MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE"

Transcript

1 MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Consumi e manutenzioni di esercizio o non servizi per servizi non e erogazione di Assistenza a collettiva in ambiente di vita e di lavoro Igiene e sanità pubblica Igiene degli alimenti e della nutrizione Prevenzione e sicurezza degli ambienti di lavoro Sanità pubblica veterinaria Attività di prevenzione rivolta alla persona Servizio medico legale Assistenza distrettuale Guardia medica Medicina generale Medicina generica Pediatria di libera scelta Emergenza a territoriale Assistenza farmaceutica Ass. farmaceutica erogata tramite le farmacie convenzionate Altre forme di erogazione dell assistenza farmaceutica Assistenza Integrativa Assistenza specialistica Attività clinica Attività di laboratorio Attività di diagnostica strumentale e per immagini Assistenza Protesica Assistenza territoriale ambulatoriale e domiciliare assistenza programmata a domicilio (ADI) assistenza alle donne, famiglia, coppie (consultori) Assistenza psichiatrica Assistenza riabilitativa ai disabili Assistenza ai tossicodipendenti Assistenza agli anziani Assistenza ai malati terminali Assistenza a persone affette da HIV Assistenza territoriale semiresidenziale Assistenza psichiatrica Assistenza riabilitativa ai disabili Assistenza ai tossicodipendenti Assistenza agli anziani Assistenza a persone affette da HIV Assistenza ai malati terminali Assistenza territoriale residenziale Assistenza psichiatrica Assistenza riabilitativa ai disabili Assistenza ai tossicodipendenti Assistenza agli anziani Assistenza a persone affette da HIV Assistenza ai malati terminali Assistenza Idrotermale Assistenza ospedaliera Attività di pronto soccorso Ass. ospedaliera per acuti in Day Hospital e Day Surgery in degenza ordinaria Interventi ospedalieri a domicilio Ass. ospedaliera per lungodegenti Ass. ospedaliera per riabilitazione Emocomponenti e servizi trasfusionali Trapianto organi e tessuti TOTALE Modello Ministeriale LA 1 25/09/2013

2 MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE REGIONE 030 ASL /AO 979 CONSUNTIVO ANNO Consumi e manutenzioni di esercizio non e servizi per servizi non erogazione di o Allegato 1 A1101 formazione del personale A1102 sistemi informativi e statistici A1103 altri oneri di gestione A A2101 A2102 A2201 A2202 per assistenza farmaceutica per assistenza farmaceutica A2203 A A2204 A3204 per assistenza specialistica per assistenza specialistica A2205 A A2206 A3206 A2207 A2208 A2209 A2210 A2211 A2214 A2215 A2216 Allegato 2 Mobilità intraregionale per assistenza a collettiva in ambiente di vita e di lavoro per assistenza distrettuale per assistenza a di base per assistenza termale per assistenza di emergenza a per assistenza terr. ambulatoriale e domiciliare per assistenza territoriale semiresidenziale per assistenza territoriale residenziale per assistenza protesica per assistenza ospedaliera per assistenza ospedaliera A2301 A A2302 A3302 A3101 A3102 A3201 A3202 A3207 A3208 A2209 A2210 A2211 A2214 A2215 A2216 Allegato 3 Mobilità interregionale per assistenza a collettiva in ambiente di vita e di lavoro per assistenza distrettuale per assistenza a di base per assistenza termale per assistenza di emergenza a per assistenza terr. ambulatoriale e domiciliare per assistenza territoriale semiresidenziale per assistenza territoriale residenziale per assistenza protesica MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE REGIONE 030 ASL /AO 979 CONSUNTIVO ANNO Allegato 4 detenuti Allegato 5 Prestazioni eventualmente erogate non riconducibili ai livelli essenziali di assistenza A4201 A4202 assistenza territoriale, ambulatoriale e domiciliare ai tossicodipendenti internati o detenuti assistenza territoriale semiresidenziale ai tossicodipendenti internati o detenuti 379 A5001 Prestazioni di cui all'allegato 2 A del DPCM 29 novembre 2001 chirugia estetica A4203 assistenza territoriale residenziale ai tossicodipendenti internati o detenuti A5002 circoncisione rituale maschile A5003 A5004 A5005 A5006 medicine non convenzionali vaccinazioni non obbligatorie in occasione di soggiorni all'estero certificazioni mediche di medicina fisica, riabilitativa ambulatoriale indicate nell'allegato 2 A), escluse laserterapia antalgica, elettroterapia antalgica, ultrasuonoterapia, mesoterapia) Allegato 6 stranieri irregolari A5007 di laserterapia antalgica, elettroterapia antalgica, ultrasuonoterapia, mesoterapia (qualora non incluse nell'allegato 2B su disposizione regionale) A6001 Attività di prevenzione nei confronti di stranieri irregolari Altre escluse dai LEA A6002 Assistenza distrettuale nei confronti di stranieri irregolari 10 A5108 assegno di cura A6003 Assistenza ospedaliera nei confronti di stranieri irregolari 992 A5109 contributo per la pratica riabilitativa denominata metodo DOMAN A5110 ausili tecnici non inseriti nel nomenclatore tariffario, materiale d'uso e di medicazione A5111 prodotti aproteici A5112 A5113 A5114 A5115 A5199 A5999 aggiuntive MMG e PLS previste da accordi regionali/aziendali farmaci di fascia C per persone affette da malattie rare rimborsi per spese di viaggio e soggiorno per cure ex ONIG a invalidi di guerra altro TOTALE ALLEGATI LA 2 25/09/2013

