I.P.S.I.A di BOCCHIGLIERO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.P.S.I.A di BOCCHIGLIERO"

Transcript

1 I.P.S.I.A di BOCCHIGLIERO a.s. 2013/2014 _classe V_ 1955 TRA CRISI E RINNOVAMENTO ---- Alunno: Mingrone Bruno

2 TELECOMUNICAZIONI INTERNET INGLESE THE MAN WHO INVENTED THE WEB SISTEMI CONTROLLO TEMPERATURA 1955 TRA CRISI E RINNOVAMENTO EDUCAZIONE FISICA IL DOPING ITALIANO MONTALE E LA BUFERA STORIA GUERRA FREDDA Alunno: Mingrone Bruno anno scolastico 2013/2014 classe V pag. 2 di 18

3 INTRODUZIONE INTERNET è un mondo vastissimo, con un solo click è possibile, infatti, accedere ad un'immensa fonte di informazioni costantemente aggiornate. Viene usato per sapere notizie in tempo reale ed essere sempre informati su cosa succede nel mondo. Anche nel mondo del lavoro internet è diventato indispensabile: tramite le le aziende possono comunicare tra loro con estrema facilità al fine di pubblicizzare e proporre i loro prodotti. Nel mondo del commercio molti prodotti vengono offerti tramite internet, per cui non è più necessario dover aprire un negozio. Anche la televisione sta perdendo ascolti a favore di internet. Internet viene utilizzato tantissimo dai ragazzi per chattare con gli amici, ascoltare musica, guardare film e anche a livello scolastico per fare ricerche. Mentre stavano nascendo i primi sistemi di controllo, l'unione sovietica e gli Stati Uniti lottavano per la supremazia tecnologica mondiale, In Italia Montale scriveva la Bufera e il fenomeno del doping si diffondeva a macchia d'olio, nel 1955 Tim Berners Lee inventava il Web. Di seguito approfondiremo passo dopo passo la storia di Internet. Alunno: Mingrone Bruno anno scolastico 2013/2014 classe V pag. 3 di 18

4 INTERNET Internet è sostanzialmente la "rete delle reti", cioè un insieme di reti di computer sparse in tutto il mondo e collegate tra loro, a cui possono accedere migliaia di utenti per scambiare tra loro informazioni binarie di vario tipo a definizione. Tecnicamente la definizione più corretta di Internet è forse quella di una federazione o un insieme di reti in grado di comunicare utilizzando il set di protocolli TCP/IP. Forse il modo più semplice per spiegare il funzionamento di Internet è quello di seguire passo passo una comunicazione, cioè il passaggio di un informazione da un computer di origine (o client) ad un computer di destinazione (server). Va infatti notato che, anche se un computer può comunicare con diversi altri in rapida successione, di fatto questa comunicazione avviene sempre tra due computer (client/server) di cui il client è l emittente del messaggio e il server è il suo ricevente, o computer remoto. Per connetterci a Internet dobbiamo anzitutto collegare, con un modem, il nostro computer ad una linea telefonica che, a sua volta ci collega, sempre con un modem, al computer del provider. Naturalmente il provider presso cui chiediamo l accesso a Internet per poter sostenere le richieste di più clienti deve possedere più modem che a loro volta devono essere ben più potenti del nostro come capacità di trasmissione. La bontà di un provider si misura infatti anche dalla velocità con cui la sua attrezzatura ci permette di ottenere l accesso a Internet. I modem del provider sono a loro volta collegati ad un grosso computer che tecnicamente si chiama host (ospite) e che fa la funzione di server rispetto al computer del cliente (client). In questo modo il computer del cliente, finché dura la connessione con l host del provider, può usufruire di tutti i servizi che Internet è in grado di offrire. MODEM Per connetterci a Internet bisogna anzitutto collegare il proprio computer alla normale linea telefonica con un apparecchio che si chiama modem. Il termine modem deriva dalla contrazione di due parole inglesi (MODular e DEModulator), che servono ad indicare due tipi di operazioni: MODulate, trasformazione degli impulsi digitali del computer in segnali analogici, cioè Alunno: Mingrone Bruno anno scolastico 2013/2014 classe V pag. 4 di 18

5 suoni trasmissibili da una normale linea telefonica; DEModulate, cioè, all arrivo, l operazione contraria di trasformazione di suoni (o segnali analogici) in impulsi digitali leggibili da un computer. PROVIDER Successivamente dal nostro computer chiediamo via telefono (e modem) ad un provider di connetterci alla rete Internet. Provider è la semplificazione di un acronimo IAP che in inglese sta per Internet Access Provider, ossia qualcuno che, con un contratto di abbonamento, ci dà la possibilità di collegarci alla rete, essendo egli in possesso di un computer permanentemente funzionante. Alunno: Mingrone Bruno anno scolastico 2013/2014 classe V pag. 5 di 18

6 PROTOCOLLO In Internet due computer connessi possono comunicare tra loro solo utilizzando lo stesso protocollo, intendendo per protocollo l insieme delle regole che ne permettono la comunicazione: si tratta in pratica di un insieme di convenzioni che definiscono un linguaggio comune, il quale a sua volta rende possibile la comunicazione fra computer dotati di sistemi operativi diversi. GLI INDIRIZZI Quando si manda o si cerca una informazione via Internet, è evidentemente indispensabile che il destinatario sia chiaramente individuato da un preciso indirizzo, altrimenti la comunicazione rischia di perdersi nella rete. Le reti collegate ad internet attraverso i protocolli TCP/IP utilizzano un indirizzo a 32 bit (oltre 4 miliardi di configurazioni numeriche). Per individuare un computer e la rete nella quale è inserito il computer, il formato di tale indirizzo è: Indirizzo IP = Indirizzo di rete + Indirizzo di host L'indirizzo è rappresentato da 4 byte ognuno dei quali espresso in forma decimale da 0 a 225 e separato dagli altri con un punto. Sono consentiti quattro tipi di formato di indirizzo IP indicati con classe A, classe B, classe C, classe D. E' previsto un ulteriore formato per usi futuri indicato con Alunno: Mingrone Bruno anno scolastico 2013/2014 classe V pag. 6 di 18

