Guida ai Servizi Territoriali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida ai Servizi Territoriali"

Transcript

1 Azienda Ulss 12 Veneziana Coordinamento Direttori di Distretto Guida ai Servizi Territoriali I servizi distrettuali I servizi per le dipendenze I servizi per la salute mentale I servizi per la non autosufficienza (anziani e disabili)

2 Azienda ULSS 12 Veneziana Sede legale via Don Federico Tosatto, Mestre c.f. e p.iva casella postale centralino Tel Tel Coordinamento dei Direttori di Distretto Tel Fax Ufficio Relazioni con il pubblico Mestre tel /6/7 Fax Venezia tel Fax Ospedale Civile Santi Giovanni e Paolo Castello 6777, Venezia Tel Fax Ospedale dell Angelo Via Paccagnella, Mestre Tel Fax La presente guida è aggiornata al 30 settembre

3 INDICE I Distretti pag. 5 Fini e obiettivi generali pag. 6 Obiettivi specifici pag. 6 Sportello Integrato pag. 7 Unità operative dei Distretti pag. 9 Unità Operativa Cure Primarie pag. 11 Assistenza Sanitaria di Base pag. 11 Servizio di Continuità Assistenziale pag. 15 Assistenza Sanitaria all Estero pag. 16 Assistenza Infermieristica Domiciliare pag. 17 Assistenza Farmaceutica pag. 20 Assistenza Specialistica Ambulatoriale pag. 21 Punti di Prenotazione pag. 22 Assistenza Specialistica domiciliare pag. 24 Ambulatorio Infermieristico pag. 25 Medicina dello Sport pag. 25 Prelievi del sangue ed altri esami ematochimici pag. 26 Assistenza Riabilitativa pag. 27 Assistenza Protesica pag. 29 Servizi per la famiglia e l età evolutiva pag. 31 Servizio Tutela prima Infanzia pag. 31 Unità Vaccinali pag. 31 Pediatria di Comunità pag. 32 Prevenzione e Riabilitazione in l Età Evolutiva pag. 33 Assistenza semiresidenziale e residenziale per minori con problemi di interesse neuropsichiatrico pag. 34 Consultori Familiari pag. 35 Servizio preparazione Accompagnamento alla Nascita pag. 36 Percorso Adozioni pag. 37 Consultori Giovani pag. 37 Polo Adolescenti pag. 38 Centro di Ascolto e consulenza per adolescenti Sosta in Corsa pag. 38 Assistenza Semiresidenziale e residenziale Anziani pag. 40 Assistenza Semiresidenziale e residenziale Disabili pag. 43 Assistenti sociali di riferimento aree anziani e disabili pag. 45 3

4 Segreteria Unità Valutazione Multidimensionale pag. 46 Cure Palliative pag. 46 Assistenza semiresidenziale e residenziale per utenti con problemi psichiatrici pag. 47 I Servizi per le Dipendenze (Ser.d) pag. 51 Assistenza semiresidenziale e residenziale per soggetti tossicodipendenti pag. 54 Sil Servizio Integrazione Lavorativa pag. 55 Provvidenze economiche: Assegno di cura pag. 56 Fondi per la domiciliarità pag. 56 Contributi regionali per portatori di handicap psicofisici che applicano i metodi doman vojta fay e aba (legge 104/1992) pag. 57 Contributi per la modifica degli strumenti di guida pag. 57 4

5 Territorio e suddivisione territoriale AZIENDA ULSS 12 VENEZIANA Il territorio dell azienda Ulss 12 Veneziana è costituito dai Comuni di Venezia, Cavallino-Treporti, Marcon e Quarto D Altino. I DISTRETTI Distretto 1 - Centro storico Comprende i territori di Venezia Centro Storico (S. Marco - Castello - S. Elena - Cannaregio - Dorsoduro - S. Croce - S. Polo - Giudecca - Sacca Fisola) Sede direzionale: Dorsoduro 1454 (ex Giustinian) Venezia Tel Segreteria Fax Distretto 2 - Venezia insulare ed estuario Comprende i territori di Ex quartieri di Murano e Burano ora afferenti alla municipalità di Venezia Ex quartieri del Lido e Pellestrina ora afferenti alla municipalità del Lido Comune di Cavallino-Treporti Sede direzionale: Pzz.le Ravà, 1 Lido Tel Segreteria Fax Distretto 3 - Mestre Centro - Mestre SUD Comprende i territori di : ex quartieri Terraglio, Piave, Viale San Marco ora afferenti alla municipalità di Mestre centro, (è escluso l ex quartiere di Carpendo Bissuola) ex quartieri Marghera e Malcontenta ora afferenti alla municipalità di Marghera ex quartieri Zelarino e Chirignago ora afferenti alla municipalità di Chirignago Gazzera Sede direzionale: Via Cappuccina Mestre Tel Segreteria Fax Distretto 4 - Mestre Nord - Comuni Marcon e Quarto D Altino Comprende i territori di Ex quartiere di Carpenedo Bissuola ora afferente alla municipalità di Mestre centro; Municipalità di Favaro; Comune di Marcon e Comune di Quarto D Altino Sede direzionale: Carpenedo Vicolo della Pineta, 32 Tel Segreteria Fax

