3 3.1 Utilizzo conforme alle prescrizioni...3 3.2 Prescrizioni di sicurezza...3

Indice. 3. Sicurezza...3 3.1 Utilizzo conforme alle prescrizioni...3 3.2 Prescrizioni di sicurezza...3 Indice 1. Descrizione del sistema...1 1.1 Descrizione del sistema...1 1.2 Utilizzo del Monitoring System 1502...1 1.2.1 Modalità seminatrice a grano singolo con trasduttore ottico (conteggio dei grani)...1

Dettagli

Introduzione al progetto SSCAM

Introduzione al progetto SSCAM Introduzione al progetto SSCAM L idea di sviluppare alcune tecnologie essenziali per un sistema di controllo di assetto e orbita è stato il punto di partenza che ha portato alla partecipazione al Bando

Dettagli

LA RADIAZIONE SOLARE. Tecnica del Controllo Ambientale. Prof. Maurizio Cellura

LA RADIAZIONE SOLARE. Tecnica del Controllo Ambientale. Prof. Maurizio Cellura LA RADIAZIONE SOLARE Tecnica del Controllo Ambientale Prof. Maurizio Cellura INTRODUZIONE Il progettista deve: 1. Definire le condizioni climatiche generali e locali; 2. Ricercale le soluzioni idonee;

Dettagli

Progetto H2 Filiera Idrogeno. Il contributo dell Elettronica nel Progetto Regionale Filiera Idrogeno

Progetto H2 Filiera Idrogeno. Il contributo dell Elettronica nel Progetto Regionale Filiera Idrogeno Progetto H2 Filiera Idrogeno Il contributo dell Elettronica nel Progetto Regionale Filiera Idrogeno Prof. Roberto Saletti Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Pisa Il progetto regionale

Dettagli

Dalla meteorologia alle applicazioni ambientali, 25 anni di provata esperienza

Dalla meteorologia alle applicazioni ambientali, 25 anni di provata esperienza THALES ALENIA SPACE UNA GAMMA COMPLETA DI TECNOLOGIE PER L OSSERVAZIONE DELLA TERRA Leader mondiale nei satelliti meteorologici geostazionari, dalla provata esperienza nelle missioni di osservazione della

Dettagli

GPS. Introduzione alla tecnologia di posizionamento GNSS SOKKIA. Sokkia 1

GPS. Introduzione alla tecnologia di posizionamento GNSS SOKKIA. Sokkia 1 GPS Introduzione alla tecnologia di posizionamento GNSS SOKKIA Sokkia 1 Che cos è il GPS Un sistema di posizionamento estremamente preciso Creato e gestito dal Ministero della Difesa Americano Nato per

Dettagli

Descrizione generale delle principali strutture guidanti

Descrizione generale delle principali strutture guidanti Descrizione generale delle principali strutture guidanti (estratto da P. Bernardi, M. Cavagnaro, Appunti di microonde: Strutture guidanti e giunzioni, ed Ingegneria 2000, 2008) Una delle caratteristiche

Dettagli

www.radiomontagna.org

www.radiomontagna.org Radiosondaggi Introduzione I radiosondaggi costituiscono una grandissima e per certi aspetti, l unica fonte di informazioni per la meteorologia, le informazioni raccolte tramite questa tecnica vengono

Dettagli

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase La prova di laboratorio considerata consente di determinare le prestazioni dei motori ad induzione con il metodo

Dettagli

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro)

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro) 1. Lo stato solido Lo stato solido è uno stato condensato della materia; le particelle (che possono essere presenti come atomi, ioni o molecole) occupano posizioni fisse e la loro libertà di movimento

Dettagli

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA OGGETTO : cenni sul seminario GPS del 24/09/2010 1) GNSS E PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO: IL sistema GPS (ovvero Global Positioning System) è un sistema di posizionamento globale

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

il programma galileo L infrastruttura di Galileo comprende: il segmento spaziale; il segmento di terra; il segmento di utenza.

il programma galileo L infrastruttura di Galileo comprende: il segmento spaziale; il segmento di terra; il segmento di utenza. GALILEO CONTROL CENTRE il programma galileo Il programma Galileo costituisce l iniziativa europea per un sistema di navigazione satellitare globale allo stato dell arte. Sviluppato congiuntamente dall

Dettagli

Aspetti energetici. Capitolo 2

Aspetti energetici. Capitolo 2 Capitolo 2 Aspetti energetici 2.1 2.1 Introduzione Un impianto è costituito da componenti uniti fra di loro tramite collegamenti nei quali avviene un trasferimento di potenza esprimibile attraverso il

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA TRAMITE IMPIANTI FOTOVOLTAICI

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA TRAMITE IMPIANTI FOTOVOLTAICI ENERGIA DAL SOLE, ENERGIA PULITA. Di per.ind.marco Ianes PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA TRAMITE IMPIANTI FOTOVOLTAICI L energia è da sempre legata a tutte le attività umane; ogni nostra attività comporta

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA L ENERGIA e IL LAVORO Non è facile dare una definizione semplice e precisa della parola energia, perché è un concetto molto astratto che

Dettagli

SSL: Laboratorio di fisica

SSL: Laboratorio di fisica Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento Tecnologie Innovative SSL SSL: Laboratorio di fisica Resistenza nel vuoto Massimo Maiolo & Stefano Camozzi Giugno 2006 (Doc. SSL-060618

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO

IL RISPARMIO ENERGETICO IL RISPARMIO ENERGETICO L aumento della popolazione e lo sviluppo del benessere pongono il problema di una crescente richiesta di energia. La società umana esige per la sua stessa esistenza un flusso affidabile

Dettagli

Quarta lezione Le telecomunicazioni parte II

Quarta lezione Le telecomunicazioni parte II Università Roma Tre Corso di laurea magistrale CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE Corso Media digitali: Televisione, video, Internet Docente: Enrico Menduni Quarta lezione Le telecomunicazioni

Dettagli

Antenne. Generatore HF

Antenne. Generatore HF Antenne I V I Generatore HF 1 V I I Generatore HF Dipolo λ/2 Massima impedenza minima impedenza TX 2 trasmettitore linea a n t e n n a d i p o l o λ Lunghezza dipolo = 0,98 ------------- 2 Si dimostra

Dettagli

COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO

COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO Il ponte radio è un sistema di radiocomunicazione punto-punto che impiega frequenze nel campo delle microonde, in grado di convogliare informazioni telefoniche, televisive e

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Fornitura di Dati, Sistemi e Servizi per la Realizzazione del Sistema Informativo del Piano Straordinario

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

CGS TFD. Raoul Grimoldi. Distribuzione Tempo/Frequenza. Antares Research Dept. CGS Compagnia Generale per lo Spazio, an OHB Technology Company

CGS TFD. Raoul Grimoldi. Distribuzione Tempo/Frequenza. Antares Research Dept. CGS Compagnia Generale per lo Spazio, an OHB Technology Company CGS TFD Distribuzione Tempo/Frequenza Raoul Grimoldi CGS Rami di attività della CGS, già Carlo Gavazzi Space S.p.A. Satelliti: sistemi chiavi-in-mano per missioni scientifiche e applicative, in particolare

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI I: I MEZZI DI COMUNICAZIONE. INTRODUZIONE... pag.2

TELECOMUNICAZIONI I: I MEZZI DI COMUNICAZIONE. INTRODUZIONE... pag.2 1 INDICE TELECOMUNICAZIONI I: I MEZZI DI COMUNICAZIONE INTRODUZIONE..... pag.2 IL SEGNALE.. pag.2 Il segnale sonoro. pag.2 Il segnale immagine... pag.3 Il segnale dato. pag.3 IL CANALE DI COMUNICAZIONE....

Dettagli

INDICE PER TIPOLOGIA

INDICE PER TIPOLOGIA INDICE GENERALE 2 GUIDA A CLOCK DATE TEMPERATURE DISPLAY PRODOTTI ODT 6 14 DATI TECNICI ALUTECH ENGINEERING 20 INDICE PER CODICE INDICE PER TIPOLOGIA ART. PAG. 5001 6 TIP. ART. PAG. MSS 55001 6 LEGENDA

Dettagli

Marte: il Pianeta Rosso

Marte: il Pianeta Rosso SPAZIO ASTRONOMIA divulgazione la carta d identità del pianeta le prime osservazioni le conoscenze acquisite tramite le sonde marziane le lune di Marte il futuro dell esplorazione di Marte Marte: il Pianeta

Dettagli

IL TEMPO NELLA SCIENZA. Gli strumenti di misurazione Le unità di misura Curiosità

IL TEMPO NELLA SCIENZA. Gli strumenti di misurazione Le unità di misura Curiosità IL TEMPO NELLA SCIENZA Gli strumenti di misurazione Le unità di misura Curiosità Gli strumenti di misurazione del tempo La meridiana L orologio al quarzo Il pendolo L orologio atomico La meridiana è uno

Dettagli

Tecniche di schermatura

Tecniche di schermatura E.M.I. Shield e Grounding: analisi applicata ai sistemi di cablaggio strutturato Tecniche di schermatura Pier Luca Montessoro pierluca.montessoro@diegm.uniud.it SCHERMI - 1 Copyright: si veda nota a pag.

Dettagli

Come produrre energia elettrica

Come produrre energia elettrica Come produrre energia elettrica Il Solare Fotovoltaico e' una tecnologia che permette di utilizzazione l'energia dal sole per la produzione di energia elettrica. Un dispositivo fotovoltaico è, infatti,

Dettagli

La corretta progettazione di un impianto solare termico: gli errori da evitare

La corretta progettazione di un impianto solare termico: gli errori da evitare La corretta progettazione di un impianto solare termico: gli errori da evitare Dott. Ing. Norbert Klammsteiner Energytech INGEGNERI s.r.l. 39100 Bolzano www.energytech.it 08.02.2013 Quadro generale PARTE

Dettagli

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica ISDN ADSL RAS Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto ATM Reti wireless

Dettagli

Detective SOLE. Rapporto di diagnosi energetica. E-DETECTIVE Il caso dell energia scomparsa. Scuola media di Mendrisio Classi 4C e 4F

Detective SOLE. Rapporto di diagnosi energetica. E-DETECTIVE Il caso dell energia scomparsa. Scuola media di Mendrisio Classi 4C e 4F E-DETECTIVE Il caso dell energia scomparsa Scuola media di Mendrisio Classi 4C e 4F Detective SOLE 3 Incontro 09.03.2015 Rapporto di diagnosi energetica Consulenti energetici Pamela Bianchi Albedo Bettini

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Lezione 9: strato fisico: mezzi trasmissivi 1 Mezzi trasmissivi Vedremo una panoramica sui diversi mezzi trasmissivi utilizzati tipicamente nelle reti di computer,

Dettagli

Misuratore di radiazione Mac-Solar (SLM018c-2) con sensore integrato, rendimento energetico di istallazioni solari

Misuratore di radiazione Mac-Solar (SLM018c-2) con sensore integrato, rendimento energetico di istallazioni solari Misuratore di radiazione Mac-Solar (SLM018c-2) con sensore integrato, rendimento energetico di istallazioni solari Il Mac-Solar è un misuratore di radiazione solare manuale usato da ingegneri solari, architetti

Dettagli

Guida al fotovoltaico

Guida al fotovoltaico Guida al fotovoltaico MEDIOCREDITO ITALIANO PRESIDIO SETTORI SPECIALISTICI Desk Energy SOMMARIO 1. LE TECNOLOGIE DEL FOTOVOLTAICO... 3 GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI... 3 IL DIMENSIONAMENTO DI UN IMPIANTO...

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 3 Martedì 11-03-2014 1 Accesso alla rete Gli host possono connettersi

Dettagli

Guida alla progettazione degli impianti fotovoltaici

Guida alla progettazione degli impianti fotovoltaici Concetti preliminari Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l energia solare in energia elettrica. sso è composto essenzialmente da: moduli o pannelli fotovoltaici; inverter, che trasforma la

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

L ENERGIA DAL SOLE. Caratteristiche della fonte solare

L ENERGIA DAL SOLE. Caratteristiche della fonte solare L ENERGIA DAL SOLE Caratteristiche della fonte solare 1 L ENERGIA SOLARE Il Sole emette un'enorme quantità di energia sotto forma di luce e di calore. Senza questa energia non potrebbe esistere alcuna

Dettagli