7 classe E. INDIRIZZI DI CLASSE A E' il formato di utilizzo per reti aventi un numero elevatissimo di host. Le reti disponibili sono 126 e il numero massimo di host per ciascuna rete è superiore a 16 milioni. INDIRIZZI DI CLASSE B Gli indirizzi di classe B sono utilizzati dalle reti di dimensioni intermedie e le reti individuabili sono oltre 16 mila ed il numero massimo di host di ciascuna rete è superiore a 64 mila. INDIRIZZI DI CLASSE C Gli indirizzi di classe C sono utilizzati da reti molto piccole. Le reti individuabili sono oltre 2 milioni ed il numero massimo di host di ciascuna rete è di 254. INDIRIZZI DI CLASSE D Gli indirizzi di classe D sono utilizzati dagli host che costituiscono un gruppo di Multicast. INDIRIZZI DI CLASSE E Sono indirizzi riservati per usi futuri. Quindi due computer per comunicare tra loro tramite Internet hanno bisogno almeno di: un indirizzo che li individui con precisione assoluta, cioè di un IP address; un protocollo, cioè un linguaggio comprensibile da entrambi. Nella rete Internet incontreremo almeno due tipi di indirizzi: gli , cioè gli indirizzi per la posta elettronica; gli Url, cioè un indirizzo che si usa per gli altri protocolli di comunicazione gestiti da un browser, cioè da un programma di gestione di servizi Internet. L Url permette di arrivare con sicurezza al server, cioè al computer remoto presso cui l oggetto da noi cercato si trova. A questo punto servono naturalmente le informazioni normali per cercare un oggetto nel computer di un utente, cioè la directory, le eventuali sottodirectory e il file che lo contiene. Il messaggio di posta elettronica finisce in una casella all interno del server del provider dove risiede l indirizzo di destinazione. Alunno: Mingrone Bruno anno scolastico 2013/2014 classe V pag. 7 di 18

8 CONTROLLO DI TEMPERATURA Lo scopo del controllo della temperatura è quello di mantenerla, in un determinato ambiente, uguale a un valore prefissato che può variare nel tempo. Per controllare la temperatura si rende quindi necessario controllare la potenza termica che causa il riscaldamento o il raffreddamento di un ambiente. Questa potenza termica può essere ottenuta mediante dei resistori, i quali trasformano l energia elettrica di una rete in energia termica o anche mediante passaggio di calore da un corpo caldo a un altro. VARI METODI DI REGOLAZIONE DELLA TEMPERATURA Il controllo della temperatura è, tra le regolazioni industriali, la più importante, in considerazione di numerevoli impieghi. Tra le più importanti regolazioni di temperatura ricordiamo: la regolazione tutto o niente (On Off), la regolazione proporzionale (P), la regolazione proporzionale integrale derivata (PID). Un circuito per la regolazione tutto o niente (On Off) di un forno con l andamento della temperatura e della potenza del riscaldatore, è costituito da: Il riscaldatore che, in questo caso, consiste in una resistenza elettrica. Il trasduttore di temperatura che,mediante un impulso elettrico, fornisce il valore di temperatura all interno del forno. Il regolatore che è uno strumento capace di confrontare la temperatura di riferimento con quella proveniente dal trasduttore. Alunno: Mingrone Bruno anno scolastico 2013/2014 classe V pag. 8 di 18

9 T [ C] Temperatura di riferimento T R D R K B V R Regolatore D Trasduttore di temperatura B Riscaldatore K - Contattore t P [kw] t Se il segnale proveniente dal trasduttore è inferiore a quello di riferimento, il regolatore provvede a chiudere il contattore di alimentazione del riscaldatore. Se invece il segnale supera quello di riferimento, il regolatore apre il circuito di potenza del riscaldatore. Per non avere oscillazioni occorre che il regolatore abbia due soglie alquanto distanti. Esse consistono in una soglia superiore T sup, raggiunta la quale il regolatore apre il contattore, e in una soglia inferiore che rappresenta il valore di temperatura inferiore T inf per il quale il regolatore chiude il contattore. La differenza fra la temperatura T sup e la temperatura T inf è detta isteresi o banda. Valori troppo ridotti della banda causano oscillazioni e un'elevata frequenza di intervento del contattore, mentre valori troppo ampi della banda causano oscillazioni non accettabili della temperatura all'interno del forno; pertanto va ricercata una soluzione di compromesso. Alunno: Mingrone Bruno anno scolastico 2013/2014 classe V pag. 9 di 18

10 P [kw] Banda T inf T R T sup T[C ] La regolazione proporzionale consiste principalmente in una relazione di proporzionalità lineare e continua tra il valore della temperatura e il valore della potenza del riscaldatore. A C A Trasduttore di temperatura B Riscaldatore C Regolatore D - Attuatore Forno B D V Il regolatore confronta il segnale proveniente dal trasduttore con il segnale di riferimento interno al regolatore, il cui valore dipende dalla temperatura imposta. Inoltre fornisce in uscita un segnale di ampiezza costante fuori dalla banda di proporzionalità. Per banda di proporzionalità si intende l'intervallo entro il quale avviene la variazione del segnale di uscita del regolatore e quindi la regolazione della potenza. Alunno: Mingrone Bruno anno scolastico 2013/2014 classe V pag. 10 di 18

11 T[ C] T R Banda proporzionale t P [kw] t L'attuatore, pertanto, fa una specie di parzializzazione della potenza che arriva al riscaldatore, in relazione al segnale che riceve dal regolatore. Per valori di temperatura più bassi della soglia inferiore della banda proporzionale, l'attuatore manderà la massima potenza al riscaldatore. Per valori di temperatura più alti della soglia superiore, l'attuatore interdirrà completamente la potenza del riscaldatore. Con questo sistema la potenza viene regolata con continuità in modo da adattare continuamente la potenza del riscaldatore alle condizioni momentanee del circuito di regolazione; in questo tipo di controllo vengono impiegati gli SCR (Silicon Controlled Rectifiers). La regolazione proporzionale può essere ottenuta in due modi: a rapporto di tempo o a sfasamento. La regolazione proporzionale a rapporto di tempo è del tipo On Off: è il sistema più economico ma presenta un insufficiente precisione di regolazione. Il segnale al gate degli SCR è applicato quando la temperatura cade sotto il valoredesiderato ed è interrotto quando lo supera. Per questo controllo si possono usare sistemi di innesco sincroni, in cui l'innesco avviene quando la tensione della rete passa per lo zero. Non si hanno così fronti di corrente negli SCR e sono evitate le interferenze a radio frequenza. La regolazione proporzionale a controllo di sfasamento: la variazione continua della potenza del riscaldatore è ottenuta facendo variare l'angolo di conduzione degli SCR. In questo metodo gli SCR conducono durante ciascuna alternanza positiva della tensione Alunno: Mingrone Bruno anno scolastico 2013/2014 classe V pag. 11 di 18