6 Finalità e obiettivi generali In riferimento a quanto disposto dall'art.3 quarter del D.Leg.vo 502/92: "Il distretto assicura i servizi di assistenza primaria relativi alle attività sanitarie e sociosanitarie, nonché il coordinamento delle proprie attività con quelle dei dipartimenti e dei servizi aziendali, inclusi i presidi ospedalieri, inserendole organicamente nel Programma delle attività territoriali. Il Distretto socio-sanitario assicura le seguenti funzioni fondamentali: analisi e valutazione dei bisogni di salute; gestione diretta dei servizi e interventi che rientrano nel livello di assistenza distrettuale avvalendosi di operatori e di unità operative proprie, oppure attraverso rapporti convenzionali con operatori o organizzazioni esterne ; monitoraggio e governo dei consumi di prestazioni indirette attraverso l attività di orientamento del cittadino e soprattutto, l integrazione nell organizzazione distrettuale dei Medici di medicina Generale e del Pediatri di Libera Scelta Realizzazione dell integrazione socio-sanitaria a livello istituzionale, gestionale e operativo. In particolare, per quanto riguarda le prestazioni socio-sanitarie viene ribadito, sia nel D.Leg.vo 229/99 che nell'atto di indirizzo e coordinamento di cui al DPCM 29/11/2001, che le prestazioni sanitarie di rilevanza sociale e le prestazioni socio-sanitarie ad elevata integrazione sono attuate dall'ulss tramite i Distretti socio-sanitari. Obiettivi Specifici Promuovere la salute attraverso il rafforzamento dell'azione a livello di comunità ed il miglioramento della qualità delle prestazioni tese a soddisfare le esigenze e le aspettative dei cittadini. Valorizzare l'attività dei Medici di Medicina Generale e dei Pediatri di Libera Scelta attraverso un processo di responsabilizzazione, anche di tipo economico, volto al conseguimento degli obiettivi distrettuali. Razionalizzare l'attività sanitaria territoriale, assicurando l'assistenza Domiciliare in termini congrui con i bisogni della popolazione di riferimento e favorendo l'offerta di prestazioni Specialistiche Ambulatoriali con il coinvolgimento degli Specialisti Ambulatoriali Interni e dei medici di attività territoriale, tenendo conto della diversa situazione morfologica dell'ulss. Ampliare il modello operativo della presa in carico mediante la Valutazione Multidimensionale, già applicato a favore degli anziani non autosufficienti, a tutte le situazioni che richiedono interventi complessi e rapporti interistituzionali in applicazione del regolamento sulle UVMD Promuovere e tutelare la famiglia in tutte le fasi critiche della sua evoluzione e sostenerla con riferimento al ruolo che la stessa svolge in presenza di specifiche problematiche. Valorizzare l'esperienza del lavoro integrato con i Servizi Comunali, attraverso il diretto impegno degli operatori degli Enti Locali nelle attività del Distretto. Alimentare un compiuto ed efficace sistema informativo dei servizi territoriali e un percorso di miglioramento continuo della qualità. 6

7 I SERVIZI DISTRETTUALI LO SPORTELLO INTEGRATO L Azienda ULSS in collaborazione con i Comuni al fine di agevolare l accesso dei cittadini alle informazione ha attivato presso ogni Distretto Socio Sanitario uno sportello integrato allo scopo di sostenere il cittadino utente nell ambito di alcune attività a valenza socio sanitaria. Lo Sportello Integrato gestisce, per quanto possibile, l'informazione, l'orientamento e la distribuzione della modulistica, l'accoglienza della domanda e l'inoltro ad eventuali altri servizi di competenza, con i quali manterrà i contatti per tenere aggiornata l'utenza sul prosieguo dell'iter richiesto, al fine di garantire la semplificazione delle procedure amministrative e il diritto d'accesso ai servizi socio-sanitari Attività 1) informazione di carattere generale (es. ubicazione, servizi presenti): attività dei servizi sociali comunali anagrafica CAF per certificazione reddito isee procedura per riconoscimento invalidità civile procedura per riconoscimento stato di handicap (l. 104/1992) Criteri e modalità per ottenere esenzione compartecipazione alla spesa sanitaria per motivi di reddito 2) orientamento, assistenza e informazione per compilazione di: pratiche per autorizzazione di parcheggio per disabili nonché per la mobilità comunale pratiche relative ai contributi comunali per accesso ai servizi per accesso ai servizi per anziani e disabili Contributi l eliminazione delle barriere architettoniche Scheda SVAMDI (Scheda di Valutazione Multidimensionale della Disabilità) e scheda SVAMA (Scheda Valutazione Multidimensionale Anziano) Assistenza procedura per riconoscimento assegno di cura 3) consegna, ritiro e verifica della modulistica per: richiesta certificazione dell handicap ai fini dell integrazione scolastica riconoscimento assegno di cura servizi di telesoccorso/telecontrollo progetti di Vita indipendente per persone disabili. ottenere presidi per incontinenza assistenza socio sanitaria territoriale (ingresso in strutture socio sanitarie e sanitarie extraospedaliere, servizi domiciliari) scheda svama (Scheda Valutazione Multidimensionale Anziano) scheda svamdi (Scheda di Valutazione Multidimensionale Disabili) 4) invio personalizzato ai servizi dei casi complessi Lo Sportello Integrato potrà svolgere altre funzioni di supporto con riferimento alla specificità organizzativa dei singoli distretti previo accordo tra Direttore del singolo Distretto 7

