2. MODALITA OPERATIVE GENERALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. MODALITA OPERATIVE GENERALI"

Transcript

1 INDICE GENERALE 1. PREMESSA 2. MODALITA OPERATIVE GENERALI 2.1. Criteri e procedura di ammissione. pag Documentazione richiesta per l inserimento.....pag Criteri e procedura di dimissione..pag Partecipazione dell utente al costo del servizio.....pag ORGANIZZAZIONE INTERNA 3.1. Orario e calendario del centro diurno pag Attività svolte all interno del centro..pag Giornata tipo..pag Figure professionali...pag Il progetto riabilitativo...pag Rapporti con i familiari/tutori/amministratori di sostegno degli utenti.pag Somministrazione dei pasti pag Servizio di trasporto...pag Gestione dei farmaci..pag Attività integrative.pag Presenze.pag Assenze..pag STRESS E BURNOUT URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 1

2 Il seguente documento può essere consultato su supporto cartaceo presso l ingresso dell Unità di Riabilitazione Semiresidenziale (URSR) e presso l accettazione del centro; inoltre è possibile prendere visione del documento sul sito web aziendale e scaricarne i contenuti. 1. PREMESSA Il presente regolamento pone le norme essenziali per il corretto, efficace ed efficiente funzionamento del Centro Semiresidenziale di Riabilitazione Vaclav Vojta per persone con disabilità. Il Settore Semiresidenziale è rivolto a bambini, adolescenti ed adulti con disabilità intellettiva e disturbi comportamentali dovuti, ad esempio, a malattie genetiche e/o secondarie a sofferenza pre e peripartum e/o legate a disturbi pervasivi dello sviluppo. Il centro è specializzato in progetti riabilitativi multidisciplinari che consentono agli utenti, con diverse capacità di apprendimento, di migliorare le capacità relazionali, la propria autonomia personale, il comportamento, le abilità manuali, le capacità attentive, l autostima, etc. L equipe riabilitativa ha l obiettivo di promuovere ed organizzare svariate attività che vengono scelte per ogni singolo utente in base alle capacità dello stesso ed agli obiettivi che si intende raggiungere; pertanto viene elaborato un progetto personalizzato che tiene conto dei bisogni, delle aspettative, delle menomazioni, disabilità e, soprattutto, delle abilità residue e recuperabili dell assistito nonché delle aspettative e delle priorità del suo ambito familiare. 2. MODALITA OPERATIVE GENERALI 2.1. CRITERI E PROCEDURA DI AMMISSIONE Per l ammissione all interno dell Unità di Riabilitazione Semiresidenziale è necessario che l utente venga dapprima inserito nella Lista d Attesa. Tale procedura può essere effettuata sia direttamente URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 2

3 presso il centro dal familiare/tutore/amministratore di sostegno dell utente che tramite il sito web aziendale. La Segreteria o l Assistente Sociale del centro accolgono le richieste di inserimento nella Lista d Attesa in ordine di arrivo. Il Medico Responsabile, in accordo con l Assistente Sociale e seguendo le indicazioni fornite dalla Direzione Sanitaria ed Amministrativa, seleziona gli utenti in base alla patologia ed alla data di nascita rispondenti al target del Settore Semi-Residenziale (bambini, adolescenti e giovani adulti con disabilità intellettiva grave, medio-grave, media e lieve con innesto di patologia psichiatrica) ed al domicilio (dando la precedenza alla ASL RM/C di appartenenza). La Segreteria o l Assistente Sociale effettuano un primo colloquio telefonico con la famiglia durante il quale vengono richieste alcune informazioni quali la diagnosi e l ASL di appartenenza e fissano altresì un appuntamento per un incontro con il Medico Responsabile. Durante tale incontro il Medico valuta l idoneità dell Utente per l eventuale inserimento in un progetto riabilitativo presso questo Centro in base alle risorse rilevate durante il colloquio, alla documentazione esibita, alla visita diretta, alla disponibilità dei posti ed alla composizione dei gruppi. L Assistente Sociale ha il compito di raccogliere le informazioni che riguardano la sfera sociale dell utente e del nucleo familiare. Una volta deciso l inserimento dell utente questi seguirà un percorso di inserimento di due settimane. Durante tale periodo l utente frequenterà il centro dove verranno effettuate le diverse osservazioni e valutazioni da parte delle figure professionali che compongono l equipe quali il Medico, il Fisioterapista, l Infermiere, il Logopedista, l Educatore Professionale, ecc. Successivamente alla stesura del progetto riabilitativo ed all apertura dello stesso viene convocato il familiare di riferimento o il tutore o l amministratore di sostegno (dell utente in carico) il quale prende visione, accetta e firma la cartella riabilitativa registrando anche le aspettative dell utenza all inizio dell intervento DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PER L INSERIMENTO Al momento dell accettazione presso il Centro l utente deve risultare in possesso della documentazione completa, così come da elenco fornito alla famiglia dalla segreteria del centro. URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 3