12 anodica e il loro angolo di conduzione dipende dalla temperatura controllata. Questo si deve al fatto che l'angolo di innesco è continuamente aggiustato dal sistema di controllo, per adattare la potenza del riscaldatore alle richieste del sistema stesso. Gli svantaggi di questo metodo sono uno scarso fattore di potenza e la presenza di interferenze a radiofrequenza. Supponiamo che la temperatura del forno subisca una variazione a gradino, mediante l'azione proporzionale la potenza del riscaldatore passerà dal valore di potenza P 0 al valore P 1 e permane a questo valore fino a quando l'errore viene ricondotto nella banda di proporzionalità. L'azione integrale porta a un aumento della potenza del riscaldatore fino a che l'errore diventa nullo. I vantaggi di questo sistema di regolazione sono nella possibilità di ridurre a zero l'errore e inoltre di ridurre il tempo di riporto dell'uscita al punto di controllo. T[ C] P [kw] Azione P T R P 1 Azione PI T P 0 Azione I t t I sistemi che hanno un ritardo nell'adeguarsi alle brusche variazioni di temperatura, sono talvolta di difficile regolazione anche utilizzando l'azione PI, poiché in tali casi la zona proporzionale deve essere molto ampia e quindi ridotta l'azione integrale per evitare le oscillazioni. In tali condizioni, le variazioni della temperatura dovute a variazioni del carico, richiedono un tempo molto lungo prima di essere eliminate. Si ricorre allora all'azione derivata in aggiunta all'azione PI. L'azione derivata ha lo scopo, in presenza di una variazione a gradino della temperatura, inizialmente regolante, di fornire al riscaldatore una potenza maggiore di quanto non si abbia con la sola azione PI. T[ C] t P [kw] d P 1 P 0 b c t a Alunno: Mingrone Bruno anno scolastico 2013/2014 classe V pag. 12 di 18

13 LA GUERRA FREDDA Con l espressione guerra fredda si indica la contrapposizione politica, ideologica e militare che venne a crearsi alla fine della seconda guerra mondiale tra gli Stati Uniti e l Unione Sovietica. Tale tensione, durata circa mezzo secolo, pur non concretizzandosi mai in un conflitto militare diretto (da qui il termine fredda ) si sviluppò nel corso degli anni incentrandosi in vari campi contribuendo almeno in parte allo sviluppo e all evoluzione della società stessa con l avvento della Terza Rivoluzione Industriale. La fase più critica e potenzialmente pericolosa della guerra fredda fu quella compresa tra gli anni cinquanta e settanta. Nel conflitto strategico tra USA e URSS uno degli elementi principali fu la supremazia tecnologica come il miglioramento e il rafforzamento di armi di distruzione di massa o il progresso in campo spaziale. La guerra fredda si concretizzò di fatto, nelle preoccupazioni riguardanti le armi nucleari. In effetti non era da escludere che la guerra nucleare globale potesse scaturire da conflitti su piccola scala. Questa tensione influì significativamente non solo sulle relazioni internazionali, ma anche sulla vita delle persone in tutto il mondo. Durante tutta la guerra fredda gli arsenali nucleari delle due superpotenze vennero costantemente aggiornati ed ingranditi. Furono necessarie molte attenzioni e una buona dose di diplomazia per sedare sul nascere alcuni conflitti armati, al fine di prevenire una guerra calda. Solo in alcune occasioni la tensione tra i due schieramenti prese la forma dei conflitti armati come la guerra di Corea, le guerre in Africa, la guerra del Vietnam, l invasione sovietica dell Afghanistan e gli scontri in America centrale. Gran parte della guerra fredda si svolse invece attraverso conflitti indiretti, contro nazioni surrogate ; in tali conflitti, le potenze maggiori operavano in buona parte armando o sovvenzionando i surrogati. Altri conflitti erano ancor più sotterranei, perpetrati attraverso atti di spionaggio, con spie e traditori che lavoravano sotto copertura da entrambe le parti ; in molti casi l attività comportava reiterate uccisioni di individui delle rispettive compagnie perpetrate dai vari Alunno: Mingrone Bruno anno scolastico 2013/2014 classe V pag. 13 di 18

14 servizi segreti. La guerra tra agenti, nello spionaggio mutuo di obiettivi civili e militari potrebbe aver causato la maggior parte delle vittime della guerra fredda. Gli agenti venivano inviati dall'est e dall'ovest, e le spie venivano anche reclutate sul posto o costrette al servizio. Quando scoperte, venivano uccise immediatamente o arrestate e successivamente scambiate con altri agenti per poter individuare altri componenti della rete spionistica avversaria. Gli aerei spia e altri apparecchi da ricognizione venivano invece subito abbattuti. Negli anni cinquanta, la popolazione civile in America venne costretta ad esercitazioni contro i raid aerei e incoraggiata a costruirsi dei rifugi personali. Questo atteggiamento di paura raggiunse i livelli più alti durante la crisi missilistica di Cuba. Attualmente, dopo la caduta dell URSS, la situazione di guerra fredda può essere considerata ormai superata. Tuttavia, nel 2000 si sono verificati alcuni episodi di contrapposizione tra USA e Russia. La guerra in Iraq, portata avanti da USA, Regno Unito e altri alleati, è stata vivamente osteggiata dalla Federazione Russa. Nel 2007 i rapporti tra USA e Russia sono diventati ancor più tesi per questioni riguardanti lo Scudo Spaziale e il Trattato sulle Forze Armate Convenzionali in Europa. La proposta statunitense di installare basi di difesa missilistiche a terra in Polonia e Repubblica Ceca, nonché la prospettata creazione di basi militari in Romania e Bulgaria, ha visto una forte contrapposizione russa, la quale denunciò i piani dell USA come violazione del Trattato sulle Forze Armate Convenzionali in Europa. La situazione è culminata in 26 aprile 2007, quando il presidente russo Putin annunciò l intenzione di voler porre una moratoria al Trattato fino a che tutti i Paesi non avessero cominciato ad implementarlo. Nell agosto 2008, a causa della guerra nell Ossezia del Sud, i rapporti tra USA e Russia diventarono ancora più tesi. Il 20 agosto 2008 la firma dell accordo sullo scudo antimissile tra USA e Polonia crea ancora più tensione internazionale. Il giorno successivo Mosca annuncia l intenzione di voler interrompere ogni collaborazione con la NATO. Alunno: Mingrone Bruno anno scolastico 2013/2014 classe V pag. 14 di 18

15 EUGENIO MONTALE Nacque a Genova il 12 ottobre Nel 1915 si diplomerà in ragioneria. Il giovane Montale frequenta le biblioteche cittadine e assiste a lezioni private di filosofia della sorella Marianna Montale. Studia autori come Dante, Petrarca, Boccaccio e D Annunzio e impara lingue straniere. Nel 1917 è dichiarato idoneo al servizio militare e partecipa alla prima guerra mondiale. Nel momento in cui si afferma il fascismo, Montale vive questo periodo nella reclusione della provincia ligure, che gli ispira una visione profondamente negativa della vita. Montale giunge a Firenze nel 1927 per il lavoro redattore ottenuto presso l editore Bemporad. Nel 1929 è chiamato a dirigere il Gabinetto scientifico letterario Vieusseux. La vita a Firenze, però, si trascina per il poeta tra incertezze economiche e complicati rapporti sentimentali. Nel 1948 si trasferisce a Milano, dove trascorre l ultima parte della sua vita e diventa collaboratore del Corriere della Sera. Il 23 luglio 1962 sposa Drusilla Tanzi. Morì a Milano la sera del 12 settembre Montale ha scritto relativamente poco. La poesia è per Montale strumento e testimonianza dell indagine della condizione esistenziale dell uomo moderno, in cerca di un assoluto che è però inconoscibile. Montale al suo lettore dice di non chiedere parola, non domandare la formula che possa aprire nuovi mondi. Il poeta può solo dire ciò che non siamo : e la negatività esistenziale vissuta dell uomo novecentesco dilaniato dal divenire storico. Montale fa un ampio uso di idee, di emozioni e di sensazioni indefinite. Egli, infatti, cerca una soluzione simbolica. Proprio in alcune di queste immagini il poeta crede di trovare una risposta, una soluzione al problema del male di vivere. La poesia di Montale assume dunque il valore di testimonianza e un preciso significato morale. I simboli sono caratteri fondamentali del linguaggio poetico montaliano : nella poesia di Montale compaiono oggetti che tornano e rimbalzano da un testo all altro. Nell opera Ossi di Seppia il muro è simbolo negativo di uno stato di chiusura e oppressione. Alunno: Mingrone Bruno anno scolastico 2013/2014 classe V pag. 15 di 18

16 LA BUFERA La bufera è una raccolta di poesie scritta da Eugenio Montale e pubblicata nel L opera è divisa in sette sezioni : Finisterre, Dopo, Intermezzo, Flashes e dediche, Madrigali Privati e Conclusioni Provvisorie formata da solo due poesie, quali Piccolo Testamento e Il sogno del prigioniero. La novità l irruzione politica in un modo poetico che se ne era del tutto allontanato. Composta nel clima di profondo sconvolgimento legato alla seconda guerra mondiale, da un Montale estremamente pessimista e poco fiducioso nei confronti della storia, le liriche di quest opera vedono come grande protagonista nuovamente la figura femminile, rilettura della donna angelica di Dante. In molte occasioni Montale si rivolge all ebrea americana Irma Brandeis, da lui indicata come Elisa. Il dato storico immediato è assunto nella sua violenza metafisica : la guerra e le ideologie che ne sono la causa non sono altro che la manifestazione del male di vivere che coglie l uomo e lo fa soggiacere alle amari leggi della natura. Alunno: Mingrone Bruno anno scolastico 2013/2014 classe V pag. 16 di 18

17 IL DOPING Il doping consiste nell assunzione di sostanze o medicinali con lo scopo di aumentare artificialmente il rendimento fisico e le prestazioni dell atleta. Il Comitato Olimpico Internazionale ha stilato un elenco di farmaci proibiti ed ha messo per iscritto l obbligo per gli atleti di sottoporsi ai controlli antidoping, che si effettuano mediante l analisi delle urine e, a volte, anche del sangue. Gli atleti che risultano positivi alle analisi vengono squalificati. I Paesi dell Europa dell est hanno recitato il ruolo di precursori in questo campo, applicando il doping in maniera sistematica nel periodo che va dagli anni cinquanta agli anni ottanta soprattutto sugli atleti che partecipavano alle Olimpiadi. Addirittura le atlete donne venivano trattate con ormoni maschili provocando gravi danni fisici e psicologici, come l atleta Heidi Krieger che è stata costretta a diventare uomo a causa degli enormi cambiamenti fisici. Casi particolarmente clamorosi di doping sono stati quello di Ben Johnson, squalificato ai giochi olimpici di Seul nel 1988, quello di Marco Pantani, escluso dal Giro d Italia del 1999 e quello di Marian Jones che confessa sul doping e per questo privata di tutte le medaglie olimpiche. Uno dei casi più noti di doping è stato quello del ciclista Lance Armstrong nel 2012, il quale quando era ancora in attività riuscì a vincere sette Tour de France consecutivi, ma proprio a causa di questo caso gli sono stati revocati tutti i titoli e venne bandito a vita dal ciclismo. Sempre nel mondo del ciclismo è emersa la positività per doping del ciclista Alberto Contador, vincitore di due Tour de France. Il 6 agosto 2012, l italiano Alex Schwazer è risultato positivo all EPO e quindi squalificato dai giochi della XXX Olimpiade. Alunno: Mingrone Bruno anno scolastico 2013/2014 classe V pag. 17 di 18

18 THE MAN WHO INVENTED THE WEB Unlike the Internet, with all its complicated protocols, the World Wide Web is basically the work of a single man, Tim Berners-Lee, a computer scientist born in London in It all started in 1980 when Berners Lee was working as a software engineer at CERN, the European Laboratory for Particle Physics, in Geneva. He wrote a simple program called Enquire to help him remember the connections among the various people, computers, and projects at the lab. Why not open it up to scientists everywhere? This was a revolutionary idea. Suppose all the information stored on computers everywhere were linked, he thought. He could program his computer to create a space in which anything could be linked to anything. All the bits of information in every computer at CERN, and on the planet, would be available to him and to anyone else. It could spread like a spider s web. He put together a relatively easy-to-learn coding system HTML that has become the lingua franca of the Web. When the Word Wide Web appeared in 1991, it brought order and clarity to the chaos of cyberspace. From that moment on, the Web and the Internet grew almost as a single entity. Within five years the number of users jumped from 600,000 to 40 million.the impact of the global system he created has been enormous. He took a powerful communications system that only the elite could use and turned it into a mass medium. Alunno: Mingrone Bruno anno scolastico 2013/2014 classe V pag. 18 di 18

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli INTERNET Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli PARTE 1 INTERNET: LA RETE DELLE RETI 2 È ALQUANTO DIFFICILE RIUSCIRE A DARE UNA DEFINIZIONE ESAUSTIVA E CHIARA DI INTERNET IN POCHE PAROLE

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 3 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 3 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 3 a lezione Francesco Fontanella Il pacchetto IP Il preambolo (header) IP è fatto in questo modo: Gli Indirizzi IP Ogni host e router

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base. Lezione 4 Reti informatiche

Modulo 1 Concetti di base. Lezione 4 Reti informatiche Modulo 1 Concetti di base Lezione 4 Reti informatiche 1 Che cos è una rete di computer? E un insieme di computer vicini o lontani che possono scambiarsi informazioni su un cavo, sulla linea telefonica,

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il Livello delle Applicazioni

Reti di Calcolatori. Il Livello delle Applicazioni Reti di Calcolatori Il Livello delle Applicazioni Il DNS Gli indirizzi IP sono in formato numerico: sono difficili da ricordare; Ricordare delle stringhe di testo è sicuramente molto più semplice; Il Domain

Dettagli

Funzionamento del protocollo FTP

Funzionamento del protocollo FTP Alunno:Zamponi Claudio Numero matricola:4214118 Corso: Ingegneria Informatica Funzionamento del protocollo FTP L'FTP, acronimo di File Transfert Protocol (protocollo di trasferimento file), è uno dei protocolli

Dettagli

Corso di Informatica Generale a.a. 2001-2002 INTERNET

Corso di Informatica Generale a.a. 2001-2002 INTERNET Corso di Informatica Generale a.a. 2001-2002 INTERNET Che cos è Internet E l insieme di tutte le reti IP interconnesse, cioè le diverse migliaia di reti di computer locali, regionali, internazionali interconnesse

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Le Reti Telematiche. Informatica. Tipi di comunicazione. Reti telematiche. Modulazione di frequenza. Analogico - digitale.

Le Reti Telematiche. Informatica. Tipi di comunicazione. Reti telematiche. Modulazione di frequenza. Analogico - digitale. Informatica Lezione 5a e World Wide Web Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate dedicati/condivisi

Dettagli

Internet Terminologia essenziale

Internet Terminologia essenziale Internet Terminologia essenziale Che cos è Internet? Internet = grande insieme di reti di computer collegate tra loro. Rete di calcolatori = insieme di computer collegati tra loro, tramite cavo UTP cavo

Dettagli

STRUMENTI DIGITALI PER LA COMUNICAZIONE- RETI ED INTERNET. Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Paola Vocca

STRUMENTI DIGITALI PER LA COMUNICAZIONE- RETI ED INTERNET. Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Paola Vocca STRUMENTI DIGITALI PER LA COMUNICAZIONE- RETI ED INTERNET Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Paola Vocca PERCHÉ IMPLEMENTARE UNA RETE? Per permettere lo scambio di informazioni tra i calcolatori

Dettagli

Informatica di Base http://www.di.uniba.it/~laura/infbase/

Informatica di Base http://www.di.uniba.it/~laura/infbase/ Informatica di Base http://www.di.uniba.it/~laura/infbase/ Dip di Informatica Università degli studi di Bari Argomenti Reti di calcolatori Software applicativo Indirizzi URL Browser Motore di ricerca Internet

Dettagli

Capitolo 3. Il funzionamento delle reti

Capitolo 3. Il funzionamento delle reti Capitolo 3 Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno

Dettagli

Il Livello delle Applicazioni

Il Livello delle Applicazioni Il Livello delle Applicazioni Il livello Applicazione Nello stack protocollare TCP/IP il livello Applicazione corrisponde agli ultimi tre livelli dello stack OSI. Il livello Applicazione supporta le applicazioni

Dettagli

offerti da Internet Calendario incontri

offerti da Internet Calendario incontri Introduzione ai principali servizi Come funziona Internet (9/6/ 97 - ore 16-19) offerti da Internet Calendario incontri Navigazione e motori di ricerca (11/6/ 97 - ore 16-19) Comunicazione con gli altri

Dettagli

Internet e il World Wide Web. Informatica Generale -- Rossano Gaeta 30

Internet e il World Wide Web. Informatica Generale -- Rossano Gaeta 30 Internet e il World Wide Web 30 Tecnologia delle Telecomunicazioni Uso di dispositivi e sistemi elettromagnetici per effettuare la comunicazione a lunghe distanze (telefoni, televisione, radio, etc) Comunicazione

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

Nelle reti di calcolatori, le porte (traduzione impropria del termine. port inglese, che in realtà significa porto) sono lo strumento

Nelle reti di calcolatori, le porte (traduzione impropria del termine. port inglese, che in realtà significa porto) sono lo strumento I protocolli del livello di applicazione Porte Nelle reti di calcolatori, le porte (traduzione impropria del termine port inglese, che in realtà significa porto) sono lo strumento utilizzato per permettere

Dettagli

Internet. Evoluzione della rete Come configurare una connessione. Internet: Storia e leggenda

Internet. Evoluzione della rete Come configurare una connessione. Internet: Storia e leggenda Internet Evoluzione della rete Come configurare una connessione Internet: Storia e leggenda La leggenda Un progetto finanziato dal Ministero della Difesa USA con lo scopo di realizzare una rete in grado

Dettagli

Reti di calcolatori. Prof. Giovanni Giuffrida

Reti di calcolatori. Prof. Giovanni Giuffrida Reti di calcolatori Prof. Giovanni Giuffrida Rete di calcolatori É un insieme di calcolatori, collegati tra loro da una rete di comunicazione, che possono condividere informazioni e risorse Rete di comunicazione:

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno mutando l

Dettagli

Internet e il World Wide Web. Informatica di Base A -- Rossano Gaeta 1

Internet e il World Wide Web. Informatica di Base A -- Rossano Gaeta 1 Internet e il World Wide Web 1 Domande chiave 2.1 Quali sono i mezzi di connessione a Internet e qual è la loro velocità? 2.2 Quali sono i tre tipi di provider Internet e quali tipi di servizi offrono?

Dettagli

I browser più comuni sono Explorer, Mozilla Firefox, Chrome, Safari

I browser più comuni sono Explorer, Mozilla Firefox, Chrome, Safari INTERNET Internet, cioè la rete di interconnessione tra calcolatori, è uno dei pochi prodotti positivi della guerra fredda. A metà degli anni sessanta il Dipartimento della difesa USA finanziò lo studio

Dettagli

Le Reti (gli approfondimenti a lezione)

Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Per migliorare la produttività gli utenti collegano i computer tra di loro formando delle reti al fine di condividere risorse hardware e software. 1 Una rete di

Dettagli

Reti e Internet: introduzione

Reti e Internet: introduzione Facoltà di Medicina UNIFG Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo Reti e Internet: introduzione c.gallo@unifg.it Reti e Internet: argomenti Tipologie di reti Rete INTERNET: Cenni storici e architettura

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Fluency Il funzionamento delle reti Capitolo 2 Comunicazione nel tempo Sincrona mittente e destinatario attivi contemporaneamente Asincrona invio e ricezione in momenti diversi Quanti comunicano Broadcast

Dettagli

CAPITOLO VI. Internet Termini più usati Apparecchiature necessarie Software necessari Avviare Internet explorer Avviare Outlook Express

CAPITOLO VI. Internet Termini più usati Apparecchiature necessarie Software necessari Avviare Internet explorer Avviare Outlook Express CAPITOLO VI Internet Termini più usati Apparecchiature necessarie Software necessari Avviare Internet explorer Avviare Outlook Express 45 46 INTERNET INTERNET è un collegamento in tempo reale tra i computer

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Argomento per le classi terze Il Doping è l assunzione ILLEGALEdi farmaci o droghe allo scopo di migliorare in maniera non fisiologicale prestazioni atletiche. Il termine deriva, probabilmente, dall inglese

Dettagli

I protocolli TCP/IP di Internet

I protocolli TCP/IP di Internet I protocolli TCP/IP di Internet Introduzione E' quasi impossibile oggigiorno leggere un giornale o una rivista dove non si parli di Internet. I riferimenti ad Internet ed alle "autostrade dell'informazione"

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 5. Cos è Internet

G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 5. Cos è Internet G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 5 Cos è Internet Che cosa è Internet ormai è noto a tutti. Internet è la rete a livello mondiale che mette a disposizione degli utenti collegati informazioni, file,

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.4)

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.4) Modulo 1 Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.4) Prof. Valerio Vaglio Gallipoli Rielaborazione e integrazione: prof. Claudio Pellegrini - Sondrio Rete di computer E un insieme

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it INFORMATION TECNOLOGY 2 a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it LE MEMORIE - 1 MEMORIA CENTRALE (O PRINCIPALE) Da questa memoria l unità centrale estrae i dati che servono per eseguire i programmi

Dettagli

Introduzione a Internet e al World Wide Web

Introduzione a Internet e al World Wide Web Introduzione a Internet e al World Wide Web Una rete è costituita da due o più computer, o altri dispositivi, collegati tra loro per comunicare l uno con l altro. La più grande rete esistente al mondo,

Dettagli

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L.

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Queste due sigle indicano LAN Local Area Network Si tratta di un certo numero di Computer (decine centinaia) o periferici connessi fra loro mediante cavi UTP, coassiali

Dettagli

Internet e Tecnologia Web

Internet e Tecnologia Web INTERNET E TECNOLOGIA WEB Corso WebGis per Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006 ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it Internet e Tecnologia Web...1 TCP/IP...2 Architettura Client-Server...6

Dettagli

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: Reti di computer ed Internet nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Reti di computer ed Internet

Reti di computer ed Internet Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Il traffico sul Web si moltiplica in maniera impressionante a un tasso annuale superiore al 300%.

Il traffico sul Web si moltiplica in maniera impressionante a un tasso annuale superiore al 300%. Il traffico sul Web si moltiplica in maniera impressionante a un tasso annuale superiore al 300%. La capacità di una rete, ovvero il volume di traffico che è in grado di trasmettere, dipende dalla larghezza

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Internet!2 Introduzione Internet è una rete di calcolatori che collega elaboratori situati

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

Internet WWW - HTML. Tecnologie informatiche e della comunicazione

Internet WWW - HTML. Tecnologie informatiche e della comunicazione Internet WWW - HTML Cristina Gena cgena@di.unito.it http://www.di.unito.it/ cgena/ cristina gena - [internet web html] 1 Tecnologie informatiche e della comunicazione Cosa intendiamo? Tecnologia dei computer

Dettagli

Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa

Oreste Signore, <oreste@w3.org> Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa http://www.w3c.it/education/2012/upra/basicinternet/#(1) 1 of 16 Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa Master in Comunicazione

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli Lezione 4 Le Reti ed i Protocolli Come nasce internet I computer, attraverso i software applicativi, consentono di eseguire moltissime attività. Nel corso degli anni è emersa la necessità di scambiare

Dettagli

I Principali Servizi del Protocollo Applicativo

I Principali Servizi del Protocollo Applicativo 1 I Principali Servizi del Protocollo Applicativo Servizi offerti In questa lezione verranno esaminati i seguenti servizi: FTP DNS HTTP 2 3 File Transfer Protocol Il trasferimento di file consente la trasmissione

Dettagli

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012.

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. di Giacomo Fabiani e Vera Facchinutti, 5 F Sull'onda della moda esplosa negli ultimi anni degli studi sui servizi

Dettagli

Introduzione alle Reti Informatiche

Introduzione alle Reti Informatiche WWW.ICTIME.ORG Introduzione alle Reti Informatiche Cimini Simonelli - Testa Sommario Breve storia delle reti... 3 Internet... 3 Gli standard... 4 Il modello ISO/OSI... 4 I sette livelli del modello ISO/OSI...

Dettagli

Reti di calcolatori. Reti di calcolatori

Reti di calcolatori. Reti di calcolatori Reti di calcolatori Reti di calcolatori Rete = sistema di collegamento tra vari calcolatori che consente lo scambio di dati e la cooperazione Ogni calcolatore e un nodo, con un suo indirizzo di rete Storia:

Dettagli

Modulo 1.3 Reti e servizi

Modulo 1.3 Reti e servizi Modulo 1.3 Reti e servizi 1. Introduzione al Networking Connettere il PC in rete; schede di rete e modem; Panoramica sulle reti ad alta velocita' e reti dial-up; Testare la connettivita' con ping; Introduzione

Dettagli

Internet: architettura e servizi

Internet: architettura e servizi Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Corso di Informatica - II anno Prof. Crescenzio Gallo Internet: architettura e servizi c.gallo@unifg.it Internet: argomenti n Modalità di collegamento

Dettagli

Rete di computer mondiale e ad accesso pubblico. Attualmente rappresenta il principale mezzo di comunicazione di massa

Rete di computer mondiale e ad accesso pubblico. Attualmente rappresenta il principale mezzo di comunicazione di massa Sommario Indice 1 Internet 1 1.1 Reti di computer........................... 1 1.2 Mezzo di comunicazione di massa - Mass media.......... 2 1.3 Servizi presenti su Internet - Word Wide Web........... 3

Dettagli

Nozioni di base sulle reti di Calcolatori e La Rete INTERNET

Nozioni di base sulle reti di Calcolatori e La Rete INTERNET Modulo 1 - Concetti di base della IT 3 parte Nozioni di base sulle reti di Calcolatori e La Rete INTERNET Modulo 1 - Concetti di base della IT 3 parte Tipologie di reti Argomenti Trattati Rete INTERNET:

Dettagli

Internet: architettura e servizi

Internet: architettura e servizi Facoltà di Medicina Corso di Laurea in Logopedia Corso di Informatica - III anno Prof. Crescenzio Gallo Internet: architettura e servizi c.gallo@unifg.it Internet: argomenti Modalità di collegamento alla

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Introduzione ai Calcolatori Elettronici

Introduzione ai Calcolatori Elettronici Introduzione ai Calcolatori Elettronici Introduzione al Web Internet A.A. 2013/2014 Domenica Sileo Università degli Studi della Basilicata Introduzione al Web : Internet >> Sommario Sommario n Internet

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica Introduzione al Web WWW World Wide Web CdL Economia A.A. 2012/2013 Domenica Sileo Università degli Studi della Basilicata Introduzione al Web : WWW >> Sommario Sommario 2 n World

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 8 -

Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Esercizio Convertire i seguenti numeri da base 10 a base 2: 8, 23, 144, 201. Come procedere per risolvere il problema? Bisogna ricordarsi che ogni sistema,

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server 1 Prerequisiti Pagine statiche e dinamiche Pagine HTML Server e client Cenni ai database e all SQL 2 1 Introduzione In questa Unità si illustra il concetto

Dettagli

Posta Elettronica. Comunicare con e-mail. Definizione di e-mail. metodo di trasmissione dei messaggi tramite Internet:

Posta Elettronica. Comunicare con e-mail. Definizione di e-mail. metodo di trasmissione dei messaggi tramite Internet: Posta Elettronica Comunicare con e-mail Definizione di e-mail Def) La posta elettronica è un metodo di trasmissione dei messaggi tramite Internet: serve a comunicare per iscritto con gli altri utenti della

Dettagli

Le Reti Telematiche. Informatica. Tipi di comunicazione. Reti telematiche. Modulazione di frequenza. Analogico - digitale.

Le Reti Telematiche. Informatica. Tipi di comunicazione. Reti telematiche. Modulazione di frequenza. Analogico - digitale. Informatica Lezione VI e World Wide Web Le Reti Telematiche Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro computer distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente

Dettagli

Colloquio di informatica (5 crediti)

Colloquio di informatica (5 crediti) Università degli studi della Tuscia Dipartimento di Scienze Ecologiche e Biologiche Corso di laurea in Scienze Ambientali A.A. 2013-2014 - II semestre Colloquio di informatica (5 crediti) Prof. Pier Giorgio

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

Microsoft Excel Lezione 2

Microsoft Excel Lezione 2 Corso di Introduzione all Informatica Microsoft Excel Lezione 2 Esercitatore: Fabio Palopoli Formattazione del foglio di lavoro Cella [1/4 1/4] Formati numerici: menu Formato/Celle, scheda Numero Pulsante

Dettagli

Informatica di Base. Le Reti Telematiche

Informatica di Base. Le Reti Telematiche Informatica di Base Lezione VI e World Wide Web 1 Lezione VI Le Reti Telematiche Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro computer distinti i cavi trasportano fisicamente le

Dettagli

4. Indirizzi Internet

4. Indirizzi Internet 4.1. Introduzione 4. Indirizzi Internet L'indirizzamento è una funzionalità essenziale di qualunque sistema di comunicazione, tanto più per un sistema che vuole essere universale, cioè in rado di connettere

Dettagli

Un Sistema Operativo di Rete nasconde all utente finale la struttura del calcolatore locale e la struttura della rete stessa

Un Sistema Operativo di Rete nasconde all utente finale la struttura del calcolatore locale e la struttura della rete stessa LE RETI INFORMATICHE Un calcolatore singolo, isolato dagli altri anche se multiutente può avere accesso ed utilizzare solo le risorse locali interne al Computer o ad esso direttamente collegate ed elaborare

Dettagli

Modulo 7: RETI INFORMATICHE

Modulo 7: RETI INFORMATICHE Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Modulo 7: RETI INFORMATICHE Il modulo 7 della Patente europea del computer si divide in due parti:

Dettagli

A cura del Team scuola digitale del nostro Istituto (scuola media), Prof. Pino Lipari (animatore digitale), Prof.ssa Anna Pistone e Prof.

A cura del Team scuola digitale del nostro Istituto (scuola media), Prof. Pino Lipari (animatore digitale), Prof.ssa Anna Pistone e Prof. A cura del Team scuola digitale del nostro Istituto (scuola media), Prof. Pino Lipari (animatore digitale), Prof.ssa Anna Pistone e Prof.ssa Gabriella Princiotta (componenti del Team) con la supervisione

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori Informazione e computer Si può rappresentare l informazione attraverso varie forme: Numeri Testi Suoni Immagini 0001010010100101010 Computer Cerchiamo di capire come tutte queste informazioni possano essere

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico

Sistemi informatici in ambito radiologico Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015 2016 Reti di elaboratori, il modello a strati e i protocolli di comunicazione e di servizio Reti di elaboratori Definizioni

Dettagli

Comunicazione nel tempo

Comunicazione nel tempo Fluency Il funzionamento delle reti Capitolo 2 Comunicazione nel tempo Sincrona mittente e destinatario attivi contemporaneamente Asincrona invio e ricezione in momenti diversi 1 Quanti comunicano Broadcast

Dettagli

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è Protocollo TCP/IP e indirizzi IP Il protocollo TCP/IP è alla base dei sistemi di trasmissione dati impiegati sulle reti locali e su Internet. Nato nel Gennaio 1983 negli Stati Uniti come sistema di comunicazione

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

SUBNET MASK. Classe A 255.0.0.0 Classe B 255.255.0.0 Classe C 255.255.255.0

SUBNET MASK. Classe A 255.0.0.0 Classe B 255.255.0.0 Classe C 255.255.255.0 SUBNET MASK In informatica e telecomunicazioni, nell'ambito delle reti di telecomunicazioni, la subnet mask o "maschera di sottorete" è il metodo utilizzato per definire il range di appartenenza di un

Dettagli

LE RETI DI COMUNICAZIONE

LE RETI DI COMUNICAZIONE LE RETI DI COMUNICAZIONE (Prima parte) Settembre 2002 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.)

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Inizialmente, con l avvento dei PC, il mondo dell elaborazione dati era diviso in due

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento INTERNET: IL FUNZIONAMENTO DELL INFRASTRUTTURA E DELLA RETE

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento INTERNET: IL FUNZIONAMENTO DELL INFRASTRUTTURA E DELLA RETE APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento INTERNET: IL FUNZIONAMENTO DELL INFRASTRUTTURA E DELLA RETE ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo Metodologie Informatiche Applicate al Turismo 3. Introduzione a Internet Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://pages.di.unipi.it/milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

1.5 Reti informatiche

1.5 Reti informatiche 1.5 Reti informatiche Una rete informatica è un insieme di computer collegati fra loro da una rete di comunicazione in modo che ogni computer possa comunicare e scambiare dati con ogni altro computer della

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Martedì 1-04-2014 1 Applicazioni P2P

Dettagli

Le reti e Internet. Corso di Archivistica e gestione documentale. Perché Internet? Non è tutto oro quello che luccica. Definizione di rete

Le reti e Internet. Corso di Archivistica e gestione documentale. Perché Internet? Non è tutto oro quello che luccica. Definizione di rete Corso di Archivistica e gestione documentale Prima Parte - Area Informatica Le reti e Internet Lezione 2 Internet Abbatte le barriere geografiche È veloce Ha costi contenuti È libero È semplice da usare

Dettagli

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia Informatica Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia PARTE 3 - COMUNICAZIONI INFORMATICHE (Internet) Importanza delle comunicazioni Tutti vogliono comunicare Oggi un computer che non è in

Dettagli

Obiettivi. Unità C2. Connessioni. Internet. Topologia. Tipi di collegamento

Obiettivi. Unità C2. Connessioni. Internet. Topologia. Tipi di collegamento Obiettivi Unità C2 Internet: la rete delle reti Conoscere le principali caratteristiche di Internet Conoscere le caratteristiche dei protocolli di comunicazione Saper analizzare la struttura di un URL

Dettagli

Internet in due parole

Internet in due parole Internet in due parole Versione 1.1 18-9-2002 INTERNET IN DUE PAROLE...1 VERSIONE 1.1 18-9-2002...1 COSA È INTERNET?... 2 TIPI DI CONNESSIONE.... 2 Cosa è un modem...2 ADSL...2 Linee dedicate...2 CONNESSIONE

Dettagli

Il1968 è anno di rottura col passato

Il1968 è anno di rottura col passato Il1968 è anno di rottura col passato Evento chiave: la guerra in Vietnam perché non si riconosce all intervento di Usa quella valenza di tutela della libertà contro i rischi del comunismo Giovani di paesi

Dettagli

Dalla connessione ai social network. Federico Cappellini

Dalla connessione ai social network. Federico Cappellini Dalla connessione ai social network Federico Cappellini Internet Internet è una rete mondiale di computer ad accesso pubblico Conta circa 2 miliardi e 300 milioni di utenti nel mondo Permette lo scambio

Dettagli

INDICE. DATEX il manuale edizione aprile 2011

INDICE. DATEX il manuale edizione aprile 2011 DATEX MANUALE INDICE INDICE... 1 INTRODUZIONE... 2 PRINCIPALI CARATTERISTICHE... 3 IL PRIMO COLLEGAMENTO... 4 INTERFACCIA... 5 DEFINIZIONE DELLE OPERAZIONI E DEI PROFILI... 6 INGRESSO CON PASSWORD NEL

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 2

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 2 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete TCP/IP Livello Applicazione Http Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) I Protocolli di comunicazione

Dettagli

LE RETI: STRUMENTO AZIENDALE

LE RETI: STRUMENTO AZIENDALE LE RETI: STRUMENTO AZIENDALE INDICE -Introduzione -La rete e i principali tipi di rete -La rete delle reti: Internet -Evoluzione tecnologica di internet: cloud computing -Vantaggi della cloud all interno

Dettagli

INTRODUZIONE A INTERNET per studenti universitari 1-2: il funzionamento: TCP/IP, DNS

INTRODUZIONE A INTERNET per studenti universitari 1-2: il funzionamento: TCP/IP, DNS INTRODUZIONE A INTERNET per studenti universitari 1-2: il funzionamento: TCP/IP, DNS Dr. Giorgio F. Signorini Dipartimento di Chimica Università di Firenze 7 dicembre 2006 ØØÔ»»ÛÛÛº ѺÙÒ º Ø» ÒÓ ÒÓ ÑºÙÒ

Dettagli

Protocolli per il Web. Impianti Informatici. Protocolli applicativi

Protocolli per il Web. Impianti Informatici. Protocolli applicativi Protocolli per il Web Protocolli applicativi I protocolli applicativi 2 Applicazioni Socket interface HTTP (WEB) SMTP (E-MAIL) FTP... NFS RPC DNS... Trasporto TCP UDP Rete ICMP RIP OSPF IP ARP RARP Non

Dettagli