8 Sedi Orario telefono Distretto 1 lunedì martedì a sx. portineria G.B. Giustinian giovedì e venerdì Distretto 2 a sx portineria Padiglione Rossi Lido Pellestrina Murano lunedì a sabato Mercoledì Martedì e venerdì venerdì Tel Fax Tel Tel Tel Burano Ca Savio Distretto 3 Via Cappuccina 129 Distretto 4 Via Triestina Giovedì e lunedì Lunedì Mercoledì Lunedì Mercoledì Lunedì martedì giovedì venerdì lunedì- giovedì Martedì Tel Tel Tel

9 LE UNITÀ OPERATIVE DEI DISTRETTI L'Unità Operativa Amministrativa Tecnica Include la gestione di tutte le procedure amministrative del distretto, il coordinamento delle attività amministrative e ogni altro atto amministrativo connesso all'attività dei distretti compresa l'attività di segreteria del direttore, la gestione delle attività amministrative del distretto, la gestione del sistema informativo, il controllo di qualità, il controllo di gestione. All'Unità Amministrativa afferiscono le seguenti funzioni: La Segreteria distrettuale Gli Sportelli amministrativi per la gestione dell anagrafe sanitaria Lo Sportello Integrato La Segreteria dell UVMD L Ufficio Protesi e ausili L Unità Operativa Cure Primarie Include l'assistenza sanitaria di base, l'assistenza domiciliare anche integrata, i servizi e gli interventi di base a livello ambulatoriale, il governo dell'attività dei Medici di Medicina Generale, dei Pediatri di Libera Scelta e della Continuità Assistenziale. Comprende l'assistenza specialistica ambulatoriale, la riabilitazione funzionale diretta alla fase post-acuta, nonché la gestione tecnica del servizio protesi e ausili. Comprende il coordinamento e la verifica dell'attività delle Residenze Sanitarie Distrettuali, il coordinamento degli interventi e dei servizi a favore degli anziani, inclusi quelli forniti dalle strutture tutelari. Garantisce, su delega del direttore di distretto, il funzionamento della Unità Valutativa Multidimensionale Distrettuale - Area Adulti-Anziani. L'U.O. Complessa Cure Primarie assicura le seguenti attività tramite le UU.OO.SS. di seguito indicate A) ATTIVITA PRIMARIA, SPECIALISTICA E INFERMIERISTICA servizio infermieristico domiciliare servizio infermieristico ambulatoriale medicina specialistica domiciliare medicina specialistica ambulatoriale servizio prelievi segreteria specialistica diagnostica radiologica medici di medicina generale pediatri di libera scelta continuità assistenziale gestione della U.V.M.D. - area adulti-anziani coordinamento delle strutture residenziali per anziani i servizi sanitari dell ADI pediatrica B) RIABILITAZIONE riabilitazione ambulatoriale riabilitazione motoria e logopedica ambulatoriale 9

