2. MODALITA OPERATIVE GENERALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. MODALITA OPERATIVE GENERALI"

Transcript

1 INDICE GENERALE 1. PREMESSA 2. MODALITA OPERATIVE GENERALI 2.1. Criteri e procedura di ammissione. pag Documentazione richiesta per l inserimento.....pag Criteri e procedura di dimissione..pag Partecipazione dell utente al costo del servizio.....pag ORGANIZZAZIONE INTERNA 3.1. Orario e calendario del centro diurno pag Attività svolte all interno del centro..pag Giornata tipo..pag Figure professionali...pag Il progetto riabilitativo...pag Rapporti con i familiari/tutori/amministratori di sostegno degli utenti.pag Somministrazione dei pasti pag Servizio di trasporto...pag Gestione dei farmaci..pag Attività integrative.pag Presenze.pag Assenze..pag STRESS E BURNOUT URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 1

2 Il seguente documento può essere consultato su supporto cartaceo presso l ingresso dell Unità di Riabilitazione Semiresidenziale (URSR) e presso l accettazione del centro; inoltre è possibile prendere visione del documento sul sito web aziendale e scaricarne i contenuti. 1. PREMESSA Il presente regolamento pone le norme essenziali per il corretto, efficace ed efficiente funzionamento del Centro Semiresidenziale di Riabilitazione Vaclav Vojta per persone con disabilità. Il Settore Semiresidenziale è rivolto a bambini, adolescenti ed adulti con disabilità intellettiva e disturbi comportamentali dovuti, ad esempio, a malattie genetiche e/o secondarie a sofferenza pre e peripartum e/o legate a disturbi pervasivi dello sviluppo. Il centro è specializzato in progetti riabilitativi multidisciplinari che consentono agli utenti, con diverse capacità di apprendimento, di migliorare le capacità relazionali, la propria autonomia personale, il comportamento, le abilità manuali, le capacità attentive, l autostima, etc. L equipe riabilitativa ha l obiettivo di promuovere ed organizzare svariate attività che vengono scelte per ogni singolo utente in base alle capacità dello stesso ed agli obiettivi che si intende raggiungere; pertanto viene elaborato un progetto personalizzato che tiene conto dei bisogni, delle aspettative, delle menomazioni, disabilità e, soprattutto, delle abilità residue e recuperabili dell assistito nonché delle aspettative e delle priorità del suo ambito familiare. 2. MODALITA OPERATIVE GENERALI 2.1. CRITERI E PROCEDURA DI AMMISSIONE Per l ammissione all interno dell Unità di Riabilitazione Semiresidenziale è necessario che l utente venga dapprima inserito nella Lista d Attesa. Tale procedura può essere effettuata sia direttamente URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 2

3 presso il centro dal familiare/tutore/amministratore di sostegno dell utente che tramite il sito web aziendale. La Segreteria o l Assistente Sociale del centro accolgono le richieste di inserimento nella Lista d Attesa in ordine di arrivo. Il Medico Responsabile, in accordo con l Assistente Sociale e seguendo le indicazioni fornite dalla Direzione Sanitaria ed Amministrativa, seleziona gli utenti in base alla patologia ed alla data di nascita rispondenti al target del Settore Semi-Residenziale (bambini, adolescenti e giovani adulti con disabilità intellettiva grave, medio-grave, media e lieve con innesto di patologia psichiatrica) ed al domicilio (dando la precedenza alla ASL RM/C di appartenenza). La Segreteria o l Assistente Sociale effettuano un primo colloquio telefonico con la famiglia durante il quale vengono richieste alcune informazioni quali la diagnosi e l ASL di appartenenza e fissano altresì un appuntamento per un incontro con il Medico Responsabile. Durante tale incontro il Medico valuta l idoneità dell Utente per l eventuale inserimento in un progetto riabilitativo presso questo Centro in base alle risorse rilevate durante il colloquio, alla documentazione esibita, alla visita diretta, alla disponibilità dei posti ed alla composizione dei gruppi. L Assistente Sociale ha il compito di raccogliere le informazioni che riguardano la sfera sociale dell utente e del nucleo familiare. Una volta deciso l inserimento dell utente questi seguirà un percorso di inserimento di due settimane. Durante tale periodo l utente frequenterà il centro dove verranno effettuate le diverse osservazioni e valutazioni da parte delle figure professionali che compongono l equipe quali il Medico, il Fisioterapista, l Infermiere, il Logopedista, l Educatore Professionale, ecc. Successivamente alla stesura del progetto riabilitativo ed all apertura dello stesso viene convocato il familiare di riferimento o il tutore o l amministratore di sostegno (dell utente in carico) il quale prende visione, accetta e firma la cartella riabilitativa registrando anche le aspettative dell utenza all inizio dell intervento DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PER L INSERIMENTO Al momento dell accettazione presso il Centro l utente deve risultare in possesso della documentazione completa, così come da elenco fornito alla famiglia dalla segreteria del centro. URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 3

4 I documenti necessari per l inserimento all interno del centro semiresidenziale sono i seguenti: - Certificato di residenza - Stato di famiglia - Fotocopia del documento di riconoscimento dell utente - Codice fiscale dell utente - Fotocopia del riconoscimento d invalidità - Elenco dei recapiti telefonici dei familiari - Fotocopia della legge 104/92 - Fotocopia della nomina del tutore/amministratore di sostegno (per coloro che sono sottoposti a tutela) - Consenso al trattamento dei dati personali (L. 675/96) - Certificato medico per inizio trattamento riabilitativo redatto dal Medico di famiglia o da un medico del settore pubblico che dovrà esplicitare la diagnosi e la richiesta di trattamento riabilitativo in regime semiresidenziale secondo dicitura indicata su apposito modulo rilasciato dalla segreteria. Tale certificato deve essere consegnato, presso la segreteria, prima dell inizio di ogni progetto riabilitativo CRITERI E PROCEDURE DI DIMISSIONE La dimissione dell Utente, prima della fine del progetto, può avvenire per una o più delle seguenti ragioni: - su istanza dell interessato o di altro soggetto avente titolo quale, per esempio, il tutore o l amministratore di sostegno - su decisione dell equipe riabilitativa - per assenze ripetute, prolungate e/o ingiustificate - per cessazione della causa che ne ha costituito titolo - saranno dimessi gli Utenti che, nel periodo di prova ovvero nel successivo definitivo accoglimento, avranno dimostrato effettiva difficoltà e/o gravi problematiche di inserimento URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 4

5 - verranno altresì dimessi quegli Utenti che, inseriti in via definitiva, manifestino un alterazione o deterioramento del comportamento dovuti al peggioramento della condizione psicofisica e tali da risultare incompatibili con l inserimento nel Centro. - se accolti in Casa Famiglia od in altro centro La dimissione dell utente prevede l elaborazione di una relazione che verrà rilasciata ai familiari i quali, a loro volta, dovranno consegnarla al medico curante. Una copia dovrà essere allegata in cartella PARTECIPAZIONE DELL UTENTE AL COSTO DEL SERVIZIO La Regione Lazio ha emanato i Decreti U0095/2009 e U0051/2010 Concorso finanziario della Regione agli oneri sostenuti dai Comuni per la partecipazione alla spesa per le attività riabilitative erogate in modalità di mantenimento regime semiresidenziale. La compartecipazione dell utente e/o del Comune decorre dal 1 luglio Si applica a tutti i soggetti in carico presso le strutture residenziali e semiresidenziali con progetti in modalità di mantenimento. Hanno diritto alla compartecipazione alla spesa da parte del Comune le persone con un reddito I.S.E.E. non superiore a ,00 annui. Il Comune tenuto alla contribuzione della spesa è il Comune di residenza prima dell inizio delle attività riabilitative erogate in modalità di mantenimento in regime semiresidenziale. Il Comune deve essere preventivamente informato da parte dell utente al fine dell assunzione degli obblighi connessi all eventuale integrazione economica (art. 6, c.4, L. 328/2000). Per richiedere la compartecipazione del comune per le prestazioni riabilitative erogate in regime semiresidenziale i familiari dell utente devono portare al municipio di residenza i seguenti documenti: - Modello OBIS M (rilasciato dall INPS) - ISEE standard del nucleo familiare (rilasciato dal CAF) - Copia del codice fiscale dell utente e del tutore/ amministratore di sostegno URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 5

6 - Carta d identità dell utente e del tutore/ amministratore di sostegno - Decreto di nomina del tutore o dell amministratore di sostegno - Recapito telefonico utile - Progetto della struttura inviato all ASP - Dichiarazione della struttura contenente data di inizio e fine progetto, regime ed impegno riabilitativo 3. ORGANIZZAZIONE INTERNA 3.1. ORARIO E CALENDARIO DEL CENTRO DIURNO Il centro è aperto dodici mesi l anno, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle ATTIVITA SVOLTE ALL INTERNO DEL CENTRO Le prestazioni erogate dal Centro Semiresidenziale sono di carattere riabilitativo e vengono assicurate dal personale specializzato ed ausiliario. L organizzazione interna del centro prevede che l attività riabilitativa sia svolta sia all interno della classe di appartenenza dell utente che in specifici laboratori quali: LABORATORIO ATTIVITA COGNITIVE LABORATORIO BAR (gestione di un Punto Ristoro all interno del centro) LABORATORIO DI CUCINA LABORATORIO DI BRICOLAGE E CERAMICA (utilizzo artistico di materiali vari quali carta, legno, stoffa, creta e cera) LABORATORIO DI TESSITURA URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 6

7 LABORATORIO TEATRALE (con produzione di cortometraggi) LABORATORIO CINEFORUM LABORATORIO DI MUSICA E STRUMENTI MUSICALI LABORATORIO ARTISTICO (grafico-pittorico) LABORATORIO PER LA CURA DEL CORPO LABORATORIO GIOCHI E MOVIMENTO (attività motoria di base ed educazione al movimento anche con l utilizzo di ausili quali quadripodi e tutori) LABORATORIO PER LA STIMOLAZIONE PLURISENSORIALE LABORATORIO DI ERBORISTERIA LABORATORIO DI GIARDINAGGIO/ORTO LABORATORIO RADIO/GIORNALE VOJTA LABORATORIO DI ORIENTAMENTO SUL TERRITORIO LOGOPEDIA TERAPIA OCCUPAZIONALE FISIOTERAPIA Il progetto riabilitativo prevede inoltre: Attività informatica Gite ed uscite didattiche Spettacoli sia all interno che all esterno del centro Realizzazione di feste: Carnevale, Natale, feste di compleanno Tali attività sono finalizzate a raggiungere i seguenti obiettivi: - recupero e sostegno delle abilità scolastiche di base - mantenimento/miglioramento del livello culturale - miglioramento della capacità d iniziativa e dei tempi attentivi - favorire l espressione dei vissuti personali - potenziare la capacità di lavorare in gruppo - mantenimento/miglioramento dell autonomia personale - rieducazione all orientamento temporo-spaziale URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 7

8 - favorire la socializzazione e l interazione con gli altri - miglioramento della manualità - favorire i linguaggi non-verbali nella loro molteplicità di forme - offrire la possibilità agli utenti di acquisire e/o potenziare ulteriori mezzi di comunicazione al fine di esprimere al meglio la propria creatività 3.3. GIORNATA TIPO La giornata tipo al centro si struttura nel seguente modo: - Il singolo utente viene accompagnato al centro dal proprio domicilio usufruendo di 3 possibili modalità di trasporto: o con il mezzo del centro o con il mezzo del comune o con mezzo proprio (la scelta è a discrezione dei familiari od in relazione alle disponibilità dell ente erogatore). - Al momento dell arrivo al centro il singolo utente viene accompagnato nella classe di appartenenza dove si svolge l accoglienza. - Inizio delle attività stabilite nel progetto riabilitativo del singolo utente. - Pranzo in due turni al fine di consentire il proseguimento delle attività di un turno durante la pausa pranzo dell altro. - Igiene post-prandiale. - Termine delle attività. - Uscita dal centro e rientro al proprio domicilio FIGURE PROFESSIONALI L equipe riabilitativa che opera all interno del centro diurno si compone delle seguenti figure professionali: - Medico responsabile dell URSR URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 8

9 - Medici del diurno - Pedagogista - Psicologa - Assistente sociale - Educatore professionale - Terapista occupazionale - Logopedista - Fisioterapista - Infermiera - Operatori socio-sanitari Tali figure hanno qualifiche e formazione adeguata e sono presenti nel numero previsto dagli standard indicati dalla normativa regionale di riferimento e dagli accordi convenzionali. Ciascuna figura professionale interviene nel progetto con la responsabilità relativa al proprio ambito di applicazione e nel rispetto dei contenuti del progetto formulato dall equipe IL PROGETTO RIABILITATIVO Per ciascun utente presente nella struttura è compilata una Cartella Clinica Riabilitativa. Il medico responsabile raccoglie l anamnesi e visita l utente. Nella stesura della cartella clinica riabilitativa il medico responsabile si avvale: - della versione italiana dell ICD9-CM per la codifica della diagnosi - dell apposita check list dell ICF (Classificazione Internazionale del Funzionamento della Disabilità e della Salute introdotto dal 2003 dall ASP della Regione Lazio) per valutare e definire i diversi tipi di disabilità (cognitiva, neurologica, psichiatrica e sociale), individuare punti critici e di forza nonché le abilità da sviluppare e quelle da recuperare ed inoltre per valutare i fattori familiari, personali, ambientali e contestuali. Per descrivere e meglio monitorare le disabilità oggetto dell intervento ci si avvale di: - valutazioni e colloqui clinici URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 9

10 - somministrazione di apposite scale di valutazione (Barthel, SVAMA, SPSMQ, EDSS, Vineland, WAIS, WISH-R, Prove di valutazione della comprensione linguistica, etc.) Gli elementi emersi nelle singole valutazioni sono condivisi tra tutti i componenti dell equipe in apposite riunioni e, sulla base della diagnosi medica e della valutazione pluridisciplinare, l'equipe riabilitativa guidata dal medico responsabile avrà il compito di : elaborare il progetto riabilitativo individuale individuare il programma riabilitativo settimanale definire, nelle linee generali, gli obiettivi a breve, medio e lungo termine programmare le azioni e determinare le condizioni necessarie al raggiungimento degli obiettivi comunicare e condividere il progetto con le famiglie, la proposta riabilitativa e le successive modifiche verificare periodicamente la validità degli interventi programmati e valutare i risultati ottenuti modificare le azioni e gli interventi ove la verifica di cui al punto precedente ne evidenzi la necessità programmare eventuali visite specialistiche da effettuare all interno del centro (visita otorinolaringoiatrica, visita cardiologica e visita fisiatrica). Il programma riabilitativo si articola attraverso interventi giornalieri in un programma settimanale che viene presentato all utente e ai familiari per essere approvato e sottoscritto registrando anche le aspettative degli stessi all inizio dell intervento. Il lavoro viene attuato sempre in equipe, tra le diverse figure e le diverse professionalità RAPPORTI CON LE FAMIGLIE/TUTORI/AMMINISTRATORI DI SOSTEGNO DEGLI UTENTI Per una buona relazione con la struttura è necessario che gli utenti ed i familiari/tutore/amministratore di sostegno osservino le modalità di comportamento disciplinate dal presente regolamento. Il Direttore Sanitario, così come le altre figure professionali facenti parte dell equipe riabilitativa, saranno a disposizione degli utenti e dei familiari/tutore/amministratore di sostegno per eventuali chiarificazioni in merito riguardanti le linee di condotta educative e riabilitative. URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 10

11 Gli utenti e i familiari/tutore/amministratore di sostegno dovranno provvedere direttamente, nel caso in cui il Centro faccia richiesta di visite specialistiche, ai controlli sanitari od alle terapie specifiche presso strutture sanitarie esterne. E prevista la possibilità di incontri e colloqui con i familiari e/o tutore e/o amministratore di sostegno finalizzati alla condivisione del progetto individualizzato (counseling). La durata prevista di ogni counseling è di 60 minuti che possono essere spesi n un unico incontro o più incontri la cui durata complessiva sia comunque non inferiore a 60 minuti. Il counseling può avvenire sia telefonicamente che personalmente presso la struttura. Al fine di non creare disguidi nello svolgimento delle attività programmate dal Centro gli appuntamenti con i familiari/tutore/amministratore di sostegno verranno presi o direttamente dalle figure professionali interessate o dalla Segreteria. Per qualsiasi comunicazione riguardante l organizzazione e la permanenza presso il Centro o altre esigenze specifiche gli utenti ed i familiari/tutore/amministratore di sostegno faranno riferimento all Assistente Sociale o alla segreteria o al medico responsabile del centro semiresidenziale. Per qualsiasi comunicazione riguardante l aspetto clinico gli utenti ed i familiari/tutore/amministratore di sostegno faranno riferimento al Medico Specialista che segue direttamente l utente stesso. Nel caso in cui il medico responsabile del progetto ritenga opportuna, per l utente, una visita specialistica da effettuare all interno del centro (visita cardiologica, otorinolaringoiatrica o fisiatrica) il medico stesso o l infermiera (su indicazione del medico) prenoterà e comunicherà telefonicamente ai familiari/tutore/amministratore di sostegno l appuntamento (giorno ed ora) invitandoli ad essere presenti. Il Centro organizza, durante l anno, delle feste che prevedono la presenza degli utenti e dei loro familiari/tutore/amministratore di sostegno; questi ultimi verranno convocati tramite invito scritto. Tali incontri vengono organizzati con lo scopo di permettere ai familiari/tutore/amministratore di sostegno di partecipare per un giorno alla vita quotidiana del centro. Il Centro Semiresidenziale assicura la tutela degli utenti e dei loro familiari/tutore/amministratore di sostegno che intendono presentare un reclamo, una proposta, un osservazione, un elogio relativamente URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 11

12 ai servizi od alle prestazioni sanitarie erogate. A tale scopo sono state istituite delle specifiche procedure di gestione per rilevare e rispondere rapidamente alle situazioni di disagio e di insoddisfazione. Per esercitare questo diritto è possibile: - utilizzare i moduli di segnalazione già prestampati e disponibili presso il centro ed imbucarli nelle apposite cassette collocate all interno della struttura - rivolgersi al medico responsabile del centro semiresidenziale previo appuntamento 3.7. SOMMINISTRAZIONE DEI PASTI Il centro diurno garantisce il servizio mensa. Gli operatori provvedono alla somministrazione del pasto e garantiscono l assistenza durante lo stesso. La preparazione e la distribuzione dei pasti avvengono nella cucina interna al centro nel rispetto delle normative previste nel piano di autocontrollo alimentare dell H.A.C.C.P. (D. Lgs 155/97). L attenta applicazione di tale procedura consente di controllare ogni fase di lavorazione e somministrazione dei pasti e di avere il monitoraggio costante dell intero processo di cucina. Il centro garantisce una dieta personalizzata in caso di patologia (es. celiachia, ipercolesterolemia, diabete, etc). Le diete legate a particolari esigenze patologiche vengono erogate a seguito della presentazione al centro, da parte dei genitori, di idonea certificazione medica. La scelta del menù viene preventivamente visionata dal Direttore Sanitario. Ogni successiva variazione deve essere prescritta dal medico curante o dallo specialista che ha in carico l utente. URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 12

13 3.8. SERVIZIO DI TRASPORTO Il trasporto degli utenti, sia dal proprio domicilio al centro che dal centro al proprio domicilio, può avvenire attraverso 3 modalità: - Con mezzo proprio - Con pulmino erogato dal centro - Con pulmino erogato da aziende o enti esterni (Comune, ASL, privati, etc) Il trasporto è organizzato rispettando gli orari di funzionamento della struttura GESTIONE DEI FARMACI La struttura è dotata di un carrello chiuso a chiave per il deposito e conservazione dei medicinali da somministrare al bisogno, dei presidi medico-chirurgici, del materiale di medicazione e degli altri materiali di competenza. Ogni medico e l infermiera dell URSR sono in possesso di una chiave del carrello dei medicinali. I farmaci vanno custoditi sempre nella confezione originale dove sono riportati il numero di lotto e la scadenza; per lo stesso motivo non devono essere tagliati i blister delle compresse. Il controllo della disponibilità e delle scadenze dei farmaci viene effettuato dall infermiera seguendo una periodicità mensile secondo un apposito calendario (il primo lunedì del mese). Per ciò che riguarda i farmaci somministrati al bisogno è prevista una procedura di scarico degli stessi su apposito REGISTRO SCARICO FARMACI nel quale l infermiera dovrà annotare il nome e cognome dell utente per il quale è stato utilizzato il farmaco in questione, il nome e la posologia del farmaco e la data di somministrazione dello stesso. L infermiera ha il compito di visionare ed aggiornare periodicamente il REGISTRO CARICO DEI FARMACI ; qualora, in base alla giacenza farmaci, emerga la necessità di ordinare un farmaco mancante o presente in un quantitativo insufficiente, sarà compito dell infermiera comunicare tale esigenza al medico incaricato il quale provvederà a sua volta URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 13

14 a richiedere, tramite apposito modulo, i farmaci in questione. Il modulo dovrà essere consegnato all Amministrazione che provvederà ad acquistare prontamente i farmaci. L approvvigionamento dei farmaci viene effettuato in base alla procedura P06- Gestione fornitori ed approvvigionamento. Gli utenti che assumono una terapia giornaliera e che hanno necessità di prenderla durante l orario della frequenza al centro portano quotidianamente da casa la terapia da assumere contestualmente alla prescrizione del medico curante. La preparazione e la distribuzione dei farmaci che devono essere somministrati quotidianamente agli utenti del centro viene fatta a cura dell infermiere professionale e, qualora fosse impossibilitato, dal medico presente al centro. I farmaci scaduti vanno scaricati in un registro situato all interno dell armadietto; tale procedura viene svolta dall infermiera. Il Centro è provvisto di: - un apposito contenitore per RIFIUTI SPECIALI nel quale dovranno essere gettati tutti i materiali di tipo medico-chirurgico utilizzati all interno della medicheria - un apposito CONTENITORE AGHI nel quale dovranno essere gettati gli aghi delle siringhe utilizzati all interno della medicheria I prodotti farmaceutici scaduti, alterati, revocati o difettosi, se non immediatamente eliminabili, devono essere separati dai prodotti in corso di validità, racchiusi in un contenitore recante la dicitura FARMACI SCADUTI DA SMALTIRE per essere successivamente inseriti in un contenitore per RIFIUTI SPECIALI ATTIVITA INTEGRATIVE Ogni Centro diurno, oltre ad essere in rapporto di collaborazione con l azienda Asl del proprio territorio, contribuendo anch esso all integrazione dei diversi servizi socio-sanitari e sociali, è inserito in realtà comunitarie di parrocchia, quartiere e comune. È parte di questi contesti, intervenendo URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 14

15 attivamente alla costruzione di quelle relazioni che promuovono l inclusione della persona disabile, nel pieno diritto alla cittadinanza. Il Centro diurno favorisce una cultura dell accettazione e del rispetto nel tessuto sociale del territorio di appartenenza ed attiva forme di partecipazione alle opportunità offerte dal territorio. Il centro si avvale dei propri pulmini per permettere ai diversi gruppi di disabili di muoversi, conoscere, incontrare e partecipare alle varie iniziative esterne (teatro, mostre, aziende agricole, etc). Il centro dovrà promuovere interventi, in ambito territoriale, quali ad esempio: - incontri periodici per sensibilizzare la comunità locale sulle specifiche problematiche della disabilità - inserimento dei disabili in iniziative culturali sportive e di tempo libero sul territorio - mostre od altri tipi di manifestazione (proiezione di cortometraggi girati all interno del centro, esposizione di oggetti realizzati dagli utenti, etc) per far conoscere le attività che vengono svolte all interno del centro - organizzazione di visite guidate sul territorio e nei dintorni per ampliare l esperienza e confrontarsi con altre realtà - uscite, a piccoli gruppi, con l obiettivo di educare gli utenti coinvolti alla fruizione di strutture e servizi presenti sul territorio (teatro, musei, spettacoli, Bioparco, Fattorie Sociali, etc) - partecipazione ad iniziative come quella del Dopo di Noi - accoglienza di associazioni di volontariato tra le quali quella di S. Egidio - l uso della piscina del centro da parte di alunni della Scuola Livio Tempesta per favorire l interazione degli utenti con i propri coetanei - rapporti con le relative ASL di appartenenza degli utenti; tramite tali contatti l Assistente Sociale del Centro mantiene una rete di relazioni volte a garantire un ulteriore supporto all utente ed al relativo nucleo familiare per garantire una migliore qualità di vita degli stessi PRESENZE Per il settore Semiresidenziale le presenze vengono segnate dal personale preposto e comunicate alla Segreteria Amministrativa ed all Amministrazione. URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 15

16 3.12. ASSENZE Assenze superiori a 7 (sette) giorni consecutivi devono essere giustificate da certificato medico da consegnare in Segreteria contestualmente ed obbligatoriamente al rientro presso il Centro, recante la diagnosi e la prognosi. Ll omessa esibizione del certificato medico implica una mancata remunerazione ed eventuale sospensione del progetto riabilitativo. Un nuovo progetto potrà essere eventualmente aperto a seconda della disponibilità di posti nel Settore di appartenenza. La domenica o il giorno festivo, se compresi nel periodo di assenza, devono essere conteggiati nella certificazione medica (ad esempio un assenza dal mercoledì al mercoledì successivo compreso è conteggiata pari a giorni 8 (otto)). Si sottolinea infine l obbligo di comunicare al Medico Responsabile ed alla Direzione Sanitaria di questo Centro qualsiasi tipo di ricovero ospedaliero, compreso il day-hospital, consegnando in Segreteria una copia del foglio di ricovero, entro e non oltre le 48 ore dallo stesso. Parimenti il foglio di dimissioni dovrà essere consegnato con le stesse modalità. 4. STRESS E BURNOUT Il termine burnout configura una condizione di stress lavorativo ed è considerato una sindrome per l insieme dei sintomi che lo contraddistinguono. Viene inoltre riscontrato, con una certa frequenza, tra gli operatori che lavorano a stretto contatto con situazioni di sofferenza. La sindrome del burnout rappresenta la risultante di uno squilibrio tra le richieste professionali e la capacità individuale di affrontarle; è quindi una condizione che esprime una sollecitazione emozionale di frustrazione e demoralizzazione, con difese inadeguate e comportamenti mal adattativi. Per prevenire concretamente il disagio relativo allo stress e burnout ed assicurare la tutela ed il benessere psico-fisico degli operatori è necessario migliorare la struttura socio-organizzativa adottando degli strumenti adeguati. A tale scopo sono state istituite delle specifiche procedure di URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 16

17 gestione per rilevare e rispondere rapidamente alle situazioni di disagio e di insoddisfazione, tra le quali: - il medico competente esegue una valutazione del rischio stress-lavoro correlato ed, in base ai risultati, ne monitora periodicamente il livello confermando il rischio rilevato o riportando l evoluzione dello stesso attraverso colloqui con gli operatori - modificare la routine di lavoro: riuscire a modificare la metodologia di lavoro senza modificare l attività professionale può ridurre la sensazione di essere fossilizzato, inerme, impotente, elementi che poi si traducono in frustrazione ed ansia; l operatore potrà avere, in tal modo, un maggior senso di autonomia e libertà (ad esempio attraverso la rotazione dei lavoratori nei diversi laboratori e l apertura di nuovi laboratori) - garantire la crescita professionale e personale attraverso momenti di pausa ovvero un breve intervallo da inserire nel contatto con gli utenti. Deve essere una pausa in cui la persona può rallentare il ritmo lavorativo. Le pause ufficiali dal lavoro rappresentano uno procedura standard nella maggior parte dei luoghi di lavoro. - corsi di aggiornamento, workshop e seminari - incontri con gli operatori a cadenza pluriannuale ed al di fuori dell orario di servizio. Tali incontri rappresentano degli spazi di discussione relativi a casi difficili e/o problemi interpersonali con altri colleghi dello staff o di staff diversi. Gli obiettivi da perseguire sono lo scambio reciproco, il sostegno e l assenza totale della dimensione giudicante - utilizzare i moduli di segnalazione già prestampati e disponibili presso il centro ed imbucarli nelle apposite cassette (chiuse a chiave) collocate all interno della struttura. Direttore Sanitario Dott. Stefania Cruciani Responsabile URSR Dott. Domenico Serranò Centro di Riabilitazione Vaclav Vojta Società Cooperativa Via Salvatore Pincherle, Roma Tel r.a Fax URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 17

18 URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 18

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

INDICE. Art. 1 Obiettivi pag. 2. Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3. Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag.

INDICE. Art. 1 Obiettivi pag. 2. Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3. Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag. INDICE Art. 1 Obiettivi pag. 2 Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3 Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag. 3 Art. 4 Le attività della Comunità pag. 4 Art. 5 Tempi di apertura

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 1 IDENTITA DEL CENTRO DISABILI E istituito presso i locali di proprietà dell Ipab Manlio Canepa in V.le Vittoria loc. San Terenzo, un Centro diurno per disabili

Dettagli

COMUNE DI GORGONZOLA Provincia di Milano. Assessorato Servizi alla Persona - Sanità. Regolamento del Centro Diurno Disabili

COMUNE DI GORGONZOLA Provincia di Milano. Assessorato Servizi alla Persona - Sanità. Regolamento del Centro Diurno Disabili COMUNE DI GORGONZOLA Provincia di Milano Assessorato Servizi alla Persona - Sanità Regolamento del Centro Diurno Disabili Delibera di Consiglio Comunale n. del 2 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO

Dettagli

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 MODIFICATO CON D.C.C. N. 265 DEL 07/11/2002 Natura, destinatari e finalità del servizio Il Centro Diurno

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA

UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA DEFINIZIONE E UTENZA: L Unità Operativa di Riabilitazione Generale in Regime Diurno Continuo, accreditata presso il

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005;

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; CITTA DI CONEGLIANO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; - Data entrata in vigore: 14.10.2005 1 REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE ARTICOLO 1

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

COMUNE DI STRADELLA Via Marconi,35 27049 Stradella (PV)

COMUNE DI STRADELLA Via Marconi,35 27049 Stradella (PV) COMUNE DI STRADELLA Via Marconi,35 27049 Stradella (PV) Servizio di Formazione All Autonomia per Persone Disabili P.zza L. Meriggi 27049 Stradella (PV) Tel. 0385/44313 Fax 0385/246460 E-mail: sfacomunedistradella@libero.it

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

MODALITA SPERIMENTALI PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE

MODALITA SPERIMENTALI PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE Piano di zona dei Comuni dell Abbiatense per il sistema integrato di interventi e servizi sociali Legge 328/2000 MODALITA SPERIMENTALI PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 CARTA DEI SERVIZI Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA Una moderna e accogliente struttura residenziale che offre ad

Dettagli

Centro per l apprendimento e la famiglia

Centro per l apprendimento e la famiglia Centro per l apprendimento e la famiglia Carta dei Servizi per l anno 2014 Progettazione Cooperativa Sociale ONLUS Vai G. B. Moroni, 6 24066 Pedrengo (Bg) tel. 035657351 Centro per l Apprendimento e a

Dettagli

Centro Socio Educativo (C.S.E.) di Brembate Sopra Via xxv Aprile Via Donizzetti 60. Redatta in conformità alla D.G.R. n. 7/20763 del 16/02/2005

Centro Socio Educativo (C.S.E.) di Brembate Sopra Via xxv Aprile Via Donizzetti 60. Redatta in conformità alla D.G.R. n. 7/20763 del 16/02/2005 Centro Socio Educativo (C.S.E.) di Brembate Sopra Via xxv Aprile Via Donizzetti 60 Redatta in conformità alla D.G.R. n. 7/20763 del 16/02/2005 Brembate sopra, settembre 2010 La Carta dei Servizi è il requisito

Dettagli

DISTRETTO DI LUINO CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO DISABILI DI LUINO

DISTRETTO DI LUINO CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO DISABILI DI LUINO DISTRETTO DI LUINO CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO DISABILI DI LUINO Il Centro Diurno Disabili è gestito dal 2003 dal Comune di Luino in qualità di Ente capofila del Distretto di Luino a seguito del

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 37 del 18 aprile 2012 Regolamento del Servizio di Ristorazione Scolastica Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Modalità

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

Regolamento Dell Unità Riabilitativa Domiciliare

Regolamento Dell Unità Riabilitativa Domiciliare Centro Di Riabilitazione Vaclav Vojta Regolamento Dell Unità Riabilitativa Domiciliare Pagina2 VEC Sommario UNITÀ DI RIABILITAZIONE DOMICILIARE 3 Destinatari 4 Capacità ricettiva e Prestazioni 4 Funzionamento

Dettagli

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.)

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENNI STORICI Il CSE (Centro Socio Educativo) di Piario, ora CDD (Centro Diurno per persone con Disabilità) è stato aperto nel 1982 su iniziativa degli

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO Art.1 Oggetto a. Il presente Regolamento disciplina finalità e attività di gestione dell Asilo Nido d Infanzia Il Melograno, realizzato e gestito dalla Cooperativa

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE ASSISTENZA RIABILITATIVA PSICHIATRICA DOMICILIARE E TERRITORIALE ASSICURATA DAL PRIVATO ISTITUZIONALMENTE ACCREDITATO

REGOLAMENTO REGIONALE ASSISTENZA RIABILITATIVA PSICHIATRICA DOMICILIARE E TERRITORIALE ASSICURATA DAL PRIVATO ISTITUZIONALMENTE ACCREDITATO REGOLAMENTO REGIONALE ASSISTENZA RIABILITATIVA PSICHIATRICA DOMICILIARE E TERRITORIALE ASSICURATA DAL PRIVATO ISTITUZIONALMENTE ACCREDITATO Il presente regolamento si compone di n. 6 pagine, compresa la

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI RIABILITAZIONE SAN VINCENZO CENTRO DIURNO IL VELIERO

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI RIABILITAZIONE SAN VINCENZO CENTRO DIURNO IL VELIERO CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI RIABILITAZIONE SAN VINCENZO CENTRO DIURNO IL VELIERO 1. L'Istituto San Vincenzo L'Istituto San Vincenzo è un ente religioso legalmente riconosciuto che dipende dalla Arcidiocesi

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Istituto Comprensivo A. Gramsci di Campalto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Si tenga conto che il Protocollo è un documento che propone delle linee guida generali per gli

Dettagli

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Piano d intervento Il piano di lavoro elaborato per l anno scolastico 2011/2012 dallo specialista dell

Dettagli

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Prescrizione: La responsabilità della corretta prescrizione è attribuita a: Medici di Medicina Generale che svolgono le visite domiciliari

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA Via Ancona, 290 Cesena Telefono 0547 334935 Approvato con Delibera n. 10 del 03/03/2010 Finalità del servizio ART. 1: L ASP, all interno della sede della

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Città di Somma Lombardo REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione CC n. 38 del 20 giugno 2008 Ultima modifica con deliberazione CC n. 52 del 26 luglio 2014 Ripubblicato all Albo

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo NORD 2 - Brescia Via Costalunga, 15-25123 BRESCIA Cod. Min. BSIC88400D - Cod.Fisc. 80049710173 Tel.030307858-0308379448-9

Dettagli

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE Sportello di informazioni sulla disabilità 4 È un servizio promosso dalle associazioni Abc-Liguria e Dopodomani Onlus per dare informazioni ed indicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI

REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI Comune di Calusco d Adda REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI (approvato con deliberazione del C.C. n.20 del 11.05.2007 e modificato con deliberazioni del C.C. n.22 del 26.04.2010 e n.14 del

Dettagli

Regolamento per il servizio di refezione scolastica

Regolamento per il servizio di refezione scolastica Regolamento per il servizio di refezione scolastica Approvato con deliberazione di C.C. n. 24 del 26.06.2003 Modificato con deliberazione di C.C. n. 10 del 16.03.2004-1 - Indice pag. ART. 1 - FINALITA...3

Dettagli

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico Capitolo 14 - Sostegno Scolastico 14.1 Il diritto all istruzione Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa nazionale vigente, attraverso l integrazione scolastica,

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 151 del 13.07.1988 Esaminato dal Co.Re.Co. in

Dettagli

Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa

Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa CARTA DEI SERVIZI Conforme alla Delibera della Regione Toscana n. 566 del 31/07/2006 (aggiornata al 16 aprile 2013) Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE 1/7 Premessa Il Dipartimento di Neuroscienze ha come obiettivo la prevenzione, la diagnosi, la cura, la riabilitazione e la

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

Consultorio Familiare Luisa Riva

Consultorio Familiare Luisa Riva Consultorio Familiare Luisa Riva Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: CRESCERE INSIEME ENTE : A.N.M.I.C. Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi Civili Sede Provinciale di Crotone, Piazza A. De Gasperi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Comune di Saletto Provincia di Padova --==ooooo== ==ooooo==-- REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 29 del 03/08/2009 TITOLO I ISTITUZIONE DEL

Dettagli

MISERICORDIA DI MASSA MACINAIA E S.GIUSTO. CENTRO POLIFUNZIONALE Carlo Marianetti DELLA MISERICORDIA DI MASSA MACINAIA E SAN GIUSTO DI COMPITO

MISERICORDIA DI MASSA MACINAIA E S.GIUSTO. CENTRO POLIFUNZIONALE Carlo Marianetti DELLA MISERICORDIA DI MASSA MACINAIA E SAN GIUSTO DI COMPITO CENTRO POLIFUNZIONALE Carlo Marianetti DELLA MISERICORDIA DI MASSA MACINAIA E SAN GIUSTO DI COMPITO Art. 1 DEFINIZIONE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER ANZIANI Il Centro Diurno (C.D.) è una struttura semiresidenziale

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI CARPI (MO) Via 3 Febbraio 1831, N 9 Tel. 059/682774 e Fax. 059/684575 e-mail: residenza.stella@stellacarpi.it CARTA DEI SERVIZI

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

Servizio Specialistico Ambulatoriale

Servizio Specialistico Ambulatoriale Servizio Specialistico Ambulatoriale Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO 2014/15

CARTA DEL SERVIZIO 2014/15 CARTA DEL SERVIZIO 2014/15 Presentazione dell Associazione La Cascina La nostra storia inizia nel 1982 dall incontro di alcune persone che -come cittadini e volontari- hanno cercato risposte plausibili

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA. Data aggiornamento: sett 2014 Rev.

CARTA DEI SERVIZI. Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA. Data aggiornamento: sett 2014 Rev. CARTA DEI SERVIZI Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA Data aggiornamento: sett 2014 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA Una moderna e accogliente struttura residenziale che offre

Dettagli

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO 1. Premessa Il nido Nel parco nasce come servizio interaziendale in partnership tra Asl e il Consorzio di Cooperative Sociali Sol.Co Mantova

Dettagli

Centro accreditato di Riabilitazione

Centro accreditato di Riabilitazione Centro accreditato di Riabilitazione Carta dei Servizi Revisione 3 del 20.01.2015 INTRODUZIONE: La Carta dei Servizi vuole essere il documento che formalizza il contratto stipulato tra il nostro Centro

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA ART. 1 - NATURA E FINALITA La Scuola comunale dell infanzia concorre, nell ambito del sistema scolastico, a promuovere la formazione integrale della personalità

Dettagli

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU (Estratto dalla CARTA DEI SERVIZI RESIDENZIALI approvata dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 69 del 29/09/2010, esecutiva ai sensi di legge) CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU FINALITA ED

Dettagli

CITTA DI MELFI SERVIZI AREA ALLA CITTADINANZA REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

CITTA DI MELFI SERVIZI AREA ALLA CITTADINANZA REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO MENSA SCOLASTICA CITTA DI MELFI SERVIZI AREA ALLA CITTADINANZA REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO MENSA SCOLASTICA ART. 1 FINALITA 1. Il servizio di mensa scolastica è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio

Dettagli

Regolamento Dell Unità Riabilitativa Adulti e Dismorfismi dell Età Evolutiva

Regolamento Dell Unità Riabilitativa Adulti e Dismorfismi dell Età Evolutiva Centro Di Riabilitazione Vaclav Vojta Regolamento Dell Unità Riabilitativa Adulti e Dismorfismi Pagina2 VEC Sommario Finalità 3 Destinatari 4 Capacità ricettiva e Prestazioni 4 Funzionamento 5 Criteri

Dettagli

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO Comuni di: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere. REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA INDICE ART.

Dettagli

& ' ( () ( ' ) ) * ' ' ' () + +, -..( /0 + ) ) ) ' + +, ) ( ' -- + +'. + )+ " ' '. --' + ' +, 1 + 2 ' +

& ' ( () ( ' ) ) * ' ' ' () + +, -..( /0 + ) ) ) ' + +, ) ( ' -- + +'. + )+  ' '. --' + ' +, 1 + 2 ' + ! " # $% & ' ( () ( ' ) ) * ' ' ' () + +, -..( /0 + ) ) ) ' + + /0+ /0, ) ( ' -- + +'. + )+ " ' '. --' + ' +, 1 + 2 ' +,'' 1 +3 ',- ( + $4 44 ' ). #( +' % - --) + " ) + ' -- 5 ' 1 -- ( ( 1 - &-- 6, + -'

Dettagli

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida Via Brogeda, 21 22100 Como Tel. 031.541180/Fax 031.532927 comprensivocomonord@tiscali.it MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida A cura del Gruppo di Lavoro per l integrazione degli alunni diversamente

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

BANDO GIACOMO EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI A FAVORE DI FAMIGLIE CON MINORI IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTA

BANDO GIACOMO EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI A FAVORE DI FAMIGLIE CON MINORI IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTA BANDO GIACOMO EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI A FAVORE DI FAMIGLIE CON MINORI IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTA ANNUALITA 2014-2015 Associazione La Mongolfiera Onlus, Viale Pambera n.10,

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dottor. ssa Valentina Cerri Psicologa e Psicoterapeuta PREMESSA L adolescenza e la preadolescenza costituiscono fasi

Dettagli

Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice

Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice 1. Definizione 2. Status giuridico 3. Principi 4. Diritti dei cittadini e doveri degli operatori 5. Stili di lavoro 6. Possesso dei requisiti: standard gestionali,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI CARTA DEI SERVIZI SOCIALI (ai sensi della L. n. 328/2000 e della L. R. n. 4/2007) Centro Diurno e Sostegno Educativo Domiciliare Aggiornata al Gennaio 2015 Consorzio C.S. Potenza CONFCOOPERATIVE FEDERSOLIDARIETA

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

Centro Diurno Disabili

Centro Diurno Disabili Centro Diurno Disabili Carta dei Servizi Revisione 1 del 27.02.2013 INTRODUZIONE: La Carta dei Servizi vuole essere il documento che formalizza il contratto stipulato tra il nostro Centro e gli utenti.

Dettagli

Protocollo di Accoglienza per alunni che presentano Bisogni Educativi Speciali

Protocollo di Accoglienza per alunni che presentano Bisogni Educativi Speciali Protocollo di Accoglienza per alunni che presentano Bisogni Educativi Speciali FINALITA 1 Questo documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata di informazione riguardante l accoglienza

Dettagli

Casa famiglia per adulti con disabilità Marano Come Noi. via Marano, n.465-03023 Ceccano (Fr) Tel. 0775 604470

Casa famiglia per adulti con disabilità Marano Come Noi. via Marano, n.465-03023 Ceccano (Fr) Tel. 0775 604470 Casa famiglia per adulti con disabilità Marano Come Noi via Marano, n.465-03023 Ceccano (Fr) Tel. 0775 604470 Approvato con Deliberazione del Comitato dell Accordo di Programma n.4 del 17/11/2010 Distretto

Dettagli

La voce dei bambini. Asilo nido bilingue ad indirizzo montessoriano accreditato con il Comune di Firenze REGOLAMENTO DEL SERVIZIO

La voce dei bambini. Asilo nido bilingue ad indirizzo montessoriano accreditato con il Comune di Firenze REGOLAMENTO DEL SERVIZIO > pag. 1 di 6 Allegato 3 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO In vigore dall anno educativo 2014/2015 e tuttora valido Art. 1 L asilo Nido La voce dei bambini è un servizio socio-educativo di interesse pubblico, che

Dettagli

via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it

via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it indice 1. FINALITA pag. 2 2. CRITERI DI AMMISSIONE E DIMISSIONE pag. 2 3. RETTA E SPESE PERSONALI pag.

Dettagli

REGOLAMENTO PER I SERVIZI DOMICILIARI

REGOLAMENTO PER I SERVIZI DOMICILIARI REGOLAMENTO PER I SERVIZI DOMICILIARI Art.1 OGGETTO Il Servizio oggetto del presente Regolamento prevede lo svolgimento di attività di carattere domiciliare commissionate dalle Amministrazioni Comunali.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

Progetto Comes, sostegno all handicap

Progetto Comes, sostegno all handicap TITOLO Progetto Comes, sostegno all handicap TEMPI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 Destinatari Minori disabili (fascia d età 3/14 anni) frequentanti la scuola dell obbligo, affetti da patologie varie: ipoacusia,

Dettagli

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D.

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. chi siamo Coopselios è una Cooperativa Sociale di tipo A no-profit ai sensi della legge 381/91. È un soggetto del welfare community presente da oltre 25

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO 1)Finalità del servizio Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di favorire il mantenimento al

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio 1. Dove siamo pag. 3 2. Chi siamo pag. 3 3. Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4. Pernottamento pag. 6 5.Trasporto con mezzo e accompagnatore pag.

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione 1 PROGETTO ASILO NIDO GESTIONE DEL SERVIZIO ASILO NIDO E DEL POST-NIDO Premessa: La traccia

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. del CENTRO SOCIO EDUCATIVO ARCOBALENO

CARTA DEI SERVIZI. del CENTRO SOCIO EDUCATIVO ARCOBALENO CARTA DEI SERVIZI del CENTRO SOCIO EDUCATIVO ARCOBALENO A cura del Comune di Castelfidardo Ufficio Assistenza PREMESSA Allo scopo di garantire informazione, trasparenza e standard adeguati di efficacia

Dettagli

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA SETTORE POLITICHE GIOVANILI E DEL FORUM REGIONALE DELLA GIOVENTU STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG ALLEGATO REGIONE 1 CAMPANIA AZIONE A DI SISTEMA COMUNE DI Allegato F SETTORE POLITICHE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia Settore Servizi alla Popolazione Ufficio Servizi Sociali REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 20 del

Dettagli

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) PRESSO L ISTITUTO

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) PRESSO L ISTITUTO Referente alla Disabilità Prof. ssa Nardiello Paola Referente BES (bisogni educativi speciali) Prof. ssa Cappello Monica Anna INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) PRESSO

Dettagli

ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO

ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO Allegato 2) ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO Premessa L Ambito di Garbagnate M.se intende avviare un processo di sperimentazione

Dettagli

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI CENTRO DIURNO.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI CENTRO DIURNO. C O M U N E d i C A D E L B O S C O d i S O P R A REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI CENTRO DIURNO. Approvato con Deliberazione C.C. n. 43 del 30/09/1999 CONTROLLATO nella

Dettagli