4 I documenti necessari per l inserimento all interno del centro semiresidenziale sono i seguenti: - Certificato di residenza - Stato di famiglia - Fotocopia del documento di riconoscimento dell utente - Codice fiscale dell utente - Fotocopia del riconoscimento d invalidità - Elenco dei recapiti telefonici dei familiari - Fotocopia della legge 104/92 - Fotocopia della nomina del tutore/amministratore di sostegno (per coloro che sono sottoposti a tutela) - Consenso al trattamento dei dati personali (L. 675/96) - Certificato medico per inizio trattamento riabilitativo redatto dal Medico di famiglia o da un medico del settore pubblico che dovrà esplicitare la diagnosi e la richiesta di trattamento riabilitativo in regime semiresidenziale secondo dicitura indicata su apposito modulo rilasciato dalla segreteria. Tale certificato deve essere consegnato, presso la segreteria, prima dell inizio di ogni progetto riabilitativo CRITERI E PROCEDURE DI DIMISSIONE La dimissione dell Utente, prima della fine del progetto, può avvenire per una o più delle seguenti ragioni: - su istanza dell interessato o di altro soggetto avente titolo quale, per esempio, il tutore o l amministratore di sostegno - su decisione dell equipe riabilitativa - per assenze ripetute, prolungate e/o ingiustificate - per cessazione della causa che ne ha costituito titolo - saranno dimessi gli Utenti che, nel periodo di prova ovvero nel successivo definitivo accoglimento, avranno dimostrato effettiva difficoltà e/o gravi problematiche di inserimento URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 4

5 - verranno altresì dimessi quegli Utenti che, inseriti in via definitiva, manifestino un alterazione o deterioramento del comportamento dovuti al peggioramento della condizione psicofisica e tali da risultare incompatibili con l inserimento nel Centro. - se accolti in Casa Famiglia od in altro centro La dimissione dell utente prevede l elaborazione di una relazione che verrà rilasciata ai familiari i quali, a loro volta, dovranno consegnarla al medico curante. Una copia dovrà essere allegata in cartella PARTECIPAZIONE DELL UTENTE AL COSTO DEL SERVIZIO La Regione Lazio ha emanato i Decreti U0095/2009 e U0051/2010 Concorso finanziario della Regione agli oneri sostenuti dai Comuni per la partecipazione alla spesa per le attività riabilitative erogate in modalità di mantenimento regime semiresidenziale. La compartecipazione dell utente e/o del Comune decorre dal 1 luglio Si applica a tutti i soggetti in carico presso le strutture residenziali e semiresidenziali con progetti in modalità di mantenimento. Hanno diritto alla compartecipazione alla spesa da parte del Comune le persone con un reddito I.S.E.E. non superiore a ,00 annui. Il Comune tenuto alla contribuzione della spesa è il Comune di residenza prima dell inizio delle attività riabilitative erogate in modalità di mantenimento in regime semiresidenziale. Il Comune deve essere preventivamente informato da parte dell utente al fine dell assunzione degli obblighi connessi all eventuale integrazione economica (art. 6, c.4, L. 328/2000). Per richiedere la compartecipazione del comune per le prestazioni riabilitative erogate in regime semiresidenziale i familiari dell utente devono portare al municipio di residenza i seguenti documenti: - Modello OBIS M (rilasciato dall INPS) - ISEE standard del nucleo familiare (rilasciato dal CAF) - Copia del codice fiscale dell utente e del tutore/ amministratore di sostegno URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 5

6 - Carta d identità dell utente e del tutore/ amministratore di sostegno - Decreto di nomina del tutore o dell amministratore di sostegno - Recapito telefonico utile - Progetto della struttura inviato all ASP - Dichiarazione della struttura contenente data di inizio e fine progetto, regime ed impegno riabilitativo 3. ORGANIZZAZIONE INTERNA 3.1. ORARIO E CALENDARIO DEL CENTRO DIURNO Il centro è aperto dodici mesi l anno, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle ATTIVITA SVOLTE ALL INTERNO DEL CENTRO Le prestazioni erogate dal Centro Semiresidenziale sono di carattere riabilitativo e vengono assicurate dal personale specializzato ed ausiliario. L organizzazione interna del centro prevede che l attività riabilitativa sia svolta sia all interno della classe di appartenenza dell utente che in specifici laboratori quali: LABORATORIO ATTIVITA COGNITIVE LABORATORIO BAR (gestione di un Punto Ristoro all interno del centro) LABORATORIO DI CUCINA LABORATORIO DI BRICOLAGE E CERAMICA (utilizzo artistico di materiali vari quali carta, legno, stoffa, creta e cera) LABORATORIO DI TESSITURA URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 6

7 LABORATORIO TEATRALE (con produzione di cortometraggi) LABORATORIO CINEFORUM LABORATORIO DI MUSICA E STRUMENTI MUSICALI LABORATORIO ARTISTICO (grafico-pittorico) LABORATORIO PER LA CURA DEL CORPO LABORATORIO GIOCHI E MOVIMENTO (attività motoria di base ed educazione al movimento anche con l utilizzo di ausili quali quadripodi e tutori) LABORATORIO PER LA STIMOLAZIONE PLURISENSORIALE LABORATORIO DI ERBORISTERIA LABORATORIO DI GIARDINAGGIO/ORTO LABORATORIO RADIO/GIORNALE VOJTA LABORATORIO DI ORIENTAMENTO SUL TERRITORIO LOGOPEDIA TERAPIA OCCUPAZIONALE FISIOTERAPIA Il progetto riabilitativo prevede inoltre: Attività informatica Gite ed uscite didattiche Spettacoli sia all interno che all esterno del centro Realizzazione di feste: Carnevale, Natale, feste di compleanno Tali attività sono finalizzate a raggiungere i seguenti obiettivi: - recupero e sostegno delle abilità scolastiche di base - mantenimento/miglioramento del livello culturale - miglioramento della capacità d iniziativa e dei tempi attentivi - favorire l espressione dei vissuti personali - potenziare la capacità di lavorare in gruppo - mantenimento/miglioramento dell autonomia personale - rieducazione all orientamento temporo-spaziale URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 7

8 - favorire la socializzazione e l interazione con gli altri - miglioramento della manualità - favorire i linguaggi non-verbali nella loro molteplicità di forme - offrire la possibilità agli utenti di acquisire e/o potenziare ulteriori mezzi di comunicazione al fine di esprimere al meglio la propria creatività 3.3. GIORNATA TIPO La giornata tipo al centro si struttura nel seguente modo: - Il singolo utente viene accompagnato al centro dal proprio domicilio usufruendo di 3 possibili modalità di trasporto: o con il mezzo del centro o con il mezzo del comune o con mezzo proprio (la scelta è a discrezione dei familiari od in relazione alle disponibilità dell ente erogatore). - Al momento dell arrivo al centro il singolo utente viene accompagnato nella classe di appartenenza dove si svolge l accoglienza. - Inizio delle attività stabilite nel progetto riabilitativo del singolo utente. - Pranzo in due turni al fine di consentire il proseguimento delle attività di un turno durante la pausa pranzo dell altro. - Igiene post-prandiale. - Termine delle attività. - Uscita dal centro e rientro al proprio domicilio FIGURE PROFESSIONALI L equipe riabilitativa che opera all interno del centro diurno si compone delle seguenti figure professionali: - Medico responsabile dell URSR URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 8