10 terapie fisiche assistenza protesica riabilitazione domiciliare riabilitazione motoria e logopedica domiciliare assistenza protesica L Unità Operativa Famiglia ed Età Evolutiva L Unità Operativa Complessa Famiglia ed Età Evolutiva comprende tutte quelle attività e le prestazioni ad alta integrazione socio-sanitaria che si pongono l'obiettivo di assistere, sostenere, curare il minore, l'individuo, la coppia e la famiglia. L'obiettivo principale è quello di garantire una continuità ed una rete di interventi integrati nell'ambito della promozione della salute, della diagnosi e della riabilitazione, in base alle esigenze specifiche delle fasi più importanti del ciclo di vita. Supporta la segreteria dell UVMD per i progetti di competenza. L'U.O. Complessa Famiglia ed Età Evolutiva assicura le seguenti attività tramite le Unità Operative sotto indicate: A) PREVENZIONE E RIABILITAZIONE IN ETA' EVOLUTIVA assistenza psicologica logopedia e riabilitazione assistenza protesica diagnostica specialistica consulenza specialistica terapia specialistica psicomotricità adempimenti per l inserimento scolastico delle persone disabili gestione UVMD area minori B) CONSULTORIO E TUTELA PRIMA INFANZIA ostetricia preparazione alla nascita problemi adolescenziali maternità e paternità responsabile adozioni mediazione familiare educazione sanitaria in menopausa ADI pediatrica ( ad integrazione del servizio fornito dall U.O. cure primarie) assistenza al puerperio e alla prima infanzia pediatria di comunità Unità vaccinale (in collaborazione con il Dipartimento di prevenzione) Unità Operativa POLO ADOLESCENTI Coordina i servizi e gli interventi di ascolto e accoglienza degli adolescenti ed in particolare Consultorio Giovani, Sosta in Corsa, Spazio Salute Maschio, Serd Adolescenti, Prevenzione e Riabilitazione in età evolutiva ed altri servizi convenzionati 10

11 Dipartimento per le Dipendenze Il Dipartimento si occupa dei soggetti consumatori e dipendenti da sostanze chimiche (droghe, alcool, tabacco, psicofarmaci) e non chimiche (gambling, dipendenza digitale etc.). Dipartimento per la Salute Mentale Il Dipartimento di Salute Mentale (DSM) è la struttura organizzativa dell Azienda Ulss 12 che ha il compito di coordinare gli interventi di prevenzione, diagnosi, cura, riabilitazione del disagio psichico della popolazione adulta del territorio di competenza. Unità Operativa Sanità Penitenziaria Svolge tutte le funzioni trasferite dal SSN per effetto del DCPM Modalità e criteri per il trasferimento al SSN delle funzioni sanitarie, dei rapporti di lavoro, delle risorse finanziarie e delle attrezzature e beni strumentali in materia di Sanità Penitenziaria e recepito dalla Giunta Regionale con DGR n 2144 del Referente Aziendale il Distretto 2 Tel UNITÀ OPERATIVA CURE PRIMARIE Assistenza sanitaria di base L assistenza sanitaria di base è regolamentata da Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale ai sensi dell art. 8 del d.lgs. n. 502 del 1992 e successive modificazioni ed integrazioni. Contenuto Comprende le attività e le prestazioni di educazione sanitaria, di medicina preventiva individuale, di diagnosi, cura e riabilitazione di primo livello fornite al Medico di Medicina Generale e dal Pediatra di Libera Scelta. Prestazioni gratuite - Visite domiciliari e ambulatoriali a scopo diagnostico e terapeutico con prescrizione di visite ed esami - Effettuazione delle vaccinazioni antinfluenzali nell ambito di campagne vaccinali rivolte a tutta la popolazione a rischio, promosse e organizzate dall Azienda Ulss - Prescrizione farmaci (validità 30 giorni dalla data di emissione per le ricette non ripetibili, 30 giorni per tutte le altre a carico del SSN, 6 mesi per le ripetibili a carico dell assistito) - Richieste di indagini specialistiche, proposte di ricovero o di cure termali - Rilascio certificazioni obbligatorie per legge ai fini della riammissione alla scuola dell obbligo, agli asili nido, alla scuola materna e alle scuole secondarie superiori - Rilascio certificazione di idoneità allo svolgimento di attività sportive non agonistiche nell ambito scolastico, a seguito di specifica richiesta dell autorità scolastica competente - Rilascio certificazione per l incapacità temporanea al lavoro - Rilascio certificazione per la riammissione al lavoro degli alimentaristi laddove previste 11