3 MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA ATTIVITA' SANITARIA (AO) Assistenza a collettiva in ambiente di vita e di lavoro Igiene e sanità pubblica Igiene degli alimenti e della nutrizione Prevenzione e sicurezza degli ambienti di lavoro Sanità pubblica veterinaria Attività di prevenzione rivolta alla persona a a) Vaccinazioni 10500b b) Attività di "Screening" c c) Altre attività di prevenzione rivolte alla persona Servizio medico legale 10600a a)attività del Servizio medicolegale 10600b b) Visite Fiscali 10600c c) Attivtà di Medicina sportiva Assistenza distrettuale Guardia medica Medicina generale Medicina generica 20201a a) Attività in convenzione 20201b b) erogate in ADI/ADP 20201c c) erogate in RSA/Case protette e assistenza semiresidenziale 20201d d) campagne vaccinali Pediatria di libera scelta 20202a a) Attività in convenzione 20202b b) erogate in ADI/ADP 20202c d) campagne vaccinali Emergenza a territoriale Assistenza farmaceutica Ass. farmaceutica erogata tramite le farmacie convenzionate Consumi e manutenzioni di esercizio non e servizi per erogazione di servizi non Altre forme di erogazione dell assistenza farmaceutica ( "Doppio canale" e "Primo ciclo terapeutico") a Farmaci del File F (ad esclusione "Doppio canale", "Primo ciclo terapeutico" e incluso Farmaci Fascia H) Assistenza Integrativa Assistenza specialistica Attività clinica Attività di laboratorio Attività di diagnostica strumentale e per immagini Assistenza Protesica Assistenza territoriale ambulatoriale e domiciliare assistenza programmata a domicilio (ADI) assistenza alle donne, famiglia, coppie (consultori) Assistenza psichiatrica a a) a favore di persone con problemi psichiatrici; o LASAN 3 25/09/2013

4 MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA ATTIVITA' SANITARIA (AO) Consumi e manutenzioni di esercizio non e servizi per erogazione di servizi non 20803b Assistenza b) a favore a di minori con collettiva problemi in neuropsichiatrici ambiente di vita e di lavoro Assistenza riabilitativa ai disabili o Assistenza ai tossicodipendenti Assistenza agli anziani Assistenza ai malati terminali Assistenza a persone affette da HIV Assistenza territoriale semiresidenziale Assistenza psichiatrica a a) a favore di persone con problemi psichiatrici; b b) a favore di minori con problemi neuropsichiatrici Assistenza riabilitativa ai disabili Assistenza ai tossicodipendenti Assistenza agli anziani Assistenza a persone affette da HIV Assistenza ai malati terminali Assistenza territoriale residenziale Assistenza psichiatrica Assistenza riabilitativa ai disabili Assistenza ai tossicodipendenti Assistenza agli anziani Assistenza a persone affette da HIV Assistenza ai malati terminali Assistenza Idrotermale Assistenza ospedaliera Attività di pronto soccorso a a) Attività di Pronto Soccorso non seguita da ricovero b b) Attività di Pronto Soccorso seguita da ricovero Ass. ospedaliera per acuti in Day Hospital e Day Surgery in degenza ordinaria Interventi ospedalieri a domicilio Ass. ospedaliera per lungodegenti Ass. ospedaliera per riabilitazione Emocomponenti e servizi trasfusionali Trapianto organi e tessuti TOTALE (SANITARIO) LASAN 4 25/09/2013

5 MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA ATTIVITA' SANITARIA CONSOLIDATO (AO) Consumi e manutenzioni di esercizio non servizi per servizi non o e erogazione di Assistenza a collettiva in ambiente di vita e di lavoro Igiene e sanità pubblica Igiene degli alimenti e della nutrizione Prevenzione e sicurezza degli ambienti di lavoro Sanità pubblica veterinaria Attività di prevenzione rivolta alla persona a a) Vaccinazioni 10500b b) Attività di "Screening" c c) Altre attività di prevenzione rivolte alla persona Servizio medico legale 10600a a)attività del Servizio medicolegale 10600b b) Visite Fiscali 10600c c) Attivtà di Medicina sportiva Assistenza distrettuale Guardia medica Medicina generale Medicina generica 20201a a) Attività in convenzione 20201b b) erogate in ADI/ADP 20201c c) erogate in RSA/Case protette e assistenza semiresidenziale 20201d d) campagne vaccinali Pediatria di libera scelta 20202a a) Attività in convenzione 20202b b) erogate in ADI/ADP 20202c d) campagne vaccinali Emergenza a territoriale Assistenza farmaceutica Ass. farmaceutica erogata tramite le farmacie convenzionate Altre forme di erogazione dell assistenza farmaceutica ( "Doppio canale" e "Primo ciclo terapeutico") 20402a Farmaci del File F (ad esclusione "Doppio canale", "Primo ciclo terapeutico" e incluso Farmaci Fascia H) Assistenza Integrativa Assistenza specialistica Attività clinica Attività di laboratorio Attività di diagnostica strumentale e per immagini Assistenza Protesica Assistenza territoriale ambulatoriale e domiciliare assistenza programmata a domicilio (ADI) assistenza alle donne, famiglia, coppie (consultori) Assistenza psichiatrica a a) a favore di persone con problemi psichiatrici; LACONS 5 25/09/2013

6 MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA ATTIVITA' SANITARIA CONSOLIDATO (AO) Consumi e manutenzioni di esercizio non servizi per servizi non o e erogazione di 20803b Assistenza b) a favore a di minori con collettiva problemi in neuropsichiatrici ambiente di vita e di lavoro Assistenza riabilitativa ai disabili Assistenza ai tossicodipendenti Assistenza agli anziani Assistenza ai malati terminali Assistenza a persone affette da HIV Assistenza territoriale semiresidenziale Assistenza psichiatrica a a) a favore di persone con problemi psichiatrici; b b) a favore di minori con problemi neuropsichiatrici Assistenza riabilitativa ai disabili Assistenza ai tossicodipendenti Assistenza agli anziani Assistenza a persone affette da HIV Assistenza ai malati terminali Assistenza territoriale residenziale Assistenza psichiatrica Assistenza riabilitativa ai disabili Assistenza ai tossicodipendenti Assistenza agli anziani Assistenza a persone affette da HIV Assistenza ai malati terminali Assistenza Idrotermale Assistenza ospedaliera Attività di pronto soccorso a a) Attività di Pronto Soccorso non seguita da ricovero b b) Attività di Pronto Soccorso seguita da ricovero Ass. ospedaliera per acuti in Day Hospital e Day Surgery in degenza ordinaria Interventi ospedalieri a domicilio Ass. ospedaliera per lungodegenti Ass. ospedaliera per riabilitazione Emocomponenti e servizi trasfusionali Trapianto organi e tessuti TOTALE (SANITARIO) LACONS 6 25/09/2013

7 MODELLO DI RILEVAZIONE LIVELLI DI ASSISTENZA SINTESI Consumi e manutenzioni di esercizio Costi per acquisti di servizi o amministrativo % 1 Assistenza a collettiva in ambiente di vita e di lavoro 2 Assistenza distrettuale Guardia medica Medicina generale Emergenza a territoriale Assistenza farmaceutica Assistenza Integrativa Assistenza specialistica Assistenza Protesica Assistenza territoriale ambulatoriale e domiciliare Assistenza territoriale semiresidenziale Assistenza territoriale residenziale Assistenza Idrotermale 3 Assistenza ospedaliera Attività di pronto soccorso Assistenza ospedaliera per acuti Interventi ospedalieri a domicilio Assistenza ospedaliera per lungodegenti Assistenza ospedaliera per riabilitazione Emocomponenti e servizi trasfusionali Trapianto organi e tessuti TOTALE ,1% ,6% ,3% ,0% SINTESI 25/09/2013

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro servizi sanitari per servizi non sanitarie erogazione di sanitari 10100 Igiene e sanità pubblica 10200 Igiene degli alimenti e della nutrizione

Dettagli

Livelli di Assistenza

Livelli di Assistenza Livelli di Assistenza Consuntivo 2009 Azienda : 801 28.01.14 14:17 TS001 TS002 TS003 TS004 TS005 TS006 TS007 TS008 TS009 TS00P TS010 TS011 TS012 TS013 TS014 TS015 TS016 TS017 esercizio sanitari esercizio

Dettagli

Livelli di Assistenza

Livelli di Assistenza Livelli di Assistenza Consuntivo 2012 Azienda : 106 27.11.14 14:34 TS001 TS002 TS003 TS004 TS005 TS006 TS007 TS008 TS009 TS00P TS010 TS011 TS012 TS013 TS014 TS015 TS016 TS017 esercizio sanitari esercizio

Dettagli

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Macrovoci economiche Consumi e manutenzioni di esercizio non e servizi per servizi

Dettagli

Interrogazioni - 2014 Gestione in Linea - 2014 Quadratura - 2014 Acquisizione da File - 2014 Interrogazione Errori - 2014

Interrogazioni - 2014 Gestione in Linea - 2014 Quadratura - 2014 Acquisizione da File - 2014 Interrogazione Errori - 2014 Pagina 1 di 5 Flussi Economici HelpDesk Interrogazioni - 2014 Gestione in Linea - 2014 Quadratura - 2014 Acquisizione da File - 2014 Interrogazione Errori - 2014 Ente: 200 905 SARDEGNA - AZIENDA OSPEDALIRO

Dettagli

Livelli di Assistenza

Livelli di Assistenza Livelli di Assistenza Consuntivo 2013 Azienda : 106 27.11.14 14:34 TS001 TS002 TS003 TS004 TS005 TS006 TS007 TS008 TS009 TS00P TS010 TS011 TS012 TS013 TS014 TS015 TS016 TS017 esercizio sanitari esercizio

Dettagli

OGGETTO DELLA RILEVAZIONE. Personale del ruolo ammini-strativo. Personale del ruolo professionale. Personale del ruolo sanitario

OGGETTO DELLA RILEVAZIONE. Personale del ruolo ammini-strativo. Personale del ruolo professionale. Personale del ruolo sanitario PANNELLO CONTROLLO MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE STRUTTURA RILEVATA OGGETTO DELLA RILEVAZIONE REGIONE ASL

Dettagli

VALORI IN MIGLIAIA DI EURO E SENZA SEGNO

VALORI IN MIGLIAIA DI EURO E SENZA SEGNO MODELLO LA - 214 Codice LA A111 A112 Allegato 1 Macrovoci economiche ALL. 1 - ONERI SOSTENUTI PER FORMAZIONE DEL PERSONALE ALL. 1 - ONERI SOSTENUTI PER SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI CODICE AZIENDA Consumi

Dettagli

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Consumi manutnzioni di srcizio non pr o Prsonal dl Sopravvni nz / insussistnz minusvaln z Assistnza a collttiva in ambint di vita di lavoro 10100 Igin sanità pubblica 10200 Igin dgli alim dlla nutrizion

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione SCHEDE ALLEGATO A Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione Titolo 1 Nomine e designazioni da parte della regione,

Dettagli

I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli

I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli ASSESSORATO ALLE POLITCHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli 1 I Livelli essenziali

Dettagli

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA 1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Nella tabella riepilogativa, per le singole tipologie erogative di carattere socio sanitario, sono evidenziate, accanto al richiamo alle prestazioni sanitarie, anche

Dettagli

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente La spesa corrente del Servizio sanitario nazionale si è attestata per l anno 2008 a 106.621.951 migliaia di euro (nel 2007=103.095.707 migliaia di euro; nel 2006=99.231.005

Dettagli

I livelli essenziali di assistenza (LEA): prima parte di un racconto in tre puntate

I livelli essenziali di assistenza (LEA): prima parte di un racconto in tre puntate 31 I livelli essenziali di assistenza (LEA): prima parte di un racconto in tre puntate Carlo Zocchetti Direzione Generale Sanità Regione Lombardia carlo_zocchetti@regione.lombardia.it 1 Introduzione Quante

Dettagli

Legenda centri di responsabilità: CdR centri di costo: cdc centri di rilevazione per l'acquisto di prestazioni finali da terzi soggetti erogatori: cda

Legenda centri di responsabilità: CdR centri di costo: cdc centri di rilevazione per l'acquisto di prestazioni finali da terzi soggetti erogatori: cda REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Partita IVA no 0286642079 PIANO AZIENDALE DEI CENTRI DI RILEVAZIONE (allegato delibera n. del ) Legenda centri

Dettagli

La sostenibilità economica

La sostenibilità economica La sostenibilità economica Il contenimento dei costi come sfida per l efficienza Il crescere dei bisogni legato all invecchiamento della popolazione, con la conseguente crescita in complessità e volumi

Dettagli

Cartella 02: Requisiti ulteriori specifici di accreditamento strutture sanitarie e sociosanitarie.

Cartella 02: Requisiti ulteriori specifici di accreditamento strutture sanitarie e sociosanitarie. Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 25/ 29 del 1.7.2010 Elenco documentazione Cartella 01: Requisiti generali strutture sanitarie e sociosanitarie. Requisiti generali autorizzativi delle strutture sanitarie

Dettagli

Relazione allegata - Aziende del Servizio Sanitario Nazionale (A.S.L. e A.O.)

Relazione allegata - Aziende del Servizio Sanitario Nazionale (A.S.L. e A.O.) Relazione allegata al Conto annuale 2012 (Consuntivo attività) Relazione allegata - Aziende del Servizio Sanitario Nazionale (A.S.L. e A.O.) Dalla rilevazione del 2011 la Relazione allegata al conto annuale

Dettagli

ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n.

ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n. Marca da bollo 10 Spett.le Ufficio del Lavoro SEDE ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n.28/1991 Il sottoscritto Cod.

Dettagli

1 di 42. UOC Programmaz. e Controllo S. Staff Direzione Generale ASP Cosenza

1 di 42. UOC Programmaz. e Controllo S. Staff Direzione Generale ASP Cosenza A AZIENDA 1 AAT AREA TERRITORIALE A 2 AAT900 Costi comuni area dei servizi sanitari territoriali AAT 3 AAT90099 Costi comuni area dei servizi sanitari territoriali AAT900 4 AAT9009901 Costi comuni area

Dettagli

PIANO DEI CENTRI DI COSTO

PIANO DEI CENTRI DI COSTO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Valentia Partita IVA n 02866420793 Allegato A alla delibera n. 109/CS del 8.2.2012 PIANO DEI CENTRI DI COSTO

Dettagli

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE 1. POPOLAZIONE... 17 1.1. Popolazione residente... 17 1.1.1. La distribuzione sul territorio... 19 1.1.2. Struttura della popolazione... 20 1.1.3. Speranza di vita...

Dettagli

INDICE. La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi

INDICE. La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi INDICE Presentazione La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi L articolazione dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) in termini organizzativi

Dettagli

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza:

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza: Informazioni sulle strutture e i servizi forniti Questa parte della Carta dei Servizi contiene informazioni sintetiche sulle strutture e i servizi dell Azienda Sanitaria Provinciale. Per le informazioni

Dettagli

Linee guida per la gestione della contabilità analitica e per la costruzione del modello LA

Linee guida per la gestione della contabilità analitica e per la costruzione del modello LA REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA Linee guida per la gestione della contabilità analitica e per la costruzione del modello LA

Dettagli

1 di 40. UOC Programmaz. e Controllo S. Staff Direzione Generale ASP Cosenza

1 di 40. UOC Programmaz. e Controllo S. Staff Direzione Generale ASP Cosenza A AZIENDA 1 AAT AREA TERRITORIALE A 2 AAT900 Costi comuni area dei servizi sanitari territoriali AAT 3 AAT90099 Costi comuni area dei servizi sanitari territoriali AAT900 4 AAT9009901 Costi comuni area

Dettagli

DIREZIONE DEI SERVIZI SOCIALI COORDINAMENTO DISTRETTI

DIREZIONE DEI SERVIZI SOCIALI COORDINAMENTO DISTRETTI DIREZIONE DEI SERVIZI SOCIALI COORDINAMENTO DISTRETTI Responsabile Procedimento: Dott. Danilo Corrà - mail: danilo.corra@ulss12.ve.it; numero di telefono: 041.2608735 DESCRIZIONE PROCEDIMENTO 1 Gestione

Dettagli

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio 1 Il territorio 2 Il territorio: tendenze evolutive Aumentata l aspettativa di vita: U = 76 anni D = 82,4 anni Patologie croniche prevalgono su quelle acute Possibilità di eseguire piccoli interventi chirurgici

Dettagli

Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza)

Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) Susanna Conti Direttora dell Ufficio di Statistica dell Istituto Superiore della Sanità ALCUNE CONSIDERAZIONI

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Andamento spesa sanitaria nazionale e regionale 2008-2014 Pubblichiamo l aggiornamento dei dati sulla spesa sanitaria nazionale e regionale relativi al periodo 2008-2014, con particolare attenzione alle

Dettagli

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono obbligatori: -cognome, nome dell assistito o iniziali, dove prescritto

Dettagli

Update in Endocrinologia Clinica

Update in Endocrinologia Clinica 12 Congresso Nazionale AME 6th Joint Meeting with AACE Update in Endocrinologia Clinica Simposi Gestionali: ESENZIONI PER PATOLOGIA ENDOCRINA Normativa generale Flora Cesario Endocrinologia e Malattie

Dettagli

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Il patrimonio informativo delle strutture della rete sanitaria Dott.ssa Cristina Tamburini Direzione Generale

Dettagli

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE VALLE D'AOSTA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

Prestazioni Parzialmente escluse dai LEA in quanto erogabili solo secondo specifiche indicazioni cliniche

Prestazioni Parzialmente escluse dai LEA in quanto erogabili solo secondo specifiche indicazioni cliniche TABELLA A: Sintesi dei provvedimenti adottati dalle Regioni e Province autonome in attuazione degli allegati 2A, 2B e 2C del d.p.c.m. 29 novembre 2001 sui Livelli essenziali di assistenza REGIONE ATTO

Dettagli

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE... 1 PROFILO SINTETICO DELLA SANITÁ PROVINCIALE... 5 TABELLE RIASSUNTIVE DEGLI INDICATORI... 23 1. POPOLAZIONE...

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE... 1 PROFILO SINTETICO DELLA SANITÁ PROVINCIALE... 5 TABELLE RIASSUNTIVE DEGLI INDICATORI... 23 1. POPOLAZIONE... Indice I INDICE GUIDA ALLA CONSULTAZIONE... 1 PROFILO SINTETICO DELLA SANITÁ PROVINCIALE... 5 TABELLE RIASSUNTIVE DEGLI INDICATORI... 23 PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE 1. POPOLAZIONE... 43 1.1. STRUTTURA

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

1) Servizi di Emergenza Territoriale

1) Servizi di Emergenza Territoriale Disposizioni relative agli oneri dei Servizi di Soccorso e Trasporto Sanitario (DGRV 1411/2011) 1) Servizi di Emergenza Territoriale Interventi di soccorso sanitario Attribuzione dell onere: A carico del

Dettagli

Organizzazione Sanitaria internazionale e nazionale Perugia, Ottobre 2012 Dr. Paolo Menichetti 1. Organizzazione sanitaria internazionale 2. Organizzazione sanitaria italiana: fasi storiche 3. Organizzazione

Dettagli

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria PAGINA 1 DI 5 ALLEGATO A Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e prestazioni sanitarie a rilevanza sociale della Società della Salute Zona Pisana Premessa La Società della Salute Zona

Dettagli

ALLEGATO 1 1.A CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI

ALLEGATO 1 1.A CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI ALLEGATO 1 1.A CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI Le prestazioni di assistenza sanitaria garantite dal servizio sanitario nazionale sono quelle riconducibili ai seguenti Livelli Essenziali di Assistenza: 1. Assistenza

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Decreto del Presidente del Consiglio del 29/11/2001 Titolo del provvedimento: Definizione dei livelli essenziali di assistenza. (Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 33 del 08/02/2002 - supplemento ordinario)

Dettagli

Organizzazione Sanitaria internazionale i e nazionale Perugia, Ottobre 2010 Dr. Paolo Menichetti 1. Organizzazione sanitaria internazionale 2. Organizzazione sanitaria italiana: fasi storiche 3. Organizzazione

Dettagli

Decreto Presidente Consiglio Ministri 29 novembre 2001 (in GU 8 febbraio 2002, n. 33)

Decreto Presidente Consiglio Ministri 29 novembre 2001 (in GU 8 febbraio 2002, n. 33) Decreto Presidente Consiglio Ministri 29 novembre 2001 (in GU 8 febbraio 2002, n. 33) Definizione dei livelli essenziali di assistenza IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI VISTO il decreto legislativo

Dettagli

DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE

DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE Con il modello si intende costituire, al 1 gennaio 2007, l anagrafe delle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate e delle strutture sociosanitarie

Dettagli

Università degli Studi di Verona

Università degli Studi di Verona Università degli Studi di Verona L appropriatezza nel campo delle prestazioni sanitarie: i Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) e le prestazioni della Medicina Fisica Riabilitativa ambulatoriale nella

Dettagli

Tariffari e politiche di rimborsi regionali

Tariffari e politiche di rimborsi regionali L attività di day surgery nella Regione Lombardia è praticata sin dagli anni 70 in diverse strutture ospedaliere della Regione; dove venivano trattate in day hospital alcune patologie ortopediche pediatriche

Dettagli

Brescia, 2 settembre 2011 Le nuove regole regionali per gli ospedali

Brescia, 2 settembre 2011 Le nuove regole regionali per gli ospedali Brescia, 2 settembre 2011 Le nuove regole regionali per gli ospedali Angelo Bianchetti Come si finanzia l ospedale Remunerazione attività tariffate: Attività di degenza (ricovero e DH) per acuti remunerate

Dettagli

I principi cui si ispira il Servizio sanitario nazionale sono: il principio dell universalità degli utenti; il principio dell eguaglianza; il

I principi cui si ispira il Servizio sanitario nazionale sono: il principio dell universalità degli utenti; il principio dell eguaglianza; il Parte Seconda Le prestazioni sanitarie I principi cui si ispira il Servizio sanitario nazionale sono: il principio dell universalità degli utenti; il principio dell eguaglianza; il principio della globalità

Dettagli

REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITÀ Servizio Gestione accentrata Finanza Sanità

REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITÀ Servizio Gestione accentrata Finanza Sanità NOTA ILLUSTRATIVA al Conto Economico preventivo consolidato 2013 Il conto economico è stato redatto in applicazione del D.Lgs 118/2011 utilizzando lo schema di bilancio così come da comunicazione ufficiale

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

P.A. BOLZANO INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE. Anno Regione Norma Descrizione Titolo Capitolo

P.A. BOLZANO INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE. Anno Regione Norma Descrizione Titolo Capitolo P.A. BOLZANO NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

Le regole del SSR Lombardo

Le regole del SSR Lombardo Le regole del SSR Lombardo Massimo Molteni Il Sistema Socio-Sanitario Lombardo Assessorato alla Sanità Servizi Sanitari Territoriali Prevenzione, tutela sanitaria, sicurezza luoghi di lavoro e emergenze

Dettagli

IL QUADRO LEGISLATIVO

IL QUADRO LEGISLATIVO CAPITOLO TERZO IL QUADRO LEGISLATIVO 1. LA COSTITUZIONE Le leggi riportate in questo capitolo sono ordinate in senso cronologico per meglio mettere in evidenza la crescente sensibilità del legislatore

Dettagli

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base Prof. A. Mistretta Il medico di medicina generale (MMG) Garantisce l assistenza sanitaria Si assicura di promuovere e salvaguardare la salute in un rapporto

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale Medicina e Chirurgia I anno, II semestre

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale Medicina e Chirurgia I anno, II semestre UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale Medicina e Chirurgia I anno, II semestre Modulo: ORGANIZZAZIONE E PROGRAMMAZIONE SANITARIA DI BASE Docente:

Dettagli

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre 5 gg lavorativi 5 gg lavorativi successivi all'invio

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre 5 gg lavorativi 5 gg lavorativi successivi all'invio flussi invio mensile SCADENZE FLUSSI INFORMATIVI CORRELATI AL MONITORAGGIO MENSILE DI CUI AL'ART. 50 (COMMA 11) E AGLI ADEMPIMENTI DA DECRETI MINISTERO SALUTE Flusso Scadenza prevista nell'annualità per

Dettagli

1 di 34 12/09/2013 10:33

1 di 34 12/09/2013 10:33 1 di 34 12/09/2013 10:33 D.P.C.M. 29 novembre 2001 (1) Definizione dei livelli essenziali di assistenza (2) IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502,

Dettagli

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale Azienda ULSS n. 8 - Piano triennale di prevenzione della corruzione 2014-2016 ALLEGATO N. 2 L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

Legislazione della sanità e della salute: un caso di studio. Indice

Legislazione della sanità e della salute: un caso di studio. Indice LEZIONE LEGISLAZIONE DELLA SANITA E DELLA SALUTE: UN CASO DI STUDIO DOTT.GIANLUCA D AIUTO Indice 1 I LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA -----------------------------------------------------------------------------

Dettagli

D.P.C.M. 29 novembre 2001 Definizione dei livelli essenziali di assistenza. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

D.P.C.M. 29 novembre 2001 Definizione dei livelli essenziali di assistenza. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo vigente alla data del 22 febbraio 2013 D.P.C.M. 29 novembre 2001 Definizione dei livelli essenziali di assistenza. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto il decreto legislativo 30 dicembre

Dettagli

UMBRIA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI

UMBRIA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI UMBRA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Codice dell'ospedalità Privata Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 28 DEL 26 GIUGNO 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 28 DEL 26 GIUGNO 2006 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 6 giugno 2006 - Deliberazione N. 737 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria - Regolamentazione farmaci di fascia H: modalita di prescrizione

Dettagli

(D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) ANNO 2011

(D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) ANNO 2011 (D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) MAGGIO 2014 I N D I C E PREMESSA ELENCO DEI MODELLI DI RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA' GESTIONALI ED ECONOMICHE DELLE A.S.L. TABELLE DI DECODIFICA DELLE DISCIPLINE

Dettagli

TABELLE. Presidi di ricovero a ciclo continuo e diurno per acuti di classe B

TABELLE. Presidi di ricovero a ciclo continuo e diurno per acuti di classe B ALLEGATO 1 TABELLE 1. Tipologie di presidi B1.a TIPOLOGIA PRESIDIO Presidi ambulatoriali: prestazioni di specialistica e diagnostica - classe 1 (extraospedaliero) B1.b Presidi ambulatoriali: prestazioni

Dettagli

Assetti di Governance dei Servizi Territoriali. Le cure primarie: Il caso della ASL di L Aquila

Assetti di Governance dei Servizi Territoriali. Le cure primarie: Il caso della ASL di L Aquila Assetti di Governance dei Servizi Territoriali Le cure primarie: Il caso della Introduzione Profilo Aziendale Indice Il Governo dei servizi territoriali: la scelta dell Il modello di Programmazione e Controllo

Dettagli

I flussi ed i sistemi informativi come strumento di valorizzazione e di monitoraggio del sistema di assistenza territoriale a garanzia dei LEA

I flussi ed i sistemi informativi come strumento di valorizzazione e di monitoraggio del sistema di assistenza territoriale a garanzia dei LEA I flussi ed i sistemi informativi come strumento di valorizzazione e di monitoraggio del sistema di assistenza territoriale a garanzia dei LEA Vito Bavaro Ufficio Sistemi Informativi e Flussi Informativi

Dettagli

GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE

GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE GLOSSARIO ( Valide per tutti i piani sanitari relativamente alle forme di assistenza in essi previsti ) Franchigia/ scoperto Parte del danno indennizzabile, espressa

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E DI BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E DI BOLZANO Testo aggiornato al 26 aprile 2006 Accordo 22 novembre 2001 Gazzetta Ufficiale 23 gennaio 2002, n. 19, S. O. n. 14 Accordo tra Governo, Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sui Livelli essenziali

Dettagli

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 Excursus legislativo sulla palliazione Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 1 Legge 39/99 Stabilisce l adozione di un programma

Dettagli

L'organizzazione aziendale

L'organizzazione aziendale L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla direzione generale - dipartimento di prevenzione - distretto socio-sanitario unico - ospedale

Dettagli

N.B.: Attenzione il primo carattere della Regione Emilia Romagna non è un numero ma la lettera I come Imola Pagina 2 di 9

N.B.: Attenzione il primo carattere della Regione Emilia Romagna non è un numero ma la lettera I come Imola Pagina 2 di 9 CODIFICHE REGIONALI DELLE REGIONI -- ROMAGNA-, DELLE CONDIZIONI DI ESENZIONE DALLA PARTECIPAZIONE ALLA SPESA FARMACEUTICA E SPECIALISTICA CHE PREVEDONO L UTILIZZO DEL RICETTARIO REGIONALE Tipologia di

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI GAZZETTA UFFICIALE N.33 DEL 08 FEBBRAIO 2002 SUPPLEMENTO ORDINARIO N.26 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 29 NOVEMBRE 2001. DEFINIZIONE DEI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA ZZZZ IL PRESIDENTE

Dettagli

Per ticket si intende la quota di partecipazione al costo della prestazione sanitaria dovuta dal cittadino.

Per ticket si intende la quota di partecipazione al costo della prestazione sanitaria dovuta dal cittadino. T I C K E T Per ticket si intende la quota di partecipazione al costo della prestazione sanitaria dovuta dal cittadino. Le per le quali è dovuto il ticket, possono essere così riassunte: - specialistiche

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative

Terapia del dolore e cure palliative Terapia del dolore e cure palliative { Legge 38/10 e alcuni dati sulla sua applicazione Dott. Angelo G. Virtuani Ordine dei Medici Chirurghi Monza Sabato 9 novembre 2013 Legge N.38 del 15/03/2010 - G.U.

Dettagli

(D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) ANNO 2010

(D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) ANNO 2010 (D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) FEBBRAIO 2013 I N D I C E PREMESSA ELENCO DEI MODELLI DI RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA' GESTIONALI ED ECONOMICHE DELLE U.S.L. TABELLE DI DECODIFICA DELLE DISCIPLINE

Dettagli

Autorizzazione all esercizio di attività sanitarie in Emilia Romagna

Autorizzazione all esercizio di attività sanitarie in Emilia Romagna Autorizzazione all esercizio di attività sanitarie in Emilia Romagna Normativa di riferimento Art. 43 della legge n. 833 del 23.12.78 istitutiva del Servizio Sanitario Nazionale; D. Lgs 502/92 e successive

Dettagli

Le strategie aziendali

Le strategie aziendali Analisi organizzativa delle funzioni sanitarie per la definizione dei costi standard Genova, 6-7 novembre 2008 Le strategie aziendali Adriano Marcolongo Direttore generale Azienda ULSS 18 - La pianificazione

Dettagli

NUMERI UTILI ASL NO 0322 516300 0322 516227 FAX 0322 516322 CAP STUDIO MEDICI 0322 516258 118 SERVIZIO 118 118 LABORATORIO ANALISI

NUMERI UTILI ASL NO 0322 516300 0322 516227 FAX 0322 516322 CAP STUDIO MEDICI 0322 516258 118 SERVIZIO 118 118 LABORATORIO ANALISI PRENOTAZIONE TELEFONICA ESAMI E VISITE SPECIALISTICHE AL NUMERO VERDE 800 51 85 00 DALLE 9.00 ALLE 17.00 DA LUNEDÌ A VENERDÌ PRESIDIO TERRITORIALE DI ARONA VIA S. CARLO, 11 28041 ARONA SERVIZIO DI CONTINUITA

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Il Distretto che vuole la Regione Veneto

Il Distretto che vuole la Regione Veneto IL NUOVO PIANO SOCIO-SANITARIO REGIONALE Il Distretto che vuole la Regione Veneto Este, 13 aprile 2012 Dott.ssa M.Cristina Ghiotto LA STORIA La DGR n.3242/2001 ha sancito l importanza del Distretto nel

Dettagli

Le Buone Pratiche in Sanita alla luce della Spending Review

Le Buone Pratiche in Sanita alla luce della Spending Review Le Buone Pratiche in Sanita alla luce della Spending Review Rimodulazione e Ottimizzazione delle attività Territoriali in applicazione della Spending Review Dott. Primo Sergianni Direttore U.O.C. Assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

Salute Coop Base. Prestazione riservata ai soci Coop Liguria. Società nazionale di mutuo soccorso Cesare Pozzo. www.mutuacesarepozzo.

Salute Coop Base. Prestazione riservata ai soci Coop Liguria. Società nazionale di mutuo soccorso Cesare Pozzo. www.mutuacesarepozzo. Salute Coop Base Prestazione riservata ai soci Coop Liguria Società nazionale di mutuo soccorso Cesare Pozzo www.mutuacesarepozzo.org 1 Salute Coop Base Contributo associativo annuo - Euro 120,00 L iscrizione

Dettagli

Conferenza dei Sindaci ASL della provincia di Lecco

Conferenza dei Sindaci ASL della provincia di Lecco Conferenza dei Sindaci ASL della provincia di Lecco Documento di programmazione e coordinamento dei servizi iis Sanitari i e Socio Sanitari Sanitari anno 2014 Lecco, 28 gennaio 2014 1 Documento di programmazione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 novembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 novembre 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 novembre 2001 Repertorio Atti n. 1318 del 22 novembre 2001 Oggetto: Accordo tra Governo, Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano sui Livelli Essenziali

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DEI LAVORI DEL TAVOLO DI MONITORAGGIO E VERIFICA SUI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA SANITARIA DI CUI AL PUNTO 15 DELL ACCORDO

RELAZIONE SULLO STATO DEI LAVORI DEL TAVOLO DI MONITORAGGIO E VERIFICA SUI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA SANITARIA DI CUI AL PUNTO 15 DELL ACCORDO RELAZIONE SULLO STATO DEI LAVORI DEL TAVOLO DI MONITORAGGIO E VERIFICA SUI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA SANITARIA DI CUI AL PUNTO 15 DELL ACCORDO 8 AGOSTO 2001 Roma, 15 aprile 2003 1 Indice 1. Premessa

Dettagli

AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N.4 FRIULI CENTRALE

AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N.4 FRIULI CENTRALE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N.4 FRIULI CENTRALE DECRETO DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 12 DEL 09/01/2015 O G G E T T O ESERCIZIO 2015 - APPLICAZIONE ISTITUTO

Dettagli

Ospedale e territorio: una logica di sistema Amelia Mutti* Riflessioni su percorsi comuni di progettazione integrata. Giovedì, 13 settembre 2007

Ospedale e territorio: una logica di sistema Amelia Mutti* Riflessioni su percorsi comuni di progettazione integrata. Giovedì, 13 settembre 2007 Giovedì, 13 settembre 2007 I^ SESSIONE La logica Programmatoria: ruolo, dimensionamento e connessioni dei servizi sanitari Riflessioni su percorsi comuni di progettazione integrata Ospedale e territorio:

Dettagli

EMERGENZA PRENOTAZIONI DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI BASE SERVIZI SOCIO SANITARI TERRITORIALI OSPEDALI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AMMINISTRAZIONE

EMERGENZA PRENOTAZIONI DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI BASE SERVIZI SOCIO SANITARI TERRITORIALI OSPEDALI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AMMINISTRAZIONE l EMERGENZA PRENOTAZIONI DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI BASE SOCIO SANITARI TERRITORIALI OSPEDALI @ By Renzo Girelli numeri utili DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AMMINISTRAZIONE EMERGENZA TELEFONARE AL 118 RECARSI

Dettagli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione,

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE. Aziende Sanitarie della Regione Lombardia

CONTROLLO DI GESTIONE. Aziende Sanitarie della Regione Lombardia CONTROLLO DI GESTIONE Aziende Sanitarie della Regione Lombardia Definizione Il controllo di gestione è lo strumento basilare per allocare, utilizzare, ottimizzare le risorse disponibili per il raggiungimento

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - UFFICIO COMMISSIONI INVALIDI CIVILI DI REGGIO CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dirigente ASL I fascia - UFFICIO COMMISSIONI INVALIDI CIVILI DI REGGIO CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Cilione Fortunato Data di nascita 30/07/1950 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA Dirigente ASL I fascia - UFFICIO COMMISSIONI

Dettagli

U.O. FARMACIA LFA.P 13

U.O. FARMACIA LFA.P 13 . Pag. 1 / 5 Viene definito File F il tracciato record per la gestione, attivazione e rendicontazione dei farmaci somministrati e forniti dalle strutture ospedaliere, per l utilizzo ambulatoriale e domiciliare,

Dettagli

VILLA ROSA. NUOVA SEDE DISTRETTO di COLLEGNO

VILLA ROSA. NUOVA SEDE DISTRETTO di COLLEGNO VILLA ROSA NUOVA SEDE DISTRETTO di COLLEGNO Ambulatori Senologia Radiologia Personale Spogliatoi Locali Tecnici Archivio Futura Area di Riabilitazione Specialistica Ambulatoriale Punti Gialli BAR Sportello

Dettagli

Definizione dei livelli essenziali di assistenza

Definizione dei livelli essenziali di assistenza Testo aggiornato al 28 aprile 2006 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 29 novembre 2001 Gazzetta Ufficiale 8 febbraio 2002, n. 33, S. O. Definizione dei livelli essenziali di assistenza IL

Dettagli