9 - Medici del diurno - Pedagogista - Psicologa - Assistente sociale - Educatore professionale - Terapista occupazionale - Logopedista - Fisioterapista - Infermiera - Operatori socio-sanitari Tali figure hanno qualifiche e formazione adeguata e sono presenti nel numero previsto dagli standard indicati dalla normativa regionale di riferimento e dagli accordi convenzionali. Ciascuna figura professionale interviene nel progetto con la responsabilità relativa al proprio ambito di applicazione e nel rispetto dei contenuti del progetto formulato dall equipe IL PROGETTO RIABILITATIVO Per ciascun utente presente nella struttura è compilata una Cartella Clinica Riabilitativa. Il medico responsabile raccoglie l anamnesi e visita l utente. Nella stesura della cartella clinica riabilitativa il medico responsabile si avvale: - della versione italiana dell ICD9-CM per la codifica della diagnosi - dell apposita check list dell ICF (Classificazione Internazionale del Funzionamento della Disabilità e della Salute introdotto dal 2003 dall ASP della Regione Lazio) per valutare e definire i diversi tipi di disabilità (cognitiva, neurologica, psichiatrica e sociale), individuare punti critici e di forza nonché le abilità da sviluppare e quelle da recuperare ed inoltre per valutare i fattori familiari, personali, ambientali e contestuali. Per descrivere e meglio monitorare le disabilità oggetto dell intervento ci si avvale di: - valutazioni e colloqui clinici URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 9

10 - somministrazione di apposite scale di valutazione (Barthel, SVAMA, SPSMQ, EDSS, Vineland, WAIS, WISH-R, Prove di valutazione della comprensione linguistica, etc.) Gli elementi emersi nelle singole valutazioni sono condivisi tra tutti i componenti dell equipe in apposite riunioni e, sulla base della diagnosi medica e della valutazione pluridisciplinare, l'equipe riabilitativa guidata dal medico responsabile avrà il compito di : elaborare il progetto riabilitativo individuale individuare il programma riabilitativo settimanale definire, nelle linee generali, gli obiettivi a breve, medio e lungo termine programmare le azioni e determinare le condizioni necessarie al raggiungimento degli obiettivi comunicare e condividere il progetto con le famiglie, la proposta riabilitativa e le successive modifiche verificare periodicamente la validità degli interventi programmati e valutare i risultati ottenuti modificare le azioni e gli interventi ove la verifica di cui al punto precedente ne evidenzi la necessità programmare eventuali visite specialistiche da effettuare all interno del centro (visita otorinolaringoiatrica, visita cardiologica e visita fisiatrica). Il programma riabilitativo si articola attraverso interventi giornalieri in un programma settimanale che viene presentato all utente e ai familiari per essere approvato e sottoscritto registrando anche le aspettative degli stessi all inizio dell intervento. Il lavoro viene attuato sempre in equipe, tra le diverse figure e le diverse professionalità RAPPORTI CON LE FAMIGLIE/TUTORI/AMMINISTRATORI DI SOSTEGNO DEGLI UTENTI Per una buona relazione con la struttura è necessario che gli utenti ed i familiari/tutore/amministratore di sostegno osservino le modalità di comportamento disciplinate dal presente regolamento. Il Direttore Sanitario, così come le altre figure professionali facenti parte dell equipe riabilitativa, saranno a disposizione degli utenti e dei familiari/tutore/amministratore di sostegno per eventuali chiarificazioni in merito riguardanti le linee di condotta educative e riabilitative. URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 10

11 Gli utenti e i familiari/tutore/amministratore di sostegno dovranno provvedere direttamente, nel caso in cui il Centro faccia richiesta di visite specialistiche, ai controlli sanitari od alle terapie specifiche presso strutture sanitarie esterne. E prevista la possibilità di incontri e colloqui con i familiari e/o tutore e/o amministratore di sostegno finalizzati alla condivisione del progetto individualizzato (counseling). La durata prevista di ogni counseling è di 60 minuti che possono essere spesi n un unico incontro o più incontri la cui durata complessiva sia comunque non inferiore a 60 minuti. Il counseling può avvenire sia telefonicamente che personalmente presso la struttura. Al fine di non creare disguidi nello svolgimento delle attività programmate dal Centro gli appuntamenti con i familiari/tutore/amministratore di sostegno verranno presi o direttamente dalle figure professionali interessate o dalla Segreteria. Per qualsiasi comunicazione riguardante l organizzazione e la permanenza presso il Centro o altre esigenze specifiche gli utenti ed i familiari/tutore/amministratore di sostegno faranno riferimento all Assistente Sociale o alla segreteria o al medico responsabile del centro semiresidenziale. Per qualsiasi comunicazione riguardante l aspetto clinico gli utenti ed i familiari/tutore/amministratore di sostegno faranno riferimento al Medico Specialista che segue direttamente l utente stesso. Nel caso in cui il medico responsabile del progetto ritenga opportuna, per l utente, una visita specialistica da effettuare all interno del centro (visita cardiologica, otorinolaringoiatrica o fisiatrica) il medico stesso o l infermiera (su indicazione del medico) prenoterà e comunicherà telefonicamente ai familiari/tutore/amministratore di sostegno l appuntamento (giorno ed ora) invitandoli ad essere presenti. Il Centro organizza, durante l anno, delle feste che prevedono la presenza degli utenti e dei loro familiari/tutore/amministratore di sostegno; questi ultimi verranno convocati tramite invito scritto. Tali incontri vengono organizzati con lo scopo di permettere ai familiari/tutore/amministratore di sostegno di partecipare per un giorno alla vita quotidiana del centro. Il Centro Semiresidenziale assicura la tutela degli utenti e dei loro familiari/tutore/amministratore di sostegno che intendono presentare un reclamo, una proposta, un osservazione, un elogio relativamente URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 11