12 Prestazioni a pagamento - Rilascio delle valutazioni multidimensionali e connesse certificazioni relative alle prestazioni di assistenza domiciliare integrata,programmata e per l inserimento nelle residenze protette - certificati a uso assicurativo - certificati di richiesta invalidità - certificati di idoneità allo svolgimento di attività sportive non agonistiche - altri non compresi fra le prestazioni gratuite Visite ambulatoriali, domiciliari e visite occasionali L attività medica viene prestata nello studio del medico MMG e/o PLS o a domicilio, avuto riguardo alla non trasferibilità dell ammalato. Visite ambulatoriali Vengono effettuate dal medico di medicina generale/pediatra presso il proprio studio professionale, che deve essere aperto per 5 giorni alla settimana secondo un orario definito dal medico nell ambito di quanto previsto dalla convenzione. Il Sabato il medico non è tenuto a svolgere attività ambulatoriale. Visite domiciliari: modalità di accesso e fruizione Le richieste di visite domiciliari devono pervenire per via telefonica: i Medici di Medicina Generale e/o Pediatra sono reperibili telefonicamente dal Lunedì al Sabato dalle ore 8.00 alle ore La visita domiciliare viene eseguita di norma nel corso della stessa giornata, ove la richiesta pervenga entro le ore 10.00; ove invece, la richiesta pervenga dopo le ore 10.00, la visita sarà effettuata entro le ore del giorno successivo. La chiamata urgente recepita deve essere soddisfatta entro il più breve tempo possibile. Nelle giornate di sabato il medico e/o pediatra è obbligato ad eseguire le visite domiciliari richieste entro le ore dello stesso giorno, nonché quelle,eventualmente non ancora effettuate, richieste dopo le ore del giorno precedente. Visite occasionali I medici di assistenza primaria, MMG e PLS, iscritti negli elenchi sono tenuti a prestare la propria opera in regime di assistenza diretta solo nei confronti degli assistiti che li hanno preventivamente scelti. I medici, tuttavia, prestano la propria opera in favore dei cittadini che, trovandosi eccezionalmente al di fuori del proprio Comune di residenza, ricorrano all opera del medico. Le visite di cui sopra sono compensate direttamente dall assistito secondo le tariffe in vigore, gli importi possono venire rimborsati dalle Aziende Sanitarie del luogo di residenza anagrafica, ad alcune tipologie di utenti: - minori di anni 12 - cittadini di età superiore agli anni 60 - lavoratori e studenti dimoranti, per ragioni connesse all attività lavorativa e di studio, fuori dal proprio domicilio - cittadini portatori di handicap il cui grado di menomazione è superiore all 80% 12

13 Scelta/revoca e cambio del Medico di Medicina Generale / Pediatra di Libera Scelta Il rapporto tra l assistito ed il Medico di Medicina Generale e/o il Pediatra di Libera Scelta è fondato sulla fiducia. Tutti i cittadini italiani residenti nel territorio dell Azienda ULSS 12 Veneziana hanno diritto di scegliere liberamente nell ambito del proprio Comune e/o più Comuni afferenti allo stesso distretto il medico fra quelli che non hanno già in carico il numero massimo di assistiti. La scelta del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta può essere fatta in qualsiasi sede distrettuale dell Azienda ULSS 12. (vedi tabella pag. 14) Gli elenchi dei Medici di Medicina Generale e dei Pediatri di Libera Scelta sono esposti in ogni sede distrettuale e presso il sito Ciascun avente diritto, sceglie direttamente per se e per i propri familiari o soggetti anagraficamente conviventi il medico di fiducia fra quelli iscritti nell elenco. Per i cittadini extracomunitari in regola con le norme in materia di soggiorno sul territorio italiano, la scelta è a tempo determinato e ha validità pari a quella del permesso di soggiorno. La richiesta per i nuovi nati viene effettuata da uno dei genitori munito di autocertificazione (oppure certificato contestuale con neonato oppure certificato di nascita e di residenza o certificato di stato famiglia aggiornato con il nuovo nato). In casi di particolari situazioni l iscrizione può essere effettuata anche da un parente con la presentazione dello stato di famiglia completo di neonato, delega di uno dei due genitori e i documenti di identità del delegante e del delegato. Per i cittadini non residenti la scelta è a tempo determinato da un minimo di 3 mesi ad un massimo di 1 anno, fatte salve documentate situazioni in maggiore durata del permesso di soggiorno, alla quale sarà adeguata la durata della scelta provvisoria. La scelta è espressamente prorogabile. Per i domiciliati l iscrizione del nuovo medico può avvenire solo previa dimostrazione da parte del nuovo utente dell avvenuta cancellazione del medico precedente. La revoca e il cambio del Medico di Medicina Generale e del Pediatra di Libera Scelta può essere effettuata presso ciascuna sede distrettuale; deve essere effettuate personalmente, ovvero in casi eccezionali su delega, previa presentazione tessera sanitaria e documento d identità e codice fiscale dell assistito. Il medico di Medicina Generale/Pediatra viene informato mensilmente delle variazioni attraverso il ricevimento di elenchi predisposti dall Azienda Ulss. Per trasferimento e decesso la cancellazione viene effettuata d ufficio su segnalazione del Comune competente per territorio; non è quindi necessaria comunicazione dell Utente. L assistito che cambia residenza all interno del territorio dell Azienda Ulss deve recarsi agli sportelli dei distretti per la modifica sulla tessera sanitaria. 13

14 In caso di smarrimento della tessera sanitaria può essere richiesto rilascio del duplicato presso gli uffici dei distretti I cittadini stranieri immigrati irregolari in Italia (cioè privi di permesso di soggiorno valido) hanno diritto se affetti da particolari patologie hanno diritto al rilascio di un codice STP (stranieri temporaneamente presenti). Tabella sedi e orari Uffici Anagrafe Sanitaria Distretto 1 Dorsoduro 1454 Venezia (ex G.B. Giustinian) Distretto 2 Lido Cavallino Treporti Ca Savio Pellestrina Murano Burano Distretto 3 Via Cappuccina 129 Marghera Distretto 4 Favaro Marcon Quarto d Altino lunedì martedì venerdì lunedì - mercoledì - venerdì mercoledì e giovedì martedì giovedì lunedì - mercoledì mercoledì lunedì Martedì e giovedì Lunedì e giovedì Martedì e giovedì Lunedì e mercoledì Lunedì e giovedì Tel Tel Tel Tel Tel Tel Tel Tel Tel Tel Tel Altri servizi distrettuali Per informazioni rivolgersi alle segreterie dei distretti (vedi pag. 5) - autorizzazioni trasporti con idroambulanza o ambulanza su richiesta del Medico di medicina generale - rilascio blocchi per fornitura di prodotti dietetici a pazienti affetti da morbo celiaco (con rilascio di n. autorizzativo) e da insufficienza renale cronica - autorizzazione alla fornitura di prodotti dietetici a pazienti affetti da malattie rare in collegamento con il registro regionale per malattie rare - registrazione piani terapeutici personalizzati (per pazienti affetti da malattie rare) se rilasciati da centri accreditati fuori regione - anticipi di TFR per cure mediche necessarie e straordinarie - esenzione ticket per patologia e per reddito - consegna referti - rilascio TEAM (Tessera Europea Assistenza Malattia) - impegnative per visite specialistiche domiciliari 14

15 Il servizio di Continuità assistenziale (Guardia Medica) Definizione Il servizio di continuità assistenziale garantisce l assistenza medica di base a domicilio per situazioni di necessità e che si verificano durante le ore notturne o nei giorni festivi. Il servizio è attivo - dalle ore alle ore 8.00 di tutti i giorni feriali - dalle ore del sabato o di altro giorno prefestivo alle ore 8.00 del lunedì o comunque del giorno successivo al festivo. Modalità di accesso Accesso: tramite chiamata telefonica Punti di Continuità assistenziale Distretto n. 1 Venezia Distretto n. 2 Lido Pellestrina Murano c/o G.B. GIUSTINIAN Tel ex Ospedale al Mare Tel all interno della sede distrettuale c/o ex Ospedale di Pellestrina Tel all interno della sede distrettuale Corte Bigaglia Tel Burano all interno della sede distrettuale via S. Mauro 212 Tel Cavallino Treporti all interno della sede distrettuale c/o Villaggio 2000 Tel Distretto n. 3 Mestre presso Ospedale all Angelo Via Paccagnella, 11 Tel Distretto n. 4 Marcon Quarto D Altino all interno della sede distrettuale Via Tagliamento, 5 Tel

16 L assistenza sanitaria all estero Contenuti La Tessera Europea Assicurazione Malattia (TEAM) garantisce al cittadino comunitario, che si reca in un paese della Unione Europea o dello Spazio Economico Europeo (Islanda, Lichtenstein, Norvegia e Svizzera), di ottenere tutte le prestazioni medicalmente necessarie in modo da poter concludere il suo temporaneo soggiorno o rientrare in patria. Se si è sprovvisti della tessera europea e nell immediato ci si deve recare in uno dei paesi dell Unione Europea, ci si può rivolgere al Distretto Socio Sanitario di appartenenza per chiedere il Certificato che sostituisce provvisoriamente la Tessera Europea. Riferimenti Distrettuali Per l assistenza sanitaria al di fuori dei paesi dell Unione Europea vigono accordi bilaterali (es. Croazia, Argentina, Australia, Brasile) prima della partenza, è necessario munirsi dell apposito modulo che da diritto alle prestazioni assistenziali di carattere urgente. Il modulo va richiesto al proprio distretto di appartenenza. Sono escluse tassativamente dalla copertura sanitaria della TEAM, le cure programmate, o cosiddette di alta specializzazione, per le quali è necessario chiedere la preventiva autorizzazione sanitaria all Az. ULSS. La Commissione Europea ha previsto inoltre, la copertura sanitaria anche per altre tipologie di trasferimento all estero (es. per motivi di lavoro o di studio ecc.) per le quali è necessario chiedere all Az. ULSS l apposito modello. Per informazioni e altre tipologie di assistenza rivolgersi a: UFFICIO ESTERO: c/o Distretto n 3 Via Cappuccina 129 tel /8127 dal lunedì al venerdì

17 L Assistenza Infermieristica Domiciliare Contenuti L Assistenza Infermieristica Domiciliare è rivolta a pazienti temporaneamente o stabilmente non autosufficienti e impossibilitati a deambulare, che presentano bisogni di assistenza infermieristica. Non svolge attività d urgenza. Destinatari Destinatari dell Assistenza Domiciliare sono persone che si trovano in stato di bisogno sanitario o socio-sanitario assistenziale per le quali siano stati individuati programmi di intervento a domicilio prestato da più figure professionali tra loro integrate. E in particolare le persone che si trovino nelle seguenti condizioni: Patologie e pluripatologie cronico degenerative che determinino limitazioni dell autonomia; Patologie acute temporaneamente invalidanti Patologie in dimissione protetta da reparti ospedalieri Patologie che richiedono la nutrizione artificiale Patologie oncologiche in fase avanzata (svolta in collaborazione con l associazione di volontariato ODO AVAPO) Patologie HIV correlate in fase avanzata (organizzata dal reparto malattie infettive) Livelli assistenziali Domiciliari Il servizio assicura quindi ai cittadini nel proprio territorio i servizi e le prestazioni di: Assistenza domiciliare riabilitativa Assistenza domiciliare infermieristica Assistenza domiciliare programmata (ADP) Assistenza domiciliare integrata - profilo D Assistenza Specialistica Domiciliare Assistenza domiciliare riabilitativa Eroga prestazioni di riabilitazione estensiva in soggetti affetti da: - Disabilità transitoria e/o minimali che richiedano un semplice programma terapeuticoriabilitativo di prestazioni specialistiche. - Disabilità importanti con possibili esiti permanenti e anche a carattere involutivo, la cui presa in carico è supportata da un progetto riabilitativo. Modalità di accesso L Assistenza Domiciliare riabilitativa è autorizzata dal Distretto su richiesta del Medico di medicina generale o Pediatra di Libera Scelta per persona non deambulante né trasportabile con i comuni mezzi, previa valutazione del Fisiatra. Punti di contatto Distretto Socio Sanitario 1 Venezia c/o punto informativo Distretto Socio Sanitario 2 - Lido consegna impegnative MMG Da lunedì a venerdì Lunedì e mercoledì dal lunedì al venerdì 17

18 Servizi Riabilitazione Ex O.A.M.. Lido Distretto Socio Sanitario 3 - Mestre Via Cappuccina 129 U.O. Riabilitazione Distretto Socio Sanitario 4 Vicolo della Pineta, 32 Carpenedo stanza n tel dal Lunedì al Venerdì: tel da lunedì al venerdì Tel Assistenza domiciliare infermieristica Il Servizio eroga interventi infermieristici a domicilio per dare risposta ai bisogni assistenziali inerenti problemi di salute. L'infermiere è l'operatore sanitario responsabile dell'assistenza generale infermieristica. Agisce sia individualmente, sia in collaborazione con il Medico Curante o altre figure professionali coinvolte nel progetto assistenziale Modalità di accesso È necessario che il Medico di Medicina Generale emetta un impegnativa con richiesta del tipo di intervento necessario, riportando la dicitura persona non deambulante né trasportabile con i comuni mezzi. Il servizio contatterà telefonicamente la famiglia per definire la data dell accesso che avverrà in orario compreso tra le ore 7,00 e le ore 14,00. Nell impossibilità da parte della famiglia di rispettare la data concordata, si invita a darne comunicazione al Servizio Infermieristico Domiciliare. Assistenza domiciliare programmata (ADP) Per i pazienti impossibilitati a muoversi il Medico di Medicina Generale assicura la presenza periodica e sistematica al domicilio del paziente in relazione alle esigenze del paziente su autorizzazione del distretto. Modalità di accesso Richiesta del medico di medicina generale al distretto di competenza territoriale su apposita modulistica. Assistenza domiciliare integrata (ADI) È destinata a persone non autosufficienti o parzialmente non autosufficienti, con bisogni complessi, di qualsiasi età, che necessitano al proprio domicilio di interventi sanitari e assistenziali da parte di personale medico, infermieri distrettuali e personale addetto all assistenza. Il Medico di Medicina Generale effettua visite programmate stabilite in base alla gravità clinica e assicura le supervisione degli interventi. L infermiere effettua prestazioni proprie del Servizio infermieristico domiciliare. L addetto all assistenza messo a disposizione dal Comune effettua prestazioni di assistenza tutelare (cura dell igiene personale). Modalità di accesso Per accedere al Servizio, è necessario ritirare presso gli sportelli del Distretto la Domanda di Assistenza Sociosanitaria Territoriale e la scheda SVAMA (Scheda Valutazione Multidimensionale Anziano) che verranno compilate secondo le istruzioni allegate. La Domanda e la SVAMA compilate verranno poi consegnate allo Sportello Unico Integrato. Nella prima seduta utile e comunque entro 10 giorni lavorativi dalla presentazione della domanda, l UVMD valuterà la situazione complessiva del caso e, ove ne ravvisi la necessità, definirà un progetto assistenziale contenente il programma degli interventi a domicilio dell equipe di assistenza. 18

19 Sedi dei Servizi Infermieristici distrettuali Sedi distrettuali Distretto Socio Sanitario n. 1 Piano terra G.B. Giustinian Ufficio di Coordinamento SID Distretto Socio Sanitario 2 Lido Piano terra monoblocco Ambulatorio Infermieristico Distretto Socio Sanitario n. 2 Via Concordia, 29 Cavallino Treporti Ambulatorio Infermieristico Distretto Socio Sanitario 2 Pellestrina Sede distretto c/o ex Osp. Pellestrina Ambulatorio Infermieristico Distretto Socio Sanitario 2 Murano Sede Distrettuale Corte Bigaglia Ambulatorio Infermieristico Distretto Socio Sanitario 2 Burano Via San Mauro, 315 Burano Ambulatorio Infermieristico Distretto Socio Sanitario 3 Mestre Via Cappuccina 129 Ufficio Responsabile Sanitario Servizio infermieristico (consegna impegnative MMG) da martedì a venerdì Tel Fax dal Lunedì a Venerdì Tel Tel da Lunedì a Venerdì Tel Tel dalle alle Tel : ore martedì e giovedì: ore tel Centrale Operativa SID ADI Via Paganello 6- Mestre Distretto Socio Sanitario n 4 Vicolo della Pineta, 32 stanza n. 3 Ve Carpenedo Distretto Socio Sanitario n 4 Viale San Marco, 76 Sportello Amministrativo Marcon Distretto Socio Sanitario n 4 Via Tagliamento, 5 Sportello Amministrativo Quarto d Altino da lunedì a venerdi ore Tel Fax Mail: ore Tel : ore lunedì e mercoledì : ore Tel : ore lunedì e giovedì: ore Tel

20 Coordinatore infermieristico SID (Servizio Infermieristico Domiciliare) Distretto 1 Venezia Tel Distretto 2 Lido Tel Distretto 3 Via Paganello Tel (Sede Operativa) Distretto 4 Favaro - Marcon e Quarto D Altino Ve Carpendo - Vicolo della Pineta, 32 tel Standard di qualità Il servizio di Assistenza Domiciliare Integrata è certificato secondo le norme ISO 9001 L Assistenza Farmaceutica Contenuti Garantire all utente la fornitura di farmaci presso le farmacie territoriali anche in regime d urgenza. Modalità di accesso Nelle ore diurne dei giorni feriali si accede direttamente, secondo gli orari di apertura. Nelle ore diurne dei giorni pre-festivi e festivi e nelle ore notturne direttamente presso la farmacia di turno. (elenco consultabile presso il sito ) Distribuzione diretta farmaci Il Distretto cura la distribuzione diretta di alcuni farmaci che richiedono un particolare monitoraggio e un preciso piano terapeutico, tra i quali i farmaci per le malattie rare. Per le modalità di accesso rivolgersi alla segreteria del distretto. 20

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI 1 All. 2) GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 La Scuola Comunale dell Infanzia assume e valorizza le differenze individuali dei bambini nell ambito del processo

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE 2013 0 La Guida ai servizi territoriali del Distretto Socio-sanitario n. 20 : come e

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE)

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE) aggiornata ad Ottobre 2014 Indice pag. n. aggiornata ad Ottobre 2014 sanitarie che vengono offerte. Esiste un patto di solidarietà e fiducia che lega le strutture del Servizio Sanitario pubblico e il cittadino:

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale della Campania Assessorato alla Sanità Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria Settore Interventi a Favore di Fasce Socio-Sanitarie Particolarmente Deboli Servizio Riabilitazione

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1 1 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria 2 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria Il Consiglio regionale ha approvato la seguente legge: Art. 1 (Integrazione del comma 40 dell articolo 3 della

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI SALUTE E BENESSERE MASEC COS E È la mutua assistenza volontaria dei piccoli imprenditori e delle loro famiglie,

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Guida ai diritti del malato

Guida ai diritti del malato Guida ai diritti del malato ERRORI MEDICI? DIMISSIONI FORZATE? INVALIDITÀ CIVILI NEGATE? LISTE D ATTESA INTERMINABILI? CARTE DEI SERVIZI INTROVABILI? DANNI DA TRASFUSIONI E DA VACCINAZIONI OBBLIGATORIE?

Dettagli

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel SJ. '. :! I. l i,... ". ' ~i"ne 'Cumj'oniu f/$eddén&e Prot. D.3Wledel /.;j.,/!1f l.9-,ç; Ai Commissari Straordinari delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere Ai Direttori

Dettagli

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI A cura di Rossella Segurini Azienda Usl di Ravenna - U.O. Direzione Amministrativa dell Assistenza Distrettuale Procedimenti

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007 Servizio Sanitario Nazionale - Regione del Veneto AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO - SANITARIA N. 8 Sede Legale: Via Forestuzzo, 41 Asolo (TV) Comuni: Altivole, Asolo, Borso del Grappa, Caerano di San Marco,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli