[Numero 35 Articolo 3. Marzo 2009] L impatto degli oppioidi sul sistema endocrino

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "[Numero 35 Articolo 3. Marzo 2009] L impatto degli oppioidi sul sistema endocrino"

Transcript

1 Stampa questa pagina Copyright Chiudi [Numero 35 Articolo 3. Marzo 2009] L impatto degli oppioidi sul sistema endocrino Titolo originale: "The Impact of Opioids on the Endocrine System" Rivista e Riferimenti di pubblicazione: Clin J Pain. Volume 25, Number 2, February 2009 Recensione a cura di: Alberto Andrani Indirizzo dell'articolo: Visita Parole chiave: Oppioidi Effetti collaterali, testosterone, ipogonadismo, libido Introduzione Gli oppioidi sono stati usati per millenni a scopo terapeutico e soprattutto come antalgici e ancora oggi fanno parte dell armamentario medico per il controllo del dolore, della diarrea, della tosse e di altri sintomi. Hanno però, sul sistema endocrino, effetti negativi che sono stati evidenziati da almeno un secolo, ma raramente menzionati nel panorama medico odierno. Questi effetti comprendono la riduzione della secrezione di testosterone negli uomini, con perdita della libido e altri effetti correlati, e nelle donne irregolari mestruali e infertilità. Con l attuale incremento dell uso degli oppioidi per il dolore cronico, assume particolare importanza individuare e gestire questi effetti collaterali. (Tabella 1) Tabella 1 Fisiologia delle interazioni tra oppioidi e sistema endocrino L asse ipotalamo-ipofisi-gonadi che controlla la produzione dei principali ormoni sessuali, testosterone ed estradiolo, comincia con l ipotalamo che secerne il GnRH, l ormone che stimola il rilascio di gonadotropine. Il GnRH stimola l ipofisi a secernere l ormone luteinizzante (LH) e follicolo stimolante (FSH). Questi due ormoni stimolano le gonadi i testicoli e le ovaie a secernere rispettivamente testosterone e estradiolo. L estradiolo è inoltre secreto dai testicoli mediante l aromatizzazione del testosterone e il testosterone, a sua volta, è secreto anche dalle cellule della teca ovarica. Questi ormoni, a loro volta, esercitano un feedback negativo sull ipotalamo e sull ipofisi per il controllo della secrezione del GnRH, LH e FSH. Il testosterone e gli estrogeni condizionano lo sviluppo sessuale, la funzione riproduttiva e il comportamento sessuale. L asse ipotalamo-ipofisi-gonadi è modulato pure da una serie di stimoli esterni tra cui gli oppioidi. Le evidenze suggeriscono che gli oppioidi, sia endogeni che esogeni, possono legarsi ai loro recettori principalmente nell ipotalamo, ma potenzialmente anche nell ipofisi e nei testicoli, per modulare la funzione delle gonadi. E stato dimostrato che gli oppioidi diminuiscono il rilascio del GnRH o interferiscono con la sua regolare pulsatilità a livello dell ipotalamo, determinando una diminuzione del FSH e del LH da parte dell ipofisi con conseguente caduta della produzione degli steroidi delle gonadi e quindi ipogonadismo. Sono stati dimostrati anche gli effetti diretti degli oppioidi sui testicoli che determinano una diminuzione della secrezione del testosterone e del fluido interstiziale. I recettori per gli oppioidi sono inoltre stati individuati su colture di tessuto ovarico ed è stato dimostrato in vitro che gli oppioidi sopprimono direttamente la secrezione degli steroidi ovarici. In studi sperimentali è stato dimostrato che gli oppioidi determinano un aumento del rilascio di prolattina dall ipofisi, che a sua volta diminuisce la

2 secrezione di testosterone, anche se negli studi clinici la secrezione di prolattina non sembra essere influenzata. Infine è stato dimostrato che gli oppioidi modificano la secrezione di deidroepiandrosterone (DHEA), un importante precursore sia del testosterone negli uomini che dell estradiolo nelle donne. Conseguenze dell uso degli oppioidi sul sistema endocrino Ipogonadismo indotto dagli oppioidi negli animali Esperimenti sugli animali hanno dimostrato gli effetti degli oppioidi sul sistema endocrino. Essi consistono in una diminuzione della secrezione di testosterone sia a livello centrale, mediante la riduzione del LH, che periferico mediante un effetto diretto sui testicoli. Non tutti gli oppioidi, però, hanno lo stesso effetto sui livelli di testosterone: nei ratti il tramadolo non influenza i livelli ematici di testosterone e la buprenorfina non influenza i livelli cerebrali del testosterone, mentre altri oppioidi come il fentanyl e la morfina li influenzano. Il tramadolo e la buprenorfina hanno meno possibilità di indurre un ipogonadismo rispetto agli altri oppioidi perché non sono µ agonisti puri ed hanno inoltre altre caratteristiche: il tramadolo inibisce il reuptake delle monoamine, mentre la buprenorfina è un µ agonista parziale con le caratteristiche degli antagonisti k. Ipogonadismo indotto dagli oppioidi in pazienti con dipendenza da oppioidi ed in pazienti in trattamento per dipendenza Studi su soggetti dipendenti da eroina hanno dimostrato una diminuzione, mediata dagli oppioidi, dei livelli di testosterone nei maschi, associata ad una diminuzione dei livelli di LH e FSH. Quest ultima è dovuta ad un meccanismo centrale, secondario ad un ipogonadismo ipogonadotropo poiché è causato da una disfunzione dell ipotalamo o dell ipofisi. In particolare uno di questi studi ha dimostrato che i livelli di testosterone erano ritornati normali un mese dopo la cessazione dell uso di eroina, suggerendo quindi che gli effetti degli oppioidi sul sistema endocrino siano reversibili. Diversi studi su soggetti maschi in trattamento cronico con metadone hanno dimostrato una riduzione dei livelli di testosterone e di LH mediante un meccanismo di tipo centrale. Uno di questi studi ha dimostrato inoltre un effetto dose-risposta in quanto nei soggetti trattati con basse dosi di metadone ( mg ) non vi era una riduzione dei livelli di testosterone, al contrario di quei pazienti trattati con dosi alte ( ). Sono stati, inoltre, descritti casi di amenorrea e galattorrea in donne dipendenti da eroina. Un altro studio ha comparato la funzione endocrina di 17 maschi in trattamento con buprenorfina per dipendenza, con quella di 37 maschi trattati con metadone ad alte dosi e con quella di 51 controlli sani. I pazienti trattati con buprenorfina avevano significativamente più alti livelli di testosterone e più bassa frequenza di disfunzioni sessuali nei confronti dei pazienti trattati con alte dosi di metadone. Il livelli di testosterone dei pazienti trattati con buprenorfina, non differivano da quelli dei pazienti sani. Questo è il primo studio che suggerisce che non tutti gli oppioidi siano simili per quanto riguarda gli effetti sul sistema endocrino, sebbene non è chiaro, in questo studio, se siano state comparate dosi equivalenti di metadone e buprenorfina. Ipogonadismo indotto dagli oppioidi in pazienti con dolore cronico in trattamento con oppioidi Molti studi condotti su pazienti sottoposti a terapia intratecale con oppioidi per dolore non neoplastico hanno confrontato questi ultimi con pazienti con dolore comparabile non sottoposti a terapia con oppiodi e hanno documentato nei primi un ipogonadismo associato a bassi livelli di LH e a livelli bassi o normali di FSH sia in soggetti maschi che femmine. Questi dati di laboratorio che evidenziano un ipogonadismo ipogonadotropo, erano associati ad una diminuzione della libido ( sia nei maschi che nelle femmine ), ad impotenza negli uomini e ad assenza o irregolarità delle mestruazioni nelle donne ( amenorrea o oligorrea ). Questi sintomi miglioravano in molti pazienti che ricevevano una supplemento ormonale. In nessuno di questi studi i livelli di prolattina erano elevati, escludendo quindi il coinvolgimento della prolattina nell ipogonadismo da oppioidi. Nelle donne in età fertile l oligomenorrea o l amenorrea potevano indurre infertilità, osteoporosi e potenzialmente un aumento del rischio cardiovascolare. Nelle donne in menopausa o ovariectomizzate la riduzione dei livelli di testosterone e di DHEA, indotta dagli oppioidi, poteva contribuire alla diminuzione della libido e all insorgenza di umore depresso. Sono stati pubblicati tre studi sugli effetti della terapia orale a lungo termine con oppioidi in soggetti con dolore cronico. Nel primo era valutata la funzione endocrina in 54 pazienti in terapia con oppioidi a rilascio controllato e in 27 soggetti sani di controllo. I livelli ormonali

3 erano molto più bassi nei pazienti in trattamento con oppioidi rispetto ai sani e in modo correlato alla dose ( P< ). I livelli totali di testosterone erano al disotto della norma nel 74% dei soggetti del gruppo oppioidi con un apparente andamento dose-risposta. Dei pazienti che avevano dichiarato una normale funzione erettile prima dell assunzione degli oppioidi, l 87 % denunciavano una severa disfunzione erettile o una diminuzione della libido dopo l inizio della terapia con oppioidi. Un recente studio degli stessi autori ha dimostrato un significativo miglioramento clinico dei sintomi di ipogonadismo, della funzione sessuale e dell umore, in uomini con una deficienza androgenica indotta dagli oppioidi, mediante trattamento con testosterone trans dermico. Il secondo studio ha dimostrato bassi livelli di testosterone in pazienti neoplastici sopravvissuti alla malattia, in trattamento con oppioidi per dolore cronico. In uno studio di followup caso-controllo, 20 pazienti sopravvissuti alla malattia neoplastica, in trattamento con oppioidi, erano confrontati con altri 20 soggetti sopravvissuti alla malattia neoplastica senza terapia con oppiodi. Nel gruppo con oppioidi, il 90% evidenziava un ipogonadismo mentre nel gruppo di controllo l incidenza era del 40%. I livelli medi di testosterone, i livelli di LH (ma non quelli di FSH ) erano significativamente più bassi nel gruppo con oppioidi; questi dati di laboratorio erano associati ai sintomi clinici: il desiderio sessuale, l ansia e la depressione e la qualità di vita in generale erano tutti significativamente più bassi nel gruppo con oppioidi rispetto al gruppo di confronto. Un recente studio ha dimostrato che donne in trattamento con oppioidi orali a rilascio controllato o con oppioidi trans dermici per il controllo del dolore cronico non oncologico, avevano una diminuzione del LH e del FSH con una marcata inibizione della secrezione di estradiolo, testosterone e DPHA. Una diminuzione del DPHA è stata inoltre evidenziata in soggetti maschi in trattamento con oppioidi per dolore cronico non oncologico, prospettando l ipotesi che gli oppioidi possono inoltre ridurre la funzione surrenalica. Ipogonadismo e sensibilità al dolore Uno studio sui ratti ha dimostrato che la riduzione dei livelli di testosterone mediante castrazione aumenta significativamente la sensibilità al dolore. La sensibilità al dolore è ripristinata dal trattamento con testosterone. Altri studi sperimentali hanno dimostrato che l ipogonadismo può interferire con l azione analgesica degli oppioidi, sebbene questi effetti non sono stati confermati mediante studi clinici. Queste osservazioni suggeriscono l ipotesi che il fenomeno dell iperalgesia indotta dagli oppioidi e perfino la tolleranza agli oppioidi che si osserva nell uomo, possa essere, almeno in parte, giustificata dall aumento della sensibilità al dolore indotta dall ipogonadismo o dall interferenza della riduzione degli ormoni sessuali con l analgesia. Le nostre conoscenze su questi argomenti sono del tutto indirette. E stato condotto uno studio randomizzato e controllato verso placebo per valutare l efficacia del testosterone trans dermico, confrontato col placebo, in 53 donne con deperimento associato all AIDS ( questa sindrome è associata ad un marcato decremento dei livelli sierici degli androgeni ). L andamento del dolore è stato tratto dai questionari SF-36 condotti su questi pazienti per valutare la qualità della vita. Una tendenza verso il miglioramento dei punteggi del dolore era riscontrata in uno dei due gruppi in trattamento con testosterone, comparato col gruppo placebo. Effetto degli oppioidi su altre funzioni endocrine Diversi studi hanno esaminato la possibilità di alterazioni indotte dagli oppioidi su altre funzioni endocrine. Non sembra che gli oppioidi alterino la funzione endocrina tiroidea in nessun modo. In diversi studi è stato riscontrato che gli oppioidi diminuiscono i livelli di cortisolo e la risposta all ormone ACTH; ma il significato clinico di ciò non è chiaro. In uno studio il 15% di pazienti ha sviluppato un ipocortisolismo e il 15% una deficit di ormone della crescita. Nonostante un paziente con ipocortisolismo abbia sviluppato una crisi di Addison, le conseguenze cliniche dei bassi livelli di cortisolo osservate in diversi studi su soggetti in terapia con oppioidi, non sono state stabilite. L ipogonadismo comunque indotto, è in grado di influenzare i livelli sierici dei lipidi nell uomo, anche se l importanza clinica di queste osservazioni non è chiara. Diagnosi di endocrinopatia indotta dagli oppioidi I segni e i sintomi di ipogonadismo (tabella 2) sono ben conosciuti e comprendono diminuzione della libido, stanchezza, umore depresso, vampate di calore o sudorazioni notturne, perdita di massa muscolare e forza, infertilità, osteoporosi e fratture sia nei maschi che nelle femmine; diminuzione della funzione erettile nei maschi e irregolarità mestruali nelle donne.

4 Tabella 2 Nelle donne con bassi livelli di testosterone, la diminuzione della libido può manifestarsi con una diminuzione delle fantasie sessuali, delle attività sessuali, dell eccitazione, dell orgasmo e del piacere. Però molti di questi sintomi possono essere presenti anche nelle pazienti con dolore cronico, a cui erroneamente possono essere attribuiti, limitando quindi le possibilità che un ipogonadismo venga preso in considerazione. Perciò, tutti i pazienti in terapia con oppioidi per dolore cronico dovrebbero essere valutati prospetticamente per sintomi che potrebbero essere potenzialmente in relazione con un ipogonadismo da oppioidi. Sebbene non siano disponibili standards di laboratorio per monitorare i pazienti in trattamento con oppioidi per dolore cronico, si dovrebbe comunque monitorare la funzione endocrina in questi pazienti (Tabella 3). Tabella 3 I tests di laboratorio dovrebbero includere il testosterone totale e libero o la globulina legante l ormone sessuale (SHBG), LH, FSH (opzionale) e il DHEAS sia negli uomini che nelle donne, l estradiolo nelle donne. Sebbene i livelli di LH siano generalmente bassi o inaspettatamente normali in pazienti con ipogonadismo indotto da oppioidi, una RM non è necessaria per scartare un tumore dell ipofisi in questo contesto, perché gli oppioidi sono probabilmente la causa dei cambiamenti ormonali. Il monitoraggio della densità ossea dovrebbe essere presa in considerazione nei pazienti a

5 rischio di osteoporosi, poiché i pazienti con ipogonadismo potrebbero avere solo le fratture come manifestazione della patologia endocrina; infatti è stata descritta un alta prevalenza di osteoporosi nei pazienti in trattamento cronico con metadone. La diagnosi di ipogonadismo si basa sui bassi livelli di testosterone con un cutoff consueto di testosterone totale < 300 ng/dl nell uomo e < 20 ng/dl nelle donne fertili. La diagnosi e il trattamento dell ipogonadismo nei pazienti in terapia con oppioidi dovrebbe essere effettuata dopo aver escluso altre cause di ipogonadismo ( menopausa, ovariectomia, castrazione, precedenti orecchioni o altre infezioni o farmaci o alcolismo ). Gestione dell endocrinopatia indotta dagli oppioidi Non ci sono standard condivisi per la gestione di un presunto ipogonadismo da oppioidi, perciò il giudizio clinico acquista particolare rilevanza. Nei pazienti che sembrano avere un ipogonadismo indotto dagli oppioidi, molte considerazioni possono influenzare le decisioni terapeutiche (Tabella 4). Tabella 4 Il primo passo è stabilire in quale misura le alterazioni di laboratorio siano clinicamente importanti, mediante la valutazione della funzionalità sessuale, della libido, dell umore e degli altri sintomi sopra riportati. Per i pazienti con sintomi o anche con i soli esami alterati, senza una chiara sintomatologia clinica, la prima opzione è cambiare la terapia. Si dotrebbe provare con metodiche analgesiche non oppioidi come TENS ( stimolazione elettrica trans cutanea dei nervi ), terapia comportamentale, infiltrazioni, radiofrequenza, stimolazione nervosa spinale e periferica e farmaci analgesici non oppioidi. Se queste tecniche non risultano efficaci si può prendere in considerazione la rotazione degli oppioidi. Non ci sono conoscenze certe che con la rotazione degli oppioidi l ipogonadismo migliori. Però, come per gli altri effetti collaterali degli oppioidi, che si manifestano in modo imprevisto nei vari pazienti, anche l ipogonadismo potrebbe manifestarsi in modo diverso con i vari oppioidi in pazienti diversi. Da ciò il suggerimento degli autori di provare i diversi farmaci oppioidi in modo da individuare quello che non determina ipogonadismo nel singolo paziente. Il cambio con la buprenorfina è una possibilità che richiede un approfondimento in quanto questo farmaco ha dimostrato in studi preliminari di indurre scarsi sintomi di ipogonadismo. Nei pazienti, come quelli in terapia con alte dosi o quelli in cui diversi oppioidi sono risultati inefficaci, la rotazione degli oppioidi può essere problematica e pertanto potrebbe essere appropriata la somministrazione di testosterone supplementare. La terapia ormonale con testosterone dovrebbe puntare a incrementare la concentrazione sierica del testosterone totale sino ai valori normali di ng/ml, nell uomo. La terapia ormonale nella donna comprende convenzionalmente estrogeni e progestinici. Attualmente non ci sono modalità di trattamento condivise per l ipogonadismo da oppioidi nella donna. Nelle donne fertili, la terapia ormonale con estrogeni e progestinici o con contraccettivi orali può migliorare la funzione endocrina. L uso del DHEA over-the-counter, può essere preso in considerazione, monitorando i livelli di testosterone. Le donne sintomatiche, in trattamento ormonale convenzionale, potrebbero potenzialmente beneficiare della terapia supplementare, a dosi opportune, di testosterone e/o DHEA, sebbene tali approcci siano ancora considerati sperimentali. Sono disponibili diverse formulazioni di testosterone, ma la maggior parte degli studi clinici e l esperienza clinica si basa sulle iniezioni intramuscolari, anche se le formulazioni trans dermiche sono più accettate dalle pazienti. Occorre

6 ricordare che la terapia con testosterone non è priva di effetti collaterali, quali reazione locale nel sito di iniezione, diminuzione dei livelli di colesterolo HDL, abuso e varie anomalie ematologiche, tra cui la policitemia. Nell uomo si possono avere oligospermia, priapismo, calvizie di tipo maschile, e ginecomastia; nella donna irregolarità mestruali, acne, irsutismo e virilizzazione. Forse il più preoccupante effetto collaterale è costituito dal potenziale stimolo alla crescita della ghiandola prostatica. Sebbene il testosterone esogeno non è stato decisamente collegato allo sviluppo del cancro della prostata, i pazienti dovrebbero essere monitorati per tale possibilità mediante l esplorazione rettale e il dosaggio del PSA. Anche i livelli di colesterolo dovrebbero essere controllati per il riconosciuto decremento delle lipoproteine ad alta densità indotto dal testosterone (Tabella 5). Tabella 5 La terapia ormonale sostitutiva per le donne è disponibile in varie formulazioni con vari dosaggi di estrogeni e progestinici e a livello sperimentale di testosterone e DHEA. La terapia sostitutiva può aumentare il rischio cardiovascolare e quello di cancro al seno. Una consulenza endocrinologica si impone nei casi più complessi. Rilevanza per la medicina generale Numerose evidenze sia sperimentali che cliniche indicano che gli oppioidi, assunti per periodi prolungati, sia per il trattamento del dolore cronico, sia per motivi di dipendenza che per il trattamento della stessa dipendenza, indipendentemente dalla via di somministrazione, inibiscono la secrezione degli ormoni sessuali, nell uomo e nella donna, causando un ipogonadismo ipogonadotropo iatrogeno con tutto il corteo sintomatologico caratteristico di questa sindrome: perdita della libido, disfunzione erettile e altri sintomi correlati nell uomo, irregolarità mestruali e infertilità nella donna. Sebbene questi effetti collaterali fossero conosciuti dal secolo scorso, stranamente non sono citati e discussi nel panorama clinico odierno e sono pressoché misconosciuti da gran parte di colleghi che utilizzano gli oppioidi. Questa sistematica review, condotta in modo puntuale per valutare l impatto degli oppioidi sul sistema endocrino, passa in rassegna gran parte degli studi clinici e sperimentali disponibili sull argomento. Commento del revisore Il progressivo incremento dell utilizzo degli oppioidi nel dolore cronico non oncologico impone anche al medico di medicina generale la conoscenza ampia e possibilmente approfondita degli effetti collaterali di questi farmaci, anche quelli meno conosciuti, come quelli sul sistema endocrino. Questa review, dopo aver analizzato gli aspetti fisiopatologici delle interazioni tra oppioidi e sistema endocrino, definisce gli aspetti clinici e laboratoristici per evidenziare le alterazioni endocrine indotte dagli oppioidi, e tenta di definire alcune opzioni per la gestione razionale di questi gravi effetti collaterali. Purtroppo le soluzioni prospettate non sembrano di facile approccio per il medico di medicina generale che, una volta individuato un alterazione endocrina da oppioidi, per gestirla in modo efficace, dovrà avvalersi dell ausilio di colleghi esperti di queste patologie Progettoasco.it

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM 2 INTRODUZIONE Scopo di queste pagine è di fornire alcune informazioni di carattere generale, ma scientificamente corrette, circa il trattamento ormonale che viene somministrato alle persone affette da

Dettagli

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza FARMACOVIGILANZA FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza Le modifiche agli stampati sono conseguenti alla Determinazione

Dettagli

irsutismo femminile ipertricosi femminile Oggi una bellezza femminile senza peli problemi di salute

irsutismo femminile ipertricosi femminile Oggi una bellezza femminile senza peli problemi di salute La peluriia femmiiniile iin eccesso Un sserriio prrobllema perr lla ffemmiiniilliittà delllla donna Il modello di un corpo senza peli e con la pelle vellutata Peluria in eccesso : il sentirsi poco femminile

Dettagli

Azioni neuroendocrine Apparato riproduttivo Sistema nervoso centrale

Azioni neuroendocrine Apparato riproduttivo Sistema nervoso centrale 1 I progestinici sono composti con attività simile a quella del progesterone e includono il progesterone e agenti simili come il medrossiprogesterone acetato (pregnani), agenti simili al 19-nortestosterone

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

PROFILO DONNA MENOPAUSA (Valutazione dell equilibrio ormonale)

PROFILO DONNA MENOPAUSA (Valutazione dell equilibrio ormonale) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 53480 CCV: 1ad Data: 07/11/2012

Dettagli

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze.

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. Le malattie autoimmuni e gli ormoni femminili. La maggior parte delle malattie autoimmuni (artrite reumatoide, sindrome di Sjogren, sclerodermia,

Dettagli

Gli ormoni sessuali e il differenziamento cerebrale. In che modo?

Gli ormoni sessuali e il differenziamento cerebrale. In che modo? Gli ormoni sessuali e il differenziamento cerebrale L esposizione agli androgeni porta allo sviluppo di differenze nelle strutture cerebrali, oltre che degli organi sessuali interni ed esterni, che porterà

Dettagli

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali HORMONAL PROFILES Valutazione degli equilibri ormonali Quando l organismo è sottoposto a malattie, infiammazione, sforzi fisici, stili di vita scorretti, oppure durante periodi particolari della vita (menopausa,

Dettagli

Maurizio Gasperi Dipartimento di S.pe.S. Cattedra di Endocrinologia Università del Molise. Genere ed ormoni. Campobasso 15/05/2008

Maurizio Gasperi Dipartimento di S.pe.S. Cattedra di Endocrinologia Università del Molise. Genere ed ormoni. Campobasso 15/05/2008 Maurizio Gasperi Dipartimento di S.pe.S. Cattedra di Endocrinologia Università del Molise Genere ed ormoni Campobasso 15/05/2008 Aspetti di fisiologia Aspetti di patologia Aspetti di fisiologia Aspetti

Dettagli

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi.

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. MENOPAUSA scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. Nel climaterio le ovaie producono meno ESTROGENI L OVAIO MODIFICAZIONI NELLA VITA RIPRODUTTIVA FEMMINILE MENOPAUSA Inizio della menopausa

Dettagli

le basi biologiche della riproduzione, il ciclo mestruale, le irregolarità mestrual i

le basi biologiche della riproduzione, il ciclo mestruale, le irregolarità mestrual i le basi biologiche della riproduzione, il ciclo mestruale, le irregolarità mestrual i Fisiologia della funzione ovarica Nucleo arcuato dell ipotalamo: produzione di GnRH (gonadotropin - releasing-hormon)

Dettagli

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI COSA SI PUO E COSA SI DEVE FARE? CHE COS E? La menopausa non

Dettagli

Conseguenze generali dell invecchiamento

Conseguenze generali dell invecchiamento Conseguenze generali dell invecchiamento riduzione sintesi proteica declino funzione immunitaria aumento massa grassa perdita massa e forza muscolare riduzione densità minerale ossea La fragilità fisica

Dettagli

Asse ipotalamo-ipofisi-testicolo

Asse ipotalamo-ipofisi-testicolo Asse ipotalamo-ipofisi-testicolo Ipotalamo GnRH Ipofisi FSH, LH Testicolo LH cellule di Leydig Testosterone FSH cellule di Sertoli Inibina, MIF Androgeni Testosterone DHEA, Androstenedione Testicolo Cellule

Dettagli

La DISFUNZIONE ERETTILE nell Anziano

La DISFUNZIONE ERETTILE nell Anziano La DISFUNZIONE ERETTILE nell Anziano E definita come incapacità saltuaria o persistente di raggiungere e/o mantenere una erezione in grado di consentire un rapporto sessuale soddisfacente. Interessa quasi

Dettagli

Il pediatra di famiglia e le problematiche dell adolescenza

Il pediatra di famiglia e le problematiche dell adolescenza Il pediatra di famiglia e le problematiche dell adolescenza Teresa Arrigo Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche Università degli Studi di Messina Problemi endocrini e pseudo-endocrini

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE)

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ORMONI FEMMINILI Altri effetti Gli estrogeni hanno inoltre importanti effetti metabolici: ad alte concentrazioni riducono

Dettagli

I problemi endocrinologici in età evolutiva

I problemi endocrinologici in età evolutiva III CONVEGNO REGIONALE SINDROME DI PRADER WILLI I problemi endocrinologici in età evolutiva Lorenzo Iughetti Dipartimento Materno-Infantile Università di Modena e Reggio Emilia Rappresentazione schematica

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Menopausa e terapia ormonale sostitutiva S.Cattaneo Definizione menopausa secondo OMS Menopausa Spontanea: Cessazione definitiva

Dettagli

Epilessia e donna: contraccezione. Federica Ranzato Centro Epilessie Vicenza 9 Giugno 2012

Epilessia e donna: contraccezione. Federica Ranzato Centro Epilessie Vicenza 9 Giugno 2012 Epilessia e donna: contraccezione Federica Ranzato Centro Epilessie Vicenza 9 Giugno 2012 Epilessia: classificazione Classificazione crisi epilettiche.pdf Non c è differenza di genere nell incidenza e

Dettagli

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA Informazioni per la coppia A cura del dott. G. Ragni Unità Operativa - Centro Sterilità Responsabile: dott.ssa C. Scarduelli FONDAZIONE OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO MANGIAGALLI

Dettagli

FISIOPATOLOGIA E NEUROREGOLAZIONE DELL ASSE IPOTALAMO IPOFISI GONADI

FISIOPATOLOGIA E NEUROREGOLAZIONE DELL ASSE IPOTALAMO IPOFISI GONADI FISIOPATOLOGIA E NEUROREGOLAZIONE DELL ASSE IPOTALAMO IPOFISI GONADI Richiami anatomofisiologici Funzionamento dell asse in corso di esercizio fisico Funzionamento dell asse in condizioni critiche Conseguenze

Dettagli

Studio di ricerca clinica sul dolore da endometriosi. Il dolore che Lei sente è reale... anche se gli altri non possono vederlo.

Studio di ricerca clinica sul dolore da endometriosi. Il dolore che Lei sente è reale... anche se gli altri non possono vederlo. Studio di ricerca clinica sul dolore da endometriosi Il dolore che Lei sente è reale... anche se gli altri non possono vederlo. A822523 Lo studio SOLSTICE verrà condotto in circa 200 centri di ricerca

Dettagli

Azoospermia Assenza di spermatozoi nel liquido seminale Criptozoospermia Assenza di spermatozoi nell eiaculato ma presenza di qualche spermatozoo nel

Azoospermia Assenza di spermatozoi nel liquido seminale Criptozoospermia Assenza di spermatozoi nell eiaculato ma presenza di qualche spermatozoo nel Diagnosi Azoospermia Assenza di spermatozoi nel liquido seminale Criptozoospermia Assenza di spermatozoi nell eiaculato ma presenza di qualche spermatozoo nel centrifugato Oligozoospermia severa Grave

Dettagli

Titolare dell autorizzazione all immissione in commercio Sanofi-Synthelabo S.A. Avenue de la Métrologie 5 1130 Bruxelles Belgium.

Titolare dell autorizzazione all immissione in commercio Sanofi-Synthelabo S.A. Avenue de la Métrologie 5 1130 Bruxelles Belgium. ALLEGATO I ELENCO DEI NOMI DEI MEDICINALI, DELLA FORMA FARMACEUTICA, DEI DOSAGGI, DELLA VIA DI SOMMINISTRAZIONE, DEI TITOLARI DELL AUTORIZZAZIONE ALL IMMISSIONE IN COMMERCIO NEGLI STATI MEMBRI 1 Stato

Dettagli

Iperadrenocorticismo nel cane

Iperadrenocorticismo nel cane Iperadrenocorticismo nel cane Con il termine di iperadrenocorticismo o morbo di Cushing si definisce una patologia caratterizzata da alti livelli ematici di cortisolo. E una patologia endocrina molto frequente

Dettagli

APPARATO GENITALE INSIEME DI ORGANI DEPUTATI ALLA : FORMAZIONE DEI GAMETI FECONDAZIONE SVILUPPO DELL EMBRIONE E DEL FETO

APPARATO GENITALE INSIEME DI ORGANI DEPUTATI ALLA : FORMAZIONE DEI GAMETI FECONDAZIONE SVILUPPO DELL EMBRIONE E DEL FETO APPARATO GENITALE INSIEME DI ORGANI DEPUTATI ALLA : FORMAZIONE DEI GAMETI FECONDAZIONE SVILUPPO DELL EMBRIONE E DEL FETO APPARATO RIPRODUTTORE MASCHILE GONADI VIE SPERMATICHE convogliano i gameti all uretra

Dettagli

Il sistema endocrino

Il sistema endocrino Il sistema endocrino 0 I messaggeri chimici 0 I messaggeri chimici coordinano le diverse funzioni dell organismo Gli animali regolano le proprie attività per mezzo di messaggeri chimici. Un ormone è una

Dettagli

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL Meroni Unità di Allergologia, Immunologia Clinica & Reumatologia IRCCS Istituto Auxologico Italiano Dipartimento

Dettagli

SINDROME DI KALLMANN

SINDROME DI KALLMANN SINDROME DI KALLMANN Codice di esenzione: RC0020 Definizione. La sindrome di Kallmann, conosciuta anche con il nome di Sindrome di De Morsier, Displasia olfatto-genitale o Ipogonadismo ipogonadotropo con

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

Iperadrenocorticismo (Malattia di Cushing)

Iperadrenocorticismo (Malattia di Cushing) Iperadrenocorticismo (Malattia di Cushing) Iperadrenocorticismo nel cane Con il termine di iperadrenocorticismo o morbo di Cushing si definisce una patologia caratterizzata da alti livelli ematici di cortisolo.

Dettagli

APPARATO ENDOCRINO. Principali ghiandole endocrine. Meccanismi di regolazione della secrezione

APPARATO ENDOCRINO. Principali ghiandole endocrine. Meccanismi di regolazione della secrezione APPARATO ENDOCRINO L apparato endocrino regola importanti funzioni dell organismo operando tramite gli ORMONI Gli ormoni sono sostanze di natura chimica diversa che raggiungono tramite il sangue i loro

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E LE DISFUNZIONI SESSUALI

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E LE DISFUNZIONI SESSUALI IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E LE DISFUNZIONI SESSUALI OVVERO COME AFFRONTARE I PROBLEMI EMERGENTI DI ALCUNI ASPETTI DELLA QUALITA DI VITA DELLA COPPIA PRIMA SESSIONE obiettivi Stima della disfunzione

Dettagli

DEFICIT ISOLATO ACTH

DEFICIT ISOLATO ACTH DEFICIT ISOLATO ACTH Codice di esenzione: RC0010 Definizione. Il deficit isolato di ACTH è una rara causa di insufficienza surrenalica secondaria caratterizzata da una bassa o ridotta produzione di cortisolo

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Ornella Gottardi - U.O. Oncologia I.R.C.C.S. Multimedica Sesto S. Giovanni Epidemiologia dei tumori Disciplina

Dettagli

IPERPLASIA SURRENALICA CONGENITA LATE-ONSET: CORRELAZIONE FRA ANALISI GENETICA E VALUTAZIONE ORMONALE

IPERPLASIA SURRENALICA CONGENITA LATE-ONSET: CORRELAZIONE FRA ANALISI GENETICA E VALUTAZIONE ORMONALE IPERPLASIA SURRENALICA CONGENITA LATE-ONSET: CORRELAZIONE FRA ANALISI GENETICA E VALUTAZIONE ORMONALE Motta C, Wolosinska DT, Vottari S, Morgante S, Proietti-Pannunzi L, Caprioli S, Toscano V, Monti S.

Dettagli

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO 100 uomo donna ANNI ANNI DI DI VITA VITA MEDIA MEDIA PREVISTI PREVISTI ALLA ALLA NASCITA NASCITA 80 60 40 DIFFUSIONE USO PENICILLINA VACCINAZIONE ANTIPOLIO

Dettagli

Percorsi AME Roma 9-11 Novembre 2012. Roma, 9-11 novembre 2012. Ritardo di sviluppo puberale. nel maschio

Percorsi AME Roma 9-11 Novembre 2012. Roma, 9-11 novembre 2012. Ritardo di sviluppo puberale. nel maschio Roma 9-11 Novembre 2012 Ritardo di sviluppo puberale nel maschio Mancato incremento del volume testicolare ( 4 ml) in un ragazzo di età uguale o superiore ai 14 anni In circa il 65% dei ragazzi con ritardo

Dettagli

DISTRIBUZIONE DI FREQUENZA NELLA LUNGHEZZA DEL CICLO MESTRUALE. De Cree 1998

DISTRIBUZIONE DI FREQUENZA NELLA LUNGHEZZA DEL CICLO MESTRUALE. De Cree 1998 15 DISTRIBUZIONE DI FREQUENZA NELLA LUNGHEZZA DEL CICLO MESTRUALE 10 % 5 0 28 15 20 25 30 35 40 45 50 De Cree 1998 PREVALENZA DI IRREGOLARITA MESTRUALI IN DIFFERENTI DISCIPLINE SPORTIVE Popolazione generale

Dettagli

Modificazioni endocrine (para)fisiologiche nell anziano

Modificazioni endocrine (para)fisiologiche nell anziano Modificazioni endocrine (para)fisiologiche nell anziano ridotta secrezione estradiolo (menopausa) + ridotta secrezione gonadotropine e testosterone (andropausa) ridotta secrezione DHEA (adrenopausa) ridotta

Dettagli

ELEMENTI DI CARDIOTOCOGRAFIA CLINICA

ELEMENTI DI CARDIOTOCOGRAFIA CLINICA D. Arduini, H. Valensise ELEMENTI DI CARDIOTOCOGRAFIA CLINICA II edizione riveduta ed ampliata Volume cartonato di 382 pagine f.to cm 21x29 70,00 per acquisti online www.gruppocic.com Giorn. It. Ost. Gin.

Dettagli

L Inseminazione Intrauterina

L Inseminazione Intrauterina L Inseminazione Intrauterina Informazioni per la coppia UNITÀ OPERATIVA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA FONDAZIONE IRCCS IRCCS CA' GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO PAD. REGINA ELENA VIA M. FANTI,

Dettagli

La menopausa precoce nell adolescente

La menopausa precoce nell adolescente La menopausa precoce nell adolescente Vincenzina Bruni Professore ordinario f.r., Università di Firenze Presidente onorario Società Italiana di Ginecologia dell Infanzia e dell Adolescenza (SIGIA) e Società

Dettagli

Corso di Laurea in OSTETRICIA

Corso di Laurea in OSTETRICIA Corso integrato: FISIOPATOLOGIA DELLA RIPRODUZIONE E FARMACOLOGIA Disciplina: ENDOCRINOLOGIA GINECOLOGICA Docente: Prof. Marco BUTTARELLI L obiettivo del corso è fornire alle future ostetriche le basi

Dettagli

[Numero 29 - Articolo 4. Settembre 2008] Efficacia degli oppiodi nel dolore cronico

[Numero 29 - Articolo 4. Settembre 2008] Efficacia degli oppiodi nel dolore cronico Stampa questa pagina Copyright Chiudi [Numero 29 - Articolo 4. Settembre 2008] Efficacia degli oppiodi nel dolore cronico Titolo originale: "Efficacy of Opioids for Chronic Pain" Rivista e Riferimenti

Dettagli

13.4. Gli effetti dell'etanolo comprendono a. aumento del sonno REM b. aumento della secrezione gastrica c. (a e b) d. (nessuna delle precedenti)

13.4. Gli effetti dell'etanolo comprendono a. aumento del sonno REM b. aumento della secrezione gastrica c. (a e b) d. (nessuna delle precedenti) 56 13. Alcol etilico - Proprietà farmacologiche, effetti collaterali, usi clinici. - Farmacocinetica. - Intossicazione acuta e cronica e loro trattamento. - Dipendenza e sindrome da astinenza, loro trattamento.

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

La Terapia del dolore

La Terapia del dolore La Terapia del dolore Corso di Introduzione alle Cure Palliative-1 St. Christophe, 10 giugno 2006 Dott. Lorenzo Pasquariello Resp. SSD Terapia del Dolore Azienda USL Valle d Aosta Dolore oncologico Dolore

Dettagli

Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison)

Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison) Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison) L ipoadrenocorticismo è una malattia endocrina causata dalla ridotta produzione di mineralcorticoidi (aldosterone) e glucocorticoidi (cortisolo) da parte delle

Dettagli

Scritto da Franco Lisi Domenica 08 Luglio 2012 15:55 - Ultimo aggiornamento Venerdì 22 Maggio 2015 10:20

Scritto da Franco Lisi Domenica 08 Luglio 2012 15:55 - Ultimo aggiornamento Venerdì 22 Maggio 2015 10:20 Gestione della ipo-sub-fertilità Scheda informativa Introduzione La ipo-sub-fertilità è un problema comune e doloroso e molto comune nella nostra epoca e nei paesi occidentali. Una coppia su sei incontrerà

Dettagli

e di altri tessuti connessi con la funzione riproduttiva.

e di altri tessuti connessi con la funzione riproduttiva. CORSO DI FORMAZIONE TECNICO EDUCATORE REGIONALE LA MACCHINA DELL UOMO: CENNI DI FISIOLOGIA, ANATOMIA DELL APPARATO LOCOMOTORE LA TRIADE DELLE ATLETE Relatore: Dott.Michele Bisogni Medico chirurgo Specializzando

Dettagli

Sintomatologia, diagnosi e trattamento della MENOPAUSA D.ssa Tiziana Dell Anna

Sintomatologia, diagnosi e trattamento della MENOPAUSA D.ssa Tiziana Dell Anna Sintomatologia, diagnosi e trattamento della MENOPAUSA D.ssa Tiziana Dell Anna U.O. di Ginecologia - Azienda Ospedaliera San Gerardo Consulente CAM Condizione transitoria? Stato fisiologico?? Malattia????

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz STEROIDI ANDROGENI ANABOLIZZANTI Gli steroidi anabolizzanti sono farmaci inseriti nella classe C della lista delle sostanze vietate e dei metodi proibiti, riportata nel Codice

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELLA DIAGNOSTICA DELL AMENORREA SECONDARIA

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELLA DIAGNOSTICA DELL AMENORREA SECONDARIA IL RUOLO DEL LABORATORIO NELLA DIAGNOSTICA DELL AMENORREA SECONDARIA S. Bernardi e B. Fabris S.C. Medicina Clinica, DAI di Medicina Interna; AOUTS-Ospedali Riuniti di Trieste L amenorrea secondaria, definita

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

SALIVARY DHEA ELISA. Saggio immunoenzimatico per la determinazione quantitativa di Deidroepiandrosterone (DHEA) nella saliva. DEIDROEPIANDROSTERONE

SALIVARY DHEA ELISA. Saggio immunoenzimatico per la determinazione quantitativa di Deidroepiandrosterone (DHEA) nella saliva. DEIDROEPIANDROSTERONE Cod. ID: Data: Paziente: SALIVARY DHEA ELISA Saggio immunoenzimatico per la determinazione quantitativa di Deidroepiandrosterone (DHEA) nella saliva. DEIDROEPIANDROSTERONE COS E IL SALIVARY DHEA ELISA?

Dettagli

CONGRESSO FIRP 16 Aprile 2011 STRESS E SESSUALITA FEMMINILE

CONGRESSO FIRP 16 Aprile 2011 STRESS E SESSUALITA FEMMINILE CONGRESSO FIRP 16 Aprile 2011 STRESS E SESSUALITA FEMMINILE Nella nostra vita così pressata e a ritmi veloci è facile sentirsi stressati. Stress è una parola inglese entrata nell uso comune largamente

Dettagli

MODIFICA DELLO STILE DI VITA

MODIFICA DELLO STILE DI VITA TERAPIA MEDICA MODIFICA DELLO STILE DI VITA Abolizione del fumo Riduzione del peso corporeo Riduzione dell assunzione di alcool Controllo della pressione arteriosa, glicemia Attività fisica regolare Astensione

Dettagli

L uomo che soffre di EP spesso prova scarsa autostima, disagio, frustrazione, addirittura puo' soffrire anche di ansia e 2, 4, 6

L uomo che soffre di EP spesso prova scarsa autostima, disagio, frustrazione, addirittura puo' soffrire anche di ansia e 2, 4, 6 2f5hy Per problemi di visualizzazione clicchi qui 2f5hx L eiaculazione precoce (EP) e' una condizione medica frequente, in particolare e' la disfunzione sessuale piu' comune e in Italia ne soffre un uomo

Dettagli

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Autore: Dott.ssa Caterina Ardito Razionale La xerostomia è definita come una denuncia soggettiva di secchezza della bocca derivante da una diminuzione della

Dettagli

MECCANISMI D AZIONE PSICO-BIOLOGICI DELLA PET THERAPY. Dott.ssa Valentina Tarsia e Dott.ssa Claudia Giannelli

MECCANISMI D AZIONE PSICO-BIOLOGICI DELLA PET THERAPY. Dott.ssa Valentina Tarsia e Dott.ssa Claudia Giannelli MECCANISMI D AZIONE PSICO-BIOLOGICI DELLA PET THERAPY Dott.ssa Valentina Tarsia e Dott.ssa Claudia Giannelli Contatto con l animale d affezione (stimolazione esterna piacevole) Attivazione e modificazione

Dettagli

Il ruolo dell infermiere: la presa in carico e i test diagnostici

Il ruolo dell infermiere: la presa in carico e i test diagnostici Il ruolo dell infermiere: la presa in carico e i test diagnostici C.P.S.I. Gaetano Crescenzo S.C. di Endocrinologia. Torino A.O. Ordine Mauriziano di Le maggior parte delle donne con disturbi del ciclo

Dettagli

La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare.

La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare. FOSFATIDILSERINA La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare. I Fosfolipidi sono dei grassi simili ai trigliceridi, hanno quindi una struttura di glicerolo

Dettagli

Conferenza di consenso Quale informazione per la donna in menopausa sulla terapia ormonale sostitutiva? Torino 17 maggio 2008

Conferenza di consenso Quale informazione per la donna in menopausa sulla terapia ormonale sostitutiva? Torino 17 maggio 2008 Conferenza di consenso Quale informazione per la donna in menopausa sulla terapia ormonale sostitutiva? Torino 17 maggio 2008 1 Quali aspetti della menopausa possono essere divulgati come problemi di salute?

Dettagli

LA DISFUNZIONE ERETTILE

LA DISFUNZIONE ERETTILE LA DISFUNZIONE ERETTILE Dott. CARMINE DI PALMA Andrologia, Urologia, Chirurgia Andrologica e Urologica, Ecografia Che cosa significa disfunzione Per disfunzione erettile (DE) si intende l incapacità a

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE Struttura La porzione più esterna della corticale, la zona glomerulare, è costituita da piccole cellule mentre la porzione centrale,

Dettagli

Endocrine disrupters (EDC)

Endocrine disrupters (EDC) Endocrine disrupters (EDC) Solventi, lubrificanti Bifenili policlorurati (PCB) Bifenili polibromurati (PBB) Diossine Plasticizzanti Bisfenolo A (BPA) Ftalati Pesticidi DDT, metossiclor Fungicidi Vinclozolin

Dettagli

Fattori di rischio ed epidemiologia

Fattori di rischio ed epidemiologia Fattori di rischio ed epidemiologia Aldo E. Calogero Andrologia ed Endocrinologia Di.M.I.P.S. Università di Catania Roma, 19 marzo 2012 Policlinico G. Rodolico Università di Catania Principali patologie

Dettagli

ORMONI SESSUALI E FARMACI CORRELATI

ORMONI SESSUALI E FARMACI CORRELATI ORMONI SESSUALI E FARMACI CORRELATI Ormoni steroidei Adrenocorticoidi o Corticosteroidi Ormoni sessuali Glucocorticoidi Mineralcorticoidi Maschi Femmine Impieghi terapie ormono-sostitutive antiinfiammatori

Dettagli

12 Congresso Nazionale AME Associazione Medici Endocrinologi 6th Joint Meeting with AACE American Association of Clinical Endocrinologists

12 Congresso Nazionale AME Associazione Medici Endocrinologi 6th Joint Meeting with AACE American Association of Clinical Endocrinologists Terapie endocrino TAKE HOME MESSAGES metaboliche & rischio oncologico Marco GRANDI Direttore Dipartimento di Area Medica Nuovo Ospedale di Sassuolo Socio Onorario FADOI Emilia Romagna Socio AME Metformina

Dettagli

LA SINDROME DI CUSHING E LA MALATTIA DI CUSHING. Risposte alle tue domande

LA SINDROME DI CUSHING E LA MALATTIA DI CUSHING. Risposte alle tue domande Informazioni per il paziente LA SINDROME DI CUSHING E LA MALATTIA DI CUSHING Risposte alle tue domande 1 informazioni per il paziente sindrome di cushing e malattia di cushing Indice Cosa sono la sindrome

Dettagli

DIAGNOSI E CURA DELLA QUALITA

DIAGNOSI E CURA DELLA QUALITA DIAGNOSI E CURA DELLA QUALITA SPERMATICA MASCHILE INFERTILITA MASCHILE Si definisce infertilità la mancanza di concepimento dopo 12 mesi di rapporti non protetti e con adeguata frequenza. In passato si

Dettagli

Test di s(molo ipofisario in età pediatrica

Test di s(molo ipofisario in età pediatrica Test di s(molo ipofisario in età pediatrica Anatomia dell ipofisi Ormoni della adenoipofisi Adrenocorticotropo o ACTH Somatotropo o GH Follicolostimolante o FSH Luteinizzante o LH Prolattina o PRL Tireotropina

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

INCONTRI A TEMA II EDIZIONE

INCONTRI A TEMA II EDIZIONE INCONTRI A TEMA II EDIZIONE Martedì 11 novembre ore 16,30 dr.ssa Iris Volante specialista ostetricia e ginecologia l osteoporosi tra prevenzione, automedicazione e terapia SALA POLIVALENTE FARMACIA EUROPA

Dettagli

Deficit Ormonali Ipofisari Multipli. Serie N. 11

Deficit Ormonali Ipofisari Multipli. Serie N. 11 Deficit Ormonali Ipofisari Multipli Serie N. 11 Guida per il paziente Livello: medio Deficit Ormonali Ipofisari Multipli - Serie 11 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott.

Dettagli

PROFILO DIMAGRIMENTO BASIC (Valutazione dell equilibrio ormonale)

PROFILO DIMAGRIMENTO BASIC (Valutazione dell equilibrio ormonale) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 123456 CCV: 460 Data: 01/01/2013

Dettagli

RISULTATI E CORRELAZIONI CLINICHE

RISULTATI E CORRELAZIONI CLINICHE AMBIENTE E SALUTE: Il progetto PREVIENI Interferenti endocrini, ambiente e salute riproduttiva Roma, 25 ottobre 2011 Aula Magna Rettorato Sapienza Università di Roma RISULTATI E CORRELAZIONI CLINICHE Francesca

Dettagli

La terapia del dolore nel paziente affetto da neoplasia. www.fisiokinesiterapia.biz

La terapia del dolore nel paziente affetto da neoplasia. www.fisiokinesiterapia.biz La terapia del dolore nel paziente affetto da neoplasia www.fisiokinesiterapia.biz EPIDEMIOLOGIA L organizzazione Mondiale della Sanità ritiene che almeno 4 milioni di persone soffrano di dolore da malattia

Dettagli

MICRODELEZIONI DEL BRACCIO LUNGO DEL CROMOSOMA Y

MICRODELEZIONI DEL BRACCIO LUNGO DEL CROMOSOMA Y L infertilità è considerata dall Organizzazione Mondiale della Sanità una patologia. Per infertilità si intende l assenza di concepimento dopo 12/24 mesi di rapporti mirati non protetti. Il fenomeno dell

Dettagli

Gli effetti del testosterone nei tessuti sono in parte mediati dalla sua metabolizzazione in altri due steroidi attivi, il diidrotestosterone e l

Gli effetti del testosterone nei tessuti sono in parte mediati dalla sua metabolizzazione in altri due steroidi attivi, il diidrotestosterone e l 1 2 Il testosterone viene secreto in quantità maggiori nell uomo rispetto alla donna in quasi tutte le fasi della vita. I testicoli fetali iniziano a secernere testosterone, principale effettore della

Dettagli

Ipotalamo ed ipofisi anteriore o adenoipofisi

Ipotalamo ed ipofisi anteriore o adenoipofisi Ipotalamo ed ipofisi anteriore o adenoipofisi i Ormoni dell ipofisi anteriore, organi bersaglio ed effetti fisiologici Vie di segnale intracellulare coinvolte negli effetti mediati dagli ormoni ipotalamo-ipofisari

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione resistente alla terapia farmacologica di Salvatore Di Salvo I dati della

Dettagli

L INFERTILITA MASCHILE

L INFERTILITA MASCHILE L INFERTILITA MASCHILE Dott. CARMINE DI PALMA Andrologia, Urologia, Chirurgia Andrologica e Urologica, Ecografia Come si definisce l infertilità maschile? L'infertilità maschile corrisponde a una ridotta

Dettagli

Università di Bologna DHEAS E FORZA MUSCOLARE IN DONNE AFFERENTI AD UN AMBULATORIO GERIATRICO

Università di Bologna DHEAS E FORZA MUSCOLARE IN DONNE AFFERENTI AD UN AMBULATORIO GERIATRICO Università di Bologna DHEAS E FORZA MUSCOLARE IN DONNE AFFERENTI AD UN AMBULATORIO GERIATRICO Forti P. Maioli F. Servadei L. Martelli M. Pantieri G. Arnone G. Brunetti N. Scali C.R. Ravaglia G. Premesse

Dettagli

Menopausa e Terapie Ormonali Sostitutive

Menopausa e Terapie Ormonali Sostitutive Menopausa e Terapie Ormonali Sostitutive Pur non essendo una malattia, la menopausa si può accompagnare a problemi che sono motivo di frequente ricorso ai medici generali da parte delle donne. L informazione

Dettagli

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Malattia di Behçet Versione 2016 2. DIAGNOSI E TERAPIA 2.1 Come viene diagnosticata? La diagnosi è principalmente clinica. Spesso sono necessari alcuni anni

Dettagli

NEOPLASIE ED INFERTILITA

NEOPLASIE ED INFERTILITA NEOPLASIE ED INFERTILITA NEOPLASIE E FERTILITA UN TEMA DA AFFRONTARE INSIEME CONOSCERE IL PROPRIO PROBLEMA Ogni anno circa 11000 persone in età riproduttiva si ammalano di tumore. Per queste persone affrontare

Dettagli

PERCORSO GONADI 2 INQUADRAMENTO DELL INFERTILITA DI COPPIA OPZIONI TERAPEUTICHE VINCENZO TOSCANO

PERCORSO GONADI 2 INQUADRAMENTO DELL INFERTILITA DI COPPIA OPZIONI TERAPEUTICHE VINCENZO TOSCANO PERCORSO GONADI 2 INQUADRAMENTO DELL INFERTILITA DI COPPIA OPZIONI TERAPEUTICHE VINCENZO TOSCANO DIPARTIMENTO DI MEDICINA CLINICA E MOLECOLARE SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA AZIENDA OPEDALIERA SANT ANDREA

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore TerapiE PER L OSTEOPOROSI Reggio Emilia, MARZO 2015 L artrite reumatoide CALCIO E VITAMINA D Nessun dato

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA L IPOFISI: IL GH. Prof. F. Carandente L IPOFISI E SITUATA NELLA SELLA TURCICA CHE E UN INCAVO DELL OSSO SFENOIDE DEL CRANIO

ENDOCRINOLOGIA L IPOFISI: IL GH. Prof. F. Carandente L IPOFISI E SITUATA NELLA SELLA TURCICA CHE E UN INCAVO DELL OSSO SFENOIDE DEL CRANIO ENDOCRINOLOGIA L IPOFISI: IL GH Prof. F. Carandente L IPOFISI E SITUATA NELLA SELLA TURCICA CHE E UN INCAVO DELL OSSO SFENOIDE DEL CRANIO E COSTITUITA DA: LOBO ANTERIORE (ADENOIPOFISI) PARTE INTERMEDIA

Dettagli

Promensil. Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita. Contro i disturbi della menopausa

Promensil. Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita. Contro i disturbi della menopausa Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita Promensil Contro i disturbi della menopausa Isoflavoni del Trifoglio rosso Scientificamente testato Riduce i disagi Integra le carenze Protegge dall

Dettagli

Laurea Magistrale in Scienze Motorie - Programma di Endocrinologia -

Laurea Magistrale in Scienze Motorie - Programma di Endocrinologia - Laurea Magistrale in Scienze Motorie - Programma di Endocrinologia - Attività fisica nell anziano: benefici e problematiche Alterazioni nell adattamento ormonale all esercizio fisico nell anziano sano

Dettagli

OSTEOPOROSI perdita di massa ossea microarchitettura tendenza alle fratture

OSTEOPOROSI perdita di massa ossea microarchitettura tendenza alle fratture OSTEOPOROSI DEFINIZIONE: Malattia scheletrica sistemica caratterizzata dalla perdita di massa ossea e dalla distruzione della microarchitettura del tessuto osseo con conseguente aumento della fragilità

Dettagli

Il Dolore Oncologico. Dott. Alessandro Fabrizio Sciacca

Il Dolore Oncologico. Dott. Alessandro Fabrizio Sciacca Il Dolore Oncologico Dott. Alessandro Fabrizio Sciacca Il dolore neoplastico Il dolore neoplastico è una sorta di dolore globale con più componenti. fisiche, psichiche e affettive Il dolore è principalmente

Dettagli