12 ai servizi od alle prestazioni sanitarie erogate. A tale scopo sono state istituite delle specifiche procedure di gestione per rilevare e rispondere rapidamente alle situazioni di disagio e di insoddisfazione. Per esercitare questo diritto è possibile: - utilizzare i moduli di segnalazione già prestampati e disponibili presso il centro ed imbucarli nelle apposite cassette collocate all interno della struttura - rivolgersi al medico responsabile del centro semiresidenziale previo appuntamento 3.7. SOMMINISTRAZIONE DEI PASTI Il centro diurno garantisce il servizio mensa. Gli operatori provvedono alla somministrazione del pasto e garantiscono l assistenza durante lo stesso. La preparazione e la distribuzione dei pasti avvengono nella cucina interna al centro nel rispetto delle normative previste nel piano di autocontrollo alimentare dell H.A.C.C.P. (D. Lgs 155/97). L attenta applicazione di tale procedura consente di controllare ogni fase di lavorazione e somministrazione dei pasti e di avere il monitoraggio costante dell intero processo di cucina. Il centro garantisce una dieta personalizzata in caso di patologia (es. celiachia, ipercolesterolemia, diabete, etc). Le diete legate a particolari esigenze patologiche vengono erogate a seguito della presentazione al centro, da parte dei genitori, di idonea certificazione medica. La scelta del menù viene preventivamente visionata dal Direttore Sanitario. Ogni successiva variazione deve essere prescritta dal medico curante o dallo specialista che ha in carico l utente. URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 12

13 3.8. SERVIZIO DI TRASPORTO Il trasporto degli utenti, sia dal proprio domicilio al centro che dal centro al proprio domicilio, può avvenire attraverso 3 modalità: - Con mezzo proprio - Con pulmino erogato dal centro - Con pulmino erogato da aziende o enti esterni (Comune, ASL, privati, etc) Il trasporto è organizzato rispettando gli orari di funzionamento della struttura GESTIONE DEI FARMACI La struttura è dotata di un carrello chiuso a chiave per il deposito e conservazione dei medicinali da somministrare al bisogno, dei presidi medico-chirurgici, del materiale di medicazione e degli altri materiali di competenza. Ogni medico e l infermiera dell URSR sono in possesso di una chiave del carrello dei medicinali. I farmaci vanno custoditi sempre nella confezione originale dove sono riportati il numero di lotto e la scadenza; per lo stesso motivo non devono essere tagliati i blister delle compresse. Il controllo della disponibilità e delle scadenze dei farmaci viene effettuato dall infermiera seguendo una periodicità mensile secondo un apposito calendario (il primo lunedì del mese). Per ciò che riguarda i farmaci somministrati al bisogno è prevista una procedura di scarico degli stessi su apposito REGISTRO SCARICO FARMACI nel quale l infermiera dovrà annotare il nome e cognome dell utente per il quale è stato utilizzato il farmaco in questione, il nome e la posologia del farmaco e la data di somministrazione dello stesso. L infermiera ha il compito di visionare ed aggiornare periodicamente il REGISTRO CARICO DEI FARMACI ; qualora, in base alla giacenza farmaci, emerga la necessità di ordinare un farmaco mancante o presente in un quantitativo insufficiente, sarà compito dell infermiera comunicare tale esigenza al medico incaricato il quale provvederà a sua volta URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 13

14 a richiedere, tramite apposito modulo, i farmaci in questione. Il modulo dovrà essere consegnato all Amministrazione che provvederà ad acquistare prontamente i farmaci. L approvvigionamento dei farmaci viene effettuato in base alla procedura P06- Gestione fornitori ed approvvigionamento. Gli utenti che assumono una terapia giornaliera e che hanno necessità di prenderla durante l orario della frequenza al centro portano quotidianamente da casa la terapia da assumere contestualmente alla prescrizione del medico curante. La preparazione e la distribuzione dei farmaci che devono essere somministrati quotidianamente agli utenti del centro viene fatta a cura dell infermiere professionale e, qualora fosse impossibilitato, dal medico presente al centro. I farmaci scaduti vanno scaricati in un registro situato all interno dell armadietto; tale procedura viene svolta dall infermiera. Il Centro è provvisto di: - un apposito contenitore per RIFIUTI SPECIALI nel quale dovranno essere gettati tutti i materiali di tipo medico-chirurgico utilizzati all interno della medicheria - un apposito CONTENITORE AGHI nel quale dovranno essere gettati gli aghi delle siringhe utilizzati all interno della medicheria I prodotti farmaceutici scaduti, alterati, revocati o difettosi, se non immediatamente eliminabili, devono essere separati dai prodotti in corso di validità, racchiusi in un contenitore recante la dicitura FARMACI SCADUTI DA SMALTIRE per essere successivamente inseriti in un contenitore per RIFIUTI SPECIALI ATTIVITA INTEGRATIVE Ogni Centro diurno, oltre ad essere in rapporto di collaborazione con l azienda Asl del proprio territorio, contribuendo anch esso all integrazione dei diversi servizi socio-sanitari e sociali, è inserito in realtà comunitarie di parrocchia, quartiere e comune. È parte di questi contesti, intervenendo URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 14

15 attivamente alla costruzione di quelle relazioni che promuovono l inclusione della persona disabile, nel pieno diritto alla cittadinanza. Il Centro diurno favorisce una cultura dell accettazione e del rispetto nel tessuto sociale del territorio di appartenenza ed attiva forme di partecipazione alle opportunità offerte dal territorio. Il centro si avvale dei propri pulmini per permettere ai diversi gruppi di disabili di muoversi, conoscere, incontrare e partecipare alle varie iniziative esterne (teatro, mostre, aziende agricole, etc). Il centro dovrà promuovere interventi, in ambito territoriale, quali ad esempio: - incontri periodici per sensibilizzare la comunità locale sulle specifiche problematiche della disabilità - inserimento dei disabili in iniziative culturali sportive e di tempo libero sul territorio - mostre od altri tipi di manifestazione (proiezione di cortometraggi girati all interno del centro, esposizione di oggetti realizzati dagli utenti, etc) per far conoscere le attività che vengono svolte all interno del centro - organizzazione di visite guidate sul territorio e nei dintorni per ampliare l esperienza e confrontarsi con altre realtà - uscite, a piccoli gruppi, con l obiettivo di educare gli utenti coinvolti alla fruizione di strutture e servizi presenti sul territorio (teatro, musei, spettacoli, Bioparco, Fattorie Sociali, etc) - partecipazione ad iniziative come quella del Dopo di Noi - accoglienza di associazioni di volontariato tra le quali quella di S. Egidio - l uso della piscina del centro da parte di alunni della Scuola Livio Tempesta per favorire l interazione degli utenti con i propri coetanei - rapporti con le relative ASL di appartenenza degli utenti; tramite tali contatti l Assistente Sociale del Centro mantiene una rete di relazioni volte a garantire un ulteriore supporto all utente ed al relativo nucleo familiare per garantire una migliore qualità di vita degli stessi PRESENZE Per il settore Semiresidenziale le presenze vengono segnate dal personale preposto e comunicate alla Segreteria Amministrativa ed all Amministrazione. URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 15

16 3.12. ASSENZE Assenze superiori a 7 (sette) giorni consecutivi devono essere giustificate da certificato medico da consegnare in Segreteria contestualmente ed obbligatoriamente al rientro presso il Centro, recante la diagnosi e la prognosi. Ll omessa esibizione del certificato medico implica una mancata remunerazione ed eventuale sospensione del progetto riabilitativo. Un nuovo progetto potrà essere eventualmente aperto a seconda della disponibilità di posti nel Settore di appartenenza. La domenica o il giorno festivo, se compresi nel periodo di assenza, devono essere conteggiati nella certificazione medica (ad esempio un assenza dal mercoledì al mercoledì successivo compreso è conteggiata pari a giorni 8 (otto)). Si sottolinea infine l obbligo di comunicare al Medico Responsabile ed alla Direzione Sanitaria di questo Centro qualsiasi tipo di ricovero ospedaliero, compreso il day-hospital, consegnando in Segreteria una copia del foglio di ricovero, entro e non oltre le 48 ore dallo stesso. Parimenti il foglio di dimissioni dovrà essere consegnato con le stesse modalità. 4. STRESS E BURNOUT Il termine burnout configura una condizione di stress lavorativo ed è considerato una sindrome per l insieme dei sintomi che lo contraddistinguono. Viene inoltre riscontrato, con una certa frequenza, tra gli operatori che lavorano a stretto contatto con situazioni di sofferenza. La sindrome del burnout rappresenta la risultante di uno squilibrio tra le richieste professionali e la capacità individuale di affrontarle; è quindi una condizione che esprime una sollecitazione emozionale di frustrazione e demoralizzazione, con difese inadeguate e comportamenti mal adattativi. Per prevenire concretamente il disagio relativo allo stress e burnout ed assicurare la tutela ed il benessere psico-fisico degli operatori è necessario migliorare la struttura socio-organizzativa adottando degli strumenti adeguati. A tale scopo sono state istituite delle specifiche procedure di URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 16

17 gestione per rilevare e rispondere rapidamente alle situazioni di disagio e di insoddisfazione, tra le quali: - il medico competente esegue una valutazione del rischio stress-lavoro correlato ed, in base ai risultati, ne monitora periodicamente il livello confermando il rischio rilevato o riportando l evoluzione dello stesso attraverso colloqui con gli operatori - modificare la routine di lavoro: riuscire a modificare la metodologia di lavoro senza modificare l attività professionale può ridurre la sensazione di essere fossilizzato, inerme, impotente, elementi che poi si traducono in frustrazione ed ansia; l operatore potrà avere, in tal modo, un maggior senso di autonomia e libertà (ad esempio attraverso la rotazione dei lavoratori nei diversi laboratori e l apertura di nuovi laboratori) - garantire la crescita professionale e personale attraverso momenti di pausa ovvero un breve intervallo da inserire nel contatto con gli utenti. Deve essere una pausa in cui la persona può rallentare il ritmo lavorativo. Le pause ufficiali dal lavoro rappresentano uno procedura standard nella maggior parte dei luoghi di lavoro. - corsi di aggiornamento, workshop e seminari - incontri con gli operatori a cadenza pluriannuale ed al di fuori dell orario di servizio. Tali incontri rappresentano degli spazi di discussione relativi a casi difficili e/o problemi interpersonali con altri colleghi dello staff o di staff diversi. Gli obiettivi da perseguire sono lo scambio reciproco, il sostegno e l assenza totale della dimensione giudicante - utilizzare i moduli di segnalazione già prestampati e disponibili presso il centro ed imbucarli nelle apposite cassette (chiuse a chiave) collocate all interno della struttura. Direttore Sanitario Dott. Stefania Cruciani Responsabile URSR Dott. Domenico Serranò Centro di Riabilitazione Vaclav Vojta Società Cooperativa Via Salvatore Pincherle, Roma Tel r.a Fax URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 17

18 URSR Unità di Riabilitazione Semiresidenziale 18

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

ENTE SERVIZIO CIVILE DON ORIONE NZ00051

ENTE SERVIZIO CIVILE DON ORIONE NZ00051 ENTE SERVIZIO CIVILE DON ORIONE NZ00051 SCHEDA PROGETTO SEDE OPERATIVA ROMA (RM) CENTRO DON ORIONE MONTE MARIO CODICE SEDE 98090 SETTORE ASSISTENZA 06 DISABILI [ TITOLO PROGETTO Riabitare il mondo Ente

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI 1 All. 2) GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 La Scuola Comunale dell Infanzia assume e valorizza le differenze individuali dei bambini nell ambito del processo

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

CENTRO DIURNO PER PERSONE DISABILI NOI E GLI ALTRI

CENTRO DIURNO PER PERSONE DISABILI NOI E GLI ALTRI CENTRO DIURNO PER PERSONE DISABILI NOI E GLI ALTRI PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La mission del Centro Diurno è quella di garantire il benessere psicofisico degli ospiti, in un ambiente idoneo, volto a

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli