Master 2 livello di alta formazione e qualificazione in Cure palliative ( )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Master 2 livello di alta formazione e qualificazione in Cure palliative (2013-15)"

Transcript

1 FONDAZIONE FLORIANI PROGRAMMA Master 2 livello di alta formazione e qualificazione in Cure palliative ( ) Il programma del Master, elaborato dal Comitato Ordinatore e approvato dal Consiglio Docenti, è coerente con i recenti Decreti Master e si articola in moduli; ogni modulo è caratterizzato da un argomento la cui trattazione è affidata dal punto di vista organizzativo a un Coordinatore. Sono previste attività didattiche a distanza (on line nel sito E-learning del Master). Gli Studenti iscritti dovranno frequentare anche un tirocinio professionalizzante nelle sedi convenzionate con l Università degli Studi di Milano. INAUGURAZIONE del dolore) (in comune con il Master di 1 livello in Cure palliative e Terapia a) Giornata inaugurale presso Istituto Europeo di Oncologia (via Ripamonti, 435): giovedì 14 marzo 2013 ore 9.00 Presentazione dei Master (M. Langer, B. Andreoni) ore 9.30 Letture: - La formazione sul campo nelle sedi di tirocinio ( Arianna Cozzolino) - Gli Studenti delle precedenti edizioni del Master raccontano la loro esperienza - Il Centro Universitario Interdipartimentale ore ore Cerimonia consegna diplomi Studenti 12 Master di 1 livello La Medicina narrativa nelle Cure palliative per la Cittadinanza (Teatro Officina) ore Presentazione del Sito E-learning (R. Ditaranto) b) Presentazione del sito E-learning per la classe Master 2 livello: accesso al sito - descrizione delle sue sezioni - Forum generale - messaggio di benvenuto (Coordinamento R. Ditaranto) Sede: Divisione Sistemi Informativi UNIMI CertLab - via Giuseppe Colombo, 46 - Aula 700 (zona Città Studi) Data: 25 marzo 2013, ore MODULO 1 (parzialmente in comune con il Master di 1 livello) Il Medico e l'infermiere di famiglia come risorsa nella gestione del Paziente con malattie inguaribili e terminali Il Medico e l'infermiere di famiglia come risorsa nella gestione del Paziente con malattie inguaribili e terminali Coordinamento: P. Lora Aprile, M. Lo Russo - Parte a (durata 3 giorni): Seminario residenziale a Gargnano sul Garda (Bs): 25.3 (inizio lavori ore 18.00)

2 - Parte b: didattica on line (home work) dal 28.3 all con giornata di restituzione in aula: giovedì 11.4 ( ) presso Fondazione Floriani (via Bonnet, 2) MODULO 2 Terapia del dolore ( aprile 2013) [prima parte (la seconda parte riservata al Master di 2 livello: nel modulo 15)] Coordinamento: O. Corli Sede: Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri (via La Masa, 19) MODULO 3 Medicina palliativa: riconoscimento e trattamento dei sintomi e dei quadri clinici complessi nel malato terminale ( / aprile 2013) [prima parte] Coordinamento: O. Corli Sede: Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri (via La Masa, 19) MODULO 4 Gli aspetti organizzativi delle Cure palliative nei pazienti con malattie inguaribili e terminali (la Rete, le Cure domiciliari, l'assistenza in Hospice, ecc) Coordinamento: F. Zucco, R. Speranza Sede: Fondazione Floriani (via Bonnet, 2) Durata: 2 giorni Didattica in aula: 8-9 maggio 2013 Didattica online: da definire MODULO 5 Il ruolo del Volontariato nell'assistenza ai pazienti terminali [Federazione Cure Palliative (L. Moroni) Lega Italiana Tumori (S. Sborea)] Sede: Fondazione Floriani (via Bonnet, 2) Durata: 1/2 giorno Didattica in aula: 10 maggio 2013 mattina MODULO 6 Il counseling 'integrato' al termine della vita Coordinamento: E. Cofrancesco Sede: Associazione REF (Via Morimondo, 5) Durata: 3 giorni Date: maggio 2013 MODULO 7 Il lavoro in équipe interprofessionale Coordinamento: B. Rizzi Sede: Casa VIDAS (via Ojetti 66) Durata: in aula 3 giorni, online 18 giorni (dal 24.5 al ) Didattica in aula: venerdì 24 maggio martedì 11 giugno e mercoledì 12 giugno 2013 MODULO 8 Gli aspetti spirituali nelle Cure palliative (Coordinatore: C. Ritossa) - Il burn-out degli Operatori per le Cure palliative (Coordinatori: L. Valera, E. Cofrancesco) Sede: Associazione REF (via Morimondo, 5) Data in aula (2 giorni): giovedì 13 giugno e venerdì 14 giugno 2013 MODULO 9 Il paziente con malattie non oncologiche inguaribili e/o terminali [prima parte] Coordinamento: F. Giunco, A. Zambelli Sede: Centro Universitario Cascina Brandezzata (via Ramusio, 1) Durata: 6 giorni Didattica in aula: settembre 2013 Parte A: L approccio palliativo nelle malattie avanzate non oncologiche (F. Giunco,, ) Date: Didattica in aula (3 giorni e mezzo): settembre e giovedì 3 ottobre 2013 mattina / Didattica online (focus group): dal 14 settembre al 3 ottobre 2013 Parte B: L approccio palliativo nelle malattie infettive avanzate (A. Zambelli, M. Fasan) Durata (1 giorno e mezzo): giovedì 3 ottobre pomeriggio-venerdì 4 ottobre2013 Parte C: Le Cure palliative in Terapia Intensiva (M. Langer): 5 ottobre 2013 (prima parte; seconda parte: modulo 17) MODULO 10 Principi della End-of-Life Care, proposti con metodologia interattiva Coordinamento: A. Cozzolino, R. Causarano, M. Gallucci, B. Lissoni Sede: Hospice Il Tulipano Durata: 2 giorni Data: novembre 2013 MODULO 11 (Coordinatori: G. Zaninetta, A. Caraceni) - 90 ore

3 Titolo: Le Cure palliative della malattia oncologica avanzata: storia naturale della malattia e suo trattamento, caratteristiche cliniche dei sintomi e della loro terapia in medicina palliativa nel paziente oncologico. Sede: Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, via Venezian 1- Milano aprile, maggio 2014: terapia palliativa nei singoli tumori giugno, settembre 2014: palliazione dei sintomi correlati alla malattia oncologica avanzata settembre 2014: ricerca in cure palliative 10 APRILE 2014 Ore 9-18 Tavola rotonda: I trattamenti antineoplastici della fase avanzata delle patologie oncologiche. Opportunità o accanimento terapeutico? (Moderatore: A. Caraceni; Relatori: V. Zagonel, G. Farina, M. Maltoni): - attività versus efficacia clinica - concetto di clinical benefit - evidence-based palliative chemotherapy - chi sceglie la terapia e su quali parametri si può basare la scelta - parametri di risposta in oncologia 11 APRILE 2014 Ore : Tumore del polmone: fase avanzata della malattia, ruolo palliativo delle terapie oncologiche specifiche nel controllo dei sintomi e nel miglioramento della qualità di vita (Ugo Pastorino) Ore : Tumore del polmone: fase avanzata della malattia, ruolo palliativo delle terapie oncologiche specifiche nel controllo dei sintomi e nel miglioramento della qualità di vita (Marco Platania) Ore 12-13: Tumori dello stomaco: fase avanzata della malattia, ruolo palliativo delle terapie oncologiche specifiche nel controllo dei sintomi e nel miglioramento della qualità di vita (Roberto Buzzoni) Ore 14-15: Tumori del tratto gastro-enterico: fase avanzata della malattia, ruolo palliativo delle terapie oncologiche specifiche nel controllo dei sintomi e nel miglioramento della qualità di vita (Maria Di Bartolomeo) Ore : Melanomi: fase avanzata della malattia, ruolo palliativo delle terapie oncologiche specifiche nel controllo dei sintomi e nel miglioramento della qualità di vita (Michele Del Vecchio) Ore : Tumore della prostata: fase avanzata della malattia, ruolo palliativo delle terapie oncologiche specifiche nel controllo dei sintomi e nel miglioramento della qualità di vita (Giuseppe Procopio) 12 APRILE 2014 Ore 9-12: Tumori del tratto genitourinario maschile: fase avanzata della malattia, ruolo palliativo delle terapie oncologiche specifiche nel controllo dei sintomi e nel miglioramento della qualità di vita (Andrea Necchi) Ore 12-13: Tumore della mammella: fase avanzata della malattia, ruolo palliativo delle terapie oncologiche specifiche nel controllo dei sintomi e nel miglioramento della qualità di vita (Angela Moliterni) Ore 14-16: Tumore della mammella: fase avanzata della malattia, ruolo palliativo delle terapie oncologiche specifiche nel controllo dei sintomi e nel miglioramento della qualità di vita (Angela Moliterni) Ore 16-18: Tumori del tratto genitourinario femminile: fase avanzata della malattia, ruolo palliativo delle terapie oncologiche specifiche nel controllo dei sintomi e nel miglioramento della qualità di vita (Francesco Raspagliesi) 22 MAGGIO 2014 Ore 9-11: Tumori della testa e del collo: fase avanzata della malattia, ruolo palliativo delle terapie oncologiche specifiche nel controllo dei sintomi e nel miglioramento della qualità di vita (Lisa Licitra) Ore 11-13: Mieloma: fase avanzata della malattia, ruolo palliativo delle terapie oncologiche specifiche nel controllo dei sintomi e nel miglioramento della qualità di vita (Vittorio Montefusco) Ore 14-16: Sarcomi e tumori rari: fase avanzata della malattia, ruolo palliativo delle terapie oncologiche specifiche nel controllo dei sintomi e nel miglioramento della qualità di vita (Paolo Casali)

4 Ore 16-18: Tumori cerebrali primitivi dell adulto: fase avanzata della malattia, ruolo palliativo delle terapie oncologiche specifiche nel controllo dei sintomi e nel miglioramento della qualità di vita (Andrea Salmaggi) 23 MAGGIO 2014 Ore : Tavola rotonda: Integrazione tra cure palliative e oncologia: esperienze a confronto e casi clinici (Moderatore: A. Caraceni; Discussant: Ernesto Zecca, Simona Fantini, Luigi Celio) Ore : La formazione sul campo nelle sedi di tirocinio (A. Cozzolino) 24 MAGGIO 2014 Ore 9-16: Tumori pediatrici dalla cura oncologica alle cure palliative (Maura Massimino, Daniela Polastri, Andrea Ferrari, Carlo Clerici) 19 GIUGNO 2014 Ore 9-13: Prognosi di sopravvivenza in oncologia e cure palliative e decisioni terapeutiche: quando sospendere la chemioterapia? (Marco Maltoni) Ore 14-17: Dispnea e sintomi respiratori (Laura Piva) 20 GIUGNO 2014 Ore 9-11: Sintomi gastrointestinali (Luigi Saita) Ore 11-13: Occlusione intestinale ( Giampiero Porzio) Ore 14-15,30: Anoressia e cachessia (Giorgio Lelli) Ore 15,30-17: Nutrizione e idratazione (Cecilia Gavazzi) Ore 17-18: Sintomi urologici in Cure palliative (Tullio Torelli) 21 GIUGNO 2014 Ore 9-12: Ascite e Versamenti pleurici (Alberto Sbanotto) Ore 13-16: Linfedema (Augusta Balzarini) 25 SETTEMBRE 2014 Ore 9-13: Trombosi venose e altre coagulopatie (Marco Moia) Ore 14-18: Infezioni (Martin Langer) 26 SETTEMBRE 2014 Ore 9-13: Crisi epilettiche, ipertensione endocranica, compressione midollare, delirium (Augusto Caraceni, Fabio Simonetti) Ore 14-18: Metodologia della ricerca in Cure Palliative (Cinzia Brunelli, Alessandra Pigni) 27 SETTEMBRE 2014 Ore : Lettura magistrale Ore : Trial clinici nella terapia dei sintomi (Giovanni Apolone) Ore : Trial clinici nella valutazione di interventi complessi (Massimo Costantini) MODULO 12 (40 ore Coordinatori: Claudia Borreani, Luigi Grassi) Titolo: Comunicazione e relazione con il paziente e la famiglia in Medicina palliativa. Complicazioni psicooncologiche e psichiatriche. Sede: Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, via Venezian 1-Milano Programma: (ore ) Aspetti comunicativi alla fine della vita (Comunicazione in senso generale) (Maria Giulia Nanni - Un. Ferrara) (ore ) Reazioni psicologiche e complicanze psichiatriche nella malattia avanzata (Luigi Grassi - Un. Ferrara)

5 (ore ) Approcci psicoterapeutici alla fine della vita (Rosangela Caruso - Un. Ferrara) (ore ) Le preferenze di fine vita e l utilizzo dell ELPI (Claudia Borreani - INT) (ore ) La famiglia del Paziente alla fine della vita (Margherita Greco INT) / Comunicare ai bambini la malattia e la morte di un familiare (Patrizia Trimigno - INT) MODULO 13 (30 ore Coordinatore: G. Scaccabarozzi) [approfondimento Modulo 4 ] Titolo: Nozioni di management delle strutture di degenza, territoriali e ospedaliere e della consultazione di medicina palliativa. Sede: Fondazione Floriani via Bonnet, 2 - Milano Date: (ore ) Programma: Legge 38/10 e provvedimenti attuativi - Stato dell arte - Dall ospedale che si integra con il territorio e viceversa - Le dimissioni protette e la continuità della cura Documento d intesa Stato Regioni del 25 luglio 2012 Sviluppare le reti di cure palliative Accreditamento Unità di offerta/strutture della rete Accreditamento della rete Modelli e logiche per il governo della rete di cure palliative Gestire processi per una efficace integrazione dal PDTA al patient flow Strumenti di gestione operativa Controllo di gestione e Sistema tariffario per le Cure Palliative Contratti di produzione Core Competence in Cure Palliative Procedure organizzative, di cura e assistenza Sicurezza e risk management La valutazione InterRAI HPC ITC in cure palliative Monitoraggio stato di sviluppo delle Reti e flussi informativi Strumenti per la gestione della rete Monitoraggio e Osservatori delle buone pratiche (AGENAS)

6 Docenti: Gianlorenzo Scaccabarozzi, Fabio Lombardi, Massimo Re, Luca Riva, Corinna Balatti, Federica Azzetta, Fabrizio Limonta MERCOLEDI 18 FEBBRAIO 2015 n.ro 8 ore Dr. G. Lorenzo Scaccabarozzi n.ro 2 ore Sig.a Balatti Corinna GIOVEDI 19 FEBBRAIO 2015 n.ro 6 ore Dr. Luca Riva n.ro 2 ore Dr.ssa Federica Azzetta n.ro 2 ore Dr. Fabrizio Limonta VENERDI 20 FEBBRAIO 2015 n.ro 5 ore Dr. Fabio Lombardi n.ro 3 ore Sig. Massimo Re n.ro 2 ore Dr. G. Lorenzo Scaccabarozzi MODULO 14 (60 ore Coordinatori: A. Caraceni, O. Corli) Titolo: La gestione clinica del dolore Sede: Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, via Venezian 1-Milano Giovedi 23 ottobre 2014 (7 ore) Venerdi 24 ottobre 2014 (7 ore) Sabato 25 ottobre 2014 (6 ore) Giovedi 27 novembre 2014 (7 ore) Venerdi 28 novembre 2014 (7 ore) Sabato 29 novembre 2014 (6 ore) Il dolore nella patologia oncologica e nelle malattie croniche inguaribili in fase avanzata: classificazione, valutazione e terapia Giovedi 23 ottobre 2014 Ore 9-11: Assistenza infermieristica e dolore, il dolore totale per l infermiere nella relazione con il malato al termine della vita (Giuseppe Baiguini) Ore 11-13: Diagnosi, valutazione e classificazione del dolore oncologico (Augusto Caraceni) Ore : Dolore neuropatico in oncologia: fisiopatologia e diagnosi (Augusto Caraceni) Ore : Fisiopatologia del dolore osseo oncologico e altri modelli sperimentali di dolore da cancro (Ernesto Zecca) Venerdi 24 ottobre 2014 Ore 9-11: Effetto placebo: fisiopatologia e ruolo clinico (Antonella Pollo) Ore 11-13: Meccanismo d azione dell analgesia oppioide, farmacogenetica e interazioni farmacologiche (Diego Fornasari) Ore : Linee guida di trattamento degli analgesici oppioidi (Alessandra Pigni) Ore : Farmacoterapia del dolore oncologico e delle patologie inguaribili (1) (Cinzia Martini)

7 Sabato 25 ottobre 2014 Ore 9-11: Farmacoterapia del dolore oncologico e delle patologie inguaribili (2) (Ernesto Zecca) Ore 11-13: Farmacoterapia del dolore oncologico: antiinfiammatori e adiuvanti (Luigi Saita) Ore 14-16: Farmacoterapia del dolore oncologico: dagli studi clinici alla pratica clinica (Oscar Corli) Giovedi 27 novembre 2014 Ore 9-11: Ruolo delle vie spinali (epidurale e sub aracnoidea): tecniche (Federico Piccioni) Ore 11-13: Ruolo delle vie spinali (epidurale e sub aracnoidea): farmaci (Anna Cardani) Ore : Uso degli oppioidi nel dolore cronico non oncologico (Oscar Corli) Venerdi 28 novembre 2014 Ore 9-11: Terapie neuro invasive e neuro lesive nel dolore oncologico e nelle patologie inguaribili (Furio Zucco) Ore 11-13: Tecniche di radioterapia e loro effetto antalgico (Laura Lozza) Ore : Ruolo antalgico dei bisfosfonati e degli anticorpi monoclonali (Ernesto Zecca) Ore : Ruolo antalgico delle terapie metaboliche (Ettore Seregni) Sabato 29 novembre 2014 Ore 9-11: Trattamento del Breakthrough pain Ore 11-13: Eziologia e gestione della nausea e del vomito nei pazienti oncologici trattati con oppioidi Ore 14-16: Effetti collaterali e tossicità centrale degli oppioidi: diagnosi e strategie terapeutiche MODULO 15 (20 ore Coordinatore: Luciano Orsi ) Titolo: Elementi di bioetica inerenti la Medicina palliativa Sede: Fondazione Floriani, via Bonnet 2 Date: giugno 2014 Programma: Raccolta dei bisogni 1 h Introduzione alla bioetica di fine vita 1 h (1 ) 1 h (2 ) Definizioni 1 h Rapporti fra etica, deontologia e diritto 1 h Codici di deontologica medica, dell infermiere e dello psicologo a confronto 3h (2 ) Etica di senso comune e etica critica 1 (2 ) Principi di bioetica e modelli di medicina 2 h Consenso informato 3 h (2 ) Criterio di proporzionalità 1 h Limitazione dei trattamenti 1 h Pianificazione anticipata delle cure e direttive anticipate 1 h (1 ) 1 h (2 ) Aspetti etici della nutrizione artificiale 3 h (2 ) Metodologia: lezione interattiva e lavori di gruppo. NB: gli aspetti etici della sedazione terminale sono trattati nel modulo clinica insieme agli aspetti clinici. Legenda: 1 = master 1 livello; 2 = master 2 livello; h = ore MODULO 16 (20 ore F. Fossati Bellani, M. Jankovic, I. Salvo) Titolo: Medicina palliativa pediatrica in vari contesti: neurologia, malattie metaboliche, oncologia

8 Sede: Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, via Venezian 1- Milano Date: giovedì venerdì sabato definizione Programma in via di MODULO 17 (130 ore) Titolo: Il Medico palliativista nella gestione delle malattie avanzate non oncologiche. La Medicina palliativa in Terapia Intensiva. Date: giovedì ; venerdì ; sabato (presso Centro Universitario Interdipartimentale per le Cure palliative Cascina Brandezzata via Ripamonti, Milano) [approfondimento modulo 9] L accesso alla rete delle Cure palliative dei pazienti con malattie avanzate oncologiche e non oncologiche (P. Bertolaia) Simultaneous Care e Continuous Care nelle malattie oncologiche avanzate (G. Luchena, N. Fazio, B. Rizzi) Il ruolo del Medico di Medicina Generale nella gestione delle malattie avanzate inguaribili (A. Guerroni) L approccio palliativo nelle malattie neurologiche avanzate - V. Silani, V. Bonito, C. Lunetta, R. Causarano, S. Bastianello L approccio palliativo nel Paziente con demenza / L approccio palliativo nei Pazienti in stato vegetativo - M. Monti L approccio palliativo nei Pazienti con esiti di gravi episodi ischemici cerebrali - L. Bet Le Cure palliative in Terapia Intensiva - M. Langer (in comune con gli Studenti del Master di 1 livello) ottobre 2014 Congresso Nazionale SICP (Arezzo) Gestione del paziente a domicilio con grave insufficienza respiratoria. Indicazioni alla ventilazione invasiva e non invasiva. Esercitazioni pratiche all uso dei presidi e delle apparecchiature per l assistenza a domicilio nella ventilazione invasiva e non invasiva. - D. Colombo, M. Vitacca (presso INRCA di Casatenovo) Approccio palliativo nel paziente con insufficienza epatica avanzata - M. Schiavini Approccio palliativo al Paziente con scompenso cardiaco refrattario M. Romanò, G. Bacchiani Approccio palliativo al Paziente con scompenso cardiaco refrattario - M. Romanò, G. Bacchiani

9 Discussione tesi e valutazione finale [Cascina Brandezzata, giovedì 5 marzo 2015 (ore )] Commissione: B. Andreoni, A. Destrebecq, A. Caraceni, A. Chiappa, R. Ditaranto CONVEGNI: # XX CONGRESSO NAZIONALE SICP (Bologna, ) # Convegno Latest update on pain and cachexia in cancer patients (INT, 5-6 dicembre 2013) # Giornata inaugurale Master e Corsi di Perfezionamento in Cure palliative, a.a ore 9.00 Presentazione della giornata (B. Andreoni) ore 9.30 Letture: - La Medicina palliativa nelle Cure palliative (Lucia Zannini) - Gli ex Studenti dei Master raccontano la loro esperienza - Il Centro Universitario Interdipartimentale per le Cure palliative - Il progetto Cascina Brandezzata ore Cerimonia consegna diplomi Studenti 13 Master primo livello ore La Medicina narrativa, a teatro per la Cittadinanza Data: 13 marzo 2014 Sede: Sala Conferenze Istituto Europeo di Oncologia # XXI Congresso nazionale SICP (Arezzo, 9-12 ottobre 2014) Oltre alle attività teoriche in aula precedentemente elencate, il percorso formativo prevede anche 1500 ore di tirocinio in sedi accreditate precedentemente identificate dal Comitato Ordinatore del Master (i periodi di tirocinio saranno programmati nel mese di aprile 2013 e saranno individualmente condivisi con gli Studenti iscritti al Master). A seguito di decisione del Comitato Ordinatore del Master il tirocinio potrebbe essere ridotto a 500 ore (circa 10 settimane) per gli Studenti che presenteranno documentazione autocertificata di attività per almeno 3 anni in Servizi di Cure palliative residenziali o domiciliari accreditati.

10 La struttura del Master è stata approvata dalla Facoltà di Medicina di Milano. Il Master si svolgerà con attività distribuite in due anni dal 14 marzo 2013 a marzo Per eventuali richieste di chiarimento è possibile rivolgersi a: - Martin Langer (Coordinatore del Master): - Augusto Caraceni: Alessandra Pigni: - Giovanni Zaninetta: ; Matteo Crippa: (informazioni anche nel sito e ) - Bruno Andreoni: (informazioni anche nel sito )

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011 Gruppo di Studio di Ecografia Pediatrica Società Italiana di Pediatria Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica ECOPED 2011 PISTOIA 27-30 Giugno 2011 PROGRAMMA DOCENTI E TUTORS Giuseppe Atti Carlo

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6 Convegno AL TERMINE DI TELEMACO riflessioni a margine dell esperienza svolta www.telemaco.regione.lombardia.it Codice evento: SDSS 10092/AE VENERDI 12 NOVEMBRE 2010, ore 10.000 18.00 Politecnico di Milano

Dettagli

Cardioaritmologia nel Lazio

Cardioaritmologia nel Lazio Cardioaritmologia nel Lazio Regione Lazio Roma, 27-28 marzo 2015 Ergife Palace Hotel PROGRAMMA AVANZATO Con il Patrocinio di ANCE Cardiologia Italiana del Territorio Sezione Regionale Lazio Coordinatori:

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Elenco candidati ammessi al collquio per il conferimento dell'incarico di responsabile Ufficio "Stampa" (Determinazione n. 117 del 25/02/2014)

Elenco candidati ammessi al collquio per il conferimento dell'incarico di responsabile Ufficio Stampa (Determinazione n. 117 del 25/02/2014) Elenco candidati ammessi al collquio per il conferimento dell'incarico di responsabile Ufficio "Stampa" (Determinazione n. 117 del 25/02/2014) Caschera Finanzio AMMESSO De Ritis Gianni AMMESSO Degl'Innocenti

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE)

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE) Brochure Montesilvano 2015 30/07/15 12: Pagina 1 Associazione Italiana Operatori Sanitari di Stomaterapia INCONTR- 2015 Certificazione EN ISO 9001:2008 IQ-0905-12 per formazione ed aggiornamento COMPETENZE

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E Dr.ssa La Seta Concetta INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Data di nascita Luogo di nascita Nazionalità Indirizzo Telefono La Seta Concetta 10 Febbraio 1963 Palermo Italiana

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

11 Congresso Regionale. 2 Congresso Nazionale SIMG LOMBARDIA SIMG AREA PNEUMOLOGICA. Società Italiana di Medicina Generale

11 Congresso Regionale. 2 Congresso Nazionale SIMG LOMBARDIA SIMG AREA PNEUMOLOGICA. Società Italiana di Medicina Generale MONZA BRIANZA, 6-7 Maggio 2011 Devero Hotel Società Italiana di Medicina Generale 1 11 Congresso Regionale PRESIDENTI DEL CONGRESSO Claudio Cricelli e Aurelio Sessa PRESIDENTE ONORARIO Ovidio Brignoli

Dettagli

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Nominativo / SCS AZIONINNOVA SPA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BOLOGNA UNIVERSITA' LA

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI Giovedì 28 agosto 2014: inizio operazioni ore 10,00 PROV. 1 CISCO EMANUELA 02/02/1982 VI 2 RONCAGLIA FRANCESCA 06/03/1983 VI 3 PAGLIAMINUTA

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale CDS Master Organizzazione: Trionfo Ligure - Genova RISULTATI 100 METRI MASTER F Serie Unica VILLA GENTILE - 18 Maggio 2013 Ora Inizio: 16:26 - Vento: +0.4 1 4

Dettagli

Master in Hospital Risk Management

Master in Hospital Risk Management Master in Hospital Risk Management XII Edizione (2014-2015) in memoria di Leonardo la Pietra con il patrocinio di* SIC SIOT * i patrocini sono in fase di aggiornamento. Master Destinatari Il master è rivolto

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Area Affari Generali Servizio Società Partecipate INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Di seguito si riportano i dati relativi alle partecipazioni in società

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli